I l Cotto Nobile Arrotat o

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I l Cotto Nobile Arrotat o"

Transcript

1 I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N Data: Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO :2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione della resistenza al gelo. Dopo immersione in acqua, le piastrelle sono state sottoposte a n. 100 cicli tra +5 C e 5 C di temperatura, avendo cura che tutte le facce venissero esposte al gelo. Numero di campioni provati 10 Assorbimento d acqua iniziale E 1 4,7% Assorbimento d acqua finale E 2 4,7% Numero di campioni danneggiati dopo 100 cicli 0 (zero) Danni provocati dalla prova nessuno 6

2 I l Cotto Tipico Toscano RAPPORTO DI PROVA N Data: Denominazione campione sottoposto a prova: TIPICO TOSCANO UNI EN ISO :2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione della resistenza al gelo. Dopo immersione in acqua, le piastrelle sono state sottoposte a n. 100 cicli tra +5 C e 5 C di temperatura, avendo cura che tutte le facce venissero esposte al gelo. Numero di campioni provati 10 Assorbimento d acqua iniziale E 1 11,7% Assorbimento d acqua finale E 2 11,7% Numero di campioni danneggiati dopo 100 cicli 0 (zero) Danni provocati dalla prova nessuno 14

3 K e r a m o s RAPPORTO DI PROVA N R 3955 Data: Denominazione campione sottoposto a prova: COTTO KERAMOS 15x30 UNI EN ISO :2000 Determinazione della resistenza all abrasione superficiale per piastrelle smaltate. Sono stati sottoposti a prova 11 campioni, di dimensioni approssimative 100x100 mm, ricavati per taglio da piastrelle tal quali; la procedura indicata nella norma di Rif. 2c richiede l utilizzo di un solo campione per ciascuno degli 8 stadi di abrasione o giri (corrispondenti a 100, 150, 600, 750, 1500, 2100, 6000, rotazioni della carica), a cui vanno aggiunti altri tre provini per controllare il risultato nel punto di abrasione visibile. La determinazione della resistenza all abrasione viene ottenuta mediante rotazione di una carica abrasiva (175 grammi di sfere di acciaio di diametro variabile definito nella norma, 3 grammi di corindone in polvere di granulometria F80 e 20 ml di acqua distillata, Rif. 2c) sulla superficie smaltata di ciascun provino e successiva valutazione dell usura in base al confronto visivo tra campioni di prova abrasi e piastrelle non abrase. Stato di abrasione. Abrasione visibile dopo un mumero di giri pari a: Classe di abrasione , , 6000, >12000* 5 * il campione deve inoltre superare la prova di resistenza alle macchie riportata nella Norma UNI EN ISO (Piastrelle di ceramica. Determinazione della resistenza alle macchie), con le modifiche indicate nella norma di Rif. 2c. Un campione costituito da n. 11 provini del prodotto Cotto Keramos 15x30 è stato sottoposto alla prova di determinazione della resistenza all abrasione superficiale per piastrelle smaltate, in accordo con la norma di Rif. 2c. Il fabbricante è tenuto ad indicare la classe di abrasione ed il numero di giri superati. L abrasione è diventata visibile dopo 750 rotazioni della carica abrasiva (giri). La classe di abrasione del prodotto Cotto Keramos 15x30 è pertanto la 3. Prodotto Stato di abrasione. Abrasione visibile dopo un mumero di giri pari a: Classe di abrasione Cotto Keramos 15x

4 RAPPORTO DI PROVA N R 4261 Data: Denominazione campione sottoposto a prova: COTTO KERAMOS 15x30 UNI EN 5391, Metodo di prova 1 Determinazione dell impermeabilità all acqua. La prova è stata eseguita partendo da 10 piastrelle in cotto intere denominate: Keramos 15x30. La norma di Rif. 2c (prevista per tegole di laterizio) stabilisce che vengano testati 10 provini circolari di diametro 50 mm ricavati per taglio da altrettanti campioni interi. La metodologia consiste nella misura della quantità di acqua (posta all interno di un contenitore cilindrico graduato fissato alla superficie del provino) che, in 48 ore, attraversa un provino di diametro 50 mm totalmente immerso sotto un battente idrostatico di 100 mm. Tabella 1 valori individuali di V 1 e V 2 e Fattore di impermeabilità (valori individuali, valore medio, valore massimo e deviazione standard). V 1 valori individuali (cm 3 ) V 2 valori individuali (cm 3 ) valori individuali (cm 3 cm 2 g 1 ) valore medio (cm 3 cm 2 g 1 ) valore massimo (cm 3 cm 2 g 1 ) deviazione standard (cm 3 cm 2 g 1 ) I valori estremamente bassi del fattore di impermeabilità (compresi tra 0.01 e 0.03 cm 3 cm 2 g 1 ) stanno ad indicare una ridottissima impermeabilità all acqua della superficie delle piastrelle in Cotto Keramos 15x30. 23

5 I l Cotto de Calanchi RAPPORTO DI PROVA N Data: Denominazione campione sottoposto a prova: COTTO DE CALANCHI UNI EN ISO 1344:2003 del 01/10/2003 Elementi per pavimentazione di laterizio Requisiti e metodi di prova. La prova è consistita nell assemblare un pannello di elementi per pavimentazioni di laterizio dopo che questi ultimi sono stati immersi in acqua seguendo un metodo prestabilito. Il pannello è successivamente raffreddato fino a che l acqua assorbita si gela, ripetendo il disgelo e il gelo dell acqua vicino a un lato. Il danno causato dal gelo e dal disgelo è valutato e utilizzato per determinare la resistenza al gelo/disgelo degli elementi per pavimentazioni. [n.] Descrizione del danno Tipo 1 Cratere 1 2 Cratere 1 3 Rottura minore Cratere 4 Nessuno 0 5 Nessuno 0 6 Nessuno 0 7 Nessuno 0 8 Rottura minore 3 9 Nessuno 0 10 Cratere Resistenza al gelo/disgelo Classe FP

6 I l Cotto Antico RAPPORTO DI PROVA N R 4140 Data: Denominazione campione sottoposto a prova: COTTO ANTICO 20X60 UNI EN ISO Determinazione della resistenza a flessione e della forza di rottura. Determinazione della resistenza a flessione e della forza di rottura Sono state sottoposte a prova 7 tavelle intere, secondo le modalità riportate nella norma di Rif.2c. La resistenza a flessione è stata determinata applicando un carico su tre linee, con la linea centrale direttamente a contatto con la superficie di esercizio del campione posizionato con la direzione di estrusione perpendicolare ai rulli di supporto. In tabella 1 vengono riportati i risultati di prova espressi come: F = Carico di Rottura (N) S = Sforzo di Rottura (N) = F L / b R = Resistenza a Flessione o Modulo di Rottura (N/mm 2 ) = 3 F L / 2 b h 2 ove: L = distanza tra i rulli di supporto (mm) b = larghezza della tavella (mm) h = spessore minimo del campione di prova (mm), misurato dopo la prova lungo il bordo di rottura ( mm) Carico di Rottura F (N) Sforzo di Rottura S (N) Resistenza a Flessione R (N/mm 2 ) Valori medi 688 ± ± ± 0.7 Un campione costituito da n. 7 provini del prodotto Cotto Antico 20x60 (Tavella Sottotetto estrusa) è stato sottoposto alla prova di determinazione della resistenza a flessione e della forza di rottura, in accordo con la norma di Rif.2c. I valori di Sforzo di Rottura S sono compresi tra 1823 N e 2114 N mentre i valori di Resistenza a Flessione R sono compresi tra 14.6 N/mm 2 e 16.6 N/mm 2. 30

7 I l Cotto di Fornace Laboratorio Sperimentale per la Certificazione Faenza (RA) Italy RAPPORTO DI PROVA N R 3124 Data: Agosto 2012 Determinazione del contenuto in solfati alcalini del prodotto: COTTO DI FORNACE La prova è stata eseguita secondo le prescrizioni delle norme: R.D del 16/11/39 Prodotto Anidride Solforica SO ³ [%] Cotto di Fornace Il documento di Rif. 2c prevede che la quantità di Anidride Solforica contenuta nel campione sottoposto ad esame non sia > 0,05%. Il prodotto Cotto di Fornace presenta un contenuto di anidride solforica di 0,152%. RAPPORTO DI PROVA N R 1562 Data: Agosto 2012 Determinazione della resistenza a flessione, della resistenza al gelo e della resistenza a flessione al termine dei 100 cicli di gelo/disgelo del prodotto: COTTO DI FORNACE La prova è stata eseguita secondo le prescrizioni delle norme: UNI EN ISO UNI EN 101 UNI EN ISO UNI EN ISO Piastrelle di ceramica. Determinazione della resistenza al gelo. Valori individuali, valore medio di assorbimento d acqua e difetti presenti sui provini testati dopo l esecuzione dei 100 cicli di gelo/disgelo. Massa umida m ³ (g) Massa secca m 4 (g) Assorbimento d acqua dopo gelo E ² (%) Assorbimento d acqua medio dopo gelo E ² (%) 19.2 ± 0.7 Difetti presenti dopo 100 cicli di gelo/disgelo Un campione costituito da n. 10 provini del prodotto Cotto di Fornace è stato sottoposto alla prova di determinazione della resistenza al gelo, in accordo con la norma di Rif. 2f. L analisi di aspetto effettuata al termine della prova non ha evidenziato la presenza di difetti. 36

8 I l Cotto Etrusco Laboratorio Sperimentale per la Certificazione Faenza (RA) Italy RAPPORTO DI PROVA N R 3122 Data: Luglio Agosto 2012 Determinazione del contenuto in solfati alcalini del prodotto: COTTO DI FORNACE CHIARO O ETRUSCO La prova è stata eseguita secondo le prescrizioni delle norme: R.D del 16/11/39 Prodotto Anidride Solforica SO ³ [%] Cotto di Fornace Chiaro o Etrusco Il documento di Rif. 2c prevede che la quantità di Anidride Solforica contenuta nel campione sottoposto ad esame non sia > 0,05%. Il prodotto Cotto di Fornace Chiaro o Etrusco presenta un contenuto di anidride solforica di 0,186%. RAPPORTO DI PROVA N R 3120 Data: Luglio Agosto 2012 Determinazione della resistenza a flessione, della resistenza al gelo e della resistenza a flessione al termine dei 100 cicli di gelo/disgelo del prodotto: COTTO DI FORNACE CHIARO O ETRUSCO La prova è stata eseguita secondo le prescrizioni delle norme: UNI EN ISO UNI EN ISO Piastrelle di ceramica. Determinazione della resistenza al gelo. Valori individuali, valore medio di assorbimento d acqua e difetti presenti sui provini testati dopo l esecuzione dei 100 cicli di gelo/disgelo. Massa umida m ³ (g) Massa secca m 4 (g) Assorbimento d acqua dopo gelo E ² (%) Assorbimento d acqua medio dopo gelo E ² (%) 19.4 ± 0.3 Difetti presenti dopo 100 cicli di gelo/disgelo Un campione costituito da n. 10 provini del prodotto Cotto di Fornace Chiaro o Etrusco è stato sottoposto alla prova di determinazione della resistenza al gelo, in accordo con la norma di Rif. 2d. L analisi di aspetto effettuata al termine della prova non ha evidenziato la presenza di difetti. 37

9 I l Cotto Fat t o a Mano È il cotto che ripropone con assoluto rigore la vera tradizione dei vecchi fornaciai di Toscana: i soli ingredienti l argilla e le braccia dell uomo. Nient altro. L effetto di questo manufatto non è facilmente descrivibile perchè dato da sensazioni tattili e cromatiche allo stesso tempo. Le prime dovute alla superficie ruvida e mossa, a volte screpolata, le seconde a quel colore ora rosso, ora rosa che varia da pezzo a pezzo. Un prodotto dunque dal fascino incredibile, che solo l amore di un artigianato nobile ed attaccato fino all inverosimile alla propria tradizione, può pensare di proporre. This is the cotto that with absolute rigour offers the true tradition of the old kiln workers of Tuscany: the sole ingredients being clay and elbow grease. Nothing more. The effect of this production is difficult to describe as it involves both tactile and chromatic sensations, the former thanks to its coarse,uneven surfaces, at times rough, the latter thanks to the intermingling of its red and pink hues that vary from piece to piece. A product with incredible fascination therefore, that only the passion of noble craftsmen inextricably linked with their trade can convex. PRATIGLIOLMI: Fatto a Mano Certificato di prova/ Data della prova/ Test certficate n 75503/60967/93 Date of test: 21/12/1993 Committente/Customer: Agricola Industriale della Faella S.p.A CASTELFRANCO DI SOPRA (AR) Oggetto della prova/purpose of test: Determinazione della resistenza al gelo secondo la norma UNI EN 202/ To determine resistance to frost in accordance with the UNI EN 202 standard /Test result: Contenuto d acqua prima della prova gelodisgelo/ 13,06% /Test method: La prova è stata effettuata sottoponendo le piastrelle a 50 cicli alternati da 15 C a +15 C/ The test was conducted by subjecting the tiles to 50 alternate cycles of 15 C and +15 C Numero piastrele provate/number of tiles tested: 10 Metodo di imbibizione utilizzato: per capillarità/ Imbibiting method used: via capillarity Il Dirigente del Laboratorio/ Laboratory Director (Dott. Ing. Giovanni Capitani) ISTITUTO GIORDANO s.p.a Laboratorio di ricerca di fisica tecnica Bellaria (FO) Italy Water content before the freezingdefrosting test: Contenuto d acqua dopo la prova gelodisgelo Water content after freezingdefrosting test: Descrizione dei difetti prima della prova/ Description of defects prior to test: Danni provocati dalla prova/ Damage caused by this test: Numero di piastrelle danneggiate dopo 50 cicli/ Number of tiles damaged after 50 cycles: Il Presidente o l Amministratore Delegato/ The president or Managing Director (Dott. Ing. Vincenzo Iommi) 14,9% nessuno/ none nessuno/ none zero/ none 40

10 L e Coperture Laboratorio Sperimentale per la Certificazione Faenza (RA) Italy RAPPORTO DI PROVA N R 1319 Data: Denominazione campione sottoposto a prova: TEGOLA ANTICA PIEVE La prova è stata eseguita secondo le prescrizioni delle norme: UNI EN Tegole di laterizio per coperture discontinue. Definizioni e specifiche di prodotto. UNI EN Tegole di laterizio per coperture discontinue. Determinazione delle caratteristiche fisiche. Prova di impermeabilità. Sono stati testati 10 provini ciorcolari di diametro 50 mm, ricavati per taglio da altrettanti campioni interi. La metodologia di prova ricalca fedelmente quanto prescritto dalla normativa e consiste nella misura della quantità di acqua (posta all interno di un contenitore cilindrico graduato fissato alla superficie del provino) che, in 48 ore, attraversa un provino di diametro 50 mm totalmente immerso sotto un battente idrostatico di 100 mm. V 1 valori individuali (cm 3 ) V 2 valori individuali (cm 3 ) valori individuali (cm 3 cm 2 g 1 ) valore medio (cm 3 cm 2 g 1 ) valore massimo (cm 3 cm 2 g 1 ) deviazione standard (cm 3 cm 2 g 1 ) La norma prevede che le tegole e gli accessori di laterizio siano classificati, quando testati, secondo una delle due categorie di impermeabilità di seguito indicate: Categoria 1 (fattore di impermeabilità di ogni singolo provino < 0.60 e fattore di impermeabilità medio < 0.50 cm3 cm2 g1).* Categoria 2 (fattore di impermeabilità di ogni singolo provino < 0.90 e fattore di impermeabilità medio < 0.80 cm3 cm2 g1). I prodotti di Categoria 2 devono essere utilizzati esclusivamente per coperture con strato impermeabile sottotetto. Il valore medio ed il valore massimo del fattore di impermeabilità del prodotto Tegola Antica Pieve (rispettivamente 0.04 e 0.05 cm3 cm2 g1) rispettano i limiti che la normativa impone per i prodotti di Categoria 1. * I prodotti di Categoria 1 (Copertura Romana Pratigliolmi) possono essere utilizzati senza guaina. RAPPORTO DI PROVA N Data: Denominazione campione sottoposto a prova: TEGOLA MARSIGLIESE UNI EN 1304:2005 del Tegole di laterizio e relativi accessori. Definizioni e specifiche di prodotto. Determinazione dell impermeabilità all acqua Fattore di impermeabilità = 0; Valore massimo del fattore = Non determinabile in quanto il fattore risulta 0. Determinazione della resistenza al gelo Perdita di massa AM = 0,0; Difetti dopo 50 cicli di gelo/disgelo = Nessuno. 48

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO Serie CAMELOT 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIaGL DIMENSIONI

Dettagli

MODENA CENTRO PROVE MECCANICA ECOLOGIA CERAMICA ALIMENTARE. alla c.a. : TORO;

MODENA CENTRO PROVE MECCANICA ECOLOGIA CERAMICA ALIMENTARE. alla c.a. : TORO; C.C.I.A.A. Modena n. 228587 - Tribunale di Modena n 2231 - C.F. e P. IVA n. 01592020364 MECCANICA ECOLOGIA CERAMICA ALIMENTARE Spett.le CERAMIKO SRL VIA ROMA 220 35020 ALBIGNASEGO PD alla c.a. MATERIALE

Dettagli

PIETRA NATURALE facciavista

PIETRA NATURALE facciavista PIETRA NATURALE facciavista Indice 3 4-5 6-7 8-9 10-11 12-13 Presentazione La Pietra Naturale Pietra Grigia Pietra Gialla Pietra Bianca Pietra Rosa LA PIETRA NATURALE facciavista: la base dell architettura

Dettagli

Serie LASER - Rivestimento

Serie LASER - Rivestimento SCHEDA TECNICA Serie LASER - Rivestimento 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice L Piastrelle ceramiche pressate a secco GRUPPO BIIIGL DIMENSIONI E PROPRIETA FISICHE PROPRIETA CHIMICHE

Dettagli

GRES FINE PORCELLANATO. 1. Caratteristiche tecniche

GRES FINE PORCELLANATO. 1. Caratteristiche tecniche GRES FINE PORCELLANATO Serie PANTHEON 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIa 1 DIMENSIONI E QUALITA

Dettagli

AZULEJ. textures colours sizes technical features packing

AZULEJ. textures colours sizes technical features packing AZULEJ textures colours sizes technical features packing Azulej è una collezione completa che può essere impiegata per la creazione di ambienti molto decorati, ma anche minimal. E composta da tre colori

Dettagli

COTTO CASTELLO PAVIMENTAZIONI COTTO CASTELLO

COTTO CASTELLO PAVIMENTAZIONI COTTO CASTELLO COTTO CASTELLO PAVIMENTAZIONI COTTO CASTELLO Cotto Castello. Una solida scelta. PER LE PRESTAZIONI PER L ESTETICA PER LA QUALITÀ PER LE GARANZIE PER LA VERSATILITÀ PER LA SEMPLICITÀ DI POSA Eccezionale

Dettagli

Linea guida ANDIL all applicazione del CPR n. 305/11

Linea guida ANDIL all applicazione del CPR n. 305/11 Linea guida ANDIL all applicazione del CPR n. 305/11 Implementazione per i prodotti in laterizio soggetti a marcatura CE delle disposizioni del REGOLAMENTO (UE) N. 305/2011 per la commercializzazione dei

Dettagli

Le norme EN ISO sulle piastrelle ceramiche - I metodi di prova. Le norme EN ISO sulle piastrelle ceramiche - I requisiti.

Le norme EN ISO sulle piastrelle ceramiche - I metodi di prova. Le norme EN ISO sulle piastrelle ceramiche - I requisiti. A P P E N D I C I 1 2 3 4 5 6 Le norme EN ISO sulle piastrelle ceramiche - I metodi di prova Le norme EN ISO sulle piastrelle ceramiche - I requisiti Il Marchio UNI Le classi di scelta Il Centro Ceramico

Dettagli

Manuale di pulizia / 03.13

Manuale di pulizia / 03.13 Manuale di pulizia / 03.13 MANUALE DI MANUTENZIONE E PULIZIA LAMINAM ON TOP Il prodotto LAMINAM ON TOP è costituito da un sandwich di lastre piene in materiale ceramico, ottenuto mediante la sovrapposizione

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

ISOLEX 300 LBD ISOLEX 300 LBB ISOLEX 300 LMF

ISOLEX 300 LBD ISOLEX 300 LBB ISOLEX 300 LMF ISOLEX 300 LBD Lastra tipo ISOLEX 300 LBD in polistirene estruso con pelle superficiale liscia delle dimensioni mm 1250x600 con bordo a spigolo vivo, realizzata da azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO PROT. N. 10181 13.06.2006 CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

SAVERFLEX V55 SAVERFLEX V55. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1.

SAVERFLEX V55 SAVERFLEX V55. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1. Adesivo in polvere a legante misto idoneo per la sovrapposizione. Conforme alla EN 12004 classificazione C2TE S1. Prodotto destinato agli specialisti del settore. Caratteristiche SAVERFLEX V 55 è un collante

Dettagli

TENDE ALLA VENEZIANA 15-25. Istruzioni d uso e manutenzione. UTE 7.3IS34 rev.2

TENDE ALLA VENEZIANA 15-25. Istruzioni d uso e manutenzione. UTE 7.3IS34 rev.2 TENDE ALLA VENEZIANA 15-25 Istruzioni d uso e manutenzione UTE 7.3IS34 rev.2 INFORMAZIONI GENERALI E DI SICUREZZA In questo manuale sono elencate le istruzioni per una corretta installazione, utilizzazione

Dettagli

P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE

P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE ASSISTE I CLIENTI IN TUTTO IL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DEL PRODOTTO DA COSTRUZIONE. Marcatura CE dei prodotti da costruzione: piccoli manufatti in calcestruzzo Mandato

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento.

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento. CONGLOMERATI CEMENTIZI CONGLOMERATI CEMENTIZI INDURITI Prova di resistenza a compressione semplice - UNI EN 12390/3.03 - Prova di compressione su blocco forato di calcestruzzo - UNI 8942/3.86 - Prova di

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

Ci amano. Ci invidiano. Ci copiano. Ci scelgono. Dedicato a chi ha Carisma * Concept and design by

Ci amano. Ci invidiano. Ci copiano. Ci scelgono. Dedicato a chi ha Carisma * Concept and design by ITALIANO Ci conoscono Ci amano Ci invidiano Ci copiano Ci scelgono Dedicato a chi ha Carisma * Concept and design by *Dedicated to people with charisma Для людей с харизмой Dedicado a quienes tienen Carisma

Dettagli

D) MATERIALI DA COSTRUZIONE. D. i - USI COMUNI

D) MATERIALI DA COSTRUZIONE. D. i - USI COMUNI D) MATERIALI DA COSTRUZIONE D. i - USI COMUNI 1. - Imballaggio. - Il venditore è tenuto a provvedere, quando necessario, all'imballaggio a regola d'arte dei laterizi e degli altri materiali fragili allo

Dettagli

Pannelli Serie Woodline

Pannelli Serie Woodline Pannelli Serie Woodline Caratteristiche del pannello. Il pannello della Serie Woodline è stato studiato per l applicazione finale come pannello per rivestimento nelle porte blindate. L interno è costituito

Dettagli

La marcatura CE per le coperture in laterizio

La marcatura CE per le coperture in laterizio La marcatura CE per le coperture in laterizio Vengono presi in considerazione gli aspetti principali della normativa UNI EN 1304 in relazione a quanto previsto dalla marcatura CE dei prodotti in laterizio

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

COSTRUZIONI FISICA DELLE COSTRUZIONI

COSTRUZIONI FISICA DELLE COSTRUZIONI COSTRUZIONI FISICA DELLE COSTRUZIONI 1/6 FIREBOLT A2 mod. Standard varnished / galvanized / AISI 316 FIREBOLT A2 mod. STEALTH varnished / galvanized / AISI 316 FIREBOLT A varnished / galvanized / AISI

Dettagli

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades ISOLAMENTI ACUSTICI DEI SILENZIATORI ACUSTICI DI FACCIATA PER ENTRATA ED ESPULSIONE ARIA CERTIFICATI DAL CSI Modello: TUBO PIUMA 100 L = 300 mm L = 400 mm Dn,e,w = 41 db Dn,e,w = 47 db L Passaggio aria

Dettagli

Il valore della qualità

Il valore della qualità Forza. Azione.Passione. Il valore della qualità Listino calcestruzzo PER UNA SCELTA DI QUALITÀ La scelta dei materiali da costruzione deve essere effettuata in base alla qualità e alle caratteristiche

Dettagli

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII Norme EN Le piastrelle ceramiche sono lastre sottili di materiale ceramico, utilizzate per il rivestimento di pavimenti e pareti, allo scopo di conferire loro caratteristiche e prestazioni di tipo tecnico

Dettagli

Cotto Toscano Pavimentazioni in cotto. Prodotti

Cotto Toscano Pavimentazioni in cotto. Prodotti Cotto Toscano Pavimentazioni in cotto Prodotti Il mattone in cotto incontra le prestazioni Mattoni in terracotta, eredità della tradizione italiana, in una miscela naturale al 100% specifica per le pavimentazioni

Dettagli

L a mink e r. Made in Italy

L a mink e r. Made in Italy L K L a mink e r Made in Italy Items in Thickness 3+ TREDI OXIDE FILO(solo rivest./only wall) I MARMI 01 01 COLLECTION COLLECTION NATURALI NATURALI LINFA LINFA / SKETCH SKETCH BLEND BLEND Valore medio

Dettagli

Garanzia BETONELLA CONDIZIONI E SPECIFICHE TECNICHE DI FORNITURA: CONDIZIONI DI GARANZIA. l. FORNITURE:

Garanzia BETONELLA CONDIZIONI E SPECIFICHE TECNICHE DI FORNITURA: CONDIZIONI DI GARANZIA. l. FORNITURE: estratto da Listino Betonella 2010 BETONELLA l. FORNITURE: CONDIZIONI E SPECIFICHE TECNICHE DI FORNITURA: a) L'unità di fornitura minima è il pacco intero, o dove previsto, il 1/2 pacco, identificato secondo

Dettagli

RAPPORTO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICATION REPORT 0614\DC\REA\12_5

RAPPORTO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICATION REPORT 0614\DC\REA\12_5 RAPPORTO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICATION REPORT 014\DC\REA\12_5 Rapporto di classificazione di reazione al fuoco del prodotto : Reaction to fire classification report of product 4W Descrizione : Description

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

indus t rie pav i m e nti in l e g n o

indus t rie pav i m e nti in l e g n o indus t rie pav i m e nti in l e g n o wooden floor industries NERO CANGIANTE, raffinatezza spettacolare Un pavimento per chi vuole stupire: la luce lo illumina creando riflessi cangianti che animano queste

Dettagli

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO)

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO) FOOD PACKAGING MATERIALS MATERIALI 0077\FPM\MATs\14 07/02/2014 1 TEST SYSTEM SLIM/4+ ( MULTILAYER WITH FINISH OF CERAMIC PORCELAIN GRESS + FLEXIBLE FOAM FLESSIBILE BASED ON A CLOSED CELL POLYETHYLENE )

Dettagli

Le nuove metodologie di prova secondo la serie normativa UNI EN 772: confronti e prime applicazioni

Le nuove metodologie di prova secondo la serie normativa UNI EN 772: confronti e prime applicazioni Le nuove metodologie di prova secondo la serie normativa UNI EN 772: confronti e prime applicazioni M. Marsigli *, L. Agostini **, M. Labanti *** * CertiMaC, ** Agenzia Polo Ceramico, *** ENEA Faenza La

Dettagli

Nate dall ambiente, costruite nel rispetto dell ambiente.

Nate dall ambiente, costruite nel rispetto dell ambiente. Nate dall ambiente, costruite nel rispetto dell ambiente. Create con argilla pura, per una qualità senza confronti. Indice L azienda 4 Tegola Portoghese 6 Tegola Francigena 10 Tegola Marsigliese 16 Tegola

Dettagli

Fugabella Marmi CG2 STUCCATURA FUGHE E GIUNTI ELASTICI

Fugabella Marmi CG2 STUCCATURA FUGHE E GIUNTI ELASTICI STUCCATURA FUGHE E GIUNTI ELASTICI stucchi professionali a TECNOLOGIA WRT LINEA CERAMICA Fugabella Marmi Stucco professionale monocomponente a tecnologia WRT - Water Resistant Technology e finitura liscia

Dettagli

Programma Tetto. Coppi. Stabilimento di CASIER (TV)

Programma Tetto. Coppi. Stabilimento di CASIER (TV) Programma Tetto Coppi Stabilimento di CASIER (TV) anticati i colori e il fascino della tua terra Programma Tetto Coppo Mediterraneo pag. 4 Coppo Gallura pag. 6 Garanzia La casa costruttrice garantisce

Dettagli

Specifica Tecnica per la fornitura di ceppi in ghisa qualità P10

Specifica Tecnica per la fornitura di ceppi in ghisa qualità P10 Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Esp. n 375620 00 Pagina 1 di 14 per la fornitura di ceppi in ghisa qualità Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di

Dettagli

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura Levostab 99 stabilizzante naturale per la realizzazione di: piste ciclabili, viabilità rurale, viabilità in zone di vincolo Funzione Levostab 99 è un prodotto ecocompatibile, stabilizzante e consolidante,

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 120212-R-4013

RAPPORTO DI PROVA 120212-R-4013 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Consumo teorico e confezione

Consumo teorico e confezione THOROSEAL FX122 Malta cementizia di granulometria fine, polimero-modificata, bicomponente, per la realizzazione di rivestimenti impermeabilizzanti flessibili e continui su strutture e manufatti in calcestruzzo

Dettagli

ADESIT SF. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione. Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm.

ADESIT SF. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione. Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm. STUCCATURA DELLE FUGHE E SIGILLATURE ELASTICHE Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere a base

Dettagli

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE PERCHÉ UTILIZZARE IL MATERIALE DI RICICLO? Perché è buono : ha caratteristiche prestazionali paragonabili a quelle degli agli

Dettagli

I documenti del Consorzio Alveolater. La Marcatura CE: informazioni e chiarimenti

I documenti del Consorzio Alveolater. La Marcatura CE: informazioni e chiarimenti I documenti del Consorzio Alveolater 2 La Marcatura CE: informazioni e chiarimenti LA MARCATURA CE Premessa Per i laterizi per murature (Uni EN 771-1) sono previsti due sistemi di controllo: Sistema di

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

Prove comparative tra prodotti con vernice UV e prodotti con vernice a polvere standard

Prove comparative tra prodotti con vernice UV e prodotti con vernice a polvere standard Prove comparative tra prodotti con vernice UV e prodotti con vernice a polvere standard SOMMARIO 1 SCOPO... 3 2 PROVE ESEGUITE... 3 2.1 PROVE MECCANICHE... 3 2.1.1 PROVE ANTIGRAFFITI... 3 2.1.2 PROVE SOLVENTI...

Dettagli

Per ogni Produttore e Stabilimento di produzione dell acciaio viene fornita copia dell ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE del Servizio Tecnico Centrale

Per ogni Produttore e Stabilimento di produzione dell acciaio viene fornita copia dell ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE del Servizio Tecnico Centrale INTESTAZIONE CERTIFICATI INTESTAZIONE FATTURA LUOGO RITIRO CAMPIONI (se richiesto) Al Laboratorio SGM Ingegneria Sperimentale... lì... RICHIESTA ESECUZIONE PROVE DI LABORATORIO (D.M. 14/01/08) DESCRIZIONE

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CONDUCIBILITA TERMICA (NORMA UNI EN 1745) DI VERNICI TERMICHE DELLA DITTA ATRIA S. r. l. Sperimentazione eseguita LUOGO E DATA DI EMISSIONE:

Dettagli

Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D

Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D Gattocel Italia S.p.A. www.gattocel.com Total Quality Management ISO 9001 ISO 14001 IL PROBLEMA Per

Dettagli

star Antighiaccio - Antifrost PATENT PENDING

star Antighiaccio - Antifrost PATENT PENDING Antighiaccio - Antifrost il rubinetto d erogazione a sfera ha riscosso un successo a livello internazionale grazie agli indubbi vantaggi tecnici qualitativi proposti rispetto ai modelli tradizionali. Successo

Dettagli

Interazioni dei campi magnetici variabili con soluzioni elettrolitiche.

Interazioni dei campi magnetici variabili con soluzioni elettrolitiche. Interazioni dei campi magnetici variabili con soluzioni elettrolitiche. SCHEMA DI FUNZIONAMENTO Il rotore costituito da cilindro metallico del diametro di 3,5 cm e lunghezza di 3,2 cm, è posto in rotazione

Dettagli

M/S AMARU' GIOVANNI VIA S. ERASMO snc 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY

M/S AMARU' GIOVANNI VIA S. ERASMO snc 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY M/S 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 49/2012 in accordo con la norma UNI EN 14688 TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 49/2012 In compliance

Dettagli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli GALVANICA CEDRATESE Fondata nel 1952 con un organizzazione a carattere artigianale, la Galvanica Cedratese opera nel settore meccanico dei trattamenti superficiali dei metalli da oltre 60 anni. Oggi un

Dettagli

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI INDICE 1. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 2 2. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI NUOVI... 3 2.1. CALCESTRUZZO... 3 2.1.1. Calcestruzzo per opere di fondazione... 5 2.1.2. Calcestruzzo per opere in elevazione...

Dettagli

O P T I O N A L COPERTURA INOX PAVIMENTO STAINLESS STEEL FLOOR COVERING

O P T I O N A L COPERTURA INOX PAVIMENTO STAINLESS STEEL FLOOR COVERING COPERTURA INOX PAVIMENTO La nuova copertura a pavimento in acciaio inox AISI 304 crata da PML nasce dall esigenza di avere un prodotto molto resistente, con una presenza estetica impeccabile e flessibilità

Dettagli

CP2 - Cutis Protector

CP2 - Cutis Protector - Cutis Protector Il prodotto * è un rasante organico minerale impermeabile elastico, traspirante, bicomponente, a base cementizia, di colore grigio. 1305-CPR-0933 * A base di copolimero Plastivo RASANTI

Dettagli

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 INDICE GENERALE: 1. Introduzione pag. 3 2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 3. Stratigrafia del divisorio di copertura e caratteristiche tecniche dei prodotti pag. 5 4. Calcolo della trasmittanza

Dettagli

MANUFATTI IN CALCESTRUZZO CON TAPPETINI SOTTO TRAVERSA (USP) SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 5 III PARTE III...

MANUFATTI IN CALCESTRUZZO CON TAPPETINI SOTTO TRAVERSA (USP) SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 5 III PARTE III... 2 di 20 INDICE I PARTE I... 3 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 3 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 4 II PARTE II... 5 II.1 INTRODUZIONE... 5 II.2 GENERALITÀ... 5

Dettagli

SMART PIU' -28/112 9 greche POLYPIU'-PLAST S.R.L. VIA DELLE INDUSTRIE, 4 21040 GORNATE OLONA (VA)

SMART PIU' -28/112 9 greche POLYPIU'-PLAST S.R.L. VIA DELLE INDUSTRIE, 4 21040 GORNATE OLONA (VA) COSTRUZIONI FISICA DELLE COSTRUZIONI 1/7 SMART PIU' -28/112 9 greche POLYPIU'-PLAST S.R.L. VIA DELLE INDUSTRIE, 4 21040 GORNATE OLONA (VA) Urto con corpo molle secondo p.to 5.4.4.2 EN 14963:2006 Impact

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

Costruzioni Constructions. Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010

Costruzioni Constructions. Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010 Costruzioni Constructions Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010 1 VAWA panel partition + plasterboard lining Veneziani Acell S.r.l. Via delle Groane 126 I-20024 Garbagnate Milanese (MI) UNI EN ISO

Dettagli

Un classico... ad alto spessore

Un classico... ad alto spessore Un classico... ad alto spessore 1 SISTEMA MODULARE A FORTE IMPATTO ESTETICO VIA MILANO è un sistema modulare ad alto spessore dalla superficie particolarmente estetica che ricorda gli antichi lastricati

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI Per disporre di dati reali che consentono di classificare le proprietà di vari materiali, occorre eseguire sui materiali delle prove specifiche in laboratori molto attrezzati.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DUREZZA

CLASSIFICAZIONE DUREZZA PROVE DI DUREZZA ING. FABBRETTI FLORIANO 1 INDICE CLASSIFICAZIONE DUREZZA TIPOLOGIE DUREZZE DUREZZA BRINELL DUREZZA VICKERS DUREZZA ROCKWELL MICRODUREZZA VICKERS MICRODUREZZA KNOOP ING. FABBRETTI FLORIANO

Dettagli

DURABILITÀ DELLE STRUTTURE - IL COPRIFERRO -

DURABILITÀ DELLE STRUTTURE - IL COPRIFERRO - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA DURABILITÀ DELLE STRUTTURE - IL COPRIFERRO - Prof. Ing. Luigi Coppola EUROCODICE 2 SEZIONE 4 DURABILITÁ E COPRIFERRO COPRIFERRO DISTANZA TRA LA SUPERFICIE

Dettagli

BetonTherm. Sistemi di isolamento a cappotto termico corazzato LISTINO PREZZI CAPPOTTI TERMICI BETONTHERM 2016

BetonTherm. Sistemi di isolamento a cappotto termico corazzato LISTINO PREZZI CAPPOTTI TERMICI BETONTHERM 2016 LISTINO PREZZI CAPPOTTI TERMICI BETONTHERM 2016 BetonTherm Sistemi di isolamento a cappotto termico corazzato Sistemi costruttivi a secco per la bioedilizia LEGENDA Cappotti termici corazzati BetonTherm

Dettagli

UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998

UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998 COSTRUZIONI FISICA TECNICA/ACUSTICA 1/6 ECOstrong Slalom Via Ernesto Rossi, 69 20862 Arcore (MB) UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998 Slalom Capo Laboratorio Laboratory Head 2/6 DATI GENERALI /

Dettagli

DUROMETRI E DUREZZE (MICRO E MACRO) PENDOLO CHARPY PER RESILIENZA ALTRE PROVE (FATICA, TRIBOLOGIA, ELETTROPULITURA)

DUROMETRI E DUREZZE (MICRO E MACRO) PENDOLO CHARPY PER RESILIENZA ALTRE PROVE (FATICA, TRIBOLOGIA, ELETTROPULITURA) TUTORATO ING. FABBRETTI FLORIANO 1 COSA VEDIAMO OGGI MACCHINA PER TRAZIONE DUROMETRI E DUREZZE (MICRO E MACRO) PENDOLO CHARPY PER RESILIENZA ALTRE PROVE (FATICA, TRIBOLOGIA, ELETTROPULITURA) ING. FABBRETTI

Dettagli

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia LA PRIMA TRASFORMAZIONE acciaio inossidabile acciaio al carbonio MINERALE COKERIA ROTTAMI FERROSI

Dettagli

TECNICHE E SOLUZIONI

TECNICHE E SOLUZIONI TECNICHE E SOLUZIONI Il problema dell umidità La presenza di umidità e il suo smaltimento da parte della muratura sono problematiche molto diffuse, riscontrabili sia sugli edifici storici che nelle nuove

Dettagli

3974 AQUAPUR PRIMER 2K BEIGE

3974 AQUAPUR PRIMER 2K BEIGE 394 AQUAPUR PRIMER 2K BEIGE NOME CONVERTER DESTINAZIONE Primer idoneo per applicazione su superfici in ghisa, acciaio, leghe leggere (alluminio) e superfici zincate adeguatamente preparate. Idoneo per

Dettagli

Fugabella Scuba CG2 STUCCATURA FUGHE E GIUNTI ELASTICI

Fugabella Scuba CG2 STUCCATURA FUGHE E GIUNTI ELASTICI STUCCATURA FUGHE E GIUNTI ELASTICI stucchi professionali a TECNOLOGIA WRT LINEA CERAMICA Fugabella Scuba Stucco professionale monocomponente a tecnologia WRT Water Resistant Technology e finitura liscia

Dettagli

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento 10 MODELLO DEPOSITATO FINITURE: - doppio strato quarzo OPUS rappresenta una concezione di pavimentazione esterna unica nel suo genere, in

Dettagli

Pali e paline in vetroresina. OEC Catalogo Prodotti

Pali e paline in vetroresina. OEC Catalogo Prodotti Pali per illuminazione Serie PLV/6-169 PALINA in VETRORESINA per ILLUMINAZIONE Articolo: Vedi Tabelle Caratteristiche tecniche: Resina poliestere rinforzata con fibra di vetro (Vetroresina) di qualsiasi

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione

Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione pagina 1/8 Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione 1. Basi Valgono le norme e le direttive elencate nell appendice 02 e quelle del contratto d appalto,

Dettagli

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA Descrizione prodotto L architrave prefabbricato tralicciato in laterocemento della serie AR, prodotto dalla LPM S.p.A., è un elemento strutturale

Dettagli

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1 Prove sperimentali sull efficacia di supporti in polipropilene per piastrelle Nella presente relazione tecnica si riportano

Dettagli

Gres Porcellanato - Porcelain Stoneware

Gres Porcellanato - Porcelain Stoneware Gres Porcellanato - Porcelain Stoneware 30x60,3 (12 x24 ) 30x30 (12 x12 ) 15x60,3 (6 x24 ) 15x30 (6 x12 ) Ivory cm 30x60,3 Rosé cm 30x60,3 Ivory cm 15x60,3 Rosé cm 15x60,3 Ivory cm 30x30 Rosé cm 30x30

Dettagli

Pino radiata Accoya Specifiche di classificazione del legname. Denominazioni e definizioni di qualità per il pino radiata Accoya Versione 8.

Pino radiata Accoya Specifiche di classificazione del legname. Denominazioni e definizioni di qualità per il pino radiata Accoya Versione 8. Pino radiata Accoya Specifiche di classificazione del legname Denominazioni e definizioni di qualità per il pino radiata Accoya Versione 8.2 Radiata Pino Accoya Classificazione del Legname Rough Surfaced

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

TARIFFARIO LABORATORIO PROVE MATERIALI. In vigore dal 01.01.2013

TARIFFARIO LABORATORIO PROVE MATERIALI. In vigore dal 01.01.2013 TARIFFARIO LABORATORIO PROVE MATERIALI (Autorizzazione Ministeriale ai sensi legge n. 1086/71) In vigore dal 01.01.2013 CSI S.p.A. - Viale Lombardia 20-20021 Bollate (MI) - Tel. +3902383301 - Fax +39023503940

Dettagli

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara CONVEGNO ROCCE E TERRE DA SCAVO E LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE SEDI E NEI CANTIERI

Dettagli

AQUASCUD System. AQUASCUD 400 e 420. Il prodotto. Dove si impiega

AQUASCUD System. AQUASCUD 400 e 420. Il prodotto. Dove si impiega System Il prodotto 400 e 420 è un sistema imper mea bile policomponente completo, brevettato, disponibile in due versioni con differenti caratteristiche tecniche. System è così composto: 400 o 420, impermeabiliz

Dettagli

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO I principali vantaggi tecnici: Resistenza all usura e all abrasione Eccellente resistenza alla lacerazione Elevata elasticità, elevato allungamento a rottura

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega Plastivo 250 Il prodotto è un rivestimento impermeabile ad elevata elasticità composto da inerti, leganti cementizi e polimeri acrilici che, dopo la miscelazione, consente la realizzazione di una guaina

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104-R-3926

RAPPORTO DI PROVA 110104-R-3926 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Scheda tecnica Sto GK800 A+

Scheda tecnica Sto GK800 A+ Lastre isolanti preformate in polistirene espanso sinterizzato secondo EN 13163:2013 contenenti particelle di grafite. Prodotto a marchio CE. Identificazione tecnica X31 KTR. Caratteristiche Funzione è

Dettagli

PLASTOSTAR. Adesivi e fuganti cementizi per piastrelle. materiali protettivi milano

PLASTOSTAR. Adesivi e fuganti cementizi per piastrelle. materiali protettivi milano PLASTOSTAR Adesivi e fuganti cementizi per piastrelle. materiali protettivi milano PLASTOSTAR GLUEX Sacchi da 25 kg Colore: bianco o grigio PLASTOSTAR GLUEX è un collante in polvere ad alte prestazioni,

Dettagli

FITZBIKE INDOOR CYCLING

FITZBIKE INDOOR CYCLING FITZBIKE INDOOR CYCLING ENG FITZBIKE INDOOR CYCLING MILLIMETRIC REGULATIONS FOR SADDLE AND HANDLEBAR PRECISION = 16 MAGNETIC REGULATIONS QUALITY AND LONG TERM LIFETIME = SHIMANO SAINT HOLLOWTECH II CRANKSET

Dettagli

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 01/11/008 Golinelli Massarenti Morgagni Revisione 1 18/06/007 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 0 0/07/003 Emissione REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli