COMUNICATO FEDERALE N. 1 STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Settore tecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICATO FEDERALE N. 1 STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Settore tecnico"

Transcript

1 Prot. n Roma, 3 agosto 2012 COMUNICATO FEDERALE N. 1 STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Settore tecnico 1 DECISIONI DEL CONSIGLIO FEDERALE CESSIONE TITOLI SPORTIVI FUSIONI SOCIETÀ SPORTIVE VARIAZIONI DENOMINAZIONI SOCIALI NUOVE AFFILIAZIONI STRUTTURA TECNICA FEDERALE DELEGHE S.S. 2011/ DOPPIA SEGNATURA CAMPI SINTETICI RIEPILOGO ATTIVITA AGONISTICA S. S. 2011/ CAMPIONATO NAZIONALE ECCELLENZA TROFEO ECCELLENZA CAMPIONATO SERIE A MASCHILE CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE CAMPIONATO DI SERIE B CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE C CAMPIONATO UNDER CAMPIONATO UNDER COPPA ITALIA FEMMINILE A 7 SENIORES TROFEO INTERREGIONALE U.16 FEMMINILE CAMPIONATI STAGIONE SPORTIVA 2012/ CAMPIONATO DI ECCELLENZA TROFEO ECCELLENZA CAMPIONATO SERIE A MASCHILE CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE B CAMPIONATI REGIONALI STAGIONE SPORTIVA 2012/ SERIE C UNDER UNDER UNDER LINEE GUIDA FEDERALI PER ATTIVITÀ UNDER LINEE GUIDA FEDERALI PER ATTIVITÀ UNDER

2 1 DECISIONI DEL CONSIGLIO FEDERALE 1.1 CESSIONE TITOLI SPORTIVI Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti cessioni dei titoli sportivi: SOCIETA CESSIONARIA SOCIETA CEDENTE TITOLO Nuova Amatori Rugby Badia ASD Rugby Badia Asd Serie A Nuova Amatori Parma Rugby Soc. Coop S.D Amatori Parma Rugby ASD Serie A neo Prom. Nuova Rugby Villadose 76 ASD ASD Rugby Villadose 1976 Serie B Nuova Rugby Città di Frascati SSD A.r.l ASD Frascati Mini Rugby 2001 Serie B Reno Rugby Bologna Unione Rugby Bolognese ASD Serie B Unione Rugby Capitolina ASD Unione Rugby Capitolina SSD Srl Serie A ASD Rugby Udine Udine Rugby F.C. ASD Serie A 1.2 FUSIONI SOCIETÀ SPORTIVE Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti fusioni di società sportive: SOCIETÀ INCORPORATA SOCIETÀ INCORPORANTE POSIZIONE SPORTIVA Codice Denominazione Codice Denominazione ASD Villaggio Lucca Nuova ASD Rugby Lucca Rugby Rovigo Junior ASD ASD Monti Rugby Rovigo FUSIONE TRA SOCIETÀ NUOVO SOGGETTO Denominazione Denominazione Lyons Venezia Mestre R. ASD Junior Rugby Venezia Lyons Rugby VeneziaMestre ASD 1.3 VARIAZIONI DENOMINAZIONI SOCIALI Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti variazioni di denominazione sociale: CODICE DA (denominazione sociale) A (nuova denominazione sociale) ASD RUGBY STRONCONE ASD ISTRICI RUGBY STRONCONE ASD RUGBY SERIATE ASD RUGBY ORIO ASD UNIONE R. SANNIO JUNIOR ASD BERSAGLIERI SANNITI RUGBY S.E. UNGARETTI R. ASD I BRESCIANI RUGBY F.C. (perdendo il riconoscimento di Ente Scolatico) CAIMANI DEL SECCHIA R. ASD CAIMANI RUGBY JUNIOR ASD 1.4 NUOVE AFFILIAZIONI Il Consiglio Federale, preso atto delle richieste pervenute e della regolarità della documentazione prodotta, ha approvato le seguenti Nuove affiliazioni di società sportive: C:R CALABRO RENDE ET TIRRENUS MASTINI RUGBY CLUB Cosenza C.R, CAMPANO RUGBY PIRATI DI NISIDA ASD Quarto (NA) RUGBY NAPOLI ASD Napoli ASD SPORTING C. AMALFITANO RUGBY Napoli ASD ARECHI RUGBY Salerno ASD EAGLES RUGBY CIMITILE Cimitile (NA) C.R, EMILIA ROMAGNA AMATORI PARMA R. SOC. COOP S.D. Parma Acquisisce il titolo sportivo della Amatori Parma Rugby ASD F 2

3 HIGHLANDERS FORMIGINE R.C. ASD Formigine (MO) MISANO RUGBY A.S.D. Misano (RN) MAGI ART RUGBY A.S.D. ONLUS Pieve di Cento (BO) REBELS RUGBY JUNIOR FORMIGINE ASD Formigine (MO) C.R. LAZIO NERONIANA RUGBY CLUB 1974 ASD Anzio (RM) COMPAGNIA CANTANTE BEACH R. TEAM ASD Roma RUGBY CITTA DI FRASCATI Frascati (RM) ATHENA CLUB LIBERTAS ASD Sant Ambrogio sul GaRIGLIANO (FR) C.R. LIGURIA A.S.D. MINI RUGBY LE API MELE Mele (GE) C.R.LOMBARDIA RAPTORS VALCAVALLINA R. ASD Trescore Balneario (BG) GRANDE BRIANZA RUGBY ASD Vedano al Lambro (MB) GUSSAGO SEVEN ASD Gussago (BS) RUGBY LIVIGNO ASD Livigno (SO) ASD RUGBY GERUNDI Merlino (LO) FALCHI VIGEVANO RUGBY ASD Gambolò (PV) RIVERS RUGBY A.S.D. Orio al Serio (BG) C.R.MARCHE ASD CANGURI RUGBY JUNIOR PESARO Pesaro ASD JUNIOR RUGBY JESI IESI (AN) C.R.PIEMONTE ASD ORBASSANO RUGBY F.C. Orbassano (TO) RUGBY PIEMONTE ASD Biella (PI) BULLDOG RUGBY CLUB ASD SAluggia (VC) VALLEDORA RUGBY 1960 ASD Alpignano (TO) C.R.TOSCANO ASD RUGBY LUCCA Lucca ISOL8 RUGBY CLUB ASD FIRENZE RUGBY ETRUSCHI LIVORNO SENIOR ASD Livorno RUGBY CLANIS CORTONA ASD Cortona (AR) C.R. PUGLIA & (Basilicata) ZEROTTOZERO RUGBY CLUB Putignano (BA) ASD FALCHI RUGBY Santeramo in Colle (BA) ASD OMNIA BITONTO Bitonto (BA) KHEIRON ACADEMY RUGBY FRANCAVILLA Francavilla Fontana (BR) RUGBY IST.COMP.L. SINISGALLI ASD Potenza (PZ) ASSUD RUGBY DIVISION ASD Lavello (PZ) C.R. SICILIA ALGORITMO POSEIDON ASD Messina La Soc. Neroniana Anzio R. già nostra affiliata ha dichiarato che non si riaffilia (Acquisisce il titolo sportivo della ASD Frascati Minirugby 2001) (Fusione con la Soc. ASD Villaggio Lucca) 3

4 C.R. UMBRIA S.S.D. RUGBY STRONCONE S.r.l. Stroncone (TR) C.I. DELLE VENEZIE AMATORI RUGBY BADIA ASD Badia (RO) RUGBY VILLADOSE 76 ASD Villadose LYONS RUGBY VENEZIAMESTRE ASD Venezia SELVAZZANO RUGBY F.C. ASD Selvazzano Dentro ASS. POL. DIL. VALDAGNO Valdagno (VI) ASD ROSOLINA RUGBY Rosolina (RO) (Acquisisce il titolo sportivo della Soc. Rugby Badia ASD) Acquisisce il titolo sportivo della Soc. ASD Rugby Villadose) (Fusione delle Soc.m Lyons Venezia e Junior R. Venezia) 1.5 STRUTTURA TECNICA FEDERALE Il Consiglio Federale ha nominato i seguenti tecnici nazionali per la s.s. 2012/13 Struttura Tecnica - organizzativa Squadre Nazionali e Accademie Allenatori Manager Preparatore Nazionale Maggiore Brunel Berot Troiani L. Marco Responsabile Nazionale Emergenti Orlandi Sgorlon A. De Marigny Vernieri Nazionale U. 20 Guidi Bot Duodo A. Vigna Nazionale U. 18 Roselli Ambrosini Garbin Nazionale U. 17 Brunello Grassi Romagnoli Nalin Coordinatore Tecnico Alto Livello Juniores Orlandi Accademia di Tirrenia De Marigny Bot Donatiello Biondi Della Ceca Accademia di Mogliano Brunello Sgorlon A. Ambrosini Vigna Accademia di Parma Romagnoli Doussy Cavatorti Garbin Accademia di Roma Roselli Grassi Pratichetti O. Vernieri 4

5 1.6 DELEGHE S.S. 2011/12 Il Consiglio Federale, preso atto della documentazione pervenuta e tenuto conto che il rapporto tra le società è consolidato negli anni, ha accolto l istanza della società UNION RUGBY CLUB TIRRENO per la concessione della delega alla società ASD RUGBY ETRURIA PIOMBINO, non presentata per mera dimenticanza entro i termini normativi. CODICE SOCIETA' DELEGANTE CODICE SOCIETA' DELEGATA SERIE B UNDER 16 UNDER 14 TOLI UNION RUGBY CLUB TIRRENO TOLI ASD RUGBY ETRURIA PIOMBINO X X 1.7 DOPPIA SEGNATURA CAMPI SINTETICI Il Consiglio Federale, preso atto della proposta presentata dalla CTF per la doppia segnatura dei campi da gioco in erba sintetica, tenuto conto del parere favorevole espresso dalla Commissione stessa con la limitazione di riservare tale autorizzazione solo per i campi polivalenti già esistenti, delibera di permettere la doppia segnatura dei terreni di gioco in erba sintetica solo per le strutture polivalenti e che quindi non abbiano ricevuto contributi dalla FIR per la realizzazione di nuovi campi destinati esclusivamente al gioco del Rugby. 5

6 2 RIEPILOGO ATTIVITA AGONISTICA S. S. 2011/2012 TITOLI - PROMOZIONI - RETROCESSIONI A conclusione dell attività sportiva 2011/2012, visti i risultati sul campo e le relative omologazioni del Giudice Sportivo, si riporta di seguito il quadro riassuntivo dei titoli, delle promozioni e delle retrocessioni dei Campionati e Tornei federali. 2.1 CAMPIONATO NAZIONALE ECCELLENZA SQUADRE PARTECIPANTI: 10 Ha conseguito il Titolo di campione d'italia assoluto la società CAMMI RUGBY CALVISANO ARL Risulta retrocessa al Campionato di serie A girone 1 la società ASD SAN GREGORIO CATANIA RUGBY. Risultano qualificate per le COPPE EUROPEE nella stagione sportiva 2012/2013 le seguenti società: CAMMI RUGBY CALVISANO ARL - C. I CAVALIERI SSD A R.L. - MOGLIANO RUGBY SSD ARL - FEMI-CZ VEA RUGBY ROVIGO DELTA 2.2 TROFEO ECCELLENZA Ha vinto l edizione 2011/2012 la società CAMMI RUGBY CALVISANO ARL 2.3 CAMPIONATO SERIE A MASCHILE SQUADRE PARTECIPANTI: 24 1 PROMOZIONE Ha conseguito il Titolo di campione d'italia per la Serie A la società M THEREE RUGBY SAN DONA e pertanto parteciperà nella prossima stagione sportiva 2012/2013 al Campionato di ECCELLENZA. 4 RETROCESSIONI 2 (DUE) Retrocessioni Dirette: ASD RUGBY MILANO (11^ girone 2) - GLADIATORI SANNITI ASD (12^ girone 2) 2 (DUE) Retrocessioni dopo lo Spareggio Retrocessioni: RUGBY GRANDE MILANO ASD ( 11^ girone 1) - LIVORNO RUGBY SSD SRL ( 12^ girone 1) PASSAGGIO DAL GIRONE 2 AL GIRONE 1 Passano dal Girone 2 al Girone 1 della serie A: UNIONE RUGBY CAPITOLINA (1^ girone 2) - ROMAGNA R. F.C. SSD ARL (2^ girone 2) 2.4 CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE Ha acquisito il titolo di Campione d'italia Femminile la società ASD RIVIERA DEL BRENTA 2.5 CAMPIONATO DI SERIE B SQUADRE PARTECIPANTI: 48 4 PROMOZIONI Risultano promosse in Serie A girone 2 le 4 società: CUS PADOVA RUGBY ASD RUGBY COLORNO SOC. COOP. S.D. RANGERS RUGBY VICENZA AMATORI PARMA RUGBY ASD 8 RETROCESSIONI Risultano retrocesse al Campionato Serie C le seguenti società classificate all 11 e 12 posto in classifica di ciascun girone di serie B: 11^ GIRONE 1 = ASD RUGBY LUMEZZANE 12^ GIRONE 1 = RITIRATA AMATORI MILANO 2008 SRL ASD 11^ GIRONE 2 = ASD CIVITAVECCHIA RUGBY CENTUMCELLAE 12^ GIRONE 2 = IMOLA RUGBY ASD 11^ GIRONE 3 = ASD RUGBY BELLUNO 12^ GIRONE 3 = RUGBY MANTOVA 11^ GIRONE 4 = POL. AMATORI MESSINA 12^ GIRONE 4 = RITIRATA NERONIANA RUGBY ANZIO ASD 6

7 2.6 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE C SQUADRE PARTECIPANTI: 254 AREA 1: REFERENTE: C.I.V. CIV/SARDEGNA 1 girone elite (9 squadre) + 3 gironi civ (24 squadre - 8 squadre ciascuno) + 1 girone sardo (5 squadre di cui 2 squadre U.23) fase suppletiva terminata con 14 gare = 38 SQUADRE AREA 2: REFERENTE CR LOMBARDIA LOMBARDIA/PIEMONTE/LIGURIA 1 girone elite (12 squadre ) + 2 girone interregionali (18 squadre C.O: 9 Lombardia + 9 Piemonte) + 3 gironi territoriali lombardi (27 squadre 9 ciascuno) + 1 girone territoriale piemontese (10 squadre) + 1 girone territoriale ligure (8 squadre) = 75 SQUADRE AREA 3: REFERENTE CR EMILIA ROMAGNA EMILIA ROMAGNA/TOSCANA/MARCHE/UMBRIA 1 girone elite (10 squadre) + 1 girone regionale emilia romagna (11 squadre) + 3 gironi toscana ( 28 squadre: da 9 squadre) + 1 gironi marche (10 squadre) + 1 girone marche/umbria (10 squadre) = 69 SQUADRE AREA 4: REFERENTE CR LAZIO LAZIO/ ABRUZZO/CALABRIA/CAMPANIA/ PUGLIA/SICILIA 2 gironi lazio (21 squadre ) + 1 girone abruzzo (9 squadre) + 1 girone campania (11 squadre) + 2 gironi puglia (16 squadre: 8 ciascuno) + 2 gironi sicilia (15 squadre fase suppletiva termina con 14 gare) = 72 SQUADRE AL TERMINE DEL CAMPIONATO RISULTANO PROMOSSE IN SERIE B : PROMOSSE DIRETTE AREA 1 CONEGLIANO RUGBY AREA 2 RUGBY UNION 96 AREA 3 FIRENZE RUGBY CLUB AREA 4 U.S. RUGBY BENEVENTO DOPO LE FASI FINALI NAZIONALI LYONS VENEZIA MESTRE RUGBY ASD B.B.M. RUGBY BASSANO ASD RUGBY VITERBO RUGBY CLUB EMERGENTI CECINA ASD 7

8 2.7 CAMPIONATO UNDER 20 SQUADRE PARTECIPANTI: 194 ASSEGNAZIONE TITOLO Ha acquisito il titolo di Campione d'italia Juniores la società = AMATORI PARMA RUGBY AREA 1: REFERENTE CIV CIV/SARDEGNA = 44 SQUADRE 1 girone elite (8 squadre) + 4 gironi civ (31 squadre - 3 composte da 8 squadre ciascuno + 1 da 7 squadre attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 girone sardo (5 squadre - fase suppletiva terminata con 14 gare) VINCE IL TROFEO SERENISSIMA PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: RUGBY PETRARCA SRL RUGBY ROVIGO JUNIOR VILLORBA RUGBY JUNIOR RUGBY VENEZIA CUS VERONA RUGBY AREA 2: REFERENTE CR LOMBARDIA LOMBARDIA/PIEMONTE/LIGURIA 1 girone elite (8 squadre) + 3 gironi territoriali lombardi (28 squadre 2 da da 10 squadre) + 1 girone territoriale piemontese (8 squadre) + 1 girone territoriale ligure (8 squadre) = 52 SQUADRE VINCE IL TROFEO DELLE ALPI PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: RUGBY VIADANA SRL VII RUGBY TORINO RUGBY ROVATO RUGBY BRESCIA CUS TORINO RUGBY AREA 3: REFERENTE CR EMILIA ROMAGNA EMILIA ROMAGNA/TOSCANA/MARCHE/UMBRIA = 47 SQUADRE 1 girone elite (8 squadre) + 2 gironi regionali emilia romagna ( 16 squadre 8 ciascuno) + 1 girone toscana + 1 toscana/umbria (15 squadre: 1 da da 5 squadre attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 girone marche/abruzzo (9 squadre) VINCE IL TROFEO DEGLI APPENNINI PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: AMATORI PARMA RUGBY RUGBY COLORNO SOC COOP LIVORNO RUGBY UNIONE RUGBY PRATO SESTO CUS PERUGIA RUGBY 8

9 AREA 4: REFERENTE CR LAZIO LAZIO/ ABRUZZO/CALABRIA/CAMPANIA/ PUGLIA/SICILIA = 51 SQUADRE 1 girone elite (8 squadre) + 2 gironi lazio di cui 1 lazio/abruzzo (15 squadre 1 da da 7 fase attività suppletiva termina con 14 gare ) + 1 girone campania (10 squadre) + 1 gironi calabria (5 squadre: fase attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 gironi puglia (6 squadre: fase attività suppletiva termina con 14 gare) + 1 gironi sicilia (8 squadre) VINCE IL TROFEO TRE MARI POL. SS LAZIO RUGBY 1927 PASSANO AL GIRONE ELITE S.S.2012/13: PASSANO AI GIRONI REGIONALI S.S. 2012/13: CUS ROMA RUGBY CUS CATANIA RUGBY AMATORI SPORT CATANIA US RUGBY BENEVENTO 2.8 CAMPIONATO UNDER 16 SQUADRE PARTECIPANTI: 231 A conclusione della FASE NAZIONALE risulta vincitrice del CAMPIONATO U.16 TROFEO MARIO LODIGIANI la società: BENETTON GROUP RUGBY TREVISO VINCE IL TROFEO SERENISSIMA VINCE IL TROFEO DELLE ALPI VINCE IL TROFEO DEGLI APPENNINI VINCE IL TROFEO TRE MARI BENETTON GROUP RUGBY TREVISO RUGBY VIADANA SRL SSD US FIRENZE 1931 ASD GHILBERT UNIONE RUGBY CAPITOLINA 2.9 COPPA ITALIA FEMMINILE A 7 SENIORES Trofeo assegnato alla società: POL. L AQUILA 2.10 TROFEO INTERREGIONALE U.16 FEMMINILE Al termine dei campionati regionali risulta vincitrice del TROFEO la società: ACCADEMY RUGBY NOCETO 9

10 3 CAMPIONATI STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Il Consiglio Federale, viste le risultanze dei Campionati stagione sportiva 2011/2012, le comunicazioni del Giudice Sportivo in merito alle promozioni, retrocessioni, nonché le iscrizioni e le rinunce ai campionati pervenute dalle società, ha deliberato la seguente struttura dei Campionati Nazionali per la stagione sportiva 2012/2013. RIPESCAGGI ECCELLENZA: Il Consiglio Federale, tenuto conto che il titolo sportivo di Benetton e Viadana è stato congelato al momento della loro ammissione alla Celtic League nella stagione sportiva 2010/11, tenuto conto della richiesta d iscrizione pervenuta al campionato di serie Eccellenza per la s.s. 2012/13 da parte della società Viadana, determinando così un numero dispari di squadre partecipanti al Campionato in oggetto, viene ripescata ( ai sensi dell art.30 reg. sportivo) la società G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA. SERIE A Tenuto conto del ripescaggio della società FIAMME ORO RUGBY nel Campionato di Eccellenza, vengono ripescate (ai sensi dell art.30 Reg. Att. sportiva) rispettivamente nel girone 1 e nel girone 2, le società : RUBANO RUGBY SRL SSD e CESIN CUS TORINO RUGBY ASD SERIE B A seguito dei precedenti ripescaggi, viene ripescata e inserita nel girone 3, la società: ASD RUGBY BASSA BRESCIANA LENO 3.1 CAMPIONATO DI ECCELLENZA Data di inizio: 22 settembre 2012 Squadre partecipanti: 12 1 L'AQUILA RUGBY 1936 SSD RL ABAQ CROCIATI RUGBY FC SSD SRL ERPR RUGBY REGGIO ASD ERRE POL. S.S. LAZIO RUGBY 1927 AD LARM G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA LARM CAMMI RUGBY CALVISANO S.S.D. ARL LOBS RUGBY VIADANA SRL SSD LOMN ESTRA R.C. I CAVALIERI SSD A R.L. TOPO RUGBY PETRARCA SRL S.D. VEPD VEA FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA SRL SSD VERO MOGLIANO RUGBY SSD ARL VETV M-THREE AMATORI RUGBY SAN DONA SSD ARL VEVE a FASE Girone unico a 12 squadre formula all Italiana e partite di andata e ritorno Art. 30/A Reg. Att. Sp. Le partite saranno programmate alle ore (orario invernale) e (orario estivo) secondo il planning allegato. La definizione dei singoli giorni di gara seguirà la pubblicazione del calendario definitivo del Rabodirect Pro 12 Al termine della prima fase le prime 4 squadre classificate del girone disputeranno una fase di play-off con semifinali e partite d andata e ritorno secondo quanto stabilito dall Art.30/B/ b Reg. Att. Sp. e secondo il seguente schema: SEMIFINALI 11 maggio /18 maggio 2013 (art.30/b/ b Reg. Att. Sp) 4 a classificata vs 1 a classificata = Vincente A 3 a classificata vs 2 a classificata = Vincente B La partita d andata si disputerà in casa della 4 a e della 3 a classificata. FINALE 25 maggio 2013 (gara unica in casa della meglio classificata regular season art. 30/ C/a Reg. Att. Sp) Vincente A vs Vincente B Alla Squadra vincitrice verrà assegnato il titolo di CAMPIONE D ITALIA ASSOLUTO. 10

11 RETROCESSIONE Dopo la stagione regolare la Squadra classificatasi al 12 posto, risulterà retrocessa e disputerà nella Stagione sportiva successiva il campionato di serie A girone 1. Nell ipotesi che al termine della prima fase si debba procedere alla retrocessione di una delle società con uguale somma di punti in classifica saranno osservati i criteri di cui all art. 30/A 3 comma Reg. Att. Sp. CALENDARIO Il Campionato si disputerà secondo il planning allegato. Date per eventuali recuperi: I recuperi verranno programmati il secondo mercoledì successivo alla data della mancata effettuazione della gara. Nel caso in cui il secondo mercoledì coincida con la settimana precedente ad un impegno di Coppe Europee di Club o di un raduno lungo della Nazionale il recupero verrà spostato al mercoledì immediatamente successivo. Qualora una delle Squadre italiane fosse impegnata nei Quarti di Finale e nelle Semifinali delle Coppe Europee, programmate per il fine settimana del 6 aprile e del 27 aprile 2013, le partite di campionato saranno posticipate al turno infrasettimanale al martedì/mercoledì successivo. Si comunica inoltre che: E fatto obbligo alle società di conservare in perfetta efficienza i campo di gioco con ogni mezzo disponibile (teloni protettivi ecc.) ed in particolare di provvedere allo sgombero della neve, fino a 48 ore prima dell orario previsto per l inizio della gara. Permit player Inoltre tenuto conto della concomitanza tra gli impegni della Nazionale, la Celtic League e il campionato di Eccellenza nelle giornate del 3/11 24/11 9/2 16/2 2/03 (calendario del Rabodirect Pro 12), nel caso in cui le società partecipanti alla Celtic League intenderanno utilizzare giocatori permit player (max due per ogni società), le società partecipanti al Campionato di Eccellenza non potranno aumentare il numero dei partecipanti di formazione estera. 3.2 TROFEO ECCELLENZA Le squadre partecipanti al Campionato di Eccellenza e che non hanno acquisito il diritto di partecipare alle COPPE EUROPEE disputeranno il TROFEO ECCELLENZA che si svolgerà nelle stesse date degli incontri della Manifestazione ERC. FASE REGULAR SEASON: I Gironi si giocheranno con formula all italiana e partite di andata e ritorno Art.30/A Regolamento Attività Sportiva Le partite saranno programmate la domenica pomeriggio alle ore (orario invernale) e (orario estivo) GIRONE 1 CROCIATI RUGBY FC SSD SRL M-THREE AMATORI RUGBY SAN DONA SSD ARL RUGBY PETRARCA SRL S.D. RUGBY VIADANA SRL SSD GIRONE 2 L'AQUILA RUGBY 1936 SSD RL POL. S.S. LAZIO RUGBY 1927 AD G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA RUGBY REGGIO ASD FINALE 23 febbraio 2013 (art. 30/C/c punto 1 Reg. Att. Sp.) La Finale verrà disputata con partita unica in campo neutro tra le due vincenti dei gironi. 11

12 3.3 CAMPIONATO SERIE A MASCHILE Data di inizio: 7 ottobre 2012 Squadre Partecipanti: 24 SERIE B UNA PROMOZIONE IN ECCELLENZA - QUATTRO RETROCESSIONI IN GIRONE 1 GIRONE 2 1 MODENA RUGBY CLUB ASD ERMO ASD RUGBY LYONS ERPC ROMAGNA R.F.C. SSD A R.L. ERRA ASD RUGBY UDINE 1928 FVUD UNIONE RUGBY CAPITOLINA ASD LARM SSD PRO RECCO RUGBY ARL LIGE RUGBY BRESCIA SSD S.R.L. LOBS ASD SAN GREGORIO CATANIA RUGBY SICT U.S.FIRENZE RUGBY 1931 ASD TOFI ACCADEMIA NAZIONALE TIRRENIA TOPI RUBANO RUGBY SRL SSD VEPD C.U.S. VERONA RUGBY ASD VEVR AVEZZANO RUGBY ASD ABAQ AMATORI PARMA RUGBY SOC COOP SD ERPR RUGBY COLORNO SOC.COOP.SPOR.DIL. ERPR CESIN CUS TORINO RUGBY ASD PITO ASD AMATORI RUGBY CAPOTERRA SACA NOVACO AMATORI RUGBY ALGHERO ASD SASS CLUB AMATORI SPORT CATANIA ASD SICT C.U.S. PADOVA RUGBY ASD VEPD ASD AMATORI RUGBY BADIA VERO ASD RUGBY PAESE VETV RANGERS RUGBY VICENZA ASD VEVI RUGBY CLUB VALPOLICELLA ASD VEVR Il Campionato Nazionale di Serie A nella stagione sportiva 2012/2013 avrà la seguente struttura. FASE REGULAR SEASON: I Gironi si giocheranno con formula all italiana e partite di andata e ritorno Art.30/A Regolamento Attività Sportiva Le partite saranno programmate la domenica pomeriggio alle ore (orario invernale) e (orario estivo). Al termine della regular season le squadre classificate al 1, 2 e 3 posto del girone 1 e la squadra 1 a classificata del girone 2 disputeranno le semifinali incontrandosi in partite di andata e ritorno, con formula ad eliminazione diretta, art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva. SEMIFINALI (partite andata /ritorno) 19/ 26 maggio 2013 (art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva) 1 a classificata Girone 2 vs 1 a classificata Girone 1 = vincente A 3 a classificata Girone 1 vs 2 a classificata Girone 1 = vincente B Le partite di andata si disputeranno in casa della 1 a classificata Girone 2 e della 3 a classificata Girone 1 FINALE 2 giugno 2013 Le vincenti della fase semifinali disputeranno la FINALE TITOLO (campo neutro) A vs B = CAMPIONE D ITALIA SERIE A (promossa in Eccellenza) Qualora le squadre, dopo i tempi regolamentari, terminassero in parità, saranno osservati i criteri previsti dall Art.30/C/a. Regolamento Attività Sportiva 12

13 4 RETROCESSIONI E 2 PASSAGGI RETROCESSIONI DIRETTE (DUE SQUADRE) Al termine della prima fase le squadre che si classificheranno all 11 e al 12 posto in classifica del girone 2, saranno retrocesse direttamente e parteciperanno la stagione sportiva successiva al campionato di Serie B Nella ipotesi che al termine della prima fase, nella determinazione delle squadre da retrocedere, una o più società abbiano parità di punti in classifica, si osserveranno i criteri di cui all art. 30/A 3 comma Regolamento Attività Sportiva SPAREGGIO RETROCESSIONE (DUE SQUADRE) 19/ 26 maggio 2013 N.B. Tale programmazione potrebbe essere posticipata in caso di ulteriori spareggi finalizzati all identificazioni delle retrocessioni dirette (dal girone 2 alla serie B) di tante giornate quante sono le partite di spareggio necessarie. Per determinare le altre 2 (due) Squadre che retrocederanno in Serie B si procederà ad uno spareggio retrocessione: le squadre 9 a e 10 a classificate del girone 2 e le squadre classificatesi all 11 e 12 posto del girone 1 si incontreranno in partite (andata e ritorno), con formula ad eliminazione diretta, art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva secondo quanto stabilito dal seguente schema: 9 a classificata girone 2 vs 12 a classificata girone 1 = PERDENTE IN SERIE B 10 a classificata girone 2 vs 11 a classificata girone 1 = PERDENTE IN SERIE B (Le partite di andata si disputeranno in casa della 9 a classificata girone 2 e della 10 a classificata girone 2). Le squadre perdenti di questi spareggi, risulteranno retrocesse e parteciperanno nella stagione sportiva successiva al campionato di Serie B. PASSAGGI Le squadre classificatesi all 11 a e 12 a posto del girone 1 passeranno dal girone 1 al girone 2 o retrocederanno in serie B in base al risultato dello SPAREGGIO RETROCESSIONE. La squadra 2 a classificata del girone 2 passa in girone 1. La squadra 1 a classificata del girone 2 passerà al girone 1 se risulterà perdente alla FASE SEMIFINALE/FINALE CALENDARIO Il Campionato si disputerà nelle date indicate nel planning allegato al presente documento. 13

14 3.4 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE B Data di inizio: 7 ottobre 2012 Squadre partecipanti: 48-4 PROMOZIONI IN SERIE A - 8 RETROCESSIONI IN SERIE C GIRONE 1 C.U.S. GENOVA RUGBY ASD LIGE RUGBY ROVATO ASD LOBS ASD RUGBY LECCO LOLC RUGBY UNION 96 ASD LOMI RUGBY GRANDE MILANO ASD LOMI RUGBY PARABIAGO ASD LOMI ASD RUGBY MILANO LOMI RUGBY SONDRIO SOC.COOP.DIL. ARL LOSO ASS. POL. DIL. RUGBY ALESSANDRIA PIAL ASD ASTI RUGBY 1981 PIAT ASD BIELLA RUGBY CLUB PIBI VII RUGBY TORINO ASD PITO GIRONE 3 TXT CUS FERRARA RUGBY ASD ERFE ASD RUGBY BASSA BRESCIANA LENO LOBS VALSUGANA RUGBY PADOVA ASD VEPD FULVIA TOUR R. VILLADOSE 76 ASD VERO RUGBY CONEGLIANO ASD VETV DOPLA RUGBY CASALE ASD VETV RUGGERS TARVISIUM ASD VETV ASD VILLORBA RUGBY VETV LYONS RUGBY VENEZIA MESTRE ASD VEVE ASD JESOLO RUGBY VEVE RUGBY MIRANO 1957 ASD VEVE B.B.M. RUGBY BASSANO ASD VEVI GIRONE 2 RENO RUGBY BOLOGNA ASD ERBO PIACENZA RUGBY PROPAGANDA ASD ERPC RUGBY NOCETO FC SOC.COOP. S.D. ERPR ASD RUGBY VITERBO LAVT ASD PESARO RUGBY MAPU VASARI RUGBY AREZZO ASD TOAR FIRENZE RUGBY CLUB ASD TOFI LIVORNO RUGBY SSD S.R.L. TOLI RUGBY CLUB EMERGENTI CECINA ASD TOLI ASD UNION RUGBY TIRRENO TOLI UNIONE RUGBY PRATO SESTO SSD ARL TOPO C.U.S. PERUGIA RUGBY ASD UMPG GIRONE 4 ASD GRAN SASSO RUGBY ABAQ HELIANTIDE S.GIORGIO R. REGGIO CALABRIA ASD CARC MIWA ENERGIA US RUGBY BENEVENTO ASD CMBN GLADIATORI SANNITI ASD CMBN A.P. PARTENOPE RUGBY ASD CMNA ASD ARIETI RUGBY RIETI LARI ASD C.U.S.ROMA RUGBY LARM PRIMAVERA RUGBY ASD LARM RUGBY F.C. SEGNI ASD LARM SSD COLLEFERRO RUGBY 1965 A.R.L. LARM RUGBY CITTA' DI FRASCATI SSD A.R.L. LARM ASD PALERMO RUGBY CLUB 2005 SIPA a FASE 4 gironi a 12 squadre, con formula all italiana e partite di andata e ritorno (art.30/a Regolamento Attività Sportiva) Le partite saranno programmate la domenica pomeriggio, alle ore (orario invernale) e (orario estivo) QUATTRO PROMOZIONI IN SERIE A Al termine della prima fase, le squadre classificate al 1 e 2 posto in classifica di ogni girone si incontreranno tra di loro con formula ad eliminazione diretta e partite di andata e ritorno art. 30/B/b Regolamento Attività Sportiva, secondo il seguente schema: FASE FINALE 26 Maggio/2 giugno a classificata GIRONE 1 vs 1 a classificata GIRONE 2 2 a classificata GIRONE 2 vs 1 a classificata GIRONE 1 2 a classificata GIRONE 3 vs 1 a classificata GIRONE 4 2 a classificata GIRONE 4 vs 1 a classificata GIRONE 3 Le partite di andata si disputeranno in casa delle squadre seconde classificate LE QUATTRO SQUADRE VINCENTI SARANNO PROMOSSE IN SERIE A GIRONE 2. Questi abbinamenti seguono il criterio di alternanza già stabilito nella stagione sportiva 2005/2006: 2011/ / /2014 Girone 1 Vs Girone 3 Girone 1 Vs Girone 2 Girone 1 Vs Girone 4 Girone 2 Vs Girone 4 Girone 3 Vs Girone 4 Girone 2 Vs Girone 3 Dalla stagione 2014/2015 si ricomincerà come da schema 2011/

15 OTTO RETROCESSION1 IN SERIE C Le squadre classificatesi all 11 e 12 posto in classifica di ciascun girone saranno retrocesse e disputeranno la stagione sportiva successiva il campionato di Serie C. Nella ipotesi che al termine della prima fase si debba procedere alla retrocessione di una delle società con uguale somma di punti in classifica saranno osservati i criteri di cui all art. 30/A 3 comma Regolamento Attività Sportiva. CALENDARIO Il Campionato si disputerà nelle date indicate nel planning allegato al presente documento. 15

16 4 CAMPIONATI REGIONALI STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 Si ricorda che per il riconoscimento ai fini sportivi è necessario terminare tutte le fasi previste dal campionato che non potrà prevedere meno di 14 gare. In caso di riduzione del numero delle squadre nei gironi al di sotto delle 8 partecipanti, il comitato dovrà organizzare una Fase Suppletiva Obbligatoria. Ai soli fini della obbligatorietà, per non far gravare sulla Società adempiente le conseguenze del comportamento altrui, si considerano nel numero delle gare validamente disputate dalla Società, le partite giocate con Società che si è successivamente ritirata dal Campionato. Requisiti per la promozione, per la partecipazione alle fasi finali e per le Fasi Area Serie C Tutte le società (sia partecipanti ai Gironi Regionali che ai Gironi Elite) potranno concorrere alla promozione e/o a tutti i passaggi previsti per accedere alle fasi finali nazionali, solo se in regola con l assolvimento dell obbligatorietà e in particolare per l attività U.14 devono avere disputato 11 concentramenti validi al 15 aprile Comunque tutte le squadre, sia le promozioni dirette che le finaliste della Fase Nazionale, dovranno aver completato l attività under 14, con 14 concentramenti validi, spalmati in 6 mesi prima della data di inizio della Fase Nazionale di categoria. Partecipazione doppie o triple squadre under 20 senza liste separate. In considerazione dell opportunità di poter utilizzare i giocatori, nell una o nell altra squadra, alle fasi finali, così come determinate dal C.F., potrà accedere solo con una delle due squadre partecipanti allo stesso Campionato e potranno essere utilizzati tutti i giocatori indipendentemente dalla lista di appartenenza. Pertanto la seconda squadra della stessa Società, sia che entrambe abbiano partecipato ai Gironi Territoriali, sia che abbiano partecipato l una ad un Girone Territoriale e l altra ad un Girone Elite, non potrà prendere parte alle Fasi Finali Interregionali. Partecipazione doppie o triple squadre campionati giovanili. Si ricorda che il numero di tesserati per iscrivere 3 squadre ai campionati giovanili, dovrà essere di minimo 70 giocatori e che le modalità di partecipazione devono rispettare quanto previsto dalla normativa per le doppie squadre. 16

17 4.1 SERIE C Iscrizione entro 10 luglio 2012 Inizio entro 14 ottobre 2012 Termine 02 giugno 2013 Attività suddivisa in 4 Aree Area 1 (CIV): Girone Elite (10/12) e Gironi Regionali Area 2 (Lombardia): Girone Elite (10/12) e Gironi Regionali e Sardegna Area 3 (Emilia Romagna): Girone Elite (10/12) e Gironi Regionali Area 4 (Lazio): Gironi Regionali e/o Interregionali 8 Promozione in Serie B Ogni Area attraverso i Gironi Elite e/o la Fase Area (solo Area 4) esprime una Promozione diretta (quattro) e due Finaliste Nazionali (otto): le 1 e classificate dei Gironi Elite (Area 1 2 3) e la Vincente (1 a classificata) dell Area 4 saranno promosse direttamente in serie B. le altre 4 promozioni saranno le società vincenti della FASE NAZIONALE SERIE C - GIRONI ELITE 3 Aree Comitati Organizzatori: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna Squadre partecipanti per Area: 10/12 squadre (18/22 partite) Possono partecipare le società che hanno già partecipato al campionato nella s.s. precedente e che abbiano chiara dimostrazione (storico, iscrizione ai Campionati, n. tesserati sufficienti all inizio del campionato) della possibilità di assolvere all obbligatorietà e che non abbiano riportato punti di penalizzazione relativamente alla s.s. dell anno precedente. RANKING Identificazione delle migliori dieci/dodici squadre mediante il ranking della stagione precedente: retrocesse serie B perdenti Fase Nazionale perdente finale Fase Area squadre classificate dal 4 al 10 posto nel Girone Elite vincente semifinale Fase Area squadre classificate all 11 e al 12 posto nel Girone Elite perdenti semifinali Fase Area FASE GIRONI Inizio: entro il 14 Ottobre 2012 Termina: non prima del 5 maggio 2013 La prima classificata di ciascun Girone Elite è promossa direttamente in serie B. Le seconde accedono alla FASE NAZIONALE. Le terze classificate di ogni Girone Elite accederanno alla Finale FASE AREA (gara unica il 19 maggio 2013) FASE AREA Qualora la società avente diritto non rispetti i requisiti previsti per l obbligatorietà (11 concentramenti under 14 al 15 aprile 2013), il CRO può ammettere al massimo fino alla 3 a classificata e non oltre. Termina il 19 Maggio 2013: spareggio tra le 3 a dei Gironi Elite vs le 1 a dei Gironi Regionali 17

18 FASE NAZIONALE 26 maggio / 02 giugno 2013 Entro il 20 maggio 2013 i Comitati devono comunicare le finaliste. Partecipano alla Fase Nazionale le Vincenti di ogni FASE AREA vs le 2 a dei Gironi Elite con partite di Andata e Ritorno. L andata in casa delle squadre Vincenti Fase Area che si incontreranno secondo il seguente schema: Vincente Area 2 vs 2 a Girone Elite Area 1 = A Vincente Area 1 vs 2 a Girone Elite Area 2 = B 3 a Girone Finale Area 4 vs 2 a Girone Elite Area 3 = C Vincente Area 3 vs 2 a Girone Finale Area 4 = D Le vincenti A B C D saranno promosse in serie B. SERIE C - GIRONI REGIONALI/INTERREGIONALI FASE A GIRONI Ogni comitato organizza uno o più gironi a livello regionale/interregionale minimo a 8 squadre (laddove non è possibile raggiungere questi numeri si potranno accorpare squadre delle regioni limitrofe). Comitati organizzatori Referenti: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio Iscrizione : 10 luglio 2012 Inizio campionato : entro il 14 ottobre 2012 Termine fase regionale : 21 aprile 2013 Presentazione della propria organizzazione del campionato per l approvazione alla C.T.F. entro il 27 luglio 2012 FASE AREA (Area 1 2 3) Presentazione Fase Area: 01 Ottobre 2012 Inizio: 28 aprile 2013 Termina: 19 maggio 2013 (Finale Area) Entro il 12 maggio 2013 i Comitati devono comunicare le finaliste che parteciperanno alla FINALE AREA I presidenti dei Comitati, insieme ai responsabili FIR, organizzano la Fase di Area tenendo conto delle disposizione federali e del numero delle squadre realmente partecipanti all attività regionale SPAREGGIO AREA 1, AREA 2, AREA 3: la 3 a Girone Elite vs la VINCENTE FASE AREA (1 a Girone/i Regionale) FASE AREA (Area 4) Presentazione Fase Area: 01 Ottobre 2012 Inizio: 21 aprile 2013 Termina: 19 maggio Turno (Quarti di Finale FASE AREA) aprile 2013 (gare di andata e ritorno) Tra le otto squadre vincenti i Gironi Regionali dell Area 4 Gli abbinamenti saranno determinati per sorteggio. 2 Turno (Semifinali FASE AREA) 05 maggio 2013 (gara unica) Tra le quattro squadre Vincenti del 1 Turno Gli abbinamenti saranno determinati in base all art. 30, tenuto conto dei risultati del 1 turno (1^ - 4^ ; 2^ - 3^) Si giocherà in casa della meglio classificata del 1 Turno 3 Turno (Finali FASE AREA ) maggio 2013 (gara andata e ritorno) Finale 1-2 posto tra la Vincente S1 e la Vincente S2 (la prima in casa della peggio piazzata al termine del 1 turno) Al termine la Vincente è Promossa diretta in Serie B , mentre la perdente si qualifica alle Finali Nazionali come 2^ classificata dell Area 4 18

19 Finale 3-4 posto tra la Perdente S1 e la Perdente S2 (la prima in casa della peggio piazzata al termine del 1 turno) Al termine la squadra Vincente si qualifica alle Finali Nazionali come 3^ classificata dell Area UNDER 23 Iscrizione entro il 10 luglio 2011 Inizio 14 ottobre 2012 Termine 05 maggio 2013 Partecipano i nati dal 1990 al 1994 Possono essere inseriti in lista gara max 5 giocatori fuori quota (nati prima del 1990) Possono partecipare esclusivamente squadre di società che disputano un campionato seniores nazionale o regionale (Eccellenza, A, B e C) Non è richiesta alcuna obbligatorietà Non possono partecipare giocatori di formazione straniera. Valutando le partecipazioni si formeranno Gironi Regionali o Interregionali, la C.O. sarà a cura dei Comitati Regionali Si applicherà il regolamento di gioco seniores Saranno applicate le sanzioni per ritiri e rinunce a gara della serie C Al termine dei Gironi Regionali/Interregionali si disputerà una Fase Finale FASE FINALE Ogni Area individuerà entro il 14 aprile 2013 la squadra Vincente Area qualificata per le semifinali nazionali. Semifinali (andata/ritorno aprile 2013) Vincente Area 1 vs Vincente Area 2 = S1 Vincente Area 3 vs Vincente Area 4 = S2 Per determinare la squadra che giocherà la partita di andata in casa si procederà ad un sorteggio Finale: (gara unica campo neutro 05 maggio 2013) Vincente S1 vs Vincente S2 19

20 4.3 UNDER 20 Possono partecipare i giocatori nati nel 1995/1996, con la possibilità di inserire in lista gara fino ad un massimo di 8 giocatori nati nel 1994 Nel caso la Società per tre volte, anche non consecutive, utilizza un numero maggiore di giocatori nati nel 1994, fatte salve le sanzioni irrogate per ciascuna gara, sarà dichiarata esclusa dal Campionato. Nel caso di contemporaneità tra gare di campionato e attività internazionali che interessi giocatori degli anni 1995 e 1996, il numero dei giocatori nati nel 1994, può essere incrementato di tante unità pari al numero di convocati a tale attività. L attività verrà organizzata su due livelli meritocratici: un Girone Elite ad 8 squadre per ognuna della 4 Aree Gironi Regionali/Interregionali ad 8/10 squadre I Gironi Regionali devono obbligatoriamente giocare almeno 14 gare nelle stesse giornate di programmazione del Girone Elite NON SI DISPUTA FASE DI QUALIFICAZIONE La Composizione dei Gironi Elite sarà regolata dai passaggi tra i due livelli determinati alla fine della stagione sportiva 2011/2012 A cura dei Comitati Organizzatori sarà effettuata una verifica del numero dei tesserati prima dell inizio del campionato. GIRONI ELITE 4 AREE La prima classificata di ogni girone Elite vince il relativo TROFEO Comitati Organizzatori: Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio Partecipanti per Area: 8 squadre (14 partite). Le prime sei classificate, del Girone Elite e le due Vincenti della Fase Area ( Area e 4) dell anno 2011/2012, sono qualificate di diritto al Girone Elite In caso di rinuncia di un avente diritto, il suo posto sarà assegnato alla società migliore classificata della Fase Interregionale nella stagione sportiva FASE A GIRONI Inizio: entro 07 Ottobre 2012 L iscrizione deve pervenire ai C.R. e alla F.I.R. entro e non oltre il 15 luglio 2012 La 7^ e l 8^ classificata del Girone Elite passano ai Gironi Regionali per la s.s FASE NAZIONALE Inizio: 28 aprile 2013 Girone A all italiana (6 giornate) Partecipano le prime due classificate del Girone Elite AREA 1 e le prime due classificate del Girone Elite AREA 2 Girone B all italiana (6 giornate) Partecipano le prime due classificate del Girone Elite AREA 3 e le prime due classificate del Girone Elite AREA 4 Finale: 09 giugno 2013 la 1 a classificata di ognuno dei due gironi disputeranno la finale in gara unica in campo neutro Vincente Girone A vs Vincente Girone B La squadra vincitrice si aggiudicherà il Titolo di Campione d Italia Juniores 20

F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A R U G B Y STADIO OLIMPICO CURVA NORD FORO ITALICO 00135 ROMA

F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A R U G B Y STADIO OLIMPICO CURVA NORD FORO ITALICO 00135 ROMA Roma, 31 luglio 2015 Prot. 009/2015/U.T. F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A R U G B Y STADIO OLIMPICO CURVA NORD FORO ITALICO 00135 ROMA COMUNICATO FEDERALE n 1 Stagione Sportiva 2015/2016 SETTORE TECNICO

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby Federazione Italiana Rugby S.S. 2014-2015 SERIE C Girone 1 ROMA 30 LUGLIO 2014 DOCUMENTO AD USO ESCLUSIVO DELLE STRUTTURE FEDERALI. LE STRUTTURE UFFICIALI DEI CAMPIONATI SARANNO QUELLE PUBBLICATE SUL COMUNICATO

Dettagli

COMUNICATO FEDERALE n. 1 Stagione Sportiva 2014/2015

COMUNICATO FEDERALE n. 1 Stagione Sportiva 2014/2015 F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A R U G B Y STADIO OLIMPICO CURVA NORD FORO ITALICO 00135 ROMA Prot. n. 1812 Roma, 7 agosto 2014 COMUNICATO FEDERALE n. 1 Stagione Sportiva 2014/2015 DECISIONI CONSIGLIO

Dettagli

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE COMMISSIONE TECNICA FEDERALE Prot. 10 Mantova, 09/02/2015 Alle Società di serie A e B Alla Commissione Tecnica Arbitrale Al Giudice Unico E p.c. Ai Comitati Provinciali Ai Comitati Regionali All Ufficio

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI Pagina 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI stagione sportiva 2007 2008 Delibera n. 37 Consiglio Regionale n. 22 del 29/05/2007 PER

Dettagli

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013.

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. Qui di seguito si riporta la normativa definitiva che disciplina l organizzazione della gare di Play-Off e di Play-Out Il Consiglio Direttivo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2013/2014 Formula di svolgimento: fase di qualificazione, fase ad orologio più Play-off e eventuali

Dettagli

COMUNICATO FEDERALE n. 6 Stagione Sportiva 2013/2014 SETTORE TECNICO

COMUNICATO FEDERALE n. 6 Stagione Sportiva 2013/2014 SETTORE TECNICO F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A R U G B Y STADIO OLIMPICO CURVA NORD FORO ITALICO 00135 ROMA Prot. 651 Roma, 8 Gennaio 2014 COMUNICATO FEDERALE n. 6 Stagione Sportiva 2013/2014 SETTORE TECNICO 1.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2014/2015 Formula di svolgimento: Fase di qualificazione. Fase ad orologio. Play-off. Fase di

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

COMUNICATO FEDERALE n. 4 Stagione Sportiva 2012/2013

COMUNICATO FEDERALE n. 4 Stagione Sportiva 2012/2013 F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A R U G B Y STADIO OLIMPICO CURVA NORD FORO ITALICO 00135 ROMA Prot. 103 Roma, 14 gennaio 2013 COMUNICATO FEDERALE n. 4 Stagione Sportiva 2012/2013 1 DECISIONI DEL CONSIGLIO

Dettagli

LE SQUADRE AMMESSE al Campionato 2009/2010 sono 56 e precisamente:

LE SQUADRE AMMESSE al Campionato 2009/2010 sono 56 e precisamente: Lega Nazionale Pallacanestro Pagina 1 di 7 ORDINAMENTO CAMPIONATO SERIE B DILETTANTI LE SQUADRE AMMESSE al Campionato 2009/2010 sono 56 e precisamente: n. 4 squadre retrocesse dalla serie A Dilettanti

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 25 DEL 2 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 25 DEL 2 SETTEMBRE 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 25 DEL 2 SETTEMBRE 2015 REGOLAMENTO DEL CAMPIONATO PRIMAVERA TIM 2015/2016 TROFEO GIACINTO FACCHETTI 1) SOCIETA PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Lega Nazionale Professionisti

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

Campionato Serie C Girone 1 / H Poule 2 - Puglia

Campionato Serie C Girone 1 / H Poule 2 - Puglia Prot. n 047/15 Bari, 28 Settembre 2015 Spett.li LUISI Antonio Vice Pres. Nazionale e Responsabile Campionati CTF FIR Roma Ufficio Tecnico - FIR Roma Comitati Regionali Area 4 LAZIO Pres. Marco Santamaria

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2009-2010 NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA Il presente documento costituisce una guida per campionati di categoria

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Promozioni e retrocessioni stagione 2014/2015

Promozioni e retrocessioni stagione 2014/2015 Campionati Regionali Serie C e D Promozioni e retrocessioni stagione 2014/2015 PROMOZIONI E RETROCESSIONI STAGIONE 2014/2015 SERIE C FEMMINILE Partenza Serie C 2013/2014 = squadre 42 Promosse in Serie

Dettagli

CAMPIONATO di PALLANUOTO MASCHILE serie B Edizione 2006-2007

CAMPIONATO di PALLANUOTO MASCHILE serie B Edizione 2006-2007 CAMPIONATO di PALLANUOTO MASCHILE serie B Edizione 2006-2007 Sono ammesse a partecipare al Campionato di Pallanuoto Maschile di serie B edizione 2006-2007 le seguenti Società. La composizione dei gironi

Dettagli

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2009-2010 NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA Il presente documento costituisce una guida per campionati di categoria

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE ORDINARIA DEL C.R. CAMPANO F.I.R. Napoli 19 luglio 2014

ASSEMBLEA REGIONALE ORDINARIA DEL C.R. CAMPANO F.I.R. Napoli 19 luglio 2014 ASSEMBLEA REGIONALE ORDINARIA DEL C.R. CAMPANO F.I.R. Napoli 19 luglio 2014 Il Comitato Regionale Campano, nella persona dl sottoscritto Presidente, ringrazia le società intervenute e soprattutto il Consigliere

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE DI SERIE A1 Ediz. 2003/2004

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE DI SERIE A1 Ediz. 2003/2004 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE DI SERIE A1 Ediz. 2003/2004 Sono ammesse a partecipare al Campionato di Serie A1 maschile, ediz. 2003/2004 le seguenti Società: LEONESSA BRESCIA PRO RECCO C.N. POSILLIPO

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE 1 2 TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Generalità 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.) indice ed organizza annualmente,

Dettagli

Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N 15 del 04/09/2014

Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N 15 del 04/09/2014 COMITATO REGIONALE LOMBARDIA Via RICCARDO PITTERI n 95/2 20134 MILANO Tel. 02.21722.899 Sito Internet: www.lnd.it Segreteria e Programmazione Gare: Tel. 02.21722.202-204 - Fax 02.21722.233 - E.mail: affarigeneralicrl@lnd.it

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 13 Roma 8 settembre 2014 HOCKEY PISTA

COMUNICATO UFFICIALE N. 13 Roma 8 settembre 2014 HOCKEY PISTA FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO COMMISSIONE DI SETTORE HOCKEY PISTA 00196 ROMA - VIALE TIZIANO, 74 - Tel.06-91684012 - Fax- 0623326645 www.fihp.org / e-mail - hockey@fihp.org COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 13-14 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornate al Consiglio Regionale del 3 luglio 2013

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 13-14 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornate al Consiglio Regionale del 3 luglio 2013 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 13-14 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornate al Consiglio Regionale del 3 luglio 2013 1) Notizie Utili Riaffiliazione Comunicazioni Posta Elettronica Abbinamenti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

CAMPIONATI DI SOCIETA INTEGRAZIONE ALLA DOCUMENTAZIONE ANNO AGONISTICO 2014

CAMPIONATI DI SOCIETA INTEGRAZIONE ALLA DOCUMENTAZIONE ANNO AGONISTICO 2014 CAMPIONATI DI SOCIETA INTEGRAZIONE ALLA DOCUMENTAZIONE ANNO AGONISTICO 2014 Versione del 01/12/2013 1. FASI FINALI NAZIONALI DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA I campionati di Categoria avranno tutti una Fase

Dettagli

PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI

PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI PALLAVOLO 2015/2016 (Documento inviato alle società ed affisso all albo in data 1 ottobre 2015) Premessa: il seguente documento sarà aggiornato periodicamente inserendo la logistica e le date/orario delle

Dettagli

Potranno essere impiegate, solo ed esclusivamente per la 1^ Fase Interregionale, fino a quattro atlete fuori quota nate dal 1.1.1995 al 31.12.1996.

Potranno essere impiegate, solo ed esclusivamente per la 1^ Fase Interregionale, fino a quattro atlete fuori quota nate dal 1.1.1995 al 31.12.1996. Organico Campionato di Calcio Femminile Serie D 2015/2016 Alla chiusura delle iscrizioni del Campionato di Serie D, risultano partecipanti al Campionato di Calcio Femminile di Serie D - Stagione Sportiva

Dettagli

Regolamento pallavolo

Regolamento pallavolo Regolamento pallavolo PRINCIPIO GENERALE Il Consiglio Provinciale di Brescia del Centro Sportivo Italiano indice e la Commissione Tecnica Provinciale organizza l attività maschile e femminile di Pallavolo

Dettagli

NORME ORGANIZZATIVE CAMPIONATO SERIE B 2015-2016

NORME ORGANIZZATIVE CAMPIONATO SERIE B 2015-2016 FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO SETTORE TECNICO HOCKEY PISTA Comunicato Ufficiale CU 003 Roma, 07/07/2015 NORME ORGANIZZATIVE CAMPIONATO SERIE B 2015-2016 Il Campionato Nazionale di serie B si

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 CU 4 del 10/10/2013 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N.4

COMUNICATO UFFICIALE N.4 COMUNICATO UFFICIALE N.4 CAMPIONATO REGIONALE SERIE D FEMMINILE 2015/2016 Società aventi diritto: PALL. FUTURA TERRACINA 92 USD SALES APD MARCONI STELLA (*) LIBERTAS GENZANO ASD VBC VITERBO ASD NUOVA PRAENESTE

Dettagli

Campionato di Calcio a 11

Campionato di Calcio a 11 Campionato di Calcio a 11 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale n 1 del 01/08/2014 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/295475 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- Per diminuire e contenere le spese di trasferta di ogni squadra il territorio italiano viene diviso in 4 zone: A) Valle d Aosta Piemonte Lombardia Trentino AA Veneto Friuli

Dettagli

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO 1. Potranno partecipare ai tornei solo giocatori amatoriali. Per quanto concerne gli esterni sono esclusi tutti i tesserati FIGC di qualsiasi categoria. Potranno

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

ANNO SPORTIVO 2015-2016

ANNO SPORTIVO 2015-2016 Roma, 6 luglio 2015 COMUNICATO UFFICIALE N 3 ANNO SPORTIVO 2015-2016 CAMPIONATI NAZIONALI HOCKEY SU PRATO A COMPOSIZIONE NUMERICA ILLIMITATA CV/cc - prot. n. 2963 FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY Viale Tiziano,

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N.1

COMUNICATO UFFICIALE N.1 COMUNICATO UFFICIALE N.1 CAMPIONATO REGIONALE SERIE C MASCHILE 2015/2016 Società aventi diritto: ASD TUSCIA TEAM VOLLEY ASD PALL. NETTUNO ASD PALLAVOLO VELLETRI ROMA 12 POL. CASAL BERTONE ROMA ASD BRACCIANO

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

ATTIVITA SETTORE PALLANUOTO 2015

ATTIVITA SETTORE PALLANUOTO 2015 FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE LOMBARDO ATTIVITA SETTORE PALLANUOTO 2015 SETTORE AGONISTICO Federazione Italiana Nuoto CAMPIONATO UNDER 13 M EDIZIONE 2015 Normativa Regionale : Per la stagione

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 A tutte le Società di MonzaBrianza Loro sedi Agrate B.za 14-07-2011 Prot. 2/CPG e p.c. C.R. Lombardo FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 1. MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

CALCIO a 7 2014/2015 PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI

CALCIO a 7 2014/2015 PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI CALCIO a 7 2014/2015 PER TUTTE LE SOCIETA ISCRITTE AI CAMPIONATI Tutte le società sportive riceveranno, ogni venerdì, il quotidiano AVVENIRE, che contiene l inserto allegato NEWSPORT con i risultati, i

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby 1 Federazione Italiana Rugby Norme che disciplinano l attività di Coppa Italia a 7 Femminile per la stagione sportiva 2014/2015. Coppa Italia a 7 Femminile 2014/2015. La Coppa Italia è considerata una

Dettagli

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16 Milano, 1 luglio 2015 Prot. 2 / COGP Oggetto: Campionati Provinciali e Tornei Promozionali 2015/2016 A tutte le Società della Provincia di Milano e p.c. C.R. Lombardo FIPAV Roma Il Comitato Provinciale

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 CU 5 del 2/10/2014 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE INDIZIONE Circuito Regionale GIOVANILE UNDER 21 di Beach Volley 2014 Fipav Emilia Romagna Pag. 1 Art. 1 Introduzione 1. Il indice, in collaborazione con i Comitati Provinciali della Regione, un Circuito

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 - Generalità

REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 - Generalità TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Generalità 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.) indice ed organizza annualmente, fra gli affiliati, i Campionati a squadre.

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI P a g i n a 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI Stagione Sportiva 2013-2014 Delibera n. 44 - Consiglio Regionale n. 6 del 18/06/2013

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 5 C5 del 02/08/2012

Comunicato Ufficiale N 5 C5 del 02/08/2012 - CRL 5 C5/1 - Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti COMITATO REGIONALE LAZIO Via Tiburtina, 1072-00156 ROMA Tel.: 06 416031 (centralino) - Fax 06 41217815 Indirizzo Internet: www.lnd.it

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 14-15 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornamento al 25 agosto 2014

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 14-15 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornamento al 25 agosto 2014 1) Notizie Utili Riaffiliazione Comunicazioni Posta Elettronica Abbinamenti e Slogan Pubblicitari Tesseramento Allenatori Parità in Classifica Palloni Omologati Spostamento e Recupero Gare Tracciatura

Dettagli

CALCIO a 7 2015/2016

CALCIO a 7 2015/2016 CALCIO a 7 2015/2016 Comunicazione inviata alle società contestualmente ai calendari ed affissa all albo in data 25 settembre 2015 Il presente documento verrà periodicamente aggiornato,inserendo logistica,date

Dettagli

Inizio 21 ottobre 2012 termine 19 maggio 2013

Inizio 21 ottobre 2012 termine 19 maggio 2013 CAMPIONATO UNDER 14 FEMMINILE ANNO SPORTIVO 2012/2013 Competenza Ufficio Gare Regionale - Firenze FORMULA Su esplicita richiesta del Responsabile Tecnico Territoriale della categoria, in occasione della

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Ufficio Gare Firenze

Ufficio Gare Firenze CAMPIONATO SERIE C FEMMINILE ANNO SPORTIVO 2010/2011 Competenza Ufficio Gare Regionale - Firenze FORMULA PRIMA FASE Due gironi di 7/8 squadre con formula del girone all italiana con gare di andata e ritorno

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria.

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria. Lombardia 7 Veneto Piemonte 6 3 Emilia Romagna Liguria 4 Toscana 3 7 Umbria Friuli V. Giulia Marche 3 Abruzzo Lazio 4 7 Molise 64 I.T.S. 3 Sardegna 3 Basilicata Calabria 4 Sicilia 5 Gli ITS in Abruzzo

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Abruzzo Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell Aquila Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti Fondazione Pescarabruzzo Fondazione

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

EDIZIONE AGGIORNATA. CAMPIONATO DI PALLANUOTO FEMMINILE serie A1 Edizione 2006-2007

EDIZIONE AGGIORNATA. CAMPIONATO DI PALLANUOTO FEMMINILE serie A1 Edizione 2006-2007 CAMPIONATO DI PALLANUOTO FEMMINILE serie A1 Edizione 2006-2007 Sono ammesse a partecipare al Campionato di Serie A1 femminile, edizione 2006-2007 le seguenti Società: GEYMONAT ORIZZONTE CATANIA GIFA CITTA

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE Organizzatrice esclusiva della Primavera TIM Cup 2012/2013 è la Lega Nazionale Professionisti Serie

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 65

Comunicato Ufficiale N. 65 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N. 65 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque 3.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale n 1 del 03/09/2015 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 037

Comunicato Ufficiale N. 037 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 037 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015 INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile; l

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2013/2014 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Questo documento costituisce una guida per il tesseramento, per l organizzazione dei campionati di serie e categoria

Dettagli

http://www.uispluccaversilia.org

http://www.uispluccaversilia.org del 31/07/2010 Pagina n. 1 I Comunicati Ufficiali della Lega Calcio sono disponibile esclusivamente sul sito : http:// STAGIONE SPORTIVA 2010/2011 ARTICOLO 1 - DISCIPLINE E CATEGORIE NORME DI PARTECIPAZIONE

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 50 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1) Il territorio Nazionale viene suddiviso in due zone per contenere i costi delle trasferte delle Squadre e consentire l iscrizione al numero più alto possibile di formazioni:

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2015/2016 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

Norme per il tesseramento degli atleti

Norme per il tesseramento degli atleti FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Norme per il tesseramento degli atleti Il presente documento costituisce una guida sulle norme per l'affiliazione, il tesseramento. Attualmente gli articoli relativi

Dettagli

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006.

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006. Roma, 22 giugno 2005 A Tutte le società dei Campionati Nazionali Ai Comitati Regionali FIPAV Ai Comitati Provinciali FIPAV Alle Leghe Nazionali Pallavolo TRASMISSIONE VIA FAX ed E-MAIL Oggetto: Norme amministrative

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 SERIE C Specialità RAFFA 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto di rimanere

Dettagli

Comunicato Ufficiale N.64

Comunicato Ufficiale N.64 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N.64 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 3.1.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

I numeri degli Istituti Tecnici Superiori

I numeri degli Istituti Tecnici Superiori I numeri degli Istituti Tecnici Superiori Al 4 aprile 04 64 ITS 40 percorsi attivati circa 5000 corsisti 73 corsi sono già conclusi 300 già diplomati 4,5% femmine Su 4 diplomati di n. 68 corsi censiti

Dettagli

Sommario. Regolamento del Trofeo Lombardia Pagina 1

Sommario. Regolamento del Trofeo Lombardia Pagina 1 Trofeo Lombardia Regolamento Sommario Trofeo Lombardia Regolamento... 1 Premessa... 2 Articolazione del torneo... 3 Serie Top... 4 Serie Pioneer... 6 Iscrizioni... 9 Squadre e formazioni... 10 Norme tecniche

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli