Correnti Vaganti 29/10/ GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1."

Transcript

1 Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico o associato alla circolazione di corrente continua, può subire attacchi di corrosione per interferenza. L'interferenza risulta tanto maggiore quanto più intenso è il campo elettrico. Se la struttura estranea è dotata di un rivestimento perfetto,, l'interferenza non può avvenire; ma se è presente anche un solo difetto nelle zone di rilascio della corrente, allora gli effetti di interferenza diventano molto severi, poiché la corrente intercettata viene scambiata tutta in quel punto. 2 (No Pansa).ppt 1

2 Si parla di interferenza non stazionaria quando il campo elettrico è variabile: è il caso classico di interferenza derivante dalle correnti vaganti disperse dai sistemi di trazione a corrente continua. In figura è riportato l'esempio di interferenza di una struttura metallica interrata situata parallelamente ad una linea di tranviaria elettrificata. sottostazione + _ terreno tratto catodico tratto anodico struttura metallica interferita 3 Gli impianti di trazione a corrente continua utilizzano un conduttore isolato collegato al polo positivo, mentre il polo negativo, o ritorno, è costituito dalla rotaia. Questa non può mai essere perfettamente isolata da terra. Durante il movimento di un convoglio, la corrente di alimentazione ne dal polo positivo della sottostazione percorre il conduttore fino al treno, quindi attraverso le ruote passa ai binari per rientrare al polo negativo della sottostazione. In questo ultimo tratto, la corrente può utilizzare per il ritorno le rotaie, oppure il terreno, oppure entrambi. Solo le correnti disperse di tipo continuo che provocano effetti di corrosione significativi; quelle alternate danno luogo a corrosione unicamente per densità di corrente molto elevate, nell ordine di alcune decine di ampere per metro quadrato. A titolo esemplificativo,, neln caso del ferro il passaggio di 1 A provoca la dissoluzione di circa 9 kg di ferro in un anno. Oppure, in altri termini, una densit nsità di corrente di 1 A/m² (= 100 A/cm cm²) ) provoca una diminuzione di spessore alla velocità di 1 mm/anno. 4 (No Pansa).ppt 2

3 29/10/ La corrente di ritorno, dispersa dalle rotaie verso il terreno, investe le strutture metalliche situate in prossimità prossimità. Nel caso di una condotta interrata parallela alla linea ferroviaria, ferroviaria, illustrato dalla figura, la corrente dispersa nel terreno utilizza la condotta stessa come ulteriore ulteriore circuito alternativo di ritorno alla sottostazione. Le superfici metalliche dove la corrente circola dal terreno verso verso il metallo risultano polarizzate catodicamente e quindi in parte o completamente protette; protette; viceversa quelle dove la corrente circola in senso opposto, dal metallo verso l l ambiente, sono polarizzate anodicamente e i processi di corrosione risultano accelerati. sottostazione + _ terreno tratto catodico tratto anodico struttura metallica interferita 5 Interferenza elettrica delle armature nel calcestruzzo Come per le strutture metalliche interrate, anche le armature nel nel calcestruzzo possono risultare interferite; il cemento è infatti un ambiente con conducibilità conducibilità ionica, seppure caratterizzato da elevata resistività resistività. Valgono per il caso in esame delle armature nel calcestruzzo le considerazioni generali viste sopra. In particolare l l interferenza provoca corrosione dell dell armatura nelle zone anodiche della struttura, dove la corrente circola nel verso da armatura a calcestruzzo. 6 (No Pansa).ppt 3

4 Criteri di accettabilità Gli effetti di corrosione sono trascurabili se il potenziale si mantiene nell intervallo di passività,, indicativamente sino a +0,6 V (rispetto all elettrodo di riferimento al calomelano) per strutture non carbonatate,, nén contaminate da ioni cloruro. Strutture in cemento armato (CA): CAMPO DI POTENZIALE E > 0,6 V E > 0,6 V per una quota non continuativa di tempo inferiore al 5 % del tempo di esposizione -1,1 V < E < 0,6 E < -1,1 V EVENTI ASSOCIATI corrosione passività (corrosione trascurabile) passività (corrosione trascurabile) perdita di aderenza 7 Strategie di minimizzazione delle correnti vaganti Massimo isolamento rotaie verso terra per minimizzare le correnti disperse dalle rotaie Massima conduttanza longitudinale rotaie per agevolare il corretto ritorno della corrente in sottostazione Sezionamento strutture metalliche potenzialmente interessate da correnti vaganti per minimizzare la propagazione delle correnti vaganti 8 (No Pansa).ppt 4

5 Come regola generale, al fine di minimizzare la propagazione del fenomeno delle correnti vaganti nei sistemi di trazione in corrente continua (metropolitane, tramvie, ), occorre che le strutture in cemento armato connesse al sistema a di trazione (tunnel, viadotti, solettoni,, edifici, ), siano opportunamente sezionate mediante giunti dielettrici. Ne consegue che il sistema delle terre deve essere progettato in stretto coordinamento con le strategie di minimizzazione delle correnti vaganti adottate. Progettazione Sistema delle Terre Strategia minimizzazione correnti vaganti (posizionamento giunti dielettrici) La norma EN costituisce il principale riferimento in materia. 9 Enti terzi: Quando strutture di Enti terzi (non direttamente coinvolte nel sistema s di trazione) quali ad esempio tubazioni, edifici,, sono soggette a rischio reale di corrosione dovuta a correnti vaganti, è necessario adottare provvedimenti precauzionali (sezionamento longitudinale, l rivestimenti dielettrici, ) ) per garantirne l immunitl immunità. 10 (No Pansa).ppt 5

6 Sistema di monitoraggio Il sistema di monitoraggio delle interferenze elettriche si basa sulla misura del potenziale delle armature (o in generale di strutture metalliche) ) rispetto ad un elettrodo di riferimento e sulla sua eventuale variazione nel tempo (cercando di rendere minimi i contributi di caduta ohmica nel terreno). I dati i di potenziale delle armature, rilevati in posizioni significative delle opere interpretati retati in accordo ai criteri di insorgenza di effetti negativi, di corrosione o di infragilimento o delle armature, consentono infatti di individuare le situazioni di interferenza e di eventuale corrosione delle armature da esse derivanti. Il tempo di misura è di solito di 24 ore, per poter cogliere tutte le possibili situazioni di campo elettrico nel terreno. Il sistema di monitoraggio proposto sarà costituito da: predisposizioni per il collegamento alle armature; posti di misura, disposti lungo il tracciato della tranvia. 11 Ogni posto di misura sarà costituito da: elettrodo di riferimento fisso per la misura del potenziale, annegato negato nel calcestruzzo; collegamento elettrico all'armatura, in corrispondenza al punto di misura stesso; cassetta con morsettiera, alla quale fanno capo il collegamento elettrico e l'elettrodo di riferimento, situata in posizione facilmente accessibile e protetta. In corrispondenza ai posti di misura verranno effettuate le registrazioni dei potenziali delle armature mediante strumento registratore. 12 (No Pansa).ppt 6

7 Correnti vaganti : sistema di monitoraggio rod electric cable reference electrode Punto di misura ed elettrodo di riferimento installato in corrispondenza del sezionamento dei ferri di armatura della struttura. Le opere civili devono essere coordinate con i criteri di minimizzazione delle correnti vaganti, predisponendo inoltre punti di misura in posizioni strategiche. tegiche. 13 la misura diretta di corrente Alternativamente, in presenza di un sistema collettore per le correnti vaganti, è possibile effettuare il monitoraggio attraverso la misura diretta di corrente sui collegamenti predisposti verso il circuito di ritorno di trazione. Tuttavia si riscontra che l utilizzo l di questa configurazione di sistema porta ad un globale aumento del fenomeno delle correnti vaganti. 14 (No Pansa).ppt 7

8 29/10/ LA SOLUZIONE e la SICUREZZA? 15 CEI EN EN par.5.4 par. 5.4 CEI...la sbarra negativa nelle SSE e simili installazioni deve essere gestita in maniera che risulti isolata da... deve essere predisposto un dispositivo automatico di limitazione della tensione connesso tra la terra sbarra negativa e la terra..." CEI EN par. 8.2 Nei sistemi di trazione in c.c. allo scopo di minimizzare le correnti vaganti, la connessione diretta [tra il circuito di ritorno e l'impianto di terra della sottostazione] non deve essere realizzata, salvo quando considerazioni di sicurezza esigano la messa a terra diretta..." CEI EN par "... devono essere usati dispositivi di limitazione della tensione per realizzare un collegamento aperto tra le parti conduttrici esposte e il circuito di ritorno per consentire l'interruzione della corrente di guasto, in un tempo ridotto e limitare quindi la tensione..." CEI EN par CEI EN par In un sistema di trazione in c.c., allo scopo di minimizzare le correnti vaganti, non è opportuna la messa a terra diretta delle rotaie di corsa..." (No Pansa).ppt 16 8

9 INTERVENTO SEMICONDUTTORI INTERVENTO DISPOSITIVO MTA Vcc - Diagramma secondo le norma CEI EN Funzionamento MTA con relè di protezione c.c. Vca - Diagramma secondo le norma CEI EN Funzionamento MTA con relè di protezione c.a. 17 Metro Genova: sistema di monitoraggio delle correnti vaganti (tratta DiNegro De Ferrari) 18 (No Pansa).ppt 9

10 Metro Genova: sistema di monitoraggio delle correnti vaganti (tratta DiNegro De Ferrari) 19 Come si nota dagli schemi precedenti, il sezionamento delle strutture tture (tunnel + solettone + sistema di terra) è realizzato mediante introduzione di giunti dielettrici. All interno di ciascuna tratta verrà assicurata la continuità elettrica delle armature della tratta stessa. In base alle esigenze imposte dalla progettazione del sistema globale di terra, in coordinamento con i criteri di minimizzazione delle correnti vaganti, anti, sono presenti dei collegamenti di by-pass su alcuni giunti dielettrici che garantiscono, in tutte le sezioni, le necessarie condizioni di sicurezza elettrica. In corrispondenza delle estremità di ogni tratta continua di struttura viene predisposto l accesso al collegamento elettrico all armature armature mediante piastre metalliche. Le posizione all estremit estremità delle tratte continue in cemento armato sono infatti quelle dove si prevede lo scambio di corrente tra armatura e cemento. 20 (No Pansa).ppt 10

11 Correnti Vaganti Fine (No Pansa).ppt 11

Magnetic field. Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche

Magnetic field. Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche Magnetic field Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche M.Moro - G. Lucca SIRTI spa TUBAZIONI METALLICHE CORROSIONE in corrente continua (correnti vaganti prodotte

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

Prevenzione della Corrosione

Prevenzione della Corrosione DL MK1 BANCO DI LAVORO PER LA PROTEZIONE CATODICA La Protezione Catodica è una tecnica di controllo della corrosione di una superficie metallica facendola funzionare come il catodo di una cella elettrochimica.

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA SCELTA E DIMENSIONAMENTO DEI COMPONENTI ELETTRICI Nella sesta edizione della norma, il capitolo 54 "Messa a terra e condutture di protezione" ha subito poche modifiche, che

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso 1 Principale normativa inerente impianti di messa a terra Impianti elettrici CEI 99-2 (IEC EN 61936-1) CEI 99-3 (EN 50522)

Dettagli

Guida alla realizzazione dell impianto di terra - seconda parte -

Guida alla realizzazione dell impianto di terra - seconda parte - Guida alla realizzazione dell impianto di terra - seconda parte - Pubblicato il: 11/03/2004 Aggiornato al: 12/03/2004 di Gianluigi Saveri L impianto di terra è costituito dall insieme di elementi metallici

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE TRAZIONE ELETTRICA. METROPOLITANA LEGGERA DI CAGLIARI LINEA 3 collegamento Repubblica/Matteotti/Stazione

PROGETTO PRELIMINARE TRAZIONE ELETTRICA. METROPOLITANA LEGGERA DI CAGLIARI LINEA 3 collegamento Repubblica/Matteotti/Stazione Comune di Cagliari policlinico ARST S.p.A. settimo s.p. METROPOLITANA LEGGERA DI CAGLIARI LINEA 3 collegamento Repubblica/Matteotti/Stazione gottardo repubblica PROGETTO PRELIMINARE san saturnino bonaria

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

3 CORROSIONE E PROTEZIONE NEL TERRENO

3 CORROSIONE E PROTEZIONE NEL TERRENO 3 CORROSIONE E PROTEZIONE NEL TERRENO 3.1 FATTORI. TIPI DI CORROSIONE. RIVESTIMENTI. PROTEZIONE CATODICA. Nel sottosuolo sono posati vari tipi di strutture metalliche: condotte in acciaio o ghisa per il

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

Betoncino armato in presenza di murature soggette a umidità

Betoncino armato in presenza di murature soggette a umidità Betoncino armato in presenza di murature soggette a umidità In riferimento agli interventi di miglioramento statico delle murature esistenti, mediante rinforzo strutturale con betoncino armato, spesso

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1 2 IMPIANTI DI MESSA A TERRA INTRODUZIONE Il momento più opportuno per iniziare l installazione dell impianto di messa a terra coincide con le fasi di scavo delle fondamenta.

Dettagli

16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata

16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata 16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI Trazione Elettrica corrente alternata I sistemi di trazione elettrica ferroviaria La trazione elettrica in corrente continua: - a 1,5 kv - a 3 kv La trazione elettrica

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Guida alla realizzazione dell impianto di terra

Guida alla realizzazione dell impianto di terra Guida alla realizzazione dell impianto di terra 1. Generalità L impianto di terra è costituito dall insieme di elementi metallici che collegano, per motivi di sicurezza o funzionali, varie parti dell impianto

Dettagli

METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI

METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI INDICE MOEV-1 Verifica impianti di terra per sistemi elettrici TT Protezione mediante interruzione automatica dell alimentazione MOEV-2

Dettagli

Guida alla realizzazione dell impianto di terra di Gianluigi Saveri

Guida alla realizzazione dell impianto di terra di Gianluigi Saveri Guida alla realizzazione dell impianto di terra di Gianluigi Saveri 1. Generalità L impianto di terra è costituito dall insieme di elementi metallici che collegano, per motivi di sicurezza o funzionali,

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Sezione Trentino Alto Adige Südtirol Seminario tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Gastone Guizzo Trento, 13 novembre

Dettagli

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti Contatti indiretti Premessa Nel presente articolo è trattata l installazione degli interruttori differenziali modulari per la protezione delle persone dai contatti indiretti nell edilizia residenziale.

Dettagli

per l installazione di linee di collegamento di impianti a corrente debole in zone particolarmente pericolose

per l installazione di linee di collegamento di impianti a corrente debole in zone particolarmente pericolose Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI Direttive per l installazione di linee di collegamento di impianti a corrente debole in zone particolarmente pericolose Autori Johann Kreis, ESTI

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 E09 00 CALCOLO RETE DI TERRA E SPECIFICHE SETTEMBRE

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

6 Protezione contro i fulmini interna

6 Protezione contro i fulmini interna 6 Protezione contro i fulmini interna 6.1 Collegamento equipotenziale per installazioni metalliche Collegamento equipotenziale secondo CEI 64-8/4 e CEI 64-8/5 Il collegamento equipotenziale viene richiesto

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Taggia Provincia di Imperia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI MURO DI SOSTEGNO VILLA CURLO

Dettagli

Protezione e sicurezza di un impianto

Protezione e sicurezza di un impianto Protezione e sicurezza di un impianto Partendo dalla normativa di riferimento il modulo presenta i dispositivi indispensabili alla protezione dell'impianto dalle fulminazioni sia di tipo diretto che indiretto.

Dettagli

ÉTUDE COMPATIBILITÉ ELECTROMAGNETIQUE VERS TIERS / STUDIO COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA VERSO IMPIANTI TERZI CAVIDOTTO 132 KV VENAUS-SUSA

ÉTUDE COMPATIBILITÉ ELECTROMAGNETIQUE VERS TIERS / STUDIO COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA VERSO IMPIANTI TERZI CAVIDOTTO 132 KV VENAUS-SUSA SOMMAIRE / INDICE RESUME/RIASSUNTO... 3 1. GENERALITA... 4 2. NORME DI RIFERIMENTO... 6 2.1 CEI 103-6 LIMITI RELATIVI ALLA SICUREZZA (DELLE PERSONE)... 6 2.2 CEI 103-6 LIMITI RELATIVI AL DANNO AGLI IMPIANTI...

Dettagli

Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese

Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Esecuzione dell impianto di terra. Protezione dai contatti indiretti nei sistemi IT. Protezione dai contatti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI Sistema di alimentazione: ---------- Norme di riferimento: o Norma CEI 81-1 Protezione delle strutture contro i fulmini ; o Norma CEI 81-4

Dettagli

La protezione. catodica galvanica. Mapei S.p.A. - Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. 02 37673.1 - Fax 02 37673.214 - www.mapei.com - mapei@mapei.

La protezione. catodica galvanica. Mapei S.p.A. - Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. 02 37673.1 - Fax 02 37673.214 - www.mapei.com - mapei@mapei. C.P. MK 838810 (I) 10/09 La protezione La protezione Mapei S.p.A. - Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. 02 37673.1 - Fax 02 37673.214 - www.mapei.com - mapei@mapei.it Mapei edita una collana di fascicoli

Dettagli

Corrosione e protezione in acqua di mare

Corrosione e protezione in acqua di mare Corrosione e protezione in acqua di mare Luciano Lazzari Laboratorio di Corrosione dei Materiali P. Pedeferri Dip. Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica G. Natta Politecnico di Milano Le strutture Le

Dettagli

I locali da bagno e doccia

I locali da bagno e doccia I locali da bagno e doccia 1. Classificazione delle Zone In funzione della pericolosità, nei locali bagno e doccia (Norma 64-8 sez. 701) si possono individuare quattro zone (fig. 1) che influenzano i criteri

Dettagli

SISTEMI PER IMPIANTI DI MESSA A TERRA

SISTEMI PER IMPIANTI DI MESSA A TERRA SISTEMI PER IMPIANTI DI MESSA A TERRA CARATTERISTICHE TECNICHE I materiali usati per i dispersori devono resistere agli effetti elettrici ed elettrodinamici della corrente ed agli sforzi accidentali prevedibili

Dettagli

Caratteristiche delle tubazioni per acquedotto (I)

Caratteristiche delle tubazioni per acquedotto (I) Caratteristiche delle tubazioni per acquedotto (I) P N = Pressione nominale (da UNI EN 805 del 2002: PFA = Pression de Fonctionnement Admissible). È un elemento caratteristico della produzione dei componenti

Dettagli

Generazione campo magnetico

Generazione campo magnetico ELETTRO-MAGNETISMO Fra magnetismo ed elettricità esistono stretti rapporti: La corrente elettrica genera un campo magnetico; Un campo magnetico può generare elettricità. Generazione campo magnetico Corrente

Dettagli

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 Riferimenti normativi Riferimenti che riguardano il prelievo e la fornitura di energia elettrica dalle reti MT e BT: CEI

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica. Che cosa cambia con la Guida CEI 81-27 e la II edizione delle Norme CEI EN 62305

Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica. Che cosa cambia con la Guida CEI 81-27 e la II edizione delle Norme CEI EN 62305 Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica Che cosa cambia con la Guida CEI 81-27 e la II edizione delle Norme CEI EN 62305 La protezione contro le sovratensioni negli impianti elettrici

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Protezione catodica galvanica per impedire la corrosione dell acciaio

Protezione catodica galvanica per impedire la corrosione dell acciaio Protezione catodica galvanica per impedire la corrosione dell acciaio Protezione catodica galvanica per impedire la corrosione dell acciaio Il sistema di protezione catodica galvanica può essere utilizzato

Dettagli

28-4-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 97

28-4-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 97 Art. 7. Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ed entra in vigore il quindicesimo giorno successivo alla sua pubblicazione. Roma, 4 aprile 2014 Il Ministro:

Dettagli

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento Elettrostatica 1. Si può purificare l'aria dalla polvere sfruttando la differenza di potenziale elettrico fra un filo ed un cilindro di metallo. All'interno del cilindro si formano facilmente degli ioni

Dettagli

Impermeabilizzazioni in HDPE

Impermeabilizzazioni in HDPE Impermeabilizzazioni in HDPE Condominio e Box interrati Prove geo elettriche su geomembrana in HDPE impermeabilizzazione dei garage sotterranei e dei tetti dei Palazzi A, B e C Relazione tecnica a cura

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2 COENTE ELETTICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V isolati tra loro V > V 1 V V 1 Li colleghiamo mediante un conduttore Fase transitoria: sotto

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA

CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA 1. Premessa Le definizioni sono riportate nell Appendice A. 1.1 Tipi di messa a terra I tipi di messa a terra sono: messa a terra di protezione,

Dettagli

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Tecnologie Top Level Advanced Technologies for Protection and Insulation- 1 INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Il ruolo degli agenti

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

Risposta dell ESTI Messa a terra di rivestimenti in acciaio al cromonichel: cosa preconizza la norma?

Risposta dell ESTI Messa a terra di rivestimenti in acciaio al cromonichel: cosa preconizza la norma? 01/2012 Domanda formulata da un costruttore di cucine in merito alla messa a terra di rivestimenti in acciaio al cromonichel o relativa alla messa a terra di canali metallici. Durante i controlli di impianti

Dettagli

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing.

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing. Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni Prof.ing. Alfonso Capasso Torino 26 Maggio 2009 LINEE FERROVIARIE AV CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

6 CEMENTO ARMATO ( B O Z Z A )

6 CEMENTO ARMATO ( B O Z Z A ) 6 CEMENTO ARMATO Questo capitolo è ampiamente tratto dal volume di Pietro Pedeferri e Luca Bertolini La durabilità del calcestruzzo armato, Ed. Mc Graw Hill, 2000. ( B O Z Z A ) 6.1 INTRODUZIONE 6.1.1

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

L'impianto elettrico per il bagno

L'impianto elettrico per il bagno OBIETTIVO PROFESSIONE L'impianto elettrico per il bagno Nella progettazione degli impianti elettrici per le nuove abitazioni, da tempo si sono affermate due linee guida: una attenzione alle soluzioni che

Dettagli

Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno

Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno 2 Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno Il Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno costituisce un presidio di mitigazione del rischio

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

VR INSULATION KIT. VR INSULATION KIT

VR INSULATION KIT. VR INSULATION KIT Il meccanismo della corrosione galvanica o elettrochimica si produce secondo un processo ad umido e si innesca quando due materiali di diverso potenziale elettrico (può essere anche lo stesso materiale

Dettagli

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE Introduzione La protezione contro le sovratensioni, rientra tra le prescrizioni per la sicurezza e deve

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

ETICHETTE PRESENTI SU TUTTI I SISTEMI DI ANCORAGGIO

ETICHETTE PRESENTI SU TUTTI I SISTEMI DI ANCORAGGIO L NORMA EN 12 195-2 Mazo 2001 a decisione di rispettare il contenuto della norma EN 12 195-2 è stata presa perché permette di fornire un sistema di ancoraggio avente le informazioni per chi lo utilizza

Dettagli

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 I N D I C E 1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 1.1. CRITERIO DIMENSIONAMENTO CAVI... 2 1.2. CALCOLO DELLA SEZIONE DEI CONDUTTORI IN FUNZIONE DELLA CORRENTE CIRCOLANTE... 2 1.3. COEFFICIENTI

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Forum UNI-CIG Milano 14/06/2012

Forum UNI-CIG Milano 14/06/2012 Forum UNI-CIG Milano 14/06/2012 Strutture tt sicure che durano nel tempo: la protezione catodica e il ruolo di APCE ing. Vincenzo Mauro Cannizzo Presidente APCE La Protezione Catodica (PC) Così è chiamata

Dettagli

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 1 NOVITA GUIDA CEI 82-25 1. Novità normative: guida CEI 82-25 edizione settembre 2010 2. Novità tecniche: impianti fotovoltaici a concentrazione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio INTRODUZIONE Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità...

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità... PIANO DI MANUTENZIONE PAG 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 1 MANUALE D USO... 3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 2.1 Risorse

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli