COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena"

Transcript

1 Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n Montalcino (SI) Tel /Fax P.I. C.F COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (art. 42 comma 6 della L.R. 01/05 e art. 9 del regolamento d attuazione 5/R) DELL AZIENDA AGR. TALENTI RICCARDO POSTA IN MONTALCINO LOC. Pian di Conte - VALUTAZIONE INTEGRATA DEGLI EFFETTI AMBIENTALI - RICHIEDENTE: Az. Agr. SanCarlo Di Gemma Marcucci Loc. SanCarlo, Tavernelle Montalcino P.I Montalcino (SI), 18/06/2013 Il Tecnico Arch. Tommaso Giannelli Z:\Lavori_Parisi_Associati\Lavori\Sancarlo_Az_Ag\07_PMAA\05_PMAA\05.2_doc\Integrazioni_130613\PMAA_VIEA_ doc

2 VALUTAZIONE INTEGRATA DEGLI EFFETTI AMBIENTALI 1_ ASPETTI GENERALI DELLA PRORIETÀ CONTENUTI DEL P.M.A.A. 1.1 Proprietà Az. Agr. SanCarlo Località SanCarlo, Montalcino (SI) P.I Legale rappresentante Az. Agr. SanCarlo: Sig. ra Gemma Marcucci nata a Montalcino (SI), il 08/10/1978 C.F. MRC GMM 78R48 F402V 1.2 Collocazione delle proprietà inquadramento catastale Le proprietà (terreni ed edifici) dell'azienda agricola SanCarlo sono interamente collocati all'interno del territorio comunale di Montalcino (SI) e costituiscono un unico corpo aziendale così accatastato: F. 154 P. 93,94,95,96,97,98,99,100. I terreni di cui alle particelle sopra elencate sono classificati dal P.R.G. come: E8 Terreni altocollinari con paesaggio misto a boschi e zone coltivate di cui all' ART. 25 delle N.T.A.. L'ampliamento previsto dal PMAA verrà realizzato in aderenza al corpo di fabbrica principale del centro aziendale. Per una più approfondita visione della costituzione delle proprietà aziendali si rimanda alle tavole di P. M.A.A. 1.3 Contenuto del P.M.A.A. Con il P.M.A.A. presentato al Comune di Montalcino, l' Az. Agr. SanCarlo di Gemma Marcucci ha richiesto: La costruzione di un nuovo volume in aderenza a quelli già esistenti da adibire a cantina di produzione vino. La destinazione d'uso prevista per le superficie in ampliamento è la seguente: locale fermentazione, locale vinificazione, locale degustazione. L'annesso agricolo previsto dal P.M.A.A. ha una superficie di 190 mq per un volume complessivo di 650 mc. Detto volume sarà realizzato in aderenza alla cantina attualmente organizzata al piano terra dell'edificio principale del centro aziendale. Come questo fabbricato, anche il volume in ampliamento, sarà realizzato in muratura con finitura intonacata. Il nuovo volume sarà impostato su un terreno attualmente utilizzato come spiazzo di manovra ed avrà altezze variabili. Tale posizione, nascosta dalla vegetazione esistente, oltre a porre il nuovo edificio alla medesima quota della cantina esistente, determina un minor impatto dai punti di vista paesaggistici principali. Inoltre l'aderenza del nuovo volume alla costruzione esistente comporta un flusso razionale del processo produttivo-gestionale collocando tutti gli spazi necessari all'attività dell'azienda in continuità e consente di non dover realizzare nuove opere di urbanizzazione (gas, acqua, luce, fognature) né nuove strade di accesso, potendo utilizzare quelli già esistenti. Attraverso la realizzazione del nuovo volume si vuole garantire la migliore produttività dell'azienda, quindi il sostentamento della proprietà e delle persone che vi lavorano, garantendo al contempo il continuo presidio e la manutenzione della campagna di pertinenza e delle sue caratteristiche paesaggistiche. 2_ASPETTI METODOLOGICI GENERALI SULLA VALUTAZIONE INTEGRATA DEGLI EFFETTI AMBIENTALI La zona oggetto di P.M.A.A. ricade in zona classificata (E8 Terreni altocollinari con paesaggio misto a boschi e zone coltivate) di cui all'art. 25 delle N.T.A. del P.R.G. vigente. Detto articolo prevede che i P.M.A.A. della zona E8 abbiano valore di piano attuativo.

3 Secondo l' art 10 della L.R. n.1/2005 il piano attuativo rientra tra gli atti di governo del territorio. L'art. 11 della succitata legge regionale, al fine dell'adozione degli atti comunali di governo del territorio, prescrive la redazione della Valutazione Integrata. La valutazione integrata indaga valuta gli effetti territoriali, ambientali, socio - economici e sulla salute, delle misure previste dagli atti comunali di governo del territorio. La valutazione integrata inoltre comprende la verifica tecnica di compatibilità relativamente all'uso delle risorse essenziali del territorio : a) aria, acqua, suolo e ecosistemi della fauna e della flora; b) città e sistemi degli insediamenti; c) paesaggio e documenti della cultura; d) sistemi infrastrutturali e tecnologici. L' art 14 della L.R. n.1/2005 prevede i Criteri per l'applicabilità della valutazione integrata determinando le possibilità di redigere o meno la valutazione integrata. La valutazione integrata viene inoltre redatta secondo gli aspetti metodologici previsti dal D.P.G.R. 9 Febbraio 2007 n. 4/R (Regolamento di attuazione dell'art. 11 comma 5 della legge regionale 3 Gennaio 2005 n.1) Si sottolinea come il P.M.A.A. - P.A. rientri in un quadro normativo di riferimento ben delineato in cui la strumentazione urbanistica di livello comunale, ed in particolare il P.S. approvato è stato oggetto di verifica V.A.S. (Deliberazione di C.C. n. 12 in data , avente per oggetto Piano Strutturale, procedimento di formazione artt L.R. 1/2005 e Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) ai sensi del D.lgs. 152/2006 con s.m.; presa d atto del Quadro Conoscitivo e adempimenti per la V.A.S. ) la quale, in ottemperanza della normativa vigente in materia, ha comportato la verifica di coerenza interna e la verifica di coerenza esterna. La verifica di coerenza esterna ha comportato l'accertamento della coerenza dei contenuti e delle prescrizioni del P.S. con gli strumenti urbanistici sovraordinati -P.I.T. Regione Toscana, P.T.C.P. Provincia di Siena e con gli strumenti di settore. Nell'ottica della sussidiarietà vigente tra gli strumenti urbanistici di livello comunale e sovracomunale, si ritiene che la valutazione integrata degli effetti ambientali relativa alle previsioni del P.M.A.A. - P.A. dell' Az. Agr. SanCarlo possa essere condotta avendo come riferimento la V.A.S. redatta per l'approvazione del Piano Strutturale. Quest'ultima valutazione ha sostanzialmente dimostrato la coerenza del P.S. con la strumentazione urbanistica sovraordinata di livello provinciale e regionale (coerenza esterna) e la sostenibilità generale (ambientale, sociale, etc.) degli obiettivi del P.S. stesso (coerenza interna). Dimostrare che, attraverso la scelta di indicatori significativi, gli obiettivi contenuti nel P.M.A.A. - P.A. in questione risultano coerentemente in linea con quanto contenuto con la V.A.S. redatta per l'approvazione del P.S. comunale, diventa dimostrazione di coerenza rispetto alla strumentazione urbanistica sovracomunale (coerenza esterna) e rispetto alla verificata sostenibilità del P.S. stesso. 3_QUADRO CONOSCITIVO GLI STRUMENTI URBANISTICI DI RIFERIMENTO (P.I.T. - P.T.C.P. - P.S. P.R.G.) 3.1 Strumentazione urbanistica regionale Il nuovo Piano di Indirizzo Territoriale della Toscana approvato dal Consiglio regionale il 24 luglio 2007 con delibera n. 72. classifica la zona interessata dal P.M.A.A. come Ambito 38: Val d' Orcia (si rimanda all'allegato 1). Gli obiettivi di qualità del P.I.T. che possono essere messi in relazione con l'intervento previsto dal P.M.A.A. prevedono sinteticamente la tutela dei centri minori, la loro integrità storica e culturale, l'integrità delle visuali panoramiche da essi offerte. Inoltre il P.I.T. consente interventi che risultino in armonia con le regole e i caratteri insediativi e storici locali, in relazione ai valori dei paesaggi.

4 3.2 Strumentazione urbanistica provinciale Con D.C.P. n 124 del è stato approvato il P.T.C.P. della Provincia di Siena poi efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n 11 parte II del Di seguito si riporta riferimento agli articoli della disciplina del P.T.C.P. che possono formare base di riferimento per la valutazione del grado di impatto che gli interventi previsti dal P.M.A.A. - P.A. possono avere sulle varie componenti ambientali. 3.4 Strumentazione urbanistica comunale P.R.G. comunale vigente Il P.R.G. comunale vigente è stato approvato con Delibera del Consiglio Regionale Toscano n 91 del 29 febbraio 2000 e con Deliberazione Consiglio Comunale n 41 del 1 giugno L'Az. Agr. SanCarlo si sviluppa su terreni collocati nel comune di Montalcino (SI) costituenti un unico corpo aziendale così accatastato: F. 154 P. 93,94,95,96,97,98,99,100. Essi ricadono nell'area che il P.R.G. comunale vigente classifica come E8 Terreni alto collinari con paesaggio misto a boschi e zone coltivate di cui all'art. 25 delle N.T.A. Di seguito si riportano i contenuti dell'articolo 25 delle N.T.A. del P.R.G. comunale: ART. 25 E8 Terreni alto collinari con paesaggio misto a boschi e zone coltivate E' ammessa la realizzazione di fabbricati funzionali alla conduzione del fondo solo per le aziende la cui estensione supera le superfici fondiarie minime. Le soluzioni progettuali dovranno prevedere la realizzazione dei nuovi volumi in ampliamento od in contiguità con gli edifici esistenti utilizzando i materiali tipici dell'area. Gli interventi sui terreni agricoli dovranno rispettare le condizioni generali di ammissibilità. - Nel caso siano interessate aree degradate dal punto di vista agricolo e funzionale dovrà essere redatto un Piano di zona o di recupero per ambiti dimensionali che saranno stabiliti dall'amministrazione Comunale. - Le aree boscate sono inedificabili - E' ammesso e auspicato il recupero del patrimonio edilizio esistente di valore storico e ambientale a norma dell'art Indici, altezze e distanze some all'art PMAA con valore di Piano attuativo, - E' ammesso il Cambio di destinazione degli edifici esistenti non più necessari per l'agricoltura a norma dell'art Nell'ambito E8 sono comprese aree protette di categoria A - B - C. Con le seguenti ulteriori norme: Cat. C. Interessa le zone di rispetto e le fasce d'interrelazione visivo ambientale lungo i corsi d'acqua. Protezione delle risorse ambientali e delle attività strettamente interrelate con l'habitat fluviale. Sono ammesse solo destinazioni d'uso compatibili con le attività esistenti (agricole tradizionali, escursionistiche). Non sono ammesse nuove attività agricole che non rientrino tra quelle storicamente consolidate e tipiche della zona, o che siano finalizzate ad una produzione intensiva di tipo industriale, tale da alterare i caratteri visivo-morfologici degli intorni delimitati. Non è ammessa alcuna attività di prelievo e di escavazione di inerti o altri materiali naturali sia in alveo che nelle fasce di pertinenza. Non è ammessa l'introduzione di specie naturali non autoctone. Non sono ammessi movimenti meccanici di terra che alterino la natura geo-morfologica e la composizione stratigrafica del suolo.

5 3.4.2 P.S. comunale vigente Il P.S. del Comune di Montalcino risulta approvato con deliberazione n. 45 del Consiglio Comunale del 04 novembre 2011ai sensi dell art.17 c. 4 L.R. n.1/2005 con s.m. Ai sensi degli artt della L.R. n. 1/2005 il procedimento è stato avviato con Delib. C.C. n. 23 in data Inoltre sempre con Deliberazione di C.C. n. 12 in data , avente per oggetto Piano Strutturale, procedimento di formazione artt L.R. 1/2005 e Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) ai sensi del D.lgs. 152/2006 con s.m.; presa d atto del Quadro Conoscitivo e adempimenti per la V.A.S., si è dato avvio alla procedura di verifica di assoggettamento alla Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.). Di seguito si riportano le prescrizioni contenute nel P.S. relativamente alla zona oggetto di P.M.A.A. - P.A. Unità 4. Centro - Sud. Superf. Totale unità mq. 4.1 Caratteri percettivi e visivi del paesaggio 1. Il sistema di territorio dell' unità 4 identifica quella parte del territorio del comune di Montalcino appartenente al sistema dei crinali maggiori. La caratteristica che lo contraddistingue è la marcata percentuale della superficie a bosco rispetto ai campi coltivati quasi prevalentemente a olivo e vite e la bassa densità insediativa. 2. I temi e le immagini che corredano la scheda in oggetto, costituiscono il riferimento per l identificazione dei caratteri strutturanti il sistema di paesaggio, da assumere come linee guida per gli interventi, che dovranno sempre tutelare le componenti di valore riconosciute nello Statuto del territorio e definire le proposte di progetto conformandosi al rispetto delle componenti stesse che contraddistinguono il sistema come tale. DIRETTIVE 3. Il RU deve individuare una disciplina specifica per tutelare: a. i crinali b. il sistema delle presenze storiche architettoniche e le relazioni con le loro pertinenze, rappresentate dagli spazi scoperti fino al margine del bosco. c. il bosco stesso d. la percorribilità pubblica delle strade minori individuate come tracciati o percorsi di interesse ambientale ed escursionistico; 4. si dovranno ridurre le possibili fonti di inquinamento luminoso PRESCRIZIONI 5. Nel sistema valgono prevalentemente quelle derivanti dalle norme forestali. 4.2 Struttura fisica e geologica dei luoghi Caratteri omogenei Morfologicamente tale ambito è caratterizzato da un paesaggio in parte collinare ed in parte montuoso, interessato da estese aree boscate, che presenta dei versanti asimmetrici con forme irregolari, generalmente da ricondurre ad eventi tettonici, localmente sedi di forme attribuibili a fenomeni gravitativi medio-profondi, pregressi e/o attuali. Da un punto di vista geologico in tale ambito di paesaggio ricadono delle porzioni della Dorsale Medio Toscana (riquadro blu) principalmente disposta nella parte centrale del territorio comunale, ivi caratterizzato nel complesso dall affioramento di depositi del Dominio ligure esterno e localmente, nella porzione sud orientale ed orientale dall affioramento di formazioni riconducibili al Dominio toscano (Cretacico Superiore - Miocene Inferiore) che si rinviene unicamente in tale ambito di paesaggio ed in quello ad esso adiacente, denominato delle colline del vino. Da un punto di vista litotecnico trattasi prevalentemente di successioni con alternanze di litotipi lapidei ed argillosi in rapporti variabili, caratterizzati da caratteristiche geotecniche buone, laddove il grado di alterazione

6 non risulta eccessivo. Per quanto concerne la vulnerabilità degli acquiferi associata a tali depositi nelle aree in cui affiorano i depositi del Dominio ligure esterno prevalgono reti acquifere o corpi idrici multifalda con propagazione variabile da membro a membro mentre laddove affiorano i deposti riconducibili al dominio toscano (Formazione del Macigno e della Scaglia Toscana) prevalgono falde o reti acquifere, in pressione, semi-libera o libera, protette in superficie da una copertura poco permeabile e rete acquifera e/o corpi idrici multifalda, con propagazione variabile da membro a membro. In tale contesto la presenza di una fitta maglia di faglie alcune delle quali di una certa importanza può fungere da via preferenziale di interconnessione tra le acque degli acquiferi profondi e quelle superficiali, potenzialmente inquinabili. Per la vulnerabilità intrinseca di questi ultimi depositi agli stessi è associata una sensibilità di classe 2. Prescrizioni 2. La cartografia allegata al quadro conoscitivo del PS fornisce un supporto per l elaborazione dei progetti d intervento. Gli estratti qui allegati sono funzionali all individuazione dei caratteri medi all interno del sistema di paesaggio. 3. IL RU in base ai valori medi riconosciuti può apportare lievi modifiche in prossimità dei limiti del sistema, comunque sulla base di specifici studi e approfondimenti. 4.3 Uso antropico del territorio 1. Sono elementi identificativi di sistema la presenza preponderante delle aree boscate intervallate dalle colture al olivo e vite. DIRETTIVE 2. I miglioramenti ambientali saranno prioritariamente indirizzati: - all eliminazione delle conifere e sostituzione con piante autoctone; - ad opere di recupero della viabilità minore e per la valorizzazione dei percorsi escursionistici e naturalistici; - agli interventi di rinaturalizzazione o ricostituzione delle tessiture agrarie tradizionali; PRESCRIZIONI 3. Tutelare le presenze naturali residue. 4. Tutelare le presenze storiche Poggio Civitella e le aree di interesse archeologico e paleontologico in genere. 5. Nel caso di cambi colturali e anche di limitati interventi di trasformazione dovranno essere considerati gli elementi strutturanti il paesaggio e le tessiture agrarie di valore (tessuti agrari a maglia fitta), la forma dei campi. 4_VERIFICA DI COERENZA TRA I GLI STRUMENTI URBANISTICI E GLI INTERVENTI PREVISTI DAL P.M.A.A. - VALUTAZIONE INTEGRATA DEGLI EFFETTI AMBIENTALI APPROCCIO METODOLOGICO La verifica di coerenza di seguito proposta si basa sulla Sintesi non tecnica del rapporto ambientale che costituisce un sunto chiaro dei risultati della valutazione ambientale redatta contestualmente al P.S. Per la chiarezza e per il grado di approfondimento, contiene tutti i riferimenti necessari a effettuare la Valutazione degli Effetti Ambientali degli obiettivi - effetti contenuti nel P.M.A.A. - P.A. dell' Az. Agr. SanCarlo. La verifica che viene di seguito proposta non tratterà tutti gli argomenti presenti nella Sintesi non tecnica del rapporto ambientale, ma prenderà a riferimento solo quelli interessati dai contenuti del P.M.A.A. - P.A. L'obiettivo del seguente lavoro è quello di verificare attraverso la coerenza con il P.S., la coerenza dei contenuti del P.M.A.A.- P.A. con gli strumenti urbanistici sovracomunali (coerenza esterna) e con gli obiettivi del P.S. stesso. In questa fase si sottolinea come il P.A. - P.M.A.A. non contrasta con le prescrizioni previste dal P.S. per l'ambito territoriale di riferimento Unità 4. Centro Sud che è stato riportato al punto precedente. Di seguito si riporta un estratto della sintesi non tecnica del rapporto ambientale e soprattutto degli argomenti più significativi rispetto ai temi trattati nel P.M.A.A. - P.A.

7 ESTRATTO DELLA SINTESI NON TECNICA DEL RAPPORTO AMBIENTALE - VERIFICA ICA DI COERENZA DEGLI EFFETTI ATTESI DAL P.M.A.A. - P.A. Disciplina generale del territorio extra urbano Il PS riconosce e disciplina il territorio rurale promuovendo politiche attive di tutela e di valorizzazione delle attività agricole, dell economia rurale in genere e del paesaggio agrario riconoscendoli come fondamento su cui basare lo sviluppo durevole di tutto il territorio comunale di Montalcino. Esso protegge e salvaguarda i sistemi ambientali per ridurre la frammentazione degli habitat naturali e per mantenere e rafforzare la biodiversità, anche per la valorizzazione turistica e la fruizione del territorio. Il P.S. promuove politiche attive di tutela e di valorizzazione dell'attività agricola e dell'economia rurale in genere e del paesaggio, inoltre promuove la produzione del vino a cui associare standard qualitativi territoriali che possano avere ricadute positive sull'economia locale e promuove anche le altre produzioni della dell'olivo e del miele. Il P.S. promuove la valorizzazione del patrimonio edilizio extraurbano e dei relativi spazi di pertinenza, promuove progettazioni architettoniche contemporanee di qualità non vernacolari. Il PS tutela e valorizza la centralità, l esclusività e la qualità della produzione del vino Brunello di Montalcino sul territorio comunale, a cui associare standard qualitativi territoriali (di prodotto, di paesaggio, di servizi), che possano avere ricadute positive su tutta l economia locale [omissis]. PS persegue il recupero, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio edilizio extraurbano esistente e dei relativi spazi di pertinenza, fornendo per questo criteri differenziati e coerenti con le caratteristiche degli insediamenti e dei paesaggi. In considerazione del consistente patrimonio edilizio presente in territorio extraurbano ancora inutilizzato, il PS promuove la sua conoscenza ai fini di una riqualificazione coerente e sostenibile, limitando le nuove costruzioni in genere comunque da realizzarsi con progettazioni di qualità espresse con linguaggi contemporanei ben integrati nel contesto, evitando banali soluzioni vernacolari [omissis]. Verifica di coerenza del P.M.A.A. - P.A. con la disciplina del territorio extra urbano L'intervento previsto dal P.M.A.A. - P.A. risulta perfettamente coerente con gli obiettivi sopracitati del P.S. poiché nel rispetto della maglia agraria fitta presente nella zona, l'ampliamento proposto in aderenze agli edifici che già costituiscono il centro aziendale, determina un miglioramento nel processo produttivo comportando un innalzamento degli standard qualitativi generali dell'azienda, con ricadute positive del punto di vista della redditività e dell'economia. L'ampliamento previsto verrà realizzato secondo un progetto basato secondo canoni architettonici contemporanei di qualità e non vernacolari. Gli indirizzi per i P.A.P.M.A.A. Il P.S. individua nel territorio, quali elementi di grande rilevanza paesaggistica: Il tessuto agrario a maglia fitta Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con gli indirizzi per i P.A.P.M.A.A. Per come si conforma l'ampliamento previsto nel P.M.A.A. - P.A., che verrà realizzato su di uno spiazzo attualmente utilizzato per le manovre dei mezzi, in aderenza agli edifici esistenti, possiamo affermare che l'impatto della nuova volumetria sul paesaggio circostante risulta sostanzialmente nullo. Questo perché, oltre a non comportare impatto visivo notevole dalle visuali panoramiche principali, la nuova costruzione non altera le componenti paesaggistiche caratteristiche della zona insistendo su di un'area già edificata e completamente infrastrutturata. Il P.S. articola il territorio di Montalcino in sette sistemi territoriali, quello in cui ricade il terreno oggetto del presente P.A. - P.M.A.A. viene denominato unità 4 poggi interni. IL QUADRO ANALITICO E GLI SCENARI DI RIFERIMENTO I POSSIBILI IMPATTI SIGNIFICATIVI SULL'AMBIENTE E LE MISURE PER RIDURRE E COMPENSARE GLI EFFETTI Risorsa - acqua Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa acqua

8 Per la trattazione di questo specifico aspetto ambientale si rimanda alla relazione specifica a firma del geol. Pierluigi Chiavacci. Risorsa - aria Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa aria Si ritiene che gli interventi previsti all'interno del P.M.A.A. - P.A. non incidano su questa specifica componente ambientale. L'unico aspetto che può presentare minime criticità è quello legato all'inquinamento acustico durante la costruzione del nuovo annesso, fase in cui comunque saranno applicate tutte le misure in ambito di sicurezza nei luoghi di lavoro contenute nel D. Lgs 81/2008 e quindi anche quelle relative alla riduzione dei rumori nocivi. Le nuove funzioni introdotte all'interno dell'annesso non comporteranno particolari carichi sugli scarichi fognari esistenti già comunque dimensionati per un possibile maggior uso e conformati nel rispetto delle normative vigenti in materia. Il nuovo edificio, come descritto ai paragrafi precedenti, sarà edificato in aderenza alle costruzioni già esistenti, sfruttando quindi tutto il sistema di infrastrutture già esistenti: strada di accesso, elettrodotto, acquedotto, fognatura. Risorsa - clima Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa clima I contenuti del P.M.A.A. - P.A. Risultano ininfluenti rispetto a questa risorsa. Risorsa - energia Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa energia Come detto in precedenza la nuova costruzione verrà realizzata con l'applicazione di sistemi di isolamento che rendano l'involucro dell'edificio termicamente efficace con benefici in termini di risparmio energetico come prescritto da vigente normativa. Risorsa - rifiuti Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa rifiuti Le funzioni inserite all'interno della nuova costruzione non comporteranno aggravio nel carico complessivo di produzione né tanto meno la produzione di rifiuti particolarmente nocivi che richiederebbero un particolare sistema di smaltimento. Risorsa - suolo e sottosuolo Fauna Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa Fauna I contenuti del P.M.A.A. - P.A. risultano sostanzialmente coerenti con quanto previsto dagli obiettivi del P.S. per tale aspetto in quanto le pressioni antropiche sulla fauna derivanti all ampliamento della cantina non comporteranno la creazione di una nuova fonte di eventuale disturbo in quanto si insisterà su un aera già caratterizzata da attività connesse alla produzione di vino. Le attività previste nella nuova struttura non avranno inoltre un carattere continuativo tale da rappresentare una fonte di criticità costante sulla fauna. Flora Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa Flora I contenuti del P.M.A.A. - P.A. risultano ininfluenti rispetto a questa risorsa in quanto l ampliamento non insisterà su zone sensibili per la flora. Vegetazione Forestale Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa Vegetazione Forestale I contenuti del P.M.A.A. - P.A. risultano coerenti rispetto a questa risorsa in quanto l'ampliamento avverrà all esterno di zone boscate (che manterranno pertanto intatte le proprie caratteristiche eto-cologiche) ed inoltre insisterà su un area pertinenziale del podere già occupata da un piazzale sul quale non sono presenti manifestazioni vegetazionali che possano subire danni dalla nuova realizzazione. Tale situazione non comporterà inoltre l alterazione di terreni vergini. Con il presente PMAA non si ridurrà la superficie boscata, così come esplicitamente indicato nello stesso

9 documento di Sintesi. Rischio idraulico Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa Rischio idraulico Per la trattazione di questo specifico aspetto ambientale si rimanda alla relazione specifica a firma del geol. Pierluigi Chiavacci. Risorsa - biodiversità Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa Biodiversità I contenuti del P.M.A.A. - P.A. risultano coerenti rispetto a questa risorsa in quanto l'ampliamento non ridurrà le aree naturali e verrà realizzato lontano dal SIR B19 Basso corso del Fiume Orcia e della Riserva Naturale Provinciale il Bogatto. Risorsa paesaggio Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con la risorsa Paesaggio I contenuti del P.M.A.A. - P.A. risultano coerenti con gli obiettivi che il P.S. pone rispetto a questo specifico aspetto. La nuova costruzione sarà infatti realizzata in aderenza all'edificio principale esistente e quindi circondato dalla vegetazione esistente. La vegetazione esistente costituisce un efficacissima barriera visiva rispetto alle visuali panoramiche esterne. Le aree di particolare rilevanza ambientale Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con le aree di particolare rilevanza ambientale I contenuti del P.M.A.A. - P.A. risultano coerenti con i livelli di qualità dell ANPIL Val d Orcia. Per le altre aree tutelate, in quanto ubicate ben lontane dall area oggetto di intervento, non si riscontrano criticità. Popolazione e attività economiche Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con popolazione ed attività economiche Come anticipato nei precedenti capitoli, la realizzazione del nuovo volume comporterà un miglioramento in termini di spazi e quindi una migliore dislocazione delle varie funzioni aziendali con un ritorno positivo in termini di produttività e redditività. Questo risulta coerente con quanto previsto dal P.S. che pone come obiettivo il consolidamento dell'attività enologica. Ambiente e salute umana Verifica di coerenza P.M.A.A. - P.A. con ambiente e salute umana I contenuti del P.M.A.A. - P.A. Risultano ininfluenti rispetto a questo aspetto 5_SINTESI DELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DEGLI EFFETTI AMBIENTALI e DEGLI ASPETTI SOCIO - ECONOMICI Dall'analisi proposta ai punti precedenti si può affermare che gli interventi previsti dal P.M.A.A. - P.A. dell' Az. Agricola SanCarlo non incidono in modo significativo sulle risorse presenti sul territorio di pertinenza. In particolare si sottolinea come la collocazione scelta per la nuova volumetria riduca al minimo l'impatto della stessa sull'ecosistema e sul paesaggio esistente. Risulta inoltre preponderante l'aspetto positivo legato alla realizzazione della nuova volumetria che, comportando un miglioramento della produttività dell'azienda, quindi un miglioramento della qualità della vita dei proprietari e dei dipendenti, rende più facile il presidio e la manutenzione dei terreni e del patrimonio edilizio di proprietà. Montalcino (SI), 18/06/2013 Il Tecnico Arch. Tommaso Giannelli

10 ALLEGATO 1

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA PIANO PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA PAESISTICA DEGLI INTERVENTI EDILIZI ABUSIVI ESEGUITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE ALLEGATO 5 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE ALLE NTA DEL RU PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I TITOLO I CARATTERI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO 1 RU 2 RU PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE 1

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Decreto del presidente del Consiglio dei ministri 12 dicembre 2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 gennaio 2006, n. 25. (2) Titolo così corretto con Comunicato 2 marzo 2006 (Gazz. Uff. 2 marzo 2006, n. 51).

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 gennaio 2006, n. 25. (2) Titolo così corretto con Comunicato 2 marzo 2006 (Gazz. Uff. 2 marzo 2006, n. 51). D.P.C.M. 12 dicembre 2005 (1). Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli