storie di cibo mediterraneo fra genova, l africa e la sardegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "storie di cibo mediterraneo fra genova, l africa e la sardegna"

Transcript

1 Sergio Rossi A mio padre La Cucina dei Tabarchini storie di cibo mediterraneo fra genova, l africa e la sardegna Municipio VII Genova Ponente Le immagini utilizzate sono state gentilmente concesse da: Civica Biblioteca Berio di Genova, Secondo Borghero, Nicolo Capriata, Lorenza Garbarino, Antonio Marani, Museo Navale di Genova-Pegli, Nicolo Pomata, Sergio Rossi Direzione e coordinamento editoriale Fabrizio Fazzari Impaginazione e progetto grafico Marco Fiorello Redazione Fabrizio Fazzari, Marco Fiorello Stampa Grafiche G7 Sas per Sagep Editori Srl, ottobre 2010 Comune di Carloforte Comune di Calasetta In copertina L isola di Tabarca in una veduta di anonimo della seconda metà del XVII secolo (elaborazione grafica da), olio su tela, per gentile concessione del Museo Navale di Genova-Pegli 2010 Sagep Editori - ISBN

2 PREFAZIONE indice La storia Cucina tabarchina Il tonno I dolci Il vino Per concludere Ricette Bibliografia Ringraziamenti prefazione Cosa ci faccia quella gente in Sardegna lo sanno in tanti e in pochi, molti sanno che è gente di origine genovese ma pochi ne conoscono davvero la storia, scrive a un certo punto Sergio in questo libro, e ha perfettamente ragione: anche perché delle comunità tabarchine ultimamente si parla molto, spesso a vanvera. Per certi genovesi poi, Carloforte e Calasetta sono diventate una specie di icona, e i loro abitanti gli strenui depositari di tradizioni, suoni, saperi, sapori che i genovesi, dopo averli buttati nella spazzatura, adesso rimpiangono e si commuovono a ritrovare intatti a qualche centinaio di chilometri verso sud. Ed è una bella comodità, tutto sommato: dal punto di vista di chi sta sotto la Lanterna, le tradizioni, la lingua, la cucina e quant altro vivono là come per procura. Ogni tanto qualche presidente assortito di enti locali liguri, associazioni culturali e quant altro ci fa un salto, ne certifica l esistenza in vita, mangia un po di tonno, dà due pacche sulle spalle, sottoscrive un gemellaggio e se ne torna a casa tutto contento. Il genovese medio che ci va in vacanza, poi, sente parlare una lingua che non ha saputo trasmettere ai propri figli e trova da ridire sulla qualità del pesto: così se ne torna a casa tutto contento anche lui, perché è vero che quelli là hanno mantenuto la lingua, hanno anche delle belle spiagge se vogliamo, ma per il resto, vuoi mettere! Quanto ai Tabarchini, devono essersene accorti e, giustamente, ci marciano sopra: da popolo di mercanti quali sono sempre stati, sanno che la pubblicità è l anima del commercio, di commercio (anzi, di turismo) ora essi vivono, e su questo andirivieni di pegliesi in cerca di radici e di autoassoluzioni identitarie non è mica il caso di sputarci sopra Sono pochi quelli che, come Sergio Rossi, approdano a Carloforte e a Calasetta per cercare di capirne qualcosa, e che riportano a casa qualcosa di più che la banale sensazione di un tuffo in un passato che non hanno mai vissuto e che non è mai esistito. Quei pochi sanno anzitutto che le comunità tabarchine non rappresentano per niente il passato della Genova (e tanto meno della Pegli!) di oggi: hanno abbastanza buon senso da rendersi conto che non stanno visitando una specie di museo o di bazar delle cose perdute, ma paesi autentici,

3 26 7. Scorci del centro di Calasetta. 8. Fioriture primaverili a Carloforte. 9. Veduta della costa vicino a Carloforte, unico centro abitato dell Isola di San Pietro (arcipelago del Sulcis). 7 8 Superata la prima fase di piacevole stupore sono cominciate le domande: cosa rimane davvero della cultura genovese? E il cibo? Quali piatti hanno attraversato il tempo? Insomma il cervello mi fumava e non c era verso di farlo smettere. Per fortuna un caro amico genovese Fiorenzo Toso profondo conoscitore della cultura tabarchina e assiduo frequentatore di quelle comunità, mi aveva segnalato alcune persone del posto che poi contattai. Da lì cominciai a capire, e più capivo più mi veniva voglia di sapere. E ovviamente le mie curiosità si orientarono verso il cibo, verso la cucina locale, i prodotti agricoli, il tonno. Così si aprì un altro mondo, infinito, grandioso, smisurato nella sua semplicità. Un mondo di rapporti commerciali e umani con gente di altre culture. Un mondo di contatti e influenze che hanno prodotto una cultura alimentare singolarissima, forse unica, per capire la quale occorre tracciare un minimo di storia delle vicende che queste comunità hanno affrontato. 9 27

4 13. LA CURIOSA VICENDA DELLO scucuzù 37 Per un genovese il termine scucuzù oggi identifica un formato di pasta secca cilindretti del diametro di 4/5 millimetri e di altrettanta lunghezza utilizzato nel classico minestrone di verdura. Per i tabarchini, invece, è una pasta fatta a mano ricavata dalla lavorazione della semola e impiegata per le minestre di ceci e fagioli e per un piatto a base di crostacei definito pilau. Come detto, lo scucuzù si fa adottando lo stesso procedimento di preparazione del cascà, ma prolungando la lavorazione della semola fino ad ottenere piccole sferette che poi si metteranno ad asciugare all aria o al sole. Una rapida esplorazione su alcuni testi antichi porta a constatare che al termine scucuzù scritto in modi diversi nel tempo sono stati attribuiti parecchi significati. Qui sotto riporto alcune citazioni in modo che ciascuno possa valutare da sé. La questione è davvero spinosa. Sogliono ancora mangiare carne bollita, e insieme cipolle e fave; oppure l accompagnano con un altro cibo, detto da essi cuscusu [riferito ad una zona interna del Marocco prima del 1518 NdA]. ma il verno mangiano carne allessa, insieme con quella vivanda che è detta cuscusu, la quale si fa di pasta, come i coriandoli, e lo cuocono in certe pignatte forate per ricevere il fumo d altre pignatte, di poi vi mescolano dentro butirro, e lo bagnano di brodo [riferito alla città di Fez, in Marocco, prima del 1518 NdA]. 38 Al Hassan Ibn Muhammad al Wazzan al Fasi, conosciuto anche come Giovanni Leone l Africano ( ), Della descrizione dell Affrica [relativa ai viaggi effettuati prima del 1518 NdA], in: Giovambattista Ramusio ( ), Il viaggio di Giovan Leone e le navigazioni di Alvise da Ca da Mosto, di Pietro di Cintra, di Annone, di un Piloto Portoghese e di Vasco de Gama quali si leggono nella raccolta di Giovambattista Ramusio Venezia, 1837 Per fare una vivanda di semolella con diverse altre materie alla moresca, chiamata Sucussu Bartolomeo Scappi Opera, dell arte del cucinare, Venezia 1570 da 37 a 40. Immagini di scucuzù prodotto a macchina 64 65

5 U præve 90. Panissa. Il filone delle farinate comprende anche la panissa, sorta di polenta di farina di ceci anch essa fortemente radicata nella tradizione alimentare genovese e ligure. Una volta pronta, ovvero ridotta alla consistenza di una polenta, la panissa viene versata dentro piatti fondi a raffreddare. Infine viene tagliata a pezzetti per essere condita in insalata, saltata in padella oppure fritta a listarelle denominate panissette, eccellenti se mangiate come aperitivo e stuzzichino, o in mezzo a un panino o ad una focaccetta, come si fa a Savona. Questo settore della cucina, che a Genova è tipico delle sciamadde e dei negozi di torte e farinate, include fra l altro il capitolo che riguarda le verdure ripiene e le torte pasqualine. Le cipolle ripiene occupano un posto di rilievo nella cucina tabarchina e sono preparate in un modo piuttosto singolare, almeno confrontandolo con quello genovese. Dopo aver sfogliato e riempito le brattee della cipolla con un miscuglio a base di verdura, uova, formaggio e erbe aromatiche, si friggono in padella per poi metterle in casseruola ultimando la cottura in salsa di pomodoro. Fino alla frittura siamo in parallelo con il metodo antico adottato a Genova. Infatti, in questo modo le verdure ripiene si potevano cuocere direttamente per strada, vendendole così, in diretta, ai passanti. Della successiva stufatura in casseruola, invece, non ci sono più tracce salvo in poche aree dell entroterra dove questa pratica rimane ancora viva. Iniziando questa ricerca, stimolato soprattutto dalle forti analogie fra la cucina tabarchina e quella ligure, ho sempre mantenuto la stessa rotta, sulla scia delle due culture alimentari e alla continua ricerca di punti di contatto. Alcuni fra questi, tipo la farinata, la panissa o le verdure ripiene, mi hanno portato nell ambito dei più popolari cibi di strada genovesi e da lì è nata spontanea una domanda: i tabarchini fanno le torte di verdura? La risposta è sì, le conoscono e le fanno in casa, ma la loro analoga specialità è il præve, cioè il prete. Il nome è quantomeno singolare e sono convinto che non sia del tutto casuale anche se, nonostante le ricerche e le indagini, non mi è stato possibile scoprirne le origini né le motivazioni. Il præve è una specie di torta salata simile alla versione più classica genovese, cioè con il ripieno formato da bietole e formaggio fresco. Pare non sia legata ad una ricorrenza particolare ed è un piatto veloce e semplice che a volte aiuta a risolvere il consueto problema di cosa fare da mangiare. Si fa con bietole, ricotta, uova, sale, maggiorana e un pizzico di spezie, che qui chiamano saporita, dal nome di una miscela preconfezionata. Oggi il præve si cuoce in forno, mentre in passato spesso si sottestava, impiegando i due tegami con la brace sotto e sopra, come spiegato poc anzi. 91, 92. U præve

6 Giovanni Rebora Giovanni Rebora (Genova nel 1932, Genova 2007) è stato professore di Storia Economica e di Storia Agraria Medievale e direttore del Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea dell Università di Genova. Durante la sua lunga carriera ha collaborato con alcuni fra gli storici più importanti del XX secolo (Fernand Braudel). Ha condotto studi e ricerche sulla storia dell alimentazione e scritto importanti pubblicazioni come La cucina medievale italiana tra Oriente e Occidente (Genova 1992), Colombo a tavola (Savona 1992), La civiltà della forchetta (Roma-Bari 1998) e La cucina dei papi Della Rovere (Savona 2003). È stato presidente del Conservatorio delle Cucine Mediterranee e ha studiato in profondità la storia della cucina mediterranea, sia sotto il profilo economico, sia sotto il profilo enogastronomico. È riconosciuto come uno dei massimi studiosi di storia dell alimentazione in Europa. 46. vita di tonnara Intraprendere l impresa di scrivere un libro sulla cucina tabarchina è in qualche modo un atto di presunzione: lo credo sul serio. Non parliamo, poi, dell argomento tonno, che trovo davvero arduo sviluppare in modo chiaro e sintetico. Per tentare di farlo al meglio ho cercato libri, documenti e testimonianze, provando ad individuare il corridoio luminoso che guidasse il racconto. Qualcuno mi aveva parlato di una interessante tesi di laurea presentata da una studentessa di Calasetta. Chiedendo un po in giro non fu difficile rintracciare la sua famiglia. Mi recai allora nel negozio del signor Parodi, padre di Angela, l autrice della ricerca. Fui subito accolto con molta cortesia anche perché, condividendo l amicizia di Giovanni Rebora, u Prufessù, l approccio fu assai agevolato. Il mio scopo era quello di consultare e studiare la tesi sul tonno, per apprendere qualcosa di interessante soprattutto in relazione alle ricette di cucina e ai racconti dei testimoni che avevano lavorato in tonnara. La difficoltà stava nel riuscire a parlare con la dottoressa Parodi, la quale, non vivendo più a Calasetta, era piuttosto difficile da contattare. La fortuna volle che in occasione di una telefonata alla mamma che Rebora mi descriveva come cuoca eccellente trovai Angela a casa, in visita ai genitori. Sapevo che la tesi non era mai stata pubblicata e sapevo anche che di un tale lavoro, probabilmente, l autrice avrebbe voluto, prima o poi, pubblicare almeno un estratto. Ciò suggeriva una notevole cautela nel cercare di spiegare alla dottoressa Parodi le mie intenzioni, ovvero la volontà di consultare la tesi ed eventualmente citarne alcune parti. In effetti Angela Parodi fu molto gentile e disponibile. Ci parlammo al telefono e dopo averle illustrato il mio progetto e ottenuto il suo assenso ad avere la tesi, per una serie di fortuite coincidenze, passata neppure una settimana ne avevo già in mano una copia. È davvero un bel lavoro, chiaro e puntuale nell inquadramento storico e molto interessante nella parte delle interviste ai tonnarotti e nelle ricette di cucina. Ciò che più mi ha colpito è la sensibilità con la quale è stata condotta la ricerca, studiando ed esponendo la parte storica, certo, ma accostandola ad un autentico spaccato di vita quotidiana affidato direttamente alle voci degli anziani locali. Sono loro, stimolati dalle domande di Angela, a parlare in prima persona dei trascorsi in tonnara, dell impiego stagionale nella lavorazione del tonno e dei legami con quella vita di mare che ogni primavera riproponeva le stesse gioie, le stesse incognite e purtroppo, per un certo periodo, le stesse delusioni dovute ad una penosa vicenda di inquinamento ambientale che, fra le altre, ebbe anche la terribile responsabilità di allontanare quella straordinaria e attesa risorsa rappresentata dai tonni. Nei racconti degli intervistati c è gioia, la gioia di chi ha vissuto una stagione di lavoro e di fatica sapendo apprezzarne gli aspetti positivi: due o tre mesi di salario certo, l assistenza medica gratuita per tutta la famiglia dal primo maggio fino a tutto dicembre, gli assegni familiari e i versamenti dei contributi per la pensione [Angela Parodi, intervista ad A.R.]. E poi qualche beneficio in natura: quando la mattanza era stata abbondante, ci davano sempre un po di tonno (2-3 kg). Quando stivavamo il tonno, un po di provvista di scabeccio la facevamo sempre [Angela Parodi, intervista a P.F.]. Infine diversi momenti di festa condivisi con i compagni di lavoro: di sera, dopo aver finito di mangiare, giocavamo a carte [ ] era un divertimento scherzarci e farci dispetti a vicenda. Lavorare in tonnara significava che quell uomo, che a Calasetta era sempre stato considerato per bene, pacato e dedito alla famiglia, quando prendeva la via del mare per raggiungere la tonnara, perdeva la sua dignità. S intende in senso buono! Non era più l uomo che era a Calasetta, perché di norma un uomo grande, non fa dispetti per ridere. Era proprio un divertimento! [Angela Parodi, intervista ad A.R.] Tonno di trecento chili

7 Una ricetta storica genovese Ciambelle (Canestrelletti) di pasta di mandorle: Prendete tre ettogrammi di mandorle, mettetele in molle, sbucciatele e pestatele in mortaio affinché divengano una pasta aggiungendovi poco per volta duecento grammi di zucchero e tre cucchiaini di fior d arancio e formatene le ciambelle, mettetele in tegame unto leggermente, indi ponetelo al fuoco, pochissimo di sotto e molto di sopra, osservandole frequentemente, appena avranno preso un bel colore d oro toglietele, bagnatele leggermente alla superficie di sciroppo e spargetevi sopra semenzina confettata (semensetta). [G. B. e Giovanni Ratto, La Cuciniera Genovese ossia la vera maniera di cucinare alla genovese Genova, 1863] 128. Rusette. 53. ruette, rusette e canestrelli A Carloforte c è una pasticceria che fa dolcetti identici agli attuali canestrelli del Genovesato. Se però si chiede una confezione di canestrelli, si viene serviti con le ciambelle di cui abbiamo parlato prima; per ottenere i dolci a forma di fiore bisogna chiedere le rusette (rosette). Riflettendo su questa stranezza, in un primo momento pensai che avrebbe potuto rappresentare la corretta chiave di lettura per definire la questione canestrelli a fiore o a ciambella, ma nulla da fare: a Genova niente rusette. Tuttavia a Borzonasca, piccolo paese della valle Sturla, nell entroterra ligure, a circa cinquanta chilometri da Genova, si fa un dolce tradizionale a forma di fiore, esattamente identico ai canestrelli, chiamato però ruetta (rotella). E qua e là, nel Genovesato, capita ancora di sentir chiamare ruette i canestrelli. Alla fine, perciò, la questione di uno stesso nome per diversi prodotti si complica tremendamente e rischia di diventare solo un inutile esercizio intellettuale. E se per caso si decide di allargare l interrogativo alle regioni limitrofe, è ancora peggio. Basti pensare ad alcuni canestrelli del vercellese, che sono cialde, oppure ai canestrelli corsi, che sono dolcetti rettangolari. Tornando in Liguria, io credo che i canestrelli originali siano quelli tabarchini e gli altri siano davvero ruette o talvolta rusette, intese come rosette, ovvero simboli araldici riferiti alla rosa a cinque petali con bottone centrale. 128 Come, quando e perché i primi siano spariti dalla circolazione lasciando spazio e nome ai secondi, non saprei proprio dirlo, ma ho l impressione che si sia trattato di qualcosa accaduto nel secolo scorso, e non nei primissimi anni. Certamente il problema non è tanto quello di individuare una data di morte dei canestrelli vecchia maniera o determinare la nascita degli altri, quanto, piuttosto, capire perché, come e quando si sia verificato il passaggio dagli uni agli altri. Ma dato che questo libro avrebbe la pretesa di occuparsi della sola cucina tabarchina, rimanderò l indagine ad un altra occasione, magari dopo aver ulteriormente approfondito la questione

8 3. Uve ad acini bianchi, bislunghi. } vitis vinifera cucumerina Corniola (Cornichon blanc Duh.) mammillaris Tita de bacca. VITI DA PERGOLA serotina Axina de Angiulus. latifolia Galoppu. laxissima Apesorgia bianca. Isidori Muscatellò; Muscateglio. (Muscat d Alexandrie; Passe longue musquée Duh.). Vite da pergola. Queste tre ultime sorta forniscono uve da tavola. 56. le uve sarde nel 1838 Quest elenco è stato pubblicato nel 1838 ed è il frutto delle ricerche effettuate dal professor Giuseppe Giacinto Moris ( ), piemontese, medico e botanico, il quale per un periodo lavorò a Cagliari e lì condusse i suoi studi botanici. Riporto integralmente la parte dedicata alle uve perché credo sia molto interessante per fissare nel tempo le più importanti varietà coltivate. 1. Uve ad acini rossicci o neri, rotondi. vitis vinifera amabilis Nascu. Delle migliori: il vino è conosciuto sotto ugual nome. abundans Nuràgus. Di estesa coltivazione. rubella Rosa. Uva da tavola. suavis Girò. Serve ancora essa per tavola; il vino, d ugual nome, è molto amabile. nectarea Monica. Il vino monica è stimato aver il vanto sopra tutti i vini sardi. vitis vinifera affinis Bovàli. Simile al precedente e vi hanno due sorta. Il Bovàli mannu ha gli acini più grossi ma eziando più rari, e siccome di solito mette troppi pampini, è meno coltivato. nigra-mollis Niedda-moddi. præstans Cannonau. Dà vino eccellente e ricercato. nigra-vera Niedda era. infectiva Zinzillosu (Le Teinturier Roz. Dict. agric. X, p. 178, tab. 9). coacervata Merdulinu. Uva da tavola. 4. Uve ad acini bianchi, rotondi. vitis vinifera generosa Muscadeddu (Muscat blanc Duh.) Il vino Muscàu che se ne trae è dolcissimo. malvatica Malvasia. austera Varnaccia; Carnaccia. Vino amaro ed aspretto ma gradito al palato; contiene minor dose di alcool. læta Semidànu. Acini piccioli ma dolci e sugosi. vitis vinifera acidula Manzèsu. Acini piccioli duri, agretti. speciosa Arremungiau. Il nome latino le venne imposto a motivo de grossi suoi acini. inæqualis Sarravèsa. Fornisce il vino che porta questo nome. robusta Arbumannu. Primaticcia e gradita alle tavole. decolor Bianchedda. pellucens Arrettallau Le bucce degli acini sono di una straordinaria sottigliezza. Quest elenco, come avverte l autore [chi scrive cita il Moris NdA], è ben lungi dal comprendere tutte le uve sarde, altre molte essendovene, massime nelle parti settentrionali dell isola, delle quali per ora non poté dare un esatta descrizione; di questo numero è la Bariadorgia del territorio di Sassari, uva primaticcia e saporitissima; neppure vi manca il Muscat noir, del Duhamel (Muscadeddu-nieddu dei Sardi), ma viene piantato in pochissimi siti. [G. G. Moris, Flora Sardoa Torino, 1837 in: Biblioteca Italiana o sia Giornale di Letteratura, Scienze ed Arti compilato da varj Letterati, tomo LXXXIX Milano, 1838] 2. Uve ad acini rossicci o neri, bislunghi. vitis vinifera trifera Axina de tres biàs; Axina de tres bortas. Vite da pergola. jucunda Apesorgia niedda. hierosolymitana Axina de Gerusalem. Tutte e tre queste sorta d uve servono per le mense

9 spaghetti alla bottarga di tonno fresca (ricetta del ristorante L Oasi ) Ristorante L Oasi via Gramsci, 59 Carloforte bobba: suprema di fave secche (ricetta del ristorante Da Andrea, Osteria della tonnara ) Ristorante Da Andrea, Osteria della tonnara corso Battellieri, 36 Carloforte Ingredienti per 4 persone 350 g di spaghetti 150 g di bottarga fresca di tonno (uova di tonno) olio extravergine d oliva qb aglio a piacere 12 pomodorini freschi 1 acciuga salata 1 ciuffetto di prezzemolo Vernaccia qb Lessare in acqua della bottarga di tonno fresca, scolarla e ripulirla dalle impurità. In una padella mettere dell olio extravergine d oliva, aglio, pomodorini freschi, un acciuga salata e saltare leggermente. Aggiungere poi le uova di tonno lessate e pulite, un po di prezzemolo e sfumare con della vernaccia. Scolare la pasta molto al dente e aggiungerla al composto in padella. Far saltare per ultimare la cottura. Vino consigliato Bianco Funtanaliras Solitamente la bottarga si degusta dopo essere stata salata ed essiccata. In questa preparazione, tuttavia, esprime un sapore fresco e delicato. Le uova di tonno fresche si trovano nel periodo primaverile quando questi pesci intraprendono la loro lunga migrazione che talvolta termina in tonnara. In un tegame di terracotta mettere dell olio e la mezza cipolla affettata; lasciare appassire e aggiungere le fave secche (non vanno messe a bagno!). Fare imbiondire e aggiungere la maggiorana, i pomodori schiacciati, le zucchine a pezzi, le due foglie di basilico. Quindi dosare il sale e aggiungere dell acqua lasciando cuocere per circa tre ore a fuoco lento e mescolando di frequente affinché il composto non si attacchi al fondo del tegame. A fine cottura aggiungere due foglie di basilico. Servire con un filo d olio e crostini di pane. La bobba ricorda le minestre di lunga cottura, piatto classico della cucina popolare. E le fave secche, in particolare, comparivano già fra i prodotti normalmente consumati dai corallatori liguri. Ingredienti per 4 persone 500 g di fave secche ½ cipolla olio extravergine sardo qb 4 foglie di basilico 1 rametto di maggiorana fresca 2 zucchine verdi 2 pomodori perini sale qb crostini di pane a piacere

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario CUCINARE SUPERFACILE cucinaresuperfacile.com BioStory: Il mio nome è Antonella. Sono fatta di esperienza e buonsenso, voglia di vivere e tenacia, il buon cibo è la mia

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!!

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! Kitchen Cri OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! 10 Ricette per aumentare Grassi e Colesterolo Ecco l'indice delle ricette: 1. Cordonbleu di pollo e prosciutto 2. Gamberi in panatura di patate 3. Mozzarella in carrozza

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti!

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Ricette ci trovi anche su www.tuttocalabria.com Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Indice Promi Piatti Penne Stuzzicanti....

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli FRANCO NOBILE GIORGIA ROMEO LA SALUTE VIEN MANGIANDO La qualità dei cibi per la qualità della vita Prefazione di Francesco Schittulli Agli amici paracadutisti della Brigata Folgore Layout e impaginazione

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

falzone.eu dal 30 aprile al 2 maggio 2015 piazza walther bolzano

falzone.eu dal 30 aprile al 2 maggio 2015 piazza walther bolzano falzone.eu dal 30 aprile al 2 maggio 2015 piazza walther bolzano Festa dei fiori Bolzano dal 30 aprile al 2 maggio 2015 Programma Primavera a Bolzano Bolzano, dove la primavera ha un fascino tutto particolare,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff Tutti i prodotti che potete assaporare, pane, pasta fresca,dolci e quant'altro sono tutti confezionati dalla nostra cucina. Poniamo particolare attenzione ai prodotti tipici locali e alle materie prime

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara Prologo Se vi domandate il perchè di questo mio curioso documento è presto detto: il 17 Gennaio è stato festeggiato il Carbonara Day. Quel giorno tutti i ristoranti

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli