TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004"

Transcript

1 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L , n. 269 conv. con L , n D. Lgs , n L , n Art. 47, 59, 89 D.P.R , n C.M , n. 26/E Le nuove disposizioni introdotte dalla riforma fiscale sono applicabili agli utili corrisposti dall , indipendentemente dalla data della delibera assembleare che ne dispone la distribuzione. Il regime dei dividendi è basato sull eliminazione del meccanismo del credito di imposta e sull adozione del sistema dell esenzione per evitare la doppia tassazione, tassando il reddito all atto della produzione in capo alla società. Dopo la prima fase di tassazione del reddito, in capo alla società, con la distribuzione del dividendo, si assiste ad un ulteriore tassazione sul percipiente, che varia in funzione delle caratteristiche del soggetto e della partecipazione. Con riferimento ai soci persone fisiche possessori di partecipazioni non qualificate, la riforma, pur mantenendo la medesima aliquota del prelievo a titolo di imposta, non consente la scelta per la tassazione ordinaria. I soci persone fisiche possessori di partecipazioni qualificate subiscono una tassazione su un ammontare pari al 40% dell utile percepito. Gli utili percepiti dai soci persone giuridiche concorrono alla formazione del reddito solo nella misura del 5% del loro ammontare e sono assoggettati all Ires. Poiché l esenzione del dividendo in capo al percipiente è solo parziale, è stata prevista la possibilità di sfruttare, in presenza di specifici requisiti, il meccanismo della trasparenza, in base al quale i redditi della partecipata sono direttamente imputati pro-quota in capo ai soci oppure quello della tassazione consolidata. Le stesse regole sono applicate alle somme ricevute in caso di recesso, esclusione, riscatto, riduzione del capitale esuberante e di liquidazione di società. UTILI Art. 44, c. 1 lett. e) Tuir SCHEMA DI SINTESI Derivanti dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti all Ires. Remunerazione dei finanziamenti eccedenti (di cui all art. 98 Tuir) direttamente erogati dal socio o dalle sue parti correlate (thin capitalization). UTILI DA ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Art. 44, c. 1, lett. f) Tuir REMUNERAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI Art. 44, c. 2, lett. a) Tuir Contratti cartolarizzati Contratti non cartolarizzati Producono sempre redditi di capitale. Con apporto Di lavoro Di capitale Misto Apporti, non conferimenti, che non danno diritto di partecipazione al capitale. Diritto di partecipazione agli utili e perdite o solo agli utili. Classificazione Strumenti finanziari forniti di diritti patrimoniali o anche amministrativi, escluso il voto nell assemblea ordinaria. Non rappresentano partecipazioni indirette ai risultati economici:.. titoli con rendimento prestabilito pagato solo con utili;.. obbligazioni;.. titoli irredimibili emessi da banche. Reddito da lavoro autonomo Reddito di capitale Apporto di capitale Apporto di opere e servizi Strumenti finanziari emessi a seguito di apporti a favore di patrimoni destinati ad uno specifico affare. Strumenti finanziari che condizionano i tempi e l entità del rimborso del capitale all andamento economico della società. 1

2 DEFINIZIONE DI UTILI UTILI E PROVENTI EQUIPARATI STRUMENTI FINANZIARI THIN CAPITALIZATION Partecipazione al capitale Strumenti finanziari partecipativi Regime fiscale dei proventi Art. 44 Tuir Indeducibilità della remunerazione Art. 109, c. 9 Tuir Emessi da soggetti non residenti Finanziamenti erogati dai soci Gli utili derivano dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti all Ires in senso proprio. Il sottoscrittore vanta esclusivamente diritti patrimoniali, o anche diritti amministrativi. I nuovi strumenti finanziari non attribuiscono la qualità di socio, pur potendo essere dotati del diritto di voto su argomenti specificamente indicati. Esempi Contratti Non vanta il diritto di partecipare al capitale sociale della società. É escluso in ogni caso il voto nell assemblea generale. Strumenti finanziari partecipativi forniti di diritti patrimoniali o anche amministrativi, escluso il diritto di voto nell assemblea generale, emessi anche a seguito di apporto di opere e servizi. Strumenti finanziari emessi a seguito di apporti effettuati a favore di patrimoni destinati ad uno specifico affare. Strumenti finanziari che condizionano i tempi e l entità del rimborso del capitale all andamento economico della società. Sono esclusi i contratti, per i quali non opera l assimilazione alle azioni. Titoli e strumenti finanziari la cui remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici:..della società emittente o altre società del gruppo;..di uno specifico affare in relazione al quale gli strumenti sono stati emessi. Strumenti finanziari che non rappresentano una partecipazione al patrimonio, la cui remunerazione è collegata solo a parametri di natura finanziaria. Nota 1 Si considerano similari alle azioni 1. Sono sempre assimilabili alle partecipazioni qualificate. Redditi di capitale per persone fisiche Partecipazioni qualificate o non qualificate in base alla quota di patrimonio da essi rappresentata, ossia se supera o meno il 25% (5% per gli strumenti emessi da società quotate). È indeducibile ogni tipo di remunerazione dovuta su titoli e strumenti finanziari per la quota che comporta la partecipazione ai risultati economici (produttiva di redditi di capitale). Per l applicazione dell esenzione parziale dei dividendi dalla tassazione (95% o 60%) è necessario che questi siano indeducibili. L indeducibilità non è estesa ai proventi per i quali la connessione con i risultati economici dell impresa non è definita nell ammontare. Sono similari alle azioni le partecipazioni al capitale o patrimonio delle società ed enti non residenti di cui alla lett. d), c. 1, art. 73 Tuir, rappresentate o non da titoli, nel caso in cui la relativa remunerazione se corrisposta da una società residente, sarebbe stata totalmente indeducibile. Nel caso di superamento del rapporto massimo tra debito (finanziamenti concessi o garantiti da soci qualificati) e patrimonio netto contabile, individuato in 4 a 1 (5 a 1 per il 2004), gli interessi passivi relativi ai finanziamenti eccedenti:..diventano indeducibili;..sono assimilabili agli utili in capo al socio (o alle sue parti correlate) che ha erogato il finanziamento. L assimilazione non opera per i finanziamenti solo garantiti dai soci. L applicazione delle ritenute alla fonte previste per i dividendi si effettua sui pagamenti di interessi effettuati dopo la chiusura del periodo di imposta. Redditi diversi per persone fisiche Le erogazioni precedenti subiscono le ritenute ordinarie previste per gli interessi. 2

3 ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE E CONTRATTO DI COINTERESSENZA C.M , n. 26, p. 2.3 Proventi Deducibilità Indeducibilità Strumenti finanziari Per i contratti di associazione in partecipazione e di cointeressenza non opera l assimilazione alle azioni, pur trattandosi di redditi di capitale. Apporto di opere e servizi. Nessun apporto. Apporto di capitale o misto. Remunerazione dovuta a contratti che comportino la partecipazione agli utili e alle perdite di un impresa o di un affare, senza il corrispettivo di un apporto o con apporto costituito da opere e servizi. Remunerazione relativa a contratti che prevedono un apporto non costituito esclusivamente da opere e servizi (sempre se il contatto è cartolarizzato). Qualora siano emessi strumenti finanziari che incorporano contratti di associazione in partecipazione, le remunerazioni sono sempre indeducibili anche se l apporto è costituito da opere o servizi ovvero non è previsto. ASPETTI GENERALI CREDITO DI IMPOSTA SUI DIVIDENDI Regime fino al Sulla distribuzione di utili e riserve di utili ai soci è riconosciuto un credito di imposta, pari al 56,25%. Per evitare la doppia tassazione degli utili. Regime dall al Regime dall Il credito d imposta sulle distribuzioni di utili deliberate dopo il spetta nella misura del 51,51%. É eliminato il meccanismo del credito di imposta (salvo che per i soggetti Ires con periodo d imposta a cavallo ). Il credito d imposta si intende sempre limitato. Il credito di imposta è utilizzabile fino a concorrenza della quota di imposta relativa agli utili cui afferisce. La doppia imposizione è evitata mediante la parziale esclusione dall imponibile degli utili stessi. RISERVE Riserve di capitale Presunzione assoluta Aumento gratuito di capitale Non costituiscono utili le somme e il valore dei beni ricevuti dai soci a titolo di ripartizione di riserve di capitale. Tali somme riducono il costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione. Si presumono, ai fini fiscali, prioritariamente distribuiti l utile di esercizio e le riserve diverse da quelle di capitale (art. 47, c. 5), per la quota non accantonata in sospensione di imposta. Se la distribuzione di riserve supera il costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione, si genera un reddito di capitale imponibile fiscalmente. Per le delibere dal Indipendentemente dalla statuizione della delibera assembleare. É necessario che la società emittente comunichi agli azionisti (e, in ogni caso, agli intermediari tenuti agli obblighi di sostituzione di imposta) la diversa natura delle riserve oggetto della distribuzione e quale sia il regime fiscale applicabile. In altre parole, se la società pone in distribuzione riserve di capitale (ad esempio, riserve da sovrapprezzo azioni) deve specificare che, in mancanza di utili e di riserve di utili, la distribuzione non costituisce reddito tassabile. Oppure, deve specificare che, nonostante stia distribuendo civilisticamente riserve di capitale, posto che siano presenti anche riserve di utili disponibili, la distribuzione costituisce utile tassabile ai sensi dell art. 47 del Tuir. Non costituisce realizzo di utili l assegnazione gratuita ai soci di nuove azioni e l aumento gratuito del valore nominale delle azioni già emesse. La successiva riduzione del capitale esuberante è considerata distribuzione di utili, se l aumento di capitale è avvenuto con riserve o fondi diversi dalle riserve di capitale. 3

4 QUOTA ECCEDENTE IL COSTO FISCALE Recesso Liquidazione Riduzione del capitale Esclusione del socio Riscatto delle azioni Le somme o il valore normale dei Anche per la parte di eccedenze che derivano da riser- beni ricevuti dai soci costituiscono utile (e non capital gain) per la ve di capitale. parte che eccede il prezzo pagato Indipendentemente dalla natura delle riserve. per l acquisto o la sottoscrizione delle azioni o quote annullate. Recesso con modalità diverse Recesso mediante acquisto da parte degli altri soci proporzionalmente alle loro partecipazioni o di un terzo concordemente individuato dai soci. Atto produttivo di redditi diversi di natura finanziaria (tassazione con regole del capital gain). Non costituiscono utili le somme o il valore dei beni distribuiti a titolo di rimborso di riserve di capitale, ma gli stessi riducono il valore fiscale della partecipazione. REGIME DI TRASPARENZA Esenzione Gli utili e le riserve di utili distribuiti dalla società partecipata, formatisi nei periodi in cui è efficace l opzione, non concorrono a formare il reddito anche laddove eccedenti il reddito imputato per trasparenza e tassato in capo ai soci. La disposizione si applica anche se gli utili relativi ai periodi in cui vigeva il regime di trasparenza:.. sono distribuiti successivamente a tali periodi;.. i soci sono diversi da quelli cui sono stati imputati i redditi. Presunzione di distribuzione prioritaria Per gli utili distribuiti da società localizzate in Paesi black-list l esenzione si applica solo in caso di interpello positivo (o di utili imputati col regime Cfc). La parziale esclusione dei dividendi percepiti da soggetti Ires non comporta alcuna limitazione alla deducibilità dei costi connessi alla gestione della partecipazione mentre non è deducibile il costo di acquisto del diritto di usufrutto sulle partecipazioni. Distribuzione prioritaria dell utile di esercizio e delle riserve diverse da quelle di capitale. Salva diversa esplicita volontà assembleare, si considerano prioritariamente distribuiti gli utili e le riserve realizzati nel periodo di efficacia dell opzione. La circostanza esimente in caso di interpello deve sussistere fin dal primo periodo di detenzione della partecipazione. La regola non riguarda l acquisto di diritti di usufrutto che non comporta anche il trasferimento della titolarità dei dividendi. È riferita alle riserve costituite con utili di periodi di imposta in cui non ha operato la tassazione per trasparenza. La presunzione si applica anche se gli utili e le riserve sono distribuiti in periodi diversi da quelli in cui è efficace l opzione. In caso di esplicita volontà assembleare di distribuzione di riserve di capitale, la disciplina della distribuzione prioritaria si applica solo alle riserve costituite con utili di periodi di imposta nei quali non ha operato la tassazione per trasparenza. 4

5 TRATTAMENTO FISCALE SOCI PERSONE FISICHE PRIVATI Art. 47 D.P.R. 917/1986 Art. 27 D.P.R. 600/1973 Partecipazioni qualificate Partecipazione non qualificata Gli utili distribuiti sotto qualunque forma, anche di fonte estera, concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 40% del loro ammontare. Gli utili di fonte estera sono tassati al netto delle ritenute già subite all estero. Paesi a fiscalità privilegiata Opzione Concorrono integralmente alla formazione del reddito imponibile gli utili provenienti da società residenti in Paesi o territori a regime fiscale privilegiato, ad eccezione del caso in cui gli utili sono stati imputati al socio in base al regime Cfc (art. 167 e 168 Tuir). Rimane salvo il caso di dimostrazione, a seguito di interpello, che dalla partecipazione non sia conseguito l effetto di localizzare i redditi in Stati con regimi privilegiati. Il socio può beneficiare del regime della trasparenza fiscale, con opzione irrevocabile per 3 esercizi. La tassazione in capo ai soci è ordinaria. Condizioni Gli utili distribuiti, anche di fonte estera, sono assoggettati esclusivamente alla ritenuta a titolo di imposta del 12,50%. La ritenuta su partecipazioni estere è calcolata sulla base imponibile netto frontiera, ossia al netto delle ritenute già subite all estero. Partecipazione qualificata Art. 116 D.P.R. 917/1986 Vale solo per le Srl a ristretta base sociale (massimo 10 soci), composta esclusivamente da persone fisiche. La società deve avere ricavi annuali non superiori a ,99. Non è più ammessa la rinuncia all applicazione della ritenuta a titolo di imposta, al fine di assoggettare l utile ad Irpef, nel reddito complessivo. La ritenuta non è più a titolo di acconto, ma a titolo d imposta. Rappresenta una percentuale superiore a:.. 20% dei diritti di voto esercitabili in assemblea ordinaria (2% per società quotate);.. 25% del capitale o patrimonio sociale (5% per società quotata). Il socio deve preventivamente attestare particolari requisiti:.. di essere residente;.. che la partecipazione non è relativa all impresa;.. che la partecipazione è non qualificata. SOCI PERSONE FISICHE IMPRENDITORI E SOCIETÀ DI PERSONE Art. 59 D.P.R. 917/1986 Imprese individuali e società di persone Gli utili percepiti da persone fisiche nell ambito dell attività di impresa concorrono alla formazione del reddito di impresa in misura pari al 40% del loro ammontare, anche nel caso di utili distribuiti da società estere. La tassazione è relativa sia alle partecipazioni qualificate, sia a quelle non qualificate. Gli utili concorrono integralmente alla formazione del reddito imponibile se distribuiti da soggetti residenti in Paesi a fiscalità privilegiata, ad eccezione dell ipotesi in cui gli utili siano stati imputati al reddito del socio per trasparenza, o risulti positiva la risposta all interpello. I dividendi sono inclusi nel reddito di impresa. Art. 48 Tuir 5

6 SOCI SOGGETTI IRES Società commerciali Gli utili distribuiti sotto qualunque forma dalle società con personalità giuridica non concorrono a formare il reddito dell esercizio in cui sono percepiti (criterio di cassa) per il 95% del loro ammontare (se la partecipazione è assimilata alle azioni). Anche se gli utili percepiti non siano stati assoggettati ad imposta dalla società distributrice. Il reddito della società, comprensivo dei dividendi percepiti, è assoggettato all Ires nella misura del 33%. Se distribuiti da società residenti o non residenti, anche in sede di liquidazione. Gli utili non costituiscono redditi di capitale, ma sono componenti del reddito d impresa. Art. 81 Tuir Rientrano nella definizione di utili:.. gli utili derivanti dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti all Ires;.. le remunerazioni eccedenti (art. 98 Tuir - Thin capitalization) erogati direttamente dal socio o dalle sue parti correlate;.. le remunerazioni corrisposte sulla base di contratti di associazione in partecipazione e cointeressenza quando sia previsto un apporto diverso da quello di opere e servizi;.. i proventi derivanti dagli strumenti finanziari di natura partecipativa;.. le somme o valore normale dei beni ricevuti dai soci, al netto del prezzo pagato per l acquisto o la sottoscrizione delle azioni o quote annullate In caso di recesso, esclusione, riscatto e riduzione del capitale esuberante o liquidazione anche concorsuale delle società ed enti. Paesi a fiscalità privilegiata Per i soggetti Ires, è esente la differenza tra le somme o valore normale dei beni ricevuti a titolo di ripartizione del capitale e delle riserve di capitale ed il valore fiscalmente riconosciuto delle partecipazioni (participation exemption,art. 87 Tuir). É soggetta alla normale disciplina l importo corrisposto a titolo di utili. La tassazione è integrale se gli utili sono distribuiti da società residenti in Paesi a fiscalità privilegiata, salva la possibilità di ricorrere al diritto di interpello. Participation exemption La norma rende esente da imposizione soltanto la quota parte della somma ricevuta in occasione della ripartizione del capitale e di riserve di capitale che eccede il valore fiscalmente riconosciuto della partecipazione, mentre la quota parte corrispondente all utile da partecipazione rimane assoggettata a tassazione secondo le modalità previste per i dividendi. Esempio Prezzo pagato per la partecipazione Somma ricevuta in caso di recesso Somma ricevuta a titolo di ripartiz. capitale e riserve Somma ricevuta per ripartizione riserve... Valore fiscalmente riconosciuto... Plusvalenza esente Somma ricevuta... Valore fiscalmente riconosciuto... Utile da partecipazione... Plusvalenza esente... Utile imponibile per il 5% = - = - = 6

7 SOCI SOGGETTI IRES (Segue) Esclusione da imposizione degli utili distribuiti Trasparenza fiscale Possono optare per il regime della trasparenza fiscale, irrevocabile per 3 esercizi:.. le società di capitali residenti con partecipazione non inferiore al 10% e non superiore al 50%. Il reddito della partecipata è:.. imputato pro quota ai soci;.. tassato in capo alla società partecipante. Consolidato fiscale domestico Consolidato fiscale internazionale Regime di totale esenzione da imposta sui dividendi distribuiti infragruppo (opzione irrevocabile per 3 esercizi). Sono compensabili gli imponibili fiscali con le perdite fiscali. Utilizzabile dai gruppi composti da società di capitali residenti o da controllante residente in un Paese che ha una convenzione, o controllante con una stabile organizzazione in Italia. Consente la compensazione proporzionalmente alla quota di partecipazione indipendentemente dalla distribuzione dei dividendi. L opzione è irrevocabile per 5 esercizi. Utilizzabile da una controllante residente per consolidare le controllate non residenti. Il trasferimento di utili diventa irrilevante fiscalmente. Il controllo diretto o indiretto deve essere superiore al 50%. Enti non commerciali Norma a regime I dividendi percepiti concorreranno a formare il reddito imponibile nel limite del 40% del loro ammontare. Regime transitorio Art. 4, lett. q) D. Lgs. 344/2003 Partecipazioni qualificate. Partecipazioni non qualificate. Proventi su strumenti finanziari partecipativi. Utili derivanti da contratti di associazione in partecipazione e cointeressenza con apporto di capitale o misto, indipendentemente dall entità dell apporto. Finché gli enti non commerciali non saranno attratti nell ambito dei soggetti Ire:.. si applica a tali soggetti l aliquota del 33%;.. i dividendi sono sempre tassati solo per il 5%;.. tassazione sul 100% dei dividendi provenienti da società residente in un Paese a fiscalità privilegiata, salva la possibilità di ricorrere al diritto di interpello;.. sui dividendi si applica una ritenuta a titolo di acconto del 12,50% sul 5% (anche su utili di fonte estera al netto delle imposte applicate dallo Stato estero). 7

8 ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE CON APPORTO DI CAPITALE O MISTO E CONTRATTI DI COINTERESSENZA Persone fisiche Soggetti associati Apporti qualificati Gli utili sono tassabili per il 40% del loro ammontare, anche se di fonte estera. Soggetto erogante residente in un Paese black-list : Redditi.. non si applica la parziale esclusione da tassazione del 60% di fonte estera (salvo interpello); (black-list).. non sono tassabili se attributi al socio per trasparenza con le regole Cfc. Soggetti Ires Soggetti associati Apporti non qualificati Partecipazioni qualificate e non qualificate. Redditi di fonte estera (black-list) Gli utili sono assoggettati alla ritenuta del 12,50% a titolo di imposta, anche se di fonte estera (al netto delle ritenute applicate nello Stato estero). Gli utili sono tassabili per il 5% del loro ammontare, anche se di fonte estera. Soggetto erogante residente in un Paese black-list :.. non si applica la parziale esclusione da tassazione del 95% (salvo interpello);.. non sono tassabili se attributi al socio per trasparenza con le regole Cfc. Il valore dell apporto di capitale si intende qualificato quando è superiore a:.. 5% del patrimonio netto contabile alla data della stipula del contratto, in caso di società con titoli quotati;.. 25% del patrimonio netto contabile, negli altri casi. Regime fiscale transitorio Il regime fiscale delle remunerazioni dei contratti di associazione in partecipazione e cointeressenza, che prevede l imponibilità parziale o l applicazione della ritenuta a titolo d imposta, non si applica nel caso in cui l associante abbia dedotto le predette remunerazioni in sede di determinazione del proprio reddito imponibile, sulla base delle disposizioni vigenti anteriormente alla data di entrata in vigore del D. Lgs. 344/2003. In questa ipotesi, ai suddetti proventi, percepiti dall associato a decorrere dall , continua ad applicarsi il regime fiscale previgente, ossia l imponibilità piena. UTILI PERCEPITI DA SOGGETTI NON RESIDENTI Privi di stabile organizzazione Con stabile organizzazione Si applica la ritenuta del 27% (12,50% per le azioni di risparmio) a titolo di imposta sull intero ammontare. Il soggetto non residente, diverso dagli azionisti di risparmio, può ottenere il rimborso dell imposta pagata all estero, fino a concorrenza di 4/9 della ritenuta. Se la partecipazione non è posseduta per il tramite della stabile organizzazione. Partecipazioni qualificate. Partecipazioni non qualificate. Utili degli strumenti finanziari assimilati alle azioni. Utili derivanti da contratti di associazione in partecipazione e di cointeressenza. Si applica la ritenuta del 27% a titolo di imposta sull intero ammontare (12,50% per le azioni di risparmio). Se sussistono le condizioni per l applicazione del regime madre-figlia può non essere applicata alcuna ritenuta. Se la partecipazione è posseduta per il tramite della stabile organizzazione. Nessuna ritenuta. 8

9 Tavola Tassazione dei dividendi distribuiti dall Ipotesi di distribuzione Soggetto erogante Soggetto percettore Aspetti fiscali Tipologia di partecipazione Trattamento Società residente Persona fisica residente Impresa individuale Società di persone Soggetto IRES Enti non commerciali Persona fisica non residente Società non residente Ritenuta d imposta 12,50%. Tassazione ordinaria sul 40%. No ritenuta. Tassazione ordinaria sul 40%. No ritenuta. Tassazione ordinaria sul 5%. Nessuna ritenuta per soggetto Ires. Ritenuta 12,50% d acconto (sul 5%) per enti non commerciali. Ritenuta d imposta 27%. Ritenuta d imposta del 12,50% su azioni di risparmio. Salvo convenzioni contro doppie imposizioni e rimborso per società nel regime madri-figlie. Non black list Persona fisica residente Impresa individuale Società di persone Ritenuta d imposta 12,50%, al netto delle ritenute estere. Ritenuta 12,50% in acconto sul 40% imponibile (al netto delle ritenute estere). Tassazione ordinaria sul 40%. Società non residente Black List Soggetto Ires Enti non commerciali Persona fisica residente Impresa individuale Società di persone Soggetto Ires Enti non commerciali Tassazione ordinaria sul 5%. Ritenuta d acconto 12,50% (sul 5%) per enti non commerciali. Ritenuta d imposta 12,50% (salvo l utile sia stato imputato al socio residente in base al regime CFC), al netto delle ritenute estere. Tassazione sul 100% 1 con ritenuta d acconto 12,50% (salvo l utile sia stato imputato al socio residente in base al regime CFC), al netto delle ritenute estere. Tassazione sul 100% 1 (salvo che l utile sia stato imputato al socio residente in base al regime CFC). Tassazione ordinaria sul 100% 1 (salvo che l utile sia stato imputato al socio residente in base al regime CFC). Ritenuta d acconto 12,50% (sul 100%) per enti non commerciali. Nota 1 Non si può usufruire delle riduzione dell imponibile (al 40% o al 5%) salvo dimostrare, con interpello, che tramite la società estera non si è conseguito l effetto di delocalizzare i redditi. 9

10 TRATTAMENTO CONTABILE PRINCIPIO DI COMPETENZA I dividendi devono essere contabilmente iscritti nel bilancio dell esercizio in cui sorge il relativo diritto di credito. Alla data della delibera di distribuzione. PRINCIPIO DI CASSA I dividendi concorrono alla formazione del reddito imponibile secondo il principio di cassa. Nel periodo di imposta in cui sono percepiti. Scritture contabili P C II 2 E 22 P C IV 1 Nota E C 15 P B 2 P C II CREDITO V/PARTECIPATA a Imputazione del diritto al dividendo DIVIDENDI 1 IMPOSTE DIFFERITE a F.DO IMPOSTE DIFFERITE Imputazione imposte differite sul 5% dei dividendi spettanti. BANCA C/C ORDINARIO Incasso dividendo a CREDITO V/PARTECIPATA 100,00 1,65 100,00 Nella dichiarazione dei redditi 2004 dovrà essere effettuata una variazione in diminuzione per l ammontare del dividendo rilevato per competenza. Nella dichiarazione dei redditi del periodo successivo (2005) dovrà essere operata una corrispondente variazione in aumento in relazione all incasso del dividendo. Dichiarazione dei redditi (società di capitali) Modello Unico 2004 Variazioni in diminuzione RF 51 Altre variazioni in diminuzione 100,00 Modello Unico 2005 Variazioni RF 33 Altre variazioni in aumento 1 in aumento,00 2, ,00 * Nota * Si suppone che il quadro RF di Unico 2005 mantenga invariata, rispetto a Unico 2004, la numerazione dei righi. 10

11 Tavola n. 1 Confronto dei regimi fiscali per soci persone giuridiche Tassaz. in capo alla società Regime fino al Regime dall Reddito imponibile , ,00 Aliquota società 34% 33% Imposta pagata x 34% = 3.400, x 33% = 3.300,00 Utile distribuito = 6.600, = 6.700,00 Credito di imposta per il socio x 51,51% = 3.400,00 0,00 Tassazione in capo al socio Regime fino al Regime dall Dividendo 6.600, ,00 Reddito imponibile = , x 5% = 335,00 Imposta x 34% = 3.400, x 33% = 110,55 Credito di imposta 3.400,00 0,00 Imposta netta = 0,00 110,55 Imposizione complessiva = 3.400, ,55 = 3.410,55 Carico % definitivo 34% 34,10% Tavola n. 2 Confronto dei regimi fiscali per soci persone fisiche (partecipazioni qualificate) Tassaz. in capo alla società Regime fino al Regime dall Reddito imponibile , ,00 Aliquota società 34% 33% Imposta pagata x 34% = 3.400, x 33% = 3.300,00 Utile distribuito = 6.600, = 6.700,00 Credito di imposta per il socio x 51,51% = 3.400,00 0,00 Tassazione in capo al socio Regime fino al Regime dall Dividendo 6.600, ,00 Reddito imponibile lordo = , x 40% = 2.680,00 No tax area x = 2.976, x = 3.000,00 Reddito imponibile netto ( ,92) = 7.023,08 ( ) = 0,00 Imposta 7.023,08 x 23% = 1.615,31 0 x 23% = 0,00 Cred. d imposta (si presume pieno ) 3.400,00 0,00 Imposta netta 1.615, = ,69 0,00 Imposizione complessiva ,69 = 1.615, = 3.300,00 Nota 1 Importo variabile in funzione della fascia di reddito di appartenenza del socio. 11

12 Tavola riepilogativa Soci Partecipazioni Dividendi Quota non tassata Quota tassata Aliquota tassazione PERSONE FISICHE Privati Non qualificate 0 100% Qualificate 60% 40% Ritenuta 12,50% a titolo d imposta Aliquota IRE Dichiarazione redditi PERSONE GIURIDICHE Qualificate e Non qualificate Imprenditori 60% 40% Società commerciali Qualificate e Non qualificate 95% 5% Enti non commerciali Qualificate e Non qualificate 95% 5% Regime transitorio Enti non commerciali 60% 40% A regime Qualificate e Non qualificate Aliquota IRE Dichiarazione redditi Tassazione 33% Dichiarazione redditi Ritenuta 12,50% (acconto) Tassazione 33% Dichiarazione redditi Aliquota IRE Dichiarazione redditi 12

13 Tavola n. 1 Ritenute sulla remunerazione dei finanziamenti eccedenti dei soci Tipologia di remunerazione Remunerazione dei finanziamenti eccedenti 1 dei soci o parti correlate Corrisposta dopo la chiusura del periodo di imposta Corrisposta prima della chiusura del periodo di imposta (tassazione prevista per gli interessi). Caratteristiche dell associato Soggetto residente persona fisica Soggetto residente in regime di impresa Apporto qualificato Nessuna ritenuta Nessuna ritenuta Soggetto Ritenuta d imposta del 27% non residente Soggetto società figlia italiana, nel regime Esonero da ritenuta madre-figlia. Soggetto persona fisica non imprenditore residente Soggetto non residente Apporto non qualificato Ritenuta d imposta del 12,50% Ritenuta d acconto del 12,50% e tassazione come dividendi in sede di dichiarazione dei redditi, con scomputo della ritenuta già subita. Ritenuta d imposta del 12,50%, o del 27% se il soggetto è residente in uno dei Paesi della black list. Nota 1 Gli interessi sui finanziamenti eccedenti di 4 volte (5 volte per il 2004) il rapporto: finanziamenti concessi o garantiti da soci qualificati patrimonio netto contabile.. sono indeducibili;.. sono assimilabili agli utili (solo se direttamente erogati dal socio o sue parti correlate, ed esclusi invece quelli erogati indirettamente oppure solo garantiti dal socio o sue parti correlate) in capo al socio che ha erogato il finanziamento. Tavola n. 2 Ritenute sugli utili 1 da titoli e strumenti finanziari con remunerazione costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente, di altre società del gruppo o dell affare in relazione al quale i titoli e gli strumenti sono stati emessi. Caratteristiche del percettore Soggetto residente persona fisica Nessuna ritenuta Soggetto residente in regime di impresa Nessuna ritenuta Soggetto non residente Ritenuta d imposta del 27% Enti non commerciali Ritenuta d acconto del 12,50% sul 5% Partecipazione non qualificata Ritenuta d imposta del 12,50% Nota 1 La remunerazione è assimilata alla distribuzione di dividendi. 13

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344.

CIRCOLARE N. 26/E. Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. CIRCOLARE N. 26/E Roma, 16 giugno 2004 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. INDICE

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa DIVIDENDI La società che distribuisce dividendi dovrà individuare i beneficiari ed applicare, eventualmente, le ritenute con obbligo di rivalsa (art. 27/600). Beneficiari: Art. 47 - Beneficiari - Persone

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

PRESENTAZIONE Il libro sulla disciplina delle partecipazioni societarie esce in edizione aggiornata alla luce delle novità normative e dei chiarimenti di prassi nel frattempo intervenuti. Così come nella

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

Ires La tassazione degli utili da partecipazione

Ires La tassazione degli utili da partecipazione Ires La tassazione degli utili da partecipazione Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Roma - Master SSEF Tassazione della società e dei soci Soggetti distinti dal punto di vista giuridico

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società 7 Siegfried Mayr Dottore Commercialista in Milano Docente alla Scuola Superiore

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA 1. Differente tassazione tra aziende individuali e aziende familiari Rispetto alla tassazione delle imprese individuali, le imprese familiari

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 52 /E. Roma, 10 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 52 /E. Roma, 10 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 dicembre 2004 Oggetto: Circolari IRES/5. Il nuovo regime di tassazione dei redditi diversi di natura finanziaria. Decreto Legislativo

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori INDICE PREMESSA... 9 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori 1. Premessa: le riforme che hanno interessato la disciplina dei

Dettagli

Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società

Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società Relatore: Andrea Vasapolli Vasapolli & Associati 4/11/03 Vasapolli & Associati - Torino Milano Bologna 1 Obiettivi della riforma con

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION Del Dott. Stefano Setti Considerazioni Iniziali La riforma sull imposizione societaria segna un deciso cambiamento di rotta per quanto riguarda il regime

Dettagli

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO MAP DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO Con la riforma del sistema fi scale del 2004, è stato abolito il credito d imposta sui dividendi

Dettagli

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 Come noto gli artt. 3 e 4 del D.L. n. 66/2014 hanno modificato la tassazione dei redditi di natura finanziaria innalzandone l aliquota dal 20% al 26%, fatta

Dettagli

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Premessa La certificazione degli utili e proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014 Gli aspetti fiscali del recesso del socio Trento, 9 maggio 2014 La disciplina fiscale del recesso del socio è caratterizzatadadiversevariabili: -modalitàdirecesso; -modalità scelte per la liquidazione

Dettagli

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Dott.ssa Silvia Bocci SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Aspetti pratici e fiscali Giovedì 11 novembre 2004 Auditorium della Cultura e della Economia - Prato

Dettagli

IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA

IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA 28 aprile 2010 ATTIVITÀ FINANZIARIE NEL PORTAFOGLIO DELLE IMPRESE 1. titoli di Stato;

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI Riportiamo qui di seguito il nuovo schema di certificazione di cui all articolo 4, commi 6-ter e 6-quater, del Decreto del Presidente della

Dettagli

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI a cura di Eugenio Romita 1 CESSIONE D AZIENDA 2 2 Cessione d azienda Isolamento (salvo eccezioni) rispetto alle altre operazioni straordinarie creato

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza.

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documento tratto da La banca dati del Commercialista Agenzia delle Entrate Circolare del 16 giugno 2004, n. 26/E IRES - IRPEF - NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI Sommario 1 Premessa 2 La nuova definizione

Dettagli

Anno 2010 N. RF115 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI

Anno 2010 N. RF115 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI Anno 2010 N. RF115 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 9 OGGETTO RIFERIMENTI 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI ISTRUZIONI MINISTERIALI CIRCOLARE DEL 06/07/2010 Sintesi: si riepilogano

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

ABC News del 09.02.2011

ABC News del 09.02.2011 ABC News del 09.02.2011 A cura della Redazione Entro il 28.02.2011 vanno rilasciate le certificazioni degli utili Entro il prossimo 28 febbraio 2011 scade il termine per il rilascio ai percettori della

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017.

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

2. QUADRO RL ALTRI REDDITI

2. QUADRO RL ALTRI REDDITI 2. QUADRO RL ALTRI REDDITI Generalità SEZIONE I - A REDDITI DI CAPITALE Vedere in APPENDICE la voce Utili prodotti all estero Questo quadro è composto da tre sezioni: Sezione I riservata ai redditi di

Dettagli

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA Le problematiche che attengono alla concessione di un finanziamento da parte dei soci di una società sono diverse, a secondo che si

Dettagli

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Appunti sul trattamento fiscale dei dividendi distribuiti da societa estera (non residente in paesi a fiscalità privilegiata) REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Giandomenico Andreetta San

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

Nuovi regimi. Fisco & Tributi

Nuovi regimi. Fisco & Tributi PUNTO pantano imp 11-03-2005 9:58 Pagina 38 Nuovi regimi a cura dello studio Pantano 38 Fisco & Tributi Le novità più rilevanti della riforma, in tema di dividendi, sono costituite dall'abolizione delle

Dettagli

Oggetto: Circolari IRES/3. Il nuovo regime fiscale delle plusvalenze da realizzo delle partecipazioni. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344.

Oggetto: Circolari IRES/3. Il nuovo regime fiscale delle plusvalenze da realizzo delle partecipazioni. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 4 agosto 2004 Oggetto: Circolari IRES/3. Il nuovo regime fiscale delle plusvalenze da realizzo delle partecipazioni. Decreto Legislativo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

La movimentazione delle quota sociali

La movimentazione delle quota sociali La movimentazione delle quota sociali Gianfranco Costa Francesco Burzacchi Alessandro Tatone Aggiornata al 10.1.2011 1 LA FISCALITA DELLE RISERVE 2 RISERVE FISCALI RISERVE DI UTILI RISERVE DI CAPITALE

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA. Art. 67 Tuir (ex art. 81)

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA. Art. 67 Tuir (ex art. 81) LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Art. 67 Tuir (ex art. 81) Sono qualificabili come redditi diversi di natura finanziaria, le plusvalenze e i redditi derivanti dalle

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017.

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari Thomas Tassani Università degli Studi di Università degli Studi di Fiscalità Finanziaria Aspetti di criticità nella tassazione Dal lato attivo, alta

Dettagli

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero 38/2014 Pagina 1 di 12 La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero : 38/2014 Gruppo : ADEMPIMENTI Oggetto : MODELLO CUPE 2014 Norme e prassi : ART. 4 DEL D.P.R.

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 Art. 1 Warrant Azioni Ordinarie Unipol 2010-2013 L Assemblea Straordinaria di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. ( UGF o l Emittente ), riunitasi

Dettagli

La tassazione delle rendite finanziarie

La tassazione delle rendite finanziarie La tassazione delle rendite finanziarie Commissione Tutela del Risparmio Gestito Di Emmanuela Saggese Quali sono i redditi di natura finanziaria? Riferimenti legislativi Il decreto legislativo l 461/97,

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 marzo 2013 Oggetto: Circolare n. 6/2013 del 01 marzo 2013

Dettagli

La Participation Exemption

La Participation Exemption La Participation Exemption L Esenzione da tassazione dei componenti positivi di reddito derivanti da partecipazioni societarie; I Regimi opzionali di tassazione; Profili elusivi generali e specifici; 1

Dettagli

Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte

Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte I contribuenti Ires, determinato il reddito d impresa del periodo d imposta

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

l agenzia 4 in f orma

l agenzia 4 in f orma l agenzia 4 in f orma 2004 GUIDA ALLA NUOVA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI E DEI REDDITI DI SOCIETÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 Obiettivi della riforma fiscale 2

Dettagli

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità 16 gennaio 2012- Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le novità della riforma e le conferme S.A.F.

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

La disciplina fiscale delle partecipazioni societarie nel reddito. Corso Alto Tirreno 27 settembre 2013

La disciplina fiscale delle partecipazioni societarie nel reddito. Corso Alto Tirreno 27 settembre 2013 La disciplina fiscale delle partecipazioni societarie nel reddito d impresa Corso Alto Tirreno 27 settembre 2013 Disciplina civilistica Classificazione in bilancio delle partecipazioni B III Immobilizzazioni

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING a cura di IPC CONSULTING Carlo Parenti Dottore Commercialista IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING Imposizione diretta per i cedenti Imposizione

Dettagli

La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES. Reggio Emila, 10 febbraio 2014

La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES. Reggio Emila, 10 febbraio 2014 La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES Reggio Emila, 10 febbraio 2014 ACCORDIAMOCI SU ALCUNI PASSAGGI FONDAMENTALI 2 Chi comanda in coop? Chi amministra? Chi controlla? 3 Assemblea dei soci Consiglio

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Titoli non costituenti immobilizzazioni (Attivo Circolante) Art. 94 c. 3 DPR 917/86 I titoli vanno raggruppati in categorie omogenee per natura, intendendo della stessa

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

PARTE A Norme generali: novità 2006. CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli

PARTE A Norme generali: novità 2006. CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli ANALISI PARTE A Norme generali: novità 2006 CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli 1. PREMESSA 17 2. PERDITE DELLE IMPRESE MINORI E DEI

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

1. PREMESSA 25 2. NOVITÀ IRES SUL REDDITO D IMPRESA 25

1. PREMESSA 25 2. NOVITÀ IRES SUL REDDITO D IMPRESA 25 ANALISI PARTE PRIMA Novità e quadro d insieme CAPITOLO 1 SINTESI DELLE NOVITÀ NORMATIVE 2007: SCHEMA, ARTICOLO PER ARTICOLO DEL TUIR, DELLE NOVITÀ INTERVENUTE E LORO DECORRENZA di Armando Cravino e Rosario

Dettagli

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Capitolo I L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA NELL ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO 1. Premessa... 3 2. I redditi

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI PER I SOGGETTI IRES

LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI PER I SOGGETTI IRES LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI PER I SOGGETTI IRES a cura di Sandro Cerato Come noto, l art. 1, co. 33, lettere a), b), c), d), g) n. 2, i), l) e q), L. 24.12.2007, n. 244, oltre ad aver abrogato

Dettagli

LE IMPOSTE SUI REDDITI

LE IMPOSTE SUI REDDITI LE IMPOSTE SUI REDDITI IRPEF L Irpef è un imposta progressiva che colpisce il reddito delle persone fisiche. La base imponibile è determinata dalla somma dei seguenti redditi: - redditi fondiari; - redditi

Dettagli