1-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO (ART. 718)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO (ART. 718)"

Transcript

1 1-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO (ART. 718) 718 ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO Chiunque in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, tiene un gioco d azzardo o lo agevola è punito con l arresto da tre mesi ad un anno e con l ammenda non inferiore a euro 206. Se il colpevole è un contravventore abituale o professionale, alla libertà vigilata può essereaggiuntalacauzione di buona condotta. SOMMARIO: 1.1. Premessa Bene giuridico tutelato Soggetto attivo Elemento oggettivo Concetto di gioco d azzardo Tenuta del gioco d azzardo Agevolazione del gioco d azzardo Luogo pubblico, aperto al pubblico e circoli privati Elemento soggettivo Circostanze aggravanti. 1.7.Sanzioni Rapportocon altrireati Questioni processuali Questioni fiscali PREMESSA. La norma in analisi rientra Libro III, Titolo I, Capo II, Sezione I del codice penale, relativo alle contravvenzioni concernenti la polizia dei costumi. Bene giuridicotutelatodatali contravvenzioniè la polizia amministrativa sociale, nel suo aspetto riguardante la polizia dei costumi, in quanto l astensione da determinati vizi è ritenuta necessaria per la civile convivenza, poiché i fatti che costituiscono manifestazione degli stessi sono considerati dannosi o pericolosi per la società; l immoralità cheessiesprimono,infatti,nonèconsiderata un riprovevole atteggiamento interno alla persona, bensì un fatto che esce dalla intima sfera personale e che è suscettivo di cagionare effetti sociali dannosi 1. 1 MANZINI, Trattato di diritto penale italiano,5 a ed. aggiornata da Nuvolone e Pisapia, X, Torino, 1986, 953.

2 428 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA La ratio di tale intervento legislativo, in altre parole, non è quella di reprimere il vizio inteso, da un punto di vista etico, come una bassezza morale, bensì quella di reprimere il vizio quale causa di comportamenti che possono cagionare effetti sociali dannosi. Reati simili alla contravvenzione di esercizio di giochi d azzardo, erano previsti e puniti, oltre che nell antichità 2, nelle codificazioni dell 800. Il codice penale sardo-italiano del 1859 all art. 474, infatti, stabiliva che: «sono vietati tutti i giochi d azzardo o d invito nei quali la vincita o la perdita dipende dalla mera sorte, senza che vi abbia parte o combinazione di mente, o destrezza o agilità di corpo». Lo stesso corpus legislativo all art. 475 puniva: «coloro che in case dove concorre il pubblico o in case private terranno giochi d azzardo o d invito, ammettendovi o indistintamente qualsiasi persona od anche solamente chi si presenta a nome o per opera degli interessati (...)». L art. 477, inoltre, assoggettava alla medesima pena prevista dall art. 475 «coloro che prestano o concedono per l esercizio di giochi d azzardo o d invito la casa, o bottega, o locanda, o bettola, o altro luogo di loro uso o proprietà. Qualora però a costoro sia stata usata violenza onde costringerli a permettere o a non impedire il gioco, non soggiacciono a pena, se di tale violenza, appena sia cessata avranno dato formale denuncia». Un reato simile era contemplato anche nel Regolamento toscano di Polizia Punitiva del 1853 che, all art. 75, testualmente prevedeva che: «1: nei luoghi pubblici, o aperti al pubblico, o esposti alla vista del pubblico, sono vietati i giochi d azzardo, sotto pena di multa da 10 a 100 lire, e della confisca delle poste giocate e degli arnesi del gioco, e se vi è banco ancora di questo. 2: I detentori di locali aperti al pubblico, ognoraché non abbiano ivi impedito i giochi d azzardo, soggiacciono ad una multa da lire 30 a 150, e soffrono inoltre la confisca, di che nel paragrafo precedente, se partecipano al gioco o ne forniscono gli arnesi. 3: Fra i luoghi aperti al pubblico si comprendono anche quelle case private, dove si faccia pagare l uso degli arnesi di gioco, o il comodo di giocare, o dove, anche senza prezzo, si dia accesso indistintamente ad ogni persona per l oggetto del gioco». Lo stesso regolamento all art. 76 prevedeva che: «qualora i giochi d azzardo, di che nell articolo precedente, siano tenuti con banco che non sia a rischio e profitto di tutti i giocatori, i tenitori del banco, e coloro che in qualità di ausiliatori fanno spalla ai medesimi, oltre che intercorrere nella sopradetta confisca, soggiaccionoaunamultada100a300lire,laqualeneicasipiùgravi, può salire fino a 500 lire». L art. 77 del corpus legislativo in parola, infine, prevedeva che: «sotto le pene rispettivamente stabilite nei due precedenti articoli, è vietato te- 2 Il gioco d azzardo venne rigorosamente represso fin dall epoca repubblicana dal diritto romano, con le leggi Tizia, Publicia e Cornelia.

3 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 429 ner giochi d azzardo anche nelle case private, quando eccedono i limiti d un onesto trattenimento, e possono recar disastro alle sostanze dei giocatori». La contravvenzione in analisi, però, trova il suo antecedente più prossimo nel codice Zanardelli del 1889; tale codice, infatti, all art. 484, stabiliva che: «chiunque in luogo pubblico o aperto al pubblico, tiene un gioco d azzardo, o presta all uopo il locale, è punito con l arresto sino ad un mese, che può estendersi a due mesi in caso di recidiva nello stesso reato, e con l ammenda non inferiore alle lire cento. L arresto è da uno a due mesi e può estendersi a sei in caso di recidiva nello stesso reato: 1 o. se il fatto sia abituale; 2 o.sechitieneil gioco sia conduttore del pubblico esercizio in cui la contravvenzione è commessa; nel qual caso si aggiunge la sospensione dall esercizio della professione o dell arte sino ad un mese» BENE GIURIDICO TUTELATO. Secondo parte della dottrina, bene giuridico tutelato dalla contravvenzione di cui all art. 718 c.p. è la polizia amministrativa sociale, nel suo aspetto riguardante la polizia dei costumi, e precisamente l interesse di impedire il malcostume dei giochi d azzardo, poiché i fatti che costituiscono manifestazione degli stessi sono considerati dannosi o pericolosi per la società. Secondo tali autori, però, ilviziodelgioco(immoralità) non viene preso in considerazione, dal legislatore, di per sé stesso, ma in quanto è causa di un attività eticamente ed economicamente dannosa per chi lo pratica, per le famiglie e per la società 3 ; in altre parole, a detta di tali autori, il gioco d azzardo esce dalla stretta cerchia personale, e penetra come fattore di danno o pericolo, entro sfere soggettive diverse da quella dell agente. A parere di un altra parte di dottrina, però, unico bene giuridico tutelato, dalla contravvenzione in parola, è l ordine pubblico che può essere turbato da giochi che, accendendo gli animi, possono dar luogo ad incidenti e disordini e recar pregiudizio alla quiete 4 ; a detta di tali autori, infatti, ritenere che il gioco d azzardo sia immorale è un apriorismo moralistico che, anche se non del tutto superato dalla moralità dei tempi, è stato certamente superato dal legislatore 3 MANZINI, cit., 958, il quale precisa, ulteriormente, che: «il gioco d azzardo influisce dannosamente sulla psiche dei giocatori, avvincendoli, disgregandoli progressivamente nel sentimento e spesso anche nell onestà, opprimedone le migliori energie con la sua affascinante e travolgente passione, sospingendoli talora al suicidio o al delitto»; ANTOLISEI, Manuale di diritto penale, Parte speciale, I,15 a ed., integrata ed aggiornata da Grosso, Milano, 2008, 600, il quale precisa che: «il vizio del gioco, non costituisce soltanto un immoralità, maèun fatto profondamente antisociale, perché fomenta la cupidigia del denaro, diffonde l avversione al lavoro e la risparmio, deprime la dignità delle persone ed è causa di molte tragedie individuali e familiari e, spesso, anche di delitti». 4 NUVOLONE, Case da gioco e legge penale, inscritti in memoria di U. Pioletti, Milano, 1982, 458; PIOLETTI, Il giuoco nel Diritto Penale, Milano, 1970, 16.

4 430 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA perché lo Stato stesso autorizza l apertura di bische, organizza il gioco del lotto, concorsi a premi e lotterie nazionali 5. Tale ultimo assunto è confermato dalla Relazione ministeriale per la conversione in legge del r.d.l , n. 636 (non convertito poi in legge) nella quale si legge che «gli articoli del codice penale non proibiscono il gioco d azzardo, considerandolo come attività sostanzialmente illecita ed immorale; essi proibiscono e puniscono soltanto il gioco d azzardo in luogo pubblico o aperto al pubblico». In ogni caso, i giochi d azzardo, sono vietati se compiuti in determinati luoghi, in cui possono sorgere pericoli per l ordine pubblico SOGGETTO ATTIVO. q Nella contravvenzione in analisi, soggetto attivo può essere «chiunque»tenga o agevoli un gioco d azzardo 7 ; il legislatore, infatti, non richiede in capo all autore del reato, né la presenza di speciali requisiti positivi di capacità, né,tantomeno, l assenza di speciali requisiti negativi. In definitiva, la contravvenzione di esercizio di giochi d azzardo è un reato comune, che può, quindi, essere commesso da qualsiasi soggetto, destinatario di doveri e/o obblighi penalmente sanzionati, che ponga in essere una delle due condotte previste nell art. 718 c.p. Le qualità personali del soggetto attivo, infatti, sono rilevanti al solo fine dell integrazione di circostanze aggravanti, o della sottoposizione a libertà vigilata 8. Tiene un gioco d azzardo colui che lo organizza, lo dirige, lo amministra, con interesse del tutto o in parte distinto da quello dei giocatori; agevola il gioco d azzardo chi presta comunque un attività ausiliaria, facilitandolo o rendendolo possibile, e non soltanto tollerandolo 9. La giurisprudenza 10,adesempio,haritenutoconfigurabiliireatidicuiagli artt. 718 e 720 c.p., rispettivamente in capo al gestore del circolo privato (colui che tiene il gioco d azzardo) ed ai giocatori sorpresi, all interno dello stesso, nell atto di giocare qualora, pur non essendo stati rinvenuti soldi o fiches, sia stata accertata l annotazione, tramite simboli, di non irrilevanti poste in denaro legate alle puntate. 5 MAZZA, Giuochi d azzardo e proibiti nel diritto penale, indigesto pen., V, Torino, 1991, 413 s.; PIOLETTI, Il giuoco, cit., 13; in senso critico v. MANZINI, cit., 961, il quale afferma che: «il nostro ordinamento, vietando in via generale il gioco d azzardo, accoglie il principio in base al quale il gioco d azzardo è sempre un attività immorale ed anti-economica, oltre che causa di danno etico ed economico». A parere dello stesso autore, però, il nostro ordinamento presenta, tuttavia, due gravi incoerenze determinate da pretestate necessità finanziarie: il gioco del lotto, organizzato dallo Stato, e le bische autorizzate. 6 PIOLETTI, Il giuoco, cit., 15 ss.; PIOLETTI, Giuochi vietati,inenc. Dir., XIX, Milano, 1970, VIGNA, BELLAGAMBA, Le contravvenzioni nel codice penale, Commento e profili costituzionali, Milano, 1974, MANZINI, cit., ANTOLISEI, cit., 603 s. 10 A. Trento,

5 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 431 Ciò detto, è bene precisare che la contravvenzione in analisi si può realizzare anche attraverso una condotta meramente omissiva; per tale motivo, a volte, l individuazione del soggetto attivo si effettua anche alla stregua di criteri formali e funzionali 11. In altre parole, la contravvenzione in analisi si può ritenere integrata quando l agente, che per la sua qualifica o per la sua funzione aveva l obbligo giuridico di impedire che si praticasse il gioco d azzardo, abbia omesso di esercitare la dovuta sorveglianza. Tale assunto è confermato dalla S.C. di Cassazione 12 la quale ha precisato che: «il titolare dell esercizio pubblico nel quale siano installati apparecchi automatici ed elettronici per il gioco d azzardo risponde dei reati di cui agli artt. 718 c.p. e 110 r.d. n. 773/1931 anche se gli apparecchi sono stati ricevuti in noleggio da terzi, atteso che su questi grava l onere di accertare la rispondenza degli apparecchi alle disposizioni di legge» ELEMENTO OGGETTIVO. q La norma racchiusa nell art. 718 c.p. ha carattere costitutivo e non meramente sanzionatorio poiché è essa ad imporre il divieto del gioco d azzardo; per tale motivo è indifferente che tale divieto sia, o non sia, stabilito da norme giuridiche speciali, le quali possono avere soltanto valore complementare non necessario, salvo il caso in cui autorizzino il gioco d azzardo 13. Ciò detto, è bene evidenziare che il fatto che concreta la contravvenzione p. e p. dall art. 718 c.p., è contemplato alternativamente in due ipotesi equivalenti per il diritto penale, le quali costituiscono un unico titolo di reato; la norma in analisi, infatti, testualmente punisce chiunque in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, tiene un gioco d azzardo o lo agevola. Come si evince dal dettato normativo, condizione di punibilità, comunead entrambe le ipotesi, è che il fatto avvenga in luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie 14. Prima di analizzare le condotte suddette, però, è necessario definire il concetto di gioco d azzardo CONCETTO DI GIOCO D AZZARDO. q I giochi d azzardo sono definiti dall art. 721 c.p. Prima di delineare i caratteri del gioco d azzardo, però, vale la pena precisa- 11 GIARRUSSO, sub art. 718 c.p., in Codice penale, Rassegna di giurisprudenza e di dottrina, diretto da Lattanzi, Lupo, Milano, 2010, Cass. pen., sez. III, , n MANZINI, cit., MANZINI, cit., 986.

6 432 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA re che il gioco, a prescindere dalla illiceità di quelli proibiti, è quel contratto in forza del quale due o più persone mettono ciascuno una posta (somma di denaro o altra cosa determinata), impegnandosi a perderla in favore di quella di esse che vincerà in base all esito di un attività effettuata dalle pari o da una di esse o anche da terzi o in base all avverarsi o meno di un fatto futuro ed incerto 15. Ciò detto, a parere di parte della dottrina la nozione di gioco d azzardo è espressamente delineata dall art. 721 c.p., in base al quale un gioco può considerarsi d azzardo se concorrono due requisiti: uno oggettivo, che attiene all aleatorietà della vincita o della perdita ed uno, soggettivo, che concerne lo scopo prefissosi dal giocatore e che consiste nel fine di lucro 16. Non sono mancati autori, però, che hanno sostenuto una tesi differente, in base alla quale il carattere dell azzardo, nei giochi, è dato essenzialmente dall alea 17 ; secondo gli stessi, infatti, il fine di lucro è richiesto dall art. 721 c.p. non come una caratteristica dei giochi d azzardo, bensì come un elemento che li rende pericolosi e quindi punibili 18. A parere della giurisprudenza, ai fini della integrazione del reato di cui all art. 718 c.p., occorre la ricorrenza congiunta di due presupposti, il fine di lucro e l aleatorietà o quasi aleatorietà della vincita o della perdita 19. Per alea si intende l elemento per cui la vincita o la perdita dipende interamente o quasi 20 interamente dal caso fortuito, dalla sorte, e non dalle capacità del giocatore GIARRUSSO, sub art. 720 c.p., in Codice penale, Rassegna di giurisprudenza e di dottrina, diretto da Lattanzi, Lupo, Milano, 2010, PIOLETTI, Il giuoco, cit., 25; VIGNA, BELLAGAMBA, cit., MANZINI, cit., 961; in giurisprudenza v. T. Ivrea, , a parere del quale: «si configura un gioco d azzardo ogniqualvolta l elemento aleatorio è preponderante e non è richiesta alcuna abilità al giocatore. Ne deriva che, come accaduto nel caso di specie, non sussistono i reati di cui agli 718 e 719 c.p., laddove risulti accertato che nel sistema di gioco utilizzato l elemento dell abilità e trattenimento èpreponderante rispetto a quello aleatorio e che il gettone di attivazione della partita come pure la massima vincita possibile presentano un entità modesta tale da escludere il fine di lucro». 18 MANZINI, cit., 961 e 966, il quale precisa che: «un gioco nel quale la vincita o la perdita non è interamente o quasi interamente aleatoria, non diviene d azzardo soltanto a cagione della posta eccessiva o rovinosa che in esso sia impegnata». 19 T. Nola, ; v. anche Cass. pen., sez. III, , n , a parere della quale: «per la sussistenza del gioco d azzardo sono necessari due elementi integrativi, quali la prova dell esistenza di un gioco d azzardo e il fine di lucro. In mancanza della prova di tale ultimo requisito non può essere accertata l esistenza del reato previsto dall art. 718 c.p. in quanto non è possibile dedurre il fine di lucro dal solo carattere aleatorio del gioco. Infatti, la mera appartenenza dell apparecchio alla tipologia dei video-poker non è di per sé sola sufficiente a provare anche il reato di gioco d azzardo». 20 Sul punto v. RANUCCI, Giuoco d azzardo e giuochi vietati (Dir. Pen), inenc. Giur., XV, Roma, 1989, 1, il quale afferma che: «l avverbio quasi, inserito nella formula normativa, che lungi dal costituire un elemento di incertezza, risponde invece alle esigenze della materia trattata, di per sé elastica e difficilmente riconducibile in rigide casistiche o classificazioni». 21 PIOLETTI, Il giuoco, cit., 26; VIGNA,BELLAGAMBA, cit., 153, il quale precisa che la vincita o la

7 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 433 Con tale assunto, però, non si pretende di affermare che la vincita o la perdita sia indipendente dalle leggi di causalità, ma si intende solo che la causa della vincita o della perdita è ignota e non può essere onestamente dominata; per tale motivo se un giocatore scoprisse, in un determinato gioco d azzardo, la causa esclusiva o quasi esclusiva della vincita o della perdita, giocherebbe al sicuro, e il gioco, che per gli altri rimarrebbe d azzardo, per lui costituirebbe un artificio costitutivo di truffa 22. Lo stesso può dirsi nel caso in cui il giocatore soprafacesse la sorte barando. L aleatorietà del gioco deve essere accertata in concreto dal giudice, il quale deve tener conto delle regole e delle combinazioni del gioco stesso. L indagine è semplice quando il gioco è interamente dominato dal fortuito, come nel caso del gioco esclusivamente dipendente da una estrazione a sorte; meno semplice è, invece, in quei giochi in cui la vincita o la perdita dipende in parte dall abilità del giocatore e in parte dalla sorte. Nel secondo caso, si deve ritenere, la vincita o la perdita, interamente o quasi interamente aleatoria quando la causa ignota o non dominabile, risulti prevalente sulle abilità del giocatore, sia per efficienza assoluta (rispetto ad ogni partita), sia anche solo per forza relativa (rispetto ad una serie di partite) 23 ; perché possa affermarsi la non aleatorietà del gioco, infatti, l abilità individuale deve essere superiore, pari o non notevolmente inferiore al livello del fortuito. La giurisprudenza, confermando quanto fin qui detto, ha affermato che per la sussistenza del reato di gioco d azzardo non è necessaria l aleatorietà assoluta, ma è sufficiente che la vincita o la perdita siano in prevalenza affidate alla sorte 24. Vale la pena evidenziare, inoltre, che l aleatorietà non può essere desunta dalla concreta abilità dei giocatori; in altre parole, un gioco non può essere definito d azzardo per il solo fatto che ad esso partecipi un giocatore inesperto. Lo stesso può dirsi per il caso in cui al gioco partecipi un giocatore di un abilità eccezionale. Tale ultimo assunto è stato confermato dalle Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione 25. perdita dipende interamente dalla sorte quando «l abilità del giocatore non può influire in alcun modo sull esito del gioco»; lo stesso autore afferma, inoltre, che la vincita o la perdita dipende quasi interamente dalla sorte nel caso in cui «pur influenzando sull esito del gioco l abilità, tuttavia il fortuito esercita un ruolo notevolmente preponderante su di essa»; nello stesso senso v. RANUCCI, cit., MANZINI, cit., MANZINI, cit., Cass. pen., sez. III, Cass. pen., S.U., , in Cass. pen., 1991, 1760, la quale, nel dirimere un contrasto insorto sulla punibilità del gioco delle tre carte e di altri simili giochi, ha affermato che: «nei casi in cui la vincita o la perdita dipende esclusivamente o prevalentemente dall abilità individuale, il gioco non diviene d azzardo soltanto perché ad esso partecipi una persona dotata di eccezionale perizia: ciò in quanto l elemento del fortuito va considerato obbiettivamen-

8 434 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA Per concludere sul punto si precisa che, un gioco non d azzardo, nella sua forma ordinaria, può divenire tale quando sia modificato in modo da rendere il fortuito causa esclusiva o notevolmente prevalente della vincita 26. Come già evidenziato, altro presupposto necessario per l integrazione della contravvenzione in parola è il fine di lucro ; tale fine deve riferirsi al gioco, cioè deve essere proprio almeno di una parte di giocatori. Esso ricorre ogni qual volta il giocatore partecipi al gioco anche per conseguire vantaggi economicamente rilevanti e va identificato, come già detto, in relazione al giocatore e non all organizzatore o gestore del gioco, il quale ricava ordinariamente un utile dall organizzazione o gestione professionale del gioco, sia, o non sia, esso d azzardo 27. Il fine di lucro, quindi, è da escludersi se il vantaggio economico, conseguibile tramite il gioco, è tanto esiguo da non essere giuridicamente considerabile nelle singole poste o nel loro complesso. Spesso, infatti, i giocatori effettuano delle puntate, dal valore simbolico, al solo fine di rendere più vivo il gioco. Da ciò, per accertare il fine di lucro, occorre valutare con attenzione le condizioni particolari, e soprattutto economiche dei giocatori, in modo che la sanzione raggiunga solo coloro che interpretano il gioco come fonte, sia pure occasionale, di guadagno e che, quindi, rappresentano elementi di potenziale turbativa per l ordine e la sicurezza pubblica 28. La tenuità del valore delle scommesse effettuate dai singoli, e delle eventuali perdite da essi subite, però, non esclude il fine di lucro, quando il valore delle vincite ottenute da un giocatore costituisca per esso il detto vantaggio economico 29 ;ciòè confermato dal fatto che il valore delle poste costituisce, a norma dell art , n. 3, c.p., circostanza aggravante. In tema di gioco d azzardo, recentemente, la giurisprudenza ha precisato che il fine di lucro sussiste anche quando la posta ha un valore minimo: va invece escluso quando tale valore sia del tutto irrilevante 31. te e deve essere desunto dalle regole che governano il gioco e non dal concreto grado di abilità dei giocatori». 26 MAZZA, cit., Cass. pen., sez. III, , n ; in dottrina v. MANZINI, cit., 987, a detta del quale: «non occorre provare che il tenutario o l agevolatore del gioco d azzardo agiva per il fine di lucro». Tale fine, prosegue l autore, «è richiesto dalla nozione di gioco d azzardo ma non lo si esige affatto in chi tiene o agevola un tal gioco senza giocare (art. 718 c.p.)». 28 SODO, L elemento materiale e psicologico del reato di partecipazione a giuochi d azzardo, innuovo dir., 1971, MANZINI, cit., L art. 719 c.p., in tema di circostanze aggravanti, stabilisce che: «la pena per il reato preveduto dall articolo precedente è raddoppiata: 1. se il colpevole ha istituito o tenuto una casa da gioco; 2. se il fatto è commesso in un pubblico esercizio; 3. se sono impegnate nel gioco poste rilevanti; 4. se fra coloro che partecipano al gioco sono persone minori degli anni diciotto». 31 Cass. pen., sez. fer., , 33253; sul punto v. anche Cass. pen., sez. III, , secondo la quale: «ai fini della sussistenza del reato di gioco d azzardo, di cui all art. 721 c.p., il

9 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 435 Per aversi fine di lucro, inoltre, non è rilevante che l arricchimento sia stato effettivamente conseguito dal giocatore, essendo sufficiente, come già detto, che lo stesso abbia prospettato la possibilità di ottenere vantaggi economici ed abbia agito per realizzarli 32. Se lo scopo di lucro è provato, nulla importa che risulti associato ad altri fini concorrenti (di divertimento, di rifarsi di una perdita, ecc.) 33. Si può giocare d azzardo, a fine di lucro, anche senza l esposizione materiale, nel luogo in cui si tiene il gioco, di denaro. Tale assunto è confermato anche dalla giurisprudenza 34. Per concludere, si evidenzia che, al pari dell aleatorietà, il fine di lucro deve essere accertato in concreto dal giudice di merito; tale giudizio può fondarsi non solo sulla prova diretta, ma anche su idonei indizi 35.Inparticolare,sonoelementi di valutazione: l entità della posta in palio, la natura della posta, la durata del gioco, il luogo in cui avviene, la condizione delle persone ed altre analoghe circostanze 36. Molte sono le sentenze emanate in materia, dalle quali è possibile ricavare una vasta casistica di giochi d azzardo. Sul punto, ci si riporta a quanto detto nel del commento relativo all art. 721 c.p. Tendenzialmente i giochi d azzardo, ai quali sia applicabile la nozione data dall art. 721 c.p., ora analizzata, sono assolutamente vietati nei luoghi pubblici fine di lucro non deve essere escluso se la posta sia modesta e comunque da impiegarsi in consumazioni, come caffè, vivande ecc., dato che la legge prescinde dall entità e natura della posta impegnata nel gioco stesso, della quale ultima tiene conto come circostanza aggravante se è rilevante». 32 SABATINI GIUS., Le contravvenzioni nel codice penale vigente, Milano, 1961, PIOLETTI, Giuochi vietati, cit., 75; MANZINI, cit., 970 e 972, il quale afferma che il fine di lucro non può essere escluso neanche dal fatto che «il prodotto delle vincite sia destinato, anche totalmente, a scopo di beneficenza». In questo caso, continua l autore, «il vincitore, in un dato momento, ha conseguito un lucro, che accresce il suo patrimonio» e, quindi, si ha «quanto basta per integrare la nozione dell art. 721 c.p., la quale non esige che il lucro si consolidi nelle mani del vincitore»; nello stesso senso v. RANUCCI, cit., A. Trento, , la quale ha precisato che: «sono configurabili i reati di cui agli artt. 718 e 720 c.p., rispettivamente in capo al gestore del circolo privato ed ai giocatori sorpresi, all interno dello stesso, nell atto di giocare qualora, pur non essendo stati rinvenuti soldi o fiches, sia stata accertata l annotazione, tramite simboli, di non irrilevanti poste in denaro legate alle puntate. In tale ipotesi, infatti, appare lampante il ruolo minimo assunto dall abilità del giocatore se riscontrata, soprattutto, alla luce dell alto valore degli importi di denaro giocati, Ad avvalorare ulteriormente la commissione del reato in parola, nel caso specifico, particolare rilievo è stato dato alla circostanza che, in occasione del controllo da parte delle forze dell ordine, molti dei soggetti trovati all interno del circolo fossero in possesso di assegni emessi in favore di altri parimenti presenti e che nella saletta accanto fosse conservato un tavolo per conformazione idoneo all alloggiamento di una roulette». 35 MANZINI, cit., BERNARDI, Note critiche sulla giurisprudenza in materia di giuochi d azzardo, in Riv.it.dir.eproc.pen., 1982, 415.

10 436 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA o aperti al pubblico e nei circoli privati di qualsiasi specie 37, in virtù dell art. 718 c.p., in analisi, e dell art. 720 c.p. In alcuni casi, però, il gioco d azzardo, per ragione del luogo in cui è tenuto, ovvero perché una norma giuridica, o un atto amministrativo emesso in base a una norma giuridica lo consente, può essere giuridicamente lecito, cioè non punibile o autorizzato 38. Ad esempio, non è punibile il gioco d azzardo tenuto in un luogo privato (non costituente uno dei circoli indicati nell art. 718 c.p.), poiché la norma in analisi subordina la punibilità dei fatti, in essa preveduti, alla condizione che il gioco avvenga in luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero in circoli privati di qualunque specie 39. Si pensi, inoltre, alle bische autorizzate, al gioco del lotto, del superenalotto, alle lotterie, alle tombole pubbliche (c.d. bingo), alle scommesse relative a gare sportive. In conclusione, i giochi d azzardo si distinguono in proibiti e leciti; sono proibiti se compiuti nei luoghi indicati dagli artt. 718 e 720 c.p., sono leciti quando avvengono in luogo privato o siano autorizzati TENUTA DEL GIOCO D AZZARDO. q Tenere un gioco d azzardo significa compiere tutte quelle attività che sono necessarie per l organizzazione, l istituzione, la direzione o l amministrazione del gioco stesso 41, in modo che tale attività sia distinta in tutto o in parte da quella dei giocatori. Tenere il banco, quindi, non è sinonimo di tenere un gioco d azzardo, poiché se chi tiene il banco non percepisce, per questa funzione, un compenso, ma si limita a partecipare al gioco, sarà punibile ai sensi dell art. 720 c.p MANZINI, cit., 973; il divieto relativo ai giochi d azzardo trova conferma anche nell art. 110 t.u.l.p.s. (r.d. n. 773/1931), il quale al primo comma testualmente prevede che: «in tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica del gioco o all installazione di apparecchi da gioco, è esposta in luogo visibile una tabella, predisposta ed approvata dal questore e vidimata dalle autorità competenti al rilascio della licenza, nella quale sono indicati, oltre ai giochi d azzardo, anche quelli che lo stesso questore ritenga di vietare nel pubblico interesse, nonché le prescrizioni ed i divieti specifici che ritenga di disporre». 38 PIOLETTI, Il giuoco, cit.,38;manzini, cit., 974, il quale precisa, inoltre, che: «l Autorità amministrativa non può mai autorizzare validamente il gioco d azzardo, senza che una norma giuridica le accordi espressamente tale potere». 39 MANZINI, cit., 975 s., il quale, però, precisa che tale limitazione, dovuta all intento di evitare un eccessiva ingerenza dello Stato nella vita privata, è inopportuna. 40 PIOLETTI, Il giuoco, cit., VIGNA,BELLAGAMBA, cit., 160; MANZINI, cit., 987, il quale precisa, ulteriormente, che: «si ha tenuta di un gioco d azzardo sia quando la vincita è costituita dal complesso delle vincite impegnate dai singoli giocatori o da una parte di essi, sia quando è il tenitore del gioco che paga, delsuo,ilvincitore». 42 MANZINI, cit., 987.

11 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 437 La tenuta del banco, peraltro, non è necessaria ai fini della tenuta di un gioco d azzardo; a tal fine, infatti, non è necessaria la relazione immediata con i giocatori, essendo sufficiente l organizzazione tecnica e amministrativa del gioco 43. La giurisprudenza, concordemente con la dottrina, ha affermato che il tenere un gioco d azzardo è espressione di significato molto ampio che comprende l attività di istituzione, organizzazione, direzione, vigilanza, amministrazione delgioco,ilprovvederecioèa quanto occorra perché il gioco sia posto a disposizione dei giocatori 44. In ogni caso, il reato in analisi ha carattere commissivo, poiché il colpevole col suo fatto produce l effetto positivo o concreto di tenere il gioco d azzardo 45. Secondo parte della dottrina, nel concetto di tenere un gioco d azzardo è implicito il requisito che il gioco sia iniziato 46. Non sono mancati autori, però, che hanno sostenuto la tesi contraria 47. Si precisa, infine, che coloro che cooperano o prestano assistenza al tenitore del gioco d azzardo concorrono nel reato da costui commesso 48. La contravvenzione si consuma nel momento e nel luogo in cui inizia il gioco d azzardo. Ha carattere eventualmente permanente, in quanto lo stato di consumazione, iniziato nel detto momento, si protrae sino a che il gioco sia cessato. Se il gioco viene temporaneamente interrotto, e quindi ripreso in altra successiva riunione, non si ha un solo reato permanente, ma più reati eventualmente riuniti dal nesso della continuazione AGEVOLAZIONE DEL GIOCO D AZZARDO. q Agevola il gioco d azzardo chi lo rende possibile o lo facilita coscientemente in qualsiasi modo, senza che occorra la materiale presenza di lui 50.Taleconcetto, implica, tendenzialmente, che sia compiuto un fatto positivo; per tale motivo non è sufficiente la semplice tolleranza di un gioco d azzardo, cioè la mera omissione di impedire il gioco, ad eccezione dell ipotesi in cui il soggetto fosse a ciò obbligato 51. Tale ultimo assunto è confermato anche dalla giurisprudenza VIGNA, BELLAGAMBA, cit., 160 s. 44 Cass. pen., MANZINI, cit., MANZINI, cit., VIGNA, BELLAGAMBA, cit., 161, secondo i quali: «per la sussistenza del reato non è poi necessario che il gioco abbia avuto effettivamente inizio con le puntate dei giocatori purché tutto sia stato preparato o predisposto per il suo inizio». 48 MANZINI, cit., MANZINI, cit., PIOLETTI, Il giuoco, cit., MANZINI, cit., 989; VIGNA, BELLAGAMBA, cit., Cass. pen., sez. III, , a detta della quale: «l elemento materiale della contrav-

12 438 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA Sono esempi di agevolazione di un gioco d azzardo: il prestare il locale destinato all effettuazione del gioco, il somministrare il denaro per l esercizio del gioco,ilforniregliarnesioglioggettidestinatialgioco,ilmutareildenaroaigiocatori per l inizio o il proseguimento del gioco, l adoperarsi per prevenire sorprese da parte della polizia, ecc. 53. Anche in tale ipotesi, come in quella descritta al paragrafo precedente, la contravvenzione si consuma nel momento e nel luogo in cui inizia il gioco d azzardo. La stessa ha carattere eventualmente permanente, in quanto lo stato di consumazione, iniziato nel detto momento, si protrae sino a che il gioco sia cessato. Se il gioco viene temporaneamente interrotto, e quindi ripreso in altra successiva riunione, non si ha un solo reato permanente, ma più reati eventualmente riuniti dal nesso della continuazione LUOGO PUBBLICO, APERTO AL PUBBLICO E CIRCOLI PRIVATI. q In entrambe le ipotesi analizzate ai paragrafi precedenti (tenuta ed agevolazione del gioco d azzardo), la condotta perché sia punibile, deve essere posta in essere in luogo pubblico o aperto al pubblico o in circoli privati di qualunque specie. Poiché l art. 718 c.p. non esige che il fatto avvenga pubblicamente, ma richiede esclusivamente che lo stesso sia attuato in luogo pubblico o aperto al pubblico, non è necessario che il gioco si svolga alla presenza di più persone 55. Per luogo pubblico si intende il luogo a disposizione del pubblico, anche se di proprietà privata, in cui l accesso è libero per tutti senza limitazioni o condizioni 56. Per luogo aperto al pubblico si intende il luogo in cui l accesso al pubblico è possibile a determinate condizioni di fatto o di diritto, personali o temporali. Per circoli privati di qualunque specie devono intendersi tutti i ritrovi di più persone, comunque denominati e per qualsiasi scopo costituiti, retti da norme interne di organizzazione e a cui siano ammesse, di solito, persone determinate (soci) e, talvolta, altre da queste presentate (non soci) 57. venzione prevista dall art. 718 c.p., nell ipotesi di agevolazione del gioco d azzardo, può concretarsi anche in una condotta di natura omissiva: e ciò si verifica quando l agente (nella specie: titolare di un pubblico esercizio), che aveva l obbligo giuridico di impedire che si praticasse il gioco d azzardo, abbia omesso di esercitare la dovuta sorveglianza, non richiedendosi necessariamente una condotta attiva, da parte del contravventore, per l esistenza del fatto-reato». 53 PIOLETTI, Il giuoco, cit., MANZINI, cit., MANZINI, cit., RANUCCI, cit., PIOLETTI, Il giuoco, cit., 59 s.; VIGNA, BELLAGAMBA, cit., 161.

13 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 439 Più precisamente, si evidenzia che la nozione di circolo privato attiene al vincolo associativo che si instaura tra più persone per le loro riunioni, indipendentemente dal luogo d incontro delle stesse, che può non essere stabilmente fissato in un luogo determinato 58. Per concludere l analisi della nozione di circoli privati, si precisa che con il termine privati il legislatore non ha inteso riferirsi ai soli istituiti nati a seguito dell iniziativa privata; tale locuzione, infatti, serve solo a contrapporre i detti circoli ai luoghi di ritrovo pubblici o aperti al pubblico 59. In virtù di tale ultimo assunto, alcuni autori hanno escluso dall ambito applicativo dell art. 718 c.p. il gioco d azzardo che ha luogo in case di abitazione private, in ambito familiare, anche nel caso in cui le riunioni non siano sporadiche ma abituali, quando manca l elemento associativo necessario perché possa esservi un circolo 60. La giurisprudenza di legittimità appare, tuttavia, orientata in senso parzialmente difforme; essa, infatti, afferma che rientrano nella nozione di circolo privato anche le case private di abitazione adibite al gioco d azzardo sia pure solo occasionalmente e parzialmente a condizione che: le persone ammesse nella casa siano ricevute con la specifica causale di farle giocare d azzardo 61 ; le persone ammesse vi accedano con frequenza tale da dar vita ad un legame che le unisce per la pratica del gioco d azzardo 62. Vale la pena evidenziare, inoltre, che secondo altri autori, una casa privata può essere considerata circolo, ai sensi dell art. 718 c.p., soltanto quando in essa convenga, non soltanto occasionalmente ma abitualmente, un gruppo di soggetti che si riuniscano per giocare d azzardo, con una pur rudimentale e minima struttura interna che regoli, in particolare, le condizioni e le modalità di ammissione dei terzi estranei 63. L espressa menzione di tali circoli ha lo scopo di colpire le bische private e quei ritrovi non pubblici che, pur non essendo istituiti per lo scopo esclusivo del gioco d azzardo, lo ammettono e lo tollerano 64. Tutti i luoghi menzionati nella norma in analisi devono essere compresi nel territorio del nostro Stato, perché le contravvenzioni commesse all estero non sono punibili in Italia, salvi i casi espressamente eccettuati dalla legge PIOLETTI, Il giuoco, cit., MANZINI, cit., 993; PIOLETTI, Il giuoco, cit., PIOLETTI, Il giuoco, cit., 61; MANCINI PROIETTI, Lineamenti generali sulla nuova disciplina del gioco e della scommessa, inriv. polizia, 2003, Cass. pen., sez. VI, , in Cass. pen., 1970, Cass. pen., sez. I, , in Cass. pen., 1975, BELTRANI, La disciplina penale dei giochi e delle scommesse, Milano, 1999, MANZINI, cit., MANZINI, cit., 990.

14 440 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA 1.5. ELEMENTO SOGGETTIVO. q Il reato in analisi è una contravvenzione; per la sua imputabilità, quindi, è necessaria quella volontarietà del fatto, sia essa dolosa o colposa, che, di regola, è sufficiente per l imputabilità di ogni altra contravvenzione 66. Si ribadisce che nella condotta del tenitore o dell agevolatore del gioco non si richiede il fine di lucro. Nonè necessario provare, inoltre, che il tenitore o l agevolatore sapesse della natura d azzardo del gioco, giacché la nozione di gioco d azzardo, data dalla legge, deve essere nota a tutti; per tale motivo l errore sulla nozione di gioco d azzardo non scusa. Può scusare, viceversa, l errore incolpevole sulla specie di gioco esercitato 67. Un esempio chiarirà il concetto: non scusa l erronea opinione che il gioco dei dadi non sia un gioco d azzardo, perché l errore è di diritto in quanto cade sulla nozione di gioco d azzardo; mentre scusa, se incolpevole, l erronea opinione che il gioco del poker, effettivamente esercitato, sia il c.d. gioco delle tre carte, perché l errore è di fatto in quanto riguarda la specie di gioco esercitato. È necessario precisare, però, che il solo agevolatore può essere in errore sulla specie di gioco esercitato, poiché la conoscenza del gioco è implicita nel fatto del tenitore 68. In tema, la giurisprudenza ha affermato che l erronea convinzione dell imputato che si tratti di gioco lecito (e non d azzardo) si risolve comunque in un errore sul contenuto della legge penale che, come tale, non può essere addotto a scusa 69. Il permesso dell Autorità, di tenere un gioco d azzardo, quando non è fondato su una norma giuridica, non esclude l imputabilità, perché tale permesso è abusivo 70. Tale assunto è confermato dalla Suprema Corte di Cassazione CIRCOSTANZE AGGRAVANTI. In relazione al reato contemplato nell art. 718 c.p. sono stabilite, nell art. 719 c.p. al quale si rinvia, quattro circostanze aggravanti, le quali ricorrono quando il 66 MANZINI, cit., 990; PIOLETTI, Il giuoco, cit., PIOLETTI, Il giuoco, cit., MANZINI, cit., Cass. pen., sez. VI, , in Cass. pen., 1976, MANZINI, cit., Cass. pen., sez. III, , in Giust. pen., 1961, II, 804, secondo la quale: «l esercizio del gioco d azzardo autorizzato dall Autorità amministrativa non è sufficiente a stabilire la buona fede dell agente per errore sul fatto previsto come reato dall art. 718 c.p., in quanto il cittadino deve sapere che nessun atto amministrativo può infirmare un divieto penalmente sanzionato, per cui l opinione dell agente di agire legittimamente in virtù della licenza amministrativa, risolvendosi in una ignoranza della legge penale, non esclude la responsabilità».

15 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 441 colpevole ha istituito o tenuto una casa da gioco, o il fatto è commesso in un pubblico esercizio, o si sono impegnate nel gioco poste rilevanti, o fra le persone che partecipano al gioco vi sono persone minori degli anni diciotto SANZIONI. Il reato base, previsto dall art. 718 c.p. è punito con l arresto da tre mesi ad un anno e con l ammenda non inferiore ad euro 206. Se ricorre una delle circostanze indicate nell art. 719 c.p. entrambe le predette pene, stabilite nella misura che il giudice infliggerebbe se non sussistesse l aggravante, sono raddoppiate 72. Se si tratta di un pubblico esercente si avrà, invirtùdell art. 35 c.p., la pena accessoria della sospensione dall esercizio qualora la pena principale, privativa della libertà personale, inflitta non sia inferiore ad un anno. Se il colpevole è già stato o viene dichiarato contravventore abituale o professionale, deve essere sottoposto alla libertà vigilata, ed il giudice ha la facoltà di aggiungere, in virtù dell ultimo comma della norma in analisi, la cauzione di buona condotta (art. 237) 73. In virtù dell art. 722 c.p., inoltre, la condanna per la contravvenzione in parola importa la pubblicazione della sentenza e la confisca del denaro esposto nel gioco e degli arnesi od oggetti ad esso destinati RAPPORTO CON ALTRI REATI. q In passato, di particolare rilievo era il problema relativo al rapporto tra la norma in analisi e l art. 110 t.u.l.p.s.; in particolare, in dottrina e giurisprudenza, ci si chiedeva se il gioco automatico, quando rivestiva gli estremi del gioco d azzardo ai sensi dell art. 721 c.p., poteva dar luogo ad un concorso apparente di norme tra gli artt. 718 c.p. e 110 t.u.l.p.s., con la conseguente applicazione di una sola di tali norme, oppure a un concorso formale di reati. Il problema era stato risolto con l entrata in vigore della l , n. 507, di riforma dell art. 110 t.u.l.p.s.; a seguito della detta modifica, infatti, il predetto articolo prevedeva, per il caso di installazione ed uso di apparecchi automatici, semiautomatici ed elettronici, da gioco d azzardo, in luoghi pubblici, aperti al pubblico o in circoli ed associazioni di qualsiasi specie, l applicazione della pena 72 MANZINI, cit., 1001 e L art. 237 c.p., in tema di cauzione di buona condotta, prevede che: «la cauzione di buona condotta è data mediante il deposito, presso la Cassa delle ammende, di una somma non inferiore a euro 103,29, né superiore a euro 2.065,83. In luogo del deposito, è ammessa la prestazione di una garanzia mediante ipoteca o anche mediante fideiussione solidale. La durata della misura di sicurezza non può essere inferiore a un anno, né superiore a cinque, e decorre dal giorno in cui la cauzione fu prestata».

16 442 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA dell ammenda da lire un milione a lire dieci milioni oltre le sanzioni previste dal codice penale per il gioco d azzardo. In altre parole, la norma citata stabiliva un concorso formale di reati 74. Con tale impostazione era d accordo anche la giurisprudenza 75. In tale ottica la Suprema Corte, inoltre, ha testualmente affermato che: «tra le ipotesi di reato p. e. p dagli artt. 110 t.u.l.p.s. e 718 c.p. non sussiste rapporto di specialità giacché le disposizionicit. sonotraloroautonomequantoaipresupposti e alle finalità rispondendo la prima all esigenza di garantire la presenza nei locali pubblici di apparecchi per i giochi di abilità e di trattenimento che rispondano alle caratteristiche previste dalla legge e la seconda all esigenza di sanzionare il gioco d azzardo in tutte le sue forme; inoltre il fine di lucro, elemento essenziale del reato previsto dall art. 718 c.p., non è più ricompreso, a decorrere dalla legge n. 388 del 2000, tra gli elementi essenziali della contravvenzione prevista dall art. 110 cit.» 76. Avverso siffatto orientamento si poneva quella dottrina che, ritenendo che la l n. 507 dovesse essere interpretata con il criterio sistematico e non letterario, sosteneva la tesi del concorso apparente di norme tra le due disposizioni in analisi; a detta di tali autori, infatti, la categoria dei giochi vietati sarebbe un genus, di cui gli apparecchi vietati rappresenterebbero una species (art. 15 c.p.) 77. Successivamente, con la l , n. 266, si è depenalizzata la previsione di cui all art. 110 t.u.l.p.s. che ora, quindi, punisce l illecito con sanzioni di tipo amministrativo. A seguito di tale intervento normativo si registrano vari orientamenti giurisprudenziali. Nel 2008, la Cassazione ha affermato che: «le violazioni relative all esercizio di giochi d azzardo con apparecchi automatici ed elettronici vietati sono sanzionate unicamente in via amministrativa, ferma restando l ammissibilità del concorso del reato di gioco d azzardo ove ne siano presenti gli elementi integrativi necessari» 78. Più recentemente, invece, la giurisprudenza di merito ha affermato che: «in tema di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici, a se- 74 PIOLETTI, sub art. 718 c.p., in Codice penale commentato, a cura di Ronco, Ardizzone, Romano, 3 a ed., Torino, 2009, Cass. pen., , in Giur. it., 1991, II, 462, a parere della quale: «l art. 110 t.u.l.p.s., riformato dall art. 1 l , n. 507, che vieta l uso di apparecchi o di congegni automatici e semiautomatici da gioco, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico o nei circoli ed associazioni di qualunque specie, fa salve le sanzioni previste per il gioco d azzardo dall art. 718 c.p.: pertanto, il rapporto tra le due norme non dà luogo a concorso apparente, ma a concorso formale di reati». 76 Cass. pen., sez. III, , n FERRATO, Il concorso degli artt. 718 c.p. e 110 t.u.l.p.s., inriv. pen., 1971, II, 583 ss. 78 Cass. pen., sez. III, , n

17 ART. 718-ESERCIZIO DI GIOCHI D AZZARDO 443 guito delle modifiche apportate dalla legge finanziaria 2007 (l. n. 296/2006) all art. 110 t.u.l.p.s. r.d. n. 773/1931, la violazione del divieto di gioco d azzardo e l impiego di apparecchi idonei per il gioco lecito non conformi ai requisiti indicati dal predetto art. 110 t.u.l.p.s. non sono più sanzionati da tale ultima disposizionedileggemadagliartt.718ss.c.p.» 79. Il dibattito è complicato ulteriormente della presenza, nel nostro ordinamento, della l , n. 401, in tema di interventi nel settore del gioco e delle scommesse clandestine e di tutela della correttezza nello svolgimento di manifestazioni sportive, la quale al 4 o comma dell art. 4 prevede che le disposizioni di cui ai commi 1 o e2 o (ove sono previste sanzioni per chi esercita abusivamente l organizzazione del gioco del lotto e di pubbliche scommesse e per chi dà pubblicità al loro esercizio) si applicano anche ai giochi d azzardo esercitati a mezzo degli apparecchi vietati dall art. 110 t.u.l.p.s., r.d. n. 773/1931. Ciò è confermato dal fatto che, recentemente, la S.C. ha precisato che l esercizio di giochi d azzardo a mezzo di apparecchi automatici ed elettronici non più soggetti alla sanzione penale prima prevista dall art. 110 r.d. n. 773/1931, integra il reato di cui all art. 4, 4 o comma, l. n. 401/1989, in applicazione dell art. 9, 1 o comma, l. n. 689/1981, attesa la natura speciale della norma sanzionatoria penale rispetto a quella amministrativa contemplata dall art. 110 cit. 80.Valelapena precisare, però, che tale decisione ha segnato un mutamento di indirizzo poiché, in precedenza, la Cassazione aveva stabilito che: «l esercizio di giochi d azzardo con apparecchi automatici ed elettronici come ivideopoker, vietati dall art. 110 t.u.l.p.s. e successive modificazioni, configura il reato di cui all art. 718 c.p. e non anche quello di cui all art. 4 l. n. 401/1989, che regolamenta l uso di apparecchi elettronici finalizzato all esercizio abusivo del gioco del lotto e di raccolta di scommesse» 81. La contravvenzione in analisi, inoltre, in alcuni casi particolari può concorrere con il delitto di truffa; sul punto la Cassazione ha precisato che: «gli artifici posti in essere dal baro per volgere a proprio profitto l esito del gioco integrano 79 Uff. indagini preliminari Napoli, sez. XII, , n Cass. pen., sez. III, , n ; v. anche T. Terni, , secondo il quale: «l art. 5 l. n. 401/1989 sanziona sia colui che esercita abusivamente il gioco del lotto o scommesse o concorsi pronostici che la legge riserva allo Stato o ad altro ente concessionario sia colui che, in qualsiasi modo, da pubblicità al loro esercizio. Non solo ma la legge incrimina espressamente anche i giochi d azzardo esercitati a mezzo degli apparecchi vietati dalla legge. Orbene appare chiaro come l art. 4, 4 o comma, l. n. 401/1989, nel prevedere l applicabilità delle disposizioni penali anche ai giochi d azzardo esercitati a mezzo degli apparecchi vietati dalla legge intenda riferirsi, per come si evince dalla lettera del testo normativo oltreché dai relativi lavori parlamentari, alla sola ipotesi della organizzazione di scommesse sui giochi d azzardo esercitati a mezzo dei suddetti apparecchi. Pertanto, la condotta consistente nel semplice esercizio di detti giochi, pur se svolta in forma organizzata o dalla partecipazione ad essi, continua ad essere sanzionata non dalla summenzionata disposizione speciale ma dagli artt. 718 ss. c.p.». 81 Cass. pen., sez. III, , n

18 444 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA gli elementi di una distinta attività delittuosa che comporta il concorso materiale del delitto di truffa con la contravvenzione di cui all art. 718 c.p.» QUESTIONI PROCESSUALI. q Per ciò che attiene agli elementi probatori necessari per l accertamento del reato in parola, la Cassazione ha affermato che è necessaria «non solo la prova dell effettiva esistenza di mezzi atti ad esercitarlo, ma, da un lato, la prova dell effettivo svolgimento di un gioco e, dall altro, ove si tratti di apparecchi automatici da gioco di natura aleatoria, la prova dell effettivo utilizzo dell apparecchio per fini di lucro, non essendo sufficiente, in tale ultimo caso, accertare che lo stesso sia potenzialmente utilizzabile per l esercizio del gioco d azzardo» QUESTIONI FISCALI. q In tema di imposte sui redditi, costituiscono reddito imponibile i ricavi del gioco d azzardo, i quali sono riconducibili alla categoria delle vincite dei giochi e delle scommesse prevista dall art. 81, lett. d), d.p.r , n. 917, e devono quindi considerarsi assoggettati a tassazione ai sensi del successivo art. 83, anche in epoca anteriore all entrata in vigore dell art. 14, 4 o comma, l , n. 537, il quale, nella parte in cui stabilisce che nelle categorie di reddito dicuiall art.6,1 o comma, d.p.r. n. 917/1986 devono intendersi ricompresi, ove classificabili in tali categorie, i proventi derivanti da fatti, atti o attività qualificabili come illecito civile, penale o amministrativo (se non già sottoposti a sequestro o confisca penale), costituisce interpretazione autentica della normativa contenuta nel d.p.r. n. 917/ CIRCOSTANZE AGGRAVANTI (ART. 719) 719 CIRCOSTANZE AGGRAVANTI La pena per il reato preveduto dall articolo precedente è raddoppiata: 1. se il colpevole ha istituito o tenuto una casa da gioco; 2. se il fatto è commesso in un pubblico esercizio; 3. se sono impegnate nel gioco poste rilevanti; 4. se fra coloro che partecipano al gioco sono persone minori degli anni diciotto. 82 Cass. pen., sez. II, , in Giust. pen., 1971, II, Cass. pen., sez. III, , n Cass. civ., sez. V, , n

19 ART. 719-CIRCOSTANZE AGGRAVANTI 445 SOMMARIO: 2.1. Premessa Istituzione e conduzione di una casa da gioco Fatto commesso in un pubblico esercizio Fatto commesso impegnando poste rilevanti Partecipazione al gioco di minorenni PREMESSA. q L art. 719 c.p. prevede quattro circostanze aggravanti della contravvenzione di cui all art. 718 c.p., le quali ricorrono quando il colpevole ha istituito o tenuto una casa da gioco, o il fatto di reato è commesso in un pubblico esercizio, o si sono impegnate nel gioco poste rilevanti, o fra le persone che partecipano al gioco vi sono persone minori degli anni diciotto. Tutte le circostanze in parola hanno carattere oggettivo 1 ed hanno come effetto il raddoppiamento della pena stabilita per il reato semplice. Il raddoppiamento della pena non deve essere considerato in astratto, bensì in concreto; in altre parole il giudice deve prima stabilire la pena che reputa proporzionata al reato, in conformità all art. 718 c.p., e poi questa pena deve essere raddoppiata, senz alcuna latitudine, trattandosi di un aumento in una determinata misura fissa 2. È possibile che due o piùcircostanze di quelle indicate nell articolo in parola concorrano tra loro; l art. 719 c.p., infatti, fa riferimento a circostanze autonome e del tutto indipendenti. In questo caso gli aumenti di pena sono regolati dal primo capoverso dell art. 63 c.p. 3 e, quindi, si raddoppierà, dapprima, la pena che il giudice avrebbe inflitto per il reato semplice, poi, la pena in tal modo ottenuta saràa sua volta raddoppiata,e così via, secondo il numero delle circostanze concorrenti. Secondo parte della dottrina, però,lacircostanzacontemplata aln. 1 dell articolo in analisi non può concorrere con quella contemplata al n. 2 della medesima norma 4. Non sono mancati autori, però che hanno sostenuto la tesi contraria 5. A conferma di quanto fin qui affermato, la giurisprudenza ha precisato che: «l art. 719 c.p. non contempla un reato autonomo, bensì alcune circostanze aggravanti del reato di cui all art. 718 c.p., rispetto alle quali èapplicabile il giudizio di comparazione di cui all art. 69 c.p.» 6. 1 VIGNA, BELLAGAMBA, Le contravvenzioni nel codice penale, Commento e profili costituzionali, Milano, 1974, SABATINI GIUS., Le contravvenzioni nel codice penale vigente, Milano, 1961, SABATINI GIUS., cit., MANZINI, Trattato di diritto penale italiano,5 a ed. aggiornata da Nuvolone e Pisapia, X, Torino, 1986, SABATINI GIUS., cit., 501, a parere del quale «è possibile il concorso tra tali circostanze nel caso in cui il tenitore di una casa da gioco (n. 1) tenga il gioco in un pubblico esercizio (n. 2)». 6 Cass. pen., sez. VI, , in Cass. pen., 1970, 1646.

20 446 LE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA 2.2. ISTITUZIONE E CONDUZIONE DI UNA CASA DA GIOCO. q La pena è raddoppiata, se il tenitore o l agevolatore del gioco d azzardo ha commesso il fatto in una casa da gioco da lui istituita o tenuta 7.Daciòsi evince, quindi, che il legislatore, con tale aggravante, ha dato rilevanza penale, oltre che al gioco, al luogo in cui esso è esercitato. La ratio di tale scelta di politica criminale è rinvenibile nel maggior potere di attrazione d una casa appositamente organizzata per il gioco d azzardo, la quale accresce il danno e il pericolo sociale 8. L istituzione o la tenuta di una casa da gioco, infatti, permette ai giocatori di realizzare più comodamente i propri convegni. La nozione di casa da gioco è data dall art. 721 c.p., secondo il quale «sono case da gioco i luoghi di convegno destinati al gioco d azzardo, anche se privati e anche se lo scopo del gioco sia sotto qualsiasi forma dissimulato». La norma, in altre parole, fa riferimento alle cosiddette bische, ossia a quei luoghi di convegno (luoghi pubblici o aperti al pubblico 9 ) destinati 10, anche saltuariamente, all esercizio del gioco vietato 11.Siprecisa,inoltre,cheperluogodi convegno non deve intendersi necessariamente un edificio, ma qualsiasi luogo anche all aperto 12. Dall art. 721 c.p. si evince, infine, che la casa da gioco può essere costituita anche in un luogo privato, cioè in uno qualsiasi di quei circoli privati che sono menzionati nell art. 718 c.p. e che possono nascere anche in una abitazione privata. A conferma di quanto fin qui sostenuto, la giurisprudenza ha affermato che: «per aversi casa da gioco a norma 721 c.p. il requisito essenziale è dato dall estremo della destinazione dei locali, anche se consistenti in una abitazione privata, sia pure adibita al gioco d azzardo parzialmente od occasionalmente, nel senso che le persone che intendono giocare abbiano la sicurezza di poter fare affidamento su di un luogo di convegno dove riunirsi per l esercizio del gioco» 13. Ciò detto per una più completa analisi della nozione di casa da gioco si rinvia al 4.2. del commento relativo all art. 721 c.p. Istituisce la casa da gioco chi la promuove e l organizza, mentre la tiene chi la gestisce o l amministra MANZINI, cit., MANZINI, cit., Sul punto cfr La destinazione al gioco d azzardo sussiste anche nell ipotesi in cui essa sia associata ad altra causa più nobile e non viene meno nel caso in cui la si cerchi di dissimulare in qualsiasi modo. 11 SABATINI GIUS., cit., MANZINI, cit., 996; VIGNA, BELLAGAMBA, cit., Cass. pen., sez. III, , in Giur. it., 1986, II, MANZINI, cit., 998; VIGNA, BELLAGAMBA, cit., 162.

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3.

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli