1) Mercato valutario e il cambio. MASTER IN COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO NELLE AREE RURALI APPUNTI DELLE LEZIONI DI ECONOMIA INTERNAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Mercato valutario e il cambio. MASTER IN COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO NELLE AREE RURALI APPUNTI DELLE LEZIONI DI ECONOMIA INTERNAZIONALE"

Transcript

1 1) Mercato valutario e il cambio. MASTER IN COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO NELLE AREE RURALI APPUNTI DELLE LEZIONI DI ECONOMIA INTERNAZIONALE SECONDA PARTE DOTT.SSA ELENA PISANI 1

2 Cos'è il tasso di cambio? Oggigiorno il commercio internazionale non avviene sotto forma di baratto (merce contro merce), ma come scambio di merce contro valuta. Oltre al commercio internazionale vi sono operazioni di carattere puramente finanziario che coinvolgono valute diverse. Il tasso di cambio è il prezzo di un valuta nei termini di un'altra. Vi sono due sistemi per quotare una valuta nei termini di un'altra: - incerto per certo (Price Quotation System): numero di unità di valuta nazionale per una unità di valuta estera considerata. Per cui il tasso di cambio sarà il prezzo della valuta estera in termini di valuta nazionale. Esempio: 2000 lire per 1 US$ 0.8 euro per 1 US$ - certo per incerto (Volume Quotation System): numero delle unità di valuta estera considerata per una unità di valuta nazionale per cui il tasso di cambio sarà il prezzo della valuta nazionale in termini di valuta estera. Esempio: dollari per 1 lira 1.25 dollari per 1 euro Logicamente i due sistemi sono in rapporto di reciprocità. Il Price Quotation System è adottato dall'italia e dalla maggior parte dei Paesi Il Volume Quotation System è adottato dall'inghilterra e da alcuni paesi che furono colonie britanniche od un tempo legate all'area della sterlina. Cos'è il mercato valutario? L'insieme delle operazioni di compravendita delle valute straniere prende il nome di mercato valutario (detto anche mercato valutario, dei cambi, delle divise). 2

3 Valute: sono le banconote Divise: sono i titoli di credito (es. assegni e cambiali) Cosa determina il tasso di cambio? Per ogni valuta vi è una domanda ed una offerta che determinano (se il mercato è perfettamente libero, vale a dire senza il controllo della autorità monetaria) il tasso di cambio. La domanda e l'offerta di valuta estera sono in funzione del tasso di cambio. La domanda è in funzione inversa del cambio: la quantità domandata diminuisce all'aumentare del cambio L'offerta è in funzione diretta del cambio: la quantità offerta aumenta all'aumentare del cambio. Se la quantità domandata di una valuta straniera è superiore alla quantità offerta, allora il cambio tende a salire. Se la quantità offerta di valuta straniera è superiore alla quantità domandata allora il cambio tende a scendere Prezzo della valuta Offerta di valuta competizione tra chi offre pe competizione tra chi acquista Domanda di valuta Quantità di valuta 3

4 Chi offre o domanda valute o divise? Gli operatori sui mercati dei cambi, che sono: NON SPECULATORI od operatori con l'estero. es. importatori ed esportatori di merci e servizi, imprese che effettuano investimenti all'estero, risparmiatori che intendono acquistare o vendere titoli esteri SPECULATORI: In generale la speculazione può essere definita come l'acquisto (vendita) di un'attività (reale o finanziaria) con l'intenzione di procedere ad una successiva vendita (acquisto) ove il motivo principale di tale azione è l'aspettativa di un guadagno derivante da una variazione del prezzo e non il guadagno derivante dall'uso o trasformazione o spostamento tra mercati diversi di tale attività. Gli speculatori sui cambi, traggono guadagno dalle oscillazioni dei tassi di cambio. AUTORITÀ MONETARIE: si definiscono autorità monetarie questi enti a cui è demandata la gestione delle riserve internazionali del paese in esame. Le autorità monetarie possono intervenire sia acquistando o vendendo valuta estera, sia con disposizioni amministrative varie. Le regole e le modalità di intervento sono diverse a seconda del regime di cambi adottato. La speculazione riveste un importanza considerevole nel mercato valutario mondiale. Si è conteggiato che a fine anni '90, della cifra che veniva trattata quotidianamente nel mercato mondiale dei cambi (circa mille miliardi di US$) - il 5 % riguarda il commercio con l'estero - il 15% gli investimenti - l'80% i movimenti speculativi. (Fonte: Poma 2000) speculazione stabilizzatrice o elemento di rischio? Nota: L'Ufficio Italiano Cambi che fino al 1990 esercitava un controllo vincolistico sul mercato valutario italiano, svolge ora funzioni di: - rilevazione statistica, attraverso il sistema bancario, di tutti i movimenti valutari; - e fornisce informazioni alla Banca d'italia in modo da limitare la speculazione sul mercato. 4

5 INTERVENTO DELLE AUTORITA' MONETARIE SUL MERCATO DEI CAMBI Al fine di arginare la speculazione sulle valute, le autorità monetarie di un paese intervengono sul mercato valutario in modo che il tasso di cambio della propria valuta sia quanto più possibile vicino al tasso di equilibrio (tra domanda e offerta di valuta estera). Se il tasso di cambio aumenta allora le autorità monetarie vendono valuta straniera attingendo dalle riserve. effetto il tasso di cambio diminuisce. Cambio euro contro dollaro Es. da 1 euro a 1,3 per 1 US$, euro perde di valore, Per fare riacquistare il valore rispetto al dollaro, si mette a disposizione del mercato una maggiore quantità di dollari (contemporaneamente si raccolgono euro dal mercato), per cui l'euro aumenta il proprio valore rispetto al dollaro. Le autorità hanno difeso il cambio. Se il tasso di cambio diminuisce allora le autorità monetarie acquistano valuta straniera (e questo aumenta le riserve valutarie del paese). effetto il tasso di cambio aumenta. -0- Se nonostante l'intervento delle autorità monetarie il tasso di cambio tende a muoversi ripetutamente verso la stessa direzione, ciò significa che lo squilibrio non è più temporaneo ma stabile, pertanto si richiede una revisione del tasso di cambio. Se il nuovo livello del tasso di cambio è superiore a quello precedente (si chiede più moneta nazionale in cambio della stessa quantità di moneta estera) allora si ha un deprezzamento della moneta nazionale rispetto a quella estera. Se il nuovo livello è inferiore a quello precedente (si chiede meno moneta nazionale in cambio della stessa quantità di moneta estera) allora si ha un apprezzamento del tasso di cambio. 5

6 Attenzione alla terminologia!!!! In regime di cambi fissi Svalutazione: intervento dell'autorità monetaria che modifica il tasso di cambio nel senso che è necessaria una maggiore quantità di valuta nazionale per avere una stessa quantità di valuta estera: Es. t0 cambio 1 euro per 1 $ t1 il cambio è 1.2 euro per 1 $ Rivalutazione: L'opposto Es. t0 cambio 1 euro per 1$ e t1 il cambio è 0.8 euro per 1 $ In regime di cambi flessibili o fluttuanti Deprezzamento: il tasso di cambio aumenta (più valuta nazionale per una stessa unità di valuta estera) Apprezzamento: il tasso di cambio diminuisce (meno valuta nazionale per una stessa unità di valuta estera) Sono variazione spontanee del tasso di cambio per effetto della domanda e dell'offerta di valuta estera. La rappresentazione può essere la seguente: Tassi di cambi fissi Tasso di cambio svalutazione t1 t2 tempo 6

7 Tasso di cambio rivalutazione t1 t2 tempo Tassi di cambio flessibili Tassi di cambio Deprezz. Apprezz. INFLAZIONE E SVALUTAZIONE IN REGIME DI CAMBI FISSI: tempo Se aumentano i prezzi in modo consistente e continuativo all'interno di un paese (spinta inflazionistica) si produrranno i seguenti effetti: I residenti trovano più conveniente acquistare i beni all'estero. Aumentano le importazioni (aumenta la domanda di valuta estera). Essendo le merci più care all'interno, diminuiscono le esportazioni. Il tasso di cambio tenderebbe a salire (è necessaria una maggiore quantità di valuta nazionale per avere una stessa quantità di valuta estera). Le autorità monetarie per difendere la parità venderanno le proprie riserve valutarie, fino a non intaccarle pesantemente. Se la pressione alla svalutazione continua, allora è più conveniente svalutare il tasso di cambio, riconoscendo il minor valore della propria moneta rispetto alle valute straniere. 7

8 IL SISTEMA MONETARIO INTERNAZIONALE Il sistema monetario internazionale è costituito dall'insieme degli accordi, degli strumenti e delle istituzioni che regolano il mercato dei cambi allo scopo di assicurarne la stabilità. VARI REGIMI DI CAMBI: - CAMBI RIGIDI O FISSI - CAMBI FLESSIBILI O FLUTTUANTI - REGIMI INTERMEDI (CAMBI A FLESSIBILITA' LIMITATA) CAMBI FISSI Vi sono per tale sistemi diverse ipotesi operative: gold standard puro o tallone aureo (sistema monetario internazionale sino al 1914); gold exchange standard (sistema monetario internazionale tra le due guerre mondiali); gold exchange standard zoppo (sistema monetario internazionale da Bretton Woods sino al 1971); pure exchange standard. Gold standard puro o tallone aureo Ogni moneta nazionale ha un contenuto aureo: in tal senso è irrilevante che l'oro circoli materialmente sotto forma di monete auree oppure che circolino biglietti convertibili in oro. Il tasso di cambio tra le due valute è automaticamente fissato dal rapporto fra il contenuto aureo delle valute stesse. 8

9 Oro Sterlina Marco Dollaro Franco Caratteristiche positive del gold standard: - Stabilità dei cambi che possono oscillare solo entro limiti molto ristretti detti punti dell'oro (che dipendono dalle spese di trasporto e di assicurazione dell'oro). - Esistenza di correttivi automatici che in caso di oscillazione dei cambi riportano il cambio a livello di equilibrio, vale a dire alla parità. Esempio: Marco tedesco con grammi di oro Franco francese con 0,010 grammi di oro. Il cambio sarà 0.030/0.010 = 3 franchi contro 1 marco Se il sistema stabilisce che il cambio è di 3.30 franchi contro 1 marco allora tutti avrebbero convenienza a: convertire i marchi in franchi; farsi dare oro dalla banca centrale francese; riportare l'oro in Germania e convertirlo in marchi, ottenendo il 10% in più dei marchi originariamente detenuti. Questo non potrebbe essere ammesso dalle autorità monetarie francesi che sarebbero costrette a fissare il tasso di cambio nuovamente a 3 franchi contro 1 marco. Caratteristica negativa: estrema rigidità del sistema che è per propria natura strettamente collegato all'oro e quindi alla disponibilità delle autorità monetarie di questo metallo prezioso: una valuta è tanto più forte quanto maggiori sono le riserve auree del paese. 9

10 Nel periodo fra le due guerre si diffonde il Gold Exchange Standard. Caratteristiche: 1) Il diritto di coniazione e di fusione dell'oro spetta esclusivamente alla banca centrale (e non ai privati). Il Diritto di coniazione e fusione si intende la possibilità dei soggetti di portare alla Zecca l'oro-merce e di chiederne la sua coniazione in moneta; come la possibilità di fondere le monete e trasformarle in oro-merce. 2) Molte monete non solo più convertibili in oro, ma possono essere convertite solo in divise estere di Paesi la cui moneta è convertibile in oro. Storicamente nel secolo scorso, durante gli anni '20, la sterlina ed il dollaro erano convertibili in oro (avendo fissato una parità con l'oro). In tal modo, dette valute erano diventati le principali valute di riserva delle banche centrali di tutti i paesi. Oro Sterlina Dollaro Marco Franco Per cui paesi come Germania o Francia era indifferente avere tra le proprie riserve in oro od valute di riserva, visto che queste ultime potevano agilmente essere trasformate in oro. Questo quindi permetteva di economizzare l'oro. Perché ci sia un vero gold exchange standard, la conversione deve essere libera e deve riguardare chiunque ne faccia richiesta. In questo caso si ha equivalenza con il gold standard in merito ai meccanismi automatici di autoregolazione del cambio. 10

11 Nel caso in cui questa libertà di conversione sia limitata alle sole banche centrali allora avremo il Gold Exchange Standard Zoppo in cui i meccanismi automatici di che governano il gold standard non funzionano più. In questo senso quando il cambio si discosta dalla parità con l'oro, la banca centrale deve intervenire nel mercato per difendere il cambio ufficiale della propria moneta, facendo ricorso alle proprie riserve valutarie. Se lo squilibrio permane allora è necessario svalutare la propria moneta. Quando questa libertà di conversione è negata anche alle banche centrali e queste hanno solo la libertà di scambiarsi le valute allora si arriva al Pure Exchange Standard. Tabella riassuntiva dei sistemi monetari a tassi fissi: 1) SISTEMI MONETARI Sistema monetario Sistema monetario Sistema a carta A TASSI FISSI metallico (oro) a cambio aureo (cartamoneta moneta inconvertibile convertibile in oro) Gold Standard Puro X (diritto di coniazione e fusione per tutti) Gold Exchange Standard X Gold Exchange Standard Zoppo X (convertibilità in oro delle valute di riserva solo per le banche centrali) Pure Exchange Standard X Nella tabella come si può osservare vi è un progressivo distacco della moneta dall'oro, questo perché: 1) lo sviluppo delle transazioni economiche e tale che lo stock esistente di oro è insufficiente a servire da base monetaria. 2) Inoltre trarrebbero vantaggio dall'ancoraggio all'oro solo i paesi che possiedono miniere del metallo prezioso a scapito di quelli che non ne hanno. Per cui è impossibile al momento attuale ritornare ad un sistema ancorato all'oro. 11

12 Nel sistema a carta moneta inconvertibile sono le autorità monetarie a stabilire la quantità di moneta in circolazione, sulla base delle esigenze dell'economia. I biglietti hanno quindi un corso legale e forzoso (la loro accettazione come mezzo di pagamento è obbligatoria all'interno dello Stato). 2) SISTEMI MONETARI A TASSI FISSI Meccanismi automatici di regolazione dei cambi* Intervento della banca centrale per la difesa della propria valuta Gold Standard Puro X Gold Exchange Standard X (se c'è piena libertà di conversione in oro delle valute di riserva da parte di chiunque) Gold Exchange Standard Zoppo X (la libertà di conversione in oro delle valute di riserva è limitata alle banche centrali) Pure Exchange Standard X (la libertà di conversione in oro delle valute di riserva è stata eliminata * quando i cambi oscillano e si discostano dalla parità. 12

13 CAMBI FLESSIBILI: Le autorità monetarie del paese non intervengono nella maniera più assoluta sul mercato dei cambi. Il tasso di cambio può fluttuare liberamente in funzione della domanda e dell'offerta di valuta estera, provenienti da tutti gli operatori del mercato valutario (speculatori, non speculatori, autorità monetarie) Tale sistema monetario può essere così rappresentato Domanda di valuta estera Mercato dei cambi Offerta di valuta estera Importatori Esportatori E' da sottolineare comunque che nessun Stato accetta la libera fluttuazione dei cambi, per evitare che il mercato interno sia eccessivamente influenzato dal sistema finanziario internazionale. Le autorità monetarie quindi intervengono sul mercato dei cambi allo scopo di evitare gli effetti negativi della speculazione sul mercato interno. Si parla allora di fluttuazione manovrata o amministrata. Domanda di valuta estera Mercato dei cambi Offerta di valuta estera Importatori Banca Centrale (controllo) Esportatori 13

14 Quali sono le grandezze che determinano il tasso di cambio flessibile (i fondamentali)? 1) Situazione della bilancia dei pagamenti. Deficit persistente della BOP determina un esborso di valuta, che indebolisce la moneta nazionale. 2) Il tasso d'inflazione. Se l'inflazione è alta nel paese rispetto agli altri, la sua moneta si indebolisce e quindi rischia il deprezzamento. 3) Il differenziale nei tassi di interesse. Gli investimenti sono attirati nei paesi che a parità di rischio, sono remunerati da un maggior tasso d'interesse. 4) L'aumento della produttività. Produttività crescente significa riduzione dei costi di produzione e quindi possibilità di produrre di più e quindi di esportare di più. 5) La sicurezza degli investimenti. Gli investimenti sono attirati nei paesi che hanno condizioni macroeconomiche sicure. 6) L'aspettativa di alti profitti. I capitali sono attirati da paesi in crescita. Questo si esplicita in aumento del reddito e dell'occupazione ed inflazione sotto controllo. 7) L'andamento ciclico dell'economia. Prodotto nazionale (PIL) Crisi Trend Espansione Depressione Ripresa Semionda Semionda Ciclo economico Tempo Altro aspetto importante nella determinazione del tasso di cambio sono le aspettative. 14

15 IL REGIME DI BRETTON WOODS - IL FONDO MOTERARIO INTERNAZIONALE Analisi economica storica: Anni '20: politiche di carattere protezionistico da parte di molti paesi. Crisi del '29: sottopone a dura prova il sistema economico e finanziario mondiale. Seconda guerra mondiale. L'idea che sta alla base degli accordi di Bretton Woods del 1944 (nome della località americana ove sono stati siglati) si può sostanziare nei seguenti punti: La pace tra le nazione oltre a fondarsi su categorie di carattere politico, si basa sulla cooperazione economica e finanziaria degli Stati; Nessun paese può realizzare autonomamente una stabilità monetaria durevole. E' necessaria la cooperazione tra gli Stati. Ogni paese in quanto membro della comunità internazionale deve accettare la limitazione della propria sovranità in materia di politica monetaria, aderendo ad accordi internazionali che tutelino la stabilità del sistema economico e finanziario internazionale. Cosa prevede a tale riguardo il sistema di Bretton Woods? Ogni paese che aderisce all'accordo deve: 1) Dichiarare una parità della propria valuta con l'oro. Il dollaro era all'epoca l'unica moneta convertibile in oro (al prezzo di 35 dollari per oncia di oro fino), pertanto dichiarando la parità con l'oro, ogni paese fissava un tasso di cambio fisso con il dollaro. Per cui per le banche centrali (uniche abilitate a chiedere la convertibilità in oro dei loro dollari) detenevano quali riserve valutarie: oro e dollari (che potevano essere convertiti in oro). Il dollaro diventa pertanto la base di riferimento per tutte le transazioni a livello internazionale. 2) I paesi aderenti si impegnavano a mantenere fissa la parità con oscillazioni massime del tasso di cambio del ±1% rispetto alla parità (moneta nazionale contro oro e quindi contro dollari). 3) Nel caso di squilibri fondamentali del tasso di cambio si poteva procedere come segue: a) se la variazione del tasso di cambio era inferiore al 10% allora il paese poteva modificare la parità a propria discrezionalità; 15

16 b) se la variazione del tasso di cambio era superiore al 10% allora il paese doveva chiedere l'autorizzazione preventiva del Fondo Monetario Internazionale. 4) I Paesi fecero scarso uso della possibilità di convertire i dollari delle loro riserve valutarie in oro, per cui il sistema divenne di fatto un Dollar Standard più che un gold exchange standard zoppo. Qual è l'aspetto positivo di questo meccanismo? Lo squilibrio delle bilance dei pagamenti si poteva correggere con un meccanismo di pagamenti multilaterale e non tramite l'uso di politiche restrittive. A questo fine si crearono due organismi: Fondo Monetario Internazionale (entrato in funzione o Washington nel 1946) Banca Internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (Banca Mondiale) Per difendere il tasso di cambio rispetto al dollaro, ogni Paese doveva intervenire sul mercato con l'acquisto o la vendita di valuta estera per impedire che il cambio varcasse i limiti prefissati. Vende dollari (attingendo alle proprie riserve valutare) se il tasso di cambio del dollaro rispetto alla valuta nazionale è aumentato; Acquista dollari se il tasso di cambio del dollaro rispetto alla valuta nazionale è diminuito. Ma se il paese esauriva le proprie riserve valutarie, come si doveva comportare? Il Fondo Monetario Internazionale metteva a disposizione del Paese che si trovava in momentanea difficoltà le proprie riserve. Come? Ogni paese si impegnava a versare al Fondo Monetario Internazionale dei contributi proporzionali alla sua quota di commercio estero rispetto al commercio mondiale. Queste quote dovevano essere versate in parte in oro in parte in moneta nazionale. In questo modo si costituiva un fondo, al quale i paesi aderenti potevano attingere in prestito per far fronte a squilibri temporanei della propria bilancia dei pagamenti. 16

17 Il prestito allo Stato doveva avvenire rispettando determinate condizioni. Il paese inoltre si impegnava a sottoscrivere una lettera d'intenti con cui si impegnava nei confronti del Fondo Monetario a riequilibrare i propri conti con l'estero, indicando le principali misure di politica economica da adottare per risolvere i propri problemi economici sia interni che internazionali. A questa lettera d'intenti facevano poi seguito le visite degli esperti del Fondo che davano consigli su come migliorare i rapporti valutari con l'estero. -O- In quel momento storico (anni '50) gli Stati Uniti erano la maggiore economia a livello mondiale e detenevano la maggior parte delle riserve auree (circa il 70%) a livello mondiale (a Fort Knox). Se si fosse sempre garantita la convertibilità del dollaro in oro, gli USA non avrebbero tratto un vantaggio da questo sistema (il dollaro diventava un semplice strumento, ma il riferimento principale era sempre l'oro). Se invece la Banca Centrale statunitense (la Federal Reserve) avesse stampato dollari senza un corrispondete aumento delle riserve valutarie, allora il sistema sarebbe entrato in crisi. -0- Le facilitazioni di credito previste dal FMI erano i diritti di prelievo. A tal riguardo si distinguevano: - Diritti normali di prelievo (DRAWING RIGHTS). Sono accordi bilaterali tra FMI e banca centrale del paese di riferimento con cui la Banca centrale ottiene dollari cedendo moneta nazionale, e impegnandosi a riacquistarla entro un certo termine ad un tasso di cambio ed ad un interesse stabiliti. - Diritti speciali di prelievo (SPECIAL DRAWING RIGHTS). Tali diritti sono stati istituiti dopo la Conferenza di Rio de Janeiro del FMI del 1968, per far fronte a problemi di liquidità internazionale. Per liquidità internazionale si intende il complesso dei mezzi messi a disposizione dalle autorità monetarie per far fronte a deficit della BOP e per intervenire sul mercato dei cambi. I paesi che hanno avanzi della BOP versano al FMI una parte delle loro riserve valutarie, che possono essere date in prestito ai paesi che sono in momentanea difficoltà. 17

18 IL GRUPPO BANCA MONDIALE Gli accordi di Bretton Woods prevedevano oltre alla costituzione del Fondo Monetario Internazionale anche l'istituzione di un istituto di credito che si affiancasse all'attività del FMI. Lo scopo di questo istituto di credito era quello di concedere prestiti a lungo termine alle economie sottosviluppate. La Banca Mondiale, tali istituzione, è attualmente costituita da: - Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (IBRD) che dà prestiti a Paesi (Governi) a medio reddito e a paesi poveri, ma solvibili. - Associazione Internazionale dello Sviluppo (IDA) che da prestito ai paesi più poveri, senza gravarli degli interessi. I capitali sono raccolti in un fondo all'uopo costituito dai paesi ricchi. - International Finance Corporation (IFC) sostiene la crescita dei PVS con finanziamenti a favore delle imprese private situate nelle aree meno sviluppate dei paesi membri e nei settori maggiormente a rischio. - Agenzia Multilaterale di Garanzia (MIGA) garantisce i rischi non commerciali degli investitori nei PVS e svolge attività di consulenza a favore dei governi per attirare gli investimenti. - Centro internazionale per la soluzione delle controversie sugli investimenti (ICSID). Il compito di questa agenzia è quello di risolvere le dispute che possono insorgere tra investitori stranieri e nazioni che ospitano gli investimenti. WORLD BANK GROUP 1) Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (IBRD) 2) Associazione Internazionale dello Sviluppo (IDA) 3) International Finance Corporation (IFC) 4) Agenzia Multilaterale di Garanzia (MIGA) 5) Centro internazionale per la soluzione delle controversie sugli investimenti (ICSID). 18

19 Banca Mondiale: Costituita nel 1944 Paesi membri: 184 Cumulative Lending: 383 miliardi di US$ Fiscal 2003 Lending: 11.2 miliardi di US$ Obiettivo: ridurre la povertà nel paesi Middle Income e nei paesi poveri che siano considerati solvibili. La Banca mondiale non mira a massimizzare il profitto, ma ha sempre avuto un utile di esercizio sin dal I suoi profitti vengono destinati per finanziare numerose iniziative di sviluppo. Il potere di voto degli aderenti a Banca Mondiale dipende dalle quote sottoscritte, e quindi dipende dalla forza economica della nazione. International Development Association Costituita nel 1960 Membri: 164 Cumulative Lending: US$ 142 milirdi Fiscal 2003 lending: US$ 7.3 miliardi per 141 nuove operazione in 55 nazioni. Ogni anno vengono dati 7 miliardi di US$ a tasso zero alle 81 nazioni più povere del mondo (dove vivono 2.5 miliardi di persone). In queste nazioni il reddito procapite annuo è di 500 dollari, e molte persone sopravvivono con molto meno. IDA aiuta a dare accesso a migliori servizi di base (come istruzione, salute, accesso all'acqua potabile ed ai servizi sanitari di base) e sostiene le riforme e gli investimenti che mirano ad incrementare la produttività e a creare nuovi posti di lavoro. International Finance Corporation Costituita nel 1956 Stati membri: 175 Sviluppo economico attraverso il settore privato. Dà investimenti in quei paesi ed in quei settori non serviti dal settore privato in quanto considerato troppo rischioso. The Multilateral Investment Guarantee Agency Cositutia nel

20 Membri: 163 Garantisce gli investitori stranieri per i rischi di tipo non commerciali: esproprio inconvertibilità della valuta locale difficoltà legati a guerre ICSID The International Centre for Settlement of Investment Disputes Costituita nel 1966 Membri: 139 Arbitrati internazionali su contriversie relative ad investimenti all'estero. IL PROBLEMA DEGLI EURODOLLARI E DEI PETRODOLLARI: FINE DEL SISTEMA DI BRETTON WOODS Fine della seconda guerra mondiale: i. USA con la maggior parte delle riserve auree mondiali. ii. Deficit della BOP dei paesi europei (importazioni molto superiori alle esportazioni la capacità produttiva dell'europa era stata notevolmente ridimensionata dalla guerra). iii. Il piano Marshall consente di riequilibrare la BOP dei Paesi europei. Anni '60: Riprendono le esportazioni europee e giapponesi, nel contempo si riducono le esportazioni statunitensi. Esodo dei dollari dagli USA per: 1) Il costo della guerra in Vietnam. 2) Il mantenimento delle forze armate USA nei paesi europei (funzionale alla guerra fredda). 3) Le imprese multinazionali che investono ingenti quantità di dollari in diversi paesi contribuiscono ad aumentare la quantità di dollari che circolano fuori dal mercato statunitense. Tutto questo comporta un deficit della BOP degli USA. Gli USA sono in debito con il resto del mondo. Tale deficit della BOP fu finanziato: i. Inviando oro ai paesi creditori, tanto che le riserve auree degli USA scesero da 25 miliardi di dollari nel 1949 a 15 miliardi nel

21 ii. Emettendo divise americane a breve scadenza. Questo secondo aspetto è stato critico in quanto si pregiudicava a monte la capacità degli USA di convertire in oro i dollari detenuti dalle banche centrali degli altri paesi. Si sviluppa pertanto il mercato dell'eurodollaro costituito dai dollari posseduti dai privati e dalle banche (escluse le banche centrali) residenti al di fuori degli Stati Uniti e specialmente in Europa. A questi si aggiungono i petrodollari, vale a dire i dollari depositati presso le banche dei paesi produttori di petrolio (OPEC). Sia gli eurodollari che i petrodollari contribuiscono a destabilizzare il cambio, in quanto sono sottratti al controllo della banca centrale americana. Tutto questo comporta la crisi del sistema di Bretton Woods, per l'impossibilità degli USA di soddisfare le potenziali richieste di conversione dei dollari in oro. Nel 1971 circolavano all'estero 53,3 miliardi di dollari, mentre le riserve auree degli USA ammontavano a meno di 10 miliardi CRISI DI FIDUCIA Il 15 agosto 1971 il presidente Nixon è costretto a dichiarare l'inconvertibilità del dollaro in oro e il sistema monetario mondiale si trasforma in un sistema a cambi fluttuanti. 21

22 ALTRE INFORMAZIONI SU BANCA MONDIALE E FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE: Tali istituzioni appartengono al sistema delle Nazioni Unite, ma hanno una totale indipendenza rispetto all'assemblea Generale. Banca Mondiale: E' costituita da cinque istituzioni strettamente collegate l'una all'altra di proprietà degli Stati membri. Il World Bank Group è l'insieme delle cinque istituzioni, mentre il termine World Bank è comunemente utilizzato per riferirsi a due delle cinque: IBRD e IDA. La Banca Mondiale non è una banca come comunemente si intende. E' una delle agenzie specializzate delle Nazioni Unite e rappresenta 184 Stati aderenti al sistema delle Nazioni Unite. Queste nazioni sono congiuntamente responsabili per il finanziamento dell'istituzione e per l'utilizzazione dei finanziamenti. La Banca Mondiale (IBRD e IDA) danno: prestiti a basso tasso di interesse; crediti ad interesse zero; agevolazioni e sovvenzioni alle nazioni in via di sviluppo, in particolare difficoltà. In questa istituzione lavorano professionisti dello sviluppo di tutto il mondo o nel quartiere centrale di Washington o nelle 109 sedi nel mondo (country office). Le Nazioni definite Low Income Countries generalmente non possono prendere a prestito i capitali nel mercato monetario internazionale, se non a elevati tassi d'interesse. I capitali presi a prestito da World Bank invece hanno tassi d'interesse inferiori a quelli di mercato e possono essere restituiti in anni, con un periodo di grazia di 10 anni. I crediti a interesse zero e le sovvenzioni (grants) vengono elargite dall'ida. A tale riguardo le 40 nazioni tra le più ricche del mondo hanno costituito un fondo che viene reintegrato ogni quattro anni. Il fondo è stato recentemente ricostituito nel 2002, con 9 Miliardi di US$ derivanti dai contributi delle nazioni, ed altri 6,6 miliardi di US$ da fonti interne della Banca. 22

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE Milano, 12 maggio 2009 Paolo Daperno Direttore Sistemi Informativi e Organizzazione Processi illycaffè illy nel mondo la nostra offerta la mission la

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna Traduzione 1 Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna 0.108 Conclusa il 18 dicembre 1979 Approvata dall Assemblea federale il 4 ottobre 1996 2 Ratificata

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013)

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013) Traduzione 1 Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche 0.191.01 Conchiusa a Vienna il 18 aprile 1961 Approvata dall Assemblea federale il 21 giugno 1963 2 Istrumento di ratificazione depositato

Dettagli

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale Traduzione 1 Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale 0.104 Conclusa a New York il 21 dicembre 1965 Approvata dall Assemblea federale il 9 marzo 1993 2 Istrumento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

IMPORTO DA INVIARE TARIFFE

IMPORTO DA INVIARE TARIFFE WESTERN UNION DOCUMENTO DI SINTESI 1 Servizio Money Transfer Western Union Payment Services Ireland Limited Unit 9, Richview Office Park, Clonskeagh, Dublino 14, Irlanda. 2 CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Traduzione 1 Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti 0.105 Conclusa a Nuova York il 10 dicembre 1984 Approvata dall Assemblea federale il 6 ottobre 1986

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IL CIBO OGGI NEL MONDO

IL CIBO OGGI NEL MONDO IL CIBO OGGI NEL MONDO 1 Di quanto aumenterà il cibo nei prossimi anni? Secondo la Fao e l Ocse, nel prossimo decennio 2011-2020 i prezzi dei cereali potrebbero stabilizzarsi a un 20% in più rispetto ad

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Trattato di non proliferazione nucleare

Trattato di non proliferazione nucleare Traduzione Trattato di non proliferazione nucleare Conchiuso a Londra, Mosca e Washington il 1 luglio 1968 Gli Stati firmatari di questo Trattato, d ora in poi chiamati «Parti» del Trattato, considerando

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

STUDIES 2015 KITCHEN BATHROOM APPLIANCES

STUDIES 2015 KITCHEN BATHROOM APPLIANCES STUDIES 2015 KITCHEN BATHROOM APPLIANCES CSIL, CENTRE FOR INDUSTRIAL STUDIES CHI SIAMO Fondato a Milano nel 1980, CSIL, Centro Studi Industria Leggera è un istituto di ricerca indipendente, specializzato

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 Index: ACT 50/001/2014 Amnesty International - marzo 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 LA PENA DI MORTE NEL 2013... 6 DATI GLOBALI... 8 PANORAMICHE REGIONALI... 11 AMERICHE...

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI.

ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI. ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI. ALTRI LO DIVENTANO CON SACRIFICIO, IMPEGNO, CORAGGIO E DETERMINAZIONE. ALTRI, ANCORA, LA GRANDEZZA L HANNO NEL PROPRIO DNA. BUSINESS INTELLIGENCE GROUP LA NOSTRA PIATTAFORMA

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Scommettere sull Africa emergente

Scommettere sull Africa emergente Giovanni Carbone, Gian Paolo Calchi Novati, Gianpaolo Bruno, Marta Montanini Scommettere sull Africa emergente Opportunità e scenari della presenza italiana nell Africa Subsahariana Scommettere sull Africa

Dettagli

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles OLIVIERI Azienda dinamica giovane, orientata al design metropolitano, da più di 80 anni produce mobili per la zona giorno e notte con cura artigianale. Da sempre i progetti Olivieri nascono dalla volontà

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI CERTIFICATI ESTERI E TABELLA DELLE PROCEDURE PER IL LORO RICONOSCIMENTO AI FINI DELLA RICHIESTA DI CITTADINANZA ITALIANA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI CERTIFICATI ESTERI E TABELLA DELLE PROCEDURE PER IL LORO RICONOSCIMENTO AI FINI DELLA RICHIESTA DI CITTADINANZA ITALIANA GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEI ESTERI E TABELLA DELLE PROCEDURE PER IL LORO RICONOSCIMENTO AI FINI DELLA RICHIESTA DI CITTADINANZA ITALIANA (rel. 26.03.2015) Tutti i certificati (a eccezione delle attestazioni

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

PROTEZIONE DEI RIFUGIATI: Guida al diritto internazionale del rifugiato

PROTEZIONE DEI RIFUGIATI: Guida al diritto internazionale del rifugiato PROTEZIONE DEI RIFUGIATI: Guida al diritto internazionale del rifugiato Ogni individuo ha il diritto di cercare e godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni. Dichiarazione universale dei diritti dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

IL TUO PAESE CHIAMA E NAVIGA CON

IL TUO PAESE CHIAMA E NAVIGA CON CHIAMA E NAVIGA CON IL TUO PAESE Con la nuova TIM INTERNATIONAL FULL chiami il tuo Paese da 1cent/min, parli e navighi in Italia Internet da casa e fuori con le offerte per navigare da smartphone o ADSL

Dettagli

ED 100 ED 250. Nuovi azionamenti per porte a battente modulari.

ED 100 ED 250. Nuovi azionamenti per porte a battente modulari. MODULAR ED 100 ED 250 Nuovi azionamenti per porte a battente modulari. MODULAR Per un ingresso barrier-free. ED 100 & ED 250 configurazioni su misura per tutte le soluzioni. Per un funzionamento rapido.

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria n. 100 - settembre 2014 a cura dell'ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) TRA EUROPA E ASIA: STRUTTURE DI GOVERNANCE

Dettagli

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo Schroder International Selection Fund Prospetto informativo (Società di investimento a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese) Febbraio 2015 Italia Schroder International Selection Fund

Dettagli

Empowerment di genere nei Paesi in via di Sviluppo

Empowerment di genere nei Paesi in via di Sviluppo Empowerment di genere nei Paesi in via di Sviluppo di Luisa Zappella 1. Introduzione La situazione complessiva delle donne nei paesi in via di sviluppo è ancora e in alcuni casi drasticamente, una condizione

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia

Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia L Italia entra nel settore della cooperazione allo sviluppo fondamentalmente per due fattori: le pressioni internazionali e i legami coloniali. L

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

La Banca nazionale in breve

La Banca nazionale in breve La Banca nazionale in breve La Banca nazionale in breve Indice 2 La Banca nazionale in breve Introduzione 5 1 Il mandato della Banca nazionale 6 2 La strategia di politica monetaria 9 3 L attuazione della

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli