COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A RINNOVO DELLA CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL'AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO DI PROPRIETA' COMUNALE. 85 Nr. Progr. Data 27/11/2008 Seduta NR. 11 Titolo 7 Classe Sottoclasse 14 0 Adunanza PUBBLICA di PRIMA convocazione in data 27/11/2008 Il PRESIDENTE ha convocato il CONSIGLIO COMUNALE nella apposita sala del Municipio, oggi 27/11/2008 alle ore 18:00 in adunanza PUBBLICA di PRIMA Convocazione previo invio di invito scritto a domicilio o nei modi e termini previsti dal vigente Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale. Fatto l'appello nominale all'apertura dell'adunanza e tenuto conto delle entrate e delle uscite dei Consiglieri in corso di seduta, al presente oggetto risultano: Cognome e Nome Pre. Cognome e Nome Pre. Cognome e Nome Pre. ROPA LORIS S GADDI GUIDO S RONCAGLIA FRANCESCO N MONARI CARLO S ZACCHIROLI DANILO S DI DOMENICO LINA S MARCHESINI LORIS S MALAGUTI FIORENZO S BRAGLIA LILIANA N BUSSOLARI ROBERTA S TREVISANI CLAUDIO S BONARINI MAURIZIO N ZAVATTARO PAOLO S BENEDETTO OFELIA S GIORDANO ANTONIO S TOLOMELLI VANNA S MANFREDINI SILVIA S GALLERANI GABRIELE S BARTOLINI MONICA S BIANCHINI RENZO S FACCHINI RICCARDO S Totale Presenti: 18 Totali Assenti: 3 Assenti giustificati i signori: RONCAGLIA FRANCESCO, BRAGLIA LILIANA, BONARINI MAURIZIO Assenti NON giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente ingiustificato Sono presenti gli Assessori Extraconsiliari: MIGNANI FABIO, LAZZARI MASSIMILIANO, COCCHI MIRNA, ROTUNDO STEFANO, SANTAGADA GIULIO Partecipa il SEGRETARIO GENERALE del Comune, PERNA LUCIA. Constatata la legalità della adunanza, nella sua qualità di PRESIDENTE, BARTOLINI MONICA invita a deliberare sugli oggetti iscritti all'ordine del giorno. Sono designati a scrutatori i Sigg.: GALLERANI GABRIELE, ZACCHIROLI DANILO, TOLOMELLI VANNA. L'Ordine del Giorno, diramato ai Sigg. Consiglieri ai sensi del vigente Statuto comunale nonché del vigente Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale, porta la trattazione dell'oggetto sopra indicato. Tutti gli atti relativi agli argomenti iscritti all'ordine del Giorno sono depositati presso la Segreteria comunale nel giorno dell'adunanza e nel giorno precedente.

2 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 85 DEL 27/11/2008 OGGETTO: RINNOVO DELLA CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL'AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO DI PROPRIETA' COMUNALE. Durante la trattazione del presente punto entra il Consigliere Bussolari pertanto i presenti sono n. 18. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista e richiamata la propria deliberazione n. 5 del , esecutiva, avente ad oggetto: Approvazione della convenzione per l affidamento in concessione all Azienda Casa Emilia-Romagna della Provincia di Bologna del servizio di gestione del patrimonio di proprietà comunale ; Dato atto che la concessione in essere tra il Comune di Anzola dell Emilia e l Azienda Casa Emilia-Romagna della Provincia di Bologna per il servizio di cui sopra scade il ; Considerato che la Provincia di Bologna ha attivato il Tavolo Politico di supporto al Tavolo di concertazione delle politiche abitative della Provincia di Bologna al fine di elaborato un testo unico per l affidamento in concessione ad ACER del servizio di gestione del patrimonio immobiliare di edilizia residenziale pubblica di proprietà comunale; Dato atto che il percorso avviato dalla Provincia garantisce un importante risultato in termini di omogeneità dei contenuti a livello provinciale e di uniformità delle procedure da parte di ACER che si è tradotto anche nel mantenimento dei costi di gestione dell attuale concessione; Ritenuto quindi di rinnovare l affidamento in concessione ad Azienda Casa Emilia-Romagna della Provincia di Bologna del patrimonio immobiliare di edilizia residenziale pubblica e delle unità immobiliari ad uso diverso da quello di abitazione ubicate in edifici residenziali di proprietà comunale, approvando lo schema di convenzione elaborato dal suddetto Tavolo provinciale; Udita, sul punto, l illustrazione dell Assessore Mignani, per la quale si fa integrale rinvio alla registrazione in atti al n ; Dato atto che è stato acquisito il parere favorevole espresso dal Direttore dell Area Lavori Pubblici e Ambiente in ordine alla regolarità tecnica; Con voti favorevoli unanimi resi per alzata di mano, presenti e votanti n. 18 componenti D E L I B E R A 1) Di rinnovare, per i motivi di cui in premessa, l affidamento in concessione ad ACER Bologna della gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica e delle unità immobiliari ad uso diverso da quello di abitazione ubicate in edifici residenziali di proprietà comunale individuate con deliberazione di C.C. n. 69 del ; 2) Di approvare lo schema di convenzione per l affidamento in concessione che definisce il sistema delle relazioni tra Comune e concessionario, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

3 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 85 DEL 27/11/2008 3) Di dare atto inoltre che il Direttore dell Area Lavori Pubblici e Ambiente provvederà a sottoscrivere il relativo contratto con facoltà, in sede di stipula, di apportare tutte le integrazioni e precisazioni alla Convenzione che dovessero rendersi necessarie, fatte salve le condizioni essenziali e la sostanza del negozio così come risultano definite dal presente provvedimento; Successivamente con separata votazione e con voti favorevoli unanimi, la presente deliberazione viene dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi dell art comma del Decreto Legislativo n. 267.

4 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA L anno duemilaotto il giorno. del mese di..: In Bologna, piazza della Resistenza n. 4. Con il presente atto, in due originali, da valere tra le parti ad ogni effetto di legge, TRA -. nato a il. domiciliato per la carica in... presso la Residenza Municipale in che interviene al presente atto, non in proprio, ma nella sua veste di Direttore dell Area Lavori Pubblici e Ambiente, e quindi in nome e per conto del COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA, di seguito più semplicemente denominato Comune, con sede ove sopra, (Codice Fiscale /Partita IVA.) giusti poteri a lui attribuiti con decreto del Sindaco n. in data. prot n. ; E -.. nata a.. il., domiciliata per la carica in Bologna, piazza della Resistenza n. 4, che interviene al presente atto non in proprio ma quale Direttore amministrativo, in rappresentanza della AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA, con sede in Bologna Piazza della Resistenza 4, codice fiscale (in seguito per brevità denominata anche Acer ), a quanto appresso autorizzat da procura a rogito notaio Claudio Babbini di Loiano in data 17/11/2004 rep. n /2429 registrato presso l Agenzia delle Entrate Ufficio di Bologna 4 il 22/11/2004 nr Serie 1A, confermata con delibera consiliare n. 117 del 17 luglio 2007 oggetto 7, ed in esecuzione della delibera del consiglio di amministrazione in data 14 novembre 2008 n. 139 ogg. 5; P R E M E S S O - che, in data 8/8/2001, è stata approvata la Legge Regionale n. 24, la quale disciplina in modo organico il sistema regionale dell intervento pubblico nel settore abitativo; - che la disciplina regionale di cui alla L.R. n. 24/2001 prevede in particolare: a) la definizione del regime giuridico e le modalità di gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica ed il riordino istituzionale ed organizzativo del sistema regionale dell E.R.P. (edilizia residenziale pubblica); b) l unificazione in capo ai Comuni della titolarità del patrimonio di erp e l ampliamento del ruolo istituzionale dei Comuni medesimi nel campo delle politiche abitative mediante l affidamento agli stessi del relativo potere regolamentare; c) la trasformazione dei già esistenti IACP in enti pubblici economici, denominati ACER, che consente agli stessi di assumere il ruolo strategico di enti strumentali delle Autonomie 1

5 locali, nell ottica di ottimizzare la gestione del patrimonio di erp; d) la possibilità per l Acer, ai sensi dell art. 41 della L.R. 24/2001, di costituire o partecipare a società di scopo per l esercizio dei compiti di cui alla successiva lettera e) di queste premesse, di attività strumentali allo svolgimento di tali compiti, ovvero di attività inerenti le politiche abitative degli enti locali fermo restando il perseguimento delle finalità sociali a cui tali soggetti sono preposti; e) lo svolgimento, da parte del nuovo ente, o delle suddette società di scopo, fra i compiti istituzionali, delle seguenti attività: la gestione di patrimoni immobiliari (compresi gli alloggi di erp), la manutenzione, gli interventi di recupero e di qualificazione degli immobili, la fornitura di servizi tecnici relativi alla programmazione, progettazione ed attuazione degli interventi edilizi, la gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie e la prestazione di servizi agli assegnatari di alloggi di erp e di abitazioni in locazione (art. 41 della L.R. 24/2001); f) la possibilità per i Comuni, le Amministrazioni provinciali e gli altri Enti pubblici di avvalersi delle attività sopra descritte attraverso la stipula, col nuovo ente gestore di apposite convenzioni volte a stabilire i servizi prestati, i tempi e le modalità di erogazione degli stessi ; g) il coinvolgimento degli assegnatari, singoli ed associati, nella gestione del patrimonio di alloggi di ERP così come definito all art. 22 della legge regionale 24/2001; - che spettano ai Comuni le funzioni di promozione degli interventi per le politiche abitative ed i compiti attinenti all attuazione e gestione degli stessi, nonché la gestione degli alloggi e l esercizio delle funzioni amministrative in materia; - che con la presente convenzione in applicazione dell art. 41 della L.R. n. 24/2001 il Comune intende conferire in concessione ad ACER il servizio di gestione degli alloggi e le unità immobiliari ad uso diverso dalle abitazioni di proprietà comunale; - che l ACER è dotato di sistema qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001:2000, ed in conformità a tale sistema opera sulla base di procedure documentate; - che l ACER si impegna a svolgere la sua attività secondo criteri di efficacia, efficienza ed economicità impiegando il controllo di gestione quale strumento di sistematico miglioramento del proprio agire; - che l Acer e il Comune si impegnano, a condividere tutte le reciproche informazioni relative alla condizione patrimoniale, contrattuale, manutentiva di tutti gli affidati in concessione, al fine di svolgere compiutamente, in modo coordinato le reciproche funzioni così come definite dalla normativa e dalla presente convenzione. A questo fine condivideranno le banche dati informative, come di seguito specificato; - che l ACER certifica i propri bilanci secondo quanto prevede la Legge Regionale n. 24/2001; - che il Comune di... e l ACER intendono regolamentare l affidamento in concessione all ACER del servizio di gestione degli 2

6 immobili e.r.p. di proprietà comunale attuale e futura. Il Comune ha la facoltà di estendere tale conferimento anche gli immobili non e.r.p. identificati con le modalità sotto-indicate; - che l ACER prende atto dei vigenti regolamenti di attuazione della Legge Regionale n. 24/2001; - che, per le unità ad uso ricovero automezzi, si rinvia all apposito regolamento di assegnazione adottato da Acer; che per quanto riguarda gli immobili di proprietà comunale da destinare al progetto Agenzia Metropolitana per l'affitto, le Parti si riservano di disciplinare con un successivo ed ulteriore atto le modalità, i termini ed i compensi per la relativa attività prestata da Acer Bologna in merito, restando comunque dovute per tali unità immobiliari le attività gestionali previste dal presente atto, in quanto compatibili. Tutto ciò premesso e da valere quale parte integrante e sostanziale del presente contratto, le parti convengono e stipulano quanto segue: ART. 1 OGGETTO: AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE Il Comune in persona del Sig., nei limiti ed alle condizioni di cui alle successive pattuizioni, affida in concessione all ACER di Bologna, che in persona del proprio rappresentante accetta, conferendogli all uopo mandato con rappresentanza, le unità immobiliari, di cui agli elenchi allegati sotto le lettere per complessivi nn... alloggi, nn. autorimesse/posti auto, n.. Locali vari e n. negozi, i cui dati qui si intendono come integralmente riportati. Gli immobili sono affidati ed accettati in concessione nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, come risulta da verbali di consegna sottoscritti in esecuzione di precedente convenzione di gestione. L affidamento in concessione e l esecuzione dei poteri gestionali devono ritenersi, inoltre, sin d ora estesi ed operanti anche relativamente a quelle unità immobiliari che il Comune decidesse di affidare in concessione all ACER dopo la sottoscrizione del presente atto, stabilendo fin d ora sufficiente per entrambe le Parti identificarle tramite successivi singoli verbali di consegna, debitamente sottoscritti dai delegati degli Enti interessati. L affidamento in concessione del servizio di gestione del patrimonio immobiliare di proprietà comunale, costituito dal patrimonio di edilizia residenziale pubblica, comporta il diritto in capo al concessionario Acer di incamerare i proventi derivanti dai canoni di locazione dei suddetti patrimoni, nonché il trasferimento in capo ad ACER degli oneri e dei costi connessi alla gestione e alla manutenzione ordinaria e straordinaria ART. 2 FUNZIONI SVOLTE DAL CONCESSIONARIO L ACER, in qualità di concessionario, provvede direttamente o tramite società di scopo, ex art. 41 Legge Regionale n. 24/2001, a svolgere tutte le attività qui di seguito elencate, anche secondo quanto previsto dal Capitolato prestazionale all. A alla deliberazione del Consiglio Regionale 30/7/2002 n

7 a)gestione CONTRATTI Questo blocco di attività riguarda il complesso di azioni che debbono essere svolte relativamente alla stipula di contratti, al rientro nella disponibilità di unità immobiliari dopo la cessazione di un contratto (o la decadenza dall assegnazione), e tutti gli atti amministrativi e tecnici connessi, compresa la regolarizzazione di rapporti locatizi in corso. Attivita : 1. Stipula contratti locativi di alloggi, per assegnazioni e volture 01 Verifica formale atti di assegnazione 02 Informazione all utenza e distribuzione moduli all utenza 03 Verifica richieste volture 04 Preparazione e stampa contratti per assegnazioni provvisorie e definitive e volture 05 Riscossione depositi cauzionali a garanzia degli obblighi contrattuali 06 Sottoscrizione contratti e consegna allegati (ad es. convenzioni speciali, regolamenti d uso, regolamenti di ripartizioni degli oneri) 07 Comunicazioni alla Questura di cessione in locazione alloggi 08 Comunicazioni alla Soprintendenza di cessione in locazione di alloggi in fabbricati dichiarati di interesse storico-culturale 09 Registrazione dei contratti 10 Consegna alloggi 11 Stampa duplicati contratto o altro 12 Collaborazioni e consulenze con i competenti uffici comunali 13 Informativa all'utenza sul rispetto delle norme che regolano i diritti e i doveri derivanti dalla conduzione dell'alloggio 2. Stipula Contratti locativi per unità immobiliari ad uso diverso dall abitativo (Con riguardo agli immobili commerciali o uso istituzionale rimangono di competenza del Comune, salvo sua diversa richiesta, la scelta del contraente, la negoziazione del canone e la stipula del relativo contratto.) 01 Distribuzione e raccolta domande 02 Istruttoria domande e assegnazione 03 Ricognizione e verifiche stato unità immobiliari 04 Stampa e sottoscrizione contratti autorimesse e posti auto 05 Registrazione contratti 06 Comunicazione alla Questura cessione unità immobiliari 07 Comunicazioni alla Soprintendenza di cessione in locazione di alloggi in fabbricati dichiarati di interesse storico-culturale 3. Subentri, ospitalità, ampliamenti 01 Gestione procedure secondo i regolamenti comunali 02 Informazione all'utenza e distribuzione moduli domande 03 Ricezione, comunicazioni, verifica requisiti e aggiornamento consistenza nuclei familiari 04 Avvio procedimento in mancanza requisiti di legge 4. Disdette e riconsegna alloggi di risulta 01 Raccolta disdette 02 Comunicazione ai Comuni disponibilità alloggi 03 Ritiro chiavi e verbale in contraddittorio 04 Rimborso cauzione e relativi interessi con verifica eventuali danni 4

8 05 Aggiornamento anagrafe utenza in archivi informatici 06 Consegna chiavi alla ditta incaricata del ripristino dell'alloggio 07 Segnalazione tempi disponibilità alloggio al Comune a seguito perizia 5. Disdette e riconsegna altre unità immobiliari 01 Raccolta disdette 02 Ritiro chiavi e verbale in contraddittorio 03 Comunicazione ai Comuni disponibilità unità immobiliari, ad eccezione delle unità uso ricovero automezzi 04 Rimborso cauzione e relativi interessi con verifica eventuali danni 05 Consegna chiavi alla ditta incaricata del relativo ripristino o al Comune 7. Gestione contratti di cessione in proprietà immediata o differita 01 Riscossione rate riscatto 02 Riscossione afferenti i servizi a rendiconto dietro corresponsione da parte dell utente delle quote deliberate dalla Giunta regionale 03 Riscossione rate alloggi venduti ai sensi della legge 560/93 Obiettivi specifici - Rispetto dei tempi di convocazione del cittadino, stipula del contratto e consegna delle unità immobiliari disponibili nei tempi previsti dalla carta dei servizi allegata; - Rispetto delle scadenze di legge per formalità di ordine pubblico e fiscale; - Riconoscimento benefici per subentri, ospitalità e ampliamenti nei termini di legge o di regolamento comunale; - Ritiro chiavi con verbale in contraddittorio entro i termini di disdetta; - Segnalazione disponibilità alloggio al Comune, a seguito di perizia di ripristino, con cadenza quindicinale; b) GESTIONE RICAVI Questo blocco di attività riguarda il complesso di azioni da svolgere per gestire i ricavi, a qualunque titolo, che derivano dagli immobili, ad esclusione dei proventi da vendita e valorizzazione. Attività: 1. Gestione canoni di locazione e servizio bolletta-zione 01 Calcolo canoni locatizi in conformità al regolamento comunale ed alla presente convenzione 02 Comunicazione variazioni canoni 03 Ricalcolo canoni a seguito di provvedimenti dell Amministrazione comunale; 04 Calcolo indennità di occupazione ed ospitalità temporanea 05 Aggiornamenti periodici canoni 06 Applicazione maggiorazione canoni in seguito a provvedimento di decadenza 07 Riscontro incassi e morosità 08 Rilevazione incassi per singolo inquilino 09 Ricevimento utenti e ristampa duplicati bollette 10 Incasso e rendicontazione quote sindacali 11 Addebiti vari 5

9 12 Fatturazione e riscossione delle somme dovute dagli inquilini a titolo di rimborso delle utenze con specifiche informazioni sulla bolletta 2. Attività di recupero crediti da canoni e servizi 01 Solleciti pagamenti 02 Comunicazioni utenti di costituzione in mora 03 Corrispondenza uffici comunali e servizi sociali 04 Gestione piani di recupero concordati 05 Preparazione e redazione atti giudiziari per intimazione di sfratto per morosità 06 Presentazione e successivo ritiro atto giudiziario notificato 07 Formazione fascicolo ed iscrizione a ruolo 08 Partecipazione udienza avanti al Giudice 09 Sviluppo causa ordinaria in caso di opposizione ovvero procedura convalida sfratto 10 Richiesta e notifica di decreto ingiuntivo, con relativi adempimenti fiscali 11 Preparazione, redazione e notificazione atto di precetto per il pagamento 12 Esecuzione forzata sino all'eventuale sfratto 13 Custodia e trasloco mobilio in locali indicati dal Comune 3. Attività di rendicontazione crediti/debiti inquilini usciti 01 Individuazione nuovo domicilio 02 Comunicazione prospetto con modalità di riscossione o pagamento 03 Solleciti pagamenti per somme a credito 04 Sviluppo procedure di recupero crediti (vedasi punto 2 precedente) 05 Comunicazione al Comune situazioni di crediti ritenuti inesigibili 06 Rendicontazione crediti di spettanza comunale L'attività di recupero crediti è circoscritta al patrimonio ove si riscontrino situazioni di inadempienza nei pagamenti. Obiettivi specifici: - Rispetto dei termini previsti dalla procedura di recupero della morosità allegata alla convenzione. c) GESTIONE ASSEGNATARI Riguarda le attività di verifica delle caratteristiche degli assegnatari, quelle di supporto/assistenza ai conduttori, quelle di verifica sul corretto uso degli immobili e quelle di accoglimento delle richieste dei conduttori. Attività 1. Attività di prima informazione al pubblico 01 Informazione di primo livello 02 Gestione reclami 03 Indagini di customer satisfaction 04 Comunicazione periodica scritta e/o tramite strumenti informatici, telematici 05 Comunicazione, anche scritta, plurilingue 2. Anagrafe reddituale ed utenza 01 Aggiornamento anagrafe utenza 6

10 02 Anagrafe reddituale annuale 03 Verifica ricorsi su applicazioni nuovi canoni 04 Informazioni all'utenza su redditi e canoni 05 Tenuta archivio redditi 06 Raccordo con Amministrazioni certificanti 07 Rapporti con servizi sociali e OO.SS. utenza su redditi e canoni 3. Verifiche permanenza requisiti e decadenze 01 Controlli e verifiche secondo il regolamento comunale 02 Indagini ed ispezioni su occupazioni abusive alloggi 03 Verifica limiti alla titolarità di diritti reali su beni immobili 04 Verifica del corretto utilizzo alloggio 05 Verifica dell osservanza delle norme contrattuali e dei regolamenti d uso degli alloggi e delle parti comuni 06 Verifica su danneggiamenti patrimoniali 07 Verifiche su supero reddito o redditi non documentati 08 Verifiche su morosità 09 Controlli dichiarazioni redditi su un campione pari al 7% delle unità gestite 10 Verifica permanenza requisiti art.15 della Legge Regionale n. 24/ Verifica costruzioni abusive 12 Proposte di decadenza al comune 13 Informazioni all'utenza su procedure di decadenza 4. Gestione mobilità assegnatari 01 Informazioni all'utenza 02 Visita per scelta alloggi resi disponibili dal Comune 02 Sottoscrizione contratti per mobilità 03 Comunicazioni alla Questura di cessione alloggi 04 Comunicazioni alla Soprintendenza di cessione in locazione di alloggi in fabbricati dichiarati di interesse storico-culturale 05 Registrazione contratti 06 Collaborazione con uffici comunali competenti 5. Attività rilascio immobili per mancanza dei requisiti previsti dalla legge 01 Gestione azione esecutiva di rilascio immobili in attuazione del provvedimento comunale di decadenza 02 Assistenza legale, amministrativa e tecnica nel momento dell'esecuzione 03 Custodia e trasloco mobilio in locali indicati dal Comune 6. Attività di rilascio immobili per occupazioni illegali 01 Rilevazione dell'occupazione illegale 02 Comunicazione all'interessato della posizione e della conseguente necessità di rilascio dell'alloggio 03 Segnalazione al comune dell occupazione illegale 04 Gestione azione esecutiva di rilascio immobile in attuazione del provvedimento comunale di rilascio 05 Assistenza legale, amministrativa e tecnica al momento dell'esecuzione 07 Corrispondenza con servizi sociali 08 Custodia e trasloco mobilio in locali indicati dal Comune 7. Gestione e segnalazione guasti 01 Ricevimento utenti, telefonate o comunicazione a mezzo posta 7

11 cartacea o elettronica con richiesta di pronto intervento e manutenzione ordinaria 02 Compilazione e trasmissione ordini d'incarico per verifiche interventi 03 Sopralluoghi a campione di accertamento di lavori eseguiti o verifica a campione sui lavori in corso di esecuzione 04 Ricezione delle segnalazioni 24 ore su 24 8.Regolamento d uso 01 Attuazione previsioni del Regolamento per le modalità d uso degli alloggi erp e delle parti comuni ; 02 Servizio di mediazione sociale dei conflitti condominiali in adempimento di quanto previsto dal regolamento comunale Obiettivi specifici: - Rilevazione annuale anagrafico - reddituale delle famiglie assegnatarie e segnalazione, entro cinque mesi dal termine della rilevazione, delle situazioni di decadenza individuate. - Comunicazione al Comune delle proposte di decadenza entro quindici giorni dall accertamento della condizione, ad eccezione di quelle rilevate in sede di anagrafe dell utenza. - Conferimento incarico a Ufficio Legale per avvio della procedura per l esecuzione dei provvedimenti comunali di decadenza o di rilascio alloggi entro 60 giorni dal ricevimento del relativo provvedimento comunale. Per l eventuale attività legale/giudiziale per opposizioni all esecuzione, agli atti esecutivi o simili, promosse ai sensi degli artt. 615 e segg. C.p.c. dagli esecutati nei confronti di Acer gestore e rappresentante dell Ente proprietario è dovuto un compenso aggiuntivo rispetto a quanto previsto dal successivo art. 7, pari all importo liquidato dal giudice o, in assenza, all importo previsto dalle tariffe degli onorari e delle indennità spettanti agli avvocati per prestazioni giudiziali e stragiudiziali, pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 115 del e successive modifiche ed integrazioni via via vigenti. A tal proposito il Comune solleva Acer Bologna da qualunque richiesta di danno conseguente all esecuzione dei provvedimenti Comunali di decadenza o rilascio degli immobili gestiti. d) GESTIONE DELLE MANUTENZIONI Comprende le attività di manutenzione corrente, finalizzate a conservare il valore e i livelli di funzionalità dell'immobile. Il criterio guida è quello di passare da interventi manutentivi su richiesta (riparazione di guasti) alla manutenzione programmata che comprende l'analisi dei cicli di obsolescenza delle diverse componenti e la definizione di programmi di manutenzione che ottimizzino il rapporto tra risorse impegnate, livello di funzionalità dell'immobile, livello di soddisfacimento dell'utenza, livello degli obiettivi perseguiti dall amministrazione comunale e definiti nell ambito della programmazione. Attività 1. Gestione pronto intervento 01 Incarico per esecuzione lavori 02 Verifica a campione lavori in corso di esecuzione 03 Verifica a campione termine lavori 8

12 04 Controllo tecnico e verifica grado di soddisfacimento lavori eseguiti a campione 05 Verifica tecnico-contabile delle prestazioni 06 Rimborsi agli utenti per lavori eseguiti direttamente limitatamente ad interventi eccezionali e di estrema urgenza 07 Gestione informatizzata della spesa di pronto intervento con aggiornamento della serie storica dei lavori 2. Gestione manutenzione ordinaria e programmata 01 Comunicazione data di inizio e data di fine dei lavori 02 Predisposizione e aggiornamento scheda riportante le condizioni manutentive del fabbricato 03 Elaborazione programmi di manutenzione periodica e straordinaria 04 Ricevimento segnalazioni con richiesta di intervento 05 Verifica in merito alla fattibilità procedurale e finanziaria delle richieste 06 Compilazione e trasmissione ordini d'incarico alle imprese per esecuzione interventi 07 Sopralluoghi di accertamento o verifica sui lavori in corso di esecuzione 08 Controllo tecnico e del grado di soddisfacimento dei lavori eseguiti a campione 09 Rilevazione e aggiornamento problematiche dei fabbricati a seguito segnalazioni o interventi 10 Prove e collaudi su impianti tecnologici ed elettrici richiesti dalla normativa vigente 11 Verifica tecnico-contabile delle prestazioni 12 Gestione informatizzata della spesa di manutenzione con aggiornamento della serie storica dei lavori 13 Vigilanza tecnico-manutentiva e amministrativa degli immobili affidati in concessione 14 Studio dei cicli di obsolescenza degli impianti e dei componenti parti comuni dei fabbricati e degli alloggi per la predisposizione e realizzazione di programmi di manutenzione programmata. 3. Gestione riassegnazione alloggi disponibili 01 Gestione informatizzata della procedura a partire dal ricevimento delle chiavi dell'alloggio condivisa con l Amministrazione comunale. 02 Sopralluoghi per verificare i lavori da eseguire 03 Valutazioni sulle modalità procedurali e finanziarie di realizzazione dell'intervento in rapporto alla disponibilità finanziaria complessiva 04 Compilazione e trasmissione ordine d'incarico alle imprese per le varie tipologie di lavori 05 Sopralluoghi di accertamento e verifica in corso d opera 06 Controllo tecnico e del grado di soddisfacimento dei lavori eseguiti a campione 07 Prove e collaudi su impianti tecnologici (richiesti dalla normativa vigente) 08 Verifica tecnico-contabile delle prestazioni 09 Gestione informatizzata della spesa e aggiornamento schede fabbricati con modalità informative condivise con il Comune, 9

13 come più oltre specificato Obiettivi specifici: - Ripristino alloggi disponibili nei tempi previsti dalla carta dei servizi, compatibilmente con le risorse finanziarie programmate, secondo i criteri generali della concessione e in relazione alla complessità e all'entità dell'intervento. e) GESTIONE CONDOMINIALE, APPROVIGGIONAMENTI, SERVIZI E AUTOGESTIONI Raccoglie le attività connesse all'approvvigionamento di servizi e beni per il corretto funzionamento dell'immobile e il servizio di vigilanza tecnica e amministrativa degli immobili affidati in concessione anche in applicazione del Regolamento comunale d uso sugli alloggi. Per lo svolgimento dell attività Acer in qualità di concessionario è incaricato della rappresentanza nelle assemblee condominiali nei fabbricati a proprietà mista. In tali situazioni Acer è autorizzato, qualora possibile a termini di Legge, a proporsi nel ruolo di amministratore condominiale. Relativamente agli interventi di manutenzione straordinaria, ACER nella assunzione delle decisioni dovrà attenersi ai contenuti della programmazione degli interventi straordinari. Per quanto riguarda le autogestioni Acer opererà sulla base del regolamento che sarà adottato dal Comune, con verifica della adeguatezza del compenso gestionale. Attività 1. Gestione condomini amministrati da terzi 01 Analisi comunicazioni amministratori 02 Partecipazione assemblee condominiali, se valutato necessario, con rimborso del relativo onere stabilito nella misura forfetaria di euro 20,00 per ciascuna ora di durata della relativa trasferta 03 Attribuzione quote spese di competenza della proprietà a favore degli amministratori 04 Liquidazione quote di competenza della proprietà a favore degli amministratori 2. Gestione autogestioni 01 Attivazione di promozione della partecipazione degli utenti alla gestione del patrimonio 02 Fornitura di assistenza tecnica, amministrativa e legale alle autogestioni 03 Informativa all'utenza 3. Gestione servizi 01 Individuazione del livello richiesto per ogni tipo di servizio 02 Individuazione delle aziende erogatrici dei singoli servizi 03 Organizzazione e sorveglianza dei livelli prestazionali dei servizi 04 Contabilizzazione dei servizi forniti 05 Rendicontazione agli utenti dei servizi erogati 06 Confronto annuale con le OO.SS. degli assegnatari per la definizione dei costi indiretti relativi ai servizi erogati 4.Rimborsi ad autogestioni ed amministrazioni condominiali per insoluti mediante utilizzo di canoni di locazione 01 Verifica richieste rimborsi 02 solleciti per insoluti 03 Preparazione delibere di rimborso spese 10

14 Obiettivi specifici: - Costituzione di nuovi condomini entro 90 giorni dal verificarsi dei presupposti di legge, - Rispetto dei termini previsti dalla legge per la predisposizione dei bilanci nei condomini misti; - Promozione e relativa consulenza tecnica-amministrativa-legale alle autogestioni. - Consentire all utente la corretta lettura dei costi dei servizi erogati f) GESTIONE INVENTARI IMMOBILIARI Attività 1) Gestione inventari patrimoniali 01 Censimento degli immobili e delle relative unità immobiliari, pertinenze e parti comuni 02 Predisposizione schede fabbricato 03 Predisposizione schede unità immobiliari 04 Integrazione dati mancanti con relative procedure per adempimenti comunali e catastali 05 Aggiornamento informatico dati per dismissioni e nuove acquisizioni e interventi di riqualificazione patrimoniale 06 Rilascio autorizzazioni che non comportino la costituzione di diritti reali 2) Gestione delle innovazioni per il patrimonio immobiliare 01 Promozione strategica disponibilità fabbricati per scelte innovative che aumentano la redditività del patrimonio 02 Studio di fattibilità altri interventi (pannelli luminosi pubblicitari, pubblicità nei cantieri, pubblicità negli ascensori, etc.) 03 Acquisizione parere ente proprietario 04 Rapporti con i rispettivi gestori 05 Rapporti con l'utenza 06 Stesura e stipula dei relativi contratti di concessione d'uso ART. 3 SISTEMA INFORMATIVO ACER ed il Comune, attuano la piena condivisione di tutte le informazioni relative alla condizione patrimoniale, contrattuale e manutentiva degli immobili ad uso abitativo e non, affidati in gestione ad ACER, nonché di tutte le informazioni relative agli assegnatari e ai rispettivi nuclei familiari. 11

15 L attuazione della suddetta condivisione di dati è realizzata a mezzo dei reports predisposti da Acer Bologna sul proprio portale aziendale, cui è dato accesso al Comune in base alle modalità già definite tra le Parti, reports costituiti da: - Prospetto di dettaglio delle unità immobiliari gestite (Dettaglio unità gestite); - elenco fabbricati contenenti unità immobiliari in gestione ad Acer (Elenco edifici con unità gestite); - Report di sintesi delle unità immobiliari gestite per tipologia (Unità gestite per tipologia); - Report di sintesi delle unità locate e sfitte (Unità locate e sfitte per tipologia); - Report di sintesi delle unità locate raggruppate per tipo di contratto (Unità locate per tipologia di contratto) - Report di sintesi delle unità sfitte raggruppate per fase di sfittanza (Unità sfitte per fase di sfittanza) - Prospetto di dettaglio delle unità sfitte per fase di sfittanza (Dettaglio unità sfitte); - Report relativo ai canoni emessi nell esercizio, distintamente per mese (Canoni emessi); - Report utilizzo del budget di manutenzione da canoni costo lavori (Utilizzo budget manutenzione); - Prospetto di dettaglio degli alloggi in manutenzione, con data presunta di fine lavori ed importo di perizia per gli alloggi in corso di ripristino (Alloggi sfitti in fase 1); - Prospetti periodici di rendicontazione dei canoni incassati e delle spese di gestione; - Prospetto riepilogativo degli interventi manutentivi effettuati per fabbricato. - Report manutenzioni: 1 Dettaglio interventi di ripristino; 2 Dettaglio interventi manutentivi; - Report anagrafe utenza: 1 Dettaglio u.i. per sottotipo contratto; 2 - Composizione nuclei con situazione reddituale; 3 - Elenco disdette e riconsegna chiavi (comunicazione sfittanza fasi 1-2-3); - Report condomini decentrati: 1 - elenco condomini esterni; 2 - Elenco condomini amministrati da Acer; - Report anagrafe appartamenti; - Report morosità: 1 dettaglio bollette utenti morosi. Le parti si impegnano reciprocamente a mantenere aggiornate le banche dati informatiche. ACER ed il Comune garantiscono che i propri sistemi informativi sono dotati di idonee misure di sicurezza così come previsto ai sensi degli artt. 31 e 36 del codice in materia di protezione dati personali (D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196) e dall Allegato B (disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza). ART. 4 - ATTIVITA DI MANUTENZIONE SU SEGNALAZIONE E DI RIPRISTINO DEGLI ALLOGGI L Azienda provvede ad effettuare gli interventi di manutenzione su segnalazione nelle singole unità immobiliari, nelle parti comuni degli 12

16 edifici e nelle eventuali pertinenze esterne, con esclusione di tutti quegli interventi che sono a carico dei conduttori ai sensi del regolamento comunale di ripartizione degli oneri tra ente gestore ed assegnatari degli alloggi E.R.P. di cui all art. 25 punto 6b della Legge Regionale 24/2001, nonché per quelli previsti a carico dei medesimi da norme di legge e secondo gli usi locali. Acer provvederà all esecuzione di tutte quelle opere necessarie per la salvaguardia della sicurezza degli utenti e/o di terzi e per garantire la funzionalità e l igiene dell alloggio e/o del fabbricato, qualora i conduttori non vi adempiano. Acer provvederà all addebito in bolletta agli utenti della relativa spesa, con l indicazione dell intervento eseguito, del suo costo, dell insediamento interessato e del criterio di ripartizione. Nel caso di utenti assistiti dai servizi socio-sanitari, o morosi, ne verrà data comunicazione al Comune e le relative spese resteranno a carico del Comune medesimo, in caso di mancato pagamento da parte degli stessi. Per gli altri tipi di lavoro, diversi da quelli necessari per la salvaguardia della sicurezza o per la funzionalità ed igiene dell alloggio e/o del fabbricato, comunque a carico degli utenti secondo il regolamento di cui sopra, ACER potrà intervenire su richiesta dell utente provvedendo al relativo addebito all utente in bolletta. L attività di ripristino degli alloggi, anche compresi in fabbricati a proprietà mista, da riassegnare dovrà avvenire sulla base delle priorità individuate dal Comune, sia in relazione a lavori di carattere ordinario che straordinario. Analogamente dovrà essere programmata l attività di manutenzione straordinaria degli immobili; in sede di programmazione delle attività sarà definita la destinazione delle risorse provenienti dai canoni. I lavori eseguiti da ACER tramite ACER Manutenzioni S.p.A., al netto dei compensi tecnici, verranno contabilizzati sulla base vigente scontato del 5,05% (cinquevirgolazerocinque per cento), che le parti dichiarano di ben conoscere omettendone quindi l allegazione -, e suoi successivi aggiornamenti calcolati sulla base dei dati rilevati dall ISTAT di cui agli indici del costo di costruzione di un fabbricato residenziale per la provincia di Bologna. Il primo aggiornamento verrà effettuato nell aprile-maggio 2009, con entrata in vigore il 1 giugno 2009, e la percentuale applicata sarà quella corrispondente alla variazione 31 dicembre dicembre Analogamente per i successivi aggiornamenti. In caso di affidamento dei lavori tramite apposita gara d appalto l elenco prezzi unitari di riferimento sarà quello allegato al capitolato speciale di appalto posto a base d asta e ad esso verrà applicato il ribasso offerto in sede di gara dall impresa aggiudicataria. L individuazione del fabbisogno manutentivo per le attività di cui sopra e per le attività individuate all art. 2 lettera d) della presente Convenzione, viene valutata in un minimo del 30% (trenta per cento) dei canoni. Questa percentuale potrà essere rivista, d accordo fra le parti, per meglio fronteggiare le correnti esigenze manutentive di cui sopra. Tale quota, che verrà costantemente monitorata in funzione dell evoluzione del fabbisogno, si intende remunerativa anche dei compensi tecnici, fissati nella misura del 10% (diecipercento) dell imponibile dei lavori fatturati. 13

17 Gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, deliberati dalle assemblee condominiali su immobili gestiti ai sensi del presente contratto, saranno oggetto di apposita quantificazione da sottoporre al Comune al momento della programmazione annuale della destinazione delle risorse provenienti da canoni. L ACER è l unico referente per gli utenti per ogni problematica inerente l esecuzione di tutti gli interventi di cui al presente ed al successivo articolo e per le autorizzazioni di competenza della proprietà, nelle more dell approvazione da parte del Comune del regolamento di cui all art. 25 della Legge Regionale 24/2001, per eventuali interventi eseguiti direttamente dagli assegnatari. ART. 5 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO AGGIUNTIVI I programmi, non finanziati con le risorse derivanti dai canoni, da effettuarsi con le modalità di cui all art. 4, di manutenzione ordinaria, straordinaria, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia, di demolizione e ricostruzione e di ristrutturazione urbanistica saranno definiti fissando di volta in volta i criteri, i tempi di intervento e le modalità di copertura della spesa. L ammontare degli investimenti, sulla base della rilevazione e delle proposte del concessionario, sarà definito dal Comune. Ogni programma di investimento sarà verificato periodicamente anche ai fini dell aggiornamento che si rendesse necessario per eventi straordinari ed imprevedibili. L ammontare dell incremento degli investimenti sarà fissato di volta in volta dal Comune, con il quale saranno anche definiti i tempi di esecuzione degli interventi. L ACER si impegna ad assistere il Comune, dal punto di vista tecnicoamministrativo, nell individuazione di canali di finanziamento pubblico o da qualunque altra fonte, per l attuazione dei programmi di cui sopra. I programmi aggiuntivi di manutenzione ordinaria e straordinaria saranno disciplinati con le modalità di cui all articolo 4 che precede, in particolare per quanto attiene la misura dei compensi tecnici; per gli altri programmi aggiuntivi che il Comune affiderà all ACER, la progettazione, le funzioni di stazione appaltante, la direzione lavori e il collaudo saranno regolati dai necessari atti. L ACER gestisce i programmi intercomunali per l E.R.P. concordati, ex articolo 36 Legge Regionale 24/2001 nell ambito del tavolo di concertazione provinciale, secondo le modalità ivi previste. L Azienda provvede a comunicare all Amministrazione Comunale le spese suscettibili di capitalizzazione, derivanti dalle attività di cui al presente articolo ed al precedente, al fine dell aggiornamento patrimoniale. ART. 6 DETERMINAZIONE CANONI DI LOCAZIONE L ACER calcola i canoni di locazione conformemente ai criteri stabiliti dalle disposizioni comunali e regionali in materia e li riscuote. L ACER provvede alla verifica annuale delle condizioni reddituali degli assegnatari ai sensi dell art. 33 della Legge Regionale 24/2001 e delle disposizioni regionali e comunali. Le dichiarazioni ISEE presentate ai fini della verifica annuale delle condizioni reddituali sono soggette a controllo nel campione suindicato nell ambito della attività di gestione. Un sistema di controllo più 14

18 articolato è posto in essere dall Ente gestore, in collaborazione con il Comune, ed è finalizzato alla verifica della veridicità delle dichiarazioni presentate; il compenso per tale attività è individuato tra i servizi aggiuntivi. Per quanto riguarda le unità uso ricovero automezzi si rinvia ai contratti in essere, alle delibere e al regolamento adottati in materia dall Acer già citato in premessa o ad eventuali regolamenti comunali. Analogo rinvio ai contratti in essere ed a relativi atti e regolamenti comunali è effettuato per altre uu.ii. ad uso diverso da abitativo. Le somme fatturate a titolo di canone di locazione e di indennità di occupazione da parte di Acer sono acquisite dal concessionario. ART. 7 PROGRAMMAZIONE E VERIFICA DELL ANDAMENTO DELLA GESTIONE In sede di programmazione annuale Acer e Comune procederanno alla definizione del piano degli interventi di manutenzione straordinaria e relativa alle attività condominiali. Per la realizzazione delle attività di cui all art. 2, lettere a), b), c), e), f) si conviene che Acer trattenga quale costo amministrativo di gestione : - per alloggio gestito euro 22,63 mensili; - per negozio e locale vario gestito euro 0,33 al mq. mensili; - per unità uso ricovero automezzi gestita euro 4,31 mensili; oltre successivi aggiornamenti, sulla base delle variazioni ISTAT annuali, applicate dal mese di settembre di ogni anno. La quota riferibile al compenso per l amministrazione condominiale degli immobili di proprietà comunale è ricompresa nel sopra indicato costo amministrativo di gestione. I compensi per l attività tecnica sono disciplinati a norma del precedente art. 4. Il costo amministrativo di gestione è calcolato solo per gli alloggi affittati. L attività di vigilanza tecnico amministrativa, che comunque deve essere espletata per gli alloggi vuoti in attesa di ripristino, è remunerata nella misura del 25% (venticinque per cento) della quota come sopra specificata. Per quanto attiene alla riscossione delle rate afferenti il pagamento dilazionato degli alloggi venduti ai sensi della 560/93 Acer è autorizzato a trattenere quale costo amministrativo di gestione il 30% di quanto previsto per gli alloggi gestiti. Sono a completo carico dell ACER le spese per le imposte, tributi e contributi ordinari connessi con l attività gestionale degli immobili stessi. Acer procederà a rendicontazione trimestrale relativa all andamento della spesa e alla realizzazione delle attività programmate, precisando: 1) i ricavi da canoni incassati ed emessi; 2) il costo amministrativo di gestione; 3) i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria e i relativi compensi tecnici; 4) le spese di registrazione dei contratti di locazione degli immobili; 5) i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria programmati e deliberati dalle assemblee condominiali relative ad unità immobiliari di proprietà comunale gestiti dall ACER in forza del 15

19 presente contratto; 6) le rate di ammortamento dei mutui gravanti sugli immobili eventualmente anticipate dall ACER per conto del Comune proprietario; 7) l IVA pro-rata provvisoria d esercizio; 8) gli importi corrisposti all amministrazione comunale in relazione al Fondo Sociale e alla quota relativa ad interventi sul patrimonio erp che rimangono in capo alla proprietà di cui all art.9; 9) il costo assicurativo determinato dal compenso previsto dalla tabella allegata nonché dal premio assicurativo per le tutte uu.ii. assicurate (ove sia conferito il relativo servizio aggiuntivo); 10) gli oneri fiscali, tributari ed ogni altro onere eventualmente sostenuto od anticipato dall ACER in adempimento di normative di settore, ma facente capo alla proprietà degli immobili, con contestuale informazione al Comune; 11) i costi dei traslochi non recuperabili dal-l utente previamente autorizzati dal comune, salvo casi d urgenza; 12) Rimborso oneri trasferta per partecipazione ad assemblee condominiali relative a fabbricati amministrati da terzi, come previsto dall art. 2 lett. e); 13) Importi relativi ad eventuali altri servizi aggiuntivi affidati; Per quanto attiene il punto 7) si precisa che si tratta dell onere derivante all ACER per l IVA che rimarrà indetraibile per effetto del calcolo di prorata di cui all art. 19 bis D.P.R. 633/72, per la parte attribuibile al Comune di Anzola dell Emilia secondo criteri da concordare tra le parti. La rendicontazione trimestrale è funzionale alla verifica e al controllo dell attività e all adeguamento progressivo della programmazione degli interventi. Alla conclusione dell esercizio, in sede di approvazione del bilancio d esercizio di Acer, verrà prodotta una relazione annuale generale sull'andamento dell'attività svolta evidenziando la realizzazione degli obiettivi specifici mediante indicatori quantitativi e qualitativi e i risultati conseguiti per rilevarne la conformità rispetto ai termini di convenzione sulla base delle richieste formulate dalle singole amministrazioni comunali. ART. 8 RECUPERO DELLA MOROSITA L ACER è tenuta alla contabilizzazione periodica di canoni ed oneri accessori relativi agli immobili comunali ed all attivazione per conto del Comune, nei confronti di assegnatari inadempienti, di ogni azione volta al recupero della morosità, compreso lo sfratto esecutivo, secondo quanto previsto dalla procedura allegata alla presente Convenzione quale sua parte integrante. In particolare ACER provvede all esecuzione dei provvedimenti di rilascio conseguenti a morosità, costituenti titolo esecutivo in base alla legislazione vigente. In assenza del provvedimento di cui sopra, Acer provvederà all esercizio delle azioni giudiziarie comprese quelle di cui agli artt. 657 c.p.c. e seguenti per il recupero della morosità e per il rilascio delle unità immobiliari, nonché alla costituzione nei giudizi che avessero ad insorgere innanzi all Autorità Giudiziaria, ordinaria o amministrativa, in dipendenza dell attività svolta per l esecuzione dell incarico col presente atto conferitogli. Acer si fa carico della morosità, salvo che non dimostri di avere eseguito 16

20 tutte le azioni necessarie al recupero, secondo procedura vigente - allegata al presente atto - e il credito si configuri conseguentemente come inesigibile o che l Amministrazione comunale, in applicazione del comma 5 dell art. 32 della L.R. 24/2001, se ne sia fatta esplicitamente carico. ART.9 - GRATUITA DELLA CONCESSIONE Il presente affidamento in concessione a favore di Acer avviene a titolo gratuito. Infatti in conformità all art. 36 della L.R. 24/2001 il canone di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e delle unità immobiliari diverse è diretto a garantire la copertura di tutti i costi di gestione e di manutenzione, nonché al recupero e allo sviluppo del patrimonio ERP, nonché al cofinanziamento del fondo per l accesso all abitazione in locazione. La puntuale ripartizione dei proventi dei canoni da affitto tra gestione amministrativa, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, gestione condominiale e il trasferimento a titolo di quota parte di Fondo sociale per l affitto nonché di una quota relativa ad interventi sul patrimonio erp che rimangono in capo alla proprietà, avverrà attraverso accordi preventivi annuali tra le parti. ART. 10 CARTA DEI SERVIZI E INFORMAZIONI AGLI UTENTI L ACER adotta una Carta dei servizi, che si allega alla presente Convenzione quale sua parte integrante e sostanziale, la quale definisce le modalità del rapporto con i clienti committenti e con i clienti utenti, con particolare riferimento ai tempi, alle modalità di accesso ai servizi, nonché a rimborsi e penali; l ACER, inoltre, assicura una continua e completa informazione agli utenti sulle modalità di prestazione dei servizi. Tale informazione è resa soprattutto attraverso numeri verdi, sito web, opuscoli e notiziario periodico, nonché attraverso il confronto con le OO.SS. degli utenti. ART. 11- PENALI Per quanto attiene all applicazione delle penali, le Parti fanno espresso rinvio alla carta dei servizi allegata alla presente convenzione. ART.12 SERVIZI AGGIUNTIVI Il Comune ha facoltà di conferire mandato ad ACER che si impegna ad espletare per i seguenti servizi aggiuntivi (non compresi tra gli adempimenti di cui all articolo 2 del presente contratto) con modalità, tempo e compenso ulteriori rispetto a quanto previsto dall art. 7, (da meglio individuare anche in apposito diverso atto): a) Servizio di visita preventiva per ogni assegnatario per la scelta dell alloggio. b) gestione dei programmi di alienazione ex art.37 Legge Regionale n. 24/2001, o di altri programmi, con lo svolgimento delle seguenti attività: predisposizione del programma di vendita e di reinvestimento, gestione dei rapporti con il Tavolo di concertazione provinciale, eventuale individuazione del valore di mercato, indizione ed attuazione del bando di vendita ad asta pubblica. Il compenso andrà concordato col Comune sulla base dell effettiva 17

MANSIONARIO DELLE ATTIVITÀ

MANSIONARIO DELLE ATTIVITÀ Allegato B MANSIONARIO DELLE ATTIVITÀ A) GESTIONE CONTRATTI Questo blocco di attività riguarda il complesso di azioni che debbono essere svolte per gestire le assegnazioni, la stipula di contratti, il

Dettagli

Ver. 01-2010. I:\segreteria\delibere di Consiglio da pubblicare sul sito 2011\n. 002 del 31.1.2011 allegato 1.doc 1

Ver. 01-2010. I:\segreteria\delibere di Consiglio da pubblicare sul sito 2011\n. 002 del 31.1.2011 allegato 1.doc 1 Ver. 01-2010 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI... L

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI MONTEVEGLIO. L anno

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL'AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE DISABILI. NR.

Dettagli

Al punto 3 durante la trattazione dell argomento è entrato il Consigliere Manfredini pertanto i presenti sono n. 15. IL CONSIGLIO COMUNALE

Al punto 3 durante la trattazione dell argomento è entrato il Consigliere Manfredini pertanto i presenti sono n. 15. IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2005, ALLA RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA ED AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A ORDINE DEL GIORNO RELATIVO AD UNA AZIONE DI SOSTEGNO A FAVORE DELL'AZIENDA STEELCASE INC. MICHIGAN CON SEDE

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A RINNOVO DELLA CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL'AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO NON COMPRESI NELL E.R.P. Il giorno. del mese di dell anno 2013 TRA Il

Dettagli

COMPAGNIA IMMOBILIARE S.p.A. - Corso Vittorio Emanuele II, 252-00186 Roma

COMPAGNIA IMMOBILIARE S.p.A. - Corso Vittorio Emanuele II, 252-00186 Roma La Compagnia Immobiliare S.p.A. opera nel settore del Real Estate Management attraverso l offerta di servizi avanzati di Property Management ed Asset Management. Nel Property Management la gestione dei

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa 1. Finalità L'agenzia casa è un servizio pubblico del Comune di Modena volto istituzionalmente ad assicurare l'accesso alla casa ai cittadini

Dettagli

CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI

CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI PER AFFIDAMENTO INCARICO DI GESTIONE DI SINGOLE UNITA IMMOBILIARI NONCHE AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE,

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2 Reg. Deliberazioni N. 23232/2014 di Prot. G. OGGETTO: Definizione dei servizi affidati ad ASTER

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA. Data 18/01/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA. Data 18/01/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/01/2011Nr. Prot. 1148 ART. 38 DEL REGOLAMENTO DI CONTABILITA' -

Dettagli

---------------------------------------------- ! " # $ % & $ ' (# # )$ * !"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!#

---------------------------------------------- !  # $ % & $ ' (# # )$ * !#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# ----------------------------------------------! " # $ % & $ ' (# # )$ *!"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# I N D I C E Art. 1 L Autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni Art. 2 Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Adottato con delibera Consiglio Comunale n. 81 del 15.04.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI PALERMO Allegato alla delibera n. 329 del 17/04/2015

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO

ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO TARIFFARIO APPLICATO PER L AMMINISTRAZIONE IMMOBILIARE LA GESTIONE DEI CONTRATTI DI AFFITTO LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE CONDOMINIALI LA REDAZIONE DEI REGOLAMENTI DI CONDOMINIO ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO

Dettagli

L anno duemilasedici il giorno del mese di in Siena, via Biagio di Montluc n. 2, tra. SIENA CASA SPA (di seguito anche Società ), rappresentata da

L anno duemilasedici il giorno del mese di in Siena, via Biagio di Montluc n. 2, tra. SIENA CASA SPA (di seguito anche Società ), rappresentata da SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CASSA, DI STAMPA E SPEDIZIONE DELLE BOLLETTE DI AFFITTO, DI ACCREDITO E RENDICONTAZIONE DEGLI INCASSI. L anno duemilasedici il giorno del mese di in

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO Programma ERP area in via Fosse, con realizzazione di n 10 alloggi, per l eliminazione di baracche, containers e prefabbricati leggeri di cui alla delibera di G.R. n

Dettagli

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3 DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio ORIGINALE P.E.G. N. 3 SERVIZI SOCIALI Determinazione n 315 In data 21.09.2015 N progressivo generale 1308 OGGETTO: GARA D'APPALTO A PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO

Dettagli

Gestione del contratto di locazione immobili

Gestione del contratto di locazione immobili DATA EMISSIONE 04/10/2006 1^ REVISIONE 18/04/2007 2^ REVISIONE 09/06/2008 3^ REVISIONE APPROVAZIONE Responsabile Servizio Rapporti Utenza AUTORIZZAZIONE Direttore Generale Visto Responsabile Operativo

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO Art. 1 Soggetto attuatore Soggetto attuatore del progetto, è Casa e Provincia Spa, che metterà a disposizione le proprie competenze acquisite nello svolgimento

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A RINNOVO DELLA CONVENZIONE TRA IL CONORZIO DI GETIONE DEL PARCO REGIONALE CORNO ALLE CALE E IL COMUNE DI ANZOLA

Dettagli

Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS).

Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS). Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS). Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 del 25/02/2014 1 SOMMARIO Art. 1 OGGETTO..

Dettagli

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto,

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto, ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL COMUNE DI AOSTA, LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E L AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA VALLE D AOSTA (A.R.E.R.) PER L AFFIDAMENTO ALL A.R.E.R DELLA GESTIONE

Dettagli

1 8 frmrfl, 2015 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI MATERA. Disposizione organizzativa n. I del

1 8 frmrfl, 2015 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI MATERA. Disposizione organizzativa n. I del - Svolge AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI MATERA Disposizione organizzativa n. I del 1 8 frmrfl, 2015 Ai sensi dell art. 10 del Regolamento di organizzazione viene emanato il presente

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/10/2011Nr. Prot. 19676 APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI MASSIMA DELL'IMPIANTO

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45

L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45 PAG. 1 1 OGGETTO: Approvazione schemi di convenzione per l affidamento all Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche - Presidio Provinciale di Macerata - della gestione di alloggi di proprieta

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA SESSIONE: ORDINARIA CONVOCAZIONE: 1 2 N. 23 IN DATA 18/03/2008 O G G E T T O AFFIDAMENTO ALLOGGI

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

Scheda informativa sulle condizioni generali per l accesso e le prestazioni erogate MILANO ABITARE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE

Scheda informativa sulle condizioni generali per l accesso e le prestazioni erogate MILANO ABITARE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE Scheda informativa sulle condizioni generali per l accesso e le prestazioni erogate da MILANO ABITARE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE Milano, 25 MAGGIO 2015 1. L AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE 1.1.

Dettagli

Comune di Montesano - prov. di Lecce SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE

Comune di Montesano - prov. di Lecce SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE Allegato B REPUBBLICA ITALIANA Comune di Montesano - prov. di Lecce SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE COMUNALE EX SCUOLA MATERNA via San Donato. In Montesano, addì -- del mese di ------ dell anno

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A MUTUI CONCEI DALLA CAA DEPOITI E PRETITI: PROVVEDIMENTI DI RINEGOZIAZIONE ED ETINZIONE ANTICIPATA DEL DEBITO.

Dettagli

Scrittura privata per contratto di locazione alloggi di Edilizia Residenziale. L anno duemilaquattordici (2014), il giorno ( ) del mese di ( )

Scrittura privata per contratto di locazione alloggi di Edilizia Residenziale. L anno duemilaquattordici (2014), il giorno ( ) del mese di ( ) COMUNE DI SANT URBANO Provincia di Padova Scrittura privata per contratto di locazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica di proprietà comunale. L anno duemilaquattordici (2014), il giorno ( ) del

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato alla deliberazione di C.C. n./.. SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 REPUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO CONVENZIONE TIPO Permesso di costruire convenzionato ai sensi dell art. 28 bis DPR 380/01 L anno addì del mese

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA PER INTERVENTI DIRETTI A MIGLIORARE L'EFFICIENZA ENERGETICA E L'UTILIZZO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ART.1 Poste Italiane S.p.A., con sede in Roma, Viale Europa 190, codice fiscale n.97103880585, (di seguito denominata) Poste o locatore in persona del dirigente

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A ORDINE DEL GIORNO PREENTATO DAI GRUPPI CONILIARI "CON ROPA. INIEME PER ANZOLA" E "INITRA UNITA PER ANZOLA"

Dettagli

Il/La sig./soc. (1)..di seguito denominato/ a locatore... ... ...

Il/La sig./soc. (1)..di seguito denominato/ a locatore... ... ... Allegato 8 - all Accordo Territoriale per la Locazione del Comune di Arzignano Allegato C DM 30/12/2002 LOCAZIONE ABITATIVA DI NATURA TRANSITORIA Accordo Territoriale sottoscritto ad Arzignano il 18.05.2006

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO E RELATIVO TARIFFARIO DI AMMINISTRATORE

DISCIPLINARE D INCARICO E RELATIVO TARIFFARIO DI AMMINISTRATORE Via Roma 190 98029 Scaletta Zanclea Messina Tel. 0909596001 cell. 347 7559048 E-mail geom.nacci@alice.it E-mail studiotecnico@geometra-giuseppe-nacci.it Pec. Giuseppe.nacci@geopec.it Sito http://www.geometra-giuseppe-nacci.it

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) I1/ La sig./soc. (1). di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di.) concede

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA CITTÀ DI MINERBIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 del 14/10/2009 C O P I A OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MINERBIO E IL COMANDO STAZIONE CARBINIERI DI MINERBIO PER IL COLLEGAMENTO

Dettagli

1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA

1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA 1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA GESTIONE DI ALLOGGI E DI UNITA' IMMOBILIARI AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Rep. n.. del. / Prot. n. del. - l Agenzia del Demanio Direzione Regionale Emilia-Romagna, nella persona di ---

Rep. n.. del. / Prot. n. del. - l Agenzia del Demanio Direzione Regionale Emilia-Romagna, nella persona di --- All. 2 CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO DIVERSO DALL ABITATIVO (D.P.R. 296 del 13/09/2005) Rep. n.. del. / Prot. n. del L anno duemilatredici il giorno del mese di, in Bologna, Piazza Malpighi

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Sede centrale: Vicolo Grossardi, 16/A - 43100 Parma tel. 0521-215111

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

ALLEGATO C CONTRATTO DI LOCAZIONE

ALLEGATO C CONTRATTO DI LOCAZIONE ALLEGATO C CONTRATTO DI LOCAZIONE Oggi in Modena, con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge tra nato a in via codice fiscale in qualità di in seguito, per brevità, LOCATORE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R. Città di Lecce REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E TRASPARENZA DEGLI ATTI

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E TRASPARENZA DEGLI ATTI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E TRASPARENZA DEGLI ATTI Nel mese di giugno 2002 il Consiglio di Amministrazione dell Azienda ha approvato due importanti regolamenti ai quali non è stata data tutta la pubblicità

Dettagli

COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) (Piazza Garibaldi, 3 telefono 0375/98125-98328 fax n. 0375/98733)

COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) (Piazza Garibaldi, 3 telefono 0375/98125-98328 fax n. 0375/98733) COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) (Piazza Garibaldi, 3 telefono 0375/98125-98328 fax n. 0375/98733) REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DI SOLIDARIETA (Art. 35 Legge Regionale Lombardia

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI.

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI. DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI. Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio 1. Il presente disciplinare

Dettagli

Convenzione per attività di collaborazione professionale per prestazioni di ingegneria clinica.

Convenzione per attività di collaborazione professionale per prestazioni di ingegneria clinica. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE - -------------------------------------------------------------------- ----------------------------------------------------------------------------------- numero data

Dettagli

DELLA GIUNTA COMUNALE

DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.144 10.11.2012 OGGETTO: FUNZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI. CONVENZIONE CON APES SCPA

Dettagli

Ufficio competente:servizio AUTOGESTIONI E CONDOMINI

Ufficio competente:servizio AUTOGESTIONI E CONDOMINI AUTOGESTIONE COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO Ufficio competente:servizio AUTOGESTIONI E CONDOMINI Definizione: L AUTOGESTIONE, regolarmente costituita dagli assegnatari ATER, è un soggetto giuridico autonomo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA ROMA, N. 2 DESTINATO

Dettagli

Il/La sottoscritt Sig./Sig.ra ; nato/a a Prov. ( ) il ; residente a Prov. ( ); in via n. ; tel. ; cell, e-mail: @ ;

Il/La sottoscritt Sig./Sig.ra ; nato/a a Prov. ( ) il ; residente a Prov. ( ); in via n. ; tel. ; cell, e-mail: @ ; DOMANDA D AMMISSIONE AL CONTRIBUTO ECONOMICO IN FAVORE DI CONDUTTORI SOTTOPOSTI A PROCEDURE ESECUTIVE DI RILASCIO PER FINITA LOCAZIONE AI SENSI DELL'ART. 1, COMMA 1, LEGGE 8 FEBBRAIO 2007, N. 9 DGR 1214

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto l affidamento di consulenza e

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA C O P I A AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. APPROVAZIONE CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 03/02/2011 OGGETTO: DISCIPLINARE

Dettagli

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento intende: - riordinare in modo organico i criteri per individuare i soggetti aventi titolo a fruire dei

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

PROVINCIA DI BELLUNO - SETTORE RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI -

PROVINCIA DI BELLUNO - SETTORE RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI - All. sub. 2 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E CONSULENZA ASSICURATIVA (BROKERAGGIO ASSICURATIVO). Art. 1 - OGGETTO E VALORE DELL INCARICO. L incarico professionale,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 009 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 009 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA PROTOCOLLO DI INTENTI TRA COOP ADRIATICA, ASSOCIAZIONE AUSER E COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE

SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE Premesso che: con Deliberazione della Giunta Esecutiva n. 10 del 27.01.2016 sono state assunte determinazioni in merito alla locazione dei seguenti immobili di proprietà della

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE Approvato dal C.P. con delibera n. 117 del 06.04.2004 Aggiornamento dei limiti di valore con delibera G.P.

Dettagli

Città metropolitana di Bologna

Città metropolitana di Bologna Città metropolitana di Bologna COPIA n. 25 del 10.06.2015 OGGETTO: RIMODULAZIONE DESTINAZIONE FONDI 560/93 DESTINATI AL COMUNE DI PIANORO PER LA REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE/

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Allegato A) delibera G.C. n. 13 del 27.01.2015 PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Il giorno del mese

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno. del mese di in Velletri, presso la TRA

INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno. del mese di in Velletri, presso la TRA REP. N. INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno del mese di in Velletri, presso la sede della Società Volsca Ambiente e Servizi S.p.A. - TRA il quale dichiara

Dettagli

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Delibera n. 1191 del 05/11/2015 REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 PIEVE DI SOLIGO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE L`anno duemilaquindici, il giorno cinque del mese di Novembre Il

Dettagli

PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E SICUREZZA NELLE SEDI DELLA PROVINCIA OGLIASTRA

PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E SICUREZZA NELLE SEDI DELLA PROVINCIA OGLIASTRA All. 1C SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E SICUREZZA NELLE SEDI DELLA PROVINCIA OGLIASTRA L anno duemiladieci, il giorno del mese di, nella Sede provinciale di Lanusei sita

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) La sig.ra..nata a.. e residente a in corso. (c.f..), di seguito denominata locatore, concede in locazione

Dettagli

STATUTO AUTORITA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO

STATUTO AUTORITA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO All. n. 2 delibera n. 01/09 STATUTO AUTORITA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO INDICE Articolo 1 Costituzione e denominazione Articolo 2 Durata e Sede Articolo 3 Finalità Articolo 4 Funzioni Articolo

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

OGGETTO: Convenzione per la riscossione della tariffa per la gestione rifiuti.

OGGETTO: Convenzione per la riscossione della tariffa per la gestione rifiuti. OGGETTO: Convenzione per la riscossione della tariffa per la gestione rifiuti. Relaziona l Assessore, ing. Gallo, il quale evidenzia, tra le altre cose, quanto sia importante ciò che è normato dall art.

Dettagli

Approvato con delibera del C.C. n. 37 del 12/06/2007, esecutiva il 25/06/2007

Approvato con delibera del C.C. n. 37 del 12/06/2007, esecutiva il 25/06/2007 Approvato con delibera del C.C. n. 37 del 12/06/2007, esecutiva il 25/06/2007 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE ED USO DI GARAGE E POSTI AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO E AMBITO

Dettagli

All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./sig.ra..di seguito denominato/ a locatore (assistito/a

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Legge 1995010 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO

Dettagli