Problemi della comunicazione nelle malattie neuromotorie.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi della comunicazione nelle malattie neuromotorie. s.bravi@centroperlautonomia.it"

Transcript

1 Problemi della comunicazione nelle malattie neuromotorie Giuseppina Castellano Alice Bergonzoli Stefano Bravi

2 Progettare per la Disabilità: mettere in comunicazione i vari sistemi Armonizzare i linguaggi tra vari sistemi DIAGNOSI Armonizzare il funzionamento tra vari sistemi Individuazione dei bisogni condivisa tra i sistemi INPUT FAMIGLIA DISABILITÀ CURA Risposte efficaci dei sistemi ai bisogni individuati OUTPUT CARE SISTEMI FORNIT. AUSILI RISORSE SCUOLA LAVORO

3 ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute ( Janes)

4 Funzionamento Interazione Persona Strutture Funzioni Conseguenze Disabilità come condizione di difficoltà di funzionamento a livello del corpo, della mente e della società Attività Apprendimento Compiti e routine Comunicazione Mobilità Cura di sé Vita domestica Interazioni sociali Gioco (ICF CY) Ambiente fisico tecnologico organizzativo sociale economico Pensare alla persona con disabilità può portare a modificazioni della comunità

5 Modello cooperativo della comunicazione umana (Tommasello) Comunicatore Terreno comune: attenzione congiunta Ricevente Fini individuali Intenzione e motivazione sociale Intenzione comunicativa Intenzione referenziale Esprime un gemito o un sorriso Segnali per te (contatto visivo) Addita, indica Norme di cooperazione e ragionamento cooperativo Azione Comprensione Ragionamento cooperativo Rilevanza Riferimento

6 Finalità della Comunicazione Aumentativa Alternativa Comunicatore Terreno comune Ricevente Turni di comunicazion e Norme della comunicazio ne Intenzioni Scopi Segnali e riferimenti

7 Atto linguistico: John Austin filosofo La teoria degli atti linguistici: parlare è un modo di agire e il linguaggio non trasmette solo informazioni, ma produce anche reazioni, cambiamenti di stato mentale, comportamenti (sia nel parlante che nell ascoltatore) J. Austin Come fare cose con le parole

8 Empowerment

9 La Comunicazione Dominio Attività e Partecipazione Capitolo 3 ICF 2001 ICF CY 2007 (children & youth version) Attività : esecuzione di un compito o di un azione Partecipazione : coinvolgimento in una situazione di vita Limitazioni dell attività : difficoltà nello svolgere attività Restrizioni della partecipazione : problemi rilevati nel coinvolgimento in situazioni di vita

10 Qualificatori nel Dominio Attività e Partecipazione Capacità massimo livello di funzionamento e abilità Performance cosa l individuo fa nel suo ambiente Necessità di impegno del care giver 0 = NESSUNA difficoltà 1 = LIEVE difficoltà 2= MEDIA difficoltà 3= GRAVE difficoltà 4= COMPLETA difficoltà 8= NON SPECIFICATO 9= NON APPLICABILE 0 /4% assente, trascurabile 5 /24% leggero, piccolo. 25 /49% moderato, discreto 50/95 % notevole, estremo 96/100 % totale Rilevanza della comorbilità di RM o deterioramento cognitivo Impatto psicosociale degli ausili

11 ICF 2001 d310 d329 Comunicare ricevere (comprendere messaggi verbali e non verbali, segni e simboli, foto,disegni, messaggi scritti, LIS) Comunicare produrre (parlare, messaggi non verbali, prossemica, mimica,gestualità, usare segni e simboli in produzione, scrivere messaggi) Conversazione avviare mantenere e concludere una conversazione, conversare con una persona, conversare con molte persone Discussione con una persona, con più persone Strumenti di comunicazione tecnologie di comunicazione compreso il labiale Il Codice Claudio.pdf Declinazione dell Attività di Comunicazione ICF CY 2007 (d310-d399) Sono stati inseriti elementi importanti dello sviluppo evolutivo reagire alla voce umana vocalizzazione prelinguistica (alternanza dei turni, lallazione differenziata sulla base della consapevolezza e dell intenzionalità in riferimento alla presenza o lontananza delle persone) cantare

12 Bilancio del funzionamento nella comunicazione Comunicare in autonomia e/o con ausili e /o strategie alternative Comunicare con aiuto dei parlanti

13 Sarah Blackstone Sarah Blackstone, Ph.D. is the President of Augmentative Communication, Inc., which publishes Augmentative Communication News (ACN) and Alternatively Speaking (AS). Distributed worldwide, ACN and AS provide the latest information on hot topics in the field, discussion of vital issues for AAC stakeholders and news from the AAC community. Dr. Blackstone is also a past-president of the International Society of Augmentative and Alternative Communication (ISAAC), and its first Distinguished Service Award Recipient. She is a partner and management team member in the current RERC on Communication Enhancement, and has authored multiple chapters, texts, and articles in the AAC field.

14 Fattori ambientali della Comunicazione Destinatari del progetto di CAA Social Network (Sara Blackstone) Persona con disabilità Famiglia Amici Lavoratori pagati Conoscenti

15 Funzionamento nella Comunicazione Aumentativa Alternativa Parlanti Riconoscere la capacità di autodeterminazione della persona (leggere correttamente il funzionamento) Facilitare l espressione dell autodeterminazione con ogni mezzo e strategia senza sostituirsi alla persona (conoscenze apprese nel training ) Accogliere la trasformazione necessaria nei tempi e nei modi del nuovo funzionamento (atteggiamenti personali e collettivi non di barriera ma di facilitazione) Mettere a disposizione della persona con disabilità gli ausili necessari (considerare gli ausili e le strategie alternative di comunicazione come indispensabili in ogni attività della persona) Non parlanti Esprimere la propria autodeterminazione (intenzionalità comunicativa) Utilizzare consapevolmente le strategie alternative, gli ausili per esprimere i propri contenuti (conoscenze apprese nel training e nelle performance) Accogliere la trasformazione necessaria nei tempi e nei modi del nuovo funzionamento (consapevolezza delle proprie limitazioni ma anche delle proprie capacità comunicative, elementi appresi nel training e nelle performance) Richiedere l uso dei propri ausili di comunicazione (considerare gli ausili e le strategie alternative di comunicazione come indispensabili in ogni attività della persona)

16 Comunicazione come processo multimodale Alternanza dei turni / ruoli tra parlante e ascoltatore Strategie alternative per aumentare le opportunità di comunicazione (Comunicazione Aumentativa Alternativa) compresi gli ausili Training per i parlanti e i non parlanti per lo sviluppo delle strategie alternative utili alla persona con disabilità e alla sua comunità di riferimento (famiglia, scuola, ecc) Guidare la modificazione della comunità dei parlanti nella direzione dell inclusione sociale del non parlante cioè guidare la comunità ad un nuovo funzionamento : OBIETTIVI E MODALITA D INTERVENTO IN COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA

17 Valutazione dei contesti di vita quotidiana Social Network Conoscere le strategie naturali di comunicazione tra la persona con disabilità, i familiari, gli assistenti, gli amici Attività preferite Attività non gradite Repertorio difficoltà nelle varie attività Nuove Attività individuate nel corso del progetto Individuazione atteggiamenti di barriera e facilitatori

18 La Qualità del Funzionamento include i fattori ambientali e le interazioni La persona con disabilità (strutture, funzioni, fattori personali) Attività Performance Ausili Strategie Fattori Ambientali (barriere e facilitazioni) Contesto abitativo Ricovero ( diagnosi e cura) Social network Risorse Contesto sociale Risorse Temporaneo Definitivo

19 MALATTIE NEUROMOTORIE: un termine ombrello Etiopatogenesi differenti Impairment motorio Compromissioni differenti di I e II Motoneurone Impairment cognitivo Impairment Linguistico Differenti epoche di insorgenza Differenti evoluzioni cliniche Impairment visivo

20 Malattie NeuroMotorie (MNM) Classificazione in base alla sede lesionale cioè in Malattie del 1 e 2 motoneurone Vi sono incluse Sindromi che coinvolgono in modo selettivo le strutture del SN senza deficit cognitivo Vi sono incluse Sindromi che coinvolgono le strutture del SN con deficit cognitivo spesso a carattere evolutivo verso la demenza Tutte le MNM sono Sindromi che portano ad un deficit della comunicazione, con diverse caratteristiche funzionali e /o con quadri specifici di evoluzione della sindrome stessa

21 Malattie Neurodegenerative : vi sono comprese sindromi genetiche spesso autosomico- recessive, con interessamento del SNC e conseguenti danni del SN periferico a carico del Midollo, della placca neuromotrice e del muscolo SLA (Primaria, 1 motoneurone, 1 e 2 motoneurone, 2 motoneurone, eredofamiliare) Atrofie multisistemiche SM SMA ( tipo) Amiotrofie Spinali DM Parkinson Parkinsonismo CLASSIFICAZIONE Esiti di TC Ictus PCI- Locked in

22 SCLEROSI Sclerosi Laterale Amiotrofica Differente insorgenza Da lieve disartria e/o voce nasale alla completa anartria, disfonia La compromissione motoria può coinvolgere la motilità oculare fino alla paralisi completa dello sguardo La mimica facciale può essere gravemente compromessa, fino a rendere impossibile il ricorso al labiale Recenti studi comprovano quote di deterioramento cognitivo Sclerosi Multipla Differenti quadri clinici con remissioni e pousseé Disturbi depressivi con mancanza di motivazione Dalla lieve disfonia e/o disartria alla completa anartria nei casi più gravi Possibile deterioramento cognitivo in larga percentuale Possono essere presenti gravi limitazioni visive di natura neurologica o neuropsicologica

23 Alfabetico o simbolico? Sclerosi Laterale Amiotrofica La scrittura come risorsa comunicativa viene compromessa dal decadimento della funzione motoria anche a livello della motricità oculare In una percentuale di casi dal decadimento cognitivo Sclerosi Multipla La scrittura come risorsa comunicativa viene compromessa in vario modo: Dal decadimento della funzione motoria Dal decadimento cognitivo Dal decadimento visivo (nistagmo) Da tutte le precedenti PROPORRE L USO DI ENTRAMBI I CODICI SEMPRE

24 Malattie neurodegenerative Parkinson Il deterioramento della funzione motoria include precocemente la disfonia e la produzione scritta che riduce l intelleggibilità per effetto della perdita dei micromovimenti (tremore e rigidità) Negli stadi avanzati emergono non parole, inversioni di sillabe, lento decadimento del pensiero Parkinsonismi Il deterioramento della funzione motoria include precocemente la disfonia e la produzione scritta che riduce la intelleggibilità per effetto della perdita dei micromovimenti Costante e inarrestabile decadimento cognitivo e delle funzioni del pensiero Problemi di lettoscrittura Mutacismo e disturbi della personalità e/o tono dell umore

25 Malattie neuromuscolari Distrofia muscolare Lento decadimento della funzione motoria che compromette la scrittura ma conserva la fonazione, anche se nelle situazioni molto avanzate si giunge alla completa anartria e impossibilità di fonazione Nessuna compromissione cognitiva Atrofie Spinali Multisistemiche Decadimento della funzione motoria rapido fino alla completa impossibilità di fonazione e articolazione del linguaggio (rigidità) Può essere presente compromissione cognitiva Classificate in vari insiemi, si possono riscontrare gravissimi problemi di fissità dello sguardo

26 Malattie cerebrovascolari Esiti di TC Locked in Disabilità acquisita Compromissione motoria in vari quadri clinici Compromissione del livello di vigilanza Problematiche neuropsicologiche da lievi a gravissime Disabilità acquisita Condizione di completa compromissione motoria con impossibilità completa nella fonazione e articolazione del linguaggio e/o del movimento oculare Residuo motorio minimo Nessuna compromissione cognitiva

27 Malattie cerebrovascolari Esiti di Ictus nell adulto Esiti di PCI Disabilità acquisita multifunzionale Afasie di vario tipo Emiparesi, emiplegia, ecc. Eventuale decadimento cognitivo come parziale perdita di capacità e performances o più gravi sequele neuropsicologiche Disabilità a carattere evolutivo multifunzionale Può compromettere lo sviluppo del linguaggio verbale e del pensiero operazionale esecutivomotorio Può compromettere lo sviluppo cognitivo nelle forme a carattere sistemico Può compromettere lo sviluppo cognitivo senza un adeguato progetto abilitativo

28 SMA 1 tipo Nella forma 1 tipo l insufficienza respiratoria e l ipotonia muscolare possono compromettere la sopravvivenza del bambino fin dai primi mesi di vita. E necessaria la respirazione assistita, ventilazione assistita, ventilazione meccanica. E indispensabile la PEG. Non ci sono deficit cognitivi, ma lo sviluppo del bambino dipende sia dalle condizioni cliniche, sia dalle opportunità che l ambiente gli offre. Si possono attuare anche programmi di apprendimento (scuola a domicilio) e di integrazione a distanza considerando la impossibilità di frequentare fisicamente la scuola.

29 SMA 1 tipo L indicazione di sguardo E fondamentale per la relazione e gli apprendimenti E fondamentale per la comunicazione e l uso di strumenti (accesso) E fondamentale per la partecipazione I bambini imparano a comunicare anche con il codice simbolico per poi imparare l uso dell alfabeto Risorse/strategie comunicative Nei bambini non tracheostomizzati è possibile utilizzare la lallazione differenziata (ICF) per dare intonazione e significato al messaggio In tutte le SMA 1 tipo è possibile utilizzare la mimica facciale Residuo motorio volontario utile per attivare strumenti e giochi (contrazioni muscolari volontarie rintraccibili in vari distretti)

30 Altre SMA: ausili diversi nel tempo Le persone con SMA ( ) tipo possono avere necessità di ausili per la scrittura e l apprendimento (in età evolutiva) per facilitare la performance scolastica (problemi nell uso della tastiera e del mouse; problemi posturali legati alla postazione di lavoro uso delle slitte articolate come nella distrofia muscolare, nelle fasi iniziali della SLA o nella SM) Successivamente, a seconda dell insorgenza di difficoltà respiratorie (fonazione e affaticabilità) o per elevati gradi di limitazione motoria fino alla impossibilità ad effettuare movimenti volontari degli arti superiori, possono avere bisogno di ausili più complessi per effettuare performances legate allo studio e al lavoro o alla comunicazione stessa. Sono in grado di utilizzare il codice alfanumerico.

31 Essere informati per essere partecipi

32 Non un manuale ma una traccia da seguire Raccogliere le domande frequenti circa la comunicazione non verbale e dare le prime risposte Accogliere la necessità di strumenti immediati Aiutare ad impostare correttamente i primi tentativi di Comunicazione Aumentativa Alternativa in autonomia Sostenere l acquisizione permanente di strategie alternative dando valore alle esperienze Sostenere la necessità delle persone e delle famiglie in una dimensione di futuro e una filosofia di vita

33 Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano

34 La valutazione è un compito complesso Occorre conoscere tutti gli elementi che caratterizzano la persona con disabilità e il suo ambiente di vita. Occorre mettere in relazione i dati dell osservazione, i dati clinici e le caratteristiche dei dispositivi che potrebbero costituire una soluzione (completa o parziale) del problema. La valutazione è necessariamente multidimensionale

35 Definizione del bisogno La persona con disabilità giunge ai servizi portando con sé un problema centrale che invece è solo uno dei suoi problemi, non l unico Nell equipe nessuna valutazione è centrale ma tutte le valutazioni dei professionisti concorrono ad una lettura multidimensionale della disabilità

36 Ridefinizione della richiesta: dalla centralità del problema al lavoro di squadra

37 Criteri di scelta degli ausili di comunicazione

38 Bisogni e aspettative Definire il rapporto tra bisogni effettivi e aspettative Comunicazione interpersonale Comunicazione a distanza Eventuali aspettative di recupero funzionale Tempo libero Ambienti in cui verrà utilizzato l ausilio Partecipazione alla vita quotidiana Informazione (Tv, Internet)

39 Lettura del funzionamento nella comunicazione Comunicazione Intellegibilità Comprensione del linguaggio verbale/scritto Produzione di messaggi comunicativi Capacità di Scrittura Capacità di lettura Indicazione Intenzionalità Gestualità Uso di Strategie tra cui la scrittura

40 Alcune Scale di Valutazione Alsss I.P.P.A. Scala della Comunicazione Scala della Scrittura (sperimentale) Questionario del linguaggio Batavia & Hammer Altre specifiche

41 Scala per la valutazione della scrittura (sperimentale) quando ci si deve preoccupare? 0 Non può usare la scrittura manuale 1 La scrittura manuale è poco intellegibile, si affatica e rinuncia 2 La scrittura manuale si modifica e predilige lo stampato maiuscolo; la qualità della scrittura manuale si deteriora 3 Si affatica e riduce al minimo i messaggi scritti 4 Scrive manualmente ma pur denunciando una certa quota di affaticamento completa le proprie frasi 5 Scrive normalmente

42 Comunicazione non verbale e codice alfabetico : quando ci si deve preoccupare? 0 L uso dell afabeto risulta impossibile; gravi difficoltà nell interpretazione dei contenuti da parte dei parlanti; non è possibile utilizzare ausili tecnologici 1 L uso dell alfabeto è faticoso, molte interruzioni nell indicazione e nella composizione delle parole; la comprensione del messaggio avviene spesso con intuizioni dell interlocutore o deduzioni dal contesto; vengono rivolte molte domande dall interlocutore; a volte non si riescono ad utilizzare altri ausili tecnologici 2 Usa con difficoltà l alfabeto, spesso non completa le parole, si osservano incertezze nella composizione della parola; i contenuti si riducono prevalentemente all accudimento; a volte non si riescono ad individuare ausili tecnologici utili 3 Usa parole - frasi per farsi comprendere, E.tran e altri ausili; non usa più la scrittura manuale o la digitazione in modo prevalente; importante riduzione dei contenuti 4 Usa normalmente frasi semplici (soggetto, predicato, complemento), scrittura manuale o digitazione, E.tran e altri ausili; lieve riduzione dei contenuti 5 Usa normalmente messaggi con frasi complete, testi, scrittura manuale, digitazione, E.tran e altri ausili

43 Lettura del funzionamento motorio finalizzato alla scelta di ausili per la comunicazione Analisi della motricità residua Individuazione delle criticità Individuazione del distretto corporeo funzionalmente più valido per l attivazione di ausili Proposta di prova di ausili Prova diretta e valutazione condivisa con la persona Prova diretta e valutazione condivisa con i familiari Ricerca di possibili soluzioni e informazione sulle limitazioni tecnologiche Osservazioni Perplessità resistenze

44 Scelta degli ausili Funzione visiva Funzione motoria Codice alfabetico Accesso Diretto Scansione Complessità applicazioni Codice simbolico Entrambi i codici Comorbilità di limitazioni cognitive

45 Il sistema ausili Scopi Attività Postura Limitazioni motorie Limitazioni visive Strumenti software Ambiente dell attività Limitazioni della comunicazione Programma di CAA Strumenti hardware Limitazioni cognitive Limitazioni della comunicazione Programma di CAA Limitazioni comportamentali 2

46 Quando la mano o il corpo non possono relazionarsi con l oggetto Fissazione Inseguimento Esplorazione visiva Contenuti Bisogni comunicativi Occhi Mano Altri distretti Computer Capacità rappresentativa Interfaccia Utente corporei 4

47 Movimenti oculari, percezione visiva, apprendimento Giorgio Sabbadini La funzione visiva serve per guardare e per vedere. Si tratta perciò di una funzione adattiva che si è sviluppata per uno scopo. In questo caso guardare e vedere sono funzioni cognitive, che servono per conoscere. Ma la funzione visiva costituisce anche un parametro indispensabile per costruire altre funzioni adattive, per esempio la prensione e la manipolazione, che sono considerate funzioni motorie. E la funzione visiva serve ancora per dirigere la condotta, per comunicare 3

48 Conferma del principio della plasticità La rappresentazione del mondo creata da popolazioni di neuroni corticali non è fissa, ma rimane fluida nel corso dell intera vita, adattando continuamente se stessa alle nuove esperienze apprese, ai nuovi modelli di sé, alle nuove simulazioni del mondo esterno e ai nuovi oggetti assimilati Sintesi di Miguel Nicolelis in Il cervello universale

49 Affordance, percezione visiva e scopo nei sistemi a puntamento oculare Gibson ( ) definì l affordance come qualità intrinseca degli oggetti di suggerire il loro uso funzionale (Un approccio ecologico alla percezione visiva) Concetto ripreso da Normann (La caffettiera del masochista) Possiamo ora definire il codice alfabetico come un oggetto/mira visiva sulla tastiera virtuale che ci suggerisce il suo uso funzionale: scrivere, comunicare, esprimere Possiamo definire i simboli o icone come oggetti/mire visive che ci suggeriscono il loro uso funzionale: comunicare, dare un input al pc, un comando Possiamo attuare intenzioni attivando le mire visive con i nostri occhi 5

50 Assessment dinamico della competenza comunicativa globale Complessità dei bisogni comunicativi della persona Aspettative psicosociali della comunità e dell ambiente di riferimento circa la capacità comunicativa Capacità Motorie Cognitive Visive Aspettative di recupero funzionale sia realistiche che infondate Limitazioni funzionali della capacità comunicativa Individuazione soluzioni di ausili Tecnologie Assistive Per migliorare la performance di comunicazione

51 381 casi clinici valutati e seguiti nel tempo per disabilità di comunicazione 1giugno ottobre2013

52 Le fasce di età

53 Difficoltà del matching tra persona e tecnologia Su 485 valutazioni effettuate vi sono 67 valutazioni concluse senza la scelta di ausili per la comunicazione a causa delle differenze individuali di funzionamento

54 Usare il codice alfabetico Poter scrivere il proprio messaggio Scrivere con video scrittura Usare la scansione Usare qualunque distretto corporeo per attivare un sensore = dare l input al sistema Usare una sintesi vocale Poter leggere Tastiera meccanica Scansione Altri sistemi di puntamento Puntatore oculare Poter imparare a gestire in quasi completa autonomia il proprio sistema di comunicazione

55 Progressione della complessità dei sistemi L ordine di complessità del sistema è inversamente proporzionale alle capacità motorie in assenza di deterioramento cognitivo : più si riducono le capacità motorie per comunicare (parlare o scrivere) più aumenta la necessità di un sistema complesso Puntatori oculari Scansione Tablet Comunicatori a tastiera meccanica

56 Non poter usare il codice alfabetico Indicazione per la Comunicazione Aumentativa Alternativa simbolica La complessità tecnologica del sistema di comunicazione è proporzionale all incidenza della patologia motoria, visiva e cognitiva ma anche alla complessità dei bisogni comunicativi della persona Comunicatore Tabella di comunicazione Messaggi in sequenza Messaggio unico

57 Progressione della complessità tecnologica dei sistemi Ogni livello corrisponde ad una Puntatori oculari famiglia di ausili che hanno un diverso contenuto tecnologico Ciascun ausilio deve essere adattato alle caratteristiche motorie, visive e cognitive della persona attraverso l uso delle caratteristiche dei software Tablet Scansione Comunicatori simbolici messaggi in sequenza Comunicatori simbolici semplici monomessaggio Tabella di comunicazione simbolica preferibilmente organizzata per argomenti

58 La capacità rappresentativa differenzia la scelta dei sistemi alternativi di comunicazione Disartria /Anartria In assenza di deficit cognitivo Afasia, disartria o anartria in presenza di deficit cognitivo o Ritardo Mentale Accessibilità all uso di dispositivi informatici Accessibilità all uso di dispositivi informatici Comunicazione basata sull uso del codice alfabetico - videoscrittura Comunicazione basata sull uso di codici simbolici ( icone, fotografie, immagini, oggetti )

59 Valutazione comparativa degli ausili di comunicazione: un modello di valutazione generalizzabile Costose quanto innovative tecnologie assistive implicano la necessità di comparare i diversi dispositivi Per le caratteristiche tecniche di ogni sistema di comunicazione Per un miglior matching tra persona con disabilità e tecnologia Per contenere lo spreco delle risorse e il fenomeno di abbandono dell ausilio INDIVIDUAZIONE CRITERI DI SCELTA E COMPARAZIONE

60 1 efficacia Comunicazione Web Telefonia Informazione L ausilio deve essere giudicato efficace a soddisfare le necessità e i desideri della persona Partecipazione (attiva e passiva) Gioco e tempo libero Gestione delle proprie risorse Gestione delle funzioni ambientali secondo le proprie priorità

61 2 flessibilità L ausilio deve essere giudicato relativamente alla flessibilità possibile delle impostazioni secondo un gradiente di complessità proprio della persona stessa Possibilità di personalizzare visivamente l interfaccia (colori, dimensioni e tipologia dei caratteri e degli elementi sensibili, quantità degli elementi gestibili, posizionamento degli elementi gestibili) Possibilità di personalizzare i collegamenti interni del sistema (passare da un applicazione all altra, operare su più livelli e applicazioni, scegliere momento per momento l uso dell applicazione) Possibilità di implementare autonomamente l interfaccia Possibilità di attivare la complessità secondo un proprio gradiente

62 3 facilità di apprendimento L ausilio deve essere giudicato in base alla facilità di apprendimento personale espressa o percepita dalla persona Affordance dell interfaccia Consapevolezza delle proprie capacità ed energie attentive e mnemoniche Capacità di apprendimento di procedure secondo un gradiente personale Volizione e resilienza relativa alla frustrazione Accettazione dei propri limiti

63 4 manovrabilità L ausilio deve essere giudicato sulla base della complessità necessaria (adattamenti ambientali e aiuto fisico) per essere posizionato nel modo richiesto dalla persona Valutazione dell autonomia possibile della persona nel momento della scelta dell ausilio anche in termini di capacità di poter dare indicazioni sul COME mettere a disposizione l ausilio per facilitarne l uso Compatibilità ambientale Complessità del posizionamento e dei necessari adattamenti ambientali (comprese le azioni e le sequenze di azioni che le persone di care debbono effettuare)

64 5 accettabilità personale L ausilio deve essere giudicato accettabile dalla persona secondo un proprio personale gradiente relativamente all immagine di sé nel mondo Affordance dell ausilio percepita dalla persona relativamente alle sue aspettative psicosociali e al peso dato dalle aspettative del suo ambiente di riferimento

65 6 trasportabilità L ausilio deve essere giudicato relativamente alle sue qualità tecniche e tecnologiche di uso negli ambienti di riferimento della persona Qualità tecniche considerate nel loro insieme relative al peso, dimensione, fragilità, alimentazione, ingombro, maneggevolezza

66 Parte A Parte B Criteri esaminati e relativa priorità (Bassa, Media, Alta) indicata dalla PcD Ausilio 1 Ausilio 2 Ausilio 3 Ausilio 4 Ausilio 5 Efficacia: Capacità dell ausilio di rispondere alle attività della persona (es: comunicazione, studio, svago, ) Flessibilità: possibilità di personalizzare l ambiente virtuale (es. sfondo, caratteri,..), i contenuti (es. frasi, simboli,..) e l interazione (es. tempi di reazione, ) Facilità di apprendimento e di utilizzo: facilità nel comprendere e controllare le varie funzioni del dispositivo (confortevole, intuitivo, ) Manovrabilità (per l operatore): facilità per gli operatori di posizionare la macchina in modo funzionale alle necessità posturali della persona Accettabilità personale: quanto il dispositivo viene accettato dall utente Trasportabilità: Facilità con cui l ausilio può essere trasportato e reso operativo in un altro posto (legato al peso, ingombro, complessità del sistema hardware, )

67 Un approccio centrato sulla persona con disabilità Progetto della Regione Lazio Facilitare la Comunicazione nelle Persone con gravi e gravissime Malattie Neuromotorie Valutazione comparativa degli ausili Approccio basato sulla valutazione finalizzata alla definizione del percorso maggiormente adatto alle competenze e necessità della persona con disabilità Sistema ausilio

68 Lettura dei fattori ambientali Capacità di gestione della tecnologia Familiari Assistenti Familiari Quantità di risorse tempo disponibile Assistenti Disponibilità ad imparare la gestione dei dispositivi Familiari Assistenti Disponibilità nel mettere a disposizione l ausilio alla persona nelle attività Familiari Assistenti

69 Riabilitatore Equipe di valutazione Equipe di valutazione persona familiari Lettura dei fattori prognostici Conoscenza della diagnosi clinica e sue implicazioni nella vita quotidiana Risultato della valutazione di funzionamento Analisi delle attività e limitazioni Risultato delle prove di ausili Atteggiamenti di barriera e facilitazione Scelta ausili e condivisione

70 Training e personalizzazione degli Le modifiche come implementazioni ausili Attività di interesse per la persona Implementazione delle attività e nuove attività progettate Sperimentare nell attività le modifiche condivise Caratteristiche tecnologiche di flessibilità dell ausilio Apportare modifiche condivise Prova e dinamic assessment

71 Training Percorso di abilitazione all uso degli ausili Destinato e condotto: Con la persona Con i familiari Con gli assistenti alla persona Può prevedere alfabetizzazione al pc

72 Training per l uso dell ausilio Gli incontri di training per la comunicazione e per l uso di ausili (comprese le strategie alternative) sono finalizzati a: far acquisire alla persona, ai familiari e agli assistenti i contenuti del progetto e gli strumenti far individuare nuovi bisogni comunicativi, nuove strategie e nuove attività, sia da parte della persona che da parte degli interlocutori scegliere e sperimentare tutte le implementazioni degli ausili e delle strategie rendere la persona quanto più possibile indipendente nella comunicazione dagli interlocutori /parlanti far acquisire sicurezza ai familiari circa la loro capacità di facilitatori competenti nella comunicazione della persona

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati.

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. gestione documentale I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. In qualsiasi momento e da qualsiasi parte del mondo accedendo al portale Arxidoc avete la possibilità di ricercare, condividere

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF San Remo 21 22 Dicembre 2009 Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della

Dettagli

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007 L handicap nella scuola, quali strategie INTEGRAZIONE DELL ALUNNO HANDICAPPATO: IL RUOLO DEL PERSONALE ATA CIO CHE CONOSCO MI FA MENO PAURA CORSO DI FORMAZIONE per Collaboratori scolastici su Ciò che conosco

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale 1 Presentazione Nel luglio del 2007 l Agenzia Regionale della Sanità è stata designata dall Organizzazione Mondiale della Sanità, e confermata dal Ministero della Salute, come Centro Collaboratore per

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli