Anno XXVII - n o 4 Luglio/Agosto 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XXVII - n o 4 Luglio/Agosto 2013"

Transcript

1 Anno XXVII - n o 4 Luglio/Agosto 2013 Via Palmieri, 47 Milano - Spedizione in abbonamento postale - 45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - Fil.di Milano

2

3 ADERENTE ALLA FEDERAZIONE MONDIALE DELLE ASSOCIAZIONI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI (F.W.V.F.A.) LUGLIO/AGOSTO RIVISTA UFFICIALE DELLʼASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Direttore Responsabile Antonio Ascanio MANGANO Segreteria Editoriale Fabio MARANGONI Comitato di Direzione PRESIDENTE NAZIONALE: Roberto MUGAVERO PRESIDENTE DʼONORE: Gino GRONCHI VICE PRESIDENTI NAZIONALI: Luca BONELLO, Rolando FAGIOLI e Giuseppe PARRINELLO CONSIGLIERI NAZIONALI: Lorenzo AROSIO, Sergio AURELI, Claudio BALLESIO, Paolo BARBIN, Alberto BIDDOCCU, Diego CORIASCO, Erminio CAPPARONI, Paolo CORBETTA, Giancarlo GIACHINO e Damiano LANDI. Inviato di Redazione Francesco MAZZILLI Impaginazione e Grafica SATECO Editore incaricato, ufficio abbonamenti Sede centrale Sicurezza Aziendale s.r.l. Via Palmieri, Milano tel. 02/ fax 02/ Agenzie per lʼitalia CEAT tel. 02/ DIFFUSIONE S.M. tel Stampa: LITOGRAFIA STEPHAN GERMIGNAGA (VA) Abbonamenti: Gratuita a Comandi e Distaccamenti dei VV.F. Sostenitori 70,00 Benemerito da 70,00 in su Una copia 8,00 Arretrati 10,50 L Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari è estranea alla gestione economica della rivista. Gli articoli firmati corrispondono al pensiero dell articolista e non impegnano né la Rivista né l Associazione. La Redazione si riserva il diritto di rifacimenti e correzioni di quegli articoli che a sua discrezione riterrà opportuno modificare. E vietata la riproduzione anche parziale di articoli, fotografie, disegni qui pubblicati, Il personale addetto alla raccolta di abbonamenti, non appartiene al Corpo Nazionale VV.F. Garanzia di riservatezza per gli abbonati L Editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbonati e la possibilita di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione, scrivendo a: Sicurezza Aziendale srl - Via Palmieri, Milano. Le informazioni costudite nell archivio elettronico dell Editore saranno utilizzate al solo scopo di inviare la rivista o comunicazioni concernenti l abbonamento (Legge 675/96 sulla tutela dei dati personali). Pubblicità Inferiore al 70% Aut. Trib. Milano n. 855/89 w w w. a n v v f v. i t FOTO DI COPERTINA DI ALBERTO TISOT (COMANDANTE CORPO VVF VOLONTARI SAN MARTINO DI CASTROZA - TN) EDITORIALE DEL PRESIDENTE EDITORIALE [A LATO] LʼANVVFV BUSSA (ANCORA UNA VOLTA) ALLE PORTE DEL VIMINALE DAL MINISTRO DELLA DIFESA A GRONCHI I VVF VOLONTARI DI ORIGINE ITALIANA IN CILE BAMBI E STUFATO SENTENZE DALLA STAMPA NON SI ACCETTINO PIÙ COMPROMESSI LA 3 GIORNI DI LISSONE SARANNO FIORI BIANCHI NEODISTACCAMENTI: LAZZATE RECENSIONI: QUANDO SUONA LA SIRENA RICORDATO LʼIMPEGNO DI GIAN BATTISTA PERINI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Via Palmieri, 47 - Spedizione in abbonamento postale - 45% - art. 2 comma 20/b legge 662/96 - Fil. di Milano

4 EDITORIALE EDITORIALE EDITORIALE EDITORIALE EDITORIALE 2 Le attività associative della prima metà dell anno si concludono, prima delle ferie estive, con ulteriori importanti traguardi. Tra questi da sottolineare, primo tra tutti, il fatto che, a fine giugno 2013, il numero degli associati ha superato quello risultante al 31 dicembre Questo dato, sicuramente rilevante, testimonia da un lato l impegno del Consiglio Nazionale nel miglioramento, nella crescita e nel rafforzamento dell Associazione mentre dall altro certifica la sempre maggiore rappresentatività della nostra organizzazione quale momento di centralità ed aggregazione per le diverse realtà del volontariato pompieristico nazionale. Sul fronte delle attività interne è di notevole importanza poi l avvio degli incontri informativi, rivolti ai Presidenti di Delegazioni e Sezioni Provinciali, volti ad illustrare le nuove procedure da adottare nell ambito delle svolgimento delle attività gestionali, amministrative ed economiche in ambito locale. Sul fronte esterno è invece da sottolineare la rinnovata attenzione dei vertici del Ministero dell Interno verso la nostra componente. A tale proposito il Ministro Alfano ha comunicato, intervenendo in prima persona, che, allo scopo di porre a soluzione alcune delle problematiche relative al Personale Volontario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, verrà prossimamente convocata la Commissione Mista con Compiti di Studio, Elaborazione e Formulazione di Proposte sulle Problematiche relative alla Componente Volontaria dei Vigili del Fuoco, riconfermata con Decreto Ministeriale n. 994 del 23 Gennaio 2013, e della quale l Associazione è componente effettivo. L occasione costituirà il più elevato contesto istituzionale ove proseguire il continuo, ininterrotto e puntuale lavoro svolto dal Comitato di Presidenza negli ultimi mesi e concretizzatosi, ad oggi, con una serie di incontri avuti, a vari livelli, con il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile al fine di sollecitare l adozione di idonee misure e provvedimenti atti a mitigare la particolare situazione di disagio vissuta nel presente periodo dal volontariato VVF. Questo anche alla luce delle difficoltà emerse nello svolgimento del servizio di soccorso tecnico urgente e di istituto, e prestato dalla componente volontaria dei Vigili del Fuoco, a seguito dell entrata in vigore, negli ultimi due anni, di alcune disposizioni di legge e circolari che hanno avuto diretti effetti sull organizzazione e sul funzionamento di distaccamenti e squadre volontarie VVF. Nell augurare a tutti un sereno periodo di vacanze e di meritato riposo l Associazione assicura a tutti il proprio impegno e la propria presenza anche durante il periodo estivo in preparazione dei futuri impegni che caratterizzeranno la ripresa delle attività il prossimo mese di settembre. Roberto Mugavero V F V LUGLIO/AGOSTO 2013

5 Cari lettori/pompieri, mentre si rimane in attesa della convocazione della Commissione Mista (Dip. VVF/ANVVFV) presso il Viminale, i vertici della nostra associazione hanno incontrato funzionari del Dipartimento e hanno presentato sollecitati da quest ultimo - una lista di punti sulla riforma del DPR 76/2004. A proposito di colloqui, l Ingegner Coduri ha scritto su queste pagine per invitare i vertici associativi a non accettare più compromessi. I bravi vigili del fuoco volontari di Abbiategrasso hanno ricevuto un elogio dall ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) per il salvataggio d un capriolo dalle acque del Naviglio Grande. Abbiamo analizzato i motivi di salvataggi (quando va bene) così frequenti, d animali selvatici finiti in corsi d acqua artificiali, ed è sorto anche qualche dilemma etico. SETTE, il magazine del Corriere della Sera, ha pubblicato uno speciale sui VVF di Milano e provincia; l articolista ha citato i mille permanenti scordandosi completamente degli oltre 400 volontari che garantiscono l operatività dei distaccamenti provinciali. A proposito di caserme, quella di Lissone ha organizzato una gara podistica (la Fire Runner) e una 24 ore di beach volley. Sempre in Brianza è finalmente operativo dopo 7 anni di peripezie e impegno il distaccamento dei VVF volontari di Lazzate, a servizio delle Alte Groane. I cugini trentini della Piana Rotaliana hanno messo a disposizione dei lazzatesi una APS OM 180 perfettamente funzionante e recentemente ricondizionata. Dal lodigiano apprendiamo che Colombini (mentre era vice presidente nazionale) non diffamò l ex comandante De Rossi; il giudice ha, di fatto, assolto l ex FTAV milanese. Dovrebbe chiudersi con un assoluzione anche il processo per truffa al collega Peviani (segnato sul rapporto anche se si trovava in sede). Mentre scoprivamo che in Cile sono presenti caserme centenarie rette da volontari d origine italiana, il Presidente Mugavero partecipava, insieme a Gronchi, all assemblea dei VVFV della Provincia di Bolzano. Presente anche il governatore Durnwalder; abbiamo pubblicato un sunto dell attività 2012 dei 13mila vigili del fuoco volontari (Freiwillige Feuerwehr) dell Alto Adige. https://twitter.com/pompieri Hanno collaborato: Fabio Marangoni, Corrado Scapin, Walter Todaro, Andrea Rabbolini, Antonio Coduri, Erica Sironi e Gianpietro Cattaneo. Buona lettura e buona ripresa delle vostre attività. Ascanio https://www.facebook.com/pompieri.vfv EDITORIALE [A LATO] EDITORIALE [A LATO] EDITORIALE [A LATO] V F V LUGLIO/ AGOSTO

6 Agli inizi di luglio il Comitato di Presidenza della nostra ANVVFV ha avuto una serie di incontri con alcuni dirigenti/funzionari del Dipartimento dei Vigili del Fuoco al fine di sollecitare lʼemanazione di provvedimenti volti ad eliminare lo stato di profondo malessere del volontariato VVF. E stata l occasione per chiarire direttamente quanto più volte denunciato nell ultimo anno, con lettere inviate al Capo Dipartimento, al Capo del Corpo e ai Direttori Centrali rispettivamente per quanto di loro competenza, principalmente sulle disfunzioni originate nei Comandi provinciali, sulle disposizioni di legge e circolari emanate negli ultimi due anni e sul nuovo decreto che dovrebbe sostituire il DPR 76/2004 (Regolamento VVF volontari). Il Comitato di Presidenza inoltre si è fatto portavoce delle rimostranze dei colleghi di alcune province del Piemonte, della 4 L ANVVFV BUSSA (ancora una volta) ALLE PORTE DEL VIMINALE Disfunzioni originate dai comandi provinciali, disposizioni di legge e circolari, ma anche le rimostranze di colleghi con distaccamenti ridotti allo stremo per la mancanza di personale. I (pochi) suggerimenti, ricevuti dalle sezioni, sulla riforma del DPR 76 sono stati integrati e portati allʼattenzione dei dirigenti del Corpo. Sʼinsiste sulla separazione dei quadri, la gratuità delle visite mediche, e lʼorganizzazione dei corsi in orari che non debbano far perdere giorni di lavoro. Sulla subordinazione al solo personale permanente di pari grado, non si discute. a cura di Fabio Marangoni V F V LUGLIO/AGOSTO 2013 Lombardia e dell Emilia Romagna ridotte allo stremo con alcuni distaccamenti in pericolo di chiusura principalmente a causa della mancanza di vigili, qualificati e autisti. In merito alle esigenze presentate per la redazione del nuovo Regolamento del personale volontario, constatiamo che dai colleghi del Consiglio nazionale e dalle Sezioni provinciali ci sono pervenuti pochi suggerimenti ai quali abbiamo pertanto aggiunto le sempre valide osservazioni emerse dall attività del passato Consiglio; le seguenti proposte, riguardanti la generalità del nostro volontariato, non sono state presentate sotto forma di articolato perché riteniamo sia un onere spettante al Dipartimento e al legislatore. In ogni Comando provinciale si rende necessaria la suddivisione del personale volontario in due elenchi distinti: elenco A e elenco B. 1) Nellʼelenco A è iscritto il personale volontario per le esigenze operative del comando provinciale, di seguito definito con il termine PERSONALE DISCONTINUO 2) Nellʼelenco B è iscritto il personale volontario per le esigenze operative prevalentemente dei distaccamenti volontari e dei posti di vigilanza, di seguito definito con il termine PERSO- NALE VOLONTARIO OPERATIVO il quale può effettuare servizio presso i Comandi previo nulla osta del Capo Distaccamento. Solo per coloro che hanno scelto di prestare servizio in un distaccamento volontario potrebbe essere aggiunta, alle attuali già previste dal DPR 76/2004, la qualifica di vigile volontario coordinatore (o capo posto) per far fronte ad esigenze di servizio della squadra volontaria in mancanza del CS volontario come attualmente avviene per il personale permanente. Al personale volontario del Corpo Nazionale VVF viene riconosciuta in attività esterne (es. nell ambito della propria attività lavorativa) la professionalità acquisita in servizio presso il CNVVF relativamente alle figure previste dal D.Lgs 81/2008. Dovrà essere eliminato l obbligo ai vigili volon tari ex ausiliari di leva di presentare domanda di riammissione entro sei mesi dalla cancellazione d ufficio dall elenco del personale volontario per raggiungimento dei limiti di età. Il personale operante nei distaccamenti

7 (elenco B) dovrà essere esentato dal pagamento delle visite/accertamenti sanitari per gli aspiranti VVF volontari e per quelli già in servizio, per il conseguimento, rinnovo o passaggio di categoria delle patenti di abilitazione alla guida di automezzi di soccorso. Per i succitati accertamenti sanitari al volontario dovrà essere concessa, in via alternativa, la facoltà di rivolgersi presso unʼidonea struttura del Servizio sanitario nazionale. Nel reclutamento ed iscrizione nell elenco personale volontario dei Comandi Provinciali del personale permanente cessato volontariamente dal servizio esso potrà mantenere le abilitazioni professionali specialistiche e le qualifiche di istruttori del CNVVF unicamente se iscritti nell elenco B. Dovrà essere previsto che i corsi di formazione di primo ingresso, per l aggiornamento professionale, per l avanzamento di grado o per il conseguimento dell abilitazione alla conduzione di automezzi di soccorso siano effettuati presso i Comandi provinciali e/o le Direzioni regionali in giorni ed orari idonei ad agevolare la presenza di personale volontario gravato da impegni lavorativi. Inoltre dovrà essere prevista la possibilità di organizzare corsi di formazione a distanza (e-learning) con esami finali dati presso il Comando provinciale o Direzione regionale di appartenenza. La responsabilità del Capo del Distaccamento volontario sulla manutenzione dei beni dell amministrazione dovrà essere compatibile con le risorse messe a sua disposizione. Il personale volontario in forza presso i posti di vigilanza e i distaccamenti misti dovrà essere impiegato analogamente con quanto previsto per il personale dei distaccamenti a totale conduzione volontaria. Il personale volontario dovrà essere inserito, dopo aver espresso il proprio assenso, negli organici delle colonne mobili provinciali e regionali operanti sul territorio nazionale in caso di calamità. per il personale permanente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Per il personale volontario, in particolare quello qualificato, dovrà essere prevista la partecipazione allʼattività formativa nei confronti dei colleghi volontari ed eseguire docenze e lezioni teoriche e pratiche. Nei corsi per il conseguimento delle patenti di guida il personale volontario potrà supportare il personale istruttore permanente del CNVVF; requisito per tale funzione è essere personale qualificato (FTAV CRV CSV ) è possedere una patente di guida di 3 grado da almeno 10 anni. Prossimamente, non si conosce ancora la data, dovrà essere convocata la Commissione mista Associazione - Dipartimento per la discussione del nuovo decreto in sostituzione del DPR 76/2004 in occasione della quale potranno essere migliorate le richieste dell Associazione. Avendo il Consiglio nazionale definito le competenze territoriali di ogni componente, in funzione anche di quanto presentato al Dipartimento tutti i componenti del Consiglio nazionale sono invitati a proporre azioni per affrontare le problematiche esistenti anche a livello locale potendo confidare nella possibilità di proporre riunioni del Consiglio mirate ad affrontare determinate ed importanti problematiche. Il fatto di avere dei contatti presso il Dipartimento VVF non deve lasciare spazio a facili entusiasmi anche perché l esperienza ci insegna che spesso dobbiamo percorrere strade alternative per vedere riconosciuti i diritti dei VVF volontari; anche l iniziativa di ognuno di noi, opportunamente valutata dal Consiglio nazionale, potrà costituire motivo di un azione congiunta eventualmente allargata alla collaborazione delle Sezioni provinciali e dei Coordinamenti regionali. Negli interventi congiunti fra squadre permanenti e volontarie la direzione delle operazioni spetterà al qualificato permanente (CS-CR) se in possesso di un grado pari o più elevato di quello del responsabile della squadra volontaria Al personale volontario che in itinere e durante lʼimpiego per attività di soccorso, di formazione o di addestramento ha subito un infortunio comportante lʼinabilità temporanea o permanente, spetteranno i servizi, lʼassistenza e i benefici stabiliti in materia V F V LUGLIO/ AGOSTO

8 6 V F V LUGLIO/AGOSTO 2013

9 De Caroli ha poi aggiunto: «Facciamo anche presente che le cifre applicate sono quelle che normalmente i Comandi usano per effettuare alle aziende i corsi ex 626, dimenticando che questa formazione ci spetterebbe di diritto, non siamo dei privati.». De Caroli su corsi a pagamento: «La Regione Piemonte ha sborsato 250mila euro per formazione che ci spetterebbe di diritto.» Non è escluso quindi che se con la Direzione non si riuscirà a trovare un equilibrio, il Coordinamento Regionale Piemonte dell Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari, prenderà posizione al fine di far valere i diritti degli associati. Sabato 20 luglio al Distaccamento permanente di Varallo, presso il Comando di Vercelli, si è concluso l ultimo di una serie di corsi per l abilitazione di patenti terrestri per il personale volontario, grazie al contributo messo a disposizione della Regione Piemonte di «Grazie a questo contributo siamo stati in grado di formare più di 250 discenti con patente di II e III categoria.» - ha dichiarato Mirko De Caroli, responsabile del Coordinamento Regionale Piemonte ANVVFV; ribadendo che, seppur i fondi non siano stati tutti spesi, il Coordinamento Regionale non finanzierà nessun altro tipo di attività fino a quando, con la Direzione Regionale, non verranno ritrattati i costi per il pagamento dei funzionari, istruttori e Mirko De Caroli segretari dei corsi. V F V LUGLIO/ AGOSTO

10 D A G L I A P P E N N I N I A L L E A N D E I VVF Volontari di origine italiana in Cile 300 VVF volontari cileni sono dʼorigine italiana, alcuni più sfortunati di altri In Cile come praticamente in quasi tutto il globo non esiste un Corpo Nazionale di VVF basato principalmente su personale di ruolo; i vigili sono tutti volontari e legati al paese dʼorigine dei pompieri. Nove anni fa lʼallora Capo Dipartimento Morcone donò uniformi e DPI ai volontari cileni, oltre che permettere un corso di formazione a Montelibretti (Sic!). La caserma della Quarta Compañía Ausonia è andata distrutta in incendi e maremoti per ben tre volte, oggi è una realtà allʼavanguardia. Si ringrazia Corrado Scapin per la dritta e per le fotografie

11

12 D A G L I A P P E N N I N I A L L E A N D E Nel 1909 i bomberos della quarta furono anche decorati dalla Croce Rossa Italiana. Il 29 febbraio del 1956, alle 5 del mattino, la sirena avvisò i volontari del paese: l ennesimo violento incendio stava distruggendo la caserma della Ausonia: in salvo soltanto bandiera, libro d oro e pompa a vapore. Grazie al governo italiano, quattro anni più tardi, i bomberos riuscirono a dotarsi d un automezzo Chevrolet e d una pompa Darley Champion. La Compañía de Bomberos Ausonia N.4 formata da membri della colonia italiana lì residente, e dai propri discendenti fu fondata in segno di riconoscenza verso il Cile, per l ospitalità fornita. Ciò in un periodo di forte sviluppo industriale dovuto alla produzione del nitrato. Alla fine del 1874 la caserma s era dotata della prima pompa da incendi a vapore unica nel suo genere acquistata a Londra. Il 9 maggio del 1877 la Ausonia fu protagonista, e vittima allo stesso tempo, durante il terremoto e successivo maremoto. I vigili del fuoco non si risparmiarono, anche a costo della vita, e perdettero anche l intera caserma che fu distrutta dall incendio; riuscirono però a salvare la macchina a vapore. Nel 1967 alla presenza dell Ambasciatore d Italia in Cile, Paolo Pansa, oltre che delegazioni da tutte le locali compagnie d incendio italiane fu inaugurata la moderna caserma in Calle Serrano 520, sede anche della Società di Beneficenza Italiana e del Club Sportivo. Negli anni, la Ausonia, ha annoverato tra le sue fila volontari decorati dall Ordine di Merito Bernardo O Higgins (Governo del Cile); alcuni hanno anche ricevuto il più alto riconoscimento della Repubblica Italiana ai propri discendenti la Stella della Solidarietà assegnata a Carlos Rossi, Mario Sfrassanim Pedro Ferrando, José Caselli e Gaetano Divasto. Oggi la quarta compagnia Ausonia, con quasi 140 anni d attività, prosegue nello sforzo di garantire una pronta risposta antincendio alla comunità, con spirito di corpo e spiccata solidarietà. E dotata di moderni automezzi e Nel 1883 proprio grazie alla pompa a vapore meritarono un riconoscimento dalle autorità per aver controllato un furioso incendio che distrusse ben dieci isolati e che stava espandendosi all intera città. Due anni più tardi, in un incendio che distrusse altri sette blocchi, l Ausonia perse nuovamente la sede centrale e gran parte delle attrezzature. Nel 1898 a Iquique arrivò la seconda pompa da incendio, acquistata a Torino durante l Expo: in quell occasione la Ausonia meritò la medaglia Dante Aligheri per gli alti standard raggiunti nell attività volontaria di vigili del fuoco. 10 V F V LUGLIO/AGOSTO 2013

13 D A G L I A P P E N N I N I A L L E A N D E d una squadra NBCR (Hazmat): un autopompa Renault CAMIVA con serbatoio da litri. Un IVECO Daily 40.10V con attrezzature NBCR, oltre che un autocarro da trasporto IVECO x4. Esattamente 9 anni fa, a Valparaiso, l allora Capo del Dipartimento VVF- SPDC, prefetto Morcone, siglò un accordo col presidente del Parlamento cileno, Pablo Lorenzini. Il Governo italiano per tramite del Dipartimento consegnò caschi e divise da dare in dotazione ai colleghi volontari cileni. Ad alcuni bomberos fu permessa la partecipazione a corsi di formazione presso la SFO (Scuola di Formazione Operativa) di Montelibretti (Roma). Ecco perché in alcune fotografie e filmati non è raro vedere vigili vestiti con le nostre identiche uniformi. In Cile infatti come praticamente in quasi tutto il globo non esiste un Corpo Nazionale di VVF basato principalmente su personale di ruolo; i vigili sono tutti volontari e legati al paese d origine dei pompieri. I vigili del fuoco di origine italiana sono circa 300 raggruppati nella Confederazione delle Compagnie Italiane del Cile che comprende cinque compagnie: la Sesta Cristoforo Colombo di Valparaiso la Quarta Ausonia di Iquique la Quarta Umberto I di Talcahuano l Undicesima Pompa Italia di Santiago la Seconda Pompa Italia di Copiapò Una curiosità nella curiosità, a Santiago il carro Q8 del Cuerpo de Bomberos, è dotato di dozzine di completi antifiamma e caschi, oltre che autorespiratori. Quest unità si reca sugli scenari più grossi e serve ad equipaggiare quei vigili del fuoco volontari che, nel mentre, allarmati dalla centrale, si sono recati in loco con propri mezzi. Tornando a noi, la firma dell accordo fu siglata al Congresso Nazionale Cileno, davanti al Presidente del Parlamento Pablo Lorenzini, di origine italiana, e alla figlia di Salvator Allende, Isabela. Poco prima della firma dell accordo, il Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco Mario Morcone donò, al Presidente della Camera dei Deputati Pablo Lorenzini, un elmo dei Vigili del Fuoco, color argento, personalizzato con il suo nome. V F V LUGLIO/ AGOSTO

14 A M B I E N T E 12 V F V LUGLIO/AGOSTO 2013

15 A M B I E N T E Bambi e stufato Capprioli e cugini in cerca soltanto di abbeverarsi Sempre più spesso i vigili del fuoco vengono attivati per il soccorso ad animali selvatici annaspanti lungo corsi dʼacqua anche metropolitani. Da una parte gli enti parco ripopolano i boschi, dallʼaltra le sponde divengono impossibili da scalare per caprioli, cervi, cinghiali e simili. a cura della redazione le fotografie sono di Walter Todaro e Andrea Rabbolini. V F V LUGLIO/ AGOSTO

16 A M B I E N T E Pur caratteristico quanto si vuole, quello tra Nosate e Turbigo nell Alto Milanese - non è un corso d acqua adatto all abbeveraggio degli animali selvatici. Anzi il canale è una vera e propria minaccia di morte per i caprioli residenti nel Parco del Ticino. Non a caso si chiama Canale Industriale e non è altro che un corso d acqua artificiale che deriva dal Fiume Ticino, attraverso la Diga del Pan Perduto di Somma Lombardo. Inaugurato nel 1900 col nome di Vittorio Emanuele III, il fossato serve alla produzione di energia idroelettrica (che ben venga tra l altro). Certo la colpa di detta pericolosità non è certo del Canale stesso ma del fatto che il rio scorra in pieno Parco, laddove scorrazzano gli ungulati frutto d una reintroduzione iniziata già nel Un immane lavoro di cattura, liberazione, acclimatazione, Radio tracking. E poi monitoraggio, percorsi d avvicinamento e censimento, eseguiti da un equipe interminabile di ricercatori, veterinari, forestali, guardia-parco e volontari. Anche il lungo tratto di Naviglio Grande - che da castanese e magentino, attraversa l abbiatense sino a toccare Trezzano e Corsico, per poi divenire metropolitano - è spesso scenario di rocamboleschi soccorsi da parte di squadre provinciali e cittadine dei VVF. I volontari di Abbiategrasso che tra l altro, in maggio, avevano ricevuto un elogio dall ENPA hanno recentemente soccorso l ennesimo giovane capriolo a Gaggiano. Il capriolo è attualmente la specie più adatta a colonizzare gran parte dei territori della Valle del Ticino. scriveva Giuseppe Bogliani in una pubblicazione sul Parco, aggiungeva poi: I parchi Lombardo e Piemontese ben si meritano la presenza di un animale così importante nell equilibrio della foresta e - è inutile nasconderlo - così gradevole a chi lo osserva.. Insomma, anche al fine di riequilibrare una situazione faunistica depauperata negli anni, il capriolo si presentava come specie ideale da diversi punti di vista. Una sorta di Azione vessillo, una bandiera il cui messaggio risultava facilmente apprendibile dal pubblico. I novanta precursori del ripopolamento vennero catturati nel Parco dei Boschi di Carrega nel Parmense, nei pressi del Fiume Taro. Sopravvissero in quarantacinque: 28 morirono a causa di stress (cattura, trasporto); 12 vittime di predatori; 3 investiti da automobili; uno cercò di papparselo un bracconiere, ed uno soltanto morì annegato. All alba del nuovo millennio i sopravvissuti s erano ambientati e riprodotti tanto da raggiungere le trecento unità, oggi sarebbero addirittura il doppio. Ma il pericolo annegamento è in agguato, basterebbero recinzioni di protezione lungo gli argini? Per fare un esempio, a Foligno, Provincia, Regione e Comune hanno emesso un ordinanza di messa in sicurezza del fiume Menotre, dove spesso finiscono i piccoli animali fiabeschi. A Turbigo, tra le griglie di colatura della centrale idroelettrica ENEL Castelli, finiscono ogni anno circa una decina di caprioli. Ogni volta s attiva il sistema di soccorso: Guardia-parco, Polizia Locale, la brava veterinaria del paese e la polizia veterinaria dell ASL; quest ultimi armati sino ai denti con fucili anestetici. Giungono pure i pompieri, ma i più vicini sono a Inveruno, una ventina di chilometri (un corpo di volontari); spesso i vigili traggono in salvo quegli animali dagli occhi grandi e dolci. Certe volte ai soccorritori non resta, loro malgrado, che ripescare la carcassa del povero Bambi che, stremato dalla nuotata, si lascia trascinare dalla corrente verso il Turbighetto, cascando da un altezza fatale. «Il dilemma dell onnivoro» Secondo il filosofo Australiano Peter Singer, autore del libro Liberazione Animale (1975), Abbiamo tutto l interesse a convincerci che la nostra preoccupazione per gli altri animali non ci obbliga a smettere di mangiarli. In effetti, più di un dilemma etico sorge se si pensa che questi teneri animaletti a rischio d annegamento, sono gli stessi (o dell identica specie quantomeno) che, in inverno, fanno da companatico alla nostra polenta. Ha quindi senso muovere pompieri, guardiaparco, veterinari e poliziotti per andare a salvare un probabile stufato? Insomma, vegetarianismi a parte, dal momento che siamo Esseri pensanti con delle responsabilità morali (oltre che legali: - Legge 189/2004 art. 544bis - Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi.); è giusto muovere la Macchina dei soccorsi anche (solo?) per un animale selvatico in difficoltà. Altrettanto Doveroso sarebbe rendere sicure quelle sponde scoscese in cemento, impossibili da risalire sia dagli umani che dagli animali. Commento di Antonio Ascanio Mangano 14 V F V LUGLIO/AGOSTO 2013

17 A M B I E N T E V F V LUGLIO/ AGOSTO

18

19 A M B I E N T E V F V LUGLIO/ AGOSTO

20 Ifatti risalgono al 2007, la sentenza del Giudice di Pace di Lodi secondo cui l ex vicepresidente dell Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari, Colombini, avrebbe diffamato l Ing. De Rossi a mezzo lettera era invece di tre anni più tardi. A seguito di ricorso in appello dell imputato, s è ora espresso il Giudice di Lodi che ha, di fatto, assolto l ex FTAV milanese. La lettera per la quale il Colombini è stato chiamato a rispondere del reato di cui all art. 595 c.p. aveva ad oggetto la questione relativa al progetto riorganizzazione e pianificazione soccorso integrato nella Provincia di Lodi nella quale veniva espressa la convinzione che il Comandante Provinciale dei Vigili del 18 COLOMBINI ASSOLTO: NON DIFFAMÒ L EX COMANDANTE DEI VVF DI LODI Sei anni fa Mauro Colombini, allora vicepresidente ANVVF, criticò aspramente il progetto che mirava alla sostituzione con personale permanente dei VVF volontari dei distaccamenti di Casalpusterlengo e SantʼAngelo Lodigiano. Fu condannato per diffamazione ma ora è stato assolto in appello: il Giudice ha ritenuto potesse trattarsi di diritto di critica sindacale. a cura della redazione V F V LUGLIO/AGOSTO 2013 Fuoco di Lodi, stesse perseguendo l intento di ottenere la chiusura o il forte ridimensionamento delle sedi distaccate di Casalpusterlengo e Sant Angelo dove operavano i vigili del fuoco volontari. In particolare la parte ritenuta lesiva dell onore della persona offesa era quella nella quale gli veniva contestato un atteggiamento costantemente denigratorio ed intimidatorio nei confronti dei rappresentanti delle sedi distaccate. Discussioni forti, tanto che negli atti si legge d una scarpa che il De Rossi avrebbe lanciato contro i rappresentanti dei VVF volontari locali. Il progetto pare prevedesse, tra l altro, la sostituzione delle partenze dei VVF volontari con Porsche Cayenne attrezzate di tutto punto e operative con solo personale permanente (ne avevamo scritto sul n 1/2011 di VFV). Nella valutazione della sussistenza del reato contestato si legge nella sentenza - non può infatti non darsi rilievo al fatto che la condotta di cui si contesta la natura offensiva dell onore della persona offesa è stata realizzata nellʼambito di rapporti di natura sindacale così che deve porsi il problema se la condotta del Colombini possa ricondursi all esercizio del diritto di critica sindacale. Il diritto di critica sindacale, espressione del più generale diritto di manifestazione del pensiero, tutelato dall art. 21 della Costituzione della R.I., può anche essere esercitato mediante l uso di espressioni aspre e polemiche, purché non si riferiscano a fatti estranei al contesto sindacale e non trasmodino in offese gravi e gratuite. Il diritto di critica si concretizza come affermato dalla Cassazione... nella espressione di un giudizio di unʼopinione che, come tale, non può pretendersi rigorosamente obiettiva, posto che la critica non può che essere fondata su unʼinterpretazione necessariamente sogget-

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli