1. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2013, Relazione sulla Gestione, proposta di ripartizione dell utile e relazione del Collegio Sindacale:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2013, Relazione sulla Gestione, proposta di ripartizione dell utile e relazione del Collegio Sindacale:"

Transcript

1 1. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2013, Relazione sulla Gestione, proposta di ripartizione dell utile e relazione del Collegio Sindacale: delibere inerenti e conseguenti. Il Presidente, con il consenso degli intervenuti si astiene dal dare lettura integrale della Relazione sulla Gestione del Consiglio di Amministrazione, nonché delle Relazioni del Collegio Sindacale e della Società di Revisione concernenti tanto il bilancio di esercizio che il bilancio consolidato, per le quali rinvia al testo riprodotto nei fascicoli contenenti la documentazione di bilancio, inclusi nella cartella consegnata all atto del ricevimento. Ciò consentirà di lasciare maggiore spazio alla discussione e, quindi, alla trattazione degli argomenti meritevoli di più specifico approfondimento. Cede ora la parola all Amministratore Delegato il quale vi illustrerà l andamento del Gruppo nel L'Amministratore Delegato dott. Maurizio Chiarini procede a riferire all'assemblea l'andamento del Gruppo Hera, soffermandosi sui fatti di rilievo dell'esercizio 2013 e commentando le informazioni contenute nei grafici che vengono contestualmente proiettati sugli schermi alle sue spalle e la cui stampa viene allegata al presente atto sub I). Riprende la parola il Presidente. In riferimento alla comunicazione CONSOB 18 aprile 1996, precisa che la Pricewaterhousecoopers S.p.A. per la revisione e la certificazione del bilancio civilistico e del consolidato esercizio 2013, ha impiegato n (tremiladieci) ore per un corrispettivo di (centosessantamilasettecentosettanta) Euro. Presentazione delle richieste di intervento ed apertura della discussione Il Presidente invita tutti coloro che fossero interessati a presentare richiesta di intervento a recarsi, se ancora non lo hanno fatto, con l apposita scheda ed il proprio radiovoter, presso la postazione INTERVENTI presente a metà della sala. Invita quindi un addetto della postazione INTERVENTI a fornire l elenco delle richieste di intervento e ad aggiornare l elenco stesso in caso di ulteriori richieste presentate nel corso degli interventi. Seguendo l ordine di presentazione delle richieste, invita a raggiungere il podio la prima persona che ha richiesto di intervenire, ricordando di contenere l intervento entro 10 minuti. Prende la parola l'azionista Rodinò Demetrio il quale evidenzia come anche nel 2013, nonostante la congiuntura economica negativa, il Gruppo HERA abbia raggiunto risultati ampiamente positivi, dimostrando un percorso complessivo di efficientamento. Formula alcune domande: 1. sul recente Protocollo d Intesa con Iren; 2. sull ottenimento del Finanziamento BEI; 21

2 3. sugli investimenti in Azerbaijan; 4. su altre future aggregazioni. Interviene Caradonna Gianfranco Maria sia come azionista sia come giornalista. Esprime il proprio apprezzamento per la relazione dell Amministratore Delegato. Senza soffermarsi sui risultati che sono stati ampiamente illustrati, esprime gradimento sul dividendo che è rimasto invariato, nonostante sia incrementato il numero delle azioni. Esprime altresì gradimento sul video disponibile sul sito di HERA in cui il Presidente illustra i risultati del Gruppo. Chiede se si sta studiando e in che misura un maggiore impiego dei Bond, essendo questo un momento favorevole per tale istituto. Chiede inoltre, in merito ad altre informazioni rinvenute sul sito HERA e quale sia stata l accoglienza da parte dei clienti delle nuove bollette. Chiede altresì se HERA abbia degli indicatori in merito alle tendenze generali dell economia italiana rinvenibili ad esempio dalla quantità di rifiuti smaltiti o dal numero di allacciamenti. Interviene l azionista Nannetti Enrico il quale esprime apprezzamento per l attività svolta dal Gruppo, soprattutto in campo ambientale nell ambito del trattamento meccanico biologico per affiancare e gradualmente superare i termovalorizzatori. Propone che il dividendo sia distribuito solo per la metà, destinando l altra metà al potenziamento degli investimenti. In merito all ambito territoriale, ritiene che lo stesso abbia già raggiunto una dimensione ottimale con la conseguenza di concentrare gli sforzi sull integrazione dei servizi comunali. Infine, quale piccolo azionista, precisa che, più che una maggiorazione del dividendo, interessa la direzione in cui la Società si muove, auspicando che i compensi erogati siano in linea con quelli delle altre società pubbliche. Ringrazia i Consiglieri per l impegno profuso. Interviene Tani Bruno il quale, pur essendo componente del Consiglio, prende la parola come azionista. Dichiara di operare da circa trentacinque anni nel settore delle utilities e, forte di tale esperienza, ritiene di dovere sottolineare l ottima performance garantita dal management apicale di HERA, ringraziando in particolare il contributo dato dall Amministratore Delegato uscente, dott. Chiarini. Sottolinea il processo virtuoso seguito da HERA fin dalla sua origine con progressivo superamento del vecchio sistema delle aziende municipalizzate, oggi sostituito definitivamente da una Società che è del tutto decampanilizzata, a testimonianza del coraggio manifestato dai Sindaci che hanno concepito, seguito e difeso tale processo. Ritiene che oggi ogni istanza di ritorno al passato, cioè alle vecchie gestioni comunali, sia pericolosa, perché significherebbe ritornare a forme di controllo locale che andrebbero a discapito dell efficienza del servizio complessivamente raggiunto da HERA. Interviene l azionista Ballestrazzi il quale riferisce che HERA è azionista di Tirreno Power che ha da sola determinato una perdita 22

3 di 8 milioni di euro, con i Vertici aziendali rinviati a giudizio per i danni ambientali e alla salute causati dalla centrale di Vado Ligure. Ritiene che il suo intervento sia l unica voce oggi fuori dal coro: HERA dovrebbe gestire i beni comuni e non inseguire il lucro e si stupisce come lo scopo di lucro sia perseguito anche dalle Fondazioni che dovrebbero avere come scopo la pubblica utilità. Ritiene che non si possa dire che la politica sia uscita da HERA, esistendo, a suo dire, ancora le raccomandazioni. Ritiene che la gestione dei rifiuti e dell acqua sia un bene comune. Dichiara di essere totalmente contrario alla cessione a favore di HERA della rete di illuminazione pubblica e dell inceneritore nel territorio modenese. Sottolinea alcune realtà locali come Treviso dove la raccolta differenziata con pesatura puntuale ha raggiunto l 85%, percentuale ben superiore a quella del 50% raggiunta da HERA, la quale non vuole migliorare in quanto ha necessità di alimentare gli inceneritori. Sottolinea che le percentuali diffuse da HERA sulla raccolta dell organico non sono vere, perché all interno del cassonetto viene smaltito materiale eterogeneo e, conseguentemente, senza una pesatura puntuale, i dati non possono essere veritieri. Interviene l azionista Bove Katrin che evidenzia che, in un anno di crisi generale, HERA è riuscita ad andare contro corrente. Si dichiara orgogliosa dei risultati raggiunti dalla Società, così come apprezza l entità dei dividendi. Formula alcune domande: 1. se sia possibile prevedere l andamento del Gruppo nel 2014; 2. se possano essere realizzate iniziative di internazionalizzazione di HERA. Interviene l azionista Landi Andrea il quale a nome della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena evidenzia la natura particolare di tale categoria di soci destinati a guardare alla capacità della Società, al di là dei corsi borsistici, di valorizzare il proprio patrimonio. Sottolinea la piena condivisione della politica anche di investimenti seguita dalla Società. Sottolinea altresì come HERA abbia accelerato i processi di crescita con operazioni di integrazione societaria. Gli odierni risultati della Società portano ad apprezzare il lavoro svolto dagli Amministratori. HERA, in un contesto in cui le regole cambiano e le logiche industriali diventano sempre più competitive, ha saputo interpretare i cambiamenti. Interviene l azionista Manca Daniele il quale alla luce dei risultati presentati a chiusura di un triennio importante, esprime un sincero ringraziamento a tutto il Consiglio uscente, al Presidente e all Amministratore Delegato che hanno fatto di HERA a livello nazionale un soggetto industriale di assoluto rilievo. Sottolinea il lavoro positivo delle risorse umane che hanno consentito tale successo. HERA è un Gruppo che ha saputo creare occupazione, avendo raddoppiato i livelli occupazionali dal 2002: oggi HERA conta dipendenti, oltre a circa lavoratori dell indotto, pure in un contesto economico non facile. HERA rappresenta un esperienza importante, le varie 23

4 Amministrazioni locali hanno saputo superare i vari localismi. Ogni tentativo di ritorno al piccolo è pura ideologia/demagogia da respingere fermamente. Sottolinea altresì come dal 2002 ad oggi siano stati realizzati nel territorio oltre 4 miliardi di investimenti soltanto grazie ad una realtà come HERA. Ritiene importanti anche i dividendi distribuiti dalla Società che consentono di finanziare i servizi ai cittadini. I servizi svolti da HERA sono di qualità come dimostra il giudizio positivo dato dai clienti che, unito al radicamento territoriale (si pensi ad oltre 100 sportelli sul territorio), fanno di questa azienda un modello vincente. Interviene l azionista Reale Davide Giorgio il quale, soffermandosi su dividendo e quotazione, ricorda che nel 2012 il titolo era attorno a 1 euro, mentre oggi supera i 2 euro. Ritiene che le performances di HERA siano l esempio del principio aristotelico in medio stat virtus, tenendo in giusta considerazione sia il territorio sia gli azionisti. Formula alcuni brevi quesiti: 1. per quanto riguarda il Gruppo chiede informazioni sui minori volumi in materia di trading e vendita di gas; 2. sui ricavi straordinari chiede se trattasi di componenti di bilancio o se ci sia stata qualche vendita; 3. sull indebitamento chiede quale sia l orientamento al riguardo; 4. chiede chiarimenti sul nuovo metodo di tariffazione del sistema idrico integrato; 5. per quanto riguarda il Piano Industriale chiede se sono previsti aggiornamenti nel corso del 2014; 6. per quanto riguarda le gare di distribuzione gas chiede se non sia troppo ambizioso l obiettivo di concorrere in tutto il territorio servito. Interviene l azionista Pighi Giorgio il quale ringrazia il Consiglio di Amministrazione uscente, il Presidente e l Amministratore Delegato per il lavoro svolto. Precisa che il suo è l ultimo intervento quale legale rappresentate di HSST di Modena, essendo allo scadere del secondo mandato. Precisa che l azienda di Modena, Meta S.p.A., si integrò in HERA raggiungendo una più ampia dimensione senza perdere il proprio radicamento territoriale. Oggi ci sono quattro alternative gestionali: (i) partecipare ad una multiutility, (ii) mantenere società di dimensioni molto piccole, (iii) avere una gestione interamente pubblica, (iv) avere una gestione interamente privata. Vede solo nella prima soluzione quel dato di riformismo che ha il coraggio di misurarsi tutti i giorni con i risultati raggiunti, lasciando da parte facili schemi ideologici, con la convinzione che sia proprio la presenza del capitale pubblico a rinforzare la tensione verso le performances economiche raggiunte da HERA, che consentono agli enti pubblici soci di HERA di collocarsi tra i primi posti nelle classifiche nazionali quanto a livelli dei servizi. Con altre scelte, è molto opinabile che tali obiettivi 24

5 potessero essere raggiunti. Sottolinea inoltre la grande sensibilità dimostrata da HERA verso Aimag in un momento di difficoltà in seguito agli eventi del terremoto. Replica il Presidente il quale apprezza l ampiezza del dibattito odierno dal quale emerge in generale una condivisione del modello HERA. Si limita ad alcune risposte selettive: 1. l accordo con Iren è limitato alla ricerca nel settore idrico; 2. i Fondi BEI sono sempre stati utilizzati da HERA anche in passato; 3. l investimento in Azerbaijan rientra nella logica della diversificazione delle fonti energetiche; 4. la logica espansiva di HERA è stata affermata e resa nota nell ambito del Piano Industriale; oggi lo stesso Governo in questa logica ha inserito tra i suoi punti programmatici la riduzione delle oltre aziende municipalizzate a circa La logica espansiva di HERA, dichiarata nel Piano Industriale, è di realizzare operazioni industriali di piena integrazione; 5. in merito al numero delle partecipate ritiene che la riduzione attuata sia esemplare, perseguita fin dal primo giorno senza alcuna indulgenza verso i c.d. poltronifici. La riduzione ha riguardato oltre 185 società; 6. in merito alla politica del dividendo precisa che la stabilità dello stesso è prevista nel Piano Industriale fino al Ringrazia per gli apprezzamenti in merito al sito e alla gestione dell indebitamento; 7. le nuove bollette, che hanno avuto un riscontro positivo, anche grazie al coinvolgimento dei clienti nella loro realizzazione, precisa che diventeranno operative dal mese di maggio; 8. quanto alle previsioni sui consumi, conferma che l edilizia è in fase di stallo; sottolinea che per quanto riguarda i rifiuti speciali si riscontra una crescita nel 2013 che prosegue nel Per quanto riguarda il gas si registra una contrazione dei consumi, dovuta anche all andamento climatico; 9. per quanto riguarda l esportazione del know how all estero precisa che già viene fatto dalla Società nel settore dell ingegneria, e non sono previste spese di investimento; 10. in merito a Tirreno Power ricorda che si tratta di una delle centrali dismesse da Enel; HERA detiene il 5% e ha dimostrato grande prudenza sull intero tema della generazione elettrica. HERA non ha mai gestito Tirreno Power. Respinge fermamente ogni allusione dell azionista Ballestrazzi a imbrogli di carte : tutto il ciclo rifiuti è certificato. Certe affermazioni vanno provate e in tal caso le prove, se ci sono, vanno portate a chi di dovere; in caso contrario ci si deve astenere da ogni allusione; 11. l azienda vive tra mercato e regolazione, tra radicamento territoriale ed espansione, i risultati raggiunti sono un evidenza di ciò. Quanto alle gare gas, il disegno di HERA è di trovare conferma dove HERA è già presente e dove gestisce più clienti; 25

6 12. conclude sottolineando la piena sintonia con il Presidente del Comitato di Sindacato. Non essendovi altri interventi, dichiara chiusa la discussione. Il Presidente passa quindi alla votazione. Presentazione della proposta di deliberazione Secondo quanto previsto dall art. 5 del Regolamento Assembleare, il Presidente sottopone pertanto alla approvazione dell'assemblea la seguente proposta relativa al primo punto all ordine del giorno di Parte Ordinaria: L Assemblea Ordinaria di HERA S.p.A.: - preso atto della relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione; - preso atto della relazione del Collegio Sindacale; - preso atto della relazione della Società di Revisione; - esaminato il bilancio al 31 dicembre 2013 che chiude con un utile di euro ,30 (centoquarantatremilioniseicentoquarantasettemilatrentaquattr o virgola trenta); delibera a) di approvare il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 di Hera S.p.A. e la Relazione sulla gestione predisposta dal Consiglio di Amministrazione; b) di destinare l utile dell esercizio 1 gennaio dicembre 2013, pari a euro ,30 come segue: - euro ,72 a riserva legale, - euro ,53 a dividendo agli azionisti, corrispondente a 0,09 euro per azione, accantonando a riserva straordinaria il maggior dividendo distribuibile relativo alle eventuali azioni proprie in portafoglio alla data dello stacco; - euro ,05 a riserva straordinaria; c) di mettere in pagamento il dividendo a partire dal 5 giugno 2014 con stacco della cedola n. 12 in data 2 giugno 2014, dividendo che sarà corrisposto alle azioni in conto alla data del 4 giugno 2014, ai sensi dell art. 83-terdecies TUF. Votazione della proposta di deliberazione Il Presidente invita gli intervenuti a non uscire dalla sala per tutta la durata delle operazioni di voto. Dichiara quindi aperta la procedura di votazione sulla indicata proposta di deliberazione in merito al primo punto posto all ordine del giorno per la Parte Ordinaria. I portatori di deleghe, che intendono esprimere voti diversificati in merito a tale proposta, sono pregati di recarsi alla postazione voto assistito. Per quanto concerne gli altri Azionisti, essi possono restare al posto ed esprimere il proprio voto mediante utilizzo del radiovoter, secondo le modalità indicate nel documento contenuto nella cartella consegnata all atto del ricevimento. Il Presidente invita ora: a digitare il tasto relativo alla votazione prescelta ( F per voto FAVOREVOLE oppure A per ASTENUTO oppure C per voto 26

7 CONTRARIO); a verificare sullo schermo la correttezza di tale scelta; a digitare il tasto OK ; a verificare sullo schermo che il voto sia stato trasmesso correttamente. Comunicazione dei risultati della votazione Il Presidente richiede alla postazione voto assistito se vi sono segnalazioni di Azionisti che intendono correggere il voto espresso mediante il radiovoter. Dichiara quindi chiusa la votazione in ordine all indicata proposta sul primo argomento posto all ordine del giorno per la Parte Ordinaria ed invita un addetto a fornire l esito delle votazioni. Comunica quindi l esito delle votazioni le cui risultanze sono riportate, in ottemperanza al citato allegato 3E del Regolamento del 14 maggio 1999, nel documento che si allega al presente atto sub L): avendo raggiunto la maggioranza assoluta del capitale presente in assemblea, come risulta analiticamente nel documento testè allegato, e con voti favorevoli n voti contrari n astenuti n non votanti n. 0 la proposta è dichiarata approvata. Il Bilancio approvato viene allegato al presente verbale sub M). Il Presidente dà atto che è terminata la trattazione del primo argomento all ordine del giorno per la Parte Ordinaria e passa alla trattazione del secondo punto all ordine del giorno per la Parte Ordinaria. 27

3. Rinnovo autorizzazione all acquisto di azioni proprie e modalità di disposizione delle medesime: provvedimenti conseguenti. Il Presidente, con il

3. Rinnovo autorizzazione all acquisto di azioni proprie e modalità di disposizione delle medesime: provvedimenti conseguenti. Il Presidente, con il 3. Rinnovo autorizzazione all acquisto di azioni proprie e modalità di disposizione delle medesime: provvedimenti conseguenti. Il Presidente, con il consenso degli intervenuti, si astiene altresì dal dare

Dettagli

3. Rinnovo autorizzazione all acquisto di azioni proprie e modalità di disposizione delle medesime: provvedimenti conseguenti.

3. Rinnovo autorizzazione all acquisto di azioni proprie e modalità di disposizione delle medesime: provvedimenti conseguenti. 3. Rinnovo autorizzazione all acquisto di azioni proprie e modalità di disposizione delle medesime: provvedimenti conseguenti. Il Presidente, con il consenso degli intervenuti, si astiene altresì dal dare

Dettagli

Prima di passare alla trattazione del primo punto all ordine del giorno di parte straordinaria, il Presidente ricorda che Hera S.p.A.

Prima di passare alla trattazione del primo punto all ordine del giorno di parte straordinaria, il Presidente ricorda che Hera S.p.A. Prima di passare alla trattazione del primo punto all ordine del giorno di parte straordinaria, il Presidente ricorda che Hera S.p.A. ed Agea Reti S.r.l. hanno dato vita ad un progetto di integrazione

Dettagli

SINTESI DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI DEL 29 APRILE 2008

SINTESI DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI DEL 29 APRILE 2008 SINTESI DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI DEL 29 APRILE 2008 L Assemblea Ordinaria degli azionisti di Hera S.p.A convocata per il giorno 29 aprile 2008 alle ore 10.00 presso la Sala Auditorium del CENTRO CONGRESSI

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro comunicato stampa Bologna, 29 marzo 2010 Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009 Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro Ricavi a 4.204,2

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 224.250.000,00 I.V. SEDE LEGALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE Relazioni degli Amministratori sulle proposte all ordine del giorno AMPLIFON S.p.A. Capitale sociale: Euro 3.968.400,00.= Sede Sociale

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI redatta ai sensi dell'articolo 125-ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con Consob n. 11971 del 1999 Emittente: Zignago

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Comunicato Stampa ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Approvato il bilancio dell esercizio 2013 di Atlantia S.p.A. Deliberata la distribuzione di un dividendo per l esercizio 2013 pari a complessivi euro 0,746 per

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione all assemblea ordinaria di TXT e-solutions S.p.A. del giorno 22 aprile 2015 (convocazione unica)

Relazione del Consiglio di Amministrazione all assemblea ordinaria di TXT e-solutions S.p.A. del giorno 22 aprile 2015 (convocazione unica) Relazione del Consiglio di Amministrazione all assemblea ordinaria di TXT e-solutions S.p.A. del giorno 22 aprile 2015 (convocazione unica) Signori Azionisti, siete stati convocati in assemblea per deliberare

Dettagli

proposta di delibera delibera

proposta di delibera delibera Relazione degli amministratori di Nice S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125-ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n. 11971 del

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 448.500.000 I.V. SEDE SOCIALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI ZIONE RELAZIONE AL PUNTO N. 1 ALL ODG DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: Bilancio individuale e consolidato chiuso al 31

Dettagli

C O M U N E DI M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI MANTOVA SESSIONE STRAORDINARIA

C O M U N E DI M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI MANTOVA SESSIONE STRAORDINARIA C O M U N E DI M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI MANTOVA Prima Convocazione Seduta Pubblica SESSIONE STRAORDINARIA N. 55 della delibera R.D. N.

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 30 MARZO 2011. Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 30 MARZO 2011. Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 30 MARZO 2011 Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno 1 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA I Signori Azionisti titolari di azioni ordinarie sono convocati in assemblea

Dettagli

AMPLIFON S.P.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 21 APRILE 2015

AMPLIFON S.P.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 21 APRILE 2015 AMPLIFON S.P.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 21 APRILE 2015 Il giorno 21 aprile 2015 alle ore 10.00 hanno inizio in Milano, Via Ripamonti, 131/133 i lavori dell assemblea ordinaria

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

CONSORZIO TOPIX TORINO E PIEMONTE EXCHANGE POINT, con attività. numero di iscrizione e codice fiscale e partita IVA 08445410015 * * * * *

CONSORZIO TOPIX TORINO E PIEMONTE EXCHANGE POINT, con attività. numero di iscrizione e codice fiscale e partita IVA 08445410015 * * * * * CONSORZIO TOPIX TORINO E PIEMONTE EXCHANGE POINT, con attività esterna, con sede in Torino, Via Bogino n. 9, con il fondo consortile di 1.600.000.=, versato per 1.570.000.=, iscritto al Registro Imprese

Dettagli

Verbale di Assemblea ordinaria. Enertronica S.p.A. Assemblea ordinaria del 24 giugno 2014

Verbale di Assemblea ordinaria. Enertronica S.p.A. Assemblea ordinaria del 24 giugno 2014 Verbale di Assemblea ordinaria Enertronica S.p.A. Assemblea ordinaria del 24 giugno 2014 Il giorno 24 giugno 2014 si è riunita in Frosinone, presso lo studio del Notaio Giovanni Piacitelli, in Via Aldo

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 23 LUGLIO 2015

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 23 LUGLIO 2015 VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 23 LUGLIO 2015 Oggi 23 luglio 2015, alle ore 11:00 presso gli uffici di Pozzo d Adda, in via Copernico n. 2/A, si è riunita in prima convocazione l Assemblea Ordinaria

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

30 APRILE 2010 (Prima convocazione)

30 APRILE 2010 (Prima convocazione) CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84033

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI PORTATORI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA A

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI PORTATORI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA A UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via Stalingrado 45 Capitale sociale Euro 1.996.129.451,62 i.v. Codice Fiscale e Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bologna 00818570012

Dettagli

AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE

AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE Nasce un importante operatore energetico, primo tra le local utilities italiane e con dimensioni di rilevanza europea. L incorporazione di ASM in AEM s inquadra

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.P.A. ADUNANZA DEL 28 MAGGIO 2014

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.P.A. ADUNANZA DEL 28 MAGGIO 2014 VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.P.A. ADUNANZA DEL 28 MAGGIO 2014 Il giorno 28 maggio 2014 alle ore 9.30 presso la sede in Roma, via Goito n. 4, si è tenuta l Assemblea ordinaria

Dettagli

MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4

MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4 MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4 CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO E VERSATO EURO 32.312.475,00

Dettagli

Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter

Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter del Decreto Legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n.

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 17 aprile 2014 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sui punti all Ordine del Giorno ai sensi dell articolo 125-ter del D.Lgs. n. 58/98

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli

DOTT. FRANCESCA BOSCHETTI NOTAIO IN BARBARANO VICENTINO

DOTT. FRANCESCA BOSCHETTI NOTAIO IN BARBARANO VICENTINO N. 15.833 di Repertorio N. 3.515 di Raccolta VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemiladodici, il giorno ventotto del mese di aprile (28/04/2012) in Vicenza (VI), presso il Centro

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. Relazioni e proposte all ordine del giorno

Assemblea degli Azionisti. Relazioni e proposte all ordine del giorno Assemblea degli Azionisti Relazioni e proposte all ordine del giorno 17 aprile 2009 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA I Signori Azionisti sono convocati in Assemblea ordinaria in Castelvetro di Modena,

Dettagli

VERBALE DELL'ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO DEL 16 APRILE 2003 (16/04/2003)

VERBALE DELL'ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO DEL 16 APRILE 2003 (16/04/2003) Repertorio N. 19801 Raccolta N. 8741 VERBALE DELL'ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO SMI - SOCIETA' METALLURGICA ITALIANA S.P.A. DEL 16 APRILE 2003 REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilatre, questo dì

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INTEGRAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL BIENNIO 2013-2014

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INTEGRAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL BIENNIO 2013-2014 COMUNICATO STAMPA RIUNITA L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI TELECOM ITALIA APPROVATO IL BILANCIO 2012 APPROVATA LA PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INTEGRAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL

Dettagli

GRUPPO DIGITAL BROS:

GRUPPO DIGITAL BROS: COMUNICATO STAMPA GRUPPO DIGITAL BROS: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APPROVA IL BILANCIO D ESERCIZIO 2013-2014 IN AUMENTO I RICAVI LORDI A 141,6 MILIONI DI EURO (+11,4%) MARGINE OPERATIVO LORDO A 8,2 MILIONI

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DEGLI OBBLIGAZIONISTI REPUBBLICA ITALIANA. Il sei luglio duemilaquindici in Napoli e presso

VERBALE DI ASSEMBLEA DEGLI OBBLIGAZIONISTI REPUBBLICA ITALIANA. Il sei luglio duemilaquindici in Napoli e presso Repertorio n. 13865 Raccolta n. 8635 VERBALE DI ASSEMBLEA DEGLI OBBLIGAZIONISTI REPUBBLICA ITALIANA Il sei luglio duemilaquindici in Napoli e presso la sede della società alla Via F. Crispi n. 31, alle

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF Consiglio di Amministrazione del 10/03/2015 - punto 10) Relazioni sulle materie all'ordine del giorno dell'assemblea degli Azionisti

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190 Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma REA 842633 P. IVA 01114601006 - C.F. 97103880585 Verbale di

Dettagli

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali.

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Bologna, 10 giugno 2008 Relazione introduttiva di Renato Matteucci Dip. Reti-Terziario Cgil nazionale Premessa Fin dall

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.507 i.v. TITOLO I COSTITUZIONE

Dettagli

Allegato C alla delibera del Consiglio di Amministrazione di Interpump Group S.p.A. del 19 marzo 2015

Allegato C alla delibera del Consiglio di Amministrazione di Interpump Group S.p.A. del 19 marzo 2015 Allegato C alla delibera del Consiglio di Amministrazione di Interpump Group S.p.A. del 19 marzo 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE PROPOSTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI INTERPUMP GROUP S.p.A. ALL

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese COPIA Deliberazione n 43 in data 28/09/2009 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione - Seduta Pubblica Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 ==================================================================== OGGETTO : APPROVAZIONE DEL

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190 Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma REA 842633 P. IVA 01114601006 - C.F. 97103880585 Verbale di

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190 Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma REA 842633 P. IVA 01114601006 - C.F. 97103880585 Verbale di

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 22.11.2012

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 22.11.2012 COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA OGGETTO: Progetto europeo Patto dei Sindaci Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Approvazione. Rientrano in aula i Cons. Pasqualetto Giuseppe e Stradiotto

Dettagli

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy.

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy. Proposta di distribuzione di riserve disponibili mediante assegnazione di partecipazioni possedute dalla Società in KME Green Energy S.r.L. previa trasformazione della stessa in società per azioni; deliberazioni

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ASCAA SPA DEL 24.06.2013

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ASCAA SPA DEL 24.06.2013 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ASCAA SPA DEL 24.06.2013 L anno 2013, il giorno 24 (ventiquattro) del mese di Giugno, presso la sede di ASCAA S.p.A. in Via Gramsci 1/b Fidenza

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione

CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84.033

Dettagli

Assemblea ordinaria dei Soci

Assemblea ordinaria dei Soci Assemblea ordinaria dei Soci 11 aprile 2014 1^ convocazione 12 aprile 2014 2^ convocazione RELAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO 1 ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA 1. Nomina,

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

SAFILO GROUP S.p.A. Sede Legale in Pieve di Cadore (BL), Piazza Tiziano n. 8 Capitale Sociale Euro 284.109.825,00 i.v. C.F., Partita IVA e n.

SAFILO GROUP S.p.A. Sede Legale in Pieve di Cadore (BL), Piazza Tiziano n. 8 Capitale Sociale Euro 284.109.825,00 i.v. C.F., Partita IVA e n. SAFILO GROUP S.p.A. Sede Legale in Pieve di Cadore (BL), Piazza Tiziano n. 8 Capitale Sociale Euro 284.109.825,00 i.v. C.F., Partita IVA e n. di iscrizione al R.I. Belluno 03032950242 ******** ASSEMBLEA

Dettagli

Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A.

Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno Convocazione unica: 14 maggio 2015 CONVOCAZIONE

Dettagli

Signori Azionisti, Articolo 2 SEDE La società ha la sede in Torino, corso Galileo Ferraris n. 32.

Signori Azionisti, Articolo 2 SEDE La società ha la sede in Torino, corso Galileo Ferraris n. 32. PROPOSTE DI MODIFICA DEGLI ARTICOLI DELLO STATUTO SOCIALE NUMERI 2, 5, 7, 8, 9, 10, 12, 13, 15, 17, 18 E INSERIMENTO DI UN NUOVO ARTICOLO CONCERNENTE IL CONTROLLO CONTABILE (ART. 24); DELIBERAZIONI INERENTI

Dettagli

TERNIENERGIA S.p.A SEDE LEGALE IN TERNI, VIA LUIGI CASALE SNC CAPITALE SOCIALE EURO 12.410.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO

TERNIENERGIA S.p.A SEDE LEGALE IN TERNI, VIA LUIGI CASALE SNC CAPITALE SOCIALE EURO 12.410.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO TERNIENERGIA S.p.A SEDE LEGALE IN TERNI, VIA LUIGI CASALE SNC CAPITALE SOCIALE EURO 12.410.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO. A norma di statuto, assume la presidenza dell assemblea il Presidente del Consiglio di Amministrazione Signor

ORDINE DEL GIORNO. A norma di statuto, assume la presidenza dell assemblea il Presidente del Consiglio di Amministrazione Signor GAMMA CHIMICA S.P.A. Sede legale: Milano Viale Certosa nr. 269 - Capitale Sociale: Euro 1.100.000 i.v. Numero di codice fiscale e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 04611330152 R.E.A. Milano

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

VERBALE DELLA ASSEMBLEA PARTE ORDINARIA DI SNAM RETE GAS DEL 24 APRILE 2002

VERBALE DELLA ASSEMBLEA PARTE ORDINARIA DI SNAM RETE GAS DEL 24 APRILE 2002 VERBALE DELLA ASSEMBLEA PARTE ORDINARIA DI SNAM RETE GAS DEL 24 APRILE 2002 Il giorno 24 aprile 2002 ad ore 10,40 in Milano, Via Clerici 5 (Palazzo Clerici) hanno corso i lavori di parte ordinaria della

Dettagli

& A s s o c i a t i ATTO. 21 luglio 2015 REP. N. 917/432 NOTAIO FEDERICO MOTTOLA LUCANO

& A s s o c i a t i ATTO. 21 luglio 2015 REP. N. 917/432 NOTAIO FEDERICO MOTTOLA LUCANO & A s s o c i a t i!" #$!"" ATTO 21 luglio 2015 REP. N. 917/432 NOTAIO FEDERICO MOTTOLA LUCANO 1 Repertorio n. 917 Raccolta n. 432 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' "Mid Industry Capital S.p.A." tenutasi

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace STATUTO AIAS (approvato nell Assemblea Straordinaria dell 11/12/12 presso Aula Morandi FAST Milano) Art. 1 Costituzione e denominazione 1. L Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza, denominata

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL COMUNICATO STAMPA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL L Assemblea degli Azionisti: ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2013 ed ha preso visione del bilancio consolidato del gruppo DeA Capital; ha

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione

Relazione del Consiglio di Amministrazione Relazione del Consiglio di Amministrazione (Redatta ai sensi dell art. 3 del D.M 437/98 e degli artt. 72 e 73 del Regolamento CONSOB n. 11971/99) Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti in

Dettagli

RELAZIONI ILLUSTRATIVE E PROPOSTE. DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EMAK S.p.A. IN ORDINE AI DIVERSI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO

RELAZIONI ILLUSTRATIVE E PROPOSTE. DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EMAK S.p.A. IN ORDINE AI DIVERSI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONI ILLUSTRATIVE E PROPOSTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EMAK S.p.A. IN ORDINE AI DIVERSI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 24 APRILE 2014 Emak S.p.A.

Dettagli

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2009

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2009 GRUPPO MINERALI MAFFEI S.P.A. Sede Sociale NOVARA (NO) Piazza Martiri della Libertà n.4 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 6.000.170 Tribunale di Novara Registro Imprese n 01075720035 Camera

Dettagli

ENI S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 10 MAGGIO 2013 UNICA CONVOCAZIONE

ENI S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 10 MAGGIO 2013 UNICA CONVOCAZIONE Pubblicata il 3 Aprile 2013 ENI S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 10 MAGGIO 2013 UNICA CONVOCAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO ENI S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter

Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter Relazione degli amministratori di Landi Renzo S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125- ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n.

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO Articolo 1 La Società Italiana per il Gas per Azioni,

Dettagli

VERBALE REPUBBLICA ITALIANA. L'anno 2015 (duemilaquindici), questo giorno di giovedì 23 (ventitre) luglio.

VERBALE REPUBBLICA ITALIANA. L'anno 2015 (duemilaquindici), questo giorno di giovedì 23 (ventitre) luglio. REPERTORIO N.127804 FASCICOLO N.38988 VERBALE REPUBBLICA ITALIANA L'anno 2015 (duemilaquindici), questo giorno di giovedì 23 (ventitre) luglio. In Gaggio Montano (BO), Frazione Silla, Località Sassuriano

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia N 24 DEL 31/03/2015

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia N 24 DEL 31/03/2015 Reg. Pubbl. N. 80 COMUNE DI CASALGRANDE Provincia di Reggio Emilia ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 24 DEL 31/03/2015 OGGETTO: PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA'

Dettagli

L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVA IL BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013

L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVA IL BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVA IL BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO D

Dettagli

STATUTO. Costituzione. Finalità

STATUTO. Costituzione. Finalità STATUTO Costituzione Art. 1: È costituita in Milano Via Giovanni Cantoni 4 un associazione denominata Milano oggi, domani e dopodomani (dicitura in inglese Milano becoming) di seguito detta Associazione.

Dettagli

Verbale dell Assemblea ordinaria degli azionisti di RDM Realty S.p.A. del 29 gennaio 2008 - seconda convocazione -

Verbale dell Assemblea ordinaria degli azionisti di RDM Realty S.p.A. del 29 gennaio 2008 - seconda convocazione - Verbale dell Assemblea ordinaria degli azionisti di RDM Realty S.p.A. del 29 gennaio 2008 - seconda convocazione - Il giorno 29 gennaio 2008 ad ore 15:10 in Milano, in Corso Magenta n. 61, presso il Centro

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 73 OGGETTO: MOZIONI Il giorno Ventinove del mese di Novembre dell anno 2010 - alle ore 19,30 - nella sala delle adunanze consiliari, sotto la Presidenza

Dettagli

I soci finanziatori nelle cooperative sociali

I soci finanziatori nelle cooperative sociali Cooperative sociali I soci finanziatori nelle cooperative sociali Modello 1 Clausola statutaria che disciplina l emissione delle azioni di sovvenzione Requisiti, conferimento e azioni dei soci sovventori

Dettagli

& A s s o c i a t i ATTO. 6 maggio 2015 REP. N. 22.956/13.433 NOTAIO MARIO NOTARI

& A s s o c i a t i ATTO. 6 maggio 2015 REP. N. 22.956/13.433 NOTAIO MARIO NOTARI & A s s o c i a t i!" #$!"" ATTO 6 maggio 2015 REP. N. 22.956/13.433 NOTAIO MARIO NOTARI 1 Repertorio n. 22956 Raccolta n. 13433 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' Banzai S.p.A. tenutasi in data 27 aprile

Dettagli

Banco Desio RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PROPOSTE ALL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 28 SETTEMBRE 2007 1^ CONVOCAZIONE

Banco Desio RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PROPOSTE ALL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 28 SETTEMBRE 2007 1^ CONVOCAZIONE Banco Desio RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PROPOSTE ALL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 28 SETTEMBRE 2007 1^ CONVOCAZIONE BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.p.A. Sede sociale in Desio Via Rovagnati, 1 Capitale

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL 23 APRILE 2008. (Milano, Centro Congressi di Corso di Porta Vittoria n. 16, ore 10,30)

VERBALE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL 23 APRILE 2008. (Milano, Centro Congressi di Corso di Porta Vittoria n. 16, ore 10,30) VERBALE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL 23 APRILE 2008 (Milano, Centro Congressi di Corso di Porta Vittoria n. 16, ore 10,30) 1 Il giorno ventitre aprile duemilaotto alle ore dieci e trentasette minuti.

Dettagli

Il Presidente dichiara quindi aperta la seduta e passa alla trattazione dei punti all ordine del giorno. -OMISSIS- 2. APPROVAZIONE BILANCIO SEPARATO

Il Presidente dichiara quindi aperta la seduta e passa alla trattazione dei punti all ordine del giorno. -OMISSIS- 2. APPROVAZIONE BILANCIO SEPARATO A2A S.p.A., con sede in Brescia, Via Lamarmora n. 230, capitale sociale 1.629.110.744,04 interamente versato, iscritta al n. 11957540153 del Registro delle Imprese di Brescia. ============================================================

Dettagli

COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca

COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 10 del 26-01-11 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB PAVIA REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA

AUTOMOBILE CLUB PAVIA REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA AUTOMOBILE CLUB PAVIA REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA Approvato con Delibera del C.D. n. 8 del 7 Settembre 2009 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Principi generali...

Dettagli

TITOLO I COSTITUZIONE DELLA SOCIETA' ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE

TITOLO I COSTITUZIONE DELLA SOCIETA' ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE TITOLO I COSTITUZIONE DELLA SOCIETA' ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E' costituita una Società per Azioni sotto la denominazione "Vianini Lavori S.p.A." che è retta dal presente Statuto. ARTICOLO 2 SEDE La sede

Dettagli

Verbale della assemblea ordinaria degli azionisti di Snam Rete Gas S.p.A. del 27 aprile 2010

Verbale della assemblea ordinaria degli azionisti di Snam Rete Gas S.p.A. del 27 aprile 2010 Verbale della assemblea ordinaria degli azionisti di Snam Rete Gas S.p.A. del 27 aprile 2010 Il giorno 27 aprile 2010 ad ore 10,56 in San Donato Milanese (MI), piazza Santa Barbara n. 7, proseguono in

Dettagli

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Proposta di Deliberazione dell Assemblea SEDUTA del 29.09.2014 N. di Reg. 7 N. di Prot. 1076 Odg 5 Immediatamente eseguibile Oggetto: RESTITUZIONE AGLI UTENTI

Dettagli

Prop. N. 366 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Prop. N. 366 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI FORMIGINE Provincia di Modena Prop. N. 366 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 18 del 23/04/2012 OGGETTO: DISCUSSIONE DELLA MOZIONE PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE SUI RIFIUTI E SUL

Dettagli

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 1.1 E costituita la Società GNL Italia S.p.A.. La denominazione può essere scritta in qualsiasi

Dettagli

FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Di Luigi Risolo 1 INDICE I) Introduzione....4 1) Contratto preliminare di trasferimento delle quote sociali.. 5 2) Scrittura privata di cessione delle

Dettagli