CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE I PROBLEMI DELLA GESTIONE INTERNAZIONALE DEL KOSOVO POST-BELLICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE I PROBLEMI DELLA GESTIONE INTERNAZIONALE DEL KOSOVO POST-BELLICO"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE I PROBLEMI DELLA GESTIONE INTERNAZIONALE DEL KOSOVO POST-BELLICO Tesi di Laurea di: Michele Luppi Matr Relatore: Prof. Alessandro Vitale Anno Accademico 2004/2005 1

2 INDICE TESINA Introduzione: L emergere della questione albanese pag 3 Il Kosovo per il nazionalismo Serbo pag 4 Il Kosovo nel XX secolo pag 5 Capitolo 1: Amministrazione Internazionale del Kosovo Risoluzione 1244 pag 13 Problemi e ambiguità della Risoluzione pag Struttura dell Amministrazione internazionale: UNMIK e K-FOR pag 22 Processo Democratico pag 31 Le elezioni in Kosovo pag 37 Errori e problemi dell Amministrazione Internazionale pag 42 2

3 Insanabilità e collasso economico pag 48 Conclusione: Quale futuro per il Kosovo? Indipendenza o Autonomia pag 57 I colloqui per il decentramento: le due partite pag 61 Bibliografia pag 67 3

4 INTRODUZIONE Con il lancio dell operazione Allied Force, per la prima volta nella sua storia la NATO è stata protagonista di un azione militare offensiva, attaccando uno stato sovrano e violando la carta dell ONU. L intervento in Kosovo ha rappresentato per l Alleanza Atlantica un vero punto di svolta con la sua trasformazione da Alleanza Difensiva a Comunità di Sicurezza. Come sottolineato da Michael Waller: La decisione NATO di lanciare un attacco aereo contro la Jugoslavia, in risposta alla campagna di pulizia etnica Serba in Kosovo, è stato un momento cardine nello sviluppo dell ordine internazionale dalla fine della guerra fredda. 1 La fine dei bombardamenti il 10 giugno 1999 e la votazione, con la sola astensione della Cina, della Risoluzione 1244, da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, segnarono la fine della Guerra e l inizio dell Amministrazione Internazionale. Da quel giorno sono passati sei anni e mezzo ma la questione dello status della provincia, ancora formalmente parte della Serbia, rimane un dilemma irrisolto. Dimenticata per anni dalla Comunità Internazionale, la Regione è precipitata in un vero e proprio limbo. La questione Kosovara è stata sostituita nell agenda politica internazionale da nuove problematiche come la lotta al Terrorismo, le Guerre in Afghanistan e Iraq, la questione Palestinese e i disastri ambientali. L instabilità e l incertezza politica in cui è precipitato il Kosovo, scoraggiando l arrivo di capitali ed investitori stranieri, hanno trasformato l inevitabile crisi economica che accompagna ogni guerra, in un vero e proprio collasso. Oggi la provincia vive una situazione estremamente difficile. Accanto al processo democratico in atto, con il passaggio dei poteri verso le nuove istituzioni Kosovare, si assiste all incapacità di porre fine alle violenze inter-etniche che tendono periodicamente ad emergere. La provincia è divenuta il centro di attività illecite legate al contrabbando e al traffico di esseri umani, armi e droga. Questi problemi alimentano la sfiducia della 1 David Chandler: Kosovo and the Remaking of International Relations, The Global Review of Ethnopolitics, vol 1, n 4, Giugno 2002,

5 popolazione nei confronti dell UNMIK. Le violenze scoppiate nel marzo 2004 da parte della popolazione albanese, che ha colpito le enclavi serbe ma anche le sedi dell Amministrazione Civile, ne sono la dimostrazione. Questa difficile situazione è sicuramente il frutto della guerra e della delicatezza del quadro geopolitico regionale, con il desiderio di indipendenza degli albanesi da una parte e la voglia di Belgrado di mantenere la propria sovranità dall altra, ma non solo. In questi anni gli amministratori internazionali hanno commesso dei gravi errori, a partire dall ambiguità della Risoluzione 1244, e si sono dimostrati spesso impreparati a gestire la situazione. In questi ultimi mesi sembra che qualcosa si stia finalmente movendo per cercare di trovare una soluzione al dilemma dello status, che come sottolineano gli osservatori internazionali, deve essere il frutto del dialogo tra Belgrado e Pristina. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha incaricato, l ex presidente Finlandese, Martti Ahtissari, di promuovere i colloqui tra le due diplomazie. Nel mese di febbraio del 2006 si terranno a Vienna i primi incontri sulla questione del decentramento. Secondo quanto dichiarato da Kofi Annan la soluzione alla questione kosovara sarà trovata entro la fine del Per risolvere i problemi della provincia è necessario avviare una vera e propria Road Map che chiarisca definitivamente quale sarà il futuro della regione, dettando i tempi di questa transizione. Un progetto di lungo periodo che porti non solo il Kosovo, ma l intera area balcanica, verso l Unione Europea attraverso lo sviluppo di un integrazione economica tra i paesi dell area. Processo reso possibile solo dando stabilità all intera regione e ridando agli albanesi e ai serbi fiducia negli amministratori internazionali. Solo così sarà possibile, con l aiuto finanziario dei paesi Europei, avviare un processo di sviluppo economico. In questo cammino è necessario l impegno dei leader kosovari per favorire la stabilità politica, messa duramente alla prova dopo la morte del presidente e padre del Kosovo, Rugova, e troppo spesso minacciata dal coinvolgimento dei politici albanesi in traffici illeciti e in episodi di corruzione. Solo in questo modo si potrà evitare che il Kosovo e il sud dei balcani ricada nella spirale della violenza, legata a odi etnici, faide interne e traffici illeciti, con il terrorismo islamico sempre alla porte. 5

6 L EMERGERE DELLA QUESTIONE ALBANESE Il Kosovo nonostante le sue piccole dimensioni (i suoi 11 mila km quadrati rappresentano l 11% del territorio della Repubblica di Serbia) è da secoli al centro di un contenzioso internazionale, rivendicato contemporaneamente sia dai Serbi che dagli Albanesi. Per i primi la regione rappresenta il cuore del primo stato Serbo, fondato nel 1100, e la culla della Chiesa Ortodossa Serba. Nel 1346 infatti, proprio in Kosovo, a Pec, venne insediato il Patriarcato della Chiesa Ortodossa. Gli albanesi invece rivendicano l area in quanto costituiscono da sempre la popolazione maggioritaria, oggi rappresentano il 90% dell intera popolazione (circa 2 milioni di persone). Secondo alcuni studiosi, inoltre, gli albanesi sarebbero i discendenti degli Illiri, antica popolazione indoeuropea che occupò la Grecia e la penisola Balcanica a partire dal 6 secolo a.c, molti secoli prima dell arrivo delle tribù serbe. La questione albanese si è affermata al centro del dibattito internazionale per la prima volta al Congresso di Berlino nel La conferenza diplomatica aperta il 13 giugno, era stata organizzata dal Bismark per rivedere le clausule del trattato di Santo Stefano (3 marzo 1878), con il quale l impero ottomano, appena sconfitto, aveva fatto ampie concessioni alla Russia vittoriosa e agli Slavi nei Balcani. Proprio in quell occasione le potenze Europee riconobbero lo status indipendente delle Serbia, decretando la completa emancipazione del Regno di Serbia dall Impero Ottomano. In quei giorni si riunì a Prizren, città nel Kosovo meridionale al confine con l Albania, un assemblea di notabili albanesi per protestare contro la decisione del Congresso di cedere alla Grecia e al Montenegro, terre abitate dai loro connazionali. Nacque così, con il sostegno iniziale del governo di Istanbul, la Lega di Prizren, che ruppe ben presto con l Impero Ottomano, rivendicando nel novembre successivo, l autonomia del popolo albanese. Iniziò così una vera e propria lotta di liberazione che culminò nel 1881 con la costituzione di un governo provvisorio, soffocato nel sangue dall intervento militare turco. Per quanto di breve durata, la Lega di Prizren, fu il segnale di una rinascita degli Albanesi, che seppero superare le differenze di religione, di lingua e di clan, dando 6

7 vita ad un risorgimento culturale e nazionale che li avrebbe reinseriti con pieno diritto nella realtà europea. 2 L idea degli albanesi era quella di opporsi all espansionismo di uno stato nazionale emergente nei balcani. A Belgrado si stava, infatti, affermando l idea della costituzione di una Grande Serbia che avrebbe dovuto includere non solo le terre abitate dai Serbi, ma anche tutte le terre in cui avevano vissuto e i luoghi significativi per la loro storia e cultura. IL KOSOVO PER IL NAZIONALISMO SERBO Il Kosovo incuneato fra Albania, Macedonia, Serbia e Montenegro, pur sprovvisto di barriere naturali di valore storico o simbolico, con le sue memorie e i suoi santuari rappresenta nella sua interezza per i serbi un simbolo della loro individualità religiosa, culturale e politica, una specie di Gerusalemme, segnata però, al pari di essa, da un grosso neo: quello di essere abitata per lo più da una popolazione diversa, gli albanesi. 3 L importanza della regione per il nazionalismo serbo risale al 1389, anno in cui, nella Piana dei Merli in Kosovo si tenne una battaglia in cui i Turchi travolsero le armate cristiane guidate dal principe serbo Lazar e stabilirono il proprio dominio sulla regione 4. Questa data segnerà la definitiva affermazione dell Impero Ottomano nei Balcani. Le gesta eroiche dei guerrieri serbi furono narrate in un ciclo di poesie popolari intitolato I Canti del Kosovo, che costituiscono uno dei fondamenti del nazionalismo serbo. Quella narrata in questo poema epico non è per i nazionalisti una semplice battaglia ma lo scontro decisivo tra Cristianità e Islam, in cui il popolo Serbo si era immolato per il bene di tutta l Europa, come Cristo per il genere umano. Da allora nella coscienza nazionale serba questa battaglia ha acquistato una dimensione mistica a cui si collegava il destino della nazione. 2 Joze Pirjevec: Le Guerre Yugoslave Joze Pirjevec: Le Guerre Yugoslave Stefano Bianchini: La questione Jugoslava Giunti Editore pag. 28 7

8 I canti del Kosovo hanno rappresentato per tutti i serbi un supporto morale e psicologico durante i secoli di dominio turco. A partire dal 1814, sotto l influsso del romanticismo tedesco, ci fu un proliferare di altri canti epici ispirati ai canti del Kosovo, come il famoso poema Il serto della Montagna, che portarono alla nascita di un mito risorgimentale di grande impatto emotivo 5. L importanza del Kosovo per la cultura serba non è legata soltanto a questi avvenimenti ma anche all ambito religioso. A partire dal medio evo questa regione ha rappresentato la culla della Chiesa Ortodossa Serba. La sacralità di questa terra è sottolineata dal nome stesso con cui ancora oggi viene chiamata nei documenti ufficiali serbi: Kosovo-Metohia, dove Metohia significa terra monastica. Oggi in Kosovo si possono ammirare circa 20 santuari Cristiano Ortodossi e altre chiese minori, costruiti nel medio-evo, che rappresentano ancora importanti luoghi di pellegrinaggio per la comunità serba. IL KOSOVO NEL XX SECOLO Il teatro di guerra del Kosovo, pur condizionato anch esso dalla volontà di potenza dei serbi, ha caratteristiche proprie, dato che vi si confrontano due etnie non già imparentate, come quelle slave del Sud, ma profondamente diverse per lingua e religione. Fin dal loro inserimento nello Stato Serbo, dopo le guerre balcaniche , gli albanesi, in maggioranza di religione mussulmana, furono avvertiti dai serbi come un corpo estraneo, da distruggere o espellere al più presto e con qualsiasi mezzo. A questa politica che assunse spesso nel corso dei decenni caratteri genocidi, gli albanesi opposero un inattesa capacità di resistenza e un incremento demografico che ridusse i serbi della provincia all ingrato ruolo di minoranza, alimentandone il nazionalismo. 6 5 S Stefano Bianchini: La questione Jugoslava Giunti Editore pag Joze Pirjevec: Le Guerre Jugoslave

9 Nel 1912 dopo la definitiva sconfitta dell Impero Ottomano nei Balcani, Serbia, Montenegro, Romania e Grecia si scontrarono con la Bulgaria per dividersi i territori strappati ai Turchi. In quell occasione il Governo Serbo riuscì ad assicurarsi una porzione della Macedonia e l intera piana del Kosovo, sebbene in questi territori la maggioranza della popolazione fosse albanese. Nello stesso anno grazie all aiuto dell impero Austro-Ungarico l Albania divenne uno stato Europeo. Nel 1921 i Kosovari, trattati dai serbi come una popolazione inferiore, fecero una petizione alla Società delle Nazioni per chiedere l annessione all Albania, ma la richiesta fu negata. Nel 1941 le truppe tedesche, italiane, ungheresi e bulgare attaccarono la Jugoslavia e mentre la Serbia divenne un protettorato Tedesco, il Kosovo venne ceduto all Italia all interno della Grande Albania. Questa situazione accolta con grande favore dagli albanesi, contribuirà a minare la convivenza futura con i Serbi. Proprio in questi anni i nazionalisti albanesi formarono i Balli Konbetar, un movimento di resistenza che mirava a favorire l unificazione tra il Kosovo e l Albania 7. Quando dopo il 1943 la regione tornò sotto la sovranità di Belgrado questo comportamento fece sì che gli albanesi venissero considerati dei nemici e soggetti a terribili rappresaglie. Dopo l ascesa al potere di Tito e la sua ristrutturazione federale venne creata la provincia autonoma del Kosovo. La Costituzione Jugoslava del 1946 definiva gli Albanesi una nazionalità e non una nazione. Questa particolare definizione non dava quindi agli albanesi Kosovari diritto a una repubblica propria. Nel 1968 in un momento di grande tensione tra URSS e Jugoslavia, gli albanesi di Pristina scesero in piazza per protestare contro le discriminazioni subite. Chiedevano di staccarsi dalla Serbia, ma rimanendo nell ambito della federazione, assumendo uno status che gli avrebbe dato diritto alla secessione e all autodeterminazione. La richiesta venne respinta perché considerata pericolosa, in quanto rendeva ancora più difficili i rapporti tra Jugoslavia e Albania, paese che dopo il 1948 si era schierato al fianco di Stalin, contro Tito. Il Governo di Belgrado decise tuttavia di soddisfare le legittime richieste della popolazione albanese concedendole, almeno, un effettiva autonomia a livello culturale e amministrativo. Diritti ribaditi nella nuova Costituzione Jugoslava del 1974, che 7 Carole Rogel: Kosovo: where it all began International Journal of Politics, Culture and Society Vol 17, n

10 stabiliva l impossibilità della Serbia di influire sulle scelte interne delle province autonome. Il Kosovo divenne così una delle otto unità ufficiali della federazione. La causa nazionale serba si riaffermò sulla scena balcanica nel 1980 con la morte di Tito. Nel 1981 gli albanesi tornarono a protestare contro la crisi economica rivendicando il diritto di staccarsi dalla Serbia. Nel 1986 l Accademia delle Scienze e delle Arti di Belgrado realizzò un Memorandum in cui si chiedeva il ripristino della piena sovranità di Belgrado sulle province autonome del Kosovo e della Vojvodina. Il manifesto fu sostenuto da una grande mobilitazione di massa guidata da Slobodan Milosevic, che alla fine del 1987 riuscì con un golpe ad impossessarsi della guida del Partito Comunista Jugoslavo. Il 6 dicembre 1989 Milosevic venne eletto presidente dalla Serbia. Appena insediatosi al potere impose il controllo sulle due province autonome, i cui benefici costituzionali erano stati aboliti l anno precedente. Il governo serbo emise una serie di decreti legge fortemente discriminatori nei confronti degli albanesi del Kosovo, dove venne istaurato un vero e proprio governo coloniale di stampo poliziesco che dava alle forze di sicurezza e al Movimento di Resistenza Serbo (e al suo braccio armato) poteri illimitati. In risposta il 2 luglio 1990, 114 albanesi del Parlamento di Pristina proclamarono l indipendenza della regione, sia pure nell ambito della federazione. Il 28 settembre Milosevic rispose dando vita ad una purga di grandi dimensioni a danno di 115 mila dipendenti statali albanesi (medici, insegnanti, giornalisti, funzionari) e sciogliendo tutte le organizzazioni politiche, culturali e sportive. Le vicende Kosovare iniziarono poi ad intricarsi con le drammatiche vicende delle altre Repubbliche della Jugoslavia, sconvolte dalla guerra. Per quattro anni, dal 27 giugno 1991 al 14 dicembre 1995, l intera penisola balcanica è stata attraversata dalle vicende belliche. Il 22 settembre 1991, seguendo l esempio delle due repubbliche ribelli, Slovenia e Croazia, i Kosovari organizzarono un referendum clandestino per chiedere l Indipendenza. I votanti, circa l 87% della popolazione, si espressero a favore. Il 19 ottobre 1991 il Parlamento del Kosovo proclamò l indipendenza, chiedendo nel dicembre il riconoscimento alla Comunità Europea come previsto dall appello 10

11 rivolto nei mesi precedenti alle repubbliche ex Jugoslave. Riconoscimento che fu però negato. Dietro a questa decisione vi erano anche ragioni politiche: sollevare la questione albanese avrebbe creato problemi non solo in Serbia ma anche in Macedonia, Grecia e Montenegro. Nonostante questa sconfitta vennero organizzate elezioni clandestine, tenutesi il 24 maggio 1992, vinte con voto quasi plebiscitario dalla Lega Democratica del Kosovo (LDK) del leader Ibrahim Rugova, professore di letteratura albanese, laureato all Università Sorbona di Parigi e convinto sostenitore di una linea pacifista. Il suo slogan era Kosovo indipendente con mezzi pacifici e politici. Negli anni della guerra in Croazia e Bosnia-Erzegovina, il Kosovo fu in parte dimenticato da Belgrado tanto che nella regione sorse un vero Stato Ombra dotato di proprie strutture politiche, sociali, mediche e d informazione. Questa organizzazione era sostenuta da un governo in esilio a Stoccarda, istituito nell ottobre 1991, da Bujar Bukashi e finanziato dalla numerosa comunità kosovara dell Europa Centrale. La situazione degenerò subito dopo la conclusione degli accordi di Dayton. Nella fretta di arrivare ad una conclusione della questione Bosniaca, la diplomazia americana decise di ignorare la questione del Kosovo accettando la tesi di Milosevic che parlava di problemi interni. Dopo la firma degli accordi Milosevic non fece nulla per migliorare i rapporti con gli albanesi, guastati nel 1989 quando l autonomia della provincia era stata abolita grazie ad alcuni emendamenti alla Costituzione. Gli albanesi erano considerati usurpatori di una terra sacra, la culla della Nazione, per questo considerati primitivi e sottosviluppati 8. Nel 1996 l UE riconobbe la Repubblica federale Jugoslava per premiarla dopo la svolta del riconoscimento della Macedonia. Intanto in Kosovo cresceva la repressione dell etnia albanese. Nel corso del 1997 le forze di sicurezza serbe uccisero 35 persone, 16 delle quali in stato di arresto. Il 28 novembre ad un funerale di un uomo ucciso dalla polizia, trasformatosi in manifestazione di massa, comparvero per la prima volta 3 guerriglieri mascherati, che portavano sul petto la grande aquila nera su sfondo rosso, simbolo dell Albania. 8 Joze Pirjevec: Le Guerre Jugoslave

12 Nasceva così il Kosovo Liberation Army (KLA, acronimo albanese UCK), che rivendicava l indipendenza della Regione e la creazione di una Grande Albania. Il 24 settembre 1997 il Gruppo di Contatto (USA, UK, Russia, Francia, Germania), formatosi durante la guerra in Bosnia Erzegovina, con l aggiunta dell Italia invitarono le parti al dialogo, riportando la situazione kosovara al centro del dibattito internazionale. Gli Stati Uniti consideravano la regione un territorio chiave per la stabilità della penisola dichiarando però che l indipendenza non era un opzione accettabile. Nel frattempo si intensificavano gli attacchi del KLA. Il 31 marzo 1998 per la prima volta il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite intervenne sul conflitto in Kosovo definendolo una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale. Attraverso la Risoluzione 1160 il Consiglio deplorava l uso eccessivo della forza contro civili e dimostranti pacifici da parte della polizia Serba e allo stesso tempo gli attacchi del KLA, decretando un embargo sulla fornitura di armi alla Repubblica Federale di Jugoslavia. Nel 1998 il KLA era riuscito a liberare il 30-40% dell intero territorio kosovaro. Nel luglio i serbi con una controffensiva riconquistarono alcune importanti città e ripresero il controllo delle principali vie di comunicazione. Nel mese di maggio si tenne a Washington un incontro tra il leader dell LDK, Ibrahim Rugova e il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, per cercare di risolvere la situazione. Il 23 settembre le Nazioni Unite con la Risoluzione 1199 tornarono a chiedere il cessate il fuoco e la ripresa del dialogo. La Risoluzione prevedeva la riduzione delle truppe dell Armata Popolare Jugoslava in Kosovo, il dispiegamento sul terreno di 2 mila osservatori dell OSCE e l invio di una missione aerea di vigilanza della Nato. Gli accordi siglati in questa fase furono confermati dalla Risoluzione 1203 del 24 ottobre Intanto all interno della NATO prese sempre più forza l ipotesi di un possibile attacco aereo, sostenuta in particolare dal Segretario di Stato Americano, Madeleine Albright. Alcuni leader dell Alleanza Atlantica erano però preoccupati perché ritenevano che se la crisi fosse stata risolta con la forza della NATO sarebbe stato difficile impedire ai kosovari di chiedere la piena indipendenza, rigettando nel caos 12

13 l intera area balcanica. 9 Il 6 febbraio si aprirono a Rambouillet, vicino a Parigi, i colloqui di pace a cui parteciparono la delegazione Albanese guidata da Ibrahim Rugova e Hashim Thaci (leader del KLA) e quella Jugoslava capeggiata da Milosevic. Gli accordi discussi prevedevano il ritiro delle forze serbe e l amministrazione internazionale del Kosovo che sarebbe stato occupato dalle forze della NATO insieme ad un contingente Russo. Al momento non sarebbe stata concessa l indipendenza al Kosovo, veniva infatti riaffermata l Integrità territoriale della Jugoslavia. Venne stabilito inoltre che gli accordi sarebbero stati rivisti dopo 3 anni. Un secondo documento prevedeva una tregua, un assemblea rappresentativa ed elezioni. I Serbi considerarono la conferenza come una pagliacciata e si dimostrarono subito non pronti al compromesso, mentre gli albanesi, che vedevano uno spiraglio per la loro Indipendenza, firmarono l accordo il 18 marzo. Sulla decisione degli albanesi giocò un ruolo importante Madeleine Albright che promise ai Kosovari albanesi un referendum sull indipendenza entro 3 anni. 10 Il 23 febbraio la delegazione Serba rigettò gli accordi. Secondo alcuni storici gli Usa vollero gli accordi di Rambouillet per uno scopo preciso: provare definitivamente all Europa l intransigenza dei Serbi. In quei giorni l ininterrotta offensiva serba provocò altri 20 mila profughi. Il 24 marzo i vertici NATO diedero ufficialmente il via agli attacchi aerei, lanciando l operazione Allied Force. Contemporaneamente il KLA tornò all offensiva, così come i Serbi che intensificarono la pulizia etnica. La regione precipitò nel caos. Iniziò il cosiddetto esodo albanese che vide flussi di profughi, fino a mille persone ogni ora, che lasciarono il Kosovo verso l Albania, la Macedonia e il Montenegro. I bombardamenti colpirono postazioni militari e civili, come industrie, centrali energetiche, centri di potere, non solo in Kosovo ma anche in Serbia e nella stessa Belgrado. La crisi umanitaria si fece sempre più drammatica: dall inizio della guerra i dati parlano di oltre 800 mila profughi. Il 6 maggio 1999 si tenne al Petersberg Centre di Helsinki un importante incontro dei ministri degli esteri del G-8. L ordine del giorno prevedeva la preparazione di 9 Joze Pirjevec: Le Guerre Jugoslave Carole Rogel: Kosovo: where it all began International Journal of Politics, Culture and Society Vol 17, n

14 un documento comune per trovare una soluzione politica alla crisi Kosovara. L obiettivo di fondo era appianare le divergenze tra le diverse diplomazie Europee, dopo i dissidi nati all indomani dell intervento aereo della NATO, e in particolare riuscire a trovare un accordo politico con la Russia per la gestione del Kosovo nel dopo Guerra. Nella dichiarazione presentata al termine dell incontro si chiedeva la ritirata delle armate Serbe, la costituzione di un amministrazione internazionale guidata dalle Nazioni Unite, ribadendo però la Sovranità di Belgrado, e il dispiegamento di una forza militare formata dalla NATO e da un contingente Russo. Nei giorni seguenti le tensioni all interno del Consiglio di Sicurezza dell ONU erano destinati ad aumentare. Il 7 maggio i missili della NATO colpirono l ambasciata cinese a Belgrado creando una crisi diplomatica tra gli Usa e la Cina. Il 2 giugno una delegazione Europea si recò a Belgrado presentando l ennesimo accordo per porre fine alle ostilità. Il 3 giugno 1999 il parlamento Jugoslavo votò il documento proposto dal G8 che includeva tutte le richieste di Rambouillet, più la libertà di movimento per le truppe NATO e l accettazione dell amministrazione provvisoria delle Nazioni Unite. Sulla decisione di Milosevic di accettare gli accordi è stata molto influente la pressione di Mosca. Paradossalmente come scrisse Paul Rogers sulla rivista the World Today : la più grande ironia della guerra è che l Alleanza Atlantica fu salvata dalla difficile situazione in cui si era cacciata nel Kosovo dal suo nemico storico e dalla sua raison d ètre, la Russia. Il 9 giugno i vertici dell Armata Popolare firmarono con la NATO gli accordi di Kumanovo, un intesa tecnico-militare che prevedeva il ritiro delle Forze Serbe entro 11 giorni e il dispiegamento sul territorio della K-FOR (formata dalla Nato e dalla Russia), in totale 50 mila uomini divisi in 5 zone sotto il comando di USA, UK, Frangia, Germania e Italia. Il 10 giugno 1999 cessarono i bombardamenti e il Consiglio di Sicurezza dell Onu votò la risoluzione 1244 che dava il via all amministrazione internazionale del Kosovo. CAPITOLO 1 14

15 AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEL KOSOVO 15

16 LA RISOLUZIONE 1244 Il 10 giugno 1999 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite approvava, con la sola astensione della Cina, la Risoluzione 1244 che poneva fine alla guerra in Kosovo, sospendendo la Sovranità di Belgrado sulla provincia e dando il via al dispiegamento delle forze NATO nella Regione. Il documento è stato approvato, con un travagliato consenso tuttora rintracciabile nella terminologia del testo giuridico, unico e supremo quadro normativo che autorizza il Segretario Generale a stabilire nella provincia del Kosovo Methoja, un amministrazione civile transitoria guidata dalle Nazioni Unite. 11 Per quanto riguarda la Cina la decisione di astenersi dal voto va ricercata nel gelo diplomatico creatosi con gli Stati Uniti dopo l episodio, definito un incidente dagli USA, del 7 maggio 1999, quando un missile statunitense colpì l ambasciata cinese a Belgrado. Il dibattito e le tensioni all interno al Consiglio di Sicurezza non riguardano soltanto il caso della Cina ma anche molti altri paesi che non erano stati favorevoli all intervento militare e non condividevano la linea di Washington. All inizio dell Operazione Allied Force durante le discussioni tenutosi all interno del Consiglio di Sicurezza, dal 24 al 26 marzo 1999, oltre alla Repubblica Federale di Jugoslavia dichiararono illegali le azioni della NATO anche Russia, Namibia, Cina, Bielorussia, India, Ucraina e Cuba. Il testo della Risoluzione si apre con un preambolo che sottolinea come l obiettivo della risoluzione è risolvere la grave crisi umanitaria in Kosovo, Repubblica Federale di Jugoslavia, e provvedere al sicuro e al libero ritorno di tutti i rifugiati e gli sfollati dalle proprie case. 12 Il testo presenta un attenzione particolare alla tragedia umanitaria in corso in Kosovo: oltre al diritto dei profughi di rientrare nelle proprie case vengono condannati tutti gli atti di violenza contro la popolazione e tutti gli atti terroristici compiuti da entrambe le parti. 11 Maria Catena: La Missione Onu in Kosovo: mantenere o fare la pace? La Comunità Internazionale Fasc.4/2001. Marina Catena è stata Consigliere del Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per l UNMIK dal luglio 1999 al febbraio Il testo completo della Risoluzione 1244 è scaricabile dal sito internet dell UNMIK 16

17 La risoluzione 1244 si basa su due documenti principali che sono contenuti nel testo stesso come annessi. Il primo, l annesso 1, è la dichiarazione sottoscritta, il 6 maggio 1999, dai ministri degli esteri del G-8 alla conclusione dell incontro di Helsinki. 13 Il secondo pilastro su cui poggia il testo giuridico è costituito dai principi contenuti nei punti dall 1 al 9 del documento presentato dall ONU e approvato dal Parlamento Jugoslavo il 3 giugno Oltre al richiamo alla tragedia umanitaria, all interno del preambolo viene riaffermata la sovranità e l integrità territoriale della Repubblica Federale Jugoslava e degli altri stati della Regione come previsto dall Atto finale di Helsinki. Sottolineando come la situazione continui a costituire una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale l ONU attraverso la risoluzione chiede a Belgrado di porre immediatamente fine alle violenze e alla repressione in Kosovo. Contemporaneamente si chiede di iniziare e completare, secondo una rapida tabella, la ritirata di tutte le forze militari, paramilitari e di polizia. Dopo la completa ritirata sarà permesso a personale militare e di polizia Serbo di rientrare in Kosovo, in accordo con l Amministrazione Internazionale. Il cuore della Risoluzione è però rappresentato dal dispiegamento in Kosovo di una presenza internazionale civile (UNMIK) e di sicurezza (K-FOR). Il compito dell UNMIK è provvedere all amministrazione ad Interim del Kosovo favorendo la sostanziale autonomia dei Kosovari all interno della Repubblica Federale Jugoslava. Un amministrazione transitoria per controllare e favorire lo sviluppo di istituzioni democratiche di auto-governo, creando le condizioni di una vita pacifica e normale. Il documento prevede la nomina di un Rappresentante Speciale del Segretario Generale della Nazioni Unite come responsabile dell UNMIK. Il Segretario Generale dell ONU, come referente, è tenuto ad informare periodicamente il Consiglio di Sicurezza, circa la situazione nella regione e il lavoro dell Amministrazione Internazionale. La Risoluzione definisce i compiti principali dell UNMIK: promuovere la sostanziale autonomia e auto-governo in Kosovo, svolgere le funzioni di base dell amministrazione civile, favorire il passaggio dei poteri verso le nuove 13 vedi pag-9 14 Il punto 10 degli accordi non sottoscritto da Belgrado prevedeva l accettazione da parte della Repubblica Federale Jugoslava di un tabella per il ritiro dei soldati e affermava che gli attacchi NATO sarebbero terminati solo dopo aver verificato l inizio del ritiro. 17

18 istituzioni locali, supportare la ricostruzione delle infrastrutture civili ed economiche, favorire il lavoro delle Organizzazioni Internazionali per risolvere la tragedia umanitaria, proteggere e promuovere i diritti umani, favorire il ritorno dei profughi. L UNMIK deve operare collaborando con la presenza di sicurezza internazionale (K-FOR), che deve essere dispiegata sotto il comando unificato della NATO. I compiti della K-FOR riguardano prima di tutto il porre fine alle ostilità, favorendo la ritirata dell Armata Popolare e stabilendo un ambiente sicuro per il ritorno dei profughi e per il lavoro delle organizzazioni umanitarie. Alla K-FOR è inoltre riservato un compito molto delicato: procedere alla smilitarizzazione del KLA e degli altri gruppi armati del Kosovo, di cui si chiede la sospensione immediata di tutte le attività. Per favorire la ripresa economica della regione, le Nazioni Unite appoggiano il lavoro della UE e delle Organizzazioni Internazionali per l implementazione di un Patto di Stabilità per il sud-est Europa. La Risoluzione stabilisce inoltre che l embargo sulla vendita di armi alla Repubblica Federale Jugoslava, stabilito dalla Risoluzione 1160, non sarà applicata alle armi e al materiale utilizzato dalla presenza internazionale civile e di sicurezza. Per quanto riguarda, invece, il futuro del Kosovo si chiede all UNMIK di facilitare un processo politico per determinare lo Status Futuro del Kosovo, tenendo conto degli accordi di Rambouilliet 15. La presenza civile e Internazionale è stabilita per un periodo iniziale di 12 mesi, prorogabile fino a quando il Consiglio di Sicurezza lo riterrà necessario. PROBLEMI E AMBIGUITA DELLA RISOLUZIONE Vedi pag 9 18

19 L intervento militare della NATO in Kosovo ha destato scalpore all interno della Comunità Internazionale e ha acceso numerosi dibattiti tra gli studiosi. Il motivo è legato all eccezionalità di questo conflitto. La missione Allied Force ha rappresentato la prima missione offensiva della NATO contro uno stato sovrano, senza l approvazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e in violazione dei principi sanciti dalla Carta dell ONU. L art 51 della Carta delle Nazioni Unite stabilisce, infatti, che esiste un solo caso in cui è consentito l uso unilaterale della forza: l auto-difesa. 16 L intervento in Kosovo ha fatto emergere una questione molto importante: il rapporto tra sovranità e diritti umani. Con questo intervento per la prima volta nella storia delle Relazioni Internazionali si è parlato di Guerra Umanitaria, ovvero un azione militare realizzata per salvaguardare i diritti umani di una determinata popolazione. Questo conflitto ha dimostrato l attrito tra le vecchie norme della società internazionale, basate sulla politica del bilanciamento del 1945, racchiuse nella carta delle Nazioni Unite, e norme nuove che vedono la presunzione di eguali diritti di sovranità come una barriera all effettiva regolazione internazionale. 17 Sulla legittimità o meno dell intervento NATO in Kosovo si è ampiamente scritto, chiedendosi se dietro il concetto di ingerenza umanitaria non si celi piuttosto il tentativo di moralizzare o legittimare l uso della forza militare; o se invece le situazioni di emergenza umanitaria (quando sussista una grave violazione dei diritti umani), in quanto equiparabili a situazioni di minaccia della pace, non autorizzino la Comunità Internazionale al ricorso alla forza. 18 I maggiori sostenitori di questa seconda linea interventista sono stati gli USA che hanno giustificato il loro intervento definendolo un imperativo morale di fronte alla tragedia che si stava consumando in Kosovo. Secondo l amministrazione Clinton, 16 Enrico Milano: Security Council Action in the Balkans: Reviewing the Legalità of Kosovo s Territorial Status,European Journal of International Law 2003, 14, 5, Nov, David Chandler: Kosovo and the Remaking of International Relations, The Global Review of Ethnopolitics, vol 1, n 4, Giugno 2002, Maria Catena: La Missione Onu in Kosovo: mantenere o fare la pace? La Comunità Internazionale Fasc.4/

20 la pulizia Etnica perpetuata dalle forze militari e paramilitari serbe nei confronti degli albanesi era tale da giustificare un intervento armato che obbligasse la Jugoslavia a porre fine alle violenze. La tutela dei diritti umani degli albanesi era considerato un diritto superiore rispetto al diritto di sovranità di Belgrado. Questa interpretazione del diritto internazionale era sostenuta dalla maggior parte dei paesi Europei che ritenevano necessario un intervento per porre fine alla guerra che continuava ad infiammare i balcani. Bisognava prevenire una catastrofe umanitaria, sosteneva il Cancelliere tedesco Gerhard Schroeder 19 mentre il Primo Ministro britannico Tony Blair la definiva una guerra combattuta non per il territorio ma per i valori 20 Fin dall inizio della missione aerea contro la Jugoslavia, però, molti paesi si opposero a questa idea condannando l attacco della NATO e invocando l intervento dell ONU. L 8-9 aprile 2000 i 114 ministri dei paesi partecipanti alla XIII Conferenza del Movimento dei Paesi Non Allineati, affermarono in un documento la loro condanna nei confronti dell intervento militare in Kosovo. Questa linea è stata ribadita alla conclusione dell incontro del Gruppo dei 77 paesi del Sud in cui si fece una chiara e netta distinzione tra Assistenza Umanitaria e Intervento Umanitario. Nel documento redatto in quell occasione si legge: Noi ribadiamo la necessità di mantenere una chiara distinzione tra assistenza umanitaria e ogni altra attività delle Nazioni Unite. Rigettiamo il così detto diritto di intervento umanitario, che non ha basi legali nella Carta delle Nazioni Unite o nei principi generali di diritto internazionale (.) Inoltre, riteniamo che l assistenza umanitaria dovrebbe essere condotta nel pieno rispetto della sovranità, dell integrità territoriale, e dell indipendenza politica di qualunque paese, e dovrebbe essere intrapresa in risposta alla richiesta o con l approvazione di questi Stati. 21 Alcuni studiosi hanno condannato l intervento NATO in Kosovo giudicandolo una violazione della Sovranità di Belgrado. Secondo Rogel: in questa guerra si è 19 Peter W. Rodman: The fallout from Kosovo, Foreign Affairs, vol 78, n 4, luglio-agosto, pag David Chandler: Kosovo and the Remaking of International Relations, The Global Review of Ethnopolitics, vol 1, n 4, Giugno 2002, Enrico Milano: Security Council Action in the Balkans: Reviewing the Legalità of Kosovo s Territorial Status, European Journal of International Law 2003, 14, 5, Nov,

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

Simbolismi Storici dell Architettura

Simbolismi Storici dell Architettura Simbolismi Storici dell Architettura Mariachiara Mongelli Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI INDICE INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI 1. Il significato giuridico di ingerenza umanitaria pag. 9 2. Grozio:

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Sociologia delle migrazioni I RIFUGIATI. A.a. 2003/2004. Gottardi Elisabetta, Medeghini Bibiana, Pollino Simona

Sociologia delle migrazioni I RIFUGIATI. A.a. 2003/2004. Gottardi Elisabetta, Medeghini Bibiana, Pollino Simona 1 Sociologia delle migrazioni I RIFUGIATI A.a. 2003/2004 Gottardi Elisabetta, Medeghini Bibiana, Pollino Simona 2 IRO e UNRRA 1943: nasce l UNRRA, Amministrazione delle Nazioni Unite per i soccorsi e la

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 592 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore COSSIGA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 GIUGNO 2006 Riconoscimento del diritto di autodeterminazione

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE 26 Senza spettatori SIERRA LEONE La guerra in Sierra Leone DDal 1991 al 2001 la Sierra Leone ha vissuto 10 anni di una guerra fratricida scatenata dall interesse per le ricche miniere di diamanti presenti

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo status

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Amnesty International e

Amnesty International e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani AI Foto: Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione universale dei diritti umani. Novembre 1949, New York 1. Premessa 1.1 Il 10 dicembre 2008 è il 60 anniversario

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

UNIONE EUROPEA - DIZIONARIO

UNIONE EUROPEA - DIZIONARIO UNIONE EUROPEA - DIZIONARIO Amalto Cristina, Bargiggia Federico, Pagani Carolina, Spreafico Daniele, Ronchi Davide, Rubino Gianluca, Triscornia Emma, Zara Francesco ATTO NORMATIVO: In diritto un atto normativo

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sulla situazione dell integrazione regionale nei Balcani occidentali

Risoluzione del Parlamento europeo sulla situazione dell integrazione regionale nei Balcani occidentali Risoluzione del Parlamento europeo sulla situazione dell integrazione regionale nei Balcani occidentali Il Parlamento europeo, viste le relazioni annuali della Commissione europea sul processo di stabilizzazione

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Contenuti: Principio di necessità militare Principio di proporzionalità Principio di

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE a cura dell Istituto Affari Internazionali Saggio presentato nell ambito de Osservatorio Transatlantico a cura dell Istituto Affari

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE

CRONOLOGIA ESSENZIALE CRONOLOGIA ESSENZIALE 1992: MISSIONI DI PETERSBERG, ambito UEO; (adottate nel Trattato di Amsterdam - 1997) 1993: NASCITA DI EUROCORPS 1996: NASCITA DI EUROFOR, EUROMARFOR, EUROGENDFOR. 1996: ACCORDI DI

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939 invasione della Polonia LA SECONDA GUERRA MONDIALE VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE CRISI DEGLI ANNI 30 ISOLAZIONISMO AMERICANO AFFERMAZIONE DEL NAZISMO IN GERMANIA POLITICA ESTERA AGGRESSIVA

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali

Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali Modulo di Storia delle Relazioni Internazionali Anno Accademico 2006-2007 Lezione II Docente: Prof. Massimiliano Cricco (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ) Gli anni di Johnson: la polarizzazione

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Albania e Kosovo. Aspetti socio-culturali. culturali

Albania e Kosovo. Aspetti socio-culturali. culturali Piano Territoriale per l'integrazione - Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13 Azienda U.L.S.S.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira Albania e Kosovo Aspetti socio-culturali

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE

DIRITTO INTERNAZIONALE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI A.A. 2015/2016 DIRITTO INTERNAZIONALE Prof. Cesare Pitea email cesare.pitea@unipr.it ricevimento mercoledì 9:30/11:30 1 PARTE I: LA

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Campagna Energia per la vita

Campagna Energia per la vita Campagna Energia per la vita CreaFuturo c/o Acli cremona@acli.it c/o AmbienteScienze info@worldwewant.org VISITA UNO DI QUESTI SITI E FIRMA E FAI FIRMARE www.worldwewant.org (pulsante su homepage a sinistra

Dettagli

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO GLOSSARIO Convenzione di Ginevra La Convenzione di Ginevra sullo Statuto

Dettagli

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese.

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Ecco il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) sulla Libia, approvata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

Presentare le operazioni militari e le capacità militari

Presentare le operazioni militari e le capacità militari Presentare le operazioni militari e le capacità militari Military PESD mission Rafforzare capacità dell Unione Europea ad agire in ambito esterno attraverso lo sviluppo delle capacità civili e militari

Dettagli