Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? [2007] Pubblicato in Salute e Sicurezza Stradale: l'onda Lunga del Trauma, a cura di Franco Taggi e Pietro Marturano, C.A.F.I. Editore, Roma, 2007, pp L ONAT/ISS ringrazia C.A.F.I. Editore (www.cafieditore.com) che ha generosamente messo a disposizione il presente articolo per una sua maggiore diffusione ai fini della ricerca e della prevenzione. Il contenuto di questa pubblicazione può essere utilizzato citando la fonte nel modo seguente: Franco Taggi, Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?, in Salute e Sicurezza Stradale: l'onda Lunga del Trauma, a cura di Franco Taggi e Pietro Marturano, C.A.F.I. Editore, Roma, 2007, pp

2 ...PRIMA L onda lunga ( e breve) dell Alcol (2) Alcol: ma quanto ce n è in quello che bevo? di Franco Taggi Introduzione Il presente articolo illustra come valutare quanto alcol è contenuto (in peso) nelle bevande alcoliche che consumiamo. Aver chiare le idee al riguardo dovrebbe permettere (almeno questo è l auspicio della presente nota) di avere elementi oggettivi per indirizzare in modo razionale le nostre scelte. Come riferimento di massima, ricordiamo che l Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce a persone adulte in buona salute di non superare l assunzione di 40 grammi di alcol al giorno, se di sesso maschile, di 20 grammi al giorno, se di sesso femminile. Premesso che non è un obbligo far uso di bevande alcoliche e che un astemio ha in fondo una marcia in più (non incorre in problemi di salute ed è a rischio zero di perdere la propria vigilanza a causa dell alcol), quando si beve sarà bene limitare la quantità di alcol ingerita. Abbiamo, quindi, bisogno di un segnale semplice, immediato, che ci avverta se stiamo andando fuori con l accuso, un segnale che sia direttamente connesso con la quantità di alcol che abbiamo assunto (o che stiamo per assumere). E il miglior segnale è certo dato dal peso dell alcol consumato in quanto la quantità di alcol che poi finisce nei nostri organi (la gran parte nel fegato), in particolare nel sangue e da qui al cervello, è a questo peso relata. Per conoscere quanto alcol c è in quello che beviamo bisogna fare un po di conti, semplici ma non immediati. Vediamoli. Quanto alcol c è in un litro di quello che bevo? Una questione di conti Quando bevete qualcosa di alcolico, sul contenitore della bevanda è sempre indicata la percentuale in volume di alcol presente (la gradazione). Il consumatore viene così informato che quello che sta bevendo è costituito per una certa percentuale da alcol puro (volume di alcol sul volume totale). Se si tratta ad esempio di birra (normale) i gradi sono intorno a 5, e sono indicati in genere con la scritta alcol: 5% vol. Ricordando che un litro è pari a 1000 ml (millilitri), questo vuol dire che in un litro di tale birra ci sono 50 ml di alcol puro (ovvero, un ventesimo del volume di detta bevanda è costituito da alcol). Ma, come detto, a noi interessa il peso dell alcol contenuto nel prodotto. Volendo conoscere quanti grammi di alcol ci siano in un litro di una certa 157

3 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma bevanda, dobbiamo quindi passare dal volume al peso. Se si trattasse di acqua, il risultato sarebbe immediato: riferendoci all esempio precedente, un centimetro cubico di acqua pesa un grammo; quindi 50ml di acqua pesano 50 grammi. Essendo l alcol più leggero dell acqua, dovremo moltiplicare il suo volume per il suo peso specifico, che è circa 0.8 (un ml di alcol, infatti, non pesa un grammo, ma un poco meno, circa 0.8 grammi). Dunque, se beviamo un litro della detta birra, assumiamo 1000 x 5% = 1000 x 0.05 = 50 ml di alcol puro in volume (si osservi ancora che 50 ml sono il 5% di 1000 ml). Il corrispondente peso in grammi di questo volume di alcol, in base al suo peso specifico, sarà quindi pari a 50 x 0.8 = 40 g di alcol puro. Il conto, come si vede, non è immediato: per questo lo abbiamo svolto a passo a passo per mostrare bene il meccanismo. Quanto alcol mi sono bevuto? Dipende da quanto hai bevuto Ovviamente, la quantità di alcol introdotta nel nostro organismo dipenderà, oltre che dalla gradazione, anche dalla quantità di quello che avremo bevuto. Per vederlo meglio, ci serviremo delle tabelle sottostanti che riportano, per volumi e bevande alcoliche diversi, la corrispondente quantità (in grammi) di alcol ingerito. Birra La tab.1 riporta, per birre di gradazione diversa, e per vari volumi, la corrispondente quantità (in grammi) di alcol ingerito TAB. 1 B I R R A Grammi di alcol puro presenti se si tratta di: Volume Birra Free Birra quasi-free Birra bassa Birra Birra 0.05% 0.5% 2.5% 5% 8% Un litro (1000 ml) 0, /4, 750 ml (bottiglia tipo vino) 0, /3, 666 ml (bottiglia tipo birra) 0, Mezzo litro (500 ml) 0, /3, 333 ml (lattina standard) 0, Un quarto (il quartino, 250 ml) 0, ml (un bicchiere da acqua) 0, ml (un bicchiere da vino) 0, ml (un bicchiere piccolo) 0, ml (un bicchierino) 0, Come si osserva in tab.1, esistono birre di gradazione alcolica molto diversa. Di quelle dove l alcol è presente quasi in tracce (gradazione 0.05%) dovreste berne due litri per assumere un po meno di un grammo di alcol! Il problema sollevato da molti su di esse è relativo alla qualità. E sui gusti non si discute. Ma, se 158

4 ...PRIMA proprio non si vuol passare ai succhi di frutta o all acqua minerale, può non essere una cattiva idea utilizzarle nella seconda parte di una serata. E a proposito del gusto: ricordate la descrizione delle nozze di Canan, dove Gesù fece il suo primo miracolo? Gli ospiti protestarono non poco con lo sposo, perché il vino migliore era stato servito tardi: Prima si serve il vino buono!, gli dissero; Quello meno buono lo si porta dopo, tanto chi se ne accorge?. Dunque, più che un sacrificio, una siffatta scelta potrebbe essere un opportunità, specie se poi si deve guidare o se c è in giro qualcuno che ci interessa (teniamo sempre presente che, in genere, chi alza troppo il gomito non piace). Esistono inoltre birre a bassa gradazione (2.5%), con le quali a parità di volume - si assume metà alcol rispetto alle birre al 5%. E chiaro, però, che se bevete il doppio di quello che normalmente bevete, siete da capo a dodici. Effetti compensativi di questo tipo vanno sempre considerati, perché sono assai comuni nell uso di sostanze psicotrope: ad esempio, è vero che le sigarette slim (quelle sottili) contengono meno nicotina di quelle normali; ma se ne fumano spesso di più, vanificando così il vantaggio. Dunque occhio alle quantità, non solo alla gradazione. Particolare attenzione va poi posta sulle birre ad alta gradazione (8% e più): la birra sarà buona, sarà fresca, andrà giù che è un piacere ma l alcol che si assume in questo modo può essere davvero tanto. Ad esempio, la bottiglia di birra speciale (666 ml all 8%) che avete bevuto l altra sera, vi ha regalato ben 43 grammi di alcol puro. Vino La tab.2 riporta, per vini di gradazione diversa, e per vari volumi, la corrispondente quantità (in grammi) di alcol ingerito TAB. 2 V I N O Grammi di alcol puro presenti se si tratta di: Volume Vinello da 10% Vino da 11.5% Vino da 12% Vino da 13% Un litro (1000 ml) /4, 750 ml (bottiglia tipo vino) /3, 666 ml (bottiglia tipo birra) Mezzo litro (500 ml) /3, 333 ml (lattina standard) Un quarto (il quartino, 250 ml) ml (un bicchiere da acqua) ml (un bicchiere da vino) ml (un bicchiere piccolo) ml (un bicchierino) L alcol qui sale. Se con un amico vi fate fuori una bottiglia di vino (750 ml) da 12 gradi, vi siete bevuti ognuno 36 grammi di alcol puro. Ma, scherzando e ridendo, anche un litro di tranquillo pisciarello (ci si consenta di usare questo anti- 159

5 Salute e sicurezza stradale: l onda lunga del trauma co termine, con cui si indicava un vino rosso di poco colore) da 10% contiene i suoi bravi 80 g di alcol. Quello che sorprende in questa tabella sui vini è che, pur variando la gradazione, le quantità di alcol sono più o meno simili. Sarà bene ricordarlo, specie durante bagordi campagnoli dove, offrendoti l ennesimo bicchiere, ti dicono Bevi, che questo non fa male: è fatto con l uva!. Confesso, incidentalmente, che quest ultima pleonastica precisazione ha sempre suscitato in me un profondo senso di inquietudine. Aperitivi, amari, liquori e distillati La tab.3 riporta, per superalcolici di gradazione diversa, e per vari volumi, la corrispondente quantità (in grammi) di alcol ingerito. TAB. 3 LIQUORI & DISTILLATI Grammi di alcol puro presenti se si tratta di: Volume Aperitivo Amaro Liquore Superalc Inf. di erbe 18% 27% 33% 43% 70% Un litro (1000 ml) /4, 750 ml (bottiglia tipo vino) /3, 666 ml (bottiglia tipo birra) Mezzo litro (500 ml) /3, 333 ml (lattina standard) Un quarto (il quartino, 250 ml) ml (un bicchiere da acqua) ml (un bicchiere da vino) ml (un bicchiere piccolo) ml (un bicchierino) Qui siamo in un area che richiede molta attenzione perché le quantità di alcol contenute in queste bevande sono notevoli. Prima del XII secolo le bevande alcoliche erano di sola fermentazione (processo operato da lieviti che comporta una gradazione finale limitata): fu allora che si mise a punto la tecnica di distillazione, che permette di estrarre l alcol dalle vinacce e da altri materiali. Con questo processo, quale che sia la bevanda, la quantità di alcol in essa contenuto è ragguardevole. Ecco alcuni esempi al proposito: i tre wiskacci (100 ml x 3) che vi siete bevuti al party di Katrine valgono circa 100 grammi di alcol (lo stesso volume di birra al 5% ne contiene 12 grammi); il brandy stravecchio (100 ml) che, in un bicchiere panciuto, Mario vi offre con amicizia ed orgoglio ( me lo ha mandato zio Arturo! ), vi regala circa 34 grammi di alcol; i tre bicchierini di liquore gelato (in genere al limone) con cui avete concluso una splendida cena (30 ml x 3), hanno aggiunto a quello che vi siete già bevuti altri 24 grammi di alcol puro; un modesto bicchierino di quell infuso di erbe che fanno i frati, equivale a circa mezzo litro di birra a gradazione 5%. 160

6 ...PRIMA Negli ultimi anni, poi, sono diventati di moda quelli che io chiamo camaleonti : bevande alcoliche che tutto sembrano a prima vista, meno che alcoliche. L inghippo sta nel fatto che in genere sono basate su succhi di frutta: ma dentro c è anche alcol, e spesso nemmeno poco. Occhio, dunque, a quello che bevete: guardate sempre bene l etichetta o, se siete in un locale un pub o una discoteca, ad esempio -, chiedete ragguagli a chi vi propone la bevanda. Le Unità Alcoliche : un modo intelligente e rapido di ricavare il segnale Gli alcologi (ovvero, i medici che si occupano dei problemi di salute derivanti dal consumo di alcol), per concentrare l attenzione di chi beve più sull alcol che egli assume che non sulla specifica bevanda alcolica consumata, hanno creato un interessante concetto: quello di Unità Alcolica (U.A.). In altri termini, definita una U.A. (in genere pari a 12 grammi di alcol), si rapportano a questa le consumazioni standard delle singole bevande, creando così una sorta di tabella di equivalenze. In questo ordine di idee, un bicchiere medio di vino (circa 150 ml), una lattina di birra (333 ml), un bicchierino di superalcolico (circa 40 ml), equivalgono tutti e tre a circa una U.A.. In questo modo di vedere le cose, le quantità raccomandate dall Organizzazione Mondiale della Sanità per soggetti adulti in buona salute diventano 3 U.A. per i maschi e 1.5 U.A. per le femmine. Questa proposta del mondo dell alcologia appare di grande semplicità e ben praticabile per avere quel segnale di massima di cui si parlava all inizio. Non a caso, le U.A. sono molto utilizzate in altri paesi dai consumatori di bevande alcoliche. Conclusioni L alcol, come si è visto nel precedente articolo, se non si sta in guardia compromette la nostra vigilanza, la nostra salute ed è assai dannoso, nel caso dei soggetti maschi, per quella che possiamo indicare eufemisticamente col termine virilità (nonostante che film e pubblicità suggeriscano sempre il contrario). Poiché il nostro fegato è già straimpegnato da tutto quello che mangiamo, anche per via degli inquinanti, ormai omnipresenti in tracce negli alimenti, forse conviene farsi un po di conti. Quanto vi abbiamo qui proposto è un tentativo per facilitarvi in questo compito. Note 1) Nei paesi europei, sul contenitore della bevanda è sempre indicata la percentuale in volume di alcol presente (la gradazione). Questo può non avvenire in altri paesi, come ad esempio, negli USA. 2) Tecnicamente, nel caso di bevande non fermentate, si parla di distillati e di liquori. Il distillato è il risultato della distillazione di un certo materiale (es. vinacce, vino, frutta, cereali, patate, ecc.); il liquore è costituito invece da una base di alcol (puro o quasi) cui vengono aggiunti elementi vegetali (es. erbe, frutta, radici, ecc.). 161

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8!

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8! www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Quanto alcol sto

Dettagli

Un modo semplice, intuitivo e immediato per la stima del tasso alcolemico: il metodo Dosi di Giancarlo Dosi 1

Un modo semplice, intuitivo e immediato per la stima del tasso alcolemico: il metodo Dosi di Giancarlo Dosi 1 Un modo semplice, intuitivo e immediato per la stima del tasso alcolemico: il metodo Dosi di Giancarlo Dosi 1 Le formule attualmente disponibili per calcolare il tasso alcolemico sono particolarmente complesse

Dettagli

Velocità reale e velocità virtuale: i paradossali effetti della distrazione alla guida

Velocità reale e velocità virtuale: i paradossali effetti della distrazione alla guida www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Velocità reale

Dettagli

6. I consumi eccedentari 22

6. I consumi eccedentari 22 Gli italiani e l alcool Consumi, Tendenze e Atteggiamenti in Italia Sesta Indagine Doxa - Osservatorio Permanente Giovani e alcool Gennaio 2011 1 Indice Pag. 1. Premessa 3 2. Consumatori e non consumatori

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

IL PRIMO SORSO DI BIRRA Giovani e Alcool

IL PRIMO SORSO DI BIRRA Giovani e Alcool IL PRIMO SORSO DI BIRRA Giovani e Alcool ricerche, riflessioni, spunti elaborati su una iniziativa del Gruppo Giovani di Castions di Strada sul tema dell'alcool Gruppo Giovani di Flumignano e S.Andrat

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Ti chiediamo di rispondere con la massima tranquillità e sincerità alle domande che troverai di seguito: tieni presente che il questionario è anonimo per ogni domanda,

Dettagli

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica Progetto Grafi co federico grazzini BERE... tira su? Volevi passare una serata da latin lover e credevi

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Informazioni di base. ALCOL: informazioni di base 1

Informazioni di base. ALCOL: informazioni di base 1 Informazioni di base ALCOL: informazioni di base 1 Pur rappresentando una sostanza giuridicamente legale, l alcol è una sostanza psicotropa che può dare dipendenza, oltre a causare patologie, traumi gravi,

Dettagli

A B C. della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI. Manuale ad uso dei lavoratori. A. Messineo S. Villarini A.

A B C. della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI. Manuale ad uso dei lavoratori. A. Messineo S. Villarini A. A. Messineo S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., dell art.

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE A cura di: Kashem Lubaba Omerovic Ismeta Omerovic Ramayana III A Anno Scolastico 2009 2010 LE BEVANDE ALCOLICHE L alcool è l ingrediente

Dettagli

www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto

www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto Cos è E la campagna di prevenzione alcologica promossa dal Gruppo Alcologia del DIPARTIMENTO per le Dipendenze dell Ulss n.6 di Vicenza Il messaggio di

Dettagli

parole sull alcol R.Stella, 2013 1

parole sull alcol R.Stella, 2013 1 R.Stella, 2013 1 parole sull alcol Che cosa è una dose moderata di alcol 2 Gli effetti dell alcol sull organismo sono molto variabili da individuo a individuo, risentendo di numerosi fattori come il sesso,

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità Il metodo del Rispondente Cancellato (ERM) per i controlli su strada della guida sotto l influenza di alcol o sostanze (e non solo): un paradigma illustrativo. Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento

Dettagli

Alcol.piacere di conoscerti!

Alcol.piacere di conoscerti! Alcol.piacere di conoscerti! Cesenatico, 10 Settembre 2010 Marco Matassoni Cosa ci fa pensare la parola alcol? un abitudine piacevole con molte controindicazioni un abitudine che si può modificare abbastanza

Dettagli

Comitato Alcol e Territorio Saronno

Comitato Alcol e Territorio Saronno Dipartimento delle Dipendenze (Direttore Dr. Vincenzo Marino) U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede Ser.T. di Saronno Comitato Alcol e Territorio Saronno N 15 INFORMAZIONE E PREVENZIONE ALCOLOGICA

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi, Marco Giustini,

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini Progetto: SICUREZZA STRADALE 2007 Sede Centrale ISISS Mostra informativa sui pericoli dell alcol A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini per mille : questi illustri sconosciuti

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1

Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1 Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1 Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 2 2 La Salute non è solo assenza di malattia ma molto di più: è vivere con ritmi che rispettano i propri limiti,

Dettagli

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 I dati del sistema di sorveglianza PASSI anni 2011-2012 Rapporto a cura di: Annamaria Del Sole (Coordinatore Aziendale PASSI Dipartimento di Prevenzione AULSS 19),

Dettagli

Al bar UNITÀ 2. Ciao Carla, come va? Ciao Giulia, come stai? Buongiorno, come va? Benissimo, grazie e tu? Non c è male e Lei, signor Fabbri, come sta?

Al bar UNITÀ 2. Ciao Carla, come va? Ciao Giulia, come stai? Buongiorno, come va? Benissimo, grazie e tu? Non c è male e Lei, signor Fabbri, come sta? chiedere a una persona come sta dire come stiamo e ringraziare esprimere desideri (vorrei + infinito) parlare al telefono ordinare al bar il verbo stare i numeri da 0 a 9 i sostantivi al singolare l articolo

Dettagli

Che cos è l alcolemia

Che cos è l alcolemia Che cos è l alcolemia L alcolemia è la concentrazione di alcol nel sangue che si esprime con il numero di milligrammi presenti in 100 millilitri di sangue e all aumento di tale valore corrisponde un decremento

Dettagli

STATISTICA MATEMATICA Scheda sintetica

STATISTICA MATEMATICA Scheda sintetica STATISTICA MATEMATICA Scheda sintetica Studenti interessati: Classe IIE del Liceo Socio-Psico-Pedagogico S.Pertini, Succursale di Corso Magenta, Genova: 18 Studenti (16 F +2 M). Insegnanti coinvolti: Grazia

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ALCOL: il consumo in Italia

ALCOL: il consumo in Italia ALCOL: il consumo in Italia 1 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo di Direzione: Ricercatrice: Riccardo C. Gatti Riccardo C. Gatti Corrado Celata Susanna Bonora Osservatorio Regionale per le Dipendenze

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono Scuola dell infanzia di Legoli la casa sull albero Ins. Giorgi Michela- Sartini Antonella Parte prima IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono L acqua del mare è salata perché c è il sale Si sente bene che

Dettagli

TUTORIAL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!www.protezionecitta.it!

TUTORIAL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!www.protezionecitta.it! TUTORIALwww.protezionecitta.it Effetti dell'alcool (limiti e sanzioni) Effetti oggettivi dell alcool Gli effetti negativi dell alcool sulla guida sono ben noti. Esso agisce su diverse funzioni cerebrali

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

La massima alcolemia può essere: 0.5 per la gente comune 0 per i tassisti 0.2 per i neopatentati

La massima alcolemia può essere: 0.5 per la gente comune 0 per i tassisti 0.2 per i neopatentati Nei giorni 29/11/2012 e 11/12/2012, dalle ore 8.30 alle ore 10.15,noi ragazzi della classe 3c della Scuola Secondaria di 1 grado''frate Francesco'' di Assisi, ci siamo incontrati con gli operatori Infojò

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

CHE COSA E L ALCOL ALCOL E ALCOLISMI

CHE COSA E L ALCOL ALCOL E ALCOLISMI CHE COSA E L ALCOL Con il termine alcol si definisce comunemente l alcol etilico o etanolo, alcol monovalente, primario, saturo che si presenta come sostanza liquida, incolore e che si forma per fermentazione

Dettagli

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Con questo breve opuscolo vogliamo darti qualche informazione rispetto ai danni che l uso e

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

Valori economici della grappa e situazione degli spirits in Italia

Valori economici della grappa e situazione degli spirits in Italia Valori economici della grappa e situazione degli spirits in Italia Il comparto produttivo della Grappa conta 136 distillerie E oltre 500 imbottigliatori e più di 3000 marchi La produzione è di 44.000.000

Dettagli

Studio sul consumo di alcol tra i giovani dai 16 ai 34 anni

Studio sul consumo di alcol tra i giovani dai 16 ai 34 anni Dipartimento federale delle finanze DFF Regìa federale degli alcool RFA RCP Studio sul consumo di alcol tra i giovani dai 16 ai 34 anni Sintesi del rapporto finale Basato su: istituto LINK, Comportements

Dettagli

Quello che c è da sapere sull alcol

Quello che c è da sapere sull alcol Schede di approfondimento Quello che c è da sapere sull alcol Vi siete mai chiesti cosa accade quando si consumano alcolici, se è proprio vero che le donne sopportano l alcol meno degli uomini, o se un

Dettagli

sai quando basta? www.sai-quando-basta.it

sai quando basta? www.sai-quando-basta.it sai quando basta? www.sai-quando-basta.it ... per mille : questi illustri sconosciuti... La quantità di alcol presente nel sangue di una persona che ha bevuto alcolici viene chiamata alcolemia e può essere

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina. UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo

IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina. UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo Denominazione Un cin cin di troppo Compito Un sabato sera Luca

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

la lotta al cancro non ha colore Alcol il nemico in un bicchiere insieme contro il cancro

la lotta al cancro non ha colore Alcol il nemico in un bicchiere insieme contro il cancro la lotta al cancro non ha colore la lotta al cancro non ha colore Alcol il nemico in un bicchiere insieme contro il cancro Perché questo opuscolo? Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l

Dettagli

I consumi di bevande alcoliche FABIO VOLLER

I consumi di bevande alcoliche FABIO VOLLER I consumi di bevande alcoliche FABIO VOLLER Consumatori di vino (%) nella vita, nell ultimo anno, nell ultimo mese 90 80 87,8 81,3 81,5 MASCHI FEMMINE 71 70,4 70 60 50 40 57,7 30 20 10 0 VITA ANNO MESE

Dettagli

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

PROGETTO NAUTILUS ANNO SCOLASTICO 2013-2014

PROGETTO NAUTILUS ANNO SCOLASTICO 2013-2014 U.O.C. Ser.T. Pomigliano d Arco PROGETTO NAUTILUS ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Progetto di prevenzione delle dipendenze da sostanze stupefacenti, da tabacco, da alcolici, da internet e da video giochi in

Dettagli

Gruppo di lavoro Guadagnare salute

Gruppo di lavoro Guadagnare salute REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA www.ulss16.padova.it Via Enrico degli Scrovegni n. 14 PADOVA 35131 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Gruppo di lavoro Guadagnare salute LE BEVANDE ALCOLICHE ED

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA-UFFICIO VII RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI

Dettagli

Certo, bere in discoteca è impegnativo anche dal punto di vista economico.

Certo, bere in discoteca è impegnativo anche dal punto di vista economico. L alcol LA DIFFUSIONE DEL CONSUMO DI ALCOLICI Il 74% degli interpellati ha bevuto birra, il 60,6% superalcolici. Si è ubriacato almeno una volta il 32,8% degli intervistati. mai 1/poche 1 o + Totale volte

Dettagli

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo.

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Dott.ssa Stefania Marzona Tecnologa Alimentare Incontro pubblico gratuito Come affrontare le vacanze senza problemi promossa dal Distretto

Dettagli

Monitoraggio svizzero delle dipendenze

Monitoraggio svizzero delle dipendenze Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione sanità pubblica Monitoraggio svizzero delle dipendenze Alcol L'essenziale in breve Ottobre 2012 Il

Dettagli

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute.

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. Le nuove scoperte avvenute nel campo scientifico e medico hanno notevolmente aumentato la qualità della vita. Contemporaneamente, l inquinamento,

Dettagli

I Completare le frasi con le forme convenienti del pronome accoppiato

I Completare le frasi con le forme convenienti del pronome accoppiato PRONOMI COMBINATI ESERCIZI I Completare le frasi con le forme convenienti del pronome accoppiato 1. Ti ho detto che hai torto -->......ho detto, no? 2. Ti do una caramella -->......`ho data. 3. La fai

Dettagli

CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL

CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL Centro Sperimentale per l Educazione Sanitaria - Perugia 1 Definizione: le caratteristiche della sostanza alcool Le bevande alcooliche sono composte principalmente

Dettagli

Osservatorio Nazionale Alcol - OssFAD

Osservatorio Nazionale Alcol - OssFAD I giovani e l alcol: istruzioni per l uso Dieci suggerimenti ai genitori per favorire una scelta responsabile dei figli Emanuele SCAFATO 1 e Rosaria RUSSO Osservatorio su Fumo, Alcol e Droga Istituto Superiore

Dettagli

Campagna di Informazione e Prevenzione degli Abusi di Prodotti Alcolici per chi Guida

Campagna di Informazione e Prevenzione degli Abusi di Prodotti Alcolici per chi Guida e e Reparto Incidenti Stradali - Centrale operativa Campagna di Informazione e Prevenzione degli Abusi di Prodotti Alcolici per chi Guida Questo opuscolo specifico per i partecipanti al Corso per Sommelier

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

Oggi scelgo di...bere sano

Oggi scelgo di...bere sano Oggi scelgo di...bere sano LO SAPEVI CHE.. È arrivato il drink Coke Malibù detto anche Malibù e Cola, che toglierà il Sex on the Beach dall Olimpo dei cocktail. Infatti sono i due drinks più richiesti,

Dettagli

ALCOL. per saperne di più. per saperne di più

ALCOL. per saperne di più. per saperne di più per saperne di più Il consumo di bevande alcoliche è uno dei fattori che influenzano lo stato di salute e quindi il benessere della persona. Bere è un comportamento individuale ma è necessario essere consapevoli

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano

DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano In italiano ci sono verbi che si usano con i pronomi diretti e verbi che si usano solo con i pronomi indiretti. Ma ci sono anche molti verbi che si

Dettagli

Manuale per la produzione di birra con l uso di kit.

Manuale per la produzione di birra con l uso di kit. Manuale per la produzione di birra con l uso di kit. Se vuoi provare a farti la birra in casa e non hai né tanto tempo né spazio a disposizione, il modo più semplice è quello di utilizzare le miscele di

Dettagli

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

La prima cosa è chiedere a se stessi: Me la sento di uscire?

La prima cosa è chiedere a se stessi: Me la sento di uscire? Per vivere una serata piacevole e sana la migliore cosa è quella di programmarla in modo di potersi divertire senza incorrere in troppi inconvenienti spiacevoli. La prima cosa è chiedere a se stessi: Me

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che si deve sapere sull alcol e le altre sostanze generanti dipendenza nel posto di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che si deve sapere sull alcol e le altre sostanze generanti dipendenza nel posto di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che si deve sapere sull alcol e le altre sostanze generanti dipendenza nel posto di lavoro. Una campagna Suva in collaborazione con l'istituto svizzero di prevenzione

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

C L I D A P 3 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO. Esami CLIDA. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze. Sede esame.

C L I D A P 3 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO. Esami CLIDA. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze. Sede esame. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze Esami CLIDA C L I D A P 3 E S A M E 0 4 0 3 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO Sede esame Cognome Nome Firma... Prove scritte Inizio della

Dettagli

Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015

Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 0 Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 Gruppo di lavoro Carlo Di Pietrantonj, Servizio Sovrazonale Epidemiologia SSEpi-SeREMI-ASL

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli