FILIPPO JUVARRA: ARCHITETTO e SCENOGRAFO. Teato Regio Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILIPPO JUVARRA: ARCHITETTO e SCENOGRAFO. Teato Regio Torino"

Transcript

1 FILIPPO JUVARRA: ARCHITETTO e SCENOGRAFO Teato Regio Torino

2 FILIPPO JUVARRA: ARCHITETTO E SCENOGRAFO Il teatro barocco ai tempi di Filippo Juvarra... Inquadramento storico delle classi dominanti nel 700 piemontese. La vita di Filippo Juvarra... L architettura del regno di Filippo Juvarra in Piemonte: - Reggia di Venaria Reale - Cartello di Rivoli - Basilica di Superga - Villa della Regina - Palazzina di caccia di Stupinigi Filippo Juvarra e il Teatro Regio... L evoluzione della scenografia Juvarriana... Elenco immagini Obbiettivo del percorso...

3 Il teatro Barocco ai tempi di Filippo Juvarra... Nel periodo barocco gli scambi culturali portarono in tutta Europa una forma comune di spettacolo teatrale. Il periodo che và dal 1600 al 1700 si divide in primo, medio e tardo barocco. Gli elementi che caratterizzano questo momento sono: - in campo musicale la nascita e lo sviluppo dell opera cantata. - in campo artistico-teatrale la nascita e l applicazione della prospettiva scenografica. Nel 1637 a Venezia comparve il primo teatro d opera con pubblico pagante, ampliando così la tipologia di utenti (molto più vasto di quello si solo corte ). Per quanto riguarda la scenografia, si caratterizza per la spettacolarità delle rappresentazioni ottenuta mediante l ausilio di macchine sceniche. L area scenica si estese anche in profondità, oltre che in lunghezza, per far posto agli effetti prospettici ed appunto alle macchine. Fu così che gli architetti furono costretti a modificare la disposizione dei posti a sedere, per dare una migliore visione prospettica, e per una migliore acustica. Caratteristica in quest epoca è la scena ductilis : (teorizzata nel 1544 dal francese Philander) Per mezzo di pannelli tirati di lato si rileva l interno di quella o quell altra scena. Le pareti laterali della scena cambiano completamente insieme ai fondali. Per ottenere l effetto prospettico le quinte laterali diminuiscono l altezza e per ciascuna c è un bordo superiore o un cielo. Nel 1608 Giacomo Torrelli introdusse corsie per muovere le quinte laterali, con un argano centrale posto sotto il palcoscenico, per i cambi simultanei. Un altra novità è l introduzione di scene di boschi, con quinte forate che lasciano intravedere le quinte successive. La maggior parte dei frontespizi scenici disegnati nel 600 erano semplicemente bidimensionali a forma rettangolare (ossia piatte cornici di quadro che racchiudevano il palcoscenico vero e proprio), mentre nel barocco si assisterà all introduzione del Tridimensionale (ossia decorazioni e figure in rilievo). Al rettangolo si sostituisce l arco di frontespizio, con la cornice superiore incurvata, alcuni di questi archi erano così profondi da diventare parte di una facciata che guidava lo sguardo del pubblico nella scena. Per quanto riguarda la nuova progettazione e costruzione dell edificio si adatteranno tali modifiche, che differenzieranno la struttura rispetto alla precedente, simile al Teatro Farnese di Parma. - I nuovi teatri saranno suddivisi in 5 gallerie, divise in palchi da pilastri ad archi (quindi gallerie divise in scomparti separati) a differenza dei precedenti gradoni, ciò per favorire agli spettatori maggiore comodità ed intimità. Questo sistema diventerà la norma per tutti i teatri d opera e non). - Cambierà la forma: la precedente struttura a U della platea non era più adatta ad assicurare la buona visibilità al pubblico, così fu sostituita dalla forma a staffa di cavallo o a campana. - Per quanto riguarda l illuminazione delle scene si utilizzeranno centinaia di candele e lumi ad olio posti dietro i telai, per creare le luci colorate si utilizzavano vetri o vasi di vetro colorato.

4

5 Inquadramento storico delle classi dominanti nel 700 in Piemonte Re Emanuele Filiberto nel 1563 fece di Torino non solo sede di corte, ma anche capitale del potere e dell arte, trasformandola seguendo i modelli romani ispirati al dio Apollo. Alla fine del 700 irrompe l armata napoleonica, il Re Carlo Emanuele IV abbandona la città di Torino e nel frattempo si dà inizio alla costruzione della Reggia di Venaria, che si protrasse per più di un secolo (dal 1659 al 1790). La dinastia dei Savoia è una dinastia guerriera ma attenta al mondo dell arte italiana ed Europea, infatti alla fine del 700 si ha inizio alla stesura del libro Storia pittorica dell Italia dedicato alla Pittura in Piemonte, mentre Luigi Lanzi è l iniziatore della moderna storia dell arte italiana. I Savoia guardarono in molte direzioni avvalendosi di molte tecniche, dall architettura, alla scultura ai i mestieri preziosi, infatti già nel 1678 Giovanna Battista di Savoia istituì un Accademia. Durante il regno di Vittorio Amedeo II, quando nel 1713 fu proclamato Re di Sicilia, chiamò a lavorare a Torino il messinese Filippo Juvarra. Ombre e luci venne soprannominato il bellicoso Re Carlo Emanuele III, in quanto nel 1737 diede fuoco alla sua quadreria e acquistò la collezione del Principe Eugenio. Dopo Juvarra, nel 1739 a Torinop fu nominato Benedetto Alfieri architetto di corte. Dando così il via nel XVIII secolo ad nuova realtà alla stagione artistica.

6 La vita di FILIPPO JUVARRA (Messina Madrid 1736) Tra il 1644 e il 1682 nacquero a Pietro Juvarra, celebre argentiere, ben 14 figli. Particolari cure furono riservate proprio all ultimo dei maschi, Filippo, nato nel 1678 a Messina, quando Pietro era quasi settantenne. Filippo si dimostrò fin dai primi anni... di natura molto vivace e di buonissimo intelletto, sicché, mentre i fratelli maggiori erano stati appena possibile messi a lavorare nella bottega paterna, per lui si fece qualcosa di più. Lo si destinò alla carriera ecclesiastica, allo scopo di procurargli un avvenire migliore; si assecondò il suo gusto di disegnare di figura. Già da ragazzo possedeva libri del Vignola, Vitruvio, libri di Roma antichi e la scuola dei celebri antichi architetti. A 25 anni fu ordinato sacerdote. Il quadro tracciato è quello di una giovinezza studiosa, vissuta nella cerchia di una famiglia patriarcale e quasi agiata; se si pensa che nel 700 Palermo contava su abitanti accattoni, Filippo Juvarra era da considerarsi in una posizione quasi privilegiata. Una famiglia stimata ma povera, cioè in necessità di lavorare per vivere. Infatti a soli 23 anni Juvarra fu chiamato all incarico delle decorazioni per le feste solennizzanti l acclamazione di Filippo V di Borbone a Re delle Due Sicilie. Il suo primo lavoro è dunque uno di quelli che erano per lo più appannaggio di decoratori e di scenografi, anziché di architetti. Se ne può dedurre, sia un precoce interesse per l allusivo artificio delle macchine e delle invenzioni spettacolari, sia un desiderio di cogliere ogni occasione di lavoro possibile. Nel 1705 Filippo Juvarra ottenne a Roma il suo primo successo: la vittoria per l architetturanel Concorso Clementino. Questo premio fu molto importante per l inserimento di Juvarra nella società di Roma perché divenne membro di diritto dell Accademia di S. Luca e immediatamente ebbe la sua prima offerta di lavoro (un apparato funebre in memoria di Leopoldo I). Le prime scenografie vere e proprie che ci sono giunte di Juvarra appartengono al suo periodo trascorso a Napoli (tra gennaio e aprile 1706), si pensi si tratti del Mitradate per il teatro di Napoli, il San Bartolemeo. In particolare L Atrio Reale è interessante perchè al centro vi compaiono due colonnati, intersecanti ad angolo retto e disposti diagonalmente rispetto al proscenio. Si capisce che Juvarra conosceva la nuovissima maniera per angolo inventata da Ferdinando Bibiena. Tra il era a Roma, sono anni di vivace attività musicale e teatrale. È molto importante il suo soggiorno a Roma per la progettazione del Teatro Ottoboni, per il quale realizzò anche molte scenografie. Nel 1711 esplose il suo metodo a forma sistematica pubblicando l Architettura civile. Molto famosi sono i suoi pensieri, schizzi in cui la scena era definita come un luogo di pura invenzione; non si è mai saputo se fossero destinati alla messa in scena. Tra il 1715 e il 1725 Juvarra si dedicò allo sviluppo della città di Torino, dopo essere stato nominato primo architetto. In questi anni a Torino non esisteva una salda tradizione in campo d opera e in musica, ma nonostante ciò le stagioni del Teatro Carignano del e del Teatro Regio furono interessanti soprattutto per la scenografia e per le nuove tendenze che si andavano delineando, come la memorabile invenzione del Bibiena riguardo l allusivo scambio tra la realtà dell ambiente naturale e l artificiosa finzione delle effimere strutture scenico teatrali. Dai progetti realizzati da Juvarra per il restauro del Teatro Regio si percepisce l ingrandimento dello spazio dedicato all orchestra a discapito della profondità del palcoscenico, pur rimanendo più profondo rispetto alla norma degli altri teatri.

7 Pianta e sezione della zona palchi del Teatro Ottoboni di Roma Prospetto della zona palco del Teatro Ottoboni di Roma. Palcoscenico del Teatro Capranica, Roma 1713.

8 L architettura del regno di Filippo Juvarra in Piemonte Filippo Juvarra viene nominato primo architetto civile nel settembre del 1714 da Vittorio Amedeo II dando così inizio alla stagione sabauda del messinese. Dopo la nomina come grande regista di Torino, Juvarra dona alla città una nuova fisionomia apportandovi un orientamento romano e abbandonando sempre più la linea francese. Juvarra mostra un interesse verso Bernini e Borromini, verso la cultura architettonica francese per via del confort e dell abitabilità, di quella tedesca (che ritroviamo nella Palazzina di Stupinigi, nella Chiesa del Carmine e in Palazzo Madama), per i maestri del 500 come Leon Battista Alberti, Michelangelo e Palladio (evidente nell abside della Venaria Reale, nel connubio tra la tradizione classica e le innovazioni personali). Con la morte di Michelangelo Garove, Juvarra rielabora la struttura della parte vecchia di Torino ridefinendo il nuovo volto degli ingressi alla città con piazze e porticati, visti come spazi di accoglienza per chi arriva dalla Francia o da Milano. Nel 1716 realizza progetti per i Quartieri Militari, elabora una nuova idea di piazza porticata con lo spazio che da semicircolare diventa quadrata, le facciate a lesene prendono il nome di Ordine Gigante. A differenza dell edilizia del 600 le fabbriche arrivano a tre piani elevando la fisionomia di tutta la città. La zona di comando: Palazzo Madama, i palazzi del governo e della burocrazia. Nel 1718 si apre il cantiere di Palazzo Madama destinato a Maria Giovanna Battista di Savoia. Viene visto come nuovo Palazzo Reale non come funzionalità ma come immagine emblematica. L incisione del Vasconi rivela il vero progetto con la facciata a nove campate, l edificio al centro si estende verso Palazzo Reale e a sud occupa gran parte della piazza. Il progetto è realizzato solo in parte. Emerge la grande idea di regalità tipica del periodo napoleonico, visto come unico monumento architettonico della città impreziosito anche dall utilizzo di materiali pregiati come la pietra di Chianocco. Palazzo Reale negli anni di Juvarra rimane incolume da interventi esterni, ma all interno adegua gli ambienti alle nuove esigenze. Fu molto attento agli aspetti funzionali dei sovrani oltre che agli aspetti che rappresentano il potere. Nel periodo di Juvarra Palazzo Reale non viene modificato architettonicamente, ma solamente all interno in base alle nuove esigenze. L ala della biblioteca e degli archivi verrà terminata in seguito da Benedetto Alfieri. Di Juvarra è il gabinetto cinese della Regina e la Scala delle Forbici realizzata nel per il Principe di Piemonte Carlo Emanuele. Collega il primo piano con il secondo ed è formata da tre rampe, decorata con raffinati stucchi che sostituiscono la monumentalità ed eleganti ringhiere in ferro, non marmoree con riferimento alla Francia.

9 VENARIA REALE, CASTELLO DI RIVOLI, BASILICA DI SUPERGA E PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI: - Venaria Reale è una delle prime richieste di Vittorio Amedeo II per le sue residenze extraurbane. Juvarra ingloba il già monumentale progetto di Garove, in corso di esecuzione, in un disegno ancora più grande che sposta verso il borgo e verso sud i limiti del complesso, ideando una nuova piazza antistante il palazzo, generata dalla presenza della nuova cappella di corte dedicata a S. Uberto e un sistema di edifici di servizi (scuderia e citroneria) quasi senza pari in Europa. - Il Castello di Rivoli è visto come reggia alternativa a Palazzo Reale a Torino. Il progetto fu iniziato da Garove e continuato poi da Juvarra, questa reggia extraurbana si basa su un modello francese, il rifacimento architettonico è quello della Reggia di Versailles.Il palazzo viene diviso in due settori: verso Torino è la parte riservata al sovrano, verso le montagne è la parte per il principe e altri membri della famiglia. - Al polo opposto del Castello di Rivoli c è la Reale Chiesa di Superga realizzata su progetti del La chiesa celebra le speranze di Vittorio Amedeo di vedere trasformato il suo regno in regno europeo data anche la sua posizione collinare. La struttura è costituita da un convento, un Palazzo Reale e le tombe dei Savoia (situate nei sotterranei). È a pianta centrale, cupola e campanili laterali, l elemento unificante sono le colonne, un ordine gigante di lesene, diventano nel pronao colonne con sopra una grande balaustra fino al timpano. Il progetto è differente da quello originale. Juvarra si ispira a Bernini, Borromini, Rainaldi e Pietro da Cortona con rifacimenti alla classicità romana e alla cultura francese. È regista di una rivoluzione di gusto. - Per la Palazzina di Caccia di Stupinigi i cantieri iniziano nel 1729, il committente è Vittorio Amedeo II. Il progetto è aperto a 360 nei prati e nei boschi di caccia dando così un nuovo profilo alle residenze. Non bastando Venaria come luogo di caccia nel 600 nasce l idea di questa nuova struttura dotata di servizi per la caccia, un padiglione reale, salone e appartamenti. Lo schema di Juvarra è molto preciso, si basa su percorsi alberati e visuali, il salone e al centro di una croce di Sant Andrea, a ovest verso Orbassano, a est verso Vinovo, a sud rotta Reale (boschi di caccia) e a nord verso Torino. L interno è basato su un disegno di aperture (definito, enfilade), una sequenza di porte in serie che permettono di vedere ampliato ( strutture aperte ).

10 Archivio di Corte e Basilica di Superga Palazzina di caccia di Stupinigi e Palazzo Madama. Castello di Rivoli

11 Filippo Juvarra e il Teatro Regio... Nel 1730 Vittorio Amedeo II abdica e nel 1732 muore. Tale sovrano non aveva mai dato importanza ai luoghi dello spettacolo a differenza del figlio, suo successore Carlo Emanuele III che da subito intende risistemare la città partendo proprio dal centro, ossia da Piazza Castello, realizzando il continum (uffici per la direzione degli affari, cioè la segreteria; gli uffici per gli incartamenti, cioè l archivio; i luoghi per la vita di relazione cioè il teatro). Collega quindi la cappella della sindone con gli appartamenti reali e mediante un lungo corridoio utilizzato per il corpo delle segreterie, si allaccia al teatro, il Nuovo Regio. Questo progetto fu commissionato a Filippo Juvarra, il quale nel 1731 realizzò un enorme disegno (270 cm X 75 cm), tali idee però non corrispondono agli edifici attuali a parte la sede degli archivi, infatti nel 1733 con lo scoppio della guerra di secessione polacca, che durò molti anni, l idea di Juvarra non si realizzò mai. Il progetto da lui ideato consisteva in: - forma a staffa di cavallo con un imprecisato numero di ordini di 31 logge (tenendo presente che la corona ne avrebbe occupate tre). - dimensioni non molto grandi, ma il più grande da lui progettato. Prima di stabilirsi in Piemonte nel 1702, la carriera teatrale di Filippo Juvarra presenta due momenti chiave: - Il primo, quando prepara i disegni per il Teatro S.Agostino di Genova (in data non definita), inaugurato nel 1702 con struttura simile al Teatro Nuovo Falcone (inaugurato 3 anni dopo nel 1705), composto da tre ordini di palchi e gallerie, pianta a U allungata, atrio a forma trapezioidale, soffitto concavo con apertura centrale per il lampadario. Il maestro di Juvarra era Carlo Fntana dal quale ne trae influssi, anche se la tipica forma a staffa di cavallo da quest ultimo molto utilizzata, nel 1695 verrà dimostrata come la migliore per favorire visibilità e eudizione. - Il secondo momento è segnato dal viaggio compiuto da Juvarra in Portogallo tra il 1719 e il 1720 durante il quale lavora per la chiesa patriarcale e il regio palazzo di Lisbona, dal quale ne trae parecchi elementi come la forma a staffa di cavallo, la stessa quantità di spazio destinato alle logge, al palco e al retropalco, e l ingresso a cupoletta. Filippo Juvarra dopo il viaggio a Lisbona nel 1721 tornerà a Torino, ma nel 1739 lo succederà nella carica di primo architetto Benedetto Alfieri, il quale porterà a compimento il lavoro di riqualifica del Teatro Regio.

12 L evoluzione della scenografia Juvarriana... Nel 1706 lo scenografo Francesco Bibiena ideò la prima scena per angolo per l accademia del Porto a Bologna, un nuovo metodo di rappresentazione prospettica. Prima di questa innovazione la prospettiva teatrale metteva in relazione il palcoscenico e la sala, collegandoli da un unico asse visivo centrale, quindi la scenografia si pone va come una continuazione illusoria, ottenendo così un unità prospettico-architettonica (tipica idea barocca: fusione e continuità tra lo spazio reale e quello immaginario, ma alla fine del 600 divenne solo più uno schema, svuotato dal suo primitivo significato). Con le innovazioni di Filippo Juvarra il palcoscenico perderà l unità spaziale con la sala del pubblico, diventando un quadro a sé, staccato dal mondo dello spettatore. Tale distacco sarà più apparente che reale, infatti gli assi diagonali non saranno disposti a caso sul palcoscenico, ma obbediranno a regole prospettiche stabilite a priori. Anche le scenografie non architettoniche erano ordinate con rigore architettonico, ad esempio nel rappresentare un bosco si avrà: - avanti uno spiazzo di radi ciuffi d erba limitato ai due lati due quinte ad albero - al centro un arbusto a forma di cespugli (da considerarsi il perno della composizione) - a desta e a sinistra filari di piante, ecc. Filippo Juvarra non era influenzato dal suo essere scenografo, ma soprattutto architetto, infatti non si soffermò né sulle prospettive, né sul quadro ma concepiva la scena partendo da un abbozzo, definito un pensiero realizzato in disegno, nel quale rappresentava con fantasia l idea spaziale. Dall idea-abbozzo disegnava una pianta sommaria della scena disponendo le quinte sul palcoscenico (procedimento inverso rispetto al suo collega Bibbiena). Per Juvarra quindi la sua opera è pura espressione artistica di uno spazio ideale senza sottostare alle regole prospettiche. Il primo risultato dell abbandono del metodo prospettico della scena ad angolo fu la diminuzione dell importanza degli assi spaziali fissi e l estensione dello spazio scenico, sviluppando così forme spaziali meno angolate e più curvilinee. Lo schema da lui utilizzato generalmente era composto da: - in primo piano ampio ambiente centrale interrotto da un colonnato in prospettiva - dietro si vedono tre gallerie, non più disposte angolarmente tra loro ma che si chiudono dietro delle arcate su una parete circolare, dando così maggiore profondità. - fondale o ciclorama L attenzione dello spettatore tende a ricadere sul secondo livello o piano intermedio. Nelle scene asimmetriche Juvarriane l idea di spazio era molto complessa, ed erano concepite come uno spazio non visibile dallo sguardo dello spettatore, posto in un luogo immaginario (non precisato dallo scenografo). L impostazione ferrea dell architettura della scena viene stravolta dall uso del colore molto pittorico e dall uso della luce. Infatti molto importante è il gioco delle luci e delle ombre, ottenuto ad acquarello, proveniente da una sorgente nascosta ed imprecisabile che non vogliono esaltare la plasticità realistica dell architettura, ma a trasfigurarla fino a crearne una visione fantastica, né realistica, né razionale, anche in questo caso opposta alla visione di Bibbiena. Le architetture sono imponenti, monumentali, forte la libertà espressiva che darà spazio al gusto per il fantasioso, pur rimanendo elegante. Elementi che emergeranno dalle linee incurvate ed intersecanti, sciolte e libere.

13 La singolare posizione delle scenografie di Juvarra si svilupperà ancora di più nelle scene non architettoniche, infatti il paesaggio non sarà più trattato prospetticamente. Il paesaggio sarà caratterizzato da: - composizione libera da ogni asse spaziale e da prospettive ad angolo - scena disposta su strati successivi Molto importante è proprio la disposizione della scena su piani successivi, che diventerà un metodo di uno comune in tutte le scenografie successive. Per Juvarra la disposizione a strati è il risultato di un gusto spaziale sottolineato dalle luci-ombre. Il paesaggio sarà molto veristico, ciò sarà reso possibile dalla poesia dell acquarello nei toni bianchi e grigi. La scena esotica è solo un aspetto, libero da ogni aderenza realistica, per creazioni di libera fantasia, aprendo alla scenografia nuove prospettive in campi sconosciuti. I sistemi tecnici dei macchinari e degli attrezzi utilizzati da Juvarra per i suoi pensieri : - I metodi da lui utilizzati erano strettamente connessi con la tradizione barocca, riconoscibile nell alternarsi di scene corte e lunghe e dall introduzione del carretto matto con didascalia (cioè, che si poteva muovere indipendentemente dal resto della scena). - Uso di elementi scenici rotanti su perni, in modo da consentirne l utilizzazione per più scene (variando l angolazione). - Palcoscenico sussidiario, posto sul fondo del palcoscenico rispetto al palcoscenico fisso. - Alcuni documenti raccolgono i disegni delle macchine (es. carretto per l opera che porta le scene e per effetture i cambi di scena a vista). - Macchina = cubo, legato ad un sistema di funi, destinato ad essere calato in una corrispondente area quadrata delimitata sul piano sottostante, utilizzata o come strumento teorico o per delimitare la posizione del contrappeso, forse per le apparizioni celesti. - Teloni, utilizzati frequentemente anche per i mutamenti a vista della scena. Le attrezzature che rimangono documentate nei disegni delle Istruzioni sono di tipo tradizionale, senza particolare innovazioni, si pensa però che Juvarra utilizzasse nuovi accorgimenti tecnici non documentati e destinati a rimanere segreti. La concezione scenica di Bibiena vide molti allievi, mentre l attività di Juvarra rimase più che altro legata a lui come architetto. Infatti un vincolo fortissimo legava l attività architettonica da quella teatrale, queste due forme d espressione per lui erano una sola cosa, evidente dal fatto che in quegli anni i critici ci tenevano a differenziare, anzi fu importante proprio per la nascita di nuovi generi. Carretto, probabilmente per il Teatro Ottoboni di Roma.

14 Elenco immagini: 010 / 011 Camera da Letto Scena II del Teodosio il Giovane Roma, Teatro Ottoboni, / 013 Cortile nel Palazzo Scena V del Teodosio il Giovane Roma, Teatro Ottoboni, /015 Biblioteca - Scena VI del Teodosio il Giovane Roma, Teatro Ottoboni, / 017 Salone - Scena X del Teodosio il Giovane Roma, Teatro Ottoboni, / 019 Interno dei Giardini di Giunio Scena II del Giunio Bruto, / 021 Deliziosa Scena III del Giunio Bruto, /023 Piazza di Città Scena V del Giunio Bruto, / 025 Portico S cena IV del Giunio Bruto, Porticato Scena IX del Giunio Bruto, Portico avanti al Tempio di Giove Scena XVI del Giunio Bruto, Prospetto di Palazzo Scena II del Ciro. Roma, Teatro Ottobone, / 030 Bosco sacro ad Apollo con Trono e Tempio Scena III del Ciro. Roma, Teatro Ottobone, / 032 Atrio Scena X del Ciro. Roma, Teatro Ottobone, Ingresso nobile Una scena simile è la II dell Eraclio. Roma, Teatro Ottobone. 034 Sepolcro di Aurelio (Opera non identificata). 035 Cortile Roma, Teatro Ottobone. 036 Atrio Roma, Teatro Ottobone. 037 Atrio e scalone Roma, Teatro Ottobone. 038 Deliziosa Scena VI di Tito e Berenice Roma, Teatro Capranica, Camera che introduce ad appartamenti reali Per un teatro torinese

15 Obbiettivo del percorso... Le opere di Filippo Juvarra sono lo spunto per riflettere sul tema della scenografia in epoca barocca attraverso un percorso a più tappe... Visita guidata alla REGGIA DI VENARIA REALE (durata 2 ore): La visita alla Reggia si concentra sulla figura di Filippo Juvarra, scenografo e primo architetto della corte sabauda dal Prima di immergersi nella luce e nelle forme della Galleria Grande e della Chiesa di Sant Uberto, capolavori del grande architetto, il percorso di visita propone infatti intepretazioni tridimensionali di alcuni pensieri di Juvarra, disegni liberi che, per usare le sue parole, rappresentavano il piacere di fissare in un segno libero i pensieri. Nell allestimento proposto gli schizzi di Juvarra diventano scenografie teatrali che occupano lo spazio della sala e coinvolgono il visitatore nell atto creativo che precede il progetto: l idea che diventa segno grafico. Visita guidata al TEATRO REGIO e lezione sulla STORIA DELLA SCENOGRAFIA BAROCCA (durata 3 ore): A scuola, a cura degli insegnanti di educazione artistica: realizzazione di un bozzetto ispirato alle scenografie di Juvarra, eseguito su formato A4 e con tecnica a scelta. Il tema del bozzetto può ispirarsi alla Galleria Grande della Venaria e i giardini verso i quali si affacciava. La particolarità del bozzetto è che dovrà essere progettato su tre livelli di profondità: - primo piano, che funge da cornice - secondo o piano intermedio, che evidenzia gli elementi tridimensionali come mobili o elementi architettonici - terzo piano o sfondo I tre livelli bidimensionali, una volta sovrapposti, creeranno un effetto di profondità tridimensionale tipico delle scenografie barocche e delle scatole ottiche dell 800. LABORATORIO DI SCENOGRAFIA del Teatro Regio, durante il quale si realizzerà uno dei bozzetti (durata 3 ore) : Il Laboratorio si pone l obiettivo di svelare i profondi legami tra progettazione architettonica e visione scenica nell opera di Filippo Juvarra, e di utilizzare le tecniche di realizzazione e gli strumenti degli scenografi professionisti. Durante il laboratorio si realizzeranno 3 tele delle dimensioni di 3 mt x 2 mt, che (successivamente ritagliate e sovrapposte) riprodurranno in grande il bozzetto prescelto..

Percorsi archeologici

Percorsi archeologici Percorsi archeologici In mattinata arrivo a Torino, ritrovo con la guida e visita del centro storico con un rapido cenno ai principali monumenti (solo esterni): la Mole Antonelliana simbolo della città,

Dettagli

Torino contemporanea

Torino contemporanea Torino contemporanea In mattinata arrivo a Torino, ritrovo con la guida e visita alle sculture di artisti contemporanei ospitate nel centro storico, con rapido cenno ad alcuni luoghi simbolo della città:

Dettagli

Percorsi archeologici

Percorsi archeologici Percorsi archeologici In mattinata arrivo a Torino, ritrovo con la guida e visita del centro storico con un rapido cenno ai principali monumenti (solo esterni): la Mole Antonelliana simbolo della città,

Dettagli

Dall Oriente a Torino

Dall Oriente a Torino Dall Oriente a Torino Negli anni Trenta del Settecento, Villa della Regina venne arricchita di preziosi gabinetti decorati alla China, piccoli ambienti che ospitavano servizi da tè, caffè e cioccolata

Dettagli

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA Il Museo Nazionale del Cinema di Torino nasce nel 1941 da un progetto di Marita Adriana Prolo, collezionista e storica.oggi il Museo Nazionale del Cinema è ritornato

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA Premessa Il teatro musicale è fin dalle sue origini uno dei banchi di

Dettagli

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO Corso di Studi interfacoltà in ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO E DI DIVULGAZIONE PER LE SCUOLE SUPERIORI Visite e incontri tematici Programma 2011 2012 VIAGGIO AL CENTRO DEL RESTAURO L Università degli Studi

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid Progetti Carmen Murua Schizzo di studio. Nella pagina a fianco: particolare del fronte d ingresso (ovest). Il piccolo paese di Villanueva de la Cañada si trova nei dintorni di Madrid, inserito nel paesaggio

Dettagli

STILE CLASSICO STILE MODERNO

STILE CLASSICO STILE MODERNO IL PROGETTO Nel cuore del centro di Torino, con la sua ricca storia, boutique eleganti, ristoranti e bar storici, strade pedonali, abitare al 222 offre una qualità di vita senza pari, paragonabile a quella

Dettagli

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica Progetti Igor Maglica monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano Dettaglio dell atrio centrale dell edificio della nuova stazione ferroviaria. fotografie Marco

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora

Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora a cura di Stefano Alfieri 204 Il progetto per l ampliamento del cimitero suburbano di Marore (Parma) realizzato

Dettagli

Torino Week end 1 e 2 novembre ---------------------------------------------

Torino Week end 1 e 2 novembre --------------------------------------------- Torino Week end 1 e 2 novembre --------------------------------------------- Equipaggi Emilio Elide Andrea Roller Team Granduca Garage Luca Cristina Elia Daniele Roller Team Granduca GT Venerdi 31 ottobre

Dettagli

Villa Pellegrini Cipolla: cene di gala, meeting ed eventi esclusivi Presentazione storica:

Villa Pellegrini Cipolla: cene di gala, meeting ed eventi esclusivi Presentazione storica: Villa Pellegrini Cipolla: cene di gala, meeting ed eventi esclusivi Presentazione storica: Incastonata tra le rive del Lago di Garda e le pendici del Monte Baldo, Villa Pellegrini Cipolla è un gioiello

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

magna pars spazio polifunzionale per eventi via tortona 15 20144 milano tel +39 02 89401384 fax +39 02 58104760 info@magnapars.it www.magnapars.

magna pars spazio polifunzionale per eventi via tortona 15 20144 milano tel +39 02 89401384 fax +39 02 58104760 info@magnapars.it www.magnapars. CHI SIAMO La struttura Il centro congressi Magna Pars, in via Tortona 15 a Milano, si sviluppa al piano terreno di una palazzina dei primi del Novecento. Sede, in origine, di una fabbrica di profumi, la

Dettagli

Capodimonte: primo museo di Napoli

Capodimonte: primo museo di Napoli Capodimonte: primo museo di Napoli Un breve viaggio nel tempo a riscoprire ed a conoscere le origini del primo Museo di Napoli, centro di ricerche per la storia dell arte in città e nel Mezzogiorno, tra

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense

Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense Relazione Tecnica Interventi di progettazione dell allestimento degli spazi interni dell edificio ex-convento di San Filippo, destinato

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

PIMOFF - Progetto Scuole

PIMOFF - Progetto Scuole PIMOFF - Progetto Scuole Per la stagione 2015/16 il PimOff continua a portare il teatro contemporaneo nelle scuole per far conoscere agli studenti i suoi principali protagonisti (attori, registi, tecnici,

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Cenni storici. PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII

Cenni storici. PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII Eseguito dall impresa Arte Restauro Conservazione di Arlotto Cristina Maria e C. S.a.s. Lavori di restauro in OS. Cenni storici Soprintendenza

Dettagli

AMBIENTE COSTRUITO IN MODO SOSTENIBILE

AMBIENTE COSTRUITO IN MODO SOSTENIBILE AMBIENTE COSTRUITO IN MODO SOSTENIBILE _ PROGETTO PER UN FABBRICATO MULTIFUNZIONALE E RIDEFINIZIONE DI UN AREA CENTRALE A CERNUSCO LOMBARDONE 5 Febbraio 2014 Da parte del Gruppo 6 Mark Lukacs, Quian Yang,

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO 6 APPARTAMENTI VISTA LAGO w w w. v i l l a m e t a. c h il concetto EDIFICAZIONE DI 6 APPARTAMENTI SU 5 LIVELLI. La Residenza è ubicata in zona collinare, nel comune di Orselina, con una generosa apertura

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Davvero! La Pompei di fine '800 nella pittura di Luigi Bazzani Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 29 marzo al 26 maggio

Dettagli

PROSSIMI APPUNTAMENTI

PROSSIMI APPUNTAMENTI PROSSIMI APPUNTAMENTI Aperte le prenotazioni per la mostra RENOIR dalle Collezioni del Musée d'orsay e dell'orangerie!! AFFRETTATEVI A PRENOTARE I POSTI DISPONIBILI! Una grande mostra a Torino: Pierre-Auguste

Dettagli

Una Casa TUTTa per Te

Una Casa TUTTa per Te Casa Museo Milano Eventi Speciali Una Casa TUTTa per Te Il Museo Bagatti Valsecchi Una delle Case Museo più importanti e meglio conservate d Europa, ispirata ai palazzi signorili del Cinquecento lombardo,

Dettagli

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola dell Infanzia MOSTRA DEI LAVORI Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE TEATRALE Scuola Secondaria di 1 grado LABORATORI DI ITALIANO E MUSICA

Dettagli

Messinscena: relazione programmatica.

Messinscena: relazione programmatica. Messinscena: relazione programmatica. L intervento per la ristrutturazione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina si articola seguendo un piano programmatico che, rispettoso della preesistenza, mira a

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

VIA GARIBALDI INGRESSO

VIA GARIBALDI INGRESSO VIA GARIBALDI INGRESSO IL PERCORSO DI VISITA Il museo storico della Società Reale Mutua di Assicurazioni è frutto di una selezione del materiale documentale più rappresentativo custodito nell archivio

Dettagli

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti Il nostro paese Incontro con Collegio Docenti Concorezzo, 28 Ottobre 2015 1 L Archivio Storico (ASC) Via S.Marta 20 Concorezzo www.archiviodiconcorezzo,it mail: info@archiviodiconcorezzo.it L Archivio

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Oratorio di san filippo neri luogo per eventi

Oratorio di san filippo neri luogo per eventi Oratorio di san filippo neri luogo per eventi Il luogo ideale, la suggestione della storia, l emozione della cultura, il calore delle luci e delle note, la profondità dei contenuti, la brillantezza delle

Dettagli

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012)

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) LAPIDE AI CADUTI * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) La lapide nell'attuale criptoportico, l'antico atrio di ingresso del Berchet oggi, come allora, al numero civico 24 di via

Dettagli

TOUR OPERATOR E AGENZIA VIAGGI GITA A TORINO SABATO 24 OTTOBRE 2015

TOUR OPERATOR E AGENZIA VIAGGI GITA A TORINO SABATO 24 OTTOBRE 2015 TOUR OPERATOR E AGENZIA VIAGGI GITA A TORINO SABATO 24 OTTOBRE 2015 PROGRAMMA SABATO 08:30 Trasferimento con bus privato - a disposizione per tutta la giornata da Milano a Torino (circa 1 ora e 50 minuti)

Dettagli

Genova-Italia 1931-2011

Genova-Italia 1931-2011 LA LIGURIA ALLA MOSTRA DEL GIARDINO A CURA DI ANDREA LEONARDI La Mostra del Giardino Italiano è stata una tappa fondamentale per lo studio dei giardini storici. L iniziativa, svoltasi a Firenze nel 9,

Dettagli

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano 04_09_CIL79_Aldo Rossi 26-01-2001 15:21 Pagina 4 Progetti Cecilia Bolognesi Le prime volte saremo destinati a cercarlo a lungo, sfrecciando sulla tangenziale che lo lambisce a sud di Milano, con lo sguardo

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Venaria Reale. Percorsi tematici: giardini e laboratorio di restauro cura e valorizzazione

Venaria Reale. Percorsi tematici: giardini e laboratorio di restauro cura e valorizzazione Venaria Reale Percorsi tematici: giardini e laboratorio di restauro cura e valorizzazione Attività didattica a cura di: Luca Varbaro Co-Responsabile giornalino scolastico 2015/16 IL MAPPAMONDO L 8 Aprile,

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna Progetti Carmen Murua Planimetria. Nella pagina a fianco: veduta della facciata principale. I Paesi Baschi, una delle regioni del nord della Spagna, costituiscono un territorio di grande bellezza naturale,

Dettagli

UNA CASA TUTTA PER TE

UNA CASA TUTTA PER TE Casa Museo Milano Eventi Speciali UNA CASA TUTTA PER TE Il Museo Bagatti Valsecchi Una delle Case Museo più importanti e meglio conservate d Europa, ispirata ai palazzi signorili del Cinquecento lombardo,

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

..PALERMO.. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124,Palermo. Codice fiscale 97225920822. www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.

..PALERMO.. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124,Palermo. Codice fiscale 97225920822. www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124, Palermo. Codice fiscale 97225920822. Tel./fax 091.9765893 Cell. 3881294191 www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.it..palermo.. Palermo fu fondata

Dettagli

Torre del CasTellano. la storia incontra l esclusività

Torre del CasTellano. la storia incontra l esclusività Torre del CasTellano la storia incontra l esclusività Torre del CasTellano: la location ideale per i vostri eventi esclusivi Castello del X secolo, la Torre del Castellano domina il Valdarno Superiore

Dettagli

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PRESIDENTE Nell analizzare le criticità e le potenzialità per una riqualificazione del centro antico di Fasano, l associazione ha fatto emergere

Dettagli

La reggia di Versailles

La reggia di Versailles La reggia di Versailles LA STORIA La reggia di Versailles (in francese château de Versailles) è un'antica residenza reale dei Borbone di Francia. La città di Versailles è nata dalla scelta di questo luogo

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

Autonomia. Bisogni del bambino. Valore del gioco. Multidimensionalità del gioco. Libertà di scelta. Ruolo dell Operatore

Autonomia. Bisogni del bambino. Valore del gioco. Multidimensionalità del gioco. Libertà di scelta. Ruolo dell Operatore Autonomia Bisogni del bambino Valore del gioco Multidimensionalità del gioco Libertà di scelta Ruolo dell Operatore Laboratori e delimitazioni degli spazi AUTONOMIA : la finalità della Ludoteca è quella

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e

Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e Bramante si forma in ambiente urbinate alla scuola di frà Carnevale. Le idee che caratterizzano questo centro umanistico prendono spunto dalle idee e dall opera di Alberti e di Piero della Francesca. Nella

Dettagli

Compagnia delle Ombre. www.compagniadelleombre.it

Compagnia delle Ombre. www.compagniadelleombre.it Compagnia delle Ombre www.compagniadelleombre.it Chi Siamo La Compagnia delle Ombre nasce dal fortunato incontro di professionisti con diversi ruoli e competenze: registi, attori, sceneggiatori, formatori

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

I vostri eventi al Castello di Rivoli Museo d Arte Contemporanea

I vostri eventi al Castello di Rivoli Museo d Arte Contemporanea M U S E O D A R T E C O N T E M P O R A N E A Piazza Mafalda di Savoia - 10098 Rivoli (Torino) - Italia tel. +39/011.9565270 fax +39/011.9565231 e-mail: r.aghemo@castellodirivoli.org www.castellodirivoli.org

Dettagli

Shooting, Location e Welcome Desk

Shooting, Location e Welcome Desk Shooting, Location e Listino prezzi 2015 Il Network Nord Ovest Milano Centrale Torino Porta Nuova Genova Brignole Genova Piazza Principe Nord Est Verona Porta Nuova Venezia Mestre Venezia S. Lucia Bologna

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Il progetto per la realizzazione di una biblioteca e una serie di aule universitarie commissionato dall università spagnola

Il progetto per la realizzazione di una biblioteca e una serie di aule universitarie commissionato dall università spagnola Progetti Carmen Murua josé ignacio linazasoro Complesso Escuelas Pías de San Fernando, Madrid, Spagna Il progetto per la realizzazione di una biblioteca e una serie di aule universitarie commissionato

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO Arch. Simona Martino Urbino, 13 marzo 2014 1 Hermann Hertzberger, architetto, vive in Olanda

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

disegno di Simonetta Capecchi

disegno di Simonetta Capecchi disegno di Simonetta Capecchi ..Forum Tarsia, Mammamà, ScalzaBanda, Archintorno, AltraDefinizione, DuoMimatto, Ramblas e Medici Senza Frontiere sono la rete di associazioni che lavorano all interno

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Macerata 2002 Massimo e Gabriella Carmassi L area demaniale Di Tullio di forma rettangolare occupa il margine

Dettagli

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p.

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p. Porta pia Porta pia Borgo vaticano Porta del Popolo Porta Pia Negli stessi anni in cui il cardinale Peretti inizia i lavori della sua villa, Gregorio XIII interviene nelle vicine Terme di Diocleziano trasformandole

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

LA STORIA DELLA BICICLETTA

LA STORIA DELLA BICICLETTA LA STORIA DELLA BICICLETTA Dalla realizzazione di un disegno di Leonardo da Vinci tratto dal Codice Atlantico, attraverso velocipedi ottocenteschi originali, fino ai prototipi delle grandi case automobilistiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE GEOMETRICHE E SCENOTECNICHE CLASSE 4^ SEZ.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE GEOMETRICHE E SCENOTECNICHE CLASSE 4^ SEZ. Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 2 del : 08/10/2013 Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE GEOMETRICHE E

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Iniziativa di SVILUPPO IMMOBILIARE S.p.A. e BENI REALI S.p.A.

Iniziativa di SVILUPPO IMMOBILIARE S.p.A. e BENI REALI S.p.A. Iniziativa di SVILUPPO IMMOBILIARE S.p.A. e BENI REALI S.p.A. La nuova visione del vivere. L edificio sorge in via Tiraboschi 3, nel quadrilatero alberato di piazzale Libia, zona protetta da tutela paesaggistica

Dettagli

acquarello di Marcella Morlacchi

acquarello di Marcella Morlacchi acquarello di Marcella Morlacchi Anno Domini 1415 2015 La torre del Pennello ha vinto la sfida contro l usura dei secoli e l energia distruttiva del terremoto. Il 5 settembre 2015, a conclusione di un

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli