INDICE. Banche del Tempo e la loro funzione per il rafforzamento nel locale Dott. Marcello FIGUCCIO Esperto Politiche Sociali. pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Banche del Tempo e la loro funzione per il rafforzamento nel locale Dott. Marcello FIGUCCIO Esperto Politiche Sociali. pag."

Transcript

1

2 INDICE Banche del Tempo e la loro funzione per il rafforzamento nel locale Dott. Marcello FIGUCCIO Esperto Politiche Sociali. pag. 3 Stranieri: rapporto commentato sulla Germania Prof. Franco Gaboardi - Docente Diritto Amministrativo e Contabilità Enti Pubblici Università di Torino....pag. 24 Standard e strumenti per il trattamento degli atti amministrativi: il progetto Pacto Pietro Mercatali, Francesco Romano - Istituto di Teoria e Tecniche dell'informazione Giuridica del Consiglio Nazionale delle Ricerche...pag. 27 Limiti all esercizio del potere deliberativo del Consiglio Comunale, dopo l indizione dei comizi elettorali. Dott. Salvatore Circhirillo - Già Segretario e Direttore Generale di ente locale (Dott. Luciano Menon) - Funzionario comunale... pag. 38 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 del 5 marzo pag. 44 Dipartimento della Funzione Pubblica Circolare n. 4 del 18 aprile 2008 Oggetto: Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008) - Linee guida ed indirizzi in materia di mobilità..pag. 51 Il Regolamento di Attuazione ed Esecuzione del Codice dei Contratti Pubblici Geom. Pierdomenico Albanese -..pag. 58 La salute quale fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività nell ordinamento costituzionale Dott.ssa Paola FORNARI Collaboratrice Amministrativa presso l Università degli Studi di Milano- Bicocca.pag. 64 Pubblicazione bilanci - Bilancio Comune di Jesolo.pag Comune di Muggiò provincia di Milano.pag Bilancio Comune di Parma...pag Bilancio consuntivo 2006/2008 Provincia di Firenze...pag Bilancio provincia di Novara pag Bilancio Provincia di Parma. pag Bilancio Provincia di Savona....pag Bilancio Provincia di Terni....pag Bilancio Provincia di Vercelli...pag. 85 Iniziative CSA Corso di formazione La Gestione del patrimonio immobiliare...pag. 86 Corso di formazione - Il Sistema di valutazione del personale...pag. 88 Seminario I contratti relativi a Derivati Finanziari negli enti territoriali...pag. 91 2

3 BANCHE DEL TEMPO E LA LORO FUNZIONE PER IL RAFFORZAMENTO DEL LOCALE Dott. Marcello FIGUCCIO Esperto Politiche sociali 1 - Introduzione Le Banche del Tempo nascono nel mondo in vari paesi per l iniziativa di gruppi di cittadini come risposta a difficoltà reali e in regioni toccate da forti crisi economiche. Possiamo sostenere che il sistema trainante delle Banche del Tempo è stato quello dei LETS System (Local Echange Trading System), apparso negli anni 80 all isola di Vancouver, all estremo ovest del Canada, per mezzo dello scozzese Michael LINTON; egli rimase colpito nel vedere tanta gente dotata di conoscenze ridotta all'inattività per mancanza di denaro e si mise in testa di razionalizzare un diverso sistema di scambio utilizzato localmente, inventando i LETS (Sistema Locale di Scambio Commerciale). Questa idea si è propagata in Canada, in Australia, in Gran Bretagna e nei Paesi Bassi e, attualmente, questa rete raggruppa in Gran Bretagna più di persone in seno a circa 300 gruppi. Dobbiamo rammentare che l idea dei LETS parte dalla istituzione di un sistema di scambio non monetario che si diffonde con motivazioni e modelli differenti, ma soprattutto essi nascono nei quartieri più poveri delle città, conquistando nel tempo anche le campagne. Nella realtà I LETS si organizzano in Canada già fin dal 1975 utilizzando monete locali riferite alla valuta nazionale quali il dollaro o il tempo inteso come ora di lavoro; successivamente dal 1985 questo sistema di scambio locale si è diffuso rapidamente in Europa (Inghilterra, Germania, Francia Belgio; Scozia, Italia, etc.) e nel mondo (Argentina, Messico; Venezuela, Brasile, Australia, Senegal e così via). D altra parte non dobbiamo dimenticare che il tempo in cui i LETS sono nati fotografa un periodo di disoccupazione strutturale e di esclusione di molte persone dal mondo del lavoro con la messa in pensione anticipata; per questo motivo le Banche del Tempo conoscono una rapida espansione (in particolare, in Inghilterra, il sorgere dei LETS fu favorito dalla stretta del Welfare del periodo Tacheriano), tanto più oggi in cui la globalizzazione ha creato una forte disuguaglianza sociale non solo nei paesi ricchi, ma in tante parti del sud del mondo. Se andiamo vedere le banche del tempo nate in Francia, i SEL (Sisème d Echange Local Sistema di Scambio Locale), il primo SEL francese è nato ad Ariete nell ottobre 1994 e contava nel aderenti. Attualmente in Francia se ne contano circa 350; esse si sviluppano sulla base di una amara constatazione di un certo Francois Terris 1 il quale affermò che: "La ricchezza di 350 abitanti, i più ricchi della terra, è uguale alla "ricchezza" (o alla miseria?) di due miliardi e trecento milioni di abitanti i più poveri nel mondo. Il sistema monetario arcaico e superato continua a regnare perpetrando danni all'umanità e i nostri telescopi sono così potenti che non potremo più vedere quello che accade qui, a casa nostra". 1 Francesco Terris, co-fondatore di Sel'idaire e del primo SEL in Francia (Ariège) nel

4 Vale la pena ricordare quanto sostiene Serge Latouche nel suo libro Come sopravvivere allo sviluppo 2 nel quale mette in evidenza il rapporto dell United Nations developmente Programme del 1998 dal quale si evince che dal 1950 la ricchezza del pianeta è cresciuta di sei volte, il reddito medio degli abitanti di 100 dei 174 paesi esaminati è in piena regressione, così come l aspettativa di vita. Le tre persone più ricche del mondo dispongono di una fortuna superiore al Pil totale dei 48 paesi più poveri. Il patrimonio delle 15 persone più ricche del mondo è superiore al PIL di tutta l Africa su sahariana. Il patrimonio delle 32 persone più ricche del mondo è superiore al PIL dell Asia del Sud. Il patrimonio delle 84 persone più ricche del mondo supera il PIL della Cina, con il suo miliardo e duecento milioni di abitanti. Infine, i 225 più grandi patrimoni del mondo ammontano a oltre 1000 miliardi di dollari, cifra che corrisponde al reddito annuo del 47 per cento degli individui più poveri della popolazione mondiale, cioè due miliardi e mezzo di persone Latouche continua nei suoi dati sostenendo che nello stesso rapporto del 2001 il quinto più ricco della popolazione mondiale detiene l 86% del PIL mondiale contro l 1% del quinto più povero! Il reddito totale dell insieme dei paesi meno avanzati, con una popolazione di 609 milioni di abitanti, è di soli 169 miliardi di dollari, cioè circa il 15% del patrimonio dei primi 200 multimiliardari (1135 miliardi di dollari), o l equivalente di quelli dei primi tre. Dati impressionanti che danno l idea in fondo che il concetto di sviluppo oggi va cambiato nel suo aspetto strutturale in quanto sta portando alla distruzione del pianeta ed essi rappresentano nella sostanza un atto di accusa ai paesi ricchi i quali stanno rendendo inumana una società globalizzata; nella terza enciclica di Benedetto XVI, che uscirà nell estate prossima si metterà in evidenza questo atto di accusa sostenendo con forza il fatto che i paesi ricchi stanno nella realtà impoverendo il pianeta 3. Le Banche del Tempo nascono in realtà per rispondere a questo stato di cose; esse si pongono l obiettivo di rafforzare l economia vernacolare, trasformando la globalizzazione in glogalizzazione dove l uomo si rafforza nel locale per rendersi forte in una economia globalizzata; è nel locale dove l uomo tramanda le su radici, rafforza la sua cultura, forma la sua personalità e tenta di combattere lo strapotere delle multinazionali e la finanza internazionale che mantengono nella povertà e nella miseria miliardi di persone. Nella realtà, ancora oggi, l occidente con il potere della globalizzazione ha teso a trarne il massimo vantaggio a spese del mondo in via di sviluppo e, se da una lato, i vantaggi della globalizzazione hanno avuto e possono avere effetti positivi, d altra parte il prezzo pagato è stato altissimo: l ambiente è stato distrutto, la politica si è corrotta e il sostenuto cambiamento non ha lasciato ai paesi poveri e emarginati il tempo necessario per un adattamento culturale, comportando crisi con conseguente forte aumento della disoccupazione seguite, a loro volta, da problemi di dissoluzione sociale. Quello che si è verificato in una economia globalizzata è stata la distruzione in gran parte del mondo delle tradizioni culturali e organizzative delle comunità locali e la creazione di unità nazionali del tutto artificiali con la distruzione dell equilibrio demografico locale non accompagnato da misure per promuovere lo sviluppo economico, anzi spesso ostacolandolo. 4 2 In Sopravvivere allo sviluppo di Serge Latouche Ed Bollati Boringhieri anno Dalla stampa del 3 marzo 2008 di Marco Tosatti nel suo articolo Inumana la società globalizzata.

5 Si è trascurato quello che possiamo chiamare lo sviluppo civile che è ben più importante dello sviluppo economico; esso include non solo la ricchezza, la salute, l istruzione, ma anche la libertà culturale e politica non sempre rispettate; gli economisti hanno privilegiato la loro convinzione che il cosiddetto fattore economico abbia un ruolo preminente nella spiegazione dei fenomeni sociali. Quello a cui bisogna arrivare è la rinascita della geografia locale e dell identità culturale che precedono sempre l economia, un fatto che rivaluterebbe gli aspetti positivi della globalizzazione. Nella realtà l economia ed il governo sono istituzioni secondarie, non primarie; derivano dalla cultura, non la precedono. Ovunque, le persone dapprima creano codici di comportamento condivisi, norme sociali e una consapevolezza degli obiettivi, cioè un capitale sociale. Solo quando le culture sono ben sviluppate, c è abbastanza fiducia sociale per sostenere le istituzioni economiche e di governo ; da sempre nella vita dell uomo la cultura è antecedente alla economia e al governo che rappresentano quindi istituzioni secondarie e non primarie; la cultura si costruisce dal basso, si rafforza nel locale e deve assolutamente impedire che la globalizzazione distrugga l identità culturale dei popoli; d altra parte la globalizzazione deve confrontarsi con l esigenza di rinforzare la società civile attraverso la difesa delle diversità culturali locali; senza la cultura l economia non può esistere, tali culture locali non sono fuori moda, come pensano molti economisti che ritengono, a torto, le relazioni economiche sufficienti per legare le persone; la cultura in definitiva e sempre più forte dell utilitarismo che si persegue nei mercati 4 Quindi la rinascita della geografia locale e l identità culturale, si può estrinsecare attraverso le banche del tempo che nel locale portano al rafforzamento, al riconoscimento e alla garanzia dei diritti inviolabili dell uomo attraverso la crescita della sua personalità con l attività di esse nel locale. Nella realtà le Banche del Tempo sono uno strumento efficace, come abbiamo affermato a suo tempo, per dare dignità a tutti i cittadini; esse perseguono l obiettivo della rimozione di tutti gli ostacoli di ordine economico e sociale favorendo il.il pieno sviluppo della persona umana come previsto dall Art. 2 della Costituzione italiana 5. Nelle Banche del Tempo, nella sostanza, si persegue la massima espressione della formazione sociale nel locale con un perfezionamento dell individuo nella sua dignità e libertà.; uno strumento importante per la sussidiarietà e solidarietà. E opportuno sottolineare che è necessario tratteggiare piani strategici capaci di creare le migliori condizioni per la crescita economica e sociale di territori con caratteristiche di marginalità e di povertà soprattutto nei paesi poveri del terzo mondo. Vale la pena ricordare quanto ha fatto Muhammad Yunus nel Bangladesh facendo nascere la Greameen Bank; con essa ha accordato piccoli prestiti a dodici milioni di persone bemgalesi (in maggioranza donne) al fine di farli uscire dalla miseria allargando la loro base economica e prendendo in mano il proprio destino; d altra parte è bene sottolineare la strada percorsa in Bangladesh,riguardo alle fonti di energia alternativa, in modo particolare di quelle rinnovabili, attraverso la nascita della Grameen Shakti (Grameen Energia) e la produzione di energia solare per la produzione di elettricità e, con essa, la possibilità dell uso dell informatica e 4 Da Quaderni amministrativi IV trimestre pag. 4 di dott. Marcello Figuccio 5 Vedi Quaderni amministrativi IV Trimestre 2007 di Dott. Marcello Figuccio 5

6 della opportunità di sviluppare con maggiore efficacia la proposta di Yunus riguardo alla. creazione del suo Centro Internazionale di tecnologia informatica per l abolizione della povertà globale come centro che si trasformi in tavola rotonda di cervelli e un catalizzatore nella realizzazione di prototipi che operino in tutte le questioni relative alla costruzione. 6 Non vi è dubbio che le Banche del Tempo possono avere una funzione importante per aiutare alla creazione di un tale centro internazionale di tecnologia informatica; una tecnologia che porterà a drastici cambiamenti attraverso una comunicazione è istantanea, volta a incidere su tutti gli ambiti della vita in ambito locale. 7 2 Le Banche del Tempo in Francia - i SEL Riguardo alle Banche del tempo in Francia, oltre ai SEL 8 è bene sottolineare altre forme di scambio quali i RERS ( Reseau d Echange Reciproque De Savoir Rete di Scambio Reciproco di Sapere): gruppi di cittadini che hanno come scopo di permettere alle persone di trasmettere il loro sapere e di acquisire le conoscenze nell ambito di uno scambio reciproco (sapere = conoscenze e saper fare). Prima esperienza del movimento vi è stata ad Orly Altre forme di scambio in Francia sono i TROC -TEMP (Baratto di Tempo), un SEL che nasce nel 1996 in Essonne con lo statuto del TROC in SEL che individua nella moneta di scambio sono i grani d orzo. Interessante l esperienza della ROUTE DE STAGES (La Carovana dei SEL): una rete che permette scambi al di fuori del Sel di appartenenza e quindi trasmette sapere e conoscenze riunendo persone lontane intorno ad un polo di interesse comune. Infine un altra realtà di SEL è quella del JEU (Giardino di Scambio Universale): una rete di scambio fondata nel 1998 da Daniel Fargeas che non riteneva giusto di vendere a qualcuno quello che già possiede per natura, cioè l insieme delle attitudini che ci permettono d incontrarci di metterci d accordo e quindi di scambiare; in pratica ognuno tiene i suoi conti personalmente su un semplice carnet, non ci sono modelli imposti; qui non è più necessario un centro contabile e porta alla soppressione delle frontiere. I principi generali di un SEL in Francia sono descritti in una specifica CARTA qui di seguito ripresi: Umanismo: ogni individuo dispone di capacità che il sistema di mercato convenzionale tende troppo spesso ad ignorare. La solidarietà, attiva nell'ambito di Troc in Sel permette a ciascuno di valorizzare le proprie competenze come quelle degli altri. 6 Vedi da Il Banchiere dei poveri di Muhammad Yunus Edizione Feltrinelli e Quaderni Amministrativi IV trimestre di Dott. Figuccio Marcello 7 In Quaderni Amministrativi IV trimestre 2007 di Dott. Figuccio Marcello 8 Vedi analisi delle banche del Tempo estere su documento analisi tempi/orari e banca del Tempo città di Asti (ottobre 2003 e in quattro comunità collinari (Alto Artigiano, Colline Alfieri, Colli tortonesi e Castelli tra l Orba e la Bormida maggio 2004) svolte sulla base di bando regionale della regione Piemonte riguardo al coordinamento dei tempi orari e spazi di una città; approfondimento e ricerca svolto dal dott. Marcello Figuccio 6

7 Convivialità: luogo di scambi conviviali, il Troc in Sel non costituirà comunque una "tribuna". Ognuno agisce nel rispetto delle convinzioni degli altri e ogni proselitismo, politico, filosofico o religioso vi e' vietato. Responsabilità: gli scambi tra membri sono effettuati su base amichevole tra persone responsabili. Ogni aderente è quindi responsabile per proprio conto della conformità delle proprie attività con la legislazione in vigore, soprattutto in materia sociale e fiscale. Troc in Sel non ha, in questo campo, altre responsabilità che quelle di mettere in relazione offerte e domande. Troc in Sel non è nemmeno responsabile della qualità delle prestazioni. Valore di scambio/unità di conto: Gli scambi sono valorizzati in GRANI D'ORZO senza che alcun riferimento, ne diretto ne indiretto, possa essere fatto con una moneta di riferimento, specialmente il franco francese. Trasparenza: ogni membro ha accesso alla contabilità di Troc in Sel e alla contabilità di tutti gli scambi effettuati tra i membri. Funzionamento: Troc in Sel diffonde regolarmente il "giornale delle risorse" che comprende le offerte e le domande di ciascuno. Assicura la contabilità degli scambi globali e individuali che è messo a disposizione dei suoi membri. I membri prendono accordi chiaramente sull'ammontare delle transazioni. Per facilitarle, vengono messi a disposizione dei membri dei buoni scambio valorizzati in Grani d'orzo. Ogni membro può rifiutare una proposta di scambio. Il conto di ciascun aderente è considerato aperto dal momento dell'adesione; per facilitare gli scambi ogni aderente a posto con la sua contribuzione riceve la Cornucopia dell Abbondanza, cioè 1000 grandi d'orzo per anno. I conti possono essere sia creditori che debitori. Un plafond simbolico di 2500 grandi d'orzo è stato deciso, serve da riferimento per gli aderenti; può essere oltrepassato con l'accordo del Consiglio di Amministrazione. In caso di partenza di uno degli aderenti con conto positivo, egli non potrà in nessun caso domandare delle compensazioni; un aderente il cui conto è debitore si impegna a far funzionare l'associazione fino a quando il suo conto non sia creditore. Ogni nuovo aderente firma la Carta dei SEL e riempie un foglio di offerta e di domanda e coloro che svolgono compiti amministrativi sono remunerati esclusivamente in Grani d'orzo (50 grani d'orzo per ora di lavoro); l'adesione annuale può essere effettuata in tre modi: adesione individuale normale : 100 franchi adesione individuale con salario minimo garantito : 60 franchi adesione per le famiglie : 120 franchi Non vi è dubbio che l'esperienza del SEL è una delle più promettenti che ci siano oggi come afferma Alain de Romefort e, d altro canto, questa Banca del Tempo: 7

8 permette di ricostituire localmente la coesione e la solidarietà sociale in maniera interattiva. Valorizza le persone ed il gruppo, tutto questo in un indiscutibile ambiente che da serenità relazionale. permette di lottare contro l'esclusione sociale e l'impoverimento con un grado notevole di implicazione e di responsabilizzazione in situazioni in cui gli altri strumenti sarebbero certamente inadeguati Gli scambi funzionano facendo in modo di intendersi bene prima di essi; in caso di dubbio si tende a mettersi in contatto l uno con l'altro; ad esempio Bruno da dei corsi di informatica ad Anna che in cambio gli da un buono di scambio di 80 grani d'orzo (Anna non e' tenuta a rendergli un servizio in cambio); la tariffa viene negoziata amichevolmente tra di loro prima dello scambio. Nello scambio si fa realmente quello che si ama e il vero scopo dei SEL è la riscoperta della fiducia tra gli individui; in seguito poi Cristina chiama Anna per stirare e Sonia chiama Bruno per i piccoli lavori; i SEL tessono i loro collegamenti a livello locale, ma questo non impedisce di pensare a creare altri tipi di sistema di scambio, legati ad una rete limitata non dallo spazio, ma dalla fiducia I TROC EN SEL La nascita in Francia dei TROC EN SEL, riportiamo qui di seguito la loro cronografia: E' nel giugno 1996 che nasce l'idea di creare un SEL in Essonne dopo che qualche amico aveva visto un servizio in televisione sul funzionamento di un SEL. settembre 1996: deposito dello Statuto di TROC IN SEL dicembre 1996: prima riunione conviviale dove ciascuno porta qualcosa ad una grande cena in comune; ogni aderente aveva invitato una nuova persona per farle conoscere TROC IN SEL. febbraio 1997: Prima borsa di scambio nella sala Georges Brassens a Juvisy; gli scambi iniziano in un clima di buon umore e convivialità aprile 1997: qualcuno dei partecipanti lascia il gruppo e fonda Patate Dolci (SEL situato a Evry); gli aderenti delle due associazioni possono continuare a fare degli scambi tra di loro. In 1998: all'assemblea generale di ottobre 1998 si realizza la Cornucopia dell'abbondanza ; ogni aderente a posto con la sua adesione riceve mille grani d'orzo. Creiamo dei poli intorno a Massy e Bretigny per facilitare gli scambi. primavera 1999: dopo un presentazione sulla moneta "fondante" (sistema che tassa i conti creditori) nonostante le convinzioni dell'oratore, l'insieme degli aderenti non desidera cambiare il funzionamento già operante. ottobre 1999: ultima assemblea generale alla sala Ducastel a Juvisy; una ventina di persone traccia il bilancio dell'anno passato: più di 60 membri nell'associazione più di 2000 grani d'orzo scambiati (in progressione costante) poli sempre più dinamici L unità di conto del TROC en SEL,si chiama il grano d'orzo ; il SEL pubblica un giornale contenente le offerte e le domande degli aderenti e tiene i loro conti, in maniera trasparente; ad ogni scambio viene dato un buono scambio composto di tre parti (uno per il creditore, uno per il debitore e uno per il contabile del SEL). 8

9 Nel giornale si può scambiare di tutto; a voi di immaginare e proporre (nel quadro della legislazione in vigore) e si possono modificare le offerte e le domande, rettificarle, precisarle, sopprimerle, aggiungerle; ogni aderente consulta il giornale, edito ed aggiornato regolarmente con le coordinate degli aderenti. Nel giornale viene pubblicata una lista dei prodotti e servizi nei quali si possono trovare le offerte e le domande proposte;. questo per dare un'idea di quello che può essere scambiato (per ogni categoria proposta di servizi e beni); qui di seguito elenco dei prodotti scambiabili tra i membri del TROC en SEL: Casa- Giardino: servizi: lavori di casa, stiraggio, traslochi, alloggio, giardinaggio, piante - semi - taglio boschi beni: elettrodomestici, mobili, alloggi Alimentazione: servizi: piatti cucinati, corsi di cucina o aiuti straordinari beni: prestito materiali, libri di cucina, vendita di prodotti (marmellate, legumi da giardino...) Abbigliamento: servizi: ritocchi, confezione, cucitura, ricamo, ferri, uncinetto, iniziazione ai corsi (confezione ecc.) beni: prestiti completi, prestiti macchine da cucire, scambi vestiti diversi Costruzioni - Bricolage servizi: interventi straordinari o corsi, muratura, falegnameria, idraulica, elettricità, decorazione interni, pittura carta, bricolage diversi beni: vendita materiali, prestiti attrezzi, macchine diverse Trasporti-meccanica servizi: trasporti di persone o di beni, interventi straordinari su: meccanica auto, elettricità auto, carrozzeria, pittura, meccanica moto beni: veicoli (moto, motorini, vetture), vendita pezzi di ricambio Arte sport musica divertimenti: servizi: corsi o partecipazione ad una pratica sportiva, corsi o partecipazione di una pratica musicale, canto, danza, teatro..., corsi o partecipazione ad una pratica d'arte plastica (pittura, scultura, terra..), corsi o partecipazione ad una pratica di foto, video, suono; corso o partecipazione ad una pratica di un gioco tarocchi (gioco di carte molto popolare in Francia), bocce... ecc. beni: prestiti/vendita di materiali diversi (sci, tende, chitarre..), alloggio, affitto (terreno, case di campagna...), affitto sale, vendita di oggetti d'arte o artigianato Lavori amministrativi-informatici servizi: ricerca documenti, interventi straordinari o corsi informatici, interventi straordinari o corsi di gestione, contabilità beni: prestiti materiale informatico, diversi;.vendita di computers, programmi informatici 9

10 Educazione: servizi: sostegno scolastico (bambini), rimessa a livello, corsi di lingua, traduzioni, corsi diversi beni: vendita/prestito libri, cassette Famiglia - Salute servizi: baby sitting, aiuto alle persone anziane, igiene di vita (massaggi...) beni: prestiti materiali (puericultura, stampelle) Presentazione del SEL'IDAIRE In Francia di seguito nasce il SEL'IDAIRE; storicamente il Sel'idaire è nato dalla volontà di promuovere in Francia la diffusione delle informazioni sui SEL e di favorire la loro creazione ed il loro sviluppo, e di facilitarne la comunicazione. All'origine denominato coordinazione dei SEL Sel'idaire, oggi si definisce per le sue azioni che corrispondono a delle missioni che sono state giudicate utili dai loro membri presenti ai diversi incontri regionali o nazionali; il Sel'idaire esiste per eseguire dei compiti e rendere servizi utili ai SEL e, per estensione, alle persone che desiderano crearne uno. A questo proposito sono nati gli ATELIERS DEL SELIDAIRE; nella sostanza composti da animatori sel'idaire multipli, volontari e non istituzionalizzati, che adottano un funzionamento collegiale con spirito democratico; si sono creati numerosi gruppi di lavoro, aperti su diverse aree di competenza: realizzazione del bimensile SCAMBI - L'ECO DELLA SOLIDARIETA' : redatto da membri del SEL esso tratta di diversi argomenti 100% SEL o "attorno al SEL"; scaricabile dal sito, esso è diffuso su abbonamento (60 franchi per 6 numeri, Sel'idaire Abonnement - rue de Bourgades (Les vans). impulso agli incontri regionali e nazionali: si è compreso che è piacevole ed utile incontrarsi regolarmente, al fine di mettere in opera modi di funzionamento comune, o semplicemente fare conoscenza; questi incontri sono generalmente particolarmente conviviali e molto fruttuosi. risposte alla posta e compiti amministrativi correnti.: sono numerose le persone che hanno sentito parlare del SEL e amerebbero saperne di più, vorrebbero unirsi ad un gruppo esistente o creare un nuovo SEL; scrivono dunque al SEL, e questi cerca di fornire loro tutte le informazioni utili. D'altra parte, una lettera informativa è inviata regolarmente a tutti gli altri SEL per informarli sui progressi dei compiti prefissi ed assicurare la diffusione di informazioni concernenti tutti i SEL. (Sel'Idaire, Rue des Bourgades, Les Vans). aspetti giuridici: il processo intentato contro 3 aderenti del sel d'ariege per lavoro clandestino è stato vinto in appello; conviene trarne un insegnamento utile per l'avvenire, informandosi di tutti gli avvenimenti legislativi, istituzionali, regolamentari, concernenti i SEL. 10

11 mutualizzazione e valutazione delle innovazioni locali per permettere che tutti gli altri SEL ne traggano vantaggio; in effetti, nel SEL, "l'immaginazione è al potere" (!), sono state tentate numerose esperienze, è importante che tutti possano profittare di questa ricchezza. coordinazione e diffusione dell'informazione, passerella tra i differenti supporti: per permettere che le informazioni raccolte da differenti circuiti (siti, liste di diffusione, contatti telefonici, posta... ecc..) siano portate a conoscenza di tutti; una lettera trimestrale è indirizzata a tutti i SEL con la diffusione delle informazioni ricevute. il Servizio Internet Sel'idaire, assicura l'animazione del SEL attraverso Internet: gestione del sito, utilizzazione delle liste di diffusione; il sito di Sel'idaire è accessibile a tutti e contiene diverse informazioni sui SEL in generale e in particolare in Francia e all'estero, collegamenti verso altri siti di SEL o di movimenti di sensibilità prossima. Esistono numerose liste, nazionali, locali o riservate agli ateliers; alcune sono riservate ai membri del SEL, altre aperte a tutti coloro che sono interessati ai SEL; questi. permettono una condivisione di esperienze ecc. Liste nuove nascono secondo necessita. tesoreria: non si vogliono assolutamente focalizzare sul denaro, ma in ogni modo un minimo è necessario (invio posta ecc.); le risorse del SEL sono costituite da contribuzioni al SEL sia da parte di persone fisiche, donazioni, e introiti che da prodotti messi in vendita. La gestione è rigorosa e trasparente agli occhi di tutti i partecipanti. relazioni internazionali: esistono numerosi gruppi tipo SEL all'estero; è interessante confrontare le nostre attività al fine di conoscersi meglio, tra di noi e noi stessi! contatti con i movimenti di sensibilità prossima: alcuni SEL ritengono di dover partecipare ad azioni collettive con altre associazioni, in campi differenti (movimento dei disoccupati, movimento di sviluppo solidale, economia distributiva, meccanismi d'inserzione, ecologia, cittadinanza); Si tratta di far parte di questi diversi partenariati, al fine che ciascun SEL ne abbia conoscenza e faccia le sue proprie scelte. riedizione e riattualizzazione del SEL, modo d'impiego: brochure di 64 pagine destinata a facilitare la creazione e l'animazione di un SEL. Questo gruppo ha una durata di vita necessariamente temporanea; una volta che la nuova edizione è stata stampata, non ha più motivo di esistere... fino alla prossima riattualizzazione!. Per procurarsi "SEL: modo di impiego" è sufficiente farne domanda a Sel'idaire allegando un assegno di 50 franchi. Per scoprire un SEL nel Sel'idaire si può trovare: Una Biblioteca con tutta la documentazione relativa riguardo a: creare un SEL, la rivista, utilizzare il web, la base delle risorse, alimentare la propria riflessione, i documenti di Sel'idaire La Lista dei SEL con: la carta di Francia, le coordinate inesatte o mancanti, il telecaricamento della lista, la ripartizione geografica, i SEL fuori esagono (di altri paesi) Attualità dei SEL con: l attualità locali e regionali: avvenimenti; progetti ed iniziative, le attualità nazionali e quelle internazionali 11

12 I siti correlati: l introduzione i siti del SEL in Francia, i siti che ne parlano, i siti dei SEL nel mondo Lista di diffusione: introduzione, che cos'e' una lista? - forum di discussione; caratteristiche; utilizzatori della lista; procedure per l'iscrizione; regole di vita: un codice deontologico per partecipare ai gruppi di discussione; l'annuario delle liste Ma concretamente, che cos'è un SEL? Esso un Sistema di Scambio Locale, o Servizio di Scambio Sociale costituito da un gruppo di persone che pratica lo scambio multilaterale di beni, servizi e conoscenze; quello che c è di buono nei SEL: E' CHE SONO TUTTI DIFFERENTI!! Le sue caratteristiche sono qui di seguito illustrate: statuto giuridico: associazione di fatto o associazione dichiarata - legge 1901; condizioni di adesione: in genere è richiesta una contribuzione finanziaria (il cui montante è molto variabile) al fine di coprire le spese di edizione e distribuzione di un catalogo e/o di un bollettino. Offerte e domande: in genere è pubblicato un catalogo che raggruppa le offerte e le domande di ciascun partecipante, senza alcuna censura all'immaginazione. Alcuni stimano, comunque, che le offerte aventi carattere "esoterico", per esempio, possano essere pregiudizievoli e le proibiscono. Oltre al catalogo (o incluso questo) molti pubblicano dei bollettini attraverso i quali i membri del gruppo si esprimono su argomenti disparati. misure di scambio: gli scambi sono generalmente contati in riferimento al tempo passato: per esempio 1 minuto = 1 fiore o un chicco di sale o... un ippopotamo. Libero spazio all'immaginazione! La tendenza generale è di liberarsi dalla parità con il franco (euro). Alcuni utilizzano dei fogli di "scambio" (o di ricchezza) su cui i partecipanti annotano quello che hanno scambiato e di quante unità devono essere addebitati o accreditati. Altri utilizzano dei "coupons" a tre foglietti; uno per ciascuno dei partecipanti ed uno per il "contabile" del SEL. Coupons o fogli vengono rimessi periodicamente al "contabile" per tenere aggiornati tutti i conti che, generalmente, sono portati a conoscenza di tutti. Qualunque sia il sistema scelto, la stragrande maggioranza e' concorde nel pensare che il numero di unità non e' che la memoria dello scambio, non il suo valore, e che il tipo di rapporto e' ben più importante che il bene scambiato. Mercati: anche chiamati Borsa Locale di Scambio, sono organizzati con una periodicità che varia da una volta ogni 15 gg. ad una volta per trimestre. Sono in genere l'occasione privilegiata di un momento conviviale (seguito da un pasto in comune, una serata animata.. ecc.) Talvolta sono aperti anche a dei "visitatori" che vengono muniti di "biglietti che gli permettono di scambiare beni e servizi, anche se non iscritti al SEL. In certi gruppi hanno luogo degli incontri regolari al fine di cambiare non solo beni e servizi, ma anche idee in rapporto più o meno stretto con quanto trattato dai SEL Animazione dei SEL: alcuni eleggono un consiglio di amministrazione, altri scelgono un consiglio di animazione; i "mandati" sono concessi per una singola operazione, per un semestre, per un anno. Queste persone si incontrano una volta per settimana, al mese o ogni due mesi. La volontà comune è che il numero maggiore di membri partecipi a un momento o all'altro, al di fuori di tutte le gerarchie, in un clima di totale democrazia. 12

13 Compiti amministrativi: in quantità variabile secondo gli obiettivi e le convinzioni di ciascun gruppo, esse sono prese in carico dal Consiglio di Amministrazione o no, secondo i gruppi. In alcuni SEL il servizio reso è considerato uno scambio con l'associazione e quindi contato come uno scambio qualsiasi. In altri questo lavoro è considerato come totalmente volontario e di beneficenza. Tra le due possibilità c'e' un'intera gamma di nuances. Creazioni monetarie o "pozzi senza fondo" o " cornucopia dell'abbondanza": significa che SEL può donare unità ai suoi membri, anche se non ha ricevuto mai crediti. Alcuni SEL rifiutano questo categoricamente: per loro, il conto del SEL non deve mai rischiare di diventare deficitario. Altri adottano questo sistema senza moderazione: distribuiscono unità in diverse occasioni (iscrizioni, partecipazioni ad un mercato... ecc.) Tra i due sistemi ci sono numerosi altre soluzioni proposte. E' una questione che è oggetto di regolare dibattito tra i membri del SEL ed è difficile riassumerla brevemente. Moneta: alcuni SEL ritengono che per dinamizzare i loro scambi, una soluzione è quella di incitare i loro aderenti a non conservare saldi creditori. A questo scopo viene applicato un tasso negativo. Il tutto nel quadro di una complessa riflessione economica che non si riassume certo in due frasi! Inter-sel: alcuni stimano che è preferibile restare strettamente su un piano locale e sviluppare le proprie risorse, altri ritengono che l'incontro con gli altri debba esser costantemente ricercato e che bisogna evitare a tutti i costi di ripiegare su se stessi. Alcuni mettono delle condizioni più o meno precise per gli scambi tra membri di SEL differenti, altri non ne mettono affatto. La gestione umana e pratica di questo tipo di scambi è molto varia e del tutto sperimentale. In tutti i casi, questa questione è al centro di riflessioni continue. Scopi e mezzi del SEL non saranno mai definiti allo stesso modo da tutti. Per alcuni l'accento è messo sull'economia: il SEL consente ai suoi membri di soddisfare alcuni loro bisogni senza dover spendere denaro. Per altri, il SEL è soprattutto un atto di resistenza costruttiva, di milintantismo, contro la mondializzazione e quello che essa comporta in termini di ingiustizie e miseria. Per altri ancora, è l'aspetto relazionale che conta: il SEL permette un vero incontro con l'altro, un modo di combattere l'esclusione, al di la degli incontri, è una vera rete di solidarietà che può tessersi. Altri ancora insistono su quello che il SEL permette di arricchimento personale, grazie in particolare all'adozione di criteri che privilegeranno il lato "intellettuale", vedendo nel SEL il luogo ideale di riflessione sul sistema economico dominante, la moneta, le relazioni umane ecc. e di sperimentare vie alternative. I SEL sono tutto questo e ancora di più; se la diversità tra gente e gruppi è importante, c'e' comunque "un'aria di famiglia" generale: una volontà di migliorare il proprio quotidiano a piccoli passi, condurre il mondo verso una società più egualitaria, più adulta e più umana. La strada è lunga, e dovrà essere pavimentata di rispetto per la libertà altrui e di tolleranza. 13

14 A partire da questa riflessione, alcuni hanno immaginato che tutti i gruppi SEL possano riunirsi attorno ad una carta che definisca "lo spirito del SEL". Si tratta ancora di un progetto, sottoposto alla riflessione di tutti Le origini del Sel Anche se sono apparsi di recente, I SEL sono solo l'ultima trasformazione delle monete locali. L'avvenire si nasconde sotto al passato: nel momento dell'euro e delle monete virtuali, chi può dire quale sarà il posto che prenderanno i nostri "grani", "castagne" ecc. Negli anni 80 Michael LINTON, scozzese che viveva in una regione toccata dalla crisi (l'isola di Vancouver, all'estremo ovest dl Canada) colpito nel vedere tanta gente dotata di conoscenze ridotta all'inattività per mancanza di denaro, si mise in testa di razionalizzare un altro sistema di scambio utilizzato localmente, il troc. Ed inventò i LETS : SISTEMA LOCALE DI SCAMBIO COMMERCIALE. In Canada, in Australia e poi in Gran Bretagna, nei Paesi Bassi, l'idea si e' propagata, attualmente questa rete raggruppa in Gran Bretagna più di persone in seno a circa 300 gruppi. I primi LETS sono nati nei quartieri poveri delle città, ma attualmente i LETS conquistano anche le campagne; in tempi di disoccupazione strutturale, di esclusione, di messa in pensione anticipata, si comprende perche' i LETS conoscano una rapida espansione. Il primo Sistema di Scambio Locale (SEL) francese, è nato ad Ariege nell'ottobre 1994 (Francesco Terris ne è stato il fondatore; egli è stato anche co-fondatore di Sel'idaire) e contava,nel 1996, 380 aderenti. Attualmente in Francia se ne contano circa IL JEU - IL GIARDINO DI SCAMBIO UNIVERSALE Che cosa è il Giardino di Scambio Universale Il JEU, rete di scambi decentralizzata, comporta due punti essenziali: contabilità individuale accesso allo scambio libero ed incondizionato Daniel Fargeas ha inventato il JEU (Giardino di Scambi Universali) e nel gennaio 1998, lo presenta in una lettera circolare indirizzata a tutti i SEL di Francia; un sistema di scambio senza contabilità centralizzata, senza struttura, senza frontiere, ognuno dispone di un carnet su cui il partenario dello scambio scrive di suo pugno le informazioni necessarie: la natura dell'offerta, le unità non scambiate e il nuovo saldo del conto; il carnet ha anche la traccia di tutti gli scambi effettuati, autentificati dalla scrittura e dalle coordinate dei partenari. Non esiste adesione; non sembrava giusto a Daniel di vendere a qualcuno quello che già possiede per natura, cioè l'insieme delle attitudini che ci permettono di incontrarci, di metterci d'accordo e quindi di scambiare; noi siamo già tutti partenari del JEU, senza saperlo. Si è proposto che questo sistema sia progressivamente utilizzato da coloro che lo desiderano, all'interno del SEL o negli INTERSEL; questo ridurrà la contabilità e potrà aiutare a coltivare lo spirito del donare e della sovranità nello scambio. 14

15 Si è voluto immaginare una rete di scambio larga combinando la route del SEL già esistente, la route dei seminari e delle arti che alcuni hanno già immaginato e il JEU: coloro che lo desiderano potranno viaggiare di tappa in tappa, sia dando dei "colpi di mano" là dove ce ne bisogno, sia ricevendo una iniziazione o un perfezionamento a questa o a quella tecnica, sia offrendo loro conoscenze o talenti artistici: gli scambi saranno contabilizzati con il sistema del JEU e quindi senza alcun lavoro burocratico. Si tratterà di tessere poco a poco una rete di fiducia e di ospitalità, di conoscenze condivise, di ispirazioni reciproche, di fraternità e di spirito festivo e di inventare una nuova alleanza tra i "sedentari" e i "viaggiatori": una sorta di pellegrino che, in cambio di ospitalità o di conoscenze che riceve, offre il suo aiuto o le sue conoscenze e fa in modo che i "sedentari" possano approfittare delle esperienze che ha maturato sulla sua strada. Certo le difficoltà non mancano, in particolare quella di stabilire relazioni di fiducia malgrado le distanze e le questioni di denaro minime necessarie per il viaggiatore, ma perchè non cominciare ad esplorare queste idee localmente e su piccola scala? In pratica, nel JEU, ognuno tiene i suoi conti personalmente su un semplice carnet (non ci sono modelli imposti). Non è più necessario un centro contabile; l'individuo afferma la sua sovranità sulla sua creazione di ricchezza e la creazione di unità di misura corrispondenti, sopprimendo il centro contabile; si sopprimono le frontiere e il JEU diventa universale salvaguardando lo sviluppo personale e locale. Non c'è più un'associazione, ne un'iscrizione ne una quota da pagare; lo scambio diventa libero, gratuito ed incondizionato; diventa importante rivendicare un libero diritto di accesso allo scambio. Non si vende ad un uomo quello che gli appartiene già, quello che gli permette di esistere; in effetti l'accordo, lo scambio, nasce con l'uomo con le sue attitudini più intime; questo accordo è fatto dalla comunicazione e dalla creatività dei due partenari. Non si aderisce ad un'associazione per respirare o per amare. Rinunciando ad affermare la propria sovranità sta a questo diritto stabilire accordi in tutta libertà, l'uomo rinuncia a respirare a livello sociale e si ritrova schiavo strangolato dalla miseria. Le cifre, le unità di valore non servono se non a precisare, a misurare, a rendere questo accordo affidabile e presentabile. Gli altri partenari riconoscendo questo accordo gli donano civiltà. Non e' necessario rinserirsi ad un cento di controllo, la presunzione di buona fede mi sembra sufficiente. Perché pensare subito ad una possibile frode? Riassumendo, una volta stabilito l'accordo tra due partenari, è sufficiente che un terzo sia anche lui d'accordo. Questo terzo partenario farà nascere la moneta nella sua dimensione sociale. La moneta nasce e diventa universale per tutti gli accordi successivi. 3.1 Come entrare nel JEU e conoscere le offerte e domande degli altri La proposta è che ciascuno rediga e scriva la sua carta "offerte-domande", la sua carta di entrata al JEU. Procederemo allo scambio di carte giusto avanti il primo scambio di beni o servizi; è infatti il momento buono per introdurre un nuovo partecipante. 15

16 Possiamo raggruppare la raccolta di carte su dei fogli che fotocopiamo. Poi scambiamo di nuovo questa raccolta. In questo modo ciascuno si ritroverà con una raccolta di carte o di fotocopie, che costituisce un vero repertorio di offerte e domande. Il JEU e' un tentativo per semplificare e portare luce alla nostra comprensione sugli scambi; L'esercizio della nostra sovranità sulle nostre decisioni e sui nostri accordi è legato alla nostra presa di coscienza; Le reti di solidarietà e di scambi esistenti (SEL in Francia, LETS nei paesi di lingua inglese, Wir in Svizzera, Ithaca a New York, Time Dollar negli Stati Uniti, Red Global in Argentina, ecc.) hanno già compiuto un lavoro immenso in questa direzione. Per entrare nel JEU: - troviamo un partenario - scambiamo le nostre domande ed offerte - scambiamo un bene o un servizio - costituiamo la nostra propria collezione di offerte e domande Il Valore Che valore per l'unita' di scambio? Si è proposto che l'unità di scambio abbia il valore medio di un minuto di lavoro o di attenzione umana. Il suo nome può essere unità. Il minuto è un campione assolutamente affidabile; tra anni il minuto sarà sempre un minuto. Possiamo quindi mettere in piedi l'idea: un minuto = un minuto? persone utilizzano questo principio nel sistema Time Dollar in vigore negli Stati Uniti; la persona che offre un lavoro manuale si sente rivalutata; uno degli scopi della rete è quello di promuovere l'inserimento dei meno dotati. La Banca del Tempo di Bordeaux aderisce a questo principio; la sua giustificazione teorica è legata al fatto che: tutto ci è donato, la fortuna di essere nati, cresciuti, studiare in una famiglia ed essere in una società che ha saputo mantenere e far fruttare il proprio patrimonio ; solo il tempo di lavoro aggiunge una contribuzione personale a questa eredità collettiva. Una disparità del valore del tempo di lavoro non sembra allora più giustificata; nel JEU i partenari hanno la libertà di incontrarsi al livello che loro sembra accettabile. Naturalmente non si possono cancellare secoli di ingiustizia per decreto. Per comprendere quello che succede a livello di incontri è appropriato cominciare a codificarli? In tutti i modi, il chirurgo dentista dovrà aggiungere al tempo del suo intervento il tempo della sua assistente, dell'uomo o della donna delle pulizie, di coloro che si occupano delle protesi Come trattare il grosso debito? Visto che non esiste nessuna autorità che possa offrirci un modello di riferimento, disponiamo di una grande libertà di scelta come in tutti i giochi interessanti; possiamo quindi immaginare: 1. di mostrarsi cooperativi, solidali, sensibili all'urgenza o allo stato di bisogno di un partenario e privilegiare il contatto al servizio reso; 2. di essere solamente interessati al credito supplementare che si riceve e mostrarsi indifferente all'idea che l'altro diventi un parassita del gruppo; 3. di dirsi che è colpa del sistema se delle ringhiere non sono messe in atto; 4. di aver voglia di trovare una soluzione e partecipare al miglioramento del sistema; 16

17 5. di domandare consiglio a qualcuno; 6. di giocare il gioco di ricevere un credito e fare in modo che l'altro non si senta in debito nei nostri confronti; 7. di darsi il tempo di scoprire con l'altro i nuovi servizi che potrà apportare alla comunità; 8. di offrire il servizio gratuitamente Vedete altre possibilità? Rischi di frode E' la domanda più frequente. La frode consiste nell'attribuirsi un beneficio senza offrire in cambio dei servizi reali: la comunità non si arricchisce di una nuova produzione; coloro che si attribuiscono unità in questo modo si comportano come dei parassiti; ecco 12 elementi di risposta, ma potreste trovarne altri: 1. E' normale che la frode e la delinquenza siano una preoccupazione maggiore nel sistema monetario nazionale ed internazionale che organizza la penuria, il saccheggio e lo spreco della ricchezza del mondo. E' probabile che la frode sia più rara in un sistema di scambio che organizza l'abbondanza. 2. Uno spazio di libertà (la presunzione di buona fede) è necessaria perché l'uomo onesto e la creatività si esercitino e si sviluppino negli atti civici quotidiani (i bambini ne saranno i primi beneficiari). In questo ambito la frode diventa meno probabile che in un sistema controllato all'estremo dove ognuno è considerato come un imbroglione potenziale. A questo proposito sarà interessante vedere perché il furto è sconosciuto presso alcune società. 3. La frode è meno probabile tra scambi personalizzati ed organizzati a livello locale. 4. Nel JEU, la frode non può ledere un individuo in particolare. La scrittura legata ad uno scambio insoddisfacente può essere annullata presentando il caso davanti ad un'assemblea. La frode non potrà dunque che riguardare la comunità nel suo insieme. 5. Per essere all'altezza del sistema di pirateria istituzionale sotto la forma di sistema finanziario odierno, sarà necessario che la frode sia massiccia e continua. E' poco probabile che queste due condizioni siano riunite. 6. La paura che abbiamo dei frodatori frena ciascuno di noi e amputa la creatività della nostra comunità. Non impone quindi un costo equivalente a quello della frode stessa? 7. Meno inquadrati in un'istituzione di controllo, i partenari sono stimolati nell'esercizio della vigilanza. Un'anomalia può essere sempre oggetto di una domanda all'assemblea. 8. Le assemblee possono essere luogo di controllo e prevenzione più specifico e più appropriato che delle misure globali di controllo e di sicurezza che penalizzano tutti i partenari. Se vi e' veramente una frode, è sufficiente che sia fatta luce sui fatti e che gli autori si ritirino discretamente della scena. Un modo di controllo puntuale, ludico o anche umoristico si può esercitare a favore di incontri-forum che precedono gli incontri conviviali o le borse: gli scambi interessanti, pittoreschi o suscettibili di figurare nel libro dei records possono essere messi sotto la luce dei proiettori. I partenari di uno scambio spettacolare possono raccontare davanti a tutti i partecipanti le peripezie, le difficoltà e le gioie della loro avventura. 17

18 9. L'energia liberata dalla soppressione di un sistema di controllo centralizzato e globale può essere reinvestito nella creazione di un posto di ascolto attento ai desideri ed aspettative di ciascuno. 10. Possiamo fare una lista delle occasioni di frode o di errore al fine che ciascuno possa rilevarle più facilmente. 11. Il gioco vale la candela? Il fatto di essere sorpresi come parassiti di un gruppo orientato alla solidarietà può suscitare sentimenti di vergogna e di auto esclusione. 12. Proviamo e constatiamo, come è probabile, che l'economia realizzata dalla soppressione della contabilità centrale è superiore alle eventuali perdite Assemblee Incontri - Borse Gli incontri possono offrire più servizi nella stessa giornata: la mattina una tavola rotonda permette ad ognuno di presentare le peripezie dei propri scambi al fine di profittare della sua esperienza ed in modo da ricevere i commenti degli altri; trovare tempo e spazio per un pique-nique trovare uno spazio per scartare le cose per il mercatino delle pulci uno scrivano pubblico può comporre le carte offerta-domanda o può intervenire prima degli scambi importanti redigendo una descrizione degli scambi, comprendere le aspettative che i partenari vi riversano ed evitare le incomprensioni future organizzare una festa la sera per coloro che hanno ancora l'energia i bambini I bambini non hanno il diritto di acquistare o vendere se non con il consenso dei propri genitori. 4- LA "ROUTE DES STAGES" La "ROUTE DES STAGES" è una carovana dei SEL e dei suoi saltimbanchi; essa è la strada degli stages: una rete che permette alle persone di dividere, acquisire e trasmettere sapere e conoscenze pratiche, passioni, apprendimento di tecniche sotto forma di seminari; la Route des Stages consente anche a persone lontane di riunirsi attorno ad un polo di interesse comune e di cooperare; essa rende accessibile proposizioni rare o insolite così come la riscoperta dei mestieri antichi o poco conosciuti. La Route des Stages si differenzia dai SEL perchè i suoi scambi si possono fare al di fuori dei SEL di appartenenza; si differenzia inoltre dai JEU: dai JEU che inglobano nelle loro proposte scambi di ogni natura mentre la Route des Stages si concentra sulla scoperte del sapere e delle conoscenze pratiche; dalla Route dei SEL in cui l'obiettivo e' l'alloggiamento degli aderenti ai SEL quando viaggiano. La Route des Stages partecipa agli scambi tra SEL Origine della ROUTE DES STAGES L'idea di creare una Route dei seminari e dei mestieri e' nata in seno ad un gruppo di lavoro di Selidaire in occasione dell'incontro annuale dei Sel a Salvagnac nel La Route des 18

19 Stages non è costituita come associazione secondo la legge I suoi fondatori hanno fatto la scelta di un tipo di organizzazione che permette una gestione massima della rete. Questo sistema si basa sul ricorso ad Internet e sull'aiuto dei corrispondenti locali. Gli strumenti e l organizzazione per funzionare della ROUTE DES STAGES La route des Stages è co-gestita da un equipe di aderenti dei SEL o dei JEU, provenienti da diverse regioni di Francia che si riuniscono regolarmente per permettere il suo funzionamento. La Route des Stages dispone: di una rete di corrispondenti locali (uno per SEL almeno) che diffondono l'informazione e se necessario, registrano gli annunci e si occupano del contatto tra il il sito Internet e l'aderente non collegato. In occasione degli incontri regionali tra Sels, raccolgono proposte, domande o progetti. di un sito Internet : che propone: 1) una base di dati, chiave di volta dell'organizzazione autogestita, che permette l'iscrizione, l'attualizzazione degli annunci e lo smistamento dei dati in funzione dei nostri centri di interesse; 2) uno spazio di condivisione dell'informazione e delle testimonianze vissute nei seminari 3) la possibilità di accedere alle coordinate dei corrispondenti locali; 4) dei documenti da scaricare: catalogo, rendiconto delle riunioni ed informazioni; 5) dei collegamenti con i siti come JEU, Selidaire, Route des Sels... ecc.. 6) di una lista di diffusione: accessibile ugualmente dal sito Internet, permette di discutere, proporre idee, dare informazioni di attualità; 7) di un indirizzo 8) di una documentazione dettagliata; 9) per i corrispondenti locali: targhette d'informazione, poster e targhette che spiegano il funzionamento della Route des Stages; 10) per tutti gli aderenti: 3 fiches tecniche; 11) come redigere ed aggiornare il proprio annuncio; qualche suggerimento per una buona organizzazione dei seminari una fiche di sintesi che permetta la raccolta di informazioni sul funzionamento dei seminari. di un giornale scaricabile da Internet o da domandare al proprio corrispondente locale della Route des Stages, esso comprende: - il catalogo delle offerte - informazioni diverse sulla vita della Route de Stages e la sua attualità - La Route des Stages partecipa alle riunioni annuali Intersel. Una nota informativa e' inclusa nel corriere trimestrale di Selidaire che e' inviato ad ogni SEL. - Lo scambio diretto: scambio di un servizio durante il seminario o dopo; lo scambio di un bene che potete proporre all'organizzatore. - L'intersel: se due Sel d'appartenenza sono legati da un sistema intersel. - Solo le spese sostenute per l'acquisto di derrate alimentari o di materiale necessario allo svolgimento del seminario potranno dar luogo ed un regolamento in franchi o in euro. 4.2 Come unirsi alla ROUTE DES STAGES La Route des Stages è aperta a tutti gli aderenti ai SEL e ai partenari JEU Il nuovo "saltimbanco" si iscriverà sul sito Internet e registrerà il suo annuncio. In caso di difficoltà potrà contattare il corrispondente locale che gli spiegherà cosa fare. Se non ha la 19

20 possibilità di connettersi, il corrispondente locale scriverà per lui il suo annuncio e gli rimetterà il catalogo della Route des Stages. Prenderà lettura della Carta costitutiva e dovrà impegnarsi a rispettarne lo spirito e la lettera. Potrà avere accesso su Internet a tutti i servizi proposti (sito e giornale). Se il corrispondente locale fornisce il catalogo questo servizio darà luogo ad un rimborso delle spese sostenute in franchi e del suo tempo in unità di scambio. Il tipo di scambio da utilizzare generalmente è legato ad una organizzazione del seminario nel quale si precisa il tipo di unità di scambio desiderato nel suo annuncio. Le possibilità sono tuttavia numerose e forse ancora da inventare.. Nella realtà gli scambi di seminari vengono convertiti i «nuitee», ad esempio uno stage a 300 unità + 5 nuitee. L'adesione alla Route des Stages implica l'adesione morale alla sua Carta e un impegno a rispettare le sue regole di funzionamento. La Carta della Route des Stages si configura nello spirito che anima i SEL che sperimentano nuovi sistemi di scambio in tutta indipendenza, libertà, totale autogestione e trasparenza e con la vigilanza di non subire influenze da parte dei partiti politici, chiese o sette. La Route des Stages vuole essere soprattutto un luogo di scambio, di condivisione, d'incontro, di scoperta, di cooperazione escludendo tutte le finalità commerciali e profitti finanziari. L'organizzazione e la partecipazione ad un seminario costituiscono un impegno reciproco concreto tra colui che propone il seminario e colui che ne beneficia; l'aderente che propone un seminario si impegna a farlo seriamente allo scopo di coniugare qualità e convivialità. Rammentiamo qui di seguito proposte e domande di seminari per categoria: Arte e cultura offerta: musica classica, scoprire l'esperanto, musica barocca e rinascimento, rimessa a livello francese, acquarello, atelier di scrittura, corso di tedesco, incontri ravvicinati scultore e pittore, conversazione sull'africa nera, linguaggio pittorico, atelier di letteratura e gastronomia latino-americana, visita culturale di Parigi, Atelier di scrittura e letteratura, traduzioni tedesco-inglese domande: musica classica, Bongos e jambos, percussioni, tedesco o inglese, acquarello, riflessione sul mondo mercato, seminario di pittura o di disegno, chitarrista per improvvisazioni canto, corso di storia dell'arte, perfezionamento lingua francese, seminario di canto Artigianato d arte Offerte: sculture, calchi, taglio di pietra, apprendimento terracotte, tornitura, fabbricazione di smalti, seminario di fabbricazione di giocattoli con materiali semplici, iniziazione alla tecnica dell'uncinetto annodato, terracotte, pittura domande: seminario di perfezionamento alla rilegatura Questi sono solo alcuni esempi di offerte e domande di seminari, ma molti altri sono proposti nell ambito della comunicazione e sviluppo personale (es. seminario clown, favole, 20

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DELLE SCUOLE IN RETE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DELLE SCUOLE IN RETE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DELLE SCUOLE IN RETE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE 1 ART. 1 Denominazione e sede 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

CODICE ETICO A L L E G A T O 2. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

CODICE ETICO A L L E G A T O 2. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo A L L E G A T O 2 CODICE ETICO 24 PR E M ESSA L'etica è l'insieme delle norme di condotta pubblica e privata che, secondo la propria natura e volontà, una persona o un gruppo di persone scelgono e seguono

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Parigi, 14 novembre 1970

Parigi, 14 novembre 1970 Convenzione UNESCO concernente le misure da adottare per interdire e impedire l illecita importazione, esportazione e trasferimento di proprietà dei beni culturali Parigi, 14 novembre 1970 La Conferenza

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014. SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE

ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014. SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014 SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE LA STORIA SIAMO NOI PREMESSA Nel continuo divenire del processo

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Statuto dell Associazione di promozione sociale Roberto Serena Amici della musica e dell arte

Statuto dell Associazione di promozione sociale Roberto Serena Amici della musica e dell arte Statuto dell Associazione di promozione sociale Roberto Serena Amici della musica e dell arte Art.1 (Costituzione e durata) Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI Modifica art. 10, comma 1 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con D.P.R. del 22

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica

Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica N.B. La preghiamo di leggere con attenzione le istruzioni per ogni quesito, considerando che certe domande necessitano di risposte

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Una scuola grande un mondo!!!

Una scuola grande un mondo!!! Una scuola grande un mondo!!! Laboratori di educazione allo sviluppo sostenibile, alla mondialità, all educazione ambientale e all intercultura a.s. 2015/2016 centro per appropriato sviluppo tecnologico

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO

DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO 1/7 DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO ART.1 - Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dall'articolo 36 e seguenti del Codice Civile e alla Legge 383/2000,

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO PREMESSA L Associazione M.G.S. SER.MI.G.O. (Iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con Decreto n. 22 del 28/02/2007) ha lo scopo

Dettagli

CARTA dei VALORI del VOLONTARIATO

CARTA dei VALORI del VOLONTARIATO Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali della Regione Calabria Progetto Promozione, sviluppo e diffusione del volontariato giovanile in ambito socio-sanitario CARTA dei VALORI del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale STATUTO DELL ASSOCIAZIONE In Arte Lab Associazione Culturale Articolo 1 - E costituita l Associazione denominata In Arte Lab, libera associazione di fatto, apartitica, apolitica e aconfessionale, con durata

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

c) la promozione di gite, escursioni, viaggi e soggiorni utili al perseguimento delle finalità dell Associazione, anche in collaborazione con terzi;

c) la promozione di gite, escursioni, viaggi e soggiorni utili al perseguimento delle finalità dell Associazione, anche in collaborazione con terzi; STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE RITROVARSI NEI GIARDINI Art. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1-1 E costituita L Associazione culturale Ritrovarsi nei Giardini da Maria Rosaria Turnaturi, Isabella Turnaturi, Alessandro

Dettagli

UN TESORO PER LA SCUOLA:

UN TESORO PER LA SCUOLA: SCHEDA PROGETTO S 8 SOCIETA' E ORDINAMENTI: L'EUROPA UN TESORO PER LA SCUOLA: LE FAMIGLIE DONANO IL TEMPO Conoscenze Esperienze Competenze Ricordi TITOLO Proponente Oggetto sintetico Modalità A chi è diretto

Dettagli

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno La famiglia al nido per condividere un esperienza: uno spazio per conoscersi giocando Anno educativo A cura del Collettivo 2008/2009 del Nido

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

Programmazione coccinelle anno scolastico 2013-14 UN ANNO A REGOLA D'ARTE

Programmazione coccinelle anno scolastico 2013-14 UN ANNO A REGOLA D'ARTE Programmazione coccinelle anno scolastico 2013-14 UN ANNO A REGOLA D'ARTE Ognuno di noi ha dentro di sé un piccolo, grande artista. Chi non si è mai cimentato in una attitudine artistica: pittura, scultura,

Dettagli

Codice di Etica Professionale

Codice di Etica Professionale Codice di Etica Professionale per: Istruttori di Arti Marziali Tecnici di Arti Marziali Vi invitiamo a leggere questo Codice Etico con attenzione e a seguirne i principi nell esercizio della vostra attività

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DI ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DI ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DI ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Nel rispetto del Codice Civile e della legge 383/2000 oggi 14 gennaio 2009, con il presente atto si costituisce l associazione di promozione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso Scuola dell infanzia di via Roma ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 1. SITUAZIONE INIZIALE Non c è crescita senza l opportunità di fare esperienza (M. Bernardi) Nel corso di questi

Dettagli

STATUTO Pozzo di Giacobbe Jakobsbrunnen onlus

STATUTO Pozzo di Giacobbe Jakobsbrunnen onlus STATUTO Pozzo di Giacobbe Jakobsbrunnen onlus TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Costituzione e sede) 1.1 Costituzione E costituita l Associazione di Volontariato denominata Pozzo di Giacobbe Jakobsbrunnen

Dettagli

1.3.3. VARIABILI DIDATTICHE 1 : perché e come modificare un problema?

1.3.3. VARIABILI DIDATTICHE 1 : perché e come modificare un problema? 1.3.3. VARIABILI DIDATTICHE 1 : perché e come modificare un problema? Sunto Si presenta un problema «La gara delle uova» in due versioni. Si esaminano le differenze tra i due enunciati per fare apprire

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche

CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche ELABORAZIONE DATI CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche Comportamenti professionali che gli operatori Co.Libri' si impegnano ad attuare, rispettare e promuovere nella gestione dei servizi di biblioteca

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti emendata dal Protocollo n. 1 (STE 151) e dal Protocollo n. 2 (STE 152) Strasburgo, 26 novembre 1987

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

STATUTO 1 DENOMINAZIONE

STATUTO 1 DENOMINAZIONE STATUTO Art. 1 DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 un associazione di volontariato senza scopo di lucro, a durata illimitata, denominata Associazione Amici dell

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

SUSTAIN PIANO DIDATTICO

SUSTAIN PIANO DIDATTICO SUSTAIN PIANO DIDATTICO Titolo dell unità Nome dell insegnante, Scuola e Paese Gruppo classe di riferimento Obiettivi Competenze chiave sviluppate Motivazione / Giustificazione Durata Luogo Temi dello

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Statuto dei Verdi del Trentino

Statuto dei Verdi del Trentino Statuto dei Verdi del Trentino Preambolo I Verdi del Trentino sono una formazione politica costituitasi nel 1983, con la denominazione Lista verde del Trentino, per realizzare uno strumento aperto di autorganizzazione

Dettagli

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) 1 di 8 11/11/2011 10.30 (Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

ALLEGATO A. È costituita in Firenze l Associazione fotografica di carattere culturale denominata. DIAFRAMMA APERTO - Codice Fiscale

ALLEGATO A. È costituita in Firenze l Associazione fotografica di carattere culturale denominata. DIAFRAMMA APERTO - Codice Fiscale ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA DIAFRAMMA APERTO Art. 1 Denominazione e sede È costituita in Firenze l Associazione fotografica di carattere culturale denominata DIAFRAMMA APERTO - Codice

Dettagli

1.1 Intro ComES pag.2 1.2 Consumatori (in)consapevoli pag.2 1.3 Il viaggio della banana pag.2. 2.1 L Africa pag.3 2.2 L Asia.pag.3 2.3 L America pag.

1.1 Intro ComES pag.2 1.2 Consumatori (in)consapevoli pag.2 1.3 Il viaggio della banana pag.2. 2.1 L Africa pag.3 2.2 L Asia.pag.3 2.3 L America pag. Il movimento del Commercio Equo e Solidale individua nella scuola uno degli interlocutori più validi, intravedendo nel campo della didattica una leva per creare consapevolezza e per diffondere una proposta

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

I PROGETTI EDUCATIVI TELETHON 2015/16

I PROGETTI EDUCATIVI TELETHON 2015/16 I PROGETTI EDUCATIVI TELETHON 2015/16 Perché entrare nelle scuole? La rarità delle malattie genetiche fa sì che esse siano trascurate dai principali investimenti pubblici e privati. Telethon esiste proprio

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O

fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O Art. 1 Costituzione, democraticità della struttura, ed assenza del fine di lucro 1. E' costituita con sede in Leivi (Ge), via Cogozzale 8, l associazione denominata

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI DEI MUSEI

CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI DEI MUSEI FMAM FEDERAZIONE MONDIALE DEGLI AMICI DEI MUSEI versione e traduzione italiana a cura di ICOM ITALIA COMITATO NAZIONALE ITALIANO DEL CONSIGLIO INTERNAZIONALE DEI MUSEI CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI

Dettagli

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge:

Dettagli

NORME COMUNI A TUTTE LE BANCHE DEL TEMPO RIGUARDO AL CONTEGGIO DELLE ORE E ALLO SCAMBIO DI OGGETTI

NORME COMUNI A TUTTE LE BANCHE DEL TEMPO RIGUARDO AL CONTEGGIO DELLE ORE E ALLO SCAMBIO DI OGGETTI NORME COMUNI A TUTTE LE BANCHE DEL TEMPO RIGUARDO AL CONTEGGIO DELLE ORE E ALLO SCAMBIO DI OGGETTI Premessa: E utile chiarire che l obiettivo di questo documento è quello di dare delle indicazioni generali

Dettagli