ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES"

Transcript

1 Circolare Monografica 12 maggio 2014 n DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto alla crescita economica (ACE) introdotto a fine 2011 dal D.L. n. 201/2011denominato Salva Italia. La presentazione del modello Unico 2014 rappresenta il terzo periodo d'imposta di applicazione della predetta agevolazione e ultimo con il rendimento del 3%. Infatti, dal 2014, la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità) ha previsto un progressivo incremento del rendimento di ACE dal 2014 al La presente circolare analizza tutte le novità per le imprese mentre quelle relative alle persone fisiche saranno analizzate in una prossima circolare. Riferimenti normativi D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, articolo 1 D.M. 14 marzo 2012 Legge 27 dicembre 2013 n. 147, articolo 1, comma 137 PREMESSA La Legge di stabilità approvata a fine 2013 ha introdotto alcune modifiche all'ace per renderla più efficiente ed efficace. Le novità introdotte non hanno stravolto l'impianto introdotto dal Decreto Salva Italia e chiarito dal D.M. del 14 marzo 201 Le novità introdotte hanno riguardato l'incremento progressivo del rendimento ACE che passa dall'attuale 3%: al 4% per il periodo d'imposta 2014; al 4,5% per il periodo d'imposta 2015; al 4,75% per il periodo d'imposta 2016; Gli incrementi non saranno immediatamente efficaci in quanto, come prevede l'art. 1, comma 138, Legge n. 147/2013, i soggetti interessati non potranno beneficiarne immediatamente con il calcolo di minori acconti. Il disposto legislativo, infatti, prevede che gli acconti vengano determinati con i vecchi rendimenti e che il nuovo rendimento si applichi in sede di saldo delle imposte. Esempio A giugno di quest'anno, il saldo 2013 e l'acconto per il 2014 dovrà essere determinato considerando soltanto il rendimento nozionale del 3%. Soltanto a giugno 2015 potrà essere utilizzato il nuovo rendimento del 4% sia in sede di saldo che di acconto per il Gli effetti dei nuovi incrementi introdotti dalla Legge di stabilità si sentiranno soltanto a partire dal 2015 con l'applicazione del rendimento nozionale del 4%. Ulteriori modifiche introdotte hanno riguardato il rinvio al 2017 del momento in cui il Ministero dell'economia con proprio decreto stabilirà il rendimento nozionale: la progressiva variazione introdotta in Legge di stabilità cozzava, infatti, con quanto stabilito dal Decreto Salva Italia che prevedeva che dal 2014 il Ministero dell'economia con atto proprio determinasse il rendimento di ACE. Alla luce di quanto precede si prende spunto per fare il punto sull'agevolazione in esame. AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE) PER I SOGGETTI IRES Come noto l'aiuto alla crescita economica (ACE) rappresenta un intervento che mira alla crescita attraverso la capitalizzazione delle imprese. L'art. 1, D.L. n. 201/2011 indica in tale strumento un aiuto allo sviluppo mediante una riduzione della imposizione sui redditi derivanti dal finanziamento del capitale di rischio, nonché per ridurre lo squilibrio del trattamento fiscale tra imprese che si finanziano con debito e imprese che si finanziano con capitale proprio, e rafforzare, quindi, la struttura patrimoniale delle imprese e del sistema produttivo... : in sostanza è stata introdotta una riduzione del prelievo fiscale commisurata al nuovo capitale immesso nell'impresa sotto forma di conferimenti di denaro dei soci ovvero destinazione degli utili a riserva. Il Decreto del 14 marzo 2012 ha confermato l'impianto previsto dell'art. 1, D.L. n. 201/2011: si tratta di una agevolazione che comporta l'esclusione dalla base imponibile di un importo corrispondente al rendimento nozionale del nuovo capitale proprio. Questo, ancora per il 2013, - 1 -

2 lo si determina moltiplicando l'incremento patrimoniale per l'aliquota percentuale fissata per il primo triennio di applicazione al 3%. Dal 2014 e fino al periodo d'imposta 2016 troveranno applicazione le aliquote di rendimento introdotte dalla Legge di Stabilità. Successivamente, dal 2017, queste saranno determinate entro il 31 gennaio di ogni anno con decreto del Ministero dell'economia che dovrà tenere conto dei rendimenti finanziari medi dei titoli obbligazionari pubblici, aumentabili di ulteriori tre punti percentuali a titolo di compensazione del maggior rischio (art. 1 comma 3, D.L. n. 201/2011). Il beneficio non rileva ai fini IRAP in quanto dà luogo ad una variazione fiscale extra-contabile solo ai fini IRES/IRPEF. L'importo del rendimento nozionale che supera il reddito imponibile potrà essere portato in aumento dell'importo deducibile dal reddito complessivo nei successivi periodi d'imposta (art. 1, comma 3. D.M. 14 marzo 2012): l'eccedenza, quindi, non genera una perdita/maggiore perdita fiscale. La gestione delle eccedenze è diversa a seconda dei soggetti (IRES e IRPEF) e dei regimi tributari applicati (della trasparenza fiscale ovvero del consolidato fiscale). I soggetti interessati: Le società di capitali e gli enti commerciali e le stabili organizzazioni di società o enti non residenti (art. 73, comma 1, lett. a) e b), TUIR); Le persone fisiche, le società in nome collettivo e in accomandita semplice di cui si tratterà oltre. Non possono accedere al beneficio le società: Fallite dall'inizio dell'esercizio in cui interviene la dichiarazione di fallimento. Dalla lettura del decreto sembrerebbe che le società in concordato preventivo ovvero quelle che hanno omologato accordi di ristrutturazione dei debiti, nonché le società in liquidazione possono accedere al beneficio ACE. Ciò in quanto, rispetto al fallimento, in queste ultime fattispecie è prevista la continuazione dell'attività (sul punto si veda anche la Circolare IRDCEC n. 28/IR del 29 marzo 2012); In procedura di liquidazione coatta dall'inizio dell'esercizio in cui interviene il provvedimento che ordina la liquidazione; In amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi dall'inizio dell'esercizio in cui interviene il decreto motivato che dichiara l'apertura della procedura; Marittime che hanno optato per la determinazione la base imponibile in base alla cd. tonnage tax (art. da 155 a 161 TUIR) per l'attività prevalente (è considerata tale quella che nel corso del periodo d'imposta ha generato il maggior ammontare dei ricavi). I Relativamente ai soggetti IRES, oggetto di ACE sono gli incrementi e i decrementi del capitale proprio rispetto al patrimonio netto esistente al 31 dicembre 2010 senza tenere in considerazione dell'utile dell'esercizio 2010 (art. comma 5, D.L. n. 201/2011). COSA SI INTENDE PER INCREMENTI Per incrementi si intendono: conferimenti di denaro. Tra questi rilevano gli aumenti di capitale sociale, i versamenti sovrapprezzo azioni/quote, i versamenti in conto capitale/fondo perduto e la conversione in azioni di prestiti obbligazionari convertibili. Trova conferma l'irrilevanza dei conferimenti in natura ai fini dell'incremento del capitale proprio. Il decreto, invece, ponendo fine ad ogni incertezza, equipara ai conferimenti in denaro le rinunce incondizionate dei soci ai loro finanziamenti/crediti: il provvedimento si conforma a quanto chiarito dall'amministrazione con circolare n. 53/2009 relativamente al Bonus capitalizzazioni di cui al D.L. n. 78/2009. Questo elemento differenzia l'aiuto alla crescita economica dalla DIT che aveva negato tale possibilità. In ogni caso non sono incrementi patrimoniali i finanziamenti soci in quanto considerati una postazione contabile di debito e non apporto di capitale. I conferimenti sono rilevanti dalla data di versamento e, pertanto, verranno computati nel calcolo in proporzione ai giorni che intercorrono dalla data del versamento a quella di chiusura del periodo d'imposta (ad esempio, un versamento in conto capitale effettuato il 31 marzo 2013 pari a avrà rilevanza per ( x 275/365 gg) = ,47). Più in particolare il Decreto chiarisce per le varie tipologie le decorrenze ai fini del calcolo dell'incremento. Le società che si costituiscono in seguito ad operazioni di conferimento di azienda, fusione o scissione non devono considerare il capitale di costituzione quale base ACE, in quanto esso deriva da un conferimento in natura e non in denaro. In sostanza, come chiaro dal dettato normativo, non sono rilevanti i conferimenti in natura. Non si considerano, come già evidenziato, nemmeno i finanziamenti soci in quanto sono iscritti quale posta di debito e, pertanto, irrilevante ai fini ACE che considera soltanto i conferimenti in denaro a patrimonio della società; Ancora non compiutamente definito il cosiddetto ragguaglio del capitale di costituzione. In pratica si pone il problema se una società costituitasi, ad esempio, nel 2013 debba considerare il versamento in denaro del capitale sociale per l'intero periodo ovvero dalla data di costituzione. Secondo l'orientamento dottrinale prevalente (si veda per tutti le risposte al MAP del 31 maggio 2012) nel caso di società neocostituite deve essere considerato l'intero capitale sociale versato (non si applica alcuna pro rata temporis ). Le istruzioni dell'agenzia delle Entrate di contro non rilevano alcuna discriminante tra i vari conferimenti in denaro: pertanto, ogni conferimento in denaro senza discriminazione alcuna, deve essere ragguagliato. Tale posizione non può essere ritenuta accettabile in quanto non considera compiutamente la specificità delle società neocostituite così come statuita dall'art. 1, comma 6, D.L. 201/11 per cui va considerato tutto il patrimonio conferito; Nessun dubbio, invece, circa l'ammontare del capitale iniziale da considerare ai fini dell'agevolazione. Le società neocostituite devono considerare soltanto il capitale effettivamente versato (nel caso in cui come prescritto dalle norme del codice civile sia possibile versare soltanto il 25% del capitale sottoscritto ai fini ACE deve considerarsi, ragguagliato o meno, soltanto il 25% versato); I conferimenti in denaro (versamenti in conto capitale, versamenti in conto future perdite ecc) rilevano dalla data del versamento; Gli aumenti di capitale sociale non rilevano dalla data di sottoscrizione ma da quella di versamento effettivo effettuato dal socio (ad - 2 -

3 esempio, un aumento di capitale sociale deliberato e sottoscritto nel corso del 2012 ed effettuato nel corso del 2013, rileva pro-rata temporis per il 2013). Nel caso in cui l'aumento di capitale sociale avvenga attraverso la compensazione dei crediti dei soci questo decorre dalla data in cui assume effetto la compensazione (ad esempio, l'aumento del capitale nel 2013 è sottoscritto dal socio X attraverso la compensazione delle sue partite creditorie: le parti, società e socio, convengono che questa assuma effetto dalla data di sottoscrizione e, quindi, già dal 2013). Sul punto la Circolare IRDCEC n. 28/2012 precisa che si può considerare l'aumento perfezionato ai fini IRES alla data di iscrizione della delibera di aumento nel Registro delle imprese, ovvero, nel caso in cui la delibera preveda un termine per la sottoscrizione dell'aumento, alla data in cui gli amministratori attestano al Registro delle imprese che l'aumento è stato eseguito ex art codice civile. Per le società di persone, invece, occorre riferirsi alla data di iscrizione nel Registro delle imprese della delibera di aumento del capitale sociale, trattandosi di una modifica dell'atto costitutivo. Si rammenta che il Decreto 14 marzo 2012 chiarisce che devono essere presi in considerazione soltanto i conferimenti la cui delibera è assunta successivamente al 31 dicembre Sono considerati incrementi ACE anche le conversioni in azioni di prestiti obbligazionari: assumono rilevanza dalla data in cui ha effetto la conversione del prestito in capitale sociale. Per soggetti IAS adopter gli incrementi di patrimonio da emissioni di prestiti obbligazionari convertibili assumono rilevanza dall'esercizio in cui viene esercitata l'opzione; Un versamento particolare e quello in conto futuro aumento di capitale : questo è considerato anche dalla relazione illustrativa al decreto ACE tra quelli rilevanti. Sul punto, però, il Comitato notarile delle Tre Venezie rileva che questi versamenti non sono definitivamente acquisiti a patrimonio netto della società sino al momento della loro esecuzione ( trasformazione in capitale sociale), in quanto la società avrebbe l'obbligo di restituzione in caso di mancato aumento del capitale sociale entro i termini convenuti. Tale interpretazione dovrebbe comunque considerarsi superata per l'intervenuto decreto attuativo di ACE. Va comunque evidenziato che detti versamenti sono soggetti alla condizione risolutiva della mancata deliberazione ad aumento del capitale sociale: quando il versamento è stato effettuato a titolo di apporto del socio al patrimonio netto della società, il diritto alla restituzione sussiste qualora il conferimento sia stato risolutivamente condizionato alla mancata successiva delibera di aumento del capitale sociale e tale deliberazione non sia intervenuta entro il termine fissato dal giudice (Cassazione n. 2314/1996 e 9209/2001). Solo da questo momento il versamento assume la natura di debito e va eliminato dal patrimonio netto: con la sua eliminazione dal patrimonio netto si perde l'agevolazione ACE; Le rinunce ai crediti dei soci (quindi anche ai finanziamenti) rilevano dalla data dell'atto di rinuncia: la circolare n. 53/09 richiedeva sul punto una forma dell'atto che permettesse la verifica della data certa; Gli utili accantonati a riserva. Non ci sono novità: questi rilevano a partire dall'inizio dell'esercizio in cui le relative riserve si sono formate, ciò in conformità a quanto era disposto per la vecchia DIT (ad esempio, gli utili del 2012 accantonati a riserva in base alla deliberazione dell'assemblea del formeranno incremento rilevante a decorrere dall'002013). In sostanza gli incrementi per accantonamenti di utili rileveranno sempre per il loro intero ammontare. Chiarimenti invece sono giunti per quanto riguarda la rilevanza delle destinazione di utili a riserve indisponibili: per riserve indisponibili non si intendono quelle non distribuibili (ad esempio, riserva legale, riserve indivisibili delle cooperative), che sono sempre rilevanti ai fini ACE, ma quelle che lo sono in senso stretto. Secondo il decreto sono tali le riserve formate con utili diversi da quelli realmente conseguiti ai sensi dell'art codice civile in quanto derivanti da processi di valutazione nonché quelle formate con utili realmente conseguiti che, per disposizione di legge, sono o divengono non distribuibili né utilizzabili ad aumento del capitale sociale né a copertura di perdite (art. 5, comma 5, D.M. 14 marzo 2012). Della prima fattispecie (riserve non formatesi per utili realmente conseguiti) appartengono, ad esempio, la riserva da equity method, la riserva per differenze su cambi, la riserva per rivalutazioni volontarie nonché le riserve dei soggetti IAS adopter di cui all'art. 6, D.Lgs. n. 38/2005. Mentre alla seconda categoria (quelle formate sì da utili realizzati) sono le riserve per acquisto di azioni proprie. La loro esclusione viene meno quanto decade la condizione che le ha rese indisponibili (ad esempio, nel caso delle imprese IAS adopter momento in cui vi è l'effetto del concreto realizzo della posta). Da quel momento sarà rilevante ai fini ACE: il decreto, però specifica che sia la formazione delle riserve che la loro liberazione devono essere successive al 31 dicembre 2010 (ad esempio, una riserva IAS formata nel 2009 e liberata per avveramento della condizione nel 2013 non avrà rilevanza, in quanto formatesi ante 2011). I DECREMENTI RILEVANTI I decrementi rilevanti sono: Le riduzioni del patrimonio netto con attribuzione a qualsiasi titolo ai soci e di qualunque parte di patrimonio sia oggetto della riduzione. Dalla lettura del Decreto si trova conferma che rilevano in diminuzione anche le attribuzioni ai soci in natura con corrispondente diminuzione del patrimonio netto. Il decremento a differenza degli incrementi rileva nell'esercizio in cui avviene per l'intero importo (ad esempio, la distribuzione di riserve pari a 100 avvenuta il 30 novembre 2013 decrementerà l'ace rilevante per l'intero importo di 100). Non ancora compiutamente chiarita da parte dell'agenzia delle Entrate la rilevanza di questi decrementi non dalla data della delibera ma da quella dell'effettiva erogazione (ad esempio, nel caso in cui la delibera di distribuzione dei dividendi 2011 sia presa il 30 aprile 2012 e la distribuzione dei dividendi avvenga il 15 gennaio 2013, in questo caso il decremento dovrebbe essere rilevante nei calcoli per l'ace per l'anno 2013); Se da un lato la perdita di esercizio non concorre alla formazione ACE quale decremento, in quanto non configura alcuna distribuzione ai soci, dall'altro bisogna considerare la sua incidenza con riguardo al limite posto ai benefici ACE dal patrimonio netto dell'esercizio. Procedendo con ordine: l'art. 11 del decreto 14 marzo 2012 statuisce che in ciascun esercizio la variazione in aumento non può comunque eccedere il patrimonio netto risultante dal relativo bilancio, ad esclusione delle riserve per acquisto azioni proprie. Quanto precede rileva sia in presenza di utili nell'esercizio considerato (ad esempio, al 31 dicembre 2013 per determinare il limite all'incremento ACE si dovrà tenere in considerazione oltre le varie poste patrimoniale anche l'utile dell'esercizio 2013 rinveniente nel bilancio chiuso a tale data), che in presenza di perdite che riducono il patrimonio netto a fine esercizio. Esempio - 3 -

4 Si supponga che la società Alfa Srl abbia al 31 dicembre 2013 la seguente situazione: Capitale sociale Riserve Versamento soci Perdita esercizio Patrimonio netto Il versamento soci è stato effettuato il 30 giugno 2013 e rileva pro rata temporis per ( x 6/12) = L'incremento vale pertanto soltanto per pari quindi al capitale sociale esistente a fine Si osserva anche che sul metodo di determinazione del limite al patrimonio netto le istruzioni di UNICO 2014 società di capitali al rigo RS 113, colonna 5 ribadiscono la verifica del limite includendo l'utile e la perdita di esercizio che però, in considerazione del fatto che in taluni casi la determinazione del patrimonio netto risente del calcolo dell'imposta che è a sua volta influenzata dall'agevolazione ACE, per esigenze di semplificazione l'inclusione dell'utile/perdita di esercizio deve ipotizzare un carico fiscale teorico che non tenga conto dell'effetto dell'agevolazione ACE. CONSOLIDATO FISCALE E TRASPARENZA: MODALITÀ APPLICATIVE In presenza, per i soggetti IRES, di regimi fiscali del consolidato e della trasparenza il Decreto è intervenuto chiarendo l'applicazione del beneficio fiscale. In particolare: Consolidato fiscale ex artt. 117 e segg. TUIR. Nella fattispecie di gruppi societari che hanno optato per il cd consolidato fiscale l'art. 6 del Decreto 14 marzo 2012 ha chiarito le modalità applicative. 3. Più in particolare: Ogni società partecipante determina autonomamente la propria agevolazione e la porta in diminuzione della propria base imponibile che trasferirà alla consolidante (fiscal unit); l'eventuale eccedenza di ciascun soggetto è trasferita alla fiscal unit nei limiti del reddito complessivo del gruppo; la fiscal unit determina l'imponibile complessivo del gruppo considerando anche le eccedenze ACE ricevute: non si può formare in capo alla consolidante alcuna eccedenza ACE. Le eccedenze non utilizzate rimangono in capo alle società partecipate e verranno portate in aumento del rendimento nozionale degli esercizi successivi. Quanto sopra trova applicazione nel modello UNICO 2014 società di capitali nei campi del rigo 113 del quadro RS e nel modello CNM a livello di fiscal unit. Come evidenziato dapprima la singola società partecipante al consolidato determina il proprio bonus (rendimento nozionale) con la sua evidenza al campo 7 del rigo RS113. L'importo del rendimento nozionale del campo 7 aumentato di quello ricevuto da altri soggetti va riportato al campo 12 e questo al rigo GN6 fino a concorrenza del reddito da trasferire al consolidato nazionale: si annota che l'importo di questo rigo va aumentato di quello del campo 10 di rigo 113 relativo al rendimento nozionale riportato dal precedente periodo (UNICO 2013 campo 11 di rigo 113). Se questo è maggiore dell'imponibile della società, l'eccedenza va riportata nel rigo GN22 e successivamente nel modello del consolidato CNM/2012 fino a concorrenza dell'imponibile di gruppo. La parte non trasferita va riportata al campo 11 del rigo RS113 e sarà utilizzabile nei successivi esercizi. A livello consolidato la fiscal unit riepiloga i redditi e riporta le eccedenze ACE (righi da NX75 e segg.) delle società del gruppo. Determina così il reddito al quadro CN del modello. In questo modo non si formano eccedenze in capo alla consolidante evitando così l'insorgere di problematiche legate alla loro gestione infragruppo. Queste possono, comunque, sorgere in presenza di trasferimento delle perdite delle partecipate alla fiscal unit e di successiva interruzione del consolidato. Si annota che quanto precede deve essere oggetto di integrazione degli accordi infragruppo di consolidamento al fine di prevedere anche l'ordine di trasferimento in presenza di una molteplicità di eccedenze ACE utilizzabili. Il Decreto prevede che le eccedenze ACE formatesi prima dell'opzione al consolidato non sono trasferibili per il consolidato del gruppo, ma sono ammesse in deduzione dal reddito complessivo delle singole società partecipanti. Trasparenza fiscale ex artt. 115 e segg. TUIR. Procedura in un certo senso inversa in presenza della trasparenza fiscale di cui agli articoli 115 e 116 TUIR. In questo caso la società partecipata determina autonomamente il beneficio al Rigo RS113 di Unico società di capitali e lo porta in diminuzione del reddito trasparente di cui al rigo TN4 colonna 3 e fino a concorrenza dello stesso reddito. Nel caso in cui si formasse un'eccedenza ACE questa viene attribuita ai soci con evidenza al rigo TN17: l'eccedenza viene, quindi, trasferita ai soci in proporzione alla quota di partecipazione agli utili di ciascuno che la gestirà in proprio. Pertanto, nella fattispecie di cui all'art. 115 TUIR il socio riporterà la propria eccedenza al rigo RS113 campo 9 e la cumulerà con quella dei campi precedenti al campo 10. Questa potrà essere gestita dal socio per abbattere il proprio reddito imponibile e concorrerà, comunque, alla formazione dell'eccedenza ACE riportabile in avanti dal socio. Per la trasparenza nelle società a ristretta base proprietaria (art. 116 TUIR) quanto precede è previsto con il limite dello - 4 -

5 scomputo al reddito d'impresa. In sostanza le persone fisiche detentrici di partecipazioni in società di capitali trasparenti potranno beneficiare dell'eccedenza riportata in colonna 6 del rigo RS37 di UNICO persone fisiche per formare l'importo del rendimento nozionale complessivo di cui al campo 7 da portare in diminuzione dei redditi dei quadri RF, RG, RH ed RD indicati al campo 9. L'eventuale eccedenza da riportare in avanti negli esercizi successivi andrà evidenziata al campo 1 Anche in questo caso le eccedenze che si sono formate nella partecipata prima dell'opzione alla trasparenza restano in capo alla società stessa che potrà utilizzarle in diminuzione dei redditi futuri: nessuna eccedenza potrà essere traslata ai soci soggetti IRES ovvero IRPEF. Per quanto riguarda il caso in cui le eccedenze esistessero già in capo ai soci prima dell'opzione alla trasparenza queste, in mancanza di ulteriori istruzioni, sarebbero utilizzabili per ridurre il reddito imputato per trasparenza dalla partecipata

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI COMMISSIONE DI STUDIO FISCALITA, CONTENZIOSO E RAPPORTI CON L AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA L UTILIZZO DELLE PERDITE D IMPRESA NELLA NORMATIVA

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione

Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione Rassegna stampa del 02 Febbraio 2009 Fonte Il sole 24 ore Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione Il libro

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir N. 11 del 23.03.2012 I Focus A cura di Ennio Vial e Gioacchino De Pasquale Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir Lo scopo del presente lavoro è illustrare la

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 16 15.05.2014 Unico in caso di trasformazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Ai sensi dell art. 5-bis, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli