Elio GIROLETTI - Università degli Studi di Pavia - Dip. Fisica nucleare e teorica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elio GIROLETTI - Università degli Studi di Pavia - Dip. Fisica nucleare e teorica"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. Fisica nucleare e teorica via Bassi 6, Pavia, Italy tel elio giroletti 1 strumentazione per radioprotezione ELEMENTI DI RADIOPROTEZIONE - elio giroletti introduzione rivelatori a gas rivelatori a scintillazione rivelatori a stato solido dosimetria personale interna ed esterna misura dell attività strumentazione per radon in aria taratura della strumentazione considerazioni rilevazione delle radiazioni ionizzanti Le radiazioni ionizzanti sono rilevate da interazioni che: si manifestano attraversando la materia variano a seconda del tipo di: sostanza radiazione tipo e energia- direttamente ionizz: particelle e elettroni indirettamente ionizzanti: fotoni e neutroni da: Brambilla, Pavia 2001

2 i rivelatori di radiazioni La scelta di un rivelatore dipende da: scopo della misura tipo di radiazione e energia grandezza che si vuole misurare intervallo di misura esigenze di efficienza e risoluzione alcuni aspetti, quali fading, ecc. altre considerazioni quali: velocità di conteggio (du- rata impulso), ambiente di misurazione (umidità, tempe- ratura, pressione), disponibilità per lunghi tempi, traspor- tabilità ma anche costo Adattato da: Brambilla, Pavia, sistemi di rivelazione: 2 classi Sistemi attivi necessitano di alimentazione: camere di ionizzazione, contatori proporzionali, geiger mueller, celle lucas, altri sistemi a scintillazione, rivelatori a stato solido, etc. misure istantanee ed integrate Sistemi passivi non sono alimentati durante la misura: tipici sono TLD, film radiografici, plastiche a tracce (CR39, LR115, alpha track detectors) o canister a carboni attivi misure integrate (raramente istantanee) Adattato da D.Mostacci, Strumenti di misura radioattività naturale, Napoli, 2002 sistema di rivelazione (attivo) un sistema di rivelazione consiste di: Rivelatore:, I,, ove avviene l interazione, I, in corrispondeza della quale emette un segnale eventuale elettronica di misura (amplificatore e processore) che riceve il segnale dal rivelatore, lo amplifica, lo elabora e lo rende visibile (display) sistemi attivi sistemi di rilevazione del segnale immagazzinato nel rivelatore, che sono più o meno complessi - sistemi passivi

3 aspetti statistici della misura Estrema variabilità del risultato legato alla variabilità dei fenomeni e, spesso, a bassi livelli di conteggio Parametri della misura (in funzione degli obiettivi): Sensibilità Accuratezza Precisione Risultato finale viene espresso come: Valor medio ± deviazione standard Incertezza complessiva = errori sistematici + errori casuali la radioprotezione spesso non richiede alta precisione, per la incertezza degli scenari ipotizzati... 3 aspetti statistici della misura sensibilità: capacità di discriminare le singole misure; indica quanto si distinguono tra loro (nell esempio è rappresentata dalla dimensione dei fori delle freccette) precisione: ripetibilità misura accuratezza: correttezza del risultato (media misure) aspetti statistici della misura Numero centri (al tirassegno) più preciso ripetibili- (fori ravvicinati tra loro) poco accurato (media fori lontana dal centro) Nro centri (al tirassegno) poco preciso (fori più sparsi tra loro) più accurato (media fori più vicina al centro)

4 aspetti statistici della misura eventi rari si applica la distribuzione di Poisson valore atteso e varianza coincidono λ x e λ P ( x ) = μ = σ 2 = λ x! λ è positivo (λ > 0) ed è equivalente al n. successi che ci si aspetta si verifichino in un dato intervallo di tempo. Per es., se un evento si verifica con cadenza media di 4 min, per sapere quante volte l evento si potrà verificare in 10 min, λ sarà 10/4 = 2,5 x è il numero delle occorrenze (successi) per cui si vuole prevedere la probabilità (deve essere intero non negativo (x=0,1,2,3,...)) 4 propagazione degli errori variabili indipendenti (non correlate) z = f ( x, y) 2 σ 2 dz dx 2 2 () z = σ ( x) + σ ( y) x, y 2 dz dy x, y z = x ± y z = xy z = x y 2 2 () z = σ ( x) σ ( y) 2 σ σ ( x) σ ( y) () z σ = σ ( x) 2 σ = + σ ( y) () z 2 ( y) () x 2 2 () x 2 4 ( y) ( y) Curva di calibrazione grandezza ε ( rad, E, riv) = segnale( netto) Coursey B.M et al., Charatcter of instrumentation, ed. CRC 1999

5 EFFICIENZA Fabbretto M, Rottame metallico a gas rivelatori di radiazioni luminescenti (TLD, scintillazione, ecc.) a stato solido (semiconduttore, diodi, ecc.) Fotografici (normali e dicromici) a tracce (CR39, LR115, ecc.) e altri: elettreti, EPR, chimici, compositi, ecc. sistemi attivi e passivi I rivelatori a gas misurano la corrente generata dalla ionizzazione degli atomi di un gas (nobile xenon- o aria, ecc.) in un campo elettrico e prodotta dall interazione delle radiazioni che attraversano il gas ad ogni interazione si formano coppie di ioni (ioni positivi ed elettroni) che aumentano la conducibilità del gas da: Brambilla, Pavia 2001

6 I rivelatori a gas da: Brambilla, Pavia A: : i pochi ioni sono raccolti e non si ricombinano B: : risposta rivelatore aumenta con la ionizzazzione C: : la valanga di ionizzazzione è indipendente dalla quantità di ionizzazzione primaria amplificazione rivelatori a gas etry Fonte: IAEA, Work place dosime a seconda della tensione applicata, i rivelatori a gas sono suddivisi in: rivelatori a gas camere di ionizzazione contatori proporzionali contatori Geiger-Meüller Fonte: IAEA, Work place dosimetry

7 camera a ionizzazzione Contatore G-M Rivelatori a gas 7 photons of different energies F. et al., surements, Fonte: Larry A. F Radioativity mea ed. CRC 1999 E1 <E2 gas filled detectors La risposta dei rilevatori a gas dipende anche dalla energia della radiazione incidente gas filled detectors Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999 Heavy ch. particles Light ch. particles La risposta dei rilevatori a gas dipende anche dal LET delle particelle incidenti

8 camere di ionizzazione La tensione è sufficientemente alta da garantire che siano raccolti quasi tutti gli elettroni generati nell interazione. Il segnale in uscita è in generale molto basso ma permette misure assolute di ionizzazione. i i E di norma utilizzata in presenza di buoni flussi di radiazione da: Brambilla, Pavia 2001 Foto IAEA, 2004 cappuccio /finestra elettrodo 8 smoke detector Sfrutta la variazione di densità dell aria contenente fumo o particelle volatili derivanti dalla combustione Ionization Chambers Parallel plate chambers f p, T t t 0 p0 p P. ass 600 cc ion chamber

9 Ionization ch. survey meters Ionization chamber type survey meters not as sensitive as GM devices but not affected by pulsed beams such as occur with accelerators because of the above, this is the preferred device around high energy radiotherapy accelerators Free air: corrections 9 EFFICIENZA f p, T t p t p 0 Cs-137 camera a ionizzazione in aria libera: NB pressione e temperatura VICTOREEN sonda 600-5/3 proportional counter Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999

10 proportional counter Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC rivelatore a gas Tol-F, Bertolt Quantita di influenza Intervallo misura Max deviaz Rateo di dose 1E msv 0, μsv/h Energia fotoni 10 kev - 7MeV 30% Direzione preferita Direzione radiazioni incidenti Verticale all asse ZR ± 60 rispetto al livello principale di incidenza, marcato da un cerchio attorno al misuratore 20% Temperatura ambiente C 20% Umidita relativa Fino a 90% nel campo di temperatura da + 5 a + 28 C 20% Intervallo di pressione hpa 5% q/q0 1,4 1,2 Mean X-ray Energy 26 risposta angolare Rivelatore a gas 1 0,8 0,6 0,4 0, Angle of Incidence [ ] q/q0 1,4 1,2 1 0,8 Tol-F, Bertolt 0,6 0,4 risposta in energia 0, Photon Energy [kev]

11 risposta angolare Rivelatore a gas risposta in energia 11 EFFICIENZA AUTOMESS Teledetector 6150 ADT Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999 geiger-muller counter

12 non compensato NB: tempo morto geiger-muller efficiency compensato Fonte: IAEA, Work place dosim metry 12 rivelatori a scintillazione da: Brambilla, Pavia 2001 rivelatori a scintillazione Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999

13 SPETTROMETRI 137 Cs in NaI picco spalla compton Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC SPETTROMETRI 137 Cs in NaI FWHM, rapporto picco compton, efficienza? Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999 IdentyFIND spectrometer LIQUID scintillation counting

14 RIVELATORI A STATO SOLIDO Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999 solid state diode detector Si(Li) Ge(Li) HpGe Fonte: Armitage J.C., Charged Particle dosimetry, ed. CRC 1999 solid state diode detector

15 solid state diode detector Fonte: X-ray fluorescence Fonte: SILICON DETECTORS Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999

16 Diodes Patient dose measurements using diode detectors 16 Spettrometri Le misure di attività possono riguardare isotopi alfa, beta o gamma emittenti. Il tipo e la struttura del rivelatore è adattata al tipo di radiazione (+ raffreddamento). La catena elettronica è costituita da un rivelatore con adeguata alimentazione, due stadi di amplificazione e da un apparecchiatura atta ad analizzare il tipo di emissione, spettrometria da: Brambilla, Pavia 2001 SPETTROMETRIA Exemples de différentes interactions d un photon dans un détecteur: 1 Absorption totale: contribue au pic d absorption totale; 2 Diffusion Compton et échappement du photon diffusé : contribue au fond continu; 3 Effet de matérialisation + échappement d un photon de 511 kev: contribue au pic de simple échappement

17 SPETTROMETRIA Spectre correspondant à des photons incidents d énergie E <1022 kev 1 : pic d absorption totale 2 : diffusions Spectre correspondant à des photons incidents d énergie E > 1022 kev 17 SPETTROMETRIA, efficienza ε ( E) = N ( E ) A η( E) t dove: ε(e): rendement pour l énergie E et les conditions géométriques source-détecteur de la mesure; N(E): nombre de coups enregistrés dans le pic d absorption totale; A: activité de la source au moment de la mesure (Bq); η(e): intensité d émission de la raie d énergie E; t: durée de la mesure (temps actif); SPETTROMETRIA, efficienza N ( E) ε = A η( E) t ε = ε g ε c ε g = Ω 4π Ω = 2π 1 d 2 d r 2

18 Efficienza ε T =ε i ε g Curva di efficienza in energia Esprime il rapporto tra i conteggi prodotti dal rivelatore e le radiazioni emesse da una sorgente in funzione dell energia della radiazione (a fianco quella tipica per un rivelatore HPGe). Dipende da geometria! 18 Efficienza ε T =ε i ε g SPETTROMETRIA, efficienza Eff [%] - Variation of absolute efficiency with photon energy, kev (solid line). Eff*E E - (solid line): the second presentation, which illustrates the effectiveness of photon energy absorption. GEOCHRONOMETRIA HUBERT l., Vol. 20, 2001 SPETTROMETRIA, efficienza (estesa) Efficienza ε T =ε i ε g

19 SPETTROMETRIA, efficienza: MARINELLI point source Marinelli beaker 19 SPETTROMETRIA, efficienza (marinelli) Efficienza ε T =ε i ε g SPETTROMETRI 60 Co in p-type Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC 1999

20 SPETTROMETRI Ge(Li) Fonte: Larry A.F et al., Radioactivity measurement, ed. CRC FILM GRAFCHROMICI 5 4,5 4 3,5 3 2,5 densità ottica CURVA SENSITOMETRICA 2 FOTO,nrm KODAK,mammo 1,5 1 0,5 gradino, n Linearity and other problems with ordinary film makes it very difficult to use for patient dose, but they are very good for worker dosimetry Grafchromic film: no dark room or processing; goes a deep blue on irradiation; read with a densitometer; linear, energy independent FASE IRRAGGIAMENTO TLD FASE RISCALDAMENTO Fabbretto M, Rottame metallico 2001

21 TERMOLUMINESCENZA Fonte: IAEA, Individual monitoring, TERMOLUMINESCENZA GLOW CURVE CRC Press, 1999 Bryan L. et al, Radiation dosimetry, C NB: fading TERMOLUMINESCENZA GLOW CURVE, LINEARITY & FADING vari tipi di TLD: LiF:Mn; CaF 2 :Dy; CaSO 4 ; Al 2 O 3 ; LiB 4 O 7 problemi: fading da non trascurare Ranogajek Komor M, Thermoluminescent dosimetry, 2001

22 TERMOLUMINESCENZA 22 Thermoluminescent Dosimetry (TLD) Rando phantoms for TLD measurements neutron - protection quantities Fonte: ICRP 74, 1992

23 neutron - operational quantities 23 Interazione dei neutroni I neutroni interagiscono con la materia attraverso vari processi,, tra i quali: diffusione elastica (n,n) nucleo stato originario diffusione inelastica (n,n), (n,2n), (n,nγ) cattura radiativa (n,γ) fissione (n,fissione), es. termici su 235 U spallazione (n,sciame particelle), E>100 MeV emissione particelle cariche (n,p), (n,ioni), (n,α), etc. termalizzazione (nuclei leggeri) neutroni termalizzati diffondono interazione neutroni e materia 4 regioni di ENERGIA per i neutroni: Basse energie 0 < E <1000 ev termici, E max = 0,025 ev (2200 m/s) epitermici kev E. intermedie (risonanze) 1 kev < E <500 kev Alte energie 0,5 MeV <E< 10 MeV Energie molto elevate E> 10 MeV 3 gruppi per i nuclei BERSAGLIO (A): Nuclei leggeri 1 < A < 25 Nuclei intermedi 25 < A < 80 Nuclei pesanti 80 < A < 250 neutroni termici =neutroni in equilibrio termico, 2200 m/s

24 risonanze 6 Li(n,γ) 3 He regione 1/v neutron cross-sectionsection 24 neutron 1 cross-section H(n,n) n) 1 section H reaction in detection 10 B(n,α) 7 Li boron neutron cross section

25 neutrons in a moderated detector 10 B(n,α) 7 Li 3 He(n,p) 3 H BF 3 poliet. plast.borato 25 dosimetria NEUTRONICA BF 3 proportional counter Fabbretto M, Rottame metallico 2001 neutron long counter

26 ogy Physics, 2005 neutron monitor Fonte: IAEA, RAdiation Oncol 26 neutroni: dip. angolare 1 Fonte: cataloo Bertolt. LB6411 neutron and survey meters ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe

27 neutroni: EFFICIENZA Fonte: Bertolt. LB neutrons monitoring at accelerators Fonte: Ferrarini, tesi, 2007 Long Interval NeUtron Survey meter - LINUS Fonte: cataloo Thermo FHT Wendy-II adattato da una Idea di M.Pelliccioni

28 LINUS improvement Fonte: cataloo Bertolt. LB proton and alpha tracks in CR39 Fonte: tesi Ferrarini, UniMi, 2007 neutron and track detectors ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe

29 BUBBLE DETECTORS CRC Press, 1999 Bryan L. et al, Radiation dosimetry, C 29 BUBBLE DETECTORS ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe BUBBLE DETECTORS +PE ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe

30 sfere di Bonner Fonte: ed. Silari, CERN sfere di Bonner Fonte: ed. Silari, CERN CONTROLLO CONTAMINAZIONE INTERNA misura diretta della eventuale contaminazione interna Fonte: IAEA, prtm 2R-1 WBC, whole body counter

31 Efficienza di rivelazione in vivo, ε È il fattore che consente di risalire dal conteggio C registrato nella misura in vivo di durata talla attività A presente nella regione corporea oggetto della misura A = C lordo C ε t fondo determinata mediante fantocci antropomorfi che riproducono le caratteristiche anatomiche della regione corporea di interesse, contenenti sorgenti ad attività nota (e certificata) del radionuclide/i di interesse. Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia Taratura sistema misura in vivo Taratura in energia; energia = f(canale) Determinazione risoluzione; R = FWHM(E)/E Taratura in efficienza; eff. = f(energia) Determinazione MDA CONTAMINAZIONE INTERNA Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia 2004 Efficienza di rivelazione in vivo WBC Esempio 1 Fantoccio BOMAB per misure al corpo intero di contaminazione uniformemente distribuita Fantocci di calibrazione ε = C C lordo fondo 1 t A Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia 2004

32 Efficienza di rivelazione in vivo FANTOCCI CALIBRAZIONE Fantoccio BOMAB: misure al corpo intero di contaminazione uniformemente distribuita ε = C C lordo fondo 1 t A Battisti P, Contaminazione interna, ESAS-EQ, EQ, Pavia Misure indirette: urine, muco nasale, feci IAEA, individual dosimetry, 2004 Misure dirette in aria Misure di contaminazione in aria

33 Dosimetro al braccio/petto; SOPRA CAMICE Pb Dosimetro al petto SOTTO CAMICE Pb F B A dosimetro anello/bracciale L uso è obbligatorio, l inadempienza è sanzionata dalla legge Dosimetri individuali 33 DOSIMETRI A LETTURA DIRETTA dosimetro elettronico penna dosimetrica Fonte: IAEA, prtm 2R-1 FILM DOSIMETRY, H p (10) nica 4, 2007 Xgammagiuard, relazione tecn

34 FILM DOSIMETRY, H p (10) Tecnorad, relazione tecnica 4, Permettono di vedere: oggetti irraggiamenti obliqui irraggiamenti statici XGAMMAGUARD, 2006 FILM DOSIMETRY TLD DOSIMETRY XGAMMAGUARD, 2007

35 TLD DOSIMETRY, H p (10) Tecnorad, relazione tecnica 4, LITIUM neutron cross-sectionsection 6 Li(n,γ) 3 He 7 Li DOSIMETRO AD ALBEDO IAEA, Individual monitoring, 2004 Fabbretto M, Rottame metallico 2001

36 DOSIMETRO AD ALBEDO ectra, 2001 Fonte: IAEA, neutron spe 36 DOSIMETRO INDIVIDUALE E prescritto dall EQ non protegge, ma misura Il dosimetro è individuale e si porta: al petto e, se prescritto, alla mano o polso (magg. utilizzato) e cristallino sotto eventuali indumenti schermanti tarato in H p (d) si usa solo nelle esposizioni lavorative non si scambia col collega lontano da sorgenti di calore, né manomesso se smarrito avvisa ed attendi la sostituzione al termine non abbandonarlo misura dell attività Nella misura dell attività il conteggio totale deve essere corretto per: > tempo di misura, conteggi/sec > efficienza in energia > efficienza geometrica, tra campione e rivelatore (piano, a pozzetto) > fattori di autoassorbimento nella sorgente o all assorbimento o retrodiffusione nel rivelatore > intensità di emissione della sorgente > fondo strumentale da: Brambilla, Pavia 2001

37 misure di contaminazione: concentrazione, superficiale e aeriforme da misure di attività in varie matrici si ottiene: contaminazione superficiale (Bq/cm 2 ); dividere per area rivelatore; se si è effettuato uno smear-test, considerare l efficienza di raccolta. concentrazione da: Brambilla, Pavia 2001 per unità di massa (Bq/g), dividere per massa (asciutta, secca, ecc.) aeriforme (Bq/cm 3 ), dividere per il volume d aria aspirata da una pompa attraverso un filtro; efficenza del filtro (di carta, a carbone) 37 EFFICIENZA RIVELATORE ε C sorgente C attività fondo L efficienza i dipende d dalla radiazione che: arriva direttamente nel rivelatore è riflessa dalla superficie nel rivelatore Fonte: Bullock J, Queen s Univ. USO DI CONTAMINAMETRI contaminazione avvicinarsi ma non troppo attenzione al radionuclide misura il fondo

38 CONTAMINAZIONE SUPERFICIALE Fonte: Bullock J, Queen s Univ. 38 SMEAR TEST E' un metodo efficiente, sensibile e pratico rileva la contaminazione superficiale removibile di qualsiasi isotopo (anche 3 H, 14 C e 35 S) su superfici, pareti dei contenitori delle sorgenti ovvero maniglie (ove non si effettua la misura diretta) permette di differenziare isotopi (diversi canali) e di rilevare la contaminazione removibile ogni laboratorio ha un contatore a scintillazione non idoneo con contaminazione non removibile va fatto in umido dove: SMEAR TEST Contam ( C C ) lordo t A ε ε Contam = attività superficiale removibile, Bq/cm 2 c bianco C lordo = conteggio del dischetto contaminato, cps C bianco =conteggio del dischetto di bianco, cps t = tempo conteggio, s A = area strofinata, di solito 400 cm 2 ε c = efficienza di conteggio, 40-60% ε tr = efficienza di trasferimento, di solito 10% tr

39 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA La taratura degli strumenti di misura è uno dei requisiti per il corretto esercizio della radioprotezione La taratura degli strumenti di misura utilizzati in radioprotezione è anche un obbligo di legge, art.107 d.lgs 230/95 e s.m.i. 39 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA La determinazione della dose o dei ratei, delle altre grandezze tramite le quali possono essere valutati nonchè delle attività deve essere effettuata con mezzi di misura, adeguati, muniti di certificati di taratura. Con decreto del Ministro Salute, di concerto con, sentita, sono stabiliti i criteri e le modalità per il rilascio dei certificati, nel rispetto della l.273/91, che definisce l'attribuzione delle funzioni di istituto metrologico primario... art.107,1 d.lgs 230/95 e s.m.i. art.107,2 DLgs 230/95 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA Le disposizioni di cui al c.1 si applicano a : a) sorveglianza ambientale di radioprotezione nei luoghi di lavoro, ex art. 79,1,b),n.3;,b),n.3; b) sorveglianza ambientale ex art.103,2,c),,c), d), ed e), e art.79,5 ; c) rilevamenti verificare i livelli di smaltimento dei rifiuti radioattivi nell'ambiente ; d) controllo radioattività ambientale e alimenti e bevande per uso umano e animale, ex art.104; d-bis) rilevamenti con apparecchi, diversi da quelli di cui al c.3, a lettura diretta assegnati per la rilevazione di dosi; d-ter) rilevamenti per la sorveglianza radiometrica su rottami o altri materiali metallici di risulta, ex art.57; e) i rilevamenti piani di emergenza di cui al capo X.

40 art.107,3 DLgs 230/95 TARATURA DEI MEZZI DI MISURA Gli organismi che svolgano attività di servizio di dosimetria individuale e ex all'art.10-ter,4 (radon), devono essere riconosciuti idonei da istituti previamente abilitati; nel riconoscimento si tiene conto dei tipi di apparecchi di misura e delle metodiche. Con decreto del Ministro Lavoro, di concerto con, sentiti, sono disciplinate le modalità per l'abilitazione degli istituti. 40 RADIAZIONI DI RIFERIMENTO PER LA TARATURA DEGLI STRUMENTI Radiazione gamma (ISO ): sorgenti campione di 60 Co, 137 Cs, 241 Am Radiazione beta (ISO 6980): sorgenti campione di 90 Sr+ 90 Y, 147 Pm, 204 Tl Radiazione x filtrata (ISO ): serie a basso rateo di kerma in aria serie ad elevato rateo di kerma in aria serie a spettro stretto serie a spettro largo Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze 2001 SISTEMI DI TARATURA fonte:

41 Codic e Radiazione x di riferimento per la taratura di dosimetri usati in radiodiagnostica per mammografia Potenziale HVL del tubo kv (mm Al) S Energia media, kev S S S A A P P Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze Radionuclidi per taratura contaminametri [ISO 8769] Radionuclide Radiazione Emax(beta) Emed(fot.), kev Filtrazione (mg/cm 2 ) Am-241 α H-3 β 19 - Ni-63 β 66 - C-14 β Pm-147 β Tl-204 β Cl-36 β Sr-90 β Ru-106 β Fe-55 x 5,9 - Pu-238 x 16 32,5 (zirconio) I-129 x (alluminio) Am-241 γ (acciaio) Co-57 γ (acciaio) Cs-137 γ (acciaio) Co-60 γ (alluminio) Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze 2001 certificazione di taratura Caratteristiche dello strumento attinenti alla taratura: limite minimo, linearità, risposta in energia, risposta angolare, sensibilità a radiazioni diverse, incertezza, ecc. Periodicità ità della taratura: t periodicità ità legata alla grandezza tarata Validità della certificazione a livello nazionale e internazionale: solo i certificati riferibili agli istituti metrologici nazionali aderenti al SIT hanno riconoscimento internazionale Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze 2001

42 Punti principali da specificare nella richiesta di taratura Grandezza d interesse per la taratura Tipo di radiazione o di radionuclide Intervallo o valori specifici di energia Data ultima taratura Caratteristica strumento da tarare Laitano R, Convegno ANPEQ, Firenze considerazioni Più cresce la precisione, più si perde l aderenza con la realtà: quanto più complesso diventa il sistema, tanto minore è la necessità di enunciati precisi i (Principio i i di incompatibilità, A. Lotfi Zadeh, Berkley UC 1962) It is better to be roughly right than precisely wrong (Mary Lou Munts) elio giroletti. elio giroletti.. Università degli Studi di Pavia INFN sezione di Pavia

Strumenti e dispositivi di radioprotezione

Strumenti e dispositivi di radioprotezione Strumenti e dispositivi di radioprotezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi La radioprotezione La radioprotezione ha come oggetto principale la

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non sigillate a scopo medico Riferimenti tecnici I.C.R.P. Pubblication

Dettagli

L ACCREDITAMENTO NEI SETTORI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI

L ACCREDITAMENTO NEI SETTORI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento L ACCREDITAMENTO NEI SETTORI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Aprile 2014 Maria Pia Toni Funzionario Tecnico ACCREDIA DT 1/45 CONTENUTO DELLA PRESENTAZIONE Una panoramica

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti TITOLO Smaltimento e risanamento del deposito di rifiuti radioattivi ex Controlsonic di Tortona Relazione tecnica n. 573/IR Redazione

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

RT CONTROLLO RADIOGRAFICO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 120 (Pluri-Settoriale) - 80 (Settore Lettura Lastre) PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO RADIOGRAFICO 1.1) Scopo e limitazioni del

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RADIAZIONI IONIZZANTI DPR 547/55 D.Lgs. 230/95 D.L.gs 241/00 e D.L.gs 257/01 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Attuazione delle direttive 89/618/Euratom,

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali USO DEL FANTOCCIO ANTROPOMORFO PER DOSIMETRIA INTERNA IN ATMOSFERA APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali Obiettivo della tesi Estensione

Dettagli

NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012

NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012 NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012 ISTITUTO L.PIRELLI - ROMA EMISSIONE DI NEUTRONI LENTI DA PLASMA IN CELLA ELETTROLITICA DOMENICO CIRILLO PRESUPPOSTI IN QUESTA PRESENTAZIONE SI ILLUSTRANO EVIDENZE

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 VI.1 OSCILLOSCOPIO LECROY 9354A

VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 VI.1 OSCILLOSCOPIO LECROY 9354A VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 Nel periodo fine marzo - inizio aprile 96 sono state fatte delle acquisizioni di segnali della camera Q1 utilizzando l amplificatore di corrente descritto nel capitolo

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale

El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale El.Se. Srl, azienda certificata ISO 9001, è stata fondata nel 1990 con lo scopo primario di progettare e costruire strumentazione analogica e digitale

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore:

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Interazione della radiazione (ionizzazione e eccitazione) Processi di diseccitazione (emissione di luce) Raccolta della

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011 Pagine 1 di 5 INDICE 1) Scopo e campo di applicazione 2) Riferimenti 3) Risorse e responsabilità 4) Applicabilità 5) Metodo di prova con strumentazione portatile 6) Registrazione ed archiviazione dei documenti

Dettagli

Capitolo LXXXV Perizia chimica Lopez ed altri - 13.05.97.

Capitolo LXXXV Perizia chimica Lopez ed altri - 13.05.97. Capitolo LXXXV Perizia chimica Lopez ed altri - 13.05.97. 3169 In considerazione di ipotesi emerse nel corso dell istruttoria, secondo cui il DC9 sarebbe stato abbattuto perché trasportava un carico di

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

Rivelatori di radiazione

Rivelatori di radiazione Rivelatori di radiazione Catia Petta Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Catania & INFN Summary Un compito da acchiappafantasmi Caratteristiche della preda Le strategie di cattura Gli attrezzi

Dettagli

Monitoraggio dei livelli di radon indoor presso la Seconda Università di Napoli. Antonio D Onofrio

Monitoraggio dei livelli di radon indoor presso la Seconda Università di Napoli. Antonio D Onofrio Monitoraggio dei livelli di radon indoor presso la Seconda Università di Napoli Antonio D Onofrio L indagine atta a determinare i livelli di Radon e le dosi derivanti nei luoghi di lavoro di tre Università

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N. 2 Via Cusmano 1, 93100 - CALTANISSETTA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Corso di formazione finalizzato alla radioprotezione (Art. 61 comma 3 lettera e) del D.Lgv. 230/95)

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

La Fisica in ambito sanitario ospedaliero

La Fisica in ambito sanitario ospedaliero S.O.D. Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi La Fisica in ambito sanitario ospedaliero Simone Busoni busonis@aou-careggi.toscana.it Firenze, 12 Marzo 2007 Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE Relazione tecnica trasporti CAOR I/1-07/01 e CAOR I/2-07/02 VALUTAZIONE DELL IMPATTO RADIOLOGICO AMBIENTALE RELATIVO AL PRIMO TRASPORTO (16/12/2007) DI COMBUSTIBILE

Dettagli

Nozioni di radioprotezione

Nozioni di radioprotezione Nozioni di radioprotezione Osvaldo Rampado S.C. Fisica Sanitaria 1 A.O.U. San Giovanni Battista di Torino Tommaso Mosso S.C. Radiodiagnostica 1 A.O.U. San Giovanni Battista di Torino RADIOPROTEZIONE.in

Dettagli

Grandezze dosimetriche specifiche per pratiche radiologiche interventistiche

Grandezze dosimetriche specifiche per pratiche radiologiche interventistiche Grandezze dosimetriche specifiche per pratiche radiologiche interventistiche D. LGS. 187/2000: CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN MATERIA DI RADIOPROTEZIONE DEL PAZIENTE (Area Attività radiologiche complementari

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 8.25 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 1 Premessa Nell ambito dell Azienda Sanitaria il Servizio di Fisica Sanitaria è una struttura che svolge attività specialistiche

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II ALLEGATO TECNICO 1 A) OGGETTO DELLE

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

Indicazioni Operative per la Qualità della Misura in Radioprotezione

Indicazioni Operative per la Qualità della Misura in Radioprotezione Indicazioni Operative per la Qualità della Misura in Radioprotezione 1 Composizione del Gruppo di Lavoro Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro - ISPESL (F. Campanella coordinatore,

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

Misura e Analisi di Ossigeno

Misura e Analisi di Ossigeno Misura e Analisi di Ossigeno Soluzioni per la sicurezza sul processo, la riduzione dei costi e il miglioramento della qualità www.michell.com Misura e Analisi di Ossigeno Un ampia gamma di analizzatori

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente MASTROBERARDINO ANNA Matricola: 006019. Insegnamento: 27005367 - TECNICHE FISICHE DI DIAGNOSTICA MEDICA

Testi del Syllabus. Docente MASTROBERARDINO ANNA Matricola: 006019. Insegnamento: 27005367 - TECNICHE FISICHE DI DIAGNOSTICA MEDICA Testi del Syllabus Docente MASTROBERARDINO ANNA Matricola: 006019 Anno offerta: 2012/2013 Insegnamento: 27005367 - TECNICHE FISICHE DI DIAGNOSTICA MEDICA Corso di studio: 0727 - FISICA Anno regolamento:

Dettagli

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo Pagina 1 di 6 Sopralluogo Materiale a corredo del sopralluogo: dosimetri personale e integratore, geiger, camera a ionizzazione Si No copia dei N.O. ex art. 27 D. Lgs. 230/95 o convalida di autorizzazione

Dettagli

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Il trasporto del combustibile nucleare irraggiato dalla centrale di Caorso al centro di riprocessamento di La Hague. Ruolo di ARPA Emilia Romagna ed aspetti di radioprotezione R. Sogni, L. Gaidolfi, A.

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI In uno strumento di misura si possono normalmente distinguere due parti: rivelatore, che interagisce con le radiazioni apparato di misura, che elabora la risposta del rivelatore.

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Istruzioni. Gruppo 1 : Set ID code XX, dosimetri n 1,2, 10 (esposizione bassa) Gruppo 2 : Set ID code XX, dosimetri n 11,12, 20 (esposizione alta)

Istruzioni. Gruppo 1 : Set ID code XX, dosimetri n 1,2, 10 (esposizione bassa) Gruppo 2 : Set ID code XX, dosimetri n 11,12, 20 (esposizione alta) Istruzioni 1. Applicare le etichette ricevute per posta su ogni dosimetro; 2. suddividere i dosimetri in due gruppi e imbustarli in due buste distinte radon impermeabili nel seguente modo (10 dosimetri

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di laurea per l Ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

MANUALE ARPAV PER LE EMERGENZE RADIOLOGICHE REV. 2

MANUALE ARPAV PER LE EMERGENZE RADIOLOGICHE REV. 2 MANUALE ARPAV PER LE EMERGENZE RADIOLOGICHE REV. 2 A cura di A.R.P.A.V. Direzione Area Tecnico-Scientifica SERVIZIO OSSERVATORIO AGENTI FISICI ANNO 2012 I II ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Analisi delle caratteristiche di radioprotezione del paziente e dell operatore Apparecchio Endorale portatile NOMAD

Analisi delle caratteristiche di radioprotezione del paziente e dell operatore Apparecchio Endorale portatile NOMAD Analisi delle caratteristiche di radioprotezione del paziente e dell operatore Apparecchio Endorale portatile NOMAD Premessa La ditta Revello ha fornito alla dell AUSL Modena un apparecchio Endorale portatile

Dettagli

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO Gli argomenti specifici all esame di abilitazione di I grado sono qui di séguito riportati

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore

Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore Modello generale di trasduttore Informazioni sulle caratteristiche fisiche Sistema di misura Catena di misura Dati numerici

Dettagli

Dispositivi optoelettronici (1)

Dispositivi optoelettronici (1) Dispositivi optoelettronici (1) Sono dispositivi dove giocano un ruolo fondamentale sia le correnti elettriche che i fotoni, le particelle base della radiazione elettromagnetica. Le onde elettromagnetiche

Dettagli

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Dipartimento di Scienze Chimiche TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Analisi superficiali via XRF: Le misure sono effettuate in tempi dell ordine di qualche centinaio

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. Pellet radioattivo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. Pellet radioattivo Pellet radioattivo Indagine radiometrica e considerazioni di radioprotezione Introduzione Nel mese di giugno 009, su segnalazione degli organi di stampa nazionali, è emerso il problema di presunte contaminazioni

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

MANUALE DELLA SORVEGLIANZA FISICA DELLA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI

MANUALE DELLA SORVEGLIANZA FISICA DELLA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI Pagina 1/12 MANUALE DELLA SORVEGLIANZA FISICA DELLA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI ai sensi del D. Lgs. 230/95 e s.m.i. Rev. data Causale della modifica 00.00 08.01.2013 stesura Redatta da L Esperto

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO APPARECCHIATURE DA INSERIRE ALL INTERNO DELL U.O. DI MEDICINA NUCLEARE DEL P.O. UMBERTO I

CAPITOLATO TECNICO APPARECCHIATURE DA INSERIRE ALL INTERNO DELL U.O. DI MEDICINA NUCLEARE DEL P.O. UMBERTO I CAPITOLATO TECNICO APPARECCHIATURE DA INSERIRE ALL INTERNO DELL U.O. DI MEDICINA NUCLEARE DEL P.O. UMBERTO I LOTTO N.1 1.1N.1 ISOLATORE SCHERMATO IN CLASSE A Cella schermata di manipolazione in Classe

Dettagli

alcune procedure di radioprotezione

alcune procedure di radioprotezione INFN - sez. Pavia UNIVERSITÀ degli STUDI di PAVIA dip. Fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy - tel. 038298.7905 elio.giroletti@pv.infn.it - www.unipv.it/webgiro webgiro elio giroletti

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

SA - Specifiche tecniche di Acquisizione. Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile

SA - Specifiche tecniche di Acquisizione. Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile ETQ-016469 SA - Specifiche tecniche di Acquisizione L57 - Strumentazione 23/01/2012 GE - Impianto: Generale Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile Specifica Tecnica Sistema di monitoraggio

Dettagli

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in :

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : (a) Metalli: banda di valenza (BV) e banda di conduzione (BC) sono sovrapposte (E g = 0 ev) (b) Semiconduttori:

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO

IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO Docente n.marotta@ing.unipi.it Esigenza 2 Rilevazione

Dettagli

Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica

Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica Lara Gallo P.O. Castelfranco Veneto- ULSS8 Asolo (GU n.168 21/7/2005) RADIOFARMACI NORMATIVA RADIOPROTEZIONISTICA Decreto legislativo

Dettagli

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services MISURE DI QUALITA DEI FASCI E DELLA DIMENSIONE DELLA MACCHIA FOCALE IN FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA PRODOTTI DA ACCELERATORI LINEARI PER RADIOGRAFIE INDUSTRIALI S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART

Dettagli

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE richiedente: COMUNE DI RODENGO SAIANO -- DICEMBRE 2014-- PREMESSA Il Radon 222 ( 222 Rn) è un

Dettagli

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da 1 All.to 1 LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da Analizzatore Tubo di volo lineare di almeno 1,5m

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte La termografia infrarossa Ing. Antonio del Conte Ancona, 22 gennaio 2004 Termografia e termocamere a sensori CCD Introduzione La termografia è una tecnica di misura di tipo non invasivo, applicabile alla

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

1 Informazioni generali e dati tecnici del reattore di ricerca TAPIRO

1 Informazioni generali e dati tecnici del reattore di ricerca TAPIRO Contatti: Matteo Cesaroni ENEA C.R. CASACCIA - UTFISST-REANUC - S.P. 040 via Anguillarese 301 00123 S. MARIA DI GALERIA (ROMA) matteo.cesaroni@enea.it ENEA Casaccia TAPIRO Direttori O.Fiorani A.Santagata

Dettagli

Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi

Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi Progetto di norma 31/3/2005 Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi 1. Scopo e campo di applicazione La

Dettagli

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA M.Magnoni, S.Bertino, F.Righino, M.Ghione, M.C.Losana, E.Chiaberto,

Dettagli

Si classifica come una grandezza intensiva

Si classifica come una grandezza intensiva CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA La temperatura È osservata attraverso gli effetti che provoca nelle sostanze e negli oggetti Si classifica come una grandezza intensiva Può essere considerata una stima del

Dettagli

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE PROGETTO CLUSTER: RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Piano di lavoro Soggetto attuatore: Sardegna Ricerche Sede locale Sulcis Iglesiente Soggetto esecutore: Dipartimenti di Fisica Università degli

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione Elementi di Radioprotezione Programma di formazione generale sui rischi da radiazioni ionizzanti in ambito sanitario AREA LABORATORI Realizzato con la collaborazione di: Dott. Luigi Frittelli Dott. Deleana

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

Controlli di Qualità in. Mammografia

Controlli di Qualità in. Mammografia Controlli di Qualità in Master: Mammografia Terza Parte Verifiche di Qualità in Radiodiagnostica, Medicina Nucleare e Radioterapia Lezioni n. 11 Dr. Rocco Romano (Dottore di Ricerca) Facoltà di Farmacia,

Dettagli

La radioattività nei rottami metallici Informazioni tecniche per la tutela della salute

La radioattività nei rottami metallici Informazioni tecniche per la tutela della salute La radioattività nei rottami metallici Informazioni tecniche per la tutela della salute 2 Le sorgenti radioattive rappresentano un pericolo per le persone e l ambiente e quindi devono essere smaltite in

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli