Per amore del lavoro Claudia Landini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per amore del lavoro Claudia Landini"

Transcript

1 Dopo 15 anni di espatrio, oggi che vivere all estero è diventato per me naturale e parte intrinseca del mio esistere, fatico a pensare a un tempo in cui vivevo e lavoravo in Italia, e i miei anni passavano in modo regolare, con vacanze (all estero e non) ogni estate, e progetti limitati alle nostre frontiere. Eppure c è stato un momento in cui anch io, come tante altre mie coetanee, avevo terminato i miei studi, e avevo cominciato a crearmi una figura professionale e un giro di clienti sono traduttrice e interprete, e lavoravo, prima dell espatrio, come freelance a Milano. Come tante mie coetanee, però, l amore ha cambiato la direzione della mia vita. Quando decisi di seguire in Africa il mio attuale marito, mi trovavo nelle condizioni ideali, almeno per me e rispetto a quelli che erano i miei obiettivi: vivevo sola, lavoravo in maniera indipendente, non avevo ancora un giro di clienti solido e comprovato ma mi stavo guadagnando la stima di numerose agenzie di traduzioni, e le possibilità crescevano. Tutto andava bene, tranne il piccolo dettaglio che la mia vita sentimentale da ormai due anni andava avanti tra alti e bassi, tra viaggi, ritorni, addii, visite fugaci, periodi di crisi. Mio marito lavorava infatti nell umanitario, e passava da una missione all estero all altra. Ci vedevamo nei suoi periodi di pausa in Italia, quando e se potevo andare a trovarlo io, o addirittura in destinazioni intermedie tra me e lui, ovvero tra il mio mondo e il suo. Quando a un certo punto è diventato chiaro che lui non avrebbe certo rinunciato al suo lavoro per me (e del resto io non gliel ho mai chiesto) e che io non avrei potuto rinunciare a lui per perseguire una carriera a Milano, ho dovuto prendere la decisione di abbandonare il mio lavoro e i miei contatti in Italia, e seguire lui in Sudan, dove si stava recando per una missione di un anno. In realtà la decisione non mi è costata molto, perchè c erano tutte le condizioni affinchè questa scelta non assumesse da subito un carattere definitivo e irreversibile. Decisi infatti di raggiungerlo a fine giugno, dandomi due mesi di tempo per guardarmi intorno e capire se volevo davvero restare lì con lui un anno intero. Se la cosa non avesse funzionato, sarei rientrata in Italia, e avrei ripreso tutti i miei contatti, sicuramente non compromessi dopo la pausa estiva. Mi era chiaro che non sarei potuta restare in Sudan un anno se non avessi trovato lavoro, ma con la mia scarsa o meglio inesistente esperienza oltrefrontiere, non riuscivo proprio ad immaginare come inserirmi in un contesto lavorativo, e in quale. L impatto con il Sudan è stato a dir poco sconvolgente. Non solo in termini di avvicinamento a una cultura completamente differente dalla mia, ma anche per il tipo di vita che vi si conduceva a livello di comunità di espatriati. Quando arrivai a Khartoum, la capitale, i Fratelli Musulmani avevano appena fatto il loro colpo di stato, instaurando il generale Omar Bashir alla presidenza, ripristinando la legge della Sharia, e prendendo una serie di misure repressive volte a soffocare qualsiasi moto di protesta. La guerra nel sud del paese del resto non era certo cosa nuova: da anni ormai il nord musulmano e il sud cristiano si confrontavano in un conflitto sanguinoso che aveva sconvolto le popolazioni del sud e che era poi anche il motivo per cui mio marito si trovava sul posto, con la sua organizzazione umanitaria. Ho dovuto dunque, il più rapidamente possibile, immagazzinare una serie di informazioni, assorbire una serie di regole, cercare di capire l umore della gente in quel determinato momento e contesto, mentre mi adattavo a un clima differente, a una serie di persone di tutte le nazionalità, con le quali condividevamo l alloggio, a una relazione sentimentale differente, visto che adesso persino con mio marito mi trovavo in un contesto completamente diverso, che influiva ovviamente anche sulle nostre dinamiche di coppia. E stato proprio durante questi primissimi e intensi tempi che è venuta naturalmente a galla in me la passione per tutto quello che è straniero. Non è sicuramente un caso che abbia deciso di usare le lingue straniere per lavorare, da sempre mi ha appassionata poter parlare altre lingue per entrare più a fondo dentro ad altre culture. L esperienza in Sudan ha portato alla luce prepotentemente quella che era la mia predisposizione all apertura su altri mondi, verso altre culture, altri modi di concepire la questioni della vita. Un laboratorio severo, il Sudan, in questo senso. Ho dovuto abituarmi a rispettare le regole che reggono i rapporti tra uomini e donne in

2 quel contesto : non arrabbiarmi se un uomo si rifiutava di darmi la mano, vestirmi sempre con pantaloni o gonne sotto al ginocchio e maglie con le maniche (mezze maniche al limite, ma assolutamente mai senza maniche), frenare la rabbia di fronte ai racconti di mutilazione genitale e l atteggiamento di assoluta beatitudine che uomini e donne locali mantenevano rispetto al discorso. Ho dovuto imparare a vivere in un clima di privazioni talmente generalizzato che toccava anche gli stranieri, di solito sempre privilegiati sotto certi aspetti : un anno senza zucchero, un anno senza alcohol (o meglio, bevendo alcohol di nascosto), un anno durante il quale non si sapeva mai cosa sarebbe mancato il giorno dopo la benzina, le sigarette, la carne, le medicine? Soprattutto ho dovuto imparare che il mondo non è solo quello in cui a noi capita di nascere e dove viviamo, ma che esistono altri mondi, fatti di dolore, di sofferenza, di privazioni, di indicibili violenze, di estrema precarietà su tutti i fronti, di miseria, di abiezione. Una volta toccata da questa esperienza, mi è stato chiaro che non sarei potuta tornare a dipingermi le labbra per andare ad accogliere stranieri ospitati in lussuosi hotel per un convegno internazionale, né che mi interessava passare ore china su una traduzione tecnica mentre avrei potuto usare la mia conoscenza linguistica per altri scopi, soprattutto per essere produttiva in altri contesti. In questo senso sono stata fortunata perchè, a differenza di quanto capita a molte, non ho sofferto sindrome da rinuncia alla mia propria carriera per seguire il partner, dal momento che il mondo che mi si è aperto davanti mi ha ampiamente ripagata dall aver dovuto cambiare così bruscamente direzione lavorativa e di vita. Sono stata fortunata anche perchè a causa della guerra in Sudan e per le conseguenti attività che si richiedevano incessantemente alla sede dell organizzazione per la quale mio marito lavorava, una mano in più non guastava certo, e poco dopo il mio arrivo sono stata assunta come volontaria ma con uno stipendio più che dignitoso, con mansioni amministrative e logistiche. Un esperienza fortissima e meravigliosa, che ha per sempre consolidato in me il desiderio di vivere a contatto di altre culture e altri mondi. Quando è terminata la missione in Sudan, è arrivata la proposta di andare in Angola. In quel momento avevo due cose ben chiare in testa : una, che la mia vita era ormai intrinsecamente legata a quella del mio futuro marito, e non seguirlo per la seconda volta avrebbe significato rimettere tutto in gioco e dover cercare altre forme di relazionamento, due che dopo l esperienza in Sudan avrei avuto grandissime difficoltà a riprendere il mio lavoro a Milano, non perchè mi avessero nel frattempo dimenticata (sono riuscita a lavorare un po tra il Sudan e l Angola) quanto perchè mi riusciva piuttosto difficile ritrovare nel mio lavoro lo stesso gusto che provavo prima di aver lavorato in Sudan. Per fortuna anche in Angola c era un posticino per me : sempre con mansioni logistico-amministrative, e a fianco di mio marito. L Angola è stata la svolta definita nella mia vita, perchè lì mi sono sposata e sono rimasta incinta del mio primo figlio. Una personcina che si aggiungeva alla nostra vita, che d altro canto diventava sempre più raminga in prospettiva, considerando il fatto che mio marito nel frattempo andava specializzandosi su missioni all estero. A quel punto della mia vita si andava anche delineando nettamente la mia posizione: * lavoravo in un ambito appassionante, ma che non era il mio. Non avevo ricevuto nessuna formazione in campo umanitario o sociale, e lavoravo usando il buon senso, le mie innate capacità umane e linguistiche e quanto avevo imparato nella mia precedente esperienza in Sudan. *il figlio in arrivo mi legava indissolubilmente a mio marito, e di conseguenza ai suoi ritmi di lavoro all estero *questo figlio sarebbe stato sballottato di qua e di là nel mondo, e probabilmente in paesi non facili, e avrebbe quindi richiesto la mia presenza costante

3 *perdevo terreno rispetto a quella che era la mia formazione originaria : non avevo più occasioni di esercitare il tedesco, la mia seconda lingua di diploma in interpretariato, perdevo i contatti, perdevo elasticità nel tradurre Qualsiasi idea di ripresa di studi o di lavoro si allontanava. Ho lavorato in Angola fino al sesto mese di gravidanza, e sono poi rientrata in Italia per partorire. Ho vissuto sette mesi in Italia con mio marito e il bambino, e poi è giunto il momento di ripartire. Questa volta la destinazione era la Guinea-Bissau, un paese piccolissimo e sconosciuto ai più, e il contratto ce l aveva solo mio marito. La realtà in una capitale africana con un bebé è nettamente differente da quella che si può vivere quando si ha da badare unicamente a se stessi. Sbarcare con un bebé di sette mesi in una capitale come Bissau è stata tutta un avventura. Ai tempi esisteva un solo grande supermercato con prodotti importati, e l unico posto dove si trovavano i pannolini per bambini. Appena arrivava il container dall Europa, il passa parola serpeggiava rapidissimo tra gli espatriati, che correvano a far scorta di generi introvabili altrove (per me, appunto, i pannolini). Bissau era un groviglio umano che avrebbe spaventato molti : fogne a cielo aperto, marciapiedi disastrati, strade con buchi, quando non voragini, improvvise, o strade non asfaltate che mischiavano continuamente la loro polvere alla vita quotidiana degli abitanti, che si alloggiavano spesso in case di fortuna senza latrine, con tetti improvvisati, senza porte... La fornitura dell acqua e della luce erano estremamente irregolari, per non dire fantasiose. Ho trascorso due anni e mezzo a lume di candela, perchè alle sette di sera, cioè esattamente quando il sole calava, toglievano la corrente elettrica. Ho imparato a cambiare il pannolino del mio bambino usando una brocchetta con la quale lo lavavo dopo aver raccolto l acqua dal catino. Al momento dello svezzamento non c erano grandi cose da proporgli a parte grandi passati di frutta e verdura, e un po di carne e pesce. Il caldo umido e costante rendeva difficile mantenere la pazienza mentre giocavo col pargolo tutto il santo giorno finchè non è stato in età da andare al nido e risollevarmi almeno qualche ora al mattino. E stato in quel momento che ho sentito l esigenza di rimettermi a lavorare, e ho avuto la fortuna di trovare un posto in una ong. Fino ad allora non mi ero sentita particolarmente depressa per il fatto di trovarmi bloccata a casa con un infante, e a fare le peripezie per mantenere la nostra vita a un livello di normalità nel mezzo di tutti i problemi logistici che affrontavo quotidianamente. Al contrario, stare col bebé mi piaceva. Era il mio primo figlio e consideravo un privilegio il fatto di poter passare molto tempo con lui e di poterlo seguire personalmente in tutte le fasi della sua giornata. Del resto non avrei potuto fare altrimenti. Molte donne arrivano in un paese straniero e quando hanno organizzato le cose un minimo perchè la logistica famigliare funzioni, si buttano nel lavoro lasciando spesso i figli con delle baby-sitter del posto che magari non parlano neanche la loro lingua. Probabilmente è una questione di forma mentale e di predisposizione, ma a me questa cosa non è mai riuscita. Non l ho neanche mai provata, perchè in tutti i miei spostamenti non ho mai sentito che l esigenza di lavorare fosse più forte di quella di stare a contatto coi miei figli e seguirli passo per passo. In ogni caso a Bissau trovai un posto come traduttrice e interprete presso una ong straniera che era da poco arrivata nel paese per montare diversi progetti sanitari, e i cui coordinatori non parlavano ancora portoghese. Io lavoravo dunque al loro fianco traducendo lettere, rapporti, e quant altro, e facendo da interprete durante le riunioni. Era un lavoro ideale perchè si svolgeva al mattino proprio mentre il bambino era al nido. Un lavoro molto interessante, perchè attraverso la traduzione da una lingua all altra imparavo tantissime cose sul paese e in particolare sulle tematiche sanitarie, e sulla cultura e i modi locali. Ma non ho mai smesso di sentire, neanche per un momento, che era un lavoro di ripiego, ovvero qualcosa che sceglievo di fare perchè mi trovavo in quel determinato contesto e perchè potevo infilare qualche ora libera in tutto il tempo che dedicavo al bambino. Non che questo mi togliesse gusto nel farlo, ma, come mi è poi capitato in seguito, il fatto che si trattasse di un lavoro temporaneo, di fortuna, e soprattutto comunque sottoposto ai ritmi dettati dal lavoro di mio marito e delle esigenze famigliari, non lo

4 rendeva un elemento di realizzazione personale molto forte. Al contrario, senza rendermene conto ho cominciato a cercare altri spazi e motivi di realizzazione personale, spazi slegati dal discorso puramente professionale e lavorativo. Ma tutto questo mi si sarebbe chiarito più avanti. Per il momento mi trovavo a rientrare in Italia con un bambino di due anni e mezzo e un contratto che terminava senza che ne cominciasse un altro all immediato. C è stata dunque una pausa italiana di otto mesi circa, durante la quale mi sono comunque data da fare, e ho tenuto un corso di francese presso un istituto professionale a Milano. Esperienza che mi è piaciuta molto, perchè il contatto con le persone è qualcosa che ovunque e sempre mi piace, ma che ha consolidato quella sensazione che già avevo provato a Bissau : stavo lavorando, nel senso che facevo qualcosa che mi fruttava uno stipendio, ma non era un lavoro che mi ero scelta, coltivata, che avevo seguito, nel quale avevo impegnato giorni, percorsi, specializzazioni. Poi è venuto il Congo. Partenza a fine marzo, dunque sradicando di botto il bambino dalla scuola materna che aveva cominciato a frequentare in Italia, e nell impossibilità di inserirlo all immediato nella scuola che avevamo scelto per lui sul posto. Mesi, dunque, in un nuovo paese, con scarsissime conoscenze, e a stretto contatto col bambino. Mesi duri, di isolamento, di adattamento, durante i quali ho vissuto nuovamente e brutalmente quello che significa l arrivo e la ricerca di una propria collocazione in una nuova realtà e a contatto con una cultura sconosciuta. Tutta l esperienza che cominciavo comunque ad accumulare in questo ambito spingeva da dentro per trovare, lei stessa, una collocazione, uno sbocco. Mi dicevo che pur non avendo lavorato in maniera continuativa, e non essendo portatrice di un titolo professionale applicato alla pratica, avevo pur sempre accumulato un bagaglio di conoscenze informali, che potevano e dovevano venire in qualche modo utilizzate. E stato proprio in quel periodo che mi è venuta l idea di fondare una rete internazionale di donne che si appoggiasse nei trasferimenti in Africa. Un avventura cominciata molto in sordina e nel momento in cui Internet in Africa era agli albori, ma che seguo tutt oggi con passione e dedicazione. Uno spazio mio in cui ho potuto creare, inventare, sperimentare, usare le lingue, le mie esperienze passate, la mia capacità di comunicazione, il desiderio di connettermi ad altre culture e di fare qualcosa nel mio piccolo per mettere la mia conoscenza al servizio di altre donne, ed aiutarle a vivere in positivo, spronando altre donne a fare lo stesso. Questa è stata una delle cose molto importanti che sono risultate dalla mia esperienza di espatrio. Ne sono seguite tante altre. Ho avuto la fortuna di trovare sempre dei modi per incanalare la mia esperienza e farla fruttare in maniera soddisfacente per me stessa e per gli altri. Abbiamo dovuto abbandonare il Congo precipitosamente a bordo di una canoa, quando la guerra civile è scoppiata nella capitale da un giorno all altro. Fu un esperienza talmente traumatizzante per tutta la famiglia, che decidemmo di prenderci una pausa in Italia per riposarci, rilassarci e fare un break dalla vita intensa dell espatrio. In realtà il periodo italiano si rivelò più duro del previsto. A quel punto avevamo due figli, il nostro secondogenito era nato da neanche un anno, e vivere in una grande città italiana con due bambini piccoli era molto complesso, soprattutto dopo essersi abituati ai grandi spazi aperti africani, e al clima sempre soleggiato e favorevole. Ci rendemmo conto che il riadattamento alla propria cultura dopo aver vissuto in contesti così differenti era qualcosa che richiedeva impegno, dedizione e soprattutto tempo. Lasciare da un giorno con l altro un paese nel quale si è vissuti per più di due anni, dover troncare brutalmente le relazioni costruite nel corso del tempo, e soprattutto lasciare le persone che si amano nell incertezza più totale su tutti i fronti, è un esperienza talmente devastante, che si fa realmente fatica a trovare un modo per conciliarla con la realtà di casa, dove molto si misura su valori materiali ben definiti, e dove a volte si ha l impressione di non trovare uno sbocco per poter parlare di cose che fuoriescono dallo stretto quotidiano. Nonostante tutti i problemi pratici e

5 psicologici legati al riambientamento, peraltro temporaneo, in patria, ho lavorato come insegnante di francese durante i due anni trascorsi in Italia, ma sempre con contratti a termine dato che, sapendo che saremmo prima o poi ripartiti, non potevo prendere impegni indefiniti. La destinazione successiva fu l Honduras, quindi un continente completamente differente, altra storia, altra cultura, altra lingua. Un riadattamento totale per noi e per i bambini, che una volta di più mi ha vista in primo piano impegnata ad accompagnarli da vicino in questa fase lunga e complessa. In Honduras si è aggiunta una novità, con la quale non mi ero mai confrontata prima: dato il tipo di accordo che il governo honduregno aveva con l organizzazione di mio marito, io, come moglie accompagnante, non avevo il diritto di lavorare. Una clausula piccola e quasi inosservata che però per tutto l esercito di mogli a seguito può determinare la riuscita o non riuscita di un soggiorno in un paese straniero. Io, che arrivata a quel punto sentivo sempre meno la necessità di trovarmi un occupazione retribuita, non ci ho proprio sofferto, quando l ho scoperto, ma altre coetanee nella mia stessa situazione non l hanno certo presa con la mia stessa filosofia. Naturalmente poi i modi per aggirare l ostacolo esistono sempre, e le varie entità interessate ad impiegare donne straniere sapevano come organizzare un assunzione che risultasse alla fine regolare. Io ricevetti infatti qualche proposta, e anche interessante, sempre nel campo dell insegnamento linguistico. Ma a quel punto mi ero già inserita in un organizzazione di donne internazionali che gestivano, volontariamente, dei progetti molto interessanti. In particolare arrivai nel momento in cui un ambasciata straniera aveva donato dei fondi per ampliare il reparto ustionati del principale ospedale per bambini di Tegucigalpa. Presi a cuore il lavoro con i bambini ustionati e a contatto con le autorità dell ospedale, e quando mi proposero di lavorare a tempo pieno insegnando l inglese in un università capitalina abbastanza quotata, entrai molto in crisi perchè sapevo che il lavoro all università mi avrebbe tolto la possibilità di continuare a seguire il progetto all ospedale. Il problema si risolse da sé quando mi comunicarono definitivamente la retribuzione massima che erano in grado di offrirmi: una cifra, come si può immaginare, realmente irrisoria, che non avrebbe portato nessun cambio nella nostra economia famigliare e sarebbe in parte sicuramente stata assorbita per pagare dei servizi dei quali al momento, libera da impegni lavorativi, mi occupavo io. Per me quello fu un altro importante momento di riflessione. Mi resi conto definitivamente del fatto che non solo i lavori che una moglie a seguito può trovare sottostanno ai ritmi del marito e della famiglia, ma che anche la retribuzione per questi impieghi di ripiego sottosta a regole e scale ben precise, e rarissimamente corrisponde alle capacità professionali e all esperienza accumulata della persona. Mi chiesi francamente quale delle due esperienze mi avrebbe, alla lunga, arricchita di più a livello umano e culturale, e decisi che restare con i bambini ustionati dell ospedale pubblico della capitale era più interessante ed istruttivo. Oltretutto questo particolare progetto implicava anche il fatto di entrare in contatto con i donatori, mantenere le relazioni pubbliche, riunirsi con giornalisti, direttori di ospedali e preparare budget con cifre non irrisorie, oltre che, naturalmente, toccare con mano la miseria e la disperazione di una grande fetta della popolazione locale, che si accidentava perlopiù per cause legate alla propria condizione sociale, e non poteva permettersi cure costose. Quindi, tutto sommato, un esperienza completa dall inizio alla fine, e che mi sarebbe servita non solo a meglio capire la realtà del paese e dei progetti umanitari in genere, ma anche per il futuro. Fu probabilmente in Honduras che riuscii definitivamente a staccarmi da certi stereotipi legati alla moglie accompagnante, e mi liberai del complesso di inferiorità che mi sentivo pesare addosso ogniqualvolta qualcuno mi domandava se lavoravo, o perdeva interesse in me quando dicevo che mi occupavo dei figli e della casa. Fu lì che capii una volta per tutte che la ricchezza della mia esperienza di moglie espatriata ha esattamente lo stesso valore che si può attribuire a

6 un esperienza lavorativa retribuita, perchè ciò che importa è quello che io in prima persona traggo da tutto ciò, e come io lo vivo. Pur senza aver ingrassato il conto in banca, nel trascorso della mia vita di espatriata ho imparato nuove lingue, conosciuto centinaia di persone di una miriade infinita di nazionalità, guardato e toccato con mano situazioni di durezza estrema e di una tragicità profonda, viaggiato attraverso una varietà di paesaggi e popoli infinita, imparato a funzionare in un buon numero di culture profondamente differenti dalla mia, seguito con interesse la vita politica e sociale di paesi dei quali prima non conoscevo l esistenza, imparato una miriade di ricette di tutte le parti del mondo, assorbito modi di fare, di dire, usi, costumi, abitudini, debolezze e punti forti di persone con le quali ho avuto il privilegio di mischiarmi per un periodo di tempo... tutto questo mi ripaga ampiamente dal fatto di non aver avuto una mia carriera professionale. E in fondo non mi importa neanche che non mi venga riconosciuto il valore della mia esperienza di espatriata, perchè in ultima analisi, quello che più conta per me è l aver usato questa esperienza non solo per aprirmi la mente e ampliare i miei orizzonti, ma anche e soprattutto per aver dato l opportunità ai miei figli di crescere nel mondo, di sbocciare come cittadini del mondo. Sono orgogliosa e felice di aver dato loro la possibilità di imparare fin da piccoli ad esprimersi, leggere, scrivere, pensare, sognare e scherzare in tre o quattro idiomi differenti, di spronarli ad assorbire il concetto che nella vita nulla deve darsi per scontato perchè quello che loro hanno a loro disposizione non è lo stesso di cui dispongono bambini della loro stessa età che hanno avuto la sfortuna di nascere ad altre latitudini e in altri contesti sociali. Sono felice e orgogliosa del fatto che queste cose i miei figli non le hanno apprese attraverso dei libri o uno schermo televisivo, ma le hanno viste con i loro propri occhi e le hanno toccate con le loro stesse mani. Mi riempie di gioia il fatto di vedere la mia casa piena di gente di tutte le nazionalità e provenienze e vedere quanto i miei figli si aprano a questo caleidoscopio culturale con la naturalezza che impiegano a passare da una lingua all altra. Se per arrivare a tutto questo ho dovuto rinunciare a far carriera, posso affermare con assoluta certezza che il sacrificio è valso la pena, e che se dovessi tornare indietro, rifarei esattamente le stesse cose, e sceglierei esattamente ciò che ho scelto finora. Anche se questa vita comporta dei sacrifici, delle perdite, degli aspetti duri e a volte molto difficili da gestire. Attualmente viviamo in Perù, dove al momento in cui racconto questa mia storia sappiamo che ci tratterremo ancora un paio di anni. Il tempo passa e lentamente si prospettano altri scenari: il primo figlio è ormai un pre-adolescente, il secondo cresce a vista d occhio. Siamo tutti coscienti del fatto che a breve dovremo prendere delle decisioni diverse da quelle che hanno guidato la nostra vita finora. Dovremo probabilmente fermarci in un posto sufficientemente a lungo per dare ai ragazzi la possibilità di crearsi delle reti di amicizie indipendenti da noi, e di potersi dedicare agli studi universitari in maniera serena e nel contesto adeguato. Arriverà quel momento e lo affronteremo. E forse cosciente del fatto che un grande cambiamento ci attende, mi godo ancora di più questo stile di vita internazionale e il fatto di vivere in una cultura differente. Gioisco nell incontrare sempre più persone di nazionalità svariate, e nello stringere rapporti sempre più profondi con persone del posto. Gioisco quando mi rendo conto che ho trovato la mia collocazione in una cultura sconosciuta e complessa, e che riesco a muovermi in maniera disinvolta in un ambiente che fino a un paio di anni fa non conoscevo. Ma soprattutto sono grata alla mia esperienza all estero perchè mi ha insegnato cose che non avrei mai e poi mai avuto l occasione di apprendere se fossi restata in Italia a fare l interprete. Sono diventata più elastica, ho imparato ad adattarmi come un camaleonte a tutte le situazioni che la vita mi presenta, a plasmarmi su quelle che sono le condizioni dell ambiente in cui mi trovo a vivere. Questo esercizio, che mi ha fatto guadagnare in elasticità, ha anche cambiato la mia posizione rispetto alla vita in generale. Mi sento più forte, più adeguata, più preparata a cambiamenti improvvisi e a situazioni spinose.

7 Un anno fa ho fondato con altre donne che come me vivono all estero da anni, un portale internazionale per tutte le donne espatriate del mondo. Per me è un po la somma di tutto quello che ho vissuto finora. E uno spazio in cui posso dar sfogo alla mia creatività e parlare della mia esperienza di moglie espatriata a seguito di un marito produttivo, sapendo di venir compresa e di aiutare, con le mie parole, altre donne nel complesso cammino dell identificazione di se stesse, in un contesto così difficilmente classificabile. E per me un punto di arrivo e allo stesso tempo un esperienza che mi apre un infinità di scenari possibili : scenari di confronto, di crescita, di presa di coscienza di questa esperienza unica, e del forte desiderio di valorizzarla. Perchè di valore ne ha. E tanto.

Lesbismo e disabilità? L importante è viversi tranquillamente

Lesbismo e disabilità? L importante è viversi tranquillamente Lesbismo e disabilità? L importante è viversi tranquillamente intervista a Marika Giori a cura di Gaia Valmarin Mi chiamo Marika Giori, ho trentaquattro anni e sono nata a Rovereto, in provincia di Trento.

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO. Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014

PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO. Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014 PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014 FRANCOFORTE 18/07/2014-22/08/2014 Alessandra Io ho lavorato presso un ufficio di consulenza commerciale

Dettagli

..parlattare tra genitori

..parlattare tra genitori 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE..parlattare tra genitori Cari amici e care amiche, vi presentiamo una chiacchierata che abbiamo avuto il piacere di raccogliere dai genitori che partecipano a Parlattando

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi

Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi A cura di Paola Parenti Psicologa, Direttore del Dipartimento delle Ricerche Motivazionali TNS HEALTHCARE UNO SGUARDO IN PROFONDITÀ SU DONNE E

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono?

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono? io sono l alternativa non alternativa L'Aura Abela è l'artista forse più conosciuta presente nel nuovo cd di Enrico Ruggeri dal titolo "Le canzoni ai testimoni" uscito il 24 gennaio. L'Aura è colei che

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

SCRIVI LA TUA STORIA - LE MOTIVAZIONI DI UNA SCELTA

SCRIVI LA TUA STORIA - LE MOTIVAZIONI DI UNA SCELTA SCRIVI LA TUA STORIA - LE MOTIVAZIONI DI UNA SCELTA C.le Davide SANNITI La carriera militare non è la strada più semplice che un giovane possa intraprendere. E una carriera faticosa da percorrere sia per

Dettagli