Il ruolo di coordinamento del Prefetto tra storia e prospettive future (*) -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo di coordinamento del Prefetto tra storia e prospettive future (*) -"

Transcript

1 Il ruolo di coordinamento del Prefetto tra storia e prospettive future (*) - Giuseppe ROMANO Ho accettato volentieri l'invito della Prof.ssa PEPE -Presidente del Corso di Laurea in Amministrazione, Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane -di inaugurare il primo semestre dell'anno accademico con un intervento sul ruolo di coordinamento del Prefetto nello Stato contemporaneo. Vorrei articolare la mia riflessione secondo una scansione tematica che passo ad illustrare. Mi sembra utile iniziare con alcune informazioni sulle funzioni tradizionali, tipiche dell'istituto prefenizio e mi soffermerò poi sulle funzioni nuove, con particolare riferimento ai compiti di coordinamento, oggetto dell'incontro di oggi. Proverò infine a traguardare il futuro dell'istituzione prefettizia nell'ambito di un modello di organizzazione statale che, nonostante un processo di riforma che dura ormai da quasi quindici anni, non sembra avere trovato ancora un punto di arrivo definitivo. In via di estrema sintesi, le funzioni attribuite dall'ordinamento al corpo prefettorale, cioè all'insieme dei funzionari di professione che abbracciano questa carriera, si suddividono in due grandi blocchi. Il primo comprende le competenze specialistiche del Prefetto; l'altro, i compiti che egli svolge come rappresentante generale del Governo e dello Stato in periferia (quest'ultima funzione è attribuita ai Prefetti dei capoluoghi di regione). I M Intervento tenuto presso la facoltà di Scienze Politiche dell'università di Genova il 28 ottobre

2 INTERVENTI Incominciamo dal primo: il Prefetto svolge numerose e importanti. - attribuzioni in qualità di organo periferico del Ministero dell'interno. Per tradizione, sedimentazione storica e per effetto di vari interventi del legislatore succedutisi nel tempo, rientrano nella missione del Ministero dell'interno e quindi del Prefetto: l'ordine e la sicurezza pubblica, la cura e predisposizione delle consultazioni elettorali, la protezione e difesa civile,.gli affari dei culti, la statistica, i rapporti con gli enti locali, segnàtamente la finanza locale (intesa come cura dei trasferimenti erariali) e la vigilanza sugli organi (tant'è che se questi ultimi non funzionano il Prefetto è chiamato a nominare un Commissario prefettizio), la cittadinanza, la gestione dei problemi dell'immigrazione, le fondazioni, le materie depenalizzate. La vastità delle competenze specialistiche del Prefetto deriva direttamente dalla storia amministrativa del nostro Paese. Non va dimenticato infatti che dall'unità d'italia fino al 1947 il Presidente del Consiglio è stato anche Ministro dell'interno. Questa dualità di funzioni in capo alla stessa persona ha consolidato da un lato la centralità dell' Amministrazione dell'interno e dall'altro ha reso possibile al Prefetto l'esercizio di un controllo stringente su tutta l'amministrazione periferica dello Stato. Ricordo che anche quando, nel corso del Novecento, il Prefetto stava ormai perdendo parte del controllo sull'apparato periferico statale, dato che i vari Ministeri avevano -istituito proprie strutture periferiche sul territorio, direttamente dipendenti dalle rispettive Amministrazioni centrali e non più dal Prefetto, quest'ultimo mantenne molte delle sue competenze originali, in parte per ragioni di vischiosità burocratica, in parte perché la classe di governo del giovane Stato unitario riteneva che il Paese si potesse governa-, re soltanto dal centro e in modo uniforme con i Prefetti. Ciò perché soltanto i Prefetti fornivano la garanzia di saper controllare i particolarismi prestatali e antistatali e di essere agenti efficaci della modernizzazione del Paese. Nei fatti tutta la vita locale era controllata dai Prefetti. Da essi dipendeva infatti l'amministrazione statale periferica, mentre le autonomie locali erano tali più sulla carta che nella realtà, perché il Prefetto ne controllava non solo gli organi, ma tutti gli atti, anche nel merito. 842 I

3 GiUS9P~ ROMANO Notate che nella elencazione dei compiti che fanno capo al Prefetto mi - sono limitato alle attività finali, cioè a quelle di cura degli interessi pubblici che vanno a interferire con la vita dei cittadini. Da questo breve accenno ho volutamente escluso tutte le attività strumentali e serventi rispetto al funzionamento dell' Amministrazione, come per esempio la gestione del personale, gli uffici studi e l'attività contrattuale. Per darvi un ordine di grandezza quantitativo a proposito del numero delle attività di amministrazione specialistica di competenza prefettizia, vi dico che il Ministero dell'interno ha quantificato in quasi 200 i procedimenti amministrativi imputati al Prefetto, quale autorità interveniente nel procedimento o come organo investito di poteri decisori. Per poter assolvere le delicate e numerose competenze che vi ho in precedenza elencato, il Ministero dell'interno è stato strutturato proprio di recente in maniera organica con al vertice il Ministro quale organo politico (al quale è atrribuito il compito di realizzare alcune delle missioni che rientrano negli obietrivi del Governo) e quattro Dipartimenti che si pongono in posizione strumentale per la realizzazione di tali missioni. In periferia c'è il Prefetto e le Prefetrure, che sono, a loro volta, un complesso di uffici. Esse sono suddivise internamente in aree dirette da funzionari della carriera prefettizia. È comunque in fase avanzata di studio la reingegnerizzazione delle funzioni che saranno rivisitate per processi e sub processi, e ciò allo scopo di meglio analizzare ed ottimizzare la performance dell'organizzazione. Il Prefetto è quindi organo periferico del Ministero dell'interno e vertice di quell'ampio complesso di uffici che è appunto la Prefettura. Rispetro alle varie attribuzioni, alle quali finora ho fatto riferimento, il Prefetto è uno specialista. Essere specialisti di una materia significa trattarla in modo esclusivo, nel senso di avere riconosciuta per legge la prerogativa della titolarità delle funzioni. Tutravia il Prefetto non è soltanto uno specialista in alcune materie,. anzi la sua vocazione è quella di essere soprattutto un generalista, il che 843

4 .INTERVENTI significa che egli ha una competenza a carattere generale per la tutela del- - l'interesse pubblico e come tale è chiamato dalla legge a rappresentare non esclusivamente l'amministrazione dell'interno, ma lo Stato e il Governo nella sua interezza e unitarietà. Che cosa vuoi dire in concret(), che il Prefetto è un organo a vocazione generalista? Rispondere a tale quesito significa introdurre il secondo, gruppo di funzioni tipiche dell'istituto prefettizio. Per legge, il Prefetto è il rappresentante del Governo in ambito provinciale e dello Stato nei capoluoghi di regione. Ciò significa che mentre rispetto alle sue competenze specialistiche il Prefetto dipende dal Ministro dell'interno, in quanto generalista, il Prefetto dipende funzionalmente, da questo o da quel Ministro o dal Presidente del Consiglio dei Ministri, a seconda che la questione della quale deve occuparsi investa un ramo particolare dell'amministrazione statale ovvero il Governo nella sua unitarietà. Si tratta, per lo più, di una attività che non si estrinsecaattraverso l'instaurazione di rapporti giuridici di diritto pubblico né comporta l'esercizio di poteri amministrativi in senso stretto, culminanti nell'adozione di provvedimenti puntuali, produttivi di effetti nella sfera giuridica di terzi. Si è piuttosto in presenza di un'attività, che presuppone la çollaborazione e il consenso dei soggetti nei cui confronti essa avrà effetti, o di atti di indirizzo, che hanno la propria ragion d'esser~ nella cura degli interessi generali dello Stato e che fanno capo al Prefetto proprio nella sua veste di cinghia di trasmissione tra centro e periferia. Per esemplificare: se il Ministro della Salute o quello delle Infrastrutture dèvono disporre di elementi di valutazione per rispondere a una inter- ~ogazione parlamentare, essi fanno capo al Prefetto che è in condizione di implementare le notizie di carattere tecnico apprese dagli organi periferici (Aziende sanitarie o Ispettorati della Motorizzazione) con giudizi per cosl dire di ordine politico sull'evento o la questione oggetto dell'atto ispettivo. Per continuare ancora nell'esemplificazione, recentemente il Ministero dei Beni Culturali ha incaricato il Prefetto di Genova di curare il procedimento amministrativo di mobilità orizzontale dei dipendenti di tutte le 844

5 . Giuseppe ROMANO pubbliche amministrazioni in provincia, statali e no, interessati al distacco, - cioè a un trasferimento temporaneo, presso gli uffici in Liguria della Soprintendenza dei Beni Culturali, carenti di personale. Sarebbe stato molto più lungo e costoso l'iter procedimentale, se il Ministero dei Beni Culturali avesse dovuto interpellare, singolarmente e analiticarnente, tutte le amministrazioni interessate. In questo caso si è avvalso del Prefetto che rrella sua veste di Presidente della Conferenza permanente (della quale vi parlerò appresso) è in costante rapporto con gli enti locali e con gli apparati dell'amministrazione stàtale sul territorio. Per illustrare ancora meglio la nozione di funzionario dello Stato a vocazione generalista, preciso che si attivano detti poteri quando emerge una ne.cessità gestibile unicamente in modo integrato, attraverso il concorso di molteplici apparati amministrativi nello stesso contesto di spazio e di tempo. Si pensi, per esempio, a un' emergenza di difesa civile o protezione civile, a un grande incendio o ad altre calamità naturali {alluvione, terremoto ecc.) che interessino il territorio di più comuni. In casi come questi, è difficile che i Sindaci abbiano le risorse umane e strumentali necessarie per agire efficacemente da soli. In tali occasioni interviene il Prefetto, legittimato ad attivare tutte le componenti essenziali del sistema di Protezione civile: i Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale dello Stato, le Forze dell'ordine, le strutture sanitarie, gli enti locali e i volontari (l'elenco ovviamente non è esaustivo). Se poi, come è accaduto di recente a Sestri Levante, l'incendio non si può domare da terra, il Prefetto richiede al Dipartimento della Protezione Civile (ecco la dipendenza funzionale del Prefetto dalla Presidenza del Consiglio, nel cui ambito insiste il Dipartimento di Protezione Civile) l'appoggio dei mezzi aerei e, se necessario, organizza d'intesa con gli enti locali, l'evacuazione delle popolazioni, impianta le infrastrutture di soccorso e coordina e compie tutte le attività che sono necessarie per il superamento della crisi e per il ripristino della normalità. Anche in questo caso è molto improbabile che il Prefetto ricorra a. 845

6 INTERVENTI.. poteri amministrativi in senso tecnico. - La necessità di agire in tempo reale e il mutare rapidissimo della situazione sul campo fanno si che l'operatività consista essenzialmente nel coordinamento dei soccorsi e nella elaborazione e comunicazione delle direttive alle forze impiegate, sulla base degli input che, di momento in momento, giungono al Prefetto e alla struttura di supporto che lo assiste. Ho scelto volutamentel'esempio della Protezione Civile perché mentre formalmente essa rientra nella competenza degli enti locali (Regioni, Province, Comuni), con una previsione di competenza residuale del Prefetto in caso di gravi calamità, è al Prefetto (che dispone, tra l'altro, come appresso vi dirò delle Forze di Polizia) che le istituzioni locali continuano a fare riferimento come all'organo meglio in grado di controllare quell'enorme massa di informazioni scaturenti da una situazione di crisi, di elaborarle e di trasformarle in indicazioni operative utili per il coordinato funzionamento della macchina dei soccorsi. Dunque il Prefetto coordina l'azione dei pubblici poteri, statali e no, ma non solo: sempre più spesso la sua azione si estende e incide sulla società civile e giunge a toccare l'attività di aggregazioni più o meno stabili di interessi e di orientamenti culturali espressi dal corpo sociale. Per esemplificare: contrariamente a quanto si pensa, il Ministero dell'interno non gestisce e non ha mai gestito i problemi dell'immigrazione in chiave puramente repressiva. Fa anche questo allorché gli immigrati entrano clandestinamente nel nostro Paese, tant'è che la nota legge Turco-Napolitano e poi la Bossi-Fini prevedono che in tali casi gli stranieri siano espulsi con provvedimento del Prefetto, eseguito dal Questore. Tuttavia da diversi anni presso la Prefettura opera un organismo collegiale, il Consiglio Territoriale per l'immigrazio-. ne, presieduto dal Prefetto e dotato di compiti conoscitivi e propositivi nei confronti dei pubblici poteri in materia di immigrazione. Di esso fanno parte non solo funzionari pubblici e dei servizi sociali, ma anche esponenti delle categorie economiche e imprenditoriali e delle comunità degli immigrati, che in questo modo partecipano alla formulazione, all'attuazione e al 846

7 Giuseppe ROMANO monito raggio delle politiche che li riguardano come destinatari finali. - Appare chiaro a questo punto che una delle funzioni principali del Prefetto consiste nel mettere in contatto e nel far lavorare insieme non solo centri di responsabilità, ma anche esponenti di interessi diversi quando addirittura non contrastanti. Per curare tali attività di rilievo generale, il Prefetto si avvale della sua struttura interna e di un' altra esterna, oltre che di un tipo particolare di figura organizzativa che va sotto la definizione di coordinamento. Della struttura interna ho già accennato. Segnatament essa si articola in cinque aree che curano le funzioni specialistiche e dell'ufficio di gabinetto che invece supporta il Prefetto nella sua funzione generalista. Quella esterna è una struttura molto ampia, definita Conferenza pro-. vinciale permanente, presieduta dal Prefetto che se ne avvale come supporto alla propria attività ed è composta da tutti i dirigenti degli uffici statali in provincia (o collocati all'interno della regione, nel caso dei capoluoghi di regione) nonché, da ultimo e se necessario, dagli organi di governo degli enti locali. Quest'ultima previsione, cioè il coinvolgimento degli amministr:}.tori locali nell'ambito della Conferenza Permanente è contenuta in una disposizione di legge del gennaio di quest'anno. Il Decreto Legislativo in questionè stabilisce che la Prefettura assume la denominazione di: "Prefettura Ufficio Territoriale del Governo". Appare quasi ovvio, dopo le cose dette, il motivo di questa dizione. L'art. 1 statuisce poi che la Prefettura assicura l'esercizio coordinato dell'attività amministrativa degli Uffici periferici dello Stato e sancisce il principio della leale collaborazione con gli enti locali. Il Prefetto -prosegue ancora il Decreto LegislativJ) -è coadiuvato in questo suo compito da una Conferenza Permanente della quale fanno parte i responsabili di tutte le strutture amministrative periferiche dello Stato nonché dai rappresentanti degli enti locali. Quest'organo collegiale ha una funzione di raccordo interamministrativo su base locale e si occupa prevalentemente dei problemi comuni a tutta la Pubblica Amministrazione, come per esempio le politiche di formazione 847

8 INTERVENTI del personale o la dotazione di tecnologie informatiche, nonché di funzio- - ni finali, riguardanti la generalità dei cittadini e non realizzabili se non con una visione di insieme, congiunta e intersettoriale. Oltre che strumento di conoscenza e mezzo di coordinamento, la Conferenza Permanente coadiuva il Prefetto nella funzione di sovrintendenza generale sul buon andamento delle Amministrazioni pubbliche, spe-.cialmente di quelle che erogano servizi e prestazioni al cittadino. Ora non c'è dubbio che la Confèrenza Permanente dispone di un potere di controllo forse non adeguato, ma in compenso molto ampio in estensione e tale da permettere al Prefetto di stabilire contatti, fissare indirizzi generali e verificare i risultati dell'azione di tutti gli apparati pubblici sul territorio. La Conferenza Permanente è quindi un organismo che realizza il coor-.dinamento attraverso la collegialità. Sarà il caso a questo punto di precisare che cos'è esattamente il coordinamento. La nozione giuridica di coordinamento è di recente elaborazione anche se la parola coordinamento ha fatto ingresso nel linguaggio tecnico giuridico della dottrina e della legislazione con significati non sempre omogenei e sui quali non vale la pena di dilungarsi. Occorre precisare che il coordinamento assume rilievo allorché ci si trova di fronte ad una pluralità di attività o di soggetti (cui l'ordinamento riconosce una propria autonomia) per i quali esiste l'esigenza di una loro armonizzazione per fini ben determinati. Sarò in condizione di illuminare meglio il concetto quando mi soffermerò più avanti sul ruolo del Prefetto come c90rdinatore delle Forze di Polizia in provincia. Nell'intento comunque di puntualizzare ulteriormente il suo significato, va detto che di coordinamento deve parlarsi più nei confronti delle attività che dei singoli atti posti in essere dai titolari di una potestà pubblica. È infatti il crescente rilievo che ha assunto l'attività amministrativa, una delle cause che ha posto l'esigenza di un coordinamento che andasse oltre 848

9 Gjusepp~ ROMANO quello realizzabileper singoli atti. - Le altre cause vanno individuate nella crescente specializzazione delle attività e quindi dell'organizzazione amministrativa, nella quale il modello gerarchico è recessivo in quanto in molti casi gli uffici si pongono tra loro non più in un rapporto di sovrapposizione gerarchica bensì in un rapporto tendenzialmente paritario. Ecco quindi che si è delineato accanto alla nozione di coordinamento come attività, la figura organizzatoria del coordinamento. In questo ultimo significato allora il coordinamento si pone accanto alla gerarchia e al controllo come uno dei tipici rapporti esistenti tra le diverse figure soggettive della pubblica amministrazione. Senza soffermarsi sulle altre figure organizzatorie, si può quindi sostanzialmente affermare che il coordinamento tende a garantire contemporaneamente l'autonomia dei singoli organizzati e insieme la possibilità di un loro indirizzo unitario a determinati fini. Si discute in dottrina se il coordinamento sia una figura di sovraordi,. nazione, sebbene non gerarchica, tra organi o sia invece una figura di equiordinazione. Storicamente si è registrat.a e si registra tuttora la resistenza degli uffici dotati di autonomia a lasciarsi coordinare da uffici estranei, talché il coordinamento si intende raggiunto non già attraverso l'imposizione di una volontà superiore quanto invece attraverso gli aggiustamenti e l'armonizzazione di diverse volontà che non si fondono tuttavia in una volontà comu-. ne, talché si avrebbe la figura della equiordinazione. Senonché da un punto di vista dogmatico, il coordinamento sembra doversi qualificare, almeno tendenzialmente, come figura di sovraordina- Zlone.. Quando cioè l'ordinamento sostituisce alle intese di fatto che possano essere richieste tra le varie Amministrazioni, una previsione organizzativa ben individuata e con una sua cogenza giuridica, allora è indubbio che viene a concretizzarsi una componente delle varie funzioni delle singole Amministrazioni capace di determinare un indirizzo che, pur non essendo \7 849

10 INTERVENTI obbligatorio, non è comunque giuridicamente irrilevante. - Per concludere, il coordinamento può definirsi come una figura organizzativa di sovraordinazione per la realizzazione dell'unità di indirizw di uffici dotati di autonomia. Ho fatto riferimento alla circostanza che avrei meglio illustrato i contenuti di quanto ora accei)nato, parlando della figura del Prefetto come, coordinatore delle Forze di Polizia...che Ebbene il riferimento normativo al riguardo è contenuto nella legge 121 dell'aprile 1981 la quale stabilisce che il Prefetto è autorità provinciale di Pubblica sicurezza con responsabilità generale dell'ordine e della sicurezza pubblica in provincia, sovnntende all'attuazione delle direttive emanate in materia, viene informato tempestivamente dal Questore e dai Comandanti dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di ogni questione che abbia attinenza con l'ordine e la sicurezza pubblica, assicura unità di indirizw dei compiti e delle attività degli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza. Il Prefetto poi dispone della forza pubblica e delle altre forze messe a sua disposizione e ne còordina l'attività. L'art. 20 di detta legge stabilisce poi che presso la Prefettura è istituito il Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto e del quale fanno parte il Questore, il Comandante provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Una legge del '99 ha poi esteso la partecipazione nel capoluogo al Sindaco e al Presidente della provincia. Come ognuno di noi sa, la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica si pone come uno degli obiettivi principali della vita di relazione atteso da essa dipende l'ordinato svolgimento del vivere quotidiano e la possibilità che ognuno eserciti i diritti e goda delle libertà fondamentali riconosciute dalla nostra Carta costituzionale. Per tale tutela esiste un complesso ed articolato sistema composto da funzionari, ufficiali e agenti di pubblica sicurezza che operano sotto la direzione delle autorità centrali (Ministro -Capo della Polizia) e provinciali (Prefetto -Questore). 850

11 Giuseppe ROMANO Il modello organizzativo realizzato, che trova la sua fonte nella previ- - sione di legge, istituzionalizza un rapporto, ovviamente necessitato, tra i soggetti deputati a concorrere al mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica ed individua gli organismi titolari del potere di coordinamento, per il raggiungimento di un fine comune. Tralascio ogni valutazione sugli effetti perversi che si avrebbero in termìni di sovrapposizioni, duplicazioni, contrasti o addirittura elisione degli sforzi di ogni singola Forza di polizia ove non si fosse trovato uno strumento, il coordinamento appunto, quale momento unificante dell'opera delle Forze dell'ordine. Direi, per chiudere su questo potere attribuito al Prefetto, che l'attività di coordinamento non solo deve tendere ad eliminare gli effetti negativi accennati, ma deve costituire il valore aggiunto per un corretto e proficuo impiego delle forze di polizia. Una estensione della funzione di coordinamento del Prefetto consiste poi nella missione di composizione delle tensioni sociali. Detta funzione gli è attribuita in quanto rappresentante generale del Governo. Come quest'ultimo svolge un ruolo di mediazione tra le rivendicazioni delle parti sociali al centro, così in periferia il Prefetto è il principale interlocutore del mondo del lavoro organizzato, della parte pubblica e dell'imprenditoria privata. Va segnalato che mentre per i servizi pubblici essenziali è la legge che gli assegna tale funzione (la c.d. procedura di raffreddamento), in pratica l'azione di mediazione del Prefetto è molto più estesa, sicché di fatto qualsiasi vertenza di notevole importanza, anche se non riguardante i servizi pubblici essenziali, finisce con l'approdare al suo tavolo. In questi casi il suo apporto è negoziale e consiste nel trovare, in modo creativo e originale, una soluzione che sia, allo stesso tempo, accettabile per le parti e conforme alle esigenze dell'interesse generale della collettività o per lo meno il meno dissonante possibile rispetto ad esse. Anche qui un esempio chiarirà ciò che intendo dire. Durante l'estate il personale dell'agenzia delle Dogane del Porto è entrato in stato di agitazione e ha minacciato lo sciopero, se non fossero -j 851

12 INTERVENTI state accolte alcune rivendicazioni, nel merito legittime e ragionevoli. Come' - sapete, il Porto è una importante struttura economica e in economia le aspettative sono tutto. Accadde quindi che, non appena si seppe dello sciopero imminente, gli operatori portuali entrarono a loro volta in stato di fibrillazione e, nel giro di pochi giorni, la vertenza fu portata all'attenzione del mio ufficio. Dopo un esame della situazione e un primo contatto con le.parti, fu chiaro che il malcontento del personale derivava dalla mancanza di strutture adeguate per gli uffici e che questo problema avrebbe potuto essere risolto, con il coinvolgimento da:ii'autorità Portuale benché formalmente essa fosse estranea alla vicenda. Inoltre il problema non era puramente organizzativo, ma riguardava anche rivendicazioni di carattere economico che i dirigenti locali delle Dogane non erano in condizione di assicurare. Era quindi indispensabile attivare i dirigenti nazionali dell' Agenzia e investire del problema direttamente il Governo. I problemi organizzativi vennero affrontati attraverso la creazione di un apposito tavolo di lavoro tecnico, da me suggerito -ecco un esempio di coordinamento "creativo" e non formalizzato -a cui presero parte l'agenzia delle Dogane, l'autorità portuale e gli operatori economici del Porto. Il risultato immediato raggiunto dal,gruppo di lavoro fu la definizione di nuovi protocolli operativi tra Agenzia delle Dogane e operatori portuali per lo snellimento dei controlli sulle merci. I profili economici erano più delicati, perché il soddisfacimento delle istanze del personale presupponeva la concessione alle Dogane di Genova di risorse aggiuntive da parte del Governo. Mi feci carico di comunicare direttamente al Direttore nazionale dell'agenzia e al Sottosegretario al Ministero dell'economia con delega alle Dogane che la vicenda di Genova non era considerata dagli osservatori e dal mercato una questione di ordinaria amministrazione, bensì un test della capacità del Governo di concentrarsi su contesti strategici e di investire risorse là dove la redditività del capitale è più elevata. Gli ~forzi compiuti sono stati coronati dal successo in quanto sono state esaudite tutte le istanze degli utenti e degli addetti alle Dogane. È fin troppo ovvio che non vi ho riferito di questa vièenda per far 852

13 Giuseppe ROMANO apparire il Prefetto alla stregua di un "deus ex machinà'. Mi preme invece - sottolineare la tenuità dei suoi mezzi di intervento nei settori più complessi e nei momenti più delicati della vita sociale. In questa vertenza non sono stati usati poteri amministrativi né modelli organizzatori particolari o strumenti dell'attività amministrativa consensuale. In ultima analisi, la risorsa più importante e preziosa utilizzata dal Prefetto è stata la forza che gli deriva' dalla sua tradizione amministrativa, Se la mediazione si è conclusa positivamente, il merito non va attribuito alle mie particolari qualità di negoziatore né a poteri di supremazia speciale, che nel caso in questione non mi spettavano. Piuttosto mi sembra il caso di riflettere sul fatto che per essere utile, il Prefetto deve sapere esercitare un'influenza che non desti rifiuto negli altri, il che richiede capacità di autogoverno, buona per sè e tale da suscitare un atteggiamento analogo negli altri e.la piena consapevolezza della propria tradizione amministrativa. Credibilità, cultura della funzione pubblica, sensibilità per la propria identità storica: ecco sono questi gli ingredienti che qualificano e potranno qualificare in futuro l'istituto prefettizio anche in vista dei nuovi assetti istituzionali dello Stato. A quest'ultimo proposito, e mi avvio alla conclusione, voi sapete che dieci giorni fa la Camera dei Deputati ha approvato la riforma dello Stato in senso federale. Non spetta a me esprimere giudizi o fare previsioni sui tempi finali dell'iter, sicuramente complesso che comporta la revisione della Costituzione né se la stess avrà l'esito sperato dalle forze politiche che compongono l'attuale Governo o sarà contrastata dal referendum che è stato preannunciato dall' opposizione. Penso tuttavia che anche in uno Stato federale non dovrebbe essere messo in discussione il valore fondante dell'unitarietà dello Stato e della salvaguardia dell'interesse generale nei settori determinanti della vita civile e sociale. Su tali presupposti sono sicuro che il Prefetto, come ha dimostrato la sua storia bicentenaria, ancora una volta confermerà l'essenzialità di una istituzione capace di far da cerniera tra il centro e la periferia e sarà soprattutto in grado di ridurre la complessità amministrativa e assumere decisio- 853

14 INTERVEN11 ni di sintesi, sulla base di una visione integrata e non parcellizzata dell'in te- - resse pubblico che, lo sottolineo, non potrà essere diversamente valutato a seconda delle collocazioni geografiche, da questa o quella regione o, peggio ancora, da questa o quella forza di governo locale. Ringrazio per l'attenzione. ;è '... o. 854

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

PREFETTURA e QUESTURA

PREFETTURA e QUESTURA PREFETTURA e QUESTURA Presentazione a cura di Donatella Giunti e Loredana Arena Assistente Sociale della Ispettore Capo della Prefettura di Torino Polizia di Stato Area IV Diritti Civili, Cittadinanza,

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE PROTEZIONE CIVILE SOTTO-COMMISSIONE: CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Approvato dalla Commissione Interregionale

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

Guardia di Finanza PREMESSO CHE

Guardia di Finanza PREMESSO CHE Guardia di Finanza PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA GUARDIA DI FINANZA l Istituto Nazionale per

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 5 e 6 dicembre 2002 Progetti di legge regionali e nazionali A cura Dr. G. Fantozzi Osservatorio Legislativo Interregionale Roma 5/6 dicembre 2002 Progetti di

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Nome........ Classe. SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Perché perché Ci sono tanti buoni motivi per impegnarsi nello stage? Individua 3 buoni motivi per cui ritieni che valga la

Dettagli

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 INDICE Modifiche status giuridico dei VFP1/VFP4 Commissione Difesa del Senato Riordino dei Ruoli Aspettativa per riduzione dei

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA.

LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Per la maggioranza dei pubblici dipendenti, i cui rapporti di lavoro sono

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Premessa L'attenzione agli aspetti psicosociali è alla base della stessa missione di Croce Rossa, in quanto preparando gli interventi a favore delle persone

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

ATTI AMMINISTRATIVI. Prefettura di Firenze - Protezione dei dati personali

ATTI AMMINISTRATIVI. Prefettura di Firenze - Protezione dei dati personali Prefettura di Firenze - Protezione dei dati personali DOCUMENTI IL PREFETTO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE VISTA la legge n. 675/96 e successive modificazioni e integrazioni relativa a tutela delle persone

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Cornice di pianificazione integrata. Coordinamento comunicazione informativa. Segreteria Tecnica

Cornice di pianificazione integrata. Coordinamento comunicazione informativa. Segreteria Tecnica Cornice di pianificazione integrata Il DPCM 4 settembre 2015, attribuisce al Prefetto di Roma il compito di definire la cornice di pianificazione integrata per la gestione complessiva dell evento. Coordinamento

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como 1 PREMESSO: - che la sicurezza è percepita dai cittadini come un diritto primario e una componente indispensabile della qualità della vita e che vi

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Aprile 2012 Comune di Piacenza Il Piano Comunale di Protezione Civile, nella sua edizione aggiornata, è stato elaborato con lo scopo di fornire al Comune,

Dettagli

L articolazione degli uffici di tipo B supporta l articolazione operativa per competenza ed in particolare:

L articolazione degli uffici di tipo B supporta l articolazione operativa per competenza ed in particolare: Riorganizzazione della struttura di supporto alle attività del CIV della V consiliatura e conseguenti modifiche al Regolamento di funzionamento del CIV Il regolamento di funzionamento del CIV prevede che

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE NAPOLI 2015 Prefazione Con l art. 23 della L. 247/12, istitutiva del nuovo ordinamento forense, viene portato a termine

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 MODULO DIDATTICO 1 Evoluzione del concetto di Trasparenza 1 of 20 In questo modulo sarà illustrato il concetto

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

Prof. Raffaele Trequattrini. La nuova disciplina in tema di bilancio: problemi e prospettive

Prof. Raffaele Trequattrini. La nuova disciplina in tema di bilancio: problemi e prospettive Prof. Raffaele Trequattrini La nuova disciplina in tema di bilancio: problemi e prospettive Prof. R. Trequattrini Università di Cassino 2 Contenuto Oggi affronteremo i seguenti temi: 1. i riferimenti normativi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Allegato alla D.G.C. n. 63 del 07/09/2011 COMUNE DI CALCATA Provincia di Viterbo METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Considerazioni

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici e società commerciali.

Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici e società commerciali. RISOLUZIONE N.164/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 dicembre 2004 Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO a cura di Giuseppe Montante VALUTAZIONE DEL MODELLO VIGENTE DI CARRIERA MOTIVAZIONI Da circa 16 anni è stato introdotto per la

Dettagli