Malleus Maleficarum Martello delle Streghe) è il più famoso e famigerato manuale dell'inquisitore. Redatto nel 1486 dagli inquisitori domenicani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malleus Maleficarum Martello delle Streghe) è il più famoso e famigerato manuale dell'inquisitore. Redatto nel 1486 dagli inquisitori domenicani"

Transcript

1 Malleus Maleficarum Martello delle Streghe) è il più famoso e famigerato manuale dell'inquisitore. Redatto nel 1486 dagli inquisitori domenicani tedeschi Jacob Sprenger e Heinrich Kramer, l'opera espone le basi teoriche su cui si fondava la caccia alle streghe e le indicazioni pratiche che l'indagatore ecclesiastico avrebbe dovuto seguire per smascherare streghe ed eretici. Molte delle credenze e delle superstizioni tuttora in auge (es il Malocchio) non solo trovano nel Malleus "alimento e rifugio", ma vengono addirittura inserite a pieno titolo nel sistema dogmatico della chiesa cattolica. L'obiettivo è dimostrare la realtà delle operazioni stregoniche, fornendo le conoscenze adeguate a reprimerne gli autori. Il libro è diviso in tre parti. Ciascuna parte è al suo interno ripartita in questioni o domande, secondo lo schema del pro e contro. Ciascuna questione risponde ad un quesito sulla materia. Si procede anzitutto all'esposizione delle tesi che si intende confutare e di quella avversa. Dopo tale esposizione gli autori manifestano la propria opinione, che ovviamente è l'unica legittima da un punto di vista dottrinale.

2 On line non esiste una versione in Italiano. Mi è sembrato perciò utile mettere mano ad una traduzione dalla edizione inglese del Il libro presenta difatti un notevole interesse storico, antropologico e giuridico. Per ora ho tradotto la Questione 1 della Parte 1.ma. Avvertenza: Va senza dire che il sottoscritto non è un traduttore professionale, per cui il sottostante lavoro va preso con beneficio d'inventario. Credo comunque di aver sostanzialmente rispettato il contenuto dell'opera, anche in quei punti in cui la complessità dell'espressione e l'arcaicità del linguaggio hanno reso necessari "interventi di adeguamento" che la filologia non può che riprovare. MALLEUS MALEFICARUM PARTE I - Questione 1

3 Se credere nell'esistenza delle streghe è parte così essenziale della fede cattolica che l'ostinazione a sostenere il contrario sappia manifestamente di eresia. Se il credere che esistano le streghe è una parte così fondamentale della fede cattolica che ostinarsi a mantenere il parere contrario sia indice di manifesta eresia. Si sostiene che l'esistenza delle streghe non sia una dottrina cattolica: si veda il capitolo 26, domanda 5, dell'opera di Episcopus. Si argomenta come segue: chiunque creda che una qualsiasi creatura possa essere cambiata in meglio o in peggio, o trasformata in un' altra specie o aspetto esteriore, se non dal Creatore di tutte le cose, è peggiore di un pagano o di un eretico. Perciò ritenere che le streghe possano fare tutto ciò non è cattolico, ma chiaramente ereticale. Inoltre, nessuna operazione di stregoneria ha un effetto permanente tra noi. Ed eccone la prova: se così fosse, ciò sarebbe effetto dell' opera dei demoni. Ma sostenere che i diavoli hanno il potere di modificare i corpi umani o di fare loro del male permanente, non sembra in accordo con l'insegnamento della Chiesa. In questo modo essi potrebbero distruggere il mondo intero e portarlo alla più totale confusione. Inoltre, ogni alterazione che si verifica in un corpo umano -

4 per esempio, uno stato di salute o di malattia - può essere ricondotta a cause naturali, come Aristotele ha mostrato nel suo libro 7 della Fisica. La più importante di queste cause è l'influsso delle stelle. Ma i diavoli non possono interferire con le stelle. Questa è l'opinione di Dionigi nella sua epistola a S. Policarpo Questo è consentito solo a Dio. Pertanto è evidente i demoni non possono realmente effettuare alcuna trasformazione permanente nel corpo umano, vale a dire, nessuna vera metamorfosi. E così si deve attribuire la comparsa di queste trasformazioni a qualche causa oscura e occulta. E ancora: la potenza di Dio è più forte di quella del diavolo, così le opere divine sono più reali delle operazioni demoniache. Dunque, così come è illecito ritenere che le arti malvagie del diavolo possono superare l'opera di Dio, così è illecito credere che le opere più nobili della creazione, vale a dire, l'uomo e la bestia, possano essere danneggiate o fuorviate dal potere del diavolo. Inoltre, ciò che è a sua volta sotto l'influenza di un oggetto materiale non può avere potere su oggetti corporei. Ma i diavoli sono sottomessi a certe influenze delle stelle, tanto è vero che i maghi osservano il corso di alcune stelle al fine di evocare i diavoli. Se tanto è essi non hanno il potere di effettuare qualsiasi cambiamento in un oggetto corporeo e ne consegue che le streghe hanno un potere ancora minore

5 di quello posseduto dai demoni. Inoltre i diavoli non hanno alcun effettivo potere all'infuori di una certa arte sottile. Ma un' arte non può produrre in modo permanente una vera forma. (E un autore dice: Scrittori di alchimia sanno che non c'è speranza di una trasmutazione reale). Pertanto i diavoli da parte loro, anche facendo uso del massimo della loro arte, non possono causare alcuna guarigione o malattia permanente. E dunque se questi stati esistono, è in verità dovuto a qualche altra causa sconosciuta che non ha nulla a che fare con le operazioni dei diavoli o delle streghe. Ma in un passo delle Decretali (33), si trova il contrario. "Se per stregoneria o qualsiasi arte magica consentiti dalla segreto, ma giustissima volontà di Dio, e aiutati dal potere del diavolo, ecc.... ". Il riferimento è qui a qualsiasi atto di stregoneria, che possa ostacolare la consumazione del matrimonio. Affinché questo impedimento abbia effetto - sostengono le Decretali - possono concorrere tre cose, vale a dire, la stregoneria, il diavolo, e il permesso di Dio. E ancora. Il più forte può influenzare ciò che è meno forte. Ma il potere del diavolo è più forte di ogni potere umano (Giobbe XLI). Non vi è alcun potere sulla terra, che possa essere paragonato al suo, che è stato creato in modo che egli non teme nessuno.

6 Risposta. Qui ci sono tre errori ereticali che devono essere esaminati e quando essi saranno stati confutati la verità sarà evidente. Alcuni scrittori, asserendo di basare la loro opinione sulle parole di S. Tommaso (IV, 24) quando egli tratta degli ostacoli determinati da incantesimi magici, hanno cercato di sostenere la non esistenza della magia. Questa avrebbe carattere immaginario ed esisterebbe solo nella fantasia dell' uomo che attribuisce alla stregoneria ed agli incantesimi quegli effetti naturali, le cui cause non sono note. Ci sono altri che non negano l'esistenza delle streghe, ma dichiarano che l'influsso delle operazioni magiche è puramente immaginario. Una terza classe di scrittori sostiene anch'essa che gli effetti attribuiti ad incantesimi sono del tutto illusori e fantasiosi, pur non escludendo che il diavolo possa davvero prestare talvolta il suo aiuto ad alcune streghe. Gli errori sostenuti da ciascuna di queste persone possono essere esposti e quindi confutati. In primissimo luogo il loro carattere eretico è stato chiaramente dimostrato da molti scrittori ortodossi, e specialmente da S. Tommaso, il quale stabilisce che un simile parere è del tutto in contrasto con l'autorità dei santi.

7 Perché l'autorità delle Sacre Scritture dice che i diavoli hanno potere sui corpi e sulle menti degli uomini, quando Dio permette loro di esercitare questo potere. Pertanto errano coloro che negano l'esistenza della stregoneria, affermandone la natura puramente immaginaria, ovvero credono che i diavoli esistono soltanto nella fantasia del volgo ignorante e che erroneamente gli uomini attribuiscano gli incidenti che accadono loro a qualche supposto diavolo, argomentando che la fantasia di certi uomini è così viva che pensano di vedere figure reali e sembianze che in realtà non sono altro che il riflesso dei loro pensieri e sono così tratti in inganno da queste false rappresentazioni da ritenere che esse siano le apparizioni di spiriti malvagi o anche gli spettri delle streghe. Queste affermazioni sono in contrasto con la vera fede, che ci insegna che alcuni angeli caddero dal cielo e sono ora diavoli, e siamo costretti a riconoscere che per loro stessa natura possono fare molte cose portentose a noi non possibili. Orbene coloro che cercano di indurre gli altri a porre in essere questi malvagi portenti sono chiamati streghe. E perché l'infedeltà di una persona che è stata battezzata è chiamata tecnicamente eresia, ne deriva che queste persone sono chiaramente eretiche. Per quanto riguarda coloro che sostengono gli altri due errori, quelli, cioè, che non negano che ci sono i demoni né che i demoni possiedano un potere naturale, ma che

8 differiscono tra di loro sui possibili effetti della magia e le possibili operazioni delle streghe : una corrente di pensiero sostiene che una strega può veramente realizzare determinati effetti, ma questi effetti non sono reali bensì immaginari, l'altra scuola di pensiero non esclude che le persone colpite possano essere danneggiate dal demonio, ma afferma che le streghe si ingannano quando immaginano che questo danno è effetto delle loro arti. Questo errore sembra essere basato su due passi dei canoni in cui sono condannate alcune donne che si illudevano o immaginavano di cavalcare nottetempo nei cieli al seguito di Diana o Erodiade. Ciò si può leggere nel Canone. Poiché queste cose capitano spesso per illusione e sono solo nella fantasia, ciò porta erroneamente a sostenere che tutti gli effetti della stregoneria sono mera illusione e fantasia. In secondo luogo va esaminata l'affermazione secondo la quale colui che crede e sostiene che una creatura può essere creata, cambiata in meglio o in peggio, o trasformata in qualche altro genere o sembianza da chiunque eccetto che da Dio, il Creatore di tutte le cose, è peggio di un pagano e di un infedele. Perciò, a causa di queste parole "cambiata in peggio" dicono che un tale effetto, se frutto di stregoneria non può essere vero, ma deve essere puramente fantastico. Ma in quanto questi errori sanno di eresia e contraddicono il significato evidente del Canone, noi per prima cosa

9 dimostreremo le nostre tesi attraverso la legge divina, come anche il diritto ecclesiastico e civile. Per iniziare, le espressioni del Canone devono essere trattate in dettaglio (anche se il senso del Canone sarà ancora più chiaramente spiegato nella domanda seguente). La parola divina in molti luoghi comanda non solo di evitare ma addirittura di mettere a morte le streghe ed essa non infliggerebbe una pena così estrema se le streghe non facessero realmente e veramente un patto con i demoni allo scopo di causare ogni sorta di male. Ed infatti la pena di morte non è inflitta ad eccezione di alcuni reati gravi e noti, ma la situazione è diversa con la morte dell'anima, che può essere causata dal potere di immaginaria illusione o anche dalla forza della tentazione. Questa è l'opinione di S. Tommaso, quando discetta se sia male fare uso dell' aiuto dei diavoli (II, 7). Nel capitolo 18 del Deuteronomio è ordinato che tutti i maghi e incantatori devono essere distrutti. Anche il capitolo 19 del Levitico dice:" L'anima che frequenta maghi e indovini per fornicare con loro, io porrò la mia faccia contro di essa e la annienterò di mezzo al mio popolo". E ancora, 20: "Un uomo, o una donna, nel quale vi è uno spirito di pitone o sia dedito alla necromanzia, sia fatta morire: essi saranno lapidati". Tali persone si dice che sono i pitoni attraverso cui il diavolo opera fatti straordinari.

10 Inoltre, deve essere tenuto presente, che a causa di questo peccato Ochozìa si ammalò e morì (IV. I. re Saul, I Paralipomenon, 10). Abbiamo, inoltre, gli autorevoli pareri dei Padri che hanno commentato le Scritture e che hanno trattato a lungo il potere dei demoni e delle arti magiche. Gli scritti di molti dottori della Chiesa possono essere consultati nella seconda parte del Libro delle Sentenze e si troverà che sono tutti d'accordo sull'esistenza di maghi e stregoni che, attraverso il potere loro conferito dal demonio, sono in grado di produrre reali e straordinari effetti e che questi effetti non sono immaginari e che Dio permette che ciò accada. Non voglio parlare di quei molti altri luoghi della sua opera in cui S. Tommaso in grande dettaglio discute operazioni di questo tipo. Come, ad esempio, nella sua Summa Contra Gentiles, (Libro 3, c. 1 e 2, in parte, questione 114, argomento 4). E nel capitolo secondo del secondo libro, domande 92 e 94. Si possono inoltre consultare i commentatori e gli esegeti che hanno scritto sui saggi ed i maghi di Faraone (VII Esodo). Si può inoltre consultare quello che scrive S. Agostino nella Città di Dio, Libro 18, c. 17. Si veda in aggiunta il suo secondo libro sulla Dottrina cristiana. Molti altri dottori avanzano la stessa opinione e sarebbe il colmo della follia per un uomo di contraddire tutte queste

11 autorità ed egli non potrebbe che considerarsi colpevole di eresia. Non a caso un uomo che erra gravemente in una esposizione della Sacra Scrittura è giustamente considerato eretico. E chi opina diversamente su questi aspetti inerenti alla fede che la Santa Romana Chiesa propugna è un eretico. Vi è la Fede PARTE I-Questione 2 Se è in coerenza con la fede cattolica sostenere che, al fine di produrre qualche effetto magico, il Diavolo deve strettamente collaborare con la strega, o se l'uno senza l'altro, vale a dire, il diavolo, senza la Strega o, al contrario, potrebbe produrre un tale effetto. Se è in coerenza con la fede cattolica sostenere che, al fine di produrre qualche effetto magico, il Diavolo deve strettamente collaborare con la strega o se l'uno senza l'altro, vale a dire, il diavolo, senza la Strega o, al contrario, potrebbe produrre un tale effetto. E il primo argomento è questo: che il diavolo può realizzare magie senza la cooperazione di stregoni. Così sostiene S. Agostino.

12 Tutte le cose visibili e tangibili che accadono possono (si crede) essere l'opera dei poteri inferiori dell'aria. Ed appunto i mali del corpo e disturbi non sono certo invisibili, anzi, sono evidenti per i sensi, perciò possono essere causati dai diavoli. Inoltre si apprende dalle Sacre Scritture delle catastrofi che si abbatterono su Giobbe, come il fuoco che cadde dal cielo e divorò le pecore ed i servi ed il vento violento che fece crollare la casa in modo che cadde sui suoi bambini e uccidendoli tutti. Il diavolo, senza la cooperazione di streghe, sia pure col permesso di Dio, da solo è stato in grado di realizzare tutti questi disastri. Perciò egli può certamente fare molte cose che sono spesso attribuite all'agire delle streghe. E questo è evidente dal racconto dei sette mariti della giovane Sara, tutti uccisi da un diavolo. Inoltre, qualunque cosa una potenza superiore può fare, è in grado di farla senza dipendere da un potere superiore ad essa, così come un potere superiore può compiere cose ancora più rilevanti senza fare riferimento ad una potenza inferiore. Ma una potenza inferiore può provocare grandinate e portare a malattie senza l'aiuto di un potere più grande di se stesso. Ed invero il Beato Alberto Magno nella sua opera De passionibus aeris dice che la salvia marcia, se utilizzata

13 come egli stesso spiega e gettata in acqua corrente non mancherà di suscitare le più terribili tempeste. Inoltre, si può dire che il diavolo fa uso di una strega non perché ne abbia effettivamente bisogno, ma perché vuole ottenere la perdizione dell'anima della strega. Sul punto si può fare riferimento a quanto dice Aristotele nel libro III della sua Etica. Il male è un atto volontario, il che è provato dal fatto che nessuno esegue un'azione ingiusta facendo del male meramente fine a se stesso. Un uomo che commette, ad esempio, uno stupro lo fa per il piacere. Eppure la legge punisce coloro che hanno fatto del male, come se avessero agito al solo scopo di fare del male. Pertanto, se il diavolo agisce per mezzo di una strega egli sta semplicemente utilizzando uno strumento e dal momento che uno strumento dipende dalla volontà della persona che lo impiega e non agisce di sua spontanea volontà, la colpa dell'azione non dovrebbe essere imputata alla strega che, di conseguenza, non dovrebbe essere punita. Ma un parere contrario sostiene che il diavolo non può da solo fare del male al genere umano così facilmente e prontamente come lo può fare attraverso le streghe. In primo luogo si può considerare l'atto della generazione. Ma per ogni atto che ha un effetto su un altro occorre venga stabilito una sorta di contatto. Ma poiché il diavolo, che è uno spirito, non può avere alcun tipo di contatto reale con

14 un corpo umano, poiché non vi è nulla di comune tra di loro, egli si serve di alcuni intermediari umani e a questi si conferisce il potere di far male ai corpi. E molti sostengono che ciò sia dimostrato nel capitolo 3 della Lettera di San Paolo ai Galati: O Galati insensati, che vi ha stregato al punto di farvi credere che non si deve obbedire alla verità? E la glossa su questo passaggio si riferisce a coloro che hanno occhi malevoli ed infuocati che con un semplice sguardo possono danneggiare gli altri, soprattutto bambini. Avicenna afferma questo (Naturalismo, Libro II 3, ultimo capitolo) dicendo: "Molto spesso l'anima può avere sul corpo altrui lo stesso potere che ha sul proprio corpo, come nel caso di chi attraverso l'influsso degli occhi attira ed affascina un altro con lo sguardo. E lo stesso parere è sostenuto da Al-Gazali nei libri 5 e 10 della sua Fisica. Avicenna suggerisce inoltre, anche se non ritiene assolutamente sicura questa opinione, che il potere dell'immaginazione può effettivamente trasformare i corpi estranei o dare l'impressione che essi si trasformano, nei casi in cui il potere dell'immaginazione è troppo sfrenata. Riteniamo quindi che il potere dell'immaginazione non vada considerato come distinto da tutti gli altri poteri sensibili dell'uomo, poiché in un certo qual modo esso li include tutti.

15 E questo è vero perché il potere del pensiero può influire sul corpo di chi lo esercita, come, per esempio, quando un uomo è in grado di camminare lungo una stretta trave, distesa in mezzo a una strada. Ma tuttavia se questa trave venisse sospesa su acque profonde egli non avrebbe più il coraggio di camminarci sopra, perché la sua immaginazione imprimerebbe più fortemente nella sua mente l'idea di cadere, e quindi il suo corpo e la forza delle sue membra non obbedirebbero alla sua immaginazione che gli imponesse di camminare scioltamente e senza esitazione. Questo cambiamento può essere paragonato all'influenza esercitata dagli occhi di una persona. Attraverso tale influsso si può agire concretamente a livello mentale, pur in assenza di qualsivoglia trasformazione reale e corporale. Inoltre, se si dubita che un tale cambiamento può essere causato da un organismo vivente influendo attraverso la mente su qualche altro organismo vivente, si può rispondere così. I corpi degli uccisi perdono sangue dalle loro ferite se posti alla presenza del loro assassino. Quindi anche senza alcun potere mentale gli organismi sono in grado di produrre effetti meravigliosi. E così un vivo se passa vicino al cadavere di un uomo ucciso, anche se non è a conoscenza della presenza del corpo morto, è spesso preso da paura. Ancora.

16 Ci sono alcune cose in natura che sono dotate di poteri occulti la cui ragione l'uomo ignora: un esempio è la calamita che attira l'acciaio e molte altre cose del genere, che S. Agostino cita nel libro 20 della Città di Dio. E così le donne, al fine di apportare cambiamenti negli altrui corpi a volte fanno uso di oggetti e sostanze che superano le nostre conoscenze, ma questo senza alcun aiuto diabolico. E perché questi rimedi sono misteriosi non dobbiamo quindi attribuire la loro efficacia al potere del diavolo od ai malefici operati dalle streghe. Inoltre, le streghe utilizzano alcune strane immagini ed amuleti, che sono solite deporre sotto gli architravi delle porte delle case, o nei prati, dove pascola il bestiame o anche dove gli uomini si riuniscono e così lanciare incantesimi sulle loro vittime, spesso portandole alla morte. E dato che tali straordinari effetti possono derivare dall'uso di queste immagini sembra che la loro influenza sia paragonabile a quella degli astri sui corpi umani. E non solo i corpi naturali sono influenzati dai corpi celesti ma anche i corpi artificiali. E siccome i corpi naturali possono trarre addirittura beneficio da alcuni influenze dall'origine segreta, ma buona, anche gli organi artificiali possono ricevere una tale positiva influenza. Quindi è chiaro che coloro che compiono opere di

17 guarigione possono anche operare per mezzo di tali influenze positive, senza che ciò abbia nulla a che vedere col potere diabolico. Inoltre sembra che gli eventi più straordinari e miracolosi siano quelli causati dall'opera della natura stessa, che è in grado di realizzare cose meravigliose e terribili. E' quanto evidenzia S. Gregorio nel suo secondo dialogo. E ancora. I santi compiono miracoli, a volte per mezzo della preghiera a volte direttamente. Vi sono esempi di entrambi i casi nelle scritture: S. Pietro pregando risuscitò Tabitha, che era morta. Uccise Anania e Saffira rinmproverandoli per le loro menzogne, senza far ricorso ad alcuna preghiera. Quindi un uomo con il potere della sua mente può cambiare un corpo materiale in un altro o può farlo passare dalla salute alla malattia e viceversa. Inoltre sebbene il corpo umano sia di natura più nobile rispetto a qualsiasi altro ente, a causa delle passioni esso è soggetto a cambiamenti e diventa caldo o freddo, come avviene con gli uomini adirati o in preda alla paura. Un cambiamento addirittura maggiore avviene per quanto riguarda gli effetti della malattia e della morte, che per la loro potenza possono notevolmente cambiare un corpo materiale. Ma alcune obiezioni devono essere accolte.

18 L'influsso della mente non può agire su una qualsiasi forma materiale tranne se non attraverso l'intervento di un intermediario, come abbiamo detto sopra. E queste sono le parole di S. Agostino nel libro che abbiamo già citato: Non è da credersi che gli angeli caduti dal cielo debbano obbedire a qualsiasi cosa materiale, poiché essi debbono obbedire a Dio solo. E tanto meno può un uomo col suo potere naturale produrre straordinari e malefici effetti. La risposta deve essere data, poiché ci sono anche oggi molti di coloro che sbagliano radicalmente su questo punto, trovando giustificazioni alle streghe addossando tutta la colpa alle arti diaboliche o attribuendo i cambiamenti che esse operano a qualche alterazione naturale. Questi errori possono essere facilmente confutati. In primo luogo attraverso la descrizione delle streghe, che S. Isidoro dà nella sua opera Etymologiae (c. 9): Le streghe sono così chiamate a causa della nera oscurità della loro colpa, vale a dire, perché le loro azioni sono più malvagie di quelle di eventuali altri malfattori. Egli continua: esse scatenano e perturbano gli elementi atmosferici con l'aiuto del diavolo, suscitando terribili grandinate e tempeste. Inoltre, egli afferma che esse pervertono la mente degli uomini, spingendoli alla follia, all'odio ed a passioni

19 disordinate. E ancora, egli continua, attraverso l'influsso dei loro terribili incantesimi, come una dose di veleno, possono distruggere la vita. E le parole di S. Agostino, nel suo libro su La Città di Dio, cadono molto a punto, poiché ci dice che maghi e streghe esistono davvero. I Maghi, anche detti stregoni, sono così chiamati a causa della grandezza delle loro cattive azioni. Sono quelli che con il permesso di Dio disturbano gli elementi atmosferici, deviano le menti degli uomini, in modo da far perdere loro la fede in Dio, e col terribile potere dei loro malefici uccidono gli esseri umani, senza ricorre al veleno od alla siccità. Come Lucano dice: Una mente che non è stato danneggiata da una pozione nociva può soccombere all'azione dei malefici. Poiché avendo invocato i diavoli in loro aiuto essi osano accumulare mali sugli uomini e perfino distruggere i loro nemici con i loro incantesimi. Ed è certo che in operazioni di questo tipo la strega lavori in stretta collaborazione con il diavolo. In secondo luogo, le disgrazie sono di quattro tipi: benefiche, malefiche, operate dalla stregoneria e naturali. Benefiche sono le disgrazie inflitte col ministero degli angeli buoni, così come le disgrazie malefiche procedono dagli spiriti maligni.

20 Mosè colpì l'egitto con dieci piaghe attraverso il ministero degli angeli buoni mentre i maghi di Farone erano solo in grado di eseguire tre di questi miracoli con l'aiuto del diavolo. Allo stesso modo la pestilenza che cadde sulla gente per tre giorni a causa del peccato di David decimando il popolo e i uomini dell'esercito di Sennacherib uccisi in una sola notte, sono stati miracoli operati dagli Angeli di Dio ossia da Angeli buoni e timorati del Signore che ne eseguivano i comandi. Disgrazie distruttive, invece, sono quelli opera di angeli cattivi, per mano dei quali i figli di Israele nel deserto vennero spesso perseguitati. E quei danni, che sono male allo stato puro, vengono cagionati dal diavolo per mezzo dei maghi e delle streghe. Ci sono anche disgrazie naturali, che in un modo o nell'altro dipendono dalla congiunzione di corpi celesti, come ad esempio la carestia, la siccità le tempeste e simili effetti della natura. È evidente che c'è una grande differenza tra tutte queste cause, circostanze e avvenimenti. Ed invero Giobbe è stato afflitto dal demonio con una malattia dolorosa, ma questo non è servito allo scopo. A questo punto qualcuno troppo intelligente o troppo

21 curioso si potrebbe obiettare che Giobbe è stato perseguitato con questa malattia dal diavolo senza l'aiuto di stregoni o streghe. Risponderemo che al tempo di Giobbe non esistevano maghi e streghe e tali abomini non erano ancora praticati. Ma la Provvidenza di Dio ha voluto che tramite l'esempio di Giobbe gli uomini conoscessero il potere che il diavolo ha anche sui buoni, in modo che noi imparassimo a stare in guardia contro Satana e affinché con l'esempio di questo santo patriarca la gloria di Dio risplenda maggiormente, dal momento che nulla accade se non è Lui a volerlo. MALLEUS MALEFICARUM Parte I - Questione III Se i bambini possono essere generate da incubi e succubi*. (Nota del Traduttore: Nella demonologia Incubi sono i diavoli che, in un rapporto sessuale, svolgono funzioni maschili, Succubi quelli che svolgono funzioni femminili). Ad una prima considerazione può sembrare non conforme alla fede cattolica sostenere che i bambini possono essere generati da diavoli, ossia da Incubi o da Succubi.

22 Infatti Dio stesso, prima che il peccato entrasse nel mondo, ha istituito la procreazione umana, avendo Egli creato la donna da una costola dell'uomo affinché gli fosse compagna. E disse loro: Crescete e moltiplicatevi (Genesi II, 24). Allo stesso modo dopo che il peccato era venuto al mondo, Dio disse a Noè: crescete e moltiplicatevi ( Genesi IX, 1). Nel tempo della nuova legge, inoltre, Cristo ha confermato questa unione: Non avete letto, che chi ha creato gli esseri umani fin dal principio, li creò maschio e femmina? (S. Matteo XIX, 4). Pertanto, gli uomini non possono essere generati in alcun modo diverso dall'unione tra uomo e donna. Tuttavia si può sostenere che i diavoli possono prendere parte al concepimento ed alla generazione non come causa fondamentale ma come una causa secondaria e artificiale, interferendo nel normale accoppiamento, al fine di ottenere lo sperma umano da utilizzare. Obiezione. Il diavolo sarebbe in grado di eseguire questo atto in ogni stato della vita, vale a dire, sia durante lo stato matrimoniale che al di fuori dello stato matrimoniale. Ora non è possibile che possa eseguirlo nel primo stato, perché allora l'atto del diavolo sarebbe più potente

23 dell'opera di Dio, che ha istituito e confermato questa santa istituzione come uno stato di continenza e di fedeltà. Né può farlo in qualsiasi altro stato della vita: poiché non abbiamo mai letto nella Scrittura che ciò sia possibile. Inoltre, generare un figlio è l'atto di un corpo vivente ed i diavoli non possono conferire la vita ai corpi che essi assumono. Infatti la vita procede formalmente solo dall'anima e l'atto di generazione è proprio soltanto di organi fisici dotati di vita corporea. Pertanto, i corpi che i demoni assumono non possono procreare. Tuttavia può affermarsi che i diavoli non assumono un corpo per conferirgli la vita, ma per conservare per mezzo di esso lo sperma umano e passarlo ad un altro corpo. Tuttavia, per raccogliere lo sperma umano da una persona e trasferirlo ad un altra e necessario poter muovere i corpi da un posto all'altro. Ma i diavoli non hanno il potere di muovere i corpi da luogo a luogo. Si argomenta,infatti, che l'anima è una pura essenza spirituale e tale è anche il diavolo, che è uno spirito. Ma l'anima non può spostare un corpo da un luogo all'altro, tranne quel corpo in cui alberga ed al quale dà la vita. Ne deriva che i diavoli non possono spostare un corpo da un luogo all'altro, all'infuori di quello da essi animato.

24 e quindi neppure spostare lo sperma umano da un luogo all'altro, da un corpo all'altro. Inoltre, ogni azione viene eseguita attraverso il contatto fisico e in particolare l'atto della generazione. Ma non sembra possibile che vi possa essere alcun contatto tra il demonio ed i corpi umani, dal momento che tra esseri spirituali e corpo umano non vi è alcun effettivo punto di contatto. Pertanto egli non può iniettare lo sperma in un corpo umano, poiché a tale scopo dovrebbe compere un'azione corporale, cosa che il diavolo non può fare. Inoltre i diavoli non hanno alcun potere di spostare quei corpi che in un ordine naturale sono più vicini e simili a loro, come ad esempio, i corpi celesti e quindi a maggior ragione non hanno alcun potere di muovere queii corpi che sono più distanti e dissimili dalla loro natura. Che i diavoli non hanno alcun potere di spostare i corpi celesti si dimostra così: la forza che muove e il movimento generato sono un'unica e sola cosa, come scrive Aristotele nella sua Fisica. Ne conseguirebbe, pertanto, che i diavoli per poter muovere i corpi celesti dovrebbero avere identica natura celestiale con questi, il che è del tutto falso, sia a nostro parere che secondo il parere dei platonici.

25 Tuttavia S. Agostino (Sulla Trinità, III) dice che i diavoli raccolgono lo sperma umano, per mezzo del quale sono in grado di produrre effetti fisici. Ora atteso che questo non può essere fatto senza un movimento locale ne deriva i demoni sono in grado di trasferire lo sperma che essi hanno raccolto e di iniettarlo in altri corpi. Inoltre come Walafrido Strabone dice nel suo commento su Esodo VII, II ("E Faraone chiamò i saggi e i maghi"):"i demoni si aggirano per la terra, raccogliendo ogni sorta di seme e sono in grado di utilizzarlo e trasmetterlo a diverse specie". E ancora nella glossa a Genesi VI lo stesso autore fa due osservazioni sulle parole: "E i figli di Dio videro che le figlie degli uomini..." Prima osservazione: per figli di Dio si intendono i figli di Seth e per figlie degli uomini le figlie di Caino. Seconda osservazione: i giganti vennero generati non dall'uomo ma da alcuni angeli caduti che si accoppiarono con delle donne. Ed invero la Bibbia dice che i Giganti erano sulla terra. Risposta.

26 Per ragioni di brevità si omette di trattare molte cose concernenti il potere del demonio e delle sue opere nell'ambito della stregoneria. Il lettore pio può accettare tutto come provato o se desidera approfondire può trovare ogni punto chiaramente spiegato nella seconda parte del Libro delle Sentenze. E così vedrà che i diavoli eseguono tutte le loro opere in modo consapevole e volontario, poiché la natura intelligente che era stata loro conferita prima della caduta non è stata cambiata. Vedi anche Dionigi nel suo quarto capitolo sull'argomento: "la loro natura (dei demoni) è rimasta intatta e molto splendida, sebbene non possano utilizzarla a scopi beneci". E per quanto riguarda la loro intelligenza, troverà che (i demoni) eccellono in tre punti: nella comprensione, nella loro lunga esperienza e nel poter beneficiare delle rivelazioni destinate agli spiriti più alti. Egli troverà descritto anche il modo in cui attraverso l'influsso delle stelle, i demoni apprendono le caratteristiche dominanti dei singoli uomini, in modo da individuare i soggetti più predisposti ed inclini alla stregoneria su cui

27 esercitare le loro subdole pressioni. E per quanto riguarda la volontà dei demoni, il lettore troverà che essa tende immutabilmente al male e che continuamente essi peccano di superbia, invidia, avarizia e sozza lussuria e che Dio, per la propria gloria, permette loro di lavorare contro il Suo volere. In questo modo arriverà a comprendere che con queste due qualità dell'intelletto e della volontà i diavoli possono compiere meraviglie, sicché non vi è alcun potere in terra che possa essere paragonato al loro. Non vi è alcun potere sulla terra che possa essere paragonato a lui (Satana), che è stato creato tale da aver paura di nessuno. (Giobbe XLI). Ma qui la glossa specifica che, anche se non teme nessuno, i demonio è pur sempre soggetto ai meriti dei Santi. Il lettore apprenderà anche come il diavolo arriva a conoscere i pensieri del nostro cuore, come egli possa trasformare i corpi in modo sostanziale e disastroso, con l'aiuto di un intermediario, come può spostare i corpi da un luogo all'altro e modificare le sensazioni esteriori ed i sentimenti interiori in misura inimmaginabile e come egli può cambiare l'intelletto e la volontà di un uomo, anche se indirettamente. E però sebbene tutto questo sia pertinente alla nostra

28 presente indagine, vogliamo da ciò solo trarre alcune conclusioni relative alla natura dei diavoli e quindi procedere nella discussione dello specifico oggetto della nostra questione. Orbene i teologi hanno definito i demoni come spiriti immondi, ma non di natura completamente immonda. Secondo Dionigi c'è in loro una follia naturale, una concupiscenza rabbiosa, una fantasia sfrenata come si vede dai loro peccati spirituali di orgoglio, invidia ed ira. Per questa ragione essi sono i nemici della razza umana: la loro mente è razionale, ma è una razionalità senza parole; sottili in malvagità, bramosi di fare il male, sempre fecondi di nuovi inganni, cambiano le percezioni e le emozioni degli uomini, confondono chi veglia, turbano con i sogni il dormiente, portano malattie, suscitano tempeste, si travestono da angeli di luce, generando l'inferno intorno a loro, usurpano dalle streghe il culto dovuto Dio e per mezzo di loro realizzano incantesimi, cercano di ottenere il dominio sui giusti e di molestarli per quanto è in loro potere, sono inviati agli eletti per tentarli al peccato e sono sempre in agguato per la distruzione degli uomini. E anche se hanno mille modi di fare del male e hanno cercato fin dalla loro caduta di realizzare scismi nella

29 Chiesa, di rendere vana la carità, di infettare con il fiele dell'invidia la dolcezza degli atti dei santi e in ogni modo di sovvertire e perturbare la razza umana, tuttavia il loro potere rimane confinato alle parti intime del corpo umano, da cui fuoriescono le deiezioni (V. Giobbe XLI). Ed infatti tramite la lussuria i demoni hanno molto potere sugli uomini e negli uomini la fonte di lussuria si trova proprio nelle parti intime, perché è da quelle che lo sperma proviene ed è diretto. Quindi una volta messe in chiaro tali premesse, necessarie per una corretta comprensione della questione, deve affermarsi che è conforme alla fede cattolica sostenere che gli uomini possono a volte essere generati per mezzo di Incubi e Succubi ed è in contrasto con le parole dei Santi e con la tradizione della Sacra Scrittura mantenere il parere opposto. E questo è dimostrato come segue. S. Agostino in un unico luogo pone questa domanda, non però in relazione alle streghe, ma con riferimento proprio alle opere dei demoni ed alle favole dei poeti e lascia la questione in qualche dubbio. Nel suo De CiVitate Dei, libro 3, capitolo 2, dice: Noi

30 lasciamo aperta la questione se fosse possibile per Venere dare alla luce Enea attraverso il coito con Anchise. Un analogo interrogativo Agostino pone in relazione a passi delle Sacre Scritture in cui si racconta che gli angeli del male giacquero con le figlie degli uomini generando i giganti, esseri che poi riempirono la terra e che altro non erano che uomini straordinariamente grandi e forti. La difficoltà è risolta nel libro 5, capitolo 23, con queste parole: E' una credenza molto generale, la cui verità è attestata da molti per esperienza diretta o almeno per esperienza riportata da uomini di indubbia affidabilità, che i Satiri ed i Fauni (che sono comunemente chiamati Incubi) sono apparsi a donne invereconde e hanno chiesto e ottenuto l'amplesso con loro. E che certi demoni (che i Galli chiamano Dusii) assiduamente perseguono e raggiungono questo obiettivo. Tali azioni immonde sono suffragate da tanti testimoni credibili che costituirebbe impudenza il negarle. Più tardi nello stesso libro confuta l'affermazione secondo la quale il passo della Genesi circa i figli di Dio (cioè i figli di Seth) e le figlie degli uomini (cioè di Caino), non si riferisce ai demoni Incubi, poiché l'esistenza di tali esseri non è credibile.

31 A questo proposito vi è la glossa di cui abbiamo trattato prima. In essa Agostino afferma che non è assurdo credere che i Giganti di cui parla la Bibbia vennero generati non dagli uomini ma da angeli o da alcuni demoni che si invaghirono delle donne umane. A simili conclusioni porta la glossa al capitolo XIII del libro del profeta Isaia, in cui questi preannuncia la desolazione di Babilonia ed i mostri che l'avrebbero abitata. Egli dice: gli uccelli notturni la popoleranno e i Satiri faranno in essa le loro danze. Per Satiri devono intendersi i demoni, poiché la glossa dice che i Satiri, creature selvagge dei boschi, sono una specie di demoni chiamati Incubi. E di nuovo nel capitolo XXXIV di Isaia, si profetizza la desolazione del paese degli Idumei, che perseguitavano gli ebrei, dicendo: E sarà luogo di dimora di draghi e posto di convegno per gli uccelli notturni e le bestie feroci del deserto... Tale passo, secondo la glossa, intende riferirsi a mostri e

32 demoni. Commentando lo stesso passo il Beato Gregorio afferma che tali mostri e demoni non sono altro che le divinità dei boschi che i Greci chiamavano Pan ed i latini Incubi, sotto diverso nome. Allo stesso modo la pensa il Beato Isidoro che, nell'ultimo capitolo del suo libro 8, afferma: Satiri sono coloro che sono chiamati Pan in greco e in latino Incubi. Ed essi sono chiamati Incubi per il fatto di sovrapporsi nell'atto sessuale. Perché spesso travolti dalla lussuria verso le donne si accoppiano con loro. Ed i Galli li chiamano Dusii, perché sono diligenti in queste bestialità. E il diavolo oggi comunemente chiamato incubo era chiamato Fauno dai Romani. A questo essere il poeta Orazio si è rivolto quando ha scritto: O Fauno, che ogni ninfa rincorri per amore, sui campi assolati della mia terra. cammina leggero... Parte I - Questione IV È cattolico affermare che tutti gli spiriti immondi,

33 indistintamente, svolgano le funzioni di Incubi e Succubi? E sembra che sia così, poiché affermare il contrario equivarrebbe a sostenere che vi è divisione di mansioni e quindi un certo ordine tra i demoni. Si è sostenuto che a differenza del Bene, in cui vi sono sono diversi gradi e ordini (cfr. S. Agostino, nel suo libro sulla natura del bene), il male si basa sulla confusione. Ma come tra gli Angeli buoni tutto è ordine, così tra gli angeli malvagi tutto è disordine e quindi essi tutti, senza ordinata distinzione di ruoli, seguono queste pratiche. Giobbe X.: Una terra tenebrosa come l'oscurità stessa, regione di morte, ombra e disordine, dove la luce e le tenebre sono tutt'uno. Si osserva tuttavia in proposito: se tutti i demoni seguono indifferentemente queste pratiche, questa inclinazione può essere dovuta alla loro natura, al peccato o alla punizione. Ma essa non viene dalla loro natura, dal momento che essi tutti senza distinzione sono rivolti al peccato, come è stato messo in chiaro nella questione precedente.

34 Pertanto tali inclinazioni sono dovute al peccato o alla pena loro inflitta per lo stesso. Si consideri poi che dove il peccato è maggiore, vi è la pena più severa e che gli angeli superiori peccarono più gravemente per cui debbono più degli altri dedicarsi a queste sozze pratiche. Questo porterebbe ad affermare che non tutti i demoni indistintamente si dedicano alle attività proprie dei succubi e degli incubi. Di questo fatto possono essere date anche spiegazioni diverse. Si sostiene che dove non c'è disciplina o obbedienza non può esservi distinzione di mansioni e che tra i demoni non vi è ordine o disciplina né accordo alcuno. Proverbi XIII.: Tra i superbi c'è sempre contesa. Ma contro questo vi è la primo glossa a Corinzi, XV: Finché vi sarà il mondo vi saranno angeli sovra ordinati ad altri angeli, uomini sovra ordinati ad altri uomini e demoni ad altri demoni. Anche in Giobbe XL si parla delle scaglie della pelle del Leviatano, che simboleggiano le membra del diavolo e di come esse siano ordinate saldamente unite una all'altra.

35 Pertanto vi è fra i demoni diversità, sia di ordine gerarchico che di azione. Un'altra questione che si pone è se gli angeli buoni possano trattenere i demoni dal compiere tali lubriche pratiche. Va detto che gli angeli al cui comando gli influssi satanici sono soggetti sono chiamati Poteri, come dicono S. Gregorio e S. Agostino (De Trinitate, 3). Gli spiriti ribelli e peccatori sono soggetti agli spiriti obbedienti, pii e giusti. E le creature che sono più perfette e più vicino a Dio hanno autorità sulle altre: tutto questo ordine di preferenza è inizialmente racchiuso in Dio ed è condiviso dalle sue creature in misura maggiore o minore secondo che siano piùo meno vicine a Lui. Quindi gli angeli buoni, che sono più vicini a Dio hanno la preferenza rispetto ad i diavoli ed esercitano il potere su di loro. E a coloro che sottolineano che i diavoli riescono a compiere tanto male senza essere ostacolati e che quindi non sono soggetti ad Angeli buoni che potrebbero bloccarli

36 oppure se anche sono ad essi soggetti allora il male che fanno è causato dal comportamento negligente degli angeli buoni, si risponderà che gli angeli sono i ministri della sapienza divina e che quando la sapienza divina, per i suoi imperscrutabili disegni, permette che il male sia fatto da uomini o da demoni, i suoi ministri non potranno né vorranno certamente opporsi. Risposta. E' conforme al cattolicesimo sostenere che vi è un certo ordine di azioni interne ed esterne ed una certa gradazione gerarchica tra i demoni. Ne consegue che un certo genere di abomini viene commesso dai demoni degli ordini più bassi ed è precluso, invece, a quelli degli ordini più alti a causa della maggiore nobiltà della loro natura. Si ritiene generalmente che ciò derivi da una triplice congruità nel senso che questo ordine è determinato dalla natura dei demoni, dal loro grado malvagità e dalla sapienza divina. Ma più in particolare dalla loro natura.

37 Vi è concordia sul fatto che sin dall'inizio della Creazione vi erano alcuni angeli di natura superiore, in quanto essi differiscono tra loro per forma e non ci sono due angeli simili nella forma. Questo secondo l'opinione più generale che concorda con le parole dei filosofi. Dionigi afferma, inoltre, nel suo decimo capitolo sulla gerarchia celeste che nello stesso ordine ci sono tre gradi distinti e dobbiamo concordare con questo. Vedi anche S. Tommaso (II, 2). Poiché il peccato non toglie ai demoni la loro natura ed i diavoli dopo la caduta non hanno perso i loro doni naturali, come è stato detto prima, e le operazioni delle cose scaturiscono dalle loro condizioni naturali. Pertanto i demoni avendo tra loro diversa natura svolgono anche diverse funzioni. Questo si armonizza anche con la sapienza divina, in quanto ciò che esiste di ordinato è fatto tale da Dio (Romani XIII). E poiché i demoni sono stati deputati da Dio alla tentazione degli uomini e al castigo dei dannati essi possono agire

38 sugli uomini con molteplici e diversificati mezzi. L'ordine si accorda anche con la loro malvagità. Essi infatti sono in guerra con la razza umana, che combattono in modo ordinato, perché così pensano di fare un danno maggiore agli uomini, come è in effetti. Ne consegue che i demoni non condividono in modo uguale le loro abominazioni più indicibili. E questo è più specificamente dimostrato come segue. Poiché, come è stato detto, l'operazione segue la natura della cosa, ne consegue anche che coloro che sono subordinati quanto a natura devono a loro volta essere subordinati quanto alle azioni, proprio come avviene nel mondo corporeo. Ed infatti poiché gli organismi inferiori sono per naturale ordine delle cose soggetti ai corpi celesti, di modo che le loro azioni e movimenti sono soggette alle azioni ed ai movimenti dei corpi celesti, e dato che i diavoli, come è stato detto, differiscono tra loro per natura ne consegue che essi differiscano tra loro anche nelle azioni fisiche e in particolare nel compiere gli abomini in questione (Incubi e Succuni). Da ciò si è concluso che essendo la pratica di queste cose abominevoli per la maggior parte estranea alla nobiltà della natura angelica, così anche nelle azioni umane i più

39 repellenti e bestiali atti dell'uomo sono da considerarsi in sé e per sé e non in quanto frutto della natura umana e dell'atto della procreazione. Infine, poichè vi sono, come si ritiene, demoni decaduti da ogni ordine, non è fuor di luogo sostenere che quei diavoli che sono caduti dal coro angelico più basso siano dediti a svolgere questi e altri abomini confacenti alla loro natura. Inoltre deve essere attentamente osservato che, sebbene la Scrittura racconti che gli Incubi ed i Succubi concupivano le donne, da nessuna parte si legge che essi siano mai caduti in vizi contro natura. E non parliamo solo di sodomia, ma di ogni altro peccato in cui l'atto sessuale viene erroneamente effettuato al di fuori del canale giusto. E l'enormità di tale peccato è dimostrata dal fatto che i diavoli stessi, di qualsiasi ordine, lo detestano e provano vergogna a macchiarsene. E sembra che la glossa sul Cap. XIX di Ezechiele voglia significare questo quando dice: io ti darò nelle mani degli abitanti di Palestina (per abitanti di Palestina si intenda i demoni) che arrossiranno delle vostre iniquità (per iniquità si intenda vizi contro natura).

40 Nessun peccato è da Dio così spesso punito con la morte vergognosa di moltitudini. Infatti molti dicono, e si crede veramente, che nessuno può senza pericolo perseverare nella pratica di questo genere di vizi al di là del periodo della vita terrena di Cristo, che durò per trentatré anni, a meno di non essere salvato da qualche grazia speciale di Redentore. E questo è dimostrato dal fatto che sono stati spesso irretiti da questi vizi ottuagenari e perfino centenari, che avevano fino a quel momento condotto la propria vita secondo la disciplina di Cristo, e, dopo aver abbandonato lui ed essersi dati a tali pratiche hanno incontrato le più grandi difficoltà a liberarsene. Inoltre, i nomi dei diavoli indicano quale ordine vi è in mezzo a loro e quale ufficio è assegnato a ciascuno. Perché sebbene le Scritture utilizzino per comodità un unico nome, quello del diavolo, esse nel contempo ci insegnano che mentre alcuni demoni presiedono ad un certo tipo di azioni riprovevoli altri demoni presiedono ad altri tipi di vizi.

41 E' prassi della Scrittura definire tutti i demoni con un unica parola, "diabolus" o spirito immondo, dalla parole Dia, che significa due, e bolo, che vuol dire morso, perché egli stritola due cose, il corpo e l'anima. E questo secondo l'etimologia diretta della parola, anche se in greco diabolus significa chiuso in carcere, che pure è calzante, dal momento che non gli è permesso di fare il male a suo piacimento. Diabolus può anche significare precipitato in basso, dal momento che egli cadde dall'alto del cielo in basso verso la terra, sia in materiale che figurato. Egli è anche chiamato Demonio, cioè bramoso di sangue, dal momento che egli brama e persegue il peccato con una triplice conoscenza: essendo potenti nella sottigliezza della sua natura, nella sua età lunga esperienza, e nel'essere a parte della rivelazione riservata agli spiriti buoni. Egli è chiamato anche Belial, il che significa senza giogo o Maestro, poiché egli ardisce lottare contro colui al quale dovrebbe essere soggetto. Egli è chiamato anche Belzebù, il che significa signore delle mosche, cioè delle anime dei peccatori che hanno lasciato la vera fede in Cristo.

42 Egli è chiamato anche Satana, che vuol dire: l'avversario. (v. S. Pietro. I,2): Poiché il vostro avversario, il diavolo va ecc. ecc. Inoltre è pure detto Behemoth, cioè Bestia, perché rende gli uomini bestiali. Il diavolo che presiede al vizio della lussuria è chiamato Asmodeo, che vuol dire creatura del giudizio, poiché a causa di questo peccato una sentenza terribile venne eseguita su Sodoma e quattro altre città. Allo stesso modo il diavolo dell' orgoglio porta il nome di Leviatano, il che significa che vuol dire "cosa aggiunta", perché quando Lucifero tentò i nostri progenitori Adamo ed Eva promise che avrebbe aggiunto la Divinità alle prerogative di cui erano già dotati. A suo riguardo il Signore ha detto tramite Isaia: Io sono visitare su Leviathan, il serpente antico e tortuoso. E il diavolo dell' avarizia e dell'avidità è chiamato Mammona, come dice anche Cristo nel Vangelo (S. Matteo VI): Voi non potete servire a Dio, ecc In sintesi affermiamo:

43 In primo luogo, che il bene può esistere senza il male, ma il male non può esistere senza il bene, poiché esso si riversa sulle creature, che sono state create buone in sé. E, pertanto, i demoni, nella misura in cui conservano la natura originale, sono ordinati tra loro in conformità di tale natura e per le loro azioni vedere in Giobbe, X. In secondo luogo, si può affermare che i diavoli deputati a tentare l'uomo non sono in Inferno, ma si aggirano nei cieli inferiori ed hanno un ordine tra loro diverso da quello che avranno all'inferno. E si può dire che anche all'inferno esisteranno tra loro diversi gradi sia di potere, che di severità della pena, di modo che solo alcuni e non altri saranno deputati a tormentare le anime dannate. Ma questa diversa gradazione gerarchica verrà da Dio, piuttosto che dai demoni stessi, così come anche i loro tormenti. In terzo luogo, quando si dice che i diavoli superiori, per aver maggiormente peccato, sono maggiormente puniti e devono quindi, in ragione del maggiore stato di degrado della loro natura, devono essere più portati alla commissione di azioni lubriche, si risponde che il peccato

II DOMENICA DOPO NATALE

II DOMENICA DOPO NATALE II DOMENICA DOPO NATALE PRIMA LETTURA Dal libro del Siracide (24,1-4.12-16) La sapienza fa il proprio elogio, in Dio trova il proprio vanto, in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria. Nell assemblea

Dettagli

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA DIO PADRE UN SOLO CREATORE CREDO IN GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CREDO LA CHIESA UNA CATTOLICA SANTA APOSTOLICA PROFESSO UN SOLO BATTESIMO LA RISURREZIONE DEI MORTI

Dettagli

5 gennaio Liturgia del giorno

5 gennaio Liturgia del giorno 5 gennaio 2014 - Liturgia del giorno Inviato da teresa Sunday 05 January 2014 Ultimo aggiornamento Sunday 05 January 2014 Parrocchia Immacolata Venosa Prima LetturaSir 24,1-4.12-16 (NV) [gr. 24,1-2.8-12]

Dettagli

Il servizio della Chiesa per compiere il Proposito di Dio

Il servizio della Chiesa per compiere il Proposito di Dio Il servizio della Chiesa per compiere il Proposito di Dio ed Egli stesso fece alcuni apostoli; altri, profeti, ad altri ancora, evangelisti; altri, pastori e maestro al fine di perfezionare i santi per

Dettagli

Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla

Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla vita politica e culturale. Questo processo si avvia

Dettagli

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si aggiungono delle vele gonfiate dal vento, tutto diventa

Dettagli

avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di Voi

avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di Voi avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di Voi e mi sarete testimoni fino agli estremi confini della terra (At 1,8) Furono queste le ultime parole che Gesù pronunciò prima della Sua Ascensione

Dettagli

Studio Biblico. La Croce di Cristo

Studio Biblico. La Croce di Cristo La Croce di Cristo Infatti mi ero proposto di non sapere fra voi altro, se non Gesù Cristo e Lui crocifisso. Così io sono stato presso di voi con debolezza e con gran timore. La mia parola e la mia predicazione

Dettagli

Testo: 1 Corinzi 3:5-9 LUG 19 febbraio 2017 Tema: Ognuno di noi riceverà la ricompensa per il lavoro svolto

Testo: 1 Corinzi 3:5-9 LUG 19 febbraio 2017 Tema: Ognuno di noi riceverà la ricompensa per il lavoro svolto Testo: 1 Corinzi 3:5-9 LUG 19 febbraio 2017 Tema: Ognuno di noi riceverà la ricompensa per il lavoro svolto 5 Che cos'è dunque Apollo? E che cos'è Paolo? Sono servitori, per mezzo dei quali voi avete creduto;

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero

Attività di potenziamento e recupero Attività di potenziamento e recupero 9. Una Legge d amore Una Legge d amore (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Utilizzando un motore di ricerca di internet prova a consultare siti della

Dettagli

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del.

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del. CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA del culto battesimale Benedizione finale e AMEN cantato Attività della chiesa a martedì alterni

Dettagli

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai Matteo 6, 24 Nessuno può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o avrà riguardo per l'uno e disprezzo per l'altro. Voi non potete servire Dio e Mammona. Ci sono delle immagini che

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO LO SPIRITO SANTO: UN OPERA DIETRO LE QUINTE 1 TRIMESTRE 2017

DELLA SCUOLA DEL SABATO LO SPIRITO SANTO: UN OPERA DIETRO LE QUINTE 1 TRIMESTRE 2017 LEZIONE 2 DELLA SCUOLA DEL SABATO LO SPIRITO SANTO: UN OPERA DIETRO LE QUINTE 1 TRIMESTRE 2017 SABATO 14 GENNAIO 2017 Nella Bibbia si accentua l opera del Padre e del Figlio, e praticamente l opera dello

Dettagli

Nicola Cusano. Il Dio nascosto

Nicola Cusano. Il Dio nascosto Nicola Cusano Il Dio nascosto Un pagano disse [a un cristiano]: ti vedo inginocchiato con grande devozione, mentre versi lacrime di amore sincero e non falso. Dimmi, chi sei? CRISTIANO. Sono cristiano.

Dettagli

Seduti nel cielo in Cristo Gesù

Seduti nel cielo in Cristo Gesù Domenica, 10 giugno 2012 Seduti nel cielo in Cristo Gesù Efesini 2:4-6- Ma Dio, che è ricco in misericordia, per il grande amore con cui ci ha amati, anche quando eravamo morti nei peccati, ci ha vivificati

Dettagli

Predicazione Crescere nella Conoscenza di Dio : L'intercessione Parte 2 - PdGToscana

Predicazione Crescere nella Conoscenza di Dio : L'intercessione Parte 2 - PdGToscana Predicazione del 14.11.2010 Redazione a cura di F.sca Lo Cascio Pastore Beniamino Cascio VERSO LA CONOSCENZA DI DIO : L'INTERCESSIONE (seconda parte) Il Pastore inizia questa predicazione esortandoci a

Dettagli

PASSI BIBLICI DIFFICILI

PASSI BIBLICI DIFFICILI Anselm Grün PASSI BIBLICI DIFFICILI Interpretati in chiave spirituale Queriniana Introduzione La Bibbia è la base essenziale del cristianesimo. E a volte non è per niente facile. Nel l Antico Testamento,

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA I DESTINATARI DELLA CATECHESI L arco dell esistenza umana è normalmente suddiviso in tratti specifici: infanzia, fanciullezza, adolescenza, giovinezza, età adulta

Dettagli

365 Volte NON TEMERE

365 Volte NON TEMERE 365 Volte NON TEMERE Cari lettori, è ormai da diverso tempo che scrivo per questa rubrica e spero che voi tutti ne stiate traendo dei benefici. Vorrei innanzitutto ringraziarvi per il tempo che dedicate

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it. PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio.

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it. PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio. NATALE DEL SIGNORE Alla Messa del giorno PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio. Dal libro del profeta Isaìa 52, 7-10 Come sono belli sui monti i piedi del messaggero

Dettagli

Testo: Galati 6:7-8 LUG 22 gennaio 2017 Tema: Ognuno di noi raccoglie quel che ha seminato

Testo: Galati 6:7-8 LUG 22 gennaio 2017 Tema: Ognuno di noi raccoglie quel che ha seminato Testo: Galati 6:7-8 LUG 22 gennaio 2017 Tema: Ognuno di noi raccoglie quel che ha seminato Non vi ingannate; non ci si può beffare di Dio; perché quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. 8

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it LA PREGHIERA ARMA POTENTE IN DIO Infatti, anche se noi camminiamo nella carne, non guerreggiamo secondo la carne, perché le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti in Dio a distruggere le

Dettagli

La Bibbia. "Ogni Scrittura è ispirata da Dio" (2 Lettera di Paolo a Timoteo 3:16)

La Bibbia. Ogni Scrittura è ispirata da Dio (2 Lettera di Paolo a Timoteo 3:16) La Bibbia cos'è, come legger/a "Ogni Scrittura è ispirata da Dio" (2 Lettera di Paolo a Timoteo 3:16) Se tu possiedi una Bibbia, possiedi un tesoro inestimabile. E' la Parola di Dio. Una Parola scritta

Dettagli

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA Lectio divina Alla scuola di un Amore fuori misura A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA Lectio Divina DOMENICA FRA L'OTTAVA DI NATALE SANTA FAMIGLIA DI GESÙ MARIA

Dettagli

GLI UOMINI DALLA GRANDE BARBA E LA RUSSIA

GLI UOMINI DALLA GRANDE BARBA E LA RUSSIA GLI UOMINI DALLA GRANDE BARBA E LA RUSSIA [ ]Gli uomini dalla grande barba saranno traditi e la grande furia si solleverà contro molte nazioni. Colui che diffonde il terrore sarà preso e la madre delle

Dettagli

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI Nel Vangelo di Matteo Gesù agli inizi della sua attività pubblica vuole far conoscere a coloro che lo ascoltano che cosa vuole donare all umanità. Quello che abbiamo

Dettagli

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Marina di Carrara, 12 ottobre 2014 BENVENUTO Benvenuto benvenuto, benvenuto a te! (x2) Se guardo nei tuoi occhi, io vedo che... l'amore ci unisce nel Signore. (x2) IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Io ho una gioia

Dettagli

L'esistenza di Dio è fondata su 4 ragioni fondamentali:

L'esistenza di Dio è fondata su 4 ragioni fondamentali: il cielo e la terra passeranno; ma le mie parole non passeranno Matteo 24:35 L'esistenza di Dio è fondata su 4 ragioni fondamentali: L'intuizione: cioè la percezione naturale di verità senza ragionamento

Dettagli

scienza. Quando si parla di scienza, il pensiero va immediatamente alla

scienza. Quando si parla di scienza, il pensiero va immediatamente alla PAPA FRANCESCO UDIENZA GENERALE Piazza San Pietro - Mercoledì, 21 maggio 2014 I doni dello Spirito Santo: 5. La Scienza Cari fratelli e sorelle, buongiorno. Oggi vorrei mettere in luce un altro dono dello

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza:

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: LOCKE L empirismo inglese e il suo fondatore Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: - Fonte del processo conoscitivo - Strumento di certificazione delle tesi

Dettagli

Unione o matrimonio tra omosessuali? Il senso di una benedizione. dell omosessualità; mentre il tema della consacrazione dei ministri

Unione o matrimonio tra omosessuali? Il senso di una benedizione. dell omosessualità; mentre il tema della consacrazione dei ministri Unione o matrimonio tra omosessuali? Il senso di una benedizione Con questa domenica chiudiamo la nostra discussione sul tema dell omosessualità; mentre il tema della consacrazione dei ministri dichiaratamente

Dettagli

Guido Alliney Trento, 4 dicembre Libera volontà. Il fondamento metafisico della libertà del volere in Giovanni Duns Scoto

Guido Alliney Trento, 4 dicembre Libera volontà. Il fondamento metafisico della libertà del volere in Giovanni Duns Scoto Guido Alliney Trento, 4 dicembre 2013 Libera volontà Il fondamento metafisico della libertà del volere in Giovanni Duns Scoto Concezioni tardo antiche della libertà La libertà implica adesione all ordine

Dettagli

perché non si è fatta da sola, è stata creata da Dio.

perché non si è fatta da sola, è stata creata da Dio. Il mondo è pieno di cose stupende, di cose meravigliose..., tutte piene di qualità preziosissime, di moto, di vita. La chiamano la Natura..., ma in realtà il suo vero nome è perché non si è fatta da sola,

Dettagli

Giorgio Ronzoni testo Luca Salvagno illustrazioni. IL DONO PERFETTO Alla scoperta dei doni dello Spirito Santo

Giorgio Ronzoni testo Luca Salvagno illustrazioni. IL DONO PERFETTO Alla scoperta dei doni dello Spirito Santo Giorgio Ronzoni testo Luca Salvagno illustrazioni IL DONO PERFETTO Alla scoperta dei doni dello Spirito Santo ISBN 978-88-250-4458-4 Copyright 2017 by P.P.F.M.C. MESSAGGERO DI SANT ANTONIO EDITRICE Basilica

Dettagli

Quando Dio ha creato tutto

Quando Dio ha creato tutto Bibbia per bambini presenta Quando Dio ha creato tutto Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: Bob Davies; Tammy S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Incurabile Una guarigione Totale Attraverso Delle preghiere Scaturite Dal profondo Del proprio Essere E anche Da coloro Che sono vicini All essere Sof

Incurabile Una guarigione Totale Attraverso Delle preghiere Scaturite Dal profondo Del proprio Essere E anche Da coloro Che sono vicini All essere Sof Da tempo Si sente parlare Di Miracoli Che accadono Nel Mondo Miracolo Dovrebbe essere Un avvenimento Non provocato Che ristabilisce Una situazione Sia fisica Che mentale Di enorme Gravità Incurabile Irrimediabile

Dettagli

I 10 Comandamenti sono le Leggi che Dio diede a Mosè sul Monte Sinai.

I 10 Comandamenti sono le Leggi che Dio diede a Mosè sul Monte Sinai. I 10 COMANDAMENTI I 10 Comandamenti sono le Leggi che Dio diede a Mosè sul Monte Sinai. Vediamo quali sono i veri 10 Comandamenti che troviamo scritti sulla Bibbia in Esodo 20:1-17: 1. Io Sono il Signore,

Dettagli

PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE. Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo

PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE. Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo PROGRAMMI SVOLTI DI RELIGIONE Insegnante: prof. Martis Rossano Classe: I - Sez.: B Liceo I. IL MISTERO DELL ESISTENZA 1. Chi sono io? A. Sempre uguale, sempre diverso B. Un solo io o tanti io? C. Un solo

Dettagli

SIMBOLOGIA DELL APOCALISSE. 27/10/2010 Parrocchia "Maria Ss. Assunta" - Biccari

SIMBOLOGIA DELL APOCALISSE. 27/10/2010 Parrocchia Maria Ss. Assunta - Biccari SIMBOLOGIA DELL APOCALISSE 1 I simboli dell Apocalisse non sono nuovi nuovi ma sono presi dall A.T. soprattutto dal profeta Daniele. 1. Cfr. Dn 7: le 4 grandi bestie che salivano dal mare 2. Cfr. Ap 13,1.11:

Dettagli

GESTI E ATTEGIAMENTI DI FEDE: IL SEGNO DELLA CROCE

GESTI E ATTEGIAMENTI DI FEDE: IL SEGNO DELLA CROCE SOLTANTO ABBI FEDE - 72 - GUIDA PASTORALE 2012/13 GESTI E ATTEGIAMENTI DI FEDE: IL SEGNO DELLA CROCE Il gesto fondamentale della preghiera del cristiano è e resta il segno della Croce. È una professione,

Dettagli

IO MI CHIAMO QUESTO SONO IO:

IO MI CHIAMO QUESTO SONO IO: IO MI CHIAMO QUESTO SONO IO: HO ANNI MI PREPARO A RICEVERE UN DONO GRANDE: 1 VOGLIO CONOSCERE GESÚ PER QUESTO VOGLIO CAMMINARE CON LUI 2 PARLIAMO DI DIO DIO È IL PAPÁ DI GESÚ, LUI CI HA DONATO TUTTO QUELLO

Dettagli

Tre domande: (1) Perché ci occupiamo del rapporto tra le fede e la ragione? (2) Quali sono i limiti della nostra ragione naturale?

Tre domande: (1) Perché ci occupiamo del rapporto tra le fede e la ragione? (2) Quali sono i limiti della nostra ragione naturale? FEDE RAGIONE Tre domande: (1) Perché ci occupiamo del rapporto tra le fede e la ragione? (2) Quali sono i limiti della nostra ragione naturale? (3) C'è contraddizione tra fede e ragione? Percorso: Chiariamo

Dettagli

RICEVI LO SPIRITO SANTO

RICEVI LO SPIRITO SANTO RICEVI LO SPIRITO SANTO SONO DIVENTATO GRANDE... DECIDO DI ESSERE AMICO DI GESÚ FOTO PER DECIDERE DEVO CONOSCERE CONOSCO LA STORIA DI GESÚ: GESÚ E NATO E DIVENTATO GRANDE ED AIUTAVA IL PAPA GIUSEPPE E

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO L IRA DI ELIÙ 4 TRIMESTRE 2016

DELLA SCUOLA DEL SABATO L IRA DI ELIÙ 4 TRIMESTRE 2016 LEZIONE 10 DELLA SCUOLA DEL SABATO L IRA DI ELIÙ 4 TRIMESTRE 2016 SABATO 3 DICEMBRE 2016 Mentre i tre amici di Giobbe discutono animatamente con lui, un quarto amico si unisce al gruppo. Per un pò Eliù

Dettagli

LITURGIA DELLA PAROLA XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

LITURGIA DELLA PAROLA XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C) XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C) LITURGIA DELLA PAROLA PRIMA LETTURA (Ger 38,4-6.8-10) Mi hai partorito uomo di contesa per tutto il paese (Ger 15,10). Dal libro del profeta Geremìa In quei giorni,

Dettagli

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il bambino a pregare il Rosario in famiglia. 36 1 Credo in un

Dettagli

LO SPIRITO E LA PAROLA

LO SPIRITO E LA PAROLA LEZIONE 1 DELLA SCUOLA DEL SABATO LO SPIRITO E LA PAROLA 1 TRIMESTRE 2017 SABATO 7 GENNAIO 2017 Lo Spirito Santo è stato il motore e la genesi del processo di creazione della Parola scritta da Dio la Bibbia.

Dettagli

OMELIA : NOTTE DI NATALE

OMELIA : NOTTE DI NATALE OMELIA : NOTTE DI NATALE Che cosa significa essere qui? Ognuno può dare la sua risposta però la risposta vera è una sola. Il natale è contemporaneamente la grandezza di Dio e la sua benevola vicinanza

Dettagli

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione,

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, io dirigo il traffico da qui; non sapete quanto è meraviglioso saper aiutare da qui. Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, dove vivo

Dettagli

Benvenuti al Corso di Guarigione e Benessere Biblici di Conformarsi A Gesu`

Benvenuti al Corso di Guarigione e Benessere Biblici di Conformarsi A Gesu` Benvenuti al Corso di Guarigione e Benessere Biblici di Conformarsi A Gesu` 2. Il Cuore Infranto Parte 2 Studio Biblico approfondito su ciò che accade quando gli altri peccano contro di noi Giovanni 10:10

Dettagli

Il numero della Bestia

Il numero della Bestia 6 6 6 Il numero della Bestia Da dove salta fuori il numero 666? «Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.»

Dettagli

..Io non ti darò l Eredità dei miei Padri I Re 21:4

..Io non ti darò l Eredità dei miei Padri I Re 21:4 Comunione Fraterna Congregazione Cristiana Evangelica Via G. Arenaprimo 27, Messina..Io non ti darò l Eredità dei miei Padri I Re 21:4 20 26 Agosto 2012 Voglio condurvi in un viaggio che ci porterà a

Dettagli

AUTORITA ISPIRAZIONE CANONE

AUTORITA ISPIRAZIONE CANONE BIBLIOLOGIA AUTORITA ISPIRAZIONE CANONE TUTTA 2timoteo 3:16-17 LA SCRITTURA E ISPIRATA DA DIO E UTILE A: FEDE OPERE INSEGNARE RIPRENDERE CORREGGERE EDUCARE ALLA GIUSTIZIA AFFINCHE - CIO CHE E VERO - CIO

Dettagli

I SACRAMENTI DI GUARIGIONE IL SACRAMENTO DELLA PENITENZA E DELLA RICONCILIAZIONE

I SACRAMENTI DI GUARIGIONE IL SACRAMENTO DELLA PENITENZA E DELLA RICONCILIAZIONE I SACRAMENTI DI GUARIGIONE 295. Perché Cristo ha istituito i Sacramenti della Penitenza e dell'unzione degli infermi? 1420-1421 1426 Cristo, medico dell'anima e del corpo, li ha istituiti perché la vita

Dettagli

Serie: Alberi di Giustizia. L uomo nato di Nuovo-2 1

Serie: Alberi di Giustizia. L uomo nato di Nuovo-2 1 Serie: Alberi di Giustizia L uomo nato di Nuovo-2 1 NATO DI SPIRITO 2 Gesù rispose: In verità, in verità ti dico, che chi non nasce di acqua e di Spirito non può entrare nel regno di Dio. Giovanni 3:5

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

Elementi che caratterizzano i racconti di AVVENTURA

Elementi che caratterizzano i racconti di AVVENTURA Elementi che caratterizzano i racconti di AVVENTURA LUOGHI lontani Nel tempo nello spazio PERSONAGGI reali o verosimili EROE Forte ANTAGONISTA aiutante Coraggioso aiutante Astuto Avventuroso Curioso Riesce

Dettagli

Traduzioni del testo da Saint Agostino, Il libero arbitrio, a cura di Rita Melillo (Roma: Città Nuova, 2011).

Traduzioni del testo da Saint Agostino, Il libero arbitrio, a cura di Rita Melillo (Roma: Città Nuova, 2011). De Libero Arbitrio AGIRE PER IL BENE (M215-14B) Traduzioni del testo da Saint Agostino, Il libero arbitrio, a cura di Rita Melillo (Roma: Città Nuova, 2011). Circostanze Conversazione fra Evodio e Agostino

Dettagli

Messaggio di Papa Francesco

Messaggio di Papa Francesco Messaggio di Papa Francesco Giobbe «Io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo» (Gb 29,15). sapientia cordis Sapienza del cuore un atteggiamento infuso dallo Spirito Santo nella mente e nel

Dettagli

il vangelo della domenica commentato da p. Maggi

il vangelo della domenica commentato da p. Maggi il vangelo della domenica commentato da p. Maggi NON PREOCCUPATEVI DEL DOMANI commento al vangelo della ottava domenica del tempo ordinario (26 febbraio 2017) di p. Alberto Maggi: Mt 6,24-34 In quel tempo

Dettagli

Gesù è l'alfa e l'omega.

Gesù è l'alfa e l'omega. Domenica, 29 aprile 2012 Gesù è l'alfa e l'omega. Atti 17:28- In lui viviamo, ci muoviamo, e siamo. Tutto quello che riguarda la vita, tutto quello che facciamo o che siamo, Gesù è il centro, solamente

Dettagli

1 Novembre - TUTTI I SANTI

1 Novembre - TUTTI I SANTI 1 Novembre - TUTTI I SANTI Oggi la Chiesa celebra la solennità di Ognissanti. Tale solennità ci invita a fare memoria non solo dei santi riportati nel calendario ma ricorda che ciascuno di noi è in cammino

Dettagli

LA BUONA NOTIZIA. tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Romani 3:23)

LA BUONA NOTIZIA. tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Romani 3:23) LA BUONA NOTIZIA Passo 1 IL PIANO DI DIO: PACE E VITA Dio ti ama ed è Suo desiderio darti pace e vita abbondante ed eterna. Nella Sua Parola, la Bibbia, troviamo scritto: Giustificati dunque per fede,

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Dio Padre è sempre con noi Non siamo mai soli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Nella fatica sei con noi, Signore Leggi il catechismo

Dettagli

- Messia (in ebraico) Cristo (in greco) Unto con olio = Consacrato = Sacerdote (in italiano)

- Messia (in ebraico) Cristo (in greco) Unto con olio = Consacrato = Sacerdote (in italiano) GESU' E' SACERDOTE - Messia (in ebraico) Cristo (in greco) Unto con olio = Consacrato = Sacerdote (in italiano) - Chi è il Sacerdote? (Lettera agli Ebrei 5, 1 ss) "Ogni sacerdote è scelto tra gli uomini

Dettagli

Premessa. Si può fare una consacrazione a San Raffaele Arcangelo?

Premessa. Si può fare una consacrazione a San Raffaele Arcangelo? Premessa Si può fare una consacrazione a San Raffaele Arcangelo? Certamente! Anzi, si tratta di un atto d una forte fede nel soprannaturale, come pure di una saggia e concreta religiosità cattolica! Nella

Dettagli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli Quali sono natura ruolo e scopo della filosofia? cerchiamo una risposta a questi interrogativi nelle parole degli

Dettagli

DISCIPLINA: Religione Cattolica

DISCIPLINA: Religione Cattolica CLASSE PRIMA DISCIPLINA: Religione Cattolica SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE INDICAZIONI SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. Individuare ed esplicitare le domande di senso comuni agli uomini.

Dettagli

su come può essere valutata l'attività di personalità del mondo politico. rispondendo alle domande che seguono in modo altrettanto accurato.

su come può essere valutata l'attività di personalità del mondo politico. rispondendo alle domande che seguono in modo altrettanto accurato. QB1-X Stiamo svolgendo un'indagine sugli atteggiamenti verso alcuni rilevanti temi sociali e su come può essere valutata l'attività di personalità del mondo politico. Ti preghiamo di leggere attentamente

Dettagli

Raccontar storie per dire esperienze

Raccontar storie per dire esperienze Raccontar storie per dire esperienze - Raccontare storie è esperienza comune presso tutti i popoli e culture: poemi epici, miti, fiabe, racconti edificanti - dicono spezzoni di cultura e di vita, e rivestono

Dettagli

La spiritualità dell animatore. Giacomo Prati

La spiritualità dell animatore. Giacomo Prati + La spiritualità dell animatore Giacomo Prati + La spiritualità dell animatore Ponte tra Dio ed i ragazzi + Cos è la spiritualità? La spiritualità è fare esperienza di Dio, un modo per essere cristiani

Dettagli

LA TRINITÀ E IL MISTERO DELL ESISTENZA

LA TRINITÀ E IL MISTERO DELL ESISTENZA JEAN DANIÉLOU LA TRINITÀ E IL MISTERO DELL ESISTENZA Postfazione all edizione italiana di Piero Coda terza edizione Queriniana Premessa alla seconda edizione L accoglienza riservata a questo libriccino

Dettagli

Giuliani. Santa. via Crucis con. eronica 2,00. «La croce di Gesù è la Parola con cui Dio ha risposto al male del mondo, una parola che è amore,

Giuliani. Santa. via Crucis con. eronica 2,00. «La croce di Gesù è la Parola con cui Dio ha risposto al male del mondo, una parola che è amore, «La croce di Gesù è la Parola con cui Dio ha risposto al male del mondo, una parola che è amore, misericordia, perdono. La parola della croce è anche la risposta dei cristiani al male che continua ad agire

Dettagli

PREGHIERA DEL MATTINO

PREGHIERA DEL MATTINO PREGHIERA DEL MATTINO Segno della Croce Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen Ti adoro 1 / 7 Ti adoro o mio Dio, Ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano

Dettagli

BREVI RIFLESSIONI SULLA PASSIONE DI GESU' SECONDO L'EVANGELISTA LUCA

BREVI RIFLESSIONI SULLA PASSIONE DI GESU' SECONDO L'EVANGELISTA LUCA BREVI RIFLESSIONI SULLA PASSIONE DI GESU' SECONDO L'EVANGELISTA LUCA INTRODUZIONE Nei Vangeli Sinottici la passione viene predetta tre volte da Gesù, egli non si limita solo ad annunciarla ma ne indica

Dettagli

Tema 3/2: Le facoltà intellettive e la conoscenza intellettiva

Tema 3/2: Le facoltà intellettive e la conoscenza intellettiva TEMA 3: LE FACOLTÀ CONOSCITIVE E LA CONOSCENZA UMANA Tema 3/2: Le facoltà intellettive e la conoscenza intellettiva Tommaso d'aquino, Somma teologica: I, q. 79, aa. 1-3 Nuova Edizione On-Line in lingua

Dettagli

INDICE GENERALE. Avvertimento preliminare ai lettori 5. Prefazione alla nuova edizione 11

INDICE GENERALE. Avvertimento preliminare ai lettori 5. Prefazione alla nuova edizione 11 INDICE GENERALE Avvertimento preliminare ai lettori 5 Prefazione alla nuova edizione 11 Premessa all edizione italiana 15 Capitolo primo Una nuova introduzione? Interpretazione di Lutero al di là della

Dettagli

248 Exultet. - Esulti il coro degli angeli * Si- mi re mi esulti l assemblea celeste. - un inno di gloria saluti * Si- mi re mi

248 Exultet. - Esulti il coro degli angeli * Si- mi re mi esulti l assemblea celeste. - un inno di gloria saluti * Si- mi re mi 248 Exultet - Esulti il coro degli angeli * mi mi esulti l assemblea celeste - un inno di gloria saluti * mi mi il trionfo del Signo risorto Rit: luce del eterno * mi mi ha vinto le teneb del mondo - gioisca

Dettagli

Sesto incontro Oggi vi parlerò del rito del Battesimo. Il battezzando viene accolto nella famiglia di Dio di cui entrerà a far parte. Il ministro chiede ai genitori il nome che gli vogliono dare. Con il

Dettagli

Legge sui disabili. Spiegata in linguaggio semplice

Legge sui disabili. Spiegata in linguaggio semplice Legge sui disabili Spiegata in linguaggio semplice Importante Le leggi non possono essere scritte in linguaggio semplice. Le leggi hanno regole proprie. Si dice anche requisiti giuridici. Per questo motivo

Dettagli

Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016

Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016 Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016 1. «Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande

Dettagli

LA MONTAGNA NELLA BIBBIA. Distretto del turismo e del dialogo interreligioso e interculturale giovanile: la via dei parchi dei giovani di frontiera

LA MONTAGNA NELLA BIBBIA. Distretto del turismo e del dialogo interreligioso e interculturale giovanile: la via dei parchi dei giovani di frontiera LA MONTAGNA NELLA BIBBIA Distretto del turismo e del dialogo interreligioso e interculturale giovanile: la via dei parchi dei giovani di frontiera Il libro della Genesi e il libro dell Esodo Genesi 8,4

Dettagli

Alcune massime di François de La Rochefoucauld ( ), 1680), amatissimo da Emil Cioran! :D

Alcune massime di François de La Rochefoucauld ( ), 1680), amatissimo da Emil Cioran! :D Alcune massime di François de La Rochefoucauld (1613-1680), 1680), amatissimo da Emil Cioran! :D * Tutti abbiamo forza sufficiente per sopportare i mali altrui. * La filosofia trionfa agevolmente sui mali

Dettagli

Credo la Chiesa. Conversazioni sulla comunità credente. QUALE CHIESA? Introduzione alla questione.

Credo la Chiesa. Conversazioni sulla comunità credente. QUALE CHIESA? Introduzione alla questione. QUALE CHIESA? Introduzione alla questione. Davanti ai mali o ai problemi della Chiesa è inutile cercare soluzioni in conservatorismi e fondamentalismi, nella restaurazione di condotte e forme superate

Dettagli

all uomo il Mistero, la Storia della Salvezza. La risposta dell uomo è ascolto e docilità. La Lectio Divina ha quindi una sua dinamica: è ascolto,

all uomo il Mistero, la Storia della Salvezza. La risposta dell uomo è ascolto e docilità. La Lectio Divina ha quindi una sua dinamica: è ascolto, Presentazione «Quando, lo scorso anno, mi decisi per un serio cammino spirituale, il mio direttore spirituale mi condusse alla Lectio Divina quotidiana. Ero scettica ma lo feci fedelmente. Oggi posso testimoniare

Dettagli

Paolo Jedlowski. (2002) Il mondo in questione. Introduzione alla storia del pensiero sociologico. Carocci. capitolo 4.

Paolo Jedlowski. (2002) Il mondo in questione. Introduzione alla storia del pensiero sociologico. Carocci. capitolo 4. Paolo Jedlowski (2002) Il mondo in questione. Introduzione alla storia del pensiero sociologico Carocci capitolo 4 su Emile Durkheim Emile Durkheim (1858-1917) Quali domande si faceva Durkheim ci sono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE Sorelle e fratelli, ci raduniamo in assemblea all inizio del nuovo anno che vogliamo porre sotto lo sguardo benedicente del Signore che nell incarnazione ha voluto condividere

Dettagli

Los lobbys (o anche chiamati cabilderos ) basicamente intercedono a favore di una persona, impresa o nazione). LOBBYCRACIA?

Los lobbys (o anche chiamati cabilderos ) basicamente intercedono a favore di una persona, impresa o nazione). LOBBYCRACIA? LOBBY Un Lobby ( in inglese. "entrata", "sala d aspetto") e un gruppo di persone che tenta di influenzare le decisioni dei legislatori in favore di determinati interessi. Los lobbys (o anche chiamati cabilderos

Dettagli

IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE

IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE Martedì 17 Dicembre C - T - T - Nel nome del Padre Amen! Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei

Dettagli

Watchman Nee T. S. AUTORITÀ SPIRITUALE VERSO LA META SRL

Watchman Nee T. S. AUTORITÀ SPIRITUALE VERSO LA META SRL Watchman Nee T. S. AUTORITÀ SPIRITUALE 1 Copyright: 2011 VERSO LA META EDITRICE TUTTI I DIRITTI RISERVATI Traduzione: a cura dell Editore Revisione: a cura dell Editore mezzo. Secondo le Leggi sulla stampa

Dettagli

settimanale, ogni lunedì dalle 17:00 alle 19:00. Mensile: un intercessione e riunione di preghiera ogni primo giovedì di ogni mese.

settimanale, ogni lunedì dalle 17:00 alle 19:00. Mensile: un intercessione e riunione di preghiera ogni primo giovedì di ogni mese. Intercessione e preghiera "Signore, insegnaci a pregare" Noi crediamo che la preghiera è il ministero più importante qui sulla terra, il fondamento di ogni realizzazione spirituale, il primo atto di lode

Dettagli

Filosofia o. Filosofia??? Per il lavoro che noi faremo, è più opportuno parlare di Storia

Filosofia o. Filosofia??? Per il lavoro che noi faremo, è più opportuno parlare di Storia Filosofia o Storia della Filosofia??? Per il lavoro che noi faremo, è più opportuno parlare di Storia della Filosofia! Utilità! È un po come per l interesse: della nostra materia non ha molto senso chiedere

Dettagli

01 - Fratello Dove Sei Quante volte hai preso la mia mano Scegli sempre l'amico nel deriso Guarda avanti e' quello il tuo cammino

01 - Fratello Dove Sei Quante volte hai preso la mia mano Scegli sempre l'amico nel deriso Guarda avanti e' quello il tuo cammino 01 - Fratello Dove Sei Quante volte hai preso la mia mano Scegli sempre l'amico nel deriso Guarda avanti e' quello il tuo cammino E' un legame naturale E' nelle vene Il mio sangue misto al tuo E le catene

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero. 1. Chi sono gli uomini che Gesù chiama attorno a sé all inizio della sua predicazione?

Attività di potenziamento e recupero. 1. Chi sono gli uomini che Gesù chiama attorno a sé all inizio della sua predicazione? Attività di potenziamento e recupero 5. La Chiesa La Chiesa (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Disegna su un cartellone la cartina del tuo paese o della tua città indicando le chiese più

Dettagli

QUANDO NASCE IL PRIMO RACCONTO DELLA CREAZIONE?

QUANDO NASCE IL PRIMO RACCONTO DELLA CREAZIONE? QUANDO NASCE IL PRIMO RACCONTO DELLA CREAZIONE? Nel racconto del primo capitolo della Genesi (Gen 1-2,4a) il creatore del mondo non è una divinità pagana ma il Dio d Israele. Egli è il Dio di Abramo, di

Dettagli

Cattolicesimo e Protestantesimo

Cattolicesimo e Protestantesimo Cattolicesimo e Protestantesimo Papa Leone X, ritratto da Raffaello Sanzio (particolare); dipinto a olio su tavola, Galleria degli Uffizi di Firenze Martin Lutero, ritratto da Lucas Cranach il Vecchio

Dettagli

il commento di p. Maggi al vangelo di natale

il commento di p. Maggi al vangelo di natale il commento di p. Maggi al vangelo di natale IL VERBO SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI commento al vangelo del giorno di natale (25 dicembre 2016) di p. Alberto Maggi: Gv 1,1-18 In principio

Dettagli

Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015

Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015 Matteo Bonato Bologna, 28/02/2015 INTRODUZIONE Metafisica «Metafisica» di Aristotele: ricerca delle proposizioni implicite in ogni nostro discorso, delle verità «prime», verità presupposte da ogni ricerca

Dettagli