COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA"

Transcript

1 COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA SUA FRUIZIONE ai sensi della MISURA 227 Sostegno agli investimenti non produttivi su superfici forestali COMUNE di TRAREGO VIGGIONA Tipologia 5.1 Investimenti di valorizzazione ambientale PROGETTO ESECUTIVO ai sensi del D.P.R. 207/2010 e s.m.i. Trarego Viggiona, Guido Locatelli Dottore Forestale

2 PREMESSA Con Determinazione n del 17/04/2014 la Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste della regione Piemonte con l approvazione della graduatoria relativa alla Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi su superfici forestali, ammette il finanziamento degli interventi di miglioramento forestale richiesti dal Comune di Trarego Viggiona con domanda n Gli interventi a progetto, volti al miglioramento della stabilità dei popolamenti forestali in loc. Monte Piambello, con la diminuzione del rischio di dissesto e il miglioramento conservativo fitosanitario, risultano conformi sia alle prescrizioni del P.F.T. Area Forestale n. 23 Valle Grande, Alto Verbano, Val Cannobina, che ai parametri selvicolturali indicati dal bando di accesso al contributo ai sensi della Misura 227 del P.S.R. della Regione Piemonte. L intervento è inoltre destinato ad una progressiva rinaturalizzazione dei popolamenti in esame, che pur essendo provvisti dei requisiti per classificarsi bosco ai sensi della LR 4/2009 sono da intendersi come rimboschimenti di evidente origine artificiale. A seguito della progettazione preliminare predisposta in data con gli elaborati allegati all istanza di contributo, ai sensi dell allegato B.2 bis) al bando di misura, dopo aver ottenuto la conferma del finanziamento viene di conseguenza predisposto il presente progetto definitivo-esecutivo, quale atto tecnico conforme ai disposti del DPR 207/2010 e propedeutico all esecuzione delle successive fasi di aggiudicazione ed esecuzione dell opera ammessa a finanziamento. Quanto di seguito indicato, redatto sulla base dell incarico professionale conferito allo scrivente studio con Determinazione del Responsabile del Servizio - SC n. 45 del , si configura come il progetto esecutivo del miglioramento in oggetto, redatto sulla base dei rilievi eseguiti alla fine del mese di ottobre INQUADRAMENTO AMMINISTRATIVO Il lotto oggetto d intervento, vasto 12,00 ha circa, ricade su parte delle particelle catastali n. 10 e 21 foglio n. 11 di Trarego Viggiona (VB). Nel dettaglio la ripartizione catastale risulta essere la seguente: Fg. 11 mapp. 10, sup. catastale = 69,0 ha/sup. intervento = 9,5 ha; Fg. 11 mapp. 21, sup. catastale = 2,5 ha/sup. intervento = 2,5 ha. 2

3 L intera area risulta di proprietà comunale e si colloca in area montana (ex C.M. Alto Verbano); sulla stessa insiste il vincolo idrogeologico di cui al ex RD 3267/1923, LR 45/89 mentre non si rilevano particolari vincoli ambientali riconducibili alla Rete Natura INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO L area d intervento si colloca sul versante meridionale del Monte Pian Bello, compreso tra le quote di e m s.l.m.. Il versante risulta alquanto omogeneo, con acclività nel complesso moderata, più accentuata nelle porzioni basali, con un valore di pendenza media stimabile in circa Per quanto attiene all idrologia superficiale, nella parte centrale ed inferiore del lotto, si riscontrano alcune vallette secondarie a regime idrico occasionale che scendendo di quota diventano sempre più incise ed accentuate anche per la pendenza crescente al diminuire della quota. Si viene di conseguenza a definire un reticolo idrico minore scarsamente gerarchizzato, a portata occasionale e di spiccato carattere torrentizio. L area d intervento è raggiungibile dalla Strada Provinciale Colle-Trarego con due piste forestali su fondo naturale attualmente in discrete condizioni conservative, sufficientemente larghe per il transito trattorabile. FUNZIONE PREVALENTE ATTRIBUITA ALL AREA Il P.F.T. Area n. 23 Valle Grande, Alto Verbano, Val Cannobina attribuisce all area in esame la destinazione di fruizione. In applicazione dei disposti del bando di Misura 227 si chiarisce tuttavia che le aree in esame sono provviste di tutti i requisiti tecnico-selvicolturali e geomorfologici sufficienti a poter determinare come destinazione secondaria quella produttivo-protettiva. In particolare questi sono i fattori che giustificano tale attribuzione di destinazione secondaria: - presenza del vincolo idrogeologico ex RD 3267/ LR 45/89; - ambito di appartenenza territoriale, montano; - origine del popolamento: rimboschimento a finalità multipla, produttivoprotettiva su ex pascoli, databile tra gli anni 50 e 70; - morfologia prevalente di alto versante, con pendenze medie da moderate ad accentuate; 3

4 - geomorfologia alquanto tormentata e complessa per la presenza di un reticolo idrico minore alquanto diversificato, causa di potenziali inneschi di fenomeni erosivi canalizzati; - presenza di un discreto livello di asservimento da piste forestali e strada camionabile a valle (Strada provinciale); - presenza di infrastrutture di interesse pubblico a valle del bosco (captazioni acquedotto e S.P.) che devono trovare adeguata tutela di versante a monte nella presenza del bosco oggetto di miglioramento a progetto. INQUADRAMENTO FORESTALE Composizione prevalente Come evidenziato nella cartografia di dettaglio allegata (estratto della Carta delle categorie forestali del P.F.T. Area forestale n. 23), nella zona in esame è stata rilevata la seguente tipologia forestale: - RI20D rimboschimento del piano montano, variante a picea = 12 ha circa. La compartimentazione del P.F.T. trova puntuale conferma nel tipo attribuito, ossia un impianto di Abete rosso, a cui tuttavia si precisa la presenza di 2 zone distinte in cui alla variante principale si affiancano rispettivamente il Larice e il Pino strobo. Si sono inoltre rilevati puntuali esemplari di Abete bianco e nella zona centrale del lotto un piccolo nucleo di Thuje. Sporadicamente si rilevano esemplari di Betulla, Castagno e nelle zone più a monte di Faggio. Struttura e stadio evolutivo Il governo in esame è la fustaia coetaneiforme allo stato di perticaia/ giovane fustaia, secondo la definizione di cui al RR n. 8/R/2011. La copertura è molto densa e colma, la struttura è monoplana. Stato fitosanitario Pur non segnalandosi problematiche di particolare rilievo i popolamenti in esame sono contraddistinti da un evidente deperimento delle piante dominate oltre a numerosi danneggiamenti in chioma dovuti ad eventi meteorici. 4

5 Tale degrado conservativo trova la sua causa nella densità eccessiva e nella mancanza di qualsiasi pregresso intervento di diradamento intercalare, motivo di un significativo deprezzamento conservativo dell intero popolamento. Tendenze evolutive e potenzialità In generale il popolamento risulta stabile, la densità dell impianto non ha permesso l ingresso di alcuna specie autoctona che si riscontra solo nelle zone di impluvio più incise, e sui bordi dell impianto. Informazioni dendrometriche Per la valutazione dello stato dendrometrico attuale del popolamento sono state fatte n. 5 Aree di Saggio temporanee quadrate a lato di m 10*10, poste all interno del bosco in zone ritenute rappresentative delle diverse situazioni riscontrabili in loco. Data una evidente omogeneità a livello di popolamento, sia per i fattori dendrometrico-strutturali che per quelli compositivi, si è optato di conseguenza per mediare i singoli dati campionari a livello aritmetico per giungere in definitiva a dati medi rappresentativi di tutto il popolamento indagato. All interno delle AdS sono stati rilevati i seguenti parametri dendrometrici: - il numero di soggetti ad ettaro (con soglia minima di rilevamento del diametro di cm 8 misurati sul tronco a m 1,30 di altezza da terra); - il diametro medio della pianta rappresentativa; - l altezza media della pianta di diametro medio. Dall elaborazione dei dati raccolti si è stimato un diametro medio di popolamento pari a circa 25 cm, un altezza media di 16 m circa ed una densità media di n. 760 soggetti ad ettaro. Tipo forestale Superficie (ha) Area basimetrica (m 2 /ha) Provvigione (m 3 /ha) Densità (n piante/ha) Altezza media (m) Diametro medio (cm) RI20D 12 37, Tab.1 Quadro riassuntivo delle informazioni dendrometriche 5

6 OBIETTIVI SELVICOLTURALI E TRATTAMENTO L intervento proposto si pone come obiettivo selvicolturale generale la conservazione del tipo forestale, da eseguirsi mediante diradamento basso di media intensità con carattere selettivo di tipo fitosanitario al quale si aggiungono lavori di taglio fitosanitario leggero a carico dei soggetti appartenenti alle classi diametriche superiori (eliminazione degli esemplari con evidenti problematiche fitosanitarie e di quelli più malformati). In funzione delle differenti situazioni riscontrabili in corrispondenza dell area in esame si individuano le seguenti finalità progettuali specifiche: in presenza di aree ad elevata densità, con individui estremamente filati in quanto cresciuti molto fitti, il fine è quello di ridurre il numero di fusti per unità di superficie operando non per singolo individuo ma per nuclei accorpati così da non compromettere la stabilità statica dei soggetti rilasciati; in presenza di soggetti dominanti di grosso diametro con evidenti sintomi di senescenza e frequenti rotture al cimale, se accompagnati da un buon numero di individui a diametro inferiore con le chiome posizionate sul piano codominante, il fine è quello di favorire la disetaneità del popolamento per limitati collettivi coetaneiformi (situazione riscontrata sporadicamente); Alla luce di quanto sopra l intervento a progetto si basa sull applicazione dei seguenti criteri di contrassegnatura: - generale miglioramento del portamento, da ottenersi con un criterio selettivo di tipo negativo volto all'asportazione di tutti i soggetti sottomessi e privi di avvenire appartenenti al piano dominato e - generale miglioramento dello stato fitosanitario, con l'asportazione dei soggetti a chioma seccaginosa, di quelli danneggiati e di quelli secchi in piedi o schiantati; - messa in sicurezza della Strada Provinciale Colle-Trarego, da ottenersi con l'asportazione di tutti gli esemplari presenti bordo strada sul confine meridionale del lotto per una larghezza di 10 m, corrispondenti principalmente alla prima fila di piante e che presentano una chioma asimmetrica e sbilanciata verso la strada. 6

7 LA CONTRASSEGNATURA Su tutto il lotto sono state contrassegnate la totalità delle piante da destinare al taglio con sfaccettatura sul tronco (dal diam. di 17,5 cm a crescere). Pertanto su tutto il lotto di intervento dovranno essere abbattute: - tutte le piante che presentano sfaccettatura sul fusto; - tutte le piante secche morte in piedi. Come previsto dal comma 2 dell'art. 9 del RR n. 8/R/2011 così come modificato dal RR n. 2/R/2013, sono state martellate e numerate sull'intero lotto tutte le piante destinate al taglio a partire dalla classe diametrica di 30 cm a crescere mentre quelle comprese tra la classe diametrica 20 e la 30 cm (soglia inferiore 17,50 cm soglia superiore 27,50 cm circa) sono state contrassegnate con sola sfaccettaura sul fusto ad altezza d uomo, senza contrassegnatura al colletto. Il contrassegno al colletto è stato eseguito con martello punzonatore munito del simbolo composto da una stella a cinque punte con la lettera esse al centro (martello iscritto al registro regionale in applicazione dei disposti del vigente regolamento forestale) e numerazione con placchette di plastica durevole di colore verde eseguita su specchiature al colletto. CALCOLO DELLA RIPRESA Il calcolo della ripresa è stato stimato dall'elaborazione dei dati derivanti dal cavallettamento di tutte le piante contrassegnate da destinare al taglio e per differenza con i dati provvigionali calcolati dall'elaborazione delle aree di saggio. Di seguito viene riportato il piedilista delle piante da abbattere (si rimanda all'allegato A il piedilista di martellata delle piante di classe diametrica pari o superiore a 30 cm): classe diametrica (cm) Abete rosso numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) , , , , ,92 971, ,37 502, ,89 360, ,00 335, ,10 241, ,33 37,2 7

8 classe diametrica (cm) Abete rosso numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,83 24,3 Totale , ,4 classe diametrica (cm) Larice numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,73 100, ,25 114, ,66 83, ,60 48, ,92 68, ,53 39, ,96 16, ,11 26,7 Totale ,76 496,7 classe diametrica (cm) Thuja numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,09 43, ,47 38, ,71 31, ,54 13, ,01 8,6 Totale 51 15,81 136,0 classe diametrica (cm) Pino nero numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,82 7, ,34 3,0 Totale 5 1,16 10,2 classe diametrica (cm) Pino strobo numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,04 15, ,78 29, ,30 41, ,60 12,5 8

9 classe diametrica (cm) Pino strobo numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,07 8, ,18 32, ,76 13, ,83 22,1 Totale 39 22,56 176,0 classe diametrica (cm) Betulla numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,64 25, ,51 33, ,98 18, ,31 21,9 Totale 32 10,44 99,2 classe diametrica (cm) Castagno numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,38 3, ,32 3, ,99 9,9 Totale 5 1,69 16,9 classe diametrica (cm) Abete bianco numero di soggetti volume totale (m 3 ) peso (q) ,20 1, ,34 3, ,06 9,1 Totale 4 1,61 13,8 9

10 RIEPILOGO PIANTE DA ASPORTARE specie numero di soggetti volume totale peso (m 3 ) (q) Abete rosso , ,4 Larice ,76 496,7 Thuja 51 15,81 136,0 Pino nero 5 1,16 10,2 Pino strobo 39 22,56 176,0 Betulla 32 10,44 99,2 Castagno 5 1,69 16,9 Abete bianco 4 1,61 13,8 Totale , ,1 Riepilogando i dati di cui alle tabelle precedenti si giunge in definitiva ai seguenti dati di ripresa: Numero piante/ ha Ripresa n. piante/ha % Ripresa n. piante Ripresa n. piante Provvigione /ha (m 3 /ha) Ripresa volume/ha (m 3 /ha) % Ripresa volume Ripresa totale (m 3 ) ,6% ,00 64,66 21,7% 775,95 A livello di intero popolamento, a fronte di una provvigione dendrometrica totale pari a m 3 circa, si ottiene una ripresa pari a circa 776 m 3. Tale valore di ripresa (pari a 65 m 3 /ha circa) rappresenta una percentuale del 22% circa in termini di massa. In termini di numero di piante, a fronte di 760 piante/ha stimate in fase di campionamento, si determina una ripresa pari a 180 piante/ha che corrisponde ad un tasso di ripresa numerica del 24% circa. Di seguito viene riportata una tabella comparativa tra i parametri dendrometrici del bosco allo stato attuale e quelli post-intevento. Area basim./ha (m 2 /ha) Stato di fatto ANTE-INTERVENTO Diam. medio (cm) Numero Piante/ha H media (m) Provvigione /ha (m 3 /ha) 37,30 25, ,00 10

11 Area basim./ha (m 2 /ha) Stato di progetto POST-INTERVENTO Diam. medio (cm) Numero Piante/ha H media (m) Provvigione /ha (m 3 /ha) 28,46 34, ,34 MODALITÀ D INTERVENTO E DESCRIZIONE DEI LAVORI Nel dettaglio i lavori dovranno svolgersi sulla base della sequenza qui riportata: 1. sulla totalità dell area, preliminare spalcatura delle conifere fino all altezza indicativa di m 1,80-2,00; 2. diradamento basso di intensità medio-elevata, con asportazione delle sottomisure (soggetti aduggiati o comunque privi di avvenire), dei soggetti secchi in piedi o schiantati; 3. diradamento alto di bassa intensità a carattere fitosanitario, basato su un criterio di selezione negativa che prevede l asportazione dei soggetti completamente secchi in piedi, con evidenti problemi fitosanitari (piante che presentano anormale colorazione degli aghi o porzioni di chioma seccaginosa) o con evidenti problemi di portamento (fusti contorti o fortemente inclinati, rami o cimali spezzati ); 4. primo allestimento andante dei rami derivati dalla spalcatura, degli arbusti e delle piante abbattute sul letto di caduta; 5. concentramento a strascico con verricello per piante intere (metodo full tree system) sulla totalità del lotto ad eccezione delle aree prossime alla viabilità (15 m circa) e solo per quanto concerne il versante sopra strada (1,50 ha circa); 6. allestimento franco pista trattorabile, in corrispondenza degli slarghi preesistenti e di quelli temporanei realizzati nel corso dei lavori a progetto (in ampliamento delle sede di transito esistente): le parti di pianta con diametro di punta > 15 cm dovranno essere allestite in stanghe da 2 m o multipli per essere successivamente esboscate e commercializzate ad uso imballaggio e carpenteria andante. Le sottomisure a diam < 15 cm di calcio, il materiale secco, i cimali e le ramaglie dovranno essere cippate in loco per essere esboscate e commercializzate ad uso energetico; 7. cippatura totale del materiale legnoso di scarto; 8. nota: quale alternativa alle operazioni di cui ai punti 5 e 6) e ammesso l esbosco con elicottero per piante intere con scarico in loc. Piazzale M.te Carza. 11

12 MODALITÀ DI TAGLIO, ALLESTIMENTO, CONCENTRAMENTO ED ESBOSCO Modalità di esecuzione dei tagli I tagli dovranno compiersi con motosega o decespugliatore a lama a raso terra, le superfici di taglio dovranno risultare lisce, prive di slabbrature e leggermente inclinate. Le operazioni di abbattimento, allestimento, concentramento ed esbosco dovranno condursi in modo da arrecare minor danno possibile alle piante riservate dal taglio. La spalcatura, fino ad un altezza media m 1,80, dovrà eseguirsi filo tronco riservando un piccolo moncone di ramo (circa 1 cm) senza lesionare il tronco. Lavori di allestimento e concentramento I lavori di allestimento e concentramento della componente arborea di dimensioni tali da essere esboscata avverranno su tutta l area d intervento secondo le modalità riportate di seguito: 1. concentramento full tree system, a strascico con verricello; 2. depezzatura, sramatura e sezionatura franco pista trattorabile; 3. cippatura sottomisure; 4. esbosco su carro trazionato DT. Nota: in alternativa (ipotesi non soggetta a stima del costo d intervento in quanto occorre un analisi prezzi di dettaglio) alle lavorazioni di cui ai punti 1 e 2) precedenti e ammesso il concentramento full tree system con elicottero, con piazzale di scarico temporaneo ed apertura di elisuperficie temporanea presso il piazzale camionabile alla base del M.te Carza (tempo medio rotazione 1,50-2 min. circa). Tale ipotesi alternativa alla modalità di concentramento classica (dai costi codificati dal prezzario regionale e quindi utilizzati come di riferimento nel computo progettuale per le lavorazioni in esame) dovrà essere considerata nel solo caso che per il perdurare di andamenti climatici sfavorevoli all esecuzione dei lavori a progetto il sistema classico richieda tempi operativi incompatibili con la chiusura definitiva del cantiere al , a differenza dell impiego dell elicottero, capace di abbattere significativamente i tempi per le lavorazioni in esame. 12

13 Lavori di cippatura Il trattore provvisto di cippatrice dovrà posizionarsi lungo le piste di accesso e le operazioni di cippatura dovranno avvenire nel maggior numero possibile di punti al fine di ridurre le distanze di concentramento. In alternativa e ammessa la cippatura in un solo sito di accastamento temporaneo da definirsi in fregio alla SP Trarego- Colle, dove il materiale legnoso di scarto da cipparsi ed il trelativo cippato non dovrà rimanere per oltre 45 giorni. Trasporto all imposto Il materiale concentrato, destinato all esbosco, sia i tronchi su carro trazionato DT (o porteur) che il cippato (su carro trazionato DT con sponde rialzate) dovrà essere caricato con sollevatore idraulico ed essere totalmente trasportato per 600 m circa fino alla Strada provinciale a valle, dove si prevede possa arrivare il camion tre assi (deroga sulla portata max presso settore strade provincia del VCO). ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE DI LAVORO Per l esecuzione dei lavori descritti si prevede l utilizzo di una squadra di n 5 operai forestali ripartiti in n 1 capo squadra (specializzato), n 2 operai qualificati e n 2 operai comuni che dovranno essere muniti delle seguenti attrezzature: - motoseghe da 3 a 5 CV; - trattore gommato DT di potenza compresa tra gli 80 ed i 130 CV fornito in cantiere munito di sollevatore idraulico con pinza girevole, verricello con tamburo da 80 m, cippatrice, carro trazionato e carro trazionato con sponde rialzate per trasporto cippato; - minescavatore a cingoli in gomma per apertura/chiusura piazzole temporanee; - (eventuale) cippatrice con motore autonomo montata su camion tre assi DT o su carro trainato da trattore DT. Si precisa che il numero di 5 operai impiegati in cantiere e da intendersi come quello minimo necessario a garantire il rispetto delle tempistiche di cui al cronoprogramma indicato al paragrafo successivo, che fissa in gg. 60 naturali consecutivi il tempo massimo utile improrogabile per l esecuzione dei lavori a progetto. CRONOPROGRAMMA I lavori di cui al presente progetto esecutivo sono tassativamente vincolati al cronoprogramma della Misura 227 del PSR che ai sensi della 13

14 Determinazione n del 17/04/2014 fissa come termine ultimo non prorogabile per il completamento delle azioni, compresa la rendicontazione finale, la data del In relazione alla data ultima non prorogabile di cui sopra si stabilisce come termine ultimo improrogabile per il completamento dei lavori la data del 15 maggio Stabilito che nel mese di gennaio e presumibile la presenza di neve sulle aree d intervento, motivo di impossibilità a lavorare, si prevede un tempo utile di esecuzione dell opera a progetto nei mesi di marzo-aprile e metà maggio per un totale di massimo 60 (SESSANTA) giorni naturali consecutivi. PIANO DI SICUREZZA IN CANTIERE Nel corso di tutte le operazioni connesse ai lavori a progetto gli operai della squadra di lavoro dovranno indossare gli indumenti antinfortunistici (DPI) previsti dalla vigente normativa in materia e da ogni altra norma che dovesse entrare in vigore prima del termine dei lavori. Parimenti dovranno essere applicati tutti gli accorgimenti di sicurezza previsti per legge sulle motoseghe, sui decespugliatori e sul sistema idraulico del braccio della gru idraulica, sul verricello e sulla cippatrice (limitatamente ai lotti nei quali se ne prevede l utilizzo). Nell ipotesi si opti per l impiego dell elicottero per le operazioni di concentramento dovrà essere preliminarmente predisposto apposito P.O.S. con allegate tutte le necessarie autorizzazioni, anche se trattasi di operazione prevista a progetto come opzionale, a discrezione dell aggiudicatario. L esecutore dovrà in ogni caso attenersi ai disposti D.Lgs 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro in materia di antinfortunistica e sicurezza e del D.Lgs. 106/2009 e s.m.i., producendo i necessari atti prima del inzio dei lavori a contratto. 14

15 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Per la realizzazione del computo metrico estimativo dei lavori forestali a progetto (relativo alla totalità dell intervento previsto, con informazioni di dettaglio relative ai singoli lotti) si è utilizzato l elenco prezzi tratto dal Prezzario approvato ed adottato dalla regione Piemonte con DGR n del , edizione dicembre valido per il In particolare si è fatto riferimento alla sezione 18 Sistemazione, Recupero e Gestione del Territorio e dell Ambiente Agricoltura. Si precisa che gli importi dei costi del progetto esecutivo sono diversi rispetto a quelli del progetto preliminare ammesso a contributo in quanto se ne diversificano per il maggior costo dell esbosco e della relativa biotriturazione della massa al taglio in quanto dalle operazioni di contrassegnatura totale delle piante al taglio e derivata una massa complessiva da asportarsi di totali 675 m 3 a fronte dei 660 m 3 stimati a livello preliminare. Il maggior costo, dedotto della maggior massa legnosa da vendersi (+ 15 metri cubi totali) resta carico del comune beneficiario senza la variante in esame vada a modificare gli importi ammessi a finanziamento. Per quanto sopra il c.m.e. ed il relativo quadro economico progettuale di riferimento sono quelli relativi al progetto esecutivo. Computo metrico-estimativo progetto preliminare (importi ammessi a contributo, prima della contrassegnatura piante che ha portato al dettaglio della massa al taglio) CODICE DESCRIZIONE UM COSTO UNITARIO QUANTITA COSTO TOTALE 18.A03.C A03.C19 Diradamento dal basso - riduzione della biomassa legnosa a carico di piante presenti nel piano dominato allo scopo di costituire un soprassuolo monoplano, compresa sramatura, depezzatura della ramaglia, concentramento dei fusti per il successivo esbosco (prelievo medio 30% dei soggetti). ha 2.230, ,88 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista strascico fino a 200 m di distanza: m 3 16, ,80 15

16 CODICE DESCRIZIONE UM COSTO UNITARIO QUANTITA COSTO TOTALE 18.A02.B Biotriturazione del materiale vegetale risultante da operazioni di taglio e decespugliamento da eseguirsi mediante impiego di cippatrice mobile agganciata a trattrice o montata su autocarro; riutilizzo biologico del prodotto all'interno dell'area di intervento come da specifiche progettuali, ogni altro onere compreso (*) m 3 48, ,95 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento 18.A03.C22 all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista con rimorchio fino a m di distanza: m 3 11, ,90 IMPORTO LAVORI TOTALE ,53 (*) non essendo previsto il riutilizzo in cantiere del cippato prodotto, il costo in elenco si intende comprensivo anche dei costi di esbosco fino all imposto camionabile. 16

17 Computo metrico-estimativo progetto esecutivo: ammesso a finanziamento + massa aggiuntiva al taglio COSTO CODICE DESCRIZIONE UM UNITARIO QUANTITA COSTO TOTALE INCIDENZA MANODOPERA (**) % IMPORTO MANODOPERA Diradamento dal basso - riduzione della biomassa legnosa a carico di piante presenti nel piano dominato allo scopo di costituire un soprassuolo monoplano, compresa sramatura, depezzatura della ramaglia, concentramento dei fusti per il successivo 18.A03.C esbosco (prelievo medio 30% dei soggetti). ha 2.230, ,88 63, ,28 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista strascico fino a 200 m di 18.A03.C19 distanza. m 3 16, ,68 33, ,48 Biotriturazione del materiale vegetale risultante da operazioni di taglio e decespugliamento da eseguirsi mediante impiego di cippatrice mobile agganciata a trattrice o montata su autocarro; riutilizzo biologico del prodotto all'interno dell'area di intervento come da specifiche progettuali, ogni altro onere compreso 18.A02.B (*) m 3 48, ,75 56, ,90 Esbosco del legname di risulta degli interventi selvicolturali, collocamento all'imposto in modo idoneo al successivo trasporto, ogni altro onere compreso su pista con rimorchio fino a m di 18.A03.C22 distanza. m 3 11, ,04 27, ,49 IMPORTO LAVORI TOTALE , ,16 (*) non essendo previsto il riutilizzo in cantiere del cippato prodotto, il costo in elenco si intende comprensivo anche dei costi di esbosco fino all imposto camionabile; (**)dato che nel prezziario della regione Piemonte utilizzato per il computo metrico estimativo non sono riportati le percentuali di incidenza della manodopera per le opere compiute oggetto del progetto, si è fatto riferimento al prezziario della regione Lombardia utilizzando opere compiute equivalenti.

18 Quadro economico riepilogativo progetto preliminare (ammesso a finanziamento) DESCRIZIONE IMPORTO Euro A) IMPORTO LAVORI ,53 Oneri per la sicurezza non sottoposti a ribasso d asta 5% circa 2.745,00 Importo lavori a base d asta, da sottoporre a ribasso ,53 SOMME A DISPOSIZIONE IVA 21% sull importo lavori ,65 Spese tecniche per progettazione, DL, coordinamento della sicurezza, 2% cassa compreso ed Iva esclusa: - importo lavori s.t. 10% = 2.500,00 - importo lavori s.t. 8% = 2.000,00 - importo lavori s.t. 6% = 292, ,00 IVA 21% su spese tecniche 1.006,32 B) TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE ,97 C) IMPORTO TOTALE A) + B) ,50 Quadro economico riepilogativo progetto esecutivo: DA PORRE IN GARA DESCRIZIONE IMPORTO Euro A) IMPORTO LAVORI ,35 Oneri per la sicurezza non sottoposti a ribasso d asta 5% circa 2.895,12 Importo manodopera non sottoposto a ribasso d asta ,16 Importo lavori a base d asta, da sottoporre a ribasso ,07 SOMME A DISPOSIZIONE IVA 22% sull importo lavori ,52 Spese tecniche per progettazione, DL, coordinamento della sicurezza, 2% cassa compreso ed Iva esclusa: - importo lavori s.t. 10% = 2.500,00 - importo lavori s.t. 8% = 2.000,00 - importo lavori s.t. 6% = 292, ,00 IVA 22% su spese tecniche 1.054,24 B) TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE ,76 C) IMPORTO TOTALE A) + B) ,11

19 Stima del valore del legname ritratto Il legname ricavato dagli interventi di valorizzazione ambientale a progetto verrà accatastato all imposto camionabile dove il beneficiario ne darà corso relativa commercializzazione. Di seguito si procede alla stima degli assortimenti legnosi derivanti dall intervento ed al relativo prezzo di macchiatico. Progetto preliminare (superato) Tipo di assortimento ricavabile Ripresa totale stimata (m 3 ) Stima valore assortimenti da Allegato B.1 (Euro/ m 3 o Euro/q) Stima valore totale assortimenti (Euro) Abete tondo sega imballaggio (60%) 395,00 15, ,00 Abete cippato (40%) 265,00 (1,20*4 1 ) =4, ,00 Totale 660, ,00 Stima del valore totale degli assortimenti ricavati Costo intervento a progetto (A) (Euro) Ricavo potenziale vendita legname (B) (Euro) Valore di macchiatico totale (B-A) (Euro) Prezzo di macchiatico unitario (Euro/m 3 ) , , ,53-110,69 Stima del valore e del prezzo di macchiatico (importi per lavori + spese tecniche al netto di IVA) Progetto esecutivo Tipo di assortimento ricavabile Ripresa totale Valore assortimenti da Allegato B.1 Valore totale assortimenti (Euro) (m 3 ) (Euro/ m 3 ) Abete rosso e Abete bianco tondo da sega (imballaggi) 2 361,37 15, ,53 Larice tondo da sega (tavole o travi) 3 36,83 50, ,33 Pini e conifere esotiche tondo da sega (imballaggi) 4 25,27 11,00 277,93 1 Valore calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del cippato di conifera pari a 400 Km/m % classe diametrica 25 cm o superiore. 3 80% classe diametrica 25 cm o superiore. 4 80% classe diametrica 25 cm o superiore. 19

20 Tipo di assortimento ricavabile Ripresa totale Valore assortimenti da Allegato B.1 (m 3 ) (Euro/ m 3 ) Valore totale assortimenti (Euro) Conifera cippato 5 340,36 4, ,74 Latifoglie a legno tenero (Betulla) legna da ardere 6 10,44 23,75 247,88 Castagno legna da ardere 7 1,69 30,00 50,57 Totale 775, ,97 Stima del valore totale degli assortimenti ricavati Costo intervento a progetto (A) (Euro) Ricavo potenziale vendita legname (B) (Euro) Valore di macchiatico totale (B-A) (Euro) Prezzo di macchiatico unitario (Euro/m 3 ) , , ,38-68,59 Stima del valore e del prezzo di macchiatico (importi per lavori + spese tecniche al netto di IVA) Trarego Viggiona, Guido Locatelli Dottore Forestale 5 100% classe diametrica 20 cm, 20% classe diametrica 25 cm o superiore. Il valore dell'assortimento viene calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del cippato di conifera pari a 400 Kg/m 3. 6 Il valore dell'assortimento viene calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del legname di Betulla pari a 950 Kg/m 3. 7 Il valore dell'assortimento viene calcolato considerando un peso medio allo stato fresco del legname di Castagno pari a Kg/m 3. 20

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private Dipartimento risorse naturali e corpo forestale Lo stato dell arte della formazione forestale lungo l arco alpino Barzio 6 ottobre 2011 Direzione foreste e infrastrutture Aspetti della formazione forestale

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE

COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE Giulio Sperandio Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura Unità di Ricerca per l Ingegneria Agraria

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Allegato A Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale Tariffe orarie e tempi di esecuzione

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO AL LAVORO IN BOSCO 10 ANNI DI ATTIVITA DEL CENTRO DI ADDESSTRAMENTO DI RINCINE IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI Enrico

Dettagli

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione NORME TECNICHE Definizioni e ambiti di applicazione v I progetti ammessi a finanziamento devono ricadere nell ambito delle zone tartufigene individuate dalle carte regionali della potenzialità alla produzione

Dettagli

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000 27057 VARZI (Pavia) - Piazza Umberto I n. 9 Tel. (0383) 54.58.11 - - Fax (0383) 54.58.50 Cod. Fisc. 95002050185 www.comunitamontanaoltrepo.it E-mail comunitamontanaoltrepo@cmop.it COMUNITA MONTANA OLTREPO

Dettagli

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino L'Istituto per le Piante da Legno e l'ambiente (IPLA S.p.A.), in qualità di comodatario della "Tenuta Millerose" sede dell Istituto di Proprietà

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Collaborazioni interregionali: attività di mutuo riconoscimento dei profili formativi fra le diverse aree dell'arco alpino

Collaborazioni interregionali: attività di mutuo riconoscimento dei profili formativi fra le diverse aree dell'arco alpino Collaborazioni interregionali: attività di mutuo riconoscimento dei profili formativi fra le diverse aree dell'arco alpino Torino, 22 febbraio 2012 I.P.L.A. S.p.A. Istituto per le Piante da Legno e Ambiente

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione Protocollo ARTEA Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (Mod. A2) Settore forestale Dichiarazione di taglio ed opere connesse L.R. 39/00 e Regolamento Forestale Dichiarazione per interventi

Dettagli

PRODUTTIVITÀ RISCONTRATE IN UTILIZZAZIONI IN FUSTAIE ALPINE CON SISTEMI DI LAVORO A MECCANIZZAZIONE AVANZATA

PRODUTTIVITÀ RISCONTRATE IN UTILIZZAZIONI IN FUSTAIE ALPINE CON SISTEMI DI LAVORO A MECCANIZZAZIONE AVANZATA LUCA VICINI (*) PRODUTTIVITÀ RISCONTRATE IN UTILIZZAZIONI IN FUSTAIE ALPINE CON SISTEMI DI LAVORO A MECCANIZZAZIONE AVANZATA FDC 221 : 307 Vengono riportate le produttività rilevate in due utilizzazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste Sottomisura 8.3 Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati

Dettagli

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET Massimo Negrin - AIEL Valter Francescato AIEL Foreste e prelievi in Italia (D. Pettenella, L. Secco dip. TeSAF Università di Padova)

Dettagli

8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste

8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste 8.2.8.3.5. 8.6.1 Investimenti per incrementare il potenziale economico delle foreste e dei prodotti forestali Sottomisura: 8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO 1. RIFERIMENTI Le presenti linee guida sono redatte in conformità allo Schema di Protocollo d Intesa tra la Regione

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Dottore Forestale ZERBINI MATTEO Via G.B. Montaldo 26/3-17027 Pietra Ligure (SV) Cell: 349 4718197 E-mail:zerbini.matteo@email.it; m.zerbini@epap.conafpec.it Cod.Fiscale: ZRBMTT79A20D600E Partita IVA:

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Misura 227. Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale

Misura 227. Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale Beneficiari Enti pubblici e soggetti privati che attuano gli investimenti. Aree di operatività La misura si applica in aree a

Dettagli

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea.

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. PROGETTO RI.SELV.ITALIA Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. Ricerca 3.2.7 - Individuazione di mezzi di lavoro, anche innovativi,

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E URBANISTICA

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E URBANISTICA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DEI BOSCHI CON FINALITA PREVENTIVA DEL RISCHIO DI INCENDI NELLA ZONA FUSINO PIATTA IN COMUNE DI GROSIO PARTICELLE FORESTALI N 10-11B-12B-13B-15-15A-16-78

Dettagli

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive ALLEGATO A Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive PREMESSA L Albo regionale delle imprese boschive, istituito con la delibera di giunta regionale 12 novembre 2008, n.

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

SETTORE GIARDINIERI. Settore giardinieri

SETTORE GIARDINIERI. Settore giardinieri SETTORE GIARDINIERI Settore giardinieri Manodopera pag. 68 Lavori ed opere compiute 69 I.F.E.: Iniezioni Fitosanitarie Endoterapiche 70 Potature 71 Noli a caldo 74 Tariffario Casa 2015-2016 67 Settore

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

Prezzo unitario. Prezzo unitario

Prezzo unitario. Prezzo unitario ANALISI PREZZI Viminata/palizzata: viminata RMD_01.1 U.M. m Manodopera specializzata h 0,35 20,87 7,30 RU.M01.001.002 Manodopera qualificata h 0,35 18,98 6,64 RU.M01.001.003 Verghe m 5 2,00 10,00 Indagine

Dettagli

LAVORI FORESTALI 2014

LAVORI FORESTALI 2014 LAVORI FORESTALI 2014 Durante l anno 2014 da parte di questa Regola sono stati fatturati e poi venduti mc. 2.889 di legname provenienti dalle seguenti zone: - Lotto Zaluna mc. 87 fatturato dalla ditta

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

INDICE DELLE DEFINIZIONI

INDICE DELLE DEFINIZIONI Dizionario forestale INDICE DELLE DEFINIZIONI 1. BOSCO 2. MASSA AD ETTARO (o consistenza o provvigione) 3. NUMERO DI PIANTE 4. GOVERNO (forma di governo) a) Ceduo b) Fustaia 5. STRUTTURA DEL BOSCO a) monoplana

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale SEMINARIO INFORMATIVO SUGLI OPEN DATA Servizi cartografici e banche dati disponibili per il lavoro professionale SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale Elisa Guiot Regione Piemonte, Direzione Opere

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 31 dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

Progetto InForma Attività 1.1 Valle d Aosta

Progetto InForma Attività 1.1 Valle d Aosta Progetto InForma Attività 1.1 Valle d Aosta Regione Autonoma Valle d Aosta Forestazione e sentieristica Giancarlo Zorzetto & Jean-Claude Haudemand Azione 1.1 - Quadro normativo Normativa nazionale -> come

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI DIRITTI DI USO CIVICO DEL LEGNATICO Approvato con Delibera Consigliare n. del Articolo 1 Principi 1) Il Comune individua

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

FORMAZIONE FORESTALE DI RINCINE

FORMAZIONE FORESTALE DI RINCINE CENTRO PER LA FORMAZIONE FORESTALE DI RINCINE www.formazioneforestale.it PROFESSIONE BOSCAIOLO Grazie all avvento delle nuove tecnologie e all evolversi delle tecniche di utilizzazione forestale, il boscaiolo

Dettagli

2 Assortimento e misurazione del legname

2 Assortimento e misurazione del legname 2 Assortimento e misurazione del legname 2.1 Assortimenti di legname In questo capitolo sono trattate le prescrizioni usate in Svizzera per l assortimento e per la misurazione. Legname tondo, tronchi Conifere

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Capitolo 5 IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Questo capitolo vuole essere uno strumento per calcolare il costo di produzione di una tonnellata di legno cippato mediante l organizzazione

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

Il Commissario Straordinario Arch. Maurizio Tofani

Il Commissario Straordinario Arch. Maurizio Tofani MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 4 DEL 16.02.2012 OGGETTO:

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE 2 RENDE NOTO

IL DIRIGENTE DEL SETTORE 2 RENDE NOTO Prot. n. 55093 del 01.10.2015 COMUNE DI SCHIO (Provincia di Vicenza) Via F.lli Pasini n. 33 36015 Schio Tel. 0445/691317 Fax 0445/691437 E-mail: ambiente@comune.schio.vi.it Sito internet http: www.comune.schio.vi.it

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

CARATTERISTICHE PRESENTAZIONE DOMANDA NULLA-OSTA. PRATICHE UFFICIO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO

CARATTERISTICHE PRESENTAZIONE DOMANDA NULLA-OSTA. PRATICHE UFFICIO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO CARATTERISTICHE PRESENTAZIONE DOMANDA NULLA-OSTA. PRATICHE UFFICIO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE ALLEGATO B ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) TEL. 071.9331161 FAX. 071.9330376

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO Fernanda Giorda dottore forestale PREMESSA Le Valli di Lanzo sono situate in provincia di Torino, tra Valle di Susa e Canavese.

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 61 del 21.12.2011 ART. 1 (Finalità

Dettagli

ANALISI PREZZI. legna da ardere Importo netto. legna da ardere Importo netto

ANALISI PREZZI. legna da ardere Importo netto. legna da ardere Importo netto ANALISI PREZZI NUOVO PREZZO N. 01 attrezzatura, rimozione del ceppo e detrazione per il ricavo del legno, considerato come. Alberi di altezza fino a 10 metri. U.07.10.340.a cad. 1 101,12 del ceppo. Alberi

Dettagli

SEZIONE II Prevenzione dei danni. Art. 33 Danni al soprassuolo arboreo e ai manufatti

SEZIONE II Prevenzione dei danni. Art. 33 Danni al soprassuolo arboreo e ai manufatti Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia Y 5 [BUR2007022] [5.3.0] Regolamento regionale 20 luglio 2007 - n. 5 SEZIONE II Prevenzione dei danni Norme forestali regionali, in attuazione dell articolo

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il

Dettagli

Il patentino di idoneità forestale delle imprese boschive in Veneto

Il patentino di idoneità forestale delle imprese boschive in Veneto Il patentino di idoneità forestale delle imprese boschive in Veneto Barzio, 6 ottobre 2011 Dr.ssa Lisa Causin Regione Veneto U.P. Foreste e Parchi NORMATIVA ESSENZIALE 1 Articolo 67 del R.D. 23 maggio

Dettagli

SCHEMA DELLE AZIONI. Beneficiari Soggetti privati conduttori 2 delle superfici oggetto di intervento.

SCHEMA DELLE AZIONI. Beneficiari Soggetti privati conduttori 2 delle superfici oggetto di intervento. SCHEMA DELLE AZIONI 1. INTERVENTI SELVICOLTURALI FINALIZZATI AL MANTENIMENTO, MIGLIORAMENTO E RIPRISTINO DELLE FUNZIONI ECOLOGICHE, PROTETTIVE, RICREATIVE DELLE FORESTE, LA BIODIVERSITÀ E LA SANITÀ DELL

Dettagli

COMUNE DI CARAGLIO LAVORI DI POTATURA DELLE ALBERATE COMUNALI. DISCIPLINARE PRESTAZIONALE lavori a cottimo (art. 125 D.lgs 163/2006 s.m.i.

COMUNE DI CARAGLIO LAVORI DI POTATURA DELLE ALBERATE COMUNALI. DISCIPLINARE PRESTAZIONALE lavori a cottimo (art. 125 D.lgs 163/2006 s.m.i. COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO C.A.P. 12023 P.IVA 00468880042 AREA TECNICA SETTORE LAVORI PUBBLICI Tel. 0171617713-722 Fax 0171617732 mailto: lavoripubblici@comune.caraglio.cn.it p.e.c.: protocollo.caraglio@cert.ruparpiemonte.it

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Tutela della salute Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 58 51 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419

Dettagli

Sessione Suoli. Giuliano Sauli, Lorenzo Pellizzari AIPIN La segregazione del carbonio negli interventi di Ingegneria Naturalistica

Sessione Suoli. Giuliano Sauli, Lorenzo Pellizzari AIPIN La segregazione del carbonio negli interventi di Ingegneria Naturalistica Sessione Suoli Giuliano Sauli, Lorenzo Pellizzari AIPIN La segregazione del carbonio negli interventi di Ingegneria Naturalistica Materiali e metodi Sulla base dei dati disponibili per singolo intervento

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

UTILIZZAZIONI FORESTALI: INDICAZIONI DI BASE PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DEI LAVORI

UTILIZZAZIONI FORESTALI: INDICAZIONI DI BASE PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DEI LAVORI REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA Area A Servizio I MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI ISTITUTO SPERIMENTALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA UTILIZZAZIONI FORESTALI: INDICAZIONI

Dettagli

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI E OBIETTIVI DI INTERVENTO VV Manutenzione ordinaria del sistema viario minore (piste, sentieri, ) L obiettivo dell intervento VV è quello di migliorare l

Dettagli

CUP J45D12000200003 CIG 541738250C

CUP J45D12000200003 CIG 541738250C QUESITI AI CHIARIMENTI RICHIESTI IN MERITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI ALL INTERVENTO FG021_A/10 ANZANO DI PUGLIA Lavori di sistemazione dissesto idrogeologico loc. Gessara

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGA ALTA Provincia di Cuneo DETERMINA N. 9 DEL 29/04/2015

COMUNE DI BRIGA ALTA Provincia di Cuneo DETERMINA N. 9 DEL 29/04/2015 COMUNE DI BRIGA ALTA Provincia di Cuneo UNITA OPERATIVA AREA TECNICA DETERMINA N. 9 DEL 29/04/2015 OGGETTO : Accordo di Programma tra il Ministero dell'ambiente Tutela del Territorio e del Mare e la Regione

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA RELATIVA A INTERVENTI SELVICOLTURALI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA RELATIVA A INTERVENTI SELVICOLTURALI Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza - Settore Foreste e Forestaz. e difese del suolo. Vincolo Idrogeologico, Forestale e tagli boschivi Spazio riservato all ufficio SCIA (segnalazione certificata

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE IMPIANTI STAZIONARI

Dettagli

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO Relazione del Sindaco di Adrara San Rocco al convegno Factor20 Risorse locali per obiettivi globali: le piccole reti

Dettagli

Provincia di Livorno Unità di Servizio 3.1 Difesa del Suolo e delle Coste Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse

Provincia di Livorno Unità di Servizio 3.1 Difesa del Suolo e delle Coste Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse PIANO STRAORDINARIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO Art. 2, comma 240, Legge 23 dicembre 2009, n. 191 ACCORDO DI PROGRAMMA MATTM-REGIONE TOSCANA 3 NOVEMBRE 2010 Intervento di difesa dell abitato

Dettagli

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA Provincia di Pistoia Dipartimento Pianificazione Territoriale,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali CORPO FORESTALE DELLO STATO Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Vallombrosa CAPITOLATO D'ONERI Regolante la vendita a corpo, mediante

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

LA CONTABILITA' LAVORI

LA CONTABILITA' LAVORI LA CONTABILITA' LAVORI Prof. Domenico Natale 1 Finalità Scopo della contabilità lavori è quello di definire: nel momento del progetto l importo preventivo dell opera fase progettuale preventiva a lavoro

Dettagli