ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013"

Transcript

1 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento:

2 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento... 1 Introduzione... 1 Terminologia... 2 Cosa è nuovo nella versione Multipli siti remoti... 2 Multipli amministratori e ruoli... 3 Collaborazione... 3 Gestibilità migliorata... 3 Responsabilità migliorata... 3 Facile backup e ripristino della configurazione del farm 2X... 3 Pubblicazione migliorata... 3 Opzioni di filtro delle risorse pubblicate migliorate... 3 Gestione client migliorata X OS migliorato... 4 Altri importanti miglioramenti di 2X ApplicationServer XG Licenze di 2X ApplicationServer XG... 4 Installare 2X ApplicationServer... 5 Requisiti del sistema... 5 Installare 2X ApplicationServer... 5 Configurazione di un account amministratore 2X ApplicationServer XG... 6 Guida introduttiva a 2X ApplicationServer XG... 7 Introduzione X ApplicationServer Console... 7 Introduzione... 7 Struttura di 2X ApplicationServer Console... 7 Impostare un ambiente SMB... 8 Aggiungere un server terminal... 8 Pubblicare un'applicazione... 9 Pubblicare un desktop Siti e amministratori Introduzione Siti i

3 Introduzione Aggiungere un nuovo sito al farm Accesso alla configurazione del sito Passare tra configurazioni di siti Gestione di siti Replicare le impostazioni del sito a tutti i siti Impostare un sito come server licenze Amministratori Introduzione Amministratore predefinito di 2X ApplicationServer XG Aggiungere un account amministratore Configurare autorizzazioni per account di amministratore Gestire account amministratore Inviare messaggi console tra account di amministratori Disconnettere altri amministratori Server terminal Introduzione Aggiungere un server terminal Installazione manuale di 2X Terminal Server Agent Requisiti del sistema per 2X Terminal Server Agent Installazione manuale di 2X Terminal Server Agent Configurazione di un server terminal Abilitare o disabilitare un server terminal Configurazione del nome del server e del numero massimo di sessioni Configurazione di 2X Terminal Server Agent sul server Configurazione della stampa RDP per il server terminal Configurazione della finestra di pianificazione della manutenzione del server terminal Raggruppare server terminal Pubblicazione di un desktop da un server terminal Pubblicazione di un'applicazione da un server terminal Configurazione di un'applicazione singola Pubblicazione di un documento da un server terminal VDI Host Introduzione Aggiungere un VDI Host Installazione manuale di 2X VDI Agent Requisiti del sistema per 2X VDI Agent Installazione manuale di 2X VDI Agent ii

4 Installare un accessorio Introduzione Installare l'accessorio Configurazione di un VDI Host Abilitare o disabilitare un server VDI nel farm Configurazione delle impostazioni di connessione di VDI Host Configurazione di 2X VDI Agent sul server Configurazione della stampa RDP per VDI Host Configurazione della finestra di pianificazione della manutenzione per VDI Host Configurazione e gestione dei pool Introduzione Aggiungere e eliminare pool Gestione di membri di un pool Configurazione e gestione di 2X Templates per cloni di guest Introduzione Creare un 2X Template Configurare un 2X Template Configurazione di SysPrep per cloni di guest virtuali Aggiornamento del sistema operativo Template Guest permanenti Cancellare una regola per guest permanenti Configurare la cancellazione automatica di regole per guest permanenti Pubblicazione di un desktop virtuale da un guest Pubblicazione di un'applicazione da un guest Pubblicazione di un documento da un guest PC remoto Introduzione Aggiungere un PC remoto Installazione manuale di 2X Remote PC Agent Requisiti del sistema per 2X Remote PC Agent Installazione manuale di 2X Remote PC Agent Configurare un PC remoto Abilitare o disabilitare un PC remoto nel farm Configurare o modificare un indirizzo IP di PC remoto Configurazione di Remote PC Agent Configurazione della stampa RDP da PC remoto Pubblicazione di un desktop da PC remoto Pubblicazione di un'applicazione da un PC remoto iii

5 Pubblicare un documento da un PC remoto Pubblicazione e filtro Introduzione Gestione di applicazioni pubblicate Pubblicare un'applicazione Configurazione di un'applicazione pubblicata Gestione di desktop pubblicati Pubblicare un desktop Configurazione di un desktop pubblicato Gestione di documenti pubblicati Pubblicare un documento Configurazione di un documento pubblicato Gestione di cartelle pubblicate Introduzione Pubblicare una cartella Gestione di cartelle pubblicate Aggiungere risorse pubblicate a una cartella Filtro Introduzione Creare nuove regole di filtro Filtro per utente Filtro per client Filtro per indirizzo IP Filtro per indirizzo MAC Filtro per gateway Configurazione di multiple regole del filtro X Secure Client Gateway Introduzione Come funziona un gateway Tipi di 2X Secure Client Gateway Modalità normale Modalità di inoltro Aggiungere un 2X Secure Client Gateway Aggiungere manualmente un 2X Secure Client Gateway Gestione di 2X Secure Client Gateway Introduzione Attivare e disattivare un gateway Configurare la porta 2X Secure Client Gateway iv

6 Configurare thin client e 2XOS Support Abilitare la crittografia SSL su 2X Secure Client Gateway Abilitare il supporto HTML 5 sul gateway Configurare le funzionalità dell'utente della connessione HTML Accedere all'interfaccia HTML Cambiare la modalità del gateway e le impostazioni di inoltro Gestire multipli indirizzi IP su un gateway Supporto per Wyse Thin Client OS Filtrare l'accesso a 2X Secure Client Gateway Varie impostazioni del gateway Regole di tunnelling del gateway Introduzione Configurare le regole di tunnelling X Backup Server Introduzione Aggiungere un server di backup 2X Gestire i server di backup Abilitare o disabilitare i server di backup Cambiare le priorità del server di backup Promuovere un server di backup a server master Eliminare server di backup Bilanciamento del carico Introduzione Bilanciamento del carico basato sulle risorse Abilitare il bilanciamento del carico basato sulle risorse Configurare i contatori di risorse Bilanciamento del carico Round Robin Abilitare il bilanciamento del carico Round Robin Impostazioni avanzate di bilanciamento del carico Gestione della sessione Configurare la connessione dei server e il test del tempo di attività Escludere un processo dal contatore CPU X Universal Printing Introduzione Gestire i server 2X Universal Printing Abilitare e disabilitare il supporto 2X Universal Printing Configurare un pattern di nome della stampante Gestione caratteri v

7 Escludere caratteri dall'incorporamento Installare automaticamente caratteri su server e client Reimpostare l'elenco dei caratteri esclusi sull'impostazione predefinita X Universal Scanning Introduzione Gestire 2X Universal Scanning Abilitare e disabilitare il supporto 2X Universal Scanning Gestire applicazioni di scansione Aggiungere un'applicazione di scansione Eliminare un'applicazione di digitalizzazione Installare 2XOS e avviare la rete Introduzione Avviare in rete un dispositivo con 2XOS Configurare il supporto thin client su gateway Scegliere e installare il/i sistema operativo/i 2X richiesto/i Configurare il dispositivo e avviarlo Installare 2XOS sull'archivio permanente di thin client o PC Installazione non sorvegliata di 2XOS sull'archivio permanente di thin client o PC Creare uno stick USB di avvio corrispondente al dispositivo Gestire dispositivi e thin client Introduzione Monitorare dispositivi Introduzione Stati del dispositivo XOS Introduzione Rendere una versione di 2XOS disponibile per thin client Configurare una versione di 2XOS come predefinita Aggiungere un thin client Gruppi thin client Introduzione Creare un gruppo thin client Configurare opzioni per thin client in gruppo Configurare opzioni di hardware, OS, opzioni di avvio e metodo Configurare opzioni di accesso automatico Configurare impostazioni regionali Configurare dispositivi di input Configurare lo Screen Saver vi

8 Configurare il desktop Configurare il browser Configurare le opzioni del desktop remoto Configurare thin client in modalità chiosco Configurare l'elenco delle applicazioni installate localmente Configurare lo Shadowing Configurare le impostazioni predefinite RDP Configurare le opzioni thin client Configurare stampanti thin client Aggiungere una stampante all'elenco Assegnare una stampante o più stampanti a thin client o a un gruppo Configurare un'intestazione di accesso personalizzata a 2XOS Pianificare accensione, spegnimento e riavvio automatici di thin client Introduzione Aggiungere una nuova pianificazione Gestire le pianificazioni Gestire le impostazioni 2X Client Introduzione Aggiungere un nuovo criterio a 2X Client Reporting Introduzione Integrare il motore di creazione report eg Innovations Configurare la connessione Configurare gli agenti di reporting Maggiori informazioni Impostazioni di connessione e autenticazione Impostazioni di connessione di 2X Publishing Agent Imporre l'autenticazione Configurare l'autenticazione Autenticazione per utenti senza dominio Autenticazione di secondo livello Come funziona Configurare il server di autenticazione Deepnet Configurare il server Safenet Configurare il server Radius Limitare l'accesso con numero di build OS Gestire 2X ApplicationServer XG Introduzione vii

9 Stato di 2X ApplicationServer XG Configurare contatori di monitoraggio e avvisi Configurare i contatori di monitoraggio Configurare la connessione del server SMTP per notifiche del sistema via Configurare gli intervalli di notifica Monitorare i cambiamenti di configurazione di 2X ApplicationServer XG Notifiche di modifiche alla configurazione in 2X ApplicationServer XG Console Configurare la registrazione Registrazione del controllo di 2X ApplicationServer XG Registrazione di 2X ApplicationServer XG per server Registrazione di 2X ApplicationServer XG per sito Tenere aggiornato 2X ApplicationServer XG Eseguire il backup della configurazione di 2X ApplicationServer XG Appendice Funzionalità supportate da 2XOS DIAGNOSTICA E SUPPORTO Introduzione Knowledgebase Richiesta di supporto per Richiesta di supporto per telefono Informazioni su 2X viii

10 Introduzione a 2X ApplicationServer Cos'è 2X ApplicationServer? 2X ApplicationServer XG fornisce desktop e applicazioni vendor indipendenti provenienti da un'unica piattaforma. 2X ApplicationServer XG è accessibile dovunque con client nativi e soluzioni abilitate al web come 2X Cloud Portal e permette di pubblicare desktop, applicazioni e documenti completi in un ambiente virtuale, migliorando la gestibilità, la sicurezza e la performance del desktop. 2X ApplicationServer XG amplia i servizi terminal di Windows usando uno shell personalizzato ed estensioni di canali virtuali con il protocollo RDP Microsoft. Supporta tutti i principali hypervisor di Microsoft, VMware, Citrix e altri, permettendo la pubblicazione di desktop e applicazioni al 2X Client. Il prodotto include potenti funzionalità di stampa e scansione universale nonché funzioni di gestione e bilanciamento del carico basate su risorse di elevata capacità. Con il modulo 2X ClientManager per 2X ApplicationServer XG ora è possibile gestire centralmente le connessioni degli utenti, i thin client e i PC convertiti in thin client usando 2XOS gratuito. Come funziona? Quando un utente richiede un desktop o un'applicazione virtuale, il sistema trova un guest su uno degli host meno carichi e avvia o ripristina la connessione col guest. Usando il protocollo RDP Microsoft, il desktop virtuale o l'applicazione pubblicata vengono presentati all'utente. Gli utenti possono connettersi a 2X ApplicationServer XG usando un thin client che impiega 2XOS gratuito o usando 2X Client, che è operativo su Windows, Linux, MAC, Android, Blackberry, Chrome e ios. Gli utenti possono anche connettersi tramite un browser HTML 5. Il thin client computing sta risolvendo il crescente problema della gestione dei fat client (PC), permettendo ai dipendenti di collegarsi facilmente in roaming e migliorando le prestazioni. Le aziende che sono migrate ad un ambiente thin client possono constatare enormi risparmi sui costi per il supporto, l'hardware e l'aggiornamento. In un mondo in cui l'uso dell'energia è una preoccupazione crescente, l'implementazione di un ambiente thin client fa risparmiare sui costi per l'energia. Uno studio condotto da Bloor Research mostra che: "L'implementazione di tecnologia thin client in azienda può tagliare i costi fino al 70%". Su questo documento Introduzione Questo manuale di prodotto presume che il lettore conosca il server terminal Microsoft ed abbia una conoscenza intermedia delle funzionalità di rete. Tutti i titoli, le etichette e i nomi (ad es. caratteristiche di prodotti, pulsanti e link) verranno scritti in grassetto. 1

11 Terminologia Categoria Una categoria consiste in un certo numero di impostazioni relative ad una specifica attività o operazione. Nella 2X ApplicationServer Console sono disponibili le seguenti categorie: Farm Bilanciamento del carico Pubblicazione Universal printing Universal scanning Connessione Gestione client Amministrazione Informazione Reporting Licenze Farm Un farm consiste in un'installazione 2X ApplicationServer XG su uno o più siti. Sito server licenze Il sito in cui è archiviato il database di configurazione principale che gestisce tutti gli altri siti nel 2X Farm. Altri server di un sito possono diventare server licenze, se il server licenze principale non è disponibile. Nota: Gli aggiornamenti di 2X ApplicationServer XG DEVONO essere applicati prima al sito del server licenze. Pubblicazione Significa rendere disponibili agli utenti gli elementi installati su un server desktop remoto, host VDI o PC remoto tramite 2X ApplicationServer XG. Agente di pubblicazione L'agente di pubblicazione fornisce bilanciamento del carico ad applicazioni e desktop pubblicati. RDS Remote Desktop Services è un ruolo di server nel server Windows che fornisce tecnologie per abilitare gli utenti a connettersi a desktop virtuali e desktop basati su sessione. RDS ha sostituito Terminal Services a partire da Windows 2008 R2. Sito Un sito consiste in un agente di pubblicazione, un SecureClient GW o diversi gateway e gli agenti installati su server terminal, VDI e PC. Cosa è nuovo nella versione 11 La nuova versione 11 di 2X ApplicationServer XG si concentra su scalabilità e collaborazione. Elementi di rilievo delle nuove funzioni sono: Multipli siti remoti Ideale per aziende con localizzazioni remote e uffici all'estero, i siti multipli si possono installare in un unico farm 2X ApplicationServer XG e gestire da una località centrale. Un sito singolo è quello che in precedenza era un farm e con l'installazione, un farm 2X avrà un 2

12 singolo sito. Ogni sito può avere diversi gateway (e agenti di pubblicazione) attraverso i quali gli utenti possono connettersi per accedere a risorse pubblicate. I siti possono essere gestiti nella nuova categoria Farm della 2X ApplicationServer Console. Multipli amministratori e ruoli Si possono configurare multipli amministratori della rete aziendale come amministratori del farm 2X. Si possono configurare autorizzazioni granulari per ogni amministratore, ad esempio un amministratore può solo cambiare la configurazione di un sito o di una funzione specifici, come universal printing. Gli amministratori e le loro autorizzazioni possono essere gestiti dalla nuova categoria Amministrazione nella 2X ApplicationServer Console. Collaborazione Quando multipli amministratori accedono alla 2X ApplicationServer Console, essi possono comunicare tra di loro inviando messaggi tramite la console. Qualsiasi cambiamento eseguito da altri amministratori viene notificato in tempo reale all'amministratore che ha effettuato l'accesso. Gli amministratori che accedono con autorizzazioni complete possono anche far uscire remotamente altri amministratori tramite la casella di dialogo Amministratori. Gestibilità migliorata Dalla 2X ApplicationServer Console un amministratore può passare da una configurazione di sito ad un'altra selezionando il sito da un menu a discesa nella nuova barra Sito e Utenti registrati in alto sulla 2X ApplicationServer Console (se l'amministratore ha l'autorizzazione di accedere alla configurazione del sito selezionato). Qualsiasi modifica alla configurazione applicata ad un sito specifico, come Opzioni Universal Printing, Opzioni Universal Scanning, Pubblicazione di risorse, ecc. si può replicare a tutti i siti della farm cliccando un pulsante. Responsabilità migliorata Per ragioni di responsabilità tutta l'attività degli amministratori è registrata nella scheda Controllo impostazioni della categoriaamministrazione. L'ultimo cambiamento applicato da qualsiasi amministratore che ha avuto accesso compare anche nella nuova Barra notifiche, disponibile in basso a sinistra nella 2X ApplicationServer Console. Facile backup e ripristino della configurazione del farm 2X Della configurazione del farm di 2X ApplicationServer XG si può ora facilmente eseguire il backup e il ripristino usando le funzioni Importa e Esporta nella scheda Backup della categoria Amministrazione nella 2X ApplicationServer Console. Pubblicazione migliorata Quando viene pubblicata una risorsa, può essere pubblicata su tutti i siti, su un sito specifico o su un numero di siti specifici. Le impostazioni Nome, Descrizione, Icona e Esegui come, della risorsa pubblicata sono condivise su tutti i siti. Opzioni di filtro delle risorse pubblicate migliorate La versione 11 supporta regole di filtro basate sul gateway. Ad esempio, si può filtrare una connessione basata sul gateway attraverso il quale è stata stabilita la connessione. 3

13 Gestione client migliorata Ora è possibile configurare il fabbricante di hardware e il modello di thin client. Questo significa che gli amministratori non devono più configurare parametri di avvio e altri tipi di impostazioni relative all'hardware thin client. 2X OS migliorato Il nuovo 2X OS si avvia più velocemente e ha un runtime più veloce. Presenta anche i seguenti miglioramenti: Supporto per accesso a file SMB Supporta la risoluzione di nomi WINS Le unità USB sono montate al volo Espulsione sicura di dispositivi USB Impostazioni Network time protocol La schermata di benvenuto mostra la versione OS Tema del cursore, menu e icone sono stati aggiornati Altri importanti miglioramenti di 2X ApplicationServer XG 11 La configurazione di server terminal e gruppi di server terminal è stata suddivisa in 2 schede Le regole di tunnelling sono state spostate al nodo gateway Le opzioni di accesso 2X Agents si possono configurare da un'unica scheda L'opzione elenco Non reindirizzare URL in Impostazioni sito è globale per tutti i server del sito Il supporto connessione HTML 5 ora si può configurare da proprietà 2X Gateway Le liste Regole tunnelling ora sono disponibili al nodo gateway Le impostazioni avanzate delle risorse pubblicate sono disponibili in una loro scheda Nuovo convertitore PDF che migliora la qualità e riduce il sito di processi di stampa Protocollo universal scanning più veloce Elenchi elementi pubblicati è stato rinominato in Dispositivi di accesso. Da questa scheda l'amministratore può anche controllare le sessioni runtime Ora si possono configurare multiple stampanti per client con 2X OS Supporto per stampanti di rete e USB per client con 2X OS Supporto di applicazioni locali per 2X OS (Skype, Adobe Reader, Media Player, Calculator e altre si possono includere nei gruppi client) Licenze di 2X ApplicationServer XG 2X ApplicationServer XG viene dato in licenza in base al numero di utenti simultanei. Un nuovo pacchetto licenze di base è composto da minimo 15 utenti. Gli acquisti di nuove licenze comprendono un anno di assicurazione per aggiornamenti e un pacchetto di supporto bronzo per 7 giorni. L'assicurazione per aggiornamenti dà diritto ai clienti di ricevere gli aggiornamenti con la più recente versione del prodotto per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di attivazione della licenza. Se i clienti desiderano tenere il prodotto per più di 1 anno, sono disponibili pacchetti licenza per 2 e 3 anni. Per maggiori informazioni sulle licenze di 2X ApplicationServer XG consultare il seguente URL: 4

14 Installare 2X ApplicationServer Requisiti del sistema I componenti principali di 2X ApplicationServer XG (2X Publishing Agent e 2X SecureClientGateway) vanno installati su sistemi operativi Windows 2003, Windows 2008, Windows 2008 R2 e Windows 2012 Server. Raccomandazione: 2X ApplicationServer XG non va installato su un controller di dominio o qualsiasi altro server su cui funziona un server DHCP. 2X Terminal Server Agents va installato su un sistema operativo Windows 2003 SP1, Windows 2008, Windows 2008 R2 e Windows 2012 Server con servizi terminal abilitati. 2X client è approvato per i seguenti sistemi operativi: Windows XP SP3 Windows Vista Windows 2003 SP1 Windows 7 Windows 8. 8,1 Windows CE Windows Embedded Mac 10.5.x e superiore ios (iphone e ipad) Android 1.5 e superiore Ubuntu 8.04, 8.10, 9.04, 9.10 OpenSuse 11.1 Fedora Core 9, 11 CentOs 5.2 VectorLinux 6.0 Installare 2X ApplicationServer Nota: Per installare 2X ApplicationServer XG si deve accedere con un account dotato di privilegi amministrativi. Chiudere tutti gli altri programmi Windows prima di avviare l'installazione. 1. Effettuare il login al computer e scaricare la versione più recente di 2X Application Server dal sito web 2X. 2. Fare doppio clic su 2xAppServer.msi per lanciare la guida d'installazione di 2X ApplicationServer XG. Fare clic su Avanti quando richiesto. 3. Leggere e approvare il contratto di licenza per l'utente finale e fare clic su Avanti. 4. Specificare dove si trova la cartella in cui installare 2X ApplicationServer XG e fare clic su Avanti. 5. Selezionare l'opzione 2X ApplicationServer XG per un'installazione predefinita di 2X ApplicationServer XG e fare clic su Avanti. 6. Fare clic su Installa per avviare l'installazione. Il programma d'installazione ora copia tutti i file ed installa i servizi di 2X Application Server. 5

15 7. Fare clic su Fine quando si conclude. Configurazione di un account amministratore 2X ApplicationServer XG La prima volta che si lancia 2X ApplicationServer XG Console si deve indicare un nome utente e una password, come si vede sullo screenshot qui sotto. L'utente indicato viene immediatamente configurato come amministratore di 2X ApplicationServer XG. Usare qualsiasi utente della directory attiva o del computer per accedere al luogo d'installazione di 2X ApplicationServer XG. Prompt di accesso per la prima volta a 2X ApplicationServer XG Console Per maggiori informazioni su amministratori e privilegi di 2X ApplicationServer XG consultare il capitolo Amministratori a pagina 18. 6

16 Guida introduttiva a 2X ApplicationServer XG Introduzione Una delle caratteristiche principali di 2X ApplicationServer XG è la capacità degli utenti di pubblicare applicazioni facilmente e individualmente. Questo significa che gli utenti vedranno solo le applicazioni a cui gli viene dato accesso e non un desktop di terminal service completo. 2X ApplicationServer Console Introduzione Dalla 2X ApplicationServer Console si gestisce 2X ApplicationServer XG. Usare la console per pubblicare un'applicazione o un desktop, aggiungere un terminal server di host VDI al farm, eseguire il backup della configurazione di 2X ApplicationServer XG e tutte le altre modifiche della configurazione. Struttura di 2X ApplicationServer Console 2X ApplicationServer Console 7

17 Sezione 1: Questa sezione contiene tutte le categorie. Sezione 2: Questa barra d'informazione visualizza a sinistra il sito in cui ci si trova e a destra l'utente attualmente sul sito. Sezione 3: Barra degli strumenti da cui si possono lanciare le procedure guidate di pubblicazione. Sezione 4: Disponibile solo nella categoria Farm e Pubblicazione, l'albero di spostamento consente di navigare tra gli oggetti relativi a quella categoria. Sezione 5: Questa sezione visualizza le proprietà dell'oggetto o della categoria selezionati, ad es. proprietà dei server in un farm o di un'applicazione pubblicata. Sezione 6: In questa sezione vengono visualizzate le più recenti notifiche della console. Impostare un ambiente SMB Questa guida introduttiva spiega come aggiungere il server in cui è installato 2X ApplicationServer XG come server terminal ad un sito nel farm e pubblicare un'applicazione (2X Application Server Console) da esso. Aggiungere un server terminal 1. Lanciare 2X ApplicationServer Console, selezionare la categoria Farm e fare clic su Server terminal dall'albero di spostamento. 2. Selezionare Aggiungi dal menu a discesa Attività per lanciare la procedura guidata di impostazione e quando richiesto immettere il FQDN o IP del server. In questo caso immettere l'indirizzo IP del server 2X ApplicationServer XG e fare clic su Avanti. Primo passo della procedura guidata per il server terminal 3. Nel passo seguente 2X ApplicationServer XG controlla se 2X Agent è installato sul server. Una volta confermato, fare clic su Aggiungi per aggiungere il server al farm. 8

18 Controllo 2X Terminal Server Agent Pubblicare un'applicazione La procedura qui sotto spiega come pubblicare 2X ApplicationServer XG Console come applicazione, ma è possibile pubblicare qualsiasi applicazione desiderata. 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e fare clic sull'icona Applicazione nel menu in alto sulla console per lanciare la procedura guidata. Primo passo della procedura guidata per l'applicazione 9

19 2. Nel primo passo della procedura guidata selezionare Server terminal e fare clic su Avanti come illustrato nello screenshot qui sopra. 3. Nel secondo passo selezionare Applicazioni installate per selezionare l'applicazione da un elenco di applicazioni installate sul server e fare clic su Avanti. 4. Espandere il nodo 2X > Application Server e spuntare 2X ApplicationServer Console per pubblicare 2X ApplicationServer Console come si vede nello screenshot qui sotto. Evidenziare 2X ApplicationServer Console per la pubblicazione 5. Fare clic su Fine quando si conclude. Pubblicare un desktop La procedura seguente spiega come pubblicare il desktop del server su cui è installato 2X ApplicationServer XG. 1. Fare clic su Pubblicazione nel menu del sistema e poi fare clic sull'icona Desktop nel menu in alto sulla console per lanciare la procedura guidata. 2. Nel primo passo della procedura guidata selezionare Server terminal e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo della procedura guidata si devono indicare un Nome e una Descrizione per il desktop condiviso e (in via opzionale) cambiare Icona. Abilitare l'opzione Connetti a console, così gli utenti si connettono alla console piuttosto che a una sessione virtuale. 10

20 Secondo passo della procedura guidata per il desktop 4. Come abbiamo visto nello screenshot qui sopra, nel secondo passo della procedura guidata si possono anche configurare le dimensioni e la risoluzione del desktop con il menu a discesa Dimensioni. Una volta configurato, fare clic su Fine per pubblicare il desktop. 11

21 Siti e amministratori Introduzione Un farm 2X ApplicationServer XG può contenere più siti che possono essere amministrati da differenti amministratori. Siti Introduzione Un farm 2X ApplicationServer XG può avere più siti. Ogni sito è composto da un agente di pubblicazione, un gateway SecureClient o diversi gateway e dagli agenti installati sui server terminal, VDI e PC. Almeno un server deve essere dedicato ad un sito dove saranno installati l'agente di pubblicazione master e il gateway. Il primo sito predefinito aggiunto al farm 2X ApplicationServer XG è il Server Licenze, dove è archiviato il principale database di configurazione di 2X ApplicationServer XG. Tutti gli altri siti aggiunti nel farm avranno una copia sincronizzata del database di configurazione e quando ad un sito vengono applicate modifiche, il database del Server Licenze viene aggiornato. I siti possono essere gestiti dal nodo Farm nell'albero di spostamento, disponibile nella categoria Farm. 12

22 Configurare siti in 2X ApplicationServer XG Nota: Il nodo Farm è disponibile solo per gli amministratori che hanno autorizzazioni complete sul farm. Per maggiori informazioni su amministratori e autorizzazioni consultare la sezione Amministratori a pagina 18. Aggiungere un nuovo sito al farm Per aggiungere un sito al farm 2X ApplicationServer XG seguire la procedura seguente: 1. Fare clic sul nodo Farm nell'albero di spostamento e fare clic sul pulsante Verde Più per lanciare la procedura guidata di Aggiunta sito. In alternativa si può selezionare l'opzione Aggiungi nel menu a discesa Attività. 2. Nel primo passo della procedura guidata, nella casella Sito indicare un nome di sito e nella casella Server indicare IP o FQDN del server dove verranno installati l'agente di pubblicazione master e il gateway. 13

23 Primo passo della procedura guidata per aggiungere un nuovo sito 3. Nel secondo passo della procedura guidata 2X ApplicationServer XG controlla se 2X Publishing Agent è installato sul server del sito. Se non lo è, fare clic su Installa per procedere con l'installazione remota. Secondo passo della procedura guidata per aggiungere un nuovo sito - verificare agente di pubblicazione 4. Nel dialogo Installazione in corso di 2X Publishing Agent evidenziare il nome del server su cui sta per essere installato 2X Publishing Agent, come illustrato nello screenshot qui sotto. 5. (Opzione) Spuntare l'opzione "Ignora credenziali di sistema" per indicare ed usare credenziali diverse per connettersi al server e installare 2X Agent. 14

24 Finestra di dialogo per l'installazione di 2X Publishing Agent 6. Fare clic su Installa per installare l'agente di pubblicazione e il gateway, poi fare clic su Fine quando l'installazione è riuscita. 7. Nell'ultimo passo della procedura guidata per aggiungere un sito fare clic su OK. Accesso alla configurazione del sito Quando un nuovo sito è stato creato, si può accedere alla sua configurazione eseguendo 2X ApplicationServer XG Console sul server del sito o passando alla sua configurazione da 2X ApplicationServer XG Console, come spiegato nella sezione seguente Passaggio tra configurazioni di siti. Nota: Quando si esegue 2X ApplicationServer XG Console, si sarà sempre connessi al database del server licenze, anche se si esegue da un server di sito. Dopo aver applicato le modifiche, le modifiche della configurazione vengono replicate dal server licenze ai server del sito. Passare tra configurazioni di siti Dalla console di 2X ApplicationServer XG si può solo visualizzare la configurazione di un sito alla volta. Se si accede come amministratore di farm, verrà caricata la configurazione del server licenze. Se si accede come amministratore che ha accesso ad un sito specifico, verrà caricata la configurazione di quel sito. Per passare tra la configurazione di diversi siti da 2X ApplicationServer XG Console seguire la procedura seguente: 1. Aprire la categoria Farm e fare clic sul nodo Farm dall'albero di spostamento per accedere all'elenco di siti nel farm. 15

25 2. Evidenziare il sito che si desidera configurare e nel menu a discesa Attività selezionare Passa a questo sito. In alternativa si può usare la barra in alto e selezionare il sito a cui si vuole passare nel menu a discesa Sito. Gestire più siti da un nodo farm Gestione di siti I siti possono essere gestiti dal nodo Farm nell'albero di spostamento, disponibile nella categoria Farm. Da questa sezione è possibile cambiare il nome del farm e anche aggiungere o cancellare siti. Replicare le impostazioni del sito a tutti i siti Qualsiasi impostazione dipendente da un sito si può replicare a tutti gli altri siti. Consultare la tabella sottostante per informazioni più specifiche sulle impostazioni che si possono replicare ad altri siti. Categoria Sezione Opzioni Farm VDI Host, Guest permanenti Timeout rimozione automatica Farm Impostazioni, Controllo Tutte le impostazioni Farm Impostazioni, Registrazione Impostazioni globale registrazione Farm Reindirizzamento URL Tutte le impostazioni Bilanciamento del Bilanciamento del carico Tutte le impostazioni carico Pubblicazione Avanzato, Collegamenti Tutte le impostazioni Pubblicazione Avanzato, Estensioni Tutte le impostazioni Pubblicazione Avanzato, Licenze Tutte le impostazioni 16

26 Pubblicazione Avanzato, Visualizzazione Tutte le impostazioni Pubblicazione Filtro, Utente Tutte le impostazioni Pubblicazione Filtro, Client Tutte le impostazioni Pubblicazione Filtro, Indirizzo IP Tutte le impostazioni Pubblicazione Filtro, MAC Tutte le impostazioni Universal Printing Universal Printing Ridenominazione stampante Universal Printing Gestione caratteri Tutte le impostazioni Universal scanning Applicazioni di scanning Tutte le impostazioni Connessione Autenticazione Tutte le impostazioni Connessione Autenticazione di secondo Tutte le impostazioni livello Connessione Dispositivi consentiti Tutte le impostazioni Reporting Reporting motore Reporting tipo motore Reporting Impostazioni specifiche motore Tutte le impostazioni Per replicare un'impostazione specifica a tutti gli altri siti, spuntare l'opzione Replica impostazioni evidenziata nello screenshot qui sotto. Abilitare la replica di modifiche della configurazione a tutti gli altri siti Ignorare impostazioni replicate del sito Se un amministratore, che ha autorizzazioni per abilitare o disabilitare le impostazioni di replica, cambia una certa impostazione, tale impostazione viene replicata a tutti gli altri siti. Se un amministratore, che ha accesso solo ad un particolare sito, modifica impostazioni del sito che sono state replicate, le impostazioni replicate vengono ignorate e l'opzione Replica 17

27 impostazioni viene spenta automaticamente, quindi tali impostazioni non verranno più replicate ad altri siti. Impostare un sito come server licenze Se il server licenze non funziona o se si desidera impostare un sito diverso come server licenze, fare clic sul nome del sito dal nodo Farm nell'albero di spostamento e dal menu a discesa Attività selezionare Imposta sito come server licenze. Amministratori Introduzione È possibile avere diversi amministratori per 2X ApplicationServer XG, i quali possono gestire e configurare il farm e i siti nel farm. Le autorizzazioni possono anche essere configurate per limitare l'accesso a specifiche categorie e siti. Se 2X ApplicationServer XG è installato in un ambiente Active Directory, qualsiasi utente in possesso di privilegi elevati e accesso di scrittura alla directory d'installazione può essere configurato come un amministratore di 2X ApplicationServer XG. Se 2X ApplicationServer XG è installato su un computer autonomo, qualsiasi utente in possesso di privilegi elevati e accesso di scrittura alla directory d'installazione può essere configurato come un amministratore di 2X ApplicationServer XG. Gestire amministratori dalla categoria Amministrazione 18

28 Amministratore predefinito di 2X ApplicationServer XG L'utente indicato al primo accesso a 2X ApplicationServer XG Console avrà automaticamente autorizzazioni complete e potrà eseguire qualsiasi attività nel farm. Nel farm dovrebbe esserci sempre almeno un amministratore abilitato con autorizzazioni complete. Aggiungere un account amministratore Per aggiungere un account amministratore a 2X ApplicationServer XG seguire la procedura seguente: 1. Accedere alla categoria Amministrazione e fare clic sulla scheda Amministrazione. 2. Nel menu a discesa Attività selezionare Aggiungi. 3. Nella finestra di dialogo Proprietà dell'amministratore indicare un nome utente nel campo Nome utente o fare clic sul pulsante cerca per selezionare un utente dalla Active Directory o dal computer locale. Configurare un nuovo amministratore 2X ApplicationServer XG 4. Indicare un indirizzo nel campo d'immissione Come impostazione predefinita al nuovo account di amministratore vengono assegnate autorizzazioni complete. Per modificare le autorizzazioni fare clic su Cambia autorizzazioni. Per maggiori informazioni su amministratori e autorizzazioni consultare la sezione Configurazione di autorizzazioni per account di amministratori più avanti. 6. Dal menu a discesa Riceve notifiche del sistema tramite selezionare , di modo che tutte le notifiche del sistema vengano inviate all'indirizzo indicato. Selezionare Nessuno per disabilitare le notifiche del sistema tramite all'account in questione. 7. Fare clic su OK per aggiungere il nuovo account di amministratore. Configurare autorizzazioni per account di amministratore Le autorizzazioni degli amministratori si possono configurare quando si crea un nuovo account amministratore o nelle Proprietà di un account esistente. Le autorizzazioni si possono assegnare per categoria (ad es. Farm, Pubblicazione, Universal Printing, ecc.) ed anche per sito, come si vede nello screenshot qui sotto. 19

29 Configurare autorizzazioni per amministratore di 2X ApplicationServer XG Un account con Autorizzazioni complete può modificare tutte le categorie, siti e impostazioni globali nel farm. Esempio di autorizzazioni Per consentire ad un amministratore di gestire e configurare pubblicazioni e oggetti pubblicati sul sito 2, disabilitare tutte le autorizzazioni eccetto l'opzione Consente modifiche di pubblicazione e spuntare il sito 2 come si vede nello screenshot qui sotto. Gestire account amministratore Nella scheda Amministrazione della categoria Amministrazione si possono aggiungere nuovi account di amministratore e modificare o cancellare quelli esistenti. Inviare messaggi console tra account di amministratori Se diversi amministratori sono connessi alla 2X ApplicationServer XG Console, essi possono inviarsi dei messaggi. Per inviare un messaggio ad un altro amministratore registrato, fare clic sulla freccia accanto al proprio nome di account (nell'angolo in alto a destra) nella 2X ApplicationServer XG Console e selezionare Invia messaggio nel menu a discesa. Nota: lo stesso amministratore può essere connesso a più di una sessione. Nella finestra di dialogo Sessioni evidenziare l'account e fare clic su Invia messaggio. 20

30 La finestra di dialogo Sessioni elenca tutti gli amministratori attualmente connessi Nota: I messaggi tra amministratori non vengono archiviati o registrati. Disconnettere altri amministratori Quando un amministratore ha accesso ad una categoria, ad esempio Universal Printing, questa sarà bloccata per tutti gli altri amministratori. Quindi quando prova ad accedere ad una categoria bloccata da un altro amministratore, l'amministratore verrà avvisato con un errore che l'oggetto è bloccato. Avviso generato quando una categoria è bloccata da un altro amministratore Per disconnettere un amministratore che blocca una categoria, navigare alla categoria Amministratore e dalla scheda Amministratore fare clic sul menu a discesa Attività e selezionare Mostra sessioni. Dalla finestra di dialogo Sessioni si possono inviare messaggi ad altri amministratori o disconnetterli dalla loro sessione nella 2X ApplicationServer XG Console. 21

31 Server terminal Introduzione Per riuscire a pubblicare applicazioni e desktop per gli utenti tramite 2X ApplicationServer XG, si deve prima aggiungere un server al farm. Questo capitolo spiega come aggiungere e gestire un server terminal nel farm. Aggiungere un server terminal Requisiti: Per aggiungere un server terminal al farm deve essere installato Servizi desktop remoto. Seguire la procedura qui sotto per aggiungere un server terminal al farm: 1. Lanciare 2X ApplicationServer Console, selezionare la categoria Farm e fare clic su Server terminal dall'albero di spostamento. 2. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per lanciare la procedura guidata di impostazione e quando richiesto indicare l'indirizzo IP o FQDN del server e fare clic su Avanti. 3. In questo passo 2X ApplicationServer XG controlla se 2X Agent è installato sul server terminal. Se è installato, procedere con il punto 7 di questa procedura. Se non lo è, fare clic su Installa per procedere con l'installazione remota di 2X Agent. 4. Nel dialogo Installazione in corso di 2X Terminal Server Agent evidenziare il nome del server su cui sta per essere installato 2X Agent. 5. (Opzione) Spuntare l'opzione "Ignora credenziali di sistema" per indicare ed usare credenziali diverse per connettersi al server e installare 2X Agent, come illustrato nello screenshot qui sotto. 22

32 Indicare credenziali diverse per installare 2X Terminal Server Agent 6. Fare clic su Installa per installare l'agente e poi fare clic su Fine quando l'installazione è riuscita. Se l'installazione automatica di 2X Agent non riesce, consultare la sezione seguente Installazione manuale di 2X Terminal Server Agent. 7. Fare clic su Aggiungi per aggiungere il server terminal al farm di 2X ApplicationServer XG. Consiglio: Usare l'opzione Trova del menu a discesa Attività per trovare server terminal esistenti nel proprio dominio Active Directory. Installazione manuale di 2X Terminal Server Agent Requisiti del sistema per 2X Terminal Server Agent Server Windows 2003 SP1 o server 2008 o Advanced Server con servizi desktop remoto abilitati. Si applicano gli stessi requisiti di hardware indicati da Microsoft quando si implementa un ambiente di servizi desktop remoto. Installazione manuale di 2X Terminal Server Agent 1. Connettersi al server su cui va installato 2X Terminal Server Agent usando un account amministratore e chiudere tutte le altre applicazioni. 2. Copiare il file d'installazione di 2X ApplicationServer (2XAppServer.msi) sul server e fare doppio clic su questo file per lanciare l'installazione. 3. Quando richiesto, fare clic su Avanti e accettare il Contratto di licenza con l'utente finale. 4. Indicare il percorso per installare 2X Agent e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Personalizzato e fare clic su Avanti. 23

33 6. Fare clic su 2X Terminal Server Agent e selezionare Intera funzionalità viene installata su disco rigido locale nel menu a discesa, come illustrato nello screenshot qui sotto. Installazione manuale di un Terminal Server Agent 7. Assicurarsi che tutti gli altri componenti siano deselezionati e fare clic su Avanti. 8. Fare clic su Installa per avviare l'installazione e fare clic su Fine quando l'installazione è terminata. Nota: 2X Agent non richiede nessuna configurazione. Quando 2X Agent è installato, evidenziare il nome del server sulla 2X ApplicationServer Console e fare clic su Controlla agente. Se l'agente è installato correttamente, lo stato deve cambiare in Agente installato come illustrato nello screenshot qui sotto. Configurazione di un server terminal Per accedere alle proprietà di un server terminal, evidenziare il server nell'albero di spostamento sulla 2X ApplicationServer Console e selezionare Proprietà nel menu a discesa Attività. Tutte le opzioni di configurazione qui sotto si possono configurare dal Proprietà server. Abilitare o disabilitare un server terminal Come impostazione predefinita, un server è abilitato nel farm. Quando è disabilitato, applicazioni pubblicate e desktop virtuali non possono essere serviti da tale server. Per disabilitare un server dal farm togliere il segno di spunta all'opzione Attiva server nella farm nella scheda Proprietà nelle Proprietà server. Rimettere qualsiasi spunta (abilitare) per abilitare di nuovo il server nel farm. 24

34 Scheda Proprietà in Proprietà server Configurazione del nome del server e del numero massimo di sessioni Nella scheda Proprietà illustrata nello screenshot qui sopra si può anche configurare il nome del server, il numero massimo di sessioni ammesse per connettersi al server contemporaneamente e la descrizione del server. Configurazione di 2X Terminal Server Agent sul server Ogni server terminal nel farm ha un 2X Agent installato per fornire una connessione tra 2X ApplicationServer XG e il server terminal. L'agente si può configurare nella scheda Impostazioni agente nelle proprietà del server. 25

35 Configurazione dell'agente del server terminal nella scheda Impostazioni agente nelle Proprietà server Configurazione della porta di connessione del desktop remoto Indicare un numero di porta diverso per il desktop remoto nel campo d'immissione Porta se sul server è configurata una porta non predefinita. Cambiare l'indirizzo diretto Questo indirizzo si usa solo in modalità di connessione diretta e può essere un indirizzo IP interno o esterno. Per cambiare l'indirizzo diretto di un server spuntare l'opzione Cambia indirizzo diretto e indicare il nuovo indirizzo nel campo d'immissione Indirizzo diretto. Cambiare il timeout di sessione Per cambiare la durata della connessione di ciascuna sessione sullo sfondo dopo che l'utente ha chiuso l'applicazione pubblicata, indicare un nuovo valore nel campo d'immissione Timeout sessione pubblicazione. Questa opzione si usa per evitare riconnessioni inutili con il server. Configurazione del reindirizzamento URL e mail / restrizione accesso Per consentire l'apertura di link http e mailto usando un'applicazione locale sul computer client piuttosto che con le risorse del server, abilitare l'opzione Consenti reindirizzamento URL/ client. Per configurare un elenco di URL che non vanno reindirizzati, navigare fino alla scheda Reindirizzamento URL nel nodo Impostazioni di un sito. Consentire a 2XRemoteExec di inviare comandi a client Abilitare questa opzione per consentire a un processo che viene eseguito sul server di istruire il client per implementare un'applicazione sul lato client. Per maggiori informazioni su 2XRemoteExec consultare il seguente post di blog; 26

36 Configurazione della registrazione di 2X Terminal Server Agent Per abilitare o disabilitare la registrazione dell'agente del server terminal 2X usare il menu a discesa Registrazione. Questa registrazione va abilitata solo su istruzioni del team di supporto 2X. Configurazione della stampa RDP per il server terminal La scheda Stampante RDP consente di configurare il formato per rinominare le stampanti reindirizzate. Il formato può variare a seconda della versione e della lingua del server in uso. Configurazione delle stampanti RDP dalla scheda Stampante RDP nelle Proprietà server Impostare il formato del nome della stampante RDP specificamente per il server configurato scegliendo una delle seguenti opzioni del menu a discesa Formato nome stampante RDP: Nomestampante (da nomecomputer) nel n. sessione N. sessione (nomecomputer da) nome stampante Nomestampante (n. sessione reindirizzata) Le altre opzioni di stampa RDP disponibili nella scheda Stampante RDP sono: Rimuovi numero sessione da nome stampante Rimuovi nome client da nome stampante 27

37 Configurazione della finestra di pianificazione della manutenzione del server terminal Dalla scheda Unità di pianificazione nelle proprietà del server si può creare e configurare una finestra di pianificazione della manutenzione per il server. Con la finestra di manutenzione aperta le risorse pubblicate non saranno disponibili da quel server. Le sessioni attualmente attive si possono lasciare in esecuzione, scollegate o persino ripristinate. Configurazione della finestra di pianificazione della manutenzione nella scheda Unità di pianificazione delle Proprietà server Per configurare una finestra di pianificazione della manutenzione fare clic sul pulsante Aggiungi per configurare: Avvia Ora Durata Ripeti: con questa opzione si configura l'intervallo di ripetizione della finestra di pianificazione della manutenzione, ad esempio ogni settimana, mese, ecc. 28

38 Configurazione di una nuova finestra di pianificazione della manutenzione Una volta configurata la pianificazione della finestra di manutenzione, usare il menu a discesa Alla disattivazione, in basso sulla scheda Unità di pianificazione, per indicare cosa succede quando il server è stato disabilitato per via della manutenzione. Raggruppare server terminal I gruppi di server terminal si possono usare per indicare da quale gruppo di server va pubblicata una risorsa pubblicata nella procedura guidata. Si raccomanda caldamente di usare i gruppi in un ambiente multiserver, allo scopo di facilitare la gestione degli elementi di pubblicazione. Fare clic sulla scheda Gruppi nella sezione Server terminal per creare e gestire gruppi di server terminal. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per creare un nuovo gruppo di server terminal o su Proprietà per modificare un gruppo di server terminal esistente o su Elimina per cancellare il gruppo di server terminal evidenziato. Configurazione di un nuovo gruppo di server terminal Pubblicazione di un desktop da un server terminal Per pubblicare un desktop da un server terminal seguire la procedura qui sotto: 1. Selezionare la categoria Pubblicazione e fare clic sull'icona Desktop nella barra di navigazione in alto per lanciare la procedura guidata per la pubblicazione del desktop. 29

39 2. Selezionare Desktop server terminal nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo della procedura guidata indicare da quale server terminal va pubblicato il desktop. Si può indicare di pubblicare il desktop da Tutti i server in sito, Gruppi di server o da un certo numero di Singoli server, come si vede nello screenshot qui sotto. Selezione di server terminal da cui pubblicare un desktop 4. Nel terzo passo della procedura guidata indicare un Nome e una Descrizione nella sezione Desktop. Da questa sezione è possibile anche configurare un'icona diversa facendo clic sul pulsante Cambia icona. Spuntare l'opzione Connetti a console, di modo che gli utenti che si connettono ai desktop pubblicati si connettano alla console del server terminal piuttosto che ad una sessione di desktop virtuale. 5. Nella sezione Dimensioni desktop si può indicare anche la risoluzione del desktop. 30

40 Configurazione di un desktop che va pubblicato da un server terminal 6. Fare clic su Fine per pubblicare il desktop. Pubblicazione di un'applicazione da un server terminal Per pubblicare un'applicazione da un server terminal seguire la procedura qui sotto: 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Applicazione nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare Terminal Server nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo della procedura guidata selezionare il tipo di applicazione da pubblicare. Le opzioni sono: a. Applicazione singola: Scegliere questa opzione per configurare completamente da solo le impostazioni dell'applicazione, ad es. il percorso eseguibile, ecc. b. Applicazioni installate: Scegliere questa opzione per pubblicare un'applicazione che è già installata sul server, per cui tutte le impostazioni dell'applicazione, sono configurate automaticamente. c. Applicazioni predefinite: Scegliere questa opzione per pubblicare un'applicazione Windows usata comunemente, come Windows Explorer. 31

41 Selezione di un tipo di applicazione dalla procedura guidata Pubblica un'applicazione 4. Nel terzo passo della procedura guidata indicare da quale server terminal va pubblicata l'applicazione. Si può indicare di pubblicare l'applicazione da Tutti i server in farm, Gruppi di server o da un certo numero di Singoli server. 5. Se si è selezionato Applicazioni installate o Applicazioni predefinite nel quarto passo della procedura guidata, si deve selezionare l'applicazione da pubblicare spuntando il nome dell'applicazione e facendo clic su Fine per pubblicare l'applicazione. Se si è selezionato Applicazione singola, si deve configurare l'applicazione come spiegato nella procedura seguente: Configurazione di un'applicazione singola Nota: Navigando verso un'applicazione con il pulsante Cerca accanto al campo d'immissione Destinazione, tutte le voci verranno inserite automaticamente. Altrimenti seguire la procedura qui sotto per compilare manualmente tutti i campi. 6. Immettere un Nome e una Descrizione nella sezione Applicazione e nel menu a discesa Esegui indicare se l'applicazione va eseguita in una finestra normale, ingrandita o rimpicciolita. 7. (Opzionale) Si può cambiare l'icona per l'applicazione pubblicata facendo clic sul pulsante Cambia icona. 8. Indicare il percorso in cui l'applicazione eseguibile è nel campo d'immissione Destinazione facendo clic sul pulsante Cerca e navigare verso l'eseguibile. Usare le variabili di ambiente Windows se si indica il percorso manualmente. 32

42 9. Il campo d'immissione Inizia in viene compilato automaticamente. Per indicare una cartella diversa dalla quale lanciare l'applicazione, fare clic sul pulsante Cerca. Una cartella diversa può venir indicata se ad esempio l'applicazione deve usare file da un altro percorso per l'esecuzione. In tal caso indicare il percorso di tale cartella di modo che l'applicazione pubblicata sia in grado di trovarla quando viene lanciata. 10. (Opzionale) Nel campo d'immissione Parametri si possono indicare i parametri che devono essere passati all'applicazione quando viene lanciata. Configurazione di una nuova applicazione che va pubblicata da un server terminal Nota: Usare il menu a discesa Server per indicare impostazioni diverse dell'applicazione per un server specifico, nel caso in cui l'applicazione sia installata in un percorso diverso di quel particolare server. 11. Una volta che l'applicazione è configurata, fare clic su Fine per pubblicare l'applicazione. Pubblicazione di un documento da un server terminal Per pubblicare un documento da un server terminal seguire la procedura qui sotto: 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Documento nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare Terminal Server nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 33

43 3. Nel secondo passo indicare il tipo di contenuto del documento che si vuole pubblicare. Si può selezionare il tipo di contenuto dall'elenco predefinito o indicare un tipo di contenuto personalizzato dal campo d'immissione Tipi di contenuto personalizzati. Fare clic su Avanti quando si conclude. Configurazione di un tipo di contenuto per il documento 4. Nel terzo passo della procedura guidata indicare da quale server terminal va pubblicato il documento. Si può indicare di pubblicare il documento da Tutti i server in farm, Gruppi di server o da un certo numero di Singoli server. 5. Nel quarto passo della procedura guidata usare il pulsante Cerca accanto al campo d'immissione Destinazione per cercare il documento. Tutti gli altri campi vengono compilati automaticamente. Per modificare i campi compilati automaticamente, evidenziarli e immettere i dettagli richiesti. 6. (Opzionale) Nel campo d'immissione Parametri si possono indicare i parametri che devono essere passati all'applicazione che esegue il documento quando viene avviata. 34

44 Configurazione del documento che va pubblicato da un server terminal Nota: Usare il menu a discesa Server per indicare impostazioni diverse del documento per un server specifico, nel caso in cui il documento sia configurato in modo diverso su quel particolare server. 7. Quando si è terminato, fare clic su Avanti e configurare le opzioni di filtro. Per maggiori informazioni sulle opzioni di filtro consultare la sezione Filtro a pagina Fare clic su Fine per pubblicare il documento. 35

45 VDI Host Introduzione Un VDI Host (computer host) viene definito come il computer sul quale un hypervisor esegue uno o più computer virtuali. Ogni computer virtuale viene chiamato computer guest. L'hypervisor fornisce ai sistemi operativi guest una piattaforma operativa virtuale e gestisce l'esecuzione dei sistemi operativi guest. Diverse istanze di vari sistemi operativi possono condividere le risorse di hardware virtualizzate. Aggiungendo VDI Host a 2X Application Server si possono gestire i computer virtuali su VDI Host, creare cloni guest e pubblicare desktop e applicazioni virtuali da guest virtuali. Aggiungere un VDI Host Per un elenco completo dei VDI Host supportati, consultare l'elenco online degli hypervisor autorizzati; Per aggiungere un VDI Host al farm seguire la procedura seguente: 1. Lanciare 2X ApplicationServer Console, fare clic sulla categoria Farm e poi fare clic sul nodo VDI Host del sito dove si vuole aggiungere l'hypervisor. 2. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per lanciare la procedura guidata di impostazione e quando richiesto indicare il tipo di VDI nel menu a discesa Tipo VDI. Aggiunta di un VDI Host 3. Indicare l'indirizzo IP o FQDN del VDI Host e fare clic su Avanti (Consultare la nota qui sotto per maggiori informazioni sulla configurazione di VDI Agent per alcuni hypervisor). 36

46 4. In questo passo 2X ApplicationServer XG controlla se 2X VDI Agent è installato sul VDI Host. Se è installato, procedere con il punto 8 di questa procedura. Se non lo è, fare clic su Installa per procedere con l'installazione remota di 2X Agent. 5. Nel dialogo Installazione in corso di 2X Host Agent evidenziare il nome del server su cui sta per essere installato 2X Agent. 6. (Opzione) Spuntare l'opzione "Ignora credenziali di sistema" per indicare ed usare credenziali diverse per connettersi al server e installare 2X Agent. 7. Fare clic su Installa per installare l'agente e poi fare clic su Fine quando l'installazione è riuscita. Se l'installazione automatica di 2X Agent non riesce, consultare la sezione seguente Installazione manuale di 2X VDI Agent. 8. Fare clic su Aggiungi per aggiungere il VDI Host al farm server di 2X ApplicationServer. Nota: Per aggiungere alcuni degli hypervisor supportati si devono seguire diversi punti e procedure, ad es. l'installazione dell'accessorio 2X VDI Agent sul server dell'hypervisor. Prima di aggiungere un server hypervisor al farm, consultare i manuali dell'hypervisor disponibili nella pagina dei documenti 2X; Tutti i manuali degli hypervisor sono disponibili alla sezione Hypervisor VDI supportati. Installazione manuale di 2X VDI Agent Requisiti del sistema per 2X VDI Agent Windows XP, Windows Vista, Windows 2000 Server, Windows 2003 Server o Windows 2008 Server o Advanced Server. Si applicano gli stessi requisiti di hardware indicati dal software di virtualizzazione. Una delle tecnologie di software di virtualizzazione supportate: o Se si prevede di usare VMware on Windows, assicurarsi che sia installato VMware VmCOM Scripting API. Il seguente errore verrà visualizzato se VmCOM Scripting API non viene rilevato: "VMware VmCom Scripting API non è installato sull'host. Si prega di installare questo componente client dal programma d'installazione VMware." o Se si prevede di usare VMware v1.* su Linux, assicurarsi che sia installato VMware VIX API per Linux. Il seguente errore verrà visualizzato se VIX API per Linux non viene rilevato: "VMware VIX API per Linux non è installato su questo host. Si prega di scaricare questo componente da o Se si prevede di usare Virtual Iron, assicurarsi di installare Java Runtime Environment sullo stesso computer dove è installato 2X VDI Agent. Installazione manuale di 2X VDI Agent 1. Connettersi al server su cui va installato 2X VDI Agent usando un account amministratore e chiudere tutte le altre applicazioni. 2. Copiare il file d'installazione di 2X ApplicationServer (2XAppServer.msi) sul server e fare doppio clic su questo file per lanciare l'installazione. 3. Quando richiesto, fare clic su Avanti e accettare il Contratto di licenza con l'utente finale. 4. Indicare il percorso per installare 2X Agent e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Personalizzato e fare clic su Avanti. 6. Fare clic su 2X VDI Agent e selezionare Intera funzionalità viene installata su disco rigido locale nel menu a discesa, come illustrato nello screenshot qui sotto. 37

47 Installazione manuale di un VDI Agent 7. Assicurarsi che tutti gli altri componenti siano deselezionati e fare clic su Avanti. 8. Fare clic su Installa per avviare l'installazione e fare clic su Fine quando l'installazione è terminata. Nota: 2X Agent non richiede nessuna configurazione. Quando 2X Agent è installato, evidenziare il nome del server sulla 2X ApplicationServer Console e fare clic su Controlla agente. Se l'agente è installato correttamente, lo stato deve cambiare in Agente installato come illustrato nello screenshot qui sotto. Installare un accessorio Introduzione Per alcuni hypervisor come server VMWare ESXi, si deve configurare ed eseguire un accessorio invece dell'agente 2X. Un accessorio è un computer virtuale preconfigurato (compreso il sistema operativo e altre impostazioni rilevanti) che si può aggiungere all'elenco di computer virtuali che funzionano sull'hypervisor affinché operi come 2X Agent. Installare l'accessorio Per installare un accessorio su un hypervisor consultare la documentazione dell'hypervisor che si trova nella pagina della documentazione 2X; Configurazione di un VDI Host Per accedere alle proprietà di VDI Host, evidenziare il server nell'albero di spostamento sulla 2X ApplicationServer Console e selezionare Proprietà nel menu a discesa Attività. Tutte le opzioni di configurazione qui sotto si possono configurare dal Proprietà server. 38

48 Nota: Alcune delle impostazioni citate qui sotto possono non essere disponibili per alcuni server. Questo dipende dal tipo di server hypervisor usato. Abilitare o disabilitare un server VDI nel farm Come impostazione predefinita, un VDI Host è abilitato nel farm. Quando è disabilitato, applicazioni pubblicate e desktop virtuali non possono essere serviti da tale server. Per disabilitare un server dal farm togliere il segno di spunta all'opzione Attiva server nella farm nella scheda Proprietà nelle Proprietà server. Rimettere qualsiasi spunta (abilitare) per abilitare di nuovo il server nel farm. Configurazione delle impostazioni di connessione di VDI Host Nella scheda Proprietà in Proprietà server si possono configurare tutte le impostazioni qui sotto: Tipo VDI Versione VDI VDI Host indirizzo IP FQDN Porta VDI Indirizzo IP VDI Agent (se l'agente viene eseguito su un accessorio) Nome utente e Password nel caso in cui il server richieda credenziali diverse Configurazione delle proprietà e delle impostazioni di connessione di un VDI Host 39

49 Configurazione di 2X VDI Agent sul server Ogni server VDI Host nel farm ha un 2X Agent installato (o eseguito come accessorio) per fornire una connessione tra 2X ApplicationServer XG e il VDI Host. L'agente si può configurare nella scheda Impostazioni agente nelle proprietà del server. Configurazione di VDI Agent nella scheda Impostazioni agente nelle Proprietà VDI Host Cambiare l'indirizzo diretto Questo indirizzo si usa solo in modalità di connessione diretta e può essere un IP interno o esterno. Per cambiare l'indirizzo diretto di un PC remoto spuntare l'opzione Cambia indirizzo diretto e indicare il nuovo indirizzo nel campo d'immissione Indirizzo diretto. Cambiare il numero massimo di connessioni a VDI Host Si può cambiare il numero massimo di connessioni che si possono avere con VDI Host nel campo d'immissione N. max connessioni. Fare clic sul pulsante Predef per ripristinare il valore sul valore predefinito configurato. Cambiare il timeout di sessione Per cambiare la durata della connessione di ciascuna sessione sullo sfondo dopo che l'utente ha chiuso l'applicazione pubblicata, indicare un nuovo valore nel campo d'immissione Timeout sessione pubblicazione. Questa opzione si usa per evitare riconnessioni inutili con i guest. Configurazione del reindirizzamento URL e mail / restrizione accesso Per consentire l'apertura di link http e mailto usando un'applicazione locale sul computer client piuttosto che con le risorse del server, abilitare l'opzione Consenti reindirizzamento URL/ client. 40

50 Configurazione della registrazione di 2X VDI Agent Per abilitare o disabilitare la registrazione di 2X VDI Agent usare il menu a discesa Registrazione. Questa registrazione va abilitata solo su istruzioni del team di supporto 2X. Configurazione della stampa RDP per VDI Host La scheda Stampante RDP consente di configurare il formato per rinominare le stampanti reindirizzate. Il formato può variare a seconda della versione e della lingua del server in uso Impostare il formato del nome della stampante RDP specificamente per il server configurato scegliendo una delle seguenti opzioni del menu a discesa Formato nome stampante RDP: Nomestampante (da nomecomputer) nel n. sessione N. sessione (nomecomputer da) nome stampante Nomestampante (n. sessione reindirizzata) Le altre opzioni di stampa RDP disponibili nella scheda Stampante RDP sono: Rimuovi numero sessione da nome stampante Rimuovi nome client da nome stampante Configurazione delle stampanti RDP per VDI Host Configurazione della finestra di pianificazione della manutenzione per VDI Host Dalla scheda Unità di pianificazione nelle proprietà di VDI Host si può creare e configurare una finestra di pianificazione della manutenzione per il server. Con la finestra di manutenzione aperta le risorse pubblicate non saranno disponibili da quel server. Per configurare una finestra di pianificazione della manutenzione fare clic sul pulsante Aggiungi per configurare: 41

51 Avvia Ora Durata Ripeti: con questa opzione si configura l'intervallo di ripetizione della finestra di pianificazione della manutenzione, ad esempio ogni settimana, mese, ecc. Una volta configurata la pianificazione della finestra di manutenzione, usare il menu a discesa Alla disattivazione per indicare cosa succede quando il server è stato disabilitato per via della manutenzione. Configurazione e gestione dei pool Introduzione I pool offrono agli amministratori più flessibilità quando gestiscono un gran numero di guest, specialmente quando sono implementati in grandi infrastrutture aziendali. 2X ApplicationServer XG Console fornisce il framework e gli strumenti necessari a creare e modificare una fondazione completa di gestione pool. I pool si possono gestire dalla scheda Gestione pool nel nodo VDI Host sulla 2X ApplicationServer Console, come si vede sullo screenshot qui sotto. Gestione dei pool per VDI Host 42

52 Aggiungere e eliminare pool Aggiungere un pool Per aggiungere un pool fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività della colonna Pool e indicare un nome. Eliminare un pool Per eliminare un pool fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività della colonna Pool e indicare un nome. Gestione di membri di un pool Aggiungere membri a un pool Per aggiungere membri a un pool, andare alla scheda Gestione pool, evidenziare il nome del pool e fare clic su Aggiungi. Si possono aggiungere i seguenti elementi: Tutti i guest nel sito: Tutti i guest su tutti i VDI host che si trovano in questo sito. Tutti i guest nell'host: Tutti i guest che si trovano su un particolare VDI host. Guest: Un unico guest che si trova nel farm. Pool nativi: Gruppo di guest che sono stati precedentemente configurati come pool dallo strumento di gestione hypervisor. Nota: gli hypervisor possono usare una terminologia diversa da pool (ad es. pool di risorse) Pool: Aggiungere un pool già esistente e configurato a 2X ApplicationServer XG (annidamento pool) 2X Template: Guest che vengono automaticamente creati da un 2X Template. Per maggiori informazioni su 2X Templates consultare la sezione Configurazione e gestione di 2X Templates per cloni di guest a pagina 45. Dopo aver selezionato il tipo di membro da aggiungere a un Pool, viene fornito l'elenco dei pool o guest disponibili. Evidenziare il nome del membro che si vuole aggiungere al pool e fare clic su OK. Cancellare un membro da un pool Per cancellare un membro da un pool evidenziare il nome del Pool, fare clic sul membro del pool e poi fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. Configurazione di guest virtuali in un pool Si possono configurare tutti i guest virtuali in un VDI host o in un Pool. Per configurare un guest virtuale da un Pool, evidenziare il nome del Pool e nel menu a discesa Attività della colonna Pool selezionare Mostra guest in un pool. Nella finestra di dialogo Elenco guest virtuali evidenziare il nome del guest virtuale e fare clic su Proprietà. 43

53 Configurazione di guest virtuali in un pool Nella finestra di dialogo Impostazioni avanzate guest illustrata nello screenshot qui sopra si possono configurare le seguenti impostazioni: Abilitare la casella di controllo Non usare questo guest, così il sistema ignora questo specifico guest virtuale. Indicare nel campo Nome computer un nome di computer per impostare il nome della rete (nome del dominio / indirizzo IP) del computer che il sistema userà per connettersi al guest virtuale. Indicare nel campo Porta un numero di porta che il sistema userà per connettersi al guest virtuale. Nel campo Timeout connessione impostare un limite di tempo di attesa per 2X ApplicationServer XG quando si connette prima che scada il tempo della connessione. Selezionare dal menu a discesa Protocollo il protocollo che 2X ApplicationServer XG usa per comunicare con il guest virtuale. Indicare cosa succede al guest virtuale, se un utente si disconnette da una sessione, selezionando un'opzione dal menu a discesa Se la sessione si disconnette. Nel campo d'immissione dopo si può anche indicare la quantità di tempo che deve passare prima che l'azione selezionata venga eseguita. Nel menu a discesa Termina sessione disconnessa si può anche indicare di terminare o meno una sessione disconnessa. Nello stesso menu a discesa si può indicare anche la quantità di tempo che deve passare prima che una sessione disconnessa sia terminata. Nota: L'utente può riconnettersi ad una sessione precedente se la sessione è ancora disponibile. Configurazione di impostazioni predefinite per guest virtuali Nella finestra di dialogo Elenco guest virtuali fare clic sul pulsante Impostazioni predefinite per indicare le impostazioni predefinite per tutti i guest virtuali nel pool. 44

54 Reimpostare le impostazioni per i guest virtuali sulle impostazioni predefinite Per reimpostare le impostazioni dei guest virtuali sulle impostazioni predefinite evidenziare il nome del guest virtuale nella finestra di dialogo Elenco guest virtuali e fare clic su Cancella impostazioni. Usando la funzione carattere jolly Usare il campo d'immissione Carattere jolly in basso nella scheda Gestione pool per far corrispondere guest specifici con i guest disponibili nel pool che saranno disponibili per l'utente. Quindi se alcuni dei nomi di guest virtuali non corrispondono al carattere jolly, essi non saranno disponibili per gli utenti. Ad esempio, XP* corrisponderà solo a guest il cui nome comincia con XP e *XP* corrisponderà a guest che hanno XP in una parte qualsiasi del loro nome. Configurazione e gestione di 2X Templates per cloni di guest Introduzione 2X Templates consente di usare meglio le risorse di host creando e implementando automaticamente cloni di guest virtuali quando necessario. 2X Templates e i cloni si possono creare solo per le seguenti workstation di Windows: Windows XP SP3 Windows Vista Windows 7 Windows 8 45

55 Gestione di 2X Templates nella scheda 2X Templates Creare un 2X Template Requisiti: Per creare un template di una workstation Windows, il computer va configurato per ottenere un IP tramite un server DHCP. Per creare un nuovo 2X Template di una workstation Windows seguire la procedura qui sotto: 1. Andare alla categoria Farm, fare clic sulla scheda 2X Templates nel nodo VDI Host e fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività. 2. Selezionare un guest del quale si vuole creare un 2X template nella finestra di dialogo Elenco guest virtuali illustrata nello screenshot qui sotto e fare clic su OK. Elenco di guest disponibili da cui creare 2X Template 3. Nel secondo passo del processo, 2X ApplicationServer XG controlla se il guest virtuale ha installato 2X Guest Agent. Se non è installato, fare clic sul pulsante Installa. 4. Nella finestra di dialogo Installazione di 2X Guest Agent si possono indicare diverse credenziali per connettere al server facendo clic sull'opzione Ignora credenziali sistema e indicando nuove credenziali. Fare clic su Installa per procedere all'installazione dell'agente e poi fare clic su Fine quando l'installazione è riuscita. (Se l'installazione automatica di 2X Agent non riesce, consultare la sezione Installazione manuale di 2X Terminal Server Agent a pagina Quando 2X Guest Agent è installato, fare clic su OK. Configurare un 2X Template Per configurare un 2X Template evidenziare il nome del template nel nodo 2X Templates e fare clic su Proprietànel menu a discesa Attività. Impostazioni basilari di 2X Template Configurare un numero massimo di guest e guest pregenerati Nella scheda Proprietà illustrata nello screenshot qui sotto si possono configurare tutte le seguenti impostazioni: 46

56 2X Template: Nome del template N. max guest: Indicare il numero massimo di cloni di guest che si possono creare Guest pregenerati: Indicare il numero di cloni di guest che verranno pregenerati, di modo che siano sempre disponibili per le connessioni degli utenti. Nome guest: Indicare il nome del computer dei cloni del guest. Tenere presente che ogni nome di clone di guest verrà aggiunto all'id del guest. Elimina guest non usati: Abilitare questa opzione per eliminare tutti i cloni di guest che non vengono usati. Nel menu a discesa dopo si può anche indicare la durata di non utilizzo del clone dopo la quale viene considerato non usato. Proprietà di 2X Template Configurare la posizione di archiviazione dei cloni di guest virtuali Nella scheda Avanzate si può configurare la cartella in cui i cloni di guest recentemente creati da 2X Template verranno creati nel campo d'immissione Cartella. Questa opzione è disponibile se si usano Hyper-V, Parallels Server4, Citrix Xen e VCenter. 47

57 Configurare la posizione di archiviazione dei cloni di guest virtuali Se l'hypervisor che si usa supporta pool nativi, i cloni di guest recentemente creati faranno parte della posizione specificata Pool nativo. Questa opzione è disponibile se si usano VMWare ESX, VMWare VCenter e VMWare Server 2. Configurazione di SysPrep per cloni di guest virtuali Nella scheda SysPrep illustrata nello screenshot qui sotto si possono configurare le impostazioni SysPrep per i cloni di guest virtuali in 2X Template. Si possono configurare le seguenti opzioni: Nome computer Nome proprietario Organizzazione Password amministratore Partecipa a gruppo di lavoro: selezionare questa opzione e indicare un gruppo di lavoro se il clone del guest virtuale farà parte di un gruppo di lavoro. Unisci dominio: selezionare questa opzione e indicare un dominio e le credenziali per unirsi al dominio, se il clone del guest virtuale farà parte di un dominio. 48

58 Configurazione delle impostazioni di SysPrep per cloni di guest virtuali Configurazione del codice di licenza e dei limiti per clone di guest virtuale Nella scheda Codici di licenza si possono indicare il codice di licenza del sistema operativo e il limite del codice. Aggiornamento del sistema operativo Template Se si deve aggiornare il sistema operativo template, ad esempio installando un service pack o nuovo software, si deve mettere il template in modalità manutenzione. Per mettere un template in modalità manutenzione, evidenziare il nome del template nell'elenco dei template e fare clic su Manutenzione nel menu a discesa Attività. Nota: In modalità manutenzione non si possono creare cloni da guest e la voce dell'elenco di 2X templates sarà in grigio. In modalità manutenzione il sistema operativo template viene avviato e si può modificare. Dopo aver applicato le modifiche, si può mettere il template fuori dalla modalità manutenzione facendo clic sul pulsante Manutenzione. Nota: Gli aggiornamenti applicati al sistema operativo template in modalità manutenzione riguardano solo i cloni recentemente creati. Non si ha nessun influsso sui cloni già creati. Guest permanenti Quando un'applicazione o un desktop pubblicati da un guest virtuale viene impostata come permanente, la prima volta che un utente lancia l'applicazione o il desktop, l'agente di pubblicazione crea una regola di guest permanente. Alle regole per guest permanenti si può accedere dalla scheda Guest permanenti che si vede nello screenshot qui sotto. 49

59 Configurazione di guest permanenti dalla scheda Guest permanenti Cancellare una regola per guest permanenti Per cancellare una regola per guest permanenti evidenziare la regola nella scheda Guest permanenti e fare clic su Elimina nel menu a discesa di Attività. Se si vogliono cancellare tutte le regole, selezionare tutte le regole premendo CTRL+A e premere il tasto di cancellazione. Configurare la cancellazione automatica di regole per guest permanenti Nel menu a discesa Rimuovi autom. permanenza se guest non usato per in basso nella scheda Guest permanenti si può specificare la durata massima di una regola per guest permanenti non usata prima che venga automaticamente cancellata. In alternativa si può scrivere manualmente la durata desiderata, ad esempio 1 settimana 3 giorni. Pubblicazione di un desktop virtuale da un guest Per pubblicare un desktop virtuale da un guest o dal clone di un guest seguire la procedura qui sotto: 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Desktop nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare Desktop virtuale nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 50

60 Selezione del desktop virtuale dalla procedura guidata di pubblicazione desktop 3. Nel secondo passo della procedura guidata immettere un Nome e una Descrizione nella sezione Desktop virtuale. Da questa sezione è possibile anche configurare un'icona diversa facendo clic sul pulsante Cambia icona. 4. Nella sezione Proprietà si deve indicare da dove va pubblicato il desktop virtuale. Le opzioni sono: a. Qualsiasi guest da un pool specificato nel menu a discesa da pool b. Guest specifico c. Guest da un pool specificato nel menu a discesa da pool dove nome è uguale a nome utente o IP d. 2X Template specifico da un 2X Template specifico nel menu a discesa 2X Template 5. Spuntare l'opzione Permanente per creare una regola per guest permanente per la prima volta che l'utente si connette. 6. Nella sezione Dimensioni desktop si può indicare anche la risoluzione del desktop. 51

61 Configurazione di un desktop da pubblicare 7. Quando si è terminato, fare clic su Fine per pubblicare l'applicazione. Pubblicazione di un'applicazione da un guest Per pubblicare un'applicazione da un guest o dal clone di un guest seguire la procedura qui sotto: 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Applicazione nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare Guest virtuale nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo della procedura guidata selezionare Applicazione singola e fare clic su Avanti. 4. Nel terzo passo della procedura guidata andare all'applicazione facendo clic su Cerca accanto al campo d'immissione Destinazione di modo che tutti i dettagli siano compilati. In alternativa si possono configurare tutte le opzioni manualmente seguendo i punti qui sotto. 5. Digitare un Nome e una Descrizione nella sezione Applicazione. 6. Nel menu a discesa Esegui indicare se l'applicazione va eseguita in una finestra normale, ingrandita o rimpicciolita. 7. Nel campo d'immissione Destinazione va indicato il percorso verso cui l'applicazione va installata. Per indicare un nuovo percorso per l'eseguibile fare clic sul pulsante Cerca (...) e andare all'eseguibile. Usare le variabili di ambiente Windows se si indica il percorso manualmente. 52

62 8. Nel campo d'immissione Inizia in indicare la cartella che contiene l'oggetto originale o qualsiasi altro file relativo. Ad esempio, talvolta le applicazioni hanno bisogno di file da un'altra posizione. In tali casi indicare la posizione di tali cartelle affinché l'applicazione pubblicata sia in grado di trovarla quando viene lanciata. 9. (Opzionale) Nel campo d'immissione Parametri si possono indicare i parametri che devono essere passati all'applicazione quando viene lanciata. 10. Nella sezione Impostazioni guest virtuali si deve indicare da dove va pubblicata l'applicazione. Le opzioni sono: a. Qualsiasi guest da un pool specificato nel menu a discesa da pool b. Guest specifico c. Guest da un pool specificato nel menu a discesa da pool dove nome è uguale a nome utente o IP d. 2X Template specifico da un 2X Template specifico nel menu a discesa 2X Template 11. Spuntare l'opzione Permanente per creare una regola per guest permanente per la prima volta che l'utente usa le connessioni. Configurazione di un'applicazione virtuale da pubblicare 12. Quando si è terminato, fare clic su Fine per pubblicare l'applicazione. Pubblicazione di un documento da un guest Per pubblicare un documento da un guest o dal clone di un guest seguire la procedura qui sotto: 53

63 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Documento nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare Guest virtuale nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo indicare il tipo di contenuto da cercare. Si può indicare anche un tipo di contenuto personalizzato nel campo d'immissione Tipi di contenuto personalizzati. Fare clic su Avanti quando si conclude. Configurazione di un tipo di contenuto per il documento 4. Nel terzo passo della procedura guidata usare il pulsante Cerca accanto al campo d'immissione Destinazione per cercare il documento e tutte le altre voci sono automaticamente compilate. Se si vogliono configurare tutte le voci manualmente seguire i punti qui sotto. 5. Digitare un Nome e una Descrizione del documento nella sezione Applicazione. 6. Nel menu a discesa Esegui indicare se l'applicazione va eseguita in una finestra normale, ingrandita o rimpicciolita. 7. Nel campo d'immissione Destinazione va indicato il percorso dove è archiviato il documento. Per indicare un nuovo percorso per l'eseguibile fare clic sul pulsante Cerca (...) e andare al documento. Usare le variabili di ambiente Windows se si indica il percorso manualmente. 8. Nel campo d'immissione Inizia in indicare la cartella che contiene il documento originale o qualsiasi altro file relativo. Ad esempio, talvolta le applicazioni hanno bisogno di file da un'altra posizione. In tali casi indicare la posizione di tali cartelle affinché l'applicazione pubblicata sia in grado di trovarla quando viene lanciata. 54

64 9. (Opzionale) Nel campo d'immissione Parametri si possono indicare i parametri che devono essere passati all'applicazione quando viene lanciata. 10. Si può cambiare l'icona per l'applicazione pubblicata facendo clic sul pulsante Cambia icona e configurare opzioni di collegamenti facendo clic sul pulsante Impostazioni avanzate. 11. Nella sezione Impostazioni guest virtuali si deve indicare da dove va pubblicata l'applicazione. Le opzioni sono: e. Qualsiasi guest da un pool specificato nel menu a discesa da pool f. Guest specifico g. Guest da un pool specificato nel menu a discesa da pool dove nome è uguale a nome utente o IP h. 2X Template specifico da un 2X Template specifico nel menu a discesa 2X Template 12. Spuntare l'opzione Permanente per creare una regola per guest permanente per la prima volta che l'utente usa le connessioni. Configurazione di un documento virtuale da pubblicare 13. Quando si è terminato, fare clic su Fine per pubblicare l'applicazione. 55

65 PC remoto Introduzione Desktop e applicazioni si possono anche pubblicare da qualsiasi versione supportata del sistema operativo workstation Microsoft Windows (PC remoto). I PC remoti sono simili a computer virtuali guest nel farm, ma solitamente sono installazioni PC autonome. Aggiungere un PC remoto Seguire la procedura qui sotto per aggiungere un PC remoto al farm: 1. Lanciare 2X ApplicationServer Console, selezionare la categoria Farm e selezionare PC remoto dall'albero di spostamento. 2. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per lanciare la procedura guidata di impostazione e quando richiesto indicare l'indirizzo IP o FQDN del server e fare clic su Avanti. Primo passo della procedura guidata per aggiungere un PC remoto 3. In questo passo 2X ApplicationServer XG controlla se 2X Agent è installato sul PC remoto. Se è installato, procedere con il punto 7 di questa procedura. Se non lo è, fare clic su Installa per procedere con l'installazione remota di 2X Agent. 56

66 2X ApplicationServer XG controlla se Remote PC Agent è installato 4. Nel dialogo Installazione in corso di 2X Remote PC Agent evidenziare il nome del server su cui sta per essere installato 2X Agent. 5. (Opzione) Spuntare l'opzione "Ignora credenziali di sistema" per indicare ed usare credenziali diverse per connettersi al PC e installare 2X Agent. 6. Fare clic su Installa per installare l'agente e poi fare clic su Fine quando l'installazione è riuscita. Se l'installazione automatica di 2X Agent non riesce, consultare la sezione seguente Installazione manuale di 2X Remote PC Agent. Installazione remota di 2X PC Agent 57

67 7. Fare clic su Aggiungi per aggiungere il PC remoto al farm server di 2X ApplicationServer. Consiglio: Usare il pulsante Trova per trovare server terminal e server citrix esistenti nel proprio dominio Active Directory. Installazione manuale di 2X Remote PC Agent Requisiti del sistema per 2X Remote PC Agent Windows XP, Windows Vista, Windows7. Si applicano gli stessi requisiti di hardware indicati da Microsoft quando si implementa un ambiente di servizi terminal. Installazione manuale di 2X Remote PC Agent 1. Connettersi al PC su cui va installato 2X Remote PC Agent usando un account amministratore e chiudere tutte le altre applicazioni. 2. Copiare il file d'installazione di 2X ApplicationServer (2XAppServer.msi) sul PC e fare doppio clic su questo file per lanciare l'installazione. 3. Quando richiesto, fare clic su Avanti e accettare il Contratto di licenza per l'utente finale. 4. Indicare il percorso per installare 2X Agent e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Personalizzato e fare clic su Avanti. 6. Fare clic su 2X PC Agent e selezionare Intera funzionalità viene installata su disco rigido locale nel menu a discesa, come illustrato nello screenshot qui sotto. Installazione manuale del Remote PC Agent 7. Assicurarsi che tutti gli altri componenti siano deselezionati e fare clic su Avanti. 8. Fare clic su Installa per avviare l'installazi one e fare clic su Fine quando l'installazione è terminata. 58

68 Nota: 2X Agent non richiede nessuna configurazione. Quando 2X Agent è installato, evidenziare il nome del PC remoto sulla 2X ApplicationServer Console e fare clic su Controlla agente. Se l'agente è installato correttamente, lo stato deve cambiare in Agente installato come illustrato nello screenshot qui sotto. Configurare un PC remoto Per accedere alle proprietà di un PC remoto, evidenziare il nome del computer nell'albero di spostamento sulla 2X ApplicationServer Console e fare clic su Proprietà nel menu a discesa Attività. Tutte le opzioni di configurazione qui sotto si possono configurare in Proprietà del PC remoto. Abilitare o disabilitare un PC remoto nel farm Come impostazione predefinita, un PC è abilitato nel farm. Quando è disabilitato, applicazioni pubblicate e desktop virtuali non possono essere serviti da tale server. Per disattivare un PC nel farm togliere il segno di spunta all'opzione Attiva PC remoto nella scheda Proprietà nelle Proprietà del PC remoto. Rimettere qualsiasi spunta (attivare) per attivare di nuovo il computer nel farm. Scheda Proprietà in Proprietà del PC remoto Configurare o modificare un indirizzo IP di PC remoto Nella scheda Proprietà si può anche cambiare l'indirizzo IP del PC remoto e aggiungere una descrizione. È richiesto anche l'indirizzo MAC per accendere automaticamente il PC quando si accede a risorse da tale PC. 59

69 Nota: L'opzione Riattivazione Lan deve essere abilitata nelle opzioni BIOS del PC, di modo che il computer possa essere acceso automaticamente. Configurazione di Remote PC Agent Ogni PC remoto nel farm ha un 2X Agent installato per fornire una connessione tra 2X ApplicationServer XG e il PC. L'agente si può configurare nella scheda Impostazioni agente nelle proprietà del PC. Configurazione delle impostazioni di Remote PC Agent dalla scheda Impostazioni agente Configurazione della porta di connessione del desktop remoto Indicare un numero di porta diverso per la connessione del desktop personale nel campo d'immissione Porta, se sul PC è configurata una porta non predefinita. Cambiare l'indirizzo diretto Questo indirizzo si usa solo in modalità di connessione diretta e può essere un IP interno o esterno. Per cambiare l'indirizzo diretto di un PC spuntare l'opzione Cambia indirizzo diretto e indicare il nuovo indirizzo nel campo d'immissione Indirizzo diretto. Cambiare il timeout connessione Per aumentare il timeout di connessione di un PC remoto selezionare un valore nel menu a discesa Timeout connessione. Cambiare il timeout di sessione Per cambiare la durata della connessione di ciascuna sessione sullo sfondo dopo che l'utente ha chiuso l'applicazione pubblicata, indicare un nuovo valore nel campo d'immissione Timeout sessione pubblicazione. Questa opzione si usa per evitare riconnessioni inutili con il PC. 60

70 . Configurazione del reindirizzamento URL e mail / restrizione accesso Per consentire l'apertura di link http e mailto usando un'applicazione locale sul computer client piuttosto che con le risorse del server, abilitare l'opzione Consenti reindirizzamento URL/ client. Per configurare un elenco di URL che non vanno reindirizzati, navigare fino alla scheda Reindirizzamento URL nel nodo Impostazioni di un sito. Configurazione della stampa RDP da PC remoto La scheda Stampante RDP consente di configurare il formato per rinominare le stampanti reindirizzate. Il formato può variare a seconda della versione e della lingua del server in uso Configurazione della stampa RDP dalla scheda Stampante RDP in Proprietà del PC remoto Impostare il formato del nome della stampante RDP specificamente per il server configurato scegliendo una delle seguenti opzioni del menu a discesa Formato nome stampante RDP: Nomestampante (da nomecomputer) nel n. sessione N. sessione (nomecomputer da) nome stampante Nomestampante (n. sessione reindirizzata) Le altre opzioni di stampa RDP disponibili nella scheda Stampante RDP sono: Rimuovi numero sessione da nome stampante 61

71 Rimuovi nome client da nome stampante Pubblicazione di un desktop da PC remoto Per pubblicare un desktop da un server terminal seguire la procedura qui sotto: 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Desktop nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare Desktop PC remoto nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo della procedura guidata indicare un Nome e una Descrizione nella sezione Desktop PC remoto. Da questa sezione è possibile anche configurare un'icona diversa facendo clic sul pulsante Cambia icona. 4. Fare clic sul pulsante Cerca nella sezione PC remoto per indicare da quale PC remoto va pubblicato il desktop. 5. Nella sezione Dimensioni desktop si può indicare anche la risoluzione del desktop. Configurazione di un desktop che va pubblicato da un PC 6. Quando si è terminato, fare clic su Fine per pubblicare il desktop. Pubblicazione di un'applicazione da un PC remoto Per pubblicare un'applicazione da un PC remoto seguire la procedura qui sotto: 62

72 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Applicazione nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare PC remoto nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. In PC remoto si può pubblicare solo Applicazione Singola. Quindi nel secondo passo della procedura guidata fare clic su Avanti. 4. Nel terzo passo della procedura guidata si deve configurare l'applicazione. Nota: Usare il pulsante Cerca accanto al campo d'immissione Destinazione per cercare l'applicazione eseguibile. Dopo aver selezionato l'applicazione, tutte le altre opzioni di configurazione vengono compilate automaticamente. Se si vogliono configurare tutte le voci dell'applicazione manualmente, seguire i punti qui sotto. 5. Digitare un Nome e una Descrizione nella sezione Applicazione. 6. Nel menu a discesa Esegui indicare se l'applicazione va eseguita in una finestra normale, ingrandita o rimpicciolita. 7. Indicare il percorso in cui l'applicazione eseguibile è nel campo d'immissione Destinazione facendo clic sul pulsante Cerca e navigare verso l'eseguibile. Usare le variabili di ambiente Windows se si indica il percorso manualmente. 8. Il campo d'immissione Inizia in viene compilato automaticamente. Per indicare una cartella diversa dalla quale lanciare l'applicazione, fare clic sul pulsante Cerca. Una cartella diversa può venir indicata se ad esempio l'applicazione deve usare file da un altro percorso per l'esecuzione. In tal caso indicare il percorso di tale cartella di modo che l'applicazione pubblicata sia in grado di trovarla quando viene lanciata. 9. (Opzionale) Nel campo d'immissione Parametri si possono indicare i parametri che devono essere passati all'applicazione quando viene lanciata. 10. Si può cambiare l'icona per l'applicazione pubblicata facendo clic sul pulsante Cambia icona. 11. Fare clic sul pulsante Cerca nella sezione Impostazioni PC remoto per indicare da quale PC remoto va pubblicato il desktop. 63

73 Configurazione di un'applicazione che va pubblicata da un PC remoto 12. Quando si è terminato, fare clic su Fine per pubblicare l'applicazione. Pubblicare un documento da un PC remoto Per pubblicare un documento da un server terminal seguire la procedura qui sotto: 1. Fare clic sulla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Documento nella barra di navigazione in alto. 2. Selezionare PC remoto nel primo passo della procedura guidata e fare clic su Avanti. 3. Nel secondo passo indicare il tipo di contenuto del documento che si vuole pubblicare. Si può selezionare il tipo di contenuto dall'elenco predefinito o indicare un tipo di contenuto personalizzato dal campo d'immissione Tipi di contenuto personalizzati. Fare clic su Avanti quando si conclude. 64

74 Configurazione di un tipo di contenuto per il documento Nota: Nel terzo passo della procedura guidata usare il pulsante Cerca accanto al campo d'immissione Destinazione per cercare il documento. Dopo aver selezionato il documento, tutte le altre opzioni di configurazione vengono compilate automaticamente. Se si vogliono configurare tutte le voci manualmente, seguire i punti qui sotto. 4. Nel terzo passo della procedura guidata indicare un Nome e una Descrizione nella sezione Applicazione. 5. Nel menu a discesa Esegui indicare se l'applicazione va eseguita in una finestra normale, ingrandita o rimpicciolita. 6. Indicare il percorso in cui si trova il documento nel campo d'immissione Destinazione facendo clic sul pulsante Cerca e navigare verso il documento. Usare le variabili di ambiente Windows se si indica il percorso manualmente. 7. Il campo d'immissione Inizia in viene compilato automaticamente. Per indicare una cartella diversa dalla quale lanciare il documento, fare clic sul pulsante Cerca. 8. (Opzionale) Nel campo d'immissione Parametri si possono indicare i parametri che devono essere passati all'applicazione quando viene lanciata e si può cambiare l'icona per il documento pubblicato facendo clic sul pulsante Cambia icona. 9. Fare clic sul pulsante Cerca nella sezione Impostazioni PC remoto per selezionare nell'elenco un PC dal quale va pubblicato il documento. 65

75 Configurazione di un documento che va pubblicato da un PC remoto 10. Quando si è terminato, fare clic su Fine per pubblicare il documento. 66

76 Pubblicazione e filtro Introduzione La pubblicazione è uno degli impieghi e delle funzioni fondamentali di 2X ApplicationServer. 2X ApplicationServer si può usare per pubblicare: Applicazioni Cartelle Desktop Applicazioni predefinite Documenti Gestione di applicazioni pubblicate Pubblicare un'applicazione Per pubblicare un'applicazione a cui possono accedere gli utenti in rete si può seguire una delle procedure seguenti: Pubblicazione di un'applicazione da un server terminal da pagina 31 Pubblicazione di un'applicazione da un PC remoto pagina 62 Pubblicazione di un'applicazione da un guest pagina 52 Configurazione di un'applicazione pubblicata Quando si pubblica un'applicazione tramite la procedura guidata si devono indicare diversi parametri dell'applicazione, ad es. il nome, il percorso eseguibile, ecc. Queste opzioni e diverse altre si possono anche modificare una volta che l'applicazione è stata pubblicata. Per modificare un'applicazione pubblicata, selezionare l'applicazione dall'albero Risorse pubblicate nella categoria Pubblicazione. 67

77 Configurazione di una risorsa pubblicata Configurazione dei siti attraverso i quali è disponibile un'applicazione pubblicata Come impostazione predefinita un'applicazione pubblicata è disponibile per tutti i siti. Per limitare l'accesso ad un sito o ad un gruppo di siti specifico, selezionare l'elenco dei siti nella scheda Siti nelle opzioni dell'applicazione pubblicata. Configurazione dei siti attraverso i quali è disponibile un'applicazione pubblicata Configurare da quali server viene pubblicata l'applicazione Nella scheda Pubblica da si può indicare da quali server terminal va pubblicata l'applicazione pubblicata, come si vede nello screenshot qui sotto. 68

78 Configurare da quali server è disponibile un'applicazione pubblicata Configurare le impostazioni dell'applicazione specifiche per il server Come impostazione predefinita, le impostazioni configurate in Destinazione (percorso applicazione), Inizia in e Parametri si applicano a tutti i server da cui viene pubblicata un'applicazione. Se l'applicazione è installata in un percorso diverso su uno dei server, usare il menu a discesa Server nella scheda Applicazione per indicare nuove impostazioni nei campi d'immissione Destinazione, Inizia in e Parametri, specifici per quel server. 69

79 Configurazione di impostazioni specifiche del server per un'applicazione pubblicata Configurazione di opzioni di collegamento per un'applicazione pubblicata Fare clic sulla scheda Avanzate nelle impostazioni dell'applicazione e selezionare Collegamenti nel menu a discesa Seleziona impostazione per abilitare la creazione di collegamenti sul desktop dell'utente, collegamenti nella cartella di avvio con relativa cartella e collegamento nella cartella di avvio automatico. Quando il collegamento di avvio automatico è abilitato, l'applicazione verrà avviata quando viene avviato il sistema operativo usato dal client. Nota: Questa opzione non è disponibile su tutti i sistemi operativi 70

80 Configurazione di opzioni di collegamento di 2X OS per un'applicazione pubblicata Configurare associazioni di estensioni di file Per modificare l'associazione di estensioni di file per una particolare applicazione pubblicata, fare clic sulla scheda Avanzate nelle impostazioni dell'applicazione e selezionare Estensione nel menu a discesa Seleziona impostazione. 71

81 Configurazione di associazioni di estensioni di file per un'applicazione pubblicata Nota: Un elenco di estensioni di file solitamente associate viene generata automaticamente quando un'applicazione viene pubblicata. Se si vuole modificare l'elenco preconfigurato e aggiungere, togliere o modificare una voce esistente, spuntare l'opzione Estensione file associate. Per aggiungere una nuova estensione all'elenco, fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività e indicare l'estensione, come illustrato dallo screenshot qui sotto. Configurazione di una nuova estensione di file Per modificare i parametri di un'estensione, evidenziare l'estensione e fare clic su Proprietà nel menu a discesa Attività. Configurazione di opzioni di licenza per applicazioni pubblicate Fare clic sulla scheda Avanzate nelle impostazioni dell'applicazione e selezionare Licenze nel menu a discesa Seleziona impostazione per configurare una delle opzioni di licenza qui sotto: 72

82 Disattiva condivisione sessioni: Se questa opzione è attivata, consente di isolare l'applicazione pubblicata a una sessione. Quindi se la stessa applicazione viene lanciata due volte, le istanze multiple dell'applicazione verranno eseguite nella stessa sessione isolata. Consenti a utenti di avviare solo un'istanza dell'applicazione: Se questa opzione è attivata, un utente può lanciare solo una singola istanza dell'applicazione. Licenze contemporanee: Usare questa opzione per indicare il numero massimo di istanze contemporanee eseguibili dall'applicazione. Ad es. se la licenza dell'applicazione consente di eseguire solo 10 istanze dell'applicazione, impostare l'opzione Licenze contemporanee su 10, di modo che una volta che tale limite viene raggiunto, altri utenti non possano avviare altre istanze. Se si supera il limite: In questo menu a discesa si può indicare quale azione debba intraprendere 2X ApplicationServer XG nel caso in cui qualcuno dei limiti di licenza configurati qui sopra sia stato superato. Configurazione di opzioni di licenza per un'applicazione pubblicata Configurazione di impostazioni di visualizzazione per un'applicazione pubblicata Fare clic sulla scheda Avanzate nelle impostazioni dell'applicazione e selezionare Visualizzazione nel menu a discesa Seleziona impostazione per configurare la profondità di colore, la risoluzione, la larghezza e l'altezza dell'applicazione pubblicata. Se queste opzioni vengono lasciate sull'impostazione predefinita, prevarranno le opzioni specificate del client. 73

83 In questa sezione si può anche attivare l'opzione per 2X Universal Printer di attendere di essere ridiretti prima che l'applicazione sia caricata. Se si attiva questa opzione, si può anche configurare per 2X Universal Printer il tempo massimo di attesa in secondi per essere ridiretti. Configurazione di opzioni di visualizzazione per un'applicazione pubblicata Gestione di desktop pubblicati Pubblicare un desktop Per pubblicare un desktop a cui possono accedere gli utenti in rete si può seguire una delle procedure seguenti: Pubblicazione di un desktop da un server terminal a pagina 29 Pubblicazione di un desktop da PC remoto a pagina 62 Pubblicazione di un desktop virtuale da un guest a pagina 50 Configurazione di un desktop pubblicato Quando si pubblica un desktop tramite la procedura guidata si devono indicare tutte le impostazioni del desktop, come dimensioni di visualizzazione, ecc. Queste opzioni e diverse altre si possono anche modificare una volta che il desktop è stato pubblicato. Per modificare un desktop pubblicato, selezionare il desktop dall'albero Risorse pubblicate nella categoria Pubblicazione. 74

84 Configurazione di un desktop pubblicato Configurazione dei siti attraverso i quali è disponibile un desktop pubblicato Come impostazione predefinita un desktop pubblicato è disponibile per tutti i siti. Per limitare l'accesso ad un sito o ad un gruppo di siti specifico, selezionare l'elenco dei siti dalla scheda Siti nelle opzioni del desktop pubblicato. 75

85 Configurazione dei siti attraverso i quali è disponibile un desktop pubblicato Configurare da quali server viene pubblicato il desktop Nella scheda Pubblica da si può indicare da quali server terminal va pubblicato il desktop pubblicato, come si vede nello screenshot qui sotto. 76

86 Configurazione dei server dai quali viene pubblicato un desktop pubblicato Configurazione della risoluzione e di altre proprietà del desktop Fare clic sulla scheda Desktop per configurare il nome, la descrizione, l'icona e la risoluzione del desktop. Nella scheda Desktop si può anche configurare il desktop virtuale per consentire agli utenti di accedere alla console di un server piuttosto che a un'istanza virtuale. 77

87 Configurazione della risoluzione del desktop Configurazione di opzioni di collegamento per un desktop pubblicato Fare clic sulla scheda Avanzate nelle impostazioni dell'applicazione e selezionare Collegamenti nel menu a discesa Seleziona impostazione per abilitare la creazione di collegamenti sul desktop dell'utente, collegamenti nella cartella di avvio con relativa cartella e collegamento nella cartella di avvio automatico. Quando il collegamento di avvio automatico è abilitato, l'applicazione verrà avviata quando viene avviato il sistema operativo usato dal client. Nota: Questa opzione non è disponibile su tutti i sistemi operativi 78

88 Configurazione di opzioni di collegamento di 2X OS per un desktop pubblicato Gestione di documenti pubblicati Pubblicare un documento Per pubblicare un documento a cui possono accedere gli utenti in rete si può seguire una delle procedure seguenti: Pubblicazione di un documento da un server terminal a pagina 33 Pubblicare un documento da un PC remoto a pagina 64 Pubblicazione di un documento da un guest_pubblicare un documento 2 a pagina 53 Configurazione di un documento pubblicato Quando si pubblica un documento tramite la procedura guidata si devono indicare tutte le impostazioni del documento, ad es. dove viene archiviato, ecc. Queste opzioni e diverse altre si possono anche modificare una volta che il documento è stato pubblicato. Per modificare un documento pubblicato, selezionare il documento dall'albero Risorse pubblicate nella categoria Pubblicazione. Configurazione di un documento pubblicato Configurazione dei siti attraverso i quali è disponibile un documento pubblicato Come impostazione predefinita un documento pubblicato è disponibile per tutti i siti. Per limitare l'accesso ad un sito o ad un gruppo di siti specifico, selezionare l'elenco dei siti nella scheda Siti nelle opzioni del documento pubblicato. 79

89 Configurazione dei siti attraverso i quali è disponibile un documento pubblicato Configurare da quali server viene pubblicato il documento Nella scheda Pubblica da si può indicare da quali server terminal va pubblicato il documento pubblicato, come si vede nello screenshot qui sotto. 80

90 Configurazione dei server dai quali viene pubblicato un documento pubblicato Configurare le impostazioni del documento specifiche per il server Come impostazione predefinita, le impostazioni configurate in Destinazione (percorso applicazione), Inizia in e Parametri si applicano a tutti i server da cui viene pubblicato un documento. Se il documento viene salvato in un percorso diverso su uno dei server, usare il menu a discesa Server nella scheda Applicazione per indicare nuove impostazioni nei campi d'immissione Destinazione, Inizia in e Parametri, specifici per quel server. 81

91 Configurazione di impostazioni specifiche del server per un documento pubblicato Configurazione di opzioni di collegamento per un documento pubblicato. Fare clic sulla scheda Avanzate nelle impostazioni dell'applicazione e selezionare Collegamenti nel menu a discesa Seleziona impostazione per abilitare la creazione di collegamenti sul desktop dell'utente, collegamenti nella cartella di avvio con relativa cartella e collegamento nella cartella di avvio automatico. Quando il collegamento di avvio automatico è abilitato, l'applicazione verrà avviata quando viene avviato il sistema operativo usato dal client. Nota: Questa opzione non è disponibile su tutti i sistemi operativi. 82

92 Configurazione di opzioni di collegamento di 2X OS per un documento pubblicato Gestione di cartelle pubblicate Introduzione Le cartelle si possono usare per organizzare risorse pubblicate e anche per facilitare le opzioni di filtro. Ad esempio, si possono configurare opzioni di filtro per una cartella specifica e poi spostare le risorse pubblicate sotto la nuova cartella, di modo che le impostazioni del filtro vengano ereditate. Per maggiori informazioni sul filtro consultare la sezione Filtro a pagina 85. Pubblicare una cartella Per pubblicare una cartella seguire la procedura qui sotto: 1. Andare alla categoria Pubblicazione e poi fare clic sull'icona Cartella nella barra di navigazione in alto. 2. Indicare un nome di cartella nel campo d'immissione Cartella e una descrizione nel campo d'immissione Descrizione. 3. (Opzionale) Cambiare l'icona della cartella facendo clic sul pulsante Cambia icona. 83

93 Pubblicare una cartella 4. Fare clic su Fine per pubblicare la cartella. Gestione di cartelle pubblicate Come per qualsiasi altra risorsa pubblicata, è possibile configurare una cartella pubblicata selezionando il suo nome nell'albero di spostamento Risorse pubblicate. Sono disponibili le opzioni seguenti: Scheda Siti Nella scheda Siti si può indicare attraverso quali siti sarà disponibile la cartella pubblicata. Scheda Cartella Nella scheda Cartella si può configurare il nome della cartella e anche la descrizione. Scheda Filtro Nella scheda Filtro si possono configurare le opzioni di filtro per la cartella pubblicata. Le opzioni di filtro verranno ereditate da tutte le altre risorse pubblicate in quella cartella. Per maggiori informazioni sulle opzioni di filtro, consultare la sezione Filtro a pagina 85. Aggiungere risorse pubblicate a una cartella Per aggiungere una risorsa pubblicata ad una cartella, selezionare il nome della risorsa pubblicata e trascinarla sotto la cartella nell'albero di spostamento Risorse pubblicate. Tutte le risorse pubblicate in quella cartella erediteranno le opzioni di filtro della cartella. 84

94 Filtro Introduzione Come impostazione predefinita non esistono regole di filtro configurate per una risorsa pubblicata, quindi quest'ultima sarà disponibile a tutti coloro che si connettono al 2X ApplicationServer. Il filtro permette di controllare chi può e chi non può accedere alla risorsa pubblicata. Si possono creare diverse regole di filtro in base alle seguenti opzioni di filtro: Utente Client (client gestito) Indirizzo IP Indirizzo MAC Gateway Quando si specifica una regola di filtro, solo coloro che rispettano la regola possono accedere alla risorsa pubblicata. Creare nuove regole di filtro Le regole di filtro si possono creare nelle opzioni delle risorse pubblicate selezionando il nome della risorsa pubblicata e facendo clic sulla scheda Filtro. Opzioni di filtro di una risorsa pubblicata Filtro per utente Per consentire a un utente specifico o ad un elenco di utenti o a un gruppo di accedere alla risorsa pubblicata, seguire la procedura seguente: 85

95 1. Selezionare Utente nel menu a discesa Seleziona tipo di filtro. 2. Attivare l'opzione Consenti utenti seguenti. 3. Selezionare se si indicano utenti, gruppi o entrambi nel menu a discesa Tipo oggetto predefinito. 4. Indicare la modalità di navigazione che si desidera usare per la connessione alla Active Directory o a Windows OS nel menu a discesa Modo naviga. Le opzioni sono: a. Identificatore sicuro: Questo è il modo preferito e il metodo più veloce. Supporta l'annidamento e la rinomina di gruppo. b. WinNT: WinNT è più veloce di LDAP, ma non supporta l'annidamento di gruppo. Usato solo per compatibilità con le versioni precedenti. c. LDAP: LDAP supporta l'annidamento di gruppo, ma è lento. Usato solo per compatibilità con le versioni precedenti. 5. Selezionare Aggiungi nel menu a discesa Attività per indicare l'utente o il gruppo nella finestra di dialogo Seleziona utenti o gruppi. 6. Fare clic su OK per aggiungere gli oggetti all'elenco. Configurazione di regole del filtro in base all'utente Per cancellare un oggetto dall'elenco, selezionare la voce nell'elenco e selezionare Elimina nel menu a discesa Attività. Conversione di utenti esistenti in SID Per convertire utenti o gruppi specificati usando WinNT o LDAP, selezionare la voce e poi selezionare Converti nel menu a discesa Attività. Filtro per client Per consentire a un client specifico o ad un elenco di client di accedere alla risorsa pubblicata, seguire la procedura seguente: 86

96 1. Selezionare Client nel menu a discesa Seleziona tipo di filtro. 2. Attivare l'opzione Consenti client seguenti. 3. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività e selezionare il/i client nella finestra di dialogo Seleziona client. Aggiungere client alle opzioni di filtro 4. Fare clic su OK per aggiungere i client all'elenco. Configurazione di regole del filtro in base al client 87

97 Per eliminare un client dall'elenco, evidenziare la voce nell'elenco e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. Filtro per indirizzo IP Per consentire a un indirizzo IP specifico o ad un elenco o intervallo di indirizzi IP specifici di accedere alla risorsa pubblicata, seguire la procedura seguente: 1. Selezionare Indirizzo IP nel menu a discesa Seleziona tipo di filtro. 2. Attivare l'opzione Consenti IP seguenti. 3. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per specificare l'indirizzo IP o l'intervallo di indirizzi IP e fare clic su OK. Configurare un IP o un intervallo di IP per regole di filtro basate su IP Per modificare un intervallo IP esistente evidenziare il nome della voce nell'elenco e fare clic su Proprietà. Per eliminare un indirizzo IP o un intervallo di indirizzi IP dall'elenco, evidenziare la voce nell'elenco e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. 88

98 Configurazione di regole del filtro in base a IP Filtro per indirizzo MAC Per consentire a un indirizzo MAC specifico o ad un elenco di indirizzi MAC specifici di accedere alla risorsa pubblicata, seguire la procedura seguente: 1. Selezionare MAC nel menu a discesa Seleziona tipo di filtro. 2. Attivare l'opzione Consenti MAC seguenti. 3. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per selezionare l'indirizzo o gli indirizzi MAC e fare clic su OK. 89

99 Selezionare regole di filtro basate su un indirizzo MAC o su indirizzi MAC Per eliminare un indirizzo MAC dall'elenco, evidenziare l'indirizzo MAC nell'elenco e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. Configurazione di regole del filtro in base a MAC 90

100 Filtro per gateway Per consentire agli utenti di connettersi ad una risorsa pubblicata attraverso uno specifico gateway, seguire la procedura seguente: 4. Selezionare Gateway nel menu a discesa Seleziona tipo di filtro. 5. Attivare l'opzione Consenti connessioni tramite questi gateway. 6. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per specificare il gateway e il suo indirizzo IP, se ha multipli indirizzi IP Configurare un gateway e il suo IP per regole di filtro basate sul gateway Per eliminare un gateway dall'elenco, evidenziare la voce nell'elenco e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. Configurazione di multiple regole del filtro Se vengono configurate multiple regole di filtro per una specifica risorsa pubblicata, l'utente che si connette deve rispettare TUTTE le regole di filtro configurate per poter accedere alla risorsa pubblicata. Ad esempio, se si configura una regola di filtro utente per l'utente admin e un'altra regola di filtro indirizzo MAC per l'indirizzo MAC AB-CD A1-C2, l'utente admin potrà accedere alla risorsa pubblicata solo da un client con l'indirizzo MAC AB-CD A1-C2. 91

101 2X Secure Client Gateway Introduzione 2X Secure Client Gateway incanala tutti i dati di 2X ApplicationServer XG su una singola porta. Fornisce anche connessioni sicure ed è il punto di connessione dell'utente con 2X ApplicationServer XG. Come impostazione predefinita 2X Secure Client Gateway è installato sullo stesso server su cui è installato 2X ApplicationServer XG. Si possono aggiungere ulteriori 2X Secure Client Gateway in un sito per supportare più utenti, connessioni di bilanciamento del carico e per fornire ridondanza. Come funziona un gateway Accesso all'elenco di gateway in un sito Qui di seguito viene spiegato l'uso di 2X Secure Client Gateway nel sito di 2X ApplicationServer XG: 1. Il gateway riceve una richiesta di connessione dall'utente. 2. Il gateway inoltra la richiesta a tutti gli agenti di pubblicazione nel farm. 92

102 3. L'agente di pubblicazione esegue controlli del bilanciamento del carico e ricerca sulla sicurezza di Active Directory per ottenere autorizzazioni di sicurezza. 4. Se l'utente che richiede una risorsa pubblicata viene autorizzato, l'agente di pubblicazione riporta la risposta al servizio gateway includendo dettagli sul server terminal a cui l'utente può connettersi. 5. A seconda della modalità di connessione il client si connette tramite il gateway o si disconnette dal gateway e si connette direttamente al server RDS. Tipi di 2X Secure Client Gateway Modalità normale Un gateway in modalità normale riceve richieste di connessione di utenti e controlla con l'agente di pubblicazione se l'utente che fa richiesta ha accesso o meno. I gateway normali si possono usare per supportare un gran numero di richieste e per migliorare la ridondanza. Modalità di inoltro Un gateway in modalità di inoltro inoltra tutte le richieste di connessione degli utenti ad un gateway preconfigurato. I gateway in modalità inoltro sono utili se si usano firewall a catena, per separare connessioni WAN da connessioni LAN e consentono di disconnettere segmenti WAN in caso di problemi senza interrompere il LAN. Nota: Sono necessari multipli gateway per configurare un gateway in modalità inoltro. Aggiungere un 2X Secure Client Gateway Per aggiungere un 2X Secure Client Gateway ad un sito seguire la procedura seguente: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console e selezionare il nodo Gateway nell'albero di spostamento. 2. Fare clic su Installa nel menu a discesa Attività per lanciare la procedura guidata Aggiungi 2X Secure Client Gateway. 3. Nel primo passo della procedura guidata immettere FQDN o IP del server o fare clic sul pulsante Cerca per selezionare un server nell'elenco. 4. Selezionare la modalità gateway nel menu a discesa Modalità. 5. Se si seleziona la modalità Inoltro, indicare il gateway verso il quale va inoltrato il traffico nel menu a discesa Inoltra a e fare clic su Avanti. 93

103 Aggiungere un nuovo gateway 6. Nel secondo passo si deve eseguire l'installazione remota di 2X SecureClientGateway Service sul computer di destinazione. Evidenziare il nome del server e spuntare l'opzione Ignora credenziali di sistema per indicare credenziali diverse di accesso al server usando una serie diversa di credenziali. 94

104 Installazione di 2X SecureClientGateway Service 7. Fare clic su Installa per avviare l'installazione di 2X SecureClientGateway e fare clic su Fine quando l'installazione è terminata. Aggiungere manualmente un 2X Secure Client Gateway Per installare manualmente un 2X Secure Client Gateway e aggiungerlo al farm seguire la procedura seguente: 1. Connettersi al server su cui si vuole installare 2X Agent usando un account amministratore e chiudere tutte le altre applicazioni. 2. Copiare il file d'installazione di 2X ApplicationServer (2XAppServer.msi) sul server e fare doppio clic su questo file per lanciare l'installazione. 3. Quando richiesto, fare clic su Avanti e accettare il Contratto di licenza con l'utente finale. 4. Selezionare il percorso in cui installare 2X Secure Client Gateway e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Personalizzato sulla schermata del tipo d'installazione Secure Client Gatewaye fare clic su Avanti. 6. Fare clic su 2X SecureClientGateway nell'albero delle funzionalità e selezionare Intera funzionalità viene installata su disco rigido locale per installarlo come illustrato nello screenshot qui sotto. 95

105 Installazione manuale di 2X SecureClientGateway 7. Assicurarsi che tutti gli altri componenti nell'albero di selezione siano deselezionati e fare clic su Avanti. 8. Fare clic su Installa per avviare l'installazione e fare clic su Fine quando l'installazione è terminata per chiudere la procedura guidata. 9. Al termine dell'installazione l'amministratore deve implementare la console e configurare dove è 2X Publishing Agent, come si vede sullo screenshot qui sotto. 96

106 Configurazione manuale di 2X SecureClientGateway Gestione di 2X Secure Client Gateway Introduzione Per accedere alle opzioni di un gateway, evidenziare il gateway nel nodo Gateway e fare clic su Proprietà nel menu a discesa Attività. Attivare e disattivare un gateway Come impostazione predefinita, un gateway è attivato nel sito. Per disattivare un gateway togliere il segno di spunta all'opzione Attiva 2X Secure Client Gateway in farm nella scheda Proprietà. 97

107 Attivare o disattivare un gateway nel sito Configurare la porta 2X Secure Client Gateway Come impostazione predefinita il gateway è in ascolto della porta TCP 80 per incanalare il traffico di 2X ApplicationServer XG. Per cambiare porta selezionare la scheda Rete e indicare una nuova porta nel campo d'immissione Porta 2X Secure Client Gateway. 98

108 Configurazione delle porte del gateway e del supporto thin client Porta RDP La porta TCP 3389 si usa con 2X Load Balancer per client che richiedono sessioni di desktop con bilanciamento del carico basilari. Le connessioni su questa porta NON supportano elementi pubblicati. Per cambiare porta RDP su un gateway, selezionare la scheda Rete, spuntare l'opzione Porta RDP e indicare una nuova porta. Nota: Se questa porta viene cambiata, gli utenti devono aggiungere il numero di porta alla loro stringa di connessione nel client per desktop remoto (ad es. [indirizzo ip]:[porta]). Configurare thin client e 2XOS Support Nota: Solo gateway in modalità normale supportano thin client e avvio di rete. Per configurare un gateway per la gestione di thin client e per consentirgli l'avvio di rete usando 2XOS, spuntare l'opzione Abilita supporto Thin Client nella scheda Rete delle proprietà del gateway, come illustrato dallo screenshot qui sopra. In questa sezione si possono anche configurare le seguenti opzioni: Timeout TFTP: Il valore predefinito è di 20 secondi. Se si verificano timeout, aumentare questo valore. Abilita proxy DHCP: Se questa opzione è abilitata, il gateway ascolta la porta 67 per le trasmissioni thin client e quando le riceve fornisce il build 2XOS configurato al thin client. 99

109 Abilitare la crittografia SSL su 2X Secure Client Gateway Il traffico tra gli utenti e il gateway è sempre criptato. Per abilitare il gateway HTML 5 e criptare il traffico HTTP quando il gateway è abilitato usando un certificato autofirmato, seguire la procedura qui sotto: 1. Andare alla scheda SSL/TLS nelle proprietà del gateway. 2. Spuntare l'opzione Attiva SSL su porta e configurare un numero di porta (quello predefinito è 443). 3. (Opzionale) Spuntare l'opzione Autorizza solo SSL v3 per consentire solo connessioni SSL v3. Come impostazione predefinita 2X Secure Client Gateway supporta sia la versione SSL 2 sia la versione SSL (Opzionale) Spuntare l'opzione Autorizza solo crittografie solide per consentire solo l'uso di certificati che impiegano algoritmi di crittografia solidi. 5. Fare clic su Genera nuovo certificato e immettere i dettagli richiesti. Nota: Per abilitare SSL usando un certificato di un'autorità attendibile, seguire la procedura qui sotto Error! Reference source not found.. 6. Fare clic su Salva per salvare tutti i dettagli e generare un nuovo certificato autofirmato. Il File chiave privata e il File certificato verranno automaticamente compilati. 7. Fare clic su OK per salvare le opzioni. Abilitare il supporto SSL/TLS su un gateway Nota: Come impostazione predefinita la connessione tra il gateway e i server è crittografata. Cambiare la modalità di connessione in Modalità SSL gateway nelle proprietà di connessione su tutti i client 2X per crittografare anche la connessione tra utenti e gateway. 100

110 Usare un certificato di un'autorità attendibile per SSL Per usare un certificato di un'autorità attendibile per abilitare SSL su un 2X Secure Client Gateway, seguire le istruzioni qui sotto: 1. Andare alla scheda SSL/TLS nelle proprietà del gateway. 2. Fare clic su Genera richiesta certificato, immettere tutti i dettagli richiesti e fare clic su Salva. Configurare i dettagli del certificato SSL 3. Quando si termina, si apre una finestra con la richiesta di certificato, come illustrato nello screenshot qui sotto. Fare clic su Copia per copiare la richiesta da spedire all'autorità del certificato. Richiesta di certificato generata 101

111 4. Quando si riceve il certificato SSL dall'autorità del certificato, fare clic su Importa chiave pubblica, cercare il file del certificato che contiene la chiave pubblica e fare clic su Apri. 5. Fare clic su OK per salvare le impostazioni. Abilitare il supporto HTML 5 sul gateway Requisiti: Per abilitare il supporto HTML 5 su un gateway si deve abilitare e configurare SSL/TLS. Per abilitare il supporto HTML 5 su un gateway spuntare l'opzione Abilita connettività HTML 5 nella sezione Servizi della scheda HTML 5. Nella stessa sezione è possibile anche configurare la Porta usata dal gateway per connettersi al modulo HTML 5. Configurare le opzioni HTML 5 su un gateway Configurare le funzionalità dell'utente della connessione HTML 5 Nella sezione Connessioni della scheda HTML 5 è possibile configurare le funzionalità dell'utente quando è connesso alla sessione HTML 5. Le opzioni configurabili nel menu a discesa Modalità sono: Consenti connessione solo a questo gateway Selezionare questa opzione affinché gli utenti possano accedere ad una connessione a questo gateway solo dall'interfaccia HTML 5. Spuntare l'opzione Crea automaticamente connessione predefinita per rendere già disponibile la connessione al gateway nell'interfaccia HTML

112 Consenti modifica delle connessioni 2X Selezionare questa opzione per consentire agli utenti di creare nuove connessioni a altri gateway o modificare connessioni esistenti dall'interfaccia HTML 5. Consenti modifica delle connessioni 2X e RDP Selezionare questa opzione per consentire agli utenti di creare nuove connessioni a altri gateway o modificare connessioni esistenti, ed anche consentire loro di creare nuove connessioni RDP dall'interfaccia HTML 5. Accedere all'interfaccia HTML 5 Per connettersi all'interfaccia HTML 5 di un gateway e accedere a risorse pubblicate, usare un browser con funzionalità HTML 5 e connettersi al seguente URL: https://[hostname]/2xhtml5gateway/ Cambiare la modalità del gateway e le impostazioni di inoltro Per cambiare la modalità del gateway da Normale a Inoltra o viceversa e configurare le relative impostazioni, selezionare la scheda Avanzate nelle proprietà del gateway. Configurare le opzioni avanzate del gateway Modalità normale Selezionare Inoltra richieste a 2X Publishing Agent e server HTTP per impostare il gateway in modalità normale. Da questa scheda è anche possibile configurare il server HTTP e 2X Publishing Agent ai quali il gateway inoltra richieste con i menu a discesa Server HTTP e 2X Publishing Agent. 103

113 Modalità Inoltro Selezionare Inoltra richieste al prossimo 2X Secure Client Gateway in catena (firewall in cascata) per impostare il gateway in modalità Inoltro. Selezionare il gateway di inoltro nel menu a discesa Inoltro di 2X Secure Client Gateway. Gestire multipli indirizzi IP su un gateway Se il gateway ha multipli indirizzi, è possibile configurare il gateway per l'ascolto e l'ottimizzazione della connessione su un singolo indirizzo IP nella sezione Indirizzo IP della scheda Avanzate illustrata nello screenshot qui sopra. Supporto per Wyse Thin Client OS Per pubblicare applicazioni da 2X ApplicationServer XG ai thin client usando Wyse ThinClient OS, spuntare l'opzione Attiva supporto Wyse ThinOS nella scheda Wyse delle proprietà del gateway. Configurare un gateway per supportare WYSE Thin Client OS Abilitando questa opzione 2X Secure Client Gateway fungerà da Wyse broker. Una volta che il server DHCP è configurato come spiegato nella scheda, fare clic sul pulsante Test per verificare le impostazioni del server DHCP. 104

114 Filtrare l'accesso a 2X Secure Client Gateway È possibile consentire o negare agli utenti l'accesso a un gateway in base agli indirizzi MAC. Per configurare un elenco di indirizzi MAC ammessi o negati, andare alla scheda Protezione nelle proprietà del gateway. Le opzioni sono: Autorizza tutti tranne: se questa opzione è abilitata, a tutti i dispositivi della rete sarà consentito connettersi al gateway, tranne quelli presenti in questo elenco. Autorizza solo: se questa opzione è abilitata, solo agli indirizzi MAC nell'elenco sarà consentito connettersi al gateway. Varie impostazioni del gateway Limitare l'accesso al gateway tramite gli indirizzi MAC Trasmetti indirizzo gateway L'opzione Trasmetti indirizzo 2X Secure Client Gateway nella scheda Rete delle proprietà del gateway si può usare per attivare la trasmissione dell'indirizzo del gateway, di modo che i 2X client possano trovare automaticamente il loro gateway primario. Configurare l'ascolto dell'indirizzo IP Se il server su cui si trova 2X Secure Client Gateway ha multipli indirizzi IP, come impostazione predefinita il gateway ascolterà tutti gli indirizzi IP. Per configurare il gateway all'ascolto di uno specifico indirizzo IP, selezionare l'indirizzo IP nel menu a discesa Vincola gateway al seguente IP che si trova nella scheda Avanzate delle proprietà del gateway. 105

115 Regole di tunnelling del gateway Introduzione Le regole di tunnelling si possono usare per un carico bilanciato delle connessioni assegnando un gruppo di server terminal a uno specifico 2X Secure Client Gateway o 2X Secure Client Gateway IP. Le regole di tunnelling si possono configurare nella scheda Regole del nodo Gateway. Queste regole si usano quando viene stabilita una connessione RDP nativa verso il gateway. Configurare le regole di tunnelling Configurare le regole di tunnelling La regola <Default> è una regola preconfigurata ed è sempre l'ultima regola per raccogliere tutti gli IP dei gateway non configurati e per il caricamento bilanciato delle sessioni tra tutti i server del farm. Si può configurare la regola <Default> facendo clic su Proprietà nella scheda Regole. Aggiungere una nuova regola di tunnelling Per aggiungere una nuova regola seguire la procedura qui sotto: 1. Nel menu a discesa Attività fare clic su Aggiungi. 2. Selezionare un IP gateway nel menu a discesa Seleziona IP gateway. 3. Indicare a quale server o a quali server terminal vanno inoltrati gli utenti che si connettono a quello specifico IP gateway. Le opzioni sono: tutti i server, gruppo di server o singolo server oppure un gruppo di singoli server. 106

116 Configurare una nuova regola di tunnelling Gestire le regole di tunnelling Per modificare una regola di tunnelling esistente, evidenziare il nome della regola e fare clic su Proprietà nel menu a discesa Attività. Per eliminare una regola di tunnelling, evidenziare il nome della regola e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. 107

117 2X Backup Server Introduzione Per assicurarsi che gli utenti non debbano subire interruzioni del servizio per via di errori del 2X Publishing Agent primario, si può configurare un server Publishing Agent di backup per ogni sito nel farm 2X ApplicationServer XG. Aggiungere un server di backup 2X Per aggiungere un server di backup ad un sito seguire la procedura seguente: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console e andare al nodo Server di backup nell'albero di spostamento. Configurare server di backup per un sito 2. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività per lanciare la procedura guidata per il server di backup. Indicare l'indirizzo IP del server che sarà il nuovo server di backup. 3. Nel secondo passo della procedura guidata viene chiesto di installare il servizio 2X Backup Server sul server di destinazione, a meno che non sia già installato. Fare clic su Installa per installare il servizio di backup. 108

118 Nota: Se il server viene attualmente usato per qualche altro ruolo, al posto dell'installazione sarà disponibile l'opzione di acquisizione. Se si vuole acquisire il server per usarlo come server di backup, fare clic sul pulsante Acquisisci. 4. Nel dialogo Installazione in corso di 2X Redundancy Service evidenziare il nome del server su cui va installato 2X Agent. 5. (Opzione) Spuntare l'opzione "Ignora credenziali di sistema" per indicare ed usare credenziali diverse per connettersi al server e installare 2X Agent, come illustrato nello screenshot qui sotto. Installare 2X Redundancy Service 6. Fare clic su Installa per installare l'agente e poi fare clic su Fine quando l'installazione è riuscita. 7. Fare clic su OK per aggiungere il server al farm. Gestire i server di backup Abilitare o disabilitare i server di backup Per abilitare o disabilitare un server di backup in un sito, evidenziare il nome del server nel nodo Server di backup dell'albero di spostamento e spuntare o togliere la spunta alla casella accanto al nome del server. Cambiare le priorità del server di backup A ogni server di backup nell'elenco viene data una priorità. Come impostazione predefinita, al 2X Publishing Agent locale viene data la priorità Master, che non può essere cambiata. Per cambiare la priorità di altri server di backup nel farm, evidenziare il nome del server e usare i pulsanti Sposta su e Sposta giù per assegnare la priorità corretta. 109

119 Promuovere un server di backup a server master Se il server primario non può essere recuperato, si può promuovere un 2X Backup Server a Master Server seguendo la procedura qui sotto: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console sul server che si vuole promuovere. (tutti i file richiesti sono automaticamente installati quando un server viene aggiunto come server di backup) 2. Aprire la categoria Farm e andare al nodo Server di backup, evidenziare il nome del server e nel menu a discesa Attività fare clic su Promuovi backup a master, come illustrato nello screenshot qui sotto. Promuovere un server di backup a master 3. Al termine del processo fare clic su OK. Eliminare server di backup Per eliminare un server di backup evidenziare il nome del server e fare clic sul pulsante Elimina o premere il tasto CANC sulla tastiera. 110

120 Bilanciamento del carico Introduzione 2X Load Balancer ha il compito di bilanciare le connessioni RDS e host VDI effettuate da 2X ApplicationServer XG Client. Esistono 2 metodi di bilanciamento del carico disponibili: Basato sulle risorse Round Robin Il bilanciamento del carico basato sulle risorse distribuisce le sessioni ai server in base al grado di impegno dei server. Quindi una nuova sessione entrante viene sempre reindirizzata al server meno impegnato. Il bilanciamento del carico Round Robin reindirizza le sessioni in ordine sequenziale. Ad esempio, la prima sessione viene reindirizzata al server 1, la seconda sessione viene reindirizzata al server 2 e la terza sessione viene di nuovo reindirizzata al server 1 quando ci sono due server terminal nel farm. I due metodi vengono spiegati in questo capitolo. Le opzioni di bilanciamento del carico si possono configurare nella categoria Bilanciamento carico nella barra di navigazione. 111

121 Categoria Bilanciamento carico Bilanciamento del carico basato sulle risorse Abilitare il bilanciamento del carico basato sulle risorse Il bilanciamento del carico è abilitato come impostazione predefinita quando nel sito è disponibile più di un server. Il bilanciamento del carico basato sulle risorse è il metodo predefinito. Per tornare dal bilanciamento Round Robin al bilanciamento basato sulle risorse selezionare Basato risorse nel menu a discesa Metodo. Configurare i contatori di risorse Il bilanciamento del carico basato sulle risorse impiega l'elenco sottostante di contatori per determinare se un server è più impegnato di un altro o degli altri e viceversa: Sessioni utenti: reindirizza gli utenti ad un server con il numero minore di sessioni Memoria: reindirizza gli utenti ad un server con il miglior rapporto di RAM libera/usata CPU: reindirizza gli utenti ad un server con il miglior rapporto di tempo CPU libero/usato Quando tutti i contatori sono abilitati, 2X LoadBalancer somma i rapporti dei contatori e reindirizza la sessione al server con il rapporto combinato più favorevole. 112

122 Per rimuovere un contatore dall'equazione, togliere la spunta dalla casella accanto al nome del contatore nella sezione Contatori. Per aggiungerlo di nuovo all'equazione, rimettere la spunta alla casella. Bilanciamento del carico Round Robin Il bilanciamento del carico Round Robin reindirizza le sessioni in ordine sequenziale. Ad esempio, con 2 server RDS nel farm, la prima sessione viene reindirizzata al server 1, la seconda sessione viene reindirizzata al server 2 e la terza sessione viene reindirizzata di nuovo al server 1. Abilitare il bilanciamento del carico Round Robin Per abilitare il bilanciamento del carico Round Robin selezionare Round robin nel menu a discesa Metodo nella sezione Bilanciamento carico. Impostazioni avanzate di bilanciamento del carico Gestione della sessione Riconnettere sessioni disconnesse Abilitare l'opzione Riconnetti a sessioni disconnesse nella scheda Bilanciamento carico per reindirizzare le sessioni di utenti in arrivo verso una sessione precedentemente disconnessa dello stesso utente. Riconnettere sessioni usando solo l'indirizzo IP client Quando riconnette ad una sessione disconnessa, 2X ApplicationServer XG confronterà il nome dell'utente che richiede la riconnessione al nome dell'utente della sessione disconnessa, allo scopo di combinare le sessioni. Con questa opzione abilitata, 2X ApplicationServer determinerà a quale sessione disconnessa va riconnessa la sessione confrontando l'ip della sorgente. Numero limite di sessioni per utenti Abilitare questa opzione per assicurare che lo stesso utente non apra multiple sessioni. Configurare la connessione dei server e il test del tempo di attività Per evitare che vengano inviate connessioni a un server RDS che non risponde, 2X ApplicationServer XG controlla frequentemente che l'agente server terminal stia ancora rispondendo. Si possono configurare gli intervalli di tempo di tali test facendo clic sul pulsante Configura in basso sulla scheda Bilanciamento carico. Le opzioni sono: Dichiara agente TS morto se non risponde: indicare il numero di secondi necessari affinché un server che non risponde venga dichiarato morto e venga escluso dal bilanciamento del carico. Tempo aggiornamento agente TS: indica il numero di secondi necessari affinché 2X ApplicationServer XG controlli se l'agente server terminal è raggiungibile. Escludere un processo dal contatore CPU Per escludere un processo di modo che non influisca sul rapporto di tempo libero/usato della CPU su un server seguire la procedura qui sotto: Fare clic sul pulsante Configura in basso tra le opzioni di Bilanciamento carico. Spuntare l'opzione Abilita bilanciamento del carico CPU e fare clic su Elenco esclusioni. 113

123 Escludere un processo dal bilanciamento del carico Fare clic su Aggiungi per selezionare un processo dall'elenco di processi in esecuzione. In alternativa si può indicare un nome di processo nel campo d'immissione Immettere un nome di processo in basso nella finestra di dialogo. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Elabora elenco esclusioni o Aggiungi per aggiungere altri processi. Per rimuovere un processo dall'elenco dei processi esclusi evidenziare il processo e fare clic su Rimuovi. 114

124 2X Universal Printing Introduzione Il reindirizzamento della stampante consente agli utenti, che sono connessi ad un desktop remoto o che accedono ad un'applicazione pubblicata, di stampare sulla loro stampante installata localmente. 2X Universal Printing semplifica il processo di stampa e risolve la maggior parte dei problemi di driver della stampante perché non richiede che il server abbia un driver di stampante per la stampante dell'utente installata localmente. Quindi un utente può sempre stampare indipendentemente dal tipo e marchio di stampante installata sul computer e l'amministratore non deve installare un driver di stampante per ogni stampante nella rete. Configurare Universal Printing Gestire i server 2X Universal Printing Come impostazione predefinita il driver 2X Universal Printing viene installato automaticamente con gli agenti server terminal, guest VDI e PC remoto. Quindi quando si aggiunge un server al farm viene installato anche 2X Universal Printing. Il driver di 2X Universal Printing è disponibile nei formati 32 e 64 bit. 115

125 Abilitare e disabilitare il supporto 2X Universal Printing Per abilitare e disabilitare il supporto di 2X Universal Printing per un particolare server seguire la procedura sottostante: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console e selezionare la categoria Universal Printing. 2. Evidenziare il nome del server che si vuole modificare nell'elenco Server in sito e fare clic su Abilita per abilitare il supporto di 2X Universal Printing o Disabilita per disabilitarlo nel menu a discesa Attività. Configurare un pattern di nome della stampante Come impostazione predefinita 2X ApplicationServer rinomina le stampanti usando il pattern seguente: %PRINTERNAME% for %USERNAME% by 2X. Quindi se un utente Robert che ha la STAMPANTE1 installata localmente si connette a un desktop remoto o a un'applicazione pubblicata, la sua stampante viene rinominata PRINTER1 for Robert by 2X. Per cambiare il pattern usato per rinominare le stampanti indicare un nuovo pattern nel campo d'immissione Pattern ridenominazione stampante che si trova in 2X ApplicationServer Console > nodo Universal Printing. Le variabili disponibili per rinominare le stampanti sono: %PRINTERNAME%: nome stampante lato client %USERNAME%: nome utente dell'utente connesso al server %SESSIONID%: ID sessione della sessione d'azione <2X Universal Printer>: Modalità legacy. Questo significa che apparirà e sarà usato un solo nome stampante, anche se un utente ha multiple stampanti installate localmente. In questa modalità la stampante virtuale non ha le stesse caratteristiche hardware della stampante locale. È anche possibile configurare un pattern di ridenominazione stampante diverso e specifico per ogni server, nelle proprietà del server. Nota: Le stampanti reindirizzate sono accessibili solo dall'amministratore e dall'utente che ha reindirizzato la stampante. Gestione caratteri I caratteri vanno incorporati, di modo che quando si stampa un documento con 2X Universal Printing, il documento venga copiato nello spooler locale del computer client per essere stampato. Se i caratteri non sono presenti sul computer client, la stampa non è corretta. Per controllare l'incorporamento dei caratteri all'interno di un processo di stampa usare la scheda Gestione caratteri e mettere/togliere la spunta dall'opzione Caratteri incorporati. 116

126 Opzioni caratteri incorporati Escludere caratteri dall'incorporamento Per escludere un tipo specifico di carattere dall'incorporamento, fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività nella sezione Escludi i seguenti caratteri dall'incorporamento e selezionare un carattere nell'elenco. Installare automaticamente caratteri su server e client Per installare automaticamente un tipo specifico di carattere su server e client fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività della sezione Caratteri autoinstallanti e selezionare i caratteri nell'elenco. Nota: Come impostazione predefinita i caratteri aggiunti all'elenco di caratteri autoinstallanti verranno esclusi dall'elenco di incorporamento, perché i caratteri vengono così installati sui client Windows e quindi non è necessario che vengano incorporati. Togliere la spunta all'opzione Escludi automaticamente carattere dall'incorporamento nella finestra di dialogo Seleziona carattere, di modo che il carattere non venga escluso dall'elenco di incorporamento. Reimpostare l'elenco dei caratteri esclusi sull'impostazione predefinita Per reimpostare l'elenco dei caratteri esclusi sull'impostazione predefinita fare clic su Reimposta su impostazione predefinita nel menu a discesa Attività. 117

127 2X Universal Scanning Introduzione Il reindirizzamento dello scanner consente agli utenti, che sono connessi ad un desktop remoto o che accedono ad un'applicazione pubblicata, di eseguire una scansione usando lo scanner collegato al computer client. 2X Universal Scanning impiega il reindirizzamento TWAIN per consentire ad ogni applicazione che impiega la tecnologia TWAIN di usare l'hardware collegato al dispositivo client per eseguire scansioni. Quando si usa 2X Universal Scanning non c'è bisogno di installare un driver di scanner sul server. Sul server viene mostrato un solo scanner, indipendentemente dal numero di utenti e di sessioni in uso sul server terminal. Gestire 2X Universal Scanning Opzioni di Universal Scanning Come impostazione predefinita il driver di 2X Universal Scanning viene installato automaticamente con gli agenti server terminal, guest VDI e PC remoto. Quindi quando si aggiunge un server al farm viene installato anche 2X Universal Scanning. 118

128 Nota: Il driver di 2X Universal Scanning è disponibile nei formati 32 e 64 bit. Attualmente sono supportate solo applicazioni a 32 bit. Abilitare e disabilitare il supporto 2X Universal Scanning Per abilitare e disabilitare il supporto di 2X Universal Scanning per un particolare server seguire la procedura sottostante: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console e aprire la categoria Universal Scanning nella barra di navigazione. 2. Evidenziare il nome del server che si vuole modificare e fare clic su Abilita per abilitare il supporto di 2X Universal Scanning o Disabilita per disabilitarlo nel menu a discesa Attività. Gestire applicazioni di scansione Aggiungere un'applicazione di scansione Le applicazioni che useranno la funzionalità Universal Scanning vanno aggiunte nella scheda Applicazioni di digitalizzazione, di modo che possano usare il driver Twain, rendendo più facile il compito di impostazione dell'amministratore. Seguire la procedura qui sotto per aggiungere un'applicazione all'elenco delle applicazioni di digitalizzazione: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console e poi aprire la categoria Universal Scanning. 2. Fare clic sulla scheda Applicazioni di digitalizzazione e poi fare clic su Aggiungi. 3. Cercare l'applicazione eseguibile e poi fare clic su Apri. Configurare applicazioni di digitalizzazione 119

129 Nota: Alcune applicazioni possono usare eseguibili diversi o multipli. Assicurarsi che tutti gli eseguibili usati vengano aggiunti all'elenco delle applicazioni di digitalizzazione. Eliminare un'applicazione di digitalizzazione Per eliminare un'applicazione di digitalizzazione dall'elenco, evidenziare il nome dell'applicazione e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. Nota: Eliminando un'applicazione dall'elenco delle applicazioni di digitalizzazione non si compromette l'installazione dell'applicazione. 120

130 Installare 2XOS e avviare la rete Introduzione 2XOS è un sistema operativo proprietario basato su Debian che si può installare in modalità autonoma su thin client o usare per avviare la rete. Offre RDP autonomo e la possibilità di connettersi a 2X ApplicationServer XG. Avviare in rete un dispositivo con 2XOS Per poter avviare in rete dispositivi con 2XOS sul farm 2X ApplicationServer XG seguire la procedura sottostante. 1. Configurare il supporto thin client su gateway Abilitare il supporto thin client sul gateway come spiegato alla sezione Configurare thin client e 2XOS Support a pagina 99. Nota: A meno che non si configuri DHCP manualmente, assicurare che l'opzione proxy DHCP sia abilitata. 2. Scegliere e installare il/i sistema operativo/i 2X richiesto/i Esistono 9 variazioni del sistema operativo che si possono suddividere in 3 categorie: versione Generico, Compatto e Hypervisor. Generico è il sistema operativo completo, mentre Compatto ha funzionalità limitate e va usato su dispositivi con specifiche basse. Le versioni Hypervisor vanno usate su specifici hypervisor ovvero VMWare, HyperV e VirtualBox. Le versioni Generico e Compatto presentano 3 revisioni; R3 va usata su chipset Intel, ATI, Nvidia, SiS e SiS Mirage. R2 va usata con chipset VIA Chrome9. R1 viene usato per chipset più vecchi come VIA Unichrome e Geode. Usare il sistema operativo che corrisponde al chipset del dispositivo. Se non si sa quale sia disponibile sul proprio dispositivo o se si è scelto quello sbagliato, OS comunicherà la revisione corretta da usare dopo che è stato avviato. Scegliere e aggiungere 2XOS Per scegliere e aggiungere una versione di 2XOS a 2X ApplicationServer XG seguire la procedura Rendere una versione di 2XOS disponibile per thin client a pagina 127. Il primo sistema operativo aggiunto sarà il SO predefinito, a meno che non sia cambiato. Configurare il gruppo thin client Controllare anche che il gruppo thin client <predefinito> sia configurato con autorizzazioni Consenti e che il metodo di avvio dell'hardware sia impostato su Avvio rete. Per maggiori informazioni sui gruppi thin client consultare la sezione Gruppi thin client a pagina Configurare il dispositivo e avviarlo Avviare il PC o il thin client e configurare le impostazioni del BIOS di modo che esegua un avvio di rete. Queste impostazioni possono variare da un dispositivo all'altro. Continuare ad 121

131 avviare il dispositivo; le informazioni sul dispositivo appaiono sulla pagina Dispositivi con lo stato attuale del dispositivo. Nota: Se si ha in programma di avviare in rete diversi dispositivi, si raccomanda di non avviare più di 50 dispositivi assieme, ma di configurare eventi di avvio automatico non sorvegliati tramite l'utilità di pianificazione. Installare 2XOS sull'archivio permanente di thin client o PC Esistono 2 modi diversi di installare 2XOS su un archivio permanente: 1. Masterizzare un CD con 2XOS ISO scaricato dal sito web 2X. Avviare il dispositivo dal CD e seguire le istruzioni del programma d'installazione dopo aver scelto l'opzione (programma d'installazione). Scegliere l'archivio dove installare 2XOS e procedere con l'installazione. 2. Seguire la procedura Avviare in rete un dispositivo con 2XOS e al passo 3 selezionare l'opzione Installa (sorvegliato). Procedere seguendo le istruzioni del programma d'installazione e scegliendo l'archivio in cui installare 2XOS. Menu d'installazione 2XOS 122

132 L'installazione di 2XOS su un archivio permanente cancella tutti i dati dell'archivio Specificare il metodo di formato da usare durante l'installazione di 2XOS 123

133 Installare 2XOS nell'archivio permanente Installazione di 2XOS riuscita e terminata 124

134 Installazione non sorvegliata di 2XOS sull'archivio permanente di thin client o PC Se si deve installare 2XOS sull'archivio permanente di più dispositivi, 2X ApplicationServer XG versione 11 e 2X OS 7.3 hanno un nuovo metodo di avvio chiamato Installa (Non sorvegliato). Quando viene selezionato, installa automaticamente 2XOS sul primo archivio permanente adatto a 2XOS. Nota: Quando si usa questa opzione, tutti i dati sul drive vengono sovrascritti senza avvertimento. Creare uno stick USB di avvio corrispondente al dispositivo Esistono 2 modi diversi di installare 2XOS su un archivio permanente: 1. Masterizzare un CD con 2XOS ISO scaricato dal sito web 2X. Avviare il dispositivo dal CD e seguire le istruzioni del programma d'installazione dopo aver scelto l'opzione (programma d'installazione). Scegliere il dispositivo USB dove installare 2XOS e procedere con l'installazione. 2. Seguire la procedura Avviare in rete un dispositivo con 2XOS e al passo 3 selezionare l'opzione Installa (sorvegliato). Procedere seguendo le istruzioni del programma d'installazione e scegliendo l'archivio in cui installare 2XOS. 125

135 Gestire dispositivi e thin client Introduzione Nella categoria Gestione Client della 2X ApplicationServer Console si possono vedere tutti i client connessi al sistema, e gestire e implementare componenti di 2X ApplicationServer per thin client con 2XOS. Si può anche limitare e imporre la configurazione di Windows 2X Client. Nota: Il modulo Client Manager è in grado di gestire client che usano computer con 2XOS v7.2 o successivo. Monitorare dispositivi Introduzione Nella scheda Dispositivi della categoria Gestione client si può avere una panoramica di tutti i client che si connettono a 2X ApplicationServer XG. Nella stessa scheda si possono anche cercare dispositivi che si connettono a 2X ApplicationServer XG, accendere e spegnere, riavviare e chiudere sessioni dei dispositivi con 2XOS usando la Barra strumenti dei dispositivi in basso. Per ogni dispositivo sono disponibili le seguenti informazioni: Nome Indirizzo IP Stato del dispositivo (maggiori informazioni sullo stato del dispositivo nella prossima sezione) Ultimo utente che ha usato il dispositivo Versione OS Stati del dispositivo I dispositivi e i thin client che si connettono a 2X ApplicationServer XG possono avere uno dei seguenti stati: Spento: Il dispositivo è spento Avvio: Il dispositivo si sta avviando Installazione: Il dispositivo si sta installando Connesso: Il dispositivo è connesso Registrato: Il dispositivo ha avuto accesso al sistema Riavvio: Il dispositivo è stato riavviato Autonomo: Il dispositivo si è precedentemente connesso a 2X ApplicationServer XG, ma non sta usando 2XOS, quindi non può essere gestito Necessita autorizzazione: Il dispositivo ha bisogno di autorizzazione per connettersi a 2X ApplicationServer Negato: Al dispositivo è stato negato l'accesso a 2X ApplicationServer Non supportato: Il dispositivo non è supportato da 2X ApplicationServer Senza licenza: Il dispositivo non ha licenza Errore: Il dispositivo è soggetto ad errori 126

136 Dispositivi elencati nella categoria Gestione client 2XOS Introduzione 2XOS è un sistema operativo proprietario basato su Debian che si può installare in modalità autonoma su thin client, offrendo RDP autonomo e la possibilità di connettersi a 2X ApplicationServer XG. Prima di aggiungere qualsiasi hardware (thin client) alla Gestione client per gestire e assegnare a un 2XOS, si devono configurare i build 2XOS che i thin client scaricheranno. Rendere una versione di 2XOS disponibile per thin client Per aggiungere un 2XOS a 2X ApplicationServer e renderlo disponibile a thin client, andare alla scheda 2XOS nella categoria Gestione client e fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività. Spuntare la casella accanto alla versione di 2XOS che si desidera scaricare e fare clic sul pulsante Aggiungi. Una volta scaricato, fare clic su Fine per aggiungerlo all'elenco dei sistemi operativi disponibili per i client. Se si è già scaricata una copia di 2XOS, fare clic sul pulsante Cerca verso il file zip 2XOS e fare clic su Apri per aggiungerlo all'elenco dei sistemi operativi disponibili. Quando si è terminato fare clic su Fine. 127

137 Aggiungere un 2XOS all'elenco dei sistemi operativi disponibili per i client Nota: È possibile scaricare una versione di 2XOS dalla pagina di download di 2XOS: Quando 2XOS è stato aggiunto a Elenco di sistemi operativi per thin client, può essere scaricato e usato da thin client in rete. Per configurare 2X ApplicationServer XG affinché supporti thin client consultare la sezione Configurare thin client e 2XOS Support a pagina 99. Configurare una versione di 2XOS come predefinita Andare alla scheda 2XOS nella categoria Gestione client, evidenziare il nome 2XOS e poi fare clic su Imposta predefinito nel menu a discesa Attività. Quindi se per un thin client non è stato configurato un 2XOS specifico, verrà usato il 2XOS predefinito. Aggiungere un thin client Per aggiungere manualmente un dispositivo che usi 2XOS seguire la procedura sottostante: 3. Andare alla scheda Dispositivi nella categoria Gestione client e fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività. 4. Nel primo passo della procedura guidata indicare l'indirizzo MAC del dispositivo. 5. Nel secondo passo della procedura guidata indicare quando segue: a. Nome host: Se non è indicato un nome host, viene automaticamente immesso un nome predefinito. Fare clic sul pulsante Risolvi hostname per usare l'hostname dell'ultimo IP conosciuto del dispositivo. b. Gruppo: Usare il gruppo < predefinito > se il dispositivo non fa parte di un gruppo particolare. Per maggiori informazioni sui gruppi thin client consultare la sezione Gruppi thin client a pagina

138 c. Autorizzazione: Selezionare Consentire per consentire al dispositivo di scaricare 2XOS. Selezionare Negare per non consentire al dispositivo di scaricare e avviare 2XOS. d. Descrizione: Indicare una descrizione semplice. Configurare un thin client come membro di un gruppo e le sue autorizzazioni 6. A partire dal terzo passo della procedura guidata si può scegliere di configurare manualmente le opzioni sottostanti specificamente per il dispositivo o di configurare il dispositivo per recuperare tali impostazioni dal gruppo a cui è stato unito. a. Hardware b. Auto Login c. Regionale d. Dispositivi di input e. Screen Saver f. Impostazioni desktop] g. Impostazioni browser h. Impostazioni client desktop remoto i. Modalità chiosco j. Elenco di applicazioni installate localmente k. Opzioni Shadowing l. Impostazioni predefinite RDP Nota: Per maggiori informazioni sulle impostazioni di cui sopra consultare la sezione Configurare opzioni per thin client in gruppo a pagina

139 7. Quando si è terminato, fare clic su Fine. Gruppi thin client Introduzione I gruppi thin client permettono di raggruppare alcuni thin client e di gestirli assieme. Quindi quando un thin client si avvia e diventa parte di un farm, 2X ApplicationServer XG proverà ad allocare il thin client in un gruppo e le impostazioni configurate in tale gruppo verranno ereditate dal thin client. Nota: Specifici dispositivi del gruppo possono venir configurati per ignorare le impostazioni ereditate dal gruppo. Se l'indirizzo MAC del thin client non corrisponde a nessun filtro MAC del gruppo, il thin client viene aggiunto al gruppo predefinito < Predefinito > che è configurato per acquisire tutti i dispositivi automaticamente. Creare un gruppo thin client Per creare un gruppo thin client seguire la procedura sottostante: 1. Andare alla scheda Gruppi nella categoria Gestione client e fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività. 2. Nella scheda Principale indicare quanto segue: a. Nome del gruppo b. Filtro MAC: Il filtro predefinito (??-??-??-??-??-??) va bene per tutti i dispositivi. Altro hardware ha un indirizzo MAC coerente, basato sull'hardware al suo interno. Indicare un carattere jolly basato sugli indirizzi MAC usati da modelli particolari per registrare automaticamente un range specifico di thin client nel gruppo. c. Autorizzazione: Selezionare Consentire nel menu a discesa, di modo che a tutti i thin client nel gruppo sia consentito avviarsi e connettersi a 2X ApplicationServer XG. Selezionare Negare per negare al gruppo di thin client di scaricare 2XOS e connettersi a 2X ApplicationServer XG. Se si seleziona Necessita autorizzazione, tutti i thin client registrati in questo gruppo richiedono il consenso o il rifiuto manuale dell'amministratore. Descrizione: Indicare una descrizione del gruppo semplice per l'utente. 130

140 Configurare nome, filtro MAC e autorizzazioni di un gruppo di thin client Configurare opzioni per thin client in gruppo Nel gruppo thin client si possono anche configurare diverse opzioni, come metodo di avvio, impostazioni regionali, dispositivi di input e altro. Tutte queste impostazioni verranno automaticamente ereditate da tutti i thin client del gruppo. Tutte queste opzioni sono elencate in questa sezione e sono accessibili quando si crea un nuovo gruppo o dalle proprietà del gruppo. Configurare opzioni di hardware, OS, opzioni di avvio e metodo Nella scheda Hardware si può configurare quanto segue: Produttore e Modello dei dispositivi nel gruppo dai loro rispettivi menu a discesa. Nota: Specificando un produttore e un modello non si deve configurare nessun parametro di avvio. Versione del Sistema operativo thin Client (OS) (2XOS) da usare. Configurazione avanzata e impostazioni d'interfaccia alimentazione (ACPI). Metodo di avvio: indicare se i thin client devono eseguire un avvio di rete o se installare il SO sul disco rigido del thin client e avviarlo da lì. Impostazioni di Avvio addizionale, come eseguire il SO in modalità debug, disabilitare dispositivi USB, ecc. con il pulsante Avanzate. Stampanti: indicare quale stampante va usata. Per maggiori informazioni su come aggiungere una stampante all'elenco consultare la sezione Configurare stampanti thin client a pagina 135. Imponi impostazioni display: fare clic sul pulsante Imponi impostazioni display per imporre le seguenti impostazioni per il display: o Driver scheda video 131

141 o Risoluzione o Profondità colore o Frequenza aggiornamento o Supporto per monitor secondario Suono: Abilita o disabilita il suono sui thin client. Abilita supporto terminal: - Come altri sistemi operativi Linux, 2XOS ha diversi terminal. Abilitando questa opzione con il pulsante Avanzate si consente agli utenti registrati di accedere a tali terminal e emettere comandi del sistema operativo attraverso di essi. Configurare opzioni di hardware per un gruppo di thin client Configurare opzioni di accesso automatico Si può imporre a tutti i thin client del gruppo di usare lo stesso nome utente e la stessa password e di accedere automaticamente a 2X ApplicationServer XG dalla scheda Auto Login. Configurare impostazioni regionali Fare clic sulla scheda Regionale per configurare le seguenti impostazioni regionali: Regione Nazione Lingua Configurare dispositivi di input Nella scheda Dispositivi di input si possono configurare le seguenti impostazioni: Modello del mouse, accelerazione e sensibilità Modello tastiera, disposizione, frequenza ripetizione e ritardo 132

142 Configurare lo Screen Saver Nella scheda Screen Saver si possono abilitare e disabilitare lo screen saver, il tempo di attesa dello screen saver e il blocco automatico del desktop. Configurare il desktop Nella scheda Desktop si possono configurare le seguenti opzioni (vedi manuale di 2XOS per maggiori informazioni sulle opzioni del desktop): Gestione desktop Colore di sfondo Testo sullo sfondo Supporto carattere Tipo di pannello Gestione Windows Configurare il browser Nella scheda Browser si può: Abilitare o disabilitare il browser su 2XOS Indicare il tipo di browser (Opera o Chromium) Abilitare il browser in modalità schermo intero Configurare il nome del browser, la homepage, le impostazioni proxy e i preferiti Configurare le opzioni del desktop remoto Nella scheda Desktop remoto si possono configurare i client del desktop remoto e le opzioni di connessione. È possibile configurare i seguenti client di desktop remoto: RDP VMWare View VNC Nota: Quando il dispositivo è configurato in modalità chiosco, la risoluzione dello schermo di tutti i clienti viene automaticamente impostata su schermo intero. Configurare thin client in modalità chiosco In modalità chiosco un'applicazione viene automaticamente avviata in modalità schermo intero una volta che l'utente accede. Dalla scheda Chiosco si può abilitare o disabilitare la modalità chiosco e indicare quali applicazioni vengono lanciate automaticamente. Le applicazioni che si possono lanciare in modalità chiosco sono: Browser RDP VMWare View VNC Configurare l'elenco delle applicazioni installate localmente Nella scheda Applicazioni locali si può indicare di abilitare o disabilitare le applicazioni elencate qui sotto in un SO gestito: Skype Adobe PDF Reader Accessori (come media player, calcolatore, editor, ecc.) 133

143 Configurare lo Shadowing Lo Shadowing consente all'amministratore di connettersi a distanza con i dispositivi gestiti, visualizzare e interagire con il desktop. Nella scheda Shadowing è possibile: Abilitare e disabilitare lo shadowing Abilitare e disabilitare l'interazione con il desktop Proteggere lo shadowing con password Abilitare l'autorizzazione di modo che l'utente sul client abbia l'opzione di autorizzare o meno una sessione shadowing. Configurare le impostazioni predefinite RDP Nella scheda RDP predefinito si possono configurare le impostazioni che il thin client usa per connettersi a 2X ApplicationServer XG o al desktop remoto RDP, se abilitato. Le opzioni disponibili sono: Connessione: Indica se l'utente su questo dispositivo deve connettersi a 2X ApplicationServer XG usando la modalità Gateway o Diretta usando SSL o no. Profondità colore Reindirizzamento: indica quali dispositivi su thin client vanno reindirizzati nella connessione a una sessione, come stampanti, unità di disco, ecc. Larghezza banda Opzioni multiple per il monitor (limitato a un solo monitor o estendere il desktop per tutti i monitor) Disabilitare o abilitare la compressione Non consentire o Consentire agli utenti di modificare impostazioni predefinite Configurare le impostazioni di connessione di 2X ApplicationServer XG per un gruppo di thin client 134

144 Nota: L'utente ha la possibilità di ignorare queste impostazioni se è abilitata l'opzione Consenti all'utente di modificare impostazioni predefinite. Configurare le opzioni thin client Per configurare un thin client che usa 2XOS, andare alla scheda Dispositivi nella categoria Gestione client, evidenziare il nome del thin client e fare clic su Proprietà nel menu a discesa Attività. Nelle proprietà del thin client si possono configurare tutte le impostazioni citate nella sezione Configurare opzioni per thin client in gruppi a pagina 131 di questo manuale. Se il thin client fa parte di un gruppo e eredita già tali opzioni, togliere la spunta all'opzione Usa impostazioni del gruppo dalla scheda e configurare le impostazioni necessarie per ignorare le impostazioni di gruppo. Configurare stampanti thin client Per consentire ai thin client di usare stampanti sia di rete sia locali connesse con porta parallela o USB, indicare le stampanti in Elenco delle stampanti thin client disponibili nella scheda Stampanti della categoria Gestione client. Indicando le stampanti in questa sezione, i loro driver vengono automaticamente caricati in 2XOS all'avvio. Aggiungere una stampante all'elenco Per aggiungere una stampante a Elenco delle stampanti thin client fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività e: Indicare un nome adattato alla stampante nel campo d'immissione Nome Selezionare il produttore della stampante nel menu a discesa Produttore Selezionare il driver della stampante nel menu a discesa Driver Selezionare il tipo di connessione nel menu a discesa Porta. Se è una stampante di rete, selezionare Rete e indicare l'indirizzo IP nel campo d'immissione Indirizzo di rete. Quando le impostazioni sono terminate fare clic su OK per aggiungere la stampante all'elenco. 135

145 Configurare una stampante per thin client Assegnare una stampante o più stampanti a thin client o a un gruppo Per assegnare una stampante o più stampanti a un thin client o a un gruppo seguire la procedura sottostante: 1. Accedere alle proprietà del thin client o del gruppo 2. Fare clic sulla scheda Hardware 3. Fare clic sul pulsante Cerca (...)accanto all'opzione Stampanti 4. Selezionare una o più stampanti nell'elenco e fare clic su Aggiungi 136

146 Aggiungere stampanti a un thin client o a un gruppo Configurare un'intestazione di accesso personalizzata a 2XOS È possibile configurare un'intestazione di accesso personalizzata a 2XOS nella scheda Intestazione della categoria Gestione client. Fare clic sull'opzione Intestazione personalizzata e sul pulsante Cambia intestazione personalizzata per selezionare l'intestazione personalizzata. Fare clic sull'opzione Intestazione predefinita per riattivare l'intestazione predefinita di accesso 2X. Pianificare accensione, spegnimento e riavvio automatici di thin client Introduzione Nella scheda Unità di pianificazione della categoria Gestione client si possono pianificare l'accensione, lo spegnimento e il riavvio automatici di un thin client o di un gruppo di thin client. Aggiungere una nuova pianificazione Per aggiungere una nuova pianificazione seguire la procedura sottostante: 1. Fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività e abilitare l'opzione Abilitare la seguente informazione di pianificazione 2. Selezionare l'azione nel menu a discesa Azione. Le azioni disponibili sono: a. Accendi Thin Client b. Esci da Thin Client c. Spegni Thin Client d. Riavvia Thin Client e. Accendi gruppo di Thin Client f. Esci da gruppo di Thin Client g. Spegni gruppo di Thin Client h. Riavvia gruppo di Thin Client 3. A seconda dell'opzione di azione, selezionare un Thin Client o un gruppo nel menu a discesa Destinazione. 4. Indicare la data e l'ora d'inizio dell'azione nelle opzioni Avvia e Ora. 5. Se si desidera che la pianificazione venga ripetuta, indicare la frequenza nel menu a discesa Ripeti. Le opzioni sono: a. Mai b. Ogni giorno c. Ogni settimana d. Ogni 2 settimane e. Ogni mese f. Ogni anno 6. Indicare una descrizione adatta della pianificazione nel campo d'immissione Descrizione e fare clic su Ok quando la pianificazione è stata configurata correttamente. 137

147 Gestire le pianificazioni Pianificare la manutenzione di Thin Client o gruppi Modificare una pianificazione esistente Per modificare una pianificazione esistente evidenziare il nome della pianificazione in Elenco pianificazioni e fare clic su Proprietà nel menu a discesa Attività. Abilitare o disabilitare una pianificazione Per abilitare o disabilitare una pianificazione spuntare la casella accanto al nome della pianificazione o spuntare l'opzione Abilitare la seguente informazione di pianificazione nelle proprietà dell'unità di pianificazione. Per disabilitare la pianificazione togliere la spunta alle opzioni. Eseguire una pianificazione Per eseguire una pianificazione senza attendere l'ora configurata, evidenziare il nome della pianificazione in Elenco pianificazioni e fare clic su Esegui ora nel menu a discesa Attività. Eliminare una pianificazione Per eliminare una pianificazione evidenziare il nome della pianificazione e fare clic su Elimina nel menu a discesa Attività. Gestire le impostazioni 2X Client Introduzione Nella scheda 2X Client Management della categoria Gestione client si possono gestire i criteri d'impostazione per 2X Client per tutti gli utenti in rete che si connettono a qualsiasi server del farm. Aggiungendo criteri 2X Client si possono raggruppare i client e imporre diverse impostazioni e opzioni 2X Client agli utenti. Nota: Questi criteri si applicano solo a 2X Client installati su Windows (compresi Windows CE e XP Embedded). In questa opzione non è necessario usare le licenze dei dispositivi. 138

148 Aggiungere un nuovo criterio a 2X Client Per aggiungere un nuovo criterio a 2X Client seguire la procedura sottostante: 1. Andare alla scheda 2X Client Management nella categoria Gestione client e fare clic su Aggiungi nel menu a discesa Attività. 2. Indicare un Nome politica. 3. Indicare a quali utenti o gruppi si applica la politica client nella sezione Utenti e gruppi selezionando una modalità di ricerca nel menu a discesa Modo naviga e facendo clic su Aggiungi. Nota: La modalità preferita di navigazione è Identificatore sicuro. Altre opzioni vanno usate solo per compatibilità con le versioni precedenti. (Opzionale) Configurare criteri per la politica client Come impostazione predefinita una politica client si applica agli utenti e gruppi configurati in tutte le situazioni. Si può configurare un criterio in modo tale che la politica si applichi solo quando il criterio corrisponde. I criteri consentono di creare diverse politiche per lo stesso utente che verranno applicate a seconda di dove si connette l'utente e da quale dispositivo. Per creare un nuovo criterio seguire la procedura sottostante: 4. Fare clic sulla scheda Criteri. 5. Indicare un elenco di gateway ai quali l'utente i connesso o non connesso nella sezione Gateway. 6. Indicare un elenco di indirizzi MAC che corrispondono o non corrispondono agli indirizzi MAC dell'utente indicati nell'elenco della sezione Indirizzo MAC. Configurare le proprietà e opzioni della connessione 7. Spuntare il nodo Proprietà connessione per indicare quale delle opzioni escludere o imporre agli utenti 2X Client. 8. Spuntare il nodo Opzioni per indicare quale delle opzioni escludere o imporre agli utenti 2X Client. 139

149 Configurare i criteri 2X Client per gestire 2X Client Per maggiori informazioni su 2X Client, Proprietà della connessione e Opzioni consultare il Manuale 2X Client disponibile online sulla pagina della documentazione 2X; 140

150 Reporting Introduzione Per generare report di 2X ApplicationServer si deve usare l'applicazione eg Innovations di un provider esterno. eg Innovations è disponibile ad un costo addizionale. L'integrazione per i report si può configurare nel nodo Reporting nella 2X ApplicationServer Console. Integrare il motore di creazione report eg Innovations Configurare la connessione Per integrare 2X ApplicationServer con il motore di creazione report eg Innovations seguire la procedura sottostante: 1. Aprire 2X ApplicationServer Console e fare clic sul nodo Reporting nella barra di navigazione. 2. Selezionare eg Innovations nel menu a discesa Motore di creazione report. 3. Indicare il server e la porta di eg Innovations nei rispettivi campi d'immissione. 4. (Opzionale) Abilitare l'opzione Usa connessione SSL per crittografare la comunicazione tra il server del motore di creazione report e gli agenti. 5. (Opzionale) Abilitare l'opzione Consenti solo certificati attendibili per imporre l'uso di soli certificati attendibili e non accettare altri tipi di certificati, come certificati autofirmati. 141

151 Configurare l'integrazione di eg Innovations per 2X Reporting Configurare gli agenti di reporting Quando la connessione tra 2X ApplicationServer e il server eg Innovations è stata stabilita, si devono scaricare e installare gli agenti sui server. Per farlo, seguire la procedura sottostante: 1. Fare clic sul pulsante Download nella scheda Motore di creazione report per scaricare i più recenti eg Agent. 2. Quando gli agenti sono stati scaricati, si passa automaticamente alla scheda Impostazione eg Agent nella quale si può vedere l'elenco degli agenti disponibili. 142

152 Scaricare eg Agent nella scheda Impostazione eg Agent 3. Tornare alla scheda Motore di creazione report e fare clic su Gestisci eg Agent per componenti 2X per avviare l'installazione degli agenti sul server. Gestione di eg Agent 143

153 4. Spuntare i nomi dei server su cui si vogliono installare gli agenti di report e fare clic su Installa agenti. Nota: Il processo di installazione degli agenti di reporting è uguale al processo d'installazione di 2X Agent. Nota: Solo i server con agenti 2X Terminal Server installati possono essere gestiti per eg Agent. Altrimenti i server non sono elencati. Maggiori informazioni Per maggiori informazioni sull'integrazione tra 2X ApplicationServer e il motore di creazione report eg Innovations consultare il seguente URL: 144

154 Impostazioni di connessione e autenticazione Impostazioni di connessione di 2X Publishing Agent Alle impostazioni di connessione di 2X Publishing Agent si può accedere dalla categoria Connessione presente nel menu del sistema. Configurare le impostazioni di autenticazione di Publishing Agent Imporre l'autenticazione Come impostazione predefinita tutti gli utenti devono autenticare la connessione con 2X ApplicationServer XG prima di accedere a qualsiasi desktop o applicazione pubblicati. Questa richiesta di autenticazione si può disabilitare disabilitando l'opzione Richiedi sempre credenziali utente per elenco applicazioni nella scheda Autenticazione. Configurare l'autenticazione Quando l'autenticazione è imposta, si può anche configurare 2X ApplicationServer XG affinché autentichi gli utenti per un dominio specifico con l'immissione del nome del dominio nel campo d'immissione Dominio. In alternativa si può usare il pulsante Cerca per selezionare un dominio o un gruppo di lavoro disponibile in rete. 145

155 Nota: Se l'opzione Usa dominio client se specificato è disabilitata, il nome del dominio indicato dall'amministratore sarà automaticamente inserito in 2X Client. Raccomandazione: Dopo aver cambiato nomi di dominio o per altre modifiche relative all'autenticazione, fare clic sul pulsante Cancella ID sessioni in cache. Autenticazione per più domini Se gli utenti che si connettono a 2X ApplicationServer XG sono archiviati in domini diversi all'interno di una foresta, spuntare l'opzione Tutti i domini attendibili. Autenticazione per utenti senza dominio Per autenticare sessioni di utenti indicati su un computer autonomo, si deve immettere [workgroup_name] / [machine_name] al posto del nome del dominio. Ad esempio, se si vogliono autenticare utenti per un elenco di utenti locali su un computer chiamato SERVER1 che fa parte del gruppo di lavoro WORKGROUP, immettere quanto segue nel campo del dominio: WORKGROUP/SERVER1. Autenticazione di secondo livello Configurando un secondo livello di autenticazione si fornisce un livello più alto di sicurezza. Come funziona Gli utenti dovranno autenticarsi in due passaggi successivi per poter accedere alla loro rete. Mentre il primo livello di autenticazione usa l'autenticazione nativa (Active Directory / LDAP), il secondo livello di autenticazione si può fornire usando uno dei seguenti server: Server di autenticazione Deepnet Server Safenet Server Radius Il secondo livello di autenticazione è più sicuro perché rispetto all'autenticazione di primo livello invece di usare nome utente e password standard, usa un nome utente statico e una password monouso generata da un token. L'autenticazione di secondo livello si può configurare nella scheda Autenticazione di secondo livello della categoria Connessione. Configurare il server di autenticazione Deepnet Per maggiori informazioni su come configurare l'integrazione tra il server di autenticazione Deepnet e 2X ApplicationServer XG consultare il manuale per l'utente Working with Deepnet disponibile su link. Configurare il server Safenet Per maggiori informazioni su come configurare l'integrazione tra il server di autenticazione Safenet e 2X ApplicationServer XG consultare il manuale per l'utente Working with Safenet disponibile su link. Configurare il server Radius Per maggiori informazioni su come configurare l'integrazione tra il server di autenticazione Radius e 2X ApplicationServer XG consultare il manuale per l'utente Working with Radius disponibile su link. 146

156 Limitare l'accesso con numero di build OS Nella scheda Dispositivi consentiti si può configurare quale versione deve eseguire il software client per poter accedere al sistema. Per limitare queste regole, abilitare l'opzione Consenti connessione solo da questi client. Per abilitare o disabilitare un client specifico, spuntare o togliere la spunta alla casella accanto al suo nome. Per modificare il numero di build, evidenziare il nome di client nell'elenco e selezionare Modifica nel menu a discesa Attività. Abilitando questa opzione il numero di build del software client verrà controllato e se è inferiore a quello configurato, al client verrà visualizzato un errore, come illustrato nello screenshot sottostante. Errore ricevuto dal client che usa un build più vecchio di quello configurato 147

157 Gestire 2X ApplicationServer XG Introduzione 2X ApplicationServer XG presenta anche diverse funzionalità che consentono di monitorare l'attività nel farm e configurare le notifiche del sistema e diverse altre opzioni. Stato di 2X ApplicationServer XG Nella scheda Informazioni locali della categoria Informazioni si può avere una panoramica dei servizi di 2X ApplicationServer XG presenti sul server cui si ha avuto accesso. È possibile anche avere una panoramica dei server sul sito cui si ha avuto accesso, delle sessioni e altro nella scheda Informazioni sito. Scheda Informazioni sito Configurare contatori di monitoraggio e avvisi Configurare i contatori di monitoraggio Nella scheda Notifica della categoria Amministrazione si possono abilitare, disabilitare e configurare diversi contatori di notifica, di modo che quando scattano gli amministratori 148

158 vengano avvisati per . Queste impostazioni si applicano a tutti i server del farm. Si può configurare il seguente tipo di monitoraggio: L'utilizzo della CPU su un server è superiore alla quantità configurata L'utilizzo della memoria su un server è superiore alla quantità configurata Il numero di sessioni connesse a un server è superiore alla quantità configurata Il numero di sessioni disconnesse è superiore alla quantità configurata 2X Terminal Server Agent si è disconnesso o riconnesso al farm Configurare i contatori di monitoraggio Configurare la connessione del server SMTP per notifiche del sistema via Quando i contatori di monitoraggio sono stati configurati, vanno configurati i dettagli della connessione del server SMTP nella scheda Impostazioni cassetta postale, di modo che il sistema possa inviare quando è azionato il contatore di monitoraggio. Sotto c'è un elenco di impostazioni che vanno configurate nella scheda Impostazioni cassetta postale, di modo che il server possa inviare Indirizzo mittente IP o FQDN server SMTP Disabilita o abilita la comunicazione crittografata TLS / SSL Credenziali del server SMTP se il server SMTP richiede autenticazione 149

159 Configurare un server SMTP per le notifiche Quando la connessione del server SMTP è stata configurata, gli account degli amministratori configurati per ricevere le notifiche del sistema per verranno avvisati se scatta un contatore di monitoraggio, ad esempio per uso elevato della CPU su un server. Per configurare le opzioni di notifica per un account di amministratore consultare la sezione Aggiungere un account amministratore a pagina 19. Configurare gli intervalli di notifica Come impostazione predefinita viene inviata una notifica ogni 60 minuti, a meno di un cambiamento di stato. È possibile configurare una frequenza superiore o inferiore con l'opzione Frequenza notifica in basso sulla scheda Notifica. Monitorare i cambiamenti di configurazione di 2X ApplicationServer XG Nella scheda Controllo impostazioni della categoria Amministrazione si possono vedere tutti i cambiamenti di configurazione di 2X ApplicationServer XG eseguiti da tutti gli amministratori di 2X ApplicationServer XG, come illustrato dallo screenshot sottostante. 150

160 Scheda del controllo impostazioni con elenco delle modifiche alla configurazione Fare doppio clic su una voce di controllo per vedere tutti i dettagli della modifica alla configurazione, come illustrato nello screenshot sottostante. 151

161 Dettagli della voce di controllo Notifiche di modifiche alla configurazione in 2X ApplicationServer XG Console Ogni volta che un amministratore registrato apporta modifiche alla configurazione nel farm, appare un messaggio di notifica nell'angolo in basso a sinistra di 2X ApplicationServer XG Console, di modo che tutti gli altri amministratori registrati vengono avvisati. Una notifica di modifica alla configurazione viene evidenziata nello screenshot sottostante. 152

162 Configurare la registrazione Notifica di modifica alla configurazione Come impostazione predefinita la registrazione è disabilitata in 2X ApplicationServer XG. È possibile configurare la registrazione per sito nel nodo Impostazioni di un sito della categoria Farm. Registrazione del controllo di 2X ApplicationServer XG Introduzione Il registro di controllo contiene informazioni sulle sessioni aperte e sulla durata totale di ciascuna sessione. I registri di controllo si possono configurare nella scheda Controllo del nodo Impostazioni di un sito. 153

163 Configurare i registri di controllo per sito Abilitare registri di controllo Per abilitare la registrazione di controllo su un sito selezionare Attivato nel menu a discesa Controllo. Accedere ai registri di controllo di 2X ApplicationServer Per accedere al file del registro di controllo fare clic sul pulsante Mostra controllo della scheda Controllo per lanciare 2X Monitor. Gestire file di registro del controllo 2x ApplicationServer Per cancellare i file del registro fare clic sul pulsante Cancella file controllo. Si possono anche configurare file di registro selezionando il ciclo di backup nel menu a discesa Crea backup registro. Nota: I file di registro di backup sono archiviati nella stessa directory degli altri file di registro. I file di registro di backup si possono visualizzare nel nodo Backup dell'applicazione 2X Monitor. Registrazione di 2X ApplicationServer XG per server Introduzione La registrazione di 2X ApplicationServer XG viene usata dal 2X Support Department per diagnosticare un problema, quindi va abilitata solo su istruzione. Abilitare la registrazione per server Per abilitare la registrazione per un server specifico, selezionare il server nella categoria Farm e poi selezionare Abilita registrazione nel menu a discesa Attività. 154

164 Visualizzare la registrazione del server Per visualizzare il file di registro di un server specifico, selezionare il server nella categoria Farm e poi selezionare Richiedi registro nel menu a discesa Attività. Cancellare un file di registro di un server Per cancellare un file di registro di un server selezionare il server nella categoria Farm e poi selezionare Cancella file registro nel menu a discesa Attività. Registrazione di 2X ApplicationServer XG per sito È possibile anche abilitare, disabilitare e gestire la registrazione globale di tutti i server di un sito. Si possono gestire globalmente i file di registro in un sito nella scheda Registrazione globale del nodo Impostazioni di un sito. Nota: Quando viene comunicato un problema a 2X Support, è utile preparare il file di registro che può essere inviato assieme alla richiesta di supporto. Per preparare il file di registro seguire la procedura sottostante: 5. Andare alla scheda Registrazione globale 6. Cancellare tutti i registri 7. Replicare il problema 8. Fermare tutti i registri 9. Recuperare i file di registro 10. Accludere il file generato alla richiesta di supporto Fare clic sul rispettivo pulsante nella sezione Azioni per avviare, arrestare o cancellare tutti i registri su tutti i server. Fare clic su Recupera tutti i registri per generare un file zip contenente tutti i file di registro del server. 155

165 Configurare la registrazione di un server Tenere aggiornato 2X ApplicationServer XG Come impostazione predefinita 2X ApplicationServer XG controlla se ci sono aggiornamenti ogni volta che viene lanciato 2X ApplicationServer Console. È possibile disabilitare questa funzionalità disabilitando l'opzione Controlla aggiornamenti ad ogni lancio di 2X ApplicationServer XG Console nella scheda Aggiornamento software della categoria Amministrazione. È possibile controllare gli aggiornamenti anche manualmente facendo clic sul pulsante Controlla ora nella scheda Aggiornamento software. Nella stessa scheda Aggiornamento software è disponibile un elenco di sola lettura di moduli usati da 2X ApplicationServer. Non è necessario fare riferimento a tali informazioni, a meno che non venga chiesto dal 2X Support Team. Eseguire il backup della configurazione di 2X ApplicationServer XG Per eseguire il backup della configurazione del farm 2X ApplicationServer XG andare alla categoria Amministrazione e fare clic su Esporta nella scheda Backup. Nota: Il backup della configurazione di 2X ApplicationServer XG contiene solo l'attuale configurazione. Oggetti non relativi alla configurazione come l'intestazione personalizzata di 2XOS, il SO scaricato, ecc. non sono compresi nel backup. Per ripristinare una configurazione fare clic sul pulsante Importa e andare al file di backup. 156

166 Appendice Funzionalità supportate da 2XOS Queste funzionalità sono supportate dal build specificato o superiore: Categoria Versione Build Hardware: Installazione disco rigido (non sorvegliata) App locali Multiple stampanti Porte stampanti Browser: Chromium Parametro di avvio: video_rescan Parametro di avvio: ignore_monitor_edid Desktop remoto Parametro di avvio: delay_kms Impostazioni predefinite RDP Impostazioni display imposte Le seguenti funzionalità sono supportate solo dalla revisione specificata: Categoria R1 R2 R3 Browser: Chromium n/a n/a Supportato Desktop: Avanzato n/a Supportato Supportato Le seguenti funzionalità non sono disponibili nella versione compatta del sistema operativo 2X: Categoria Applicazioni locali Desktop remoto Desktop: Avanzato Browser 157

167 DIAGNOSTICA E SUPPORTO Introduzione Il capitolo sulla diagnostica spiega come risolvere i problemi che si possono verificare. Le principali fonti d'informazione disponibili per gli utenti sono: Il manuale la maggior parte dei problemi si possono risolvere leggendo e facendo riferimento al manuale. Il sito di supporto 2X accessibile dal sito web 2X. Esso comprende una knowledgebase con le domande poste più di frequente. Rivolgendosi al supporto tecnico di 2X per all'indirizzo Rivolgendosi telefonicamente al nostro supporto tecnico. Dati di contatto disponibili su 2X Contact Page. Knowledgebase 2X ha una knowledgebase che comprende le risposte alle domande sui problemi più frequenti. Se si ha un problema, si prega di consultare per prima la knowledgebase. La knowledgebase viene costantemente aggiornata e contiene gli elenchi più aggiornati di domande di supporto e patch. La knowledgebase si trova a Richiesta di supporto per Se non si riesce a risolvere il problema con la knowledgebase e consultando questo manuale, si prega di rivolgersi al supporto tecnico di 2X. Inviare una allegando riferimenti o esempi del problema. risolvere il problema con rapidità ed efficienza. Questo ci consente di È possibile che venga chiesto di raccogliere informazioni o che vengano poste delle domande. Si prega di prendersi del tempo per rispondere accuratamente a tali domande. Senza le informazioni adatte non sarà possibile diagnosticare il problema. Risponderemo alle richieste entro 24 ore o meno, a seconda del fuso orario. Richiesta di supporto per telefono È possibile rivolgersi al supporto tecnico di 2X anche telefonicamente. Si prega di consultare il nostro sito web di supporto per i numeri corretti da chiamare, in base al luogo da cui si chiama, e per il nostro orario di lavoro. 158

168 Informazioni su 2X 2X Software è un leader globale nella fornitura di desktop e applicazioni virtuali, accesso remoto e soluzioni di cloud computing. Migliaia di imprese in tutto il mondo sono convinte dell'affidabilità e della scalabilità dei prodotti 2X. 2X offre una serie di soluzioni per rendere il passaggio al cloud computing semplice ed economico per ogni azienda. 2X Software è una società privata con uffici in USA, Germania, GB, Australia, Giappone e Malta. 2X ha ricevuto la certificazione Microsoft Gold Competency ed è partner di IBM, Novell, VMware e molti altri. Tra i clienti eminenti di 2X ci sono Fox News, Harvard University, H&B Foods, McKesson, Advance Auto Parts, Mazda e altri. La linea di prodotti di 2X Software comprende il premiato 2X ApplicationServer XG, che fornisce desktop virtuali, disponibilità di applicazioni e gestione di thin client integrata, indipendenti dalla piattaforma e in un unico pacchetto di software; 2XOS per convertire PC desktop in thin client e 2X Client RDP/desktop remoto per l'accesso remoto a desktop e applicazioni virtuali Windows, disponibile per Android, ios, Chrome OS, BlackBerry e altri. 2X Software è la prima azienda ad offrire la gestione integrata di thin client per la fornitura di desktop e applicazioni virtuali con il modulo 2X ClientManager per 2X ApplicationServer XG; ed è anche la prima a fornire agli utenti una protezione proattiva on-demand contro attacchi noti e ignoti attraverso connessioni a desktop remoti, proteggendo sostanzialmente l'accesso a computer desktop e laptop Windows con 2X SecureRemoteDesktop. 159

Sommario. 1 a parte Elementi interni di ASXG e configurazione di base. 2 a parte Gateway HTML 5, VDI e PC remoti

Sommario. 1 a parte Elementi interni di ASXG e configurazione di base. 2 a parte Gateway HTML 5, VDI e PC remoti 1 P a g i n a Sommario 1 a parte Elementi interni di ASXG e configurazione di base Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5 ApplicationServer XG Pubblicazione Bilanciamento del carico e periferiche

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc.

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc. Note legali È proibita la riproduzione, parziale o totale, non autorizzata di questa Guida. Le informazioni contenute in questa guida sono soggette a modifiche senza preavviso. Si declina ogni responsabilità

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Importante: le istruzioni all'interno di questa guida sono applicabili solamente nel caso in cui l'archivio di messaggi sia Avaya Message

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

Windows SteadyState?

Windows SteadyState? Domande tecniche frequenti relative a Windows SteadyState Domande di carattere generale È possibile installare Windows SteadyState su un computer a 64 bit? Windows SteadyState è stato progettato per funzionare

Dettagli

Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente

Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente 2 Appendice alla Guida per l'utente di Retrospect 10 www.retrospect.com 2012 Retrospect Inc. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect

Dettagli

ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION

ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER. Troverà le risposte a tutte sue domande

Dettagli

Manuale TeamViewer Manager 6.0

Manuale TeamViewer Manager 6.0 Manuale TeamViewer Manager 6.0 Revisione TeamViewer 6.0-954 Indice 1 Panoramica... 2 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 2 1.2 Informazioni sul presente Manuale... 2 2 Installazione e avvio iniziale...

Dettagli

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente 2 Retrospect 9 Manuale dell'utente Appendice www.retrospect.com 2011 Retrospect, Inc. Tutti i diritti riservati. Manuale per l'utente Retrospect 9,

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N109548 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica senza

Dettagli

Server USB Manuale dell'utente

Server USB Manuale dell'utente Server USB Manuale dell'utente - 1 - Copyright 2010Informazioni sul copyright Copyright 2010. Tutti i diritti riservati. Disclaimer Incorporated non è responsabile per errori tecnici o editoriali od omissioni

Dettagli

BlackBerry Desktop Software. Versione: 7.1. Manuale dell'utente

BlackBerry Desktop Software. Versione: 7.1. Manuale dell'utente BlackBerry Desktop Software Versione: 7.1 Manuale dell'utente Pubblicato: 2012-06-05 SWD-20120605130923628 Indice Informazioni di base... 7 Informazioni su BlackBerry Desktop Software... 7 Configurazione

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Se si aggiorna il PC da Windows XP a Windows 7 è necessario eseguire un'installazione personalizzata che non conserva programmi, file o impostazioni. Per questo

Dettagli

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Connessione da un browser Web Il documento contiene i seguenti argomenti: Informazioni su Symantec pcanywhere Web Remote Metodi per la protezione della

Dettagli

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Maggio 2012 Sommario Capitolo 1: Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook... 5 Presentazione di Conference Manager per Microsoft Outlook...

Dettagli

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Pagina 1 Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo La sfida Replicare un ambiente

Dettagli

Impostazione di Scansione su e-mail

Impostazione di Scansione su e-mail Guida rapida all'impostazione delle funzioni di scansione XE3024IT0-2 Questa guida contiene istruzioni per: Impostazione di Scansione su e-mail a pagina 1 Impostazione di Scansione su mailbox a pagina

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KASPERSKY ADMINISTRATION KIT. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida

Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server for Windows Workstation

Dettagli

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc.

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc. Note legali È proibita la riproduzione, parziale o totale, non autorizzata di questa Guida. Le informazioni contenute in questa guida sono soggette a modifiche senza preavviso. Si declina ogni responsabilità

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Server Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

Guida per l utente di PrintMe Mobile 3.0

Guida per l utente di PrintMe Mobile 3.0 Guida per l utente di PrintMe Mobile 3.0 Descrizione del contenuto Informazioni su PrintMe Mobile Requisiti del sistema Stampa Soluzione dei problemi Informazioni su PrintMe Mobile PrintMe Mobile è una

Dettagli

Note legali. Marchi di fabbrica. 2011 KYOCERA MITA Corporation

Note legali. Marchi di fabbrica. 2011 KYOCERA MITA Corporation Note legali È proibita la riproduzione, parziale o totale, non autorizzata di questa Guida. Le informazioni contenute in questa guida sono soggette a modifiche senza preavviso. Si declina ogni responsabilità

Dettagli

CycloAgent v2 Manuale utente

CycloAgent v2 Manuale utente CycloAgent v2 Manuale utente Indice Introduzione...2 Disinstallazione dell'utility MioShare attuale...2 Installazione di CycloAgent...4 Accesso...8 Registrazione del dispositivo...8 Annullamento della

Dettagli

unità di misura usata in informatica

unità di misura usata in informatica APPUNTI PER UTILIZZARE WINDOWS SENZA PROBLEMI a cura del direttore amm.vo dott. Nicola Basile glossario minimo : terminologia significato Bit unità di misura usata in informatica byte Otto bit Kilobyte

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

Riferimento rapido dell'app mobile Novell Filr 1.0.2

Riferimento rapido dell'app mobile Novell Filr 1.0.2 Riferimento rapido dell'app mobile Novell Filr 1.0.2 Settembre 2013 Novell Riferimento rapido In Novell Filr è possibile accedere facilmente a tutti i propri file e cartelle dal desktop, dal browser o

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare le seguenti edizioni di Acronis Backup & Recovery 10: Acronis Backup

Dettagli

Fiery Network Controller per DocuColor 242/252/260. Stampa da Windows

Fiery Network Controller per DocuColor 242/252/260. Stampa da Windows Fiery Network Controller per DocuColor 242/252/260 Stampa da Windows 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato

Dettagli

KASPERSKY LAB. Kaspersky Administration Kit 6.0. Guida di distribuzione

KASPERSKY LAB. Kaspersky Administration Kit 6.0. Guida di distribuzione KASPERSKY LAB Kaspersky Administration Kit 6.0 Guida di distribuzione KASPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 Guida di distribuzione Kaspersky Lab Ltd. Visitate il nostro sito Web: http://www.kaspersky.com/ Data

Dettagli

TeamViewer 9 Manuale Manager

TeamViewer 9 Manuale Manager TeamViewer 9 Manuale Manager Rev 9.1-03/2014 TeamViewer GmbH Jahnstraße 30 D-73037 Göppingen teamviewer.com Panoramica Indice Indice... 2 1 Panoramica... 4 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 4 1.2

Dettagli

Guida rapida dell'utente di Polycom RealPresence Content Sharing Suite

Guida rapida dell'utente di Polycom RealPresence Content Sharing Suite Guida rapida dell'utente di Polycom RealPresence Content Sharing Suite Versione 1.2 3725-69878-001 Rev. A Novembre 2013 In questa guida, vengono fornite le istruzioni per condividere e visualizzare il

Dettagli

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente Samsung Drive Manager Manuale per l'utente I contenuti di questo manuale sono soggetti a modifica senza preavviso. Se non diversamente specificato, le aziende, i nomi e i dati utilizzati in questi esempi

Dettagli

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

GO!NotifySync per BlackBerry

GO!NotifySync per BlackBerry GO!NotifySync per BlackBerry Guida rapida Per GO!NotifySync per BlackBerry vers. 4.11.x GO!NotifySync per BlackBerry GO!NotifySync per BlackBerry 1 Requisiti Requisiti operativi Il tuo dispositivo avrà

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Guida introduttiva di F-Secure PSB

Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Indice generale 3 Sommario Capitolo 1: Introduzione...5 Capitolo 2: Guida introduttiva...7 Creazione di un nuovo account...8 Come

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI LANguard 9 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

PageScope Data Administrator Ver.1.0 Manuale d uso

PageScope Data Administrator Ver.1.0 Manuale d uso PageScope Data Administrator Ver.1.0 Manuale d uso Data Administrator Sommario 1 Operazioni preliminari 1.1 Requisiti di sistema... 1-1 1.2 Panoramica delle funzioni... 1-2 Strumenti per l'amministratore...

Dettagli

Per un uso sicuro e corretto di questo apparecchio, prima dell'uso leggere le Informazioni di sicurezza.

Per un uso sicuro e corretto di questo apparecchio, prima dell'uso leggere le Informazioni di sicurezza. Per un uso sicuro e corretto di questo apparecchio, prima dell'uso leggere le Informazioni di sicurezza. Copyright 2005. La protezione del copyright include tutte le forme di materiali e informazioni coperte

Dettagli

Junos Pulse per BlackBerry

Junos Pulse per BlackBerry Junos Pulse per BlackBerry Guida utente Versione 4.0 Giugno 2012 R1 Copyright 2012, Juniper Networks, Inc. Juniper Networks, Junos, Steel-Belted Radius, NetScreen e ScreenOS sono marchi registrati di Juniper

Dettagli

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server Stampa da Windows 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

Guida all'installazione del software

Guida all'installazione del software SISTEMA MULTIFUNZIONE DIGITALE A COLORI Guida all'installazione del software OPERAZIONI PRELIMINARI ALL'INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE CONFIGURAZIONE IN AMBIENTE WINDOWS CONFIGURAZIONE IN AMBIENTE MACINTOSH

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Sophos Mobile Control Guida utente per Android, Apple ios, Windows Phone

Sophos Mobile Control Guida utente per Android, Apple ios, Windows Phone Sophos Mobile Control Guida utente per Android, Apple ios, Windows Phone Versione prodotto: 5 Data documento: aprile 2015 Sommario 1 Sophos Mobile Control...4 2 Informazioni sulla guida...5 3 Accesso al

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

Fiery EXP8000/50 Color Server. Stampa da Windows

Fiery EXP8000/50 Color Server. Stampa da Windows Fiery EXP8000/50 Color Server Stampa da Windows 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION http://it.yourpdfguides.

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION http://it.yourpdfguides. Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di ACRONIS ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

Guida dell amministratore di Microsoft Exchange ActiveSync

Guida dell amministratore di Microsoft Exchange ActiveSync Guida dell amministratore di Microsoft Exchange ActiveSync Copyright 2005 palmone, Inc. Tutti i diritti riservati. palmone, HotSync, Treo, VersaMail, and Palm OS rientrano fra i marchi di fabbrica o marchi

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Riferimento rapido dell'applicazione desktop Novell Filr 1.0.2 per Windows

Riferimento rapido dell'applicazione desktop Novell Filr 1.0.2 per Windows Riferimento rapido dell'applicazione desktop Novell Filr 1.0.2 per Windows Febbraio 2014 Novell Riferimento rapido In Novell Filr è possibile accedere facilmente a tutti i propri file e cartelle dal desktop,

Dettagli

Software della stampante

Software della stampante Software della stampante Informazioni sul software della stampante Il software Epson comprende il software del driver per stampanti ed EPSON Status Monitor 3. Il driver per stampanti è un software che

Dettagli

Guida di Active System Console

Guida di Active System Console Guida di Active System Console Panoramica... 1 Installazione... 2 Visualizzazione delle informazioni di sistema... 4 Soglie di monitoraggio del sistema... 5 Impostazioni di notifica tramite e-mail... 5

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Appendice al Manuale dell amministratore

Appendice al Manuale dell amministratore Appendice al Manuale dell amministratore Questa Appendice contiene aggiunte e modifiche al testo del Manuale dell'amministratore di VERITAS Backup Exec for Windows Servers. Le informazioni qui contenute

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. BLACKBERRY INTERNET SERVICE http://it.yourpdfguides.com/dref/1117397

Il tuo manuale d'uso. BLACKBERRY INTERNET SERVICE http://it.yourpdfguides.com/dref/1117397 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso BLACKBERRY INTERNET SERVICE

Dettagli

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: Un messaggio di N.B. indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo

Dettagli

Partecipare ad un corso

Partecipare ad un corso Partecipare ad un corso Test della connessione prima della sessione È possibile eseguire il test della connessione prima dell'avvio della sessione collegandosi a una sessione di test per verificare che

Dettagli

BlackBerry Desktop Software Manuale dell'utente

BlackBerry Desktop Software Manuale dell'utente BlackBerry Desktop Software Manuale dell'utente Versione: 2.4 SWD-1905381-0426093716-004 Indice Informazioni di base... 3 Informazioni su BlackBerry Desktop Software... 3 Configurazione dello smartphone

Dettagli

NAS 323 Uso del NAS come server VPN

NAS 323 Uso del NAS come server VPN NAS 323 Uso del NAS come server VPN Usare il NAS come server VPN e connettersi ad esso con Windows e Mac A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere in

Dettagli

Manuale d istruzioni di ROL Secure DataSafe (on-line backup per la protezione dei dati)

Manuale d istruzioni di ROL Secure DataSafe (on-line backup per la protezione dei dati) Manuale d istruzioni di ROL Secure DataSafe (on-line backup per la protezione dei dati) Indice Introduzione... 3 Panoramica di ROL Secure DataSafe... 3 Funzionamento del prodotto... 3 Primo utilizzo del

Dettagli

GUIDA UTENTE VODAFONE MAIL. Vodafone Mail Guida utente per Windows Mobile GUIDA ALL UTILIZZO DEL PORTALE VODAFONE MAIL

GUIDA UTENTE VODAFONE MAIL. Vodafone Mail Guida utente per Windows Mobile GUIDA ALL UTILIZZO DEL PORTALE VODAFONE MAIL Vodafone Mail Guida utente per Windows Mobile GUIDA ALL UTILIZZO DEL PORTALE VODAFONE MAIL 1 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTATTI... 5 2.1.1 Gestione dei contatti... 5 2.1.2 Importazione di un contatto...

Dettagli

Capture Pro Software. Guida introduttiva. A-61640_it

Capture Pro Software. Guida introduttiva. A-61640_it Capture Pro Software Guida introduttiva A-61640_it Guida introduttiva a Kodak Capture Pro Software e Capture Pro Limited Edition Installazione del software: Kodak Capture Pro Software e Network Edition...

Dettagli

NetBak Replicator. 1 Avvertenza. Per la versione 4.5.0

NetBak Replicator. 1 Avvertenza. Per la versione 4.5.0 NetBak Replicator Per la versione 4.5.0 Indice 1 Avvertenza... 1 2 Installazione di NetBak Replicator... 2 2.1 Requisiti di sistema... 2 2.2 Installazione del software... 3 2.3 Installazione silenziosa

Dettagli

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1 1 Il software Document Distributor comprende i pacchetti server e client. Il pacchetto server deve essere installato su sistemi operativi Windows NT, Windows 2000 o Windows XP. Il pacchetto client può

Dettagli

Indice. Manuale Utente Business Key Lite InfoCert

Indice. Manuale Utente Business Key Lite InfoCert Business Key Lite Manuale Utente InfoCert Indice 1. La Business Key Lite... 3 2. Installazione... 3 2.1 Installazione iniziale... 3 2.2 Prerequisiti... 4 2.3 Casi particolari... 4 2.4 Utente amministratore

Dettagli

VIDEOCAMERA DI RETE PER SORVEGLIANZA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE

VIDEOCAMERA DI RETE PER SORVEGLIANZA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE VIDEOCAMERA DI RETE PER SORVEGLIANZA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE Vi preghiamo di leggere queste istruzioni attentamente prima di del funzionamento e conservatele come riferimento futuro. 1. 1. PANORAMICA

Dettagli

F-Series Desktop Manuale Dell utente

F-Series Desktop Manuale Dell utente F-Series Desktop Manuale Dell utente F20 it Italiano Indice dei contenuti Legenda di icone e testo...3 Cos'è F-Series Desktop?...4 Come si installa F-Series Desktop sul computer?...4 Come ci si abbona

Dettagli

Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente

Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente Aggiornamenti Sistema è un servizio del server di stampa che consente di tenere il software di sistema sul proprio server di stampa sempre aggiornato con gli

Dettagli

LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ)

LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ) LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ) Installazione Che cosa occorre fare per installare l unità LaCie Ethernet Disk mini? A. Collegare il cavo Ethernet alla porta LAN sul retro dell unità LaCie

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Sommario. Impostazione... 3 Scaricare il software... 3 Installazione del software... 3 Download dell'app... 4 Impostazione della connessione...

Sommario. Impostazione... 3 Scaricare il software... 3 Installazione del software... 3 Download dell'app... 4 Impostazione della connessione... Manuale dell'utente Sommario Impostazione... 3 Scaricare il software... 3 Installazione del software... 3 Download dell'app... 4 Impostazione della connessione... 5 Utilizzo di DisplayNote... 6 Creazione

Dettagli

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Edizione 1.0 2 Informazioni su Microsoft Apps Informazioni su Microsoft Apps Microsoft Apps incorpora le applicazioni aziendali di Microsoft nel telefono Nokia

Dettagli

Content Manager 2 Manuale utente

Content Manager 2 Manuale utente Content Manager 2 Manuale utente Fare riferimento a questo manuale per informazioni sull'utilizzo di Content Manager 2 per la consultazione, l'acquisto, il download e l'installazione di aggiornamenti e

Dettagli

STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente. Samsung IPP1.1 Software

STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente. Samsung IPP1.1 Software STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente Samsung IPP1.1 Software SOMMARIO Introduzione... 1 Definizione di IPP?... 1 Definizione di Samsung IPP Software?... 1 Installazione... 2 Requisiti di sistema...

Dettagli

Guida a Gmail UNITO v 02 2

Guida a Gmail UNITO v 02 2 MANUALE D USO GOOGLE APPS EDU versione 1.0 10/12/2014 Guida a Gmail UNITO v 02 2 1. COME ACCEDERE AL SERVIZIO DI POSTA SU GOOGLE APPS EDU... 3 1.1. 1.2. 1.3. Operazioni preliminari all utilizzo della casella

Dettagli

Ente per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area Vasta SUPER-S. Sistema Unico Posta Elettronica Regionale - Sanità

Ente per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area Vasta SUPER-S. Sistema Unico Posta Elettronica Regionale - Sanità Ente per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area Vasta SUPER-S Sistema Unico Posta Elettronica Regionale - Sanità Prossimamente l'azienda Sanitaria di Firenze migrerà le proprie caselle di posta verso

Dettagli

VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE

VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE Vi preghiamo di leggere queste istruzioni attentamente prima di del funzionamento e conservatele come riferimento futuro. 1. PANORAMICA 1.1

Dettagli

ThinkVantage Fingerprint Software

ThinkVantage Fingerprint Software ThinkVantage Fingerprint Software Copyright Lenovo 2009. LIMITAZIONI DEI DIRITTI PER IL GOVERNO DEGLI STATI UNITI: i prodotti e/o i servizi sono forniti con DIRITTI LIMITATI. L'utilizzo, la duplicazione

Dettagli

FileMaker Server 10. Guida introduttiva

FileMaker Server 10. Guida introduttiva FileMaker Server 10 Guida introduttiva 2007-2009 FileMaker, Inc., tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker, il logo della cartella dei

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Fiery EXP8000 Color Server SERVER & CONTROLLER SOLUTIONS. Stampa da Windows

Fiery EXP8000 Color Server SERVER & CONTROLLER SOLUTIONS. Stampa da Windows Fiery EXP8000 Color Server SERVER & CONTROLLER SOLUTIONS Stampa da Windows 2004 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

Che cos'è OmniTouch 8660 My Teamwork?

Che cos'è OmniTouch 8660 My Teamwork? OMNITOUCH 8660 MY TEAMWORK 6.1 GUIDA DI AVVIO RAPIDO Che cos'è OmniTouch 8660 My Teamwork? OmniTouch 8660 My Teamwork Unified - Conferenze e collaborazione riunisce la funzione di messaggistica istantanea

Dettagli

MediCap USB300 Guida alla rete

MediCap USB300 Guida alla rete MediCap USB300 Guida alla rete Valevole per firmware 110701 e superiori 1 Introduzione... 2 Attività iniziali... 2 Come configurare l'accesso di rete al disco rigido dell'usb300... 3 Passaggio 1. Configurare

Dettagli

Solo le persone in gamba leggono i manuali.

Solo le persone in gamba leggono i manuali. Solo le persone in gamba leggono i manuali. Sommario Introduzione...1 Accensione e spegnimento sicuri dell'unità... 1 Scollegamento delle unità esata e 1394... 2 Unità esata... 3 Unità 1394... 4 Installazione

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Per un uso sicuro e corretto leggere le Informazioni sulla sicurezza nel "Manuale della copiatrice prima di usare la macchina.

Per un uso sicuro e corretto leggere le Informazioni sulla sicurezza nel Manuale della copiatrice prima di usare la macchina. Per un uso sicuro e corretto leggere le Informazioni sulla sicurezza nel "Manuale della copiatrice prima di usare la macchina. Guida di rete Introduzione Questo manuale contiene istruzioni dettagliate

Dettagli