Life-cycle cost analysis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Life-cycle cost analysis"

Transcript

1 Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria Ruaro arch. Pietro Bonifaci arch. Valeria Ruaro

2 Schema della lezione Cos è la LCCA Perché usare la LCCA Elementi fondamentali per l applicazione Formule e parametri di valutazione LCC NS SIR AIRR DPB SPB Soluzioni ottimali per prestazioni ottimali 2

3 Cos è la LCCA La LCCA (Life-Cycle Cost Analysis) è un metodo di valutazione economica dei progetti, nel quale i costi derivanti dal possedere, usare, mantenere e, infine, smaltire un certo progetto, sono considerati potenzialmente importanti per prendere una decisione. Esso consente di determinare il costo globale di un certo prodotto, considerando in suo intero ciclo di vita. 3

4 Perché usare la LCCA La LCCA è particolarmente adatta a valutare alternative progettuali che soddisfano un certo livello di prestazione (comfort, qualità architettonica, standard costruttivi, ecc.), ma che presentano differenti: - costi di investimento, gestione, manutenzione e ristrutturazione - cicli di vita La LCCA è altresì utile a valutare progetti che prevedono investimenti iniziali elevati funzionali a ridurre costi di gestione successivi. 4

5 Elementi fondamentali per l applicazione L applicazione della LCCA richiede che siano definiti una serie di elementi necessari alla sua applicazione: Definire tipo di scelta e obiettivi Definire progetto e alternative Stabilire il periodo di studio Individuare i costi rilevanti ai fini della valutazione 5

6 Elementi fondamentali per l applicazione / Definire tipo di scelta e obiettivi Quale tipo di decisione? Accettare o rigettare alternative progettuali Installare pannelli solari alla copertura Installare timer ai termostati Selezionare sistemi ottimali/convenienti Selezionare il tipo di impianto di riscaldamento e raffreddamento (pompa di calore, riscaldamento a gas con aria condizionata, ecc.) Selezionare il tipo di tecnologia costruttiva per i muri (muratura, legno, isolamento con lana di riccia, ecc.) Selezionare combinazioni ottimali/convenienti di sistemi indipendenti Specificare l efficienza di riscaldamento a gas con aria condizionata e del tipo di illuminazione Stabilire la dimensione di un riscaldamento a pannelli solari e l efficienza nell istallazione di infissi coibentati Ordinare soluzioni alternative per allocare risorse Selezionare tra diverse soluzioni che sono state proposte per ricevere finanziamenti o incentivi fiscali 6

7 Elementi fondamentali per l applicazione / Definire progetto e alternative Individuare gli aspetti che hanno rilevanza sotto il profilo dei costi, e quindi: - Identificare i vincoli di tipo fisico, funzionale o normativo che comportano l esclusione a priori di certe soluzioni alternative - Identificare alternative progettuali tecnicamente valide che soddisfino specifiche performance tecniche 7

8 Elementi fondamentali per l applicazione / Stabilire il periodo di studio Per periodo di studio si intende l arco temporale durante il quale i costi e i benefici collegati a un certo investimento, hanno ricadute sugli interessi dell investitore che deve prendere la decisione. Alternative progettuali che devono essere confrontate tra loro per prendere una decisione, devono avere il medesimo periodo di studio. Il periodo di studio: - inizia al momento 0 - include il periodo di progettazione/costruzione - include il periodo di gestione - si conclude all anno n stabilito al momento della valutazione 8

9 Elementi fondamentali per l applicazione / Stabilire il periodo di studio momento 0 è il momento a cui tutti i costi vengono riferiti mediante l operazione di sconto e solitamente corrisponde con il momento in cui la decisione deve essere effettuata periodo di progettazione/costruzione è il periodo nell ambito del quale vengono effettuate le operazioni di investimento iniziale, e quindi sostenuti i costi concernenti la progettazione, la costruzione e l espletamento di tutte le attività per la realizzazione dell immobile periodo di gestione/manutenzione è l arco temporale che intercorre tra il momento in cui la realizzazione e completata e iniziano ad aversi costi di gestione e manutenzione. Qualora la valutazione riguardi i soli aspetti di manutenzione e gestione, il periodo di gestione inizia al momento 0 anno N rappresenta l anno conclusivo del periodo di studio. Solitamente il numero di anni considerati nella valutazione tengono conto della vita utile del progetto o del sistema oggetto di valutazione 9

10 Elementi fondamentali per l applicazione / Stabilire il periodo di studio periodo di studio periodo P/C periodo G/M momento N 10

11 Elementi fondamentali per l applicazione / Individuare i costi rilevanti Non tutti i costi che riguardano un determinato progetto devono essere necessariamente considerati nella LCCA, e vengono pertanto definiti non rilevanti. In questa categoria ricadono: - i costi che non variano da un alternativa progettuale a un altra, e che quindi non incidono sul risultato finale - i cosiddetti costi irrecuperabili (sunk costs), concernenti operazioni effettuate prima del momento 0, e che non hanno particolare rilievo per il tipo di valutazione che si intende effettuare - i costi di carattere fiscale o finanziario, sempre che la valutazione non sia effettuata specificatamente per effettuare valutazioni su queste voci - più in generale tutti quei costi che ai fini della valutazione specifica vengono considerati non rilevanti 11

12 Elementi fondamentali per l applicazione / Individuare i costi rilevanti I costi rilevanti si distinguono solitamente in: - Costi di investimento (costo di progettazione, acquisto, costo di costruzione) - Costi di gestione (elettricità, acqua, gas, ecc.) - Costi di manutenzione (costo di ristrutturazione e/o restauro) Ai costi rilevanti si aggiunge il valore residuo, ovvero il valore che rimane alla fine del periodo di studio. Esso può essere positivo, qualora il bene mantenga un certo valore e possa, ad esempio, essere rivenduto. Ma può essere anche negativo, nel caso in cui il bene vada smaltito, convertito, ecc. 12

13 Formule e parametri di valutazione / LCC Formula generale LCC = N t=0 C t (1 + r) t LCC C t N r = life cycle cost = somma dei costi rilevanti = numero di anni del periodo di studio = saggio di sconto 13

14 Formule e parametri di valutazione / LCC Formula applicata a progetti di edifici LCC = C i + N t=0 C g + C m (1 + r) t ± V r 1 (1 + r) N LCC C i C g C m t N r = life cycle cost = costi di investimento = costi di gestione = costi di manutenzione = anno in cui il costo si verifica = numero di anni del periodo di studio = saggio di sconto 14

15 Formule e parametri di valutazione / LCC Esempio: caso base Saggio di sconto 4% Periodo di studio 20 anni Dati di base Anno/ periodo Fattore di attualizzazione Valore attuale Costo di investimento anno Costo di gestione 600 annuo 13, Costo di manutenzione anno 0, Valore residuo anno 0, LCC momento 0 periodo di studio Cg (600 euro/anno) Cm ( euro) 0 Ci ( euro) Vr ( euro) 15

16 Formule e parametri di valutazione / LCC Esempio: alternativa Saggio di sconto 4% Periodo di studio 20 anni Dati di base Anno/ periodo Fattore di attualizzazione Valore attuale Costo di investimento anno Costo di gestione 200 annuo 13, Costo di manutenzione anno 0, Valore residuo anno 0, LCC momento 0 periodo di studio Cg (200 euro/anno) Cm ( euro) 0 Ci ( euro) Vr ( euro) 16

17 Formule e parametri di valutazione / NS NS (Net Saving) risparmio netto Misura la differenza tra benefici e costi attualizzati di un certo progetto. Nell analizzare alternative progettuali, quindi confrontate tra di loro sotto il profilo dei costi, esso viene calcolato come differenza tra LCC del caso base e LCC dell alternativa progettuale. NS = LCC caso base LCC alternativa Valore attuale (caso base) Valore attuale (alternativa progettuale) (Va cb - Va ap ) Costo di investimento Costo di gestione Costo di manutenzione Valore residuo

18 Formule e parametri di valutazione / NS In sintesi: - un alternativa progettuale è conveniente rispetto al caso base solo quando NS è maggiore di 0 - NS è una misura relativa, quindi va utilizzata per effettuare confronto tra alternative - NS può esse calcolato confrontando le singole categorie di costo, oppure effettuando direttamente la differenza tra LCC - le alternative vanno confrontate utilizzando il medesimo periodo di studio e stesso saggio di attualizzazione 18

19 Formule e parametri di valutazione / SIR SIR (Saving to investment ratio) risparmio in rapporto all investimento Esprime la relazione tra quanto risparmiato in fase di gestione (operational saving) e i costi aggiuntivi necessari all investimento (additional invesment costs). È quindi necessario separare le voci relative alla fase gestionale del progetto (Cg e Cm) dai costi di investimento, considerando tra quest ultimi anche il valore residuo (Ci e Vr). SIR = Os Ai Os Ai = operational saving = additional investment costs 19

20 Formule e parametri di valutazione / SIR Valore attuale (caso base) Valore attuale (alternativa progettuale) (Va cb - Va ap ) Operational saving (Os) Costo di gestione Costo di manutenzione Os Additional investment costs (Ai) Costo di investimento Valore residuo Ai NS = Os - Ai 751 SIR = Os/Ai 1,22 per ogni euro investito l'alternativa progettuale, rispetto al caso base, genera 1,22 euro 20

21 Formule e parametri di valutazione / SIR In sintesi: - un alternativa progettuale è conveniente rispetto al caso base quando SIR è maggiore di 1 - SIR è una misura relativa, quindi va utilizzata per effettuare confronto tra alternative - le alternative vanno confrontate utilizzando il medesimo periodo di studio e stesso saggio di attualizzazione 21

22 Formule e parametri di valutazione / AIRR AIRR (Adjusted Internal Rate of Return) Tasso interno di rendimento Esprime il rendimento annuale di un progetto entro il periodo di studio definito. Come NS e SIR è una misura relativa e necessita pertanto del confronto tra due alternative che presentino stesso periodo di studio e stesso saggio di attualizzazione. AIRR = 1 + r (SIR) 1 N 1 AIRR = 1 + 4% (1,22) = 5,03% Poiché AIRR = 5,03% è maggiore di 4%, l alternativa è più conveniente del caso base 22

23 Formule e parametri di valutazione / AIRR In sintesi: - un alternativa progettuale è conveniente rispetto al caso base quando AIRR è maggiore di r (AIRR > r) - AIRR è una misura relativa, quindi va utilizzata per effettuare confronto tra alternative - le alternative vanno confrontate utilizzando il medesimo periodo di studio e stesso saggio di attualizzazione 23

24 Formule e parametri di valutazione / SPB e DPB SPB (Simple Payback) tempo di ritorno dell investimento (semplice) Rappresenta il tempo necessario per ritornare dell investimento iniziale, dato un certo risparmio annuale, senza tener conto dell effetto dello sconto all attualità dei valori annuali di risparmio. DPB (Discounted Payback) tempo di ritorno dell investimento (scontato) Rappresenta il tempo necessario per ritornare dell investimento iniziale, dato un certo risparmio annuale, tenuto conto dell effetto dello sconto all attualità dei valori annuali di risparmio. 24

25 Formule e parametri di valutazione / SPB e DPB caso base alternativa progettuale differenza Costo di investimento Costo di gestione Costo di manutenzione (annuale) Anno Risparmio anno (Cg) Risparmio annuo (Cm) a b c Investimento Risparmio cumulato Risparmio netto iniziale r =0% r =4% SPB DPB d= b+c e= (b+c)/(1+r) n f g=d-f h=e-f

26 Formule e parametri di valutazione / SPB e DPB In sintesi: - SPB e DPB sono utili a calcolare quanti anni sono necessari per coprire un certo investimento iniziale - PB rappresenta un criterio per accettare o rigettare una certa soluzione, ma non è utile per escludere alternative tra loro o ordinare progetti indipendenti tra loro 26

27 Esempio 1 DECISIONE: Accettare o rigettare la possibilità di istallare infissi coibentati Saggio di sconto 4% Periodo di studio 20 anni Investimento 800 euro Consumo annuo con infissi attuali riscaldamento 400 euro/anno rafrescamento 150 euro/anno Consumo annuo con infissi coibentati riscaldamento 340 euro/anno rafrescamento 128 euro/anno 27

28 Esempio 1 Caso base Anno/ periodo Fattore di attualizzazione Valore attuale Costo di investimento Costo di gestione 550 annuo 13, Costo di manutenzione Valore residuo LCC Alternativa Anno/ periodo Fattore di attualizzazione Valore attuale Costo di investimento 800 anno Costo di gestione 468 annuo 13, Costo di manutenzione Valore residuo LCC Valore attuale (caso base) Valore attuale (alternativa progettuale) Differenza Costo di investimento Costo di gestione Costo di manutenzione Valore residuo NS

29 Esempio 1 Valore attuale (caso base) Valore attuale (alternativa progettuale) (Va cb - Va ap ) Operational saving (Os) Costo di gestione Costo di manutenzione Os Additional investment costs (Ai) Costo di investimento Valore residuo Ai 800 NS = Os - Ai = 321 SIR = Os/Ai = 1,40 AIRR= (1+r) x (SIR) 1/N = 5,77% 29

30 Esempio 2 DECISIONE: Selezionare sistemi ottimali/convenienti Saggio di sconto 4% Periodo di studio 15 anni Investimento: Consumo annuo: Pompa di calore euro Pompa di calore 669 euro/anno Caldaia a metano euro Caldaia a metano euro/anno Caldaia a gasolio euro Caldaia a gasolio euro/anno Caldaia a GPL 700 euro Caldaia a GPL euro/anno Manutenzione: Pompa di calore 45 euro/anno Caldaia a metano 35 euro/anno Caldaia a gasolio 35 euro/anno Caldaia a GPL 35 euro/anno 30

31 Esempio 2 Valore attuale Costo di Costo di Costo di investimento gestione manutenzione Pompa di calore Caldaia a metano Caldaia a gasolio Caldaia a GPL Cg + Cm Os Ai LCC NS SIR Pompa di calore Caldaia a metano Caldaia a gasolio Caldaia a GPL Quando considero LCC, SIR diventa un parametro di valutazione secondario 31

32 Esempio 3 DECISIONE: Selezionare combinazioni ottimali/convenienti di sistemi indipendenti Saggio di sconto 4% Periodo di studio 25 livello prestazionale dell'involucro edilizio costo iniziale I1 - I I I I livello prestazionale del sistema di riscaldamento/raffrescamento costo iniziale R1 - R R

33 Esempio 3 Costi di gestione annuali R1 R2 R3 I I I I I Costi di manutenzione (annuali) R1 R2 R3 I I I I I

34 Esempio 3 Costi di investimento R1 R2 R3 I I I I I LCC R1 R2 R3 I I I I I

35 In sintesi LCC NS SIR AIRR Accettare o rigettare alternative progettuali minimo > 0 > 1 > r Selezionare sistemi ottimali/convenienti minimo max no no Selezionare combinazioni ottimali/convenienti di sistemi indipendenti minimo LCC combianto max NS combinato no no 35

36 Esercitazione Interventi possibili a) Sostituzione della caldaia b) Istallazione di doppi vetri c) Istallazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia d) Intallazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria e) Realizzazione di isolamento a cappotto Saggio di sconto 4% Periodo di studio 20 anni Costi di investimento a) Sostituzione della caldaia euro b) Istallazione di doppi vetri euro c) Istallazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia euro d) Intallazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria euro e) Realizzazione di isolamento a cappotto euro 36

37 Esercitazione Costi di gestione Situazione attuale Produzione acqua calda 800 euro/anno Elettricità 45 euro/mese Riscaldamento euro/anno a) Sostituzione della caldaia Produzione acqua calda -20% Elettricità -4% Riscaldamento -20% b) Istallazione di doppi vetri Produzione acqua calda 0% Elettricità -2% Riscaldamento -10% c) Istallazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia Produzione acqua calda -2% Elettricità -50% Riscaldamento -2% d) Intallazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria Produzione acqua calda -80% Elettricità -20% Riscaldamento 0% e) Realizzazione di isolamento a cappotto Produzione acqua calda 0% Elettricità -5% Riscaldamento -40% 37

38 Esercitazione Quale intervento risulta più conveniente effettuare? Se decidessi di realizzare l'intervento più conveniente, in quanti anni rientrerei dell'investimento iniziale? 38

39 Principali riferimenti Gottfried, D. (1996), Economics of Green Buildings, Sustainable Building Technical Manual - K. Fuller, S., & R. Petersen, S. (1996). Life-cycle costing manual for the Federal Energy Management Program - (2005), Guidelines for Life Cycle Cost Analysis, Stanford University (2007), Life Cycle Costing (LCC) as a contribution to sustainable construction: a common methodology, Davis Langdon Management Consulting (2013), Implementing the cost-optimal methodology in EU countries - Lesson learned from three case studies, The Buildings Performance Institute Europe Life-cycle costing (LCC) as a contribution to sustainable construction: towards a common methodology - INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA - GUE 2012/C 115/01 DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 maggio 2010 sulla prestazione energetica nell edilizia REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 244/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 gennaio

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

Acquisti i ntelligenti LCCA con Marco Bramucci, FIRE

Acquisti i ntelligenti LCCA con Marco Bramucci, FIRE Acquisti intelligenti ti con Marco Bramucci, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l efficienza energetica

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Cologno Monzese, 20/09/2014 Concetto Net Zero Energy Buildings, limiti e calcolo

Cologno Monzese, 20/09/2014 Concetto Net Zero Energy Buildings, limiti e calcolo Cologno Monzese, 20/09/2014 Concetto Net Zero Energy Buildings, limiti e calcolo Annamaria Belleri EPBD 2010/31/EU (Energy Performance Building Directive ) L aggiornamento della direttiva sulle prestazioni

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei progetti A.A. 2007/2008. Il costo globale. Proff. F. Calabrò, L. Della Spina Collaboratori: D. Campolo, R.

Corso di Valutazione Economica dei progetti A.A. 2007/2008. Il costo globale. Proff. F. Calabrò, L. Della Spina Collaboratori: D. Campolo, R. 1 Corso di Valutazione Economica dei progetti A.A. 07/08 Il costo globale Proff. F. Calabrò, L. Della Spina Collaboratori: D. Campolo, R. Scrivo Definizione Il costo globale di un bene durevole è rappresentato,

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

WORKSHOP CHI SIAMO CASACLIMA: UNA RISPOSTA SOSTENIBILE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. Matteo Mazzolini Udine, 22 novembre 2012

WORKSHOP CHI SIAMO CASACLIMA: UNA RISPOSTA SOSTENIBILE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. Matteo Mazzolini Udine, 22 novembre 2012 WORKSHOP CASACLIMA: UNA RISPOSTA SOSTENIBILE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Matteo Mazzolini Udine, 22 novembre 2012 CHI SIAMO 2006 Nasce per iniziativa della Provincia di Udine e della Commissione Europea Struttura

Dettagli

Edifici Efficienti ed Edifici "Net Zero" Cosa significa per il settore delle costruzioni?

Edifici Efficienti ed Edifici Net Zero Cosa significa per il settore delle costruzioni? Edifici Efficienti ed Edifici "Net Zero" Cosa significa per il settore delle costruzioni? Heinz Ossenbrink, Unità per l'energia Rinnovabile Centro Comune di Ricerca La Scienza al Servizio della Commissione

Dettagli

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 SunergySOL soluzioni per l energia RISPARMIO ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 L agenda Perché le nostre case hanno costi energetici elevati? L importanza della diagnosi energetica Nuove energie

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

Cos è l efficienza energetica?

Cos è l efficienza energetica? Perugia 10 maggio 2013 Sostenibilità delle strutture ricettive: «dall auditing energetico alla produzione di energia da fonte rinnovabile» Ing. Cristiano Brugnoni - Socio Amministratore - Criadon S.r.l

Dettagli

Questionario di consapevolezza

Questionario di consapevolezza Questionario di consapevolezza Il presente questionario è stato ideato come strumento per permettere al cittadino di acquisire consapevolezza sulle prestazioni energetiche di massima della propria abitazione.

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

La diagnosi energetica delle abitazioni e azioni per ridurre i consumi e i costi di gestione economica, energetica, ambientale

La diagnosi energetica delle abitazioni e azioni per ridurre i consumi e i costi di gestione economica, energetica, ambientale La diagnosi energetica delle abitazioni e azioni per ridurre i consumi e i costi di gestione economica, energetica, ambientale ing. Gianfranco Padovan, Presidente EnergoClub Onlus Francesco Pasqualin,

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene.

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene E un progetto con il quale Banca Popolare di Bergamo contempera l esercizio della propria attività

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

L ALLEGATO ENERGETICO COMUNALE CINQUE ANNI DI APPLICAZIONE

L ALLEGATO ENERGETICO COMUNALE CINQUE ANNI DI APPLICAZIONE CITTA DI SETTIMO TORINESE L ALLEGATO ENERGETICO COMUNALE CINQUE ANNI DI APPLICAZIONE VENERDI 7 NOVEMBRE 2014, ORE 16,30 SALA LEVI, BIBLIOTECA ARCHIMEDE PIAZZA CAMPIDOGLIO, SETTIMO TORINESE QUANDO NASCE

Dettagli

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Stefano Cordiner Università di Roma Tor Vergata cordiner@uniroma2.it Sostenibilità ambientale Le strutture sanitarie esplicano

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE PROGETTO STEEEP WORKSHOP: COME GESTIRE I CONSUMI ENERGETICI IN MODO EFFICIENTE: LO STRUMENTO DELLA CONTABILITA ENERGETICA PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

IL FINANZIAMENTO A SOSTEGNO DI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Massimo Carraro Area Manager Vicenza 11/9/2014

IL FINANZIAMENTO A SOSTEGNO DI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Massimo Carraro Area Manager Vicenza 11/9/2014 IL FINANZIAMENTO A SOSTEGNO DI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Massimo Carraro Area Manager Vicenza 11/9/2014 2 Crescente sensibilità di Famiglie e Imprese al risparmio energetico

Dettagli

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti 37 Intervento dal titolo L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti A cura di Ing. Daniele Forni F.I.R.E. - Federazion Italiana per l uso Razionale dell Energia 39

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Newsletter 1 Il Progetto Class 1 e i suoi principali obiettivi

Newsletter 1 Il Progetto Class 1 e i suoi principali obiettivi Newsletter 1 Il Progetto Class 1 e i suoi principali obiettivi Il Progetto Class 1 Il progetto Class 1 è focalizzato sull ottimizzazione dei sistemi energetici sostenibili in comunità locali, attraverso

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

Salu6 iniziali e primi spun6 [Carlo Boschieri Presidente FIVRA]

Salu6 iniziali e primi spun6 [Carlo Boschieri Presidente FIVRA] Riqualificare gli edifici, una necessità per il rilancio del paese Le opportunità del risparmio energe2co per l economia ed il benessere dei ci6adini Salu6 iniziali e primi spun6 [Carlo Boschieri Presidente

Dettagli

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Ing. Marco Citterio ENEA Metodologia di indagine 1. Acquisizione informazioni Documentazione cartacea Piante edificio Bollette Sopralluoghi

Dettagli

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB. Prof. Giuliano Dall O (Politecnico di Milano) Ing. Elisa Bruni (SACERT)

EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB. Prof. Giuliano Dall O (Politecnico di Milano) Ing. Elisa Bruni (SACERT) EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB AGOMENTI TRATTATI La Direttiva europea 31/2010 e gli edifici a energia quasi zero Elementi che caratterizzano le metodologie esistenti per gli edifici ZEB

Dettagli

Analisi LCC Life Cycle Costing per i canali aria in poliuretano Antonio Temporin

Analisi LCC Life Cycle Costing per i canali aria in poliuretano Antonio Temporin Analisi LCC Life Cycle Costing per i canali aria in poliuretano Antonio Temporin Perché un analisi LCC L'analisi Life Cycle Costing (LCC) permette la stima economica dei costi (debitamente attualizzati)

Dettagli

l esperienza di efm s.r.l.

l esperienza di efm s.r.l. Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà del Gruppo efm e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Centro Idea Centro di Educazione Alla Sostenibilità PROVINCIA DI FERRARA La COS' E' L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) Patto dei Sindaci Un impegno

Dettagli

Uso dell acqua sostenibile: i nuovi paradigmi per gli edifici a energia zero

Uso dell acqua sostenibile: i nuovi paradigmi per gli edifici a energia zero CONVEGNO Acqua ed uso razionale dell energia Uso dell acqua sostenibile: i nuovi paradigmi per gli edifici a energia zero Prof. Giuliano Dall O Presidente del Comitato Scientifico MCE - Mostra Convegno

Dettagli

Autosufficienza energetica: un idea che nasce da lontano

Autosufficienza energetica: un idea che nasce da lontano Autosufficienza energetica: un idea che nasce da lontano Low Energy House (case a basso consumo) tutti gli edifici con prestazioni energetiche sensibilmente migliori rispetto a quelle minime previste dalle

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI Energia e Ambiente UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI uroshunt propone soluzioni avanzate nel campo della produzione di energia, del riscaldamento e del raffreddamento. uroshunt, in partnership

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Rilasciata da RINA con emissione corrente in data 13/07/2012 ATTESTAZIONE SOA Rilasciata da BENTLEY SOA in data 24/01/2013 per le

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy Conto Termico 2013 Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili Introduzione Questo decreto nasce con lo scopo di incentivare interventi di piccole dimensioni per

Dettagli

Efficienza Energetica

Efficienza Energetica Cosa facciamo Analizziamo i consumi energetici. Individuiamo le inefficienze negli utilizzi. Proponiamo soluzioni di efficienza. Prevediamo e verifichiamo i risultati. Efficienza Energetica Come lo facciamo

Dettagli

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE LA RETE D IMPRESA con E LE AZIENDE PARTNER INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE E LE AZIENDE PARTNER Operano con un esperienza trentennale su specifici campi del proprio settore di competenza. Dall installazione

Dettagli

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono:

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono: INTRODUZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà dell Amministrazione Comunale di proseguire nelle azioni propositive per il risparmio energetico, e di rivolgere ai cittadini un riferimento per riflettere

Dettagli

Nearly Zero Energy Building (nzeb) e Zero Energy Building (ZEB). Definizioni e quadro normativo. Arch. Manlio Mazzon

Nearly Zero Energy Building (nzeb) e Zero Energy Building (ZEB). Definizioni e quadro normativo. Arch. Manlio Mazzon Nearly Zero Energy Building (nzeb) e Zero Energy Building (ZEB). Definizioni e quadro normativo. Arch. 2 Impatto ambientale 3 Consumi energetici finali 4 Italia: edificio medio 5 Fabbisogno per riscaldamento:

Dettagli

Milano, 22 maggio 2008

Milano, 22 maggio 2008 CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Incentivazioni e agevolazioni fiscali che richiedono la certificazione energetica e l Audit energetico Milano, 22 maggio 2008 Daniela Colalillo Assoutility Srl-

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA MODELLO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Quadro di riferimento regionale Piano Energetico Regionale Ai consumi

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS ECOMONDO 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? CRITICITA NELLA VALUTAZIONE LIFE CYCLE SUSTAINABILITY ASSESSMENT DI ZERO ENERGY BUILDINGS Michele Paleari Politecnico di

Dettagli

Ottimizzare l efficienza energetica degli edifici esistenti: il Progetto AFTER

Ottimizzare l efficienza energetica degli edifici esistenti: il Progetto AFTER SiTI Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l Innovazione mariagiovanna.dongiovanni@siti.polito.it Seminario HORIZON 2020 Federcasa ATC Torino Scholé SiTI Roma, 10 aprile 2014 Ottimizzare l efficienza

Dettagli

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Un esperienza virtuosa in Classe A Relatore: ing. Michele Sardi Edificio di partenza Classe G Edificio in fase di riqualificazione energetica Classe A Contenuti

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Progetto RESET. L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) parte 1I. Ing. Antonio Mazzon

Progetto RESET. L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) parte 1I. Ing. Antonio Mazzon Progetto RESET L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) parte 1I Ing. Antonio Mazzon 1 Attestato di certificazione energetica 6. Raccomandazioni 2 Analisi costi - benefici Per valutare la convenienza

Dettagli

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55%

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% LA CREAZIONE DI VALORE NEL SETTORE IMMOBILIARE: LE NUOVE OPPORTUNITA PER GLI INGEGNERI GESTIONALI Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% Ordine degli Ingegneri di Napoli Napoli Via del Chiostro 8 SISTEMA

Dettagli

ANALISI DEGLI SCENARI NEL SETTORE DELL'EDILIZIA ALLA LUCE DELLE NUOVE NORMATIVE: OBBLIGHI E OPPORTUNITÀ. Prof. Nicola Bianco

ANALISI DEGLI SCENARI NEL SETTORE DELL'EDILIZIA ALLA LUCE DELLE NUOVE NORMATIVE: OBBLIGHI E OPPORTUNITÀ. Prof. Nicola Bianco ANALISI DEGLI SCENARI NEL SETTORE DELL'EDILIZIA ALLA LUCE DELLE NUOVE NORMATIVE: OBBLIGHI E OPPORTUNITÀ Prof. Nicola Bianco Napoli Mostra d Oltremare 29 marzo 2014 Prof. Ing. Nicola Bianco Università degli

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI

AGEVOLAZIONI FISCALI AGEVOLAZIONI FISCALI Finanziaria 2007 D.M. 07/04/2008 (Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica) + D.M. 19/02/2007 (modificato da D.M. 26/10/2007) D.M. 11/03/2008

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

Le valutazioni economiche nell adozione degli assorbitori

Le valutazioni economiche nell adozione degli assorbitori Le valutazioni economiche nell adozione degli assorbitori Introduzione La convenienza economica di un investimento risulta determinante nella scelta di ogni soluzione impiantistica. La comparazione tra

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

Le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), una opportunità

Le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), una opportunità Le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), una opportunità di sviluppo e un contributo al raggiungimento degli obiettivi del piano energetico Federico Fileni (Ecuba S.r.l.) Mirandola - 22 luglio

Dettagli

Gli edifici a energia zero, gli aspetti essenziali Certificazione energetica degli edifici, rapporto 2013

Gli edifici a energia zero, gli aspetti essenziali Certificazione energetica degli edifici, rapporto 2013 SEMINARIO TECNICO La legge 90/2013 di recepimento nazionale della Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica degli edifici Aspetti tecnici e normativi Gli edifici a energia zero, gli aspetti essenziali

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA SEDE MANI TESE ONG - MILANO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA SEDE MANI TESE ONG - MILANO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA SEDE MANI TESE ONG - MILANO Arch. Piero Basilico RISANARE : UNA SCELTA OBBLIGATA RISANARE : UNA SCELTA POSSIBILE RISANARE : UNA SCELTA CONVENIENTE? Analisi del layout

Dettagli

Efficienza energetica

Efficienza energetica Efficienza energetica negli edifici i La certificazione energetica degli edifici M. De Carli Leggi italiane ai fini del risparmio energetico Legge 373/76 Legge 10/91 DPR 412/93 D.Lgs. 192/2005 D.Lgs. 311/2006

Dettagli

LE AZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO PER GLI ENTI LOCALI

LE AZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO PER GLI ENTI LOCALI Milano 18 ottobre 2012 LE AZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO PER GLI ENTI LOCALI La ristrutturazione energetica NZEB degli edifici pubblici: COSTO o GUADAGNO? 18.10.2012, Milano Technisches Bauphysik Zentrum

Dettagli

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI PIA DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Numero componenti famiglia : Dimensioni dell abitazione: metri quadrati calpestabili _ An o epoca di costruzione dell edificio: _ An di eventuali ristrutturazioni:

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI ED INCENTIVI ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI CON POMPA DI CALORE. dott. ing.

AGEVOLAZIONI FISCALI ED INCENTIVI ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI CON POMPA DI CALORE. dott. ing. Giornata formativa: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO CLIMATICO CON SONDE GEOTERMICHE A CIRCUITO CHIUSO Auditorium Villa Albertini di Arbizzano Negrar (VR) 14 marzo 2014 AGEVOLAZIONI FISCALI

Dettagli

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE NEL 2010 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DELLE RICHIESTE DI DETRAZIONE

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Ufficio Tributario Provinciale referentitributarioprovinciale@confartcn.com cuneo.confartigianato.it Proroga Il decreto legge n. 63/2013 ha prorogato

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo di un sistema

Dettagli

Casa Ecologica. Gianluca Ruggieri. Dipartimento Ambiente-Salute-Sicurezza Università degli Studi dell'insubria

Casa Ecologica. Gianluca Ruggieri. Dipartimento Ambiente-Salute-Sicurezza Università degli Studi dell'insubria Casa Ecologica Gianluca Ruggieri Dipartimento Ambiente-Salute-Sicurezza Università degli Studi dell'insubria La mia bolletta energetica Famiglia di tre persone Appartamento di circa 70 mq Frigorifero,

Dettagli

I costi di LEED in un mercato emergente

I costi di LEED in un mercato emergente I costi di LEED in un mercato emergente GBC Italia Rovereto, 22 Marzo 2011 Arch. Francesco Bedeschi Rome Center Associazione Culturale Sostenibilità In Architettura ARCH. FRANCESCO BEDESCHI LEED AP - Int

Dettagli

Smart & Green Building

Smart & Green Building Smart & Green Building Daniele Pennati ANIE FEDERAZIONE Napoli - 28 marzo 2014 Elettricità futura Crescita sostenibile e sviluppo del settore elettrico FEDERAZIONE ANIE Federazione ANIE rappresenta da

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION

UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION UNI EN15232:2012 - P.I. Marcello Fantina TELMOTOR S.p.A. 15/11/2013 Diapositiva nr. 1 Automazione degli Edifici

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 IMPEGNI PER RIDUZIONE EMISSIONI CO2 1993: SOTTOSCRIZIONE PROTOCOLLO DI KYOTO IMPEGNI ENTRO 2012 EUROPA - 5%! ITALIA - 6,5%! Dati ITALIA 1990-2003

Dettagli

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA Committente Indirizzo Comune sig. Via.. Monte San Pietro edificio Villetta composta da 2 unità immobiliari e 2 piani fuori terra, costruito negli anni 70. Involucro Pareti

Dettagli

Conto Energia Termico 2012

Conto Energia Termico 2012 Studio Bernardi di Andrea Per.Ind. Bernardi Progettazione impianti tecnologici, antincendio e consulenze energetiche Conto Energia Termico 2012 Versione 1 21/11/2012 Via Roma, 223/B 30038 Spinea (VE) -

Dettagli

Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15

Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15 Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15 Risparmiare energia collaborando A cura di Legambiente Risparmiare energia collaborando Le nuove offerte di riqualificazione energetica integrata

Dettagli

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb prof. Ing. Livio de Santoli livio.desantoli@uniroma1.it La normativa ed il ruolo dell efficienza energetica

Dettagli

Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica

Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica Rimini li 30 Marzo 2015 Perché contabilizzare i consumi termici? Perché oggi, sulla spinta delle mutate esigenze ambientali,

Dettagli

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO HOME SOLAR Il progetto è un abitazione monofamiliare con superficie pari a 220 m² totalmente ristrutturata, nel periodo 2010-2011, volto ad un risparmio

Dettagli

La BIO-ARCHITETTURA : cos'è?

La BIO-ARCHITETTURA : cos'è? La BIO-ARCHITETTURA : cos'è? la bio-architettura non è sicuramente un fenomeno legato alla moda ma piuttosto il frutto di una sensibilità che va sempre più maturando nei confronti di temi come il rispetto

Dettagli

Integrazione architettonica del fotovoltaico ed autosufficienza energetica

Integrazione architettonica del fotovoltaico ed autosufficienza energetica Integrazione architettonica del fotovoltaico ed autosufficienza energetica Milano, 14 ottobre 2010 Net Zero Energy Building Net Zero Energy Building means a building where, as a result of the very high

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico COMMISSIONI 10^ E 13^ RIUNITE SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE DEL 20 MAGGIO 2015 DEL SOTTOSEGRETARIO SIMONA VICARI IN MERITO AGLI ATTI COMUNITARI SUL PACCHETTO UNIONE

Dettagli