Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo"

Transcript

1 Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015

2 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha introdotto nel nostro ordinamento l ACE (aiuto alla crescita economica o allowance for corporate equity), un agevolazione tesa a promuovere la capitalizzazione delle imprese rendendo più equilibrato il trattamento fiscale tra capitale proprio e capitale di debito. L ACE consente una deduzione dal reddito imponibile commisurata, per i soggetti IRES, al nuovo capitale immesso nella società rispetto a quello esistente alla data del 31 dicembre 2010, sotto forma o di conferimento in denaro ovvero di destinazione di utili a riserva. Per i soggetti IRPEF, invece, la deduzione è commisurata al patrimonio netto al termine di ciascun esercizio. L agevolazione presenta alcune analogie con la Dual Income Tax (DIT), introdotta nel nostro ordinamento con il D.Lgs. n. 466 del 18 dicembre 1999, sebbene se ne discosti per alcuni profili, in particolare perché l ACE prevede una detassazione del rendimento nozionale degli incrementi di patrimonio mentre con la DIT si applicava un aliquota agevolata. L ACE è applicabile a decorrere dal periodo di imposta in corso alla data del 31 dicembre 2011; l entità del rendimento nozionale è determinata dal comma 3 dell articolo 1 del decreto Salva Italia, secondo cui, per il primo triennio di applicazione, l'aliquota è fissata al 3% e per i successivi è determinata con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze da emanare entro il 31 gennaio di ogni anno, tenendo conto dei rendimenti finanziari medi dei titoli obbligazionari pubblici, aumentabili di ulteriori tre punti percentuali a titolo di compensazione del maggior rischio. La legge di stabilità 2014 (L. n. 147 del 2013) è tuttavia intervenuta sulle modalità di determinazione del rendimento nozionale, stabilito che il coefficiente di remunerazione ordinaria del capitale investito aumenti dal 3% al 4% per il periodo d imposta 2014, al 4,5% per il 2015 e al 4,75% per il Più recentemente, inoltre, l articolo 19 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, (convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014, n. 116) ha apportato alcune modifiche collaterali alla disciplina. È stata introdotta una c.d. super- ACE per le società che quotano le proprie azioni in mercati regolamentati dell Unione Europea (o dello Spazio Economico Europeo), che consiste nel riconoscimento di un incremento del 40% sulle variazioni in aumento del capitale proprio su cui verrebbe generalmente applicato il rendimento figurativo. L incremento è riconosciuto per tre periodi d imposta consecutivi a partire da quello di ammissione ai predetti mercati. La misura è in attesa dell autorizzazione della Commissione Europea (ex art. 108 TFUE). 1

3 Un secondo intervento ha poi riguardato la possibilità per i soggetti IRES e IRPEF di trasformare le eccedenze ACE non utilizzate (surplus ACE) in un credito d imposta da utilizzare in abbattimento dell IRAP, in 5 quote annuali di pari importo. Utilizzo dell ACE da parte dei soggetti IRES L introduzione dell ACE è relativamente recente, allo stato attuale non si dispone dunque di una serie storica tale da consentire un analisi approfondita circa il suo utilizzo. Le informazioni di maggior interesse vengono fornite dal Dipartimento delle finanze del Ministero dell economia e delle finanze (MEF) nell ambito dell analisi periodica delle statistiche sulle dichiarazioni fiscali 1. I dati delle dichiarazioni presentate nel 2013 (anno d imposta 2012) sono stati interamente pubblicati solo il 15 gennaio 2015, da questi è possibile osservare l andamento dell ACE nel suo secondo anno di applicazione. Con riferimento ai soggetti IRES, nel periodo d imposta 2012, hanno fatto ricorso all ACE società (su 1.1 milioni dichiaranti dato stabile rispetto all anno precedente); si osserva un sostanziale incremento (+16.4%), rispetto al periodo d imposta precedente (primo di applicazione della misura), per il quale il numero di società con diritto alla deduzione del rendimento figurativo si attestava a Il 69% delle società che ha fruito dell ACE 2012 (c.a società), aveva fatto ricorso all incentivo anche nel periodo precedente, mentre il restante 31% ha maturato il diritto alla deduzione per la prima volta. Per quanto riguarda il totale delle deduzioni accordate: nel 2011 il dato era di 1,8 miliardi di euro, di cui 300 milioni riportabili nei periodi d imposta successivi poiché non utilizzabili in riduzione del reddito complessivo dichiarato dalla società o dal reddito complessivo netto dichiarato dal gruppo societario. Nel 2012, il dato è in netto aumento: l ammontare totale deducibile è infatti più che raddoppiato, giungendo a 4.2 miliardi di euro, mentre le eccedenze riportabili nei periodi successivi sono più del triplo rispetto al 2012: 1 miliardo di euro. Poiché il 2012 è il primo periodo in cui è stato possibile utilizzare l eccedenza precedentemente riportata, si osserva che hanno optato in tal senso società, per una deduzione totale di 303 milioni di euro. Nel 2011 l ACE è stato utilizzato soprattutto da società localizzate nel nordovest (38.5%) e nel nord-est (29.43%) del Paese, e in misura relativamente inferiore nel centro (20.43%), e invece marginale l incidenza al sud e nelle isole (rispettivamente 8.59% e 3.5%). Tale andamento si è replicato nel 2012, con 1 2

4 nord-ovest e nord-est attestati al 39.22% e 30.6%, seguiti dal centro (19.53%) e dalle zone meridionali e insulari (8.04% e 3.14%). A livello delle singole regioni si segnala che alcune assorbono quote significative della deduzione totale: la Lombardia nel 2012 ha canalizzato il 35.8% delle deduzioni totali (valore 1.5 miliardi) seguita dal Lazio che in un anno ha triplicato la sua incidenza in termini di volume (19.2% milioni). In chiave dimensionale va evidenziato che la quota dei soggetti che utilizzano l ACE tende a crescere al crescere dei relativi ricavi. Un dato significativo, sebbene poco sorprendente (maggiori ricavi presuppongono, in genere, una maggiore capacità di reinvestire utili). Più della metà dei soggetti con ricavi superiori a 5 milioni di euro l anno ha fatto ricorso all ACE nel Le società con ricavi superiori a 50 milioni di euro hanno assorbito il 51% dell ACE complessiva. Di particolare interesse è, inoltre, l andamento settoriale. Secondo il Dipartimento delle finanze, sotto il profilo dell incidenza numerica i soggetti che hanno fatto maggiormente ricorso all agevolazione operano nei seguenti comparti: Attività Commercio (ingrosso e dettaglio) 19.5% 24.5% Manifatturiero 18.5% 18.8% Attività immobiliari 16% 16% Costruzioni 13.7% 13.7% Analizzando in termini di volumi di deduzione spettanti, i settori maggiormente interessati all incentivo mutano radicalmente. Nel 2012 il settore finanziario e assicurativo ha ottenuto il 38% del totale delle deduzioni (1.6 mld) contro il 23% circa del settore manifatturiero (978 mln), nonostante il primo, in termini di soggetti coinvolti, abbia un incidenza nettamente minore (circa 2.6% del totale ovvero quasi società). Utilizzo dell ACE da parte dei soggetti IRPEF Quanto ai soggetti IRPEF (società di persone ed imprenditori individuali), i dati disponibili per l anno d imposta 2011 evidenziano che circa soggetti avevano utilizzato l agevolazione, per un ammontare deducibile di circa 890 milioni di euro complessivi, di cui 720 provenienti dalla partecipazione in società di persone e 170 da imprenditori individuali. Nell anno d imposta 2012, 3

5 l andamento è rimasto sostanzialmente invariato in termini di accesso ( soggetti circa, +0,15% rispetto al 2011) mentre per quanto riguarda gli importi deducibili spettanti si è registrato un lieve incremento (circa 931 milioni di euro +4,6% rispetto al 2011). Secondo il Dipartimento delle Finanze quest ultimo incremento è in parte imputabile alla possibilità, introdotta a partire dal 2012, di scomputare la quota di rendimento nozionale dell anno d imposta precedente non utilizzata (tale fenomeno ha interessato più di soggetti). Per le persone fisiche la deduzione accordata nel 2012 continua ad essere associata principalmente a partecipazioni in società di persone (751 milioni di euro +4,3% rispetto al 2011) ed in misura più contenuta dallo svolgimento diretto di attività d impresa (182 milioni di euro +6,8% rispetto al 2011). 4

IPERCONSULTING PROFESSIONISTI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE

IPERCONSULTING PROFESSIONISTI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE ACE (Aiuto alla Crescita Economica) Art. 1 D.L. 06 dicembre 2011 n. 201 L ACE (Aiuto alla crescita economica), l agevolazione introdotta dal decreto Salva Italia (Dl 201/2011) per rafforzare il sistema

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 90/2013 GIUGNO/14/2013 (*) 28 Giugno 2013 NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione nona L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

I PROFILI FISCALI CONNESSI ALL EMISSIONE DI TITOLI DI STRUMENTI DI CAPITALE E DI DEBITO. Francesco Nobili

I PROFILI FISCALI CONNESSI ALL EMISSIONE DI TITOLI DI STRUMENTI DI CAPITALE E DI DEBITO. Francesco Nobili I PROFILI FISCALI CONNESSI ALL EMISSIONE DI TITOLI DI STRUMENTI DI CAPITALE E DI DEBITO Unindustria Cremona, 4 novembre 2015 Capitalizzazione e finanziamento Un impresa può essere capitalizzata/finanziata

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

Note di stabilità finanziaria e vigilanza

Note di stabilità finanziaria e vigilanza Note di stabilità finanziaria e vigilanza N. 1 Aprile 2014 1. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti: il vecchio regime... 2 2. Gli effetti della nuova disciplina... 4 3. Il rafforzamento dell

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GITTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GITTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1361 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GITTI Misure fiscali per favorire le operazioni di capitalizzazione e di finanziamento a

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Decreto Competitività Data: 3 luglio 2014 Indice Decreto Competitività (D.L.

Dettagli

L INCENTIVO ACE NEL MODELLO UNICO 2012

L INCENTIVO ACE NEL MODELLO UNICO 2012 L INCENTIVO ACE NEL MODELLO UNICO 2012 Modena, 16 aprile 2012 Luca Gaiani dottore commercialista PREMESSA L art. 1 del D.L. 201/2011 introduce un meccanismo denominato Ace - finalizzato ad incentivare

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE IMU Il Decreto Legge n. 201/2011 anticipa in via sperimentale il nuovo tributo IMU, a decorrere dall anno 2012.

NOVITA LEGISLATIVE IMU Il Decreto Legge n. 201/2011 anticipa in via sperimentale il nuovo tributo IMU, a decorrere dall anno 2012. NOVITA LEGISLATIVE IMU Il Decreto Legge n. 201/2011 anticipa in via sperimentale il nuovo tributo IMU, a decorrere dall anno 2012. L imposta, che ripristina la tassazione dell abitazione principale, sostituisce

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE C i r c o l a r e d e l 3 m a g g i o 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 16/2012 Oggetto ACE _ AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA - AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Sommario 1_

Dettagli

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO UNICO 2014 Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale NOVITA " RIFERIMENTI "

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

NOVITA DICHIARATIVI FISCALI 2015 SOCIETA DI CAPITALI

NOVITA DICHIARATIVI FISCALI 2015 SOCIETA DI CAPITALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITA DICHIARATIVI FISCALI 2015 SOCIETA DI CAPITALI GIOVE GIUSEPPE Commissione Di Diritto Tributario Nazionale Milano 15 aprile 2015 - Corso Europa n. 15

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Relazione Soggetti IRES

Relazione Soggetti IRES Relazione Il presente decreto costituisce attuazione della disciplina concernente l Aiuto alla crescita economica, da qui in avanti ACE, introdotta dall articolo 1 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

IRAP determinazione imponibile

IRAP determinazione imponibile Imposta Regionale sulle Attività Produttive - IRAP L IRAP è stata introdotta nel 1997, dando seguito a moltissime polemiche, in quanto si presenta come un imposta del tutto atipica sia per quanto riguarda

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI Milano 12 marzo 2013 Fedart Relatore: Dott. Ferruccio Dal Lin Determinazione Base Imponibile Trattamento delle ritenute sui frutti di capitale Ace Altre considerazioni

Dettagli

A cura di Marco MAGRINI 1

A cura di Marco MAGRINI 1 1 CONTRATTI, CONTRIBUTI O LIBERALITA ALLE UNIVERSITA VANTAGGI FISCALI La leva fiscale può costituire un importante riferimento per avvicinare il mondo imprenditoriale al mondo accademico per sostegno alla

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

(deduzione, ai fini Ires, del rendimento nozionale sull aumento del patrimonio netto) Prot. n. F58/RNS del 27/03/2012

(deduzione, ai fini Ires, del rendimento nozionale sull aumento del patrimonio netto) Prot. n. F58/RNS del 27/03/2012 (deduzione, ai fini Ires, del rendimento nozionale sull aumento del patrimonio netto) Prot. n. F58/RNS del 27/03/2012 1 argomento INDICE slides premessa 4-6 soggetti interessati ed esclusi 7-8 concetto

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE. Gennaio 2014. 1. Detrazione 55% - 65% - 50% (risparmio energetico) 2. Detrazione 36% - 40% - 50% (ristrutturazioni edilizie)

NOVITA LEGISLATIVE. Gennaio 2014. 1. Detrazione 55% - 65% - 50% (risparmio energetico) 2. Detrazione 36% - 40% - 50% (ristrutturazioni edilizie) NOVITA LEGISLATIVE Gennaio 2014 1. Detrazione 55% - 65% - 50% (risparmio energetico) 2. Detrazione 36% - 40% - 50% (ristrutturazioni edilizie) 3. Mini Imu prima casa (24/01/2014) 4. Mod. 730 crediti superiori

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ.

Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ. Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ. Min. n. 16/E del 14/04/2009 Deduzione a regime (periodo

Dettagli

DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali

DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali Circolare Informativa n. 29/2000 Alle Società consorziate Roma, 20 novembre 2000 Rif.: 600.15 Oggetto: DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali 1. Premessa Con riserva di un

Dettagli

UNICO 2012 REDDITO D IMPRESA

UNICO 2012 REDDITO D IMPRESA UNICO 2012 REDDITO D IMPRESA Gioacchino Pantoni Claudio Sabbatini Via Roma, 276 Martinsicuro (TE) UNICO 2012 - REDDITO D'IMPRESA - Ascoli Piceno 8 Giugno 2012 1 Sommario Via Roma, 276 Martinsicuro (TE)

Dettagli

Circolare n. 5/2015 Ai Sigg. Clienti Loro Sedi ------------------- Credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Circolare n. 5/2015 Ai Sigg. Clienti Loro Sedi ------------------- Credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi -------------------------------------- Via C. Colombo, 436 00145 ROMA Tel. 06/5416800 06/5416801 Fax 06/59601838 Mail: info@studiosantececchi.it PEC : studiosantececchi@legalmail.it --------------------------------------

Dettagli

Premessa generale ANALISI PUNTI PRINCIPALI

Premessa generale ANALISI PUNTI PRINCIPALI LE NORME DEL DECRETO COMPETITIVITA' N. 91-2014 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 116 DEL 11 AGOSTO 2014 : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con il Decreto Competitività n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/IR DEL 29 MARZO 2012 L AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE)

CIRCOLARE N. 28/IR DEL 29 MARZO 2012 L AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE) CIRCOLARE N. 28/IR DEL 29 MARZO 2012 L AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE) SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito soggettivo. Soggetti IRES. 3. Il meccanismo di applicazione. 4. I presupposti dell agevolazione.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

IRAP 2015: AUMENTI e RIDUZIONI del CARICO FISCALE

IRAP 2015: AUMENTI e RIDUZIONI del CARICO FISCALE Circolare informativa per la clientela n. 09 del 19 marzo 2015 IRAP 2015: AUMENTI e RIDUZIONI del CARICO FISCALE In questa Circolare 1. Novità Irap 2015 2. Deduzione dei costi del personale 3. Aliquote

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

CINEMA E INDUSTRIA. Capitali Privati e Benefici Fiscali

CINEMA E INDUSTRIA. Capitali Privati e Benefici Fiscali CINEMA E INDUSTRIA Capitali Privati e Benefici Fiscali LA FILIERA CINEMATOGRAFICA SVILUPPO PRODUZIONE PROMOZIONE DISTRIBUZIONE PRE PRODUZIONE PRODUZIONE (RIPRESE) POST PRODUZIONE ITALIA SALA H.E. TV ALTRE

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI Fiscalità Edilizia LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI -DL 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modifiche nella Legge 23 maggio 2014, n.80- Maggio 2015 1 Per sviluppare programmi di edilizia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Circolare 8 del 3 marzo 2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... 2 3 Ambito oggettivo di applicazione...

Dettagli

17.6.14 h. 18.30. Art.. (Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi)

17.6.14 h. 18.30. Art.. (Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi) Art.. 17.6.14 h. 18.30 (Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi) 1. Ai soggetti titolari di reddito d impresa che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi compresi nella divisione

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Luglio 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra correttiva 2011 Il Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, la c.d. Manovra correttiva, da convertire in legge

Dettagli

Il nuovo «Conto Energia Eolico»

Il nuovo «Conto Energia Eolico» 20 Agevolazioni Finanziarie Fiscali Contributive di Fabio Noferi Dottore Commercialista, Revisore contabile - Montevarchi (Arezzo) Settore energetico Il nuovo «Conto Energia Eolico» La Finanziaria 2008

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 3 giugno 2015

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 3 giugno 2015 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 giugno 2015 OGGETTO: Primi chiarimenti decreto legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116 - Maggiorazione

Dettagli

Circolare n. 12 del 6 luglio 2015

Circolare n. 12 del 6 luglio 2015 Circolare n. 12 del 6 luglio 2015 Deduzione ACE, novità e chiarimenti Indice 1. Presupposto soggettivo 2. Misura dell agevolazione 3. Base di calcolo Ace dei soggetti Ires 3.1. Variazioni in aumento 3.2.

Dettagli

La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate

La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate 1 La normativa base è contenuta nella legge finanziaria per il 2007 La legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria per l anno 2007) ha

Dettagli

NOVITÀ FISCALI E DICHIARAZIONI DELLE SOCIETÀ DI PERSONE

NOVITÀ FISCALI E DICHIARAZIONI DELLE SOCIETÀ DI PERSONE NOVITÀ FISCALI E DICHIARAZIONI DELLE SOCIETÀ DI PERSONE Dott. Michele Bana Dottore commercialista, revisore legale dei conti e pubblicista RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI SOGGETTI IRPEF IN CONTABILITÀ ORDINARIA

Dettagli

Studio DUCCI Dott. IURI 61121 PESARO Via Agostini n. 3 Tel. 0721-21210 ; fax 0721-393861 Mail : studio.ducci@virgilio.it

Studio DUCCI Dott. IURI 61121 PESARO Via Agostini n. 3 Tel. 0721-21210 ; fax 0721-393861 Mail : studio.ducci@virgilio.it Studio DUCCI Dott. IURI 61121 PESARO Via Agostini n. 3 Tel. 0721-21210 ; fax 0721-393861 Mail : studio.ducci@virgilio.it CIRCOLARE PER IL CLIENTE 4 marzo 2013 CIRCOLARE PER IL CLIENTE FOCUS 1. Il 1 marzo

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

ASSOCIAZIONE UN VOLO PER ANNA ONLUS

ASSOCIAZIONE UN VOLO PER ANNA ONLUS OGGETTO : AIUTI E AGEVOLAZIONI FISCALI EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ONLUS Il sistema tributario italiano prevede, per i contribuenti che hanno effettuato erogazioni liberali a favore di determinate

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 9 del 4 Settembre 2014 Con il DL n. 91/2014 il legislatore ha introdotto alcune nuove disposizioni di carattere fiscale e di diritto societario. Tali disposizioni sono

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

D.L. Competitività ed altre disposizioni

D.L. Competitività ed altre disposizioni Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Interrogazione - Camera dei Deputati - 25 giugno 2014

Interrogazione - Camera dei Deputati - 25 giugno 2014 Interrogazione - Camera dei Deputati - 25 giugno 2014 5-03008 Paglia: Effetti dell applicazione delle norme tributarie in materia di aiuto alla crescita economica (ACE). TESTO DELLA RISPOSTA Con il documento

Dettagli

SOCIETÀ DI COMODO: AZIENDE per le. 42 IL SOLE 24 ORE N. 5 - maggio 2012. In sintesi. AMMINISTRARE L AZIENDA Società di comodo. Novità D.L.

SOCIETÀ DI COMODO: AZIENDE per le. 42 IL SOLE 24 ORE N. 5 - maggio 2012. In sintesi. AMMINISTRARE L AZIENDA Società di comodo. Novità D.L. AMMINISTRARE L AZIENDA GUIDA PRATICA SOCIETÀ DI COMODO: novità nel modello unico di Paolo Meneghetti Novità In sintesi I n prossimità della chiusura dell esercizio 0 e della stesura della dichiarazione

Dettagli

Sommario. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate. e-mail : infocsp@cspnetworkitalia.it sito: www.cspnetwork.it

Sommario. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate. e-mail : infocsp@cspnetworkitalia.it sito: www.cspnetwork.it A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@cspnetworkitalia.it sito: www.cspnetwork.it Sommario Speciale Manovra Monti - Proroga della rateazione per i debiti tributari

Dettagli

IMU ed imposte sui redditi

IMU ed imposte sui redditi I Dossier Fiscali IMU ed imposte sui redditi I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate (C.M. 5/E/2013) SOMMARIO IMU ed imposte sui redditi... 3 IMU in sostituzione dell IRPEF Effetti sui singoli redditi...

Dettagli

Circolare n. 28/IR del 29 marzo 2012 L AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE)

Circolare n. 28/IR del 29 marzo 2012 L AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE) TP1PT TP2PT Pubblicato TP3PT TP4PT TP5PT TP6PT Circolare n. 28/IR del 29 marzo 2012 L AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA (ACE) 1. Premessa L art. 1 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito dalla

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007 Ministero Dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle Finanze Direzione Studi e Ricerche Economico Fiscali Statistiche Fiscali Approfondimenti febbraio 2010 Misure globali della progressività, dell

Dettagli

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE Circolare 20 del 29 luglio 2015 School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE 1 Premessa... 2 2 Credito d imposta per le erogazioni liberali agli istituti

Dettagli

SUPERAMMORTAMENTI 2015. Fonti Relazione Illustrativa Il Sole 24 Ore 26.10.15

SUPERAMMORTAMENTI 2015. Fonti Relazione Illustrativa Il Sole 24 Ore 26.10.15 SUPERAMMORTAMENTI 2015 Fonti Relazione Illustrativa Il Sole 24 Ore 26.10.15 CONSIGLIO DEI MINISTRI N.87 15 OTTOBRE 2015 AMMORTAMENTI - La misura è volta a incentivare gli investimenti in beni strumentali

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015 Como, 3.3.2015 INFORMATIVA N. 11/2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... pag. 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Roma, 04 maggio 2012 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli

Dettagli

Cinema e Industria Capitali Privati e Benefici Fiscali. Bari 17 novembre 2011

Cinema e Industria Capitali Privati e Benefici Fiscali. Bari 17 novembre 2011 Cinema e Industria Capitali Privati e Benefici Fiscali Bari 17 novembre 2011 LA FILIERA CINEMATOGRAFICA SVILUPPO PRODUZIONE PROMOZIONE DISTRIBUZIONE PRE PRODUZIONE PRODUZIONE (RIPRESE) POST PRODUZIONE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi DL competitività: le novità fiscali dopo la conversione in legge (DL n. 91 del 24.06.2014, legge di conversione n. 116 del 11.08.2014) Gentile

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: Aiuti e Agevolazioni Fiscali Il sistema tributario italiano prevede, per i contribuenti che hanno effettuato erogazioni liberali

Dettagli