IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA"

Transcript

1 DECRETO N DEL Oggetto: Revisione delle Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie, già approvate con d.d.g. n /99 e 36633/99. Revisione linee guida IL DIRETTORE GENERALE DELLA SANITA IL DIRETTORE GENERALE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA VISTI: la l.r. 7 giugno 1980, n. 94 e successive modifiche ed integrazioni; la deliberazione comitato interministeriale 27 luglio 1984; il d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modifiche ed integrazioni; il d.m. Ambiente e Sanità 26 giugno 2000, n. 219; RICHIAMATI: il d.d.g. Tutela Ambientale e Sanità 6 luglio 1998, n. 3477, avente per oggetto: Direttive e linee guida in ordine al deposito temporaneo di rifiuti sanitari e in materia di tenuta di registri di carico e scarico per rifiuti e obbligo di compilazione del formulario di identificazione ; il d.d.g. Sanità e Tutela Ambientale 23 marzo 1999, n , avente per oggetto: Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie come modificato con d.d.g. 27 luglio 1999, n ; DATO ATTO che il predetto d.m. 219/00, emanato in attuazione del d.lgs. 22/97, classifica puntualmente i rifiuti sanitari definendone modalità di gestione che, in alcuni casi, differiscono in modo sostanziale da quanto previsto dalla normativa preesistente; RITENUTO che quanto sopra renda necessario procedere alla revisione delle direttive e linee guida in ordine alla gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie già adottate con d.d.g /99 in attesa dell emanazione del decreto attuativo dell art. 45 del d.lgs. 22/97; DATO ATTO che, ai fini di cui sopra, è stato costituito, su iniziativa della UO Prevenzione della D.G. Sanità, uno specifico Gruppo di Lavoro in cui sono rappresentate, oltre alla D.G. Sanità, la D.G. Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità e l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia, per le competenze alla stessa spettanti in ordine ai controlli ambientali; PRESO ATTO che, nel periodo dal 18 gennaio al 19 aprile 2001, si sono tenute numerose riunioni del Gruppo di Lavoro di cui sopra; DATO ATTO che tali riunioni hanno portato alla elaborazione delle linee guida Rifiuti e Strutture Sanitarie relative alla gestione dei rifiuti derivanti da strutture sanitarie;

2 PRESO ATTO altresì che la partecipazione al Gruppo di lavoro, oltre che dei rappresentanti della D.G. Sanità e della D.G. Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità, anche di funzionari dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia, ha consentito che tali Linee guida siano condivise anche dalla struttura che dovrà effettuare i controlli e ciò comporterà uniformità di indirizzi e d interpretazioni sia nella fase di gestione dei rifiuti da parte degli operatori delle strutture sanitarie che da parte degli addetti alla vigilanza ed ai controlli; RITENUTO di precisare attraverso l approvazione di tali linee guida, parte sostanziale ed integrante del presente decreto, gli adempimenti posti a carico delle strutture sanitarie per la gestione dei rifiuti dalle stesse prodotti; RITENUTO pertanto di annullare e sostituire con le presenti le linee guida adottate con d.d.g /99 e d.d.g /99, nonché di disporre la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia;; VISTO l art. 17 della l.r. 16/96 che individua le competenze e i poteri dei direttori generali; VISTA la d.g.r. VII/4 del Avvio della VII Legislatura. Costituzione delle Direzioni Generali e nomina dei Direttori Generali ; DECRETA 1. di approvare le linee guida Rifiuti e strutture sanitarie della Regione Lombardia, che costituiscono parte sostanziale ed integrante del presente decreto; 2. di annullare e sostituire con le presenti linee guida le precedenti adottate con d.d.g /99 come modificate con d.d.g /99; 3. di disporre la comunicazione del presente atto a tutte le amministrazioni provinciali e a tutte le Strutture Sanitarie della Lombardia nonché all Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia; 4. di disporre la pubblicazione integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia. Il Direttore Generale Sanità Renato Botti Il Direttore Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità Paolo Alli

3 Regione Lombardia RIFIUTI E STRUTTURE SANITARIE Revisione Linee guida della Regione Lombardia in attuazione al Decreto Ministeriale n. 219/2000 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità U.O. Prevenzione Direzione Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità U.O. Gestione Rifiuti Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente - Lombardia - Settore Suolo e Rifiuti Milano Maggio 2001

4 RIFIUTI E STRUTTURE SANITARIE Revisione Linee guida della Regione Lombardia in attuazione al Decreto Ministeriale n. 219/2000 Revisione a cura di : Maria Carmela Perna - Prevenzione Sanitaria - Sanità - Regione Lombardia Silvia Cerlesi Keisdata S.r.l. via Pisacane, 46 Legnano Maurizio Frascarolo - Gestione Rifiuti - Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità - Regione Lombardia Giuseppe Paone Settore Suolo e Rifiuti - A.R.P.A. Lombardia Carlo Sala Dipartimento Prov. Lecco A.R.P.A. Lombardia Si ringraziano per la collaborazione: Dott. Amadeo Amadei A.S.L. della Provincia di Milano 1 Legnano, Dott.ssa Aurelia Fonda Ministero dell Ambiente, Ing. Raffaella Sonzogni Keisdata S.r.l 1

5 INDICE OBIETTIVI 3 OGGETTO 4 CLASSIFICAZIONE 5 RIFIUTI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO (P.R.I.) DA ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA Tabella 1 7 Ciclo di vita dei P.R.I. 9 RIFIUTI PERICOLOSI A RISCHIO CHIMICO (P.R.C.) DA ATTIVITA LABORATORISTICA, DA DISINFEZIONE E/O DA FARMACIA Tabella 2 13 Ciclo di vita dei P.R.C. da attività laboratorio disinfezione e/o farmacia 14 RIFIUTI PERICOLOSI A RISCHIO CHIMICO (P.R.C.) DA ATTIVITA DI SERVIZIO Tabella 3 17 Ciclo di vita dei P.R.C. da attività di servizio 18 RIFIUTI sanitari NON PERICOLOSI DA ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA Tabella 4 20 Ciclo di vita dei rifiuti non pericolosi da attività di assistenza sanitaria non Assimilati ai rifiuti urbani 21 RIFIUTI sanitari ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI e Rifiuti avviati alla RACCOLTA DIFFERENZIATA (recupero)da ATTIVITÀ DI SERVIZIO Tabella 5 23 Rifiuti sanitari ASSIMILATI ai rifiuti URBANI Tabella 6 24 Ciclo di vita dei S.N.P. da attività di servizio 25 ALLEGATO 1: Adempimenti amministrativi 27 ALLEGATO 2: Rifiuti provenienti da Case di Riposo e strutture protette 28 ALLEGATO 3: Rifiuti cimiteriali 29 Riferimenti Bibliografici 30 2

6 OBIETTIVI 1) Aggiornamento delle Linee Guida Rifiuti e strutture sanitarie del 9 marzo 1998 in base al Decreto 26 giugno 2000, n.219 Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell articolo 45 del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 e conseguente aggiornamento del D.D.G. 23 marzo 1999 n Direzione Generale Sanità Direzione Generale Tutela Ambientale Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie con: riduzione della produzione dei rifiuti Pericolosi a Rischio Infettivo specificando in modo dettagliato quali siano le condizioni che rendono tale un rifiuto sanitario; incentivazione della raccolta differenziata, del recupero e del riciclaggio finalizzati alla riduzione del quantitativo di rifiuti attualmente destinati esclusivamente allo smaltimento; individuazione dei criteri di sicurezza da adottare al fine di diminuire o annullare la pericolosità del rifiuto in fase di movimentazione; indicazioni sull individuazione dei reflui sanitari pericolosi a rischio chimico, loro classificazione per gruppi omogenei e diversificazione nello smaltimento; ottimizzazione delle modalità di gestione dei rifiuti al fine di mettere in atto criteri di economicità. 2) Condivisione delle Linee Guida con la Direzione Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità che ha compiti di pianificazione e indirizzo nella gestione dei rifiuti e con l Agenzia Regionale per l Ambiente che svolge un ruolo di supporto tecnico e ha competenza per i controlli sulla corretta gestione dei rifiuti sanitari La condivisione del documento dovrà garantire una uniformità di interpretazione sia da parte degli operatori sanitari che da parte degli operatori deputati al controllo. 3

7 OGGETTO E stato redatto, a cura dell U.O. Prevenzione della D.G. Sanità della Regione Lombardia, un primo rapporto sui rifiuti prodotti dalle strutture sanitarie pubbliche relativo al Nell analisi dei dati sono stati considerati solo i rifiuti infetti o potenzialmente infetti ed è emersa una consistente varietà nella quantità di rifiuti prodotti e nei costi per Kg di rifiuto smaltito. Successivamente sono stati chiesti e trasmessi alla stessa U.O. vari moduli di rilevazione contenenti i dati su tutte le tipologie di rifiuti sanitari prodotti e smaltiti dalle strutture sanitarie nel Dalle risposte si è notato un uso indiscriminato di codici del Catasto Italiano Rifiuti (C.I.R.) per le varie tipologie di rifiuto che ha portato ad una interpretazione errata da parte di molte A.S.L. ed Ospedali anche dei codici del Catalogo Europeo Rifiuti (C.E.R.) da utilizzare a partire dal Dall analisi dei dati del è stato rilevato che le indicazioni date con le Linee Guida Rifiuti e strutture sanitarie, emanate nel Marzo 1998 dalla Giunta Regionale D.G. Sanità U. O. Prevenzione Sanitaria, e con la successiva approvazione delle stesse con il citato d.d.g. Sanità e Tutela Ambientale 25100/99, è stato riscontrato un allineamento di tutte le strutture sanitarie all utilizzo dei C.E.R. con l effetto di una corretta classificazione di tutte le tipologie di rifiuti. L obiettivo da perseguire e quello di una stretta integrazione tra il sistema di raccolta comunale e quello dei rifiuti ospedalieri. Per tutti i rifiuti non pericolosi assimilati agli urbani le Aziende Sanitarie debbono potersi avvalere dei Servizi Pubblici Comunali pagando la relativa tassa. Per usufruire di tale servizio le Aziende potranno disporre di raccoglitori interni alle varie strutture o Presidi o conferire i propri rifiuti direttamente ai Centri di raccolta Comunale. La prima modalità dovrebbe essere applicata per i rifiuti assimilati agli urbani, la seconda potrebbe valere per i rifiuti conferibili in piattaforma e destinati al recupero. I rifiuti speciali non pericolosi possono essere conferiti direttamente dal produttore in piattaforma, allestita dalla municipalizzata, previa specifica convenzione. I rifiuti, non pericolosi, conferiti in piattaforma e destinati al recupero e gli assimilati agli urbani possono essere raccolti in luoghi interni o esterni all Azienda, senza formalizzazione alcuna, con mezzi e personale proprio. Il trattamento di disinfezione dei Rifiuti Pericolosi a Rischio Infettivo non deve essere più effettuato e pertanto, come trattamento dei rifiuti, deve intendersi unicamente la sterilizzazione. 4

8 CLASSIFICAZIONE Il Decreto 26 giugno 2000, n. 219 Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell articolo 45 del d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 ha disciplinato le seguenti tipologie di rifiuti: a) Rifiuti sanitari non pericolosi; b) Rifiuti sanitari assimilati ai rifiuti urbani; c) Rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo; d) Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo; e) Rifiuti sanitari che richiedono particolari modalità di smaltimento; f) Rifiuti da esumazioni e da estumulazioni, nonché i rifiuti derivanti da altre attività cimiteriali esclusi i rifiuti vegetali provenienti da aree cimiteriali. I rifiuti prodotti dalle strutture sanitarie sono stati raggruppati secondo il seguente schema tenendo conto della provenienza e delle diverse destinazioni finali: Rifiuti sanitari PERICOLOSI a RISCHIO INFETTIVO; Rifiuti sanitari PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA LABORATORISTICA, da DISINFEZIONE e/o da FARMACIA; Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA di SERVIZIO; Rifiuti sanitari NON PERICOLOSI che richiedono particolari sistemi di gestione; Rifiuti NON PERICOLOSI da ATTIVITA di SERVIZIO; Rifiuti sanitari ASSIMILATI ai rifiuti URBANI. 5

9 Classificazione rifiuti speciali da strutture sanitarie ATTIVITA PERICOLOSI NON PERICOLOSI ASSISTENZA SANITARIA LABORATORISTICA, DISINFEZIONE E/O FARMACIA SERVIZIO RISCHIO INFETTIVO Tabella 1 RISCHIO CHIMICO Tabella 2 RISCHIO CHIMICO Tabella 3 NON ASSIMILATI agli URBANI Tabella 4 ASSIMILATI agli URBANI Tabella 6 Con recapito in FOGNATURA COMUNALE se in linea con la legislazione vigente ASSIMILATI agli URBANI RACCOLTA DIFFERENZIATA Tabella 5 ASSIMILATI agli URBANI Tabella 6 Ai rifiuti di laboratorio non viene assegnato il codice bensì i codici trasversali derivanti dall attività e, più precisamente, si utilizza la categoria 06 se derivanti da processi chimici inorganici mentre si utilizza la categoria 07 se derivanti da processi chimici organici. Per queste categorie viene ritenuto trascurabile il rischio infettivo e il rifiuto viene invece classificato come pericoloso in base alle caratteristiche chimiche; pertanto il deposito temporaneo di tali rifiuti segue l art. 6 del d.lgs. n. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni: il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo non supera i 10 metri cubi, quando raggiunge o supera i 10 metri cubi la cadenza di asporto è almeno bimestrale. Qualora non si configurano le condizioni appena riportate è necessario acquisire autorizzazione preventiva al deposito temporaneo. Per i rifiuti pericolosi a rischio infettivo non valgono le modalità sopra esposte ma il deposito temporaneo è regolamentato dall art. 45 comma 1 del d.lgs. 22/97. Segue l elenco dei rifiuti e relativi codici più frequentemente prodotti nelle strutture sanitarie suddivisi nelle Tabelle da 1 a 6. A ciascun tabella e associato il ciclo di vita dei relativi rifiuti e le indicazioni per il conferimento e lo smaltimento. 6

10 Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO INFETTIVO da ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA (Decreto 219/2000 art.2 lettera g) ) Tabella 1. CATALOGO TIPOLOGIE EUROPEO RIFIUTI Rifiuti che presentano la caratteristica di pericolo di cui alla voce H9 (infettivo) dell allegato I del d.lgs. 5 febbraio 1997 n.22 (infettivo: sostanze C.E.R. contenenti microrganismi vitali o loro tossine, conosciute o ritenute per buoni motivi come cause di malattie nell uomo o in altri organismi viventi), la cui raccolta e smaltimento richiedono precauzioni particolari in funzione della prevenzione di infezioni: 1. TUTTI i rifiuti che provengono da ambienti di isolamento infettivo nei quali sussiste un rischio di trasmissione biologica aerea; 2. TUTTI i rifiuti che provengono da ambienti ove soggiornano pazienti in isolamento infettivo affetti da patologie causate da agenti biologici di gruppo IV di cui all allegato XI del d.lgs. 19 settembre 1994 n.626, e successive modifiche ed integrazioni (virus Lassa, virus Guanarito, virus Junin, virus Sabia, virus Machupo, virus della febbre emorragica di Crimea/Congo, virus Ebola, virus di Marburg, Variola (mayor e minor) virus, Whitepox virus (variola virus); 3. TUTTI i rifiuti che provengono da ambienti di isolamento infettivo e sono venuti a contatto con qualsiasi liquido biologico secreto od escreto dei pazienti isolati; 4. TUTTI i rifiuti contaminati da sangue o altri liquidi biologici che contengono sangue in quantità tale da renderlo visibile; 5. TUTTI i rifiuti contaminati da liquido seminale, secrezioni vaginali, liquido cerebro-spinale, liquido sinoviale, liquido pleurico, liquido peritoneale, liquido pericardico o liquido amniotico; 6. I rifiuti contaminati da feci e da urine, solo nel caso in cui sia ravvisata clinicamente, dal medico che ha in cura il paziente, una patologia trasmissibile attraverso tali escreti. 7

11 Per maggior completezza di informazione si allega la tabella dell Allegato I del Decreto 219/2000 indicante le tipologie di rifiuti sanitari che sono ritenuti pericolosi a rischio infettivo qualora sussistano le caratteristiche indicate nei punti della Tabella 1. COMPOSIZIONE TIPO DI RIFIUTO Rifiuti a rischio infettivo di cui all art.2, comma 1, lettera d), C.E.R * o ** Rifiuti provenienti dallo svolgimento di attività di ricerca e di diagnostica batteriologica Assorbenti igienici, pannolini pediatrici e pannoloni Bastoncini cotonati per colposcopia e paptest Bastoncini oculari non sterili Bastoncini oftalmici di TNT Cannule e drenaggi Cateteri (vescicali, venosi, arteriosi per drenaggi pleurici, ecc.), raccordi, sonde Circuiti per circolazione extracorporea Cuvette monouso per prelievo bioptico endometriale Deflussori Fleboclisi contaminate Filtri di dialisi. Filtri esausti provenienti da cappe (in assenza di rischio chimico) Guanti monouso Materiale monouso: vials, pipette, provette, indumenti protettivi, mascherine, occhiali, telini, lenzuola, calzari, seridrape, soprascarpe, camici Materiale per medicazione (garze, tamponi, bende, cerotti, lunghette, maglie tubolari) Sacche (per trasfusioni, urina stomia, nutrizione parenterale) Set di infusione Sonde rettali e gastriche Sondini (nasografi per broncoaspirazione, per ossigenoterapia, ecc.) Spazzole, cateteri per prelievo citologico Speculum auricolare monouso Speculum vaginale Suturatrici automatiche monouso Gessi e bendaggi Denti e piccole parti anatomiche non riconoscibili Lettiere per animali da esperimento Contenitori vuoti di vaccini ad antigene vivo Rifiuti di gabinetti dentistici Rifiuti di ristorazione Spazzatura Piastre, terreni di colture ed altri presidi utilizzati in microbiologia e contaminati da agenti patogeni Rifiuti taglienti, C.E.R * o ** Rifiuti anatomici, C.E.R * o ** Aghi, siringhe, lame, vetri, lancette pungidito, venflon, testine, rasoi e bisturi monouso Tessuti, organi e parti anatomiche non riconoscibili*** Animali da esperimento *Altri rifiuti la cui raccolta e smaltimento richiede precauzioni particolari in funzione della prevenzione di infezioni (per l uomo). **Altri rifiuti la cui raccolta e smaltimento richiede precauzioni particolari in funzione della prevenzione di infezioni (per gli animali). ***Le parti anatomiche riconoscibili (in senso medico-legale) e i feti opportunamente immessi negli appositi contenitori devono essere avviati alla cremazione negli inceneritori o all inumazione a sensi del regolamento di Polizia mortuaria (d.p.r. 285/90). 8

12 CICLO DI VITA dei Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO INFETTIVO DA ATTIVITA DI ASSISTENZA SANITARIA SORVEGLIANZA Al Direttore o Responsabile Sanitario della struttura pubblica o privata compete la sorveglianza ed il rispetto del deposito temporaneo (art. 45, comma 2, d.lgs. 22/97), fino al conferimento dei rifiuti all operatore autorizzato al trasporto verso l impianto di smaltimento (art. 10, comma 3, d.lgs. 22/97); comunque la responsabilità finale compresa quella degli atti amministrativi, ricade sul Direttore Generale. CONTENITORI I rifiuti pericolosi a rischio infettivo vanno immessi in imballaggio a perdere, anche flessibile, che deve avere adeguate caratteristiche di resistenza e dotato di sistemi di chiusura che evitino spandimenti accidentali del contenuto. Nel caso di rifiuti pungenti o taglienti l imballaggio deve essere rigido e recante la scrittura Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti. In entrambi i casi l imballaggio va immesso in un secondo contenitore di materiale rigido, resistente e munito di chiusura ermetica che deve essere facilmente distinguibile da quelli usati per altre tipologie di rifiuti e recare, con evidenza, la dicitura Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo ed il simbolo del rischio biologico; deve essere riportata sugli stessi la data e l indicazione della struttura di produzione. Nel caso il contenitore rigido esterno non sia riciclabile (ad esempio in cartone), i contenitori interni non devono essere eccessivamente riempiti perché ciò comporterebbe un possibile rischio per gli operatori, ma devono contenere un quantitativo di rifiuti tale da ottimizzare il costo del contenitore ed indicativamente: - contenitore da 40 l => da 3 a 6 Kg max; - contenitore da 60 l => da 4 a 8 Kg max. E OPPORTUNO che vengano utilizzati contenitori esterni rigidi riciclabili, realizzati in materiale termoplastico non clorurato che, nell eventuale caso di combustione, non diano origine a sostanze tossiche. 9

13 Tali contenitori possono essere riutilizzati solo se può esserne garantita la sanificazione/disinfezione ad ogni ciclo d uso. Qualora la disinfezione (certificata) non sia realizzata presso l inceneritore ma presso altri impianti, i contenitori esterni riciclabili devono comunque essere trasportati, chiusi, con automezzo che deve essere a sua volta sanificato/disinfettato prima del successivo riutilizzo. L uso di contenitori esterni rigidi riciclabili (imballaggi) deve essere privilegiato, sempre che sussistano le condizioni di cui sopra, in quanto: - garantiscono una maggiore sicurezza per gli operatori nelle fasi di raccolta, movimentazione e trasporto; - permettono il completo utilizzo della volumetria utile anche superando il quantitativo in peso indicato per l altra tipologia di contenitori sempre nel rispetto, in caso di movimentazione manuale, dei limiti di peso previsti dal d.lgs. 626/94; - riducono i costi in quanto possono essere riutilizzati e in tal senso non determinano peso in qualità di rifiuto; - costituiscono elemento positivo in funzione del minor carico ambientale che il loro utilizzo determina. RACCOLTA INTERNA Può essere effettuata da personale dipendente o attraverso appalto. Il personale addetto alla raccolta dovrà essere edotto del rischio rappresentato dalla movimentazione del rifiuto, informato della pericolosità degli stessi e fornito di idonei dispositivi di protezione individuale ai sensi art. 42 d. lgs. n. 626/94. I contenitori devono essere maneggiati con cura e, nel caso presentassero delle anomalie, prima del trasporto va effettuata la loro sostituzione e segnalazione al responsabile. TRATTAMENTO La sterilizzazione dei rifiuti sanitari pericolosi, prevista dal d.m. 219/2000, è effettuata in impianti autorizzati ai sensi degli art. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni. Se gli impianti sono localizzati all interno del perimetro della struttura sanitaria non devono essere autorizzati a condizione che in tali impianti siano trattati esclusivamente rifiuti prodotti dalla struttura stessa. 10

14 A tali fini si considerano prodotti dalla struttura sanitaria dove è ubicato l impianto di sterilizzazione anche i rifiuti prodotti dalle strutture decentrate ma organizzativamente e funzionalmente collegate con la stessa. Il Direttore o il Responsabile Sanitario e il gestore degli impianti di sterilizzazione, localizzati all interno delle strutture sanitarie, sono responsabili dell attivazione degli impianti e dell efficacia del processo di sterilizzazione in tutte le sue fasi. L attivazione di tali impianti deve essere preventivamente comunicata alla Provincia ai fini dell effettuazione dei controlli periodici. L efficacia dell impianto e del processo di sterilizzazione devono essere verificate trimestralmente, ed in ogni caso non oltre i 100 cicli di utilizzo; l efficacia del processo di sterilizzazione deve essere verificata utilizzando i criteri previsti dalle norme UNI 10384/94. Qualora si adotti il trattamento di sterilizzazione i contenitori utilizzati per la raccolta ed il trasporto dovranno essere a perdere, di colore diverso da quelli utilizzati per i rifiuti urbani e per gli altri rifiuti sanitari assimilati, anche flessibili (sacchi) e recare la scritta Rifiuti sanitari sterilizzati e la data di sterilizzazione. DEPOSITO e DURATA Il deposito temporaneo presso il luogo di produzione di rifiuti sanitari pericolosi deve essere effettuato in condizioni tali da non causare alterazioni che comportino rischi per la salute, in locali adeguati, non accessibili all utenza, quotidianamente puliti e disinfettati. Per quantitativi superiori a 200 litri può avere una durata massima di 5 giorni; per quantitativi inferiori detto deposito temporaneo può raggiungere i 30 giorni (comma 1 art.45 d.lgs. n. 22/97). TRASPORTO Per il trasporto e il conferimento agli impianti di termodistruzione, i rifiuti devono essere accompagnati dal formulario di identificazione previsto dall art. 15 del d.lgs. 22/97; se la quantità è inferiore a trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno il trasporto, può essere effettuato dal produttore senza l obbligo di formulario di identificazione e di autorizzazione al trasporto. Se la quantità è superiore a trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno l azienda che effettua il trasporto deve essere iscritta all Albo nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti e deve utilizzare procedure di trasporto che siano conformi alla normativa ADR/RID (norme per il trasporto di merci pericolose) per rifiuti, identificati al n. ONU 3291, che 11

15 rientrano nella classe 6.2, ordinale 4.b. I rifiuti pericolosi a rischio infettivo sterilizzati seguono le stesse modalità di trasporto dei rifiuti urbani. SMALTIMENTO I rifiuti non sterilizzati devono essere smaltiti tramite termodistruzione presso impianti autorizzati ai sensi del d.lgs. n 22/97 come rifiuti pericolosi di cui al C.E.R ; possono essere smaltiti, nel rispetto delle disposizioni di cui al d.m. Ambiente 19 novembre 1997, n. 503 in impianti di incenerimento ad essi dedicati oppure in impianti di incenerimento di rifiuti speciali e di rifiuti urbani, a condizione che tali impianti siano dotati di un sistema di alimentazione per tali rifiuti per garantire una efficace tutela della salute e dell ambiente, per evitare lo sversamento dei rifiuti ed il contatto di questi con gli operatori. I rifiuti sterilizzati che non presentano nessuna caratteristica di pericolo possono essere smaltiti in impianti di incenerimento di rifiuti speciali e di rifiuti urbani, non dotati di un appropriato sistema di alimentazione per i rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. Qualora il numero degli impianti per lo smaltimento mediante termodistruzione non risulti adeguato il Presidente della Regione, d intesa con il Ministro della Sanità ed il Ministro dell Ambiente (comma 3 art. 45 d.lgs. n. 22/97) può autorizzare lo smaltimento in discarica controllata. 12

16 Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA LABORATORISTICA, da DISINFEZIONE e/o da FARMACIA Tabella 2. TIPOLOGIE CATALOGO EUROPEO RIFIUTI C.E.R. Liquidi esausti provenienti da laboratori di anatomia patologica, di chimica clinica e di ematologia e da attività di disinfezione che per le loro caratteristiche chimiche, ai sensi della normativa vigente, non possono essere smaltiti in fognatura: Soluzioni acquose organiche di lavaggio Miscela solventi organici Miscela solventi alogenati e non Soluzioni acide Soluzioni basiche Soluzioni con metalli pesanti Terre filtranti da cromatografia ed affini , Reagenti acidi Reagenti basici Reagenti solventi Reagenti solventi alogenati Reagenti solidi inorganici Residui di sostanze chimiche concentrate: - per ciascuna sostanza chimica non diluita dalle strumentazioni utilizzate va assegnato il codice specifico della sezione 06 se rifiuti da processi chimici inorganici - per ciascuna sostanza chimica non diluita dalle strumentazioni utilizzate va assegnato il codice specifico della sezione 07 se rifiuti da processi chimici organici Formaldeide (idoneo anche ) N.B. Per ogni singola apparecchiatura e/o processo analitico deve essere puntualmente valutato se il refluo decadente sia da considerarsi rifiuto e, come tale, smaltito oppure sia da considerarsi scarico idrico ai sensi del d.lgs. 152/99. 13

17 CICLO DI VITA dei Rifiuti PERICOLOSI a RISCHIO CHIMICO da ATTIVITA LABORATORISTICA, da DISINFEZIONE e/o da FARMACIA SORVEGLIANZA L art. 45 del d.lgs. 22/97 affida al Direttore o Responsabile Sanitario della struttura pubblica o privata la sorveglianza ed il rispetto del deposito temporaneo dei soli rifiuti sanitari pericolosi, tuttavia si ritiene che anche le restanti tipologie di rifiuti prodotte in strutture sanitarie debbano essere sottoposte a sorveglianza e controllo. Appare opportuno che la sorveglianza ed il controllo dei rifiuti da attività di laboratorio venga delegata direttamente ai Responsabili degli stessi vista la frequenza nelle modifiche delle metodiche analitiche e dei reagenti utilizzati. La responsabilità finale comprensiva degli atti amministrativi ricade sempre sul Direttore Generale. CONTENITORI Le caratteristiche dei contenitori sono indicate nella Circolare della D.G. Tutela Ambientale n. 4 del 26 gennaio 1998, approvata con d.d.g. 7 gennaio 1998, n. 36, alla voce Norme tecniche con particolare riferimento ai punti 7, 8, 9 e 14 per quanto attiene: ai contrassegni, ai requisiti di resistenza in funzione del tipo di rifiuto contenuto, ai dispositivi di chiusura, di sicurezza e di presa, alla impossibilità di interazione tra rifiuti incompatibili ed ai segnalatori di livello e dispositivi antitraboccamento per i serbatoi. RACCOLTA INTERNA Può essere effettuata da personale dipendente o attraverso appalto. Il personale addetto alla raccolta dovrà essere edotto del rischio rappresentato dalla movimentazione del rifiuto, informato della pericolosità degli stessi e fornito di idonei dispositivi di protezione individuale ai sensi dell art. 42 del d.lgs. n. 626/94. I contenitori devono essere maneggiati con cura, nel caso presentassero delle anomalie, prima del trasporto va effettuata la loro sostituzione e segnalazione al responsabile. 14

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2031 Seduta del 01/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2031 Seduta del 01/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2031 Seduta del 01/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli