REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART"

Transcript

1 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle condizioni generali di contratto, ha costituito il Fondo Interno Progetto Smart. Il Fondo Interno costituisce patrimonio separato ed autonomo rispetto agli attivi della Compagnia ed è destinato esclusivamente all erogazione agli aderenti di prestazioni pensionistiche e non può essere distratto da tale fine. 2 Obiettivi, caratteristiche, stile di gestione e profilo di rischio Il Fondo Interno Progetto Smart, di tipo bilanciato obbligazionario, mira alla crescita del capitale in linea con i mercati obbligazionari, pur potendo investire in minima parte anche nei mercati azionari, mantenendo un orizzonte temporale di medio lungo periodo e un profilo di rischio medio basso. Il Fondo Interno Progetto Smart può investire esclusivamente in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e azionaria denominati in qualunque divisa, di qualunque area geografica, settore e categoria di emittenti, con il limite massimo del 30% del controvalore complessivo per il comparto azionario. La data di inizio di gestione prevista, subordinata all effettivo primo investimento nel Fondo, è il 03/07/2007. Il Fondo è ad accumulazione dei proventi e pertanto non distribuisce alcun dividendo. La Compagnia ha individuato il seguente parametro di riferimento (benchmark) per poter confrontare l andamento del Fondo Interno: - 30% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Breve Termine - 55% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Medio / Lungo Termine - 15% Fideuram Azionari Internazionali. Gli indici Fideuram rappresentano le performance dei fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano. Il calcolo comprende tutti i fondi italiani in attività alla fine di ogni trimestre solare (31 marzo, 30 giugno ecc.). Sono calcolati giornalmente come media ponderata delle quotazioni giornaliere dei fondi rientranti in una data categoria (obbligazionari euro governativi breve termine, obbligazionari euro governativi medio/lungo termine e azionari internazionali) rapportate alla quotazione base. La ponderazione resta quindi invariata per un trimestre, prendendo a riferimento i patrimoni dei fondi valorizzati alla fine del trimestre solare precedente. I fondi di nuova emissione entrano a far parte del calcolo dal trimestre solare successivo a quello della data di emissione sul mercato. L obiettivo della gestione finanziaria del Fondo Interno è massimizzare il rendimento della gestione rispetto al benchmark. Lo stile di gestione seguito è di tipo attivo con possibili scostamenti della composizione del Fondo Interno rispetto all indice di riferimento. Il Fondo Interno investirà gli attivi prevalentemente in quote di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) e in particolare in comparti monetari, obbligazionari ed azionari. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Viene pertanto data attenzione agli obiettivi ed agli interventi di politica monetaria delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche su tassi a breve termine; attenzione anche riposta alle previsioni circa la crescita dell economia mondiale e all andamento dei tassi d interesse. La Compagnia, nella gestione degli attivi, controlla il profilo di rischio del portafoglio al fine di ottimizzare la fase di costruzione del portafoglio stesso e opera un monitoraggio dei rendimenti dello stesso portafoglio, sia rispetto al benchmark di riferimento sia rispetto alla concorrenza. Si precisa che possono avere luogo temporanei superamenti delle soglie indicate dovuti alle dinamiche del mercato, fermo restando l impegno della Compagnia a limitare tali eccedenze al tempo necessario per rientrare nei limiti fissati. 3 Tipologie, caratteristiche delle attività del Fondo Il Fondo può investire nelle seguenti categorie di attività finanziarie, denominate in qualsiasi valuta: Fondi di investimento mobiliari, diversi dai fondi riservati o speculativi, con le seguenti caratteristiche:

2 OICR armonizzati ai sensi della direttiva 85/611/CEE; OICR nazionali, non armonizzati, commercializzati in Italia; OICR esteri, non armonizzati, autorizzati alla commercializzazione in Italia. Strumenti finanziari, emessi o garantiti da Stati appartenenti alla zona A ai sensi della direttiva 89/647/CEE, da Enti locali o da Enti pubblici di Stati membri dell Unione Europea o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri, ovvero da soggetti residenti negli stati appartenenti alla zona A, che rientrino nelle seguenti tipologie: titoli di stato e obbligazioni o titoli assimilabili, anche strutturati, che prevedano almeno il rimborso del nominale a scadenza e titoli azionari. Strumenti monetari emessi o garantiti da soggetti residenti in Stati della zona A, o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri dell Unione Europea, che rientrino nelle seguenti tipologie con scadenza non superiore a 6 mesi: depositi bancari in conto corrente, operazioni di pronti contro termine, certificati di deposito e altri strumenti del mercato monetario. Il Fondo può investire in strumenti finanziari o monetari e in quote di OICR emessi, gestiti o promossi da società facenti capo a gruppi finanziari detentori di azioni di CNP UniCredit Vita. Per la parte del Fondo Interno costituita da attività espresse, o che possono investire, in divise diverse dall Euro, è prevista l esposizione al rischio di cambio. E prevista la possibilità di affidare le scelte di investimento ad intermediari abilitati a prestare servizi di gestione di patrimoni nel quadro di criteri di allocazione del patrimonio predefiniti dalla Compagnia. In ogni caso rimane in capo a CNP UniCredit Vita l esclusiva responsabilità per l attività di gestione. E prevista la possibilità di impiegare strumenti finanziari derivati coerentemente con i profili di rischio del Fondo Interno ed esclusivamente a fini di copertura e di rivalutazione degli investimenti effettuati. 4 Determinazione del valore della quota del Fondo Il Fondo Interno è suddiviso in quote, è denominato in euro e il valore della quota al momento dell istituzione del Fondo è pari a 10,00 euro. La quota viene valorizzata settimanalmente; tale valorizzazione si riferisce al secondo giorno lavorativo della settimana - per CNP UniCredit Vita - dividendo il patrimonio netto del Fondo per il numero di quote ad esso riferibili alla data di valorizzazione. Inoltre la Compagnia provvederà a valorizzare la quota, con le stesse modalità, l ultimo giorno di ciascun mese. Il calcolo del valore della quota viene effettuato nel secondo giorno lavorativo per CNP UniCredit Vita - successivo alla data di valorizzazione. La valorizzazione del valore della quota viene sospesa in situazioni di forza maggiore che non ne consentano la regolare effettuazione fino al primo giorno lavorativo successivo al cessare della situazione che ha originato l evento di sospensione. Il patrimonio netto del Fondo è il risultato della valorizzazione delle relative attività al netto delle passività. Il valore delle attività viene determinato: all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per le quote o azioni di OICR; all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per i titoli quotati su mercati regolamentati; per quei titoli che, pur essendo quotati, sono sospesi dalle negoziazioni (a causa, ad esempio, di eventi di turbativa dei mercati o per decisione degli organi di borsa) o la cui quotazione non esprime un prezzo di negoziazione attendibile a causa della ridotta frequenza degli scambi o dell irrilevanza dei volumi trattati, si adotta una valutazione al valore di presunto realizzo; al valore di presunto realizzo per i titoli non quotati; al valore nominale, per i contanti, i depositi, i titoli a vista e le cedole e i dividendi scaduti. Le attività non espresse in Euro sono convertite in tale valuta sulla base dell ultimo cambio rilevato. Il valore delle passività, costituite dalle spese e dagli oneri maturati ma non ancora prelevati dal Fondo, viene determinato al valore nominale. 5 Spese a carico del Fondo Interno Sul Fondo Interno gravano i seguenti costi, che determinano una diminuzione del valore netto del patrimonio e di conseguenza del valore netto della quota: - commissioni di gestione pari al 2,05% su base annua calcolate sul patrimonio del Fondo, determinate pro rata temporis ad ogni data di valorizzazione del Fondo e prelevate mensilmente; Qualora le risorse siano impegnate per l acquisto di quote di OICR, sul patrimonio del Fondo Interno non vengono fatti gravare spese e diritti di qualsiasi natura relativi alla sottoscrizione e al rimborso

3 delle parti di OICR acquistati, né le commissioni di gestione applicate dall OICR stesso, salvo i casi di deroga previsti dalla COVIP in apposite istruzioni di carattere generale. Oltre ai costi di cui sopra, sul patrimonio del Fondo Interno possono gravare unicamente le imposte e tasse, le spese legali e giudiziarie sostenute nell esclusivo interesse degli Aderenti, gli oneri di negoziazione derivanti dall attività di impiego delle risorse e il contributo di vigilanza dovuto alla COVIP ai sensi di legge; grava inoltre la quota di pertinenza delle spese relative alla remunerazione e allo svolgimento dell incarico di Responsabile del Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. 6 Pubblicazione del valore delle quote Il valore della quota del Fondo viene pubblicato giornalmente su un quotidiano a tiratura nazionale (alla data di istituzione del Fondo: Il Sole 24 Ore ) e sul sito internet della Compagnia Il valore unitario è al netto di qualsiasi onere a carico del Fondo Interno. 7 Rendiconto e verifica del Fondo Entro 60 giorni dalla fine di ogni esercizio solare CNP UniCredit Vita redige il rendiconto annuale della gestione del Fondo. Il rendiconto del Fondo è sottoposto ad esame da parte di una Società di Revisione iscritta all albo di cui all art. 161 del D.Lgs. n. 58 del 24/2/1998, che esprime un giudizio circa la concordanza della gestione degli attivi con i criteri di investimento stabiliti dal regolamento ed accerta la rispondenza delle informazioni contenute nel rendiconto alle risultanze delle registrazioni contabili, la corretta valutazione delle attività del Fondo nonché la corretta determinazione e valorizzazione dell ultima quota del Fondo disponibile alla fine dell esercizio. 8 Eventuali modifiche al regolamento CNP UniCredit Vita si riserva di apportare al presente regolamento le modifiche che si rendessero necessarie a seguito di disposizioni legislative o dell Autorità di Vigilanza, nonché quelle giudicate opportune dalla Compagnia in relazione all evoluzione dei mercati. Tali modifiche, sottoposte all iter autorizzativo dell Organo di Vigilanza competente, se peggiorative verranno trasmesse agli Aderenti almeno 120 giorni prima della relativa data di efficacia; dal momento della comunicazione l Aderente ha 90 giorni di tempo per manifestare l eventuale scelta di trasferimento, che sarà effettuato senza l applicazione di alcuna spesa. 9 Fusione tra Fondi Interni A fronte di eventuali mutati criteri gestionali del Fondo Interno, o a seguito dell eventuale riduzione delle masse gestite tali da rendere l'incidenza dei costi gravanti sul Fondo Interno eccessivamente onerosa, ovvero tali da pregiudicare l efficiente gestione finanziaria dello stesso nell interesse degli Aderenti, è ammessa la possibilità di fusione del Fondo Interno con altri Fondi Interni della Compagnia, purché aventi caratteristiche similari, obiettivi di investimento omogenei e destinati a forme previdenziali. In tal caso, la Compagnia informerà, dopo aver sottoposto all iter autorizzativo all Organo di Vigilanza competente la suddetta operazione di fusione, in via preventiva e per iscritto, gli Aderenti del Fondo Interno circa tutti gli aspetti connessi con l operazione di fusione che rilevino, per gli stessi, in particolare precisando: 1) le motivazioni dell operazione di fusione; 2) gli effetti che la stessa determina sulle politiche di investimento dei Fondi stessi e sul regime delle commissioni; 3) le modalità ed i tempi esatti di regolazione dell operazione di fusione; 4) l indicazione dei criteri seguiti per l attribuzione delle quote del nuovo Fondo Interno e la determinazione del relativo valore di ingresso nello stesso; 5) la composizione sintetica dei Fondi Interni interessati alla fusione. Le operazioni di fusione dovranno tener conto dell interesse degli Aderenti e non potranno comportare alcun aggravio degli oneri economici per gli stessi, né modifiche del Regolamento del Fondo Interno in senso meno favorevole ad essi. La Compagnia provvederà a far confluire tutte le attività finanziarie relative al Fondo Interno in quello derivante dalla fusione, senza oneri o spese per gli Aderenti. La Compagnia provvederà, altresì, ad inviare agli Aderenti il nuovo Regolamento del Fondo Interno derivante dall operazione di fusione, che costituirà parte integrante del contratto.

4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO MEDIUM 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle condizioni generali di contratto, ha costituito il Fondo Interno Progetto Medium. Il Fondo Interno costituisce patrimonio separato ed autonomo rispetto agli attivi della Compagnia ed è destinato esclusivamente all erogazione agli aderenti di prestazioni pensionistiche e non può essere distratto da tale fine. 2 Obiettivi, caratteristiche, stile di gestione e profilo di rischio Il Fondo Interno Progetto Medium, di tipo bilanciato, mira alla crescita del capitale in linea con i mercati obbligazionari e azionari, mantenendo un orizzonte temporale di medio lungo periodo e un profilo di rischio medio. Il Fondo Interno Progetto Medium può investire esclusivamente in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e azionaria denominati in qualunque divisa, di qualunque area geografica, settore e categoria di emittenti, con il limite massimo del 50% del controvalore complessivo per il comparto azionario. La data di inizio di gestione prevista, subordinata all effettivo primo investimento nel Fondo, è il 03/07/2007. Il Fondo è ad accumulazione dei proventi e pertanto non distribuisce alcun dividendo. La Compagnia ha individuato il seguente parametro di riferimento (benchmark) per poter confrontare l andamento del Fondo Interno: - 15% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Breve Termine - 50% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Medio / Lungo Termine - 35% Fideuram Azionari Internazionali. Gli indici Fideuram rappresentano le performance dei fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano. Il calcolo comprende tutti i fondi italiani in attività alla fine di ogni trimestre solare (31 marzo, 30 giugno ecc.). Sono calcolati giornalmente come media ponderata delle quotazioni giornaliere dei fondi rientranti in una data categoria (obbligazionari euro governativi breve termine, obbligazionari euro governativi medio/lungo termine e azionari internazionali) rapportate alla quotazione base. La ponderazione resta quindi invariata per un trimestre, prendendo a riferimento i patrimoni dei fondi valorizzati alla fine del trimestre solare precedente. I fondi di nuova emissione entrano a far parte del calcolo dal trimestre solare successivo a quello della data di emissione sul mercato. L obiettivo della gestione finanziaria del Fondo Interno è massimizzare il rendimento della gestione rispetto al benchmark. Lo stile di gestione seguito è di tipo attivo con possibili scostamenti della composizione del Fondo Interno rispetto all indice di riferimento. Il Fondo Interno investirà gli attivi prevalentemente in quote di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) e in particolare in comparti monetari, obbligazionari ed azionari. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Viene pertanto data attenzione agli obiettivi ed agli interventi di politica monetaria delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche su tassi a breve termine; attenzione anche riposta alle previsioni circa la crescita dell economia mondiale e all andamento dei tassi d interesse. La Compagnia, nella gestione degli attivi, controlla il profilo di rischio del portafoglio al fine di ottimizzare la fase di costruzione del portafoglio stesso e opera un monitoraggio dei rendimenti dello stesso portafoglio, sia rispetto al benchmark di riferimento sia rispetto alla concorrenza. Si precisa che possono avere luogo temporanei superamenti delle soglie indicate dovuti alle dinamiche del mercato, fermo restando l impegno della Compagnia a limitare tali eccedenze al tempo necessario per rientrare nei limiti fissati. 3 Tipologie, caratteristiche delle attività del Fondo Il Fondo può investire nelle seguenti categorie di attività finanziarie, denominate in qualsiasi valuta: Fondi di investimento mobiliari, diversi dai fondi riservati o speculativi, con le seguenti caratteristiche:

5 OICR armonizzati ai sensi della direttiva 85/611/CEE; OICR nazionali, non armonizzati, commercializzati in Italia; OICR esteri, non armonizzati, autorizzati alla commercializzazione in Italia. Strumenti finanziari, emessi o garantiti da Stati appartenenti alla zona A ai sensi della direttiva 89/647/CEE, da Enti locali o da Enti pubblici di Stati membri dell Unione Europea o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri, ovvero da soggetti residenti negli stati appartenenti alla zona A, che rientrino nelle seguenti tipologie: titoli di stato e obbligazioni o titoli assimilabili, anche strutturati, che prevedano almeno il rimborso del nominale a scadenza e titoli azionari. Strumenti monetari emessi o garantiti da soggetti residenti in Stati della zona A, o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri dell Unione Europea, che rientrino nelle seguenti tipologie con scadenza non superiore a 6 mesi: depositi bancari in conto corrente, operazioni di pronti contro termine, certificati di deposito e altri strumenti del mercato monetario. Il Fondo può investire in strumenti finanziari o monetari e in quote di OICR emessi, gestiti o promossi da società facenti capo a gruppi finanziari detentori di azioni di CNP UniCredit Vita. Per la parte del Fondo Interno costituita da attività espresse, o che possono investire, in divise diverse dall Euro, è prevista l esposizione al rischio di cambio. E prevista la possibilità di affidare le scelte di investimento ad intermediari abilitati a prestare servizi di gestione di patrimoni nel quadro di criteri di allocazione del patrimonio predefiniti dalla Compagnia. In ogni caso rimane in capo a CNP UniCredit Vita l esclusiva responsabilità per l attività di gestione. E prevista la possibilità di impiegare strumenti finanziari derivati coerentemente con i profili di rischio del Fondo Interno ed esclusivamente a fini di copertura e di rivalutazione degli investimenti effettuati. 4 Determinazione del valore della quota del Fondo Il Fondo Interno è suddiviso in quote, è denominato in euro e il valore della quota al momento dell istituzione del Fondo è pari a 10,00 euro. La quota viene valorizzata settimanalmente; tale valorizzazione si riferisce al secondo giorno lavorativo della settimana - per CNP UniCredit Vita - dividendo il patrimonio netto del Fondo per il numero di quote ad esso riferibili alla data di valorizzazione. Inoltre la Compagnia provvederà a valorizzare la quota, con le stesse modalità, l ultimo giorno di ciascun mese. Il calcolo del valore della quota viene effettuato nel secondo giorno lavorativo per CNP UniCredit Vita - successivo alla data di valorizzazione. La valorizzazione del valore della quota viene sospesa in situazioni di forza maggiore che non ne consentano la regolare effettuazione fino al primo giorno lavorativo successivo al cessare della situazione che ha originato l evento di sospensione. Il patrimonio netto del Fondo è il risultato della valorizzazione delle relative attività al netto delle passività. Il valore delle attività viene determinato: all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per le quote o azioni di OICR; all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per i titoli quotati su mercati regolamentati; per quei titoli che, pur essendo quotati, sono sospesi dalle negoziazioni (a causa, ad esempio, di eventi di turbativa dei mercati o per decisione degli organi di borsa) o la cui quotazione non esprime un prezzo di negoziazione attendibile a causa della ridotta frequenza degli scambi o dell irrilevanza dei volumi trattati, si adotta una valutazione al valore di presunto realizzo; al valore di presunto realizzo per i titoli non quotati; al valore nominale, per i contanti, i depositi, i titoli a vista e le cedole e i dividendi scaduti. Le attività non espresse in Euro sono convertite in tale valuta sulla base dell ultimo cambio rilevato. Il valore delle passività, costituite dalle spese e dagli oneri maturati ma non ancora prelevati dal Fondo, viene determinato al valore nominale. 5 Spese a carico del Fondo Interno Sul Fondo Interno gravano i seguenti costi, che determinano una diminuzione del valore netto del patrimonio e di conseguenza del valore netto della quota: - commissioni di gestione pari al 2,30% su base annua calcolate sul patrimonio del Fondo, determinate pro rata temporis ad ogni data di valorizzazione del Fondo e prelevate mensilmente; Qualora le risorse siano impegnate per l acquisto di quote di OICR, sul patrimonio del Fondo Interno non vengono fatti gravare spese e diritti di qualsiasi natura relativi alla sottoscrizione e al rimborso

6 delle parti di OICR acquistati, né le commissioni di gestione applicate dall OICR stesso, salvo i casi di deroga previsti dalla COVIP in apposite istruzioni di carattere generale. Oltre ai costi di cui sopra, sul patrimonio del Fondo Interno possono gravare unicamente le imposte e tasse, le spese legali e giudiziarie sostenute nell esclusivo interesse degli Aderenti, gli oneri di negoziazione derivanti dall attività di impiego delle risorse e il contributo di vigilanza dovuto alla COVIP ai sensi di legge; grava inoltre la quota di pertinenza delle spese relative alla remunerazione e allo svolgimento dell incarico di Responsabile del Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. 6 Pubblicazione del valore delle quote Il valore della quota del Fondo viene pubblicato giornalmente su un quotidiano a tiratura nazionale (alla data di istituzione del Fondo: Il Sole 24 Ore ) e sul sito internet della Compagnia Il valore unitario è al netto di qualsiasi onere a carico del Fondo Interno. 7 Rendiconto e verifica del Fondo Entro 60 giorni dalla fine di ogni esercizio solare CNP UniCredit Vita redige il rendiconto annuale della gestione del Fondo. Il rendiconto del Fondo è sottoposto ad esame da parte di una Società di Revisione iscritta all albo di cui all art. 161 del D.Lgs. n. 58 del 24/2/1998, che esprime un giudizio circa la concordanza della gestione degli attivi con i criteri di investimento stabiliti dal regolamento ed accerta la rispondenza delle informazioni contenute nel rendiconto alle risultanze delle registrazioni contabili, la corretta valutazione delle attività del Fondo nonché la corretta determinazione e valorizzazione dell ultima quota del Fondo disponibile alla fine dell esercizio. 8 Eventuali modifiche al regolamento CNP UniCredit Vita si riserva di apportare al presente regolamento le modifiche che si rendessero necessarie a seguito di disposizioni legislative o dell Autorità di Vigilanza, nonché quelle giudicate opportune dalla Compagnia in relazione all evoluzione dei mercati. Tali modifiche, sottoposte all iter autorizzativo dell Organo di Vigilanza competente, se peggiorative verranno trasmesse agli Aderenti almeno 120 giorni prima della relativa data di efficacia; dal momento della comunicazione l Aderente ha 90 giorni di tempo per manifestare l eventuale scelta di trasferimento, che sarà effettuato senza l applicazione di alcuna spesa. 9 Fusione tra Fondi Interni A fronte di eventuali mutati criteri gestionali del Fondo Interno, o a seguito dell eventuale riduzione delle masse gestite tali da rendere l'incidenza dei costi gravanti sul Fondo Interno eccessivamente onerosa, ovvero tali da pregiudicare l efficiente gestione finanziaria dello stesso nell interesse degli Aderenti, è ammessa la possibilità di fusione del Fondo Interno con altri Fondi Interni della Compagnia, purché aventi caratteristiche similari, obiettivi di investimento omogenei e destinati a forme previdenziali. In tal caso, la Compagnia informerà, dopo aver sottoposto all iter autorizzativo all Organo di Vigilanza competente la suddetta operazione di fusione, in via preventiva e per iscritto, gli Aderenti del Fondo Interno circa tutti gli aspetti connessi con l operazione di fusione che rilevino, per gli stessi, in particolare precisando: 1) le motivazioni dell operazione di fusione; 2) gli effetti che la stessa determina sulle politiche di investimento dei Fondi stessi e sul regime delle commissioni; 3) le modalità ed i tempi esatti di regolazione dell operazione di fusione; 4) l indicazione dei criteri seguiti per l attribuzione delle quote del nuovo Fondo Interno e la determinazione del relativo valore di ingresso nello stesso; 5) la composizione sintetica dei Fondi Interni interessati alla fusione. Le operazioni di fusione dovranno tener conto dell interesse degli Aderenti e non potranno comportare alcun aggravio degli oneri economici per gli stessi, né modifiche del Regolamento del Fondo Interno in senso meno favorevole ad essi. La Compagnia provvederà a far confluire tutte le attività finanziarie relative al Fondo Interno in quello derivante dalla fusione, senza oneri o spese per gli Aderenti. La Compagnia provvederà, altresì, ad inviare agli Aderenti il nuovo Regolamento del Fondo Interno derivante dall operazione di fusione, che costituirà parte integrante del contratto.

7 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SPRINT 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle condizioni generali di contratto, ha costituito il Fondo Interno Progetto Sprint. Il Fondo Interno costituisce patrimonio separato ed autonomo rispetto agli attivi della Compagnia ed è destinato esclusivamente all erogazione agli aderenti di prestazioni pensionistiche e non può essere distratto da tale fine. 2 Obiettivi, caratteristiche, stile di gestione e profilo di rischio Il Fondo Interno Progetto Sprint, di tipo bilanciato azionario, mira alla crescita del capitale in linea principalmente con i mercati azionari, pur investendo almeno il 30% del controvalore complessivo nel comparto obbligazionario. Il Fondo Interno ha un orizzonte temporale di medio lungo periodo e un profilo di rischio medio alto. Il Fondo Interno Progetto Sprint può investire esclusivamente in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e azionaria denominati in qualunque divisa, di qualunque area geografica, settore e categoria di emittenti, con il limite massimo del 70% del controvalore complessivo per il comparto azionario. La data di inizio di gestione prevista, subordinata all effettivo primo investimento nel Fondo, è il 03/07/2007. Il Fondo è ad accumulazione dei proventi e pertanto non distribuisce alcun dividendo. La Compagnia ha individuato il seguente parametro di riferimento (benchmark) per poter confrontare l andamento del Fondo Interno: - 10% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Breve Termine - 40% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Medio / Lungo Termine - 50% Fideuram Azionari Internazionali. Gli indici Fideuram rappresentano le performance dei fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano. Il calcolo comprende tutti i fondi italiani in attività alla fine di ogni trimestre solare (31 marzo, 30 giugno ecc.). Sono calcolati giornalmente come media ponderata delle quotazioni giornaliere dei fondi rientranti in una data categoria (obbligazionari euro governativi breve termine, obbligazionari euro governativi medio/lungo termine e azionari internazionali) rapportate alla quotazione base. La ponderazione resta quindi invariata per un trimestre, prendendo a riferimento i patrimoni dei fondi valorizzati alla fine del trimestre solare precedente. I fondi di nuova emissione entrano a far parte del calcolo dal trimestre solare successivo a quello della data di emissione sul mercato. L obiettivo della gestione finanziaria del Fondo Interno è massimizzare il rendimento della gestione rispetto al benchmark. Lo stile di gestione seguito è di tipo attivo con possibili scostamenti della composizione del Fondo Interno rispetto all indice di riferimento. Il Fondo Interno investirà gli attivi prevalentemente in quote di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) e in particolare in comparti monetari, obbligazionari ed azionari. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Viene pertanto data attenzione agli obiettivi ed agli interventi di politica monetaria delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche su tassi a breve termine; attenzione anche riposta alle previsioni circa la crescita dell economia mondiale e all andamento dei tassi d interesse. La Compagnia, nella gestione degli attivi, controlla il profilo di rischio del portafoglio al fine di ottimizzare la fase di costruzione del portafoglio stesso e opera un monitoraggio dei rendimenti dello stesso portafoglio, sia rispetto al benchmark di riferimento sia rispetto alla concorrenza. Si precisa che possono avere luogo temporanei superamenti delle soglie indicate dovuti alle dinamiche del mercato, fermo restando l impegno della Compagnia a limitare tali eccedenze al tempo necessario per rientrare nei limiti fissati. 3 Tipologie, caratteristiche delle attività del Fondo Il Fondo può investire nelle seguenti categorie di attività finanziarie, denominate in qualsiasi valuta: Fondi di investimento mobiliari, diversi dai fondi riservati o speculativi, con le seguenti caratteristiche:

8 OICR armonizzati ai sensi della direttiva 85/611/CEE; OICR nazionali, non armonizzati, commercializzati in Italia; OICR esteri, non armonizzati, autorizzati alla commercializzazione in Italia. Strumenti finanziari, emessi o garantiti da Stati appartenenti alla zona A ai sensi della direttiva 89/647/CEE, da Enti locali o da Enti pubblici di Stati membri dell Unione Europea o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri, ovvero da soggetti residenti negli stati appartenenti alla zona A, che rientrino nelle seguenti tipologie: titoli di stato e obbligazioni o titoli assimilabili, anche strutturati, che prevedano almeno il rimborso del nominale a scadenza e titoli azionari. Strumenti monetari emessi o garantiti da soggetti residenti in Stati della zona A, o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri dell Unione Europea, che rientrino nelle seguenti tipologie con scadenza non superiore a 6 mesi: depositi bancari in conto corrente, operazioni di pronti contro termine, certificati di deposito e altri strumenti del mercato monetario. Il Fondo può investire in strumenti finanziari o monetari e in quote di OICR emessi, gestiti o promossi da società facenti capo a gruppi finanziari detentori di azioni di CNP UniCredit Vita. Per la parte del Fondo Interno costituita da attività espresse, o che possono investire, in divise diverse dall Euro, è prevista l esposizione al rischio di cambio. E prevista la possibilità di affidare le scelte di investimento ad intermediari abilitati a prestare servizi di gestione di patrimoni nel quadro di criteri di allocazione del patrimonio predefiniti dalla Compagnia. In ogni caso rimane in capo a CNP UniCredit Vita l esclusiva responsabilità per l attività di gestione. E prevista la possibilità di impiegare strumenti finanziari derivati coerentemente con i profili di rischio del Fondo Interno ed esclusivamente a fini di copertura e di rivalutazione degli investimenti effettuati. 4 Determinazione del valore della quota del Fondo Il Fondo Interno è suddiviso in quote, è denominato in euro e il valore della quota al momento dell istituzione del Fondo è pari a 10,00 euro. La quota viene valorizzata settimanalmente; tale valorizzazione si riferisce al secondo giorno lavorativo della settimana - per CNP UniCredit Vita - dividendo il patrimonio netto del Fondo per il numero di quote ad esso riferibili alla data di valorizzazione. Inoltre la Compagnia provvederà a valorizzare la quota, con le stesse modalità, l ultimo giorno di ciascun mese. Il calcolo del valore della quota viene effettuato nel secondo giorno lavorativo per CNP UniCredit Vita - successivo alla data di valorizzazione. La valorizzazione del valore della quota viene sospesa in situazioni di forza maggiore che non ne consentano la regolare effettuazione fino al primo giorno lavorativo successivo al cessare della situazione che ha originato l evento di sospensione. Il patrimonio netto del Fondo è il risultato della valorizzazione delle relative attività al netto delle passività. Il valore delle attività viene determinato: all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per le quote o azioni di OICR; all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per i titoli quotati su mercati regolamentati; per quei titoli che, pur essendo quotati, sono sospesi dalle negoziazioni (a causa, ad esempio, di eventi di turbativa dei mercati o per decisione degli organi di borsa) o la cui quotazione non esprime un prezzo di negoziazione attendibile a causa della ridotta frequenza degli scambi o dell irrilevanza dei volumi trattati, si adotta una valutazione al valore di presunto realizzo; al valore di presunto realizzo per i titoli non quotati; al valore nominale, per i contanti, i depositi, i titoli a vista e le cedole e i dividendi scaduti. Le attività non espresse in Euro sono convertite in tale valuta sulla base dell ultimo cambio rilevato. Il valore delle passività, costituite dalle spese e dagli oneri maturati ma non ancora prelevati dal Fondo, viene determinato al valore nominale. 5 Spese a carico del Fondo Interno Sul Fondo Interno gravano i seguenti costi, che determinano una diminuzione del valore netto del patrimonio e di conseguenza del valore netto della quota: - commissioni di gestione pari al 2,40% su base annua calcolate sul patrimonio del Fondo, determinate pro rata temporis ad ogni data di valorizzazione del Fondo e prelevate mensilmente; Qualora le risorse siano impegnate per l acquisto di quote di OICR, sul patrimonio del Fondo Interno non vengono fatti gravare spese e diritti di qualsiasi natura relativi alla sottoscrizione e al rimborso

9 delle parti di OICR acquistati, né le commissioni di gestione applicate dall OICR stesso, salvo i casi di deroga previsti dalla COVIP in apposite istruzioni di carattere generale. Oltre ai costi di cui sopra, sul patrimonio del Fondo Interno possono gravare unicamente le imposte e tasse, le spese legali e giudiziarie sostenute nell esclusivo interesse degli Aderenti, gli oneri di negoziazione derivanti dall attività di impiego delle risorse e il contributo di vigilanza dovuto alla COVIP ai sensi di legge; grava inoltre la quota di pertinenza delle spese relative alla remunerazione e allo svolgimento dell incarico di Responsabile del Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. 6 Pubblicazione del valore delle quote Il valore della quota del Fondo viene pubblicato giornalmente su un quotidiano a tiratura nazionale (alla data di istituzione del Fondo: Il Sole 24 Ore ) e sul sito internet della Compagnia Il valore unitario è al netto di qualsiasi onere a carico del Fondo Interno. 7 Rendiconto e verifica del Fondo Entro 60 giorni dalla fine di ogni esercizio solare CNP UniCredit Vita redige il rendiconto annuale della gestione del Fondo. Il rendiconto del Fondo è sottoposto ad esame da parte di una Società di Revisione iscritta all albo di cui all art. 161 del D.Lgs. n. 58 del 24/2/1998, che esprime un giudizio circa la concordanza della gestione degli attivi con i criteri di investimento stabiliti dal regolamento ed accerta la rispondenza delle informazioni contenute nel rendiconto alle risultanze delle registrazioni contabili, la corretta valutazione delle attività del Fondo nonché la corretta determinazione e valorizzazione dell ultima quota del Fondo disponibile alla fine dell esercizio. 8 Eventuali modifiche al regolamento CNP UniCredit Vita si riserva di apportare al presente regolamento le modifiche che si rendessero necessarie a seguito di disposizioni legislative o dell Autorità di Vigilanza, nonché quelle giudicate opportune dalla Compagnia in relazione all evoluzione dei mercati. Tali modifiche, sottoposte all iter autorizzativo dell Organo di Vigilanza competente, se peggiorative verranno trasmesse agli Aderenti almeno 120 giorni prima della relativa data di efficacia; dal momento della comunicazione l Aderente ha 90 giorni di tempo per manifestare l eventuale scelta di trasferimento, che sarà effettuato senza l applicazione di alcuna spesa. 9 Fusione tra Fondi Interni A fronte di eventuali mutati criteri gestionali del Fondo Interno, o a seguito dell eventuale riduzione delle masse gestite tali da rendere l'incidenza dei costi gravanti sul Fondo Interno eccessivamente onerosa, ovvero tali da pregiudicare l efficiente gestione finanziaria dello stesso nell interesse degli Aderenti, è ammessa la possibilità di fusione del Fondo Interno con altri Fondi Interni della Compagnia, purché aventi caratteristiche similari, obiettivi di investimento omogenei e destinati a forme previdenziali. In tal caso, la Compagnia informerà, dopo aver sottoposto all iter autorizzativo all Organo di Vigilanza competente la suddetta operazione di fusione, in via preventiva e per iscritto, gli Aderenti del Fondo Interno circa tutti gli aspetti connessi con l operazione di fusione che rilevino, per gli stessi, in particolare precisando: 1) le motivazioni dell operazione di fusione; 2) gli effetti che la stessa determina sulle politiche di investimento dei Fondi stessi e sul regime delle commissioni; 3) le modalità ed i tempi esatti di regolazione dell operazione di fusione; 4) l indicazione dei criteri seguiti per l attribuzione delle quote del nuovo Fondo Interno e la determinazione del relativo valore di ingresso nello stesso; 5) la composizione sintetica dei Fondi Interni interessati alla fusione. Le operazioni di fusione dovranno tener conto dell interesse degli Aderenti e non potranno comportare alcun aggravio degli oneri economici per gli stessi, né modifiche del Regolamento del Fondo Interno in senso meno favorevole ad essi. La Compagnia provvederà a far confluire tutte le attività finanziarie relative al Fondo Interno in quello derivante dalla fusione, senza oneri o spese per gli Aderenti. La Compagnia provvederà, altresì, ad inviare agli Aderenti il nuovo Regolamento del Fondo Interno derivante dall operazione di fusione, che costituirà parte integrante del contratto.

10 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO OPPORTUNITY 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle condizioni generali di contratto, ha costituito il Fondo Interno Progetto Opportunity. Il Fondo Interno costituisce patrimonio separato ed autonomo rispetto agli attivi della Compagnia ed è destinato esclusivamente all erogazione agli aderenti di prestazioni pensionistiche e non può essere distratto da tale fine. 2 Obiettivi, caratteristiche, stile di gestione e profilo di rischio Il Fondo Interno Progetto Opportunity, di tipo azionario, mira alla crescita del capitale in linea con i mercati azionari, pur potendo investire anche nel comparto obbligazionario. Il Fondo Interno ha un orizzonte temporale di medio lungo periodo e un profilo di rischio alto. Il Fondo Interno Progetto Opportunity può investire esclusivamente in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e azionaria denominati in qualunque divisa, di qualunque area geografica, settore e categoria di emittenti, con il limite massimo del 100% del controvalore complessivo per il comparto azionario. La data di inizio di gestione prevista, subordinata all effettivo primo investimento nel Fondo, è il 03/07/2007. Il Fondo è ad accumulazione dei proventi e pertanto non distribuisce alcun dividendo. La Compagnia ha individuato il seguente parametro di riferimento (benchmark) per poter confrontare l andamento del Fondo Interno: - 20% Fideuram Obbligazionari Euro Governativi Medio / Lungo Termine - 80% Fideuram Azionari Internazionali. Gli indici Fideuram rappresentano le performance dei fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano. Il calcolo comprende tutti i fondi italiani in attività alla fine di ogni trimestre solare (31 marzo, 30 giugno ecc.). Sono calcolati giornalmente come media ponderata delle quotazioni giornaliere dei fondi rientranti in una data categoria (obbligazionari euro governativi medio/lungo termine e azionari internazionali) rapportate alla quotazione base. La ponderazione resta quindi invariata per un trimestre, prendendo a riferimento i patrimoni dei fondi valorizzati alla fine del trimestre solare precedente. I fondi di nuova emissione entrano a far parte del calcolo dal trimestre solare successivo a quello della data di emissione sul mercato. L obiettivo della gestione finanziaria del Fondo Interno è massimizzare il rendimento della gestione rispetto al benchmark. Lo stile di gestione seguito è di tipo attivo con possibili scostamenti della composizione del Fondo Interno rispetto all indice di riferimento. Il Fondo Interno investirà gli attivi prevalentemente in quote di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) e in particolare in comparti monetari, obbligazionari ed azionari. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Viene pertanto data attenzione agli obiettivi ed agli interventi di politica monetaria delle Banche Centrali ed alle opportunità di posizionamento, anche su tassi a breve termine; attenzione anche riposta alle previsioni circa la crescita dell economia mondiale e all andamento dei tassi d interesse. La Compagnia, nella gestione degli attivi, controlla il profilo di rischio del portafoglio al fine di ottimizzare la fase di costruzione del portafoglio stesso e opera un monitoraggio dei rendimenti dello stesso portafoglio, sia rispetto al benchmark di riferimento sia rispetto alla concorrenza. Si precisa che possono avere luogo temporanei superamenti delle soglie indicate dovuti alle dinamiche del mercato, fermo restando l impegno della Compagnia a limitare tali eccedenze al tempo necessario per rientrare nei limiti fissati. 3 Tipologie, caratteristiche delle attività del Fondo Il Fondo può investire nelle seguenti categorie di attività finanziarie, denominate in qualsiasi valuta: Fondi di investimento mobiliari, diversi dai fondi riservati o speculativi, con le seguenti caratteristiche:

11 OICR armonizzati ai sensi della direttiva 85/611/CEE; OICR nazionali, non armonizzati, commercializzati in Italia; OICR esteri, non armonizzati, autorizzati alla commercializzazione in Italia. Strumenti finanziari, emessi o garantiti da Stati appartenenti alla zona A ai sensi della direttiva 89/647/CEE, da Enti locali o da Enti pubblici di Stati membri dell Unione Europea o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri, ovvero da soggetti residenti negli stati appartenenti alla zona A, che rientrino nelle seguenti tipologie: titoli di stato e obbligazioni o titoli assimilabili, anche strutturati, che prevedano almeno il rimborso del nominale a scadenza e titoli azionari. Strumenti monetari emessi o garantiti da soggetti residenti in Stati della zona A, o da organizzazioni internazionali cui aderiscano uno o più dei predetti Stati membri dell Unione Europea, che rientrino nelle seguenti tipologie con scadenza non superiore a 6 mesi: depositi bancari in conto corrente, operazioni di pronti contro termine, certificati di deposito e altri strumenti del mercato monetario. Il Fondo può investire in strumenti finanziari o monetari e in quote di OICR emessi, gestiti o promossi da società facenti capo a gruppi finanziari detentori di azioni di CNP UniCredit Vita. Per la parte del Fondo Interno costituita da attività espresse, o che possono investire, in divise diverse dall Euro, è prevista l esposizione al rischio di cambio. E prevista la possibilità di affidare le scelte di investimento ad intermediari abilitati a prestare servizi di gestione di patrimoni nel quadro di criteri di allocazione del patrimonio predefiniti dalla Compagnia. In ogni caso rimane in capo a CNP UniCredit Vita l esclusiva responsabilità per l attività di gestione. E prevista la possibilità di impiegare strumenti finanziari derivati coerentemente con i profili di rischio del Fondo Interno ed esclusivamente a fini di copertura e di rivalutazione degli investimenti effettuati. 4 Determinazione del valore della quota del Fondo Il Fondo Interno è suddiviso in quote, è denominato in euro e il valore della quota al momento dell istituzione del Fondo è pari a 10,00 euro. La quota viene valorizzata settimanalmente; tale valorizzazione si riferisce al secondo giorno lavorativo della settimana - per CNP UniCredit Vita - dividendo il patrimonio netto del Fondo per il numero di quote ad esso riferibili alla data di valorizzazione. Inoltre la Compagnia provvederà a valorizzare la quota, con le stesse modalità, l ultimo giorno di ciascun mese. Il calcolo del valore della quota viene effettuato nel secondo giorno lavorativo per CNP UniCredit Vita - successivo alla data di valorizzazione. La valorizzazione del valore della quota viene sospesa in situazioni di forza maggiore che non ne consentano la regolare effettuazione fino al primo giorno lavorativo successivo al cessare della situazione che ha originato l evento di sospensione. Il patrimonio netto del Fondo è il risultato della valorizzazione delle relative attività al netto delle passività. Il valore delle attività viene determinato: all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per le quote o azioni di OICR; all ultima quotazione ufficiale disponibile alla data di valorizzazione, per i titoli quotati su mercati regolamentati; per quei titoli che, pur essendo quotati, sono sospesi dalle negoziazioni (a causa, ad esempio, di eventi di turbativa dei mercati o per decisione degli organi di borsa) o la cui quotazione non esprime un prezzo di negoziazione attendibile a causa della ridotta frequenza degli scambi o dell irrilevanza dei volumi trattati, si adotta una valutazione al valore di presunto realizzo; al valore di presunto realizzo per i titoli non quotati; al valore nominale, per i contanti, i depositi, i titoli a vista e le cedole e i dividendi scaduti. Le attività non espresse in Euro sono convertite in tale valuta sulla base dell ultimo cambio rilevato. Il valore delle passività, costituite dalle spese e dagli oneri maturati ma non ancora prelevati dal Fondo, viene determinato al valore nominale. 5 Spese a carico del Fondo Interno Sul Fondo Interno gravano i seguenti costi, che determinano una diminuzione del valore netto del patrimonio e di conseguenza del valore netto della quota: - commissioni di gestione pari al 2,60% su base annua calcolate sul patrimonio del Fondo, determinate pro rata temporis ad ogni data di valorizzazione del Fondo e prelevate mensilmente; Qualora le risorse siano impegnate per l acquisto di quote di OICR, sul patrimonio del Fondo Interno non vengono fatti gravare spese e diritti di qualsiasi natura relativi alla sottoscrizione e al rimborso

12 delle parti di OICR acquistati, né le commissioni di gestione applicate dall OICR stesso, salvo i casi di deroga previsti dalla COVIP in apposite istruzioni di carattere generale. Oltre ai costi di cui sopra, sul patrimonio del Fondo Interno possono gravare unicamente le imposte e tasse, le spese legali e giudiziarie sostenute nell esclusivo interesse degli Aderenti, gli oneri di negoziazione derivanti dall attività di impiego delle risorse e il contributo di vigilanza dovuto alla COVIP ai sensi di legge; grava inoltre la quota di pertinenza delle spese relative alla remunerazione e allo svolgimento dell incarico di Responsabile del Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. 6 Pubblicazione del valore delle quote Il valore della quota del Fondo viene pubblicato giornalmente su un quotidiano a tiratura nazionale (alla data di istituzione del Fondo: Il Sole 24 Ore ) e sul sito internet della Compagnia Il valore unitario è al netto di qualsiasi onere a carico del Fondo Interno. 7 Rendiconto e verifica del Fondo Entro 60 giorni dalla fine di ogni esercizio solare CNP UniCredit Vita redige il rendiconto annuale della gestione del Fondo. Il rendiconto del Fondo è sottoposto ad esame da parte di una Società di Revisione iscritta all albo di cui all art. 161 del D.Lgs. n. 58 del 24/2/1998, che esprime un giudizio circa la concordanza della gestione degli attivi con i criteri di investimento stabiliti dal regolamento ed accerta la rispondenza delle informazioni contenute nel rendiconto alle risultanze delle registrazioni contabili, la corretta valutazione delle attività del Fondo nonché la corretta determinazione e valorizzazione dell ultima quota del Fondo disponibile alla fine dell esercizio. 8 Eventuali modifiche al regolamento CNP UniCredit Vita si riserva di apportare al presente regolamento le modifiche che si rendessero necessarie a seguito di disposizioni legislative o dell Autorità di Vigilanza, nonché quelle giudicate opportune dalla Compagnia in relazione all evoluzione dei mercati. Tali modifiche, sottoposte all iter autorizzativo dell Organo di Vigilanza competente, se peggiorative verranno trasmesse agli Aderenti almeno 120 giorni prima della relativa data di efficacia; dal momento della comunicazione l Aderente ha 90 giorni di tempo per manifestare l eventuale scelta di trasferimento, che sarà effettuato senza l applicazione di alcuna spesa. 9 Fusione tra Fondi Interni A fronte di eventuali mutati criteri gestionali del Fondo Interno, o a seguito dell eventuale riduzione delle masse gestite tali da rendere l'incidenza dei costi gravanti sul Fondo Interno eccessivamente onerosa, ovvero tali da pregiudicare l efficiente gestione finanziaria dello stesso nell interesse degli Aderenti, è ammessa la possibilità di fusione del Fondo Interno con altri Fondi Interni della Compagnia, purché aventi caratteristiche similari, obiettivi di investimento omogenei e destinati a forme previdenziali. In tal caso, la Compagnia informerà, dopo aver sottoposto all iter autorizzativo all Organo di Vigilanza competente la suddetta operazione di fusione, in via preventiva e per iscritto, gli Aderenti del Fondo Interno circa tutti gli aspetti connessi con l operazione di fusione che rilevino, per gli stessi, in particolare precisando: 1) le motivazioni dell operazione di fusione; 2) gli effetti che la stessa determina sulle politiche di investimento dei Fondi stessi e sul regime delle commissioni; 3) le modalità ed i tempi esatti di regolazione dell operazione di fusione; 4) l indicazione dei criteri seguiti per l attribuzione delle quote del nuovo Fondo Interno e la determinazione del relativo valore di ingresso nello stesso; 5) la composizione sintetica dei Fondi Interni interessati alla fusione. Le operazioni di fusione dovranno tener conto dell interesse degli Aderenti e non potranno comportare alcun aggravio degli oneri economici per gli stessi, né modifiche del Regolamento del Fondo Interno in senso meno favorevole ad essi. La Compagnia provvederà a far confluire tutte le attività finanziarie relative al Fondo Interno in quello derivante dalla fusione, senza oneri o spese per gli Aderenti. La Compagnia provvederà, altresì, ad inviare agli Aderenti il nuovo Regolamento del Fondo Interno derivante dall operazione di fusione, che costituirà parte integrante del contratto.

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE Società appartenente al Gruppo Allianz SE Offerta al pubblico di Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked La Scheda Sintetica del Prospetto d offerta deve essere consegnata all Investitore-Contraente,

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Fascicolo Informativo

Fascicolo Informativo Contratto di Assicurazione di Rendita Vitalizia in parte immediata e in parte differita Rend & Cap Tasso Tecnico 0% Fascicolo Informativo Il presente Fascicolo Informativo contenente: a) la Scheda Sintetica

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli