BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI"

Transcript

1 Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto ^ fase: 30 dicembre Finalità e obiettivi del progetto 2. Risorse finanziarie e caratteristiche del credito 3. Beneficiari e requisiti di partecipazione 4. Spese ammissibili 5. Modalità e termini di presentazione della domanda e documentazione da allegare 6. Istruttoria delle domande: 6.1 Commissione Istruttoria e valutazione 6.2 Criteri di valutazione 7. Comunicazione dell assegnazione del credito 8. Modalità di rendicontazione 9. Obblighi dei beneficiari 10. Decadenza del credito 11. Responsabilità del procedimento ed informativa sulla privacy 12. Informazioni 13. Allegati 1

2 che Giovanili e pari opportunità L Amministrazione comunale di Monza, in esecuzione della Delibera di Giunta n 866 del 23/12/2011, attuando politiche di promozione e sostegno dell imprenditoria giovanile, coerentemente con quanto indicato all interno dello strumento di programmazione Piano Locale Giovani, istituisce un fondo di garanzia del valore di , 00 euro presso la banca Popolare di Milano. Il fondo di garanzia istituito permetterà di richiedere un prestito a tasso agevolato. Le modalità di presentazione della domanda e di accesso al credito sono regolamentate dal bando pubblico Diamo credito ai giovani imprenditori FINALITA E OBIETTIVI DEL PROGETTO La finalità generale del progetto è promuovere e sostenere lo sviluppo dell imprenditoria giovanile nel territorio di Monza e Brianza con l intento di: favorire la nascita di nuove imprese valorizzando e sostenendo nuove idee imprenditoriali; ridurre il tasso di mortalità delle nuove imprese correlato a difficoltà di piena disponibilità economica o di accesso al credito. L obiettivo specifico del progetto è favorire l accesso al credito ai giovani aspiranti e neo imprenditori della provincia di Monza e Brianza. Lo strumento individuato è la costituzione di un fondo di garanzia. Questo strumento permette al candidato, una volta ritenuto idoneo, di richiedere un prestito a tasso agevolato alla banca Popolare di Milano garantito dal Comune di Monza in misura dell 80%. 2. RISORSE FINANZIARIE E CARATTERISTICHE DEL CREDITO Il plafond dei prestiti erogabili è di un importo complessivo pari a euro ,00 di cui ,00 garantiti dal Comune di Monza. I prestiti erogabili, ad un tasso agevolato (Euribor a 3 mesi media mensile precedente + 3,25 punti percentuali, ammontano da un minimo di 7.000,00 a un massimo di ,00 euro in relazione al tipo di investimento e alla tipologia di settore all interno del quale si inserisce l impresa (a titolo esemplificativo: società di servizi dai 7.000, ,00; società di sviluppo tecnologico , ,00). Il rimborso del prestito, avverrà secondo un piano di ammortamento concordato tra le parti coinvolte, non potrà eccedere i 36 mesi comprensivi di 6 mesi di preammortamento. L erogazione del credito avverrà in seguito alla redazione di una graduatoria.

3 che Giovanili e pari opportunità 3.BENEFICIARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Il bando è rivolto ai giovani residenti nella provincia di Monza e Brianza di età compresa tra i 18 e i 35 anni nelle seguenti situazioni: 3.1 Giovani aspiranti imprenditori Giovani imprenditori in fase di start-up la cui attività imprenditoriale risulta iscritta alla REA ( società, ditta individuale, cooperativa profit e no profit), e costituita da non più di 12 mesi dalla pubblicazione del bando. La maggioranza numerica dei componenti degli organi sociali deve essere composta da giovani in età compresa tra i anni di cui almeno uno residente all interno della Provincia di Monza e Brianza. 3.3 Lavoratori autonomi iscritti alla Camera di Commercio di Monza, da non più di 12 mesi dall inizio attività. Inoltre tutti i candidati devono dimostrare di essere in possesso almeno del 50% della cifra richiesta in prestito in forma di fatture o altri documenti contabili quietanzati a partire dell avvio attività. Le attività imprenditoriali devono/dovranno avere sede nella provincia di Monza e Brianza. Nel caso in cui gli aspiranti imprenditori non siano già in possesso del 50% della cifra richiesta in prestito all atto di presentazione della domanda, dovranno comunque presentare relativa documentazione nel tempo che intercorre tra la comunicazione dell esito della graduatoria e la sottoscrizione del contratto con la banca. Inoltre i giovani aspiranti imprenditori dovranno aprire partita IVA prima di richiedere il finanziamento a Banca Popolare di Milano. A seguito dell apertura della partita IVA, la banca procederà con le verifiche necessarie. I giovani aspiranti imprenditori dovranno, dunque, integrare la documentazione inviando: allegato 2 (qualora non fosse già stato inviato) copia della partita IVA iscrizione alla Camera di Commercio

4 che Giovanili e pari opportunità entro 1 settimana dalla pubblicazione della graduatoria secondo le stesse modalità previste per la consegna della domanda (vedi punto 5), avente quale oggetto integrazione alla domanda bando diamo credito ai giovani imprenditori SPESE AMMISSIBILI Sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa sostenute successivamente alla data di pubblicazione della graduatoria: 4.1 costi per adeguamenti tecnici ed impiantistici dell immobile sede dell attività nel limite massimo del 30% del programma d investimento ammissibile; 4.2 acquisto di beni strumentali finalizzati all avvio dell attività quali attrezzature, macchinari, arredi etc.; 4.3 spese progettazione e realizzazione di un sito internet aziendale; 4.4 affitto dei locali sede dell iniziativa per il primo anno di attività e sino ad un importo massimo del 20% dell investimento ammissibile; 4.5 licenze di sfruttamento economico, brevetti industriali, licenze software; 4.6 spese generali in misura forfettaria nel limite massimo del 20% del programma d investimento ammissibile; 4.7 costi per la formazione e i servizi di consulenza attivati per la redazione del progetto e del business plan; 4.8 spese relative alla costituzione della società; 4.9 altre spese strettamente connesse alle attività ammissibili previo giudizio della commissione. I giustificativi di spesa relativi ai costi presentati per il cofinanziamento possono essere datati a partire da 12 mesi prima della pubblicazione del bando. 5. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Sarà possibile presentare le domande di partecipazione fino al 30 dicembre La commissione valuterà le richieste pervenute in due finestre: dalla pubblicazione del bando al 31 agosto 2012 dal 1 settembre 2012 al 30 dicembre 2012 La graduatoria sarà pubblicata sul sito di entro: - il 30 ottobre 2012 per le domande pervenute entro il 31 agosto 2012

5 che Giovanili e pari opportunità - il 28 febbraio 2013 per le domande pervenute tra il 1 settembre dicembre Verrà concesso il credito fino ad esaurimento delle risorse e comunque solo per le domande che abbiano ottenuto un punteggio minimo di 60. La seconda sessione di valutazione avrà luogo solo nel caso in cui nella prima sessione non vengano assegnate tutte le risorse disponibili. 5 I soggetti in possesso dei requisiti previsti al punto Beneficiari e requisiti di partecipazione potranno presentare apposita domanda allegata al presente bando. Le domande dovranno essere trasmesse a partire dal 29 Marzo 2012 secondo le seguenti modalità: 1. con raccomandata A/R intestata a: Comune di Monza Piazza Trento e Trieste Monza (MB) Così composta: una busta riportante la dicitura diamo credito ai giovani imprenditori contenente due diverse buste: busta A riportante la dicitura domanda di partecipazione e relativi allegati busta B riportante la dicitura documentazione Banca. oppure tramite posta certificata PEC in formato PDF all indirizzo così composta: cartella A denominato domanda di partecipazione diamo credito ai giovani imprenditori e relativi allegati cartella B denominato documentazione banca N.B. Per questa modalità il mittente deve utilizzare a suo volta per l invio un indirizzo di posta certificata (PEC) diversamente la documentazione pervenuta sarà invalidata. E possibile avanzare una sola domanda.

6 che Giovanili e pari opportunità Il bando si chiude in data h 12.00; verranno considerate le domande riportanti timbro postale non successivo alla data di chiusura del bando. In ogni caso l Amministrazione non valuterà le domande pervenute oltre 5 giorni dalla chiusura del bando. 6 Per partecipare al bando è necessario presentare in busta chiusa la seguente documentazione: Busta A denominata documentazione Comune contenente quanto segue: (a) domanda di partecipazione (b) progetto scheda tecnica descrittiva ALLEGATO 1 (c) prospetto delle spese sostenute a titolo di dimostrazione del possesso del 50% del cofinanziamento ALLEGATO 2 (d) fotocopia del documento di identità in corso di validità (e) curriculum vitae (f) eventuali attestazioni di esperienze significative svolte in ambiti non formali (g) business plan e copertura dei costi (flusso economico e finanziario, determinazione del piano dei conti) Busta B denominato documentazione banca contenente quanto segue: a) permesso di soggiorno in corso di validità b) codice fiscale c) Modello unico sui redditi personali di tutti i componenti della società o della futura società Per imprese già attive viene inoltre richiesto: d) Iscrizione alla Camera di Commercio e) Copia della partita IVA f) statuto e atto costitutivo della società (laddove previsto) g) ultimo modello dichiarazione dei redditi (per società di persone)

7 che Giovanili e pari opportunità h) verbali assembleari di approvazione Bilanci presentati i) verbale assemblea straordinaria j) ultimo o ultimi bilanci d esercizio k) informazioni su: budget e previsioni di fatturato 7 l) elenco valori mobiliari posseduti m) elenco delle proprietà immobiliari (quota e vincoli) n) elenco banche con dettaglio fidi e garanzie o) elenco assicurazioni p) bilancio di periodo (obbligatorio 9 mesi dopo la chiusura) q) dichiarazione dei redditi (eventuali garanti) 6. ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE 6.1 La commissione La commissione sarà composta in numero di 12 membri; un rappresentante per ciascuno dei seguenti enti sottoscrittori del Piano locale giovani e del progetto: Comune di Monza, Brianza solidale associazione, Camera di commercio di Monza e Brianza, Compagnia delle Opere, Confartigianato gruppo giovani, Confcommercio sede territoriale di Monza e Brianza, Confcooperative Milano Lodi Monza e Brianza, Confindustria di Monza e Brianza - Gruppo giovani, Consiglio notarile di Milano, Formaper - Azienda speciale di Camera di Commercio di Monza e Brianza, Ordine dei dott. commercialisti, Università degli studi Milano-Bicocca. La commissione potrà essere operativa in rappresentanza di almeno 7 membri. La commissione valuterà le richieste presentate secondo le griglie di punteggio di cui al punto 6.3 e terrà un verbale del proprio operato. La commissione potrà riservarsi, a suo insindacabile giudizio, la facoltà di non dare seguito alla procedura selettiva laddove le proposte pervenute non risultino congrue e non rivestano caratteristiche adeguate rispetto al contenuto del bando.

8 che Giovanili e pari opportunità La richiesta del credito sarà vagliata dalla Commissione che potrà decidere di accordare un prestito inferiore a quanto richiesto sulla base della documentazione presentata (business plan, conto d esercizio, progettualità etc..) 6.2 Istruttoria e valutazione La valutazione delle domande prevede: (a) un istruttoria formale finalizzata alla verifica dei requisiti di partecipazione a cura del Comune di Monza; (b) un istruttoria per la verifica dei requisiti di affidabilità del candidato (a cura della Banca Popolare di Milano) (c) un istruttoria progettuale ed economico-finanziaria a cura della commissione composta dai partner del piano locale giovani; (d) per coloro che raggiungono 60 punti su 100, verrà richiesto un colloquio di presentazione della progettualità al fine di testare il livello di motivazione del candidato a cura della commissione composta dai partner del piano locale giovani; 8 La commissione stilerà, quindi, una graduatoria che sarà resa pubblica sul sito previa l esecutività di specifica determina dirigenziale. Il candidato potrà rivolgersi alla banca Popolare di Milano per fare richiesta di accesso al credito agevolato. La banca procederà alla verifica della solvibilità e affidabilità del candidato e procederà poi all erogazione del finanziamento. 6.3 Criteri Di Selezione La commissione valuterà le richieste disponendo di massimo 100 punti ripartiti come segue: REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Età anni Aspirante imprenditore Neo imprenditore (società iscritta alla REA e non costituita prima di 12 mesi dalla pubblicazione del bando) Lavoratore autonomo iscritto a Camera di Commercio di Monza e Brianza 50% del finanziamento richiesto

9 che Giovanili e pari opportunità Localizzazione nella Provincia di Monza e Brianza delle future e presenti realtà imprenditoriali Requisiti di affidabilità ( a cura della banca Popolare di Milano) A seguito della verifica della presenza dei requisiti di accesso, le richieste verranno prese in esame come da griglia di valutazione seguente: 9 AMBITI di VALUTAZIONE E CRITERI PUNTEGGI Soggetto proponente 10 Neo imprenditore Curriculum vitae del candidato 15 Esperienza lavorativa specifica del settore oggetto del progetto 7 di impresa Coerenza del titolo di studio con l attività che si intende 2 svolgere Percorsi formativi di specializzazione inerenti l area di interesse 3 che si intende svolgere Competenze acquisite in contesti non formali 3 Idea/attività imprenditoriale 55 idea progettuale d impresa innovativa 6 attività di ricerca e analisi territoriale dei bisogni di supporto 12 all idea progettuale d impresa aree di sviluppo: nuove tecnologie, ambiente e rinnovabili, 7 marketing e comunicazione, attività artigianali, commerciali, valorizzazione del patrimonio turistico Business plan 20 Sostenibilità del idea progettuale 10 A seguito del raggiungimento di un punteggio pari a 60 punti, il candidato accederà al colloquio.

10 che Giovanili e pari opportunità Colloquio 20 Motivazione 12 Esposizione dell idea progettuale in termini di competenza 8 specifica sulla stessa Il giudizio della Commissione è insindacabile COMUNICAZIONE ASSEGNAZIONE CREDITO I beneficiari verranno contattati dall che Giovanili e Pari Opportunità tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o PEC entro 5 giorni dalla pubblicazione della graduatoria. 8. MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE I beneficiari dovranno presentare la rendicontazione delle spese sostenute coerentemente con il progetto presentato, entro la data di estinzione del credito. La rendicontazione dovrà essere composta da tutta la documentazione comprovante la realizzazione delle spese ammesse per il progetto sotto forma di fatture quietanzate tramite bonifici, assegni o bancomat. Non verranno quindi accettate forme di spesa sostenute in contanti. Per la rendicontazione vedere all.3 alla domanda di presentazione. 9. OBBLIGHI DEI BENEFICIARI I beneficiari del contributo saranno tenuti a: - inviare raccomandata con ricevuta di ritorno o PEC al Comune di Monza, qualora si decidesse di non usufruire del finanziamento concesso; - assicurare la puntuale e completa realizzazione delle attività in conformità con il progetto presentato per la concessione del contributo; - mantenere i requisiti relativi alla composizione della compagine societaria per un arco temporale minimo di 24 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria; - segnalare tempestivamente al Comune di Monza eventuali variazioni di ragione sociale, cessioni, localizzazioni, o quant altro riferito a variazioni inerenti il proprio status e interventi sugli investimenti presentati in domanda e avvenuti nel corso del periodo di finanziamento; - mantenere attiva la sede operativa dell impresa nella provincia di Monza e Brianza per una durata non inferiore a 36 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria - divieto di alienazione o distrazione dei beni oggetto dell agevolazione per un periodo di 36 mesi

11 che Giovanili e pari opportunità - conservare e mettere a disposizione del Comune di Monza per un periodo di cinque anni, a decorrere dalla data di erogazione del saldo del contributo, la documentazione originale di spesa; - assicurare un utilizzo del contributo ottenuto coerente con il progetto presentato e le finalità del bando e nel pieno rispetto delle normative vigenti in fatto di ricezione 11 di contributi pubblici (si veda il regolamento comunitario De minimis Reg. Ce n. 1998/06); - non richiedere altri contributi regionali, nazionali o Comunitari per le stesse spese sostenute con il prestito erogato dal bando; - aderire alla proposta di mentoring offerta dal Comune di Monza e dai partner del territorio (Brianza solidale associazione, Camera di commercio di Monza e Brianza, Compagnia delle Opere, Confartigianato gruppo giovani, Confcommercio sede territoriale di Monza e Brianza, Confcooperative Milano Lodi Monza e Brianza, Confindustria di Monza e Brianza - Gruppo giovani, Consiglio notarile di Milano, Formaper - Azienda speciale di Camera di Commercio di Monza e Brianza, Ordine dei dott. commercialisti, Università degli studi Milano-Bicocca). 10. DECADENZA DEL CREDITO Con determinazione dirigenziale, l erogazione del finanziamento è da considerarsi decaduto parzialmente o totalmente: - in caso di rinuncia da parte del beneficiario - qualora il beneficiario non rispetti le prescrizioni ed i vincoli definiti in sede di concessione - qualora il soggetto beneficiario non rispetti in fase di realizzazione la progettualità presentata - nel caso di morosità nel puntuale rimborso delle rate - nel caso di protesti o azioni di pignoramento 11. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ED INFORMATIVA SULLA PRIVACY Responsabile del procedimento, ai sensi della Legge n 241/1990 è Dr. Eugenio Recalcati, Dirigente del settore comunicazione, turismo, spettacolo, pari opportunità, politiche giovanili e sistemi informativi. Ai sensi dell art.143 del D.L.gs.196/2003, la diffusione dei dati personali richiesti ai fini della partecipazione al bando è strettamente utilizzata nell ambito dei fini istituzionali del bando stesso. Il responsabile del trattamento dei dati personali è Dr. Eugenio Recalcati.

12 che Giovanili e pari opportunità 12. INFORMAZIONI Per informazioni è possibile rivolgersi a: SPORTELLO GIOVANI Piazza Carducci Monza, Martedì dalle alle e Giovedì dalle alle tel. 039/ mail 12

CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE

CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE che Giovanili e pari opportunità CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE Scadenza bando: 1 fase 30.06.2012 2 fase 30.10.2012 3 fase 28.02.2013

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI. Il/Lasottoscritto/a. nato/a a prov. il. Residente a via/piazza n. tel. cell.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI. Il/Lasottoscritto/a. nato/a a prov. il. Residente a via/piazza n. tel. cell. che Giovanili e pari opportunità Spett.le Comune di Monza C.a. che Giovanili DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI 1 Il/Lasottoscritto/a nato/a a prov. il Residente a via/piazza

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Bandi di finanziamento

Bandi di finanziamento Bandi di finanziamento per neo -imprese e aspiranti imprenditori 1Mantova 16 ottobre 2015 DUE INTERVENTI DISTINTI 1) BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE (1508 Bando Neo-Imprese) DOTAZIONE FINANZIARIA:

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA A. Obiettivo La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano individua come obiettivo specifico per l anno 2012 la partecipazione

Dettagli

BANDO IMPRESA GIOVANI

BANDO IMPRESA GIOVANI BANDO IMPRESA GIOVANI Art. 1 Finalità Scopo della presente iniziativa è lo sviluppo ed il sostegno all imprenditorialità mediante l erogazione di pacchetti integrati di servizi (orientamento, formazione

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

1) SOGGETTI AMMISSIBILI

1) SOGGETTI AMMISSIBILI BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE DA PARTE DI ASSOCIAZIONI O GRUPPI INFORMALI GIOVANILI. Ciessevi, Centro

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

PROGETTO G.I.A. (Giovani Impresa Alpignano)

PROGETTO G.I.A. (Giovani Impresa Alpignano) PROGETTO G.I.A. (Giovani Impresa Alpignano) Premessa: Il presente progetto è un'opportunità di sostegno all'imprenditorialità giovanile, rivolta a tutti coloro che hanno tra i 18 e i 30. L'iniziativa è

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Bando di concorso Art. 1 - Descrizione dell iniziativa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO DEL MONTE CUCCO. Avvisa

IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO DEL MONTE CUCCO. Avvisa BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA NELLE ATTIVITA DI PROMOZIONE, COMUNICAZIONE, MARKETING AD UN ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE. IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO

Dettagli

BANDO DOTE EUROPA. Beneficiari e requisiti di partecipazione:

BANDO DOTE EUROPA. Beneficiari e requisiti di partecipazione: Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo Pari Opportunità,Politiche Giovanili e sistemi informativi Ufficio Politiche Giovanili e Pari Opportunità BANDO DOTE EUROPA Il Comune di Monza, Assessorato alle

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI IN CONTO INTERESSE ALLE IMPRESE DEI COMPARTI DEL COMMERCIO, TURISMO, SERVIZI E ARTIGIANATO DEL COMUNE DI MALALBERGO PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI.

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

CONCORSO BIG DREAM. per premiare idee imprenditoriali di migranti RIF: ACRA-CCS/ITAIEF/2070/2013-1

CONCORSO BIG DREAM. per premiare idee imprenditoriali di migranti RIF: ACRA-CCS/ITAIEF/2070/2013-1 CONCORSO BIG DREAM per premiare idee imprenditoriali di migranti RIF: ACRA-CCS/ITAIEF/2070/2013-1 La Fondazione ACRA-CCS ha ricevuto dal Fondo Europeo per l Integrazione un cofinanziamento per la realizzazione

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero Bando Start Intep PER LA SELEZIONE DI IDEE IMPRENDITORIALI PER LA FRUIZIONE DI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI ALLA COSTITUZIONE DI IMPRESE START UP Premessa La presente procedura viene bandita

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA L'attività di supporto alla creazione di imprese innovative è resa possibile grazie

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

PROGRAMMA CREA-ATTIVA-MENTE Progetto PugliApedali

PROGRAMMA CREA-ATTIVA-MENTE Progetto PugliApedali ALLEGATO 1 REGIONE PUGLIA Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità Area Politiche per la Mobilità e Qualità Urbana SERVIZIO RETI E INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITÀ UFFICIO RETI DELLA MOBILITÀ

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

Lt:";il il -r Lo o?''7!'por-'é-

Lt:;il il -r Lo o?''7!'por-'é- (L 9, t" {' BANDO PER ta CONCESSIONE Dr CONTRTBUTT per ta QUALIFICAZIONE ED INNOVA^ZIOIjVf - ]ITO}íAÍI?N# RTCUTFOTÈCdF&NNMERCIALI RTCH*OTACdF&NNNNENCIALI DEI-,DISTRETTO "DISTRETTO DEL COMMERcIo COMMERCIO

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Bando di idee per la creazione d Impresa

Bando di idee per la creazione d Impresa Bando di idee per la creazione d Impresa VISTA la delibera di Giunta Provinciale n. 575 del 04/01/2010 prot. 162 che ha approvato il progetto Faimpresa. PREMESSO che -il progetto Faimpresa è un'occasione

Dettagli

BANDO CONFIDI 2010 per il sostegno ai costi d esercizio dei Confidi aderenti alla Federazione Unionfidi Italiana

BANDO CONFIDI 2010 per il sostegno ai costi d esercizio dei Confidi aderenti alla Federazione Unionfidi Italiana Confederazione Autonoma Italiana del Commercio, del Turismo, dei Servizi, delle Professioni e delle Piccole e Medie Imprese BANDO CONFIDI 2010 per il sostegno ai costi d esercizio dei Confidi aderenti

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale

Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI AD ASSOCIAZIONI, ENTI, COMITATI E ALTRI SOGGETTI SENZA FINALITÀ DI LUCRO PER L

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

Richiamati: Considerati:

Richiamati: Considerati: BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA QUALIFICAZIONE ED INNOVAZIONE DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DEL " DISTRETTO DEL COMMERCIO DI BAREGGIO, CORBETTA E CISLIANO Richiamati: 1. D.d.g 25 maggio 2009

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI REALIZZATO NELL'AMBITO DEL PIANO LOCALE DELL IMMIGRAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RIVOLTI AI SETTORI SOCIO-OCCUPAZIONALE, INFORMATIVO E INTERCULTURALE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA QUALIFICAZIONE ED INNOVAZIONE DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DEL DISTRETTO DEL COMMERCIO MALPENSA SUD

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA QUALIFICAZIONE ED INNOVAZIONE DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DEL DISTRETTO DEL COMMERCIO MALPENSA SUD BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA QUALIFICAZIONE ED INNOVAZIONE DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DEL DISTRETTO DEL COMMERCIO MALPENSA SUD Premesso che: con Delibera di Giunta Regionale n. 10478 del

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

PREMIO in Memoria di Carlo Rossini Concorso per la migliore idea imprenditoriale

PREMIO in Memoria di Carlo Rossini Concorso per la migliore idea imprenditoriale PREMIO in Memoria di Carlo Rossini Concorso per la migliore idea imprenditoriale 1^ EDIZIONE Premessa La BCC dell Alta Brianza - Alzate Brianza Via IV Novembre 549 istituisce il primo concorso per la migliore

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35 FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35 1 INDICE 1. PREMESSA pag. 3 2. OBIETTIVI pag. 3 3. MANIFESTAZIONI D INTERESSE pag. 4 4.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

BANDO SPORTELLI PER L ASSISTENZA FAMILIARE IN RETE PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI A SPORTELLO

BANDO SPORTELLI PER L ASSISTENZA FAMILIARE IN RETE PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI A SPORTELLO BANDO SPORTELLI PER L ASSISTENZA FAMILIARE IN RETE PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI A SPORTELLO 1. Finalità dell intervento Con il presente bando la Provincia di Varese ha come obiettivo la qualificazione

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA Premessa DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2015 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore certificato di ComoNExT scpa Ministero dello

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA DEL LAVORO Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE GENERALE N. 1027 DI DATA 25 Settembre 2015 O G G E T T O: 9. INTERVENTO DI "SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN'IDEA IMPRENDITORIALE"

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA FINALITA E RISORSE La Provincia di Milano intende rafforzare in modo particolare la competitività di alcuni settori

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA Chieti, 14 Novembre 2014 La Camera di Commercio di Chieti, attraverso la creazione di un Fondo di Garanzia,

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

l'accesso al lavoro, alla vita sociale, alla fruizione di strumenti o servizi da parte di coloro che oggi il mercato esclude;

l'accesso al lavoro, alla vita sociale, alla fruizione di strumenti o servizi da parte di coloro che oggi il mercato esclude; BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO COSTITUITO DALL OPERA PIA MONTE DI PIETA E CONFIDENZE DI MOLFETTA A FAVORE DI PERMICRO 1 PARTNER FINANZIARIO DELL INIZIATIVA

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI Prot. n. Budrio, BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, A FRONTE DI SPESE SOSTENUTE, AD IMPRESE ARTIGIANE CON SEDE LEGALE E/O OPERATIVA IN BUDRIO E COMUNQUE OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE- ANNO 2010.

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli