Abilità Informatiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abilità Informatiche"

Transcript

1 Abilità Informatiche

2 2 Programma del corso Introduzione L informazione digitale o Un minimo di basi teoriche o Cosa possiamo aspettarci da un computer, e cosa no Architettura degli elaboratori o Come è fatto un computer I sistemi operativi o Servizi che un computer offre all utente, e come funzionano Principali applicativi o Alcuni compiti comuni che il computer ci aiuta a svolgere

3 3 Obiettivi Alla fine del corso, chi ha frequentato con successo: o sarà un utente informato o comprenderà i principi di base dell informatica, dell architettura degli elaboratori e dei sistemi operativi o avrà una visione d insieme e aspettative realistiche sull informatica o potrà usare più agilmente gli strumenti informatici nei corsi che lo richiederanno

4 4 Informatica e discipline economiche Elaborazione delle transazioni Contabilità e bilancio Sistemi di supporto alle decisioni Analisi statistica di serie storiche Modelli economico-finanziari

5 5 Le parole di oggi Algoritmo Codifica Bit Multimedia Compressione

6 6 Algoritmi Algoritmo: sistema finito di regole e procedure di calcolo definite formalmente che portano alla soluzione di un problema con un numero finito di operazioni, quali che siano i dati di ingresso Esiste di un algoritmo per risolvere un problema la risoluzione del problema può essere automatizzata

7 7 Il nome deriva dal matematico persiano al-khwārizmī, che operò nella Bagdad nel IX secolo d.c. o Il califfo dell epoca era al-maʾmūn, figlio di Hārūn al-rashīd, reso famoso dalle «Mille e una notte» Algoritmi

8 8 Risoluzione di un problema tramite l elaboratore 1. Formulazione precisa del problema 2. Ricerca dell algoritmo per la soluzione 3. Formulazione testuale dell algoritmo in un linguaggio accessibile all elaboratore (linguaggio di programmazione), ottenendo un programma 4. Esecuzione del programma Raffinamento

9 9 Poniamoci alcune domande Esiste un solo algoritmo per risolvere un problema? Un algoritmo si può implementare in un solo linguaggio? Tutti i programmi che implementano un determinato algoritmo in un linguaggio precisato sono equivalenti? Confronto e scelta tra algoritmi Confronto e scelta tra linguaggi Caratteristiche dei programmi

10 10 Codifica Codice Catastale o F839 NAPOLI o H703 SALERNO o A638 BARCELLONA POZZO DI GOTTO CAP o Castellammare di Stabia o C.MARE DI STABIA Datemi due ragioni sul perché codificare

11 11 Codifica Assegnazione di un codice univoco a tutti gli oggetti compresi in un insieme predefinito

12 12 Codifica elementi essenziali Alfabeto dei simboli utilizzabili o Esempio (CAP): cifre «0», «1», «2»,, «9» o Esempio: simbolo della valuta, cifre «0», «1», «2»,, «9», segni più «+» e meno «-», separatore decimale «,» e separatore delle migliaia «.» Q: Che stiamo codificando?

13 13 Codifica elementi essenziali Regole di composizione (sintassi) che definiscono le sequenze di simboli (parole) ammissibili: o Esempio: un CAP ha esattamente 5 cifre o Esempio: 1.234,50 è la rappresentazione di un importo, 1,2 3,4.50 non lo è. Significato (semantica) delle configurazioni ammissibili

14 14 Codifica binaria dell informazione Il calcolatore utilizza un alfabeto binario: usa dispositivi elettronici digitali in grado di assumere due soli stati: acceso/spento, ON/OFF, 1/0, VERO/FALSO Q: Avere un alfabeto binario limita le funzionalità? Non sarebbe stato meglio lavorare in decimale? There are only 10 types of people in the world: those who understand binary, and those who don t

15 15 bit Il simbolo o cifra binaria si indica con bit (da Binary digit) o quantità d informazione che si ottiene selezionando una configurazione da un insieme di due configurazioni equiprobabili

16 16 Bit Quanti valori distinti si possono ottenere con 1 bit? o 0 o 1 2 valori distinti

17 17 Codifica binaria dell informazione Con 1 bit si possono codificare al più 2 informazioni. Valore del bit Codifica A Codifica B Codifica C 0 Nero Non autorizzato Bianco Autorizzato 1 2 Codifica D

18 18 bit Quanti valori distinti si possono ottenere con sequenze (parole) di 2 bit? o 00 o 01 o 10 o 11 4 valori distinti Si possono codificare al più 4 oggetti o p.es. contare da 0 a 3: {0, 1, 2, 3} oppure da 1 a 4; o magari da 1001 a 1004: il punto di partenza è arbitrario oppure da -2 a +1: {-2, -1, 0, +1}

19 19 bit Quanti valori distinti si possono ottenere con parole di 3 bit? o 000 o 001 o 010 o 011 o 100 o 101 o 110 o valori distinti Si possono codificare 8 oggetti

20 20 Codifica binaria dell informazione Se passiamo da una parola binaria di k bit ad una parola di k+1 bit si raddoppia il numero di oggetti che si possono rappresentare o Si aggiunge il prefisso 0 (e poi il prefisso 1) a ciascuna delle disposizioni degli altri bit

21 21 Codifica binaria dell informazione Quanti oggetti diversi posso codificare con parole binarie composte da k bit? o 1 bit: 2 1 = 2 valori (0, 1) 2 oggetti o 2 bit: 2 2 = 4 valori (00, 01, 10, 11) 4 oggetti o 3 bit: 2 3 = 8 valori (000, 001, 010, 011, 100, 101, 110, 111) 8 oggetti o o k bit: 2 k valori 2 k oggetti

22 22 Definire un codice Identificare due insiemi: o Insieme delle configurazioni ammissibili o Insieme degli oggetti da rappresentare Associare gli elementi dei due insiemi Esempio: associare una codifica binaria ai giorni della settimana o 3 bit (che possono rappresentare 2 3 = 8 oggetti) sono sufficienti

23 23 Esempio Insieme delle configurazioni ammissibili LUN MAR VEN MER GIO SAB DOM Insieme degli oggetti da codificare

24 24 Esempio Codice VEN LUN SAB MAR GIO DOM MER

25 25 Byte Un gruppo di 8 bit (ottetto) prende il nome di byte Con 8 bit si possono codificare 2 8 = 256 informazioni Con un byte si possono ad esempio rappresentare i numeri interi negli intervalli: o [0, 255] (da 0 a 255, estremi inclusi) o [1, 256] (da 1 a 256, estremi inclusi) o [-127, 126] (da -127 a 126, estremi inclusi) o Q: perché solo fino a 126 e non 127?

26 26 Sistema metrico decimale Nel sistema metrico decimale, aggiungere un prefisso ad un unità di misura indica una moltiplicazione o 1 km = m o 2.5 GHz = MHz (banda di frequenza usata dalle reti Wi-Fi e non solo)

27 27 Sistema Metrico Decimale Prefisso Denominazione Moltiplicatore Significato k kilo 10 3 (1.000) unità M mega 10 6 ( ) kilo G giga 10 9 ( ) mega T tera (1 seguito da 12 zeri) giga P peta tera E exa peta Z zetta exa Y yotta zetta

28 28 Multipli del byte Nel sistema metrico il prefisso k (kilo) indica 1000 (10 3 ) In informatica, i calcoli sono basati non su potenze di 10 ma su potenze di 2 o Q: Secondo voi, perché? Per fortuna, 2 10 = 1024 ~ 1000 (10 3 ) 1 kbyte (kilobyte) dunque indica 2 10 = 1024 cioè circa 1000 byte

29 29 Multipli del byte Unità Denominazione Moltiplicatore Significato Kbyte kilobyte 2 10 (1.024) unità Mbyte megabyte 2 20 ( ) kilo Gbyte gigabyte 2 30 ( ) mega Tbyte terabyte 2 40 ( ) giga Pbyte petabyte 2 50 ( ) tera Ebyte exabyte 2 60 ( ) peta

30 30 Multipli del byte Q: Esiste il megabit? A: Certo; però attenzione: vale 10 6 bit e non 2 20

31 31 Codifica dei caratteri Vogliamo codificare un testo o Supponiamo, per ora, che sia in lingua inglese Occorre innanzitutto codificare i caratteri o a-z 26 simboli Ma ci sono le maiuscole o A-Z altri 26 simboli E i segni di punteggiatura o Almeno i più comuni,. ; :?! " ( ) [ ] Eppure manca ancora un protagonista assoluto. Chi?

32 32 Codifica dei caratteri Lo spazio bianco! o Altrimentileggeremmosoloun indefinitasequenzadi caratteri E se c è qualche numero? o simboli Le quattro operazioni o 4 simboli per + - / * Altri alfabeti: caratteri accentati o Aggiungiamo à è é ì ò ù (e anche À È É Ì Ò Ù)

33 33 Codifica dei caratteri E così via Insomma, i 256 valori distinti rappresentabili con un byte fanno comodo Ciascun carattere è rappresentato da un byte e corrisponde ad un valore numerico o Per un libro di 400 pagine con 30 righe, ognuna di 60 battute, quanti byte occorrono? Nell ordine del kb? Del MB? Del GB?

34 34 Codifica ASCII (estesa: 8 bit) È una corrispondenza tra i numeri dell intervallo e i simboli Esempi: o 65 A 97 a o 66 B 98 b o 90 Z 122 z o 58 : 59 ; o 232 è 233 é

35 35 Codifica Unicode Lingue orientali o Ideogrammi o Scritture bustrofediche Standard Unicode o Codifiche UTF-8 o 1 byte per i caratteri ASCII o Da due a quattro byte per gli altri

36 36 Codifiche adattative Q: ma non sono troppi quattro byte? A: Sì; però i caratteri che necessitano di 4 byte sono estremamente rari, mentre quelli che ne richiedono uno sono frequenti o Esempio di codifica adattativa

37 37 Multimedia Digitalizzazione Conversione dal formato analogico ad uno numerico, gestibile dai computer o Rappresentazione digitale o Digitale deriva da digit, che in inglese significa cifra, e deriva a sua volta dal latino dĭgĭtus, cioè dito. o In definitiva digitale è ciò che è rappresentato con i numeri, che si contano appunto con le dita

38 38 Segnali audio esempio nota LA La pressione dell aria varia in modo sinusoidale con una frequenza di 440Hz

39 39 Digitalizzazione

40 40 Codifica di suoni Si fa un campionamento dell onda sonora (misurazione del valore dell onda a intervalli regolari di tempo) Si codificano in forma digitale i dati campionati (16 bit)

41 41 Campionamento Un campionamento più fitto (ovvero con una frequenza di campionamento maggiore) consente di rappresentare i segnali analogici con maggiore fedeltà Per segnali audio di tipo vocale (ad es. telefono), la frequenza di campionamento è tipicamente di 8 khz (8000 campioni al secondo) Per segnali audio musicali (ad es. CD audio), la frequenza di campionamento è tipicamente di 44.1 khz

42 42 Codifica dei suoni ADC: da analogico a digitale Convertitore analogico-digitale DAC: da digitale ad analogico Convertitore digitale-analogico

43 43 Immagini Discretizzazione: scomposizione dell immagine in un reticolo di punti (pixel, picture element) Quantizzazione: codifica di ogni pixel con un valore numerico all interno di un ben peciso intervallo

44 44 Discretizzazione Si sovrappone una griglia all immagine

45 45 Discretizzazione Ogni quadratino della griglia prende il nome di pixel (picture element) Può essere codificato in binario secondo la seguente convenzione: o È predominante il nero? Valore «0» o È predominante il bianco? Valore «1»

46 46 Discretizzazione

47 47 Discretizzazione La figura che si ottiene è un approssimazione dellafiguraoriginaria

48 48 Discretizzazione L approssimazione sarà tanto più fedele quanto più è elevato il numero di pixel ossia quanto più piccole sono le dimensioni dei quadratini della griglia

49 49 Risoluzione La risoluzione dell immagine è la dimensione della griglia utilizzata per discretizzare l immagine o es. 640x480 o 1024x768 (4:3), 1920x1080 (16:9)

50 Effetti della riduzione di risoluzione 50

51 51 Codifica dei colori A ciascun pixel va associato un numero che ne codifica il colore: Pixel in bianco/nero (senza sfumature) o 1 bit Pixel in colore o 4 bit = 16 colori o 8 bit (1 byte) = 256 colori (scala di grigi) o 24 bit (3 byte) = circa di colori

52 52 Immagini b/n: Un esempio Ogni pixel è rappresentato da un bit

53 53 Immagini in scala di grigi Immagini in bianco e nero con sfumature o Rappresentazione in «toni di grigio»: un byte per pixel, con 256 gradazioni di grigio per ogni pixel, o più byte per pixel, per avere più gradazioni possibili 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

54 54 Codifica dei colori Il colore può essere generato attraverso la sintesi additiva di 3 colori fondamentali: red, green, blue (codifica RGB) o Quanto è intenso ciascun colore fondamentale?

55 55 Immagini in scala di grigi / colori Immagini a colori o Profondità di colore: numero di bit per ogni pixel (di norma 24, ovvero un byte per ogni colore) o Usando 8 bit per ogni colore si possono ottenere 256 gradazioni per il rosso, 256 per il blu e 256 per il verde o combinate insieme, danno origine a circa 16,7 milioni di colori diversi (precisamente colori) RED 100 Codifica : GREEN 200 Codifica : BLUE 200 Codifica :

56 56 Effetti della quantizzazione 4 bpp 3 bpp 2 bpp 1 bpp

57 57 Dimensione di un immagine In questo esempio, 160 pixel (20x8) 20 pixel in larghezza 8 pixel in lunghezza 2 colori = 1 bit per pixel L immagine occupa dunque 160x1=160 bit In byte: 160 bit = 160/8 byte = 20 byte

58 58 Multimedia: dimensioni Risoluzione e profondità di colore determinano quindi il numero di byte necessari per l immagine o Esempio: immagine 1024x768 a 256 toni di grigio 1024x768 pixel * 8 bit/pixel = 768 Kbyte o Esempio: immagine 1024x768 a 16M colori 1024x768 pixel * 24 bit/pixel = 2304 Kbyte

59 59 Multimedia: dimensioni Esempio: brano musicale su CD o Frequenza di campionamento Hz o 16 bit / campione o 2 canali (destro e sinistro) o 2 * 16 * = bit / s 176 Kbyte / s o 1 canzone circa 5 minuti 176 Kbyte/s * 60 s/min * 5 min circa 52 Mbyte o 60 min di musica 176 * 60 * 70 circa 630 Mbyte

60 60 Multimedia: dimensioni In sintesi, gli oggetti multimediali richiedono molto spazio Possiamo fare di meglio?

61 61 Codifica e compressione La compressione riduce drasticamente lo spazio occupato La compressione lossless è una trasformazione matematica reversibile o Decompress(Compress(X)) = X La compressione lossy sfrutta anche caratteristiche della percezione umana o Decompress(Compress(X)) X ma è percettivamente equivalente a X o Tassi di compressione molto superiori

62 62 Compressione per file multimediali La compressione sfrutta: o Il fatto che punti vicini hanno lo stesso colore o La percezione umana non percepisce riduzioni di fedeltà (siamo davvero in grado di distinguere ~ colori?)

63 63 Formati compressi per immagini Non compresso o BMP (BitMaP) Compresso: o GIF (Graphics Interchange Format - brevettato), PNG (Portable Network Graphics) o JPEG (Joint Photographic Experts Group), TIFF (Tagged Image File Format)

64 64 Immagini vettoriali Quelle viste finora sono dette raster Invece di «fotografare» una scena, ne descrive le componenti o Possibile solo per immagini semplici e ben strutturate o Es.: disegni di AutoCAD Ingrandimento senza perdita di qualità o o o

65 65 Formati di codifica di suoni WAV, non compresso MP3 OGG AAC

66 66 Esempio: fotocamera digitale La risoluzione delle immagini è espressa in MegaPixel (milioni di pixel) o I colori sono sempre 16 milioni (3 byte per pixel). 6.0 MegaPixel = 6 Milioni di pixel Le proporzioni di una foto sono di solito di 4:3 Quindi al massimo la foto potrà avere una risoluzione di... o o o o o 4A x 3A = A 2 = A 2 = A 700 risoluz. max x 2100 dim x 3 Byte = 18 MB

67 67 Fattore di Compressione Esempio: o Fotocamera a 8 Mpixel circa di pixel Occupazione immagine non compressa a colori o pixel o 3 componenti / pixel x x o 1 byte / componente = o o byte circa 24 Mbyte L immagine in formato JPEG occupa circa 2.4 Mbyte Fattore di compressione dimensione originale / dimensione compressa o 24 Mbyte / 2.4 Mbyte = 10:1 o Una canzone di circa 5 min in formato mp3 richiede circa 5 Mbyte fattore di compressione circa 10:1

68 68 Compressione e qualità Qualità 100% byte Qualità 50% byte Qualità 25% byte Qualità 10% 9100 byte Non compressa: byte. Immagine: 512x512, dettaglio: 64x64

69 69 Immagini in movimento Video: successione di immagini fisse (frame) trasmesse in sequenza Con un numero abbastanza alto di fotogrammi fissi (15-30 al secondo) la persistenza delle immagini sulla retina fa sì che l occhio umano percepisce il movimento come continuo

70 70 Video interallaciato vs. progressivo Tradizionalmente, il segnale video di tipo televisivo utilizza un formato interallacciato Prima vengono generate le righe pari, poi quelle dispari Vengono generati 50 semiquadri al secondo Nel formato progressivo, ogni frame è costituito sia dalle righe pari che da quelle dispari

71 71 Un esempio video interallacciato Interallacciato (ad. es TV) o 720 punti / linea o 576 linee (288 linee pari, 288 linee dispari) o 50 semiquadri al secondo o 3 byte / pixel (RGB) o 720 * 288 * 50 * 3 = byte / sec circa 31 Mbyte/sec circa 250 Mbps o 2h di film occupano (se non compressi) 2*60*60*31 = Mbyte circa 223 Gbyte o Un DVD ha una capacità di circa 4.5 Gb occorre un fattore di compressione pari a 223 / 4.5 = 50

72 72 Un esempio - video progressivo Progressivo (ad. es cellulare) o 320x240 pixel o 15 frame / secondo o 3 byte / pixel (RGB) o 320 * 240 * 15 * 3 = byte / sec circa 3.5 Mbyte/sec circa 28 Mbyte / sec o 1 minuto di video registrato occupa (se non compresso) 60*3.5 = 210 Mbyte

73 73 Codifica video In linea di principio, si potrebbe codificare separatamente ogni fotogramma come immagine fissa Si è in grado di ottenere rapporti di compressione dell ordine senza eccessiva perdita di qualità o Per mettere un film su DVD abbiamo bisogno di un rapporto di circa 50...

74 74 Codifica video Per ottenere rapporti di compressione più alti è necessario sfruttare la ridondanza temporale Frame consecutivi in una sequenza di immagini sono quasi sempre simili l uno all altro Si codificano solo le differenze tra i frame successivi È possibile ottenere rapporti di compressione di 50:1 e anche fino a 100:1 senza degrado eccessivo della qualità

75 75 Fotogramma 1

76 76 Fotogramma 2

77 Differenza tra i fotogrammi 1 e 2 77

78 78 Standard di codifica video MPEG (Moving Picture Experts Group): o MPEG-1 Video CD o MPEG-2 TV digitale, DVD o MPEG-4 DivX ITU-T (International Telecommunication Union - Telecommunications Standardization Sector) o H.264 HD-DVD, Blue-ray DVD AVI (Audio Video, Microsoft) o Formato «contenitore». Può contenere audio/video compressi con formati diversi

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Come si rappresenta un immagine Un immagine e di norma rappresentata come un raster, cioe una matrice di elementi discreti, detti pixel, ciascuno di un colore. Memorizzare

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti I dati audio Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti Campionamento Moltiplicare il segnale per l impulso di campionamento t f max f t f c 2f c f t f max f c 2f c f f c -f max

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler KINGSTON.COM/US/USB/CUSTOMIZATION Inviare il modulo compilato al nostro responsabile vendite, via fax o email. Lato A: Logo Kingston Lato

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC

ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC Syllabus 5.0 Roberto Albiero Modulo 1 Concetti di base dell ICT Questo modulo permetterà al discente di comprendere i concetti fondamentali delle Tecnologie dell Informazione

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Compilazione con WinEdt

Compilazione con WinEdt Luciano Battaia Sommario Guida rapida ed elementare ai diversi modi di compilazione di un file L A TEX, usando WinEdt, con alcune indicazioni di base sui formati immagine supportati. Gli output standard

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8. [Preambolo]

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8. [Preambolo] www.diritto24.ilsole24ore.com/lex24/ Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 novembre 2014 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8 Regole tecniche in materia di formazione,

Dettagli

AVer MediaCenter 3D. Manuale utente

AVer MediaCenter 3D. Manuale utente AVer MediaCenter 3D Manuale utente ESONERO DELLA RESPONSABILITA Tutte le schermate in questa documentazione sono solo immagini di esempio. Le immagini possono variare a seconda del prodotto e la versione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli