Pietro di Praga. Testo di conferenza tenuta alla Facoltà di Teologia dell Università Palacký a Olomouc, 25 Marzo 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pietro di Praga. Testo di conferenza tenuta alla Facoltà di Teologia dell Università Palacký a Olomouc, 25 Marzo 2015"

Transcript

1 Dott. CARLO TATTA, Pietro di Praga Testo di conferenza tenuta alla Facoltà di Teologia dell Università Palacký a Olomouc, 25 Marzo 2015 Allorché il pontefice Urbano IV era in Orvieto, nella residenza papale, avvenne il Miracolo Eucaristico di Bolsena. Il prodigioso evento si verificò sull altare nella cripta di S. Cristina, nella basilica di S. Cristina in Bolsena, quando, durante la celebrazione della S. Messa, all atto della consacrazione, tra le mani tremanti del sacerdote, assillato e angustiato da forti dubbi, l Ostia si mutò mirabilmente in carne stillando vivo sangue che si riversò sull altare e su un piccolo lino detto corporale. Avvenne così il grande miracolo con cui il Signore ha voluto confortare la poca fede di quel sacerdote! Il papa Urbano IV, informato del prodigio, incaricò il Vescovo Giacomo di portare in Orvieto l Ostia ed il sacro Lino impregnato di sangue e lui stesso, con la corte pontificia e il popolo orvietano si recò a ricevere il Vescovo presso il ponte di Rio Chiaro, all ingresso della città. Quanto al celebrante, una consolidata tradizione orvietana, anche in diversi richiami storico letterari, parla di un sacerdote germanico, boemo, tedesco o teutonico. Va chiarito subito che seppure alcune fonti orvietane fanno riferimento a un sacerdote tedesco, ciò non impedisce la possibile identificazione con un sacerdote boemo e taluni addirittura con una personalità del mondo politico, culturale e religioso boemo, quale potrebbe essere Pietro di Praga: l ambiente italiano del XIII secolo e del primo trentennio del XIV secolo definiva correttamente come tedesco chiunque provenisse dall Europa centrale ed inizia a prendere consapevolezza della differenziazione solo dopo la metà del XIV secolo. Del resto il Regno boemo era parte integrante della libera unione costituita dal Sacro Impero Romano il cui centro era stato per secoli nelle terre germaniche. E poi la diocesi di Praga e quella di Olomouc erano nella circoscrizione ecclesiastica di uno dei più grandi arcivescovadi del Sacro Impero Romano, quale era quello di Magonza. E allora era possibile identificare un sacerdote tedesco per la provenienza tanto dalla Renania quanto dalla Boemia. Si è così protesi a conoscere chi è Pietro di Praga e perché si intenderebbe collegarlo al prodigioso evento di Bolsena. Il prof. Mons. Jaroslav Polc ( 2004), decano della Facoltà Teologica dell Università Carlo IV di Praga e la prof.ssa Zdenka Hledíková, della stessa Università, nei loro studi, frutto di approfondite ricerche archivistiche, hanno offerto rilevanti notizie che illustrano e fanno riconoscere la figura di Pietro di Praga, personalità di sicuro prestigio nella corte del re di Boemia, e se ne potrebbe così percorrere l ipotesi della sua relazione con il miracolo Eucaristico di Bolsena.

2 Pietro, di condizione sociale elevata, sicuramente aveva effettuato gli studi universitari in una delle università dell Italia settentrionale, Bologna o Padova, punti di riferimento per gli studi giuridici, che in quel tempo non v erano ancora a nord delle Alpi, così apprezzati. È riconosciuto che Pietro è stato prevosto del Capitolo di Vyšehrad, nell antica conurbazione di Praga, protonotario del Re di Boemia Přemysl Otakar II e Cancelliere del Regno di Boemia. Tutti i prevosti di Vyšehrad in relazione all importanza del Capitolo ed in rapporto alla dotazione patrimoniale della prepositura erano persone molto importanti e influenti. Dopo l improvvisa scomparsa del prof. Polc, ulteriori ricerche proseguite con vera passione e scrupolosa diligenza dalla prof.ssa Zdeňka Hledíková ci consentono di approfondire la figura storico religiosa di Pietro di Praga. Il primo a riferire di Pietro di Praga nella letteratura specialistica fu il Moroni che nel suo Dizionario di erudizione storico ecclesiastica (vol. CII, 1861) indica l anno del Miracolo di Bolsena 1263 o meglio 1264 e propone un identificazione del sacerdote protagonista del Miracolo : la tradizione segnala Pietro Boemo di Praga. Non sappiamo da dove possa venire la singolare indicazione, dal momento che essa è espressa senza alcun richiamo della fonte di riferimento. D altra parte gli studiosi cechi possono affermare che in nessun documento relativo ai secoli XIII e XIV in Boemia v è una citazione del miracolo di Bolsena, seppure può riscontrarsi che la devozione eucaristica proprio in quello stesso periodo di riferimento fosse molto sentita e diffusa. Nel 1989, quando il Polc era direttore della Biblioteca della Pontificia Università Lateranense in Roma, ebbe la visita di un sacerdote amico anche lui rifugiato all estero. Guardando l imponente collezione dei registri dei Papi e leggendo per caso, come campione, in quello relativo a Urbano IV, dell anno 1264, il sacerdote praghese si chiedeva se tra i nomi del registro vi fosse qualche indicazione relativa a personalità provenienti da Praga. Così ebbero a trovare, in via del tutto occasionale, un puntuale riferimento a Pietro, canonico di Praga e di quì ebbe avvio la ricerca con gli ulteriori sviluppi e approfondimenti. L avvenuto riconoscimento della presenza di Pietro alla corte papale in due successivi momenti storici: dapprima a Viterbo, nell anno 1262 e di nuovo a Orvieto, nell anno 1264, rivelano questa eminente figura che, nota nella storia di Boemia, entra così nella coscienza collettiva. E proprio Pietro, plenipotenziario del Re di Boemia, ebbe ad incontrare per la prima volta il Pontefice Urbano IV il 3 giugno 1262, nella sede papale a Viterbo. Non è palese il motivo di quella sua missione alla sede apostolica ma la lettera che Pietro portò in seguito al re Přemysl Otakar II, permette di riconoscere che si trattasse delle decisioni relative all imminente elezione del re dei Romani, il futuro imperatore. In quella stessa lettera il Papa, rivolgendosi al Re ha avuto la premura di segnalare il suo Cappellano Pietro dilectum filium magistrum Petrum capellanum et nuntium tuum [ ] affectione paterna recepimus [ ] quem de multa diligentia, sollicitudine commendamus ed è del tutto significativa questa citazione di cappellano del re ed il riconoscimento della sua sollecitudine, diligenza e prudenza. Il secondo viaggio di Pietro alla corte pontificia di Urbano IV, fu proprio in Orvieto, ove allora risiedeva il pontefice e fu senza dubbio ispirato dal re per ottenere l assenso ad 2

3 intervenire in Lituania contro gli scismatici Ruteni e i pagani Lituani, al fine di ottenere la loro conversione alla fede cattolica. L adesione di Urbano IV è datata da Orvieto il 4 giugno 1264 e, nell autorizzare il re Přemysl Otakar II ad effettuare una spedizione militare, gli conferiva come possedimento ereditario i territori i cui abitanti si fossero convertiti al cristianesimo; in questa stessa nota pontificia Pietro è attestato come canonico di Praga e notaio del re di Boemia. Si può ritenere che su questa determinazione pontificia non poco ebbe ad influire l abilità politica e retorica di Pietro che poté suscitare la favorevole impressione del papa ed il conseguente sostegno a Přemysl Otakar II. In esito all udienza in Orvieto il papa Urbano IV aveva emesso per Pietro un diploma di grazia che gli permetteva di percepire gli introiti derivanti dalla sua prebenda Pietro era già canonico praghese anche in caso di assenza, consentendo così la dispensa dall obbligo della residenza presso il beneficio, proprio per le particolari incombenze che era tenuto ad espletare presso la Corte di Boemia. Nel diploma pontificio del 4 giugno 1264, quello fondamentale per la possibile identificazione del sacerdote del miracolo di Bolsena, Pietro è riconosciuto come canonico del capitolo di Praga. La partenza di Pietro per la Boemia poté avvenire almeno nella seconda metà del mese di giugno in quanto è certo che il 17 luglio si trovava già presso il re di Boemia a Písek. La prof. Hledíková ci attesta che a partire dal maggio 1266 Pietro viene regolarmente citato con il titolo di venerabilis prepositus Vysegradensis et regni Bohemiae cancellarius. La stessa Hledíková, in esito ad una sua scrupolosa lettura di atti di archivio, ci afferma altresì che il 26 giugno 1266, poi il 2 luglio 1267 e di nuovo il 28 maggio e il 18 settembre 1268 accanto al nome di Pietro è attestato, oltre il titolo di prevosto di Vyšehrad anche il titolo di Arcidiacono Praghese. Una successione cronologica di documenti che possono indurre a rilevare che da semplice canonico praghese Pietro sia pervenuto alla prelatura Arcidiaconale. La stessa prof.ssa Hledíková ci da notizia che Pietro è citato anche come canonico di Olomouc il 29 novembre 1267, quando fu esecutore testamentario del vescovo di Olomouc Bruno e poi il 26 marzo 1281 e nel luglio 1284, oltre al titolo di prevosto di Vyšehrad, è riconosciuto anche il titolo di prevosto del capitolo di Kroměříž in Moravia. In atti successivi si sono trovate alcune lettere relative a Pietro, tra cui un messaggio di felicitazioni che il prevosto Pietro aveva inviato al nuovo pontefice (non nominato), probabilmente Clemente IV (con cui Pietro ebbe rapporti personali fin dal 1264, proprio in Orvieto) e nel quale si esprime la devota sottomissione della chiesa di Vyšehrad al Soglio pontificio e si invoca la sua protezione. In rappresentanza del capitolo, come si è già osservato, Pietro aveva intrattenuto rapporti costanti con la Sede pontificia e tale era la stima a lui riservata in seno alla Curia, da essere stato accolto tra i cappellani di almeno due cardinali: Simon Paltinario di Monte Silice, cardinale di S. Silvestro e San Martino e Ottaviano Ubaldini, cardinale di S. Maria in Via Lata. La forte personalità di Pietro venne sicuramente apprezzata dallo stesso Pontefice e ne poté acquisire tutta la fiducia a tal punto da essere nominato Cappellano del Papa. A conclusione di uno studio più recente su Pietro, la Hledíková esprime la convinzione della reale esistenza di un documento pontificio emesso per la nomina di Pietro, prevosto 3

4 di Vyšehrad e cancelliere del re Boemo Přemysl Otakar II, a cappellano pontificio e, anche se non si dispone del diploma in versione originale né in trascrizione, il testo è riprodotto in maniera piuttosto fedele nella registrazione in una raccolta di formulari. Non si può stabilire con certezza l anno dell effettiva emissione: se sia stato il 2 luglio 1266 ovvero lo stesso giorno dell anno 1262, perché in casi analoghi fosse abituale e possibile l attualizzazione dei titoli del destinatario nel far uso di documento di cancelleria come modello di formulario; il titolo di cappellano pontificio in ogni caso viene riportato in atti del 1273 e poi in due diplomi degli anni 1281 e Di certo Pietro rimane strettamente legato per un verso alla prepositura di Vyšehrad e per un altro alla cancelleria regia, ovvero all attività politica del Re boemo Přemysl Otakar II, in quanto anche nella sua alta posizione religiosa aveva continuato a guidare la cancelleria. Seppure Pietro aveva potuto acquisire rilevanti incarichi pubblici, diverse dignità e benefici ecclesiastici, tuttavia gli atti ufficiali, nel farne apprezzare la forte personalità non possono rilevarne e farne conoscere la spiritualità. Forte di una spiccata preparazione giuridica, dotato di saggia concretezza, la sua attività si rivolse con impegno nella diplomazia e nella politica e poté conservare l ufficio di cancelliere del Regno di Boemia fino alla morte del re Přemysl Otakar II. Né mancò l apprezzamento della Curia espresso nei confronti di Pietro, come abbiamo visto, nell elogio della sua prudenza e diligenza, nella lettera di Urbano IV al re Přemysl Otakar II. Un uomo di Chiesa, che pure aveva un forte ruolo nel suo impegno politico di uomo di Stato di sicuro prestigio e nella fiducia del re, pur di fronte a conflitti riguardanti proprietà immobiliari e affermate consuetudini. Da quella mondanità potrebbero derivare umanamente: forti pulsioni e tensioni interiori, possibili, sconcertanti dubbi e debolezze che atti e documenti di archivio non potranno mai rivelare. Le testimonianze documentali, riferite dal prof. Polc e dalla prof.ssa Hledíková, nei loro rigorosi studi su Pietro in seno al capitolo di Vyšehrad e nel regno di Boemia, fanno riconoscere significative attività svolte e quel singolare impegno di servizio espletato ma non fanno emergere nulla che consenta di aprirci alla sua ricchezza interiore, pur nella considerazione del suo status e della sua forte personalità. Taluni studiosi hanno inteso affermare che Pietro abbia potuto conseguire l ordinazione sacerdotale a Padova, durante il suo soggiorno per la frequentazione di studi giuridici. Un ipotesi che non può essere confortata da alcun elemento di valutazione in quanto gli atti dell Archivio storico della chiesa di Padova non offrono alcun riscontro anteriormente al Sono stati esaminati e approfonditi documenti redatti per una testimonianza giuridica su fatti d interesse pubblico relativi al Regno di Boemia o interni al capitolo ecclesiastico di Vyšehrad, laddove è emersa chiaramente quella posizione di grado elevato goduta da Pietro, nella grande stima del re. Sin qui è quanto è emerso da intelligenti e difficili ricerche che riferiscono notizie apprese dalla trascrizione di atti ufficiali che non potranno mai rivelare sussulti d animo e tensioni spirituali. Si potrà pur comprendere come Pietro per la sua singolare posizione nel Regno di Boemia e all interno della Chiesa di Praga, non si sia recato da solo in visita al romano Pontefice, nelle due circostanze documentate, ma con una delegazione ufficiale e 4

5 almeno con una scorta armata e avrebbe potuto esservi anche un sacerdote, come era consuetudine per quei tempi, con il compito, nel lungo viaggio, dei servizi spirituali e liturgici per i membri della stessa delegazione. E allora il miracolo potrebbe essere avvenuto nella sosta della stessa delegazione, durante la S. Messa celebrata a Bolsena, nella cripta di S. Cristina, in prossimità di Orvieto, allora Sede pontificia (che come si è visto è stata temporaneamente a Viterbo e poi anche a Orvieto). E quì, in Bolsena, su quell altare, in quel momento, il sacerdote, turbato nello spirito e tormentato e in pena per il dubbio che nutriva nel credere fermamente nella reale presenza di Nostro Signore sotto le specie eucaristiche, all atto della consacrazione, pronunciate le parole rituali, poté vedere veramente stillare sangue dall Ostia consacrata. E quel dubbio forte, assillante, che sin lì tormentava, turbava e angustiava intimamente il celebrante, all atto della consacrazione, poté placarsi e venne dissolto: nella meraviglia della Grazia rivelatasi nel prodigio del Miracolo Eucaristico, in quella sublime, straordinaria manifestazione di Verità e di Fede nell Eucaristia. Si può ben pensare al sorprendente stupore, alla straordinaria costernazione a tutto il forte turbamento alla confusione al sensibile disagio del momento e a tutta quella convulsa concitazione tra quanti erano presenti e con fede partecipavano alla S. Messa, e che allora, la memoria collettiva abbia potuto fare diretto riferimento a Pietro, capo della delegazione Boema, in visita al pontefice, di passaggio a Bolsena. Di indubbia rilevanza per la conoscenza della storia del Miracolo eucaristico di Bolsena sono le epigrafi su due grandi lapidi di marmo rosso che si leggono nella Chiesa di S. Cristina in Bolsena (1573) e nella Cappella del S. Corporale in Orvieto (1601), eseguite dallo scultore architetto orvietano Ippolito Scalza, per volontà del visitatore apostolico Mons. Antonio Binarino, vescovo di Rieti, sulla base di una iscrizione da una pergamena, ormai consunta per gli anni e per l umidità del luogo ove era mal custodita. È da ritenere che Urbano IV, eletto papa nell anno 1261 abbia potuto pensare all istituzione della solennità del Corpus Domini proprio perché quando era stato arcidiacono in Liegi, tra il 1242 e il 1249, aveva ben conosciuto il fervore di un forte movimento religioso diffuso in quella città e proteso a celebrare una festività per il Corpus Domini e lui stesso ne venne fortemente sollecitato e ne divenne uno dei più autorevoli sostenitori. Perché il papa attese fino al 1264? V è solo da dire e riconoscere che proprio nei primi mesi di quell anno ebbe a verificarsi quell evento eccezionale che poté a determinare l animo già ben disposto del Pontefice che era compiuto il momento di proclamare la festa del Corpus Domini solennità della Chiesa universale e questo avvenimento davvero sublime non poté essere che il Miracolo Eucaristico di Bolsena! Con la bolla pontificia Transiturus de hoc mundo venne istituito per la Chiesa universale il nuovo precetto: che ogni giovedì seguente l ottava di Pentecoste si celebri una festa di straordinaria solennità in onore del Corpus Domini. S. Tommaso d Aquino, allora presente nella corte pontificia in Orvieto, ebbe il privilegio di comporre l officio della festa liturgica con orazioni, lezioni, antifone ed inni ove le più elevate verità della fede si uniscono con la forza, la delicatezza e l ardore di una limpidissima vena poetica. 5

6 A Orvieto, nel suo splendido Duomo, sulla sinistra dell altare maggiore, v è la Cappella dedicata al S. Corporale e quì è custodita la memoria del miracolo eucaristico di Bolsena: in un artistico reliquiario è esposto il Corporale, il lino, macchiato dal sangue fuoruscito dall Ostia. Il prete boemo, ha affermato il Vescovo di Orvieto-Todi Mons. Benedetto Tuzia, è l icona dell uomo contemporaneo. Un uomo che vive nell incertezza e nella precarietà e ci dice che non bisogna chiudersi nelle paludi delle difficoltà, ma occorre mettersi in cammino. Lui lo fa andando in pellegrinaggio a Roma e, durante il suo itinerario, incontra quel segno del cielo che è la risposta ai suoi tormenti. A Orvieto c è la memoria del Miracolo eucaristico di Bolsena, con il Corporale macchiato dal sangue fuoruscito dall Ostia all atto della consacrazione. È l incredibile che diventa credibile, Dio che diventa tangibile, la fede che si tocca, di cui si può fare esperienza nella quotidianità. BIBLIOGRAFIA Carlo TATTA Diocesi di Orvieto Todi POLC Jaroslav V., Il Miracolo di Bolsena e Pietro di Praga. Un ipotesi, Rivista di Storia della Chiesa in Italia 45 (1991) ; česky: Zázrak v Bolseně a Petr z Prahy, in: Česká církev v dějinách, Praha: Akropolis, 1999, POLC Jaroslav V., Il Miracolo di Bolsena e l origine della festa del Corpus Domini, in: TAMBURINI Pietro (a cura di), Bolsena : il miracolo eucaristico. Atti del convegno, Bolsena 4 giugno 2004, Bolsena: Città di Bolsena editrice, HLEDÍKOVÁ Zdeňka, Pietro di Praga, Cancelliere del Re e Canonico di S. Vito, Bollettino dell Istituto Storico Artistico Orvietano XI-LXIV ( ); HLEDÍKOVÁ Zdeňka, La nomina di Pietro da Praga a Cappellano Pontificio, Bollettino dell Istituto Storico Ceco di Roma IV (2008); FRANCESCHINI Ezio, Origine e stile della Bolla Transiturus, in: Studi Eucaristici. VII centenario della bolla Transiturus Atti della settimana internazionale di alti studi teologici e storici, Orvieto, settembre 1964, Orvieto: Comitato esecutivo centrale MOSCINI Marcello, Il Miracolo di Bolsena, Bolsena: Città di Bolsena editrice, LAZZARINI Andrea, Il Miracolo di Bolsena. Testimonianze e documenti dei secc. XIII e XIV, Roma: Edizioni di Storia e Letteratura DONZELLINI Alessandro, Historia et origine della solennità del Corpus Domini, Roma: V. Accolti, BOTTIFANGO G.C.: Il Corporale Sacratissimo di Orvieto, PENNAZZI Andrea Splendiano, Istoria dell Ostia sacralissima che stillò sangue in Bolsena sopra il Ss. Corporale, che si conservano nella cattedrale e gran duomo di Orvieto, Montefiascone: Stamparia del Seminario WALTERS Barbara R. CORRIGAN Vincent RICKETTS Peter T., The Feast of Corpus Christi, Pennsylvania: Pennsylvania State University Press RUBIN Miri, Corpus Christi: The Eucharist in Late Medieval Culture, Cambridge: Cambridge U.P., Carlo TATTA

Nel IX secolo due trattati omonimi: De corpore et sanguine Domini, inaugurano quella che viene comunemente chiamata la prima controversia eucaristica

Nel IX secolo due trattati omonimi: De corpore et sanguine Domini, inaugurano quella che viene comunemente chiamata la prima controversia eucaristica Si celebra quest'anno nella Diocesi di Orvieto-Todi, il giubileo eucaristico nel 750 anniversario del miracolo eucaristico avvenuto a Bolsena nel 1263, a cui seguì, nel 1264, l'istituzione della festa

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina)

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) I dati riportati nel libro si riferiscono alla data del 31 dicembre 2008 Quadro di sintesi della struttura organizzativa:

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

ARCIDIOCESI DI TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2013/2014

ARCIDIOCESI DI TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2013/2014 ARCIDIOCESI DI TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE AGENDA PASTORALE DIOCESANA 2013/2014 OTTOBRE 2013 18 ottobre: Festa della Chiesa diocesana Promulgazione del Regolamento del Sinodo 20 ottobre: 87ª Giornata missionaria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato

Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato VISTO l articolo 69 della legge 1 aprile 1981, n. 121, concernente l assistenza religiosa al personale della

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS CON CUI SI RIORDINA INTEGRALMENTE LA MATERIA RIGUARDANTE L ESERCIZIO DELLA FUNZIONE DEI PATRONI E DEGLI AVVOCATI

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci La Santa Sede e la Repubblica Ceca partendo dalle tradizioni secolari della comune storia della Chiesa cattolica e

Dettagli

INDICAZIONI DIOCESANE PER IL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE

INDICAZIONI DIOCESANE PER IL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE INDICAZIONI DIOCESANE PER IL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE Con l Istruzione della Congregazione per i Sacramenti ed il Culto divino Immensae caritatis del 23.01.1972, Paolo VI ha istituito il

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Si ringrazia la FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO per il sostegno all attività di ricerca.

Si ringrazia la FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO per il sostegno all attività di ricerca. Si ringrazia la FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO per il sostegno all attività di ricerca. ANNALI DELLA FONDAZIONE PAPA GIOVANNI XXIII Bergamo 2013 - n. 1. EDITORIALE ALBERTO CARRARA 5 GIOVANNI GUSMINI 7

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO DEL PRESEMINARIO S. PIO X

IL PROGETTO EDUCATIVO DEL PRESEMINARIO S. PIO X Nella pedagogia degli anni 70 qualcuno arrivava a parlare di una impossibilità di scelta in età infantile e adolescenziale, e di conseguenza riteneva che il Preseminario (e anche il seminario minore) non

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO IX Presentazione... VII PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO Sezione I Il diritto ecclesiastico 1. Il concetto di diritto ecclesiastico... 5 2.

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Monsignori, Egregio Signor Sindaco, Padri, Sorelle Signore, Signori Cari amici

Monsignori, Egregio Signor Sindaco, Padri, Sorelle Signore, Signori Cari amici Monsignori, Egregio Signor Sindaco, Padri, Sorelle Signore, Signori Cari amici E sempre con vivo e profondo piacere che mia moglie ed io vediamo approssimarsi, ogni estate da tre anni, la data alla quale

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

A G E N D A PASTORALE

A G E N D A PASTORALE AGENDA PASTORALE 2014 SETTEMBRE 2013 Domenica 1 Lunedì 2 Martedì 3 Sabato 7 Sabato 7 Domenica 8 Lunedì 9 Martedì 10 Venerdì 13 Sabato 14 Sabato 14 Domenica 15 Martedì 17 Sabato 21 Domenica 22 Martedì 24

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Descrizione del Processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Descrizione del Processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il tuo Regno! COMMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Descrizione del Processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi 3 ottobre 2014 Contenuto Il processo in

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata:

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Predisposto da Don Pierluigi Vignola e Patrizio Pinnarò Introduzione Il turismo religioso in Regione

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 NORME PER I MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE L.V.D. LXXV (1984) pp. 373-380 L Eucaristia è sorgente e vertice di tutta la vita cristiana, ed è fonte dell

Dettagli

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche NOTIZIARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA a cura della Segreteria Generale ANNO 46 - NUMERO 3 30 GIUGNO 2012 Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il 28 Giugno

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede DIOCESI DI PORDENONE Aprile 2013 3 giorni; 2 notti Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede Percorso catechistico-celebrativo Porta fidei semper nobis patet, quae in communionem cum Deo nos infert datque

Dettagli

Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata

Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata Michele Langella Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata 2012 vesuvioweb Oliviero Carafa e la Crociata Qualche cenno alla storia della vita del personaggio, coinvolto in una importante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Edizioni Studio Domenicano

Edizioni Studio Domenicano Il sacramento della Confermazione Sesta edizione Edizioni Studio Domenicano COLLANA «CATECHISMI» 3 Nella stessa collana: Piccolo catechismo eucaristico, 6 a ed., pp. 96 Piccolo catechismo sul sacramento

Dettagli

Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi

Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi Cova Ferrando Andrea, Ferraro Diego, Bianchi Armando, Corazza Denise, Gaggero Anna, Patrone Lisa, Parodi Alice, Parodi Elisa

Dettagli

RITRATTI ESEGUITI DA ERNESTO SOLARI

RITRATTI ESEGUITI DA ERNESTO SOLARI I MIEI SEI PAPI RITRATTI ESEGUITI DA ERNESTO SOLARI UN SALUTO A PAPA BENEDETTO XVI E UN AUGURIO AL MIO SETTIMO PAPA SOLARI: LE MIE VICENDE PAPALI IL PONTIFICATO DI PIO XII Dopo un conclave di appena tre

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

STATUTO. Della Veneranda CONFRATERNITA. sotto il titolo. di SAN MICHELE ARCANGELO

STATUTO. Della Veneranda CONFRATERNITA. sotto il titolo. di SAN MICHELE ARCANGELO STATUTO Della Veneranda CONFRATERNITA sotto il titolo di SAN MICHELE ARCANGELO STATUTO CAPO I Istituzione Art. 1 E istituita presso la Chiesa del Purgatorio di Trapani la Confraternita di San Michele Arcangelo

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese 7 aprile 2009 Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese Federica Bellè Gli aiuti ungheresi al popolo reggino in occasione del terremoto del 1908 è il tema

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DATA 30.11.2013 OGGETTO: Conferimento di riconoscimento al Cav. Uff. Panfilo

Dettagli

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale (d.g.r. 26 marzo 2004, n. VII/16909) Premessa La Lombardia è stata la prima, tra le

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli