COMUNICATO FEDERALE N. 1 STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Settore tecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICATO FEDERALE N. 1 STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Settore tecnico"

Transcript

1 Prot. n Roma, 3 agosto 2012 COMUNICATO FEDERALE N. 1 STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Settore tecnico 1 DECISIONI DEL CONSIGLIO FEDERALE CESSIONE TITOLI SPORTIVI FUSIONI SOCIETÀ SPORTIVE VARIAZIONI DENOMINAZIONI SOCIALI NUOVE AFFILIAZIONI STRUTTURA TECNICA FEDERALE DELEGHE S.S. 2011/ DOPPIA SEGNATURA CAMPI SINTETICI RIEPILOGO ATTIVITA AGONISTICA S. S. 2011/ CAMPIONATO NAZIONALE ECCELLENZA TROFEO ECCELLENZA CAMPIONATO SERIE A MASCHILE CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE CAMPIONATO DI SERIE B CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE C CAMPIONATO UNDER CAMPIONATO UNDER COPPA ITALIA FEMMINILE A 7 SENIORES TROFEO INTERREGIONALE U.16 FEMMINILE CAMPIONATI STAGIONE SPORTIVA 2012/ CAMPIONATO DI ECCELLENZA TROFEO ECCELLENZA CAMPIONATO SERIE A MASCHILE CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE B CAMPIONATI REGIONALI STAGIONE SPORTIVA 2012/ SERIE C UNDER UNDER UNDER LINEE GUIDA FEDERALI PER ATTIVITÀ UNDER LINEE GUIDA FEDERALI PER ATTIVITÀ UNDER

2 1 DECISIONI DEL CONSIGLIO FEDERALE 1.1 CESSIONE TITOLI SPORTIVI Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti cessioni dei titoli sportivi: SOCIETA CESSIONARIA SOCIETA CEDENTE TITOLO Nuova Amatori Rugby Badia ASD Rugby Badia Asd Serie A Nuova Amatori Parma Rugby Soc. Coop S.D Amatori Parma Rugby ASD Serie A neo Prom. Nuova Rugby Villadose 76 ASD ASD Rugby Villadose 1976 Serie B Nuova Rugby Città di Frascati SSD A.r.l ASD Frascati Mini Rugby 2001 Serie B Reno Rugby Bologna Unione Rugby Bolognese ASD Serie B Unione Rugby Capitolina ASD Unione Rugby Capitolina SSD Srl Serie A ASD Rugby Udine Udine Rugby F.C. ASD Serie A 1.2 FUSIONI SOCIETÀ SPORTIVE Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti fusioni di società sportive: SOCIETÀ INCORPORATA SOCIETÀ INCORPORANTE POSIZIONE SPORTIVA Codice Denominazione Codice Denominazione ASD Villaggio Lucca Nuova ASD Rugby Lucca Rugby Rovigo Junior ASD ASD Monti Rugby Rovigo FUSIONE TRA SOCIETÀ NUOVO SOGGETTO Denominazione Denominazione Lyons Venezia Mestre R. ASD Junior Rugby Venezia Lyons Rugby VeneziaMestre ASD 1.3 VARIAZIONI DENOMINAZIONI SOCIALI Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti variazioni di denominazione sociale: CODICE DA (denominazione sociale) A (nuova denominazione sociale) ASD RUGBY STRONCONE ASD ISTRICI RUGBY STRONCONE ASD RUGBY SERIATE ASD RUGBY ORIO ASD UNIONE R. SANNIO JUNIOR ASD BERSAGLIERI SANNITI RUGBY S.E. UNGARETTI R. ASD I BRESCIANI RUGBY F.C. (perdendo il riconoscimento di Ente Scolatico) CAIMANI DEL SECCHIA R. ASD CAIMANI RUGBY JUNIOR ASD 1.4 NUOVE AFFILIAZIONI Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti Nuove affiliazioni di società sportive: C:R CALABRO RENDE ET TIRRENUS MASTINI RUGBY CLUB Cosenza C.R, CAMPANO RUGBY PIRATI DI NISIDA ASD Quarto (NA) RUGBY NAPOLI ASD Napoli ASD SPORTING C. AMALFITANO RUGBY Napoli ASD ARECHI RUGBY Salerno ASD EAGLES RUGBY CIMITILE Cimitile (NA) C.R, EMILIA ROMAGNA AMATORI PARMA R. SOC. COOP S.D. Parma Acquisisce il titolo sportivo della Amatori Parma Rugby ASD F 2

3 HIGHLANDERS FORMIGINE R.C. ASD Formigine (MO) MISANO RUGBY A.S.D. Misano (RN) MAGI ART RUGBY A.S.D. ONLUS Pieve di Cento (BO) REBELS RUGBY JUNIOR FORMIGINE ASD Formigine (MO) C.R. LAZIO NERONIANA RUGBY CLUB 1974 ASD Anzio (RM) COMPAGNIA CANTANTE BEACH R. TEAM ASD Roma RUGBY CITTA DI FRASCATI Frascati (RM) ATHENA CLUB LIBERTAS ASD Sant Ambrogio sul GaRIGLIANO (FR) C.R. LIGURIA A.S.D. MINI RUGBY LE API MELE Mele (GE) C.R.LOMBARDIA RAPTORS VALCAVALLINA R. ASD Trescore Balneario (BG) GRANDE BRIANZA RUGBY ASD Vedano al Lambro (MB) GUSSAGO SEVEN ASD Gussago (BS) RUGBY LIVIGNO ASD Livigno (SO) ASD RUGBY GERUNDI Merlino (LO) FALCHI VIGEVANO RUGBY ASD Gambolò (PV) RIVERS RUGBY A.S.D. Orio al Serio (BG) C.R.MARCHE ASD CANGURI RUGBY JUNIOR PESARO Pesaro ASD JUNIOR RUGBY JESI IESI (AN) C.R.PIEMONTE ASD ORBASSANO RUGBY F.C. Orbassano (TO) RUGBY PIEMONTE ASD Biella (PI) BULLDOG RUGBY CLUB ASD SAluggia (VC) VALLEDORA RUGBY 1960 ASD Alpignano (TO) C.R.TOSCANO ASD RUGBY LUCCA Lucca ISOL8 RUGBY CLUB ASD FIRENZE RUGBY ETRUSCHI LIVORNO SENIOR ASD Livorno RUGBY CLANIS CORTONA ASD Cortona (AR) C.R. PUGLIA & (Basilicata) ZEROTTOZERO RUGBY CLUB Putignano (BA) ASD FALCHI RUGBY Santeramo in Colle (BA) ASD OMNIA BITONTO Bitonto (BA) KHEIRON ACADEMY RUGBY FRANCAVILLA Francavilla Fontana (BR) RUGBY IST.COMP.L. SINISGALLI ASD Potenza (PZ) ASSUD RUGBY DIVISION ASD Lavello (PZ) C.R. SICILIA ALGORITMO POSEIDON ASD Messina La Soc. Neroniana Anzio R. già nostra affiliata ha dichiarato che non si riaffilia (Acquisisce il titolo sportivo della ASD Frascati Minirugby 2001) (Fusione con la Soc. ASD Villaggio Lucca) 3

4 C.R. UMBRIA S.S.D. RUGBY STRONCONE S.r.l. Stroncone (TR) C.I. DELLE VENEZIE AMATORI RUGBY BADIA ASD Badia (RO) RUGBY VILLADOSE 76 ASD Villadose LYONS RUGBY VENEZIAMESTRE ASD Venezia SELVAZZANO RUGBY F.C. ASD Selvazzano Dentro ASS. POL. DIL. VALDAGNO Valdagno (VI) ASD ROSOLINA RUGBY Rosolina (RO) (Acquisisce il titolo sportivo della Soc. Rugby Badia ASD) Acquisisce il titolo sportivo della Soc. ASD Rugby Villadose) (Fusione delle Soc.m Lyons Venezia e Junior R. Venezia) 1.5 STRUTTURA TECNICA FEDERALE Il Consiglio Federale ha nominato i seguenti tecnici nazionali per la s.s. 2012/13 Struttura Tecnica - organizzativa Squadre Nazionali e Accademie Allenatori Manager Preparatore Nazionale Maggiore Brunel Berot Troiani L. Marco Responsabile Nazionale Emergenti Orlandi Sgorlon A. De Marigny Vernieri Nazionale U. 20 Guidi Bot Duodo A. Vigna Nazionale U. 18 Roselli Ambrosini Garbin Nazionale U. 17 Brunello Grassi Romagnoli Nalin Coordinatore Tecnico Alto Livello Juniores Orlandi Accademia di Tirrenia De Marigny Bot Donatiello Biondi Della Ceca Accademia di Mogliano Brunello Sgorlon A. Ambrosini Vigna Accademia di Parma Romagnoli Doussy Cavatorti Garbin Accademia di Roma Roselli Grassi Pratichetti O. Vernieri 4

5 1.6 DELEGHE S.S. 2011/12 Il Consiglio Federale, preso atto della documentazione pervenuta e tenuto conto che il rapporto tra le società è consolidato negli anni, ha accolto l istanza della società UNION RUGBY CLUB TIRRENO per la concessione della delega alla società ASD RUGBY ETRURIA PIOMBINO, non presentata per mera dimenticanza entro i termini normativi. CODICE SOCIETA' DELEGANTE CODICE SOCIETA' DELEGATA SERIE B UNDER 16 UNDER 14 TOLI UNION RUGBY CLUB TIRRENO TOLI ASD RUGBY ETRURIA PIOMBINO X X 1.7 DOPPIA SEGNATURA CAMPI SINTETICI Il Consiglio Federale, preso atto della proposta presentata dalla CTF per la doppia segnatura dei campi da gioco in erba sintetica, tenuto conto del parere favorevole espresso dalla Commissione stessa con la limitazione di riservare tale autorizzazione solo per i campi polivalenti già esistenti, delibera di permettere la doppia segnatura dei terreni di gioco in erba sintetica solo per le strutture polivalenti e che quindi non abbiano ricevuto contributi dalla FIR per la realizzazione di nuovi campi destinati esclusivamente al gioco del Rugby. 5

6 2 RIEPILOGO ATTIVITA AGONISTICA S. S. 2011/2012 TITOLI - PROMOZIONI - RETROCESSIONI A conclusione dell attività sportiva 2011/2012, visti i risultati sul campo e le relative omologazioni del Giudice Sportivo, si riporta di seguito il quadro riassuntivo dei titoli, delle promozioni e delle retrocessioni dei Campionati e Tornei federali. 2.1 CAMPIONATO NAZIONALE ECCELLENZA SQUADRE PARTECIPANTI: 10 Ha conseguito il Titolo di campione d'italia assoluto la società CAMMI RUGBY CALVISANO ARL Risulta retrocessa al Campionato di serie A girone 1 la società ASD SAN GREGORIO CATANIA RUGBY. Risultano qualificate per le COPPE EUROPEE nella stagione sportiva 2012/2013 le seguenti società: CAMMI RUGBY CALVISANO ARL - C. I CAVALIERI SSD A R.L. - MOGLIANO RUGBY SSD ARL - FEMI-CZ VEA RUGBY ROVIGO DELTA 2.2 TROFEO ECCELLENZA Ha vinto l edizione 2011/2012 la società CAMMI RUGBY CALVISANO ARL 2.3 CAMPIONATO SERIE A MASCHILE SQUADRE PARTECIPANTI: 24 1 PROMOZIONE Ha conseguito il Titolo di campione d'italia per la Serie A la società M THEREE RUGBY SAN DONA e pertanto parteciperà nella prossima stagione sportiva 2012/2013 al Campionato di ECCELLENZA. 4 RETROCESSIONI 2 (DUE) Retrocessioni Dirette: ASD RUGBY MILANO (11^ girone 2) - GLADIATORI SANNITI ASD (12^ girone 2) 2 (DUE) Retrocessioni dopo lo Spareggio Retrocessioni: RUGBY GRANDE MILANO ASD ( 11^ girone 1) - LIVORNO RUGBY SSD SRL ( 12^ girone 1) PASSAGGIO DAL GIRONE 2 AL GIRONE 1 Passano dal Girone 2 al Girone 1 della serie A: UNIONE RUGBY CAPITOLINA (1^ girone 2) - ROMAGNA R. F.C. SSD ARL (2^ girone 2) 2.4 CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE Ha acquisito il titolo di Campione d'italia Femminile la società ASD RIVIERA DEL BRENTA 2.5 CAMPIONATO DI SERIE B SQUADRE PARTECIPANTI: 48 4 PROMOZIONI Risultano promosse in Serie A girone 2 le 4 società: CUS PADOVA RUGBY ASD RUGBY COLORNO SOC. COOP. S.D. RANGERS RUGBY VICENZA AMATORI PARMA RUGBY ASD 8 RETROCESSIONI Risultano retrocesse al Campionato Serie C le seguenti società classificate all 11 e 12 posto in classifica di ciascun girone di serie B: 11^ GIRONE 1 = ASD RUGBY LUMEZZANE 12^ GIRONE 1 = RITIRATA AMATORI MILANO 2008 SRL ASD 11^ GIRONE 2 = ASD CIVITAVECCHIA RUGBY CENTUMCELLAE 12^ GIRONE 2 = IMOLA RUGBY ASD 11^ GIRONE 3 = ASD RUGBY BELLUNO 12^ GIRONE 3 = RUGBY MANTOVA 11^ GIRONE 4 = POL. AMATORI MESSINA 12^ GIRONE 4 = RITIRATA NERONIANA RUGBY ANZIO ASD 6

7 2.6 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE C SQUADRE PARTECIPANTI: 254 AREA 1: REFERENTE: C.I.V. CIV/SARDEGNA 1 girone elite (9 squadre) + 3 gironi civ (24 squadre - 8 squadre ciascuno) + 1 girone sardo (5 squadre di cui 2 squadre U.23) fase suppletiva terminata con 14 gare = 38 SQUADRE AREA 2: REFERENTE CR LOMBARDIA LOMBARDIA/PIEMONTE/LIGURIA 1 girone elite (12 squadre ) + 2 girone interregionali (18 squadre C.O: 9 Lombardia + 9 Piemonte) + 3 gironi territoriali lombardi (27 squadre 9 ciascuno) + 1 girone territoriale piemontese (10 squadre) + 1 girone territoriale ligure (8 squadre) = 75 SQUADRE AREA 3: REFERENTE CR EMILIA ROMAGNA EMILIA ROMAGNA/TOSCANA/MARCHE/UMBRIA 1 girone elite (10 squadre) + 1 girone regionale emilia romagna (11 squadre) + 3 gironi toscana ( 28 squadre: da 9 squadre) + 1 gironi marche (10 squadre) + 1 girone marche/umbria (10 squadre) = 69 SQUADRE AREA 4: REFERENTE CR LAZIO LAZIO/ ABRUZZO/CALABRIA/CAMPANIA/ PUGLIA/SICILIA 2 gironi lazio (21 squadre ) + 1 girone abruzzo (9 squadre) + 1 girone campania (11 squadre) + 2 gironi puglia (16 squadre: 8 ciascuno) + 2 gironi sicilia (15 squadre fase suppletiva termina con 14 gare) = 72 SQUADRE AL TERMINE DEL CAMPIONATO RISULTANO PROMOSSE IN SERIE B : PROMOSSE DIRETTE AREA 1 CONEGLIANO RUGBY AREA 2 RUGBY UNION 96 AREA 3 FIRENZE RUGBY CLUB AREA 4 U.S. RUGBY BENEVENTO DOPO LE FASI FINALI NAZIONALI LYONS VENEZIA MESTRE RUGBY ASD B.B.M. RUGBY BASSANO ASD RUGBY VITERBO RUGBY CLUB EMERGENTI CECINA ASD 7

8 2.7 CAMPIONATO UNDER 20 SQUADRE PARTECIPANTI: 194 ASSEGNAZIONE TITOLO Ha acquisito il titolo di Campione d'italia Juniores la società = AMATORI PARMA RUGBY AREA 1: REFERENTE CIV CIV/SARDEGNA = 44 SQUADRE 1 girone elite (8 squadre) + 4 gironi civ (31 squadre - 3 composte da 8 squadre ciascuno + 1 da 7 squadre attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 girone sardo (5 squadre - fase suppletiva terminata con 14 gare) VINCE IL TROFEO SERENISSIMA PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: RUGBY PETRARCA SRL RUGBY ROVIGO JUNIOR VILLORBA RUGBY JUNIOR RUGBY VENEZIA CUS VERONA RUGBY AREA 2: REFERENTE CR LOMBARDIA LOMBARDIA/PIEMONTE/LIGURIA 1 girone elite (8 squadre) + 3 gironi territoriali lombardi (28 squadre 2 da da 10 squadre) + 1 girone territoriale piemontese (8 squadre) + 1 girone territoriale ligure (8 squadre) = 52 SQUADRE VINCE IL TROFEO DELLE ALPI PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: RUGBY VIADANA SRL VII RUGBY TORINO RUGBY ROVATO RUGBY BRESCIA CUS TORINO RUGBY AREA 3: REFERENTE CR EMILIA ROMAGNA EMILIA ROMAGNA/TOSCANA/MARCHE/UMBRIA = 47 SQUADRE 1 girone elite (8 squadre) + 2 gironi regionali emilia romagna ( 16 squadre 8 ciascuno) + 1 girone toscana + 1 toscana/umbria (15 squadre: 1 da da 5 squadre attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 girone marche/abruzzo (9 squadre) VINCE IL TROFEO DEGLI APPENNINI PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: AMATORI PARMA RUGBY RUGBY COLORNO SOC COOP LIVORNO RUGBY UNIONE RUGBY PRATO SESTO CUS PERUGIA RUGBY 8

9 AREA 4: REFERENTE CR LAZIO LAZIO/ ABRUZZO/CALABRIA/CAMPANIA/ PUGLIA/SICILIA = 51 SQUADRE 1 girone elite (8 squadre) + 2 gironi lazio di cui 1 lazio/abruzzo (15 squadre 1 da da 7 fase attività suppletiva termina con 14 gare ) + 1 girone campania (10 squadre) + 1 gironi calabria (5 squadre: fase attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 gironi puglia (6 squadre: fase attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 gironi sicilia (8 squadre) VINCE IL TROFEO TRE MARI POL. SS LAZIO RUGBY 1927 PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: CUS ROMA RUGBY CUS CATANIA RUGBY AMATORI SPORT CATANIA US RUGBY BENEVENTO 2.8 CAMPIONATO UNDER 16 SQUADRE PARTECIPANTI: 231 A conclusione della FASE NAZIONALE risulta vincitrice del CAMPIONATO U.16 TROFEO MARIO LODIGIANI la società: BENETTON GROUP RUGBY TREVISO VINCE IL TROFEO SERENISSIMA VINCE IL TROFEO DELLE ALPI VINCE IL TROFEO DEGLI APPENNINI VINCE IL TROFEO TRE MARI BENETTON GROUP RUGBY TREVISO RUGBY VIADANA SRL SSD US FIRENZE 1931 ASD GHILBERT UNIONE RUGBY CAPITOLINA 2.9 COPPA ITALIA FEMMINILE A 7 SENIORES Trofeo assegnato alla società: POL. L AQUILA 2.10 TROFEO INTERREGIONALE U.16 FEMMINILE Al termine dei campionati regionali risulta vincitrice del TROFEO la società: ACCADEMY RUGBY NOCETO 9

10 3 CAMPIONATI STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Il Consiglio Federale, viste le risultanze dei Campionati stagione sportiva 2011/2012, le comunicazioni del Giudice Sportivo in merito alle promozioni, retrocessioni, nonché le iscrizioni e le rinunce ai campionati pervenute dalle società, ha deliberato la seguente struttura dei Campionati Nazionali per la stagione sportiva 2012/2013. RIPESCAGGI ECCELLENZA: Il Consiglio Federale, tenuto conto che il titolo sportivo di Benetton e Viadana è stato congelato al momento della loro ammissione alla Celtic League nella stagione sportiva 2010/11, tenuto conto della richiesta d iscrizione pervenuta al campionato di serie Eccellenza per la s.s. 2012/13 da parte della società Viadana, determinando così un numero dispari di squadre partecipanti al Campionato in oggetto, viene ripescata ( ai sensi dell art.30 reg. sportivo) la società G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA. SERIE A Tenuto conto del ripescaggio della società FIAMME ORO RUGBY nel Campionato di Eccellenza, vengono ripescate (ai sensi dell art.30 Reg. Att. sportiva) rispettivamente nel girone 1 e nel girone 2, le società : RUBANO RUGBY SRL SSD e CESIN CUS TORINO RUGBY ASD SERIE B A seguito dei precedenti ripescaggi, viene ripescata e inserita nel girone 3, la società: ASD RUGBY BASSA BRESCIANA LENO 3.1 CAMPIONATO DI ECCELLENZA Data di inizio: 22 settembre 2012 Squadre partecipanti: 12 1 L'AQUILA RUGBY 1936 SSD RL ABAQ CROCIATI RUGBY FC SSD SRL ERPR RUGBY REGGIO ASD ERRE POL. S.S. LAZIO RUGBY 1927 AD LARM G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA LARM CAMMI RUGBY CALVISANO S.S.D. ARL LOBS RUGBY VIADANA SRL SSD LOMN ESTRA R.C. I CAVALIERI SSD A R.L. TOPO RUGBY PETRARCA SRL S.D. VEPD VEA FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA SRL SSD VERO MOGLIANO RUGBY SSD ARL VETV M-THREE AMATORI RUGBY SAN DONA SSD ARL VEVE a FASE Girone unico a 12 squadre formula all Italiana e partite di andata e ritorno Art. 30/A Reg. Att. Sp. Le partite saranno programmate alle ore (orario invernale) e (orario estivo) secondo il planning allegato. La definizione dei singoli giorni di gara seguirà la pubblicazione del calendario definitivo del Rabodirect Pro 12 Al termine della prima fase le prime 4 squadre classificate del girone disputeranno una fase di play-off con semifinali e partite d andata e ritorno secondo quanto stabilito dall Art.30/B/ b Reg. Att. Sp. e secondo il seguente schema: SEMIFINALI 11 maggio /18 maggio 2013 (art.30/b/ b Reg. Att. Sp) 4 a classificata vs 1 a classificata = Vincente A 3 a classificata vs 2 a classificata = Vincente B La partita d andata si disputerà in casa della 4 a e della 3 a classificata. FINALE 25 maggio 2013 (gara unica in casa della meglio classificata regular season art. 30/ C/a Reg. Att. Sp) Vincente A vs Vincente B Alla Squadra vincitrice verrà assegnato il titolo di CAMPIONE D ITALIA ASSOLUTO. 10

11 RETROCESSIONE Dopo la stagione regolare la Squadra classificatasi al 12 posto, risulterà retrocessa e disputerà nella Stagione sportiva successiva il campionato di serie A girone 1. Nell ipotesi che al termine della prima fase si debba procedere alla retrocessione di una delle società con uguale somma di punti in classifica saranno osservati i criteri di cui all art. 30/A 3 comma Reg. Att. Sp. CALENDARIO Il Campionato si disputerà secondo il planning allegato. Date per eventuali recuperi: I recuperi verranno programmati il secondo mercoledì successivo alla data della mancata effettuazione della gara. Nel caso in cui il secondo mercoledì coincida con la settimana precedente ad un impegno di Coppe Europee di Club o di un raduno lungo della Nazionale il recupero verrà spostato al mercoledì immediatamente successivo. Qualora una delle Squadre italiane fosse impegnata nei Quarti di Finale e nelle Semifinali delle Coppe Europee, programmate per il fine settimana del 6 aprile e del 27 aprile 2013, le partite di campionato saranno posticipate al turno infrasettimanale al martedì/mercoledì successivo. Si comunica inoltre che: E fatto obbligo alle società di conservare in perfetta efficienza i campo di gioco con ogni mezzo disponibile (teloni protettivi ecc.) ed in particolare di provvedere allo sgombero della neve, fino a 48 ore prima dell orario previsto per l inizio della gara. Permit player Inoltre tenuto conto della concomitanza tra gli impegni della Nazionale, la Celtic League e il campionato di Eccellenza nelle giornate del 3/11 24/11 9/2 16/2 2/03 (calendario del Rabodirect Pro 12), nel caso in cui le società partecipanti alla Celtic League intenderanno utilizzare giocatori permit player (max due per ogni società), le società partecipanti al Campionato di Eccellenza non potranno aumentare il numero dei partecipanti di formazione estera. 3.2 TROFEO ECCELLENZA Le squadre partecipanti al Campionato di Eccellenza e che non hanno acquisito il diritto di partecipare alle COPPE EUROPEE disputeranno il TROFEO ECCELLENZA che si svolgerà nelle stesse date degli incontri della Manifestazione ERC. FASE REGULAR SEASON: I Gironi si giocheranno con formula all italiana e partite di andata e ritorno Art.30/A Regolamento Attività Sportiva Le partite saranno programmate la domenica pomeriggio alle ore (orario invernale) e (orario estivo) GIRONE 1 CROCIATI RUGBY FC SSD SRL M-THREE AMATORI RUGBY SAN DONA SSD ARL RUGBY PETRARCA SRL S.D. RUGBY VIADANA SRL SSD GIRONE 2 L'AQUILA RUGBY 1936 SSD RL POL. S.S. LAZIO RUGBY 1927 AD G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA RUGBY REGGIO ASD FINALE 23 febbraio 2013 (art. 30/C/c punto 1 Reg. Att. Sp.) La Finale verrà disputata con partita unica in campo neutro tra le due vincenti dei gironi. 11

12 3.3 CAMPIONATO SERIE A MASCHILE Data di inizio: 7 ottobre 2012 Squadre Partecipanti: 24 SERIE B UNA PROMOZIONE IN ECCELLENZA - QUATTRO RETROCESSIONI IN GIRONE 1 GIRONE 2 1 MODENA RUGBY CLUB ASD ERMO ASD RUGBY LYONS ERPC ROMAGNA R.F.C. SSD A R.L. ERRA ASD RUGBY UDINE 1928 FVUD UNIONE RUGBY CAPITOLINA ASD LARM SSD PRO RECCO RUGBY ARL LIGE RUGBY BRESCIA SSD S.R.L. LOBS ASD SAN GREGORIO CATANIA RUGBY SICT U.S.FIRENZE RUGBY 1931 ASD TOFI ACCADEMIA NAZIONALE TIRRENIA TOPI RUBANO RUGBY SRL SSD VEPD C.U.S. VERONA RUGBY ASD VEVR AVEZZANO RUGBY ASD ABAQ AMATORI PARMA RUGBY SOC COOP SD ERPR RUGBY COLORNO SOC.COOP.SPOR.DIL. ERPR CESIN CUS TORINO RUGBY ASD PITO ASD AMATORI RUGBY CAPOTERRA SACA NOVACO AMATORI RUGBY ALGHERO ASD SASS CLUB AMATORI SPORT CATANIA ASD SICT C.U.S. PADOVA RUGBY ASD VEPD ASD AMATORI RUGBY BADIA VERO ASD RUGBY PAESE VETV RANGERS RUGBY VICENZA ASD VEVI RUGBY CLUB VALPOLICELLA ASD VEVR Il Campionato Nazionale di Serie A nella stagione sportiva 2012/2013 avrà la seguente struttura. FASE REGULAR SEASON: I Gironi si giocheranno con formula all italiana e partite di andata e ritorno Art.30/A Regolamento Attività Sportiva Le partite saranno programmate la domenica pomeriggio alle ore (orario invernale) e (orario estivo). Al termine della regular season le squadre classificate al 1, 2 e 3 posto del girone 1 e la squadra 1 a classificata del girone 2 disputeranno le semifinali incontrandosi in partite di andata e ritorno, con formula ad eliminazione diretta, art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva. SEMIFINALI (partite andata /ritorno) 19/ 26 maggio 2013 (art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva) 1 a classificata Girone 2 vs 1 a classificata Girone 1 = vincente A 3 a classificata Girone 1 vs 2 a classificata Girone 1 = vincente B Le partite di andata si disputeranno in casa della 1 a classificata Girone 2 e della 3 a classificata Girone 1 FINALE 2 giugno 2013 Le vincenti della fase semifinali disputeranno la FINALE TITOLO (campo neutro) A vs B = CAMPIONE D ITALIA SERIE A (promossa in Eccellenza) Qualora le squadre, dopo i tempi regolamentari, terminassero in parità, saranno osservati i criteri previsti dall Art.30/C/a. Regolamento Attività Sportiva 12

13 4 RETROCESSIONI E 2 PASSAGGI RETROCESSIONI DIRETTE (DUE SQUADRE) Al termine della prima fase le squadre che si classificheranno all 11 e al 12 posto in classifica del girone 2, saranno retrocesse direttamente e parteciperanno la stagione sportiva successiva al campionato di Serie B Nella ipotesi che al termine della prima fase, nella determinazione delle squadre da retrocedere, una o più società abbiano parità di punti in classifica, si osserveranno i criteri di cui all art. 30/A 3 comma Regolamento Attività Sportiva SPAREGGIO RETROCESSIONE (DUE SQUADRE) 19/ 26 maggio 2013 N.B. Tale programmazione potrebbe essere posticipata in caso di ulteriori spareggi finalizzati all identificazioni delle retrocessioni dirette (dal girone 2 alla serie B) di tante giornate quante sono le partite di spareggio necessarie. Per determinare le altre 2 (due) Squadre che retrocederanno in Serie B si procederà ad uno spareggio retrocessione: le squadre 9 a e 10 a classificate del girone 2 e le squadre classificatesi all 11 e 12 posto del girone 1 si incontreranno in partite (andata e ritorno), con formula ad eliminazione diretta, art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva secondo quanto stabilito dal seguente schema: 9 a classificata girone 2 vs 12 a classificata girone 1 = PERDENTE IN SERIE B 10 a classificata girone 2 vs 11 a classificata girone 1 = PERDENTE IN SERIE B (Le partite di andata si disputeranno in casa della 9 a classificata girone 2 e della 10 a classificata girone 2). Le squadre perdenti di questi spareggi, risulteranno retrocesse e parteciperanno nella stagione sportiva successiva al campionato di Serie B. PASSAGGI Le squadre classificatesi all 11 a e 12 a posto del girone 1 passeranno dal girone 1 al girone 2 o retrocederanno in serie B in base al risultato dello SPAREGGIO RETROCESSIONE. La squadra 2 a classificata del girone 2 passa in girone 1. La squadra 1 a classificata del girone 2 passerà al girone 1 se risulterà perdente alla FASE SEMIFINALE/FINALE CALENDARIO Il Campionato si disputerà nelle date indicate nel planning allegato al presente documento. 13

14 3.4 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE B Data di inizio: 7 ottobre 2012 Squadre partecipanti: 48-4 PROMOZIONI IN SERIE A - 8 RETROCESSIONI IN SERIE C GIRONE 1 C.U.S. GENOVA RUGBY ASD LIGE RUGBY ROVATO ASD LOBS ASD RUGBY LECCO LOLC RUGBY UNION 96 ASD LOMI RUGBY GRANDE MILANO ASD LOMI RUGBY PARABIAGO ASD LOMI ASD RUGBY MILANO LOMI RUGBY SONDRIO SOC.COOP.DIL. ARL LOSO ASS. POL. DIL. RUGBY ALESSANDRIA PIAL ASD ASTI RUGBY 1981 PIAT ASD BIELLA RUGBY CLUB PIBI VII RUGBY TORINO ASD PITO GIRONE 3 TXT CUS FERRARA RUGBY ASD ERFE ASD RUGBY BASSA BRESCIANA LENO LOBS VALSUGANA RUGBY PADOVA ASD VEPD FULVIA TOUR R. VILLADOSE 76 ASD VERO RUGBY CONEGLIANO ASD VETV DOPLA RUGBY CASALE ASD VETV RUGGERS TARVISIUM ASD VETV ASD VILLORBA RUGBY VETV LYONS RUGBY VENEZIA MESTRE ASD VEVE ASD JESOLO RUGBY VEVE RUGBY MIRANO 1957 ASD VEVE B.B.M. RUGBY BASSANO ASD VEVI GIRONE 2 RENO RUGBY BOLOGNA ASD ERBO PIACENZA RUGBY PROPAGANDA ASD ERPC RUGBY NOCETO FC SOC.COOP. S.D. ERPR ASD RUGBY VITERBO LAVT ASD PESARO RUGBY MAPU VASARI RUGBY AREZZO ASD TOAR FIRENZE RUGBY CLUB ASD TOFI LIVORNO RUGBY SSD S.R.L. TOLI RUGBY CLUB EMERGENTI CECINA ASD TOLI ASD UNION RUGBY TIRRENO TOLI UNIONE RUGBY PRATO SESTO SSD ARL TOPO C.U.S. PERUGIA RUGBY ASD UMPG GIRONE 4 ASD GRAN SASSO RUGBY ABAQ HELIANTIDE S.GIORGIO R. REGGIO CALABRIA ASD CARC MIWA ENERGIA US RUGBY BENEVENTO ASD CMBN GLADIATORI SANNITI ASD CMBN A.P. PARTENOPE RUGBY ASD CMNA ASD ARIETI RUGBY RIETI LARI ASD C.U.S.ROMA RUGBY LARM PRIMAVERA RUGBY ASD LARM RUGBY F.C. SEGNI ASD LARM SSD COLLEFERRO RUGBY 1965 A.R.L. LARM RUGBY CITTA' DI FRASCATI SSD A.R.L. LARM ASD PALERMO RUGBY CLUB 2005 SIPA a FASE 4 gironi a 12 squadre, con formula all italiana e partite di andata e ritorno (art.30/a Regolamento Attività Sportiva) Le partite saranno programmate la domenica pomeriggio, alle ore (orario invernale) e (orario estivo) QUATTRO PROMOZIONI IN SERIE A Al termine della prima fase, le squadre classificate al 1 e 2 posto in classifica di ogni girone si incontreranno tra di loro con formula ad eliminazione diretta e partite di andata e ritorno art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva, secondo il seguente schema: FASE FINALE 26 Maggio/2 giugno a classificata GIRONE 1 vs 1 a classificata GIRONE 2 2 a classificata GIRONE 2 vs 1 a classificata GIRONE 1 2 a classificata GIRONE 3 vs 1 a classificata GIRONE 4 2 a classificata GIRONE 4 vs 1 a classificata GIRONE 3 Le partite di andata si disputeranno in casa delle squadre seconde classificate LE QUATTRO SQUADRE VINCENTI SARANNO PROMOSSE IN SERIE A GIRONE 2. Questi abbinamenti seguono il criterio di alternanza già stabilito nella stagione sportiva 2005/2006: 2011/ / /2014 Girone 1 Vs Girone 3 Girone 1 Vs Girone 2 Girone 1 Vs Girone 4 Girone 2 Vs Girone 4 Girone 3 Vs Girone 4 Girone 2 Vs Girone 3 Dalla stagione 2014/2015 si ricomincerà come da schema 2011/

15 OTTO RETROCESSION1 IN SERIE C Le squadre classificatesi all 11 e 12 posto in classifica di ciascun girone saranno retrocesse e disputeranno la stagione sportiva successiva il campionato di Serie C. Nella ipotesi che al termine della prima fase si debba procedere alla retrocessione di una delle società con uguale somma di punti in classifica saranno osservati i criteri di cui all art. 30/A 3 comma Regolamento Attività Sportiva. CALENDARIO Il Campionato si disputerà nelle date indicate nel planning allegato al presente documento. 15

16 4 CAMPIONATI REGIONALI STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Si ricorda che per il riconoscimento ai fini sportivi è necessario terminare tutte le fasi previste dal campionato che non potrà prevedere meno di 14 gare. In caso di riduzione del numero delle squadre nei gironi al di sotto delle 8 partecipanti, il comitato dovrà organizzare una Fase Suppletiva Obbligatoria. Ai soli fini della obbligatorietà, per non far gravare sulla Società adempiente le conseguenze del comportamento altrui, si considerano nel numero delle gare validamente disputate dalla Società, le partite giocate con Società che si è successivamente ritirata dal Campionato. Requisiti per la promozione, per la partecipazione alle fasi finali e per le Fasi Area Serie C Tutte le società (sia partecipanti ai Gironi Regionali che ai Gironi Elite) potranno concorrere alla promozione e/o a tutti i passaggi previsti per accedere alle fasi finali nazionali, solo se in regola con l assolvimento dell obbligatorietà e in particolare per l attività U.14 devono avere disputato 11 concentramenti validi al 15 aprile Comunque tutte le squadre, sia le promozioni dirette che le finaliste della Fase Nazionale, dovranno aver completato l attività under 14, con 14 concentramenti validi, spalmati in 6 mesi prima della data di inizio della Fase Nazionale di categoria. Partecipazione doppie o triple squadre under 20 senza liste separate. In considerazione dell opportunità di poter utilizzare i giocatori, nell una o nell altra squadra, alle fasi finali, così come determinate dal C.F., potrà accedere solo con una delle due squadre partecipanti allo stesso Campionato e potranno essere utilizzati tutti i giocatori indipendentemente dalla lista di appartenenza. Pertanto la seconda squadra della stessa Società, sia che entrambe abbiano partecipato ai Gironi Territoriali, sia che abbiano partecipato l una ad un Girone Territoriale e l altra ad un Girone Elite, non potrà prendere parte alle Fasi Finali Interregionali. Partecipazione doppie o triple squadre campionati giovanili. Si ricorda che il numero di tesserati per iscrivere 3 squadre ai campionati giovanili, dovrà essere di minimo 70 giocatori e che le modalità di partecipazione devono rispettare quanto previsto dalla normativa per le doppie squadre. 16

17 4.1 SERIE C Iscrizione entro 10 luglio 2012 Inizio entro 14 ottobre 2012 Termine 02 giugno 2013 Attività suddivisa in 4 Aree Area 1 (CIV): Girone Elite (10/12) e Gironi Regionali Area 2 (Lombardia): Girone Elite (10/12) e Gironi Regionali e Sardegna Area 3 (Emilia Romagna): Girone Elite (10/12) e Gironi Regionali Area 4 (Lazio): Gironi Regionali e/o Interregionali 8 Promozione in Serie B Ogni Area attraverso i Gironi Elite e/o la Fase Area (solo Area 4) esprime una Promozione diretta (quattro) e due Finaliste Nazionali (otto): le 1 e classificate dei Gironi Elite (Area 1 2 3) e la Vincente (1 a classificata) dell Area 4 saranno promosse direttamente in serie B. le altre 4 promozioni saranno le società vincenti della FASE NAZIONALE SERIE C - GIRONI ELITE 3 Aree Comitati Organizzatori: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna Squadre partecipanti per Area: 10/12 squadre (18/22 partite) Possono partecipare le società che hanno già partecipato al campionato nella s.s. precedente e che abbiano chiara dimostrazione (storico, iscrizione ai Campionati, n. tesserati sufficienti all inizio del campionato) della possibilità di assolvere all obbligatorietà e che non abbiano riportato punti di penalizzazione relativamente alla s.s. dell anno precedente. RANKING Identificazione delle migliori dieci/dodici squadre mediante il ranking della stagione precedente: retrocesse serie B perdenti Fase Nazionale perdente finale Fase Area squadre classificate dal 4 al 10 posto nel Girone Elite vincente semifinale Fase Area squadre classificate all 11 e al 12 posto nel Girone Elite perdenti semifinali Fase Area FASE GIRONI Inizio: entro il 14 Ottobre 2012 Termina: non prima del 5 maggio 2013 La prima classificata di ciascun Girone Elite è promossa direttamente in serie B. Le seconde accedono alla FASE NAZIONALE. Le terze classificate di ogni Girone Elite accederanno alla Finale FASE AREA (gara unica il 19 maggio 2013) FASE AREA Qualora la società avente diritto non rispetti i requisiti previsti per l obbligatorietà (11 concentramenti under 14 al 15 aprile 2013), il CRO può ammettere al massimo fino alla 3 a classificata e non oltre. Termina il 19 Maggio 2013: spareggio tra le 3 a dei Gironi Elite vs le 1 a dei Gironi Regionali 17

18 FASE NAZIONALE 26 maggio / 02 giugno 2013 Entro il 20 maggio 2013 i Comitati devono comunicare le finaliste. Partecipano alla Fase Nazionale le Vincenti di ogni FASE AREA vs le 2 a dei Gironi Elite con partite di Andata e Ritorno. L andata in casa delle squadre Vincenti Fase Area che si incontreranno secondo il seguente schema: Vincente Area 2 vs 2 a Girone Elite Area 1 = A Vincente Area 1 vs 2 a Girone Elite Area 2 = B 3 a Girone Finale Area 4 vs 2 a Girone Elite Area 3 = C Vincente Area 3 vs 2 a Girone Finale Area 4 = D Le vincenti A B C D saranno promosse in serie B. SERIE C - GIRONI REGIONALI/INTERREGIONALI FASE A GIRONI Ogni comitato organizza uno o più gironi a livello regionale/interregionale minimo a 8 squadre (laddove non è possibile raggiungere questi numeri si potranno accorpare squadre delle regioni limitrofe). Comitati organizzatori Referenti: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio Iscrizione : 10 luglio 2012 Inizio campionato : entro il 14 ottobre 2012 Termine fase regionale : 21 aprile 2013 Presentazione della propria organizzazione del campionato per l approvazione alla C.T.F. entro il 27 luglio 2012 FASE AREA (Area 1 2 3) Presentazione Fase Area: 01 Ottobre 2012 Inizio: 28 aprile 2013 Termina: 19 maggio 2013 (Finale Area) Entro il 12 maggio 2013 i Comitati devono comunicare le finaliste che parteciperanno alla FINALE AREA I presidenti dei Comitati, insieme ai responsabili FIR, organizzano la Fase di Area tenendo conto delle disposizione federali e del numero delle squadre realmente partecipanti all attività regionale SPAREGGIO AREA 1, AREA 2, AREA 3: la 3 a Girone Elite vs la VINCENTE FASE AREA (1 a Girone/i Regionale) FASE AREA (Area 4) Presentazione Fase Area: 01 Ottobre 2012 Inizio: 21 aprile 2013 Termina: 19 maggio Turno (Quarti di Finale FASE AREA) aprile 2013 (gare di andata e ritorno) Tra le otto squadre vincenti i Gironi Regionali dell Area 4 Gli abbinamenti saranno determinati per sorteggio. 2 Turno (Semifinali FASE AREA) 05 maggio 2013 (gara unica) Tra le quattro squadre Vincenti del 1 Turno Gli abbinamenti saranno determinati in base all art. 30, tenuto conto dei risultati del 1 turno (1^ - 4^ ; 2^ - 3^) Si giocherà in casa della meglio classificata del 1 Turno 3 Turno (Finali FASE AREA ) maggio 2013 (gara andata e ritorno) Finale 1-2 posto tra la Vincente S1 e la Vincente S2 (la prima in casa della peggio piazzata al termine del 1 turno) Al termine la Vincente è Promossa diretta in Serie B , mentre la perdente si qualifica alle Finali Nazionali come 2^ classificata dell Area 4 18

19 Finale 3-4 posto tra la Perdente S1 e la Perdente S2 (la prima in casa della peggio piazzata al termine del 1 turno) Al termine la squadra Vincente si qualifica alle Finali Nazionali come 3^ classificata dell Area UNDER 23 Iscrizione entro il 10 luglio 2011 Inizio 14 ottobre 2012 Termine 05 maggio 2013 Partecipano i nati dal 1990 al 1994 Possono essere inseriti in lista gara max 5 giocatori fuori quota (nati prima del 1990) Possono partecipare esclusivamente squadre di società che disputano un campionato seniores nazionale o regionale (Eccellenza, A, B e C) Non è richiesta alcuna obbligatorietà Non possono partecipare giocatori di formazione straniera. Valutando le partecipazioni si formeranno Gironi Regionali o Interregionali, la C.O. sarà a cura dei Comitati Regionali Si applicherà il regolamento di gioco seniores Saranno applicate le sanzioni per ritiri e rinunce a gara della serie C Al termine dei Gironi Regionali/Interregionali si disputerà una Fase Finale FASE FINALE Ogni Area individuerà entro il 14 aprile 2013 la squadra Vincente Area qualificata per le semifinali nazionali. Semifinali (andata/ritorno aprile 2013) Vincente Area 1 vs Vincente Area 2 = S1 Vincente Area 3 vs Vincente Area 4 = S2 Per determinare la squadra che giocherà la partita di andata in casa si procederà ad un sorteggio Finale: (gara unica campo neutro 05 maggio 2013) Vincente S1 vs Vincente S2 19

20 4.3 UNDER 20 Possono partecipare i giocatori nati nel 1995/1996, con la possibilità di inserire in lista gara fino ad un massimo di 8 giocatori nati nel 1994 Nel caso la Società per tre volte, anche non consecutive, utilizza un numero maggiore di giocatori nati nel 1994, fatte salve le sanzioni irrogate per ciascuna gara, sarà dichiarata esclusa dal Campionato. Nel caso di contemporaneità tra gare di campionato e attività internazionali che interessi giocatori degli anni 1995 e 1996, il numero dei giocatori nati nel 1994, può essere incrementato di tante unità pari al numero di convocati a tale attività. L attività verrà organizzata su due livelli meritocratici: un Girone Elite ad 8 squadre per ognuna della 4 Aree Gironi Regionali/Interregionali ad 8/10 squadre I Gironi Regionali devono obbligatoriamente giocare almeno 14 gare nelle stesse giornate di programmazione del Girone Elite NON SI DISPUTA FASE DI QUALIFICAZIONE La Composizione dei Gironi Elite sarà regolata dai passaggi tra i due livelli determinati alla fine della stagione sportiva 2011/2012 A cura dei Comitati Organizzatori sarà effettuata una verifica del numero dei tesserati prima dell inizio del campionato. GIRONI ELITE 4 AREE La prima classificata di ogni girone Elite vince il relativo TROFEO Comitati Organizzatori: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio Partecipanti per Area: 8 squadre (14 partite). Le prime sei classificate, del Girone Elite e le due Vincenti della Fase Area ( Area e 4) dell anno 2011/2012, sono qualificate di diritto al Girone Elite In caso di rinuncia di un avente diritto, il suo posto sarà assegnato alla società migliore classificata della Fase Interregionale nella stagione sportiva FASE A GIRONI Inizio: entro 07 Ottobre 2012 L iscrizione deve pervenire ai C.R. e alla F.I.R. entro e non oltre il 15 luglio 2012 La 7^ e l 8^ classificata del Girone Elite passano ai Gironi Regionali per la s.s FASE NAZIONALE Inizio: 28 aprile 2013 Girone A all italiana (6 giornate) Partecipano le prime due classificate del Girone Elite AREA 1 e le prime due classificate del Girone Elite AREA 2 Girone B all italiana (6 giornate) Partecipano le prime due classificate del Girone Elite AREA 3 e le prime due classificate del Girone Elite AREA 4 Finale: 09 giugno 2013 la 1 a classificata di ognuno dei due gironi disputeranno la finale in gara unica in campo neutro Vincente Girone A vs Vincente Girone B La squadra vincitrice si aggiudicherà il Titolo di Campione d Italia Juniores 20

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A G I U O C O H A N D B A L L P a l l a m a n o AREA TERRITORIALE LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA - VENETO - FRIULI V. G. Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE SOCIETA' C.R PUNT. M AURELIA LAZ 12013 TEAM LOMBARDIA LOM 11726 PLAIN TEAM VENETO VEN 11487 GESTISPORT COOP LOM 11355 TEAM INSUBRIKA LOM 11323 ANIENE LAZ 11202 TEAM NUOTO TOSCANA EMPOLI TOS 11014 DDS LOM

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana Campionati Regionali Giovanili Comitato Regionale Toscana Arezzo, 9-6-2013 Lista iscritti alle gare Campionati Regionali Giovanili Partecipanti 1-30/59 N.Tess... Giocatore NS. Cod.soc. Societa SMG SFG

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit HandBike Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia HandBike info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it 0001 67047 1 marzo Treviso Gara Nazionale

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

XXIX CAMPIONATO AMATORI A.S. 2014/15

XXIX CAMPIONATO AMATORI A.S. 2014/15 XXIX CAMPIONATO AMATORI A.S. 2014/15 CALENDARIO FASI FINALI PLAY-OFF PLAY-OUT FASI FINALI PLAY-OFF GIRONE A QUARTOPUNTO ZERO NEW KINGS 28/4/15 20,45 QUARTO Martedì CAPO HORN -A.FELICE- INTERPUTEOLANA M.P

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

1 von 6 04.02.2012 18:49

1 von 6 04.02.2012 18:49 1 von 6 04.02.2012 18:49 Serie A Calendario Classifica Statistiche Squadre Alleghe Asiago Bolzano Cortina Fassa Pontebba Ritten Sport Valpellice Val Pusteria Vipiteno Serie A2 Classifica A2 Serie C Serie

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it Cod fatt k 0001 ID fatt k 67047 1 marzo Treviso Gara

Dettagli

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA.

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA. CENTRO SPORTIVO ITALIANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI P A R M A P.le Matteotti, 9-43100 PARMA Telefono 0521281226-0521289870 Fax 0521.236626 e-mail: csi@csiparma.it web: www.csiparma.it

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli