Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic"

Transcript

1 Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic Francesco Mele 1, Antonio Sorgente 1, Giuseppe Vettigli 1 1 C.N.R. Istituto di Cibernetica E. Caianiello, Via Campi Flegrei, 34 Pozzuoli, Naples, Italy. {f.mele, a.sorgente, Abstract. In quest articolo presentiamo una metodologia e un framework per le evoluzioni di ontologie definite in Frame Logic. Il sistema definito permette di valutare operazioni di modifica di un ontologia al fine di garantire la consistenza dell ontologia stessa. Il framework esegue controlli mediante un insieme di operazioni di base e inoltre è in grado di eseguire operazioni di controllo su regole evolutive definite dall utente per uno specifico dominio. Keywords: Frame Logic, Ontologie, Evoluzioni di Ontologie 1 Introduzione Ogni qualvolta è modificata un ontologia si eseguono delle operazioni di ridefinizione, aggiunta o eliminazione di classi, d istanze e di relazioni fra tali entità. Tali modifiche possono generare delle inconsistenze di vario tipo che devono essere eliminate per assicurare l integrità della rappresentazione stessa. I cambiamenti delle entità dell ontologia appartengono a un processo che si sviluppa in un tempo, fisico o convenzionale, che attraversa vari stadi, in ognuno dei quali possono presentarsi delle inconsistenze. Un processo di trasformazione di un ontologia nel tempo, O(t), O(t+1), O(t+2),,O(t+n), del tipo descritto, viene detto evoluzione. In questo lavoro ci occupiamo del controllo dell evoluzione di un ontologia, attività che consiste nell individuare inconsistenze e della loro eliminazione. Le metodologie attuali prevedono tre tipi di controlli di consistenza [3,6]: 1. consistenza strutturale, la quale assicura che l ontologia sia definita rispetto al modello di riferimento adottato e ai costrutti del linguaggio di rappresentazione scelto; 2. consistenza logica, la quale assicura che un ontologia sia semanticamente corretta, ad esempio che non contenga informazioni contraddittorie; 3. consistenza definita dall'utente, quest ultima assicura che l ontologia sia consistente rispetto a particolari regole di modifiche (regole evolutive) definite dall'utente. Il primo tipo di controllo di consistenza è usato per garantire che le operazioni di modifica, eseguite sull ontologia corrente O(t), conservino una certa espressività di rappresentazione al fine di mantenere lo stesso livello di complessità computazionale dell ontologia di partenza O(t) (alcuni classificatori come quello della versione

2 standard di OWL [5] si limita a segnalare al programmatore che è stata aumentata o diminuita l espressività linguistica). Il controllo di consistenza logica, invece, garantisce che dopo una modifica, l ontologia non presenti delle contraddizioni di tipo logico. Ad esempio se in un ontologia due concetti A e B sono definiti disgiunti, allora non può essere inserito un oggetto I che è sia istanza di A che di B. I tipi di controllo 1. e 2. sono indipendenti dal tipo di conoscenza Agli approcci di controllo di consistenza dipendenti dal dominio di conoscenza (3. della lista), invece, appartengono quelli di consistenza definiti dall utente. Questi ultimi a loro volta si dividono in controlli generici e controlli dipendenti dal dominio. Quelli generici si rappresentano mediante vincoli che sono utilizzati per definire bestpractices per la definizione di ontologie. Appartengono a questa categoria i vincoli definiti nella metodologia OntoClean [2] per le nozioni di rigidità, d identità e di unità. I controlli di consistenza, definiti dall utente dipendenti dal dominio, sono definiti mediante una data politica di modifica in un dominio specifico. Ad esempio si possono definire delle limitazioni sulla creazione di sottoclassi imponendo che ogni sottoclasse di una classe A abbia almeno un nuovo attributo rispetto alla classe A. 2 Fasi di uno stadio evolutivo In questo lavoro ci siamo occupati in particolare dei controlli di consistenza definiti dall utente: la loro rappresentazione, come scoprire e risolvere inconsistenze. Nell approccio che proponiamo, vi è una separazione delle attività di formulazione (la proposta dell evoluzione) da quelle di controllo della consistenza dell evoluzione: la formulazione evolutiva avviene per opera di un operatore umano, che per scopi di revisione delle conoscenze, elimina o inserisce nuove entità nell ontologia, mentre il controllo della consistenza avviene da parte di un sistema software che agisce con regole indipendenti o dipendenti dal dominio (in avanti forniremo in dettaglio i tipi regole e come esse sono formulate). Il processo di valutazione di un evoluzione (Fig. 1) inizia dopo che l utente ha definito delle operazioni di modifica (Proposte di modifica) sull ontologia O(t) (ontologia consistente al tempo t). Dalla prassi comune dei processi di creazione e modifica di ontologie, si possono individuare un insieme di operazioni di base le quali permettono di aggiungere e rimuovere: una classe; una relazione tassonomica tra le classi; un attributo e sue proprietà; un'istanza di una classe. Dopo che le modifiche sono state eseguite sull ontologia corrente (O(t)), viene definita una versione aggiornata (temporanea) dell ontologia (O(t+1)). Su O(t+1) sono eseguiti i controlli di consistenza previsti per ciascun tipo di operazione di modifica. Se nell ontologia sono scoperte delle inconsistenze, allora inizia il processo di risoluzione di esse (Risoluzione delle inconsistenze). Il sistema cerca di risolvere le inconsistenze, prima automaticamente, mediante regole che rimuovono l inconsistenza in relazione ad alcuni frequenti errori di revisione dei programmatori (si veda in paragrafo 3.3), poi interagendo con il programmatore stesso. In quest ultimo caso il sistema mostra l inconsistenza riscontrata e le scelte possibili per

3 la risoluzione. Risolte le inconsistenze, le modifiche diventeranno effettive e viene confermata la nuova versione O(t+1) dell ontologia. Per ogni passaggio evolutivo da O(t) ad O(t+1) sono annotate tutte le operazioni eseguite sull ontologia, sia quelle definite dall utente, sia le operazioni eseguite dal sistema per la risoluzione delle inconsistenze. Ontologia O(t) Proposte di modifica sull ontologia Ontologia O(t+1) temporanea Inconsistenze individuate Ontologia O(t+1) Esecuzione delle modifiche Controlli di consistenza Risoluzione delle inconsistenze o annullamento delle operazioni Dati rappresentati nel sistema Processi eseguiti dal sistema Dati rappresentati nel sistema forniti dall utente Interazione con l utente Fig. 1.: Fasi di uno stadio evolutivo Il linguaggio di riferimento per l implementazione del sistema è quella della Frame-Logic[4], in particolare è stato utilizzato il linguaggio Flora2 [1]. Per la lettura dei programmi presentati, elenchiamo alcuni costrutti base del linguaggio Flora2. X::Y (la classe X è sottoclasse della classe Y), X:Y (X è un istanza della classe Y), X =>Y (X è un attributo di tipo Y), X->Y (Y è il valore dell attributo X), X *=>Y (come X =>Y e l attributo è ereditato dalle sottoclassi). In Flora2, qualsiasi concatenazione di letterali alfanumerici, inizianti con un carattere, preceduti dal simbolo? rappresentano variabili(?x,?ay,?a1, etc..). I simboli :-, la virgola (, ) e il punto e virgola ( ; ) ha la stessa interpretazione degli omologhi costrutti prolog. 3 Regole di evoluzione in Frame Logic Le operazioni di revisione di un ontologia sono rappresentate nel sistema mediante regole Flora2. Un esempio di operazione è la seguente: addslot(?c,?sname,?stype,?cmin,?cmax,true,?user,?mod):- insert{(?c[?sname{?cmin:? La regola definisce l operazione addslot che aggiunge alla classe?c lo slot?sname di tipo?stype con cardinalità minima?cmin e massima?cmax. La costante true indica che lo slot è ereditato dalle sottoclassi di?c (false altrimenti).?user è l'utente che ha eseguito l'operazione.?mod stabilisce se l operazione di revisione è definitiva per il sistema. La richiesta di un utente U di aggiungere alla classe C uno slot S di tipo T con cardinalità minima 1 e massima 2, è rappresentato nel seguente modo: ricut(u,addslot,[c,s,t,1,2,true]).

4 Per l esecuzione di ogni operazione è stata definita una funzione che individua le richieste di modifica dell ontologia (analizzando i fatti ricut/3) e attiva le operazioni di revisione corrispondente. La definizione della funzione è la seguente: excute_op:- (1) ricut(?user,?opname,?pars), (2) def_op(?user,?opname,?pars,?op), (3)?OP=..[hilog(addSlot),?Pars,?User] call(?op), (4) write_evoluzioni(?op). (5) La funzione recupera i dati relative alle richieste utente (passo 2), def_op/4 costruisce la chiamata all operazione e la mette in?op (conterrà un invocazione di tipo addslot/8), successivamente la invoca (passo 4) e infine immagazzina nella struttura Evoluzioni l operazione eseguita (passo 5). 3.2 Controllo della consistenza Nell approccio adottato, per ogni operazione di richiesta di modifica è associato uno o più controlli di consistenza. Sempre in relazione all operazione di aggiungere uno slot ad una classe, dopo il suo inserimento nell ontologia temporanea una funzione check/1 è attivata per eseguire il controllo di consistenza: check(addslot):- (1) ricut(?user, (2) addslot,[(?c,?sname,?stype,?cmin,?cmax,?inh]),?check=..[hilog(slotcheck, modc), (3)?C,?SName,?SType,?CMin,?CMax], call(?check). (4) La funzione analizza le operazioni eseguite valutando le asserzioni espresse mediante il predicato ricut/3 che descrivono le richieste degli utenti ed esegue il controllo associato. La regola check(addslot) è una particolare regola in corrispondenza della quale esiste uno specifico controllo di consistenza. Nel framework realizzato sono stati implementati altri controlli di consistenza come check(removeslot), check(addclass), check(removeclass), etc. Il sistema, in questo modo, ha una struttura estendibile che permette di aggiungere nuovi controlli di consistenza definiti dall utente. 3.3 Risoluzione delle inconsistenze Ogni revisione dell ontologia, come già riferito, può generare delle inconsistenze. Se ad esempio ad un esistente ontologia si aggiunge uno slot, con cardinalità minima CMin=1, allora tutte le istanze delle classe C sono inconsistenti, poiché ogni istanza della classe deve avere un valore assegnato per il nuovo slot. Inoltre, se lo slot è ereditato dalle sottoclassi, la stessa inconsistenza si presenta anche sulle istanze delle sottoclassi della classe C. In questi casi proponiamo delle regole di ripristino della consistenza. Ad esempio, per l inconsistenza causata della violazione delle cardinalità, abbiamo definito la regola:

5 risincosslotcmin(?c,?sname,?stype,?cmin,?cmax,?inh):- insetrule {?I:?Class[SName*->?V]:- (?Class=?C;?Class::?C),?I:?Class[not?SName*->?_], default(?stype,?v)}. La regola assegna un valore ad uno slot a tutte le istanze della classe. Abbiamo implementato altre regole di ripristino delle inconsistenze in relazione all azione di rimozione di una classe di un ontologia. In questo caso abbiamo previsto che sono possibili più tipi di soluzioni al problema: aggancio delle sottoclassi (pendenti) alla radice dell ontologia o alla superclasse più vicina alla classe eliminata oppure la loro eliminazione. Questa indeterminatezza è gestita da un interazione del framework con il revisore dell ontologia. Altre risoluzioni di inconsistenza possono essere aggiunte al sistema in maniera incrementale, ossia, senza dover modificare o cancellare le esistenti regole di ripristino. 4 Conclusioni In quest articolo abbiamo presentato un approccio per l evoluzione di ontologie con particolare attenzione ai controlli di consistenza definiti dall utente. Una metodologia ed un framework sono stati definiti per permettere a un utente di gestire le fasi di evoluzione di un ontologia: revisione, controllo e definizione delle regole di evoluzione. In questo modo l utente può personalizzare il processo di evoluzione in funzione dello specifico dominio definendo nuove operazioni e regole evolutive. Come esempio di regole definite dall utente abbiamo presentato una rappresentazione di un processo evolutivo di classi di un ontologia che descrivono specie di artefatti. References 1. Flora Project, 2. Guarino, N., Welty, C.A.: An overview of OntoClean. Handbook on ontologies, Springer Verlag, (2004) 3. Haase P., Stojanovic, L.: Consistent evolution of owl ontologies. In Proc. The Semantic Web: Research and Applications. pp (2005). 4. Kifer, M., Laursen, G., Wu, J.: Logical Foundations of Object-Oriented and Frame-Based Languages. Journal of ACM. (1995). 5. OWL: Web Ontology Language, 6. Stojanovic, L.: Methods and Tools for Ontology Evolution. PhD thesis, University of Karlsruhe. (2004)

Protégé. Cos è un ontologia

Protégé. Cos è un ontologia Protégé Cos è un ontologia Un ontologia è una descrizione formale di concetti in un dominio (classi) le proprietà di ciascun concetto (slot) le restrizioni sugli slot (facets) ONTOLOGIA + UN INSIEME DI

Dettagli

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una 1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una ontologia 1 Rappresentazione della conoscenza Il problema di

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE Informatica Applicata 3.3 OWL Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE The Semantic Web Tower Antonella Poggi Pagina 2 Le ontologie

Dettagli

Le ontologie nell integrazione dei dati

Le ontologie nell integrazione dei dati Le ontologie nell integrazione dei dati Prof. Letizia Tanca 1 Ontologie Definizione formale e condivisa di un vocabolario di termini e delle relazioni tra essi Relazioni possibili: sinonimia omonimia iponimia

Dettagli

Categorie e oggetti. Il Web semantico. Ontologie di dominio. Le motivazioni del web semantico. Web semantico e logiche descrittive

Categorie e oggetti. Il Web semantico. Ontologie di dominio. Le motivazioni del web semantico. Web semantico e logiche descrittive Categorie e oggetti Web semantico e logiche descrittive M. Simi, 2014-2015 Cap 2 del "Description Logic Handbook" Lezioni di U.Straccia Molti dei ragionamenti che si fanno sono sulle categorie piuttosto

Dettagli

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Punto di partenza: materia per ragionare Gli agenti intelligenti possono usare tecniche deduttive per raggiungere il goal Per fare

Dettagli

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI Il caso di studio della piattaforma Octapy CMS e i circuiti informativi della cultura delle regioni Campania e Puglia 3 C.Noviello

Dettagli

Ontologie OWL: Teoria e Pratica

Ontologie OWL: Teoria e Pratica Prosegue la trattazione delle ontologie e delle loro applicazioni informatiche. Vedremo varie tipologie di proprietà supportate da OWL e ulteriori metodi di definizione delle classi, e molto altro ancora.

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Descrizione Formale Esplicita Dominio

Descrizione Formale Esplicita Dominio Ontologia Abbiamo visto che tassonomie e tesauri fissano una semantica. Per arricchire la semantica si deve passare a modelli concettuali e teorie logiche. Un modello concettuale è il modello di una particolare

Dettagli

Nella prima puntata di questo mini-corso

Nella prima puntata di questo mini-corso PROGRAMMING Ontologie OWL: Teoria e Pratica Seconda puntata Prosegue la trattazione delle ontologie e delle loro applicazioni informatiche. Vedremo varie tipologie di proprietà supportate da OWL e ulteriori

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

XML metadati Semantic Web. Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti

XML metadati Semantic Web. Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti Una delle conseguenze più rilevanti della diffusione del Web è il passaggio definitivo dai sistemi informativi monade ai sistemi aperti

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Prima Parte. Università degli Studi di Napoli -- Classi, proprietà, individui e restrizioni. Gennaro Gambardella

Prima Parte. Università degli Studi di Napoli -- Classi, proprietà, individui e restrizioni. Gennaro Gambardella Università degli Studi di Napoli -- CDL in Informatica Basi di dati Multimediali Prima Parte Classi, proprietà, individui e restrizioni Gennaro Gambardella Tratto da Ontologie OWL: Teoria e Pratica di

Dettagli

Sistemi ICT per il Business Networking

Sistemi ICT per il Business Networking Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Gestionale Sistemi ICT per il Business Networking Unified Modelling Language (UML) Class Diagram Docente: Massimo Cossentino Slide adattate dagli originali di:

Dettagli

Esempio d ontologia. Capitolo 4 ONTOLOGIE PER LE APPLICAZIONI GEOGRAFICHE. Ontologie geografiche. Interoperabilità attraverso un'ontologia

Esempio d ontologia. Capitolo 4 ONTOLOGIE PER LE APPLICAZIONI GEOGRAFICHE. Ontologie geografiche. Interoperabilità attraverso un'ontologia Esempio d ontologia Capitolo 4 Inondazione Fuoco Tsunami ONTOLOGIE PER LE APPLICAZIONI GEOGRAFICHE Valanghe Temporale Catastrofe naturali Terremoto Volcano Slittamento di terreno Relazione «è uno» Relazione

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

Dalla filosofia all informatica: Ontologia una concettualizzazione di un dominio condiviso

Dalla filosofia all informatica: Ontologia una concettualizzazione di un dominio condiviso Professionisti della conoscenza, www.cstadvising.com Per info: dott. Massimiliano Miglio +39 328.91.66.816 E-mail: advising@cstadvising.com m.miglio@cstadvising.com Dalla filosofia all informatica: Ontologia

Dettagli

Ontologie OWL: Teoria e Pratica

Ontologie OWL: Teoria e Pratica Le ontologie sono uno strumento sempre più diffuso tra gli sviluppatori Web per i vantaggi che offrono nella condivisione delle informazioni. In questo mini-corso di tre lezioni cercheremo, attraverso

Dettagli

DIAGRAMMI DI SEQUENZA

DIAGRAMMI DI SEQUENZA DIAGRAMMI DI SEQUENZA Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2015-2016 Premessa As always, there is never a correct solution to any modelling problem. It s more that some models are more precise, and

Dettagli

La parola Ontologia non ha un unico significato:

La parola Ontologia non ha un unico significato: PROGRAMMING Ontologie OWL: Prima puntata Teoria e Pratica Le ontologie sono uno strumento sempre più diffuso tra gli sviluppatori Web per i vantaggi che offrono nella condivisione delle informazioni. In

Dettagli

L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali

L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali Roberta Ferrario Laboratorio di Ontologia Applicata (LOA) Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC-CNR)

Dettagli

Service discovery in P2P semantic communities

Service discovery in P2P semantic communities Service discovery in P2P semantic communities Università di Brescia Dipartimento di Elettronica per l Automazione Devis Bianchini, Valeria De Antonellis, Michele Melchiori, Denise Salvi 1 Definizione del

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

Progettazione base dati relazionale

Progettazione base dati relazionale Progettazione base dati relazionale Prof. Luca Bolognini E-Mail:luca.bolognini@aliceposta.it Progettare una base di dati Lo scopo della progettazione è quello di definire lo schema della base di dati e

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Proposte di progetti di esame Lezione del Corso Interazione Uomo Macchina 2, Docente Francesco Mele Corso di Laurea in Informatica Università di

Proposte di progetti di esame Lezione del Corso Interazione Uomo Macchina 2, Docente Francesco Mele Corso di Laurea in Informatica Università di Proposte di progetti di esame Lezione del Corso Interazione Uomo Macchina 2, Docente Francesco Mele Corso di Laurea in Informatica Università di Napoli Federico II, Anno Accademico 2004-2005 Progetto 1

Dettagli

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Database relazionali: un'introduzione Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Rappresentazione astratta di aspetti del mondo reale (Universe

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software L4.4 Progettazione del Software Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw Seconda Parte La fase di

Dettagli

Realizzazione di un Tool per l iniezione automatica di difetti all interno di codice Javascript

Realizzazione di un Tool per l iniezione automatica di difetti all interno di codice Javascript tesi di laurea di difetti all interno di codice Javascript Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo ing. Domenico Amalfitano candidato Vincenzo Riccio Matr.

Dettagli

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Documenti e ipermedialità Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Documento ipertestuale insieme di informazioni testuali e grafiche, esplorabili

Dettagli

Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione. Programmazione orientata agli oggetti

Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione. Programmazione orientata agli oggetti Alessio Bechini - Corso di - Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione Metodologie OO Programmazione orientata agli oggetti La programmazione ad oggetti (OOP) è un paradigma di programmazione

Dettagli

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Olga RENDA (*), John FAVARO (**), Thomas USLÄNDER (***), Ralf DENZER (****) (*) Intecs S.p.A., Pisa, Italy, Tel.

Dettagli

Tesi di Laurea Estrazione automatica di ontologie da librerie Java per documentazione machine-readable di API

Tesi di Laurea Estrazione automatica di ontologie da librerie Java per documentazione machine-readable di API Università degli Studi di Genova Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2010/2011 Tesi di Laurea Estrazione automatica di ontologie da librerie

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Modello di Controllo dell Accesso basato sui ruoli (RBAC)

Modello di Controllo dell Accesso basato sui ruoli (RBAC) Modello di Controllo dell Accesso basato sui ruoli (RBAC) POLITICHE RBAC Sistemi di tipo Role Based Access Control (RBAC) assegnano i privilegi non agli utenti, ma alla funzione che questi possono svolgere

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Rappresentazione della conoscenza. ha poco potere espressivo in quanto ha un ontologia limitata: il mondo consiste di fatti, es.

Rappresentazione della conoscenza. ha poco potere espressivo in quanto ha un ontologia limitata: il mondo consiste di fatti, es. Scaletta argomenti: Rappresentazione della conoscenza Logica del primo ordine Logiche non-monotone Reti semantiche Frame e script Regole di produzione Logica del Primo Ordine - Logica proposizionale ha

Dettagli

Costruire un'ontologia degli International Financial Reporting Standards (IFRS)

Costruire un'ontologia degli International Financial Reporting Standards (IFRS) Costruire un'ontologia degli International Financial Reporting Standards (IFRS) Una ipotesi di applicabilità di strumenti di gestione della conoscenza Massimo Coletti Direttore Coordinamento ICT di Gruppo

Dettagli

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse Politecnico di Milano View integration 1 Integrazione di dati di sorgenti diverse Al giorno d oggi d la mole di informazioni che viene gestita in molti contesti applicativi è enorme. In alcuni casi le

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno.

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. MODELLI INFORMATICI 1 Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. Aspetti di un modello: il modello è la rappresentazione di certi fatti;

Dettagli

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Roberto Basili, Marco Pennacchiotti Corso di Fondamenti di Informatica a.a. 2003-2004 Definizioni Generali e Regole d esame Il

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Cooperazione amministrativa e semantica: Il ruolo del Documento Intelligente

Cooperazione amministrativa e semantica: Il ruolo del Documento Intelligente Cooperazione amministrativa e semantica: Il ruolo del Documento Intelligente Romeo Pruno L attuazione dell e-government ha reso possibile la presentazione sul mercato IT di una grande quantità di soluzioni

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Direct Reporting. Tassonomie e documenti istanza XBRL. Note tecniche. Vers. 01-01-2013

Direct Reporting. Tassonomie e documenti istanza XBRL. Note tecniche. Vers. 01-01-2013 Direct Reporting Tassonomie e documenti istanza XBRL Note tecniche Vers. 01-01-2013-1 - Vers.01.01.2013 Indice del documento 1 PREMESSA 4 2 ORGANIZZAZIONE DELLA SEZIONE DOCUMENTI TECNICO-INFORMATICI DEL

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Ontologie e World Wide Web: la diffusione della conoscenza.

Ontologie e World Wide Web: la diffusione della conoscenza. Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Sede di Como Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Ontologie e World Wide Web: la diffusione della

Dettagli

Tools e ambienti per lo sviluppo di ontologie per il web semantico

Tools e ambienti per lo sviluppo di ontologie per il web semantico Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Tools e ambienti per lo sviluppo di ontologie per il web semantico Anno Accademico [2003/2004] relatore Ch.mo prof. Antonio

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Claudia Raibulet raibulet@disco.unimib.it Il processo di sviluppo software Rappresenta un insieme di attività per la specifica, progettazione, implementazione,

Dettagli

EVOLUZIONE DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO A SERVIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: L ACQUEDOTTO CAMPANO. Giuseppe Mario Patti Proxima S.r.l.

EVOLUZIONE DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO A SERVIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: L ACQUEDOTTO CAMPANO. Giuseppe Mario Patti Proxima S.r.l. EVOLUZIONE DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO A SERVIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: L ACQUEDOTTO CAMPANO Giuseppe Mario Patti Proxima S.r.l. «Competitività e Sostenibilità. Progetti e tecnologie al servizio

Dettagli

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione SQL DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione! Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL):! Crea/distrugge/modifica relazioni

Dettagli

Idee guida. Finite State Machine (1) Un automa a stati finiti è definito da una 5- pla: FSM = , dove: Finite State Machine (2)

Idee guida. Finite State Machine (1) Un automa a stati finiti è definito da una 5- pla: FSM = <Q,,, q0, F>, dove: Finite State Machine (2) Idee guida ASM = FSM con stati generalizzati Le ASM rappresentano la forma matematica di Macchine Astratte che estendono la nozione di Finite State Machine Ground Model (descrizioni formali) Raffinamenti

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software Progettazione del Software Analisi: Introduzione ad UML & UML Class Diagrams Domenico Lembo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 42 Sommario 1 Generalità

Dettagli

Analisi Modelli per la specifica dei requisiti

Analisi Modelli per la specifica dei requisiti Modelli per la specifica dei requisiti Modelli semantici dei dati Entità-Relazioni (E-R) Modelli orientati all elaborazione dati Diagrammi di Flusso dei Dati (Data-Flow Diagrams, DFD) Modelli orientati

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

Interrogare il Semantic Web di José-Francisco Aldana-Montes, Antonio-César Gómez-Lora, Nathalie Moreno-Vergara, and María del Mar Roldán-García

Interrogare il Semantic Web di José-Francisco Aldana-Montes, Antonio-César Gómez-Lora, Nathalie Moreno-Vergara, and María del Mar Roldán-García Edizione italiana a cura di ALSI e Tecnoteca http://upgrade.tecnoteca.it Interrogare il Semantic Web di José-Francisco Aldana-Montes, Antonio-César Gómez-Lora, Nathalie Moreno-Vergara, and María del Mar

Dettagli

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology KON 3 Knowledge ON ONcology through ONtology Obiettivi di KON 3 Scopo di questo progetto èquello di realizzare un sistema di supporto alle decisioni, basato su linee guida e rappresentazione semantica

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

Classificazione a Faccette di Oggetti per l Apprendimento e Progettazione Didattica

Classificazione a Faccette di Oggetti per l Apprendimento e Progettazione Didattica 945 Classificazione a Faccette di Oggetti per l Apprendimento e Progettazione Didattica Gianni VERCELLI 1 e Giuliano VIVANET 2 1 Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica (DIST) Università

Dettagli

Metodologie di progetto Estensione di classi Implementazione di interfacce Composizione

Metodologie di progetto Estensione di classi Implementazione di interfacce Composizione Gerarchie di Tipi Metodologie di progetto Estensione di classi Implementazione di interfacce Composizione Notazione UML Relazione Simbolo Significato Ereditarietà Implementazione Aggregazione Dipendenza

Dettagli

Linguaggi per la rappresentazione della conoscenza, Logiche Descrittive e NeoClassic

Linguaggi per la rappresentazione della conoscenza, Logiche Descrittive e NeoClassic Linguaggi per la rappresentazione della conoscenza, Logiche Descrittive e NeoClassic Matteo Barontini Rappresentazione della conoscenza Base di conoscenza: rappresentazione esplicita, parziale e compatta

Dettagli

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica Relatore:

Dettagli

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Sistema pubblico di cooperazione: CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Versione 1.1 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note

Dettagli

Interpretazione astratta

Interpretazione astratta Interpretazione astratta By Giulia Costantini (819048) e Giuseppe Maggiore (819050) Contents Interpretazione astratta... 2 Idea generale... 2 Esempio di semantica... 2 Semantica concreta... 2 Semantica

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

Class Diagram. Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014

Class Diagram. Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Università degli Studi dell Aquila Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Catia Trubiani Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione e Matematica (DISIM)- Università degli Studi

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira Appunti del corso 1 Introduzione all informatica: algoritmi, linguaggi e programmi Indice 1. Introduzione 2. Risoluzione automatica di problemi - Algoritmi

Dettagli

Basi di dati. Maurizio Lenzerini. Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza. Anno Accademico 2011/2012

Basi di dati. Maurizio Lenzerini. Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza. Anno Accademico 2011/2012 Basi di dati Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2011/2012 http://www.dis.uniroma1.it/~lenzerin/home/?q=node/44 4. La progettazione

Dettagli

LINGUAGGI PER LA MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. Fabio Casati, Barbara Pernici

LINGUAGGI PER LA MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. Fabio Casati, Barbara Pernici LINGUAGGI PER LA MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Fabio Casati, Barbara Pernici 1. Analisi dei processi aziendali Per progettare un sistema informativo è necessario identificare tutti i suoi elementi

Dettagli

Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web

Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web Candidato:

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE ALLA PROVA FINALE: RETI SEMANTICHE

ESERCIZI DI PREPARAZIONE ALLA PROVA FINALE: RETI SEMANTICHE ESERCIZI DI PREPARAZIONE ALLA PROVA FINALE: RETI SEMANTICHE 1. Costruire la rete semantica conseguente ad una interpretazione personale del seguente testo in Linguaggio Naturale: Internet può essere definita

Dettagli

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici Il linguaggio SQL Il linguaggio SQL il linguaggio SQL è un linguaggio per la definizione e la manipolazione dei dati, sviluppato originariamente presso il laboratorio IBM a San Jose (California) è diventato

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL I tipi di dato in SQL:1999 si suddividono in tipi predefiniti tipi strutturati tipi user-defined ci concentreremo sui tipi predefiniti i tipi predefiniti sono suddivisi

Dettagli

Soluzione proposta dal Prof. Rio Chierego dell ISIS Guido Tassinari di Pozzuoli

Soluzione proposta dal Prof. Rio Chierego dell ISIS Guido Tassinari di Pozzuoli PARTE SECONDA: III quesito COME DA APPUNTI ILLUSTRATI A LEZIONE DEF: Una forma normale è una proprietà di uno schema relazionale che ne garantisce la qualità misurata in assenza di determinati difetti.

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Un introduzione all ontologia DOLCE

Un introduzione all ontologia DOLCE Un introduzione all ontologia DOLCE SILVIA GAIO, STEFANO BORGO, CLAUDIO MASOLO, ALESSANDRO OLTRAMARI, NICOLA GUARINO Con questo contributo s intende offrire il quadro generale in cui si collocano le ontologie

Dettagli