BANDO DI PARTECIPAZIONE G.C.I.M.S.M.U.N PROGETTI MODEL UNITED NATIONS NEW YORK Anno Scolastico 2012/2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO DI PARTECIPAZIONE G.C.I.M.S.M.U.N PROGETTI MODEL UNITED NATIONS NEW YORK Anno Scolastico 2012/2013"

Transcript

1 BANDO DI PARTECIPAZIONE G.C.I.M.S.M.U.N PROGETTI MODEL UNITED NATIONS NEW YORK Anno Scolastico 2012/2013 Riferimento normativo: Circolare Ministeriale n. 623 per visite e viaggi di istruzione del 2 ottobre 1996 Circolare Ministeriale n. 358 per scambi educativi con l estero del 23 luglio 1996 Circolare Ministeriale n. 59 sulla mobilità studentesca internazionale del 01 agosto 2006 INTRODUZIONE LEONARDO formazione e sviluppo è un ente composto da giovani professionisti e studenti che cooperano per diffondere in Italia e in Europa la conoscenza della diplomazia e del mondo delle relazioni internazionali. In questi anni abbiamo avvicinato migliaia di giovani a questi temi, coinvolgendoli direttamente in progetti di alta formazione realizzati in partnership con organizzazioni internazionali ed enti territoriali. In particolare, LEONARDO formazione e sviluppo è tra le più importanti organizzazioni italiane che curano la partecipazione degli studenti ai Model United Nations, simulazioni di sedute delle Nazioni Unite organizzate da Università di prestigio internazionale (tra queste, l'harvard University) e da enti di formazione accreditati presso l'onu. Prendono parte a tali progetti gli studenti di scuole e università che aderiscono alla nostra rete, ad oggi costituita da più di 70 tra atenei, scuole superiori di primo e secondo grado italiane dislocate su tutto il territorio nazionale (cui si aggiungono le scuole italiane all'estero). La formazione didattica dei progetti è curata in collaborazione con soggetti specializzati nel mondo della formazione, quali: United Network associazione formata da giovani professionisti, dirigenti d'azienda e insegnanti con esperienza decennale nell'ambito della formazione a livello nazionale e internazionale, unitamente alla quale, LEONARDO formazione e sviluppo negli anni passati ha organizzato, ricevendo numerosi riconoscimenti, periodi di stage all'estero, sempre con l'obiettivo di potenziare lo studio delle strutture statuali e delle organizzazioni internazionali da parte degli studenti medi e universitari. COSA SONO I MODELS UNITED NATIONS Sono simulazioni dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite o di altri multilateral bodies, nei quali agli studenti partecipanti, che sono definiti delegati (così come accade nelle reali sedi diplomatiche), spetta la rappresentanza del Paese che gli organizzatori decideranno di assegnare a ciascuna scuola di appartenenza. In queste sedi, dunque, approfondiscono e si confrontano sui temi oggetto dell agenda politica internazionale indossando i panni di ambasciatori e diplomatici. Nel rivestire questo ruolo, i delegati svolgono le attività tipiche della diplomazia: tengono discorsi, preparano bozze di risoluzione, negoziano con paesi alleati e avversari, risolvono conflitti ed imparano a muoversi all interno delle committees adottando le regole di procedura delle Nazioni Unite. In altre parole, essi mettono in moto le risorse della cooperazione internazionale per risolvere i problemi mondiali. I Model United Nations si svolgono in luoghi di particolare importanza: all interno del Quartier Generale delle Nazioni Unite a New York o, ancora, all interno dell Harvard University (Boston). Vi prendono parte alcune migliaia di studenti in rappresentanza di oltre 200 scuole provenienti da tutto il mondo. La simulazione si svolge interamente in lingua inglese. LEONARDO formazione e sviluppo cura la preparazione e la partecipazione ad esse degli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado italiane. Il progetto M.U.N. si articola in due fasi:

2 una fase preparatoria, durante la quale gli allievi studiano sia i temi principali oggetto dell attività internazionale delle Nazioni Unite, sia il modo in cui operare all interno della simulazione;; una fase operativa di azione diretta basata sul metodo del learning by doing, in cui i delegates, mettendo a frutto quanto appreso nel corso propedeutico, vestono il ruolo dei diplomatici all interno del model. LA SELEZIONE I Models rappresentano percorsi di formazione di particolare impegno e prestigio; per tale ragione la selezione e la formazione dello studente rivestono particolare importanza. Ciascuno studente è sottoposto ad un attento procedimento di valutazione finalizzato alla verifica del possesso dei requisiti minimi di partecipazione al progetto. Condizione indispensabile è innanzitutto la conoscenza della lingua inglese. Tale conoscenza sarà oggetto di apposita verifica, a prescindere dal possesso del candidato di abilitazioni o certificati in materia. A questi è richiesta la capacità di comprendere ed esprimersi in lingua inglese in maniera sufficiente, rinviando alla successiva fase di formazione obbligatoria l acquisizione di quelle competenze linguistiche specifiche legate ai temi trattati nella simulazione. Inoltre, costituiscono requisito minimo di accesso l attitudine ed il livello di motivazione dimostrati dal candidato in relazione ai temi trattati, nonché la capacità di affrontare le delicate e complesse tematiche oggetto del Model in maniera critica, mediante lo sviluppo di approcci e punti di vista originali, anche con il ricorso agli strumenti messi a disposizione dalle istituzioni internazionali. La fase di selezione vede la partecipazione attiva delle scuole e del corpo docente interno degli istituti, in un ottica di piena condivisione delle scelte formative con l istituzione scolastica che è messa al centro dell intero progetto, con funzioni di indirizzo delle scelte formative degli studenti. LA FORMAZIONE Ogni studente che partecipa al progetto, in ragione del superamento della selezione, prende parte al corso di formazione Delegate Training Course, il quale persegue diversi obiettivi formativi. Si vuole fornire allo studente la piena conoscenza della nascita, dello sviluppo e del funzionamento delle Nazioni Unite, oltre che del complesso sistema istituzionale che lo compone. Ogni delegate è quindi chiamato ad approfondire i più importanti aspetti del paese che rappresenta in veste di ambasciatore (di norma un paese diverso da quello di appartenenza). Lo studente deve conoscere la storia, la geografia, la cultura del paese rappresentato e, più in generale, ogni aspetto utile rispetto al compito impegnativo cui è chiamato. La preparazione si concentra, quindi, sullo studio del funzionamento degli organismi delle Nazioni Unite in concreto, con particolare riferimento alle committees ai quali lavori gli studenti/diplomatici partecipano. Attenzione particolare è infine riservata all orientamento universitario e post-universitario, finalizzato all esposizione ed alla conoscenza di tutti i percorsi di studi, soprattutto all interno degli atenei stranieri, e nei luoghi di alta formazione correlati al mondo della diplomazia e delle organizzazioni sovranazionali. LA FIGURA DEL DELEGATO Il delegato è il protagonista della simulazione. Non occorre che lo studente che si accinge a diventare delegate abbia approfondite conoscenze nel campo delle situazioni politico-economiche internazionali. Chiunque abbia l ambizione di fare un percorso di vita che lo conduca ad occuparsi di politica, legge, diritto, economia, diplomazia può sperimentare questa forma di learning by doing. La preparazione della simulazione richiede solo l avvio di un percorso di apprendimento avente ad oggetto i rudimenti del sistema delle organizzazioni internazionali e le regole di procedura dalle stesse applicate. Lo studio condotto in Italia fornisce al delegato il background necessario ad assumere un ruolo di leadership sin dall apertura dei lavori della propria commissione. Non appena fa ingresso nella meeting room dove si riunisce la propria committee, il delegate cessa di essere uno studente ed assume ufficialmente il ruolo di diplomatico. A partire da questo momento, si applicano sul campo le conoscenze acquisite in Italia nei mesi precedenti. Lo

3 scopo dell attività svolta all interno della commissione è quello di saldare il consenso della comunità internazionale attorno ad un documento che adotti soluzioni che realizzino gli interessi del Paese rappresentato. Nel corso dei lavori, il delegato persegue due obiettivi fondamentali: da una parte, sarà tenuto ad esprimere il punto di vista del Paese rappresentato e a giungere a soluzioni per esso soddisfacenti (id est, in linea con gli interessi nazionali);; dall altra parte, dovrà contribuire all adozione di decisioni che siano considerate giuste ed equilibrate dalla Comunità internazionale nel suo insieme, o dalla sua larga maggioranza. Da questo punto di vista, si tratta di accrescere il prestigio e la legittimazione goduti dal proprio Stato agli occhi dell opinione pubblica mondiale. Ciascuna scuola o gruppo di studenti rappresenta un Paese. Ogni studente è un delegato del Paese assegnato alla scuola e lo rappresenta all interno di una specifica commissione delle Nazioni Unite. Ciò può essere illustrato con un esempio: il liceo classico Bertrand Russell di Roma potrebbe avere una delegazione di venti studenti, cui è attribuito dagli organizzatori della simulazione il compito di rappresentare la Francia. Nell esempio, ciascuno studente (o coppia di studenti) sarà un delegato della Francia in una commissione delle Nazioni Unite e rappresenterà le posizioni ufficiali della Francia all interno della Commissione. A tal fine, i delegati dovranno ricostruire o, se del caso, persino immaginare quelle che potrebbero essere le indicazioni del Governo francese innanzi ai vari problemi in agenda. Le commissioni nella simulazione sono le stesse presenti realmente alle Nazioni Unite e si occupano dei temi dalle stesse trattati. Lo staff board decide quali paesi saranno presenti all interno delle commissioni, sulla base di quello che attualmente avviene alle Nazioni Unite. IL VALORE FORMATIVO La partecipazione ai models induce a conoscere le preoccupazioni e le speranze dei popoli che si trovano nelle diverse regioni del mondo;; a comprendere come la vita di tali popoli può essere migliorata grazie all intervento dell ONU;; ad acquisire capacità e comportamenti che contribuiscono alla cooperazione internazionale. Allo stesso tempo, i delegati apprendono alcune tecniche di relazione interpersonale e, sempre più, fanno proprio il concetto di globalizzazione. Dall altra parte, i delegati prendono contatto con i bisogni, gli obiettivi e le linee di politica estera del Paese che essi rappresentano all evento. L apprendimento risulta particolarmente efficace poiché richiede la produzione di documenti originali e soluzioni argomentate. Ciò vuol dire che la storia, la cultura, l economia, la geografia del Paese rappresentato non sono studiati passivamente: la conoscenza di questi costituisce il punto di partenza per definire politiche credibili sui temi trattati nella simulazione. La cultura straniera viene approfondita dai delegati per immedesimarsi nel ruolo dei diplomatici e coniugare gli interessi dello Stato assegnato con quelli della comunità globale. La simulazione rappresenta anche un iniziativa di orientamento, poiché lo studente apprende elementi di diritto e relazioni internazionali e potrebbe maturare se del caso un interesse ed una passione che lo spingono a preferire determinati superiori e, non troppo poi lontani, studi universitari in vista di una carriera nell ambito delle organizzazioni internazionali. I PREMI La simulazione è strutturata sotto forma di competizione. L attività di ciascun delegato viene valutata dai Directors delle commissioni e, alla fine di ogni sessione, vengono assegnati dei punteggi. I punti totalizzati da ciascun delegato vengono sommati a quelli (eventualmente) ottenuti dagli appartenenti alla medesima delegazione. Alla fine della simulazione, saranno premiate le delegazioni che hanno totalizzato i punteggi più alti. Per l attribuzione dei punti è valutata la verosimiglianza dell attività svolta dal delegato e l efficacia della sua azione. A tal fine, bisogna assumere comportamenti paragonabili a quelli che, presumibilmente, un vero diplomatico del Paese rappresentato terrebbe nelle stesse circostanze. Tale abilità è definita to stay in character. Essa consiste nel prevedere quali potrebbero essere le politiche del Paese rappresentato in ordine alle problematiche trattate (topics in agenda) Naturalmente, ciò richiede uno studio accurato nei mesi che

4 precedono la simulazione: il lavoro di preparazione in Italia è essenziale per avere consapevolezza del ruolo giocato dal proprio Paese all interno della Comunità internazionale. Scopo della simulazione è vincere. Tale obiettivo viene conseguito dagli studenti che incarnano il ruolo di diplomatici nel modo più plausibile. I premi saranno assegnati al Paese nel suo complesso: ciò significa che per ottenere una menzione è necessario che tutti gli studenti conseguano performance di alto livello. I premi vengono conferiti pubblicamente in modo solenne durante la cerimonia di chiusura della simulazione. Nella scorsa edizione, LEONARDO formazione e sviluppo, in collaborazione con UN, ha conseguito due dei più importanti riconoscimenti previsti: Miglior Delegazione Straniera e Miglior Position Paper. IL CODICE DEI MODELS Le simulazioni di processi diplomatici riflettono l attenzione per la forma tipica del mondo della diplomazia. Esiste un codice di regole che riguardano sia il modo di vestire, sia il modo di rapportarsi agli altri delegati. L applicazione delle regole formali non è meno importante del rispetto delle regole di procedura, poiché tali regole denotano tutte, comunque, il rispetto che gli Stati e i loro rappresentanti si tributano reciprocamente. La violazione del codice può dare luogo ad incidenti diplomatici che ogni delegato vorrebbe evitare. Si richiede dunque l utilizzo del c.d. Western formal dress. Ciò significa che gli uomini sono tenuti ad indossare un abito, composto da pantaloni (dunque non un paio di jeans) e da una giacca intonata agli stessi (lo spezzato non è escluso), una camicia (dunque non una t-shirt, né una polo) ed una cravatta. La calzatura occorre che sia una scarpa chiusa (non da ginnastica). L utilizzo delle calze è obbligatorio. Le donne sono tenute ad indossare un tailleur (gonna o pantaloni). Per il resto, l aspetto deve dare un senso di ordine e pulizia della persona. GLI INCONTRI ISTITUZIONALI Da questo punto di vista, assume particolare importanza il mission briefing, previsto nell ambito della simulazione di New York. Si tratta dell incontro con gli ambasciatori che effettivamente rappresentano il Paese assegnato in seno all Organizzazione delle Nazioni Unite. Tale evento, che ha luogo sotto l alto patrocinio delle Nazioni Unite, si inserisce strutturalmente e a pieno titolo nella simulazione; tuttavia, le sue modalità variano di anno in anno, anche in base alla disponibilità del personale diplomatico del Paese rappresentato che, per avventura, potrebbe essere oberato da pressanti impegni istituzionali proprio nei giorni della simulazione. In ogni caso, il contatto diretto col mondo della diplomazia è un momento immancabile ed un aspetto caratterizzante della simulazione. Inoltre, compatibilmente con gli impegni istituzionali del Consolato Italiano a New York, come nelle scorse edizioni, si avrà l occasione di conoscerne i rappresentanti diplomatici o personalmente il Console Generale Italiano con il quale ci si potrà confrontare in un dibattito relativo all esperienza in corso. COME PARTECIPARE Ogni anno, nel mese di settembre, LEONARDO formazione e sviluppo pubblica un bando. Possono prendere parte ai Model United Nations tutti gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado italiane i cui istituti abbiano firmato un protocollo d'intesa con LEONARDO formazione e sviluppo. Gli studenti potranno iscriversi alla selezione entro e non oltre la data comunicata per ciascun istituto scolastico, mediante la procedura di iscrizione on line disponibile sul sito avendo cura di specificare la scuola di appartenenza. Il modulo d'iscrizione al test d ingresso (disponibile su richiesta anche presso i referenti del progetto del proprio istituto scolastico) dovrà essere compilato in ogni sua parte e unitamente ai relativi allegati (fotocopia fronte/retro di un documento di riconoscimento dello studente e importo di per spese di segreteria) dovrà essere consegnato al docente referente del progetto dell istituto scolastico o ad un referente di LEONARDO formazione e sviluppo, secondo indicazioni, entro e non oltre la data fissata per la suddetta selezione d ammissione al progetto. L iscrizione alla selezione consentirà allo studente di partecipare alla relativa procedura di verifica;; non darà, tuttavia, diritto alla partecipazione al progetto, essendo quest ultima subordinata al superamento della procedura selettiva. IL TEST D INGRESSO

5 La prova, in lingua inglese, si articolerà in un test di 15 domande a risposta multipla, ed in un colloquio orale motivazionale svolto da una commissione mista formata da docenti di LEONARDO formazione e sviluppo e da docenti interni alla scuola. Sulla base del punteggio ottenuto, espresso in centesimi, la commissione esaminatrice, il cui giudizio è insindacabile, stilerà una graduatoria. Gli studenti non ritenuti idonei (che abbiano conseguito, cioè, un punteggio inferiore ai 60/100) non potranno prendere parte al progetto. L esito della prova sarà comunicato individualmente ai candidati a mezzo , in ottemperanza a quanto disposto dal D. Lgs. 196/2003 in materia di tutela della riservatezza. Qualora gli studenti idonei dovessero essere in numero superiore ai posti messi a bando per la scuola di appartenenza, la relativa assegnazione seguirà l ordine in graduatoria*. *Per maggiori informazioni scrivi a o rivolgiti al tuo referente scolastico. IL PERCORSO DIDATTICO Al fine di garantire una preparazione di alto profilo didattico agli studenti/delegati che intendano prendere parte al Model United Nations, LEONARDO formazione e sviluppo prevede un percorso di formazione suddiviso in cinque moduli. I primi tre moduli contemplano 25 ore di didattica frontale che si terranno presso le sedi delle scuole aderenti al progetto. Tale percorso formativo, che si terrà prevalentemente in lingua inglese, oltre a conferire agli studenti, le adeguate competenze e la conoscenza del progetto didattico in questione, permetterà inoltre a questi di perfezionare la lingua inglese, indirizzandoli al raggiungimento delle competenze linguistiche richieste dal quadro comune di riferimento europeo (livello A1, A2 e B1), oggi più che mai rilevanti nell ambito dei curricula dei giovani europei. Da aggiungere alle suddette 25 ore di didattica frontale, sono le ore di studio individuale (non meno di 10) indispensabili ad ogni singolo studente per la redazione del proprio Position Paper (documento personale in lingua inglese relativo ai due topics trattati da ciascuna commissione) da inviare all ONU, a cura dell ente formatore, almeno un mese prima della data di partenza. Il quarto modulo consta di 5 ore di simulazione della simulazione, ovvero una prova generale della conferenza di New York (MUN), cui i delegati sono tenuti a partecipare al fine di conseguire l attestato delle Nazioni Unite. Infine, il quinto modulo non è altro che la partecipazione al progetto MUN di New York, ossia 60 ore di conferenze ONU. Il percorso didattico, dunque, avrà una durata di circa 100 ore complessive. 1. Il primo modulo COUNTRY DEVELOPMENT & POSITION PAPER I delegati, dopo essere stati messi al corrente del paese che dovranno rappresentare presso le Nazioni Unite e dopo essere stati suddivisi nelle varie commissioni presso cui dovranno lavorare, avranno il compito di redigere un position paper, in altre parole una relazione sintetica in inglese sulla posizione politica, geo-economica e sociale del paese rappresentato, ovviamente in relazione agli argomenti (topics) presenti in agenda presso l O.N.U.. Questo modulo è sicuramente il più importante ed ha lo scopo di introdurre gli studenti ai lavori che dovranno svolgere durante il percorso didattico che li porterà alla Conference di NYC. Lo staff didattico ed il tutor di riferimento seguiranno pedissequamente i delegati nelle ricerche da eseguire e forniranno tutti gli strumenti necessari per una corretta elaborazione del position paper. 2. Il secondo modulo RULES OF PROCEDURES Questo modulo avrà per oggetto lo studio delle regole di procedura che disciplinano lo svolgimento delle sessioni di lavoro e la cui conoscenza è presupposto fondamentale per la corretta partecipazione al M.U.N.. A questo si aggiungerà uno studio riguardante le strategie politiche di negoziazione internazionale.

6 3. Il terzo modulo DELEGATES SKILLS AND MORE Sarà approfondita la conoscenza degli strumenti tecnici necessari per prendere parte alle commissioni (committees). Saranno analizzati i processi di formazione degli speeches e delle resolutions, strumenti fondamentali sui quali si basano i lavori della conference ed ai quali ogni delegato deve contribuire attivamente. 4. Il quarto modulo SIMULATION SKILLS E il momento di verifica delle conoscenze acquisite durante il corso. Prove generali di simulazione. 5. Il quinto modulo NEW YORK. THE CONFERENCE 2013 La partecipazione alla Conferenza O.N.U. è la fase conclusiva del percorso didattico. Gli studenti avranno la possibilità di mettere in pratica quanto appreso durante il corso di formazione (metodo learning by doing), e di confrontarsi con altri studenti provenienti dalle scuole di tutto il mondo. Fasi della conferenza sono le seguenti attività: Opening Ceremony: la cerimonia di apertura dei lavori che, secondo tradizione, si svolge all interno del Palazzo di Vetro dell ONU e che, compatibilmente agli impegni istituzionali, generalmente è presieduta da personalità quali il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, l Onorevole Boutros Ghali, l Ambasciatore Bill Richardson. I membri dello staff organizzativo accolgono i delegati partecipanti alla Conferenza. Mission briefing: lo staff organizzativo di LEONARDO formazione e sviluppo provvederà a fissare un appuntamento con gli ambasciatori del paese rappresentato presso le Nazioni Unite. Plenary Session: la presentazione e la votazione formale delle resolutions e dei reports presso l aula dell Assemblea Generale dell ONU in seduta plenaria. Closing Ceremony: la cerimonia di chiusura dei lavori e di premiazione con gli awards alle migliori scuole partecipanti all interno del Palazzo di Vetro dell ONU. Integration School Day*: consiste in un giorno di visita presso una High School di New York. I gruppi di studio avranno la possibilità di assistere e partecipare alle lezioni in aula di scuole americane a New York. *Previa conferma disponibilità delle high schools ospitanti. DOCENTI ACCOMPAGNATORI LEONARDO formazione e sviluppo riconosce alla scuola la gratuità per un docente accompagnatore, con sistemazione in camera doppia, ogni 15 studenti partecipanti. In caso di mancato raggiungimento del suddetto numero minimo, o per ulteriori accompagnatori, sarà necessario l intervento da parte dell istituto partecipante in ragione del numero di studenti mancante al raggiungimento della soglia suddetta. In alternativa, in accordo con la scuola, LEONARDO formazione e sviluppo potrà dar luogo ad una joint delegation con gli altri istituti partecipanti.

7 ASSISTENZA E CODICE DI COMPORTAMENTO Gli studenti che prenderanno parte al MUN saranno seguiti professionalmente e accompagnati in tutte le fasi del progetto dai membri dello staff tecnico e didattico e dai docenti accompagnatori. Gli studenti selezionati dovranno sottoscrivere il codice di comportamento redatto da LEONARDO formazione e sviluppo in conformità a quanto stabilito dall ente organizzatore presso le Nazioni Unite. La violazione delle disposizioni del codice di comportamento, sia durante la simulazione, sia durante il soggiorno a New York comporteranno la sospensione immediata dal progetto, l eventuale espulsione dallo stesso e, per i casi più estremi, il rientro anticipato in Italia, senza la possibilità di alcun rimborso. GCIMSMU Global Classroom International Middle School Model United Nations 2.200,00 New York (USA), 8 14 APRILE 2013 Tra le più prestigiose e partecipate simulazioni al mondo per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado, GCIMSMUN è organizzata dall United Nation Association of the United States of America s (UNA-USA), ente accreditato presso il Dipartimento di Formazione delle Nazioni Unite e partner di UN. Per questo model, United Network coinvolge un ampio numero di scuole sul territorio italiano. Giunto alla sua 8a edizione, GCIMSMUN vede la partecipazione di circa studenti provenienti da 20 diversi paesi. Sono previsti anche momenti di divertimento e socialità, come l Integration School Day, occasione per i nostri studenti italiani di visitare una vera middle school statunitense. La quota comprende la partecipazione al Training Course, il supporto in itinere di tutors qualificati ed i seguenti servizi: Biglietto aereo a/r per New York con partenza da Roma, Milano* Pernottamento in camere multiple per 7g/6n in o/b presso il Grand Hyatt Hotel**** di NYC Trasferimenti privati a/r aeroporto hotel N 6 colazioni con la Starbucks Card all interno dell hotel o adiacenti allo stesso N 3 voucher per pasto completo (bevande incluse), presso l Hard Rock Cafè, Planet Hollywood e il Bubba Gump, da effettuarsi nei giorni dove non sono previsti i lavori in commissione N 3 voucher per pasto completo (bevande incluse) presso i Daily New York adiacenti lo stesso hotel Accesso diretto e prepagato alle più famose ed importanti attrazioni della città con trasferimenti privati ove necessario: The Museum of Modern Art (MoMA), Liberty Island ed Ellis Island o Circle Line Sightseeing Cruises, Top of the Rock Observatory, Cattedrale St. Patrick,, Word Trade Center, Wall Street, Pier 17, ecc Assicurazione sanitaria base Materiale didattico di preparazione e accesso alla piattaforma didattica on-line Registration fees al Global Classroom International Middle School Model United Nations Quota associativa UN 2012/2013 Attestato di partecipazione e certificato di frequenza NB: Tutte le quote sopra descritte non comprendono le tasse aeroportuali. * Per le partenze da tutte le altre città, diverse da Roma, Milano, è previsto un supplemento di SERVIZI ACCESSORI FACOLTATIVI NON OBBLIGATORI ESTENSIONE ASSISTENZA SANITARIA, SPESE MEDICHE E DI VIAGGIO 120,00 Su richiesta, è possibile integrare la copertura assicurativa già inclusa nella quota base di partecipazione (Mondial Assistance) sottoscrivendo un estensione di polizza assicurativa medica per l assistenza sanitaria e le

8 spese mediche per gli Stati Uniti. Caratteristica principale della polizza è il rimborso o pagamento diretto delle spese mediche, farmaceutiche, ospedaliere e chirurgiche con massimale illimitato. E.S.T.A. 60,00 Dal 12 gennaio 2009, per avere accesso negli Stati Uniti, è entrato in vigore il programma Viaggio senza visto. Pertanto è obbligatorio effettuare una procedura denominata ESTA (Electronic System for Travel Authorization). Tale procedura, che ha validità biennale, a decorrere dal non è più gratuita. MODALITÀ DI ACCREDITAMENTO La quota di partecipazione dovrà essere versata non oltre le seguenti date, previa accettazione del partecipante se maggiorenne, o dal genitore che abbia sottoscritto regolarmente il relativo contratto di adesione* : - 800,00 entro e non oltre giorni 06 (sei) lavorativi dall incontro con i genitori che seguirà la comunicazione dell esito della selezione di ammissione al progetto e la sottoscrizione del contratto ,00 entro e non oltre la data del 15/12/ Saldo della quota di partecipazione e degli eventuali servizi accessori facoltativi (incluse le tasse aeroportuali) entro il 19/01/2013. * Disponibile online sul sito unitednetwork.it solo per gli studenti risultati idonei al progetto. AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E' prevista la possibilità di dilazionare il pagamento della quota di partecipazione secondo le modalità prestabilite dai nostri istituti di credito convenzionati (Neos finanziamenti / Unicredit banca) così come segue (non è prevista alcuna spesa per l istruttoria della pratica, ed i finanziamenti sono validi solo per partecipazioni individuali)*: *Esempio di finanziamento per il : IMPORTO DURATA RATA 2.000,00 12 MESI ,00 08 MESI ,00 06 MESI LE BORSE DI STUDIO LEONARDO formazione e sviluppo attribuisce borse di studio di 500,00 cadauna per i primi classificati in graduatoria. Requisito per concorrere alle suddette borse di studio, è averne fatta esplicita richiesta, Ai fini dell assegnazione delle borse di studio, farà fede la graduatoria relativa alla prova di selezione. Per studenti partecipanti s intendono gli studenti che hanno versato la prima quota di partecipazione. Le borse saranno erogate in detrazione al saldo, secondo le modalità riportate in tabella. STUDENTI BORSE DI STUDIO

9 I RICONOSCIMENTI ISTITUZIONALI Di seguito uno tra i più rappresentativi e gratificanti riconoscimenti ricevuti a plauso del nostro lavoro durante la scorsa edizione dei M.U.N.: Catania, 30/03/2012 Federico Paganucci Amministratore Unico LEONARDO formazione e sviluppo

!!! PROGETTI MODEL UNITED NATIONS. Anno Scolastico 2014/2015

!!! PROGETTI MODEL UNITED NATIONS. Anno Scolastico 2014/2015 PROGETTI MODEL UNITED NATIONS Anno Scolastico 2014/2015 INTRODUZIONE UNlab è un ente composto da giovani professionisti e studenti che cooperano per diffondere in Italia e in Europa la conoscenza della

Dettagli

PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2014/2015

PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2014/2015 PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2014/2015 Riferimento normativo: Ø Circolare Ministeriale n. 623 per visite e viaggi di istruzione del 2 ottobre 1996 Ø Circolare Ministeriale

Dettagli

PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2015/2016

PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2015/2016 INTRODUZIONE UNlab è un ente composto da giovani professionisti e studenti che cooperano per diffondere in Italia e in Europa

Dettagli

Change the World Model United Nations 2012 (CWMUN) BANDO DI PARTECIPAZIONE

Change the World Model United Nations 2012 (CWMUN) BANDO DI PARTECIPAZIONE Change the World Model United Nations 2012 (CWMUN) BANDO DI PARTECIPAZIONE Possono partecipare tutti gli studenti regolarmente iscritti in scuole e università al momento della pubblicazione del presente

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE PROGETTI MODEL UNITED NATIONS

BANDO DI PARTECIPAZIONE PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE PROGETTI MODEL UNITED NATIONS NATIONAL HIGH SCHOOL MODEL UNITED NATIONS UNA - USA MODEL UNITED NATIONS ----------------------- Novembre 2010 - Maggio 2011 PREMESSA I progetti M.U.N.

Dettagli

Progetto Diplomatici a New York 2012/2013- Change the world Model UN

Progetto Diplomatici a New York 2012/2013- Change the world Model UN Progetto Diplomatici a New York 2012/2013- Change the world Model UN Diplomatici: l associazione Diplomatici gestisce da tredici anni la partecipazione degli studenti ai Model United Nations, le prestigiose

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE ALLE CONFERENZE O.N.U.

BANDO DI PARTECIPAZIONE ALLE CONFERENZE O.N.U. BANDO DI PARTECIPAZIONE ALLE CONFERENZE O.N.U. Anno Scolastico 2014/15 Riferimento normativo: Circolare Ministeriale n. 623 per visite e viaggi di istruzione del 2 ottobre 1996, Circolare Ministeriale

Dettagli

PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2013/2014

PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2013/2014 PROGETTI MODEL UNITED NATIONS BANDO DI PARTECIPAZIONE Anno Scolastico 2013/2014 Riferimento normativo: Circolare Ministeriale n. 623 per visite e viaggi di istruzione del 2 ottobre 1996 Circolare Ministeriale

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE AL PROGETTO N.M.U.N. Riservato a n. 30 studenti della Facoltà di Scienze Politiche Università degli studi di Catania

BANDO DI PARTECIPAZIONE AL PROGETTO N.M.U.N. Riservato a n. 30 studenti della Facoltà di Scienze Politiche Università degli studi di Catania Pagina1 Premesse: BANDO DI PARTECIPAZIONE AL PROGETTO N.M.U.N. Riservato a n. 30 studenti della Facoltà di Scienze Politiche Università degli studi di Catania DTN è un ente nazionale di formazione accreditato

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE AI PROGETTI M.U.N. Anno Accademico 2011/2012 (Riservato a n. 100 studenti)

BANDO DI PARTECIPAZIONE AI PROGETTI M.U.N. Anno Accademico 2011/2012 (Riservato a n. 100 studenti) Premesse: BANDO DI PARTECIPAZIONE AI PROGETTI M.U.N. Anno Accademico 2011/2012 (Riservato a n. 100 studenti) D.T.N. è un ente nazionale di formazione accreditato nonché preparation centre della University

Dettagli

L offerta formativa del corso di preparazione al Model UN consiste un ciclo di lezioni ripartite in 4 moduli:

L offerta formativa del corso di preparazione al Model UN consiste un ciclo di lezioni ripartite in 4 moduli: Il Delegate Program: National Model United Nation dal 22 al 26 Marzo 2015 Possono presentare domanda di partecipazione tutti gli studenti regolarmente iscritti a corsi universitari o che hanno conseguito

Dettagli

ASSOCIAZIONE DIPLOMATICI. Immagina 2500 studenti provenienti da

ASSOCIAZIONE DIPLOMATICI. Immagina 2500 studenti provenienti da ASSOCIAZIONE DIPLOMATICI Immagina Roma e New York ASSOCIAZIONE Immagina il centro DIPLOMATICI della diplomazia mondiale Immagina più di 1200 studenti ASSOCIAZIONE DIPLOMATICI provenienti da ogni parte

Dettagli

CONTRATTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO GCMSMUN 2012

CONTRATTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO GCMSMUN 2012 CONTRATTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO GCMSMUN 2012 L anno, il giorno del mese di, tra la società LEONARDO formazione e sviluppo srl, nella persona del legale rappresentante pro-tempore, Federico Paganucci,

Dettagli

entro domenica 30 novembre 2014 direttamente online sul sito. È preferibile comunicare l avvenuta iscrizione anche al prof. referente del progetto

entro domenica 30 novembre 2014 direttamente online sul sito. È preferibile comunicare l avvenuta iscrizione anche al prof. referente del progetto Progetto CW MUN Change the World Model United Nations Scheda riassuntiva Ente organizzatore: Iscrizione: Costi iniziali: Associazione Diplomatici www.diplomatici.it entro domenica 30 novembre 2014 direttamente

Dettagli

Italian!Diplomatic!Academy!!!Accademia!Italiana!per!la!Formazione!e!gli!Alti!Studi! Internazionali!

Italian!Diplomatic!Academy!!!Accademia!Italiana!per!la!Formazione!e!gli!Alti!Studi! Internazionali! MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO NATIONALHIGHSCHOOLMODELUNITEDNATIONS201542016 StudentiAmbasciatorialleNazioniUnite ItalianDiplomaticAcademy

Dettagli

A.1 DENOMINAZIONE PROGETTO

A.1 DENOMINAZIONE PROGETTO Progetto CWMUN '15 N documento PL-FP15 www.enteunione.com All rights reserved - copyright 2008/2014 Titolo FORMULARIO PROGETTO Attività Presentazione Progetto A.1 DENOMINAZIONE PROGETTO Change the World

Dettagli

Master Post Laurea Auditing e Controllo Interno Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO

Master Post Laurea Auditing e Controllo Interno Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO BANDO DI CONCORSO Ottobre 2009 Ottobre 2010 Art. 1 Istituzione master Presso la Facoltà di Economia dell Università di Pisa è istituito, ai sensi dell art. 4 dello Statuto, e attivato per l anno accademico

Dettagli

Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14. Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme

Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14. Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14 Roma 18-19 Marzo New York City 20-27 Marzo Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme La partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

Management delle aziende sanitarie

Management delle aziende sanitarie ANNO ACCADEMICO 2009-2010 BANDO DI CONCORSO Hsfhjgh.jvn.xcbvmn-lòkjbfdgjwà

Dettagli

MOBILITA INTERNAZIONALE DEGLI STUDENTI

MOBILITA INTERNAZIONALE DEGLI STUDENTI MOBILITA INTERNAZIONALE DEGLI STUDENTI L istituzione scolastica Polo Valboite, nell intento di favorire l educazione interculturale e nella convizione che gli scambi internazionali rappresentino una risorsa

Dettagli

A.1 DENOMINAZIONE PROGETTO

A.1 DENOMINAZIONE PROGETTO Progetto CWMUN '16 N documento PL-FP16(ver2.0) www.enteunione.com All rights reserved - copyright 2008/2014 Titolo FORMULARIO PROGETTO Attività Presentazione Progetto A.1 DENOMINAZIONE PROGETTO Change

Dettagli

NATIONAL HIGH SCHOOL MODEL UNITED NATIONS 2015 - Studenti Ambasciatori alle Nazioni Unite-

NATIONAL HIGH SCHOOL MODEL UNITED NATIONS 2015 - Studenti Ambasciatori alle Nazioni Unite- NATIONAL HIGH SCHOOL MODEL UNITED NATIONS 2015 - Studenti Ambasciatori alle Nazioni Unite- TARGET DEL PROGETTO: Il programma NHSMUN - Studenti Ambasciatori alle Nazioni Unite mira a consolidare la cultura

Dettagli

18 COSE CHE NON PUOI NON SAPERE SULL HIGH SCHOOL PROGRAM

18 COSE CHE NON PUOI NON SAPERE SULL HIGH SCHOOL PROGRAM 18 COSE CHE NON PUOI NON SAPERE SULL HIGH SCHOOL PROGRAM 1.Cos è L HIGH SCHOOL PROGRAM: E un programma di studio all estero, rivolto a studenti dai 14 ai 18 anni; 2.LA DURATA DEL PROGRAMMA: E possibile

Dettagli

SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII

SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII Presentazione Il Master mira alla definizione di una figura professionale tecnico-scientifica di alto livello

Dettagli

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 -

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - Europe Direct Frosinone, centro di informazione e comunicazione europea ospitato dalla Provincia di Frosinone ed appartenente alla rete Europe Direct,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE REGOLAMENTO PER GLI STAGE emanato con D.R. n. 5146 del 2000, successivamente modificato con D.R. n. 9 del 16 gennaio 2007 e D.R. n. 198 del 29 novembre 2011 1/5 ART. 1 Ambito di applicazione 1.1 Il presente

Dettagli

Avviso pubblico: Richiesta di manifestazioni di interesse alla partecipazione

Avviso pubblico: Richiesta di manifestazioni di interesse alla partecipazione Avviso pubblico: Richiesta di manifestazioni di interesse alla partecipazione al percorso biennale Tecnico superiore per l organizzazione e la fruizione dell informazione e della conoscenza Video making

Dettagli

International Relation Office

International Relation Office International Relation Office BANDO PER BORSE DI STUDIO ALL ESTERO AI FINI DELLA PREDISPOSIZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 I EDIZIONE Finalità L Università degli Studi di

Dettagli

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese.

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. + z. www.co.camcom.gov.it Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. Le adesioni sono aperte fino al 10 gennaio 2013. ART. 1

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI DIRITTI ALL ESENZIONE DAL PAGAMENTO DELLA RETTA UNIVERSITARIA E PRESTITI D ONORE Art. 1 - Premessa Il seguente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA Art. 1 - Finalità, durata, e modalità di assegnazione 1. La

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

BANDO. Per il Corso di formazione in Europrogettazione

BANDO. Per il Corso di formazione in Europrogettazione BANDO Per il Corso di formazione in Europrogettazione - Presentazione L accesso ai finanziamenti diretti e ai fondi strutturali dell Unione europea rappresenta un opportunità di sviluppo e di apertura

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Alla Cortese Attenzione del Dirigente Scolastico Istituto Statale di Istruzione Superiore "E. Fermi"

Alla Cortese Attenzione del Dirigente Scolastico Istituto Statale di Istruzione Superiore E. Fermi Alla Cortese Attenzione del Dirigente Scolastico Istituto Statale di Istruzione Superiore "E. Fermi" Oggetto: Richiesta di riconoscimento del progetto NHSMUN 2014/15 tra le attività scolastiche del P.O.F.

Dettagli

Prot.n. 0002656/A/38 R.L. Monza, 4 dicembre 2014

Prot.n. 0002656/A/38 R.L. Monza, 4 dicembre 2014 Prot.n. 0002656/A/38 R.L. Monza, 4 dicembre 2014 A tutte le Istituzioni Scolastiche della Rete dei Licei di Monza e Brianza Sito web della Rete dei Licei di Monza e Brianza www.reteliceimonzabrianza.it

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

I requisiti di ammissibilità alla selezione sono i seguenti:

I requisiti di ammissibilità alla selezione sono i seguenti: MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI GUIDA PER LO STUDENTE

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DI PRODOTTI DI ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI

BANDO DI SELEZIONE TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DI PRODOTTI DI ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI BANDO DI SELEZIONE per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per: ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO COMMERCIO ESTERO

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO COMMERCIO ESTERO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Piazza Insurrezione n. 1A - 35137 PADOVA AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO COMMERCIO ESTERO Le prove scritte di selezione

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

Art. 3 Domanda e modalità per l ammissione Per essere ammesso al Master, il candidato dovrà effettuare online, entro la data 8 luglio 2015:

Art. 3 Domanda e modalità per l ammissione Per essere ammesso al Master, il candidato dovrà effettuare online, entro la data 8 luglio 2015: MODALITÀ DI AMMISSIONE E ISCRIZIONE AL MASTER DI 1 LIVELLO IN CUCINA POPOLARE ITALIANA DI QUALITÀ ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Art. 1 Indicazioni di carattere generale L Università degli Studi di Scienze

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica apparati e sistemi ottici Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica, apparati e sistemi ottici La figura in oggetto è: Tecnico installatore reti

Dettagli

Articolo 2 Periodo di studio all estero

Articolo 2 Periodo di studio all estero BANDO DI MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA DI DOPPIA LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA DEL TURISMO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA (ITALIA) E DELL ACCADEMIA INTERNAZIONALE

Dettagli

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia 1. Presentazione Piano formativo Social Innovation in Learning e Concorso Social

Dettagli

Selezione per la partecipazione al Bando MIUR per borse di studio per studenti universitari di lingua e cultura russa. Anno 2014.

Selezione per la partecipazione al Bando MIUR per borse di studio per studenti universitari di lingua e cultura russa. Anno 2014. Prot. nr. 136 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Largo S. Eufemia, 19 41121 MODENA centralino 059 205 5811 fax 059 205 593 - fax 059 205 5933

Dettagli

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA CIMBA CIMBA, in Italia dal 1991, è un consorzio di 36 Università americanecon sede a Paderno del Grappa (TV) che organizza programmi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Master in Finanza e Controllo di Gestione Formazione Avanzata Economia

Master in Finanza e Controllo di Gestione Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO Anno Accademico 2009/2010 Art. 1 Istituzione del master Presso la Facoltà di Economia dell Università di Pisa è istituito, ai sensi dell art. 4 dello Statuto e attivato per l Anno Accademico

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

BANDO AVVISO DI SELEZIONE. corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE

BANDO AVVISO DI SELEZIONE. corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE \ BANDO AVVISO DI SELEZIONE corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE promosso da Isttituto Europeo Ricerca Formazione

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. Bando di partecipazione alle procedure di audizione per la selezione di strumentisti. I Edizione

BANDO DI SELEZIONE. Bando di partecipazione alle procedure di audizione per la selezione di strumentisti. I Edizione BANDO DI SELEZIONE Bando di partecipazione alle procedure di audizione per la selezione di strumentisti I Edizione Il presente Bando ed ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.bibliopan.it

Dettagli

QQUALITÀ&IMPEGNO COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO!

QQUALITÀ&IMPEGNO COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO! icon il Progetto Giovani Talenti ti garantiamo: La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l opportunità LUCIO ANNEO SENECA COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO! QQUALITÀ&IMPEGNO

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR preposti alla formazione del personale docente per il Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri SOMMARIO TITOLO I - Norme comuni e generali... 2 Art. 1 Ambito di applicazione... 2 Art. 2

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

"Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU)

Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 edizione I sessione III Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

Articolo 1 Il Master. Articolo 2 Organizzazione didattica del Master

Articolo 1 Il Master. Articolo 2 Organizzazione didattica del Master BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO IN ASSICURAZIONI, GESTIONE E FINANZA DELLA PREVIDENZA OBBLIGATORIA E COMPLEMENTARE, ASSISTENZA SANITARIA PUBBLICA E INTEGRATIVA M.A.P.A. 13^ Edizione Anno Accademico

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

VALUTARE NELLA SANITÀ E NEL SOCIALE LIVELLO II - EDIZIONE III A.A. 2015-2016

VALUTARE NELLA SANITÀ E NEL SOCIALE LIVELLO II - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 VALUTARE NELLA SANITÀ E NEL SOCIALE LIVELLO II - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 Presentazione In considerazione dell'ampio spettro dei corsi di laurea che possono dare accesso al master, le lezioni cominceranno

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS DI MOLFETTA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS DI MOLFETTA Prot. N. 3273/A13c del 30 maggio 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS DI MOLFETTA Vista la nota della MIUR - Direzione Generale per gli Affari Internazionali prot.

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE)

REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE) REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE) 1) USCITE ORARIO Le uscite orario sono per lo più finalizzate ad eventi culturali e sportivi.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A246 - Lingua e civiltà francese Il tirocinio formativo attivo (TFA)

Dettagli

MASTER di I Livello MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312

MASTER di I Livello MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312 MASTER di I Livello 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312 Pagina 1/7 Titolo MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Edizione 2ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 In convenzione con Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DIDATTICHE PER IL SOSTEGNO E L INTEGRAZIONE

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

SU CARTA INTESTATA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

SU CARTA INTESTATA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ALLEGATO 1. PATTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO DAL MESE DI SETTEMBRE 2014 AL MESE DI MAGGIO 2015 percorso in alternanza scuola-lavoro PRIMA PARTE DENOMINAZIONE PERCORSO:. PROFILO DELL INDIRIZZO DI STUDIO

Dettagli

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3. PROGETTO ASFODELO Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.2 Avviso pubblico per manifestazioni di interesse a partecipare al percorso di rafforzamento delle

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

Regolamento del concorso

Regolamento del concorso ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Regolamento del concorso FINALITÀ DEL CONCORSO Le finalità del concorso sono duplici. Da un lato, sensibilizzare gli alunni delle scuole

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per:

BANDO DI SELEZIONE. per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per: BANDO DI SELEZIONE per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per: TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DI PRODOTTI DI ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI FIGURA NAZIONALE DI RIFERIMENTO Coordinatore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN WELFARE PUBBLICO E PRIVATO E LE CASSE DI PREVIDENZA PER I PROFESSIONISTI. (Master PreviCasse)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN WELFARE PUBBLICO E PRIVATO E LE CASSE DI PREVIDENZA PER I PROFESSIONISTI. (Master PreviCasse) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN WELFARE PUBBLICO E PRIVATO E LE CASSE DI PREVIDENZA PER I PROFESSIONISTI (Master PreviCasse) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI N. 50 PARTECIPANTI AL CORSO DI FORMAZIONE IN TEMA DI VALUTAZIONE E ANALISI DELLE PERFORMANCE DELLE AZIENDE SANITARIE, ISTITUITO DALL AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

A.A. 2010/2011 PRIMA DELLA PARTENZA:

A.A. 2010/2011 PRIMA DELLA PARTENZA: VADEMECUM/ISTRUZIONI PER IL TIROCINANTE BORSE DI TIROCINIO FORMATIVO ALL ESTERO E IN ITALIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE E LINGUA E CULTURA ITALIANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress Bando di Concorso per le scuole superiori Concorso Social Innovation...in Progress 1. Presentazione La Fondazione ÈBBENE, in collaborazione con l Incubatore Certificato Consorzio Sol.CO Rete di imprese

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA - Visto il decreto.11.1999, n 509, come modificato dal DM 270/2004 art., c. 10, che prevede che le università italiane possano rilasciare diplomi/titoli accademici in collaborazione con università straniere;

Dettagli

SIOI Società Italiana per l Organizzazione Internazionale

SIOI Società Italiana per l Organizzazione Internazionale Università degli Studi di Camerino SIOI Società Italiana per l Organizzazione Internazionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in COOPERAZIONE GIUDIZIARIA INTERNAZIONALE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Facilitare, per quanto possibile, i contatti fra lo studente e la scuola italiana.

Facilitare, per quanto possibile, i contatti fra lo studente e la scuola italiana. Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti di Torino Mobilità degli Studenti - Regolamento d Istituto a.s. 2015/16 Il documento presente si rivolge ai Genitori, agli Studenti e ai Docenti e costituisce norma,

Dettagli