Sistema di valutazione della performance Appropriatezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di valutazione della performance Appropriatezza"

Transcript

1 Sistema di valutazione della performance Appropriatezza 1

2 Livello: Azienda di erogazione Indicatore C4: Appropriatezza C4.4 Percentuale di colecistectomie laparoscopiche effettuate in Day Surgery e Ricovero ordinario di 0-1 giorno Definizione: Numeratore: Denominatore: Percentuale di colecistectomie laparoscopiche effettuate in Day-Surgery e ricovero ordinario 0-1 giorno N. colecistectomie laparoscopiche effettuate in Day-Surgery e ricovero ordinario 0-1 giorno N. colecistectomie laparoscopiche Formula matematica: N. colecistectomie laparoscopiche in DS e RO 0-1 gg N. colecistectomie laparoscopiche X 100 L analisi è ristretta ai ricoveri programmati non urgenti e programmati con pre-ospedalizzazione. Note per l elaborazione: Con One Day-Surgery si considerano i seguenti regimi di ricovero: - day-hospital - ricovero ordinario 0-1 giorno (inclusi Entrati/Usciti nello stesso giorno) Codifiche DRG Grouper XIX: DRG Fonte: Parametro di riferimento: Sistema Informativo Regionale - Flusso SDO Obiettivo regionale: 80% 2

3 Indicatore C4: Appropriatezza C4.4 Percentuale di colecistectomie laparoscopiche effettuate in Day Surgery e Ricovero ordinario di 0-1 giorno

4 Indicatore C9: Appropriatezza prescrittiva farmaceutica Livello: Azienda di residenza C9.2 Tasso di abbandono delle Statine Definizione: Numeratore: Percentuale di utenti che consumano meno di 3 confezioni di statine (ATC= C10AA) all anno erogati dalle farmacie in regime convenzionale N. utenti che consumano 1 o 2 confezioni di statine all anno x100 Denominatore: N. utenti che consumano statine Formula matematica: N. utenti che consumano 1 o 2 confezioni di statine all anno N. utenti che consumano statine x 100 Fonte: Settore Farmaceutica Regionale Parametro di riferimento Obiettivo regionale: 8% 4

5 Indicatore C9: Appropriatezza prescrittiva farmaceutica C9.2 Tasso di abbandono delle Statine

6 Sistema di valutazione della performance Qualità delle cure 6

7 Indicatore C5: Qualità Clinica Livello: Azienda di erogazione Definizione: Numeratore: C5.2 Percentuale di fratture del femore operate entro 2 giorni dall ammissione Percentuale di interventi per frattura del femore con durata di degenza tra l ammissione e l intervento 2 giorni Numero interventi per frattura del femore con durata di degenza tra l ammissione e l intervento 2 giorni Denominatore: Numero interventi per frattura del femore Formula matematica: Note per l'elaborazione: Fonte: Numero interventi per frattura del femore con durata di degenza tra l ammissione e l intervento 2 giorni x 100 Numero interventi per frattura del femore Codici ICD9-CM in diagnosi principale: Frattura del femore 820.xx AND codici ICD9-CM di intervento principale o secondari: Riduzione incruenta di frattura del femore, con fissazione interna Riduzione cruenta di frattura del femore, con fissazione interna Sostituzione totale dell anca Sostituzione parziale dell anca Sistema Informativo Regionale Flusso SDO Parametro di riferimento: Obiettivo regionale: 80% 7

8 Indicatore C5: Qualità Clinica C5.2 Percentuale di fratture del femore operate entro 2 giorni dall ammissione

9 Indicatore C7: Materno-Infantile Livello: Azienda di erogazione C7.1 Percentuale di parti cesarei depurati Definizione: Numeratore: Denominatore: Percentuale di parti cesarei NTSV Numero di parti cesarei NTSV Numero di parti NTSV Formula matematica: N. parti cesarei NTSV N. parti NTSV x 100 Note per l elaborazione: NTSV (Nullipar, Terminal, Single, Vertex): donne primipare, parto a termine tra la 38 e la 43 settimana di amenorrea incluse, parto non gemellare, bambino in posizione vertice Si escludono i parti con indicazione di procreazione medico-assistita Si considerano le partorienti tra i 14 e 49 anni Fonte: Parametro di riferimento: Significato: Sistema Informativo Regionale - Flusso CEDAP Obiettivo regionale: 15% E un indicatore di appropriatezza della modalità di parto, relativo al comportamento dei professionisti riguardo al parto cesareo, depurato da fattori che possono aumentare il ricorso al cesareo stesso. 9

10 Indicatore C7: Materno-Infantile C7.1 Percentuale di parti cesarei depurati

Indicatori ministeriali e regionali sanitari - Benchmarking aziendale

Indicatori ministeriali e regionali sanitari - Benchmarking aziendale Indicatori ministeriali e regionali sanitari - Benchmarking aziendale Allegato tecnico al Piano delle performance -15 1 introduzione L intende valutare le proprie performance sanitarie in termini quali-quantitativi,

Dettagli

Ministero della Salute. Regione Toscana

Ministero della Salute. Regione Toscana Ministero della Salute Progetto SiVeAS Sistema di Valutazione della Performance della Sanita' Italiana Proposta primi indicatori Regione Toscana Fonte dati: Ministero e database SDO 2007-2008 A cura del

Dettagli

Elenco indicatori network regioni 2013. Indicatori e sottoindicatori BERSAGLIO 2013 VALUTAZIONE SALUTE DELLA POPOLAZIONE (A)

Elenco indicatori network regioni 2013. Indicatori e sottoindicatori BERSAGLIO 2013 VALUTAZIONE SALUTE DELLA POPOLAZIONE (A) A1 VALUTAZIONE SALUTE DELLA POPOLAZIONE (A) Mortalità Infantile A1.1 Mortalità nel primo anno di vita A1.2 Mortalità neonatale precoce (primi 6 giorni di vita) A1.3 Mortalità neonatale totale (primi 28

Dettagli

3.1 Tasso di ospedalizzazione (T.O.) per 1.000 residenti

3.1 Tasso di ospedalizzazione (T.O.) per 1.000 residenti 3. Ospedalizzazione Tutti gli iicatori del presente capitolo si riferiscono ai ricoveri effettuati dai residenti in regione, iipeentemente da dove siano avvenuti (all interno o all esterno della regione).

Dettagli

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori. Azienda Ospedaliera San Carlo

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori. Azienda Ospedaliera San Carlo Scheda Tecnica Allegato 1 Manuale per il calcolo degli indicatori Azienda Ospedaliera San Carlo 1. PERFORMANCE ORGANIZZATIVE E CLINICHE AZIENDALI 1.1 Appropriatezza organizzativa 1.1.1 Tasso ospedalizzazione

Dettagli

Assistenza ospedaliera (H): governo della domanda. H1_1 Tasso di ospedalizzazione standardizzato Ricovero ordinario per acuti per 1.

Assistenza ospedaliera (H): governo della domanda. H1_1 Tasso di ospedalizzazione standardizzato Ricovero ordinario per acuti per 1. Ministero della Salute Il sistema di valutazione della performance dei sistemi sanitari regionali Primi indicatori ministeriali Anno 2008 Fonte dati: Ministero e database SDO 2008 A cura del Laboratorio

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze titolo VALUTAZIONE DELLA PRATICA PROFESSIONALE DEI MEDICI Vincenzo Lucchetti Antonia Rosa Marseglia BOCCONI EVENTI 17GIUGNO 2011 L azienda Sanitaria di Firenze Ospedale Santa

Dettagli

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori. Azienda Ospedaliera San Carlo

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori. Azienda Ospedaliera San Carlo Scheda Tecnica Allegato 1 Manuale per il calcolo degli indicatori Azienda Ospedaliera San Carlo 1. PERFORMANCE ORGANIZZATIVE E CLINICHE AZIENDALI 1.1 Appropriatezza organizzativa 1.1.1 Tasso ospedalizzazione

Dettagli

Ed INDICATORI SANITARI MINISTERIALI E REGIONALI

Ed INDICATORI SANITARI MINISTERIALI E REGIONALI Azienda Sanitaria Locale n. 2 di Olbia Allegato 3 Ed INDICATORI SANITARI MINISTERIALI E REGIONALI La ASL 2 di Olbia valuta le proprie Performance con un insieme di Indicatori tratti dal SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA a cura di Anna Bonini F o rn ire se rv iz i sa n ita ri d i a lta q u a lità, a d e g u a ti in te rm in i d i v o lu m i e d i tip o lo g ie d i p re

Dettagli

Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013. AUSL 3 Pistoia

Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013. AUSL 3 Pistoia Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013 (Confronto 2012) Pistoia Azienda USL 3 Pistoia 17 Giugno 2014 Sistema di Valutazione delle Perfromance Sistema

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Allegato n. 2 Delibera n. 388 del 16/07/2014 PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2014-2016 PIANO DEGLI INDICATORI

Allegato n. 2 Delibera n. 388 del 16/07/2014 PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2014-2016 PIANO DEGLI INDICATORI Allegato n. 2 Delibera n. 388 del 16/07/20 PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 20-2016 PIANO DEGLI INDICATORI AREA STRATEGICA SUB AREA OUTCOME OBIETTIVO STRATEGICO INDICATORE MODALITA' CALCOLO CONSUNTIVO

Dettagli

Schede indicatori sanitari 2008 concordati Toscana - Liguria - Umbria - Piemonte

Schede indicatori sanitari 2008 concordati Toscana - Liguria - Umbria - Piemonte Schede indicatori sanitari 2008 concordati Toscana - Liguria - Umbria - Piemonte 1 Considerazioni generali Negli indicatori per azienda di residenza si includono i privati accreditati e si escludono i

Dettagli

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori AZIENDA SANITARIA POTENZA

Scheda Tecnica. Allegato 1. Manuale per il calcolo degli indicatori AZIENDA SANITARIA POTENZA Scheda Tecnica Allegato 1 Manuale per il calcolo degli indicatori AZIENDA SANITARIA POTENZA 1. TUTELA DELLA SALUTE 1.1 Prevenzione primaria 1.1.1 Copertura vaccinale nei bambini a 24 mesi per ciclo base

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

Memorandum. I Dirigenti ASP sono invitati a prenderne visione adeguando i propri obiettivi a quelli contenuti nella documentazione allegata.

Memorandum. I Dirigenti ASP sono invitati a prenderne visione adeguando i propri obiettivi a quelli contenuti nella documentazione allegata. Memorandum La Regione Basilicata con Deliberazione n. 298 del 14/3/2012 ha fissato gli obiettivi di Salute e di Programmazione Economica Finanziaria per gli anni 2012 2013 per i Direttori Generali delle

Dettagli

METODOLOGIA E RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI NEL CONFRONTO REGIONALE

METODOLOGIA E RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI NEL CONFRONTO REGIONALE METODOLOGIA E RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI NEL CONFRONTO REGIONALE Introduzione Il progetto Network Regioni è stato attivato nel 2008 con la collaborazione di quattro regioni: Toscana, Liguria, Piemonte

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

Farmaceutica territoriale

Farmaceutica territoriale Allegato A OBIETTIVI DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA ANNO 2014 1)Farmaci presenti nelle Liste di trasparenza Farmaceutica territoriale 1.1 L incidenza dei farmaci presenti nelle Liste di Trasparenza deve

Dettagli

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari CONDIVISIONE DEL BUDGET 2012 Programmazione e Controllo di Gestione Email:

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale la Performance - Obiettivi Aziendali Dimensione la 1 Performance la produzione 1.a Efficienza dei Processi Ottimizzazione dei

Dettagli

ALLEGATO A. 1. Scheda nosologica

ALLEGATO A. 1. Scheda nosologica ALLEGATO A. Scheda nosologica Il flusso attiene alla scheda di dimissione degli Istituti di ricovero prevista dal D.M. Sanità 8..99, che istituisce la scheda di dimissione ospedaliera; dai D.M. sanità

Dettagli

OFFERTA PROMOZIONALE REGIONE SICILIA

OFFERTA PROMOZIONALE REGIONE SICILIA OFFERTA PROMOZIONALE REGIONE SICILIA Nuova versione Quani SDO per la gestione economica delle attività previste dal P.A.C.A. Il Piano Annuale dei Controlli Analitici (PACA) previsto dal D.A. 049613 del

Dettagli

inetware// online hospital management

inetware// online hospital management inetware// online hospital management inetware// InetWare RUX EDEL sas, è operativa dal 1997 nel panorama tecnologico dell informatica e del networking, con particolare attenzione per le soluzioni di outsourcing

Dettagli

SDO 2016 Specifiche requisiti del sistema Liste valori. Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2

SDO 2016 Specifiche requisiti del sistema Liste valori. Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2 Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2 1.1 Tipo Movimento (variata con aggiunte) 2 1.2 Sesso (invariata) 2 1.3 Tipo Identificativo Paziente (nuova) 2 1.4 Stato Civile (invariata) 3 1.5 Livello

Dettagli

Programma Nazionale Esiti PNE

Programma Nazionale Esiti PNE Programma Nazionale Esiti PNE Edizione 2014 Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute e fornisce a livello nazionale valutazioni comparative di efficacia,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO E IL CONTROLLO DELL ATTIVITA DI RICOVERO OSPEDALIERO PER ACUTI

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO E IL CONTROLLO DELL ATTIVITA DI RICOVERO OSPEDALIERO PER ACUTI Dipartimento Tutela della Salute Politiche Sanitarie Regione Calabria LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO E IL CONTROLLO DELL ATTIVITA DI RICOVERO OSPEDALIERO PER ACUTI INTRODUZIONE Il sistema di remunerazione

Dettagli

Il Sistema Informativo Sanitario Regionale

Il Sistema Informativo Sanitario Regionale Il Sistema Informativo Sanitario Regionale Dott.ssa Paola Casucci Dirigente Servizio Mobilità sanitaria gestione del sistema informativo sanitario sociale Direzione regionale Salute e Coesione sociale

Dettagli

Glossario in materia di Tempi e Liste di attesa

Glossario in materia di Tempi e Liste di attesa Glossario in materia di Tempi e Liste di attesa Agenda chiusa: agenda di prenotazione temporaneamente (o periodicamente) chiusa, ovvero in ogni caso non disponibile per l inserimento di nuove prenotazioni.

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2010 Ottobre 2011 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Allegato A Dgr n. del pag. 1 /8

Allegato A Dgr n. del pag. 1 /8 Allegato A Dgr n. del pag. 1 /8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Il presente allegato, operando modifiche, integrazioni e ridefinizioni degli obiettivi, sostituisce per l'anno i contenuti dell'allegato

Dettagli

Case study: Buon uso e produzione di energia all Ospedale di Cona. Andrea Gardini Direttore Sanitario Azienda Ospedaliera Universitaria Ferrara

Case study: Buon uso e produzione di energia all Ospedale di Cona. Andrea Gardini Direttore Sanitario Azienda Ospedaliera Universitaria Ferrara Case study: Buon uso e produzione di energia all Ospedale di Cona Andrea Gardini Direttore Sanitario Azienda Ospedaliera Universitaria Ferrara Posti Letto: 711 Degenza ordinaria: 626 Tasso occupazione:86,4

Dettagli

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia Dott. A. Gandolfo Sistema Qualità Il Sistema Qualità è un sistema di gestione che ha lo scopo di tenere sotto controllo i processi di una

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

Statistica e matematica

Statistica e matematica Corso di perfezionamento in Management dei servizi sanitari: Statistica sanitaria (1) L approccio statistico ai problemi biomedici Giuseppe Signoriello Statistica Medica Seconda Università di Napoli Statistica

Dettagli

La valutazione della pratica professionale dei medici : esperienza dell Azienda 10 Firenze

La valutazione della pratica professionale dei medici : esperienza dell Azienda 10 Firenze La valutazione della pratica professionale dei medici : esperienza dell Azienda 10 Firenze Vincenzo Lucchetti Direttore dipartimento chirurgico Bocconi Eventi Milano 17 giugno 2011 Fino al 2008 gli obiettivi

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. - REA

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE SARDEGNA Azienda Sanitaria Locale Nuoro. Programma Sanitario Annuale anno 2014

SERVIZIO SANITARIO REGIONE SARDEGNA Azienda Sanitaria Locale Nuoro. Programma Sanitario Annuale anno 2014 SERVIZIO SANITARIO REGIONE SARDEGNA Azienda Sanitaria Locale Nuoro Programma Sanitario Annuale anno 2014 Introduzione Il Programma Sanitario Annuale per l anno 2014, che costituisce il primo anno della

Dettagli

Assistenza ospedaliera

Assistenza ospedaliera Assistenza ospedaliera Gli indicatori dell Assistenza Ospedaliera presentati nelle ultime edizioni del Rapporto Osservasalute hanno mostrato che il processo di modernizzazione e modifica dell organizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO VI PROGRAMMA OPERATIVO APPROPRIATEZZA

Dettagli

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI BASLCATA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATVA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

Dott.ssa Daniela Nicolosi

Dott.ssa Daniela Nicolosi Il concetto di appropriatezza in Sanità Dott.ssa Daniela Nicolosi UO Governo dei Servizi Sanitari Territoriali e Politiche di Appropriatezza e Controllo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia APPROPRIATEZZA

Dettagli

TRACCIATO RECORD S.D.O.

TRACCIATO RECORD S.D.O. TRACCIATO RECORD S.D.O. FILE A1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI All.: 2 Posizione NOME CAMPO Tipo Lung. DESCRIZIONE Codice 1-8 Codice istituto di ricovero AN 8 Valore ammesso: V codice identificativo della struttura

Dettagli

LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ASL DI VARESE - ANNO 2014

LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ASL DI VARESE - ANNO 2014 LE PRESTAZIONI DI RICOVERO NELL ASL DI VARESE - ANNO 2014 A cura di: D. Bonarrigo, S. Speziali, S. Pisani Direzione Generale - U.O.C. Osservatorio Epidemiologico Premessa Con questo report viene eseguito

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO QUALITÀ CLINICA

CAPITOLO SETTIMO QUALITÀ CLINICA CAPITOLO SETTIMO QUALITÀ CLINICA 178 179 QUALITÀ CLINICA mauro occhi Uno degli obiettivi del Sistema Sanitario è quello di fornire prestazioni di elevata qualità al maggior numero possibile di pazienti.

Dettagli

3 5 483 1 ORGANIZZATIVA nascita aziendali APPROPRIATEZZA percorso nascita Preparazione al parto

3 5 483 1 ORGANIZZATIVA nascita aziendali APPROPRIATEZZA percorso nascita Preparazione al parto macro prodotto TitoloProdotto ObiettivoSpecifico Indicatore Std% NUM DENOM Risultato% (20) N. TC per tocofobia e/o richiesta materna / N. tot donne Preparazione al parto che hanno fatto il corso e che

Dettagli

5. ASSISTENZA OSPEDALIERA

5. ASSISTENZA OSPEDALIERA Il Piano Sanitario Provinciale stabilisce che l assistenza ospedaliera debba garantire il trattamento di condizioni patologiche che necessitano di interventi diagnostico-terapeutici di emergenza o di urgenza,

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

Profilo di salute 2009 vol. 2

Profilo di salute 2009 vol. 2 La salute riproduttiva della donna La salute del bambino I percorsi nascita nella ASL 4 di Terni Profilo di salute 2009 vol. 2 Redazione: A cura della Rete epidemiologica aziendale Coord. Marco Cristofori

Dettagli

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Convegno CARD Veneto Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Padova 7 aprile 2014 Maria Chiara Corti e Luca Greselin Maggiore

Dettagli

2. ASSISTENZA OSPEDALIERA IN REGIME DI RICOVERO

2. ASSISTENZA OSPEDALIERA IN REGIME DI RICOVERO Area ospedaliera 421 2. ASSISTENZA OSPEDALIERA IN REGIME DI RICOVERO 2.1. Organizzazione assistenziale 2.1.1. Le aziende sanitarie A partire dal 1 Aprile 1994 la Giunta Provinciale di Bolzano, in attuazione

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

BUDGET 2013 Approvato

BUDGET 2013 Approvato A-PDF PageMaster Demo. Purchase from www.a-pdf.com to remove the watermark BUDGET 2013 Approvato Dipartimento Oncologico Elenco strutture S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA S.C. FISICA SANITARIA S.C.

Dettagli

Elenco delle prestazioni erogate in regime di ricovero programmato

Elenco delle prestazioni erogate in regime di ricovero programmato LISTA DEGLI INTERVENTI EROGABILI IN REGIME DI RICOVERO PROGRAMMATO Gli interventi erogabili in regime di ricovero programmato esplicato in day hospital e/o in day surgery vengono classificati in quattro

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE: CHIRURGIA ORALE

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE: CHIRURGIA ORALE ALLEGATO 1 SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE: CHIRURGIA ORALE SPECIFICI Livelli minimi di accettabilità di sede A) FONDAMENTALI: devono essere tutti presenti nella struttura di sede e nella struttura Day-hospital

Dettagli

TARIFFARIO Per gli interventi non elencati nel tariffario il rimborso sarà eseguito secondo le norme stabilite dalla polizza.

TARIFFARIO Per gli interventi non elencati nel tariffario il rimborso sarà eseguito secondo le norme stabilite dalla polizza. POLIZZA SALUTE CONDIZIONI CONTRATTUALI TARIFFARIO Il presente Tariffario è valido come riferimento per i rimborsi massimi ottenibili per onorari dell Equipe Medica, non convenzionata con Blue Assistance

Dettagli

Approfondimenti ed esempi pratici. sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG

Approfondimenti ed esempi pratici. sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG Approfondimenti ed esempi pratici sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG Versione 1.1 del 07.05.2012 Fa fede la versione tedesca Chiarimenti sulle regole e le

Dettagli

3M Sistemi Informativi per la Salute. Soluzioni. avanzate. per la gestione delle performance in ambito sanitario

3M Sistemi Informativi per la Salute. Soluzioni. avanzate. per la gestione delle performance in ambito sanitario 3M Sistemi Informativi per la Salute Soluzioni avanzate per la gestione delle performance in ambito sanitario Indice 3M Salute 3M è entrata nel settore della Salute negli anni 50 con i primi teli adesivi

Dettagli

Dipartimento della Qualità Dir. Gen. Programmazione sanitaria, livelli essenziali di assistenza e principi etici di sistema Ufficio VI

Dipartimento della Qualità Dir. Gen. Programmazione sanitaria, livelli essenziali di assistenza e principi etici di sistema Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2009 Novembre 2010 Dipartimento della Qualità Dir. Gen. Programmazione sanitaria, livelli essenziali di assistenza e principi etici di sistema

Dettagli

ASSISTENZA OSPEDALIERA

ASSISTENZA OSPEDALIERA ASSISTENZA OSPEDALIERA Il 2005 ha segnato per Modena due importanti avvenimenti: l apertura del Nuovo Ospedale a Baggiovara con il conseguente trasferimento del Sant Agostino- Estense, che si è concluso

Dettagli

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB SOFTWARE per la gestione degli ospiti Cartella Utente WEB MODULO GESTIONE IDR Attualmente ci sono due tipi assessorati che rilasciano l accreditamento per istituti di riabilitazione: Assessorato della

Dettagli

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini Giunta regionale Dip.to Salute, Sicurezza e Solidarietà Sociale Servizi alla Persona e alla Comunità Regione senza confini Riparto del Fondo Sanitario Regionale 2005-2006 (parte corrente) Linee guida ed

Dettagli

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 SANITARIO REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N.7 09013 CARBONIA (Carbonia Iglesias) LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 Centralità del cittadino nei percorsi sanitari 1 CORRETTO USO DEL RICETTARIO

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana)

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Dr. Alessandro Barchielli Unità di epidemiologia Asl 10 Firenze alessandro.barchielli@asf.toscana.it Causa principale di non autosufficienza

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

Progetto It.DRG. Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Progetto It.DRG. Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto It.DRG Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto It.DRG disponibilità di sistemi idonei per la misurazione

Dettagli

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 Aziende Sanitarie del Veneto QUADRO ANALITICO LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 FONTI 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Datawarehouse Regionale - Flusso Anagrafe (i dati provengono

Dettagli

PARTE GENERALE. Linee Guida per la codifica della Scheda di Dimissione Ospedaliera

PARTE GENERALE. Linee Guida per la codifica della Scheda di Dimissione Ospedaliera 2 Linee Guida per la codifica della Scheda di Dimissione Ospedaliera PARTE GENERALE a cura di: Servizio V Sistema Informativo e Mobilità sanitaria in collaborazione con le Aziende Sanitarie della Regione

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

-Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5

-Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5 APPROPRIATEZZA ALLOCATIVA -Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5 Paziente grave che necessita di interventi intensivi e continui Paziente sottoposto ad intervento o con necessità di presa in

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Angelo Bianchetti Come si finanzia l ospedale Remunerazione attività tariffate: Attività di degenza (ricovero e DH) per acuti remunerate

Dettagli

Newsletter n 7 aggiornata al 15 marzo 2005

Newsletter n 7 aggiornata al 15 marzo 2005 Mattoni SSN & NSIS http://www.kclient.kpmg.com/ Indice Mattoni Classificazione delle strutture Classificazione delle prestazioni ambulatoriali Evoluzione del Sistema DRG nazionale Ospedali di riferimento

Dettagli

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991 REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991. Profilo oggettivo DESCRIZIONE DEL FABBISOGNO Contesto organizzativo in

Dettagli

L utilizzo dei dati SDO per l analisi epidemiologica: il caso degli incidenti domestici

L utilizzo dei dati SDO per l analisi epidemiologica: il caso degli incidenti domestici Rovigo, 6 ottobre 2006 L utilizzo dei dati SDO per l analisi epidemiologica: il caso degli incidenti domestici Paola Cacciatore Ministero della Salute - Direzione Generale della programmazione sanitaria,

Dettagli

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore La chirurgia dell anca Strumenti e metodi di valutazione della qualità dell assistenza Firenze, 4 aprile 2006 I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore Paolo Francesconi

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Progresso scientifico tecnologico Aumento dell età media della

Dettagli

Data warehouse. della spesa sanitaria. acquisizione della conoscenza. Statistical Learning & Information Management

Data warehouse. della spesa sanitaria. acquisizione della conoscenza. Statistical Learning & Information Management Data warehouse della spesa sanitaria SLIM s.r.l. Statistical Learning & Information Management Un sistema privilegiato di acquisizione della conoscenza Requisiti Monitoraggio della spesa Controllo dinamico

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

FLUSSO INFORMATIVO RICOVERI OSPEDALIERI

FLUSSO INFORMATIVO RICOVERI OSPEDALIERI ASSSSORATO ALLA TUTLA DLLA SALUT SANITA DIRZION SANITA FLUSSO INFORMATIVO RICOVRI OSPDALIRI SISTMA DI CONTROLLI DLLA TARIFFAZION Settembre 2013 Il sistema dei controlli e della tariffazione - Presentazione

Dettagli

Disciplinare tecnico

Disciplinare tecnico ALLEGATO 2 OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PROVINCIALE CONTROLLI INTERNI ED ESTERNI DI TIPO SANITARIO SUI RICOVERI OSPEDALIERI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Disciplinare tecnico [pagina intenzionalmente

Dettagli

PIANO SANITARIO Base 1

PIANO SANITARIO Base 1 PIANO SANITARIO Base 1 Milano 2015 1 PIANO SANITARIO Base 1 SOMMARIO SETTORE (A RICOVERI A.1 Ricoveri con intervento chirurgico A.2 Ricoveri senza intervento chirurgico A.3 Stato di gravidanza e parto

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna Direzione generale della Sanità Servizio Sistema informativo, Osservatorio epidemiologico umano, controllo di qualità e gestione del rischio Osservatorio Epidemiologico Regionale Il Registro del diabete

Dettagli

I sistemi tariffari per le ospedaliera prestazioni di assistenza. Un esame della normativa Nazionale e regionale

I sistemi tariffari per le ospedaliera prestazioni di assistenza. Un esame della normativa Nazionale e regionale NUMERO 9 APRILE 2005 NUMERO 9 APRILE 2005 I sistemi tariffari per le prestazioni I sistemi tariffari di assistenza per le ospedaliera prestazioni di assistenza Ospedaliera. Un esame della normativa Nazionale

Dettagli