COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA"

Transcript

1 COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA SUA FRUIZIONE ai sensi della MISURA 227 Sostegno agli investimenti non produttivi su superfici forestali COMUNE di TRAREGO VIGGIONA Tipologia 5.1 Investimenti di valorizzazione ambientale PROGETTO ESECUTIVO ai sensi del D.P.R. 207/2010 e s.m.i. Trarego Viggiona, Guido Locatelli Dottore Forestale

2 PREMESSA Con Determinazione n del 17/04/2014 la Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste della regione Piemonte con l approvazione della graduatoria relativa alla Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi su superfici forestali, ammette il finanziamento degli interventi di miglioramento forestale richiesti dal Comune di Trarego Viggiona con domanda n Gli interventi a progetto, volti al miglioramento della stabilità dei popolamenti forestali in loc. Monte Piambello, con la diminuzione del rischio di dissesto e il miglioramento conservativo fitosanitario, risultano conformi sia alle prescrizioni del P.F.T. Area Forestale n. 23 Valle Grande, Alto Verbano, Val Cannobina, che ai parametri selvicolturali indicati dal bando di accesso al contributo ai sensi della Misura 227 del P.S.R. della Regione Piemonte. L intervento è inoltre destinato ad una progressiva rinaturalizzazione dei popolamenti in esame, che pur essendo provvisti dei requisiti per classificarsi bosco ai sensi della LR 4/2009 sono da intendersi come rimboschimenti di evidente origine artificiale. A seguito della progettazione preliminare predisposta in data con gli elaborati allegati all istanza di contributo, ai sensi dell allegato B.2 bis) al bando di misura, dopo aver ottenuto la conferma del finanziamento viene di conseguenza predisposto il presente progetto definitivo-esecutivo, quale atto tecnico conforme ai disposti del DPR 207/2010 e propedeutico all esecuzione delle successive fasi di aggiudicazione ed esecuzione dell opera ammessa a finanziamento. Quanto di seguito indicato, redatto sulla base dell incarico professionale conferito allo scrivente studio con Determinazione del Responsabile del Servizio - SC n. 45 del , si configura come il progetto esecutivo del miglioramento in oggetto, redatto sulla base dei rilievi eseguiti alla fine del mese di ottobre INQUADRAMENTO AMMINISTRATIVO Il lotto oggetto d intervento, vasto 12,00 ha circa, ricade su parte delle particelle catastali n. 10 e 21 foglio n. 11 di Trarego Viggiona (VB). Nel dettaglio la ripartizione catastale risulta essere la seguente: Fg. 11 mapp. 10, sup. catastale = 69,0 ha/sup. intervento = 9,5 ha; Fg. 11 mapp. 21, sup. catastale = 2,5 ha/sup. intervento = 2,5 ha. 2

3 L intera area risulta di proprietà comunale e si colloca in area montana (ex C.M. Alto Verbano); sulla stessa insiste il vincolo idrogeologico di cui al ex RD 3267/1923, LR 45/89 mentre non si rilevano particolari vincoli ambientali riconducibili alla Rete Natura INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO L area d intervento si colloca sul versante meridionale del Monte Pian Bello, compreso tra le quote di e m s.l.m.. Il versante risulta alquanto omogeneo, con acclività nel complesso moderata, più accentuata nelle porzioni basali, con un valore di pendenza media stimabile in circa Per quanto attiene all idrologia superficiale, nella parte centrale ed inferiore del lotto, si riscontrano alcune vallette secondarie a regime idrico occasionale che scendendo di quota diventano sempre più incise ed accentuate anche per la pendenza crescente al diminuire della quota. Si viene di conseguenza a definire un reticolo idrico minore scarsamente gerarchizzato, a portata occasionale e di spiccato carattere torrentizio. L area d intervento è raggiungibile dalla Strada Provinciale Colle-Trarego con due piste forestali su fondo naturale attualmente in discrete condizioni conservative, sufficientemente larghe per il transito trattorabile. FUNZIONE PREVALENTE ATTRIBUITA ALL AREA Il P.F.T. Area n. 23 Valle Grande, Alto Verbano, Val Cannobina attribuisce all area in esame la destinazione di fruizione. In applicazione dei disposti del bando di Misura 227 si chiarisce tuttavia che le aree in esame sono provviste di tutti i requisiti tecnico-selvicolturali e geomorfologici sufficienti a poter determinare come destinazione secondaria quella produttivo-protettiva. In particolare questi sono i fattori che giustificano tale attribuzione di destinazione secondaria: - presenza del vincolo idrogeologico ex RD 3267/ LR 45/89; - ambito di appartenenza territoriale, montano; - origine del popolamento: rimboschimento a finalità multipla, produttivoprotettiva su ex pascoli, databile tra gli anni 50 e 70; - morfologia prevalente di alto versante, con pendenze medie da moderate ad accentuate; 3

4 - geomorfologia alquanto tormentata e complessa per la presenza di un reticolo idrico minore alquanto diversificato, causa di potenziali inneschi di fenomeni erosivi canalizzati; - presenza di un discreto livello di asservimento da piste forestali e strada camionabile a valle (Strada provinciale); - presenza di infrastrutture di interesse pubblico a valle del bosco (captazioni acquedotto e S.P.) che devono trovare adeguata tutela di versante a monte nella presenza del bosco oggetto di miglioramento a progetto. INQUADRAMENTO FORESTALE Composizione prevalente Come evidenziato nella cartografia di dettaglio allegata (estratto della Carta delle categorie forestali del P.F.T. Area forestale n. 23), nella zona in esame è stata rilevata la seguente tipologia forestale: - RI20D rimboschimento del piano montano, variante a picea = 12 ha circa. La compartimentazione del P.F.T. trova puntuale conferma nel tipo attribuito, ossia un impianto di Abete rosso, a cui tuttavia si precisa la presenza di 2 zone distinte in cui alla variante principale si affiancano rispettivamente il Larice e il Pino strobo. Si sono inoltre rilevati puntuali esemplari di Abete bianco e nella zona centrale del lotto un piccolo nucleo di Thuje. Sporadicamente si rilevano esemplari di Betulla, Castagno e nelle zone più a monte di Faggio. Struttura e stadio evolutivo Il governo in esame è la fustaia coetaneiforme allo stato di perticaia/ giovane fustaia, secondo la definizione di cui al RR n. 8/R/2011. La copertura è molto densa e colma, la struttura è monoplana. Stato fitosanitario Pur non segnalandosi problematiche di particolare rilievo i popolamenti in esame sono contraddistinti da un evidente deperimento delle piante dominate oltre a numerosi danneggiamenti in chioma dovuti ad eventi meteorici. 4

5 Tale degrado conservativo trova la sua causa nella densità eccessiva e nella mancanza di qualsiasi pregresso intervento di diradamento intercalare, motivo di un significativo deprezzamento conservativo dell intero popolamento. Tendenze evolutive e potenzialità In generale il popolamento risulta stabile, la densità dell impianto non ha permesso l ingresso di alcuna specie autoctona che si riscontra solo nelle zone di impluvio più incise, e sui bordi dell impianto. Informazioni dendrometriche Per la valutazione dello stato dendrometrico attuale del popolamento sono state fatte n. 5 Aree di Saggio temporanee quadrate a lato di m 10*10, poste all interno del bosco in zone ritenute rappresentative delle diverse situazioni riscontrabili in loco. Data una evidente omogeneità a livello di popolamento, sia per i fattori dendrometrico-strutturali che per quelli compositivi, si è optato di conseguenza per mediare i singoli dati campionari a livello aritmetico per giungere in definitiva a dati medi rappresentativi di tutto il popolamento indagato. All interno delle AdS sono stati rilevati i seguenti parametri dendrometrici: - il numero di soggetti ad ettaro (con soglia minima di rilevamento del diametro di cm 8 misurati sul tronco a m 1,30 di altezza da terra); - il diametro medio della pianta rappresentativa; - l altezza media della pianta di diametro medio. Dall elaborazione dei dati raccolti si è stimato un diametro medio di popolamento pari a circa 25 cm, un altezza media di 16 m circa ed una densità media di n. 760 soggetti ad ettaro. Tipo forestale Superficie (ha) Area basimetrica (m 2 /ha) Provvigione (m 3 /ha) Densità (n piante/ha) Altezza media (m) Diametro medio (cm) RI20D 12 37, Tab.1 Quadro riassuntivo delle informazioni dendrometriche 5

6 OBIETTIVI SELVICOLTURALI E TRATTAMENTO L intervento proposto si pone come obiettivo selvicolturale generale la conservazione del tipo forestale, da eseguirsi mediante diradamento basso di media intensità con carattere selettivo di tipo fitosanitario al quale si aggiungono lavori di taglio fitosanitario leggero a carico dei soggetti appartenenti alle classi diametriche superiori (eliminazione degli esemplari con evidenti problematiche fitosanitarie e di quelli più malformati). In funzione delle differenti situazioni riscontrabili in corrispondenza dell area in esame si individuano le seguenti finalità progettuali specifiche: in presenza di aree ad elevata densità, con individui estremamente filati in quanto cresciuti molto fitti, il fine è quello di ridurre il numero di fusti per unità di superficie operando non per singolo individuo ma per nuclei accorpati così da non compromettere la stabilità statica dei soggetti rilasciati; in presenza di soggetti dominanti di grosso diametro con evidenti sintomi di senescenza e frequenti rotture al cimale, se accompagnati da un buon numero di individui a diametro inferiore con le chiome posizionate sul piano codominante, il fine è quello di favorire la disetaneità del popolamento per limitati collettivi coetaneiformi (situazione riscontrata sporadicamente); Alla luce di quanto sopra l intervento a progetto si basa sull applicazione dei seguenti criteri di contrassegnatura: - generale miglioramento del portamento, da ottenersi con un criterio selettivo di tipo negativo volto all'asportazione di tutti i soggetti sottomessi e privi di avvenire appartenenti al piano dominato e - generale miglioramento dello stato fitosanitario, con l'asportazione dei soggetti a chioma seccaginosa, di quelli danneggiati e di quelli secchi in piedi o schiantati; - messa in sicurezza della Strada Provinciale Colle-Trarego, da ottenersi con l'asportazione di tutti gli esemplari presenti bordo strada sul confine meridionale del lotto per una larghezza di 10 m, corrispondenti principalmente alla prima fila di piante e che presentano una chioma asimmetrica e sbilanciata verso la strada. 6

7 LA CONTRASSEGNATURA Su tutto il lotto sono state contrassegnate la totalità delle piante da destinare al taglio con sfaccettatura sul tronco (dal diam. di 17,5 cm a crescere). Pertanto su tutto il lotto di intervento dovranno essere abbattute: - tutte le piante che presentano sfaccettatura sul fusto; - tutte le piante secche morte in piedi. Come previsto dal comma 2 dell'art. 9 del RR n. 8/R/2011 così come modificato dal RR n. 2/R/2013, sono state martellate e numerate sull'intero lotto tutte le piante destinate al taglio a partire dalla classe diametrica di 30 cm a crescere mentre quelle comprese tra la classe diametrica 20 e la 30 cm (soglia inferiore 17,50 cm soglia superiore 27,50 cm circa) sono state contrassegnate con sola sfaccettaura sul fusto ad altezza d uomo, senza contrassegnatura al colletto. Il contrassegno al colletto è stato eseguito con martello punzonatore munito del simbolo composto da una stella a cinque punte con la lettera esse al centro (martello iscritto al registro regionale in applicazione dei disposti del vigente regolamento forestale) e numerazione con placchette di plastica durevole di colore verde eseguita su specchiature al colletto. CALCOLO DELLA RIPRESA Il calcolo della ripresa è stato stimato dall'elaborazione dei dati derivanti dal cavallettamento di tutte le piante contrassegnate da destinare al taglio e per differenza con i dati provvigionali calcolati dall'elaborazione delle aree di saggio. Di seguito viene riportato il piedilista delle piante da abbattere (si rimanda all'allegato A il piedilista di martellata delle piante di classe diametrica pari o superiore a 30 cm): classe diametrica (cm) Abete rosso numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) , , , , ,92 971, ,37 502, ,89 360, ,00 335, ,10 241, ,33 37,2 7

8 classe diametrica (cm) Abete rosso numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,83 24,3 Totale , ,4 classe diametrica (cm) Larice numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,73 100, ,25 114, ,66 83, ,60 48, ,92 68, ,53 39, ,96 16, ,11 26,7 Totale ,76 496,7 classe diametrica (cm) Thuja numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,09 43, ,47 38, ,71 31, ,54 13, ,01 8,6 Totale 51 15,81 136,0 classe diametrica (cm) Pino nero numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,82 7, ,34 3,0 Totale 5 1,16 10,2 classe diametrica (cm) Pino strobo numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,04 15, ,78 29, ,30 41, ,60 12,5 8

9 classe diametrica (cm) Pino strobo numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,07 8, ,18 32, ,76 13, ,83 22,1 Totale 39 22,56 176,0 classe diametrica (cm) Betulla numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,64 25, ,51 33, ,98 18, ,31 21,9 Totale 32 10,44 99,2 classe diametrica (cm) Castagno numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,38 3, ,32 3, ,99 9,9 Totale 5 1,69 16,9 classe diametrica (cm) Abete bianco numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,20 1, ,34 3, ,06 9,1 Totale 4 1,61 13,8 9

10 RIEPILOGO PIANTE DA ASPORTARE specie numero di soggetti volume totale peso (m 3 ) (q) Abete rosso , ,4 Larice ,76 496,7 Thuja 51 15,81 136,0 Pino nero 5 1,16 10,2 Pino strobo 39 22,56 176,0 Betulla 32 10,44 99,2 Castagno 5 1,69 16,9 Abete bianco 4 1,61 13,8 Totale , ,1 Riepilogando i dati di cui alle tabelle precedenti si giunge in definitiva ai seguenti dati di ripresa: Numero piante/ ha Ripresa n. piante/ha % Ripresa n. piante Ripresa n. piante Provvigione /ha (m 3 /ha) Ripresa volume/ha (m 3 /ha) % Ripresa volume Ripresa totale (m 3 ) ,6% ,00 64,66 21,7% 775,95 A livello di intero popolamento, a fronte di una provvigione dendrometrica totale pari a m 3 circa, si ottiene una ripresa pari a circa 776 m 3. Tale valore di ripresa (pari a 65 m 3 /ha circa) rappresenta una percentuale del 22% circa in termini di massa. In termini di numero di piante, a fronte di 760 piante/ha stimate in fase di campionamento, si determina una ripresa pari a 180 piante/ha che corrisponde ad un tasso di ripresa numerica del 24% circa. Di seguito viene riportata una tabella comparativa tra i parametri dendrometrici del bosco allo stato attuale e quelli post-intevento. Area basim./ha (m 2 /ha) Stato di fatto ANTE-INTERVENTO Diam. medio (cm) Numero Piante/ha H media (m) Provvigione /ha (m 3 /ha) 37,30 25, ,00 10

11 Area basim./ha (m 2 /ha) Stato di progetto POST-INTERVENTO Diam. medio (cm) Numero Piante/ha H media (m) Provvigione /ha (m 3 /ha) 28,46 34, ,34 MODALITÀ D INTERVENTO E DESCRIZIONE DEI LAVORI Nel dettaglio i lavori dovranno svolgersi sulla base della sequenza qui riportata: 1. sulla totalità dell area, preliminare spalcatura delle conifere fino all altezza indicativa di m 1,80-2,00; 2. diradamento basso di intensità medio-elevata, con asportazione delle sottomisure (soggetti aduggiati o comunque privi di avvenire), dei soggetti secchi in piedi o schiantati; 3. diradamento alto di bassa intensità a carattere fitosanitario, basato su un criterio di selezione negativa che prevede l asportazione dei soggetti completamente secchi in piedi, con evidenti problemi fitosanitari (piante che presentano anormale colorazione degli aghi o porzioni di chioma seccaginosa) o con evidenti problemi di portamento (fusti contorti o fortemente inclinati, rami o cimali spezzati ); 4. primo allestimento andante dei rami derivati dalla spalcatura, degli arbusti e delle piante abbattute sul letto di caduta; 5. concentramento a strascico con verricello per piante intere (metodo full tree system) sulla totalità del lotto ad eccezione delle aree prossime alla viabilità (15 m circa) e solo per quanto concerne il versante sopra strada (1,50 ha circa); 6. allestimento franco pista trattorabile, in corrispondenza degli slarghi preesistenti e di quelli temporanei realizzati nel corso dei lavori a progetto (in ampliamento delle sede di transito esistente): le parti di pianta con diametro di punta > 15 cm dovranno essere allestite in stanghe da 2 m o multipli per essere successivamente esboscate e commercializzate ad uso imballaggio e carpenteria andante. Le sottomisure a diam < 15 cm di calcio, il materiale secco, i cimali e le ramaglie dovranno essere cippate in loco per essere esboscate e commercializzate ad uso energetico; 7. cippatura totale del materiale legnoso di scarto; 8. nota: quale alternativa alle operazioni di cui ai punti 5 e 6) e ammesso l esbosco con elicottero per piante intere con scarico in loc. Piazzale M.te Carza. 11

12 MODALITÀ DI TAGLIO, ALLESTIMENTO, CONCENTRAMENTO ED ESBOSCO Modalità di esecuzione dei tagli I tagli dovranno compiersi con motosega o decespugliatore a lama a raso terra, le superfici di taglio dovranno risultare lisce, prive di slabbrature e leggermente inclinate. Le operazioni di abbattimento, allestimento, concentramento ed esbosco dovranno condursi in modo da arrecare minor danno possibile alle piante riservate dal taglio. La spalcatura, fino ad un altezza media m 1,80, dovrà eseguirsi filo tronco riservando un piccolo moncone di ramo (circa 1 cm) senza lesionare il tronco. Lavori di allestimento e concentramento I lavori di allestimento e concentramento della componente arborea di dimensioni tali da essere esboscata avverranno su tutta l area d intervento secondo le modalità riportate di seguito: 1. concentramento full tree system, a strascico con verricello; 2. depezzatura, sramatura e sezionatura franco pista trattorabile; 3. cippatura sottomisure; 4. esbosco su carro trazionato DT. Nota: in alternativa (ipotesi non soggetta a stima del costo d intervento in quanto occorre un analisi prezzi di dettaglio) alle lavorazioni di cui ai punti 1 e 2) precedenti e ammesso il concentramento full tree system con elicottero, con piazzale di scarico temporaneo ed apertura di elisuperficie temporanea presso il piazzale camionabile alla base del M.te Carza (tempo medio rotazione 1,50-2 min. circa). Tale ipotesi alternativa alla modalità di concentramento classica (dai costi codificati dal prezzario regionale e quindi utilizzati come di riferimento nel computo progettuale per le lavorazioni in esame) dovrà essere considerata nel solo caso che per il perdurare di andamenti climatici sfavorevoli all esecuzione dei lavori a progetto il sistema classico richieda tempi operativi incompatibili con la chiusura definitiva del cantiere al , a differenza dell impiego dell elicottero, capace di abbattere significativamente i tempi per le lavorazioni in esame. 12

13 Lavori di cippatura Il trattore provvisto di cippatrice dovrà posizionarsi lungo le piste di accesso e le operazioni di cippatura dovranno avvenire nel maggior numero possibile di punti al fine di ridurre le distanze di concentramento. In alternativa e ammessa la cippatura in un solo sito di accastamento temporaneo da definirsi in fregio alla SP Trarego- Colle, dove il materiale legnoso di scarto da cipparsi ed il trelativo cippato non dovrà rimanere per oltre 45 giorni. Trasporto all imposto Il materiale concentrato, destinato all esbosco, sia i tronchi su carro trazionato DT (o porteur) che il cippato (su carro trazionato DT con sponde rialzate) dovrà essere caricato con sollevatore idraulico ed essere totalmente trasportato per 600 m circa fino alla Strada provinciale a valle, dove si prevede possa arrivare il camion tre assi (deroga sulla portata max presso settore strade provincia del VCO). ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE DI LAVORO Per l esecuzione dei lavori descritti si prevede l utilizzo di una squadra di n 5 operai forestali ripartiti in n 1 capo squadra (specializzato), n 2 operai qualificati e n 2 operai comuni che dovranno essere muniti delle seguenti attrezzature: - motoseghe da 3 a 5 CV; - trattore gommato DT di potenza compresa tra gli 80 ed i 130 CV fornito in cantiere munito di sollevatore idraulico con pinza girevole, verricello con tamburo da 80 m, cippatrice, carro trazionato e carro trazionato con sponde rialzate per trasporto cippato; - minescavatore a cingoli in gomma per apertura/chiusura piazzole temporanee; - (eventuale) cippatrice con motore autonomo montata su camion tre assi DT o su carro trainato da trattore DT. Si precisa che il numero di 5 operai impiegati in cantiere e da intendersi come quello minimo necessario a garantire il rispetto delle tempistiche di cui al cronoprogramma indicato al paragrafo successivo, che fissa in gg. 60 naturali consecutivi il tempo massimo utile improrogabile per l esecuzione dei lavori a progetto. CRONOPROGRAMMA I lavori di cui al presente progetto esecutivo sono tassativamente vincolati al cronoprogramma della Misura 227 del PSR che ai sensi della 13

14 Determinazione n del 17/04/2014 fissa come termine ultimo non prorogabile per il completamento delle azioni, compresa la rendicontazione finale, la data del In relazione alla data ultima non prorogabile di cui sopra si stabilisce come termine ultimo improrogabile per il completamento dei lavori la data del 15 maggio Stabilito che nel mese di gennaio e presumibile la presenza di neve sulle aree d intervento, motivo di impossibilità a lavorare, si prevede un tempo utile di esecuzione dell opera a progetto nei mesi di marzo-aprile e metà maggio per un totale di massimo 60 (SESSANTA) giorni naturali consecutivi. PIANO DI SICUREZZA IN CANTIERE Nel corso di tutte le operazioni connesse ai lavori a progetto gli operai della squadra di lavoro dovranno indossare gli indumenti antinfortunistici (DPI) previsti dalla vigente normativa in materia e da ogni altra norma che dovesse entrare in vigore prima del termine dei lavori. Parimenti dovranno essere applicati tutti gli accorgimenti di sicurezza previsti per legge sulle motoseghe, sui decespugliatori e sul sistema idraulico del braccio della gru idraulica, sul verricello e sulla cippatrice (limitatamente ai lotti nei quali se ne prevede l utilizzo). Nell ipotesi si opti per l impiego dell elicottero per le operazioni di concentramento dovrà essere preliminarmente predisposto apposito P.O.S. con allegate tutte le necessarie autorizzazioni, anche se trattasi di operazione prevista a progetto come opzionale, a discrezione dell aggiudicatario. L esecutore dovrà in ogni caso attenersi ai disposti D.Lgs 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro in materia di antinfortunistica e sicurezza e del D.Lgs. 106/2009 e s.m.i., producendo i necessari atti prima del inzio dei lavori a contratto. 14

15 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Per la realizzazione del computo metrico estimativo dei lavori forestali a progetto (relativo alla totalità dell intervento previsto, con informazioni di dettaglio relative ai singoli lotti) si è utilizzato l elenco prezzi tratto dal Prezzario approvato ed adottato dalla regione Piemonte con DGR n del , edizione dicembre valido per il In particolare si è fatto riferimento alla sezione 18 Sistemazione, Recupero e Gestione del Territorio e dell Ambiente Agricoltura. Si precisa che gli importi dei costi del progetto esecutivo sono diversi rispetto a quelli del progetto preliminare ammesso a contributo in quanto se ne diversificano per il maggior costo dell esbosco e della relativa biotriturazione della massa al taglio in quanto dalle operazioni di contrassegnatura totale delle piante al taglio e derivata una massa complessiva da asportarsi di totali 675 m 3 a fronte dei 660 m 3 stimati a livello preliminare. Il maggior costo, dedotto della maggior massa legnosa da vendersi (+ 15 metri cubi totali) resta carico del comune beneficiario senza la variante in esame vada a modificare gli importi ammessi a finanziamento. Per quanto sopra il c.m.e. ed il relativo quadro economico progettuale di riferimento sono quelli relativi al progetto esecutivo. Computo metrico-estimativo progetto preliminare (importi ammessi a contributo, prima della contrassegnatura piante che ha portato al dettaglio della massa al taglio) CODICE DESCRIZIONE UM COSTO UNITARIO QUANTITA COSTO TOTALE 18.A03.C A03.C19 Diradamento dal basso - riduzione della biomassa legnosa a carico di piante presenti nel piano dominato allo scopo di costituire un soprassuolo monoplano, compresa sramatura, depezzatura della ramaglia, concentramento dei fusti per il successivo esbosco (prelievo medio 30% dei soggetti). ha 2.230, ,88 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista strascico fino a 200 m di distanza: m 3 16, ,80 15

16 CODICE DESCRIZIONE UM COSTO UNITARIO QUANTITA COSTO TOTALE 18.A02.B Biotriturazione del materiale vegetale risultante da operazioni di taglio e decespugliamento da eseguirsi mediante impiego di cippatrice mobile agganciata a trattrice o montata su autocarro; riutilizzo biologico del prodotto all'interno dell'area di intervento come da specifiche progettuali, ogni altro onere compreso (*) m 3 48, ,95 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento 18.A03.C22 all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista con rimorchio fino a m di distanza: m 3 11, ,90 IMPORTO LAVORI TOTALE ,53 (*) non essendo previsto il riutilizzo in cantiere del cippato prodotto, il costo in elenco si intende comprensivo anche dei costi di esbosco fino all imposto camionabile. 16

17 Computo metrico-estimativo progetto esecutivo: ammesso a finanziamento + massa aggiuntiva al taglio COSTO CODICE DESCRIZIONE UM UNITARIO QUANTITA COSTO TOTALE INCIDENZA MANODOPERA (**) % IMPORTO MANODOPERA Diradamento dal basso - riduzione della biomassa legnosa a carico di piante presenti nel piano dominato allo scopo di costituire un soprassuolo monoplano, compresa sramatura, depezzatura della ramaglia, concentramento dei fusti per il successivo 18.A03.C esbosco (prelievo medio 30% dei soggetti). ha 2.230, ,88 63, ,28 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista strascico fino a 200 m di 18.A03.C19 distanza. m 3 16, ,68 33, ,48 Biotriturazione del materiale vegetale risultante da operazioni di taglio e decespugliamento da eseguirsi mediante impiego di cippatrice mobile agganciata a trattrice o montata su autocarro; riutilizzo biologico del prodotto all'interno dell'area di intervento come da specifiche progettuali, ogni altro onere compreso 18.A02.B (*) m 3 48, ,75 56, ,90 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista con rimorchio fino a m di 18.A03.C22 distanza. m 3 11, ,04 27, ,49 IMPORTO LAVORI TOTALE , ,16 (*) non essendo previsto il riutilizzo in cantiere del cippato prodotto, il costo in elenco si intende comprensivo anche dei costi di esbosco fino all imposto camionabile; (**)dato che nel prezziario della regione Piemonte utilizzato per il computo metrico estimativo non sono riportati le percentuali di incidenza della manodopera per le opere compiute oggetto del progetto, si è fatto riferimento al prezziario della regione Lombardia utilizzando opere compiute equivalenti.

18 Quadro economico riepilogativo progetto preliminare (ammesso a finanziamento) DESCRIZIONE IMPORTO Euro A) IMPORTO LAVORI ,53 Oneri per la sicurezza non sottoposti a ribasso d asta 5% circa 2.745,00 Importo lavori a base d asta, da sottoporre a ribasso ,53 SOMME A DISPOSIZIONE IVA 21% sull importo lavori ,65 Spese tecniche per progettazione, DL, coordinamento della sicurezza, 2% cassa compreso ed Iva esclusa: - importo lavori s.t. 10% = 2.500,00 - importo lavori s.t. 8% = 2.000,00 - importo lavori s.t. 6% = 292, ,00 IVA 21% su spese tecniche 1.006,32 B) TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE ,97 C) IMPORTO TOTALE A) + B) ,50 Quadro economico riepilogativo progetto esecutivo: DA PORRE IN GARA DESCRIZIONE IMPORTO Euro A) IMPORTO LAVORI ,35 Oneri per la sicurezza non sottoposti a ribasso d asta 5% circa 2.895,12 Importo manodopera non sottoposto a ribasso d asta ,16 Importo lavori a base d asta, da sottoporre a ribasso ,07 SOMME A DISPOSIZIONE IVA 22% sull importo lavori ,52 Spese tecniche per progettazione, DL, coordinamento della sicurezza, 2% cassa compreso ed Iva esclusa: - importo lavori s.t. 10% = 2.500,00 - importo lavori s.t. 8% = 2.000,00 - importo lavori s.t. 6% = 292, ,00 IVA 22% su spese tecniche 1.054,24 B) TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE ,76 C) IMPORTO TOTALE A) + B) ,11

19 Stima del valore del legname ritratto Il legname ricavato dagli interventi di valorizzazione ambientale a progetto verrà accatastato all imposto camionabile dove il beneficiario ne darà corso relativa commercializzazione. Di seguito si procede alla stima degli assortimenti legnosi derivanti dall intervento ed al relativo prezzo di macchiatico. Progetto preliminare (superato) Tipo di assortimento ricavabile Ripresa totale stimata (m 3 ) Stima valore assortimenti da Allegato B.1 (Euro/ m 3 o Euro/q) Stima valore totale assortimenti (Euro) Abete tondo sega imballaggio (60%) 395,00 15, ,00 Abete cippato (40%) 265,00 (1,20*4 1 ) =4, ,00 Totale 660, ,00 Stima del valore totale degli assortimenti ricavati Costo intervento a progetto (A) (Euro) Ricavo potenziale vendita legname (B) (Euro) Valore di macchiatico totale (B-A) (Euro) Prezzo di macchiatico unitario (Euro/m 3 ) , , ,53-110,69 Stima del valore e del prezzo di macchiatico (importi per lavori + spese tecniche al netto di IVA) Progetto esecutivo Tipo di assortimento ricavabile Ripresa totale Valore assortimenti da Allegato B.1 Valore totale assortimenti (Euro) (m 3 ) (Euro/ m 3 ) Abete rosso e Abete bianco tondo da sega (imballaggi) 2 361,37 15, ,53 Larice tondo da sega (tavole o travi) 3 36,83 50, ,33 Pini e conifere esotiche tondo da sega (imballaggi) 4 25,27 11,00 277,93 1 Valore calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del cippato di conifera pari a 400 Km/m % classe diametrica 25 cm o superiore. 3 80% classe diametrica 25 cm o superiore. 4 80% classe diametrica 25 cm o superiore. 19

20 Tipo di assortimento ricavabile Ripresa totale Valore assortimenti da Allegato B.1 (m 3 ) (Euro/ m 3 ) Valore totale assortimenti (Euro) Conifera cippato 5 340,36 4, ,74 Latifoglie a legno tenero (Betulla) legna da ardere 6 10,44 23,75 247,88 Castagno legna da ardere 7 1,69 30,00 50,57 Totale 775, ,97 Stima del valore totale degli assortimenti ricavati Costo intervento a progetto (A) (Euro) Ricavo potenziale vendita legname (B) (Euro) Valore di macchiatico totale (B-A) (Euro) Prezzo di macchiatico unitario (Euro/m 3 ) , , ,38-68,59 Stima del valore e del prezzo di macchiatico (importi per lavori + spese tecniche al netto di IVA) Trarego Viggiona, Guido Locatelli Dottore Forestale 5 100% classe diametrica 20 cm, 20% classe diametrica 25 cm o superiore. Il valore dell'assortimento viene calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del cippato di conifera pari a 400 Kg/m 3. 6 Il valore dell'assortimento viene calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del legname di Betulla pari a 950 Kg/m 3. 7 Il valore dell'assortimento viene calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del legname di Castagno pari a Kg/m 3. 20

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE Mod 2030 Agg. MAR.2011 LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE PARTE 1 Redatte a cura del Comune di Pesaro Ufficio Opere di Urbanizzazione LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli