SCHEMA DEL PIANO DI LAVORO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA DEL PIANO DI LAVORO"

Transcript

1 PIANO D'AZIONE E COESIONE Programma Nazionale Servizi di cura alla prima infanzia e agli anziani non autosufficienti SCHEMA DEL PIANO DI LAVORO Bozza di lavoro per il CIS del

2 Indice del documento 1. Premessa Timesheet e soggetti coinvolti Documento complessivo Specifica attività-soggetti Specifica attività-tempistica Ipotesi di strutturazione del Piano di Lavoro Articolazione del piano Modello di deployment delle attività Conclusioni /15

3 1. Premessa Il Si.Ge.Co., nel definire il modello di Governance multi-livello del Programma Nazionale di cura alla prima infanzia e agli anziani non autosufficienti, individua nel Comitato di Indirizzo e Sorveglianza dell'attuazione (CIS) la sede primaria di riflessione per l'evoluzione e precisazione del Programma (indirizzo) e il luogo della discussione di merito sull'andamento, efficacia e qualità dell'attuazione (sorveglianza). In tale ambito, il CIS è investito anche del compito di discutere ed approvare il Piano di Lavoro complessivo del Programma, predisposto come da prassi comunitaria e secondo quanto indicato dal Si.Ge.Co. dall'autorità di Gestione (AdG). Tale Piano di Lavoro costituisce la declinazione di tutte le attività da svolgersi da parte degli attori del Sistema di Governance, con l'indicazione dei ruoli e di una tempistica di massima. Il Piano di Lavoro, inoltre, soggetto ad aggiornamento periodico, comprende una pianificazione di massima delle attività fino alla conclusione del Programma una pianificazione di maggior dettagli o per step temporali più limitati Alla luce di tali caratteristiche, il presente documento costituisce il framework con il quale l'adg sta procedendo alla predisposizione della proposta di Piano di Lavoro, da sottoporre al CIS nell'ambito delle prerogative prima ricordate. In particolare, in quel che segue, viene riportata: una ipotesi di declinazione di massima di tutte le attività da compiersi fino alla fine del programma, redatta sotto forma di timesheet e con l'indicazione dei soggetti coinvolti per ciascuna attività una ipotesi di strutturazione del Piano di Lavoro, redatta sotto forma di indice del documento da redarre; all'interno di tale struttura, è prevista 3/15

4 la pianificazione di massima dell'intero Programma la pianificazione di maggior dettaglio per le attività da svolgersi entro il 28 febbraio 2014, data in cui sarà presumibilmente conclusa la fase di istruttoria e approvazione di tutti i progetti presentati nell'ambito del 1 Riparto una ipotesi di livello di specifica delle attività previste nella pianificazione di massima, presentato come modello di deployment Il documento, quindi, ha lo scopo di condividere con il CIS tale framework di lavoro e, recepite le eventuali indicazioni, modifiche e/o integrazioni, di consentire all'adg di completare la predisposizione della bozza di Piano di Lavoro da sottoporre al Comitato per la sua discussione ed approvazione 4/15

5 2. Timesheet e soggetti coinvolti 2.1. Documento complessivo AdG Cosa Cosa Cosa Cis Cis Cis AT PM Regioni Benef Ses.Pl. Inf. Anz. Ses. Pl. Inf. Anz. nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Attività Generali Attività di aggiornamento strategico del Programma Affinamento strategico Analisi dei fabbisogni territoriali Analisi dei dati di attuazione Eventuale aggiornamenti del "Documento di Programma" Azioni di ascolto del partenariato sociale ed economico Elaborazione e monitoraggio dei 4 Piani Regionali Elaborazione indirizzi per la redazione dei 4 piani regionali Definizione degli obiettivi specifici in termini di aumento presa in carico, riequilibrio territoriale e miglioramento qualitativo Definizione delle priorità, modalità di attuazione e requisiti formali specifici Approvazione dei 4 Piani Regionali 1 Monitoraggio dei 4 Piani Regionali Eventuale aggiornamento dei 4 piani regionali Attivazione supporti tecnologici ed gestionali Attivazione piattaforma informatica per la presentazione dei piani Attivazione piattaforma per il monitoraggio BDU Igrue Attivazione piattaforma per la rendicontazione Azioni di informazione, sensibilizzazione e pubblicità Gestione delle azioni di pubblicità, informazione attraverso il sito web 1 Riparto Attività di informazione,sensibilizzazione sulla partecipazione dei beneficiari al 1 Riparto 1 2 Attività di informazione, pubblicità sull'avvio e avanzamento dei Piani del 1 Riparto 2 Riparto Attività di informazione,sensibilizzazione sulla partecipazione dei beneficiari al 2 Riparto Attività di informazione, pubblicità sull'avvio e avanzamento dei Piani del 2 Riparto Informazione su Progetti Pilota Diffusione dello stato di attuazione del Programma Diffusione dei risultati raggiunti dal Programma Completamento/affinamento del Si.Ge.Co Predisposizione ed approvazione Regolamento funzionamento CIS Predisposizione ed approvazione Regolamento funzionamento COSA Predisposizione documentazione e manualistica per l'attuazione Vademecum per l'attuazione degli interventi Manuale e modelli di rendicontazione Linee guida e manuale per il monitoraggio (ai fini IGRUE) Manuale e Piste di controllo per il controllo di 1 livello Manuale Piste di controllo per il controllo di 2 livello Manuale per la gestione delle irregolarità Definizione Convenzioni con le Regioni Definizione Disciplinare per i Beneficiari 1 2 Start Up degli Uffici Regionali per il controllo di 1 livello e per il monitoraggio Monitoraggio del Programma in relazione al Piano Azione e Coesione 1a relazione sintetica sullo stato di attuazione del programma 1 2 2a relazione sintetica sullo stato di attuazione del programma 1 2 Relazione finale di attuazione del programma 1 2 1a fase di attuazione (1 RIPARTO) Supporto nella predisposizione dei Piani di Intervento 1 2 Presentazione Piani di Intervento 1 2 Istruttoria dei Piani di intervento Approvazione dei Piani di Intervento Attuazione dei Piani di intervento Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello /15

6 AdG Cosa Cosa Cosa Cis Cis Cis AT PM Regioni Benef Ses.Pl. Inf. Anz. Ses. Pl. Inf. Anz. nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Attività Generali 2a fase di attuazione Attivazione di iniziative non competitive a regia dell'adg Attuazione del 2 Riparto Elaborazione dei criteri del 2 riparto 1 2 Individuazione delle condizionalità di accesso alle risorse 1 2 Individuazione dei criteri di selezione dei beneficiari 1 2 Individuazione di eventuali riparti sub-regionali 1 2 Adozione del 2 Riparto 1 Elaborazione dei Formulari e delle Linee Guida 1 2 Supporto nella predisposizione dei Piani di Intervento Presentazione Piani di Intervento Istruttoria dei Piani di intervento Approvazione dei Piani di Intervento Attuazione dei Piani di intervento Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello Attivazione di iniziative competitive a regia AdG Individuazione delle tipologie di progetti pilota da attuare Formulazione ed approvazione di contenuti tecnici, criteri di selezione, dotazione finanziaria ed elementi di governance dei progetti pilota 1 2 Elaborazione degli avvisi/bandi 1 2 Valutazione/istruttoria 1 2 Approvazione 1 Attuazione Erogazioni Finanziarie acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello Attivazione iniziative a gestione AdG Precisazione dei bisogni di AT per le Amministrazioni centrali Precisazione dei bisogni di AT per le Regioni Definizione del Piano di AT Eventuale aggiornamento del Piano di AT /15

7 2.2. Specifica attività-soggetti AdG Cosa Cosa Cosa Cis Cis Cis AT PM Regioni Benef Ses.Pl. Inf. Anz. Ses. Pl. Inf. Anz. Attività Generali Attività di aggiornamento strategico del Programma Affinamento strategico Analisi dei fabbisogni territoriali Analisi dei dati di attuazione Eventuale aggiornamenti del "Documento di Programma" Azioni di ascolto del partenariato sociale ed economico Elaborazione e monitoraggio dei 4 Piani Regionali Elaborazione indirizzi per la redazione dei 4 piani regionali Definizione degli obiettivi specifici in termini di aumento presa in carico, riequilibrio territoriale e miglioramento qualitativo Definizione delle priorità, modalità di attuazione e requisiti formali specifici Approvazione dei 4 Piani Regionali Monitoraggio dei 4 Piani Regionali Eventuale aggiornamento dei 4 piani regionali Attivazione supporti tecnologici ed gestionali Attivazione piattaforma informatica per la presentazione dei piani Attivazione piattaforma per il monitoraggio BDU Igrue Attivazione piattaforma per la rendicontazione Azioni di informazione, sensibilizzazione e pubblicità Gestione delle azioni di pubblicità, informazione attraverso il sito web 1 Riparto Attività di informazione,sensibilizzazione sulla partecipazione dei beneficiari al 1 Riparto Attività di informazione, pubblicità sull'avvio e avanzamento dei Piani del 1 Riparto 2 Riparto Attività di informazione,sensibilizzazione sulla partecipazione dei beneficiari al 2 Riparto Attività di informazione, pubblicità sull'avvio e avanzamento dei Piani del 2 Riparto Informazione su Progetti Pilota Diffusione dello stato di attuazione del Programma Diffusione dei risultati raggiunti dal Programma Completamento/affinamento del Si.Ge.Co Predisposizione ed approvazione Regolamento funzionamento CIS Predisposizione ed approvazione Regolamento funzionamento COSA Predisposizione documentazione e manualistica per l'attuazione Vademecum per l'attuazione degli interventi Manuale e modelli di rendicontazione Linee guida e manuale per il monitoraggio (ai fini IGRUE) Manuale e Piste di controllo per il controllo di 1 livello Manuale Piste di controllo per il controllo di 2 livello Manuale per la gestione delle irregolarità Definizione Convenzioni con le Regioni Definizione Disciplinare per i Beneficiari Start Up degli Uffici Regionali per il controllo di 1 livello e per il monitoraggio Monitoraggio del Programma in relazione al Piano Azione e Coesione 1a relazione sintetica sullo stato di attuazione del programma 2a relazione sintetica sullo stato di attuazione del programma Relazione finale di attuazione del programma 1a fase di attuazione (1 RIPARTO) Supporto nella predisposizione dei Piani di Intervento Presentazione Piani di Intervento Istruttoria dei Piani di intervento Approvazione dei Piani di Intervento Attuazione dei Piani di intervento Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello 7/15

8 AdG Cosa Cosa Cosa Cis Cis Cis AT PM Regioni Benef Ses.Pl. Inf. Anz. Ses. Pl. Inf. Anz. Attività Generali 2a fase di attuazione Attivazione di iniziative non competitive a regia dell'adg Attuazione del 2 Riparto Elaborazione dei criteri del 2 riparto Individuazione delle condizionalità di accesso alle risorse Individuazione dei criteri di selezione dei beneficiari Individuazione di eventuali riparti sub-regionali Adozione del 2 Riparto Elaborazione dei Formulari e delle Linee Guida Supporto nella predisposizione dei Piani di Intervento Presentazione Piani di Intervento Istruttoria dei Piani di intervento Approvazione dei Piani di Intervento Attuazione dei Piani di intervento Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello Attivazione di iniziative competitive a regia AdG Individuazione delle tipologie di progetti pilota da attuare Formulazione ed approvazione di contenuti tecnici, criteri di selezione, dotazione finanziaria ed elementi di governance dei progetti pilota Elaborazione degli avvisi/bandi Valutazione/istruttoria Approvazione Attuazione Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello Attivazione iniziative a gestione AdG Precisazione dei bisogni di AT per le Amministrazioni centrali Precisazione dei bisogni di AT per le Regioni Definizione del Piano di AT Eventuale aggiornamento del Piano di AT 8/15

9 2.3. Specifica attività-tempistica nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Attività Generali Attività di aggiornamento strategico del Programma Affinamento strategico Analisi dei fabbisogni territoriali Analisi dei dati di attuazione Eventuale aggiornamenti del "Documento di Programma" Azioni di ascolto del partenariato sociale ed economico Elaborazione e monitoraggio dei 4 Piani Regionali Elaborazione indirizzi per la redazione dei 4 piani regionali Definizione degli obiettivi specifici in termini di aumento presa in carico, riequilibrio territoriale e miglioramento qualitativo Definizione delle priorità, modalità di attuazione e requisiti formali specifici Approvazione dei 4 Piani Regionali 1 Monitoraggio dei 4 Piani Regionali Eventuale aggiornamento dei 4 piani regionali Attivazione supporti tecnologici ed gestionali Attivazione piattaforma informatica per la presentazione dei piani Attivazione piattaforma per il monitoraggio BDU Igrue Attivazione piattaforma per la rendicontazione Azioni di informazione, sensibilizzazione e pubblicità Gestione delle azioni di pubblicità, informazione attraverso il sito web 1 Riparto Attività di informazione,sensibilizzazione sulla partecipazione dei beneficiari al 1 Riparto 1 2 Attività di informazione, pubblicità sull'avvio e avanzamento dei Piani del 1 Riparto 2 Riparto Attività di informazione,sensibilizzazione sulla partecipazione dei beneficiari al 2 Riparto Attività di informazione, pubblicità sull'avvio e avanzamento dei Piani del 2 Riparto Informazione su Progetti Pilota Diffusione dello stato di attuazione del Programma Diffusione dei risultati raggiunti dal Programma Completamento/affinamento del Si.Ge.Co Predisposizione ed approvazione Regolamento funzionamento CIS Predisposizione ed approvazione Regolamento funzionamento COSA Predisposizione documentazione e manualistica per l'attuazione Vademecum per l'attuazione degli interventi Manuale e modelli di rendicontazione Linee guida e manuale per il monitoraggio (ai fini IGRUE) Manuale e Piste di controllo per il controllo di 1 livello Manuale Piste di controllo per il controllo di 2 livello Manuale per la gestione delle irregolarità Definizione Convenzioni con le Regioni Definizione Disciplinare per i Beneficiari 1 2 Start Up degli Uffici Regionali per il controllo di 1 livello e per il monitoraggio /15

10 nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Attività Generali Monitoraggio del Programma in relazione al Piano Azione e Coesione 1a relazione sintetica sullo stato di attuazione del programma 1 2 2a relazione sintetica sullo stato di attuazione del programma 1 2 Relazione finale di attuazione del programma 1 2 1a fase di attuazione (1 RIPARTO) Supporto nella predisposizione dei Piani di Intervento 1 2 Presentazione Piani di Intervento 1 2 Istruttoria dei Piani di intervento Approvazione dei Piani di Intervento Attuazione dei Piani di intervento Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello a fase di attuazione Attivazione di iniziative non competitive a regia dell'adg Attuazione del 2 Riparto Elaborazione dei criteri del 2 riparto 1 2 Individuazione delle condizionalità di accesso alle risorse 1 2 Individuazione dei criteri di selezione dei beneficiari 1 2 Individuazione di eventuali riparti sub-regionali 1 2 Adozione del 2 Riparto 1 Elaborazione dei Formulari e delle Linee Guida 1 2 Supporto nella predisposizione dei Piani di Intervento Presentazione Piani di Intervento Istruttoria dei Piani di intervento Approvazione dei Piani di Intervento Attuazione dei Piani di intervento Erogazioni Finanziarie 1 acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello /15

11 nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Attività Generali Attivazione di iniziative competitive a regia AdG Individuazione delle tipologie di progetti pilota da attuare Formulazione ed approvazione di contenuti tecnici, criteri di selezione, dotazione finanziaria ed elementi di governance dei progetti pilota 1 2 Elaborazione degli avvisi/bandi 1 2 Valutazione/istruttoria 1 2 Approvazione 1 Attuazione Erogazioni Finanziarie acconto pagamenti intermedi Saldo Eventuali azioni per il recupero di somme/compensazione Monitoraggio Rendicontazione Controlli di 1 Livello Controlli di 2 Livello Attivazione iniziative a gestione AdG Precisazione dei bisogni di AT per le Amministrazioni centrali Precisazione dei bisogni di AT per le Regioni Definizione del Piano di AT Eventuale aggiornamento del Piano di AT /15

12 3. Ipotesi di strutturazione del Piano di Lavoro 3.1. Articolazione del piano Di seguito si riporta una proposta di indice, attraverso il quale articolare il Piano di Lavoro del Programma, sia in relazione al deployment di massima delle attività, sia in relazione al primo step di attuazione (da concludersi entro il 28 febbraio p.v.) *** 1. Premessa 2. Attività già svolte 3. Articolazione complessiva del Programma. Il Piano di Lavoro di Massima 3.1 Timesheet di Massima 3.2 Attività generali Attività di affinamento strategico del Programma Elaborazione e monitoraggio dei Piani Regionali Completamento del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co) Attività collegate al Monitoraggio Rafforzato del Piano di Azione e Coesione 3.3 Attività trasversali Attivazione supporti tecnologici e gestionali Azioni di informazioni, sensibilizzazione e pubblicità Predisposizione ed attuazione del Piano di Assistenza Tecnica del Programma 3.4 Attività gestionali Attuazione del Primo Riparto Definizione ed attuazione del Secondo Riparto Definizione ed attuazione di ulteriori progetti pilota 4. Il primo step di attuazione: obiettivi 5. Le attività del primo step: il percorso di lavoro fino al 28 febbraio Timesheet di dettaglio 5.2 Attività per l'assegnazione definitiva delle risorse programmate con il 12/15

13 primo Riparto Modalità di svolgimento dell'istruttoria Regolazione delle attività di istruttoria/valutazione di primo e secondo livello Programmazione delle attività di Valutazione finale Predisposizione del Disciplinare di attuazione degli interventi Predisposizione ed adozione dei decreti di finanziamento 5.3 Avvio delle attività per l'adozione del 2 riparto 5.4 Avvio delle attività per l'elaborazione dei 4 Piani Regionali 5.5 Attivazione e/o rilascio dei supporti informatici 5.6 Rafforzamento delle attività di sensibilizzazione sul 1 Riparto 5.7 Elaborazione delle bozze di manualistica e dei format per i controlli 5.8 Start-Up degli Uffici Regionali per il controllo di 1 livello 5.9 Piano di Assistenza Tecnica del Programma 13/15

14 3.2. Modello di deployment delle attività Le singole attività previste nella programmazione di massima (e specificate nel punto 3 dell'indice precedente) saranno specificate utilizzando il modello riportato di seguito: Titolo dell'attività Obiettivo: Descrizione dell'obiettivo da raggiungere Output: Descrizione del risultato atteso, in termini di prodotto e/o di servizio Soggetti Coinvolti: Autorità di Gestione Cis Cis - Infanzia Cis - Anziani Cosa Cosa - Infanzia Cosa - Anziani Assistenza Tecnica Program Manager Regioni Beneficiari Descrizione delle attività di specifica competenza (se previste) svolte per il raggiungimento dell'obiettivo e la produzione dell'output atteso 14/15

15 4. Conclusioni Gli elementi riportati nei paragrafi precedenti costituiscono il framework all'interno del quale gli uffici dell'adg stanno predisponendo la bozza di Piano di Lavoro da sottoporre alla discussione del CIS. In tale contesto, quindi, risulta opportuno che detto framework sia oggetto di una discussione di massima preliminare, onde consentire all'autorità di Gestione di recepire eventuali suggerimenti ed indicazioni. 15/15

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Programmazione e Finanze PO FSE BASILICATA

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Programmazione e Finanze PO FSE BASILICATA REGIONE BASILICATA Dipartimento Programmazione e Finanze PO FSE BASILICATA 2014 2020 Piano annuale di 1. Piano annuale di 1.1. Pianificazione annuale L anno sarà un anno significativo per le attività di

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA Proposta per l'approvazione del Comitato di Sorveglianza, 28 gennaio 2016

PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA Proposta per l'approvazione del Comitato di Sorveglianza, 28 gennaio 2016 PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Proposta per l'approvazione del Comitato di Sorveglianza, 28 gennaio 2016 La valutazione: le novità della programmazione 20014-20 Il regolamento

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Adattamento del Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 12) Indice Istituto Paritario Scuola Cattolica don Bosco Sommario 1. Obiettivi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DEGLI SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DEGLI SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE Unione Europea Regione Autonoma della Sardegna Repubblica Italiana PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DEGLI SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE 1 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2011-2013 ISFOL - Prima giornata sulla Trasparenza Roma, il 7 luglio 2011 Aviana Bulgarelli - Direttore generale isfolprotocollo@pec.isfol.it Riferimenti

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per l Ambiente, le Reti e la Qualità Urbana SERVIZIO ATTIVITA ESTRATTIVE PROGETTO ESECUTIVO

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per l Ambiente, le Reti e la Qualità Urbana SERVIZIO ATTIVITA ESTRATTIVE PROGETTO ESECUTIVO REGIONE PUGLIA Area Politiche per l Ambiente, le Reti e la Qualità Urbana SERVIZIO ATTIVITA ESTRATTIVE PROGETTO ESECUTIVO IMPLEMENTAZIONE DEL MARCHIO REGIONALE E ASSISTENZA TECNICA ALLO SPORTELLO UNICO

Dettagli

Definizione, attivazione e monitoraggio di azioni di miglioramento dei processi sanitari prioritari in ambito dipartimentale

Definizione, attivazione e monitoraggio di azioni di miglioramento dei processi sanitari prioritari in ambito dipartimentale Definizione, attivazione e monitoraggio di azioni di miglioramento dei processi sanitari prioritari in ambito dipartimentale KICK OFF DEL PROGETTO FORMATIVO EmmEffe S.r.l. Management & Formazione Via Fauchè,

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 Allegato A PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 1. Obiettivi della misura Ai sensi dell art. 66 del Reg CE 1698/2005 gli interventi dell

Dettagli

Stato di avanzamento dei piani di azione per il soddisfacimento delle condizionalità ex-ante. Comitato di Sorveglianza 27 maggio 2015

Stato di avanzamento dei piani di azione per il soddisfacimento delle condizionalità ex-ante. Comitato di Sorveglianza 27 maggio 2015 Abteilung Europa Amt 39.1 Amt für europäische Integration Ripartizione Europa Ufficio 39.1 Ufficio per l integrazione europea Stato di avanzamento dei piani di azione per il soddisfacimento delle condizionalità

Dettagli

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) del Comune di Milano

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) del Comune di Milano Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica Seconda Conferenza di Valutazione Milano, 20 Dicembre, Acquario Civico della Città di Milano Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU)

Dettagli

www.sardegnaprogrammazione.it Soddisfacimento delle CExA applicabili al POR FESR 11 Condizionalità tematiche: 4 NON SODDISFATTE 3 SODDISFATTE PARZIALMENTE Come ci eravamo lasciati (il 24 settembre 2015)

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia

PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia Linee guida e Formulari per gli Ambiti territoriali della Regione Puglia Il Programma servizi di cura

Dettagli

ALLEGATO: SCHEDE PER INDIVIDUAZIONE DELLE STRUTTURE COINVOLTE NELLL ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI

ALLEGATO: SCHEDE PER INDIVIDUAZIONE DELLE STRUTTURE COINVOLTE NELLL ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI ALLEGATO: SCHEDE PER INDIVIDUAZIONE DELLE STRUTTURE COINVOLTE NELLL ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI Priorità politica 1: Valorizzare il ruolo istituzionale del Consiglio Area strategica 1.1: Funzione

Dettagli

OGGETTO : NUCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA REGIONE LIGURIA. ADEGUAMENTO STRUTTURA E COMPETENZE. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : NUCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA REGIONE LIGURIA. ADEGUAMENTO STRUTTURA E COMPETENZE. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : NUCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA REGIONE LIGURIA. ADEGUAMENTO STRUTTURA E COMPETENZE. N. 363 IN 23/04/2004 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA

Dettagli

Incontro di lavoro con i rappresentanti dei siti UNESCO italiani

Incontro di lavoro con i rappresentanti dei siti UNESCO italiani Incontro di lavoro con i rappresentanti dei siti LEGGE 77/2006 UN PRIMO BILANCIO Incontro di lavoro con i rappresentanti dei siti Manuel Roberto Guido Dirigente Servizio valorizzazione del patrimonio culturale

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BO1M01300A SIT.RELIG. "SUOR TERESA VERONESI"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BO1M01300A SIT.RELIG. SUOR TERESA VERONESI Indice Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BO1M01300A SIT.RELIG. "SUOR TERESA VERONESI" Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BIIC80000D IC ANDORNO MICCA

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BIIC80000D IC ANDORNO MICCA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BIIC80000D IC ANDORNO MICCA Indice Sommario 1. Obiettivi di processo pag. 3 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi

Dettagli

Soggetti e funzioni della programmazione sociale

Soggetti e funzioni della programmazione sociale Servizio Sanità e Servizi Sociali Soggetti e funzioni della programmazione sociale a cura di Maria Lodovica Fratti Dirigente Servizio Sanità e Servizi Sociali Regione Emilia Romagna Programma annuale degli

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE

PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE Programma Nazionale per i Servizi di cura all infanzia e agli anziani non autosufficienti Dipartimento Politiche Sociali - CISL Campania Il Piano di Azione per la Coesione

Dettagli

Corso di Laurea in. Scienze della Formazione Primaria. Prof.ssa Paola Perucchini Prof.ssa Daniela Peja Responsabile del Tirocinio

Corso di Laurea in. Scienze della Formazione Primaria. Prof.ssa Paola Perucchini Prof.ssa Daniela Peja Responsabile del Tirocinio Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Prof.ssa Paola Perucchini Prof.ssa Daniela Peja Responsabile del Tirocinio Coordinatrice del Corso di Laurea L ORGANIZZAZIONE DEL TIROCINIO Modalità:

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni (legge quadro in materia di lavori pubblici) che, all art. 14, dispone

Dettagli

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. TURNI FARMACIE APRILE 2016 Sab. 2 apr. Dom. 3 apr. Sab. 9 apr. Dom. 10 apr. Sab. 16 apr. Dom. 17 apr. Sab. 23 apr. Dom. 24 apr. Lun. 25 apr. Sab. 30 apr. Dom. 1 mag. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

Dettagli

Piano di Valutazione

Piano di Valutazione REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Piano di Valutazione Parte PO FSE 2014-2020 Roma, 4 Febbraio 2016 Premessa Programmazione unitaria La Giunta regionale si propone quale obiettivo

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Le attività commerciali

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Le attività commerciali Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Le attività commerciali Antonio Catalani Indice dai problemi alle soluzioni come individuare le opportunità di crescita nell ambito commerciale

Dettagli

PROGETTI DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI EX ART. 15, COMMA 5 DEL C.C.N.L. DEL 01/04/1999 LINEE DI INDIRIZZO.

PROGETTI DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI EX ART. 15, COMMA 5 DEL C.C.N.L. DEL 01/04/1999 LINEE DI INDIRIZZO. PROGETTI DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI EX ART. 15, COMMA 5 DEL C.C.N.L. DEL 01/04/1999 LINEE DI INDIRIZZO. I progetti dovranno rispettare le seguenti caratteristiche: a. analitica definizione degli obiettivi

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

L approccio unitario alla programmazione dei Fondi Europei in Emilia-Romagna

L approccio unitario alla programmazione dei Fondi Europei in Emilia-Romagna L approccio unitario alla programmazione 2014-2020 dei Fondi Europei in Emilia-Romagna Caterina Brancaleoni Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici Le novità della nuova programmazione

Dettagli

Indice. Il contesto nazionale e regionale. Applicazione delle FMEA: approccio metodologico. Modalità di sviluppo e tempi

Indice. Il contesto nazionale e regionale. Applicazione delle FMEA: approccio metodologico. Modalità di sviluppo e tempi Progetto di applicazione della FMEA in Oncologia Medica per la gestione e riduzione del rischio clinico in 4 Unità Operative nell ambito della Rete Oncologica Ligure PROGETTO TECNICO EmmEffe S.r.l. Management

Dettagli

IL SENSO DEL VALUTARE. «L esperienza del RAV»

IL SENSO DEL VALUTARE. «L esperienza del RAV» IL SENSO DEL VALUTARE «Il RAV: Processi e progressi» «L esperienza del RAV» 17/02/2016 Giardini Naxos (ME) Gianfranco Rosso Riferimenti normativi DPR 28 marzo 2013, n. 80 - Regolamento sul sistema nazionale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E INNOVAZIONE (PON RI) (FESR E FSE) ANALISI DEI FABBISOGNI DI PROFESSIONALITÀ A SUPPORTO DEL PON

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E INNOVAZIONE (PON RI) (FESR E FSE) ANALISI DEI FABBISOGNI DI PROFESSIONALITÀ A SUPPORTO DEL PON PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E INNOVAZIONE (PON RI) 2014 2020 (FESR E FSE) ANALISI DEI FABBISOGNI DI PROFESSIONALITÀ A SUPPORTO DEL PON N. minimo risorse Direzione Generale per il Co e lo Sviluppo

Dettagli

/06/2012 DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA

/06/2012 DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA 5391 19/06/2012 Identificativo Atto n. 378 DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA BANDO DI INVITO A PRESENTARE PROGETTI INNOVATIVI NEI SETTORI ENERGIA-AMBIENTE, AGROALIMENTARE, SALUTE E MANIFATTURIERO

Dettagli

Comune di Marradi. SERVIZIO 5. SOCIO- CULTURALE RESPONSABILE : Rag. Mara Ierpi SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SINTESI OBIETTIVI. Peso obiettivo (opz.

Comune di Marradi. SERVIZIO 5. SOCIO- CULTURALE RESPONSABILE : Rag. Mara Ierpi SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SINTESI OBIETTIVI. Peso obiettivo (opz. SERVIZIO 5. SOCIO- CULTURALE SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI Comune di Marradi SINTESI OBIETTIVI n. obiettivo obiettivo (opz.) 3 Descrizione sintetica obiettivo Regolamento per le agevolazioni tariffarie alle

Dettagli

ALTRI UFFICI COINVOLTI (dello stesso o di altro Settore)

ALTRI UFFICI COINVOLTI (dello stesso o di altro Settore) SCHEDA P.E.G. - OBIETTIVI GESTIONALI Anno: 204 Centro di responsabilità: TECNICO Centro di costo: PROCESSO DI RIFERIMENTO (Relazione Previsionale e Programmatica) SISTEMA PREMIANTE COLLEGATO: indennità

Dettagli

Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Struttura organizzativa

Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Struttura organizzativa REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessoratore regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale Struttura organizzativa Vs.

Dettagli

Il processo di riconversione delle aree crisi in Sardegna

Il processo di riconversione delle aree crisi in Sardegna delle aree crisi in Sardegna 1 2 Inquadramento normativo della procedura L Amministrazione Regionale intende intervenire nelle Aree di Crisi con lo strumento dei Progetti di Filiera e Sviluppo Locale (L.R.

Dettagli

Obiettivo di sviluppo

Obiettivo di sviluppo Obiettivi strategici e di sviluppo Amministrazione: 017096 - Comune di Lumezzane Centro di Responsabilità: 0104 - SGR - URP Responsabile: Bonomi Maria Luisa Periodo di Riferimento: Anno - 2014 Legenda:

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica FGIS F I A N I - LECCISOTTI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica FGIS F I A N I - LECCISOTTI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica FGIS044002 F I A N I - LECCISOTTI Sommario 1. Obiettivi di processo...2 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2012

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2012 Dicembre 2012 RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2012 ENTE PARCO NAZIONALE DELLA SILA Il Rapporto individuale sull avvio del ciclo di gestione della

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PSPC03000N L. CLASSICO - LING. - SC. UMANE MAMIANI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PSPC03000N L. CLASSICO - LING. - SC. UMANE MAMIANI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PSPC03000N L. CLASSICO - LING. - SC. UMANE MAMIANI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 11) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione 10-gen colf e badanti (4^ trimestre anno precedente) contributi Inail (4^ rata anno precedente) 16-gen coltivatori e (PC/CF) (4^ rata anno precedente) e

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Decreto n. 1131 / PAC Del 2 maggio 2016 VISTO il Decreto n. 925/PAC del 22/02/2016, con il quale, in base ai criteri indicati nel decreto dell A.d.G. n. 841/PAC del 20/01/2016, si è provveduto a liquidare

Dettagli

PROGETTO ANNO-PONTE SCUOLA INFANZIA BETTOLLE-SCUOLA PRIMARIA PIEVE DI SINALUNGA SO-STARE ALLA SCUOLA PRIMARIA A.S. 2013/2014

PROGETTO ANNO-PONTE SCUOLA INFANZIA BETTOLLE-SCUOLA PRIMARIA PIEVE DI SINALUNGA SO-STARE ALLA SCUOLA PRIMARIA A.S. 2013/2014 PROGETTO ANNO-PONTE SCUOLA INFANZIA BETTOLLE-SCUOLA PRIMARIA PIEVE DI SINALUNGA SO-STARE ALLA SCUOLA PRIMARIA A.S. Abstract: Il progetto nasce dalla necessità di inserire gradualmente alla Scuola Primaria

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO DETERMINAZIONE. Estensore POLINARI ANTONELLA. Responsabile del procedimento POLINARI ANTONELLA

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO DETERMINAZIONE. Estensore POLINARI ANTONELLA. Responsabile del procedimento POLINARI ANTONELLA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO Area: DETERMINAZIONE N. G07317 del 15/06/2015 Proposta n. 9317 del 12/06/2015 Oggetto: Individuazione della Direzione

Dettagli

Il Piano di Rafforzamento Amministrativo del Piemonte

Il Piano di Rafforzamento Amministrativo del Piemonte fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020 FONDO SOCIALE EUROPEO e FONDO EUROPEO SVILUPPO REGIONALE Il Piano di Rafforzamento Amministrativo del Piemonte Luciano Conterno Capo di Gabinetto della

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento VR1M02900L SCUOLA MEDIA DON BOSCO-COOPERATIVA SOCIALE DAVIDE DE MASSARI - SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare

Dettagli

Organigramma. Roma, ottobre 2015

Organigramma. Roma, ottobre 2015 Organigramma Roma, ottobre 2015 Organigramma Normative e Certificazioni, cura: il monitoraggio delle normative che hanno impatto sull operatività aziendale la gestione del sistema della Sicurezza aziendale

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.12.2015 C(2015) 9108 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 9.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "(Interreg V-A) Italia-Svizzera"

Dettagli

COMUNE DI ROVERETO IL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) a cura della Direzione Generale

COMUNE DI ROVERETO IL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) a cura della Direzione Generale COMUNE DI ROVERETO IL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) a cura della Direzione Generale Cos'è il DUP Il DUP è lo strumento che permette l'attività di guida strategica ed operativa degli enti locali.

Dettagli

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi Scheda Attivita' / Intervento ENAC/CZ/03 Data Stampa : 16/01/2009 Data aggiornamento codici: 15/01/2009 Intesa Governo / Regione: Accordo di Programma Quadro: Responsabile Accordo: CALABRIA Atto di raccordo

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.10 LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE DELLA FAMIGLIA

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.10 LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE DELLA FAMIGLIA REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.10 LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE DELLA FAMIGLIA DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (assunto il 17/04/2014 prot. N 694) Registro dei decreti dei

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Area Comune Processo Gestione del processo produttivo, qualità, funzioni tecniche e logistica interna

Dettagli

Offerta tecnica. Allegato II Piano di progetto - Gantt

Offerta tecnica. Allegato II Piano di progetto - Gantt Offerta tecnica Allegato II Piano di progetto - Gantt Gestione, sviluppo e manutenzione dell architettura software di Business Intelligence in uso presso Cestec S.p.A. Redatto da Omnia Service Italia s.r.l.

Dettagli

Programma di attività di SERVIZIO MONITORAGGIO E COORDINAMENTO DEI SISTEMI INFORMATIVI DELL'ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO

Programma di attività di SERVIZIO MONITORAGGIO E COORDINAMENTO DEI SISTEMI INFORMATIVI DELL'ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO Programma di attività di SERVIZIO MONITORAGGIO E COORDINAMENTO DEI SISTEMI INFORMATIVI DELL'ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO Versione: 2/2015 (30/06/2015) Stato: Approvato Responsabile: SCORRI

Dettagli

Bando per la presentazione di candidature per. Progetti Semplici

Bando per la presentazione di candidature per. Progetti Semplici I. Contenuti Bando per la presentazione di candidature per Progetti Semplici Il Programma europeo di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 approvato con decisione della Commissione,

Dettagli

POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO REPUBBLICA ITALIANA

POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO Piani di Azione per settori di intervento I Piani di Azione sono degli atti generali di programmazione e di indirizzo che definiscono: le

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N DEL 16/03/2016

DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N DEL 16/03/2016 Direzione Generale della Pubblica Istruzione DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N. 2814 DEL 16/03/2016 Oggetto: Avviso Tutti a Iscol@ - P.O.R. FSE 2014-2020 - Obiettivo Investimenti in favore della crescita e

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PIANO

PRESENTAZIONE DEL PIANO AVT/91/08II - COMPETENZE PER CRESCERE E COMPETERE PRESENTAZIONE DEL PIANO OBIETTIVO GENERALE Realizzazione di interventi di formazione continua a favore delle imprese aderenti al fine di accompagnarne

Dettagli

21/04/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 32. Regione Lazio

21/04/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 32. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 18 aprile 2016, n. G03872 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014/2020 del Lazio. Regolamento

Dettagli

Tecnico elettronico. Standard della Figura nazionale

Tecnico elettronico. Standard della Figura nazionale Tecnico elettronico Standard della Figura nazionale 1 Denominazione della figura TECNICO ELETTRONICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO

Dettagli

Al servizio di gente unica. Piano della prestazione della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Al servizio di gente unica. Piano della prestazione della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Al servizio di gente unica Piano della prestazione della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia »Un gruppo di lavoro interdirezionale composto da Direzione Generale, Direzione centrale Funzione Pubblica

Dettagli

Relazione sul sistema dei controlli dei progetti finanziati con il POR FESR 2007/2013

Relazione sul sistema dei controlli dei progetti finanziati con il POR FESR 2007/2013 Relazione sul sistema dei controlli dei progetti finanziati con il POR FESR 2007/2013 Riferimenti Normativi UE Regolamento (CE) del Consiglio n. 1083/2006, art. 58 e s.m.i. Regolamento (CE) della Commissione

Dettagli

L Autorità di Audit e la nuova programmazione. Autorità di Certificazione

L Autorità di Audit e la nuova programmazione. Autorità di Certificazione L Autorità di Audit e la nuova programmazione Il capo II del Regolamento (UE) n.1303/2013 è dedicato alle Autorità del Programma Operativo, in particolare, in continuità con le passate programmazioni,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA 4063 06/05/2011 Identificativo Atto n. 254 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013. MISURA 112 "INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI" NONO PERIODO. SECONDO RIPARTO AGGIUNTIVO

Dettagli

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 VARIE FASI Fase 1-1 anno Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 Fase 2-2 anno Miglioramento a.s. 2015/2016 Fase 3-3 anno Rendicontazione sociale a.s. 2016/2017 Fase di valutazione esterna, su un primo

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 14. TECNICO AGRICOLO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 14. TECNICO AGRICOLO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 14. TECNICO AGRICOLO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

Ente: COMUNE DI PORTICI

Ente: COMUNE DI PORTICI MUTUI IN AMMORTAMENTO ANNO 2010 CASSA DD.PP. Ente: COMUNE DI PORTICI Tipo opera: Edilizia pubblica e sociale-immobile 4502930/00 21-dic-06 200.000,00 01-gen-07 30-giu-10 179.465,06 3.676,97 3.748,13 7.425,10

Dettagli

Centri di costo: 1. Servizio Urbanistica

Centri di costo: 1. Servizio Urbanistica RESPONSABILE: Ing. Antonio Peritore Responsabile delle risorse: Ing. Antonio Peritore Centri di costo: 1. Servizio Urbanistica Anno 2015 Verifica di metà anno e proposta di variazione OBIETTIVI PERMANENTI:

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.2.2015 C(2015) 922 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.2.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "POR Piemonte FESR" per il sostegno

Dettagli

L Agenda Digitale Italiana

L Agenda Digitale Italiana L Agenda Digitale Italiana Maria Pia Giovannini Area Pubblica Amministrazione AgID Trento 24 novembre 2016 «Ti prescrivo una APP» 1 La strategia: i punti chiave Crescita digitale Delinea la strategia di

Dettagli

MISSIONE 001 Organi Costituzionali a rilevanza Costituzionale e Presidenza del Consiglio dei Ministri

MISSIONE 001 Organi Costituzionali a rilevanza Costituzionale e Presidenza del Consiglio dei Ministri CDR 10 Ufficio per il Programma di Governo MISSIONE 001 Organi Costituzionali a rilevanza Costituzionale e Presidenza del Consiglio dei Ministri Programma 003 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1. Mission

Dettagli

Il Piano di Lavoro. La valutazione della performance di università statali e Enti Pubblici di Ricerca

Il Piano di Lavoro. La valutazione della performance di università statali e Enti Pubblici di Ricerca Il Piano di Lavoro La valutazione della performance di università statali e Enti Pubblici di Ricerca Passi percorsi I Fase - Passaggio competenze da CIVIT ad ANVUR (agosto 2013) - Avvio Gruppo di Lavoro

Dettagli

P I A N O D I A G G I O R N A M E N T O D E G L I I S P E T T O R I M E T R I C I D E L L E C A M E R E

P I A N O D I A G G I O R N A M E N T O D E G L I I S P E T T O R I M E T R I C I D E L L E C A M E R E P I A N O D I A G G I O R N A M E N T O D E G L I I S P E T T O R I M E T R I C I D E L L E C A M E R E D I C O M M E R C I O N E L L A M B I T O D E L L E A T T I V I T À D I V I G I L A N Z A S E S S

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE DIPARTIMENTO Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali CAPO DIPARTIMENTO DIRETTORE GENERALE / DIRIGENTE STAFF DIPARTIMENTO DIRIGENTE UNITA

Dettagli

Il Sistema per la gestione, documentazione e monitoraggio GPU Caterina Orlandi INDIRE Verona, 21 novembre 2014

Il Sistema per la gestione, documentazione e monitoraggio GPU Caterina Orlandi INDIRE Verona, 21 novembre 2014 PON Per la Scuola - Competenze e ambienti per l Apprendimento Il Sistema per la gestione, documentazione e monitoraggio GPU 2014-2020 Caterina Orlandi INDIRE Verona, 21 novembre 2014 Regolamento 1303/2013

Dettagli

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 7

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 7 Denominazione Figura / Profilo / Obiettivo Professioni NUP/ISTAT correlate TECNICO ELETTRONICO 5. - Artigiani e operai specializzati e agricoltori 6.2.4.3 - Riparatori di apparecchi radio, televisivi e

Dettagli

Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo - anno 2010 ai sensi dell art. 65, lett. e) del Reg. (CE) 1083/2006

Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo - anno 2010 ai sensi dell art. 65, lett. e) del Reg. (CE) 1083/2006 Comitato di Sorveglianza POR FESR 2007-2013 Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo - anno 2010 ai sensi dell art. 65, lett. e) del Reg. (CE) 1083/2006 Autorità di Audit Peter Bieler 24 25 maggio

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 3. TECNICO ELETTRONICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 204 del 26/03/2013 Codice identificativo 884327 PROPONENTE Comunicazione - Serv. Informativi - Sp. Cittadino APPROVAZIONE DEGLI

Dettagli

Il Modello di organizzazione, gestione e controllo del CEI Comitato Elettrotecnico Italiano

Il Modello di organizzazione, gestione e controllo del CEI Comitato Elettrotecnico Italiano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO D. Lgs. 231/2001 e sue applicazioni al terzo settore Il Modello di organizzazione, gestione e controllo del CEI Comitato Elettrotecnico Italiano Roberto Bacci,

Dettagli

PROGETTO CAPITALE UMANO ORIENTAMENTO PERMANENTE TAVOLO DEL CAPITALE UMANO

PROGETTO CAPITALE UMANO ORIENTAMENTO PERMANENTE TAVOLO DEL CAPITALE UMANO PROGETTO CAPITALE UMANO ORIENTAMENTO PERMANENTE TAVOLO DEL CAPITALE UMANO Sondrio, giovedì 8 ottobre 2015 PIANO D'AZIONE TERRITORIALE VALTELLINA in attuazione del Sistema Regionale dell'orientamento permanente

Dettagli

COMUNE DI MONTE URANO Provincia di Fermo

COMUNE DI MONTE URANO Provincia di Fermo PREDISPOSIZIONE PIANO TRIENNALE 2017/2019 PREVENZIONE CORRUZIONE AVVISO "Procedura aperta per la partecipazione alla predisposizione del Piano Triennale 2017/2019 di Prevenzione della Corruzione - P.T.P.C.

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.12.2014 C(2014) 10145 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 17.12.2014 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Area alpina" ai fini

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento MIIC8DQ00C I.C. LOCATELLI-QUASIMODO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 63 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 63 del 25706 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 10 maggio 2016, n.656 PO FESR 2014 2020-Titolo II Capo 5 Aiuti alle grandi impr e alle PMI per programmi integrati di agevolazione PIA TURISMO Avviso per la presentazione

Dettagli

La Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente della Regione Umbria - RIS 3 -

La Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente della Regione Umbria - RIS 3 - La Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente della Regione Umbria - RIS 3 - STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Condizionalità ex ante per lo sviluppo delle politiche

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 21 LUGLIO 2016 421/2016/R/EFR CONTRATTO-TIPO AI FINI DELL EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DAL DECRETO INTERMINISTERIALE 16 FEBBRAIO 2016, RELATIVI A INTERVENTI DI PICCOLE DIMENSIONI PER

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE SETTORE AMBIENTE, SVILUPPO DEL TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE STRATEGICA SERVIZIO AMBIENTE E TUTELA VENATORIA

PROVINCIA DI LECCE SETTORE AMBIENTE, SVILUPPO DEL TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE STRATEGICA SERVIZIO AMBIENTE E TUTELA VENATORIA PROVINCIA DI LECCE SETTORE AMBIENTE, SVILUPPO DEL TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE STRATEGICA SERVIZIO AMBIENTE E TUTELA VENATORIA Progetto di sensibilizzazione alla corretta gestione dei rifiuti durante una

Dettagli

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum in collaborazione con Bandi regionali Associazionismo e Volontariato Vademecum a cura di Excursus. Spazio di formazione partecipata Indice 1. TITOLO 2. SCADENZA PRESENTAZIONE E TEMPISTICA ITER 3. SOGGETTI

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 142 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 142 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 142 del 13-12-2016 57835 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 novembre 2016, n. 1715 Obiettivi a carattere prioritario e di rilievo nazionale per l anno

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/3 DEL

DELIBERAZIONE N. 53/3 DEL Oggetto: Rapporto sullo stato di attuazione della Delib.G.R. n. 33/27 dell 8 agosto 2013 concernente Art. 2 D.L. n. 158/2012 convertito con modificazioni nella legge n. 189/2012. Approvazione linee guida

Dettagli

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI -Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI Servizio : Responsabile :!" #! $% CdC/Ufficio : Obiettivo : &' % Unità di Operazio Tipo

Dettagli

POR SARDEGNA BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2

POR SARDEGNA BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2 Slide presentate in occasione dell incontro pubblico di presentazione di bandi POR, tenutosi a Cagliari il 1 agosto

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. N.5027 del 08/09/2016 OGGETTO.

Unione Europea. D.D.G. N.5027 del 08/09/2016 OGGETTO. Il Dirigente Generale D.D.G. N.5027 del 08/09/2016 OGGETTO. Decreto di modifica del D.D.G. 2027 /2016 e approvazione in via definitiva degli esiti di ammissibilità alla valutazione delle istanze pervenute

Dettagli

SEGRETARIO GENERALE AREA STRATEGICA: AMMINISTRAZIONE EFFICIENTE, CITTADINI, TRASPARENZA E DIALOGO

SEGRETARIO GENERALE AREA STRATEGICA: AMMINISTRAZIONE EFFICIENTE, CITTADINI, TRASPARENZA E DIALOGO AREA STRATEGICA: AMMINISTRAZIONE EFFICIENTE, CITTADINI, TRASPARENZA E DIALOGO Responsabile di riferimento Dr. Luigi Di Natale Area strategica di riferimento (da AMMINISTRAZIONE EFFICIENTE, CITTADINI, TRASPARENZA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Il GAL BASSO MONFERRATO ASTIGIANO ricerca, per l attuazione del proprio PSL per LEADER 2014/2020, il seguente personale:

AVVISO PUBBLICO. Il GAL BASSO MONFERRATO ASTIGIANO ricerca, per l attuazione del proprio PSL per LEADER 2014/2020, il seguente personale: AVVISO PUBBLICO Il GAL BASSO MONFERRATO ASTIGIANO ricerca, per l attuazione del proprio PSL per LEADER 2014/2020, il seguente personale: n. 1 Direttore Tecnico con incarico professionale di durata triennale

Dettagli

La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo

La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo Banca Popolare di Milano Milano, 18 maggio 2004 Agenda La costruzione del Repository Gli obiettivi Perchè un Modello aziendale

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.7.2015 C(2015) 4998 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 14.7.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "PON Città metropolitane" per

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA 198 17/01/2013 Identificativo Atto n. 7 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013. MISURA 121 "AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE". RIPARTO DELLE RISORSE FINANZIARIE ALLE

Dettagli

Le competenze richieste dalle imprese ai laureati

Le competenze richieste dalle imprese ai laureati Le competenze richieste dalle imprese ai laureati LE COMPETENZE DELL AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Lauree: economia e statistica, ingegneria gestionale e giurisprudenza - competenze di controllo

Dettagli