Elio GIROLETTI - Università degli Studi di Pavia - Dip. Fisica nucleare e teorica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elio GIROLETTI - Università degli Studi di Pavia - Dip. Fisica nucleare e teorica"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. Fisica nucleare e teorica via Bassi 6, Pavia, Italy tel elio giroletti 1 strumentazione per radioprotezione ELEMENTI DI RADIOPROTEZIONE - elio giroletti introduzione rivelatori a gas rivelatori a scintillazione rivelatori a stato solido dosimetria personale interna ed esterna misura dell attività strumentazione per radon in aria taratura della strumentazione considerazioni rilevazione delle radiazioni ionizzanti Le radiazioni ionizzanti sono rilevate da interazioni che: si manifestano attraversando la materia variano a seconda del tipo di: sostanza radiazione tipo e energia- direttamente ionizz: particelle e elettroni indirettamente ionizzanti: fotoni e neutroni da: Brambilla, Pavia 2001

2 i rivelatori di radiazioni La scelta di un rivelatore dipende da: scopo della misura tipo di radiazione e energia grandezza che si vuole misurare intervallo di misura esigenze di efficienza e risoluzione alcuni aspetti, quali fading, ecc. altre considerazioni quali: velocità di conteggio (du- rata impulso), ambiente di misurazione (umidità, tempe- ratura, pressione), disponibilità per lunghi tempi, traspor- tabilità ma anche costo Adattato da: Brambilla, Pavia, sistemi di rivelazione: 2 classi Sistemi attivi necessitano di alimentazione: camere di ionizzazione, contatori proporzionali, geiger mueller, celle lucas, altri sistemi a scintillazione, rivelatori a stato solido, etc. misure istantanee ed integrate Sistemi passivi non sono alimentati durante la misura: tipici sono TLD, film radiografici, plastiche a tracce (CR39, LR115, alpha track detectors) o canister a carboni attivi misure integrate (raramente istantanee) Adattato da D.Mostacci, Strumenti di misura radioattività naturale, Napoli, 2002 sistema di rivelazione (attivo) un sistema di rivelazione consiste di: Rivelatore:, I,, ove avviene l interazione, I, in corrispondeza della quale emette un segnale eventuale elettronica di misura (amplificatore e processore) che riceve il segnale dal rivelatore, lo amplifica, lo elabora e lo rende visibile (display) sistemi attivi sistemi di rilevazione del segnale immagazzinato nel rivelatore, che sono più o meno complessi - sistemi passivi

3 aspetti statistici della misura Estrema variabilità del risultato legato alla variabilità dei fenomeni e, spesso, a bassi livelli di conteggio Parametri della misura (in funzione degli obiettivi): Sensibilità Accuratezza Precisione Risultato finale viene espresso come: Valor medio ± deviazione standard Incertezza complessiva = errori sistematici + errori casuali la radioprotezione spesso non richiede alta precisione, per la incertezza degli scenari ipotizzati... 3 aspetti statistici della misura sensibilità: capacità di discriminare le singole misure; indica quanto si distinguono tra loro (nell esempio è rappresentata dalla dimensione dei fori delle freccette) precisione: ripetibilità misura accuratezza: correttezza del risultato (media misure) aspetti statistici della misura Numero centri (al tirassegno) più preciso ripetibili- (fori ravvicinati tra loro) poco accurato (media fori lontana dal centro) Nro centri (al tirassegno) poco preciso (fori più sparsi tra loro) più accurato (media fori più vicina al centro)

4 aspetti statistici della misura eventi rari si applica la distribuzione di Poisson valore atteso e varianza coincidono λ x e λ P ( x ) = μ = σ 2 = λ x! λ è positivo (λ > 0) ed è equivalente al n. successi che ci si aspetta si verifichino in un dato intervallo di tempo. Per es., se un evento si verifica con cadenza media di 4 min, per sapere quante volte l evento si potrà verificare in 10 min, λ sarà 10/4 = 2,5 x è il numero delle occorrenze (successi) per cui si vuole prevedere la probabilità (deve essere intero non negativo (x=0,1,2,3,...)) 4 propagazione degli errori variabili indipendenti (non correlate) z = f ( x, y) 2 σ 2 dz dx 2 2 () z = σ ( x) + σ ( y) x, y 2 dz dy x, y z = x ± y z = xy z = x y 2 2 () z = σ ( x) σ ( y) 2 σ σ ( x) σ ( y) () z σ = σ ( x) 2 σ = + σ ( y) () z 2 ( y) () x 2 2 () x 2 4 ( y) ( y) Curva di calibrazione grandezza ε ( rad, E, riv) = segnale( netto) Coursey B.M et al., Charatcter of instrumentation, ed. CRC 1999

5 EFFICIENZA Fabbretto M, Rottame metallico a gas rivelatori di radiazioni luminescenti (TLD, scintillazione, ecc.) a stato solido (semiconduttore, diodi, ecc.) Fotografici (normali e dicromici) a tracce (CR39, LR115, ecc.) e altri: elettreti, EPR, chimici, compositi, ecc. sistemi attivi e passivi I rivelatori a gas misurano la corrente generata dalla ionizzazione degli atomi di un gas (nobile xenon- o aria, ecc.) in un campo elettrico e prodotta dall interazione delle radiazioni che attraversano il gas ad ogni interazione si formano coppie di ioni (ioni positivi ed elettroni) che aumentano la conducibilità del gas da: Brambilla, Pavia 2001

6 I rivelatori a gas da: Brambilla, Pavia A: : i pochi ioni sono raccolti e non si ricombinano B: : risposta rivelatore aumenta con la ionizzazzione C: : la valanga di ionizzazzione è indipendente dalla quantità di ionizzazzione primaria amplificazione rivelatori a gas etry Fonte: IAEA, Work place dosime a seconda della tensione applicata, i rivelatori a gas sono suddivisi in: rivelatori a gas camere di ionizzazione contatori proporzionali contatori Geiger-Meüller Fonte: IAEA, Work place dosimetry

7 camera a ionizzazzione Contatore G-M Rivelatori a gas 7 photons of different energies F. et al., surements, Fonte: Larry A. F Radioativity mea ed. CRC 1999 E1 <E2 gas filled detectors La risposta dei rilevatori a gas dipende anche dalla energia della radiazione incidente gas filled detectors Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999 Heavy ch. particles Light ch. particles La risposta dei rilevatori a gas dipende anche dal LET delle particelle incidenti

8 camere di ionizzazione La tensione è sufficientemente alta da garantire che siano raccolti quasi tutti gli elettroni generati nell interazione. Il segnale in uscita è in generale molto basso ma permette misure assolute di ionizzazione. i i E di norma utilizzata in presenza di buoni flussi di radiazione da: Brambilla, Pavia 2001 Foto IAEA, 2004 cappuccio /finestra elettrodo 8 smoke detector Sfrutta la variazione di densità dell aria contenente fumo o particelle volatili derivanti dalla combustione Ionization Chambers Parallel plate chambers f p, T t t 0 p0 p P. ass 600 cc ion chamber

9 Ionization ch. survey meters Ionization chamber type survey meters not as sensitive as GM devices but not affected by pulsed beams such as occur with accelerators because of the above, this is the preferred device around high energy radiotherapy accelerators Free air: corrections 9 EFFICIENZA f p, T t p t p 0 Cs-137 camera a ionizzazione in aria libera: NB pressione e temperatura VICTOREEN sonda 600-5/3 proportional counter Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999

10 proportional counter Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC rivelatore a gas Tol-F, Bertolt Quantita di influenza Intervallo misura Max deviaz Rateo di dose 1E msv 0, μsv/h Energia fotoni 10 kev - 7MeV 30% Direzione preferita Direzione radiazioni incidenti Verticale all asse ZR ± 60 rispetto al livello principale di incidenza, marcato da un cerchio attorno al misuratore 20% Temperatura ambiente C 20% Umidita relativa Fino a 90% nel campo di temperatura da + 5 a + 28 C 20% Intervallo di pressione hpa 5% q/q0 1,4 1,2 Mean X-ray Energy 26 risposta angolare Rivelatore a gas 1 0,8 0,6 0,4 0, Angle of Incidence [ ] q/q0 1,4 1,2 1 0,8 Tol-F, Bertolt 0,6 0,4 risposta in energia 0, Photon Energy [kev]

11 risposta angolare Rivelatore a gas risposta in energia 11 EFFICIENZA AUTOMESS Teledetector 6150 ADT Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999 geiger-muller counter

12 non compensato NB: tempo morto geiger-muller efficiency compensato Fonte: IAEA, Work place dosim metry 12 rivelatori a scintillazione da: Brambilla, Pavia 2001 rivelatori a scintillazione Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999

13 SPETTROMETRI 137 Cs in NaI picco spalla compton Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC SPETTROMETRI 137 Cs in NaI FWHM, rapporto picco compton, efficienza? Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999 IdentyFIND spectrometer LIQUID scintillation counting

14 RIVELATORI A STATO SOLIDO Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999 solid state diode detector Si(Li) Ge(Li) HpGe Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999 solid state diode detector

15 solid state diode detector Fonte: X-ray fluorescence Fonte: SILICON DETECTORS Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999

16 Diodes Patient dose measurements using diode detectors 16 Spettrometri Le misure di attività possono riguardare isotopi alfa, beta o gamma emittenti. Il tipo e la struttura del rivelatore è adattata al tipo di radiazione (+ raffreddamento). La catena elettronica è costituita da un rivelatore con adeguata alimentazione, due stadi di amplificazione e da un apparecchiatura atta ad analizzare il tipo di emissione, spettrometria da: Brambilla, Pavia 2001 SPETTROMETRIA Exemples de différentes interactions d un photon dans un détecteur: 1 Absorption totale: contribue au pic d absorption totale; 2 Diffusion Compton et échappement du photon diffusé : contribue au fond continu; 3 Effet de matérialisation + échappement d un photon de 511 kev: contribue au pic de simple échappement

17 SPETTROMETRIA Spectre correspondant à des photons incidents d énergie E <1022 kev 1 : pic d absorption totale 2 : diffusions Spectre correspondant à des photons incidents d énergie E > 1022 kev 17 SPETTROMETRIA, efficienza ε ( E) = N ( E ) A η( E) t dove: ε(e): rendement pour l énergie E et les conditions géométriques source-détecteur de la mesure; N(E): nombre de coups enregistrés dans le pic d absorption totale; A: activité de la source au moment de la mesure (Bq); η(e): intensité d émission de la raie d énergie E; t: durée de la mesure (temps actif); SPETTROMETRIA, efficienza N ( E) ε = A η( E) t ε = ε g ε c ε g = Ω 4π Ω = 2π 1 d 2 d r 2

18 Efficienza ε T =ε i ε g Curva di efficienza in energia Esprime il rapporto tra i conteggi prodotti dal rivelatore e le radiazioni emesse da una sorgente in funzione dell energia della radiazione (a fianco quella tipica per un rivelatore HPGe). Dipende da geometria! 18 Efficienza ε T =ε i ε g SPETTROMETRIA, efficienza Eff [%] - Variation of absolute efficiency with photon energy, kev (solid line). Eff*E E - (solid line): the second presentation, which illustrates the effectiveness of photon energy absorption. GEOCHRONOMETRIA HUBERT l., Vol. 20, 2001 SPETTROMETRIA, efficienza (estesa) Efficienza ε T =ε i ε g

19 SPETTROMETRIA, efficienza: MARINELLI point source Marinelli beaker 19 SPETTROMETRIA, efficienza (marinelli) Efficienza ε T =ε i ε g SPETTROMETRI 60 Co in p-type Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999

20 SPETTROMETRI Ge(Li) Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC FILM GRAFCHROMICI 5 4,5 4 3,5 3 2,5 densità ottica CURVA SENSITOMETRICA 2 FOTO,nrm KODAK,mammo 1,5 1 0,5 gradino, n Linearity and other problems with ordinary film makes it very difficult to use for patient dose, but they are very good for worker dosimetry Grafchromic film: no dark room or processing; goes a deep blue on irradiation; read with a densitometer; linear, energy independent FASE IRRAGGIAMENTO TLD FASE RISCALDAMENTO Fabbretto M, Rottame metallico 2001

21 TERMOLUMINESCENZA Fonte: IAEA, Individual monitoring, TERMOLUMINESCENZA GLOW CURVE CRC Press, 1999 Bryan L. et al, Radiation dosimetry, C NB: fading TERMOLUMINESCENZA GLOW CURVE, LINEARITY & FADING vari tipi di TLD: LiF:Mn; CaF 2 :Dy; CaSO 4 ; Al 2 O 3 ; LiB 4 O 7 problemi: fading da non trascurare Ranogajek Komor M, Thermoluminescent dosimetry, 2001

22 TERMOLUMINESCENZA 22 Thermoluminescent Dosimetry (TLD) Rando phantoms for TLD measurements neutron - protection quantities Fonte: ICRP 74, 1992

23 neutron - operational quantities 23 Interazione dei neutroni I neutroni interagiscono con la materia attraverso vari processi,, tra i quali: diffusione elastica (n,n) nucleo stato originario diffusione inelastica (n,n), (n,2n), (n,nγ) cattura radiativa (n,γ) fissione (n,fissione), es. termici su 235 U spallazione (n,sciame particelle), E>100 MeV emissione particelle cariche (n,p), (n,ioni), (n,α), etc. termalizzazione (nuclei leggeri) neutroni termalizzati diffondono interazione neutroni e materia 4 regioni di ENERGIA per i neutroni: Basse energie 0 < E <1000 ev termici, E max = 0,025 ev (2200 m/s) epitermici kev E. intermedie (risonanze) 1 kev < E <500 kev Alte energie 0,5 MeV <E< 10 MeV Energie molto elevate E> 10 MeV 3 gruppi per i nuclei BERSAGLIO (A): Nuclei leggeri 1 < A < 25 Nuclei intermedi 25 < A < 80 Nuclei pesanti 80 < A < 250 neutroni termici =neutroni in equilibrio termico, 2200 m/s

24 risonanze 6 Li(n,γ) 3 He regione 1/v neutron cross-sectionsection 24 neutron 1 cross-section H(n,n) n) 1 section H reaction in detection 10 B(n,α) 7 Li boron neutron cross section

25 neutrons in a moderated detector 10 B(n,α) 7 Li 3 He(n,p) 3 H BF 3 poliet. plast.borato 25 dosimetria NEUTRONICA BF 3 proportional counter Fabbretto M, Rottame metallico 2001 neutron long counter

26 ogy Physics, 2005 neutron monitor Fonte: IAEA, RAdiation Oncol 26 neutroni: dip. angolare 1 Fonte: cataloo Bertolt. LB6411 neutron and survey meters ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe

27 neutroni: EFFICIENZA Fonte: Bertolt. LB neutrons monitoring at accelerators Fonte: Ferrarini, tesi, 2007 Long Interval NeUtron Survey meter - LINUS Fonte: cataloo Thermo FHT Wendy-II adattato da una Idea di M.Pelliccioni

28 LINUS improvement Fonte: cataloo Bertolt. LB proton and alpha tracks in CR39 Fonte: tesi Ferrarini, UniMi, 2007 neutron and track detectors ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe

29 BUBBLE DETECTORS CRC Press, 1999 Bryan L. et al, Radiation dosimetry, C 29 BUBBLE DETECTORS ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe BUBBLE DETECTORS +PE ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe

30 sfere di Bonner Fonte: ed. Silari, CERN sfere di Bonner Fonte: ed. Silari, CERN CONTROLLO CONTAMINAZIONE INTERNA misura diretta della eventuale contaminazione interna Fonte: IAEA, prtm 2R-1 WBC, whole body counter

31 Efficienza di rivelazione in vivo, ε È il fattore che consente di risalire dal conteggio C registrato nella misura in vivo di durata talla attività A presente nella regione corporea oggetto della misura A = C lordo C ε t fondo determinata mediante fantocci antropomorfi che riproducono le caratteristiche anatomiche della regione corporea di interesse, contenenti sorgenti ad attività nota (e certificata) del radionuclide/i di interesse. Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia Taratura sistema misura in vivo Taratura in energia; energia = f(canale) Determinazione risoluzione; R = FWHM(E)/E Taratura in efficienza; eff. = f(energia) Determinazione MDA CONTAMINAZIONE INTERNA Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia 2004 Efficienza di rivelazione in vivo WBC Esempio 1 Fantoccio BOMAB per misure al corpo intero di contaminazione uniformemente distribuita Fantocci di calibrazione ε = C C lordo fondo 1 t A Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia 2004

32 Efficienza di rivelazione in vivo FANTOCCI CALIBRAZIONE Fantoccio BOMAB: misure al corpo intero di contaminazione uniformemente distribuita ε = C C lordo fondo 1 t A Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia Misure indirette: urine, muco nasale, feci IAEA, individual dosimetry, 2004 Misure dirette in aria Misure di contaminazione in aria

33 Dosimetro al braccio/petto; SOPRA CAMICE Pb Dosimetro al petto SOTTO CAMICE Pb F B A dosimetro anello/bracciale L uso è obbligatorio, l inadempienza è sanzionata dalla legge Dosimetri individuali 33 DOSIMETRI A LETTURA DIRETTA dosimetro elettronico penna dosimetrica Fonte: IAEA, prtm 2R-1 FILM DOSIMETRY, H p (10) nica 4, 2007 Xgammagiuard, relazione tecn

34 FILM DOSIMETRY, H p (10) Tecnorad, relazione tecnica 4, Permettono di vedere: oggetti irraggiamenti obliqui irraggiamenti statici XGAMMAGUARD, 2006 FILM DOSIMETRY TLD DOSIMETRY XGAMMAGUARD, 2007

35 TLD DOSIMETRY, H p (10) Tecnorad, relazione tecnica 4, LITIUM neutron cross-sectionsection 6 Li(n,γ) 3 He 7 Li DOSIMETRO AD ALBEDO IAEA, Individual monitoring, 2004 Fabbretto M, Rottame metallico 2001

36 DOSIMETRO AD ALBEDO ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe 36 DOSIMETRO INDIVIDUALE E prescritto dall EQ non protegge, ma misura Il dosimetro è individuale e si porta: al petto e, se prescritto, alla mano o polso (magg. utilizzato) e cristallino sotto eventuali indumenti schermanti tarato in H p (d) si usa solo nelle esposizioni lavorative non si scambia col collega lontano da sorgenti di calore, né manomesso se smarrito avvisa ed attendi la sostituzione al termine non abbandonarlo misura dell attività Nella misura dell attività il conteggio totale deve essere corretto per: > tempo di misura, conteggi/sec > efficienza in energia > efficienza geometrica, tra campione e rivelatore (piano, a pozzetto) > fattori di autoassorbimento nella sorgente o all assorbimento o retrodiffusione nel rivelatore > intensità di emissione della sorgente > fondo strumentale da: Brambilla, Pavia 2001

37 misure di contaminazione: concentrazione, superficiale e aeriforme da misure di attività in varie matrici si ottiene: contaminazione superficiale (Bq/cm 2 ); dividere per area rivelatore; se si è effettuato uno smear-test, considerare l efficienza di raccolta. concentrazione da: Brambilla, Pavia 2001 per unità di massa (Bq/g), dividere per massa (asciutta, secca, ecc.) aeriforme (Bq/cm 3 ), dividere per il volume d aria aspirata da una pompa attraverso un filtro; efficenza del filtro (di carta, a carbone) 37 EFFICIENZA RIVELATORE ε C sorgente C attività fondo L efficienza i dipende d dalla radiazione che: arriva direttamente nel rivelatore è riflessa dalla superficie nel rivelatore Fonte: Bullock J, Queen s Univ. USO DI CONTAMINAMETRI contaminazione avvicinarsi ma non troppo attenzione al radionuclide misura il fondo

38 CONTAMINAZIONE SUPERFICIALE Fonte: Bullock J, Queen s Univ. 38 SMEAR TEST E' un metodo efficiente, sensibile e pratico rileva la contaminazione superficiale removibile di qualsiasi isotopo (anche 3 H, 14 C e 35 S) su superfici, pareti dei contenitori delle sorgenti ovvero maniglie (ove non si effettua la misura diretta) permette di differenziare isotopi (diversi canali) e di rilevare la contaminazione removibile ogni laboratorio ha un contatore a scintillazione non idoneo con contaminazione non removibile va fatto in umido dove: SMEAR TEST Contam ( C C ) lordo t A ε ε Contam = attività superficiale removibile, Bq/cm 2 c bianco C lordo = conteggio del dischetto contaminato, cps C bianco =conteggio del dischetto di bianco, cps t = tempo conteggio, s A = area strofinata, di solito 400 cm 2 ε c = efficienza di conteggio, 40-60% ε tr = efficienza di trasferimento, di solito 10% tr

39 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA La taratura degli strumenti di misura è uno dei requisiti per il corretto esercizio della radioprotezione La taratura degli strumenti di misura utilizzati in radioprotezione è anche un obbligo di legge, art.107 d.lgs 230/95 e s.m.i. 39 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA La determinazione della dose o dei ratei, delle altre grandezze tramite le quali possono essere valutati nonchè delle attività deve essere effettuata con mezzi di misura, adeguati, muniti di certificati di taratura. Con decreto del Ministro Salute, di concerto con, sentita, sono stabiliti i criteri e le modalità per il rilascio dei certificati, nel rispetto della l.273/91, che definisce l'attribuzione delle funzioni di istituto metrologico primario... art.107,1 d.lgs 230/95 e s.m.i. art.107,2 DLgs 230/95 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA Le disposizioni di cui al c.1 si applicano a : a) sorveglianza ambientale di radioprotezione nei luoghi di lavoro, ex art. 79,1,b),n.3;,b),n.3; b) sorveglianza ambientale ex art.103,2,c),,c), d), ed e), e art.79,5 ; c) rilevamenti verificare i livelli di smaltimento dei rifiuti radioattivi nell'ambiente ; d) controllo radioattività ambientale e alimenti e bevande per uso umano e animale, ex art.104; d-bis) rilevamenti con apparecchi, diversi da quelli di cui al c.3, a lettura diretta assegnati per la rilevazione di dosi; d-ter) rilevamenti per la sorveglianza radiometrica su rottami o altri materiali metallici di risulta, ex art.57; e) i rilevamenti piani di emergenza di cui al capo X.

40 art.107,3 DLgs 230/95 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA Gli organismi che svolgano attività di servizio di dosimetria individuale e ex all'art.10-ter,4 (radon), devono essere riconosciuti idonei da istituti previamente abilitati; nel riconoscimento si tiene conto dei tipi di apparecchi di misura e delle metodiche. Con decreto del Ministro Lavoro, di concerto con, sentiti, sono disciplinate le modalità per l'abilitazione degli istituti. 40 RADIAZIONI DI RIFERIMENTO PER LA TARATURA DEGLI STRUMENTI Radiazione gamma (ISO ): sorgenti campione di 60 Co, 137 Cs, 241 Am Radiazione beta (ISO 6980): sorgenti campione di 90 Sr+ 90 Y, 147 Pm, 204 Tl Radiazione x filtrata (ISO ): serie a basso rateo di kerma in aria serie ad elevato rateo di kerma in aria serie a spettro stretto serie a spettro largo Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze 2001 SISTEMI DI TARATURA fonte:

41 Codic e Radiazione x di riferimento per la taratura di dosimetri usati in radiodiagnostica per mammografia Potenziale HVL del tubo kv (mm Al) S Energia media, kev S S S A A P P Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze Radionuclidi per taratura contaminametri [ISO 8769] Radionuclide Radiazione Emax(beta) Emed(fot.), kev Filtrazione (mg/cm 2 ) Am-241 α H-3 β 19 - Ni-63 β 66 - C-14 β Pm-147 β Tl-204 β Cl-36 β Sr-90 β Ru-106 β Fe-55 x 5,9 - Pu-238 x 16 32,5 (zirconio) I-129 x (alluminio) Am-241 γ (acciaio) Co-57 γ (acciaio) Cs-137 γ (acciaio) Co-60 γ (alluminio) Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze 2001 certificazione di taratura Caratteristiche dello strumento attinenti alla taratura: limite minimo, linearità, risposta in energia, risposta angolare, sensibilità a radiazioni diverse, incertezza, ecc. Periodicità ità della taratura: t periodicità ità legata alla grandezza tarata Validità della certificazione a livello nazionale e internazionale: solo i certificati riferibili agli istituti metrologici nazionali aderenti al SIT hanno riconoscimento internazionale Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze 2001

42 Punti principali da specificare nella richiesta di taratura Grandezza d interesse per la taratura Tipo di radiazione o di radionuclide Intervallo o valori specifici di energia Data ultima taratura Caratteristica strumento da tarare Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze considerazioni Più cresce la precisione, più si perde l aderenza con la realtà: quanto più complesso diventa il sistema, tanto minore è la necessità di enunciati precisi i (Principio i i di incompatibilità, A. Lotfi Zadeh, Berkley UC 1962) It is better to be roughly right than precisely wrong (Mary Lou Munts) elio giroletti. elio giroletti.. Università degli Studi di Pavia INFN sezione di Pavia

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI Dott. Carlo Cicardi Università degli Studi di Milano Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D. Lgs. 26 maggio 2000 n. 187, dal D. Lgs.

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria. nei luoghi di lavoro sotterranei

Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria. nei luoghi di lavoro sotterranei Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria nei luoghi di lavoro sotterranei A cura del Coordinamento

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO TAV IN VALLE DI SUSA. PROBLEMI DI RADIOPROTEZIONE E IMPATTO AMBIENTALE PER LA PRESENZA DI URANIO E RADON SECONDA RELAZIONE: MODELLI DI ESPOSIZIONE AL RADON MASSIMO ZUCCHETTI*, LUCIA

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Adolfo Esposito. Tecniche diagnostiche non distruttive applicate ai Beni Culturali

Adolfo Esposito. Tecniche diagnostiche non distruttive applicate ai Beni Culturali Adolfo Esposito Tecniche diagnostiche non distruttive applicate ai Beni Culturali Introduzione Ogni manufatto, segnatamente di interesse artistico ma non solo, contiene in se la storia del manufatto stesso,

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 Testo non ufficiale del D.Lgs. 230/95, come modificato da: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01 (senza gli allegati) DECRETO-LEGGE 17 marzo

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

produzione di uno isotopo stabile

produzione di uno isotopo stabile produzione di uno isotopo stabile produzione di uno isotopo non stabile Nella produzione di uno isotopo instabile la intensita del fascio e il parametro esterno piu rilevante sezione di urto dimensioni

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli