L Inventario delle Emissioni in Atmosfera In Val Belluna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Inventario delle Emissioni in Atmosfera In Val Belluna"

Transcript

1 L Inventario delle Emissioni in Atmosfera In Val Belluna Dott. Roberto Piol Foto Kirchner M. (2006)

2 A LIVELLO LOCALE: perde risoluzione perde attendibilità non considera le specificità locali Agenzia Europea per l Ambiente Emission Inventory Guidebook 2006 DIIAR Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento

3 Sorgenti di emissione

4 Nomenclatura EMEP/CORINAIR codice SNAP97

5 Emissioni Industriali Inquinanti: PM, NOx, SOx, CO, SOV e altri

6 Emissioni Industriali 145 aziende 990 camini Ospitale di Cadore Pieve di Cadore Perarolo di Cadore Lam on Arsiè Sovram onte Pedavena Fonzaso Seren del Grappa Alano di Piave Quero Cesiom aggi ore Feltre San G regorio Sedico Li mana Santa Giustina Trichi ana Mel Lentiai Vas Sospirolo BE LLUNO Longarone Soverzene Pieve d'a lpago Ponte nelle Alpi Castel lavazzo Puos d'alpago Farra d'alpago Chies d'alpago Tambre aziende con attività in deroga Falegnamerie, Carrozzerie, Occhialerie, Carpenterie, Industrie meccaniche, altro

7 Per le Polveri Sottili le prime 20 aziende realizzano il 90% delle emissioni industriali annuali Pieve di Cadore Perarol o di Cadore Lam on Ars iè V i q a c o m u n i. s h p PM t/anno _ Sovram onte Pedavena Fonzaso Seren del Grappa Alano di Piave Quero Cesiom aggi ore Feltre San G regorio Sedico Li mana Santa Giustina Trichi ana Mel Lentiai Vas Sos pirolo BE LLUNO Longarone Ospitale di Cadore Soverz ene Pieve d'a lpago Ponte nelle Alpi Castel lavazz o Puos d'alpago Farra d'alpago Chies d'alpago Tambre

8 TRAFFICO STRADALE Belluno Max in via V.Veneto con Dato 2002 Feltre Max in via Dante con Dato Strade nella Valle 22 a Belluno 15 a Feltre 24 extraurbane Dati: Provincia di Belluno, Autostrade per l Italia, Comune di Belluno, Comune di Feltre e ARPAV ( )

9 Misure sulla rete e stime Dati: Provincia di Belluno, Comune di Belluno, Comune di Feltre, Autostrade per l Italia e ARPAV Parco dei veicoli secondo ACI 105 classi di veicoli con differenti emissioni (metodo COPERT III, Unione Europea) 3 classi di indagine: Veicoli LEGGERI Veicoli COMMERCIALI Veicoli PESANTI

10 TRAFFICO STRADALE Pieve di Cadore t/anno _ Sospirolo Sedico Perarolo di Cadore Ospitale di Cadore Castellavazzo Longarone Soverzene Ponte nelle Alpi Chies d'alpago BELLUNO Pieve d'alpago t/anno S t r a d e c Puos d'alpago Tambre San Gregorio Sedico Cesiomaggiore Fara d'alpago Limana Santa Giustina Lamon Feltre Trichiana Pedavena Mel Lentiai Fonzaso Arsiè Seren del Grappa Vas Quero Alano di Piave

11 Riscaldamento Domestico ISTAT BIM Metano Provincia di Belluno ARPAV Progetto di Indagine con le Scuole (ARPAV & USP)

12 Riscaldamento Domestico Gasolio Metano GPL Legna Tronchetti Pellets Kerosene Elettricità Altro CAMINETTO APERTO CAMINETTO AD ARIA FORZATA STUFA TRADIZIONALE "economica" STUFA IN MAIOLICA o MURATURA STUFA AD ALTA EFFICIENZA STUFA/CALDAIA A PELLETS

13 Combustibili per il Riscaldamento 60% Uso Primario Belluno 60% Uso Secondario Una Fonte secondaria è impiegata da circa il 60% delle famiglie di Belluno e Feltre e da oltre il 70% delle famiglie degli altri comuni Belluno 50% 40% Feltre Comuni Valle 50% 40% Feltre Comuni Valle 30% 30% 20% 20% 10% 10% 0% Elettricità Gasolio Kerosene GPL Metano Legna Tronchetti Pellets Altro 0% Elettricità Gasolio Kerosene GPL Metano Legna Tronchetti Pellets Altro 35,000 Abitanti 19,000 Abitanti 150,000 Abitanti complessivi

14 Combustori della Legna USO PRINCIPALE - % per Tipo USO SECONDARIO - % per Tipo Altro; 2.9 Caminetti Aperto; 0.70 Caminetti ad Aria forzata; 3.10 Stufe NT Efficienti; Altro; 0.7 Caminetti Aperto; 4.4 Caminetti ad Aria forzata; 6.7 Stufe Economiche; Stufe Pellets; 3.70 Stufe Maiolica; Stufe Economiche; 54.4 Stufe Pellets; 4.2 Stufe NT Efficienti; 15.7 Stufe Maiolica; 13.9

15 Riscaldamento Domestico Riscaldamento 214 t/anno Legna 206 t/anno Gasolio; 6.72; 3.1% GPL; 0.29; 0.1% Metano; 0.44; 0.2% BTZ; 0.78; 0.4% Caminetto Aperto; 7.9; 4% Caminetto Chiuso; 9.6; 5% Stufa Efficiente; 25.3; 12% Altro; 5.6; 3% Stube; 23.6; 11% St. Pellets; 2.5; 1% Legna; ; 96.2% Stufa Tradizionale Economica; 131.4; 64%

16 Conoscere il Territorio

17 Val Belluna Ferrovia; 6.8; 2% Traffico stradale; 82.3; 21% PM10 in Val Belluna Mezzi agricoli; 16.3; 4% Industria; 65.6; 17% Ferrovia; 58.8; 3% NOx in Val Belluna Mezzi agricoli; 102.8; 4% Industria; 798.5; 35% Traffico stradale; 985.9; 43% Riscaldament o altri combustibili; 9.9; 3% Riscaldament o a Legna; 205.8; 53% Riscaldamento a Legna; 64.2; 3% Riscaldamento altri combustibili; 284.7; 12% SOx in Val Belluna CO in Val Belluna Traffico stradale; 25.3; 7% Ferrovia; 0.9; 0% Mezzi agricoli; 12.8; 3% Mezzi agricoli; 127.4; 1% Industria; 626.5; 6% Riscaldamento a Legna; 132.4; 1% Industria; 171.7; 44% Ferrovia; 15.9; 0% Riscaldamento altri combustibili; 165.9; 43% Traffico stradale; ; 53% Riscaldamento altri combustibili; ; 39% Riscaldamento a Legna; 12.3; 3%

18 DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI BELLUNO SERVIZIO SISTEMI AMBIENTALI Progetto INTERREG IIIA VIQA VB Valutazione Integrata Qualità dell Aria in Val Belluna Rodolfo Bassan Antonio Cavinato Mirco Pollet Stefania Ganz Massimo Simionato Riccardo Tormen Flora Riva Salvatore Florio Cristiano Bellio Roberto Piol Un ringraziamento particolare a Arianna Trevisiol e Cristiano Bellio 2003 Bortot Renato

CALENDARIO TURNAZIONE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI. Periodo di validità: dal 01.07.2015 al 30.06.2016

CALENDARIO TURNAZIONE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI. Periodo di validità: dal 01.07.2015 al 30.06.2016 QUESTURA DI BELLUNO Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni tel. 0437-945731- 945732 COORDINATORE 0437/945736 fax 0437 945737 upgsp.bl@poliziadistato.it CALENDARIO

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 CADORE NORD OCCIDENTALE Comuni di: CORTINA D`AMPEZZO, BORCA DI CADORE, CALALZO DI CADORE, CIBIANA DI CADORE, COLLE SANTA LUCIA, LIVINALLONGO COL LANA, PIEVE

Dettagli

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI BELLUNO

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI BELLUNO ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI BELLUNO Scheda sintetica Anno 2011 LA PROVINCIA DI BELLUNO Comuni (n.) 69 Abitanti (n.) 213.108 Densità di popolazione

Dettagli

HMA02B 07-06-12 PAG. BLEEA266Z6 COMUNE SC.EL. DI CORTINA D'AMPEZZO *********************** * POSTI * * * POSTI * * ORGANICO * DISPONIB.EL.EL.EL.EL.

HMA02B 07-06-12 PAG. BLEEA266Z6 COMUNE SC.EL. DI CORTINA D'AMPEZZO *********************** * POSTI * * * POSTI * * ORGANICO * DISPONIB.EL.EL.EL.EL. HMA02B 07-06-12 PAG. 1 TIPO POSTO COMUNE... BLEEA266Z6 COMUNE SC.EL. DI CORTINA D'AMPEZZO. BLEE81804T DUCA D'AOSTA * 30 * *.. BLEEA501Z5 COMUNE SC.EL. DI AURONZO DI CADORE. BLEE810058 FRAZ. REANE * 27

Dettagli

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI BELLUNO

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI BELLUNO ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI BELLUNO Scheda sintetica Anno 2013 LA PROVINCIA DI BELLUNO Comuni (n.) 69 Abitanti (n.) 209.425 Densità di popolazione

Dettagli

SALA OPERATIVA RECUPERO SALME CALENDARIO DELLA TURNAZIONE DELLE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI OPERANTI NELLA PROVINCIA DI BELLUNO.

SALA OPERATIVA RECUPERO SALME CALENDARIO DELLA TURNAZIONE DELLE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI OPERANTI NELLA PROVINCIA DI BELLUNO. Questura di Belluno SALA OPERATIVA RECUPERO SALME CALENDARIO DELLA TURNAZIONE DELLE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI OPERANTI NELLA PROVINCIA DI BELLUNO. Periodo di validità: dal 01 LUGLIO 2016 al 30 GIUGNO 2017

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO: BANCHE DATI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI IL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DI BELLUNO

LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO: BANCHE DATI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI IL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DI BELLUNO CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE APPARTENENTI ALLA PROVINCIA DI BELLUNO LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO: BANCHE DATI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI IL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE

Dettagli

SUPPORTO ALLE DECISIONI PER LA PROMOZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO E DELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI

SUPPORTO ALLE DECISIONI PER LA PROMOZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO E DELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI SUPPORTO ALLE DECISIONI PER LA PROMOZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO E DELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Il Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla Provincia di Belluno

Dettagli

Agenda Digitale del Veneto E le linee di finanziamento FESR 2014-20

Agenda Digitale del Veneto E le linee di finanziamento FESR 2014-20 Agenda Digitale del Veneto E le linee di finanziamento FESR 2014-20 Elvio Tasso Regione del Veneto - Sezione Sistemi Informativi 29 aprile 2016 Belluno L Agenda Digitale del Veneto #ADVeneto Documento

Dettagli

Calendario delle fiere 2016

Calendario delle fiere 2016 Calendario delle fiere 2016 Data Località Denominazione 14 febbraio Limana Mostra dell artigianato e vecchie tradizioni 13 marzo Antica Fiera della Madonna Addolorata 13 marzo Lentiai Fiera di Primavera

Dettagli

TRIBUNALE DI BELLUNO

TRIBUNALE DI BELLUNO TRIBUNALE DI BELLUNO ELENCO CONVENZIONI PER LAVORI DI PUBBLICA UTILITA - Art. 54 del D. L.vo 28.08.2000 n. 274 e 2 del D.M. 26.03.2001 - COMUNI SCADENZA N CONDANNATI ATTIVITA Taibon Agordino 19.06.2017

Dettagli

Dalla gestione intelligente dell energia alla Smart City. Stefano Savaris Consorzio Comuni BIM Piave Belluno

Dalla gestione intelligente dell energia alla Smart City. Stefano Savaris Consorzio Comuni BIM Piave Belluno Dalla gestione intelligente dell energia alla Smart City Stefano Savaris Consorzio Comuni BIM Piave Belluno Il Consorzio BIM Piave Ente obbligatorio ai sensi della legge 959/1953 COMELICO SUPERIORE S.

Dettagli

ORARI ED INDIRIZZI AMBULATORI MEDICI GENERICI AMBITO TERRITORIALE N. 1 S.GIUSTINA-CESIOMAGGIORE-S.GREGORIO NELLE ALPI - SEDICO - SOSPIROLO

ORARI ED INDIRIZZI AMBULATORI MEDICI GENERICI AMBITO TERRITORIALE N. 1 S.GIUSTINA-CESIOMAGGIORE-S.GREGORIO NELLE ALPI - SEDICO - SOSPIROLO ORARI ED INDIRIZZI AMBULATORI MEDICI GENERICI AMBITO TERRITORIALE N. 1 S.GIUSTINACESIOMAGGIORES.GREGORIO NELLE ALPI SEDICO SOSPIROLO >> BACCHIN Dott. PAOLO SEBASTIANO COD. RE 003097 MEDICO GENERICO Tel.

Dettagli

Il Piano provinciale per la sicurezza stradale I dati degli incidenti stradali

Il Piano provinciale per la sicurezza stradale I dati degli incidenti stradali Conferenza stampa Il Piano provinciale per la sicurezza stradale I dati degli incidenti stradali 28-29 Hotel Fiames - Cortina, 19 gennaio 21 1 Gli incidenti stradali in Italia Oggi sono disponibili i dati

Dettagli

I redditi dichiarati dai contribuenti in provincia di Belluno 1 parte

I redditi dichiarati dai contribuenti in provincia di Belluno 1 parte I redditi dichiarati dai contribuenti in provincia di Belluno 1 parte Con questo lavoro si intende avviare una serie di approfondimenti sulle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti bellunesi riguardanti

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S e Zambon P. luglio 2012 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Analisi geografica dell'incidenza dei tumori nella provincia di Belluno (periodo 2001-2005) e andamenti

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo In adempimento alla delibera dell Assemblea legislativa regionale n. 51 del 26 luglio 2011 è stato predisposto un servizio on-line per il

Dettagli

5 x 1.000 - Esercizio finanziario 2012 Assegnazione agli Enti del volontariato bellunesi

5 x 1.000 - Esercizio finanziario 2012 Assegnazione agli Enti del volontariato bellunesi CODICE FISCALE 5 x 1.000 - Esercizio finanziario 2012 DENOMINAZIONE COMUNE IMPORTO TOTALE 93009330254 ASSOCIAZIONE GRUPPI "INSIEME SI PUO'"ONLUS BELLUNO 62.738,68 93038400250 ONESIGHT, LUXOTTICA GROUP

Dettagli

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA CONTENUTI STIME DELLE EMISSIONI NAZIONALI DA TRASPORTO STRADALE DISAGGREGAZIONE A LIVELLO PROVINCIALE:

Dettagli

L ENERGIA IN VENETO Provincia di Belluno

L ENERGIA IN VENETO Provincia di Belluno Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Dipartimento Provinciale di Belluno Servizio Sistemi Ambientali L ENERGIA IN VENETO Provincia di Belluno Anno 2010 Pagina 3 1 Inquadramento

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA SS-13-HO-XNO02 AMBITO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BELLUNO -

SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA SS-13-HO-XNO02 AMBITO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BELLUNO - AMBITO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BELLUNO - ORGANICO DI DIRITTO - ANNO SCOLASTICO 2014/15 PAG. 1 Legenda : D.EL.- indica il valore dei dati elementari D.G. - indica il numero dei Direttori dei Servizi

Dettagli

Allegato n Grafici e Tabelle

Allegato n Grafici e Tabelle Allegato n. 1.2 - Grafici e Tabelle Paragrafo 2 - Popolazione Grafici Grafico 2.1 Popolazione residente per Comune al 2014. Fonte ISTAT 2014. 1 Grafico 2.2 Variazioni della popolazione residente (1951

Dettagli

ANALISI DEI BILANCI CONSUNTIVI DEI COMUNI DI BELLUNO: INDEBI- TAMENTO E SPESE PER IL PERSO- NALE IN RAPPORTO AGLI ABITANTI

ANALISI DEI BILANCI CONSUNTIVI DEI COMUNI DI BELLUNO: INDEBI- TAMENTO E SPESE PER IL PERSO- NALE IN RAPPORTO AGLI ABITANTI ANALISI DEI BILANCI CONSUNTIVI DEI COMUNI DI BELLUNO: INDEBI- TAMENTO E SPESE PER IL PERSO- NALE IN RAPPORTO AGLI ABITANTI PATTO DI STABILITA : UNO STRUMENTO CHE GUARDA INDIETRO E TRATTA TUTTI I COMUNI

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE

CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE COPIA Deliberazione nº 17 in data 27/09/2013 CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE APPARTENENTI ALLA PROVINCIA DI BELLUNO Verbale di Deliberazione dell Assemblea Generale Oggetto:

Dettagli

PROGETTO INTERREG ITALIA/AUSTRIA IV CICLOVIA DELL AMICIZIA da Monaco di Baviera a Venezia - cod.6162 SVILUPPO CLUB DI PRODOTTO DOLOMITES BIKE CLUB

PROGETTO INTERREG ITALIA/AUSTRIA IV CICLOVIA DELL AMICIZIA da Monaco di Baviera a Venezia - cod.6162 SVILUPPO CLUB DI PRODOTTO DOLOMITES BIKE CLUB Progetto co-finanziato attraverso il Programma Interreg IV Italia-Austria (FESR) PROGETTO INTERREG ITALIA/AUSTRIA IV CICLOVIA DELL AMICIZIA da Monaco di Baviera a Venezia - cod.6162 SVILUPPO CLUB DI PRODOTTO

Dettagli

RAPPORTO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI OBIETTIVO RACCOLTA DIFFERENZIATA 70% ANALISI DEI DATI 2007 E COMPARAZIONE CON GLI ANNI 2005 E 2006

RAPPORTO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI OBIETTIVO RACCOLTA DIFFERENZIATA 70% ANALISI DEI DATI 2007 E COMPARAZIONE CON GLI ANNI 2005 E 2006 NEC SPE NEC METU OBIETTIVO RACCOLTA 70% RAPPORTO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANALISI DEI DATI 2007 E COMPARAZIONE CON GLI ANNI 2005 E 2006 Saluto Provincia di Belluno I dati della raccolta differenziata

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SS-13-HB-EDO56 ANNO SCOLASTICO 2013/14 12/08/13 BOLLETTINO DEFINITIVO MOVIMENTI O.F.C.N.I.

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SS-13-HB-EDO56 ANNO SCOLASTICO 2013/14 12/08/13 BOLLETTINO DEFINITIVO MOVIMENTI O.F.C.N.I. BOLLETTINO DEFINITIVO MOVIMENTI O.F. - SCUOLA PRIMARIA PAG. 1 IL DIRIGENTE VISTO IL C.C.N.I. DEL 15/05/2013 VISTI GLI ATTI D' UFFICIO; VISTE LE SEDI DISPONIBILI E LE SCELTE OPERATE DAI DOCENTI INTERESSATI

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale. Dr.ssa Fabrizia Capuano

Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale. Dr.ssa Fabrizia Capuano I PIANI E I PROGRAMMI PER LA GESTIONE DELLA QUALITA' DELL'ARIA Il supporto di Arpa Emilia-Romagna Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale Dr.ssa Fabrizia Capuano FONTE

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTI 20-21 GIUGNO 2011, Milano Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera Stefano Caserini ARPA Lombardia, Settore

Dettagli

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Andrea Marchi Provincia di Belluno Unità di Progetto Reti e Infrastrutture Tecnologiche Sedico, Villa Patt - 18 marzo

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

Alberghi a Longarone e dintorni (BL)

Alberghi a Longarone e dintorni (BL) ALBERGO ALLA POSTA Longarone (BL) Piazza IX Ottobre 1963, 16 Telefono: 0437 770702 HOTEL 4 VALLI RISTORANTE PIZZERIA Longarone (BL) Via Fae' Telefono: 0437 760018 ALBERGO DE MARCO MEUBLE Longarone (BL)

Dettagli

INDICE DI BIODIVERSITÀ LICHENICA INDICE DI MORTALITÀ PER TUMORE AL POLMONE. Nimis P. L., Cislaghi C., NATURE 1997

INDICE DI BIODIVERSITÀ LICHENICA INDICE DI MORTALITÀ PER TUMORE AL POLMONE. Nimis P. L., Cislaghi C., NATURE 1997 INDICE DI BIODIVERSITÀ LICHENICA INDICE DI MORTALITÀ PER TUMORE AL POLMONE Nimis P. L., Cislaghi C., NATURE 1997 Biomonitoraggio nell area di Vado Ligure - Campagna 1990 (Castello et al., 1994) Bioindicazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE ORDINANZA 12 giugno 1998, n 2788. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Individuazione delle zone ad elevato rischio sismico del territorio nazionale. (Supplemento

Dettagli

Servizio associato tra i Comuni di. Con il sostegno di RISPARMIANDO. COME MIGLIORARE LA NOSTRA CASA e VIVERCI MEGLIO

Servizio associato tra i Comuni di. Con il sostegno di RISPARMIANDO. COME MIGLIORARE LA NOSTRA CASA e VIVERCI MEGLIO Servizio associato tra i Comuni di Ponte nelle Alpi Trichiana Mel Lentiai Alano di Piave Agordo La Valle Agordina Pedavena Valle di Cadore Seren del Grappa Belluno Con il sostegno di PIU CALDO IN CASA

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

Zone con più di cinquecento abitanti nei comuni montani con più di mille abitanti escluse dall agevolazione D.P.R. 26/10/73 n. 633, art.

Zone con più di cinquecento abitanti nei comuni montani con più di mille abitanti escluse dall agevolazione D.P.R. 26/10/73 n. 633, art. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 4003 del 19 dicembre 2006 pag. 1/14 Zone con più di cinquecento abitanti nei comuni montani con più di mille abitanti escluse dall agevolazione D.P.R.

Dettagli

CONVENZIONE TRA COMUNE DI BOLOGNA E ARPA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO INTEGRATIVO SULLA QUALITA DELL ARIA

CONVENZIONE TRA COMUNE DI BOLOGNA E ARPA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO INTEGRATIVO SULLA QUALITA DELL ARIA CONVENZIONE TRA COMUNE DI BOLOGNA E ARPA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO INTEGRATIVO SULLA QUALITA DELL ARIA Attività di monitoraggio e supporto tecnico per il periodo novembre 2012 novembre 2013

Dettagli

Calendario delle fiere 2014

Calendario delle fiere 2014 Calendario delle fiere 2014 data località denominazione 18 gennaio Trichiana - S. Antonio Fiera d inverno Tortal 14 febbraio Livinallongo - Pieve Fiera di San Valentino 16 febbraio Limana Mostra dell artigianato

Dettagli

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Gian Luca Gurrieri Dirigente U.O. Qualità dell aria, emissioni industriali e rumore D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

Provincia di Belluno. Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni

Provincia di Belluno. Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni 2014-2015 PROVINCIA DI BELLUNO 2014 2015 Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Popolazione al 1 gennaio 101.055 108.375 209.430 100.307

Dettagli

Cammino delle Dolomiti

Cammino delle Dolomiti Periodo: 1-7 agosto 2012 01/08/2012 Da San Vittore a Facen Percorso di 4 ore, dislivello in salita 300 m, lunghezza 10 km Luoghi d interesse: Santuario dei santi Vittore e Corona, Città di Feltre, Parrocchiale

Dettagli

Consorzio di DENTISTI BELLUNESI

Consorzio di DENTISTI BELLUNESI Consorzio di DENTISTI BELLUNESI COS É Alidentali è un Consorzio che riunisce 85 dentisti della provincia di Belluno, nato con l intento di valorizzare e promuovere l offerta odontoiatrica nel territorio

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Elenco Scuole Paritarie Dati aggiornati al 16/9/2005

Elenco Scuole Paritarie Dati aggiornati al 16/9/2005 BL1A00100N SCUOLA DELL'INFANZIA "MONS. LUIGI VIA CAPPELLO, 9 AGORDO 32021 BL CAPPELLO BL1A003009 SCUOLA DELL'INFANZIA "FORTUNATA VIA FUSINATO 86 ARSIE' 32030 BL PADOVAN" BL1A004005 SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

ORARI ED INDIRIZZI AMBULATORI MEDICI GENERICI AMBITO TERRITORIALE N. 1 S.GIUSTINA-CESIOMAGGIORE-S.GREGORIO NELLE ALPI

ORARI ED INDIRIZZI AMBULATORI MEDICI GENERICI AMBITO TERRITORIALE N. 1 S.GIUSTINA-CESIOMAGGIORE-S.GREGORIO NELLE ALPI ORARI ED INDIRIZZI AMBULATORI MEDICI GENERICI AMBITO TERRITORIALE N. 1 S.GIUSTINACESIOMAGGIORES.GREGORIO NELLE ALPI >> BACCHIN Dott. PAOLO SEBASTIANO COD. RE 003097 MEDICO GENERICO Tel. 0439 / 43357 G01

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO. Il miglior modo di unire gli uomini è di persuaderli a lavorare insieme Antoine-Marie-Roger de Saint Exupery

SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO. Il miglior modo di unire gli uomini è di persuaderli a lavorare insieme Antoine-Marie-Roger de Saint Exupery SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO Il miglior modo di unire gli uomini è di persuaderli a lavorare insieme Antoine-Marie-Roger de Saint Exupery La Provincia di Belluno, con la riforma del mercato

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Calendario delle fiere 2013

Calendario delle fiere 2013 Calendario delle fiere 2013 data località denominazione 19 gennaio Trichiana - S. Antonio Fiera d inverno Tortal 14 febbraio Livinallongo - Pieve Fiera di San Valentino 17 febbraio Cesiomaggiore Festa

Dettagli

L ENERGIA IN VENETO Provincia di Belluno

L ENERGIA IN VENETO Provincia di Belluno Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Dipartimento Provinciale di Belluno Servizio Sistemi Ambientali L ENERGIA IN VENETO Provincia di Belluno Anno 2012 ARPAV Agenzia

Dettagli

I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO DIDATTICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO nel quadro dell iniziativa dell UNIONE EUROPEA YOUTH ON THE MOVE: I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: PROPONENTE NUOVE IDEE

Dettagli

BL 1 CLAUT MARTA 09/09/1972 Det. Rinnovo tip. A

BL 1 CLAUT MARTA 09/09/1972 Det. Rinnovo tip. A Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Graduatoria provinciale definitiva - permessi DIRITTO ALLO STUDIO - personale docente Ambito Territoriale di Belluno Prov. Posizione Richiedente Contratto Richiesta

Dettagli

CTP DI QUERO (BL) 8.30-12.00 14.30-17.30. da lunedì a venerdì mercoledì 9.00-12.00 14.15-17.30 9.00-12.00 9.00-12.30

CTP DI QUERO (BL) 8.30-12.00 14.30-17.30. da lunedì a venerdì mercoledì 9.00-12.00 14.15-17.30 9.00-12.00 9.00-12.30 Scelta del Medico Il cittadino avente diritto sceglie direttamente per sé e per i propri familiari il medico di fiducia fra quelli aventi disponibilità di scelta nell ambito territoriale di residenza.

Dettagli

Gestione amministrativa Prot C agosto 2009 Ai Dirigenti Scolastici Statali della Provincia LORO SEDI

Gestione amministrativa Prot C agosto 2009 Ai Dirigenti Scolastici Statali della Provincia LORO SEDI Gestione amministrativa Prot. 12872 - C.7. Belluno, 25 agosto 2009 Ai Dirigenti Scolastici Statali della Provincia LORO SEDI Alle OO.SS. della Scuola della Provincia LORO SEDI All URP SEDE All Albo SEDE

Dettagli

Indagine campionaria sull utilizzo della legna e di combustibili fuori rete per riscaldamento ad uso domestico in Friuli Venezia Giulia

Indagine campionaria sull utilizzo della legna e di combustibili fuori rete per riscaldamento ad uso domestico in Friuli Venezia Giulia Indagine campionaria sull utilizzo della legna e di combustibili fuori rete per riscaldamento ad uso domestico in Friuli Venezia Giulia Buongiorno/Buonasera, sono e chiamo per conto di Mediatica, società

Dettagli

Capitalizzazione dei risultati di CAIMANs per le azioni del Piano di Risanamento della Qualità dell'aria

Capitalizzazione dei risultati di CAIMANs per le azioni del Piano di Risanamento della Qualità dell'aria Capitalizzazione dei risultati di CAIMANs per le azioni del Piano di Risanamento della Qualità dell'aria Alessandro Benassi Regione Veneto - Dipartimento Ambiente Venezia - 12 GIUGNO 2015 La Procedura

Dettagli

Intesa Programmatica di Area Prealpi bellunesi

Intesa Programmatica di Area Prealpi bellunesi Art. 25 della legge regionale n. 35 del 2001 Nuove norme sulla programmazione Intesa rammatica di Area Prealpi bellunesi Allegato 4 Elenco degli interventi infrastrutturali 2014-2015 Aggiornato il: 20/06/2011,

Dettagli

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno. Claudio Costa Assessore all Innovazione Provincia di Belluno

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno. Claudio Costa Assessore all Innovazione Provincia di Belluno Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Claudio Costa Assessore all Innovazione Provincia di Belluno FORUMPA 2009-11/14 maggio 2009 Agenda Banda Larga: contesto

Dettagli

Studio Planning De Conz Mauro CURRICULUM VITAE_ 10 gennaio 2014

Studio Planning De Conz Mauro CURRICULUM VITAE_ 10 gennaio 2014 Gennaio 2014 Curriculum Professionale dello Studio e del Titolare Studio Planning di De Conz Mauro e Viel Mariagrazia Via dell Anta, 14-32100 - Belluno (BL) c.f. / p.iva 00289240251 tel. 0437 932593 fax

Dettagli

Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria

Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria Silvia Anna Bellinzona Direttore Settore Monitoraggi Ambientali s.bellinzona@arpalombardia.it

Dettagli

Fondo Ministero dell'assistenza Post- Bellica Ufficio Provinciale di Belluno (1945-1953)

Fondo Ministero dell'assistenza Post- Bellica Ufficio Provinciale di Belluno (1945-1953) Fondo Ministero dell'assistenza Post- Ufficio Provinciale di Belluno (1945-1953) a cura di Franca Cosmai 2013 Nota storico istituzionale Con d.m. 19 settembre 1945 vengono istituiti gli Uffici provinciali

Dettagli

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone PEAS Napoli PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti Armando Cartenì Vanda Mazzone Università degli Studi di Napoli "Federico II" Dipartimento di Ingegneria dei

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

selgas tutti I vantaggi del gas naturale

selgas tutti I vantaggi del gas naturale selgas tutti I vantaggi del gas naturale selgas Gas naturale, I vantaggi a ColPo d occhio 1. il gas naturale conviene: oltre ad un prezzo estremamente competitivo, il gas naturale comporta ridotti costi

Dettagli

INDAGINE SUL CONSUMO DOMESTICO DI BIOMASSE LEGNOSE IN VENETO. Risultati dell indagine campionaria e stima delle emissioni in atmosfera

INDAGINE SUL CONSUMO DOMESTICO DI BIOMASSE LEGNOSE IN VENETO. Risultati dell indagine campionaria e stima delle emissioni in atmosfera INDAGINE SUL CONSUMO DOMESTICO DI BIOMASSE LEGNOSE IN VENETO Risultati dell indagine campionaria e stima delle emissioni in atmosfera REV. DESCRIZIONE DATA 1.0 Prima emissione 04.02.2015 Regione del Veneto

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

RICHIESTA N. 13. Quesito 25 Premesso che

RICHIESTA N. 13. Quesito 25 Premesso che RICHIESTA N. 10 Quesito 21 Si chiede di prorogare di almeno sessanta (60) giorni i termini per la presentazione delle offerte in quanto i bandi ed i disciplinari relativi prevedono lo stesso termine del

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Calendario delle fiere 2015

Calendario delle fiere 2015 Calendario delle fiere 2015 Data Località Denominazione 17 gennaio Trichiana Fiera d Inverno S. Antonio Tortal 15 febbraio Limana Mostra dell artigianato e vecchie tradizioni 8 marzo Lentiai Fiera di Primavera

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Gasolio per riscaldamen to (t)

Gasolio per riscaldamen to (t) COMUNE DI Lucca 1. INVENTARIO DELLE EMISSIONI BASELINE ANNO DI RIFERIMENTO: 2005 Inventario delle emissioni - Edifici Anno 2005 EDIFICI Residenziale (riscaldamento/ usi domestici ) Riscaldamento/u si domestici

Dettagli

GIORGIO BALZAN Consulenze tecnico - ambientali

GIORGIO BALZAN Consulenze tecnico - ambientali Spett.le Comune di Lozzo di Cadore Belluno, li maggio 2013 Curriculum vitae del Dottore Forestale BALZAN GIORGIO BALZAN GIORGIO nato a Belluno il 08.08.1958 ed ivi residente in via Brigata Marche n. 6,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLE MISURE DI RISANAMENTO ADOTTATE DALLE CITTA DI TORINO E NOVARA PER IL RISPETTO DEI VALORI LIMITE DEL BIOSSIDO DI AZOTO

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLE MISURE DI RISANAMENTO ADOTTATE DALLE CITTA DI TORINO E NOVARA PER IL RISPETTO DEI VALORI LIMITE DEL BIOSSIDO DI AZOTO VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLE MISURE DI RISANAMENTO ADOTTATE DALLE CITTA DI TORINO E NOVARA PER IL RISPETTO DEI VALORI LIMITE DEL BIOSSIDO DI AZOTO Relazione tecnica a corredo dell istanza di deroga

Dettagli

Istituzioni scolastiche che hanno inviato questionario sulla legalità

Istituzioni scolastiche che hanno inviato questionario sulla legalità Istituzioni scolastiche che hanno inviato questionario sulla legalità 1. Asilo infantile scuola materna Lozzo di Cadore (paritaria) 2. Circolo didattico di Sedico 3. Circolo Didattico II di Belluno 4.

Dettagli

La trasformazione a ciclo combinato della centrale termoelettrica di Piacenza

La trasformazione a ciclo combinato della centrale termoelettrica di Piacenza La trasformazione a ciclo combinato della centrale termoelettrica di Piacenza Umberto Dotta Edipower - Direzione Ingegneria e Sviluppo Piacenza, 25 Ottobre 2005 Convegno - Prevenzione e riduzione integrate

Dettagli

Comando Provinciale di Belluno

Comando Provinciale di Belluno Comando Provinciale di Belluno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale di Belluno Dati statistici 2008 2 Comando Provinciale di Belluno Come ogni

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

Le Strategie e Obiettivi della Regione Lombardia nel Controllo Ambientale. Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria e Agenti Fisici ARPA Lombardia

Le Strategie e Obiettivi della Regione Lombardia nel Controllo Ambientale. Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria e Agenti Fisici ARPA Lombardia Le Strategie e Obiettivi della Regione Lombardia nel Controllo Ambientale Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria e Agenti Fisici ARPA Lombardia Emissioni in Lombardia nel 2008 ripartite per macrosettore

Dettagli

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico ARPA Ingegneria Ambientale Cristina Regazzi, Simonetta Tugnoli, Veronica Rumberti

Dettagli

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria Guido Lanzani Dirigente U.O. Qualità dell aria - ARPA Lombardia Sommario I dati dall inventario delle emissioni Le evidenze sperimentali

Dettagli

Intesa Programmatica d Area Prealpi bellunesi

Intesa Programmatica d Area Prealpi bellunesi Intesa Programmatica d Area Prealpi bellunesi ALLEGATO N. 3 Analisi socio-economica del territorio INTRODUZIONE La diagnosi territoriale persegue due finalità principali: - descrivere e mettere in evidenza

Dettagli

Le pressioni locali ai cambiamenti climatici e la valutazione delle risposte

Le pressioni locali ai cambiamenti climatici e la valutazione delle risposte Le pressioni locali ai cambiamenti climatici e la valutazione delle risposte CRMA Folks & F. Stel ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia CRMA Centro Regionale

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA Valter Francescato AIEL SOMMARIO Legna da ardere in moderne caldaie: benefici energetici e ambientali Legna da ardere in moderne

Dettagli

CRITERI PER LA STESURA E LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI ABBATTIMENTO ~NDIRIZZI GESTIONALI PER I PRELIEVI VENATORI

CRITERI PER LA STESURA E LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI ABBATTIMENTO ~NDIRIZZI GESTIONALI PER I PRELIEVI VENATORI PROVINCIA DI BELLUNO ASSESSORATO ALLA CACCIA CRITERI PER LA STESURA E LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI ABBATTIMENTO ~NDIRIZZI GESTIONALI PER I PRELIEVI VENATORI DELIBERAG.P. n. 218 del 08.07.2003 e successive

Dettagli

Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere

Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere Progetto co-finanziato attraverso il Programma Interreg IV Italia-Austria (FESR) Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere Istituzione

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

CRISI ECONOMICA e AMBIENTE

CRISI ECONOMICA e AMBIENTE Convegno Gli effetti della crisi economica sulla salute della popolazione toscana. Come cambia il ricorso ai servizi? CRISI ECONOMICA e AMBIENTE Daniela Nuvolone Osservatorio di Epidemiologia ARS Toscana

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 1 - OGGETTO Il Comune di Capannori concede incentivi per: - acquisto di veicoli a basso

Dettagli