IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA"

Transcript

1 DECRETO N DEL Oggetto: Revisione delle Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie, già approvate con d.d.g. n /99 e 36633/99. Revisione linee guida IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA VISTI: la l.r. 7 giugno 1980, n. 94 e successive modifiche ed integrazioni; la deliberazione comitato interministeriale 27 luglio 1984; il d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modifiche ed integrazioni; il d.m. Ambiente e Sanità 26 giugno 2000, n. 219; RICHIAMATI: il d.d.g. Tutela Ambientale e Sanità 6 luglio 1998, n. 3477, avente per oggetto: Direttive e linee guida in ordine al deposito temporaneo di rifiuti sanitari e in materia di tenuta di registri di carico e scarico per rifiuti e obbligo di compilazione del formulario di identificazione ; il d.d.g. Sanità e Tutela Ambientale 23 marzo 1999, n , avente per oggetto: Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie come modificato con d.d.g. 27 luglio 1999, n ; DATO ATTO che il predetto d.m. 219/00, emanato in attuazione del d.lgs. 22/97, classifica puntualmente i rifiuti sanitari definendone modalità di gestione che, in alcuni casi, differiscono in modo sostanziale da quanto previsto dalla normativa preesistente; RITENUTO che quanto sopra renda necessario procedere alla revisione delle direttive e linee guida in ordine alla gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie già adottate con d.d.g /99 in attesa dell emanazione del decreto attuativo dell art. 45 del d.lgs. 22/97; DATO ATTO che, ai fini di cui sopra, è stato costituito, su iniziativa della UO Prevenzione della D.G. Sanità, uno specifico Gruppo di Lavoro in cui sono rappresentate, oltre alla D.G. Sanità, la D.G. Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità e l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia, per le competenze alla stessa spettanti in ordine ai controlli ambientali; PRESO ATTO che, nel periodo dal 18 gennaio al 19 aprile 2001, si sono tenute numerose riunioni del Gruppo di Lavoro di cui sopra; DATO ATTO che tali riunioni hanno portato alla elaborazione delle linee guida Rifiuti e Strutture Sanitarie relative alla gestione dei rifiuti derivanti da strutture sanitarie;

2 PRESO ATTO altresì che la partecipazione al Gruppo di lavoro, oltre che dei rappresentanti della D.G. Sanità e della D.G. Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità, anche di funzionari dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia, ha consentito che tali Linee guida siano condivise anche dalla struttura che dovrà effettuare i controlli e ciò comporterà uniformità di indirizzi e d interpretazioni sia nella fase di gestione dei rifiuti da parte degli operatori delle strutture sanitarie che da parte degli addetti alla vigilanza ed ai controlli; RITENUTO di precisare attraverso l approvazione di tali linee guida, parte sostanziale ed integrante del presente decreto, gli adempimenti posti a carico delle strutture sanitarie per la gestione dei rifiuti dalle stesse prodotti; RITENUTO pertanto di annullare e sostituire con le presenti le linee guida adottate con d.d.g /99 e d.d.g /99, nonché di disporre la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia;; VISTO l art. 17 della l.r. 16/96 che individua le competenze e i poteri dei direttori generali; VISTA la d.g.r. VII/4 del Avvio della VII Legislatura. Costituzione delle Direzioni Generali e nomina dei Direttori Generali ; DECRETA 1. di approvare le linee guida Rifiuti e strutture sanitarie della Regione Lombardia, che costituiscono parte sostanziale ed integrante del presente decreto; 2. di annullare e sostituire con le presenti linee guida le precedenti adottate con d.d.g /99 come modificate con d.d.g /99; 3. di disporre la comunicazione del presente atto a tutte le amministrazioni provinciali e a tutte le Strutture Sanitarie della Lombardia nonché all Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia; 4. di disporre la pubblicazione integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia. Il Direttore Generale Sanità Renato Botti Il Direttore Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità Paolo Alli

3 Regione Lombardia RIFIUTI E STRUTTURE SANITARIE Revisione Linee guida della Regione Lombardia in attuazione al Decreto Ministeriale n. 219/2000 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità U.O. Prevenzione Direzione Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità U.O. Gestione Rifiuti Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente - Lombardia - Settore Suolo e Rifiuti Milano Maggio 2001

4 RIFIUTI E STRUTTURE SANITARIE Revisione Linee guida della Regione Lombardia in attuazione al Decreto Ministeriale n. 219/2000 Revisione a cura di : Maria Carmela Perna - Prevenzione Sanitaria - Sanità - Regione Lombardia Silvia Cerlesi Keisdata S.r.l. via Pisacane, 46 Legnano Maurizio Frascarolo - Gestione Rifiuti - Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità - Regione Lombardia Giuseppe Paone Settore Suolo e Rifiuti - A.R.P.A. Lombardia Carlo Sala Dipartimento Prov. Lecco A.R.P.A. Lombardia Si ringraziano per la collaborazione: Dott. Amadeo Amadei A.S.L. della Provincia di Milano 1 Legnano, Dott.ssa Aurelia Fonda Ministero dell Ambiente, Ing. Raffaella Sonzogni Keisdata S.r.l 1

5 INDICE OBIETTIVI 3 OGGETTO 4 CLASSIFICAZIONE 5 RIFIUTI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO (P.R.I.) DA ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA Tabella 1 7 Ciclo di vita dei P.R.I. 9 RIFIUTI PERICOLOSI A RISCHIO CHIMICO (P.R.C.) DA ATTIVITA LABORATORISTICA, DA DISINFEZIONE E/O DA FARMACIA Tabella 2 13 Ciclo di vita dei P.R.C. da attività laboratorio disinfezione e/o farmacia 14 RIFIUTI PERICOLOSI A RISCHIO CHIMICO (P.R.C.) DA ATTIVITA DI SERVIZIO Tabella 3 17 Ciclo di vita dei P.R.C. da attività di servizio 18 RIFIUTI sanitari NON PERICOLOSI DA ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA Tabella 4 20 Ciclo di vita dei rifiuti non pericolosi da attività di assistenza sanitaria non Assimilati ai rifiuti urbani 21 RIFIUTI sanitari ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI e Rifiuti avviati alla RACCOLTA DIFFERENZIATA (recupero)da ATTIVITÀ DI SERVIZIO Tabella 5 23 Rifiuti sanitari ASSIMILATI ai rifiuti URBANI Tabella 6 24 Ciclo di vita dei S.N.P. da attività di servizio 25 ALLEGATO 1: Adempimenti amministrativi 27 ALLEGATO 2: Rifiuti provenienti da Case di Riposo e strutture protette 28 ALLEGATO 3: Rifiuti cimiteriali 29 Riferimenti Bibliografici 30 2

6 OBIETTIVI 1) Aggiornamento delle Linee Guida Rifiuti e strutture sanitarie del 9 marzo 1998 in base al Decreto 26 giugno 2000, n.219 Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell articolo 45 del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 e conseguente aggiornamento del D.D.G. 23 marzo 1999 n Direzione Generale Sanità Direzione Generale Tutela Ambientale Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie con: riduzione della produzione dei rifiuti Pericolosi a Rischio Infettivo specificando in modo dettagliato quali siano le condizioni che rendono tale un rifiuto sanitario; incentivazione della raccolta differenziata, del recupero e del riciclaggio finalizzati alla riduzione del quantitativo di rifiuti attualmente destinati esclusivamente allo smaltimento; individuazione dei criteri di sicurezza da adottare al fine di diminuire o annullare la pericolosità del rifiuto in fase di movimentazione; indicazioni sull individuazione dei reflui sanitari pericolosi a rischio chimico, loro classificazione per gruppi omogenei e diversificazione nello smaltimento; ottimizzazione delle modalità di gestione dei rifiuti al fine di mettere in atto criteri di economicità. 2) Condivisione delle Linee Guida con la Direzione Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità che ha compiti di pianificazione e indirizzo nella gestione dei rifiuti e con l Agenzia Regionale per l Ambiente che svolge un ruolo di supporto tecnico e ha competenza per i controlli sulla corretta gestione dei rifiuti sanitari La condivisione del documento dovrà garantire una uniformità di interpretazione sia da parte degli operatori sanitari che da parte degli operatori deputati al controllo. 3

7 OGGETTO E stato redatto, a cura dell U.O. Prevenzione della D.G. Sanità della Regione Lombardia, un primo rapporto sui rifiuti prodotti dalle strutture sanitarie pubbliche relativo al Nell analisi dei dati sono stati considerati solo i rifiuti infetti o potenzialmente infetti ed è emersa una consistente varietà nella quantità di rifiuti prodotti e nei costi per Kg di rifiuto smaltito. Successivamente sono stati chiesti e trasmessi alla stessa U.O. vari moduli di rilevazione contenenti i dati su tutte le tipologie di rifiuti sanitari prodotti e smaltiti dalle strutture sanitarie nel Dalle risposte si è notato un uso indiscriminato di codici del Catasto Italiano Rifiuti (C.I.R.) per le varie tipologie di rifiuto che ha portato ad una interpretazione errata da parte di molte A.S.L. ed Ospedali anche dei codici del Catalogo Europeo Rifiuti (C.E.R.) da utilizzare a partire dal Dall analisi dei dati del è stato rilevato che le indicazioni date con le Linee Guida Rifiuti e strutture sanitarie, emanate nel Marzo 1998 dalla Giunta Regionale D.G. Sanità U. O. Prevenzione Sanitaria, e con la successiva approvazione delle stesse con il citato d.d.g. Sanità e Tutela Ambientale 25100/99, è stato riscontrato un allineamento di tutte le strutture sanitarie all utilizzo dei C.E.R. con l effetto di una corretta classificazione di tutte le tipologie di rifiuti. L obiettivo da perseguire e quello di una stretta integrazione tra il sistema di raccolta comunale e quello dei rifiuti ospedalieri. Per tutti i rifiuti non pericolosi assimilati agli urbani le Aziende Sanitarie debbono potersi avvalere dei Servizi Pubblici Comunali pagando la relativa tassa. Per usufruire di tale servizio le Aziende potranno disporre di raccoglitori interni alle varie strutture o Presidi o conferire i propri rifiuti direttamente ai Centri di raccolta Comunale. La prima modalità dovrebbe essere applicata per i rifiuti assimilati agli urbani, la seconda potrebbe valere per i rifiuti conferibili in piattaforma e destinati al recupero. I rifiuti speciali non pericolosi possono essere conferiti direttamente dal produttore in piattaforma, allestita dalla municipalizzata, previa specifica convenzione. I rifiuti, non pericolosi, conferiti in piattaforma e destinati al recupero e gli assimilati agli urbani possono essere raccolti in luoghi interni o esterni all Azienda, senza formalizzazione alcuna, con mezzi e personale proprio. Il trattamento di disinfezione dei Rifiuti Pericolosi a Rischio Infettivo non deve essere più effettuato e pertanto, come trattamento dei rifiuti, deve intendersi unicamente la sterilizzazione. 4

8 CLASSIFICAZIONE Il Decreto 26 giugno 2000, n. 219 Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell articolo 45 del d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 ha disciplinato le seguenti tipologie di rifiuti: a) Rifiuti sanitari non pericolosi; b) Rifiuti sanitari assimilati ai rifiuti urbani; c) Rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo; d) Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo; e) Rifiuti sanitari che richiedono particolari modalità di smaltimento; f) Rifiuti da esumazioni e da estumulazioni, nonché i rifiuti derivanti da altre attività cimiteriali esclusi i rifiuti vegetali provenienti da aree cimiteriali. I rifiuti prodotti dalle strutture sanitarie sono stati raggruppati secondo il seguente schema tenendo conto della provenienza e delle diverse destinazioni finali: Rifiuti sanitari PERICOLOSI a RISCHIO INFETTIVO; Rifiuti sanitari PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA LABORATORISTICA, da DISINFEZIONE e/o da FARMACIA; Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA di SERVIZIO; Rifiuti sanitari NON PERICOLOSI che richiedono particolari sistemi di gestione; Rifiuti NON PERICOLOSI da ATTIVITA di SERVIZIO; Rifiuti sanitari ASSIMILATI ai rifiuti URBANI. 5

9 Classificazione rifiuti speciali da strutture sanitarie ATTIVITA PERICOLOSI NON PERICOLOSI ASSISTENZA SANITARIA LABORATORISTICA, DISINFEZIONE E/O FARMACIA SERVIZIO RISCHIO INFETTIVO Tabella 1 RISCHIO CHIMICO Tabella 2 RISCHIO CHIMICO Tabella 3 NON ASSIMILATI agli URBANI Tabella 4 ASSIMILATI agli URBANI Tabella 6 Con recapito in FOGNATURA COMUNALE se in linea con la legislazione vigente ASSIMILATI agli URBANI RACCOLTA DIFFERENZIATA Tabella 5 ASSIMILATI agli URBANI Tabella 6 Ai rifiuti di laboratorio non viene assegnato il codice bensì i codici trasversali derivanti dall attività e, più precisamente, si utilizza la categoria 06 se derivanti da processi chimici inorganici mentre si utilizza la categoria 07 se derivanti da processi chimici organici. Per queste categorie viene ritenuto trascurabile il rischio infettivo e il rifiuto viene invece classificato come pericoloso in base alle caratteristiche chimiche; pertanto il deposito temporaneo di tali rifiuti segue l art. 6 del d.lgs. n. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni: il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo non supera i 10 metri cubi, quando raggiunge o supera i 10 metri cubi la cadenza di asporto è almeno bimestrale. Qualora non si configurano le condizioni appena riportate è necessario acquisire autorizzazione preventiva al deposito temporaneo. Per i rifiuti pericolosi a rischio infettivo non valgono le modalità sopra esposte ma il deposito temporaneo è regolamentato dall art. 45 comma 1 del d.lgs. 22/97. Segue l elenco dei rifiuti e relativi codici più frequentemente prodotti nelle strutture sanitarie suddivisi nelle Tabelle da 1 a 6. A ciascun tabella e associato il ciclo di vita dei relativi rifiuti e le indicazioni per il conferimento e lo smaltimento. 6

10 Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO INFETTIVO da ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA (Decreto 219/2000 art.2 lettera g) ) Tabella 1. CATALOGO TIPOLOGIE EUROPEO RIFIUTI Rifiuti che presentano la caratteristica di pericolo di cui alla voce H9 (infettivo) dell allegato I del d.lgs. 5 febbraio 1997 n.22 (infettivo: sostanze C.E.R. contenenti microrganismi vitali o loro tossine, conosciute o ritenute per buoni motivi come cause di malattie nell uomo o in altri organismi viventi), la cui raccolta e smaltimento richiedono precauzioni particolari in funzione della prevenzione di infezioni: 1. TUTTI i rifiuti che provengono da ambienti di isolamento infettivo nei quali sussiste un rischio di trasmissione biologica aerea; 2. TUTTI i rifiuti che provengono da ambienti ove soggiornano pazienti in isolamento infettivo affetti da patologie causate da agenti biologici di gruppo IV di cui all allegato XI del d.lgs. 19 settembre 1994 n.626, e successive modifiche ed integrazioni (virus Lassa, virus Guanarito, virus Junin, virus Sabia, virus Machupo, virus della febbre emorragica di Crimea/Congo, virus Ebola, virus di Marburg, Variola (mayor e minor) virus, Whitepox virus (variola virus); 3. TUTTI i rifiuti che provengono da ambienti di isolamento infettivo e sono venuti a contatto con qualsiasi liquido biologico secreto od escreto dei pazienti isolati; 4. TUTTI i rifiuti contaminati da sangue o altri liquidi biologici che contengono sangue in quantità tale da renderlo visibile; 5. TUTTI i rifiuti contaminati da liquido seminale, secrezioni vaginali, liquido cerebro-spinale, liquido sinoviale, liquido pleurico, liquido peritoneale, liquido pericardico o liquido amniotico; 6. I rifiuti contaminati da feci e da urine, solo nel caso in cui sia ravvisata clinicamente, dal medico che ha in cura il paziente, una patologia trasmissibile attraverso tali escreti. 7

11 Per maggior completezza di informazione si allega la tabella dell Allegato I del Decreto 219/2000 indicante le tipologie di rifiuti sanitari che sono ritenuti pericolosi a rischio infettivo qualora sussistano le caratteristiche indicate nei punti della Tabella 1. COMPOSIZIONE TIPO DI RIFIUTO Rifiuti a rischio infettivo di cui all art.2, comma 1, lettera d), C.E.R * o ** Rifiuti provenienti dallo svolgimento di attività di ricerca e di diagnostica batteriologica Assorbenti igienici, pannolini pediatrici e pannoloni Bastoncini cotonati per colposcopia e paptest Bastoncini oculari non sterili Bastoncini oftalmici di TNT Cannule e drenaggi Cateteri (vescicali, venosi, arteriosi per drenaggi pleurici, ecc.), raccordi, sonde Circuiti per circolazione extracorporea Cuvette monouso per prelievo bioptico endometriale Deflussori Fleboclisi contaminate Filtri di dialisi. Filtri esausti provenienti da cappe (in assenza di rischio chimico) Guanti monouso Materiale monouso: vials, pipette, provette, indumenti protettivi, mascherine, occhiali, telini, lenzuola, calzari, seridrape, soprascarpe, camici Materiale per medicazione (garze, tamponi, bende, cerotti, lunghette, maglie tubolari) Sacche (per trasfusioni, urina stomia, nutrizione parenterale) Set di infusione Sonde rettali e gastriche Sondini (nasografi per broncoaspirazione, per ossigenoterapia, ecc.) Spazzole, cateteri per prelievo citologico Speculum auricolare monouso Speculum vaginale Suturatrici automatiche monouso Gessi e bendaggi Denti e piccole parti anatomiche non riconoscibili Lettiere per animali da esperimento Contenitori vuoti di vaccini ad antigene vivo Rifiuti di gabinetti dentistici Rifiuti di ristorazione Spazzatura Piastre, terreni di colture ed altri presidi utilizzati in microbiologia e contaminati da agenti patogeni Rifiuti taglienti, C.E.R * o ** Rifiuti anatomici, C.E.R * o ** Aghi, siringhe, lame, vetri, lancette pungidito, venflon, testine, rasoi e bisturi monouso Tessuti, organi e parti anatomiche non riconoscibili*** Animali da esperimento *Altri rifiuti la cui raccolta e smaltimento richiede precauzioni particolari in funzione della prevenzione di infezioni (per l uomo). **Altri rifiuti la cui raccolta e smaltimento richiede precauzioni particolari in funzione della prevenzione di infezioni (per gli animali). ***Le parti anatomiche riconoscibili (in senso medico-legale) e i feti opportunamente immessi negli appositi contenitori devono essere avviati alla cremazione negli inceneritori o all inumazione a sensi del regolamento di Polizia mortuaria (d.p.r. 285/90). 8

12 CICLO DI VITA dei Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO INFETTIVO DA ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA SORVEGLIANZA Al Direttore o Responsabile Sanitario della struttura pubblica o privata compete la sorveglianza ed il rispetto del deposito temporaneo (art. 45, comma 2, d.lgs. 22/97), fino al conferimento dei rifiuti all operatore autorizzato al trasporto verso l impianto di smaltimento (art. 10, comma 3, d.lgs. 22/97); comunque la responsabilità finale compresa quella degli atti amministrativi, ricade sul Direttore Generale. CONTENITORI I rifiuti pericolosi a rischio infettivo vanno immessi in imballaggio a perdere, anche flessibile, che deve avere adeguate caratteristiche di resistenza e dotato di sistemi di chiusura che evitino spandimenti accidentali del contenuto. Nel caso di rifiuti pungenti o taglienti l imballaggio deve essere rigido e recante la scrittura Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti. In entrambi i casi l imballaggio va immesso in un secondo contenitore di materiale rigido, resistente e munito di chiusura ermetica che deve essere facilmente distinguibile da quelli usati per altre tipologie di rifiuti e recare, con evidenza, la dicitura Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo ed il simbolo del rischio biologico; deve essere riportata sugli stessi la data e l indicazione della struttura di produzione. Nel caso il contenitore rigido esterno non sia riciclabile (ad esempio in cartone), i contenitori interni non devono essere eccessivamente riempiti perché ciò comporterebbe un possibile rischio per gli operatori, ma devono contenere un quantitativo di rifiuti tale da ottimizzare il costo del contenitore ed indicativamente: - contenitore da 40 l => da 3 a 6 Kg max; - contenitore da 60 l => da 4 a 8 Kg max. E OPPORTUNO che vengano utilizzati contenitori esterni rigidi riciclabili, realizzati in materiale termoplastico non clorurato che, nell eventuale caso di combustione, non diano origine a sostanze tossiche. 9

13 Tali contenitori possono essere riutilizzati solo se può esserne garantita la sanificazione/disinfezione ad ogni ciclo d uso. Qualora la disinfezione (certificata) non sia realizzata presso l inceneritore ma presso altri impianti, i contenitori esterni riciclabili devono comunque essere trasportati, chiusi, con automezzo che deve essere a sua volta sanificato/disinfettato prima del successivo riutilizzo. L uso di contenitori esterni rigidi riciclabili (imballaggi) deve essere privilegiato, sempre che sussistano le condizioni di cui sopra, in quanto: - garantiscono una maggiore sicurezza per gli operatori nelle fasi di raccolta, movimentazione e trasporto; - permettono il completo utilizzo della volumetria utile anche superando il quantitativo in peso indicato per l altra tipologia di contenitori sempre nel rispetto, in caso di movimentazione manuale, dei limiti di peso previsti dal d.lgs. 626/94; - riducono i costi in quanto possono essere riutilizzati e in tal senso non determinano peso in qualità di rifiuto; - costituiscono elemento positivo in funzione del minor carico ambientale che il loro utilizzo determina. RACCOLTA INTERNA Può essere effettuata da personale dipendente o attraverso appalto. Il personale addetto alla raccolta dovrà essere edotto del rischio rappresentato dalla movimentazione del rifiuto, informato della pericolosità degli stessi e fornito di idonei dispositivi di protezione individuale ai sensi art. 42 d. lgs. n. 626/94. I contenitori devono essere maneggiati con cura e, nel caso presentassero delle anomalie, prima del trasporto va effettuata la loro sostituzione e segnalazione al responsabile. TRATTAMENTO La sterilizzazione dei rifiuti sanitari pericolosi, prevista dal d.m. 219/2000, è effettuata in impianti autorizzati ai sensi degli art. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni. Se gli impianti sono localizzati all interno del perimetro della struttura sanitaria non devono essere autorizzati a condizione che in tali impianti siano trattati esclusivamente rifiuti prodotti dalla struttura stessa. 10

14 A tali fini si considerano prodotti dalla struttura sanitaria dove è ubicato l impianto di sterilizzazione anche i rifiuti prodotti dalle strutture decentrate ma organizzativamente e funzionalmente collegate con la stessa. Il Direttore o il Responsabile Sanitario e il gestore degli impianti di sterilizzazione, localizzati all interno delle strutture sanitarie, sono responsabili dell attivazione degli impianti e dell efficacia del processo di sterilizzazione in tutte le sue fasi. L attivazione di tali impianti deve essere preventivamente comunicata alla Provincia ai fini dell effettuazione dei controlli periodici. L efficacia dell impianto e del processo di sterilizzazione devono essere verificate trimestralmente, ed in ogni caso non oltre i 100 cicli di utilizzo; l efficacia del processo di sterilizzazione deve essere verificata utilizzando i criteri previsti dalle norme UNI 10384/94. Qualora si adotti il trattamento di sterilizzazione i contenitori utilizzati per la raccolta ed il trasporto dovranno essere a perdere, di colore diverso da quelli utilizzati per i rifiuti urbani e per gli altri rifiuti sanitari assimilati, anche flessibili (sacchi) e recare la scritta Rifiuti sanitari sterilizzati e la data di sterilizzazione. DEPOSITO e DURATA Il deposito temporaneo presso il luogo di produzione di rifiuti sanitari pericolosi deve essere effettuato in condizioni tali da non causare alterazioni che comportino rischi per la salute, in locali adeguati, non accessibili all utenza, quotidianamente puliti e disinfettati. Per quantitativi superiori a 200 litri può avere una durata massima di 5 giorni; per quantitativi inferiori detto deposito temporaneo può raggiungere i 30 giorni (comma 1 art.45 d.lgs. n. 22/97). TRASPORTO Per il trasporto e il conferimento agli impianti di termodistruzione, i rifiuti devono essere accompagnati dal formulario di identificazione previsto dall art. 15 del d.lgs. 22/97; se la quantità è inferiore a trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno il trasporto, può essere effettuato dal produttore senza l obbligo di formulario di identificazione e di autorizzazione al trasporto. Se la quantità è superiore a trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno l azienda che effettua il trasporto deve essere iscritta all Albo nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti e deve utilizzare procedure di trasporto che siano conformi alla normativa ADR/RID (norme per il trasporto di merci pericolose) per rifiuti, identificati al n. ONU 3291, che 11

15 rientrano nella classe 6.2, ordinale 4.b. I rifiuti pericolosi a rischio infettivo sterilizzati seguono le stesse modalità di trasporto dei rifiuti urbani. SMALTIMENTO I rifiuti non sterilizzati devono essere smaltiti tramite termodistruzione presso impianti autorizzati ai sensi del d.lgs. n 22/97 come rifiuti pericolosi di cui al C.E.R ; possono essere smaltiti, nel rispetto delle disposizioni di cui al d.m. Ambiente 19 novembre 1997, n. 503 in impianti di incenerimento ad essi dedicati oppure in impianti di incenerimento di rifiuti speciali e di rifiuti urbani, a condizione che tali impianti siano dotati di un sistema di alimentazione per tali rifiuti per garantire una efficace tutela della salute e dell ambiente, per evitare lo sversamento dei rifiuti ed il contatto di questi con gli operatori. I rifiuti sterilizzati che non presentano nessuna caratteristica di pericolo possono essere smaltiti in impianti di incenerimento di rifiuti speciali e di rifiuti urbani, non dotati di un appropriato sistema di alimentazione per i rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. Qualora il numero degli impianti per lo smaltimento mediante termodistruzione non risulti adeguato il Presidente della Regione, d intesa con il Ministro della Sanità ed il Ministro dell Ambiente (comma 3 art. 45 d.lgs. n. 22/97) può autorizzare lo smaltimento in discarica controllata. 12

16 Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA LABORATORISTICA, da DISINFEZIONE e/o da FARMACIA Tabella 2. TIPOLOGIE CATALOGO EUROPEO RIFIUTI C.E.R. Liquidi esausti provenienti da laboratori di anatomia patologica, di chimica clinica e di ematologia e da attività di disinfezione che per le loro caratteristiche chimiche, ai sensi della normativa vigente, non possono essere smaltiti in fognatura: Soluzioni acquose organiche di lavaggio Miscela solventi organici Miscela solventi alogenati e non Soluzioni acide Soluzioni basiche Soluzioni con metalli pesanti Terre filtranti da cromatografia ed affini , Reagenti acidi Reagenti basici Reagenti solventi Reagenti solventi alogenati Reagenti solidi inorganici Residui di sostanze chimiche concentrate: - per ciascuna sostanza chimica non diluita dalle strumentazioni utilizzate va assegnato il codice specifico della sezione 06 se rifiuti da processi chimici inorganici - per ciascuna sostanza chimica non diluita dalle strumentazioni utilizzate va assegnato il codice specifico della sezione 07 se rifiuti da processi chimici organici Formaldeide (idoneo anche ) N.B. Per ogni singola apparecchiatura e/o processo analitico deve essere puntualmente valutato se il refluo decadente sia da considerarsi rifiuto e, come tale, smaltito oppure sia da considerarsi scarico idrico ai sensi del d.lgs. 152/99. 13

17 CICLO DI VITA dei Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA LABORATORISTICA, da DISINFEZIONE e/o da FARMACIA SORVEGLIANZA L art. 45 del d.lgs. 22/97 affida al Direttore o Responsabile Sanitario della struttura pubblica o privata la sorveglianza ed il rispetto del deposito temporaneo dei soli rifiuti sanitari pericolosi, tuttavia si ritiene che anche le restanti tipologie di rifiuti prodotte in strutture sanitarie debbano essere sottoposte a sorveglianza e controllo. Appare opportuno che la sorveglianza ed il controllo dei rifiuti da attività di laboratorio venga delegata direttamente ai Responsabili degli stessi vista la frequenza nelle modifiche delle metodiche analitiche e dei reagenti utilizzati. La responsabilità finale comprensiva degli atti amministrativi ricade sempre sul Direttore Generale. CONTENITORI Le caratteristiche dei contenitori sono indicate nella Circolare della D.G. Tutela Ambientale n. 4 del 26 gennaio 1998, approvata con d.d.g. 7 gennaio 1998, n. 36, alla voce Norme tecniche con particolare riferimento ai punti 7, 8, 9 e 14 per quanto attiene: ai contrassegni, ai requisiti di resistenza in funzione del tipo di rifiuto contenuto, ai dispositivi di chiusura, di sicurezza e di presa, alla impossibilità di interazione tra rifiuti incompatibili ed ai segnalatori di livello e dispositivi antitraboccamento per i serbatoi. RACCOLTA INTERNA Può essere effettuata da personale dipendente o attraverso appalto. Il personale addetto alla raccolta dovrà essere edotto del rischio rappresentato dalla movimentazione del rifiuto, informato della pericolosità degli stessi e fornito di idonei dispositivi di protezione individuale ai sensi dell art. 42 del d.lgs. n. 626/94. I contenitori devono essere maneggiati con cura, nel caso presentassero delle anomalie, prima del trasporto va effettuata la loro sostituzione e segnalazione al responsabile. 14

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv. I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15 luglio 2003, n 254 Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari, a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n 179 Premessa La gestione dei

Dettagli

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo Revisione 0 Pagina 1 di 8 6. Si definiscono rifiuti, o che comunque possono comportare rischio per la salute pubblica, tutti i rifiuti: provenienti da ambienti di isolamento infettivo; derivanti da ravvisata

Dettagli

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Premessa I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità', da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne

Dettagli

Smaltimento Rifiuti Sanitari

Smaltimento Rifiuti Sanitari Smaltimento Rifiuti Sanitari I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità, da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne la raccolta, il trasporto

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051 RIFIUTI SANITARI Adeguamento delle Linee Guida sulla gestione dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie secondo le prescrizioni del vigente D.M. 219/2000 e del nuovo catalogo di classificazione dei

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 26 giugno 2000, n.219

DECRETO MINISTERIALE 26 giugno 2000, n.219 DECRETO MINISTERIALE 26 giugno 2000, n.219 Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell'articolo 45 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. (G. U. n. 181

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Servizio Provveditorato Macrostruttura Ospedaliera Dipartimento Territoriale LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI VERSIONE 2.0 DEL 15/12/2002 1 INDICE CRITERI GENERALI DI PERICOLOSITÀ INFETTIVA DEI RIFIUTI

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254

Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87 della Costituzione; Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, recante istituzione del Ministero

Dettagli

IL DLGS 152 DEL 2006 ED IL D.P.R. 15 LUGLIO 2003, N.

IL DLGS 152 DEL 2006 ED IL D.P.R. 15 LUGLIO 2003, N. STUDIO.ALBERTAZZI CONSULENZE LEGALI AMBIENTE Via Dal Prato 84 Castelbolognese Via Panzacchi 54 Bologna tel. 0546/656637 cell. 347/2512978 fax 0546/060569 e-mail : albertazzi.bernardino@fastwebnet.it IL

Dettagli

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di I RIFIUTI I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di rifiuti, per un totale di 143mila tonnellate all

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 EcoNomos - Diritto ed Economia dell'ambiente Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 (Gazzetta ufficiale 11 settembre 2003 n. 211) Regolamento recante disciplina della gestione dei

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Capo I - Disposizioni generali

SOMMARIO NOTE TESTO. Capo I - Disposizioni generali Decreto Presidente Repubblica n 254 del 15/07/2003 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179. SOMMARIO NOTE TESTO Capo

Dettagli

G.U. n. 211 del 11-9-2003 D.P.R. 15 luglio 2003, n.254

G.U. n. 211 del 11-9-2003 D.P.R. 15 luglio 2003, n.254 G.U. n. 211 del 11-9-2003 D.P.R. 15 luglio 2003, n.254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n.254

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n.254 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n.254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179. (G.U. n. 211

Dettagli

Dpr 15 luglio 2003, n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari

Dpr 15 luglio 2003, n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari Pagina 1 di 29 Cerca nel sito Invia query RICERCA AVANZATA Osservatorio normativo Acque Appalti e acquisti verdi Aria Cambiamenti climatici Contabilità ambientale Danno ambientale e bonifiche Disposizioni

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179.

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179. Con il DPR n. 254 del 15 luglio 2003 è stato approvato il regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari in attuazione dell'articolo 24 del collegato ambientale (legge 31 luglio

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI U.O.C Prevenzione e Protezione Procedura gestionale Procedura n 1/2015 Rev. 0 Data 03/11/2015 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI La gestione di un rifiuto è l insieme delle operazioni, fra

Dettagli

S E R I E G E N E R A L E GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

S E R I E G E N E R A L E GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA S E R I E G E N E R A L E Anno 145 - Numero 211 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA Roma Sabato 11 settembre 2003 SI PUBBLICA TUTTI I GIORNI NON FESTIVI DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO

Dettagli

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE FONTI NORMATIVE - D.M. 26-6-2000 n. 219 (Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Ottobre-Novembre 2014 Ronconi Paolo DMO 1 I RIFIUTI SANITARI-NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA

Dettagli

Preambolo. Articolo 1

Preambolo. Articolo 1 Page 1 of 8 Decreto Ministeriale 26 giugno 2000, n. 219 (in Gazz. Uff., 4 agosto, n. 181). - Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell'art. 45 del decreto legislativo

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

RIFIUTI SANITARI: ASPETTI NORMATIVI E GESTIONALI. Elementi per la progettazione di un modulo raccolta dati

RIFIUTI SANITARI: ASPETTI NORMATIVI E GESTIONALI. Elementi per la progettazione di un modulo raccolta dati RIFIUTI SANITARI: ASPETTI NORMATIVI E GESTIONALI Elementi per la progettazione di un modulo raccolta dati La realizzazione del rapporto è stata coordinata, per conto dell Osservatorio Nazionale sui Rifiuti,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE

GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE 5. DEFINIZIONI RIFIUTI SANITARI : rifiuti prodotti da strutture sanitarie pubbliche e private durante lo svolgimento di attività medica e veterinaria

Dettagli

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI AUSL DI FERRARA P.G. 04 LA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev. 2 del 29/12/2005 Redazione Verifica Approvazione Funzione Cognome Nome Funzione Data Visto Funzione Data Visto PUO Dr. Di Giorgio A. PUO-Q Dr.ssa Baldi

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese Brescia, 13 dicembre 2013 1 URBANI Domestici Da locali e luoghi adibiti

Dettagli

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani Premessa Il presente Regolamento è finalizzato a disciplinare l assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani, in ottemperanza a quanto previsto dall art. 198, comma 2., lettera g)

Dettagli

Dr. F. Rose D.M. P.U. N.A.R.C.

Dr. F. Rose D.M. P.U. N.A.R.C. AZIENDAA OSPEDALIERA DI COSENZA DIREZIONE MEDICA PRESIDIO UNICO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE Procedura per iill corretto smalltiimento,, raccollta e allllontanamento deii riifiiutii saniitarii ospedalliie

Dettagli

CAPITOLO 12 - RIFIUTI SANITARI - ASPETTI GENERALI

CAPITOLO 12 - RIFIUTI SANITARI - ASPETTI GENERALI CAPITOLO 12 - RIFIUTI SANITARI - ASPETTI GENERALI 12.1 LE NORME DI SETTORE PER I RIFIUTI SANITARI Il riferimento normativo, in materia di rifiuti, è costituito dalle direttive 91/156/CEE relativa allo

Dettagli

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali Rifiuti urbani Rifiuti sanitari non problematici cerotti, ingessature, pannolini per l'incontinenza, siringhe senza cannule, ecc., contenitori monouso contenuto massimo fino a 100 ml Per definizione non

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 INDICE ART. 1 FINALITÀ 3 ART. 2 DEFINIZIONI 3 ART. 3 ESCLUSIONI 4 ART. 4 RAPPORTI CON ALTRE NORME 5 ART. 5 NORME PER LA GESTIONE DEI

Dettagli

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI.

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. Visto gli Statuti delle Avis, persone giuridicche di diritto privato. Vista la legge 23 dicembre

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI Pag. 1 di 10 INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragrafi Variati Pagine Variate 00 01/02/16 Prima emissione TUTTI TUTTE RESPONSABILITA ELABORAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE DATA 01/02/16 01/02/16

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

Valutazioni quali-quantitative sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali sanitari

Valutazioni quali-quantitative sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali sanitari Valutazioni quali-quantitative sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali sanitari Rapporto Tecnico /2008 1 L Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici o le persone che agiscono

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO Rifiuti Sanitari e Rischio biologico Relatore: Dott.ssa Anna Pennino Dirigente Biologo 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

NORME DI LEGGE NAZIONALI IN MATERIA DI RIFIUTI E DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO IN AMBITO SANITARIO.

NORME DI LEGGE NAZIONALI IN MATERIA DI RIFIUTI E DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO IN AMBITO SANITARIO. NORME DI LEGGE NAZIONALI IN MATERIA DI RIFIUTI E DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO IN AMBITO SANITARIO. LEGISLAZIONE PRIMA DEL 1997 L. n 366/41..sull'incenerimento dei rifiuti sanitari all'interno

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI

GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Terzo Anno 2-11 marzo 2015 GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI Lorella Di Giuseppe 1 Riassumendo.

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

INDICE. PG-GestRifSan- Rev00 S.S. SPPAA Rev.00 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI IN A.S.S. N.1 TRIESTINA 1. SCOPO

INDICE. PG-GestRifSan- Rev00 S.S. SPPAA Rev.00 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI IN A.S.S. N.1 TRIESTINA 1. SCOPO Data 31.03.09 Pagina 1 di 29 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ABBREVIAZIONI E DEFINIZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA. Istruzione Operativa

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA. Istruzione Operativa GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA Pagina 2 di 58 Revisione: Edizione e revisione Edizione 1 Revisione 0 Data Descrizione e/o modifica Firma Lista di distribuzione

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

E necessario: Raccogliere Separare Eliminare. in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi, solidi e liquidi prodotti nei laboratori.

E necessario: Raccogliere Separare Eliminare. in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi, solidi e liquidi prodotti nei laboratori. Gestione dei rifiuti in laboratorio RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO E necessario: Raccogliere Separare Eliminare Alessandra Pera ISPESL - DML in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi,

Dettagli

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente 1 Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente: Igiene in ambito istituzionale Igiene delle

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO ALLEGATO I CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENITORI E TIPOLOGIE TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO Tutti i contenitori esterni dovranno essere forniti completi di sistema di chiusura

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - GESTIONE DEI RIFIUTI NEI CANTIERI -

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - GESTIONE DEI RIFIUTI NEI CANTIERI - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI ASSOCIATI ALL'ESECUZIONE DEI LAVORI, IN PARTICOLARE DELLE OPERE PUBBLICHE - GESTIONE DEI RIFIUTI NEI CANTIERI - Riva del Garda biblioteca comunale 12 e 15

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Gestione dei rifiuti in laboratorio

Gestione dei rifiuti in laboratorio Gestione dei rifiuti in laboratorio RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO Alessandra Pera ISPESL - DML procedure devono essere seguite scrupolosamente presuppongono: conoscenza dei rischi utilizzo di un manuale

Dettagli

infettivo e per il loro stoccaggio, raccolta e trasporto sia prima sia dopo la sterilizzazione, disciplina lo smaltimento;

infettivo e per il loro stoccaggio, raccolta e trasporto sia prima sia dopo la sterilizzazione, disciplina lo smaltimento; Leggi e regolamenti Circolare SEFIT n.4314 del 29 Agosto 2000. Esplicativa nel regolamento disciplinante la gestione dei rifiuti sanitari, approvati con D.M n.219 del 26 Giugno 2000 Si informa che con

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI GRUPPO DI LAVORO MEDICO COMPETENTE Dr.ssa Cristina Durante CPSE Dr.ssa Luciana Di Tomassi

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Rifiuti prodotti in ambito cimiteriale

Rifiuti prodotti in ambito cimiteriale ALLEGATO 1 1. Definizioni Rifiuti prodotti in ambito cimiteriale Fatte salve le ulteriori definizioni contenute nelle disposizioni speciali, ai sensi dell articolo 183 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI 1 di 42 AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA ManOp_AzOsp_05 MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE Data Rev. Motivo del cambiamento Febbraio 2012 Aggiornamento al D.Lgs.

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED.

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

PA.DS.07. Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti

PA.DS.07. Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti Codice Documento Rev. N Data emissione 02 15/09/2010 03 Febbraio 2012 Motivo revisione Verificato Approvato Unificazione procedure a livello aziendale ed

Dettagli

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE

Dettagli

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative:

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative: Allegato CRITERI E PROCEDURE PER AMMISSIBILITA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DAL 01/07/2009 AI SENSI DEL DM 3 AGOSTO 2005 Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI

REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI Provincia di Oristano Piazza G. A. Deriu, 1-09070 Seneghe Tel +39.0783 548012-548013 - 548184-548191 C.F. \ p. I.V.A. 00070890959 Fax +39.0783 51652 comune.seneghe@tiscali.it protocollo.comune@pec.comunas.it

Dettagli

RELAZIONE SUI RIFIUTI SPECIALI SANITARI

RELAZIONE SUI RIFIUTI SPECIALI SANITARI Camera dei Deputati 7 Senato della Repubblica RELAZIONE SUI RIFIUTI SPECIALI SANITARI (Relatore: onorevole Franco Gerardini) (*) INTRODUZIONE: il perché di un indagine sui rifiuti di origine sanitaria.

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

Documento a Valenza Aziendale Codice DVA 04 Gestione dei rifiuti. Pag. 1 di 22 REVISIONI. Approvazione. Redazione. Verifica

Documento a Valenza Aziendale Codice DVA 04 Gestione dei rifiuti. Pag. 1 di 22 REVISIONI. Approvazione. Redazione. Verifica Pag. 1 di 22 Sommario 1. Oggetto 2. Scopo 3. Definizioni 4. Documentazione 5. Campo di applicazione 6. Indicazioni generali 7. Attività riguardanti i principali rifiuti 8. Modalità di gestione di rifiuti

Dettagli

***** ***** Università degli Studi di Siena Via Banchi di Sotto 55, Siena tel +39 0577 235038 rettore@pec.unisipec.it www.unisi.it

***** ***** Università degli Studi di Siena Via Banchi di Sotto 55, Siena tel +39 0577 235038 rettore@pec.unisipec.it www.unisi.it DIVISIONE APPALTI, CONVENZIONI E PATRIMONIO Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti speciali e pericolosi dell - CIG 6249706C88 Quesito 1 In merito

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI 1 PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev data 00.00 01/12/2012. Stesura Causale della modifica Redatta da Condivisa / Valutata da Dr.ssa Francesca Parrinello Dr.ssa Anna Silvestro Dr. Gaetano Ferlazzo Direttore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale Tesi di Laurea

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli