Il ruolo di coordinamento del Prefetto tra storia e prospettive future (*) -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo di coordinamento del Prefetto tra storia e prospettive future (*) -"

Transcript

1 Il ruolo di coordinamento del Prefetto tra storia e prospettive future (*) - Giuseppe ROMANO Ho accettato volentieri l'invito della Prof.ssa PEPE -Presidente del Corso di Laurea in Amministrazione, Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane -di inaugurare il primo semestre dell'anno accademico con un intervento sul ruolo di coordinamento del Prefetto nello Stato contemporaneo. Vorrei articolare la mia riflessione secondo una scansione tematica che passo ad illustrare. Mi sembra utile iniziare con alcune informazioni sulle funzioni tradizionali, tipiche dell'istituto prefenizio e mi soffermerò poi sulle funzioni nuove, con particolare riferimento ai compiti di coordinamento, oggetto dell'incontro di oggi. Proverò infine a traguardare il futuro dell'istituzione prefettizia nell'ambito di un modello di organizzazione statale che, nonostante un processo di riforma che dura ormai da quasi quindici anni, non sembra avere trovato ancora un punto di arrivo definitivo. In via di estrema sintesi, le funzioni attribuite dall'ordinamento al corpo prefettorale, cioè all'insieme dei funzionari di professione che abbracciano questa carriera, si suddividono in due grandi blocchi. Il primo comprende le competenze specialistiche del Prefetto; l'altro, i compiti che egli svolge come rappresentante generale del Governo e dello Stato in periferia (quest'ultima funzione è attribuita ai Prefetti dei capoluoghi di regione). I M Intervento tenuto presso la facoltà di Scienze Politiche dell'università di Genova il 28 ottobre

2 INTERVENTI Incominciamo dal primo: il Prefetto svolge numerose e importanti. - attribuzioni in qualità di organo periferico del Ministero dell'interno. Per tradizione, sedimentazione storica e per effetto di vari interventi del legislatore succedutisi nel tempo, rientrano nella missione del Ministero dell'interno e quindi del Prefetto: l'ordine e la sicurezza pubblica, la cura e predisposizione delle consultazioni elettorali, la protezione e difesa civile,.gli affari dei culti, la statistica, i rapporti con gli enti locali, segnàtamente la finanza locale (intesa come cura dei trasferimenti erariali) e la vigilanza sugli organi (tant'è che se questi ultimi non funzionano il Prefetto è chiamato a nominare un Commissario prefettizio), la cittadinanza, la gestione dei problemi dell'immigrazione, le fondazioni, le materie depenalizzate. La vastità delle competenze specialistiche del Prefetto deriva direttamente dalla storia amministrativa del nostro Paese. Non va dimenticato infatti che dall'unità d'italia fino al 1947 il Presidente del Consiglio è stato anche Ministro dell'interno. Questa dualità di funzioni in capo alla stessa persona ha consolidato da un lato la centralità dell' Amministrazione dell'interno e dall'altro ha reso possibile al Prefetto l'esercizio di un controllo stringente su tutta l'amministrazione periferica dello Stato. Ricordo che anche quando, nel corso del Novecento, il Prefetto stava ormai perdendo parte del controllo sull'apparato periferico statale, dato che i vari Ministeri avevano -istituito proprie strutture periferiche sul territorio, direttamente dipendenti dalle rispettive Amministrazioni centrali e non più dal Prefetto, quest'ultimo mantenne molte delle sue competenze originali, in parte per ragioni di vischiosità burocratica, in parte perché la classe di governo del giovane Stato unitario riteneva che il Paese si potesse governa-, re soltanto dal centro e in modo uniforme con i Prefetti. Ciò perché soltanto i Prefetti fornivano la garanzia di saper controllare i particolarismi prestatali e antistatali e di essere agenti efficaci della modernizzazione del Paese. Nei fatti tutta la vita locale era controllata dai Prefetti. Da essi dipendeva infatti l'amministrazione statale periferica, mentre le autonomie locali erano tali più sulla carta che nella realtà, perché il Prefetto ne controllava non solo gli organi, ma tutti gli atti, anche nel merito. 842 I

3 GiUS9P~ ROMANO Notate che nella elencazione dei compiti che fanno capo al Prefetto mi - sono limitato alle attività finali, cioè a quelle di cura degli interessi pubblici che vanno a interferire con la vita dei cittadini. Da questo breve accenno ho volutamente escluso tutte le attività strumentali e serventi rispetto al funzionamento dell' Amministrazione, come per esempio la gestione del personale, gli uffici studi e l'attività contrattuale. Per darvi un ordine di grandezza quantitativo a proposito del numero delle attività di amministrazione specialistica di competenza prefettizia, vi dico che il Ministero dell'interno ha quantificato in quasi 200 i procedimenti amministrativi imputati al Prefetto, quale autorità interveniente nel procedimento o come organo investito di poteri decisori. Per poter assolvere le delicate e numerose competenze che vi ho in precedenza elencato, il Ministero dell'interno è stato strutturato proprio di recente in maniera organica con al vertice il Ministro quale organo politico (al quale è atrribuito il compito di realizzare alcune delle missioni che rientrano negli obietrivi del Governo) e quattro Dipartimenti che si pongono in posizione strumentale per la realizzazione di tali missioni. In periferia c'è il Prefetto e le Prefetrure, che sono, a loro volta, un complesso di uffici. Esse sono suddivise internamente in aree dirette da funzionari della carriera prefettizia. È comunque in fase avanzata di studio la reingegnerizzazione delle funzioni che saranno rivisitate per processi e sub processi, e ciò allo scopo di meglio analizzare ed ottimizzare la performance dell'organizzazione. Il Prefetto è quindi organo periferico del Ministero dell'interno e vertice di quell'ampio complesso di uffici che è appunto la Prefettura. Rispetro alle varie attribuzioni, alle quali finora ho fatto riferimento, il Prefetto è uno specialista. Essere specialisti di una materia significa trattarla in modo esclusivo, nel senso di avere riconosciuta per legge la prerogativa della titolarità delle funzioni. Tutravia il Prefetto non è soltanto uno specialista in alcune materie,. anzi la sua vocazione è quella di essere soprattutto un generalista, il che 843

4 .INTERVENTI significa che egli ha una competenza a carattere generale per la tutela del- - l'interesse pubblico e come tale è chiamato dalla legge a rappresentare non esclusivamente l'amministrazione dell'interno, ma lo Stato e il Governo nella sua interezza e unitarietà. Che cosa vuoi dire in concret(), che il Prefetto è un organo a vocazione generalista? Rispondere a tale quesito significa introdurre il secondo, gruppo di funzioni tipiche dell'istituto prefettizio. Per legge, il Prefetto è il rappresentante del Governo in ambito provinciale e dello Stato nei capoluoghi di regione. Ciò significa che mentre rispetto alle sue competenze specialistiche il Prefetto dipende dal Ministro dell'interno, in quanto generalista, il Prefetto dipende funzionalmente, da questo o da quel Ministro o dal Presidente del Consiglio dei Ministri, a seconda che la questione della quale deve occuparsi investa un ramo particolare dell'amministrazione statale ovvero il Governo nella sua unitarietà. Si tratta, per lo più, di una attività che non si estrinsecaattraverso l'instaurazione di rapporti giuridici di diritto pubblico né comporta l'esercizio di poteri amministrativi in senso stretto, culminanti nell'adozione di provvedimenti puntuali, produttivi di effetti nella sfera giuridica di terzi. Si è piuttosto in presenza di un'attività, che presuppone la çollaborazione e il consenso dei soggetti nei cui confronti essa avrà effetti, o di atti di indirizzo, che hanno la propria ragion d'esser~ nella cura degli interessi generali dello Stato e che fanno capo al Prefetto proprio nella sua veste di cinghia di trasmissione tra centro e periferia. Per esemplificare: se il Ministro della Salute o quello delle Infrastrutture dèvono disporre di elementi di valutazione per rispondere a una inter- ~ogazione parlamentare, essi fanno capo al Prefetto che è in condizione di implementare le notizie di carattere tecnico apprese dagli organi periferici (Aziende sanitarie o Ispettorati della Motorizzazione) con giudizi per cosl dire di ordine politico sull'evento o la questione oggetto dell'atto ispettivo. Per continuare ancora nell'esemplificazione, recentemente il Ministero dei Beni Culturali ha incaricato il Prefetto di Genova di curare il procedimento amministrativo di mobilità orizzontale dei dipendenti di tutte le 844

5 . Giuseppe ROMANO pubbliche amministrazioni in provincia, statali e no, interessati al distacco, - cioè a un trasferimento temporaneo, presso gli uffici in Liguria della Soprintendenza dei Beni Culturali, carenti di personale. Sarebbe stato molto più lungo e costoso l'iter procedimentale, se il Ministero dei Beni Culturali avesse dovuto interpellare, singolarmente e analiticarnente, tutte le amministrazioni interessate. In questo caso si è avvalso del Prefetto che rrella sua veste di Presidente della Conferenza permanente (della quale vi parlerò appresso) è in costante rapporto con gli enti locali e con gli apparati dell'amministrazione stàtale sul territorio. Per illustrare ancora meglio la nozione di funzionario dello Stato a vocazione generalista, preciso che si attivano detti poteri quando emerge una ne.cessità gestibile unicamente in modo integrato, attraverso il concorso di molteplici apparati amministrativi nello stesso contesto di spazio e di tempo. Si pensi, per esempio, a un' emergenza di difesa civile o protezione civile, a un grande incendio o ad altre calamità naturali {alluvione, terremoto ecc.) che interessino il territorio di più comuni. In casi come questi, è difficile che i Sindaci abbiano le risorse umane e strumentali necessarie per agire efficacemente da soli. In tali occasioni interviene il Prefetto, legittimato ad attivare tutte le componenti essenziali del sistema di Protezione civile: i Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale dello Stato, le Forze dell'ordine, le strutture sanitarie, gli enti locali e i volontari (l'elenco ovviamente non è esaustivo). Se poi, come è accaduto di recente a Sestri Levante, l'incendio non si può domare da terra, il Prefetto richiede al Dipartimento della Protezione Civile (ecco la dipendenza funzionale del Prefetto dalla Presidenza del Consiglio, nel cui ambito insiste il Dipartimento di Protezione Civile) l'appoggio dei mezzi aerei e, se necessario, organizza d'intesa con gli enti locali, l'evacuazione delle popolazioni, impianta le infrastrutture di soccorso e coordina e compie tutte le attività che sono necessarie per il superamento della crisi e per il ripristino della normalità. Anche in questo caso è molto improbabile che il Prefetto ricorra a. 845

6 INTERVENTI.. poteri amministrativi in senso tecnico. - La necessità di agire in tempo reale e il mutare rapidissimo della situazione sul campo fanno si che l'operatività consista essenzialmente nel coordinamento dei soccorsi e nella elaborazione e comunicazione delle direttive alle forze impiegate, sulla base degli input che, di momento in momento, giungono al Prefetto e alla struttura di supporto che lo assiste. Ho scelto volutamentel'esempio della Protezione Civile perché mentre formalmente essa rientra nella competenza degli enti locali (Regioni, Province, Comuni), con una previsione di competenza residuale del Prefetto in caso di gravi calamità, è al Prefetto (che dispone, tra l'altro, come appresso vi dirò delle Forze di Polizia) che le istituzioni locali continuano a fare riferimento come all'organo meglio in grado di controllare quell'enorme massa di informazioni scaturenti da una situazione di crisi, di elaborarle e di trasformarle in indicazioni operative utili per il coordinato funzionamento della macchina dei soccorsi. Dunque il Prefetto coordina l'azione dei pubblici poteri, statali e no, ma non solo: sempre più spesso la sua azione si estende e incide sulla società civile e giunge a toccare l'attività di aggregazioni più o meno stabili di interessi e di orientamenti culturali espressi dal corpo sociale. Per esemplificare: contrariamente a quanto si pensa, il Ministero dell'interno non gestisce e non ha mai gestito i problemi dell'immigrazione in chiave puramente repressiva. Fa anche questo allorché gli immigrati entrano clandestinamente nel nostro Paese, tant'è che la nota legge Turco-Napolitano e poi la Bossi-Fini prevedono che in tali casi gli stranieri siano espulsi con provvedimento del Prefetto, eseguito dal Questore. Tuttavia da diversi anni presso la Prefettura opera un organismo collegiale, il Consiglio Territoriale per l'immigrazio-. ne, presieduto dal Prefetto e dotato di compiti conoscitivi e propositivi nei confronti dei pubblici poteri in materia di immigrazione. Di esso fanno parte non solo funzionari pubblici e dei servizi sociali, ma anche esponenti delle categorie economiche e imprenditoriali e delle comunità degli immigrati, che in questo modo partecipano alla formulazione, all'attuazione e al 846

7 Giuseppe ROMANO monito raggio delle politiche che li riguardano come destinatari finali. - Appare chiaro a questo punto che una delle funzioni principali del Prefetto consiste nel mettere in contatto e nel far lavorare insieme non solo centri di responsabilità, ma anche esponenti di interessi diversi quando addirittura non contrastanti. Per curare tali attività di rilievo generale, il Prefetto si avvale della sua struttura interna e di un' altra esterna, oltre che di un tipo particolare di figura organizzativa che va sotto la definizione di coordinamento. Della struttura interna ho già accennato. Segnatament essa si articola in cinque aree che curano le funzioni specialistiche e dell'ufficio di gabinetto che invece supporta il Prefetto nella sua funzione generalista. Quella esterna è una struttura molto ampia, definita Conferenza pro-. vinciale permanente, presieduta dal Prefetto che se ne avvale come supporto alla propria attività ed è composta da tutti i dirigenti degli uffici statali in provincia (o collocati all'interno della regione, nel caso dei capoluoghi di regione) nonché, da ultimo e se necessario, dagli organi di governo degli enti locali. Quest'ultima previsione, cioè il coinvolgimento degli amministr:}.tori locali nell'ambito della Conferenza Permanente è contenuta in una disposizione di legge del gennaio di quest'anno. Il Decreto Legislativo in questionè stabilisce che la Prefettura assume la denominazione di: "Prefettura Ufficio Territoriale del Governo". Appare quasi ovvio, dopo le cose dette, il motivo di questa dizione. L'art. 1 statuisce poi che la Prefettura assicura l'esercizio coordinato dell'attività amministrativa degli Uffici periferici dello Stato e sancisce il principio della leale collaborazione con gli enti locali. Il Prefetto -prosegue ancora il Decreto LegislativJ) -è coadiuvato in questo suo compito da una Conferenza Permanente della quale fanno parte i responsabili di tutte le strutture amministrative periferiche dello Stato nonché dai rappresentanti degli enti locali. Quest'organo collegiale ha una funzione di raccordo interamministrativo su base locale e si occupa prevalentemente dei problemi comuni a tutta la Pubblica Amministrazione, come per esempio le politiche di formazione 847

8 INTERVENTI del personale o la dotazione di tecnologie informatiche, nonché di funzio- - ni finali, riguardanti la generalità dei cittadini e non realizzabili se non con una visione di insieme, congiunta e intersettoriale. Oltre che strumento di conoscenza e mezzo di coordinamento, la Conferenza Permanente coadiuva il Prefetto nella funzione di sovrintendenza generale sul buon andamento delle Amministrazioni pubbliche, spe-.cialmente di quelle che erogano servizi e prestazioni al cittadino. Ora non c'è dubbio che la Confèrenza Permanente dispone di un potere di controllo forse non adeguato, ma in compenso molto ampio in estensione e tale da permettere al Prefetto di stabilire contatti, fissare indirizzi generali e verificare i risultati dell'azione di tutti gli apparati pubblici sul territorio. La Conferenza Permanente è quindi un organismo che realizza il coor-.dinamento attraverso la collegialità. Sarà il caso a questo punto di precisare che cos'è esattamente il coordinamento. La nozione giuridica di coordinamento è di recente elaborazione anche se la parola coordinamento ha fatto ingresso nel linguaggio tecnico giuridico della dottrina e della legislazione con significati non sempre omogenei e sui quali non vale la pena di dilungarsi. Occorre precisare che il coordinamento assume rilievo allorché ci si trova di fronte ad una pluralità di attività o di soggetti (cui l'ordinamento riconosce una propria autonomia) per i quali esiste l'esigenza di una loro armonizzazione per fini ben determinati. Sarò in condizione di illuminare meglio il concetto quando mi soffermerò più avanti sul ruolo del Prefetto come c90rdinatore delle Forze di Polizia in provincia. Nell'intento comunque di puntualizzare ulteriormente il suo significato, va detto che di coordinamento deve parlarsi più nei confronti delle attività che dei singoli atti posti in essere dai titolari di una potestà pubblica. È infatti il crescente rilievo che ha assunto l'attività amministrativa, una delle cause che ha posto l'esigenza di un coordinamento che andasse oltre 848

9 Gjusepp~ ROMANO quello realizzabileper singoli atti. - Le altre cause vanno individuate nella crescente specializzazione delle attività e quindi dell'organizzazione amministrativa, nella quale il modello gerarchico è recessivo in quanto in molti casi gli uffici si pongono tra loro non più in un rapporto di sovrapposizione gerarchica bensì in un rapporto tendenzialmente paritario. Ecco quindi che si è delineato accanto alla nozione di coordinamento come attività, la figura organizzatoria del coordinamento. In questo ultimo significato allora il coordinamento si pone accanto alla gerarchia e al controllo come uno dei tipici rapporti esistenti tra le diverse figure soggettive della pubblica amministrazione. Senza soffermarsi sulle altre figure organizzatorie, si può quindi sostanzialmente affermare che il coordinamento tende a garantire contemporaneamente l'autonomia dei singoli organizzati e insieme la possibilità di un loro indirizzo unitario a determinati fini. Si discute in dottrina se il coordinamento sia una figura di sovraordi,. nazione, sebbene non gerarchica, tra organi o sia invece una figura di equiordinazione. Storicamente si è registrat.a e si registra tuttora la resistenza degli uffici dotati di autonomia a lasciarsi coordinare da uffici estranei, talché il coordinamento si intende raggiunto non già attraverso l'imposizione di una volontà superiore quanto invece attraverso gli aggiustamenti e l'armonizzazione di diverse volontà che non si fondono tuttavia in una volontà comu-. ne, talché si avrebbe la figura della equiordinazione. Senonché da un punto di vista dogmatico, il coordinamento sembra doversi qualificare, almeno tendenzialmente, come figura di sovraordina- Zlone.. Quando cioè l'ordinamento sostituisce alle intese di fatto che possano essere richieste tra le varie Amministrazioni, una previsione organizzativa ben individuata e con una sua cogenza giuridica, allora è indubbio che viene a concretizzarsi una componente delle varie funzioni delle singole Amministrazioni capace di determinare un indirizzo che, pur non essendo \7 849

10 INTERVENTI obbligatorio, non è comunque giuridicamente irrilevante. - Per concludere, il coordinamento può definirsi come una figura organizzativa di sovraordinazione per la realizzazione dell'unità di indirizw di uffici dotati di autonomia. Ho fatto riferimento alla circostanza che avrei meglio illustrato i contenuti di quanto ora accei)nato, parlando della figura del Prefetto come, coordinatore delle Forze di Polizia...che Ebbene il riferimento normativo al riguardo è contenuto nella legge 121 dell'aprile 1981 la quale stabilisce che il Prefetto è autorità provinciale di Pubblica sicurezza con responsabilità generale dell'ordine e della sicurezza pubblica in provincia, sovnntende all'attuazione delle direttive emanate in materia, viene informato tempestivamente dal Questore e dai Comandanti dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di ogni questione che abbia attinenza con l'ordine e la sicurezza pubblica, assicura unità di indirizw dei compiti e delle attività degli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza. Il Prefetto poi dispone della forza pubblica e delle altre forze messe a sua disposizione e ne còordina l'attività. L'art. 20 di detta legge stabilisce poi che presso la Prefettura è istituito il Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto e del quale fanno parte il Questore, il Comandante provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Una legge del '99 ha poi esteso la partecipazione nel capoluogo al Sindaco e al Presidente della provincia. Come ognuno di noi sa, la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica si pone come uno degli obiettivi principali della vita di relazione atteso da essa dipende l'ordinato svolgimento del vivere quotidiano e la possibilità che ognuno eserciti i diritti e goda delle libertà fondamentali riconosciute dalla nostra Carta costituzionale. Per tale tutela esiste un complesso ed articolato sistema composto da funzionari, ufficiali e agenti di pubblica sicurezza che operano sotto la direzione delle autorità centrali (Ministro -Capo della Polizia) e provinciali (Prefetto -Questore). 850

11 Giuseppe ROMANO Il modello organizzativo realizzato, che trova la sua fonte nella previ- - sione di legge, istituzionalizza un rapporto, ovviamente necessitato, tra i soggetti deputati a concorrere al mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica ed individua gli organismi titolari del potere di coordinamento, per il raggiungimento di un fine comune. Tralascio ogni valutazione sugli effetti perversi che si avrebbero in termìni di sovrapposizioni, duplicazioni, contrasti o addirittura elisione degli sforzi di ogni singola Forza di polizia ove non si fosse trovato uno strumento, il coordinamento appunto, quale momento unificante dell'opera delle Forze dell'ordine. Direi, per chiudere su questo potere attribuito al Prefetto, che l'attività di coordinamento non solo deve tendere ad eliminare gli effetti negativi accennati, ma deve costituire il valore aggiunto per un corretto e proficuo impiego delle forze di polizia. Una estensione della funzione di coordinamento del Prefetto consiste poi nella missione di composizione delle tensioni sociali. Detta funzione gli è attribuita in quanto rappresentante generale del Governo. Come quest'ultimo svolge un ruolo di mediazione tra le rivendicazioni delle parti sociali al centro, così in periferia il Prefetto è il principale interlocutore del mondo del lavoro organizzato, della parte pubblica e dell'imprenditoria privata. Va segnalato che mentre per i servizi pubblici essenziali è la legge che gli assegna tale funzione (la c.d. procedura di raffreddamento), in pratica l'azione di mediazione del Prefetto è molto più estesa, sicché di fatto qualsiasi vertenza di notevole importanza, anche se non riguardante i servizi pubblici essenziali, finisce con l'approdare al suo tavolo. In questi casi il suo apporto è negoziale e consiste nel trovare, in modo creativo e originale, una soluzione che sia, allo stesso tempo, accettabile per le parti e conforme alle esigenze dell'interesse generale della collettività o per lo meno il meno dissonante possibile rispetto ad esse. Anche qui un esempio chiarirà ciò che intendo dire. Durante l'estate il personale dell'agenzia delle Dogane del Porto è entrato in stato di agitazione e ha minacciato lo sciopero, se non fossero -j 851

12 INTERVENTI state accolte alcune rivendicazioni, nel merito legittime e ragionevoli. Come' - sapete, il Porto è una importante struttura economica e in economia le aspettative sono tutto. Accadde quindi che, non appena si seppe dello sciopero imminente, gli operatori portuali entrarono a loro volta in stato di fibrillazione e, nel giro di pochi giorni, la vertenza fu portata all'attenzione del mio ufficio. Dopo un esame della situazione e un primo contatto con le.parti, fu chiaro che il malcontento del personale derivava dalla mancanza di strutture adeguate per gli uffici e che questo problema avrebbe potuto essere risolto, con il coinvolgimento da:ii'autorità Portuale benché formalmente essa fosse estranea alla vicenda. Inoltre il problema non era puramente organizzativo, ma riguardava anche rivendicazioni di carattere economico che i dirigenti locali delle Dogane non erano in condizione di assicurare. Era quindi indispensabile attivare i dirigenti nazionali dell' Agenzia e investire del problema direttamente il Governo. I problemi organizzativi vennero affrontati attraverso la creazione di un apposito tavolo di lavoro tecnico, da me suggerito -ecco un esempio di coordinamento "creativo" e non formalizzato -a cui presero parte l'agenzia delle Dogane, l'autorità portuale e gli operatori economici del Porto. Il risultato immediato raggiunto dal,gruppo di lavoro fu la definizione di nuovi protocolli operativi tra Agenzia delle Dogane e operatori portuali per lo snellimento dei controlli sulle merci. I profili economici erano più delicati, perché il soddisfacimento delle istanze del personale presupponeva la concessione alle Dogane di Genova di risorse aggiuntive da parte del Governo. Mi feci carico di comunicare direttamente al Direttore nazionale dell'agenzia e al Sottosegretario al Ministero dell'economia con delega alle Dogane che la vicenda di Genova non era considerata dagli osservatori e dal mercato una questione di ordinaria amministrazione, bensì un test della capacità del Governo di concentrarsi su contesti strategici e di investire risorse là dove la redditività del capitale è più elevata. Gli ~forzi compiuti sono stati coronati dal successo in quanto sono state esaudite tutte le istanze degli utenti e degli addetti alle Dogane. È fin troppo ovvio che non vi ho riferito di questa vièenda per far 852

13 Giuseppe ROMANO apparire il Prefetto alla stregua di un "deus ex machinà'. Mi preme invece - sottolineare la tenuità dei suoi mezzi di intervento nei settori più complessi e nei momenti più delicati della vita sociale. In questa vertenza non sono stati usati poteri amministrativi né modelli organizzatori particolari o strumenti dell'attività amministrativa consensuale. In ultima analisi, la risorsa più importante e preziosa utilizzata dal Prefetto è stata la forza che gli deriva' dalla sua tradizione amministrativa, Se la mediazione si è conclusa positivamente, il merito non va attribuito alle mie particolari qualità di negoziatore né a poteri di supremazia speciale, che nel caso in questione non mi spettavano. Piuttosto mi sembra il caso di riflettere sul fatto che per essere utile, il Prefetto deve sapere esercitare un'influenza che non desti rifiuto negli altri, il che richiede capacità di autogoverno, buona per sè e tale da suscitare un atteggiamento analogo negli altri e.la piena consapevolezza della propria tradizione amministrativa. Credibilità, cultura della funzione pubblica, sensibilità per la propria identità storica: ecco sono questi gli ingredienti che qualificano e potranno qualificare in futuro l'istituto prefettizio anche in vista dei nuovi assetti istituzionali dello Stato. A quest'ultimo proposito, e mi avvio alla conclusione, voi sapete che dieci giorni fa la Camera dei Deputati ha approvato la riforma dello Stato in senso federale. Non spetta a me esprimere giudizi o fare previsioni sui tempi finali dell'iter, sicuramente complesso che comporta la revisione della Costituzione né se la stess avrà l'esito sperato dalle forze politiche che compongono l'attuale Governo o sarà contrastata dal referendum che è stato preannunciato dall' opposizione. Penso tuttavia che anche in uno Stato federale non dovrebbe essere messo in discussione il valore fondante dell'unitarietà dello Stato e della salvaguardia dell'interesse generale nei settori determinanti della vita civile e sociale. Su tali presupposti sono sicuro che il Prefetto, come ha dimostrato la sua storia bicentenaria, ancora una volta confermerà l'essenzialità di una istituzione capace di far da cerniera tra il centro e la periferia e sarà soprattutto in grado di ridurre la complessità amministrativa e assumere decisio- 853

14 INTERVEN11 ni di sintesi, sulla base di una visione integrata e non parcellizzata dell'in te- - resse pubblico che, lo sottolineo, non potrà essere diversamente valutato a seconda delle collocazioni geografiche, da questa o quella regione o, peggio ancora, da questa o quella forza di governo locale. Ringrazio per l'attenzione. ;è '... o. 854

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4. Roma, Dipartimento

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4. Roma, Dipartimento Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4 Q0AP-0397498-2011 PU-QDAP-iaOO-21/10/2011-0397498-2011 Roma, Ai Sigg. Vice Capi del Dipartimento Ai Sigg. Direttori Generali Al Sig. Direttore dell'ls.s.pe.

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Legge 23 agosto 1988, n.400 Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 settembre, n. 214 S.O.) [come modificato

Dettagli

Sezione Prima Inquadramento e struttura degli enti pubblici

Sezione Prima Inquadramento e struttura degli enti pubblici Capitolo Secondo Gli enti pubblici Sommario: Sezione Prima: Inquadramento e struttura degli enti pubblici. - 1. La pubblica amministrazione. - 2. Gli enti pubblici. - 3. Le più importanti classificazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni di Filippo Lacava 1.Premessa; 2. Definizioni; 2.1 Il potere di indirizzo 2.2 Il coordinamento;

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights EqualJusDatabase EuropeannetworkforthelegalsupportofLGBTrights Decreto del Presidente della Repubblica - 15/03/2010, n. 90 - Gazzetta Uff. 18/06/2010, n.140 TESTO VIGENTE EPIGRAFE DECRETO DEL PRESIDENTE

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Ministero degli Affari Esteri ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI D.P.R. 5 Gennaio 1967, n. 18 e successive modificazioni e integrazioni ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 20 gennaio 2009, n. 17 Regolamento recante disposizioni di riorganizzazione del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. (GU n. 60 del 13-3-2009)

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 186 del 29/12/2010 Modificato ed integrato con deliberazione di G.C. n. 102 del 07/09/2012 1 TITOLO I L ORGANIZZAZIONE

Dettagli