Il cervello siamo noi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cervello siamo noi"

Transcript

1 SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole superiori

2 Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Bambini delle elementari Durata media: 30 minuti Obiettivi: Far intuire ai bambini che il cervello fa molte cose e che è composto da molti sistemi che lavorano in connessione fra loro. Competenze necessarie agli studenti: Capacità di lettura e scrittura Competenze necessarie all insegnante: Nessuna specifica competenza Materiali: Cartoncini/carta su cui stampare l Allegato 1 (Parti del cervello relativo al numero dei partecipanti). Possibilmente plastificare le targhette; Spago, per assicurare l etichetta identificativa attorno alle teste dei bambini; Fogli piccoli e penne; Un proiettore per far vedere la presentazione (Presentazione Il_Cervello_Siamo_Noi relativa al numero dei partecipanti); Cuffie per sentire i suoni dal computer; FACOLTATIVO: 3 fazzoletti per bendare gli occhi; Un set di stimolazione sensoriale a scelta tra: MELA Per il Tatto: Una mela Per la lingua: Un pezzetto di mela Per l odorato: Un pezzetto di mela Per le parti della retina: Immagine allegata Mela Per le orecchie: Suoni allegati Morso Mela e Vuoi un morso? CHEWING-GUM Per il Tatto: Un chewing-gum Per la lingua: Un chewing-gum

3 Per l odorato: Un chewing-gum Per le parti della retina: Immagine allegata Chewing-gum Per le orecchie: Suoni allegati Masticare chewing-gum e Ne vuoi una? PATATINE Per il Tatto: un pacchetto aperto di patatine. Per la lingua: una patatina. Per l odorato: una patatina. Per le parti della retina: Immagine allegata Patatine Per le orecchie: Suoni allegati Masticare patatine e Ne vuoi una? Che cosa si vuole investigare/ competenze sviluppate Nonostante le neuroscienze stiano diventando sempre più rilevanti e al centro della scena scientifica, il cervello è un organo che tutt oggi viene studiato poco alla scuola dell obbligo. Con questo gioco si vuole dare un assaggio ai bambini di quanto quest organo sia complesso e di come le sue diverse parti, ognuna con un compito specifico, lavorino insieme per farci percepire il mondo. Il gioco è preceduto da una parte introduttiva sulle neuroscienze. 1. Preparazione Istruzioni Disporre i banchi in cerchio o in rettangolo in modo da delimitare una parte interna e una parte esterna. I banchi rappresenteranno la scatola cranica. La maggior parte delle aree del cervello dovranno stare dentro la scatola cranica, per cui fare in modo di avere spazio sufficiente per quasi tutti i bambini all interno. Alcune parti del sistema nervoso invece dovranno essere posizionate all esterno. L attività può limitarsi al gioco di ruolo, ma consigliamo di introdurre l attività seguendo il ppt in allegato per presentare ai bambini le neuroscienze, delle quali probabilmente non hanno mai sentito parlare. Di seguito descriviamo un esempio di come commentare la presentazione insieme ai bambini. Gli educatori e le educatrici sono liberi di adattare e approfondire la discussione secondo la preparazione della classe, le proprie

4 competenze e gli obiettivi. Introduzione (slide 2 della presentazione in allegato) Cosa sono le Neuroscienze? Neuroscienze è una parola composta da altre due parole: Neuro e Scienza. Scienza, indica lo studio di un qualcosa e Neuro sta per neuroni. I neuroni sono le cellule di cui è fatto il nostro cervello. Sono composti di un corpo tondo con delle braccia piccole intorno e una coda lunga lunga che finisce con tanti bracci che permettono loro di attaccarsi ai bracci di altri neuroni per poter passare loro le informazioni, un po come succede nel telefono. Pensate che nel cervello di neuroni ce ne sono circa 100 miliardi!!! Le neuroscienze studiano quindi come sono fatti i neuroni, come comunicano fra loro e come fa il nostro cervello a fare determinate cose. Ma cosa sa fare il nostro cervello? A cosa serve? Per esempio sappiamo che il cuore ci serve a pompare il sangue nelle vene, i polmoni ci servono per far entrare l ossigeno nel nostro corpo, lo stomaco per digerire il cibo che ci serve da benzina per fare tutto. Ma il cervello a cosa serve? Far dire ai bambini a cosa, secondo loro, serve il cervello. Poi proseguire con l animazione. Si fanno apparire tutte le parti dell animazione commentando con loro ciascuna di esse. Commentare poi sul fatto che il cervello sia composto da tante parti che sono specializzate nello svolgere alcuni compiti, le quali devono passarsi le informazioni e lavorare insieme molto velocemente per farci sapere cosa sta succedendo intorno a noi. Precisare poi che il cervello è un organo molto più complesso dei polmoni o del cuore, per questo è ancora molto misterioso e i neuroscienziati lo stanno studiando per capire bene come funziona. 2. Gioco di ruolo Adesso proviamo noi a fare la parte del cervello e vediamo come ce la caviamo! A ogni bambino viene assegnata una parte e si aiutano fra loro (e/o li aiuta l insegnante) ad assicurarsi attorno alla testa l etichetta identificativa della parte di cervello che impersonano. Le parti contrassegnate dal simbolo con l occhio sono quelle dei sistemi sensoriali e quindi che ricevono una stimolazione sensoriale (assaggiano/vedono/odorano/toccano/ascoltano). Le parti contrassegnate dal simbolo della matita sono collegate anche loro a delle sensazioni ma il bambino decide ciò che sente in base a quello che sente lui stesso rispetto al sistema che gli è stato assegnato (temperatura o sensazioni interne). Le parti contrassegnate dal simbolo della persona sono quelle in cui è richiesto scrivere, per cui devono essere forniti di un piccolo foglio e di una penna. Quando tutti sono pronti ci si siede in silenzio e si fa vedere la pagina 3 della presentazione (corrispondente al numero di partecipanti). Andiamo a sistemarci ognuno al proprio posto e a presentarci; è importante che ognuno ascolti quale sia il ruolo degli altri e quale sia il loro compito. Si fa apparire un area alla volta nella pagina e si posiziona il bambino dentro la scatola cranica approssimativamente nella posizione corrispondente. Quando il bambino si è posizionato gli si chiede di leggere il biglietto, per esempio: Io sono la corteccia visiva. sono il sistema che mette insieme le informazioni che provengono dagli occhi e sta nella parte dietro del cervello. Cosa devi fare: metti insieme ciò che ti dicono le due parti della retina e il sistema di rilevazione del movimento cercando di capire cosa vede l occhio. scrivilo, poi dillo al talamo. Quando tutti i bambini sono posizionati, ai bambini che interpretano i sistemi sensoriali si danno le stimolazioni

5 sulla cosa che si è scelto. Alla parti della retina si fa vedere l immagine della cosa scelta. Alla Lingua si chiede di tapparsi il naso e chiudere gli occhi (o si benda), poi le si mette in bocca un pezzetto di quello che deve assaggiare la cosa scelta. Al Sistema Olfattivo si chiede di chiudere gli occhi (o si benda) e si fa odorare la cosa scelta. Alle Orecchie si fa ascoltare il suono corrispondente (suono1) e l altro fornito nei materiali (suono2). Al Tatto si fanno chiudere gli occhi (o si benda) e gli si fa toccare la cosa scelta. È preferibile fare in modo da dare prima gli elementi per assaggiare/vedere/odorare/toccare/ascoltare e poi iniziare il gioco tutti insieme. IMPORTANTE: gli altri bambini non devono sapere cosa hanno quelli che ricevono la stimolazione sensoriale (quindi non devono vedere cosa viene assaggiato, odorato ecc). Si può fornire la traccia audio tramite delle cuffie connesse al portatile su cui è salvata la presentazione. Quando tutto è pronto si dà il via. I sistemi sensoriali assaggiano/vedono/odorano/toccano/ascoltano poi parte tutto il meccanismo. Alla fine quando tutto è arrivato al Lobo Frontale e questo ha finito di svolgere le sue istruzioni si chiede al bambino che lo interpreta di dire cosa sta succedendo. Si confronta quindi cosa ha prodotto il cervello con quelli che erano gli stimoli. Si fa notare ai bambini che quello che a loro ha richiesto molto tempo, il cervello lo svolge in pochissimo tempo riuscendo a dirci che cosa succede intorno a noi avendo situazioni e stimolazioni molto più complesse di quelle date nel gioco. Il cervello è quindi un organo velocissimo e molto efficiente. 3. Considerazioni per gli educatori 1. Per facilitare il gioco sono disponibili 3 versioni sia della presentazione che del set di ruoli/parti del cervello in base al numero dei partecipanti 10, 15 o 20. Per numeri di partecipanti diversi da quelli previsti sarà compito dell insegnante assegnare due bambini ad uno stesso ruolo o più ruoli allo stesso bambino. 2. È possibile cambiare la cosa che viene mangiata/odorata/vista/udita, è sufficiente procurarsi i corrispondenti immagini e suoni. 3. Di solito quando il gioco inizia c è molta confusione ed emerge che i bambini non hanno capito cosa devono fare. Cercare di far capire loro cosa comporti il loro ruolo prima di far iniziare il gioco. 4. Per approfondire Struttura e funzione neurone generale: Struttura e funzione neurone più approfondita:

6 5. Riepilogo allegati ALLEGATO 1: Parti di cervello per 10 ALLEGATO 2: Parti di cervello per 15 ALLEGATO 3: Parti di cervello per 20 Presentazione_IlCervelloSiamoNoi_x10 Presentazione_IlCervelloSiamoNoi_x15 Presentazione_IlCervelloSiamoNoi_x20 Suono_Mela? Suono_Vuoi_un_morso? Suono_Masticare_patatine? Suono_Masticare_chewing-gum? Suono_Ne_vuoi_una? Immagine_Mela Immagine_Chewing-gum Immagine_Patatine

7 ALLEGATO 1: Parti del cervello per 10 RETINA La retina è la parte del cervello che sta nell occhio e serve per trasformare le cose che vediamo in Cosa devi fare: Cosa vedi? Cerca di capire l immagine che vedi, poi scrivilo al TALAMO. ORECCHIE I suoni che arrivano fanno vibrare una membrana speciale che permette di trasformare i suoni in Cosa devi fare: Decidi ciò che senti e scrivilo al TALAMO. TATTO Il tatto non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutta la pelle che ricopre il corpo. Serve per sentire le cose che stanno a contatto con la pelle. Cosa devi fare: Il tuo corpo percepisce qualcosa? Umido, asciutto, morbido, duro, liscio, dolore, prurito ecc. Decidi cosa, poi dillo al MIDOLLO SPINALE. SISTEMA CONNESSO ALLE SENSAZIONI INTERNE Non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutto il corpo. Serve per sentire le sensazioni che vengono dai nostril organi interni. Cosa devi fare: Che temperature o sensazioni sente il tuo corpo? Caldo, freddo, o una temperatura normale? Senti fame, sei sazio? Ti scappa la cacca o la pipì? Sei comodo o ti fa male qualche muscolo? Decidilo, e poi dillo al MIDOLLO SPINALE. MIDOLLO SPINALE È come un insieme di fili che passa dentro la spina dorsale e trasporta i messaggi del resto del corpo al cervello e viceversa. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono il TATTO, e il SISTEMA CONNESSO ALLE SENSA- ZIONI INTERNE cercando di capire cosa si sente. Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. SISTEMA OLFATTIVO Sta dentro il naso e trasforma gli odori che arrivano con l aria dentro al naso in informazioni che il cervello può capire. Cosa devi fare: Cosa sente il tuo naso? Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. LINGUA Tutti sappiamo dove sta la lingua. La lingua ci serve a percepire i sapori e li trasforma in informazioni che il cervello può capire. Cosa devi fare: Stai assaporando qualcosa?. Chiedi un parere al SISTEMA OLFATTIVO. Quando hai deciso scrivilo, e poi dillo al TALAMO.

8 TALAMO È la parte del carvello che riceve informazioni da parte di tutti i sistemi sensoriali, e poi le dirige ad altre parti del cervello specializzate nel fare alcune cose. Funziona un po come un ufficio postale che smista i messaggi che arrivano e li manda nel posto giusto. Siccome deve stare in contatto con tutti i sistemi, sta proprio nel mezzo del cervello. Cosa devi fare: Raccogli e leggi tutto quello che i vari sistemi sensoriali ti portano. Manda tutto al LOBO FRON- TALE e racconta tutto anche alla MEMORIA. MEMORIA Serve a mettere da parte le informazioni importanti che ci arrivano, così possiamo recuperarle quando ci servono. Non è localizzata in un punto preciso del cervello, ma di sicuro un po sta nella parte esterna del cervello. Cosa devi fare: Tra le cose che ti dice il TALAMO c è qualcosa che ti ha già detto in passato e che quindi ricordi? Decidilo, e poi scrivilo al LOBO FRONTALE. LOBO FRONTALE È la parte davanti del cervello, sta dietro la fronte, per questo si chiama frontale! Fa un sacco di cose ed è una delle parti più misteriose del cervello. Mette insieme i messaggi che arrivano da tutte le parti del cervello, ci fa pensare, contare, decidere, sognare e tanto altro ancora. Cosa devi fare: Raccogli tutto quello che ti arriva, metti tutto insieme e raccontalo a tutti.

9 ALLEGATO 2: Parti del cervello per 15 Parte della RETINA che elabora i COLORI La retina è la parte del cervello che sta nell occhio e serve per trasformare le cose che vediamo in Cosa devi fare: Che colori vedi? Stabilisci quali sono i colori presenti nell immagine, poi dillo alla CORTECCIA VISIVA. CORTECCIA VISIVA È il sistema che mette insieme le informazioni che provengono dagli occhi e sta nella parte dietro del cervello. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono la parte della RETINA che elabora le IMMAGINI e la parte della RETINA che elabora i COLORI cercando di capire cosa vede l occhio. Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. ORECCHIE I suoni che arrivano fanno vibrare una membrana speciale che permette di trasformare i suoni in Cosa devi fare: Decidi ciò che senti e dillo al SISTEMA UDITIVO. SISTEMA UDITIVO È il sistema che mette insieme le informazioni che provengono dalle orecchie. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono le due ORECCHIE cercando di capire cosa si sente. Scrivilo, è poi dillo al TALAMO. Se senti dei suoni che corrispondono a delle parole invece dille al SISTEMA DEL LINGUAGGIO. Attenzione! Tu puoi sentire le voci umane e capire chi è che parla, ma non puoi capire cosa dicono. Trasformare i suoni della voce in parole è compito del SISTEMA DEL LINGUAGGIO. TATTO Il tatto non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutta la pelle che ricopre il corpo. Serve per sentire le cose che stanno a contatto con la pelle. Cosa devi fare: Il tuo corpo percepisce qualcosa? Umido, asciutto, morbido, duro, liscio, dolore, prurito ecc. Decidi cosa, poi dillo al MIDOLLO SPINALE. SISTEMA DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA Non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutta la pelle che ricopre il corpo. Serve per sentire la temperature delle cose che stanno a contatto con la pelle. Cosa devi fare: Che temperature o sensazioni sente il tuo corpo? Caldo, freddo, o una temperatura normale? Decidilo, e poi dillo al MIDOLLO SPINALE.

10 SISTEMA CONNESSO ALLE SENSAZIONI INTERNE Non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutto il corpo. Serve per sentire le sensazioni che vengono dai nostril organi interni. Cosa devi fare: Senti fame, sei sazio? Ti scappa la cacca o la pipì? Sei comodo o ti fa male qualche muscolo? Decidilo, e poi dillo al MIDOLLO SPINALE. MIDOLLO SPINALE È come un insieme di fili che passa dentro la spina dorsale e trasporta i messaggi del resto del corpo al cervello e viceversa. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono il TATTO, il SISTEMA DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA e il SISTEMA CONNESSO ALLE SENSAZIONI INTERNE cercando di capire cosa si sente. Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. SISTEMA OLFATTIVO Sta dentro il naso e trasforma gli odori che arrivano con l aria dentro al naso in informazioni che il cervello può capire. Cosa devi fare: Cosa sente il tuo naso? Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. LINGUA Tutti sappiamo dove sta la lingua. La lingua ci serve a percepire i sapori e li trasforma in informazioni che il cervello può capire. Cosa devi fare: Stai assaporando qualcosa?. Chiedi un parere al SISTEMA OLFATTIVO. Quando hai deciso scrivilo, e poi dillo al TALAMO. TALAMO È la parte del carvello che riceve informazioni da parte di tutti i sistemi sensoriali, e poi le dirige ad altre parti del cervello specializzate nel fare alcune cose. Funziona un po come un ufficio postale che smista i messaggi che arrivano e li manda nel posto giusto. Siccome deve stare in contatto con tutti i sistemi, sta proprio nel mezzo del cervello. Cosa devi fare: Raccogli e leggi tutto quello che i vari sistemi sensoriali ti portano. Manda tutto al LOBO FRON- TALE e racconta tutto anche alla MEMORIA. MEMORIA Serve a mettere da parte le informazioni importanti che ci arrivano, così possiamo recuperarle quando ci servono. Non è localizzata in un punto preciso del cervello, ma di sicuro un po sta nella parte esterna del cervello. Cosa devi fare: Tra le cose che ti dice il TALAMO c è qualcosa che ti ha già detto in passato e che quindi ricordi? Decidilo, e poi scrivilo al LOBO FRONTALE.

11 SISTEMA DEL LINGUAGGIO Serve a capire se alcuni tra i suoni che arrivano alle orecchie corrispondono a delle parole e a capirne il significato. Si trova nella parte di cervello che sta sopra le orecchie, su entrambi i lati della testa. Cosa devi fare: Se tra i suoni catturati dalle ORECCHIE ci sono delle parole il SISTEMA UDITIVO te le dirà. Tu trascrivile nel tuo messaggio per il LOBO FRONTALE. LOBO FRONTALE È la parte davanti del cervello, sta dietro la fronte, per questo si chiama frontale! Fa un sacco di cose ed è una delle parti più misteriose del cervello. Mette insieme i messaggi che arrivano da tutte le parti del cervello, ci fa pensare, contare, decidere, sognare e tanto altro ancora. Cosa devi fare: Raccogli tutto quello che ti arriva, metti tutto insieme e raccontalo a tutti.

12 ALLEGATO 3: Parti del cervello per 20 Parte della RETINA che elabora le IMMAGINI La retina è la parte del cervello che sta nell occhio e serve per trasformare le cose che vediamo in Cosa devi fare: Cosa vedi? Cerca di capire le immagini, gli oggetti che vedi, poi dillo alla CORTEC- CIA VISIVA. Attenzione! Sappi che non puoi vedere i colori! Parte della RETINA che elabora i COLORI La retina è la parte del cervello che sta nell occhio e serve per trasformare le cose che vediamo in Cosa devi fare: Che colori vedi? Stabilisci quali sono i colori presenti nell immagine, poi dillo alla CORTECCIA VISIVA. CORTECCIA VISIVA È il sistema che mette insieme le informazioni che provengono dagli occhi e sta nella parte dietro del cervello. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono la parte della RETINA che elabora le IMMAGINI e la parte della RETINA che elabora i COLORI cercando di capire cosa vede l occhio. Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. ORECCHIO DESTRO I suoni che arrivano fanno vibrare una membrana speciale che permette di trasformare i suoni in Cosa devi fare: Decidi ciò che senti cercando di metterti d accordo con l altro orecchio e dillo al SISTEMA UDITIVO. ORECCHIO SINISTRO I suoni che arrivano fanno vibrare una membrana speciale che permette di trasformare i suoni in Cosa devi fare: Decidi ciò che senti cercando di metterti d accordo con l altro orecchio e dillo al SISTEMA UDITIVO. SISTEMA UDITIVO È il sistema che mette insieme le informazioni che provengono dalle orecchie. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono le due ORECCHIE cercando di capire cosa si sente. Scrivilo, è poi dillo al TALAMO. Se senti dei suoni che corrispondono a delle parole invece dille al SISTEMA DEL LINGUAGGIO. Attenzione! Tu puoi sentire le voci umane e capire chi è che parla, ma non puoi capire cosa dicono. Trasformare i suoni della voce in parole è compito del SISTEMA DEL LINGUAGGIO.

13 CENTRO DELL EQUILIBRIO È un piccolo organo di una forma buffa che sta dietro le orecchie e serve a capire in che posizione sta il corpo. Cosa devi fare: Decidi in quale posizione sei: sdraiato, seduto, in piedi ecc. Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. Se ti sembra di essere in una posizione non in equilibrio dillo subito alla CORTECCIA MOTORIA! TATTO Il tatto non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutta la pelle che ricopre il corpo. Serve per sentire le cose che stanno a contatto con la pelle. Cosa devi fare: Il tuo corpo percepisce qualcosa? Umido, asciutto, morbido, duro, liscio, dolore, prurito ecc. Decidi cosa, poi dillo al MIDOLLO SPINALE. SISTEMA DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA Non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutta la pelle che ricopre il corpo. Serve per sentire la temperature delle cose che stanno a contatto con la pelle. Cosa devi fare: Che temperature o sensazioni sente il tuo corpo? Caldo, freddo, o una temperatura normale? Decidilo, e poi dillo al MIDOLLO SPINALE. SISTEMA CONNESSO ALLE SENSAZIONI INTERNE Non sta dentro il cervello, ma è distribuito su tutto il corpo. Serve per sentire le sensazioni che vengono dai nostri organi interni. Cosa devi fare: Senti fame, sei sazio? Ti scappa la cacca o la pipì? Sei comodo o ti fa male qualche muscolo? Decidilo, e poi dillo al MIDOLLO SPINALE. MIDOLLO SPINALE È come un insieme di fili che passa dentro la spina dorsale e trasporta i messaggi del resto del corpo al cervello e viceversa. Cosa devi fare: Metti insieme ciò che ti dicono il TATTO, il SISTEMA DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA e il SISTEMA CONNESSO ALLE SENSAZIONI INTERNE cercando di capire cosa si sente. Scrivilo, e poi dillo al TALAMO. Se poi ci sono informazioni che hanno bisogno di una risposta motoria immediate comunicale alla CORTECCIA MOTORIA, che potrebbe chiederti subito di mandare dei comandi ai SISTEMA MUSCOLARE. SISTEMA OLFATTIVO Sta dentro il naso e trasforma gli odori che arrivano con l aria dentro al naso in informazioni che il cervello può capire. Cosa devi fare: Cosa sente il tuo naso? Scrivilo, e poi dillo al TALAMO.

14 LINGUA Tutti sappiamo dove sta la lingua. La lingua ci serve a percepire i sapori e li trasforma in informazioni che il cervello può capire. Cosa devi fare: Stai assaporando qualcosa?. Chiedi un parere al SISTEMA OLFATTIVO. Quando hai deciso scrivilo, e poi dillo al TALAMO. TALAMO È la parte del carvello che riceve informazioni da parte di tutti i sistemi sensoriali, e poi le dirige ad altre parti del cervello specializzate nel fare alcune cose. Funziona un po come un ufficio postale che smista i messaggi che arrivano e li manda nel posto giusto. Siccome deve stare in contatto con tutti i sistemi, sta proprio nel mezzo del cervello. Cosa devi fare: Raccogli e leggi tutto quello che i vari sistemi sensoriali ti portano. Manda tutto al LOBO FRON- TALE e racconta tutto anche alla MEMORIA. CORTECCIA MOTORIA É una parte di cervello che sta proprio in cima alla testa, serve a dire al corpo come muoversi. RIceve le informazioni dal MIDOLLO SPINALE per le questioni urgenti per le quali c è bisogno di una reazione immediata, come nel caso in cui si stia per cadere. Invece il LOBO FRONTALE comunica quali movimenti programmati il corpo deve effettuare. Cosa devi fare: Ricevi le informazioni urgenti dal MIDOLLO SPINALE e dal CENTRO DELL EQUILI- BRIO reagisci velocemente se ritieni ci sia bisogno, scrivendo al MIDOLLO SPINALE cosa fare. Ricevi anche le istruzioni dal LOBO FRONTALE su quali azioni vuole compiere, pensa a come fare per fare tali azioni e comunicale scrivendole nel tuo messaggio al MIDOLLO SPINALE che le trasmetterà al SISTEMA MUSCOLARE. MEMORIA Serve a mettere da parte le informazioni importanti che ci arrivano, così possiamo recuperarle quando ci servono. Non è localizzata in un punto preciso del cervello, ma di sicuro un po sta nella parte esterna del cervello. Cosa devi fare: Tra le cose che ti dice il TALAMO c è qualcosa che ti ha già detto in passato e che quindi ricordi? Decidilo, e poi dillo all AMIGDALA e scrivilo al LOBO FRONTALE. AMIGDALA È una piccola parte di cervello fatto a mandorla che si trova nella parte interna del cervello e si occupa delle emozioni. Cosa devi fare: Senti cosa ti dice la MEMORIA. Secondo te, questa situazione suscita una o più emozioni? Quali? Rabbia, felicità, stupore, tristezza, paura Decidilo, e scrivilo nel tuo messaggio per il LOBO FRONTALE.

15 SISTEMA DEL LINGUAGGIO Serve a capire se alcuni tra i suoni che arrivano alle orecchie corrispondono a delle parole e a capirne il significato. Si trova nella parte di cervello che sta sopra le orecchie, su entrambi i lati della testa. Cosa devi fare: Se tra i suoni catturati dalle ORECCHIE ci sono delle parole il SISTEMA UDITIVO te le dirà. Tu trascrivile nel tuo messaggio per il LOBO FRONTALE. LOBO FRONTALE È la parte davanti del cervello, sta dietro la fronte, per questo si chiama frontale! Fa un sacco di cose ed è una delle parti più misteriose del cervello. Mette insieme i messaggi che arrivano da tutte le parti del cervello, ci fa pensare, contare, decidere, sognare e tanto altro ancora. Cosa devi fare: Raccogli tutto quello che ti arriva, metti tutto insieme e raccontalo a tutti. Se poi credi che ci sia da fare qualche azione dillo alla CORTECCIA MOTORIA che, attraverso il MIDOLLO SPINALE comanderà il SISTEMA MUSCOLARE. SISTEMA MUSCOLARE Il SISTEMA MUSCOLARE non fa parte del cervello, ma è il cervello che lo controlla. Come ben sai i muscoli sono distribuiti su tutto il corpo e sono attaccati tra loro, alle ossa e alle articolazioni. Alcuni muscoli sono volontari, nel senso che siamo noi a decider se farli muovere o meno. Fortunatamente ci sono anche molti muscoli involontari, che si muovono da soli, senza il nostro controllo cosciente, come il cuore e I muscoli dell apparato digerente. Se dovessimo ricordarci continuamente di far battere il cuore o di contrarre i muscoli della pancia per digerire sarebbe un problema! Cosa devi fare: Raccogli gli eventuali messaggi che la CORTECCIA MOTORIA ti manda attraverso il MIDOLLO SPINALE e pensa quali parti del corpo devi muovere per compiere quelle azioni.

Il cervello siamo noi

Il cervello siamo noi SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole elementari Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle elementari

Dettagli

SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO

SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO Unità SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO Il sistema nervoso Un uomo viaggia in autostrada. E molto attento: guarda le auto che gli stanno davanti, guarda lo specchietto retrovisore, controlla la velocità,

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo:

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo: 01 Il sistema nervoso Il sistema nervoso è formato da tante parti (organi) che lavorano per far funzionare perfettamente il nostro corpo (organismo). Il sistema nervoso controlla ogni nostro movimento,

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 Sistema nervoso Il sistema nervoso è suddiviso in "sistemi", che sono connessi fra loro e lavorano insieme il

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

IL MOVIMENTO. L attuazione di un atto motorio qualsiasi sembra, a volte, un movimento semplice, tanto da poterlo compiere senza pensarci.

IL MOVIMENTO. L attuazione di un atto motorio qualsiasi sembra, a volte, un movimento semplice, tanto da poterlo compiere senza pensarci. IL MOVIMENTO L attuazione di un atto motorio qualsiasi sembra, a volte, un movimento semplice, tanto da poterlo compiere senza pensarci. Se rifletti, ti rendi conto che, per eseguire tale movimento semplice,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA IL CERVELLO E LE SUE RAPPRESENTAZIONI Il cervello e le sue rappresentazioni (1/6) Il cervello e le sue rappresentazioni (2/6) Approfondiamo ora come possiamo ulteriormente

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mio corpo DESCRIZIONE: l importanza della conoscenza del proprio corpo propedeutica alla conoscenza dello spazio DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di: Daniela

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi!

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Le mie stereotipie sono un espressione fisica dei miei stati emotivi Non castrarle sempre cerca prima di comprenderle. Magari sto solo cercando di dirti che sono

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 Dal progetto ESPRESSIONE, MOVIMENTO, SUONO... SUONO... UN GUAIO PER GLI UCCELLINI LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA

Dettagli

Passo Uno. 1) Riconosci se si tratti di uno scherzo, di un litigio o di un azione da bullo SVOLGIMENTO

Passo Uno. 1) Riconosci se si tratti di uno scherzo, di un litigio o di un azione da bullo SVOLGIMENTO Esercizi in classe Passo Uno 1) Riconosci se si tratti di uno scherzo, di un litigio o di un azione da bullo Partecipa l intera classe 1 ora Lavagna, questionario, fogli, penne L insegnante deve aver spiegato

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

INTRODUZIONE. Obiettivo IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

INTRODUZIONE. Obiettivo IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA 1 INTRODUZIONE Carissimo, la Festa Diocesana degli Incontri, prevista per il 17 maggio 2015 presso il Palazzetto dello Sport Palachicoli di Terlizzi, costituisce per i piccoli di Ac un occasione per sperimentare

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. UNA METAFORA PER SPIEGARE I DSA La psicologa americana ANIA SIWEK ha sviluppato in anni di pratica professionale un modo semplice ed efficace di spiegare i DSA ai bambini,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE MOVING SCHOOL 21 PROGETTO LA SCUOLA IN MOVIMENTO CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE Autore: Stephan Riegger, Berlinbewegt e.v., Moving School 21 1 Stimola

Dettagli

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? Pensare che un imprenditore non capisca il marketing e' come pensare che una madre

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

Per i bambini dai 6 anni. La mamma e il papà si separano. Che cosa succederà?

Per i bambini dai 6 anni. La mamma e il papà si separano. Che cosa succederà? Per i bambini dai 6 anni La mamma e il papà si separano. Che cosa succederà? Impressum Editore Risultato del progetto «I bambini e il divorzio» nel quadro del PNR 52, sotto la direzione del prof. dott.

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

L Associazione Gessetti Colorati per l Apprendimento cooperativo a cura di Riccarda Viglino. M. Grazia Bergamo, Riccarda Viglino

L Associazione Gessetti Colorati per l Apprendimento cooperativo a cura di Riccarda Viglino. M. Grazia Bergamo, Riccarda Viglino Percorso sulle competenze sociali nella scuola primaria La comunicazione M. Grazia Bergamo, Riccarda Viglino Classi I Turno di parola, ascolto attivo Competenza: saper comunicare Obiettivi formativi: Ascoltare

Dettagli

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Claudia Azzaro Parlare GIOCANDO Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Armando editore 3 AZZARO, Claudia Parlare giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene ;

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc.

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc. Unità II La scuola Contenuti - Oggetti scolastici - Utilizzo degli oggetti scolastici - Classe - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto va a scuola L Orsoroberto ha sei anni e va a scuola.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI

PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI Katia Tonnini Pedagogista Programma Autismo Ravenna katiatonnini@yahoo.it COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI: Sistema

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO. Sezione schematica trasversale del midollo spinale

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO. Sezione schematica trasversale del midollo spinale IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO Sezione schematica trasversale del midollo spinale 1 Nervi cranici: sono 12 paia di nervi che fuoriescono dall

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

L.N.V. - Linguaggio Non Verbale

L.N.V. - Linguaggio Non Verbale L.N.V. - Linguaggio Non Verbale Una persona non può non comunicare Da rogrammazione Neuro Liunguistica R.Dilts, J.Grinder, R. e L. Bandler, J. De Lozier www.battistag.it L.N.V. - Linguaggio Non Verbale

Dettagli

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Firenze Pinguini 2010 Cosa accadra oggi Perche sono qui? Per parlarvi di una esperienza interessante che ho fatto e che voglio condividere

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Fascicolo PIRLS - ICONA 2006. Domande allegate al libretto LETTURE. Progress in International Reading Literacy Study

Fascicolo PIRLS - ICONA 2006. Domande allegate al libretto LETTURE. Progress in International Reading Literacy Study \ [III/sIerO dell'/sl/'i/:/one de/l'( 'fll\'erslfà e R /cerca Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Progress in International Reading Literacy Study

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO IV CIRCOLO. Scuola dell Infanzia A. Meoni SCOPRO I SENSI

ISTITUTO AUTONOMO IV CIRCOLO. Scuola dell Infanzia A. Meoni SCOPRO I SENSI ISTITUTO AUTONOMO IV CIRCOLO Scuola dell Infanzia A. Meoni SCOPRO I SENSI I bambini della scuola dell infanzia Meoni sono stati protagonisti, nel corrente anno scolastico, del percorso Scopro i sensi al

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Il 19 marzo si festeggiano tutti i papà ed i bambini, a scuola, sono spesso invitati a preparare lavoretti, temi o poesie dedicate al proprio papà.

Il 19 marzo si festeggiano tutti i papà ed i bambini, a scuola, sono spesso invitati a preparare lavoretti, temi o poesie dedicate al proprio papà. PREMESSA Il 19 marzo si festeggiano tutti i papà ed i bambini, a scuola, sono spesso invitati a preparare lavoretti, temi o poesie dedicate al proprio papà. A differenza della festa della mamma, la festa

Dettagli

L ANALISI FUNZIONALE NEI COMPORTAMENTI PROBLEMA

L ANALISI FUNZIONALE NEI COMPORTAMENTI PROBLEMA L ANALISI FUNZIONALE NEI COMPORTAMENTI PROBLEMA 1 Aprile 2011 Dott.ssa Sabrina Urbani A COSA SERVE? Elena è aggressiva. Mattia a casa è un discolo Fabrizio non ha le competenze per lavorare in gruppo.

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Proposte didattiche a. s. 2014/2015

Proposte didattiche a. s. 2014/2015 Proposte didattiche a. s. 2014/2015 Un albero sotto i raggi del sole, un sasso segnato dalle intemperie, un animale, una montagna: tutti hanno una vita, una storia, vivono, soffrono, affrontano pericoli,

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA Presentazione della sezione: Diego 02/2009 Luca 01/2009 Jacopo 03/2009 Maria Beatrice 12/2009 Raul 12/2009 Virginia 06/2009

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web (URL) e con le pagine web.

Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web (URL) e con le pagine web. 18 LEZIONE: Internet Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 20 Minuti. Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web

Dettagli

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte QUARTA UNITA IL GUSTO 1 parte Spesso il senso del GUSTO viene poco sviluppato a scuola, scarse sono infatti le proposte reperibili in riferimento ad attività che coinvolgano attivamente gli alunni. Diventa

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli