Problemi della comunicazione nelle malattie neuromotorie.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi della comunicazione nelle malattie neuromotorie. s.bravi@centroperlautonomia.it"

Transcript

1 Problemi della comunicazione nelle malattie neuromotorie Giuseppina Castellano Alice Bergonzoli Stefano Bravi

2 Progettare per la Disabilità: mettere in comunicazione i vari sistemi Armonizzare i linguaggi tra vari sistemi DIAGNOSI Armonizzare il funzionamento tra vari sistemi Individuazione dei bisogni condivisa tra i sistemi INPUT FAMIGLIA DISABILITÀ CURA Risposte efficaci dei sistemi ai bisogni individuati OUTPUT CARE SISTEMI FORNIT. AUSILI RISORSE SCUOLA LAVORO

3 ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute ( Janes)

4 Funzionamento Interazione Persona Strutture Funzioni Conseguenze Disabilità come condizione di difficoltà di funzionamento a livello del corpo, della mente e della società Attività Apprendimento Compiti e routine Comunicazione Mobilità Cura di sé Vita domestica Interazioni sociali Gioco (ICF CY) Ambiente fisico tecnologico organizzativo sociale economico Pensare alla persona con disabilità può portare a modificazioni della comunità

5 Modello cooperativo della comunicazione umana (Tommasello) Comunicatore Terreno comune: attenzione congiunta Ricevente Fini individuali Intenzione e motivazione sociale Intenzione comunicativa Intenzione referenziale Esprime un gemito o un sorriso Segnali per te (contatto visivo) Addita, indica Norme di cooperazione e ragionamento cooperativo Azione Comprensione Ragionamento cooperativo Rilevanza Riferimento

6 Finalità della Comunicazione Aumentativa Alternativa Comunicatore Terreno comune Ricevente Turni di comunicazion e Norme della comunicazio ne Intenzioni Scopi Segnali e riferimenti

7 Atto linguistico: John Austin filosofo La teoria degli atti linguistici: parlare è un modo di agire e il linguaggio non trasmette solo informazioni, ma produce anche reazioni, cambiamenti di stato mentale, comportamenti (sia nel parlante che nell ascoltatore) J. Austin Come fare cose con le parole

8 Empowerment

9 La Comunicazione Dominio Attività e Partecipazione Capitolo 3 ICF 2001 ICF CY 2007 (children & youth version) Attività : esecuzione di un compito o di un azione Partecipazione : coinvolgimento in una situazione di vita Limitazioni dell attività : difficoltà nello svolgere attività Restrizioni della partecipazione : problemi rilevati nel coinvolgimento in situazioni di vita

10 Qualificatori nel Dominio Attività e Partecipazione Capacità massimo livello di funzionamento e abilità Performance cosa l individuo fa nel suo ambiente Necessità di impegno del care giver 0 = NESSUNA difficoltà 1 = LIEVE difficoltà 2= MEDIA difficoltà 3= GRAVE difficoltà 4= COMPLETA difficoltà 8= NON SPECIFICATO 9= NON APPLICABILE 0 /4% assente, trascurabile 5 /24% leggero, piccolo. 25 /49% moderato, discreto 50/95 % notevole, estremo 96/100 % totale Rilevanza della comorbilità di RM o deterioramento cognitivo Impatto psicosociale degli ausili

11 ICF 2001 d310 d329 Comunicare ricevere (comprendere messaggi verbali e non verbali, segni e simboli, foto,disegni, messaggi scritti, LIS) Comunicare produrre (parlare, messaggi non verbali, prossemica, mimica,gestualità, usare segni e simboli in produzione, scrivere messaggi) Conversazione avviare mantenere e concludere una conversazione, conversare con una persona, conversare con molte persone Discussione con una persona, con più persone Strumenti di comunicazione tecnologie di comunicazione compreso il labiale Il Codice Claudio.pdf Declinazione dell Attività di Comunicazione ICF CY 2007 (d310-d399) Sono stati inseriti elementi importanti dello sviluppo evolutivo reagire alla voce umana vocalizzazione prelinguistica (alternanza dei turni, lallazione differenziata sulla base della consapevolezza e dell intenzionalità in riferimento alla presenza o lontananza delle persone) cantare

12 Bilancio del funzionamento nella comunicazione Comunicare in autonomia e/o con ausili e /o strategie alternative Comunicare con aiuto dei parlanti

13 Sarah Blackstone Sarah Blackstone, Ph.D. is the President of Augmentative Communication, Inc., which publishes Augmentative Communication News (ACN) and Alternatively Speaking (AS). Distributed worldwide, ACN and AS provide the latest information on hot topics in the field, discussion of vital issues for AAC stakeholders and news from the AAC community. Dr. Blackstone is also a past-president of the International Society of Augmentative and Alternative Communication (ISAAC), and its first Distinguished Service Award Recipient. She is a partner and management team member in the current RERC on Communication Enhancement, and has authored multiple chapters, texts, and articles in the AAC field.

14 Fattori ambientali della Comunicazione Destinatari del progetto di CAA Social Network (Sara Blackstone) Persona con disabilità Famiglia Amici Lavoratori pagati Conoscenti

15 Funzionamento nella Comunicazione Aumentativa Alternativa Parlanti Riconoscere la capacità di autodeterminazione della persona (leggere correttamente il funzionamento) Facilitare l espressione dell autodeterminazione con ogni mezzo e strategia senza sostituirsi alla persona (conoscenze apprese nel training ) Accogliere la trasformazione necessaria nei tempi e nei modi del nuovo funzionamento (atteggiamenti personali e collettivi non di barriera ma di facilitazione) Mettere a disposizione della persona con disabilità gli ausili necessari (considerare gli ausili e le strategie alternative di comunicazione come indispensabili in ogni attività della persona) Non parlanti Esprimere la propria autodeterminazione (intenzionalità comunicativa) Utilizzare consapevolmente le strategie alternative, gli ausili per esprimere i propri contenuti (conoscenze apprese nel training e nelle performance) Accogliere la trasformazione necessaria nei tempi e nei modi del nuovo funzionamento (consapevolezza delle proprie limitazioni ma anche delle proprie capacità comunicative, elementi appresi nel training e nelle performance) Richiedere l uso dei propri ausili di comunicazione (considerare gli ausili e le strategie alternative di comunicazione come indispensabili in ogni attività della persona)

16 Comunicazione come processo multimodale Alternanza dei turni / ruoli tra parlante e ascoltatore Strategie alternative per aumentare le opportunità di comunicazione (Comunicazione Aumentativa Alternativa) compresi gli ausili Training per i parlanti e i non parlanti per lo sviluppo delle strategie alternative utili alla persona con disabilità e alla sua comunità di riferimento (famiglia, scuola, ecc) Guidare la modificazione della comunità dei parlanti nella direzione dell inclusione sociale del non parlante cioè guidare la comunità ad un nuovo funzionamento : OBIETTIVI E MODALITA D INTERVENTO IN COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA

17 Valutazione dei contesti di vita quotidiana Social Network Conoscere le strategie naturali di comunicazione tra la persona con disabilità, i familiari, gli assistenti, gli amici Attività preferite Attività non gradite Repertorio difficoltà nelle varie attività Nuove Attività individuate nel corso del progetto Individuazione atteggiamenti di barriera e facilitatori

18 La Qualità del Funzionamento include i fattori ambientali e le interazioni La persona con disabilità (strutture, funzioni, fattori personali) Attività Performance Ausili Strategie Fattori Ambientali (barriere e facilitazioni) Contesto abitativo Ricovero ( diagnosi e cura) Social network Risorse Contesto sociale Risorse Temporaneo Definitivo

19 MALATTIE NEUROMOTORIE: un termine ombrello Etiopatogenesi differenti Impairment motorio Compromissioni differenti di I e II Motoneurone Impairment cognitivo Impairment Linguistico Differenti epoche di insorgenza Differenti evoluzioni cliniche Impairment visivo

20 Malattie NeuroMotorie (MNM) Classificazione in base alla sede lesionale cioè in Malattie del 1 e 2 motoneurone Vi sono incluse Sindromi che coinvolgono in modo selettivo le strutture del SN senza deficit cognitivo Vi sono incluse Sindromi che coinvolgono le strutture del SN con deficit cognitivo spesso a carattere evolutivo verso la demenza Tutte le MNM sono Sindromi che portano ad un deficit della comunicazione, con diverse caratteristiche funzionali e /o con quadri specifici di evoluzione della sindrome stessa

21 Malattie Neurodegenerative : vi sono comprese sindromi genetiche spesso autosomico- recessive, con interessamento del SNC e conseguenti danni del SN periferico a carico del Midollo, della placca neuromotrice e del muscolo SLA (Primaria, 1 motoneurone, 1 e 2 motoneurone, 2 motoneurone, eredofamiliare) Atrofie multisistemiche SM SMA ( tipo) Amiotrofie Spinali DM Parkinson Parkinsonismo CLASSIFICAZIONE Esiti di TC Ictus PCI- Locked in

22 SCLEROSI Sclerosi Laterale Amiotrofica Differente insorgenza Da lieve disartria e/o voce nasale alla completa anartria, disfonia La compromissione motoria può coinvolgere la motilità oculare fino alla paralisi completa dello sguardo La mimica facciale può essere gravemente compromessa, fino a rendere impossibile il ricorso al labiale Recenti studi comprovano quote di deterioramento cognitivo Sclerosi Multipla Differenti quadri clinici con remissioni e pousseé Disturbi depressivi con mancanza di motivazione Dalla lieve disfonia e/o disartria alla completa anartria nei casi più gravi Possibile deterioramento cognitivo in larga percentuale Possono essere presenti gravi limitazioni visive di natura neurologica o neuropsicologica

23 Alfabetico o simbolico? Sclerosi Laterale Amiotrofica La scrittura come risorsa comunicativa viene compromessa dal decadimento della funzione motoria anche a livello della motricità oculare In una percentuale di casi dal decadimento cognitivo Sclerosi Multipla La scrittura come risorsa comunicativa viene compromessa in vario modo: Dal decadimento della funzione motoria Dal decadimento cognitivo Dal decadimento visivo (nistagmo) Da tutte le precedenti PROPORRE L USO DI ENTRAMBI I CODICI SEMPRE

24 Malattie neurodegenerative Parkinson Il deterioramento della funzione motoria include precocemente la disfonia e la produzione scritta che riduce l intelleggibilità per effetto della perdita dei micromovimenti (tremore e rigidità) Negli stadi avanzati emergono non parole, inversioni di sillabe, lento decadimento del pensiero Parkinsonismi Il deterioramento della funzione motoria include precocemente la disfonia e la produzione scritta che riduce la intelleggibilità per effetto della perdita dei micromovimenti Costante e inarrestabile decadimento cognitivo e delle funzioni del pensiero Problemi di lettoscrittura Mutacismo e disturbi della personalità e/o tono dell umore

25 Malattie neuromuscolari Distrofia muscolare Lento decadimento della funzione motoria che compromette la scrittura ma conserva la fonazione, anche se nelle situazioni molto avanzate si giunge alla completa anartria e impossibilità di fonazione Nessuna compromissione cognitiva Atrofie Spinali Multisistemiche Decadimento della funzione motoria rapido fino alla completa impossibilità di fonazione e articolazione del linguaggio (rigidità) Può essere presente compromissione cognitiva Classificate in vari insiemi, si possono riscontrare gravissimi problemi di fissità dello sguardo

26 Malattie cerebrovascolari Esiti di TC Locked in Disabilità acquisita Compromissione motoria in vari quadri clinici Compromissione del livello di vigilanza Problematiche neuropsicologiche da lievi a gravissime Disabilità acquisita Condizione di completa compromissione motoria con impossibilità completa nella fonazione e articolazione del linguaggio e/o del movimento oculare Residuo motorio minimo Nessuna compromissione cognitiva

27 Malattie cerebrovascolari Esiti di Ictus nell adulto Esiti di PCI Disabilità acquisita multifunzionale Afasie di vario tipo Emiparesi, emiplegia, ecc. Eventuale decadimento cognitivo come parziale perdita di capacità e performances o più gravi sequele neuropsicologiche Disabilità a carattere evolutivo multifunzionale Può compromettere lo sviluppo del linguaggio verbale e del pensiero operazionale esecutivomotorio Può compromettere lo sviluppo cognitivo nelle forme a carattere sistemico Può compromettere lo sviluppo cognitivo senza un adeguato progetto abilitativo

28 SMA 1 tipo Nella forma 1 tipo l insufficienza respiratoria e l ipotonia muscolare possono compromettere la sopravvivenza del bambino fin dai primi mesi di vita. E necessaria la respirazione assistita, ventilazione assistita, ventilazione meccanica. E indispensabile la PEG. Non ci sono deficit cognitivi, ma lo sviluppo del bambino dipende sia dalle condizioni cliniche, sia dalle opportunità che l ambiente gli offre. Si possono attuare anche programmi di apprendimento (scuola a domicilio) e di integrazione a distanza considerando la impossibilità di frequentare fisicamente la scuola.

29 SMA 1 tipo L indicazione di sguardo E fondamentale per la relazione e gli apprendimenti E fondamentale per la comunicazione e l uso di strumenti (accesso) E fondamentale per la partecipazione I bambini imparano a comunicare anche con il codice simbolico per poi imparare l uso dell alfabeto Risorse/strategie comunicative Nei bambini non tracheostomizzati è possibile utilizzare la lallazione differenziata (ICF) per dare intonazione e significato al messaggio In tutte le SMA 1 tipo è possibile utilizzare la mimica facciale Residuo motorio volontario utile per attivare strumenti e giochi (contrazioni muscolari volontarie rintraccibili in vari distretti)

30 Altre SMA: ausili diversi nel tempo Le persone con SMA ( ) tipo possono avere necessità di ausili per la scrittura e l apprendimento (in età evolutiva) per facilitare la performance scolastica (problemi nell uso della tastiera e del mouse; problemi posturali legati alla postazione di lavoro uso delle slitte articolate come nella distrofia muscolare, nelle fasi iniziali della SLA o nella SM) Successivamente, a seconda dell insorgenza di difficoltà respiratorie (fonazione e affaticabilità) o per elevati gradi di limitazione motoria fino alla impossibilità ad effettuare movimenti volontari degli arti superiori, possono avere bisogno di ausili più complessi per effettuare performances legate allo studio e al lavoro o alla comunicazione stessa. Sono in grado di utilizzare il codice alfanumerico.

31 Essere informati per essere partecipi

32 Non un manuale ma una traccia da seguire Raccogliere le domande frequenti circa la comunicazione non verbale e dare le prime risposte Accogliere la necessità di strumenti immediati Aiutare ad impostare correttamente i primi tentativi di Comunicazione Aumentativa Alternativa in autonomia Sostenere l acquisizione permanente di strategie alternative dando valore alle esperienze Sostenere la necessità delle persone e delle famiglie in una dimensione di futuro e una filosofia di vita

33 Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano

34 La valutazione è un compito complesso Occorre conoscere tutti gli elementi che caratterizzano la persona con disabilità e il suo ambiente di vita. Occorre mettere in relazione i dati dell osservazione, i dati clinici e le caratteristiche dei dispositivi che potrebbero costituire una soluzione (completa o parziale) del problema. La valutazione è necessariamente multidimensionale

35 Definizione del bisogno La persona con disabilità giunge ai servizi portando con sé un problema centrale che invece è solo uno dei suoi problemi, non l unico Nell equipe nessuna valutazione è centrale ma tutte le valutazioni dei professionisti concorrono ad una lettura multidimensionale della disabilità

36 Ridefinizione della richiesta: dalla centralità del problema al lavoro di squadra

37 Criteri di scelta degli ausili di comunicazione

38 Bisogni e aspettative Definire il rapporto tra bisogni effettivi e aspettative Comunicazione interpersonale Comunicazione a distanza Eventuali aspettative di recupero funzionale Tempo libero Ambienti in cui verrà utilizzato l ausilio Partecipazione alla vita quotidiana Informazione (Tv, Internet)

39 Lettura del funzionamento nella comunicazione Comunicazione Intellegibilità Comprensione del linguaggio verbale/scritto Produzione di messaggi comunicativi Capacità di Scrittura Capacità di lettura Indicazione Intenzionalità Gestualità Uso di Strategie tra cui la scrittura

40 Alcune Scale di Valutazione Alsss I.P.P.A. Scala della Comunicazione Scala della Scrittura (sperimentale) Questionario del linguaggio Batavia & Hammer Altre specifiche

41 Scala per la valutazione della scrittura (sperimentale) quando ci si deve preoccupare? 0 Non può usare la scrittura manuale 1 La scrittura manuale è poco intellegibile, si affatica e rinuncia 2 La scrittura manuale si modifica e predilige lo stampato maiuscolo; la qualità della scrittura manuale si deteriora 3 Si affatica e riduce al minimo i messaggi scritti 4 Scrive manualmente ma pur denunciando una certa quota di affaticamento completa le proprie frasi 5 Scrive normalmente

42 Comunicazione non verbale e codice alfabetico : quando ci si deve preoccupare? 0 L uso dell afabeto risulta impossibile; gravi difficoltà nell interpretazione dei contenuti da parte dei parlanti; non è possibile utilizzare ausili tecnologici 1 L uso dell alfabeto è faticoso, molte interruzioni nell indicazione e nella composizione delle parole; la comprensione del messaggio avviene spesso con intuizioni dell interlocutore o deduzioni dal contesto; vengono rivolte molte domande dall interlocutore; a volte non si riescono ad utilizzare altri ausili tecnologici 2 Usa con difficoltà l alfabeto, spesso non completa le parole, si osservano incertezze nella composizione della parola; i contenuti si riducono prevalentemente all accudimento; a volte non si riescono ad individuare ausili tecnologici utili 3 Usa parole - frasi per farsi comprendere, E.tran e altri ausili; non usa più la scrittura manuale o la digitazione in modo prevalente; importante riduzione dei contenuti 4 Usa normalmente frasi semplici (soggetto, predicato, complemento), scrittura manuale o digitazione, E.tran e altri ausili; lieve riduzione dei contenuti 5 Usa normalmente messaggi con frasi complete, testi, scrittura manuale, digitazione, E.tran e altri ausili

43 Lettura del funzionamento motorio finalizzato alla scelta di ausili per la comunicazione Analisi della motricità residua Individuazione delle criticità Individuazione del distretto corporeo funzionalmente più valido per l attivazione di ausili Proposta di prova di ausili Prova diretta e valutazione condivisa con la persona Prova diretta e valutazione condivisa con i familiari Ricerca di possibili soluzioni e informazione sulle limitazioni tecnologiche Osservazioni Perplessità resistenze

44 Scelta degli ausili Funzione visiva Funzione motoria Codice alfabetico Accesso Diretto Scansione Complessità applicazioni Codice simbolico Entrambi i codici Comorbilità di limitazioni cognitive

45 Il sistema ausili Scopi Attività Postura Limitazioni motorie Limitazioni visive Strumenti software Ambiente dell attività Limitazioni della comunicazione Programma di CAA Strumenti hardware Limitazioni cognitive Limitazioni della comunicazione Programma di CAA Limitazioni comportamentali 2

46 Quando la mano o il corpo non possono relazionarsi con l oggetto Fissazione Inseguimento Esplorazione visiva Contenuti Bisogni comunicativi Occhi Mano Altri distretti Computer Capacità rappresentativa Interfaccia Utente corporei 4

47 Movimenti oculari, percezione visiva, apprendimento Giorgio Sabbadini La funzione visiva serve per guardare e per vedere. Si tratta perciò di una funzione adattiva che si è sviluppata per uno scopo. In questo caso guardare e vedere sono funzioni cognitive, che servono per conoscere. Ma la funzione visiva costituisce anche un parametro indispensabile per costruire altre funzioni adattive, per esempio la prensione e la manipolazione, che sono considerate funzioni motorie. E la funzione visiva serve ancora per dirigere la condotta, per comunicare 3

48 Conferma del principio della plasticità La rappresentazione del mondo creata da popolazioni di neuroni corticali non è fissa, ma rimane fluida nel corso dell intera vita, adattando continuamente se stessa alle nuove esperienze apprese, ai nuovi modelli di sé, alle nuove simulazioni del mondo esterno e ai nuovi oggetti assimilati Sintesi di Miguel Nicolelis in Il cervello universale

49 Affordance, percezione visiva e scopo nei sistemi a puntamento oculare Gibson ( ) definì l affordance come qualità intrinseca degli oggetti di suggerire il loro uso funzionale (Un approccio ecologico alla percezione visiva) Concetto ripreso da Normann (La caffettiera del masochista) Possiamo ora definire il codice alfabetico come un oggetto/mira visiva sulla tastiera virtuale che ci suggerisce il suo uso funzionale: scrivere, comunicare, esprimere Possiamo definire i simboli o icone come oggetti/mire visive che ci suggeriscono il loro uso funzionale: comunicare, dare un input al pc, un comando Possiamo attuare intenzioni attivando le mire visive con i nostri occhi 5

50 Assessment dinamico della competenza comunicativa globale Complessità dei bisogni comunicativi della persona Aspettative psicosociali della comunità e dell ambiente di riferimento circa la capacità comunicativa Capacità Motorie Cognitive Visive Aspettative di recupero funzionale sia realistiche che infondate Limitazioni funzionali della capacità comunicativa Individuazione soluzioni di ausili Tecnologie Assistive Per migliorare la performance di comunicazione

51 381 casi clinici valutati e seguiti nel tempo per disabilità di comunicazione 1giugno ottobre2013

52 Le fasce di età

53 Difficoltà del matching tra persona e tecnologia Su 485 valutazioni effettuate vi sono 67 valutazioni concluse senza la scelta di ausili per la comunicazione a causa delle differenze individuali di funzionamento

54 Usare il codice alfabetico Poter scrivere il proprio messaggio Scrivere con video scrittura Usare la scansione Usare qualunque distretto corporeo per attivare un sensore = dare l input al sistema Usare una sintesi vocale Poter leggere Tastiera meccanica Scansione Altri sistemi di puntamento Puntatore oculare Poter imparare a gestire in quasi completa autonomia il proprio sistema di comunicazione

55 Progressione della complessità dei sistemi L ordine di complessità del sistema è inversamente proporzionale alle capacità motorie in assenza di deterioramento cognitivo : più si riducono le capacità motorie per comunicare (parlare o scrivere) più aumenta la necessità di un sistema complesso Puntatori oculari Scansione Tablet Comunicatori a tastiera meccanica

56 Non poter usare il codice alfabetico Indicazione per la Comunicazione Aumentativa Alternativa simbolica La complessità tecnologica del sistema di comunicazione è proporzionale all incidenza della patologia motoria, visiva e cognitiva ma anche alla complessità dei bisogni comunicativi della persona Comunicatore Tabella di comunicazione Messaggi in sequenza Messaggio unico

57 Progressione della complessità tecnologica dei sistemi Ogni livello corrisponde ad una Puntatori oculari famiglia di ausili che hanno un diverso contenuto tecnologico Ciascun ausilio deve essere adattato alle caratteristiche motorie, visive e cognitive della persona attraverso l uso delle caratteristiche dei software Tablet Scansione Comunicatori simbolici messaggi in sequenza Comunicatori simbolici semplici monomessaggio Tabella di comunicazione simbolica preferibilmente organizzata per argomenti

58 La capacità rappresentativa differenzia la scelta dei sistemi alternativi di comunicazione Disartria /Anartria In assenza di deficit cognitivo Afasia, disartria o anartria in presenza di deficit cognitivo o Ritardo Mentale Accessibilità all uso di dispositivi informatici Accessibilità all uso di dispositivi informatici Comunicazione basata sull uso del codice alfabetico - videoscrittura Comunicazione basata sull uso di codici simbolici ( icone, fotografie, immagini, oggetti )

59 Valutazione comparativa degli ausili di comunicazione: un modello di valutazione generalizzabile Costose quanto innovative tecnologie assistive implicano la necessità di comparare i diversi dispositivi Per le caratteristiche tecniche di ogni sistema di comunicazione Per un miglior matching tra persona con disabilità e tecnologia Per contenere lo spreco delle risorse e il fenomeno di abbandono dell ausilio INDIVIDUAZIONE CRITERI DI SCELTA E COMPARAZIONE

60 1 efficacia Comunicazione Web Telefonia Informazione L ausilio deve essere giudicato efficace a soddisfare le necessità e i desideri della persona Partecipazione (attiva e passiva) Gioco e tempo libero Gestione delle proprie risorse Gestione delle funzioni ambientali secondo le proprie priorità

61 2 flessibilità L ausilio deve essere giudicato relativamente alla flessibilità possibile delle impostazioni secondo un gradiente di complessità proprio della persona stessa Possibilità di personalizzare visivamente l interfaccia (colori, dimensioni e tipologia dei caratteri e degli elementi sensibili, quantità degli elementi gestibili, posizionamento degli elementi gestibili) Possibilità di personalizzare i collegamenti interni del sistema (passare da un applicazione all altra, operare su più livelli e applicazioni, scegliere momento per momento l uso dell applicazione) Possibilità di implementare autonomamente l interfaccia Possibilità di attivare la complessità secondo un proprio gradiente

62 3 facilità di apprendimento L ausilio deve essere giudicato in base alla facilità di apprendimento personale espressa o percepita dalla persona Affordance dell interfaccia Consapevolezza delle proprie capacità ed energie attentive e mnemoniche Capacità di apprendimento di procedure secondo un gradiente personale Volizione e resilienza relativa alla frustrazione Accettazione dei propri limiti

63 4 manovrabilità L ausilio deve essere giudicato sulla base della complessità necessaria (adattamenti ambientali e aiuto fisico) per essere posizionato nel modo richiesto dalla persona Valutazione dell autonomia possibile della persona nel momento della scelta dell ausilio anche in termini di capacità di poter dare indicazioni sul COME mettere a disposizione l ausilio per facilitarne l uso Compatibilità ambientale Complessità del posizionamento e dei necessari adattamenti ambientali (comprese le azioni e le sequenze di azioni che le persone di care debbono effettuare)

64 5 accettabilità personale L ausilio deve essere giudicato accettabile dalla persona secondo un proprio personale gradiente relativamente all immagine di sé nel mondo Affordance dell ausilio percepita dalla persona relativamente alle sue aspettative psicosociali e al peso dato dalle aspettative del suo ambiente di riferimento

65 6 trasportabilità L ausilio deve essere giudicato relativamente alle sue qualità tecniche e tecnologiche di uso negli ambienti di riferimento della persona Qualità tecniche considerate nel loro insieme relative al peso, dimensione, fragilità, alimentazione, ingombro, maneggevolezza

66 Parte A Parte B Criteri esaminati e relativa priorità (Bassa, Media, Alta) indicata dalla PcD Ausilio 1 Ausilio 2 Ausilio 3 Ausilio 4 Ausilio 5 Efficacia: Capacità dell ausilio di rispondere alle attività della persona (es: comunicazione, studio, svago, ) Flessibilità: possibilità di personalizzare l ambiente virtuale (es. sfondo, caratteri,..), i contenuti (es. frasi, simboli,..) e l interazione (es. tempi di reazione, ) Facilità di apprendimento e di utilizzo: facilità nel comprendere e controllare le varie funzioni del dispositivo (confortevole, intuitivo, ) Manovrabilità (per l operatore): facilità per gli operatori di posizionare la macchina in modo funzionale alle necessità posturali della persona Accettabilità personale: quanto il dispositivo viene accettato dall utente Trasportabilità: Facilità con cui l ausilio può essere trasportato e reso operativo in un altro posto (legato al peso, ingombro, complessità del sistema hardware, )

67 Un approccio centrato sulla persona con disabilità Progetto della Regione Lazio Facilitare la Comunicazione nelle Persone con gravi e gravissime Malattie Neuromotorie Valutazione comparativa degli ausili Approccio basato sulla valutazione finalizzata alla definizione del percorso maggiormente adatto alle competenze e necessità della persona con disabilità Sistema ausilio

68 Lettura dei fattori ambientali Capacità di gestione della tecnologia Familiari Assistenti Familiari Quantità di risorse tempo disponibile Assistenti Disponibilità ad imparare la gestione dei dispositivi Familiari Assistenti Disponibilità nel mettere a disposizione l ausilio alla persona nelle attività Familiari Assistenti

69 Riabilitatore Equipe di valutazione Equipe di valutazione persona familiari Lettura dei fattori prognostici Conoscenza della diagnosi clinica e sue implicazioni nella vita quotidiana Risultato della valutazione di funzionamento Analisi delle attività e limitazioni Risultato delle prove di ausili Atteggiamenti di barriera e facilitazione Scelta ausili e condivisione

70 Training e personalizzazione degli Le modifiche come implementazioni ausili Attività di interesse per la persona Implementazione delle attività e nuove attività progettate Sperimentare nell attività le modifiche condivise Caratteristiche tecnologiche di flessibilità dell ausilio Apportare modifiche condivise Prova e dinamic assessment

71 Training Percorso di abilitazione all uso degli ausili Destinato e condotto: Con la persona Con i familiari Con gli assistenti alla persona Può prevedere alfabetizzazione al pc

72 Training per l uso dell ausilio Gli incontri di training per la comunicazione e per l uso di ausili (comprese le strategie alternative) sono finalizzati a: far acquisire alla persona, ai familiari e agli assistenti i contenuti del progetto e gli strumenti far individuare nuovi bisogni comunicativi, nuove strategie e nuove attività, sia da parte della persona che da parte degli interlocutori scegliere e sperimentare tutte le implementazioni degli ausili e delle strategie rendere la persona quanto più possibile indipendente nella comunicazione dagli interlocutori /parlanti far acquisire sicurezza ai familiari circa la loro capacità di facilitatori competenti nella comunicazione della persona

Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione. Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano

Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione. Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano La valutazione è un compito complesso Occorre conoscere tutti gli elementi

Dettagli

La Comunicazione Aumentativa Alternativa. Dott.ssa Elisabetta Brancaccio elisabetta.brancaccio@gmail.com

La Comunicazione Aumentativa Alternativa. Dott.ssa Elisabetta Brancaccio elisabetta.brancaccio@gmail.com La Comunicazione Aumentativa Alternativa Dott.ssa Elisabetta Brancaccio elisabetta.brancaccio@gmail.com La C.A.A. è l'insieme di conoscenze, tecniche, strategie e tecnologie che facilitano e aumentano

Dettagli

GLI AUSILI COMUNICATIVI

GLI AUSILI COMUNICATIVI GLI AUSILI COMUNICATIVI nella SCLEROSI LATERLE AMIOTROFICA Dott. M. Siccardi ASL CN1 PO FOSSANO SOC Medicina Riabilitativa Ospedaliera Direttore Dott. GF Lamberti DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE Oltre 80%

Dettagli

COMUNICAZIONE. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto usando immagini, gesti, vocalizzi, parole.

COMUNICAZIONE. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto usando immagini, gesti, vocalizzi, parole. COMUNICAZIONE La comunicazione è un aspetto essenziale della vita umana, tanto che è impossibile non comunicare. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto

Dettagli

C.A.A. 4 aprile 2013

C.A.A. 4 aprile 2013 Sintesi sul tema della C.A.A. 4 aprile 2013 Finalità, strumenti e metodi della Comunicazione Aumentativa Alternativa Augmentative Alternative Communication Roberto Bombardelli Comunicazione Aumentativa

Dettagli

DISABILITA MOTORIA E AUSILI

DISABILITA MOTORIA E AUSILI DISABILITA MOTORIA E AUSILI I.P.S.I.A. San Benedetto del Tronto 21 aprile 2008 Prof.ssa Olmo Serafina Il disturbo del movimento è la conseguenza di lesioni che possono interessare diverse strutture corporee

Dettagli

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Riabilitazione comunicazionale Deficit dell eloquio eloquio Foniatra Logopedista Fisioterapista Tecnico degli ausili Psicologo Caregiver Quali competenze? Il

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Sviluppo e Integrazione delle Funzioni Neuropsicologiche Verona 26 Febbraio 2011 maurizio gioco Centro Ricerca, Diagnosi e Cura per l Autismo Az.Ulss20

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

«La Comunicazione aumentativa alternativa in età evolutiva»

«La Comunicazione aumentativa alternativa in età evolutiva» Seminari - Tecnologie per la disabilità 28 MAGGIO 2014 «La Comunicazione aumentativa alternativa in età evolutiva» Dott.ssa Cane Elisabetta Logopedista ASLTO1 Specializzata in CAA per l età evolutiva E

Dettagli

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Introduzione Nell ambito delle strategie di comunicazione adottate (più o meno complesse), possiamo introdurre l utilizzo di specifici ausili che

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

AUSILI PER LA COMUNICAZIONE: PARAMETRI DI SCELTA CAPACITÀ RESIDUE VOCABOLARIO MODALITA EMISSIONE AUDIO TECNICHE DI SELEZIONE 4/03/2015

AUSILI PER LA COMUNICAZIONE: PARAMETRI DI SCELTA CAPACITÀ RESIDUE VOCABOLARIO MODALITA EMISSIONE AUDIO TECNICHE DI SELEZIONE 4/03/2015 AUSILI PER LA COMUNICAZIONE: PARAMETRI DI SCELTA Configurazione degli strumenti di comunicazione e accesso ed esempi di casi Capacità residue della persona con disturbo della comunicazione, età e partners

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

Lesioni del SNC (emiparesi, emiplegia, paralisi cerebrali infantili)

Lesioni del SNC (emiparesi, emiplegia, paralisi cerebrali infantili) Disabilità motoria Lesioni del SNC (emiparesi, emiplegia, paralisi cerebrali infantili) Alterazione dei processi percettivi Alterazione dei processi di output Alterazione dell equilibrio dinamico tra agonisti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Università degli Studi della Calabria

Università degli Studi della Calabria Università degli Studi della Calabria Corso aggiuntivo per le attività formative per gli alunni in situazioni di handicap nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria Linguaggi Speciali Comunicazione

Dettagli

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA.

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA. I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

CHECK LIST INFANZIA ATTIVITA E PARTECIPAZIONE

CHECK LIST INFANZIA ATTIVITA E PARTECIPAZIONE CHECK LIST INFANZIA ATTIVITA E PARTECIPAZIONE CAP. 1 (dominio) APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE Questo dominio riguarda l apprendimento, l applicazione delle conoscenze acquisite, il pensare,

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

Cenni di neuropsichiatria infantile

Cenni di neuropsichiatria infantile Cenni di neuropsichiatria infantile Le cause della disabilità possono essere genetiche, prenatali (insorte durante la vita fetale), perinatali (insorte alla nascita) o postnatali (insorte dopo la nascita).

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

Configurazione degli strumenti di comunicazione e accesso informatico ed esempi di casi

Configurazione degli strumenti di comunicazione e accesso informatico ed esempi di casi Configurazione degli strumenti di comunicazione e accesso informatico ed esempi di casi AUSILI PER LA COMUNICAZIONE: PARAMETRI DI SCELTA Capacità residue della persona con disturbo della comunicazione,

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Docenti di scuola primaria

Docenti di scuola primaria SOFTWARE E COMUNICAZIONE Docenti di scuola primaria Prof.ssa Olmo Serafina 27 marzo 2008 La comunicazione è un diritto fondamentale dell uomo. Essa rappresenta uno strumento attraverso il quale: esprimere

Dettagli

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Stefano Cainelli Laboratorio di Osservazione Diagnosi Formazione

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

I disturbi dell apprendimento

I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento si dividono in: Disturbi specifici dell apprendimento (DSA) (sono quei disturbi che si manifestano in soggetti con adeguato sviluppo cognitivo,

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 18-5958 Modifiche ed integrazioni della D.G.R. n. 4-6467 del 23.07.2007 e s.m.i., recante contributi a persone con

Dettagli

Le componenti verbali e non verbali della comunicazione (modalità comunicative comunque esistenti) Deve integrare

Le componenti verbali e non verbali della comunicazione (modalità comunicative comunque esistenti) Deve integrare In un progetto di CAA è necessario individuare quale può essere il sistema comunicativo multimodale che meglio soddisfa i bisogni comunicativi della persona. Le componenti verbali e non verbali della comunicazione

Dettagli

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Giancarlo Di Battista, Marialaura Santarelli Neurologia - ACO San Filippo Neri disabilità neuromotoria Insieme di deficit motori di diversa natura

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE

PROGETTO DI ANIMAZIONE PROGETTO DI ANIMAZIONE BRAINER RIABILITAZIONE COGNITIVA CON IL COMPUTER NELL ANZIANO INTRODUZIONE Dalla fine del 2009 con l'impiego di una postazione Brainer di stimolazione intellettiva, è iniziata una

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE La comunicazione aumentativa alternativa URBINO 25-29 AGOSTO 2014.

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE La comunicazione aumentativa alternativa URBINO 25-29 AGOSTO 2014. TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE La comunicazione aumentativa alternativa URBINO 25-29 AGOSTO 2014 Viviana Fabbri COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA (CAA) Insieme di tecniche e strumenti

Dettagli

Testo di riferimento

Testo di riferimento Testo di riferimento Realizzazione di strumenti di documentazione e comunicazione tra scuola e servizi socio-sanitari con l utilizzo dell ICF come linguaggio comune per la descrizione del funzionamento

Dettagli

Dott.ssa Francesca Poli Psicologa, Psicoterapeuta. Nuovo progetto per la Pamapi

Dott.ssa Francesca Poli Psicologa, Psicoterapeuta. Nuovo progetto per la Pamapi Dott.ssa Francesca Poli Psicologa, Psicoterapeuta Nuovo progetto per la Pamapi Il nostro Progetto Nasce dalla consapevolezza che i nostri utenti sono nella gran Parte privi di una comunicazione verbale

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO SPOKE REGGIO EMILIA HUB AREA VASTA EMILIA NORD Diettore: Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Segreteria: Tel. 0522/339038 Reggio

Dettagli

ATTO N. 866. dei Consiglieri GALANELLO e LOCCHI

ATTO N. 866. dei Consiglieri GALANELLO e LOCCHI MOZIONE ATTO N. 866 http://www.consiglio.regione.umbria.it e-mail: atti@crumbria.it dei Consiglieri GALANELLO e LOCCHI ESTENSIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI ASSISTENZA INDIRETTA A FAVORE DI

Dettagli

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale Autismo: disturbo dello sviluppo comunicativo, sociale, dei comportamenti e degli interessi, che esordisce nell infanzia; è il principale fra i Disturbi Generalizzati o Pervasivi dello Sviluppo (vedi).

Dettagli

La comunicazione alternativa e agevolata. Il sostegno psicologico e relazionale ai malati e ai caregivers

La comunicazione alternativa e agevolata. Il sostegno psicologico e relazionale ai malati e ai caregivers La comunicazione alternativa e agevolata. Il sostegno psicologico e relazionale ai malati e ai caregivers Dott.ssa Pina Panico psicologa, psicoterapeuta E più importante sapere che tipo di persona ha una

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

DSL E DISPRASSIA VERBALE

DSL E DISPRASSIA VERBALE DSL E DISPRASSIA VERBALE Sintesi Di Un Approccio Clinico Metodologico Dott.ssa Michelazzo Letizia Prof.ssa Sabbadini Letizia Esperienze Cliniche A.I.D.E.E CCCCCC DSL LOGO LA DIAGNOSI VIENE DEFINITA PER

Dettagli

Elenco libri disponibili presso il Centro Territoriale Integrato Biblioteca Scuola Secondaria di 1^ grado

Elenco libri disponibili presso il Centro Territoriale Integrato Biblioteca Scuola Secondaria di 1^ grado Elenco libri disponibili presso il Centro Territoriale Integrato Biblioteca Scuola Secondaria di 1^ grado CASA TITOLO EDITRICE 1 Erickson Motricità e musicoterapia nell handicap. 2 Erickson Contatto corporeo

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

TIC ED ALUNNI CON DISABILITÀ VISIVE

TIC ED ALUNNI CON DISABILITÀ VISIVE Arezzo, 10 settembre 2011 Ass. la Nostra Famiglia Centro Regionale d Ipovisione dell Età Evolutiva TIC ED ALUNNI CON DISABILITÀ VISIVE Arezzo, 10 settembre 2011 www.emedea.it/centroausili UNA PREMESSA

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) PEI ROBERTO - Barbara Corallo - Valeria Crespi - Manuela Guidobaldi - Emanuele Morandi PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Ritardo mentale lieve

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO:

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: DALL INDIVIDUAZIONE ALL INTERVENTO EDUCATIVO-DIDATTICO Finalità del corso: Formare operatori dell ambito psicologico, socio-sanitario,

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO NODI CRITICI DEL P.E.I. Conoscenza dell alunno (diagnosi funzionale) Progettualità (profilo dinamico funzionale progetto di vita) Risorse (strategie, attività e interventi:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

Disabilità e qualità dell integrazione

Disabilità e qualità dell integrazione CORSO PER DOCENTI IN SERVIZIO NELLA PROVINCIA DI VARESE Disabilità e qualità dell integrazione 3 modulo: Disturbi generalizzati dello sviluppo (sindromi autistiche) MATERIALE DIDATTICO Il lavoro abilitativo

Dettagli

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno È un termine generale che comprende handicap, limitazione nelle attività e restrizione nella partecipazione. Un handicap è un problema relativo ad una funzione

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli SEDE DI VARESE LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo Dott.ssa Cristina Morelli Il termine comunicare, deriva dal latino e significava letteralmente mettere in comune,

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura La Matrice Ecologica a Scuola: utilizzo estensivo dell ICF CY per la definizione degli Obiettivi di Miglioramento della Qualità di Vita a Scuola e la Pianificazione Educativa Personalizzata Luoghi della

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale. Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge

I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale. Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge Competenze attentive e mnestiche Competenze simboliche Competenze linguistiche Competenze visuo-grafiche

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 L intervento di CAA integrato di territorio: verso un modello di rete partecipata Antonella Costantino, Sergio Anastasia, Eleonora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Emilia Cavallo, Valeria

Dettagli

I Disturbi Specifici dell Apprendimento. A cura della dott.ssa Stefania Desotgiu

I Disturbi Specifici dell Apprendimento. A cura della dott.ssa Stefania Desotgiu I Disturbi Specifici dell Apprendimento A cura della dott.ssa Stefania Desotgiu Programma degli incontri I Incontro I Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) e la Dislessia Introduzione ai DSA (caratteristiche

Dettagli

La DGR 740/2013 assegna risorse sia alle ASL che agli Ambiti territoriali affinchè realizzino interventi a forte integrazione socio-sanitaria.

La DGR 740/2013 assegna risorse sia alle ASL che agli Ambiti territoriali affinchè realizzino interventi a forte integrazione socio-sanitaria. LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA 2013 A PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN APPLICAZIONE DELLA D.G.R. N. 740/2013 (MISURA B - 2) La DGR 740/2013

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

Disabilità DSA Differenze aspecifiche. Francesca Salis,PhD. francescasalis@msn.com

Disabilità DSA Differenze aspecifiche. Francesca Salis,PhD. francescasalis@msn.com Macro-categoria: Disabilità DSA Differenze aspecifiche 1 Nel contesto pedagogico, bio-psichico e sociale( ICF) si intende per disabilitàqualsiasi restrizione o carenza (conseguente ad un deficit) della

Dettagli

LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti

LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti A cura di Antonio Caracciolo, Fabio Brusa, Serenella Besio PREMESSA La scelta delle Tecnologie di Ausilio e delle TIC nel

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD)

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) Art.5 D.M. n. 5669/2011; Linee guida per diritto studenti con DSA

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

PANORAMICA DELLE FAMIGLIE DI STRUMENTI ELETTRONICI INFORMATICI

PANORAMICA DELLE FAMIGLIE DI STRUMENTI ELETTRONICI INFORMATICI DISABILINET Nuove tecnologie per l'educazione e l'inclusione sociale di adulti con disabilità mentale o relazionale Milano 22 novembre 2011 Formazione come elemento chiave Massimo Guerreschi Ass. la Nostra

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

Giocare con le parole Training fonologico per parlare meglio e prepararsi a scrivere Emma Perrotta, Marina Brignola Libro

Giocare con le parole Training fonologico per parlare meglio e prepararsi a scrivere Emma Perrotta, Marina Brignola Libro Giocare con le parole Training fonologico per parlare meglio e prepararsi a scrivere Emma Perrotta, Marina Brignola Libro Giocare con le parole (CD- ROM) Training fonologico per parlare meglio e prepararsi

Dettagli

DI COSA SI OCCUPA IL LOGOPEDISTA?

DI COSA SI OCCUPA IL LOGOPEDISTA? I DISTURBI DELL UDITO: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva L.PINELLO CENTRO REGIONALE SPECIALIZZATO PER L IPOVISIONE INFANTILE E DELL ETA EVOLUTIVA Dip.

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it

Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it Facoltà di Psicologia La sperimentazione di un intervento di comunicazione mediata come strumento riabilitativo Relatore Chiarissimo Professore Carlo

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico

La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico Che cosa è la domotica: La domotica è la tecnologia che studia l automazione della casa. Con tale termine (domos automatique) si intende identificare tutte

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Corso Crescere insieme con il modello ICF Corsisti: Mela, Faraldi, Perri, Mirano PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Nato con bassissimo peso alla

Dettagli