ZANCLEA NELLA VILLA DEI MISTERI DI POMPEI ANTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ZANCLEA NELLA VILLA DEI MISTERI DI POMPEI ANTICA"

Transcript

1 NICOLA GLIELMI ZANCLEA NELLA VILLA DEI MISTERI DI POMPEI ANTICA IL GRANDE DIPINTO DIONISIACO

2 Prima edizione Nicola Glielmi Zanclea nella Villa dei Misteri di Pompei antica, Tommaso Marotta Editore Napoli, 2000

3 ZANCLEA NELLA CORRENTE di Valerio Evangelisti Uno scritto di Nicola Glielmi, si tratti di un saggio scientifico, di una memoria, di una creazione letteraria, è sempre per il lettore un'esperienza sorprendente. Lo è perché vi ritrova un flusso vitale che la società odierna ignora, condanna o nasconde. Qualcosa di estremamente scandaloso, e anche di inquietante, agli occhi dei fantocci irrigiditi che siamo divenuti, e che diveniamo ogni giorno di più. L'energia vitale è il segreto di Nicola Glielmi: come uomo, come scienziato, come scrittore. Difficile, per chi ha avuto la fortuna di incontrarlo, dimenticare la vivacità del suo sguardo, il vigore della parlata, la fluidità nel gestire, il tutto condito da una sorta di malizia infantile che nulla ha di cattivo e di ombroso. Semplici doti umane? Non solo questo. Nicola Glielmi ha avuto il privilegio di toccare, attraverso un'esperienza culturale, professionale e di vita assolutamente esemplare, le grandi correnti segrete a cui aveva avuto accesso il suo maestro, Wilhelm Reich. Quei torrenti impetuosi di energia che fanno di agglomerati di cellule creature di carne animata, e che reggono i meccanismi dell'affinità, dell'attrazione, della perpetuazione della specie. Freud, nella sua scontrosa genialità, aveva avuto l'intuizione dell'esistenza di quelle correnti, ma si era limitato ad immergervi il dito. Lo aveva ritratto subito, turbato, e alla sua scoperta aveva assegnato poco più di un nome: libido. Ma cos'era la libido? Reich non si accontentava di una definizione priva di contenuto. Scavò fino a trovare il fiume nascosto, ed ebbe la sorpresa di scoprire che si trattava di un oceano: tanto vasto da

4 ricoprire per intero l'esistente, e tanto tumultuoso da agitarne le forme organiche in tutte le loro manifestazioni. La libido divenne, più appropriatamente, l'energia orgonica. I due termini ebbero sorte diversa, e tuttavia egualmente tragica. L'Orgone fu ignorato; la libido divenne una sorta di parolaccia, rimanendo confinata, nel lessico comune, a un aggettivo - "libidinoso" - carico di risonanze negative. Per fortuna, la grande scoperta di Reich non fu abbandonata, ed ebbe, e ha tuttora, appassionati cultori. Tra i primi in Italia vi fu Nicola Glielmi, psicoterapeuta, psichiatra, direttore di importanti servizi per l'igiene mentale. La sua carriera nell'ufficialità, sempre tormentata, finì con un odioso trabocchetto, che espulse dal grigio sistema psichiatrico italiano l'unica fiammella di pensiero reichiano che vi si era insediata. Ma, da un certo punto vi vista, fu meglio così. Libero da vincoli amministrativi e da impegni secondari, Nicola Glielmi può ora esporre come meglio gli aggrada i fermenti del proprio pensiero. Il libro che il lettore ha tra le mani è appunto una manifestazione di questa ritrovata libertà. Opera singolare, e tuttavia affascinante. Se la vitalità sessuale è negata o pervertita da tutto il modo di vivere attuale, Glielmi la va a ricercare nel mondo antico, quando minori erano i vincoli alla sua espressione. Si inizia così con l'esplorazione, in compagnia del più dotto dei maestri, della pompeiana Villa dei Misteri, in cui rintracciamo, sugli affreschi raffiguranti l'iniziazione di una fanciulla, costanti universali dei processi di vita, inquadrati in rigorose proporzioni geometriche altrettanto universali: due forme di eternità, anzi, una sola. Poi la descrizione si fa poema, ed è qui che la vita balza davvero in primo piano. Ciò che Glielmi era costretto a "raffreddare" nelle sue pubblicazioni scientifiche, per obbedire a canoni accademici, diviene impressione, profumo, colore: diviene la verità che solo la letteratura può cogliere nella sua pienezza. Le pagine poetiche di Glielmi sono di una evidenza e di una ricchezza che stupisce. Di ogni immagine è fornita l'intera gamma delle sensazioni: tutti e cinque i sensi sono all'opera, e sono sollecitati nel lettore. Non vi è mai una descrizione abborracciata, epidermica, incompleta. Ogni atmosfera è descritta nella completezza dei suoi 6

5 elementi, in modo che chi legge la possa fare interamente sua, la possa vivere. Vivere, appunto. Perché è questo il tema che Glielmi tratta: la vita, colta nella ricchezza più profonda. Così un frutto, un cibo, un rito - qualunque cosa egli descriva - ha una profondità di dimensioni che l'immerge nel flusso energetico vitale. In ciò l'autore è coerentissimo con la visione scientifica che ha sempre coltivato; solo, la modella in modo che acquisti immediata evidenza, tangibile concretezza. Così la poesia si fa tesi, e la tesi poesia. Emisfero sinistro ed emisfero destro - razionalità ed emozione - operano congiuntamente. Pian piano, ci si accorge di avere a che fare con una vera e propria cosmogonia, cui l'autore aggiunge, senza soluzione di continuità, riflessioni sulla propria visione del mondo. Alla fine, non è troppo difficile scoprire che Nicola Glielmi ed energia vitale fanno tutt'uno, che il primo è una scintilla della seconda. Ora, il movente di ogni scintilla è palese: attizzare un incendio. Non per fare fuoco, ma per fare luce. Braccato da grumi di carne morta e malata, Nicola Glielmi non ha rinunciato alla propria missione. L'iniziazione di Zanclea, dolorosa sì ma anche fonte di vita e di piacere, è il rimedio che egli vede al dilagare della peste emozionale, di cui soffrono coloro che vorrebbero seppellire per sempre le correnti eterne e universali dell'energia vitale. Non ci riusciranno. Confido - e Glielmi confida - che altre giovani Zanclee siano condotte, emozionate e titubanti, alla scoperta inebriante della vita e che, varcata quella soglia, continuino ad assaporarne i frutti. Un tempo era cerimonia pubblica; oggi è lavorio da iniziati. Ma finché vi saranno maestri intelligenti e profondi come Nicola Glielmi, il fiume sotterraneo scoperto da Wilhelm Reich troverà coraggiosi disposti a immergersi nelle sue acque, così fresche e corroboranti. Fino a quando il suo corso non sfocerà alla luce del sole, e sarà ricchezza per tutti. 7

6 Fig. 1 - Scultura di Dioniso dell ateniese Fidia, dal frontone orientale del Partenone a.c., British Museum, Londra. 8

7 PROLOGO Esiste Dio? Non ho nessuna prova della sua esistenza. Ma se proprio debbo credere che esista, penso che Dio sia l AZZURRO dei cieli e dei mari come qualità infinita, impalpabile e tuttavia reale e forse eterna che sta lì a darti la vita senza la volontà di darti qualcosa, altrimenti non sarebbe più Dio; senza chiederti in cambio preghiere, odori d incenso e d interiora bruciate; senza alcuna pretesa di averti dato la vita e senza gloriarsene; senza neppure sapere di averti dato la vita, perché altrimenti non sarebbe più Dio. Pertanto, solo l Energia Orgonica che ha formato le galassie, le stelle, il sole, la luna, la terra e la Vita su di essa, potrebbe essere Dio. E solo Dioniso, l ambiguo dio greco, il dio dell energia vitale, della vegetazione, del vino e dell amore potrebbe essere la manifestazione di Dio, un Dio che è Vita, la Vita che è Amore. Se poi Dio dovesse essere come Michelangelo lo ha raffigurato nella cappella Sistina, penso che non avrebbe potuto non mandare sulla terra altri che suo figlio, nella più alta funzione dell Energia Vitale, così come l umanità lo ha sempre desiderato ed agognato, in tutto simile e uguale a Dioniso, dispensatore di gioia, unico fra tutti gli Dei della Grecia ad essere figlio di un Dio e di una vergine donna. Ma il Liberatore, come lo fu già Dioniso, ogni giorno è fatto a pezzi e mangiato. Ciò aumenta nell uomo a dismisura quella colpa per la quale era salito sulla croce, promettendo vanamente una vita eterna in cambio di quella terrena. Da qui il dolore per l olocausto che è, invece, godimento, chiamato pietà, nell attesa del prossimo olocausto per espiare la colpa nel vile corpo del disgraziato. La vita sessuale, repressa perché rende liberi sovvertendo l ordine e le gerarchie, predicata come colpa, aggrava la disfunzione dei fenomeni vitali in tutte le persone credenti nel peccato di Eva. La colpa non risparmia le persone, giunte a considerare, in età matura, la creazione di Eva dalla costola di Adamo come un complesso edipico rovesciato, perché non se trovasse più traccia. Gli atei non hanno potuto evitare, bambini e puberi, che il germe nefasto della colpa crescesse in loro 9

8 rigogliosamente come negli altri. Caratterialmente non sono diversi dai credenti. La trasfigurazione di Gesù presentata come un fatto reale al bimbo, cresce nella sua mente come un virus che si mostrerà resistente alle terapie iniziate da Flemming, anche quando si scoprirà che Raffaello, ha rappresentato, senza saperlo, l allucinazione dell epilettico. I Greci per i furti pregavano Ermes, il dio dei ladri, ma per la fede in Teti, che presiedeva alla Giustizia, scuoiavano vivo il giudice corrotto e della sua pelle rivestivano lo scranno sul quale sedeva il figlio che gli succedeva nell ufficio. Questi pensieri hanno guidato il mio lavoro e stimolato l interesse per Villa dei Misteri in Pompei antica. Ho fissato nella dimensione di un presente perenne fatti e personaggi di epoche diverse, sembrandomi che l uomo caratterialmente fosse cambiato poco. Ha cambiato in peggio la sua Vita per la massiccia e potente idea del peccato, sulla quale hanno prosperato da sempre le religioni. Dopo questo prologo affido Zanclea nella Villa dei Misteri con più fiducia al lettore perché saprà fin dall inizio che cosa potrà trovarvi. Mi auguro che egli riviva il piacere che io ho provato nello scrivere questo libro e nel modo in cui è stato realizzato per esprimere emozioni, descrivere ambienti, esporre concetti scientifici. 10

9 SOTTO LA TORRE SARACENA (Arenzano, Luglio 1976) Se avessi tempo per dolcissimi giorni sibariti, vorrei abbandonarmi, per mio sommo diletto, a vivere gli amori di Dafne e Cloe. Ma dovrò accontentarmi di un weekend arenzanese, standomene in jeans sdraiato sul muretto della Chiesa del primo o secondo vero Bambin Gesù di Praga, a godermi, noiosamente, la brezza marina, mentre in qualche parte della penisola, il termometro segna trentotto gradi centigradi e le pecore e le vacche muoiono di sete. O dovrò starmene cento metri più sopra, coricato sull erba, ai piedi della torre saracena abbracciato alla mia donna. Per gli evoé del Ditirambo! Sono sotto la torre saracena e mi trovo fra le mani l immagine di una pittura pompeiana della casa dei misteri. Questo dio della follia! Comincia proprio a infastidirmi. Eppure, non gli sono molto devoto, essendo io piuttosto astemio. Ma sarà meglio accontentarlo, o mi si farà innanzi racchiuso in una bottiglia d Aglianico del Vulture o di Amarone color granato della Valpolexèla, e in quelle vesti mi farà paura, risultandomi, poi, assai sgradito Preferisco che venga a me vestito da pastore con una pelle di capro, o da mietitore. Ringraziamo il dio per il suo ventilabro e rimandiamo altre fantasie. Da Lui ispirati chiudiamo gli occhi, tendendo l orecchio al linguaggio dell immaginazione: li apriremo a Villa dei Misteri in Pompei. 11

10 Fig. 2 - Thiasos dionisiaco (Dioniso e Arianna tra due satiri). Anfora attica a figure nere Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma 12

11 LA SAGGEZZA DI ZEUS Paura e terrore tra le genti! I cristiani annunziavano prossima la fine del mondo per i peccati degli uomini. Segni premonitori erano stati un terremoto che aveva colpito le città intorno a Monte Somma e la distruzione di Gerusalemme per mano di Tito. Poi di nuovo era toccato a Pompei, Ercolano e Stabia nelle quali il vizio e la lussuria da gran tempo avevano il sopravvento sulla castità e la verginità delle fanciulle: città peccatrici nelle quali gli uomini, come in tutto l Impero, avevano alzato templi agli Dei bugiardi. Non s era trovato, nelle tre città, un solo uomo giusto da salvare. Jahvé aveva fatto traboccare il Vesuvio. La prova più significativa dell ira di Jahvé era costituita non tanto dal male oscuro col suo virus sinciziale che a Napoli falcidiava bambini a decine, a causa della legge sull aborto e sul divorzio, e non tanto dall AIDS il cui virus incontrollabile poteva essere una chiara prova dell epifania del dio fra gli uomini per la incipiente rivoluzione sessuale reichiana contrastata perfino dai comunisti, quanto dal fatto che era stato colpito a distanza, sulla spiaggia di Stabia, quel ficcanaso di Plinio, il vecchio, scienziato ateo che voleva vederci chiaro in quella faccenda e si era portato per mare da Miseno in quella apocalisse di fuoco, macigni incandescenti, fumo, lapilli e fiumi di lava. Era stato punito, come già Empedocle sull Etna, per la sua incredulità e per il suo orgoglio, l antico peccato di Adamo: il desiderio della conoscenza. Jahvé, disgustato dalle opere degli umani si era ritirato nel suo cielo del Silenzio. La verità, invece, è che Zeus, irritato per le nefandezze che gli uomini avrebbero commesso contro la VITA con milioni di aborti dentro e fuori i sacri recinti, per la pedofilia imperante, per i divorzi a pagamento, per le uccisioni dei bambini, per le stragi etniche e per tutti i delitti contro l Umanità e contro la Natura, pregò suo figlio Vulcano di coprire con una coltre di cenere Pompei, Ercolano e Stabia affinché gli uomini, nel momento del maggior bisogno, riscoprissero il mondo vivo e razionale governato dalle sue sante leggi. Zeus, sentite le Parche, aveva appreso che i suoi massimi sacerdoti, i FILOSOFI, sarebbero stati ridicolizzati e scherniti e che il pensiero 13

12 funzionale e razionale sarebbe stato sostituito con quello mistico e meccanicistico. I masturbatori dialettici, quelli che spingono il seme in vescica, o quelli che praticano l amplesso con eiaculazione retrograda in vescica, o il coitus interruptus, fanno per ogni avvenimento un esercizio di frivola e sterile retorica, secondo la doppia morale derivata dalla loro pratica sessuale nella convinzione, inviando il seme in vescica, di non peccare come Onan che spargeva il suo seme per terra per non ingravidare la moglie di suo fratello. Costoro incapaci di un pensiero onesto, così come d un appagante orgasmo naturale, definiscono epicureo, con dispregio, ogni seguace del grande Maestro, iniziatore di un pensiero funzionale naturale, austero, che si cibava di pane e cacio ricevuto dalla madre. Cosi chiamano reichiano, con dissacrazione del suo lavoro, lo studioso affascinato da Wilhelm Reich per avere Egli detto che l Amore, il Lavoro e la Conoscenza sono le fonti della nostra vita e dovrebbero anche governarla, come da tempo ordinava Zeus dall Olimpo. Alla sapienza di Zeus si deve il fatto che Villa dei Misteri fosse scoperta soltanto nel secolo della bomba atomica e non prima, altrimenti gli uomini malvagi, bugiardi e ladri, che contaminano la Medea di Euripide con l apparizione della Vergine Maria, e che a Siracusa, la città di Zanclea, avevano derubato il tempio a Minerva, avrebbero trasformato il tirso di Dioniso nella Croce del Buon Pastore; da Arianna e Dioniso avrebbero ricavato la deposizione del Cristo e dopo d aver contaminato e deturpato il tutto, come nelle tombe etrusche di Tarquinia, cancellando i peccaminosi membri virili, avrebbero preteso di dire che le pitture pompeiane rappresentano le tentazioni di Santo Antonio abate d Eracleopoli, con donne, animali e demoni emergenti dalle rosse fiamme dello inferno. Zeus per la terza volta ha salvato suo figlio Dioniso. Gloria alla saggezza di Zeus per aver conservato sotto una coltre di cenere gli affreschi pompeiani quale esempio pittorico del pensiero funzionale razionale 14

13 DIONISO Le pitture e gli oggetti rinvenuti a Pompei attestano una larga diffusione del culto misterico di Dioniso. Alle severe scene di iniziazione dipinte sulle pareti di Villa dei Misteri, fanno da contrappunto rappresentazioni di incontri amorosi, di orge e di baccanali che si svolgono nei boschi. Un mito racconta che Dioniso fosse figlio di Zeus e di Demetra, sua sorella. Un altro che fosse figlio di Zeus e di Persefone. Zeus, innamoratosi di sua figlia, che era stata nascosta in una grotta da Demetra, si tramutò in serpente e la raggiunse mentre era intenta a tessere. La fecondò, e la fanciulla partorì due bambini, Zagreo e Dioniso. Nel mito dove Dioniso era figlio di Zeus e Demetra, il Dio venne fatto a pezzi dai Titani istigati dalla gelosa Hera, moglie di Zeus. Ma, Demetra riattaccò insieme le membra del figlio e portò il cuore a Zeus che lo ingoiò. Esiodo racconta che Zeus dopo aver mangiato il suo cuore si accoppiò con Semele e nacque Dioniso, il nato due volte. Semele figlia di Cadmo, generò un fulgido figlio congiunta a Zeus in amore, Dioniso datore di gioia, figlio immortale di madre mortale. (Esiodo, Teogonia, vv. 904, trad. E. Romagnoli, Zanichelli Edit., Bologna) Hera scoperta la relazione dei due amanti e appreso che Semele avrebbe avuto un figlio, colpita dalla gelosia decise di vendicarsi e ispirò nelle tre sorelle di Semele invidia perché, nonostante questa fosse nubile, poteva vantare di avere un amante e di essere gravida, al confronto delle sorelle maggiori, ancora nubili. Evidentemente erano brutte. Semele subì le beffe di Agave, Ino e Autonoe, le quali criticavano non solo che fosse incinta, ma anche che il padre del bambino non si fosse ancora dichiarato. La stessa Hera si trasformò in Beroe, nutrice di Semele, e la convinse a chiedere a Zeus di apparirle come Dio e non come mortale. Zeus non voleva, ma Semele insistette e il Dio, che le aveva promesso di accontentare ogni sua richiesta, si trasformò e Semele morì folgorata dal fulmine. 15

14 Zeus riuscì a salvare il bambino che Semele aveva in grembo e nascose il piccolo Dioniso nella sua coscia. Bromio Dioniso nume e figlio di nume Bromio cui fra l angoscia fatal del parto, al guizzo della folgore, anche immaturo Semele diè a luce; e lei strusse la fiamma in cenere, ed esalò lo spirito. Ed in novello genitale talamo Zeus l accolse, e nella propria scapola lo chiuse, ove con fibule d oro lo assicurava per nasconderlo ad Era; il dì che volle, un nume nacque. (Euripide, Le baccanti vv. 88 e segg., trad. E. Romagnoli, Zanichelli, Bologna). Fig. 3 Particolare di vaso attico con la nascita di Dioniso dalla coscia di Zeus Dopo la nascita Dioniso è affidato ai nonni, Armonia e Cadmo, e allattato dalla zia Ino, detta anche Leucotea. Intanto Agave, sorella di Ino, dà alla luce Penteo, che sarà re di Tebe. 16

15 Hera, furente, fece impazzire Armonia e Cadmo e il piccolo venne affidato prima ad Ermete e quindi a Sileno. Diventato adulto e resosi conto che nessuno credeva alle sue origini divine, lasciò la Grecia e vagabondò per l'asia dove imparò ad affinare i suoi poteri alla scuola di Sileno. Euripde ne Le Baccanti racconta che Dioniso rientrato a Tebe non fu riconosciuto come Dio da Penteo, che per tale colpa fu fatto a pezzi e sbranato dalla madre Agave e dalla zia Ino. Fatte impazzire da Dioniso, si recarono come baccanti nei boschi e scambiarono Penteo per una fiera. Agave si presenta a Tebe con le testa del figlio infilzata su un bastone, convinta di portare come trofeo la testa di un leone. Fig. 4 - Penteo viene squartato dalle Baccanti. Casa dei Vettii, Pompei, I secolo d. C..Dioniso e Arianna Arianna figlia di Minosse, re di Creta, si innamorò di Teseo quando egli giunse nell isola per uccidere il Minotauro, rinchiuso nel labirinto di Cnosso costruito da Dedalo. Arianna diede a Teseo un gomitolo di lana per poter segnare la strada percorsa nel labirinto e quindi uscirne agevolmente. Concepì dall eroe alcuni figli. Fuggì con lui, ma Teseo la 17

16 fece addormentare per poi abbandonarla sull'isola di Nasso. Il dolore per l abbandono di Teseo fu di breve durata perché giunse Dioniso su un carro tirato da pantere. Se ne innamorò e la sposò. La religione dionisiaca Tra le religioni misteriche greche l orfismo fu il più importante. Prese il nome da Orfeo, mitico cantore tracio che avrebbe importato i misteri orfici in Grecia. L orfismo era una particolare forma della religione dionisiaca, religione orgastica ed estatica incentrata sul culto di Dioniso. Il mistero orfico consisteva nella palingenesi attuata rivivendo la vita, cioè il mito, di Dioniso Gli uomini - nati dalle ceneri dei Titani fulminati da Zeus in punizione della colpa commessa - sono gravati dalla colpa titanica. Ma avendo i Titani divorato Zagreo, l uomo porta in sé anche la natura dionisiaca: da qui il conflitto nell uomo tra la natura titanica insita nel corpo e la natura dionisiaca insita nell anima. L uomo, pertanto, deve liberarsi dalla colpa titanica e ricongiungersi con la natura dionisiaca mediante il mistero. La palingenesi consisteva nel rivivere questo mito, cioè nel morire e nel rinascere in Zagreo. Al di fuori della religione misterica, che si svolgeva con grande segretezza per gli adepti, il Dio dell'estasi e dell'ebbrezza, il Dio ambiguo, androgino e femmineo, ricoperto con la pelle di un di capro o di pantera, era festeggiato in primavera e in autunno, alle grandi e alle piccole Dionisiache con processioni e baccanali. Durante le feste si facevano anche spettacoli teatrali con la rappresentazione sacra dei miti degli eroi greci, alla quale presiedeva un sacerdote di Dioniso. Il nome di tragedia deriva da tragos (capro), la pelle di capretto che indossava il Dio per sfuggire alla collera di Hera. L'origine del termine per la prima parte della parola, va messa in rapporto con tràgos ( capro ) e per la seconda con oidè ( canto ). Probabilmente la tragedia è così chiamata, o perché il vincitore della gara otteneva un capro, come ricompensa (canto per il capro), oppure perché i coreuti indossavano delle maschere con sembianze caprine (canto dei capri). In ogni caso la tragedia era legata al culto di Dioniso ed era un pontificale solenne dionisiaco che facilitava la catarsi nello spettatore. La concezione dell uomo diviso in anima e corpo, durerà fino a Sigmund Freud con i suoi Eros e Tanatos. Wilhelm Reich dopo secoli di lotte e di guerre nella falsa concezione del bene contrapposto al male, scoprirà che il corpo e l anima sono manifestazione di una medesima energia, l Orgone. Il Bene e il Male non sono due Entità metafisiche estranee all uomo, ma sono manifestazioni dell Orgone (Energia vitale - Bene) che se ristagna, soprattutto per una vigorosa repressione sessuale, nei muscoli, con la formazione di corazze muscolari, si trasforma in energia letale detta DOR (il Male). 18

17 VILLA DEI MISTERI OGGI La Villa è collocata fuori dell antica Pompei, a occidente, e guarda Napoli e il golfo. Un viale acciottolato all interno della città antica, devastata dai turisti, tagliando per via Herculanense, porta nella Villa, per l uscita dalla città, milionii di turistii attraverso una brutta scala metallica sospesa sulla rigogliosa campagna. Fig. 5 - Planimetria della regione suburbana fuori Porta Ercolano tratta da Amedeo Maiuri, La Villa dei Misteri, Istituto Poligraficoo della Stato libreria dello Stato, MCMLXVII (quarta edizione, esemplare numero CCCLXIV) La stanza di colore nero, contrassegnata da Amedeo Maiuri come tablino, con rappresentazionii egizie di valore pittorico e religioso, 19

18 forse, anche superiore a quello del grande dipinto della stanza di Dioniso, è stata trasformata in una strada di passaggio. Come uscita dalla città, è esposta agli insulti della massa dei visitatori che terminano qui la loro escursione. Ciò che ha conservato il Vesuvio, l uomo distrugge! Un tempo, le persone interessate a visitare la Villa potevano accedervi percorrendo il moderno viale che dagli antichi misteri prende il nome e che costeggia le mura della città. I colori delle immagini del grande dipinto sono rovinate dai flash dei visitatori che ne vogliono tenere il ricordo. Fig. 6 Pianta della Villa d età augustea e postaugustea tratta da Amedeo Maiuri. Il triclinium è collocato nella sala di Dioniso (n.5). Il tablinum nella stanza nera ( N. 2). Dal peristilio si accede con un corridoio (N. 7) ad una grande stanza (oecus N..6). 20

19 Molte sono, ad opera dei vari proprietari, le trasformazioni subite dalla Villa via via che nel tempo s ingrandiva ed i locali assumevano funzioni diverse. E varie sono le interpretazioni che hanno dato i vari autori che con passione e competenza hanno studiato la Villa. Fig. 7 Pianta della Villa preromana. Amedeo Maiuri in questa colloca il tablinun nella stanza oscura, e la sala triclinare nell angolo superiore a sinistra. Per l epoca successiva (augustea e postaugustea) colloca il triclinium nella sala di Dioniso (N. 5). Certamente la stanza del grande dipinto dionisiaco non poteva essere adibita a triclinium, come scrive Amedeo Maiuri, perché, posta all estremo sud-ovest della casa, è troppo distante dalle cucine. Dagli scavi nessun reperto testimonia la presenza di utensili per un banchetto nella stanza di Dioniso e in quella attigua, dove Roxani ha inciso il nome, come segno del suo passaggio (v n.3-4 della Fig.7 di Maiuri). 21

20 Né il tablinum, poteva essere collocato nella stanza dipinta in nero con immagini della mitologia egizia (N.2 della fig. 7). Le ipotesi della sala di Dioniso come triclinium e quella della stanza nera come tablinum sono da rigettare, per una collocazione dei locali più funzionale, tanto più che al momento dell eruzione la Villa era stata svuotata di mobili e suppellettili per la ristrutturazione. Le due stanze (N. 2 e N.5 della fig.7) insieme con quella intermedia rosso scura di Roxani (N. 3-4 della fig.7), dovevano costituire un complesso di tre stanze adibite alla devozione del Dio Dioniso, così come vedremo, nei secoli a seguire, cappelle private in palazzi patrizi e ville signorili, per officiare i riti della religione cristiana. Vittorio Macchioro colloca il tablino nella grande stanza (oecus 6 delle piante di Maiuri), che da una parte si affaccia sull atrium tuscanicum a Nord, da una parte sul piccolo atrio quadrato ad Est, mentre un corridoio unisce questa stanza con il peristilio (Fig.8). Fig. 8 - Planimetria tratta da Vittorio Macchioro - La villa dei Misteri in Pompei, Richter & C. Editori, Napoli. Il tablino è collocato nell oecus 6 della pianta di A. Maiuri. Credo che si debba rigettare anche l ipotesi di Vittorio Macchioro. Nella stanza, oecus 6, non può essere collocato il tablinum ma piuttosto la sala triclinare. 22

21 Il triclinium Credo che il triclinium vada collocato nell oecus 6 (Fig. 6 e 7 di Maiuri) perché permette al dominus, alla domina e ai figli, che trovano alloggio nei cubicoli della parte settentrionale (n.12,13,14,15, 16, 18, 19, 20,21,22, delle fig. 6 e 7), di accedervi facilmente con una porta dall atrium tusculanum. Fig. 9 Particolare della fig. 7 di Maiuri - Zona notte padronale a settentrione dell Atrium - sala triclinare (oecus 6) - quartiere degli ospiti (atriolum tetrastilon) nella parte alta a destra della figura. Al triclinium qui collocato si può accedere anche dal perystilium attraverso un corridoio (Fig. 6 di Maiuri). Il corridoio doveva essere usato dalla servitù che portava le pietanze dalle cucine al triclinium attraversando il peryistilium e le bevande fresche dalla cripta sistemata nel peristilio. Anche il dominus, accompagnato da un eventuale ospite, poteva accedere, attraverso il medesimo corridoio, dal perystilium al triclinium, e non attraverso l atrium tuscanicum, (la parte più intima e riservata della casa destinata alla notte, per non esporre alla vista dell ospite i familiari che nell atrium potevano trattenersi a prendere il sole e i bimbi a giocare rincorrendosi sotto il porticato. Gli ospiti che si fossero trattenuti per la notte nella villa occupando le stanze che si affacciano sul piccolo atrio quadrato (atriolum tetrastilon), potevano facilmente accedere al triclinium dal piccolo atriolo dove si affacciano tre cubicoli e il balneum. Potevano godere della libertà di trattenersi, a loro piacimento, prima o dopo il pranzo vuoi sotto il perystilium, vuoi nella terrazza coverta (Fig. 8 di Macchioro). 23

22 Il tablinun Nel momento in cui il Vesuvio ha coperto di cenere la Villa, il tablinum non poteva essere collocato nella stanza nera, come scrive il Maiuri, e neppure nell oecus n. 6, come afferma Vittorio Macchioro, Credo che dovesse trovare la sua migliore sistemazione nella stanza collocata tra il turcularum e tra la stanza absidata ( n. 48 e 49 della fig. 10), da Maiuri contrassegnata come stanza triclinare del periodo del tufo, che si affaccia nel perystilium, di fronte alle cucine con larario, forno e focolare. Fig. 10 Particolare della Fig. 7 di Maiuri - Il tablinum va collocato tra la stanza absidata e il turcularum. In alto a destra il vestibulum. Il tablinum collocato in questa stanza offre la possibilità di accedervi per il vestibolo, cioè l ingresso principale della Villa, passando per il peristilium, oppure dalla campagna attraverso l ingresso secondario, accanto alla cella vinaria. Inoltre da questa stanza si può accedere facilmente al turcularum per la premitura delle uve e ai depositi del grano e dei cereali. L ingresso secondario dalla campagna, a settentrione della Villa, conduceva nel tablinum gli uomini politici, i clientes, gli amici e i commercianti, che per vari motivi non desideravano esporsi ad occhi indiscreti, entrando per il vestibolo della casa, intorno al quale ruotava il quartiere degli schiavi. 24

23 Il dominus riceveva nella stanza n. 48 e 49 (Fig. 10), provvista di anticamera per l attesa, i commercianti che, entrando dal vestibolo o dall ingresso secondario aperto sulla campagna, desideravano acquistare i prodotti della sua terra. Il dominus li guidava, agevolmente, nella cella vinaria, per far sentire, prima di offrirlo da bere, il suono del vino, che versato nel calice di vetro dalla lagona a collo stretto, o dall ampolla, annunciava, con la diversa sonorità del gorgoglio, le sue specifiche ed uniche caratteristiche, segnalando il rosso o il bianco, il secco o il liquoroso, la densità e la gradazione, l invecchiamento e il terreno di provenienza. Altrettanto agevolmente li accompagnava nel torcularum e nei depositi, per mostrare l olio, far odorare le frutta e far sentire il fruscio dei cereali, che cadendo nell aria da una mano posta in alto a quella più in basso erano in codesta accolti con la stesso rispetto col quale si accoglie una persona cara e con la stessa tenerezza con la quale si tocca il seno di una donna. La statua di Livia Nell angolo del peristilio, immediatamente prima dell ingresso al tablinum è stata ritrovata una scultura che rappresenta una donna ammantata da sacerdotessa. Si pensa che la statua rappresentasse l imperatrice Livia moglie di Augusto e madre di Tiberio per la ricchezza dell abbigliamento, e per il diadema mancante e non recuperato, che doveva inserirsi nel solco profondo della capigliatura. Quel che agli occhi degli scavatori ravvivava l aspetto della scultura erano le tracce di policromia che si notarono al momento della scoperta e che andarono man mano attenuandosi: in biondo cupreo la capigliatura, le sopracciglia e le ciglia; brune le pupille e nero il cerchio dell iride, si da animare la immota fissità dello sguardo; di carminio le labbra; e, segno di particolare distinzione, tinta di porpora la balza inferiore del manto (Amedeo Maiuri, La Villa dei Misteri, pag. 108.) Pare che fosse collocata provvisoriamente nell angolo del peristilio, in attesa d essere sistemata, dopo aver ultimati i lavori di restauro, nella stanza absidata destinata a larario e al culto di Livia. 25

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Teatro D'Oltre Confine P.zza Giovanni XXIII, 1 20090 Corsico tel e fax 024400454 dolreconfine@libero.it www.teatrodoltreconfine.it "CUORE D'ALBERO" 3-10 anni ESIGENZE

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli