LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano"

Transcript

1 LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento tributario italiano introducendo la nuova imposta sui redditi delle società (d ora in poi Ires ). Elemento caratterizzante dell'ires è l'estensione del metodo dell'esenzione, già vigente per i dividendi comunitari, ai dividendi distribuiti da società residenti. La scelta di politica tributaria effettuata dal legislatore è stata quella di abbandonare una tassazione su base personale (incentrata sul socio), che colpiva il reddito in via definitiva solo al momento della sua distribuzione sotto forma di dividendi, e concentrarsi invece su una tassazione su base reale (incentrata sull'impresa produttrice degli utili), che colpisse il reddito definitivamente al momento della sua produzione da parte della società di capitali residente. Così come per il corretto funzionamento dell'irpeg era necessario l'istituto giuridico del credito d'imposta sui dividendi, per il corretto funzionamento dell'ires diviene necessario: escludere dall'imposizione i dividendi al momento della loro distribuzione ai soci, che siano però, a loro volta, soggetti passivi Ires (mantenendo una moderata doppia imposizione economica per tutti gli altri soggetti) esentare dall'imposizione le plusvalenze su partecipazioni realizzate da soggetti passivi Ires (mantenendo una parziale imposizione per tutti gli altri soggetti), dal momento che le stesse costituiscono per il socio una fonte di ricchezza analoga ai dividendi, rappresentando utili già conseguiti o che saranno conseguiti dalla società. 2. La nuova disciplina sulla tassazione dei dividendi 2.1 Dividendi italiani percepiti da residenti La riforma introduce l'esclusione dal concorso alla formazione del reddito imponibile del 95 per cento dei dividendi distribuiti da società residenti percepiti dai soggetti passivi dell'ires residenti, senza distinguere tra partecipazioni qualificate e non. Pertanto i dividendi verranno tassati in sede di dichiarazione dei redditi nella misura del 5 per cento, mentre nel caso in cui la società partecipata appartenga ad un gruppo societario, che ha optato per il consolidato fiscale, trova ingresso l'esenzione completa da tassazione.

2 Per i dividendi da partecipazioni in società residenti percepiti da persone fisiche non nell'esercizio di impresa viene effettuata una distinzione tra quelli derivanti da: -partecipazioni non qualificate: da assoggettare al prelievo alla fonte a titolo definitivo con l'aliquota del 12,5 per cento, senza la possibilità di optare per l'inclusione degli utili nell'ambito della determinazione del reddito complessivo; -partecipazioni qualificate: da assoggettare - limitatamente al 40 per cento del loro ammontare - ad imposizione progressiva secondo le aliquote dell'imposta sul reddito in vigore al momento della percezione. Per distinguere le partecipazioni qualificate e non vengono mantenuti gli stessi criteri - riferiti alla percentuale di diritti esercitabili nell'assemblea ordinaria ovvero alla percentuale di partecipazione al capitale sociale e al patrimonio - previsti dalla normativa previgente e ora contenuti nella lettera c) del comma 1 dell'art. 67 del Tuir. In particolare, le partecipazioni sono considerate non qualificate se i diritti di voto non superano il 2 o il 20 per cento e la partecipazione al capitale o al patrimonio il 5 o il 25 per cento, a seconda che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni. I dividendi percepiti dagli imprenditori individuali e dalle società di persone, sulle partecipazioni qualificate e non in società residenti, scontano l'irpef sul 40 per cento del dividendo, senza l'applicazione di ritenute. 2.2 Dividendi italiani percepiti da non residenti Resta in vigore la precedente disciplina contenuta nell'art. 27 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, secondo cui la società residente che eroga il dividendo opera nei confronti del socio non residente una ritenuta a titolo di imposta del 27 per cento, salva l'applicazione - su richiesta - del miglior trattamento previsto dalle Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni. Resta pertanto in vigore anche la norma secondo cui i soggetti non residenti, hanno diritto al rimborso, fino a concorrenza dei quattro noni della ritenuta, dell'imposta che dimostrino di aver pagato all'estero in via definitiva sugli stessi utili mediante certificazione del competente ufficio fiscale dello Stato estero, allo scopo di attenuare gli effetti della doppia imposizione internazionale. Le società madri estere che detengono una partecipazione diretta non inferiore al 25 per cento del capitale di una società figlia italiana, che distribuisce gli utili, hanno diritto, a richiesta, al rimborso della ritenuta, se: a) rivestono una delle forme previste nell'allegato della Direttiva n. 435/90/CEE del Consiglio del 23 luglio 1990; b) risiedono, ai fini fiscali, in uno Stato membro dell'ue; c) sono soggette, nello Stato di residenza, senza possibilità di fruire di regimi di opzione o di esonero che non siano territorialmente e temporalmente limitati, a una delle imposte indicate nell'allegato della

3 predetta Direttiva; d) la partecipazione sia detenuta ininterrottamente per almeno un anno. A tale scopo deve essere prodotta una certificazione, rilasciata dalle competenti autorità fiscali dello Stato estero, che attesti che la società non residente possiede i menzionati requisiti nonché la documentazione attestante la sussistenza delle condizioni sopra indicate. Ove ricorrano le menzionate condizioni, i dividendi pagati dalla società figlia residente in Italia alla società madre residente nell'unione europea (UE) possono essere erogati - su richiesta di quest'ultima - senza applicazione di alcuna ritenuta alla fonte o imposta sostitutiva, previa acquisizione della documentazione attestante i requisiti richiesti. Le facilitazioni accordate alle società comunitarie si applicano alle medesime condizioni - alle società che risultano controllate, direttamente o indirettamente, da uno o più soggetti non residenti nella Comunità europea, a condizione che dimostrino di non essere state costituite allo scopo esclusivo o principale di beneficiare del regime agevolato in questione. 2.3 Dividendi esteri percepiti da residenti Anche per i dividendi distribuiti da società non residenti nel territorio dello Stato, percepiti dai soggetti passivi dell'ires residenti, è prevista l'esclusione dal concorso alla formazione del reddito imponibile per il 95 per cento del loro ammontare, senza peraltro distinguere (anche in questo caso) tra partecipazioni qualificate e non. Inoltre, gli utili devono riferirsi a partecipazioni similari alle azioni o alle quote di società a responsabilità limitata. Per i dividendi esteri percepiti dalle persone fisiche viene prevista l'applicazione in ogni caso di una ritenuta a titolo di imposta del 12,5 per cento per le partecipazioni non qualificate (senza possibilità di optare per la tassazione ordinaria e di utilizzare quindi il credito di imposta per i redditi prodotti all'estero) e, a titolo di acconto e sulla quota imponibile degli utili corrisposti (40 per cento), per quelle qualificate, con la possibilità, in questo caso, di scomputare la ritenuta subita all'estero. La ritenuta che si effettua in Italia (cosiddetta di ingresso) deve essere operata, in ogni caso, al netto delle imposte applicate dallo Stato estero. I dividendi esteri percepiti dagli imprenditori individuali e dalle società di persone sono assoggettati all'irpef sul 40 per cento del dividendo con la possibilità, anche in questo caso, di scomputare la ritenuta subita all'estero. In Italia non si effettua alcuna ritenuta di ingresso. 3. La nuova disciplina sulla tassazione delle plusvalenze I regimi di tassazione delle plusvalenze realizzate su partecipazioni in società variano in funzione del soggetto cedente: -soggetti Ires (esempio: S.p.a., S.r.l., S.a.p.a.);

4 -soggetti Irpef imprenditori: società di persone (esempio: S.n.c., S.a.s.) ed imprese individuali; -soggetti Irpef non imprenditori (esempio: persone fisiche). Nell'ambito delle imprese (soggetti Ires e soggetti Irpef imprenditori), il regime di tassazione dipende dalla classificazione (immobilizzazioni finanziarie o attivo circolante) della partecipazione nello stato patrimoniale nel primo bilancio chiuso durante il periodo di possesso. 3.1 Plusvalenze realizzate nell esercizio dell impresa I soggetti Ires Le plusvalenze sulle partecipazioni classificate nelle "immobilizzazioni finanziarie", nel primo bilancio chiuso durante il periodo di possesso, sono soggette ai seguenti regimi fiscali: 1) regime della participation exemption (art. 87 del Tuir); 2) regime della tassazione sull'intera plusvalenza, in assenza dei requisiti richiesti dalla participation exemption (art. 86 del Tuir). Le disposizioni contenute nell'art. 87 del Tuir prevedono l'esenzione totale delle plusvalenze da realizzo di partecipazioni in società, con o senza personalità giuridica, sia residenti che non residenti, al verificarsi delle seguenti condizioni: a) ininterrotto possesso dal primo giorno del dodicesimo mese precedente quello dell'avvenuta cessione; b) classificazione nella categoria delle immobilizzazioni finanziarie nel primo bilancio chiuso durante il periodo di possesso; c) residenza fiscale della società partecipata in uno Stato o territorio diverso da quelli a regime fiscale privilegiato; d) esercizio da parte della società partecipata di un'impresa commerciale. Si ricorda che possono avvalersi dell'esenzione totale i soggetti passivi Ires, vale a dire: - società di capitali (S.p.a.; S.a.p.a.; S.r.l.); - società cooperative e di mutua assicurazione; - enti pubblici o privati che abbiano o meno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali residenti; - stabili organizzazioni di società ed enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato. Parallelamente all'esenzione sulle plusvalenze, la riforma del diritto tributario ha introdotto (art. 101, comma 1, del Tuir): - l'assoluta indeducibilità delle "minusvalenze iscritte" (o "minusvalenze da valutazione") relative alle partecipazioni classificate nella categoria delle immobilizzazioni finanziarie: tale indeducibilità opera con riferimento a tutte le partecipazioni, siano esse qualificate o meno per l'esenzione;

5 - la totale indeducibilità delle "minusvalenze realizzate" a seguito della cessione di partecipazioni che si qualificano per l'esenzione, in modo simmetrico all'esenzione prevista per le corrispondenti plusvalenze. In assenza dei requisiti richiesti dalla participation exemption, la plusvalenza sulle partecipazioni deve essere interamente tassata secondo l'art. 86, comma 4, del Tuir, il quale dispone: - le plusvalenze concorrono a formare l reddito, per l'intero ammontare, nell'esercizio in cui sono state realizzate; - ovvero, per le partecipazioni iscritte negli ultimi tre bilanci tra le "immobilizzazioni finanziarie", a scelta del contribuente, in quote costanti nell'esercizio del realizzo e nei successivi, ma non oltre il quarto. Per quanto riguarda invece le partecipazioni iscritte in bilancio nell attivo circolante L'art. 85, comma 1, lettere c) e d), del Tuir qualifica "ricavi" i seguenti corrispettivi: - i corrispettivi delle cessioni di azioni o quote di partecipazioni, anche non rappresentate da titoli al capitale di società ed enti di cui all'art. 73, che non costituiscono immobilizzazioni finanziarie, diverse da quelle cui si applica l'esenzione di cui all'art. 87, anche se non rientrano fra i beni al cui scambio è diretta l'attività dell'impresa; - i corrispettivi delle cessioni di strumenti finanziari assimilati alle azioni ai sensi dell'art. 44 emessi da società ed enti di cui all'art.73, che non costituiscono immobilizzazioni finanziarie, diversi da quelli cui si applica l'esenzione di cui all'art. 87, anche se non rientrano fra i beni al cui scambio è diretta l'attività dell'impresa. I suddetti "titoli" - sotto il profilo contabile - devono essere iscritti nell' "attivo circolante" dello stato patrimoniale. La loro compravendita determina "proventi" ed "oneri" (o "plusvalenze" e "minusvalenze") che concorrono a formare il reddito imponibile nell'esercizio del loro realizzo. Alla chiusura dell'esercizio, le partecipazioni sono valutate secondo l'art. 94 del Tuir, imputando a conto economico gli eventuali oneri o proventi (derivanti dall'applicazione del metodo Lifo, Fifo, eccetera). In particolare, gli oneri sono interamente deducibili, mentre i proventi concorrono a formare il reddito imponibile. Infine, preme ribadire che l'applicazione del regime della participation exemption dipende dalla prima classificazione della partecipazione nello stato patrimoniale della società: "immobilizzazione finanziaria" o "attivo circolante". In particolare: - l'iscrizione della partecipazione nel primo bilancio chiuso nel periodo di possesso tra il "circolante"dell'attivo dello stato patrimoniale preclude qualunque possibilità di applicazione delle

6 disposizioni in tema di esenzione sulle plusvalenze, anche se la partecipazione venisse successivamente iscritta in bilancio tra le "immobilizzazioni finanziarie"; - l'iscrizione tra le "immobilizzazioni finanziarie" nel primo esercizio rende irrilevanti le successive riclassificazioni del titolo nell' "attivo circolante" operate in esercizi successivi; la cessione di una partecipazione iscritta in origine tra le immobilizzazioni darà sempre luogo (ricorrendone le altre condizioni) ad una plusvalenza esente o ad una minusvalenza non deducibile I soggetti Irpef imprenditori: le società di persone (S.n.c. e S.a.s.) e le imprese individuali In presenza dei requisiti richiesti dal regime della participation exemption, la cessione di partecipazioni detenute nell'ambito di attività di impresa dà luogo - in capo ad imprenditori individuali e società di persone - ad un'esenzione parziale della plusvalenza nella misura del 60 per cento (cioè la tassazione è del 40 per cento della plusvalenza). Anche per i soggetti Irpef imprenditori vige l'assoluta indeducibilità delle "minusvalenze iscritte" (o "minusvalenze da valutazione"); tale indeducibilità opera con riferimento a tutte le partecipazioni, siano esse qualificate o meno per l'esenzione. Le minusvalenze realizzate - a seguito della cessione di partecipazioni che si qualificano per l'esenzione - sono indeducibili nei limiti del 60 per cento del loro ammontare (cioè sono deducibili nella misura del 40 per cento della plusvalenza). In assenza dei requisiti richiesti dalla participation exemption, la plusvalenza sulle partecipazioni deve essere interamente tassata secondo l'art. 86, comma 4, del Tuir, il quale dispone che: - le plusvalenze concorrono a formare il reddito, per l'intero ammontare, nell'esercizio in cui sono state realizzate; - ovvero, per le partecipazioni iscritte negli ultimi tre bilanci nelle "immobilizzazioni finanziarie", a scelta del contribuente, in quote costanti nell'esercizio del realizzo e nei successivi, ma non oltre il quarto. Parallelamente alla tassazione dell'intera plusvalenza, l'art. 56 e l'art. 101, comma 1, del Tuir, stabiliscono quanto segue: - assoluta indeducibilità delle "minusvalenze iscritte" (o "minusvalenze da valutazione"); - deducibilità dell'intero ammontare delle "minusvalenze realizzate". Per quanto riguarda invece le partecipazioni che non rappresentano immobilizzazioni finanziarie detenute da soggetti Irpef imprenditori si rimanda a quanto già esposto con riferimento ai soggetti Ires poiché l'art. 57 del Tuir, disciplinante la tassazione dei ricavi per i soggetti Irpef imprenditori, richiama integralmente l'art. 85 del Tuir.

7 3.2 Plusvalenze realizzate da soggetti non imprenditori Le plusvalenze relative alla cessione di partecipazioni conseguite non nell'esercizio di impresa (esempio: persone fisiche, enti non commerciali, società semplici ed associazioni ad esse equiparate) sono qualificate "redditi diversi", il cui trattamento fiscale distingue (art. 68 del Tuir): a) cessione di partecipazioni qualificate; b) cessione di partecipazioni non qualificate. Le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate non realizzate nell'esercizio d'impresa concorrono alla formazione del reddito imponibile del soggetto percipiente nella misura del 40 per cento del loro ammontare e le relative minusvalenze - con i costi specificatamente inerenti al realizzo delle suddette partecipazioni - sono deducibili secondo la medesima proporzione. Tali plusvalenze devono essere inserite nella dichiarazione dei redditi del soggetto percipiente e tassate secondo le aliquote Irpef. Alle plusvalenze realizzate con la cessione di partecipazioni non qualificate - non realizzate nell'esercizio di attività di impresa - si applica l'imposta sostitutiva nella misura del 12,50 per cento. Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

Nuovi regimi. Fisco & Tributi

Nuovi regimi. Fisco & Tributi PUNTO pantano imp 11-03-2005 9:58 Pagina 38 Nuovi regimi a cura dello studio Pantano 38 Fisco & Tributi Le novità più rilevanti della riforma, in tema di dividendi, sono costituite dall'abolizione delle

Dettagli

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza.

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION Del Dott. Stefano Setti Considerazioni Iniziali La riforma sull imposizione societaria segna un deciso cambiamento di rotta per quanto riguarda il regime

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società 7 Siegfried Mayr Dottore Commercialista in Milano Docente alla Scuola Superiore

Dettagli

Oggetto: Circolari IRES/3. Il nuovo regime fiscale delle plusvalenze da realizzo delle partecipazioni. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344.

Oggetto: Circolari IRES/3. Il nuovo regime fiscale delle plusvalenze da realizzo delle partecipazioni. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 4 agosto 2004 Oggetto: Circolari IRES/3. Il nuovo regime fiscale delle plusvalenze da realizzo delle partecipazioni. Decreto Legislativo

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Titoli non costituenti immobilizzazioni (Attivo Circolante) Art. 94 c. 3 DPR 917/86 I titoli vanno raggruppati in categorie omogenee per natura, intendendo della stessa

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA. Art. 67 Tuir (ex art. 81)

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA. Art. 67 Tuir (ex art. 81) LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Art. 67 Tuir (ex art. 81) Sono qualificabili come redditi diversi di natura finanziaria, le plusvalenze e i redditi derivanti dalle

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare del 4 agosto 2004, n. 36/E

Agenzia delle Entrate Circolare del 4 agosto 2004, n. 36/E Agenzia delle Entrate Circolare del 4 agosto 2004, n. 36/E IRES - IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETA' - DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE - PLUSVALENZE ESENTI - CHIARIMENTI SULLA PARTICIPATION EXEMPTION

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA 1. Differente tassazione tra aziende individuali e aziende familiari Rispetto alla tassazione delle imprese individuali, le imprese familiari

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Appunti sul trattamento fiscale dei dividendi distribuiti da societa estera (non residente in paesi a fiscalità privilegiata) REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Giandomenico Andreetta San

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

l agenzia 4 in f orma

l agenzia 4 in f orma l agenzia 4 in f orma 2004 GUIDA ALLA NUOVA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI E DEI REDDITI DI SOCIETÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 Obiettivi della riforma fiscale 2

Dettagli

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 Come noto gli artt. 3 e 4 del D.L. n. 66/2014 hanno modificato la tassazione dei redditi di natura finanziaria innalzandone l aliquota dal 20% al 26%, fatta

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società

Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società Relatore: Andrea Vasapolli Vasapolli & Associati 4/11/03 Vasapolli & Associati - Torino Milano Bologna 1 Obiettivi della riforma con

Dettagli

La Participation Exemption

La Participation Exemption La Participation Exemption L Esenzione da tassazione dei componenti positivi di reddito derivanti da partecipazioni societarie; I Regimi opzionali di tassazione; Profili elusivi generali e specifici; 1

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017.

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documento tratto da La banca dati del Commercialista Agenzia delle Entrate Circolare del 16 giugno 2004, n. 26/E IRES - IRPEF - NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI Sommario 1 Premessa 2 La nuova definizione

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014 Gli aspetti fiscali del recesso del socio Trento, 9 maggio 2014 La disciplina fiscale del recesso del socio è caratterizzatadadiversevariabili: -modalitàdirecesso; -modalità scelte per la liquidazione

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI E TASSAZIONE DEI DIVIDENDI ESTERI Sommario: 1. Premessa - 2. Il regime di tassazione dei dividendi nell ordinamento belga e la Convenzione contro le doppie imposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 52 /E. Roma, 10 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 52 /E. Roma, 10 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 dicembre 2004 Oggetto: Circolari IRES/5. Il nuovo regime di tassazione dei redditi diversi di natura finanziaria. Decreto Legislativo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento espone il regime fiscale

Dettagli

Capital Gain internazionali

Capital Gain internazionali Capital Gain internazionali by Carlo Adriani - Wednesday, March 05, 2014 http://www.ascheri.net/2014/03/05/capital-gain-internazionali/ Il residente in Italia deve sempre dichiarare il Capital Gain conseguito

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344.

CIRCOLARE N. 26/E. Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. CIRCOLARE N. 26/E Roma, 16 giugno 2004 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. INDICE

Dettagli

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017.

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

Ires La tassazione degli utili da partecipazione

Ires La tassazione degli utili da partecipazione Ires La tassazione degli utili da partecipazione Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Roma - Master SSEF Tassazione della società e dei soci Soggetti distinti dal punto di vista giuridico

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO MAP DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO Con la riforma del sistema fi scale del 2004, è stato abolito il credito d imposta sui dividendi

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

Oggetto: Sintesi: Testo: INDICE 1 Monitoraggio fiscale valutario: articolo 1, d.l. 167 del 1990 articolo 10, comma 4, d.lgs. 461 del 1997.

Oggetto: Sintesi: Testo: INDICE 1 Monitoraggio fiscale valutario: articolo 1, d.l. 167 del 1990 articolo 10, comma 4, d.lgs. 461 del 1997. Oggetto: Risposte ai quesiti forniti in occasione della videoconferenza del 30 gennaio 2001 e del convegno del 23 febbraio 2001 in materia di FISCALITA' FINANZIARIA, STOCK OPTION e ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare del 10 dicembre 2004, n. 52/E

Agenzia delle Entrate Circolare del 10 dicembre 2004, n. 52/E Agenzia delle Entrate Circolare del 10 dicembre 2004, n. 52/E IMPOSTE DIRETTE - IRES - NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI REDDITI DIVERSI DI NATURA FINANZIARIA Sommario 1. Premessa 2. La nuova definizione

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

Ires - La participation exemption. Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

Ires - La participation exemption. Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Ires - La participation exemption Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Linee generali di riforma Riforma dell ordinamento tributario: legge delega 80/03. Tassazione del reddito al momento

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

Crediti di imposta concessi alle imprese

Crediti di imposta concessi alle imprese Sono elencate le variabili oggetto di analisi, per ognuna delle quali è specicato il signicato ed indicato il rigo di riferimento del modello Unico Società di capitali 2008. Nel caso di variabili calcolate

Dettagli

IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA

IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA 28 aprile 2010 ATTIVITÀ FINANZIARIE NEL PORTAFOGLIO DELLE IMPRESE 1. titoli di Stato;

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate

La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate 1 La normativa base è contenuta nella legge finanziaria per il 2007 La legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria per l anno 2007) ha

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

Profili fiscali del recesso dalla società e dell assegnazione di beni ai soci

Profili fiscali del recesso dalla società e dell assegnazione di beni ai soci CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 74-2011/T Profili fiscali del recesso dalla società e dell assegnazione di beni ai soci Approvato dalla Commissione studi tributari il 23 settembre 2011 ***

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette 106 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette L'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), emanata con il D.P.R. 633/72, si qualifica come imposta sugli affari

Dettagli

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 Art. 1 Warrant Azioni Ordinarie Unipol 2010-2013 L Assemblea Straordinaria di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. ( UGF o l Emittente ), riunitasi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Art. 27 del decreto legge n. 98 /2011 della manovra correttiva: regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità

Art. 27 del decreto legge n. 98 /2011 della manovra correttiva: regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità Art. 27 del decreto legge n. 98 /2011 della manovra correttiva: regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità Significativi incentivi per l imprenditoria giovanile

Dettagli

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie Circolare Monografica 16 giugno 2014 n. 1992 TASSE E IMPOSTE Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie La guida alla nuova disciplina di Angelo Luca Ottaviano Il D.L. n. 66/2014 (Decreto

Dettagli

La tassazione delle rendite finanziarie

La tassazione delle rendite finanziarie La tassazione delle rendite finanziarie Commissione Tutela del Risparmio Gestito Di Emmanuela Saggese Quali sono i redditi di natura finanziaria? Riferimenti legislativi Il decreto legislativo l 461/97,

Dettagli

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti Circolare N.5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2013 OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti.it 2 INDICE PREMESSA...3 1. RAPPORTO TRA IMU E IMPOSTE SUI REDDITI...3

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Fiscooggi.it Tassazione degli strumenti finanziari partecipativi

Fiscooggi.it Tassazione degli strumenti finanziari partecipativi Tassazione degli strumenti finanziari partecipativi di Sandro Maria GALARDO e Salvatore PERCUOCO SOMMARIO - Profili sistematici - Disciplina impositiva della remunerazione - Sistema impositivo della circolazione

Dettagli

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità 16 gennaio 2012- Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le novità della riforma e le conferme S.A.F.

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

La disciplina fiscale delle partecipazioni societarie nel reddito. Corso Alto Tirreno 27 settembre 2013

La disciplina fiscale delle partecipazioni societarie nel reddito. Corso Alto Tirreno 27 settembre 2013 La disciplina fiscale delle partecipazioni societarie nel reddito d impresa Corso Alto Tirreno 27 settembre 2013 Disciplina civilistica Classificazione in bilancio delle partecipazioni B III Immobilizzazioni

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Premessa La certificazione degli utili e proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Presupposto soggettivo

Presupposto soggettivo Capital gain Inquadramento Per capital gain (termine anglofono)si intende il trattamento fiscale riservato alle cessioni di partecipazioni detenute da persone fisiche. L inquadramento normativo di questa

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI Riportiamo qui di seguito il nuovo schema di certificazione di cui all articolo 4, commi 6-ter e 6-quater, del Decreto del Presidente della

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento

LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento Evoluzione disciplina fiscale dei fondi immobiliari Art. 15 L.n. 86/1994 Tassazione in capo al fondo I fondi erano soggetti

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

TASSAZIONE DI INTERESSI, DIVIDENDI E CAPITALE PROFITTI A CIPRO NORMATIVA (LEGGI E DECRETI)

TASSAZIONE DI INTERESSI, DIVIDENDI E CAPITALE PROFITTI A CIPRO NORMATIVA (LEGGI E DECRETI) TASSAZIONE DI INTERESSI, DIVIDENDI E CAPITALE PROFITTI A CIPRO NORMATIVA (LEGGI E DECRETI) Emendamento alla Income Tax Law (legge sulle imposte sui redditi), 2005 Emendamento alla Special Contribution

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 145/E

RISOLUZIONE N. 145/E RISOLUZIONE N. 145/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 giugno 2007 OGGETTO: Tattamento tributario riservato, ai fini IVA, al diritto d autore Chiarimenti in merito alla corretta applicazione

Dettagli

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Dott. Domenico Ponticelli (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento immobiliare 21 Maggio 2015

Dettagli