storie di cibo mediterraneo fra genova, l africa e la sardegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "storie di cibo mediterraneo fra genova, l africa e la sardegna"

Transcript

1 Sergio Rossi A mio padre La Cucina dei Tabarchini storie di cibo mediterraneo fra genova, l africa e la sardegna Municipio VII Genova Ponente Le immagini utilizzate sono state gentilmente concesse da: Civica Biblioteca Berio di Genova, Secondo Borghero, Nicolo Capriata, Lorenza Garbarino, Antonio Marani, Museo Navale di Genova-Pegli, Nicolo Pomata, Sergio Rossi Direzione e coordinamento editoriale Fabrizio Fazzari Impaginazione e progetto grafico Marco Fiorello Redazione Fabrizio Fazzari, Marco Fiorello Stampa Grafiche G7 Sas per Sagep Editori Srl, ottobre 2010 Comune di Carloforte Comune di Calasetta In copertina L isola di Tabarca in una veduta di anonimo della seconda metà del XVII secolo (elaborazione grafica da), olio su tela, per gentile concessione del Museo Navale di Genova-Pegli 2010 Sagep Editori - ISBN

2 PREFAZIONE indice La storia Cucina tabarchina Il tonno I dolci Il vino Per concludere Ricette Bibliografia Ringraziamenti prefazione Cosa ci faccia quella gente in Sardegna lo sanno in tanti e in pochi, molti sanno che è gente di origine genovese ma pochi ne conoscono davvero la storia, scrive a un certo punto Sergio in questo libro, e ha perfettamente ragione: anche perché delle comunità tabarchine ultimamente si parla molto, spesso a vanvera. Per certi genovesi poi, Carloforte e Calasetta sono diventate una specie di icona, e i loro abitanti gli strenui depositari di tradizioni, suoni, saperi, sapori che i genovesi, dopo averli buttati nella spazzatura, adesso rimpiangono e si commuovono a ritrovare intatti a qualche centinaio di chilometri verso sud. Ed è una bella comodità, tutto sommato: dal punto di vista di chi sta sotto la Lanterna, le tradizioni, la lingua, la cucina e quant altro vivono là come per procura. Ogni tanto qualche presidente assortito di enti locali liguri, associazioni culturali e quant altro ci fa un salto, ne certifica l esistenza in vita, mangia un po di tonno, dà due pacche sulle spalle, sottoscrive un gemellaggio e se ne torna a casa tutto contento. Il genovese medio che ci va in vacanza, poi, sente parlare una lingua che non ha saputo trasmettere ai propri figli e trova da ridire sulla qualità del pesto: così se ne torna a casa tutto contento anche lui, perché è vero che quelli là hanno mantenuto la lingua, hanno anche delle belle spiagge se vogliamo, ma per il resto, vuoi mettere! Quanto ai Tabarchini, devono essersene accorti e, giustamente, ci marciano sopra: da popolo di mercanti quali sono sempre stati, sanno che la pubblicità è l anima del commercio, di commercio (anzi, di turismo) ora essi vivono, e su questo andirivieni di pegliesi in cerca di radici e di autoassoluzioni identitarie non è mica il caso di sputarci sopra Sono pochi quelli che, come Sergio Rossi, approdano a Carloforte e a Calasetta per cercare di capirne qualcosa, e che riportano a casa qualcosa di più che la banale sensazione di un tuffo in un passato che non hanno mai vissuto e che non è mai esistito. Quei pochi sanno anzitutto che le comunità tabarchine non rappresentano per niente il passato della Genova (e tanto meno della Pegli!) di oggi: hanno abbastanza buon senso da rendersi conto che non stanno visitando una specie di museo o di bazar delle cose perdute, ma paesi autentici,

3 26 7. Scorci del centro di Calasetta. 8. Fioriture primaverili a Carloforte. 9. Veduta della costa vicino a Carloforte, unico centro abitato dell Isola di San Pietro (arcipelago del Sulcis). 7 8 Superata la prima fase di piacevole stupore sono cominciate le domande: cosa rimane davvero della cultura genovese? E il cibo? Quali piatti hanno attraversato il tempo? Insomma il cervello mi fumava e non c era verso di farlo smettere. Per fortuna un caro amico genovese Fiorenzo Toso profondo conoscitore della cultura tabarchina e assiduo frequentatore di quelle comunità, mi aveva segnalato alcune persone del posto che poi contattai. Da lì cominciai a capire, e più capivo più mi veniva voglia di sapere. E ovviamente le mie curiosità si orientarono verso il cibo, verso la cucina locale, i prodotti agricoli, il tonno. Così si aprì un altro mondo, infinito, grandioso, smisurato nella sua semplicità. Un mondo di rapporti commerciali e umani con gente di altre culture. Un mondo di contatti e influenze che hanno prodotto una cultura alimentare singolarissima, forse unica, per capire la quale occorre tracciare un minimo di storia delle vicende che queste comunità hanno affrontato. 9 27

4 13. LA CURIOSA VICENDA DELLO scucuzù 37 Per un genovese il termine scucuzù oggi identifica un formato di pasta secca cilindretti del diametro di 4/5 millimetri e di altrettanta lunghezza utilizzato nel classico minestrone di verdura. Per i tabarchini, invece, è una pasta fatta a mano ricavata dalla lavorazione della semola e impiegata per le minestre di ceci e fagioli e per un piatto a base di crostacei definito pilau. Come detto, lo scucuzù si fa adottando lo stesso procedimento di preparazione del cascà, ma prolungando la lavorazione della semola fino ad ottenere piccole sferette che poi si metteranno ad asciugare all aria o al sole. Una rapida esplorazione su alcuni testi antichi porta a constatare che al termine scucuzù scritto in modi diversi nel tempo sono stati attribuiti parecchi significati. Qui sotto riporto alcune citazioni in modo che ciascuno possa valutare da sé. La questione è davvero spinosa. Sogliono ancora mangiare carne bollita, e insieme cipolle e fave; oppure l accompagnano con un altro cibo, detto da essi cuscusu [riferito ad una zona interna del Marocco prima del 1518 NdA]. ma il verno mangiano carne allessa, insieme con quella vivanda che è detta cuscusu, la quale si fa di pasta, come i coriandoli, e lo cuocono in certe pignatte forate per ricevere il fumo d altre pignatte, di poi vi mescolano dentro butirro, e lo bagnano di brodo [riferito alla città di Fez, in Marocco, prima del 1518 NdA]. 38 Al Hassan Ibn Muhammad al Wazzan al Fasi, conosciuto anche come Giovanni Leone l Africano ( ), Della descrizione dell Affrica [relativa ai viaggi effettuati prima del 1518 NdA], in: Giovambattista Ramusio ( ), Il viaggio di Giovan Leone e le navigazioni di Alvise da Ca da Mosto, di Pietro di Cintra, di Annone, di un Piloto Portoghese e di Vasco de Gama quali si leggono nella raccolta di Giovambattista Ramusio Venezia, 1837 Per fare una vivanda di semolella con diverse altre materie alla moresca, chiamata Sucussu Bartolomeo Scappi Opera, dell arte del cucinare, Venezia 1570 da 37 a 40. Immagini di scucuzù prodotto a macchina 64 65

5 U præve 90. Panissa. Il filone delle farinate comprende anche la panissa, sorta di polenta di farina di ceci anch essa fortemente radicata nella tradizione alimentare genovese e ligure. Una volta pronta, ovvero ridotta alla consistenza di una polenta, la panissa viene versata dentro piatti fondi a raffreddare. Infine viene tagliata a pezzetti per essere condita in insalata, saltata in padella oppure fritta a listarelle denominate panissette, eccellenti se mangiate come aperitivo e stuzzichino, o in mezzo a un panino o ad una focaccetta, come si fa a Savona. Questo settore della cucina, che a Genova è tipico delle sciamadde e dei negozi di torte e farinate, include fra l altro il capitolo che riguarda le verdure ripiene e le torte pasqualine. Le cipolle ripiene occupano un posto di rilievo nella cucina tabarchina e sono preparate in un modo piuttosto singolare, almeno confrontandolo con quello genovese. Dopo aver sfogliato e riempito le brattee della cipolla con un miscuglio a base di verdura, uova, formaggio e erbe aromatiche, si friggono in padella per poi metterle in casseruola ultimando la cottura in salsa di pomodoro. Fino alla frittura siamo in parallelo con il metodo antico adottato a Genova. Infatti, in questo modo le verdure ripiene si potevano cuocere direttamente per strada, vendendole così, in diretta, ai passanti. Della successiva stufatura in casseruola, invece, non ci sono più tracce salvo in poche aree dell entroterra dove questa pratica rimane ancora viva. Iniziando questa ricerca, stimolato soprattutto dalle forti analogie fra la cucina tabarchina e quella ligure, ho sempre mantenuto la stessa rotta, sulla scia delle due culture alimentari e alla continua ricerca di punti di contatto. Alcuni fra questi, tipo la farinata, la panissa o le verdure ripiene, mi hanno portato nell ambito dei più popolari cibi di strada genovesi e da lì è nata spontanea una domanda: i tabarchini fanno le torte di verdura? La risposta è sì, le conoscono e le fanno in casa, ma la loro analoga specialità è il præve, cioè il prete. Il nome è quantomeno singolare e sono convinto che non sia del tutto casuale anche se, nonostante le ricerche e le indagini, non mi è stato possibile scoprirne le origini né le motivazioni. Il præve è una specie di torta salata simile alla versione più classica genovese, cioè con il ripieno formato da bietole e formaggio fresco. Pare non sia legata ad una ricorrenza particolare ed è un piatto veloce e semplice che a volte aiuta a risolvere il consueto problema di cosa fare da mangiare. Si fa con bietole, ricotta, uova, sale, maggiorana e un pizzico di spezie, che qui chiamano saporita, dal nome di una miscela preconfezionata. Oggi il præve si cuoce in forno, mentre in passato spesso si sottestava, impiegando i due tegami con la brace sotto e sopra, come spiegato poc anzi. 91, 92. U præve

6 Giovanni Rebora Giovanni Rebora (Genova nel 1932, Genova 2007) è stato professore di Storia Economica e di Storia Agraria Medievale e direttore del Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea dell Università di Genova. Durante la sua lunga carriera ha collaborato con alcuni fra gli storici più importanti del XX secolo (Fernand Braudel). Ha condotto studi e ricerche sulla storia dell alimentazione e scritto importanti pubblicazioni come La cucina medievale italiana tra Oriente e Occidente (Genova 1992), Colombo a tavola (Savona 1992), La civiltà della forchetta (Roma-Bari 1998) e La cucina dei papi Della Rovere (Savona 2003). È stato presidente del Conservatorio delle Cucine Mediterranee e ha studiato in profondità la storia della cucina mediterranea, sia sotto il profilo economico, sia sotto il profilo enogastronomico. È riconosciuto come uno dei massimi studiosi di storia dell alimentazione in Europa. 46. vita di tonnara Intraprendere l impresa di scrivere un libro sulla cucina tabarchina è in qualche modo un atto di presunzione: lo credo sul serio. Non parliamo, poi, dell argomento tonno, che trovo davvero arduo sviluppare in modo chiaro e sintetico. Per tentare di farlo al meglio ho cercato libri, documenti e testimonianze, provando ad individuare il corridoio luminoso che guidasse il racconto. Qualcuno mi aveva parlato di una interessante tesi di laurea presentata da una studentessa di Calasetta. Chiedendo un po in giro non fu difficile rintracciare la sua famiglia. Mi recai allora nel negozio del signor Parodi, padre di Angela, l autrice della ricerca. Fui subito accolto con molta cortesia anche perché, condividendo l amicizia di Giovanni Rebora, u Prufessù, l approccio fu assai agevolato. Il mio scopo era quello di consultare e studiare la tesi sul tonno, per apprendere qualcosa di interessante soprattutto in relazione alle ricette di cucina e ai racconti dei testimoni che avevano lavorato in tonnara. La difficoltà stava nel riuscire a parlare con la dottoressa Parodi, la quale, non vivendo più a Calasetta, era piuttosto difficile da contattare. La fortuna volle che in occasione di una telefonata alla mamma che Rebora mi descriveva come cuoca eccellente trovai Angela a casa, in visita ai genitori. Sapevo che la tesi non era mai stata pubblicata e sapevo anche che di un tale lavoro, probabilmente, l autrice avrebbe voluto, prima o poi, pubblicare almeno un estratto. Ciò suggeriva una notevole cautela nel cercare di spiegare alla dottoressa Parodi le mie intenzioni, ovvero la volontà di consultare la tesi ed eventualmente citarne alcune parti. In effetti Angela Parodi fu molto gentile e disponibile. Ci parlammo al telefono e dopo averle illustrato il mio progetto e ottenuto il suo assenso ad avere la tesi, per una serie di fortuite coincidenze, passata neppure una settimana ne avevo già in mano una copia. È davvero un bel lavoro, chiaro e puntuale nell inquadramento storico e molto interessante nella parte delle interviste ai tonnarotti e nelle ricette di cucina. Ciò che più mi ha colpito è la sensibilità con la quale è stata condotta la ricerca, studiando ed esponendo la parte storica, certo, ma accostandola ad un autentico spaccato di vita quotidiana affidato direttamente alle voci degli anziani locali. Sono loro, stimolati dalle domande di Angela, a parlare in prima persona dei trascorsi in tonnara, dell impiego stagionale nella lavorazione del tonno e dei legami con quella vita di mare che ogni primavera riproponeva le stesse gioie, le stesse incognite e purtroppo, per un certo periodo, le stesse delusioni dovute ad una penosa vicenda di inquinamento ambientale che, fra le altre, ebbe anche la terribile responsabilità di allontanare quella straordinaria e attesa risorsa rappresentata dai tonni. Nei racconti degli intervistati c è gioia, la gioia di chi ha vissuto una stagione di lavoro e di fatica sapendo apprezzarne gli aspetti positivi: due o tre mesi di salario certo, l assistenza medica gratuita per tutta la famiglia dal primo maggio fino a tutto dicembre, gli assegni familiari e i versamenti dei contributi per la pensione [Angela Parodi, intervista ad A.R.]. E poi qualche beneficio in natura: quando la mattanza era stata abbondante, ci davano sempre un po di tonno (2-3 kg). Quando stivavamo il tonno, un po di provvista di scabeccio la facevamo sempre [Angela Parodi, intervista a P.F.]. Infine diversi momenti di festa condivisi con i compagni di lavoro: di sera, dopo aver finito di mangiare, giocavamo a carte [ ] era un divertimento scherzarci e farci dispetti a vicenda. Lavorare in tonnara significava che quell uomo, che a Calasetta era sempre stato considerato per bene, pacato e dedito alla famiglia, quando prendeva la via del mare per raggiungere la tonnara, perdeva la sua dignità. S intende in senso buono! Non era più l uomo che era a Calasetta, perché di norma un uomo grande, non fa dispetti per ridere. Era proprio un divertimento! [Angela Parodi, intervista ad A.R.] Tonno di trecento chili

7 Una ricetta storica genovese Ciambelle (Canestrelletti) di pasta di mandorle: Prendete tre ettogrammi di mandorle, mettetele in molle, sbucciatele e pestatele in mortaio affinché divengano una pasta aggiungendovi poco per volta duecento grammi di zucchero e tre cucchiaini di fior d arancio e formatene le ciambelle, mettetele in tegame unto leggermente, indi ponetelo al fuoco, pochissimo di sotto e molto di sopra, osservandole frequentemente, appena avranno preso un bel colore d oro toglietele, bagnatele leggermente alla superficie di sciroppo e spargetevi sopra semenzina confettata (semensetta). [G. B. e Giovanni Ratto, La Cuciniera Genovese ossia la vera maniera di cucinare alla genovese Genova, 1863] 128. Rusette. 53. ruette, rusette e canestrelli A Carloforte c è una pasticceria che fa dolcetti identici agli attuali canestrelli del Genovesato. Se però si chiede una confezione di canestrelli, si viene serviti con le ciambelle di cui abbiamo parlato prima; per ottenere i dolci a forma di fiore bisogna chiedere le rusette (rosette). Riflettendo su questa stranezza, in un primo momento pensai che avrebbe potuto rappresentare la corretta chiave di lettura per definire la questione canestrelli a fiore o a ciambella, ma nulla da fare: a Genova niente rusette. Tuttavia a Borzonasca, piccolo paese della valle Sturla, nell entroterra ligure, a circa cinquanta chilometri da Genova, si fa un dolce tradizionale a forma di fiore, esattamente identico ai canestrelli, chiamato però ruetta (rotella). E qua e là, nel Genovesato, capita ancora di sentir chiamare ruette i canestrelli. Alla fine, perciò, la questione di uno stesso nome per diversi prodotti si complica tremendamente e rischia di diventare solo un inutile esercizio intellettuale. E se per caso si decide di allargare l interrogativo alle regioni limitrofe, è ancora peggio. Basti pensare ad alcuni canestrelli del vercellese, che sono cialde, oppure ai canestrelli corsi, che sono dolcetti rettangolari. Tornando in Liguria, io credo che i canestrelli originali siano quelli tabarchini e gli altri siano davvero ruette o talvolta rusette, intese come rosette, ovvero simboli araldici riferiti alla rosa a cinque petali con bottone centrale. 128 Come, quando e perché i primi siano spariti dalla circolazione lasciando spazio e nome ai secondi, non saprei proprio dirlo, ma ho l impressione che si sia trattato di qualcosa accaduto nel secolo scorso, e non nei primissimi anni. Certamente il problema non è tanto quello di individuare una data di morte dei canestrelli vecchia maniera o determinare la nascita degli altri, quanto, piuttosto, capire perché, come e quando si sia verificato il passaggio dagli uni agli altri. Ma dato che questo libro avrebbe la pretesa di occuparsi della sola cucina tabarchina, rimanderò l indagine ad un altra occasione, magari dopo aver ulteriormente approfondito la questione

8 3. Uve ad acini bianchi, bislunghi. } vitis vinifera cucumerina Corniola (Cornichon blanc Duh.) mammillaris Tita de bacca. VITI DA PERGOLA serotina Axina de Angiulus. latifolia Galoppu. laxissima Apesorgia bianca. Isidori Muscatellò; Muscateglio. (Muscat d Alexandrie; Passe longue musquée Duh.). Vite da pergola. Queste tre ultime sorta forniscono uve da tavola. 56. le uve sarde nel 1838 Quest elenco è stato pubblicato nel 1838 ed è il frutto delle ricerche effettuate dal professor Giuseppe Giacinto Moris ( ), piemontese, medico e botanico, il quale per un periodo lavorò a Cagliari e lì condusse i suoi studi botanici. Riporto integralmente la parte dedicata alle uve perché credo sia molto interessante per fissare nel tempo le più importanti varietà coltivate. 1. Uve ad acini rossicci o neri, rotondi. vitis vinifera amabilis Nascu. Delle migliori: il vino è conosciuto sotto ugual nome. abundans Nuràgus. Di estesa coltivazione. rubella Rosa. Uva da tavola. suavis Girò. Serve ancora essa per tavola; il vino, d ugual nome, è molto amabile. nectarea Monica. Il vino monica è stimato aver il vanto sopra tutti i vini sardi. vitis vinifera affinis Bovàli. Simile al precedente e vi hanno due sorta. Il Bovàli mannu ha gli acini più grossi ma eziando più rari, e siccome di solito mette troppi pampini, è meno coltivato. nigra-mollis Niedda-moddi. præstans Cannonau. Dà vino eccellente e ricercato. nigra-vera Niedda era. infectiva Zinzillosu (Le Teinturier Roz. Dict. agric. X, p. 178, tab. 9). coacervata Merdulinu. Uva da tavola. 4. Uve ad acini bianchi, rotondi. vitis vinifera generosa Muscadeddu (Muscat blanc Duh.) Il vino Muscàu che se ne trae è dolcissimo. malvatica Malvasia. austera Varnaccia; Carnaccia. Vino amaro ed aspretto ma gradito al palato; contiene minor dose di alcool. læta Semidànu. Acini piccioli ma dolci e sugosi. vitis vinifera acidula Manzèsu. Acini piccioli duri, agretti. speciosa Arremungiau. Il nome latino le venne imposto a motivo de grossi suoi acini. inæqualis Sarravèsa. Fornisce il vino che porta questo nome. robusta Arbumannu. Primaticcia e gradita alle tavole. decolor Bianchedda. pellucens Arrettallau Le bucce degli acini sono di una straordinaria sottigliezza. Quest elenco, come avverte l autore [chi scrive cita il Moris NdA], è ben lungi dal comprendere tutte le uve sarde, altre molte essendovene, massime nelle parti settentrionali dell isola, delle quali per ora non poté dare un esatta descrizione; di questo numero è la Bariadorgia del territorio di Sassari, uva primaticcia e saporitissima; neppure vi manca il Muscat noir, del Duhamel (Muscadeddu-nieddu dei Sardi), ma viene piantato in pochissimi siti. [G. G. Moris, Flora Sardoa Torino, 1837 in: Biblioteca Italiana o sia Giornale di Letteratura, Scienze ed Arti compilato da varj Letterati, tomo LXXXIX Milano, 1838] 2. Uve ad acini rossicci o neri, bislunghi. vitis vinifera trifera Axina de tres biàs; Axina de tres bortas. Vite da pergola. jucunda Apesorgia niedda. hierosolymitana Axina de Gerusalem. Tutte e tre queste sorta d uve servono per le mense

9 spaghetti alla bottarga di tonno fresca (ricetta del ristorante L Oasi ) Ristorante L Oasi via Gramsci, 59 Carloforte bobba: suprema di fave secche (ricetta del ristorante Da Andrea, Osteria della tonnara ) Ristorante Da Andrea, Osteria della tonnara corso Battellieri, 36 Carloforte Ingredienti per 4 persone 350 g di spaghetti 150 g di bottarga fresca di tonno (uova di tonno) olio extravergine d oliva qb aglio a piacere 12 pomodorini freschi 1 acciuga salata 1 ciuffetto di prezzemolo Vernaccia qb Lessare in acqua della bottarga di tonno fresca, scolarla e ripulirla dalle impurità. In una padella mettere dell olio extravergine d oliva, aglio, pomodorini freschi, un acciuga salata e saltare leggermente. Aggiungere poi le uova di tonno lessate e pulite, un po di prezzemolo e sfumare con della vernaccia. Scolare la pasta molto al dente e aggiungerla al composto in padella. Far saltare per ultimare la cottura. Vino consigliato Bianco Funtanaliras Solitamente la bottarga si degusta dopo essere stata salata ed essiccata. In questa preparazione, tuttavia, esprime un sapore fresco e delicato. Le uova di tonno fresche si trovano nel periodo primaverile quando questi pesci intraprendono la loro lunga migrazione che talvolta termina in tonnara. In un tegame di terracotta mettere dell olio e la mezza cipolla affettata; lasciare appassire e aggiungere le fave secche (non vanno messe a bagno!). Fare imbiondire e aggiungere la maggiorana, i pomodori schiacciati, le zucchine a pezzi, le due foglie di basilico. Quindi dosare il sale e aggiungere dell acqua lasciando cuocere per circa tre ore a fuoco lento e mescolando di frequente affinché il composto non si attacchi al fondo del tegame. A fine cottura aggiungere due foglie di basilico. Servire con un filo d olio e crostini di pane. La bobba ricorda le minestre di lunga cottura, piatto classico della cucina popolare. E le fave secche, in particolare, comparivano già fra i prodotti normalmente consumati dai corallatori liguri. Ingredienti per 4 persone 500 g di fave secche ½ cipolla olio extravergine sardo qb 4 foglie di basilico 1 rametto di maggiorana fresca 2 zucchine verdi 2 pomodori perini sale qb crostini di pane a piacere

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI E MIE R IC E T T E ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI Ingredienti: Legumi secchi o freschi a scelta Cereali misti a scelta Carota, sedano, cipolla dorata, aglio Salvia, rosmarino Olio extravergine di oliva

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

Per ricordare le origini a tavola

Per ricordare le origini a tavola Per ricordare le origini a tavola LA CUCINA CON AMORE... di Lucia Tardelli. ANTIPASTO : alici marinate ingredienti per 4 persone : 400gr alici fresche un po grosse 70gr farina olio per fritture 2 dl di

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Ricette veloci. Consigli per cucinare con gusto in meno di 15 minuti

Ricette veloci. Consigli per cucinare con gusto in meno di 15 minuti Ricette veloci Consigli per cucinare con gusto in meno di 15 minuti Bruschetta caprese Pomodori ciliegino 10 Basilico 8 foglie Olio extravergine di oliva 3 cucchiai Olive nere intere 12 Sale q.b. Aglio

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani Corso Cucina Pag. 1 di 5 per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Conoscenza degli ingredienti (carne e verdure) Farcitura e preparazione dei vari stuzzichini Contenuto del corso

Dettagli

Cottura: Costo: bassa. 45 min. Olio extravergine di oliva 25 g, di cui per il pomodori e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata,

Cottura: Costo: bassa. 45 min. Olio extravergine di oliva 25 g, di cui per il pomodori e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata, Contorni Caponata Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo: bassa 20 min 45 min 6 persone basso NOTA: + 1 ora di riposo delle melanzane Ingredienti Melanzane 1 kg Sedano i gambi 600 g Cipolle

Dettagli

Il piccolo ricettario della cucina di recupero

Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero nasce nell ambito del progetto CiBiTe Cibo, Biodiversità e Territorio

Dettagli

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola.

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola. La natura soddisfa il palato con un alimentazione sana ed equilibrata. Fagioli, lenticchie, ceci, piselli, soia, da apprezzare in zuppe e piatti ricchi di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Legumi

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Consigli pratici per la preparazione delle Lumache vive Le nostre lumache Helix Aspersa Muller, sono allevate all aperto e seguono il ciclo biologico

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Prodotti e servizi per il catering

Prodotti e servizi per il catering DIVISIONE FOOD SERVICE Prodotti e servizi per il catering Oli vegetali di semi Oli di Oliva ed Extravergini di Oliva Aceti di vino e Balsamico di Modena Passate, concentrati e pelati di pomodoro Consegna

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 8

Esercitazione pratica di cucina N 8 Esercitazione pratica di cucina N 8 Cocktail di Gamberetti In Salsa Aurora ------------------------ Spaghetti di Mare Al Cartoccio ------------------------ Ravioli di Astice e pomodori Al burro Aromatizzato

Dettagli

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Con il termine pesce si intendono le carni di animali acquatici forniti

Dettagli

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie C A S T E L P E R G I N E Quando i piccoli frutti Sant Orsola incontrano le sapienti mani dello chef del Castello di Pergine nasce un perfetto connubio di sapore e colori che siamo lieti ed orgogliosi

Dettagli

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi CORSO DI CUCINA 4-5 DICEMBRE 2012 PRIMI PIATTI 1 PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi Risotto alla Gualtiero Marchesi Agnolotti al burro,timo e salsa ai due peperoni

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento.

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Quando negli ingredienti trovi la parola sottolineata (ES: Besciamella), significa che

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito DOLCE EPIFANIA Pinza de Marantega 300 gr. farina gialla 200 gr. farina bianca 200 gr. zucchero 200 gr. burro 50 gr. uvetta 50 gr. cedri canditi 50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice

Dettagli

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA CUCINA CENTRALIZZATA ASP- SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA A cura della Dietista Dott.ssa Giulia De Nicola e in collaborazione con i Coordinatori Emiliano Papini

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei LABORATORIO Emigrare da un continente all altro è difficile, è complicato lasciarsi alle spalle una vita per cominciarne un altra in un luogo sconosciuto. I ragazzi provengono da diversi stati: India,

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

Primi Passi di Cucina

Primi Passi di Cucina Gruppo Scout Sammichele 1 Reparto Halley Primi Passi di Cucina 1 Cucina da campo La cucina da campo è realizzata tramite bidoni scoperchiati, bucati sul davanti per permettere l introduzione della legna

Dettagli

Bomba crepe nel muro. Ingredienti per 6 crepes: ¼ di latte 2 uova 125 gr di farina 30 gr di burro Sale Pepe Noce Moscata.

Bomba crepe nel muro. Ingredienti per 6 crepes: ¼ di latte 2 uova 125 gr di farina 30 gr di burro Sale Pepe Noce Moscata. Bomba crepe nel muro Ingredienti per 6 crepes: ¼ di latte 2 uova 125 gr di farina 30 gr di burro Noce Moscata Per ripieno: 3 Patate 4 hg di Champignon Aglio Prezzemolo roncino Per besciamella: 1 lt di

Dettagli

Accoglierli al ristorante

Accoglierli al ristorante 8 Accoglierli al ristorante Osservando i comportamenti dei turisti cinesi in Italia negli ultimi dieci anni si vede chiaramente come la maggior parte di loro sia diventata disponibile, ed anzi interessata

Dettagli

Ricette con le verdure dell orto

Ricette con le verdure dell orto Laboratorio di scienze Ricette con le verdure dell orto Cucinare è un attività che ti permette di conoscere meglio i cibi e di apprezzarli di più, contemporaneamente ti consente di sperimentare in modo

Dettagli

PASTA DI FILIERA ECOR. Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI

PASTA DI FILIERA ECOR. Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI PASTA DI FILIERA ECOR Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI Il progetto di filiera di Ecor nasce dall idea che, per dare un futuro all agricoltura

Dettagli

Le ricette. Minestra di ceci - Brodo di ciceri rossi. Per farne octo minestre: togli una libbra e mezza di ciceri et. Ingredienti:

Le ricette. Minestra di ceci - Brodo di ciceri rossi. Per farne octo minestre: togli una libbra e mezza di ciceri et. Ingredienti: Le ricette Minestra di ceci - Brodo di ciceri rossi Per farne octo minestre: togli una libbra e mezza di ciceri et 200 g di ceci 1 cucchiaio di farina 2 cucchiai d olio d oliva 10 grani di pepe macinati

Dettagli

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia LE RICETTE DI CARLO CRACCO Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia ingredienti pasta

Dettagli

ALESSANDRIA TONNO DI CONIGLIO ALL ANTICA MANIERA. INGREDIENTI per 8 persone

ALESSANDRIA TONNO DI CONIGLIO ALL ANTICA MANIERA. INGREDIENTI per 8 persone TONNO DI CONIGLIO ALL ANTICA MANIERA INGREDIENTI per 8 persone 4 coste di sedano Un mazzetto di aromi (alloro, timo, rosmarino, salvia e gambi di prezzemolo) 2 chiodi di garofano 10 foglie di salvia Una

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola Catalogo Dal 1976 Aldera Food offre ai propri clienti prodotti freschi, genuini e di alta qualità, come fatti in casa e tutt ora conserva i segreti tramandati da una generazione all altra proponendo e

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

CORSI DI CUCINA LABORATORIOVEG GENNAIO MARZO 2013

CORSI DI CUCINA LABORATORIOVEG GENNAIO MARZO 2013 CORSI DI CUCINA LABORATORIOVEG GENNAIO MARZO 2013 Gennaio 2013 L M M G V S D 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 09 gennaio 2013 19.00 22.00 Corso tematico

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PRIMI PIATTI --------------------------------------------------------------------------------

PRIMI PIATTI -------------------------------------------------------------------------------- La Cucina In questo spazio vi indichiamo, con delle ricette molto semplici, come si fa ad avere al campo un menu completo di sali minerali e carboidrati PRIMI PIATTI Riso in brodo: fai cuocere 400 g di

Dettagli

Festa dei nonni: Festa dei nonni

Festa dei nonni: Festa dei nonni Festa dei nonni: La tradizione non si può ereditare, chi la vuole deve conquistarla con grande fatica. (Thomas Steans Eliot) La Festa dei nonni è una ricorrenza giovane introdotta in Italia solo nel 2005,

Dettagli

Laboratorio di cucina. Premessa

Laboratorio di cucina. Premessa Laboratorio di cucina Premessa La cucina è uno dei luoghi della casa in cui solitamente si passa molto tempo; è il luogo degli odori, dei sapori, dei gusti, dei gesti quotidiani. Proust, nella sua opera

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

VINOVO PIOBESI TORINESE VIA VINOVO VIA DELLA CHIESA S.P. N.145 PIAZZA CAVOUR VIA BELLI VIA BISTOLFI S.S N.20 VIA DANTE VIA BISTOLFI PIAZZA EINAUDI

VINOVO PIOBESI TORINESE VIA VINOVO VIA DELLA CHIESA S.P. N.145 PIAZZA CAVOUR VIA BELLI VIA BISTOLFI S.S N.20 VIA DANTE VIA BISTOLFI PIAZZA EINAUDI i sughi l antipasto all ortolana i peperoncini ripieni gli antipasti i sott oli CARIGNANO VINOVO PIOBESI TORINESE VIA BISTOLFI VIA REVIGNANO VIA PO VIA DELLA CHIESA VIA MONVISO VIA VINOVO PIAZZA CAVOUR

Dettagli

COOKING MANIA. PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016

COOKING MANIA. PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016 COOKING MANIA PROGRAMMA CORSI DI CUCINA Anno 2015/2016 La Sicilia ha un patrimonio gastronomico unico al mondo e la nostra Accademia ha come obiettivo principale quello di valorizzare tutti i prodotti

Dettagli

Primo estratto. Per ricavare le previsioni si deve necessariamente riferire ad ogni primo estratto di ogni ruota.

Primo estratto. Per ricavare le previsioni si deve necessariamente riferire ad ogni primo estratto di ogni ruota. Una procedura di gioco che ancora oggi, se testata, regala soddisfazioni Primo estratto tto di epigmenio (tratto da Lotto Gazzetta n.31) La tecnica di previsione di questa settimana può essere applicata

Dettagli

la Festa di FINE ANNO

la Festa di FINE ANNO Piatti golosi e simbolici celebrano con successo la Festa di FINE ANNO PER LA TUA FESTA DI FINE ANNO SULLA TAVOLA NON DEVE MANCARE: UVA: Perché porta soldi; MELAGRANA: Perché porta soldi e Amore; LENTICCHIE:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

.LA RAPA ED IL RAVANELLO FANNO IL VISO BELLO.

.LA RAPA ED IL RAVANELLO FANNO IL VISO BELLO. Detti popolari sulle rape:.se VUOI MOLTO CAMPARE RAPE DEVI MANGIARE..LA RAPA ED IL RAVANELLO FANNO IL VISO BELLO. Tutte le ricette di questa sezione sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola

Dettagli

La Cucina Digitale Italiana: Approfondimenti di lettura

La Cucina Digitale Italiana: Approfondimenti di lettura La Cucina Digitale Italiana: Approfondimenti di lettura Questo breve documento è pensato per chi ha partecipato alle sperimentazioni della Cucina Digitale Italiana e ha lo scopo di approfondire alcuni

Dettagli

Manuale di Cucina Trappeur

Manuale di Cucina Trappeur Manuale di Cucina Trappeur La cucina trappeur é un tipico modo di cucinare i cibi che ha origine dai pionieri del West e che ora é usata dagli scouts. Il principio della cucina trapper é il non uso di

Dettagli

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI facciamo il nostro lavoro con passione 2 bavarese al caffè - 250 ml di latte - 250 ml di caffè - 500 ml di panna montata - 120 g di zucchero - 8 gr di colla di pesce - 125 g di tuorli d uovo (ovvero 6

Dettagli

TAGLIATELLE AI FUNGHI PORCINI

TAGLIATELLE AI FUNGHI PORCINI TAGLIATELLE AI FUNGHI PORCINI 1 confezione di PORCINI I ROSCILLI, 400 gr. di tagliatelle, 1 spicchio d aglio, olio, peperoncino, 1 bicchiere di vino bianco, pomodoro fresco tagliato a cubetti, sale e pepe

Dettagli

Le ricette dell I.I.S. B. Scappi di Castel S. Pietro Terme (BO)

Le ricette dell I.I.S. B. Scappi di Castel S. Pietro Terme (BO) 1 Allievi e insegnanti dell Istituto Alberghiero Bartolomeo Scappi di Castel S. Pietro Terme (BO) hanno elaborato per questa dispensa il fascicoletto di ricette senza fuoco che di seguito si riporta. Un

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 Brodo Alla Verdure e WARSTEINER ANTIPASTO pagina 7 Sciatt Frittelle della Valtellina PRIMO PIATTO pagina 9 Risotto con WARSTEINER barbabietola e spuma di gorgonzola

Dettagli

Learning Needs of Migrants caregivers of elderly people 2011-1-IT2-GRU06-24633-1

Learning Needs of Migrants caregivers of elderly people 2011-1-IT2-GRU06-24633-1 Learning Needs of Migrants caregivers of elderly people 2011-1-IT2-GRU06-24633-1 LeNeMi è un partenariato di apprendimento finanziato dall'unione Europea, e risponde alle esigenze di apprendimento del

Dettagli

ILBLOGGATORE.COM 27 aprile 2013

ILBLOGGATORE.COM 27 aprile 2013 HOME PAGE Arriva dai Masterchef il decalogo del Barbecue Stellato Carne alla brace, verdure di stagione, spiedini misti, erbe aromatiche, pizze rustiche. Tornano finalmente le belle giornate, e con loro

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DI VIA SATTA, SEZIONE SPERIMENTALE DI VIA BARBAGIA E SEZIONE PRIMAVERA DI VIA BERLINGUER

Dettagli

Ricette con basso indice glicemico

Ricette con basso indice glicemico Ricette con basso indice glicemico Il consumo delle seguenti preparazioni, esprimendo tutte un indice glicemico medio/basso, è indicato anche per persone affette da diabete o malattie metaboliche, perché

Dettagli

INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao,

INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao, MUSTAZZOLI dolce tipico salentino MUSTACCERE GLASSATE vss INGREDIENTI: Farina di grano tenero tipo 00, zucchero, mandorle, latte, INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao, 00,

Dettagli

fangocur sale marino

fangocur sale marino O r i g i n a l e fangocur sale marino i l m i g li o r sale d e l m o n d o senza iodio, filtrato naturalmente, non trattato, raccolto a mano Le condizioni ideali per la formazione di un sale pregiato

Dettagli

Per fresco e pronto. Cucina asiatica. Sorprendentemente versatile.

Per fresco e pronto. Cucina asiatica. Sorprendentemente versatile. Per fresco e pronto. Cucina asiatica. Sorprendentemente versatile. Per prelibatezze asiatiche Chi può resistere al fascino della cucina asiatica? Un mare di verdura fresca, saporite spezie ed erbette aromatiche

Dettagli

Bruno Pistoni consulente enogastronomico

Bruno Pistoni consulente enogastronomico LA PASTA AD AGLIO OLIO E PEPERONCINO Questa preparazione si può menzionare anche come la pasta del cornuto, perché la moglie, fedifraga, che presa dall estasi dell amplesso con l amante, dimentica l ora

Dettagli

M A N G I A M O A F A V I G N A N A. Dove tradizione è innovazione

M A N G I A M O A F A V I G N A N A. Dove tradizione è innovazione M A N G I A M O A F A V I G N A N A Dove tradizione è innovazione Fa che il cibo sia la tua medicina 460 a C. Ippocrate Queste due pagine sono bianche non sono riuscito a riprodurre i colori che solo

Dettagli

PROGRAMMA INVERNO / PRIMAVERA 2013

PROGRAMMA INVERNO / PRIMAVERA 2013 GENNAIO PROGRAMMA INVERNO / PRIMAVERA 2013 10 gennaio 2013 giovedì ore 19.30/ 22.30 TREVISANA IL FIORE DELL INVERNO Manila e Flavia Dall antipasto al dolce con questa verdura prelibate. Costo 60 euro 12

Dettagli

Hida Alimentación. Murcia: l orto d Europa

Hida Alimentación. Murcia: l orto d Europa Hida Alimentación. Murcia: l orto d Europa SETTORE ALIMENTARE Hida Alimentación S.A. Gruppo Hida Alimentación Mula, Murcia, Spagna >> fardellatrici SMIFLEXI SK450T - LSK35T >> confezionatrice SMIFLEXI

Dettagli

PIATTI di MEZZO CECINA. Frittata di farina di ceci

PIATTI di MEZZO CECINA. Frittata di farina di ceci PIATTI di MEZZO CECINA Frittata di farina di ceci Tipica e gustosa preparazione livornese preparata con ingredienti semplici. Volendo creare un piatto più ricco ed insolito si possono aggiungere verdure

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Ristor Arte. Margutta. ristorante

Ristor Arte. Margutta. ristorante Ristor Arte il Margutta ristorante Menu Estate 2012 Gentile Cliente, La Direzione e lo Staff del Margutta RistorArte Le danno il più caloroso benvenuto e sono a sua disposizione per assisterla e indirizzarla

Dettagli

Le ricette di Simone Salvini

Le ricette di Simone Salvini Le ricette di Simone Salvini per 21 Maggio 2015 IN COLLABORAZIONE CON: 1 kg riso Nerone 6 lt acqua 60 g sale 500 g Erbe aromatiche 1) S raffreddare subito in acqua e ghiaccio. 2) 3) finemente e le erbe

Dettagli

Il Ristorante Coria. La gentile Clientela è pregata di abbassare la suoneria degli apparecchi telefonici

Il Ristorante Coria. La gentile Clientela è pregata di abbassare la suoneria degli apparecchi telefonici Il Ristorante Coria Il Ristorante Coria nasce da un idea degli Chef Domenico Colonnetta e Francesco Patti. È dedicato al Colonnello Giuseppe Coria, scrittore del volume per eccellenza della gastronomia

Dettagli

Le offerte enogastronomiche del Relais Alla scoperta dell'oro della Liguria: l'olio d'oliva

Le offerte enogastronomiche del Relais Alla scoperta dell'oro della Liguria: l'olio d'oliva Le offerte enogastronomiche del Relais Alla scoperta dell'oro della Liguria: l'olio d'oliva Sta arrivando la bella stagione e la voglia di una gita fuori porta si fa sentire. Imperia da sempre è conosciuta

Dettagli

Zuppa di pesce Ingredienti per 4 persone: Preparazione:

Zuppa di pesce Ingredienti per 4 persone: Preparazione: Zuppa di pesce Ingredienti per 4 persone: 1 Kg di pesce (scorfano, San Pietro, pescatrice e cernia), 8 scampi, 8 seppioline, 24 grossi mitili, 400 gr di filetti di pomodoro, 1 cipolla, 1 spicchio d'aglio,

Dettagli

LE RICETTE PER GUSTARE IL GRANO Alimento antico, nutriente e sano

LE RICETTE PER GUSTARE IL GRANO Alimento antico, nutriente e sano Alimento antico, nutriente e sano UN PO DI STORIA La coltivazione del grano risale a 5.000 anni fa e sin dall antichità esso ha rappresentato l elemento principale di una alimentazione sana, semplice e

Dettagli

UNA SCUOLA A BAMBARÌ: TUTTE LE FOTO. Scritto da Monica Notarnicola Martedì 22 Settembre 2009 12:28

UNA SCUOLA A BAMBARÌ: TUTTE LE FOTO. Scritto da Monica Notarnicola Martedì 22 Settembre 2009 12:28 L atmosfera che si è respirata quest anno tra le strade del borgo antico di Turi è stata davvero internazionale e ciò grazie alla presenza dello stand della Georgia, allestito dall associazione turese

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

MyCard Ricette d autunno

MyCard Ricette d autunno MyCard Ricette d autunno Un azienda del Gruppo Aduno www.aduno-gruppe.ch Ricetta 1 Piatto di Berna 400 g Carne per bollito (collo o costole) Verdure da minestra (per es. porro, sedano, carota, cipolla)

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIABETE DELL ADULTO DI TIPO 2 Menu per una giornata tipo dedicato a persone adulte che soffrono di diabete di tipo 2 Complimenti per aver

Dettagli

le nostre ricette ristorazione scolastica asili nido comunali

le nostre ricette ristorazione scolastica asili nido comunali le nostre ricette ristorazione scolastica asili nido comunali Il presente volume raccoglie le Ricette utilizzate negli Asili Nido comunali, gentilmente fornite dalle cuoche del Comune di Siena ed integrate

Dettagli

Bevanda di latte di cocco e mango

Bevanda di latte di cocco e mango Bevanda di latte di cocco e mango 250 ml di Coconut Milk (latte di cocco) 1 mango grosso e maturo, sbucciato; la polpa tagliata a pezzetti (senza semi) 180 g di yogurt al naturale (un vasetto) 2 dl d acqua

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli