Global Investors ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 30 ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 70. RELAZIONE DEi CONSIGLIERI DI GEST/ONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allianz@ Global Investors ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 30 ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 70. RELAZIONE DEi CONSIGLIERI DI GEST/ONE"

Transcript

1 Global Investors ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 30 ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 70 RELAZIONE DEi CONSIGLIERI DI GEST/ONE CONSIDERAZIONI GENERALI

2 FONDI ALLIANZ GLOBAL STRATEGY Relazione dei Consiglieri di Gestione - Considerazioni Generali L 'andamento de/ mercato II primo trimestre del 2014 e stato guastato da una crescente incertezza riguardo alla solidita della ripresa del mondo sviluppato - guidata dagli USA - e dall'inasprimento del rischio geopolitico nei mercati emergenti. Considerati gli elevati livelli di giacenze costituiti negli USA nell'ultimo trimestre del 2013, la crescita nei primi tre mesi dell'anno e stata flebile. Ad aggravare la situazione sono state le condizioni climatiche non appropriate alla stagione in alcune regioni degli USA a gennaio e febbraio, che hanno causato un'alterazione dei dati economici. Le azioni dei mercati sviluppati hanno mostrato un'apprezzabile tenuta rispetto alla crisi nei mercati emergenti, molto probabilmente a causa dei tassi d'interesse reali minimi o negativi e del persistente eccesso di liquidita nel sistema. L'economia globale ha proseguito la sua avanzata nel secondo trimestre. Se i principali mercati emergenti hanno mostrato un ritmo di ripresa relativamente fiacco, gli USA hanno archiviato un solido rialzo, recuperando ii terreno perso durante l'inverno. In particolare, in segno positivo si sono mossi ii mercato immobiliare e quello del lavoro. In Europa, gli stimoli alla crescita sono rimasti deboli in gran parte dei paesi. Solo nel Regno Unito e in Germania l'attivita economica ha registrato un'ottima accelerazione. II Giappone si trova in un'impasse economica generalizzata. I mercati finanziari globali hanno evidenziato un miglioramento tangibile nel secondo trimestre. Gli indici piu ampi, come lo Standard & Poor's 500 negli USA e ii DAX in Germania, hanno toccato per breve tempo nuovi record storici. II sentiment degli investitori e stato sostenuto dalle maggiori banche centrali, che hanno alimentato le aspettative riguardo al mantenimento di politiche monetarie accomodanti. I dati economici sono stati controversi, ma nel complesso l'immagine mostra una ripresa costante negli USA e una buona resilienza in molti paesi europei. A maggio, l'esito delle elezioni europee e in Ucraina ha concesso una tregua a livello politico. I mercati obbligazionari hanno sovraperformato. Le preoccupazioni riguardo all'incremento dei tassi d'interesse negli USA sono svanite di nuovo. La Banca Centrale Europea e intervenuta con un altro taglio ai tassi di riferimento, annunciando ulteriori programmi di sostegno monetario per la zona euro. Di conseguenza, i rendimenti dei titoli di Stato sono tornati a scendere. La domanda nel segmento a spread e passata dalle obbligazioni societarie a quelle dei mercati emergenti. II terzo trimestre e stato caratterizzato da sviluppi macroeconomici divergenti a livello regionale: se gli USA hanno riferito un rapido declino della disoccupazione e dati macroeconomici positivi, la congiuntura e gli indicatori di sorpresa sull'altra sponda dell'atlantico hanno continuato a peggiorare. Nel secondo trimestre, la crescita si e confermata debole non solo in Italia e Francia, ma per la prima volta anche in Germania. In questo contesto, ii Presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha annunciato un piano d'acquisto di titoli garantiti da attivita (ABS) e covered bond a partire da ottobre, nel tentativo di migliorare le condizioni di prestito. In ribasso si sono mossi anche gli indicatori economici in Giappone, dove urge un nuovo ciclo di "Quantitative Easing". Questi sviluppi hanno influenzato anche le oscillazioni dei prezzi degli asset: nel complesso, i mercati azionari sono migliorati rispetto al trimestre precedente, pur in presenza di differenze regionali sostanziali: gli USA e i paesi emergenti dell'asia hanno sovraperformato (in euro), mentre gran parte dei mercati azionari europei ha subito una flessione. Questa sottoperformance relativa e ascrivibile all'escalation della crisi in Ucraina. Nel quarto trimestre, l'andamento delle quotazioni azionarie negli Stati Uniti e in Europa e stato piuttosto contrastante: i prezzi sono calati sensibilmente fino a meta ottobre, con ii sentiment degli investitori penalizzato dalla revisione al ribasso delle previsioni di crescita globale del Fondo Monetario lnternazionale e dai dati economici deludenti in Europa, USA e Asia. Oltre a questi esiti di mercato sfavorevoli, anche l'economia tedesca ha iniziato a mostrare evidenti segni di cedimento, lasciando di stucco molti operatori di mercato. Ciononostante, verso la fine di ottobre, i prezzi azionari si sono eccezionalmente ripresi, sulla scorta dei risultati brillanti negli USA e di una stagione degli utili apertasi su una nota abbastanza positiva. lnoltre, la Bank of Japan ha ulteriormente allentato la politica monetaria e gli operatori di mercato sono convinti che anche le altre principali banche centrali confermeranno ii proprio sostegno. In virtu di dati economici prevalentemente positivi, l'indice del mercato statunitense S&P 500 ha compiuto ulteriori progressi, toccando un nuovo record storico. I mercati obbligazionari hanno registrato performance per lo piu favorevoli: i rendimenti sui titoli sovrani europei hanno continuato a calare, accompagnati dall'aumento delle quotazioni dei titoli di debito gia in circolazione. Questa situazione e attribuibile principalmente alle 2

3 RENDICONTO AL 30 OICEMBRE FONOI ALLIANZ GLOBAi. STRATEGY dichiarazioni del Presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, che si e detto preoccupato per ii costante declino delle prospettive d'inflazione e ha ribadito che la stessa utilizzera tutti gli strumenti a disposizione nell'ambito del proprio mandato per assicurare la stabilita dei prezzi a medio termine. Queste affermazioni sono state interpretate dai mercati come ii segnale di un possibile ulteriore allentamento della politica monetaria tramite l'acquisto di titoli ("Quantitative Easing"). La politica di gestione Nel 2014, la politica d'investimento ha modificato attivamente la struttura e l'esposizione dei portafogli a diversi fattori di rischio, riflettendo i fondamentali e gli indicatori di ripresa. L'esposizione azionaria e stata ridotta notevolmente a gennaio, durante la correzione che ha interessato i mercati emergenti, per poi essere ripristinata ai livelli precedenti nelle settimane successive. Per ii resto del primo semestre, l'esposizione alle azioni si e mantenuta prossima alla quota massima consentita dalle linee guida dei fondi. A fine giugno, i fondi hanno beneficiato di un livello estremamente basso di volatilita implicita, acquistando posizioni di copertura, espresse come opzioni su indici azionari, al fine di limitare l'impatto di possibili correzioni repentine del mercato. Solo a fine maggio, i fondi hanno acquisito la restante esposizione alle azioni dei mercati emergenti, incrementata ulteriormente a giugno sulla scorta delle interessanti valutazioni rispetto ai mercati sviluppati. Nel secondo semestre, i fondi hanno confermato un'elevata allocazione alle azioni, con un forte orientamento regionale verso gli USA. A dicembre, i fondi hanno introdotto un'esposizione alle azioni giapponesi, a discapito dei mercati emergenti, in virtu del forte sostegno otferto dalla Bank of Japan in termini di politica monetaria. L'esposizione azionaria ha registrato notevoli oscillazioni durante la correzione di mercato di ottobre e dicembre. L'esito e stato un effetto positivo sulle opzioni, rettificate rispetto ai prezzi di mercato sottostanti, e la riduzione del rischio nei portafogli durante le fasi di ribasso, a fronte di un incremento durante i periodi di ripresa. L'investimento nei mercati azionari e stato implementato tramite futures, opzioni e azioni globali. Durante l'intero anno, ii rischio di tasso d'interesse dei fondi e stato gestito con molta cautela, mantenendo una duration breve alla luce dei livelli gia minimi dei tassi d'interesse in Europa e di un possibile cambiamento nella politica monetaria degli USA, a favore di un atteggiamento piu restrittivo. Nel 2014, i fondi hanno privilegiato i mercati periferici rispetto all'europa core, orientando quindi l'allocazione in duration per lo piu verso Spagna, Italia e lrlanda. Questa scelta e ascrivibile soprattutto al miglioramento delle prospettive economiche di questi paesi. Si ritiene che lo sviluppo sia sostenibile, grazie alla ripresa delle condizioni di mercato generali e alla capacita di alcuni paesi di cogliere nell'immediato i vantaggi dei loro programmi di riforma. lnoltre, sussiste la convinzione che l'economia tedesca goda di ottima salute e offra condizioni di finanziamento alquanto favorevoli. I fondi hanno rivolto l'attenzione anche verso obbligazioni societarie e covered bond, a discapito dei titoli di Stato. Cio e da ricondursi al fatto che, da una prospettiva fondamentale, ii livello di rendimenti dei titoli di Stato core appare molto basso, mentre altri emittenti e tipi di obbligazioni continuano a offrire un carry interessante, in un contesto di tassi di crescita globali contenuti ma in rialzo. A maggio e giugno, i fondi hanno aggiunto in portafoglio una posizione in obbligazioni dei mercati emergenti, in parte ceduta a dicembre tramite un fondo target dedicato. Operativita in strumenti derivati I fondi hanno fatto spesso ricorso agli strumenti derivati sia a scopo di copertura che per fini speculativi. Nella fattispecie, i contratti negoziati piu di frequente sono stati i derivati sugli indici S&P 500, Eurostoxx50 e MSCI Emerging Markets. 3

4 Global Investors ALLIANZ GLOBAL STRATEGY15 RENDICONTO AL 30 DICEMBRE 2014

5 FONDO: A LLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 Relazione dei Consiglieri di Gestione La politica di gestione La politica di gestione, precedentemente dettagliata nelle Considerazioni Generali comuni ai tre fondi denominati Allianz Global Strategy, con riferimento alla componente azionaria di Allianz Global Strategy 15 puo essere sintetizzata dai seguenti principali indicatori: Media Minima Massi ma %Azioni % America % Europa % Pacifico % Emergenti La politica di gestione della componente obbligazionaria di Allianz Global Strategy 15 puo essere sintetizzata dai seguenti principali indicatori: Media Minima Massi ma Durata media finanziaria 1,9 1,4 2, 1 % Titoli di State 50,8 48,2 52,5 % Altri titoli di debito 22,4 20,4 25,9 Andamento def patrimonio L'andamento del patrimonio del fondo nell'anno puo essere cosl sintetizzato: lnizio periodo Fine periodo Raccolta netta Performance Nel corso del 2014 ii rendimento per i Sottoscrittori del fondo Allianz Global Strategy 15 e stato pari a +2,32%. Gestione dei rischi La Societa ha sia un dipartimento dedicate di Performance e Portfolio Risk, responsabile di fornire costante trasparenza sui principali fattori di generazione di performance, le fonti di alpha e la struttura multi dimensionale del portafoglio, sia un dipartimento dedicate ed indipendente di Enterprise Risk Management, responsabile tra l'altro del controllo indipendente dei rischi di portafoglio attraverso limiti definiti (sia normativi che interni), tra cui rischio di liquidita, rischio di mercato, rischio di controparte e rischio di valutazione. 2

6 FoNoo: A LLIANZ G LOBAL STRATEGY 15 R ENDICONTO AL 30 DICEMBRE 2014 Fatti di rilievo intervenuti durante l'esercizio Per ulteriori dettagli in merito alle modifiche regolamentari, si rinvia a quanto riportato nella Relazione dei Consiglieri di Gestione - Considerazioni Generali e Criteri di Valutazione. Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell'esercizio Nessun evento di particolare rilievo si e manifestato successivamente al 30 dicembre 2014 e la politica di investimento del fondo non e sostanzialmente mutata. Per ulteriori dettagli si rinvia alla Relazione dei Consiglieri di Gestione - Considerazioni Generali e Criteri di Valutazione. Operativita in titoli def Gruppo Alla data del rendiconto erano presenti nel portafoglio del fondo i valori mobiliari emessi da Societa appartenenti al Gruppo della Societa di Gestione indicati nella seguente tabella: Codice ISIN Descrizione Quantita Controvalore EURO DE Allianz SE LU Allianz Convertible Bond IT 1.662, LU Allianz Merger Arbitrage Strategy I 1.567, LU Allianz Emerging Markets Short Duration Defensive Bond - I (H2 - euro)

7 f ONDO: ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 R ENDICONTO AL 30 DICEMBRE 2014 Situazione Patrimoniale al 30 dicembre 2014 ATIIVITA A. S1RUMEN1l FlNANZIARI QUO'D\11 A I. Titoli di debito A l.l titoli di &ato A l.2 altri A2. Titoli di capitale A3. Part i di 0.1.C.R. Situaziooe a l Situazion e a lin e esercizio prec.edente Va lore ln Va lore In complessivo percentuale complessim percentu ale del totale del totale attivitii attivita ,72% ,60% 260. I % % % % % % ,68% ,85% % % B. S1RUMENIT FlNANZIARI NON QUO'D\'ll Bl. Titoli di &:bito B2. Titoli di capitale B3. Parti di 0.1.C.R c. S1RUMFNII flnanzlari DERJV A 11 Cl. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2. Opzioni. premi o a Itri strurncnt i finanziari &:rivat i qtk>tat i C3. Opzioni, prcrni o a Itri strurnent i finanziari chi vat i non qtk>tat i ,14% ,33 % % % % D. DWOSfD BANC ARI DI. A vista D2. Altri E PRON1l CON'IRO TERMINEATIJVI EOPmAZIONI ASSIMilAlE F. POSIZIONENEfD\ OI LIQUIDITh Fl. Liquidita disponibile F2. Liquidita da riccvere per operazioni da regolare F3. Liquiditil irnpegnata per operazioni da regolare G. AL 1REA TIJVltl G I. Ratei att ivi G2. Risparrnio di imposta Gl. Altre 10TAJ ATJlVl'D\' ,33% ,28% 4.20U % % % % I,81 % ,79% ,38% % % % ,02% % ,00% ,00%,'(/J ( 4

8 FONDO : A LLIANZ G LOBAL STRATEGY 15 RENDICONTO AL 30 D ICEMBRE 2014 Situazione Patrimoniale al 30 dicembre 2014 PASSIVITA E NETTO Situazione a l Situazione a fine esercizio precedente Valore complessivo Valore complessivo H. FlNANZIAMFNTI RICEVUTI I. PRO N11 CON1RO lerminepassivi EO PERAZIONl ASSrMILA'JE L. S1RUMFNTI FlNANZIARI DERIVATI LI. L2. Opzioni. premi o altri strumcnti fin anziari derivati quo tati O pzioni. premi o altri strumenti fin anziari deri vati non quotati M. DEBl11 VERSO I PAR'JECIPANTI MI. Rimborsi richiest i e non regolat i M2. Proventi da distribuire M3. A Itri N. AL1REPASSIVITA' N I. N2. N3. Provvigioni ed oneri mat urat i e non liquidati Debit i di impost a Alt re TOTALEPASSJVITA' VALORECOMPLESSIVO NEITO DFLFONDO Numero delle quote in circolazion e Valore unitario dell e quote , ,870 5,866 5,733 MOVIMENTI DFLLEQU01ENFLL'ESERCIZIO Quote e messe Quote r imborsate I ,324 5

9 FONOO: ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 Sezione Reddituale al 30 dicembre 2014 A. SlRUMFNII ANANZIARI QUOTA n Rendiconto al Rendiconto esercizio precedente Al. PROVEl'ITI DA INVESrlMEl'ITI Al.I lnteressi e altri pro vent i su t itoli di debito Al.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale Al.3 Proventi su parti di 0.1.CR A2. ljfllejperdita DA REALIZZI A2. I Titoli di debito A2.2 Titoli di capitale A2.3 Part i di 0.1.CR A.1. PLUSVALENZE/MINUSVALENZE A3. l Titoli di debito A3.2 Titoli di capitale AJ.3 Parti di 0.1.CR A4. RJSULTATODELLEOPERAZJONI DI (X)PERT URA DI SfRUMEl'ITI ANANZIARI Risultato gestione strumenti linanziari quotati B. S1RUMl'Nll ANANZIARI NON QUOTA"D Bl. PROVEl'ITI DA INVESrlMEl'ITI Bl.I lnteressi e ahri proventi su titoli di debito Bl.2 Dividendi e ahri proventi su titoli di capitale Provent i su part i di 0.1.C. R. 82. ljfllejperdit A DA REALIZZI I Titoli di debito 82.2 Titoli di capitale Pani di 0.1.C.R. 83. PLUSVALENZE/Ml NUSVALENZE I Titoli di debito 83.2 Titoli di capitale Parti di 0.1.C.R. B4 RJSULTATO DELLE OPERAZJONl DI mpertura DI SfRUMEl'ITI FlNANZIARl NON -... _ - Risultato gestione strumenti finanziari non quotati c RISULTAID DEllEOPERAZIONI IN SlRUMFNII FlNANZIARI DFRIV An NON DI COPffinJRA Cl. RISULTATI REALIZZATI Cl. I &i st rtn11enti quotaii Cl.2 &! sirumenti non cµ:>iati C2. RISULTATI NON REALIZZATI C2. I &i strumenti quotat i C2.2 &i strtn11enti non quotati,, ;JI/.f.'i7~ -<Ii~- 6 I

10 FONDO : A LLIANZ G LOBAL STRATEGY 15 RENDICONTO Al 30 DICEMBRE 2014 Sezione Reddituale al 30 dicembre 2014 D. DEPOSm BANCARI Rendiconto al Rendiconto esercizio precedente DI. INfERESSI ATTIVI E PRO\IENfI A'*i!MlLATI E. RlSUL'll\10 DFUA GfS'IIO NECAMBI El. OPERAZIONI DI COPERTURA El. I Risultat i realizzati El.2 RiStdtati non realizzati E2. OPERAZIONl NON DI COPERTURA E2.J Risultati realizzati E2.2 Risultat i non realizzat i E3. LIQUIDITA' E3. J Risult at i realizzm i E3.2 RiStdt at i non realizzat i F. AL'IREOPERAZIO NI DI GfS'IIO NE Fl. PRO\IENfl DELLE OPERAZIONI DI PRONfl CONfROTERMINE E A'*i!MILATE F2. PRO\IENfI DELLE OPERAZIONl DI PRESTITO TITOLI Risultato lordo delta gestione di portafoglio G ONERl FlNANZIARI GI. INfERESSI PA'*i!VJ SU FlNANZIAMENfl G2. ALTRI ONER! FlNANZIARI Risultato netto della gestione di portaf'oglio H. ONERI DJ GfS'IIONE HI. PROYVlOONE DI CESflONEs::R H2. COMMI~ONJ BANCA DEPOSIT ARlA H3. ~Effi PUBBLICAZIONE PRO~ETTI E INFORMATIYA AL PUBBLICO H4. ALTRl ONERI DI CESflONE I. AL1RI RICA VI ID ONERI I 1. INfERESSI ATTIVI SU Dl~ON I BILITA ' LIQUIDE 12. ALTRI RICAVJ n. ALTRJ ONERJ Ris ultato della gestione prima delle imposte :n I L. IMPOS1E LI. IMPOSf A ~Sf ltlit I YA A CARICO L2. Rl~ARMIODI IMPOSfA L3. AL TRE IMPOSfE Utiie/perdita dell'esercizio /\ 7.29]Jf ~JbPL " 7

11 FONOO: ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 REN DICONTO AL 30 DICEM BRE 2014 NOTA INTEGRATIVA INDICE DELLA NOTA INTEGRATIVA PARTE A - ANDAMENTO DEL VALORE DELLA QUOTA PARTE B - LE ATTIVITA', LE PASSIVITA' E IL VALORE COMPLESSIVO NETTO Sezione I Sezione II Sezione Ill Sezione IV Sezione V Criteri di valutazione Le attivita Le passivita II valore complessivo netto Altri dati patrimoniali PARTE C - IL RISULTATO ECONOMICO DELL'ESERCIZIO Sezione I Sezione II Sezione Ill Sezione IV Sezione V Sezione VI Strumenti finanziari quotati e non quotati e relative operazioni di copertura Depositi bancari Altre operazioni di gestione e oneri finanziari Oneri di gestione Altri ricavi ed oneri lmposte PARTE D - AL TRE INFORMAZIONI 8

12 FONDO: ALLIANZ G LOBAL STRATEGY 15 RENDICONTO AL 30 D ICEMBRE 2014 Parte A - Andamento del valore della quota 1) Si riporta di seguito l'andamento grafico del valore di quota del fondo nel , , , i"-~....._~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ 99, , Fondo - Benchmark 2) Si riporta di seguito ii rendimento annuo del Fonda nel corso degli ultimi dieci anni. Rendimenti a nnui del fondo e de l benchmark 8,00% 6,00% 4,00% 2.00% 0.00% -2.00% -4.00% -6.00% -8,00%.,, 0 ~ l;g i:a Fondo La performance del Fonda e del benchmark, ove presente, sono al netto della tassazione fino al 30/06/2011 e al lordo della tassazione a partire dal 1 luglio I dati di rendimento del Fonda non includono i costi di sottoscrizione (ne gli eventuali costi di rimborso) a carico dell'investitore e dal 1 luglio 2011 la tassazione ea carico dell'investitore. 9

13 FONDO: ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 3) La tabella riportata di seguito riepiloga, per gli ultimi tre esercizi, i dati relativi al valore della quota, con l'indicazione dei valori minimi e massimi raggiunti e l'andamento dell'indice benchmark di riferimento. Rendiconto al Rendiconto al Rendiconto al D escriz ione V alore quota all'inizio dell'esercizio , V al ore quot a all a fine dell'eserciz io , Performance nett a dell'esercizio 2,32% 1,76% 7.62% Performance netta de! benchmark (*) (*) (*) Valore massimo della quota 5, ,638 Valore minimo della quota ,568 5,234 ( ) Non viene rappresentato ii rendimento del benchmark di riferimento in quanto ii fondo appartiene alla categoria dei fondi flessibili. Per quanto concerne i principali eventi che hanno influito sull'andamento del valore della quota si rimanda a quanto illustrate nella Relazione dei Consiglieri di Gestione con riferimento ai paragrafi "L'andamento del mercato" e "La politica di gestione". 4) II Fondo non presenta la suddivisione in classi di quote. 5) Nel corso del periodo non e stato riscontrato alcun errore nel calcolo del valore della quota del Fondo. 6) Non e rappresentata la volatilita della differenza di rendimento del Fondo rispetto al benchmark di riferimento negli ultimi tre anni poiche ii fondo non ha un benchmark di riferimento. 7) Le quote del Fondo non sono trattate su mercati regolamentati. 8) II Fondo non prevede la distribuzione di proventi. 9) Nel corso del 2014 tutti i principali indicatori di rischio (di liquidita, di mercato, rischio controparte, rischio esposizione su particolari paesi) sono stati monitorati su base regolare ed i risultati analizzati e discussi internamente. Non sono emerse criticita relativamente al fondo in oggetto. La volatilita del fondo, misurata in termini di deviazione standard dei rendimenti settimanali, nel corso del 2014 e risultata pari a 2,30% 10

14 FONDO: ALLIANZ G LOBAL STRATEGY 15 Parte B - Le attivita, le passivita ed ii valore complessivo netto Sezione I - Criteri di valutazione Per quanto riguarda i criteri di valutazione del fondo, si fa riferimento a quanta esposto nei Principi Contabili. Sezione II - Le attivita a) Aree Geografiche. La ripartizione degli strumenti finanziari per aree geografiche e la percentuale di essi sul valore del portafoglio e la seguente: Aree Geografic h e Con tro, a lo r e % s ul P o rtafog lio - P aesi U.E I.23 % - S1a 1i U n ici % - N o rvegia % - Giappone % - Canada % - Bermu dc , 19 % - Svizzera % - lsole Cayman % - A u s cra lia I 2 I % - lsole de l Can ale % 0.00% Tota l e ,00 % b) Settori economici di impiego delle risorse del fondo. La ripartizione degli strumenti finanziari per settori di attivita economica e la percentuale di essi sul valore del portafoglio e la seguente: S cllori d i a tti vita Titoli di capita l e Titoli di dcbito P a rti d i 0. I.C.R. A limen cari - A gricolo 0.34% I,40% A ssicu ra civo 0.82 % B ancario 1,26% 13,80% Canario - Ed ic oriale 0,31 % 0.25 % C em en 1 ifcro 0.07 % 0.77 % Ch im ico 2,21 % 1.61% Com m e rc io 0.47% 2.26% Comu n icaz ion i 1. 13% 1.93% E lee cro n ico 1. 72% 2.64% Finan z iario 0.22% 2.81 % 3.21 % I m mobi lia re - Ed ilizio 0. 12% M cccan ico - A u1ornobilis 1ico 0.76% 1.40% M in erale - M e ca llurgico 0.05 % 0.34% Tess ilc 0.19% % D ivers i 1.38% 3.0 I % TO TALE 1 1,05 % 3 2,73 % 3,2 1 % c) Non vi sono altri elementi rilevanti per illustrare gli investimenti del fondo. 11

15 fonoo: A LLIANZ GLOBAL S TRATEGY 15 El enco ana r 1t1co d n r ES IT IT ESOOOOO I 23J2 ESOOOOO 120J8 IT ES IT0004 I IT IT B E BE00003 I 22 I 6 ESOOOOOIBQ7 ESOOOOO 120G4 IT00049 I 7792 B E I 88 EUOOOA IGOA K5 EUOOOA IGOBB2 XS IEOOBI IYFJ 18 x $ E504 I FROO I PTOTELOEOOIO DEOOOAIEWEB2 PTOTF.60E0006 PTOTEPOE0016 IT IEOOB28HXX02 BE I 0 x $ x $ XS X LU LU07067 I 6544 x S ES IEOOB8DLLB38 DEOOODHY2618 FROO I IE FROO I x x LU I FROO x x X e1 I 0 I In po cod IS IN ao Q IO rt t r Titolo SPA IN /17 BTPS 4.75'k BTP 3.5'k 01/11117 SPA IN /10116 SPA IN ITALY BTP SPANISH GOVT 2.1% 17 ITALYBUON IP04% 17 ITALY BTP BTPS 2.75% O L BELGIUM KIN 4% SPAN ISH 4.5% SPAIN /01116 BTPS 2.25% 15/05116 O L / 17 EFS F 2% 15/ EFSF 0.875% 16/04/18 KOMMUNALKRED BNYM EM MK DBT LC CARREFOUR 1.875% 17 BANKINTER 2.75% 16 CIF EUROMO PORTUGAL KFW /15 PORTUGAL4.2 10/16 PORTUGAL 6.4'k 02/16 ITALY /08/18 IR ELA D BELFIUS 1.25'.k- 11/17 KBCIFIMA 4.503/17 INTESA 5ANP 5% 02/17 NORDEA BANK ELECT DE FR 5'.l> 2018 AGIF EM SD D BO AGIF CONY BO IT EUR AKTIA RE 3.125% SANTANDER '.\.875~16 IRELAND 5.5% 10/ 17 DEUTSHE HYPO A PRR 5.125% 18/01/18 TREASURY SAGES5 2.75% 01/17 BANQUE PSA 4.25'k 16 SNS BANK 3.625% 17 A LUA NZ GLB I VCLI BPCE SFH 2.75'k ROYAL BK SCOT4'k 16 T ER RA BOLIGK LUXOTTICA 4'k Va lore com plessivo % s ul totale Atthita % 'k l 7'k 'k J'k % 'k % % % % % % , 17% % % % % % I% 'k 'k % % 'k 'k 'l l'k % % % 'K 2.:no % % ,72 % % % % ,66% % % % % % % % I % 'k % 'l: T O TALE Altri Titoli ,25% ,47 % T O TALE PO RT AFOGLIO TO TALE ATT IVITA' ,72 % I titoli elencati rappresentano i 50 principali titoli in portafoglio, e comunque tutti quelli che rappresentano lo 0,50% dell'attivita del fondo. 12

16 FONDO: ALLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 R ENDICONTO AL 30 DICEMBRE Strumenti finanziari quotati Ripartizione degli strumenti finanziari quotati per Paese di residenza dell'emittente. Pacsi di reside nza dell'emittente Italia Allr i Pacsi dcll'ue Allri Pacsi dell 'OCSE Altri Pacsi Titoli di dcbit o: - di Stato di altri enti pubblici di banche di altri Titoli di capitale: - con di ritto di voto I con voio limitato - altri Parti di 0.1.C.R. (*): - aperti armonizzati aperti non armo nizzati - chiusi Tota Ii - in va lore assoluto in percentuale del totale delle attivitil 23,55% 64,68 % 8,21 % ,28% (*) I Paesi verso i quali sono prevalentemente indirizzati gli investimenti per gli 0.1.C.R. detenuti dal fondo sono i Paesi dell'unione Europea. Ripartizione degli strumenti finanziari quotati per mercato di quotazione. Mercato di quotazione Italia Paesi dell'ue Altri Paesi dell'ocse Altri Paesi (*) Titoli quotati Titoli in attesa di quotazione Totali : - in "-alore assoluto in percentuale del totale de lie attivitil 13,15 % 77,09 % 6,45% 0,03 % (*) Si fornisce qui di seguito I' elenco dei mercati di Paesi non-ocse presso i quali sono quotati gli strumenti finanziari del fondo: Borsa valori di Hong Kong 13

17 FONDO: ALLIANZ G LOBAL STRATEGY 15 Movimenti dell'esercizio T itoli di debit o - tit oli d i Stato - alt ri Controvalore acquisti ' Controvalor e "endite/rimborsi I Titoli di cap it ale Parti di 0.1.C.R TO TALE I Strumenti finanziari non quotati Alla data del 30/12/2014 ii fondo non deteneva in portafoglio strumenti finanziari non quotati. Paesi di r eside nza dell'emittente Ila I ia A It r i Paesi dell'u E A Itri Pacsi dcll'o CSE A ltri Pae s i T ito li di dcbito : - di Stato di a lt ri e n ti pubblici - di banch c - di a lt ri Tit oli di capit ale:.. co n dirin o di vo to - con vo 10 lirn i1a10 - altri 35 I.387 Part i di 0.1.C.R. : - aperti armonizzat i - apen i non armonizzati - :iltri To tali - i n \'alore a ssoluto in perccntualc dcl t otale delle atti\'ita Movimenti dell'esercizio Titoli di dcbito - tito li di S1a10 altri Controvalore acquisti Controvalorc vendite/rimborsi Titoli di cap it ale Part i di 0.1.C.R. TO TALE Si segnala che, nella presente tabella, non sono evidenziate le eventuali riclassifiche awenute nel corso dell'esercizio tra strumenti finanziari quotati e non quotati, in quanta non costituiscono effettivi movimenti di portafoglio. 14

18 FONDO: ALLIANZ GLOBAL STRATEGY Titoli di debito 1) Di seguito si fornisce l'elenco dei titoli "strutturati" detenuti nel portafoglio del Fondo: Titolo ISIN Controvalore Caratteristiche GLEN CORE F 7.125% 15 XS Obbligazione con cedola step up di 1.25% in base al rating minimo di due agcnzie uguale o superiore a BBB- di S&P e Baa3 di Moody's. 2) La tabella seguente fornisce la ripartizione dei titoli e degli strumenti finanziari derivati con sottostanti titoli di debito o tassi d'interesse, in funzione della valuta di denominazione e della durata finanziaria {duration modificata). Duration in anni Valuta minore o pari a I compresa tra 1 e 3,6 maggiore di 3,6 Euro I 79.4 I I Dollaro Stati Uniti TO TALE I

19 FONDO: ALLIANZ G LOBAL STRATEGY Strumenti finanziari derivati Al 30/12/2014 gli strumenti finanziari che hanno dato luogo a posizioni creditorie a favore del fondo (voci C1, C2 e C3 della situazione patrimoniale) erano i seguenti: Va l o r e patrimonial e degl i strume n ti f inanziar i derivati Strumen t i St rume n t i M argini fi nanziari fi nanziari quo t ati no n q uotati Operazio ni s ui tass i di int eresse: futu res s u tit o li di d ebito.tass i e alt ri contratti s imili. opzioni s u tass i e altri con t rat ti s im ili swaps e a ltri contratt i s imili Operazioni s u i t as s i di cam bio: futures su valute e altri contratti sirnili opz io ni s u tass i d i carn bio e alt ri contratti simili s wap s e altri co nt rat ti s imili O p eraz ioni su t it o li d i cap it ale futures su 1i1oli di capitale. indici azionari c con1ra1ti s imili opzio ni s u tit o li di capitale e a ltri co nt raui s imili swap s e altri co nt rat ti s imili A lire op craz ion i futures 45'.l opzio n i SW ap S 16

20 FONDO: A LLIANZ GLOBAL STRATEGY 15 1i lxll oi; a <ki contratti Operazioni su tassi di interesse: -futuresu titoli di dcbito tassi e altri oontratti siirili -<ipzioni su 1assi a altri oontraui sini li -swap ealt ri oontrntti sin-iii Operazioni su tassi di avrbio: -future su valutee altri oon1ra11i sin-iii --0pzioni su tassi di canbio ealt ri oontratti siiri li -swap e altri oontratti siirili Operazioni su titoli di capitale: -future su titoli di capitale. indici azionari e oontrati sini li --0pzioni su titoli di capitaleeal 1i oontraui sinili -swap ealtri oontratti sinili Altreopernzioni: -futw-e --0pzioni -swap Contrroutc <ki contratti Banche SIM Banchcc italiane inn-ese d imestimcnto d J!!CSi OCSE Banchee ~ inwstirn!nto d~inon OCSE Al tre controimti Attivita ricevute in garanzia Alla data del 30/12/2014 non erano presenti attivita ricevute in granzia Depositi bancari Alla data del 30/12/2014 non erano presenti investimenti di tale tipologia Pronti contro termine attivi e operazioni assimilate Alla data del 30/12/2014 non risultavano in essere operazioni di pronti contra termine attivi e assimilate, inoltre nel corso dell'esercizio non si e fatto ricorso a tale forma di impiego Operazioni di prestito titoli Alla data del 30/1 2/2014 non risultavano in essere operazioni di prestito titoli attivi, inoltre nel corso dell'esercizio non si e fatto ricorso a tale forma di impiego. 17

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli