VIA FERRATA. Premessa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIA FERRATA. Premessa"

Transcript

1 VIA FERRATA Premessa Una via ferrata è un percorso in parete, attrezzato con infissi metallici (fittoni, cavi d acciaio, gradini, scale, ponti, ecc) da utilizzare per la progressione. Questo tipo d attrezzatura consente ai frequentatori di muoversi con una buona sicurezza, a patto però che si conoscano e si applichino alcuni accorgimenti estremamente importanti e che si utilizzi nella maniera corretta il materiale necessario. In questa scheda vi proponiamo alcuni consigli per scegliere l attrezzatura più adatta. Nel percorrere una ferrata ogni escursionista si autoassicura, tramite due cordini con relativo moschettone, al cavo d acciaio tensionato tra i fittoni infissi nella roccia. In caso di caduta questi cordini, collegati all imbragatura, hanno il compito di arrestare la caduta. Sembra tutto molto facile, ma le forze in gioco, anche con una caduta estremamente breve, sono elevatissime ed i materiali sono sottoposti a sollecitazioni a volte superiori ai loro stessi carichi di rottura. Per questo motivo è indispensabile utilizzare sempre un dissipatore. Il dissipatore è un piccolo attrezzo inserito tra l'imbragatura e i moschettoni che riesce a disperdere l'energia di caduta in calore, annullando in pratica le predette possibilità di rottura. Kit per Via Ferrata: le principali ditte del settore producono oggi degli appositi Kit da Ferrata che sono provvisti di dissipatore, cordino e dei moschettoni necessari. Questi Kit sono assolutamente consigliabili, perché essendo già predisposti evitano errori nel realizzare i nodi, nel passare la corda nel dissipatore, ecc. I migliori tra questi hanno inoltre i nodi cuciti o bloccati in modo che non possano essere sciolti e sono dotati di un sistema per evitare che i moschettoni possano ruotare su sé stessi. Alcuni di questi Kit si collegano all imbragatura tramite un moschettone, ma per la maggior parte il collegamento avviene con un nodo (nodo a otto o delle guide con frizione) realizzato con il cordino in dotazione. Quando 1

2 acquistate il vostro Kit fatevi spiegare come realizzare il collegamento in base al modello della vostra imbragatura o ancora meglio rivolgetevi ad una guida alpina per un consiglio ed eventualmente per un corso d introduzione alle ferrate. Il dissipatore collegato all'imbragatura e i due moschettoni con ghiera. Moschettoni: si utilizzano moschettoni ad alto carico di rottura, dotati di ghiera di sicurezza per evitare aperture accidentali. I migliori hanno una forma abbastanza larga, a "pera" e sono dotati di ghiera automatica che si chiude a "molla" (ne esistono di vario tipo) senza il bisogno di avvitarla (le ghiere a vite sono da evitare). Esistono anche modelli espressamente studiati per le vie ferrate, comodi da usare, ma piuttosto costosi. Molto utile il piccolo accessorio da inserire nel moschettone per bloccare la corda, serve ad evitare che il moschettone possa ruotare su sé stesso. Casco è un attrezzo assolutamente indispensabile per la sicurezza; ripara non solo dalla caduta di sassi che possono essere mossi da persone che ci precedono, ma anche da eventuali colpi accidentali non infrequenti nei tratti più angusti, tipo camini, gallerie, strapiombi. I nuovi modelli, sempre più perfezionati, sono molto leggeri ed ergonomici e si portano dunque più volentieri. Nell acquisto osservate soprattutto: - la praticità dei sistemi di chiusura e di regolazione I modelli più avanzati hanno una regolazione veloce della "circonferenza", che può essere adattata rapidamente con il casco già indossato. Il sottogola deve essere anch esso a chiusura rapida e confortevole. - il peso e la vestibilità generale Rispetto ai modelli più vecchi i nuovi caschi sono estremamente leggeri. Un etto in meno può sembrare un vantaggio trascurabile, ma dopo ore con il casco indossato la differenza si sente.le nuove forme garantiscono inoltre una maggior protezione e sistemi di areazione più efficaci. - accessori Molto pratica la possibilità di fermare la pila frontale (utile nelle gallerie o per le partenze di primo mattino) in modo che non scivoli sulla liscia superficie del casco. Scarpe Le scarpe sono uno degli strumenti più importanti, e spesso trascurati, da chi frequenta le ferrate o percorsi facili su roccia come le vie normali. Le ditte più specializzate offrono invece delle calzature studiate appositamente per questo tipo di terreni. Sono scarpe robuste, ma al tempo stesso "compatte" e leggere, con una buona "sensibilità" per l arrampicata. Hanno infatti una forma avvolgente, con la punta affusolata ed un allacciatura molto 2

3 efficace per la regolazione del volume di calzata. La suola è studiata per una migliore aderenza sulla roccia, ma è anche adatta a percorrere i sentieri di avvicinamento e discesa. Una normale scarpa da trekking, ideata per camminare con il massimo confort, è spesso troppo ingombrante o pesante e non consente di sfruttare al meglio gli appoggi in arrampicata. I modelli più "tecnici" hanno comunque un ottimo confort di marcia, e sono quindi adatti a trekking brevi ed escursioni, anche sui normali sentieri. Imbragatura: il consiglio è di acquistare un imbragatura studiata per l arrampicata, ovvero un imbragatura di tipo "bassa" (cintura con cosciali, anche regolabili), cui aggiungere una parte "alta" (pettorina) se si utilizza uno zaino pesante. Gli ultimi studi sulla sicurezza in caso di caduta evidenziano infatti un miglior comportamento di questo tipo di imbragatura rispetto al modello "intero" o "completo. Il vantaggio della prima soluzione stà inoltre nella maggior praticità (possibilità di spogliarsi o coprirsi senza slegarsi) e versatilità (l imbragatura bassa può essere utilizzata in altre attività alpinistiche e di arrampicata). A queste imbracature basse si può abbinare un'imbracatura alta (pettorale) 3

4 SICURI IN FERRATA! OSSERVAZIONI PRELIMINARI. La caduta in ferrata può essere estremamente rischiosa e, anche se apparentemente banale, può risolversi in modo drammatico. L energia di caduta deve essere dissipata in attriti e deformazioni ( deformazione elastica della corda, freni dissipatori ed altro). In alpinismo si indica la gravosità della caduta come rapporto fra l altezza del volo e la lunghezza della corda che trattiene l alpinista e che può deformarsi; tale rapporto è chiamato fattore di caduta ed il suo valore è pari a 2 quando si attua un progressione in cordata In ferrata questo valore può aumentare in modo estremamente preoccupante! Infatti quando una persona si auto assicura con un semplice spezzone di corda, in caso di caduta il moschettone scorre lungo la linea di sicurezza (cavo o catena) senza attriti che assorbono energia; di regola il breve spezzone utilizzato per l auto assicurazione, con la propria deformazione elastica non può assorbire una quantità d energia significativa. In questa situazione diventa probabile la rottura di un anello della catena di assicurazione, moschettone o corda, o il verificarsi di un grave danno fisico (di solito la lesione della colonna vertebrale). Fondamentale è l utilizzo del DISSIPATORE: un attrezzo che permette, tramite lo scorrimento di un idoneo tratto di corda, di mantenere la forza massima di arresto entro valore non superiori ai 6 kn (un kn equivale a circa 100 kg). 4

5 TECNICA D AUTO ASSICURAZIONE. In ferrata un auto assicurazione ottimale si attua con l utilizzo di un SET DA FERRATA composto da UN DISSIPATORE d energia dotato di specifico spezzone di corda, due moschettoni idonei ed una imbracatura: il tutto certificato CE-UIAA. Il dissipatore è un freno che assorbe l energia di caduta, generalmente tramite lo scorrimento di una porzione di corda attraverso un numero di fori predisposti. L energia dissipata attraverso l attrito di scorrimento della corda fa si che la forza d impatto non superi il valore di 6 kn (circa 600 kg); indispensabile è l approntamento di un corretto sistema di legatura rappresentato nei disegni C1, C2 e C3.. La corda utilizzata è di tipo alpinistico certificata CE-UIAA generalmente di diametro nominale da 9 a 11 mm. L utilizzo di corde diverse da quelle consigliate dall azienda che fornisce il dissipatore, potrebbe variare notevolmente il carico di trattenimento (variando le caratteristiche della corda varia l attrito prodotto nel dissipatore). I moschettoni per ferrata sono certificati CE-UIAA e vengono denominati K (Klettersteig= Via Ferrata); sono in lega leggera, trapezoidali ad ampia apertura e con la leva a ghiera autobloccante. Come sempre accade, le norme stabiliscono criteri per la fabbricazione d attrezzi ed il loro utilizzo che sono un compromesso dei vari problemi di produzione ed applicazione dell attrezzo stesso e delle tecniche relative. I questo senso l anello debole della catena d auto assicurazione in ferrata risulta essere il moschettone: questo può essere sollecitato a flessione secondo il piano principale (vedi disegno A) garantendo così carichi assai modesti. 5

6 Risulta fondamentale mantenere entrambi i moschettoni agganciati al cavo metallico durante la progressione! PER RIDURRE I PERICOLI IN VIA FERRATA E NECESSARIO:. possedere una buona preparazione fisica, tecnica e psicologica;. utilizzare un imbracatura certificata CE-UIAA;. utilizzare un sistema di auto assicurazione come descritto ovvero con ansa di corda di almeno un metro (che si può inserire a scomparsa nel cosciale o all interno della cintura ma mai annodare!!), il DISSIPATORE ed entrambi i moschettoni agganciati al cavo metallico o alla catena (il materiale deve essere certificato CE-UIAA);. indossare un casco certificato CE-UIAA;. utilizzare materiale in buono stato non vecchio ed usurato;. indossare calzature ed indumenti adeguati al percorso ed alla quota, non dimenticando che alla salita segue la discesa;. sganciare un moschettone alla volta per superare l infisso. non procedere simultaneamente sullo stesso tratto di corda o catena metallica perché la caduta del primo alpinista trascinerebbe gli altri con sé; 6

7 Nodi per l'imbragatura Bulino infilato E' abbastanza utilizzato nella legatura all'imbrago ma è più laborioso eseguirlo rispetto all'otto infilato; è sicuro solo se eseguito infilato (vedi figura). E' facile da slegare anche se sottoposto a strappi e questo lo rende un nodo piuttosto importante. Come tutti i nodi per l'imbrago essi devono essere eseguiti il più vicino possibile all'imbrago stesso per evitare che l'asola si incastri nella roccia e per poter rimanere il più possibile vicino alla roccia quando ci fermiamo su di un rinvio. Nodo a otto (asola guide con frizione) E' il nodo normalmente utilizzato per la legatura all'imbrago. Si esegue su un capo della corda un guide con frizione e, dopo aver fatto passare il capo nell'imbrago, si ripercorre il nodo al contrario. Il capo dovrà fuoriuscire dal nodo circa 15 cm dopo essere stato tirato, non di più. Inutili e di ostacolo eventuali contronodi sul capo uscente; anche ora vale la precisazione fatta sul nodo precedente 7

8 Doppio guide con frizione (nodo coniglio) E' l'evoluzione dell'asola guide con frizione; permette di sopportare un maggiore carico ed è una sicurezza in più se sono possibili sfregamenti sulla roccia; può essere utilizzato per la legatura all'imbrago tramite moschettone a ghiera (ma solo come sicura provvisoria) o permettere di agganciare due persone sullo stesso capo di corda Nodi per l'autosicura e la sicura Barcaiolo E' un nodo molto importante in ogni situazione; permette di mettersi in sicurezza una volta giunti in sosta e può facilmente essere convertito in mezzo barcaiolo semplicemente girando l'occhiello esterno del nodo. Si esegue prendendo una tratta di corda e facendola passare dietro all'altra tratta; si esegue poi un anello che verrà messo nel moschettone. E' opportuno saperlo eseguire anche infilato in modo da poter fissare la corda su anelli saldati o corpi morti (picozza, sci...). Se si esegue attorno a piante o corpi di grosse dimensioni è meglio fare anche un'asola e controasola a monte del nodo per evitare lo scorrimento della corda. Una volta eseguito è possibile regolare la lunghezza delle tratte uscenti tirando la parte inferiore del nodo ed allungare quindi la tratta di destra o di sinistra (figura in basso a sinistra) 8

9 Mezzo barcaiolo Prima dell'avvento di attrezzi meccanici e delle piastrine era l'unico mezzo per la sicura del secondo di cordata. La prima fase dell'esecuzione è identica a quella del barcaiolo; si prende la corda di sinistra, la si fa passare dietro quella di destra e la si mette nel moschettone da sinistra a destra. Se ben eseguito è facile convertirlo in barcaiolo. E' un nodo che permette assicurazioni dinamiche e con un minimo di materiale anche se necessita particolare attenzione da parte dell'assicuratore rispetto ad assicuratori meccanici Doppio mezzo barcaiolo E' l'evoluzione del mezzo barcaiolo; si usa quando il carico appeso alla corda è notevole ed un mezzo barcaiolo risulterebbe difficile da gestire. Ha il difetto di non poter essere convertito in barcaiolo ma è utile quando l'assicuratore non ha abbastanza forza per fare una sicura degna di questo nome. Si esegue facendo un giro morto di corda nel moschettone e poi procedendo come per il mezzo barcaiolo; la corda sotto carico è quella evidenziata 9

10 Asola e controasola Una volta recuperato il secondo di cordata, il modo più sicuro e pratico per la sua sicurezza è bloccare il mezzo barcaiolo con asola e controasola. E' possibile eseguirlo anche con la corda sotto carico. Questo nodo si esegue facendo un'anello con la mano sinistra e facendo passare dentro di essa la corda dopo averla fatta passare attorno alla corda sotto carico. Con l'anello che ne risulta si fa un identico nodo ripetendo le stesse operazioni 10

11 Nodi di base Nodo semplice Raramente lo si usa se non per accorciare l'estremità di un nodo risultata troppo lunga oppure come blocca-nodi ossia per impedire il passaggio della corda attraverso altri nodi. Risulta comunque poco affidabile poichè tende facilmente a sciogliersi Asola guide con frizione Nodo molto usato in ogni circostanza; è un nodo delle guide con frizione ma eseguito con due tratte di corde parallele e consecutive anzichè una. E' utilizzato per fissare la corda ad ancoraggi, per fissare corde doppie o in ogni circostanza in cui si deve fissare la corda in un suo punto qualsiasi. Con il nome di nodo a otto è il nodo tipico di legatura all'imbrago (eseguito infilato) Asola guide semplice Meno usato del precedente poichè difficile da sciogliere se viene messo sotto carico; anch'esso è un nodo delle guide semplice ma eseguito con due tratte di corde parallele e consecutive anzichè una. Risulta in ogni caso sostituibile dall'asola con frizione 11

12 Bulino E' un nodo molto conosciuto ed utilizzato anche per la facilità d'esecuzione. Si creano velocemente anelli di corda ma bisogna fare molta attenzione in quanto tende molto facilmente a slegarsi. Si creano anelli provvisori per legare attrezzi, zaino o altro ma niente di più. E' invece sicuro se eseguito infilato. Si esegue facendo un nodo semplice e passando poi un capo nell'asolina creatasi; si tira poi la corda che crea l'asolina sino ad ottenere il nodo finito Nodo semplice per giunzione corde per una doppia Il nodo semplice viene usato anche per giuntare 2 corde da usare per una discesa in corda doppia. È quello che ha le minori probabilità di incastrarsi nel passare un spigolo durante il recupero della corda. Nodo semplice copiato Per chiudere anelli di cordino e fettucce. Per le fettucce è l'unico che dà garanzia di non allentarsi (e quindi sciogliersi) accidentalmente. Lasciare qualche centimetro di lunghezza per i capi liberi che escono dal nodo e controllare periodicamente che tale lunghezza non si sia ridotta (soprattutto con le fettucce). 12

13 VIA FERRATA 1 Premessa 1 Kit per Via Ferrata: 1 SICURI IN FERRATA! 4 OSSERVAZIONI PRELIMINARI. 4 TECNICA D AUTO ASSICURAZIONE. 5 PER RIDURRE I PERICOLI IN VIA FERRATA E NECESSARIO: 6 Nodi per l'imbragatura 7 Bulino infilato 7 Nodo a otto (asola guide con frizione) 7 Doppio guide con frizione (nodo coniglio) 8 Nodi per l'autosicura e la sicura 8 Barcaiolo 8 Mezzo barcaiolo 9 Doppio mezzo barcaiolo 9 Asola e controasola 10 Nodi di base 11 Nodo semplice 11 Asola guide con frizione 11 Asola guide semplice 11 Bulino 12 Nodo semplice per giunzione corde per una doppia 12 Nodo semplice copiato 12 13

NODI E CORDE APPUNTI

NODI E CORDE APPUNTI NODI E CORDE APPUNTI I NODI di base, pag.1 I NODI Autobloccanti, pag.5 I NODI per l imbragatura e la sicura, pag.7 I NODI di giunzione. pag.11 1 I nodi di base: Pagina quadro I nodi autobloccanti I nodi

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E.

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Bertini Prato La parola chiave in montagna è Sicurezza 2 Materiale I cordini e i

Dettagli

Tike Saab guide alpine

Tike Saab guide alpine Tike Saab guide alpine Arrampicata su roccia e vie ferrate Dalla mia esperienza di guida alpina ho cercato di sintetizzare al massimo le cose più utili e necessarie per iniziare a frequentare la montagna

Dettagli

La "sosta classica" Nella "sosta classica", i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino.

La sosta classica Nella sosta classica, i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino. La "sosta classica" 6 aprile 2005 La progressione della cordata su una parete è caratterizzata dal movimento non contemporaneo degli alpinisti. Durante la progressione della cordata, la sosta è il punto

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

La catena di assicurazione in ferrata

La catena di assicurazione in ferrata Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Scuola Cosimo Zappelli Scuola Lucca Scuola Alpi Apuane Corso monotematico su vie ferrate 2013 (M-F1) La catena di assicurazione in ferrata giovedì 9 maggio 2013 a

Dettagli

La Catena di Assicurazione (CdA)

La Catena di Assicurazione (CdA) La Catena di Assicurazione (CdA) Agenda: Richiami di fisica I materiali che compongono la CdA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione Cos e È l insieme degli elementi che permettono, in caso di caduta,

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI SCUOLA INTERSEZIONALE SIBILLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI NODI A cosa servono i nodi in Alpinismo? formare una cordata congiungere corde e chiudere

Dettagli

Manovre di autosoccorso: Paranchi

Manovre di autosoccorso: Paranchi Angela Montanari Paranchi Pag. 1/8 Manovre di autosoccorso: Paranchi Recupero di ferito con paranco mezzo Poldo con piastrina. Questo sistema di recupero va adottato, oltre che in alpinismo su ghiaccio

Dettagli

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione 11 Corso di Alpinismo su Roccia 2013 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: _ come

Dettagli

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione ATTENZIONE Il materiale di questo "pdf" è una parte del PowerPoint "Soste e tecniche di assicurazione -2013" che trovate nel DVD

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia ANCORAGGI SOSTE TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA (CAPP. 4-5-6 MANUALE GHIACCIO VERTICALE) INDICE DELLA SERATA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia 1 ANCORAGGI Ancoraggi

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea LA CATENA DI ASSICURAZIONE Lezione a cura di Torrini Andrea PARLEREMO IN QUESTA LEZIONE DI: Significato di CATENA DI ASSICURAZIONE Dimensionamento della CATENA DI ASSICURAZIONE Forza di Arresto Fattore

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Scuola Inter - Sezionale di Alpinismo e Scialpinismo G. Ribaldone LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Alessandro Co' - Raffaele Pagliano Che cos'è la Catena di Assicurazione? E' un insieme di

Dettagli

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia Paolo Gaetani, Marcello Meroni 17/06/2003 Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia INDICE INTRODUZIONE...1 1. PREPARAZIONE DELLA CORDATA...2 2. COME LEGARSI IN CORDATA...2 3.

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. ALPINISMO SU GHIACCIO E MISTO E ALPINISMO SU ROCCIA ; SONO STATE CAMBIATE LA QUASI TOTALITÀ DELLE FOTO ED

Dettagli

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Nodi e Manovre per l Escursionismo Sommario Introduzione... 3 1. Nodi per legarsi... 4 1.1. Nodo delle Guide... 4 1.2. Nodo a

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola centrale di Alpinismo Scuola centrale di Sci Alpinismo AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA Approvato dalla

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA AUTOSOCCORSO SU ROCCIA LE OPERAZIONI SEGUENTI DEVONO ESSERE BEN CHIARE NELLA MENTE DI CHI LE ESEGUE E FRUTTO DI PERIODICHE ESERCITAZIONI, AFFINCHÈ NON SIANO CAUSA DI FATALI CONSEGUENZE, ALTRIMENTI FERMARSI

Dettagli

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA CINTURE DI POSIZIONAMENTO Pag. 37 IMBRAGATURA ANTICADUTA Pag. 38 CORDINO DI ANCORAGGIO E ACCESSORI Pag. 323 ASSORBITORI DI ENERGIA E ANTICADUTA Pag. 324 FUNE ANTICADUTA Pag.

Dettagli

Ancoraggi e tecniche di assicurazione

Ancoraggi e tecniche di assicurazione Scuola di Alpinismo e Scialpinismo FALC CORSO DI ALPINISMO AVANZATO A2 2012 Ancoraggi e tecniche di assicurazione Claudio Caldini (INSA) Ramon Maj (IA) Ancoraggi su roccia Ancoraggi naturali spuntoni,

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Commissione Lombarda Materiali e Tecniche LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Andrea Manes SICUREZZA Inerente materiali e tecniche Parliamo di catena di assicurazione senza

Dettagli

AK350 IMBRACATURA EXCLUSIVE EN361

AK350 IMBRACATURA EXCLUSIVE EN361 ANTICADUTA LINEA AKROBAT EXCLUSIVE Un ulteriore passo in avanti nel processo di sviluppo tecnico di AKROBAT, in linea con le richieste degli utilizzatori più esigenti e attenti alle novità. Nei dettagli

Dettagli

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN La normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro riporta, al decreto legislativo 3 agosto 2009,

Dettagli

AIR RESCUE EVO 03.12.14

AIR RESCUE EVO 03.12.14 AIR RESCUE EVO 03.12.14 2982 AIR RESCUE EVO ref.298201 ref.298202 A EN 813 - EN 12277 TEAM RESCUE L evoluzione CAMP dell imbracatura per il Soccorso Alpino e l'elisoccorso. Costituita da una imbracatura

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI 2012 CAI - Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI Dispensa di Alpinismo Giovanile edita nel mese di settembre 2012 a cura della Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile.

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA I DPI presentati dalla SOCIM SpA su questo catalogo sono in grado, se utilizzati correttamente, di risolvere la totalità dei problemi derivanti dai lavori in zone pericolose a grande altezza, entro cavità,

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. L associazione DirezioneVerticale, impegnata, nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. L associazione DirezioneVerticale, impegnata nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio Ambientale

Dettagli

2015 CLIMBING EQUIPMENT

2015 CLIMBING EQUIPMENT 2015 CLIMBING EQUIPMENT CLIMBING PASSION Climbing Technology (CT) è il marchio commerciale di Aludesign S.p.A., azienda con quasi 30 anni di esperienza internazionale nella progettazione e produzione di

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO Questa dispensa è dedicata all impegno, appassionato e competente, di un amico e di un compagno di cordata, Marcello Meroni (INA) Ultimo aggiornamento e revisione: Massimo Pantani (INA, CLSASA) Sett 2010

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

Equipaggiamento e materiali

Equipaggiamento e materiali Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Corso escursionismo avanzato (E2) 2014 Equipaggiamento e materiali giovedì 27 marzo 2014 a cura di Sergio Pistolesi Istruttore Sezionale Abbigliamento Il principio

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Lezioni Pratiche GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Sabato 5 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica 6 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

I metodi di assicurazione dinamica

I metodi di assicurazione dinamica Club lpino Italiano Commissione Materiali e Tecniche I metodi di assicurazione dinamica Giuliano Bressan CMT - CI contenuto: lcuni concetti base Tecniche di assicurazione - generalità ssicurazione CLSSIC

Dettagli

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale A cura di Giuliano Bressan, Claudio Melchiorri 1/65 Nota introduttiva Questo

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

SI.AL. SIstemi Anticaduta Linee vita

SI.AL. SIstemi Anticaduta Linee vita SIstemi Anticaduta Linee vita SI.AL. SIstemi Anticaduta Linee vita Presentazione linea produttiva SICURKIT D.P.I. Dispositivi di Protezione Individuale 1 Art. SKMS Moschettone connettore di sicurezza di

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

CATALOGO. Global Safety S.r.l. Anticaduta

CATALOGO. Global Safety S.r.l. Anticaduta CATALOGO Global Safety S.r.l. Via Commercio, 2 15068 Pozzolo Formigaro (AL) Tel: 0143-1437124 Fax: 0143-1437119 info@globalsafetysrl.com www. globalsafetysrl.com P.I. 02386530063 Anticaduta Normative EN

Dettagli

Collegio Provinciale delle Guide Alpine Provincia Autonoma di Bolzano

Collegio Provinciale delle Guide Alpine Provincia Autonoma di Bolzano Collegio Provinciale delle Guide Alpine Provincia Autonoma di Bolzano Maurizio Lutzenberger Tecniche di corda per la guida alpina. Edizione 2002 Tecniche di corda per la guida alpina. 1. Corde, fettucce

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO CORSO A.S.E.

CLUB ALPINO ITALIANO CORSO A.S.E. S.R.E. - SCUOLA REGIONALE ESCURSIONISMO CLUB ALPINO ITALIANO CORSO A.S.E. D ESCURSIONISMO BIENNO 2010 ABBIGLIAMENTO EQUIPAGGIAMENTO ATTREZZATURA CATENA DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI ESCURSIONISTICI

Dettagli

Catena di assicurazione e caratteristiche dei materiali

Catena di assicurazione e caratteristiche dei materiali Catena di assicurazione e caratteristiche dei materiali Corso FALC ARG1 2010 Claudio Caldini La catena di assicurazione è l insieme di elementi che permettono, in caso di caduta, di limitare i danni agli

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

Presidenza Nazionale ANVVFC

Presidenza Nazionale ANVVFC Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo Volontariato e Protezione Civile Presidenza Nazionale ANVVFC AI COMITATI PROVINCIALI LORO SEDE AI COMITATI REGIONALI LORO SEDE OGGETTO: Corsi di formazione.

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

certifi cati in accordo ai requisiti previsti dalle Norme Europee: UNI-EN358 per cinture e cordini regolabili per il posizionamento sul lavoro,

certifi cati in accordo ai requisiti previsti dalle Norme Europee: UNI-EN358 per cinture e cordini regolabili per il posizionamento sul lavoro, certifi cati in accordo ai requisiti previsti dalle Norme Europee: UNI-EN358 per cinture e cordini regolabili per il posizionamento sul lavoro, UNI-EN361 per imbracature anticaduta, UNI-EN355 per assorbitori

Dettagli

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891 D.P.I. Corde - UNI EN 1891 SUL MERCATO SONO DISPONIBILI DUE TIPOLOGIE DI CORDE: DINAMICHE - Norma di riferimento EN 892 SEMI STATICHE - Norma di riferimento EN 1891 La norma UNI EN 353-2 (linee vita fless.)

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

Manovre di corda (Febbraio 2009)

Manovre di corda (Febbraio 2009) Manovre di corda (Febbraio 2009) Prefazione Le manovre di corda fanno parte del DNA degli alpinisti e degli speleologi. In questo breve trattato sono presentate le sole manovre di base che possono rendersi

Dettagli

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO EN 341 Dispositivi di discesa EN 353-1 Dispositivi anticaduta di tipo guidato su una linea di ancoraggio rigida EN 353-2 Dispositivi anticaduta

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

Catena di assicurazione e caratteristiche dei materiali

Catena di assicurazione e caratteristiche dei materiali Scuola di Alpinismo e Scialpinismo FALC CORSO DI ALPINISMO AVANZATO A2 2012 Catena di assicurazione e caratteristiche dei materiali Claudio Caldini (INSA) - Ramon Maj (IA) La catena di assicurazione è

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI Nel settore lapideo vengono utilizzate brache in fibre sintetiche per sollevamento e movimentazione di lastre lucidate e manufatti quando

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA

PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA Marzo 2006 - Revisionato e formattato, per la Scuola di Alpinismo e Scialpinismo Silvio Saglio - SEM Milano, da Massimo Pantani - INA (CLSASA) - sulla

Dettagli

ManSafe : sistema anticaduta per tetti metallici

ManSafe : sistema anticaduta per tetti metallici ManSafe ManSafe : sistema anticaduta per tetti metallici Protezione anticaduta orizzontale permanente Latchways con ancoraggio Constant Force Targhetta impianto leggere attentamente Posizionare ben visibile

Dettagli

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre Diamo pure per scontato, e già questo è un azzardo, che sappiate che passare da una situazione orizzontale, condizione che consideriamo normale, ad una

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m. ME51 - Cordino con assorbitore di energia

ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m. ME51 - Cordino con assorbitore di energia ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m ME51 - Cordino con assorbitore di energia Cordini a nastro con assorbitore di energia Miller (EUR) Cordini elastico con assorbitore di energia Miller

Dettagli

Alcune considerazioni teoriche e sperimentali sui carichi di rottura delle corde

Alcune considerazioni teoriche e sperimentali sui carichi di rottura delle corde Alcune considerazioni teoriche e sperimentali sui carichi di rottura delle corde di Silvano Melotti 1. Premessa Lo sviluppo nella costruzione delle corde statiche e il perfezionamento degli autobloccanti

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PALESTRA ARRAMPICATA CAI CORSICO

REGOLAMENTO GENERALE PALESTRA ARRAMPICATA CAI CORSICO REGOLAMENTO GENERALE PALESTRA ARRAMPICATA CAI CORSICO NORME GENERALI 1. Il presente Regolamento disciplina l ingresso e l utilizzo della palestra di arrampicata CAI Corsico e gestita dalla Scuola di Alpinismo

Dettagli

CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI. A cura di

CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI. A cura di CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI A cura di Legge 2 gennaio 1989, n. 6 Ordinamento della professione di Guida Alpina È Guida Alpina chi svolge professionalmente

Dettagli

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI 179 CARLO TERRANOVA & PIERANGELO TERRANOVA NOTIZIE SULLE TECNICHE DI RISALITA SU SOLE CORDE, COME PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I SOCI DEL CAI. SEZ. DI NAPOLI

Dettagli

Quali sono i tipi di corde semistatica?

Quali sono i tipi di corde semistatica? Quali sono i tipi di corde semistatica? I tipi de corde Esistono due tipi di corde. Type A : Corde da utilizzare nel soccorso o come linea di sicurezza nei lavori in altezza. In quest'ultimo caso, sono

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

Teufelberger. Fune Guida Carta. Checklist per risolvere le problematiche di durata della fune. Teufelberger - il vostro Partner di fiducia.

Teufelberger. Fune Guida Carta. Checklist per risolvere le problematiche di durata della fune. Teufelberger - il vostro Partner di fiducia. Checklist per risolvere le problematiche di durata della fune La fune sfrega contro parti della macchina, feltri, tele o altre funi? La corda gira fuori da una puleggia? Le funi si incrociano? Tutte le

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche La sicurezza sulle vie Ferrate: Materiali e Tecniche

Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche La sicurezza sulle vie Ferrate: Materiali e Tecniche Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche La sicurezza sulle vie Ferrate: Materiali e Tecniche a cura di Giuliano Bressan e Claudio Melchiorri Nota introduttiva Questo documento riporta

Dettagli

Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare.

Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare. Gruppo scout Pieve di Cento I I PRIMI NODI Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare. Nodo semplice

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio

CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio INTRODUZIONE La conoscenza della neve e dei fenomeni legati alla sua trasformazione e l'esperienza di numerose ascensioni non sono

Dettagli

Corso di Arrampicata Libera

Corso di Arrampicata Libera Scuola di Alpinismo, Sci Alpinismo e Arrampicata Libera BISMANTOVA Scuola delle sezioni CAI di Reggio Emilia, Sassuolo e Castelnovo ne Monti Corso di Arrampicata Libera organizzato presso la Sezione di

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO MediSave G + MediSave GLV MediSave + MediSave LV

ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO MediSave G + MediSave GLV MediSave + MediSave LV ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO G + GLV + LV 1 www.seic.it Sommario Descrizione / Numero di utilizzatori......................... 3 Utilizzatori dei dispositivi anticaduta.......................... 4 Verifiche

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

RETE SICURA RETE SICURA

RETE SICURA RETE SICURA Manuale di montaggio RETE SICURA RETE SICURA Larghezza della maglia Larghezza della maglia A) Sicura 1. Luogo e scopi d impiego La rete Sicura ferma persone o oggetti che precipitano. Viene utilizzata

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

CAVALIERI RAG. CESARE SRL

CAVALIERI RAG. CESARE SRL CAVALIERI RAG. CESARE SRL VIA REGINA MARGHERITA, 13 25057 SALE MARASINO BS TELEFONO (+39) 030986425 (+39) 030986240 FAX (+39) 030986231 MAIL INFO@CAVALIERIROPES.COM SITO INTERNET WWW.CAVALIERIROPES.COM

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli