ZANCLEA NELLA VILLA DEI MISTERI DI POMPEI ANTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ZANCLEA NELLA VILLA DEI MISTERI DI POMPEI ANTICA"

Transcript

1 NICOLA GLIELMI ZANCLEA NELLA VILLA DEI MISTERI DI POMPEI ANTICA IL GRANDE DIPINTO DIONISIACO

2 Prima edizione Nicola Glielmi Zanclea nella Villa dei Misteri di Pompei antica, Tommaso Marotta Editore Napoli, 2000

3 ZANCLEA NELLA CORRENTE di Valerio Evangelisti Uno scritto di Nicola Glielmi, si tratti di un saggio scientifico, di una memoria, di una creazione letteraria, è sempre per il lettore un'esperienza sorprendente. Lo è perché vi ritrova un flusso vitale che la società odierna ignora, condanna o nasconde. Qualcosa di estremamente scandaloso, e anche di inquietante, agli occhi dei fantocci irrigiditi che siamo divenuti, e che diveniamo ogni giorno di più. L'energia vitale è il segreto di Nicola Glielmi: come uomo, come scienziato, come scrittore. Difficile, per chi ha avuto la fortuna di incontrarlo, dimenticare la vivacità del suo sguardo, il vigore della parlata, la fluidità nel gestire, il tutto condito da una sorta di malizia infantile che nulla ha di cattivo e di ombroso. Semplici doti umane? Non solo questo. Nicola Glielmi ha avuto il privilegio di toccare, attraverso un'esperienza culturale, professionale e di vita assolutamente esemplare, le grandi correnti segrete a cui aveva avuto accesso il suo maestro, Wilhelm Reich. Quei torrenti impetuosi di energia che fanno di agglomerati di cellule creature di carne animata, e che reggono i meccanismi dell'affinità, dell'attrazione, della perpetuazione della specie. Freud, nella sua scontrosa genialità, aveva avuto l'intuizione dell'esistenza di quelle correnti, ma si era limitato ad immergervi il dito. Lo aveva ritratto subito, turbato, e alla sua scoperta aveva assegnato poco più di un nome: libido. Ma cos'era la libido? Reich non si accontentava di una definizione priva di contenuto. Scavò fino a trovare il fiume nascosto, ed ebbe la sorpresa di scoprire che si trattava di un oceano: tanto vasto da

4 ricoprire per intero l'esistente, e tanto tumultuoso da agitarne le forme organiche in tutte le loro manifestazioni. La libido divenne, più appropriatamente, l'energia orgonica. I due termini ebbero sorte diversa, e tuttavia egualmente tragica. L'Orgone fu ignorato; la libido divenne una sorta di parolaccia, rimanendo confinata, nel lessico comune, a un aggettivo - "libidinoso" - carico di risonanze negative. Per fortuna, la grande scoperta di Reich non fu abbandonata, ed ebbe, e ha tuttora, appassionati cultori. Tra i primi in Italia vi fu Nicola Glielmi, psicoterapeuta, psichiatra, direttore di importanti servizi per l'igiene mentale. La sua carriera nell'ufficialità, sempre tormentata, finì con un odioso trabocchetto, che espulse dal grigio sistema psichiatrico italiano l'unica fiammella di pensiero reichiano che vi si era insediata. Ma, da un certo punto vi vista, fu meglio così. Libero da vincoli amministrativi e da impegni secondari, Nicola Glielmi può ora esporre come meglio gli aggrada i fermenti del proprio pensiero. Il libro che il lettore ha tra le mani è appunto una manifestazione di questa ritrovata libertà. Opera singolare, e tuttavia affascinante. Se la vitalità sessuale è negata o pervertita da tutto il modo di vivere attuale, Glielmi la va a ricercare nel mondo antico, quando minori erano i vincoli alla sua espressione. Si inizia così con l'esplorazione, in compagnia del più dotto dei maestri, della pompeiana Villa dei Misteri, in cui rintracciamo, sugli affreschi raffiguranti l'iniziazione di una fanciulla, costanti universali dei processi di vita, inquadrati in rigorose proporzioni geometriche altrettanto universali: due forme di eternità, anzi, una sola. Poi la descrizione si fa poema, ed è qui che la vita balza davvero in primo piano. Ciò che Glielmi era costretto a "raffreddare" nelle sue pubblicazioni scientifiche, per obbedire a canoni accademici, diviene impressione, profumo, colore: diviene la verità che solo la letteratura può cogliere nella sua pienezza. Le pagine poetiche di Glielmi sono di una evidenza e di una ricchezza che stupisce. Di ogni immagine è fornita l'intera gamma delle sensazioni: tutti e cinque i sensi sono all'opera, e sono sollecitati nel lettore. Non vi è mai una descrizione abborracciata, epidermica, incompleta. Ogni atmosfera è descritta nella completezza dei suoi 6

5 elementi, in modo che chi legge la possa fare interamente sua, la possa vivere. Vivere, appunto. Perché è questo il tema che Glielmi tratta: la vita, colta nella ricchezza più profonda. Così un frutto, un cibo, un rito - qualunque cosa egli descriva - ha una profondità di dimensioni che l'immerge nel flusso energetico vitale. In ciò l'autore è coerentissimo con la visione scientifica che ha sempre coltivato; solo, la modella in modo che acquisti immediata evidenza, tangibile concretezza. Così la poesia si fa tesi, e la tesi poesia. Emisfero sinistro ed emisfero destro - razionalità ed emozione - operano congiuntamente. Pian piano, ci si accorge di avere a che fare con una vera e propria cosmogonia, cui l'autore aggiunge, senza soluzione di continuità, riflessioni sulla propria visione del mondo. Alla fine, non è troppo difficile scoprire che Nicola Glielmi ed energia vitale fanno tutt'uno, che il primo è una scintilla della seconda. Ora, il movente di ogni scintilla è palese: attizzare un incendio. Non per fare fuoco, ma per fare luce. Braccato da grumi di carne morta e malata, Nicola Glielmi non ha rinunciato alla propria missione. L'iniziazione di Zanclea, dolorosa sì ma anche fonte di vita e di piacere, è il rimedio che egli vede al dilagare della peste emozionale, di cui soffrono coloro che vorrebbero seppellire per sempre le correnti eterne e universali dell'energia vitale. Non ci riusciranno. Confido - e Glielmi confida - che altre giovani Zanclee siano condotte, emozionate e titubanti, alla scoperta inebriante della vita e che, varcata quella soglia, continuino ad assaporarne i frutti. Un tempo era cerimonia pubblica; oggi è lavorio da iniziati. Ma finché vi saranno maestri intelligenti e profondi come Nicola Glielmi, il fiume sotterraneo scoperto da Wilhelm Reich troverà coraggiosi disposti a immergersi nelle sue acque, così fresche e corroboranti. Fino a quando il suo corso non sfocerà alla luce del sole, e sarà ricchezza per tutti. 7

6 Fig. 1 - Scultura di Dioniso dell ateniese Fidia, dal frontone orientale del Partenone a.c., British Museum, Londra. 8

7 PROLOGO Esiste Dio? Non ho nessuna prova della sua esistenza. Ma se proprio debbo credere che esista, penso che Dio sia l AZZURRO dei cieli e dei mari come qualità infinita, impalpabile e tuttavia reale e forse eterna che sta lì a darti la vita senza la volontà di darti qualcosa, altrimenti non sarebbe più Dio; senza chiederti in cambio preghiere, odori d incenso e d interiora bruciate; senza alcuna pretesa di averti dato la vita e senza gloriarsene; senza neppure sapere di averti dato la vita, perché altrimenti non sarebbe più Dio. Pertanto, solo l Energia Orgonica che ha formato le galassie, le stelle, il sole, la luna, la terra e la Vita su di essa, potrebbe essere Dio. E solo Dioniso, l ambiguo dio greco, il dio dell energia vitale, della vegetazione, del vino e dell amore potrebbe essere la manifestazione di Dio, un Dio che è Vita, la Vita che è Amore. Se poi Dio dovesse essere come Michelangelo lo ha raffigurato nella cappella Sistina, penso che non avrebbe potuto non mandare sulla terra altri che suo figlio, nella più alta funzione dell Energia Vitale, così come l umanità lo ha sempre desiderato ed agognato, in tutto simile e uguale a Dioniso, dispensatore di gioia, unico fra tutti gli Dei della Grecia ad essere figlio di un Dio e di una vergine donna. Ma il Liberatore, come lo fu già Dioniso, ogni giorno è fatto a pezzi e mangiato. Ciò aumenta nell uomo a dismisura quella colpa per la quale era salito sulla croce, promettendo vanamente una vita eterna in cambio di quella terrena. Da qui il dolore per l olocausto che è, invece, godimento, chiamato pietà, nell attesa del prossimo olocausto per espiare la colpa nel vile corpo del disgraziato. La vita sessuale, repressa perché rende liberi sovvertendo l ordine e le gerarchie, predicata come colpa, aggrava la disfunzione dei fenomeni vitali in tutte le persone credenti nel peccato di Eva. La colpa non risparmia le persone, giunte a considerare, in età matura, la creazione di Eva dalla costola di Adamo come un complesso edipico rovesciato, perché non se trovasse più traccia. Gli atei non hanno potuto evitare, bambini e puberi, che il germe nefasto della colpa crescesse in loro 9

8 rigogliosamente come negli altri. Caratterialmente non sono diversi dai credenti. La trasfigurazione di Gesù presentata come un fatto reale al bimbo, cresce nella sua mente come un virus che si mostrerà resistente alle terapie iniziate da Flemming, anche quando si scoprirà che Raffaello, ha rappresentato, senza saperlo, l allucinazione dell epilettico. I Greci per i furti pregavano Ermes, il dio dei ladri, ma per la fede in Teti, che presiedeva alla Giustizia, scuoiavano vivo il giudice corrotto e della sua pelle rivestivano lo scranno sul quale sedeva il figlio che gli succedeva nell ufficio. Questi pensieri hanno guidato il mio lavoro e stimolato l interesse per Villa dei Misteri in Pompei antica. Ho fissato nella dimensione di un presente perenne fatti e personaggi di epoche diverse, sembrandomi che l uomo caratterialmente fosse cambiato poco. Ha cambiato in peggio la sua Vita per la massiccia e potente idea del peccato, sulla quale hanno prosperato da sempre le religioni. Dopo questo prologo affido Zanclea nella Villa dei Misteri con più fiducia al lettore perché saprà fin dall inizio che cosa potrà trovarvi. Mi auguro che egli riviva il piacere che io ho provato nello scrivere questo libro e nel modo in cui è stato realizzato per esprimere emozioni, descrivere ambienti, esporre concetti scientifici. 10

9 SOTTO LA TORRE SARACENA (Arenzano, Luglio 1976) Se avessi tempo per dolcissimi giorni sibariti, vorrei abbandonarmi, per mio sommo diletto, a vivere gli amori di Dafne e Cloe. Ma dovrò accontentarmi di un weekend arenzanese, standomene in jeans sdraiato sul muretto della Chiesa del primo o secondo vero Bambin Gesù di Praga, a godermi, noiosamente, la brezza marina, mentre in qualche parte della penisola, il termometro segna trentotto gradi centigradi e le pecore e le vacche muoiono di sete. O dovrò starmene cento metri più sopra, coricato sull erba, ai piedi della torre saracena abbracciato alla mia donna. Per gli evoé del Ditirambo! Sono sotto la torre saracena e mi trovo fra le mani l immagine di una pittura pompeiana della casa dei misteri. Questo dio della follia! Comincia proprio a infastidirmi. Eppure, non gli sono molto devoto, essendo io piuttosto astemio. Ma sarà meglio accontentarlo, o mi si farà innanzi racchiuso in una bottiglia d Aglianico del Vulture o di Amarone color granato della Valpolexèla, e in quelle vesti mi farà paura, risultandomi, poi, assai sgradito Preferisco che venga a me vestito da pastore con una pelle di capro, o da mietitore. Ringraziamo il dio per il suo ventilabro e rimandiamo altre fantasie. Da Lui ispirati chiudiamo gli occhi, tendendo l orecchio al linguaggio dell immaginazione: li apriremo a Villa dei Misteri in Pompei. 11

10 Fig. 2 - Thiasos dionisiaco (Dioniso e Arianna tra due satiri). Anfora attica a figure nere Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma 12

11 LA SAGGEZZA DI ZEUS Paura e terrore tra le genti! I cristiani annunziavano prossima la fine del mondo per i peccati degli uomini. Segni premonitori erano stati un terremoto che aveva colpito le città intorno a Monte Somma e la distruzione di Gerusalemme per mano di Tito. Poi di nuovo era toccato a Pompei, Ercolano e Stabia nelle quali il vizio e la lussuria da gran tempo avevano il sopravvento sulla castità e la verginità delle fanciulle: città peccatrici nelle quali gli uomini, come in tutto l Impero, avevano alzato templi agli Dei bugiardi. Non s era trovato, nelle tre città, un solo uomo giusto da salvare. Jahvé aveva fatto traboccare il Vesuvio. La prova più significativa dell ira di Jahvé era costituita non tanto dal male oscuro col suo virus sinciziale che a Napoli falcidiava bambini a decine, a causa della legge sull aborto e sul divorzio, e non tanto dall AIDS il cui virus incontrollabile poteva essere una chiara prova dell epifania del dio fra gli uomini per la incipiente rivoluzione sessuale reichiana contrastata perfino dai comunisti, quanto dal fatto che era stato colpito a distanza, sulla spiaggia di Stabia, quel ficcanaso di Plinio, il vecchio, scienziato ateo che voleva vederci chiaro in quella faccenda e si era portato per mare da Miseno in quella apocalisse di fuoco, macigni incandescenti, fumo, lapilli e fiumi di lava. Era stato punito, come già Empedocle sull Etna, per la sua incredulità e per il suo orgoglio, l antico peccato di Adamo: il desiderio della conoscenza. Jahvé, disgustato dalle opere degli umani si era ritirato nel suo cielo del Silenzio. La verità, invece, è che Zeus, irritato per le nefandezze che gli uomini avrebbero commesso contro la VITA con milioni di aborti dentro e fuori i sacri recinti, per la pedofilia imperante, per i divorzi a pagamento, per le uccisioni dei bambini, per le stragi etniche e per tutti i delitti contro l Umanità e contro la Natura, pregò suo figlio Vulcano di coprire con una coltre di cenere Pompei, Ercolano e Stabia affinché gli uomini, nel momento del maggior bisogno, riscoprissero il mondo vivo e razionale governato dalle sue sante leggi. Zeus, sentite le Parche, aveva appreso che i suoi massimi sacerdoti, i FILOSOFI, sarebbero stati ridicolizzati e scherniti e che il pensiero 13

12 funzionale e razionale sarebbe stato sostituito con quello mistico e meccanicistico. I masturbatori dialettici, quelli che spingono il seme in vescica, o quelli che praticano l amplesso con eiaculazione retrograda in vescica, o il coitus interruptus, fanno per ogni avvenimento un esercizio di frivola e sterile retorica, secondo la doppia morale derivata dalla loro pratica sessuale nella convinzione, inviando il seme in vescica, di non peccare come Onan che spargeva il suo seme per terra per non ingravidare la moglie di suo fratello. Costoro incapaci di un pensiero onesto, così come d un appagante orgasmo naturale, definiscono epicureo, con dispregio, ogni seguace del grande Maestro, iniziatore di un pensiero funzionale naturale, austero, che si cibava di pane e cacio ricevuto dalla madre. Cosi chiamano reichiano, con dissacrazione del suo lavoro, lo studioso affascinato da Wilhelm Reich per avere Egli detto che l Amore, il Lavoro e la Conoscenza sono le fonti della nostra vita e dovrebbero anche governarla, come da tempo ordinava Zeus dall Olimpo. Alla sapienza di Zeus si deve il fatto che Villa dei Misteri fosse scoperta soltanto nel secolo della bomba atomica e non prima, altrimenti gli uomini malvagi, bugiardi e ladri, che contaminano la Medea di Euripide con l apparizione della Vergine Maria, e che a Siracusa, la città di Zanclea, avevano derubato il tempio a Minerva, avrebbero trasformato il tirso di Dioniso nella Croce del Buon Pastore; da Arianna e Dioniso avrebbero ricavato la deposizione del Cristo e dopo d aver contaminato e deturpato il tutto, come nelle tombe etrusche di Tarquinia, cancellando i peccaminosi membri virili, avrebbero preteso di dire che le pitture pompeiane rappresentano le tentazioni di Santo Antonio abate d Eracleopoli, con donne, animali e demoni emergenti dalle rosse fiamme dello inferno. Zeus per la terza volta ha salvato suo figlio Dioniso. Gloria alla saggezza di Zeus per aver conservato sotto una coltre di cenere gli affreschi pompeiani quale esempio pittorico del pensiero funzionale razionale 14

13 DIONISO Le pitture e gli oggetti rinvenuti a Pompei attestano una larga diffusione del culto misterico di Dioniso. Alle severe scene di iniziazione dipinte sulle pareti di Villa dei Misteri, fanno da contrappunto rappresentazioni di incontri amorosi, di orge e di baccanali che si svolgono nei boschi. Un mito racconta che Dioniso fosse figlio di Zeus e di Demetra, sua sorella. Un altro che fosse figlio di Zeus e di Persefone. Zeus, innamoratosi di sua figlia, che era stata nascosta in una grotta da Demetra, si tramutò in serpente e la raggiunse mentre era intenta a tessere. La fecondò, e la fanciulla partorì due bambini, Zagreo e Dioniso. Nel mito dove Dioniso era figlio di Zeus e Demetra, il Dio venne fatto a pezzi dai Titani istigati dalla gelosa Hera, moglie di Zeus. Ma, Demetra riattaccò insieme le membra del figlio e portò il cuore a Zeus che lo ingoiò. Esiodo racconta che Zeus dopo aver mangiato il suo cuore si accoppiò con Semele e nacque Dioniso, il nato due volte. Semele figlia di Cadmo, generò un fulgido figlio congiunta a Zeus in amore, Dioniso datore di gioia, figlio immortale di madre mortale. (Esiodo, Teogonia, vv. 904, trad. E. Romagnoli, Zanichelli Edit., Bologna) Hera scoperta la relazione dei due amanti e appreso che Semele avrebbe avuto un figlio, colpita dalla gelosia decise di vendicarsi e ispirò nelle tre sorelle di Semele invidia perché, nonostante questa fosse nubile, poteva vantare di avere un amante e di essere gravida, al confronto delle sorelle maggiori, ancora nubili. Evidentemente erano brutte. Semele subì le beffe di Agave, Ino e Autonoe, le quali criticavano non solo che fosse incinta, ma anche che il padre del bambino non si fosse ancora dichiarato. La stessa Hera si trasformò in Beroe, nutrice di Semele, e la convinse a chiedere a Zeus di apparirle come Dio e non come mortale. Zeus non voleva, ma Semele insistette e il Dio, che le aveva promesso di accontentare ogni sua richiesta, si trasformò e Semele morì folgorata dal fulmine. 15

14 Zeus riuscì a salvare il bambino che Semele aveva in grembo e nascose il piccolo Dioniso nella sua coscia. Bromio Dioniso nume e figlio di nume Bromio cui fra l angoscia fatal del parto, al guizzo della folgore, anche immaturo Semele diè a luce; e lei strusse la fiamma in cenere, ed esalò lo spirito. Ed in novello genitale talamo Zeus l accolse, e nella propria scapola lo chiuse, ove con fibule d oro lo assicurava per nasconderlo ad Era; il dì che volle, un nume nacque. (Euripide, Le baccanti vv. 88 e segg., trad. E. Romagnoli, Zanichelli, Bologna). Fig. 3 Particolare di vaso attico con la nascita di Dioniso dalla coscia di Zeus Dopo la nascita Dioniso è affidato ai nonni, Armonia e Cadmo, e allattato dalla zia Ino, detta anche Leucotea. Intanto Agave, sorella di Ino, dà alla luce Penteo, che sarà re di Tebe. 16

15 Hera, furente, fece impazzire Armonia e Cadmo e il piccolo venne affidato prima ad Ermete e quindi a Sileno. Diventato adulto e resosi conto che nessuno credeva alle sue origini divine, lasciò la Grecia e vagabondò per l'asia dove imparò ad affinare i suoi poteri alla scuola di Sileno. Euripde ne Le Baccanti racconta che Dioniso rientrato a Tebe non fu riconosciuto come Dio da Penteo, che per tale colpa fu fatto a pezzi e sbranato dalla madre Agave e dalla zia Ino. Fatte impazzire da Dioniso, si recarono come baccanti nei boschi e scambiarono Penteo per una fiera. Agave si presenta a Tebe con le testa del figlio infilzata su un bastone, convinta di portare come trofeo la testa di un leone. Fig. 4 - Penteo viene squartato dalle Baccanti. Casa dei Vettii, Pompei, I secolo d. C..Dioniso e Arianna Arianna figlia di Minosse, re di Creta, si innamorò di Teseo quando egli giunse nell isola per uccidere il Minotauro, rinchiuso nel labirinto di Cnosso costruito da Dedalo. Arianna diede a Teseo un gomitolo di lana per poter segnare la strada percorsa nel labirinto e quindi uscirne agevolmente. Concepì dall eroe alcuni figli. Fuggì con lui, ma Teseo la 17

16 fece addormentare per poi abbandonarla sull'isola di Nasso. Il dolore per l abbandono di Teseo fu di breve durata perché giunse Dioniso su un carro tirato da pantere. Se ne innamorò e la sposò. La religione dionisiaca Tra le religioni misteriche greche l orfismo fu il più importante. Prese il nome da Orfeo, mitico cantore tracio che avrebbe importato i misteri orfici in Grecia. L orfismo era una particolare forma della religione dionisiaca, religione orgastica ed estatica incentrata sul culto di Dioniso. Il mistero orfico consisteva nella palingenesi attuata rivivendo la vita, cioè il mito, di Dioniso Gli uomini - nati dalle ceneri dei Titani fulminati da Zeus in punizione della colpa commessa - sono gravati dalla colpa titanica. Ma avendo i Titani divorato Zagreo, l uomo porta in sé anche la natura dionisiaca: da qui il conflitto nell uomo tra la natura titanica insita nel corpo e la natura dionisiaca insita nell anima. L uomo, pertanto, deve liberarsi dalla colpa titanica e ricongiungersi con la natura dionisiaca mediante il mistero. La palingenesi consisteva nel rivivere questo mito, cioè nel morire e nel rinascere in Zagreo. Al di fuori della religione misterica, che si svolgeva con grande segretezza per gli adepti, il Dio dell'estasi e dell'ebbrezza, il Dio ambiguo, androgino e femmineo, ricoperto con la pelle di un di capro o di pantera, era festeggiato in primavera e in autunno, alle grandi e alle piccole Dionisiache con processioni e baccanali. Durante le feste si facevano anche spettacoli teatrali con la rappresentazione sacra dei miti degli eroi greci, alla quale presiedeva un sacerdote di Dioniso. Il nome di tragedia deriva da tragos (capro), la pelle di capretto che indossava il Dio per sfuggire alla collera di Hera. L'origine del termine per la prima parte della parola, va messa in rapporto con tràgos ( capro ) e per la seconda con oidè ( canto ). Probabilmente la tragedia è così chiamata, o perché il vincitore della gara otteneva un capro, come ricompensa (canto per il capro), oppure perché i coreuti indossavano delle maschere con sembianze caprine (canto dei capri). In ogni caso la tragedia era legata al culto di Dioniso ed era un pontificale solenne dionisiaco che facilitava la catarsi nello spettatore. La concezione dell uomo diviso in anima e corpo, durerà fino a Sigmund Freud con i suoi Eros e Tanatos. Wilhelm Reich dopo secoli di lotte e di guerre nella falsa concezione del bene contrapposto al male, scoprirà che il corpo e l anima sono manifestazione di una medesima energia, l Orgone. Il Bene e il Male non sono due Entità metafisiche estranee all uomo, ma sono manifestazioni dell Orgone (Energia vitale - Bene) che se ristagna, soprattutto per una vigorosa repressione sessuale, nei muscoli, con la formazione di corazze muscolari, si trasforma in energia letale detta DOR (il Male). 18

17 VILLA DEI MISTERI OGGI La Villa è collocata fuori dell antica Pompei, a occidente, e guarda Napoli e il golfo. Un viale acciottolato all interno della città antica, devastata dai turisti, tagliando per via Herculanense, porta nella Villa, per l uscita dalla città, milionii di turistii attraverso una brutta scala metallica sospesa sulla rigogliosa campagna. Fig. 5 - Planimetria della regione suburbana fuori Porta Ercolano tratta da Amedeo Maiuri, La Villa dei Misteri, Istituto Poligraficoo della Stato libreria dello Stato, MCMLXVII (quarta edizione, esemplare numero CCCLXIV) La stanza di colore nero, contrassegnata da Amedeo Maiuri come tablino, con rappresentazionii egizie di valore pittorico e religioso, 19

18 forse, anche superiore a quello del grande dipinto della stanza di Dioniso, è stata trasformata in una strada di passaggio. Come uscita dalla città, è esposta agli insulti della massa dei visitatori che terminano qui la loro escursione. Ciò che ha conservato il Vesuvio, l uomo distrugge! Un tempo, le persone interessate a visitare la Villa potevano accedervi percorrendo il moderno viale che dagli antichi misteri prende il nome e che costeggia le mura della città. I colori delle immagini del grande dipinto sono rovinate dai flash dei visitatori che ne vogliono tenere il ricordo. Fig. 6 Pianta della Villa d età augustea e postaugustea tratta da Amedeo Maiuri. Il triclinium è collocato nella sala di Dioniso (n.5). Il tablinum nella stanza nera ( N. 2). Dal peristilio si accede con un corridoio (N. 7) ad una grande stanza (oecus N..6). 20

19 Molte sono, ad opera dei vari proprietari, le trasformazioni subite dalla Villa via via che nel tempo s ingrandiva ed i locali assumevano funzioni diverse. E varie sono le interpretazioni che hanno dato i vari autori che con passione e competenza hanno studiato la Villa. Fig. 7 Pianta della Villa preromana. Amedeo Maiuri in questa colloca il tablinun nella stanza oscura, e la sala triclinare nell angolo superiore a sinistra. Per l epoca successiva (augustea e postaugustea) colloca il triclinium nella sala di Dioniso (N. 5). Certamente la stanza del grande dipinto dionisiaco non poteva essere adibita a triclinium, come scrive Amedeo Maiuri, perché, posta all estremo sud-ovest della casa, è troppo distante dalle cucine. Dagli scavi nessun reperto testimonia la presenza di utensili per un banchetto nella stanza di Dioniso e in quella attigua, dove Roxani ha inciso il nome, come segno del suo passaggio (v n.3-4 della Fig.7 di Maiuri). 21

20 Né il tablinum, poteva essere collocato nella stanza dipinta in nero con immagini della mitologia egizia (N.2 della fig. 7). Le ipotesi della sala di Dioniso come triclinium e quella della stanza nera come tablinum sono da rigettare, per una collocazione dei locali più funzionale, tanto più che al momento dell eruzione la Villa era stata svuotata di mobili e suppellettili per la ristrutturazione. Le due stanze (N. 2 e N.5 della fig.7) insieme con quella intermedia rosso scura di Roxani (N. 3-4 della fig.7), dovevano costituire un complesso di tre stanze adibite alla devozione del Dio Dioniso, così come vedremo, nei secoli a seguire, cappelle private in palazzi patrizi e ville signorili, per officiare i riti della religione cristiana. Vittorio Macchioro colloca il tablino nella grande stanza (oecus 6 delle piante di Maiuri), che da una parte si affaccia sull atrium tuscanicum a Nord, da una parte sul piccolo atrio quadrato ad Est, mentre un corridoio unisce questa stanza con il peristilio (Fig.8). Fig. 8 - Planimetria tratta da Vittorio Macchioro - La villa dei Misteri in Pompei, Richter & C. Editori, Napoli. Il tablino è collocato nell oecus 6 della pianta di A. Maiuri. Credo che si debba rigettare anche l ipotesi di Vittorio Macchioro. Nella stanza, oecus 6, non può essere collocato il tablinum ma piuttosto la sala triclinare. 22

21 Il triclinium Credo che il triclinium vada collocato nell oecus 6 (Fig. 6 e 7 di Maiuri) perché permette al dominus, alla domina e ai figli, che trovano alloggio nei cubicoli della parte settentrionale (n.12,13,14,15, 16, 18, 19, 20,21,22, delle fig. 6 e 7), di accedervi facilmente con una porta dall atrium tusculanum. Fig. 9 Particolare della fig. 7 di Maiuri - Zona notte padronale a settentrione dell Atrium - sala triclinare (oecus 6) - quartiere degli ospiti (atriolum tetrastilon) nella parte alta a destra della figura. Al triclinium qui collocato si può accedere anche dal perystilium attraverso un corridoio (Fig. 6 di Maiuri). Il corridoio doveva essere usato dalla servitù che portava le pietanze dalle cucine al triclinium attraversando il peryistilium e le bevande fresche dalla cripta sistemata nel peristilio. Anche il dominus, accompagnato da un eventuale ospite, poteva accedere, attraverso il medesimo corridoio, dal perystilium al triclinium, e non attraverso l atrium tuscanicum, (la parte più intima e riservata della casa destinata alla notte, per non esporre alla vista dell ospite i familiari che nell atrium potevano trattenersi a prendere il sole e i bimbi a giocare rincorrendosi sotto il porticato. Gli ospiti che si fossero trattenuti per la notte nella villa occupando le stanze che si affacciano sul piccolo atrio quadrato (atriolum tetrastilon), potevano facilmente accedere al triclinium dal piccolo atriolo dove si affacciano tre cubicoli e il balneum. Potevano godere della libertà di trattenersi, a loro piacimento, prima o dopo il pranzo vuoi sotto il perystilium, vuoi nella terrazza coverta (Fig. 8 di Macchioro). 23

22 Il tablinun Nel momento in cui il Vesuvio ha coperto di cenere la Villa, il tablinum non poteva essere collocato nella stanza nera, come scrive il Maiuri, e neppure nell oecus n. 6, come afferma Vittorio Macchioro, Credo che dovesse trovare la sua migliore sistemazione nella stanza collocata tra il turcularum e tra la stanza absidata ( n. 48 e 49 della fig. 10), da Maiuri contrassegnata come stanza triclinare del periodo del tufo, che si affaccia nel perystilium, di fronte alle cucine con larario, forno e focolare. Fig. 10 Particolare della Fig. 7 di Maiuri - Il tablinum va collocato tra la stanza absidata e il turcularum. In alto a destra il vestibulum. Il tablinum collocato in questa stanza offre la possibilità di accedervi per il vestibolo, cioè l ingresso principale della Villa, passando per il peristilium, oppure dalla campagna attraverso l ingresso secondario, accanto alla cella vinaria. Inoltre da questa stanza si può accedere facilmente al turcularum per la premitura delle uve e ai depositi del grano e dei cereali. L ingresso secondario dalla campagna, a settentrione della Villa, conduceva nel tablinum gli uomini politici, i clientes, gli amici e i commercianti, che per vari motivi non desideravano esporsi ad occhi indiscreti, entrando per il vestibolo della casa, intorno al quale ruotava il quartiere degli schiavi. 24

23 Il dominus riceveva nella stanza n. 48 e 49 (Fig. 10), provvista di anticamera per l attesa, i commercianti che, entrando dal vestibolo o dall ingresso secondario aperto sulla campagna, desideravano acquistare i prodotti della sua terra. Il dominus li guidava, agevolmente, nella cella vinaria, per far sentire, prima di offrirlo da bere, il suono del vino, che versato nel calice di vetro dalla lagona a collo stretto, o dall ampolla, annunciava, con la diversa sonorità del gorgoglio, le sue specifiche ed uniche caratteristiche, segnalando il rosso o il bianco, il secco o il liquoroso, la densità e la gradazione, l invecchiamento e il terreno di provenienza. Altrettanto agevolmente li accompagnava nel torcularum e nei depositi, per mostrare l olio, far odorare le frutta e far sentire il fruscio dei cereali, che cadendo nell aria da una mano posta in alto a quella più in basso erano in codesta accolti con la stesso rispetto col quale si accoglie una persona cara e con la stessa tenerezza con la quale si tocca il seno di una donna. La statua di Livia Nell angolo del peristilio, immediatamente prima dell ingresso al tablinum è stata ritrovata una scultura che rappresenta una donna ammantata da sacerdotessa. Si pensa che la statua rappresentasse l imperatrice Livia moglie di Augusto e madre di Tiberio per la ricchezza dell abbigliamento, e per il diadema mancante e non recuperato, che doveva inserirsi nel solco profondo della capigliatura. Quel che agli occhi degli scavatori ravvivava l aspetto della scultura erano le tracce di policromia che si notarono al momento della scoperta e che andarono man mano attenuandosi: in biondo cupreo la capigliatura, le sopracciglia e le ciglia; brune le pupille e nero il cerchio dell iride, si da animare la immota fissità dello sguardo; di carminio le labbra; e, segno di particolare distinzione, tinta di porpora la balza inferiore del manto (Amedeo Maiuri, La Villa dei Misteri, pag. 108.) Pare che fosse collocata provvisoriamente nell angolo del peristilio, in attesa d essere sistemata, dopo aver ultimati i lavori di restauro, nella stanza absidata destinata a larario e al culto di Livia. 25

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli