Il Corriere delle Poste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Corriere delle Poste"

Transcript

1 Il Corriere delle Poste Giornale Regionale dell SLP CISL Lombardia Numero 5 - Ottobre Spedizione in A.P. semestrale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2 DCB Milano Le nuove frontiere di tutela della categoria: Idee al Lavoro Federazione Lavoratori Poste Segreteria Regionale Lombardia Viale E. Marelli, Sesto San Giovanni (MI) Tel. 02/ r.a. Fax 02/ L Antiriciclaggio Aggiornato al 20 settembre 2010

2 Cari Colleghi, Con questo Vademecum sull Antiriciclaggio, prosegue il lavoro avviato da tempo dalla nostra Organizzazione Sindacale. Come sempre non abbiamo la pretesa di essere esaustivi ma di fornire uno strumento utile e di facile consultazione per l attività quotidiana. Negli ultimi tempi stiamo rilevando un incremento delle attività di controllo svolte dall Istituto di Vigilanza, dalla Guardia di Finanza e dalla Magistratura a causa di violazioni delle norme antiriciclaggio. Si è reso pertanto necessario un impegno straordinario da parte dell SLP-Cisl nelle attività specifiche dei colleghi che operano nell ambito Mercato Privati, finalizzato ad aggiornare e sensibilizzare sulle responsabilità intervenute con le ultime normative. La ratio della normativa Antiriciclaggio (D.Lgs. 231/2007 e precedente L.197/1991) è quella di contrastare i fenomeni criminali, limitando l uso del denaro contante e dei titoli al portatore nelle transazioni, prevenendo l utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio. E bene precisare da subito che Banca d Italia e Guardia di Finanza sono concordi nel definire riciclaggio ed evasione fiscale come fenomeni tra loro collegati. Agli operatori finanziari spetta l onere di vigilare sulle operazioni sospette di costituire un reimpiego di profitti derivanti da attività delittuose, in attività lecite di carattere commerciale e finanziario, che sfruttando la fungibilità del denaro, turbano la concorrenza tra imprese e inquinano l economia. La conoscenza della portata degli obblighi introdotti dalla normativa antiriciclaggio e della conseguente responsabilità di natura personale, prevista per gli inadempimenti, è di fondamentale importanza per la tutela dei lavoratori. Buona prassi vuole quindi che ogni operatore conosca approfonditamente la normativa in questione, poiché sul piano penale la responsabilità è sempre personale e non aziendale, e nessuno può invocare a propria scusa l ignoranza della legge Penale. La prima vera forma di tutela individuale è quindi la professionalità e il rispetto delle norme, che riassumiamo per praticità in questo vademecum corredato anche dalla normativa interna di Poste Italiane. In merito alle tematiche specifiche, Mifid e Antiriciclaggio, prosegue l attività delle nostre strutture territoriali nell organizzare seminari e convegni con la partecipazione di esperti esterni. Giuseppe Marinaccio Segretario Regionale

3 SOMMARIO Normativa di riferimento pag. 5 L antiriciclaggio: dalla parte del lavoratore pag. 6 Limiti all uso del contante pag. 6 Nuova disciplina sugli assegni pag. 9 Emissione vaglia ed assegni postali pag. 10 Obblighi e sanzioni per gli operatori istituzionali del credito pag. 11 Contenuto degli obblighi di adeguata verifica della clientela pag. 12 Obbligo di registrazione e conservazione delle informazioni pag. 13 Segnalazioni di operazioni sospette pag. 14 Le violazioni: un sistema sanzionatorio graduato fino al penale pag. 16 Le disposizioni, comunicazioni di servizio e modulistica di Poste pag. 16 Adeguata verifica del cliente in Poste pag. 17 Guida alla compilazione dei moduli di adeguata verifica pag. 20 Registrazioni di sportello (Archivio Unico Informatico - AUI) pag. 26 Libretti al portatore pag. 27 Attestazione di adeguata verifica di Soggetto titolare di rapporto continuativo pag. 29 3

4 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: COS E IL RICICLAGGIO? Il riciclaggio è il reimpiego dei profitti, derivanti da attività delittuose, in attività lecite di carattere commerciale e finanziario, che sfruttando la fungibilità e la prolificità del denaro, turbano la concorrenza tra imprese e inquinano l economia mettendone a repentaglio la democraticità. Purtroppo l esperienza fin qui acquisita evidenzia ancora criticità nel puntuale rispetto della normativa: - insufficienti verifiche della clientela, - incomplete registrazioni negli archivi aziendali, - carenti valutazioni delle operazioni anomale, - ritardi e omissioni nelle segnalazioni, - controlli poco incisivi, - scarsa formazione del personale. (Anna Maria Tarantola Rimini 29 gennaio 2010) Legge n. 197/1991 Introduzione delle misure di prevenzione del riciclaggio Decreto 153/1997 Rivisitazione del sistema delle operazioni sospette Decreto 374/1999 Estensione degli obblighi antiriciclaggio Decreto n. 231/2001 La responsabilità Amministrativa degli Enti Giuridici Decreto n. 231/2007 Rivisitazione completa dell intero impianto normativo su cui si fonda la vigente normativa antiriciclaggio Codice Penale La responsabilità personale (*) l art. 5 del c.p. sancisce che nessuno può invocare a propria scusa l ignoranza della Legge Penale (*)Per cui l operatore bancario/postale, in caso di dubbio operativo, ha l obbligo di informarsi sulla liceità dell operazione, astenendosi, nel frattempo, dall effettuarla, perché questo dispone la legge. Art. 648 bis Riciclaggio, Capo II, titolo XIII del secondo libro del codice penale (dei delitti contro il patrimonio) fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l identificazione della loro provenienza delittuosa, é punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell esercizio di un attività professionale. La rilevanza giuridica dei delitti tributari Due scuole di pensiero: Una interpretazione rigorosa e restrittiva vorrebbe escludere dalla categoria dei reati presupposto i delitti in materia fiscale. L altra invece alla luce della ratio che muove il quadro giuridico generale riconosce il delitto tributario come reato presupposto del crimine di riciclaggio. Banca d Italia Istruzioni operative 12/01/2001: in relazione ad imposte dirette ed Iva le fattispecie di dichiarazione fraudolenta, dichiarazione infedele omessa dichiarazione, emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti sono strumento per precostituire fondi di provenienza illecita da reinserire nel circuito economico. Circolare n. 81 del 18 agosto 2008 del Comando Generale della Guardia di Finanza indica la dichiarazione infedele come reato presupposto aldilà di una certa soglia. (Problema della soglia : la consapevolezza o meno da parte dell operatore della circostanza che l evasore abbia superato o meno dette soglie). Normativa interna di Poste Italiane Per ogni argomento si indica la Circolare Interna relativa (nel riquadro) 4 5

5 L Antiriciclaggio: dalla parte del Lavoratore Le novità che i D. Lgs. nr. 231/207 e nr. 112/2008 nr. 78/2010 hanno introdotto sono in sintesi le seguenti: Il limite per il trasferimento di denaro in contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, fissato in 4999,99. Il trasferimento può, tuttavia, essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A.. Dal 30 aprile 2008 i moduli di assegni bancari e postali sono rilasciati dalle banche e da Poste Italiane S.p.A., muniti di clausola di non trasferibilità. Il cliente può richiedere, per iscritto, il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera. Ogni modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera ossia, per ogni assegno circolare o vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera è dovuta dal richiedente, a titolo di imposta di bollo, la somma di 1,50. Col DLgs 112/2008 è stato abrogato l obbligo di apporre il codice fiscale del girante sulla girata (previsto invece dal Dlgs 231/2007). Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a 5000 devono recare l indicazione del nome e della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità; il limite oltrepassato il quale scatta l obbligo di identificazione della clientela è stato innalzato da a E stato soppresso l UIC (Ufficio Italiano Cambi), dando vita al suo posto all UIF (Unità di Informazione Finanziaria). Non tutti gli adempimenti inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono sottoposti agli obblighi di individuazione e registrazione. Limiti all uso del Contante (Art.49) Uno dei principi fondamentali che ha ispirato il D.Lgs. nr. 231/2007 è quello della limitazione dell uso del contante, finalizzato ovviamente al contrasto del riciclaggio del denaro sporco. Il denaro contante, infatti, è per antonomasia il mezzo di pagamento meno tracciabile e, quindi, anche il più sicuro per coloro i quali siano dediti al riciclaggio del denaro, nonché al suo reinvestimento in attività illecite. A decorrere dal 31 maggio 2010, è vietato il trasferimento tra soggetti diversi di denaro contante o titoli al portatore, quando il valore dell operazione, anche frazionata, è complessivamente pari o superiore a 5000,00 euro (ripristinando la vecchia soglia prevista dal DLgs. 231/2007). 6 1 E vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore dell operazione, anche frazionata, e complessivamente pari o superiore a euro. Il trasferimento può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A. 2. Il trasferimento per contanti per il tramite dei soggetti di cui al comma 1 deve essere effettuato mediante disposizione accettata per iscritto dagli stessi, previa consegna ai medesimi della somma in contanti. A decorrere dal terzo giorno lavorativo successivo a quello dell accettazione, il beneficiario ha diritto di ottenere il pagamento nella provincia del proprio domicilio. 3. La comunicazione da parte del debitore al creditore dell accettazione di cui al comma 2 produce l effetto di cui al primo comma dell articolo 1277 del codice civile e, nei casi di mora del creditore, anche gli effetti del deposito previsti dall articolo 1210 dello stesso codice. 4. I moduli di assegni bancari e postali sono rilasciati dalle banche e da Poste Italiane S.p.A. muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente può richiedere, per iscritto, il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera. 5. Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a euro devono recare l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. 6. Gli assegni bancari e postali emessi all ordine del traente possono essere girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A. 7. Gli assegni circolari, vaglia postali e cambiari sono emessi con l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. 8. Il rilascio di assegni circolari, vaglia postali e cambiari di importo inferiore a euro può essere richiesto, per iscritto, dal cliente senza la clausola di non trasferibilità. 9. Il richiedente di assegno circolare, vaglia cambiario o mezzo equivalente, intestato a terzi ed emesso con la clausola di non trasferibilità, può chiedere il ritiro della provvista previa restituzione del titolo all emittente. 10. Per ciascun modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera ovvero per ciascun assegno circolare o vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera e dovuta dal richiedente, a titolo di imposta di bollo, la somma di 1,50 euro. Ciascuna girata deve recare, a pena di nullità, il codice fiscale del girante. 11. I soggetti autorizzati a utilizzare le comunicazioni di cui all articolo 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, e successive modificazioni, possono chiedere alla banca o a Poste Italiane S.p.A. i dati identificativi e il codice fiscale dei soggetti ai quali siano stati rilasciati moduli di assegni bancari o postali in forma libera ovvero che abbiano richiesto assegni circolari o vaglia postali o cambiari in forma libera nonché di coloro che li abbiano presentati all incasso. Con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate sono individuate le modalità tecniche di trasmissione dei dati di cui al presente comma. La documentazione inerente i dati medesimi, costituisce prova documentale ai sensi dell articolo 234 del codice di procedura penale. 12. Il saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore non può essere pari o superiore a euro. 13. I libretti di deposito bancari o postali al portatore con saldo pari o superiore a euro, esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono estinti dal portatore 7

6 ovvero il loro saldo deve essere ridotto a una somma non eccedente il predetto importo entro il 30 giugno Le banche e Poste Italiane S.p.A. sono tenute a dare ampia diffusione e informazione a tale disposizione. 14. In caso di trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore, il cedente comunica, entro 30 giorni, alla banca o a Poste Italiane S.p.A, i dati identificativi del cessionario e la data del trasferimento. 15. Le disposizioni di cui ai commi 1, 5 e 7 non si applicano ai trasferimenti in cui siano parte banche o Poste Italiane S.p.A., nonche ai trasferimenti tra gli stessi effettuati in proprio o per il tramite di vettori specializzati di cui all articolo 14, comma 1, lettera c). 16. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano ai trasferimenti di certificati rappresentativi di quote in cui siano parte uno o più soggetti indicati all articolo 11, comma 1, lettere a) e b), e dalla lettera d) alla lettera g). 17. Restano ferme le disposizioni relative ai pagamenti effettuati allo Stato o agli altri enti pubblici e alle erogazioni da questi comunque disposte verso altri soggetti. E altresì fatta salva la possibilità di versamento prevista dall articolo 494 del codice di procedura civile. 18. E vietato il trasferimento di denaro contante per importi pari o superiori a euro, effettuato per il tramite degli esercenti attività di prestazione di servizi di pagamento nella forma dell incasso e trasferimento dei fondi, limitatamente alle operazioni per le quali si avvalgono di agenti in attività finanziaria, salvo quanto disposto dal comma 19. Il divieto non si applica nei confronti della moneta elettronica di cui all articolo 25, comma 6, lettera d). Comunicazione di Servizio 297 del 23/07/ Il trasferimento di denaro contante per importi pari o superiori a euro e inferiori a euro, effettuato per il tramite di esercenti attività di prestazione di servizi di pagamento nella forma dell incasso e trasferimento dei fondi, nonche di agenti in attività finanziaria dei quali gli stessi esercenti si avvalgono, e consentito solo se il soggetto che ordina l operazione consegna all intermediario copia di documentazione idonea ad attestare la congruità dell operazione rispetto al profilo economico dello stesso ordinante. 20. Le disposizioni di cui al presente articolo entrano in vigore il 30 aprile In sostanza, ogni cittadino è libero di depositare e di prelevare presso le banche e le Poste, nonché presso gli istituti di moneta elettronica, qualsiasi somma di denaro contante, senza correre il rischio di incorrere in alcuna sanzione amministrativa (ponendo attenzione però sempre alle operazioni sospette!). Le restrizioni suesposte hanno efficacia soltanto una volta che il denaro prelevato sia impiegato all esterno delle banche nell effettuazione di operazioni commerciali, finanziarie o di pagamenti con altri privati, sempre che sia superata la soglia di 5000,00 euro. Inoltre, a seguito delle modifiche intervenute con i D. Lgs. n.231/07 e n. 112/2008, diviene altresì un interessante strumento di controllo fiscale, soprattutto per mezzo del contenimento dell utilizzo del contante e di pagamenti non tracciabili, opponendo così un freno legale al ricorso dei pagamenti effettuati in nero. 8 Nuova Disciplina sugli Assegni Dal 30 aprile 2008 è entrata anche in vigore la nuova disciplina sugli assegni, anch essa relativa alla lotta al riciclaggio del denaro proveniente da attività illecite. In particolare i decreti legislativi nr.231/2007 e nr. 112/2008 introducono nuove regole, oltre a quelle volte a limitare l uso del contante, al fine di regolamentare l emissione degli assegni : 1) Gli assegni rilasciati dalla Banca o dalla Posta dovranno essere muniti della clausola non trasferibile. 2) Per averne in forma libera il cliente dovrà presentare richiesta scritta su apposito modulo e pagare un imposta di bollo pari a 1,50 euro ad assegno. 3) L imposta di bollo di 1,50 sarà dovuta anche per ogni assegno circolare, vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera. 4) Gli assegni bancari e postali emessi all ordine dello stesso traente (come quelli a favore mio proprio, me medesimo o altra dicitura analoga) potranno essere girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A. e non potranno pertanto essere girati a terzi. 5) Il limite massimo per emettere assegni bancari o postali senza l indicazione del beneficiario è di 4999,99. Oltre tale importo l assegno dovrà essere emesso obbligatoriamente con la clausola di non trasferibilità. 6) Come in precedenza l assegno dovrà riportare sul fronte : luogo, data di rilascio e cognome e nome o la ragione sociale del beneficiario. 7) E fatto assoluto divieto agli operatori di sportelleria di provvedere di proprio pugno a scrivere i dati sopraccitati, qualora mancanti o incompleti. I dati anagrafici e il codice fiscale dei richiedenti assegni trasferibili saranno resi noti, su richiesta, alle Autorità Giudiziarie competenti: Poste e Banche saranno tenute a segnalare a dette Autorità tutte le infrazioni ai DLgs nr 231/2007 e nr. 112/08. Rilascio carnet assegni I carnet di assegni postali devono recare la clausola non trasferibile e la numerazione deve iniziare per 7. Gli assegni in forma libera si consegnano previa richiesta scritta del cliente (modulo allegato dis 120 del 3/7/08 all. 2), la numerazione inizia per 9 si paga 1,50 a titolo che vengono presi direttamente dal c/c del cliente. Non rilasciare mai carnet senza prima effettuare la transazione di sportello (garantisce rispetto alle persone revocate/interdette). E obbligatorio annotare sul tagliando di avvenuta consegna la tipologia e gli estremi del documento di riconoscimento esibito, la data del rilascio e l ente emittente; anche se rilasciato con carta postamat e relativa digitazione del pin. 9

7 Adempimenti operativi Si archivia il tutto nel dossier in caso di UP di radicamento o in caso di ufficio dislocato in apposito raccoglitore in ordine cronologico. Operatività descritta nel manuale valori in bianco Annullo rilascio: nella stessa giornata utilizzare, previo ritiro dei titoli, la fase F12 CONT e successivamente la fase ANNU. Se non sono stati numerati si possono riutilizzare altrimenti utilizzare funzione 01 Gestione risorse di magazzino funzione 03 dichiarazione di non disponibilità. Controllo settimanale del DUP (o incaricato) sulla materialità: fase X inix VBAO FUNZIONE 01 gestione risorse di magazzino FUNZIONE 08 interrogazioni FUNZIONE 01 interrogazione sintetica giacenza in essere (stampare la videata della giacenza e verificare il cartaceo, le stampe dovranno essere conservate per controlli). Emissione Vaglia e Assegni Postali - assegni circolari e vaglia postali e cambiari emessi senza l indicazione del nome del beneficiario - assegni circolari e vaglia postali e cambiari di importo pari o superiore a privi della clausola di non trasferibilità il pagamento dovrà essere comunque effettuato. Il DUP deve inviare il modulo allegato 1 entro 30 giorni CORREDATO DI DUE FOTO- COPIE COMPLETE DELL ASSEGNO al MEF con Racc. AR, la ricevuta di ritorno e la copia della documentazione deve essere archiviata per 10 anni agli atti dell ufficio. Per conoscenza si invia anche a Business Unit e a CNS OSC Compliance Normativa. Obblighi e Sanzioni per gli Operatori Istituzionali del Credito (bancari e postali) Tutti i vaglia postali e gli assegni devono essere emessi con la clausola non trasferibile e la procedura non ne consentirà l emissione per importi pari o superiori 4999,99 euro in forma libera. Il cliente può chiedere l emissione per importo inferiore a 4999,99 in forma libera pagando 1,50 a titolo. Nell effettuare il pagamento occorre specificare se in forma libera o non trasferibile. Se un titolo è stato emesso in forma libera resta tale anche dopo l eventuale apposizione di non trasferibilità successivamente a una girata. Bisogna controllare anche la consequenzialità delle eventuali girate. Negoziazione Assegni Bancari/Circolari per sottoscrizione Polizze Vita Gli assegni bancari devono essere intestati a Poste Vita S.p.A. e non trasferibili. Gli assegni circolari di importo inferiore a 4999,99 possono essere intestati al contraente della polizza e girati a Poste Vita apponendo successivamente la clausola di non trasferibilità. Gli assegni circolari per importo pari o superiore a devono essere intestati a Poste Vita e non trasferibili. Segnalazioni di irregolarità al Ministero dell Economia e delle Finanze. usare modulo allegato 1 nella DIS n. 120 del 3/7/2008 Devono essere segnalate al MEF le seguenti irregolarità: - assegni bancari e postali (ordinari e vidimati) di importo pari o superiore a euro privi della clausola di non trasferibilità e del nome del beneficiario - assegni bancari e postali emessi all ordine del traente che risultano girati ad altri soggetti che non sia una Banca o Poste 10 Seguo le regole! o non le seguo? Poste Italiane, Istituti di Credito e finanziari devono comunicare l esistenza e la natura dei rapporti con l utenza. All Anagrafe tributaria dovranno essere comunicati telematicamente gli elenchi, corredati dai codici fiscali, dei soggetti con i quali gli intermediari intrattengono rapporti e servizi e dovrà essere specificata l esatta natura dei medesimi. L obbligo di comunicazione riguarda tutti i soggetti con i quali gli intermediari abbiano instaurato rapporti ancora in essere alla data del 1 gennaio 2005, anche se successivamente a tale data i rapporti siano cessati. Nessuna segnalazione andrà invece effettuata relativamente ai soggetti con rapporti estinti in data antecedente al 1 gennaio Gli Obblighi - Dlgs nr 231/ Titolo II (Degli Obblighi) Capo I Sezione II Articolo 15 (Obblighi di adeguata verifica della clientela) 1) Gli intermediari finanziari e gli altri soggetti esercenti attività finanziaria di cui all art.11 osservano gli obblighi di adeguata verifica della clientela in relazione ai rapporti e alle operazioni inerenti allo svolgimento dell attività istituzionale o professionale degli stessi ed, in particolare, nei seguenti casi: 11

8 - quando instaurano un rapporto continuativo; - quando eseguono operazioni occasionali disposte dai clienti che comportino la trasmissione o la movimentazione di mezzi di pagamento di importo pari o superiore a euro, indipendentemente dal fatto che siano effettuate con un unica operazione o con più operazioni che appaiono collegate o frazionate; - quando vi è sospetto di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo, indipendentemente da qualsiasi deroga, esenzione o soglia applicabile; - quando vi sono dubbi sulla veridicità o sull adeguatezza dei dati precedentemente ottenuti ai fini dell identificazione di un cliente. 2) Gli intermediari nell ambito della loro autonomia organizzativa, possono individuare classi di operazioni e di importo non significative ai fini della rilevazione delle operazioni che appaiono collegate. 3) Gli obblighi di adeguata verifica della clientela sono osservati altresì nei casi in cui le Banche, gli Istituti di moneta elettronica e le Poste Italiane SpA, agiscano da tramite o siano comunque parte nel trasferimento di denaro contante o titoli al portatore, in euro o valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, di importo pari o superiore a 4999,99euro Contenuto degli obblighi di adeguata verifica della clientela (Art.18) 1) Gli obblighi di adeguata verifica della clientela consistono nelle seguenti attività: a) identificare il cliente e verificarne l identità sulla base di documenti, dati o informazioni ottenute da una fonte affidabile e indipendente b) identificare l eventuale titolare effettivo e verificarne l identità c) ottenere informazioni sullo scopo o sulla natura prevista del rapporto continuativo o della prestazione professionale d) svolgere un controllo costante nel corso del rapporto continuativo o della prestazione professionale Dati da acquisire Persone fisiche: nome e cognome, luogo e data di nascita, indirizzo della residenza o del domicilio, codice fiscale ed estremi del documento di identificazione. Soggetti diversi dalle persone fisiche :denominazione, sede legale e codice fiscale, con obbligo di verificare l esistenza del potere rappresentativo e individuare gli assetti proprietari. Tipi di identificazione Diretta: è necessaria la presenza fisica contestuale del cliente e del soggetto tenuto all identificazione (o di un suo collaboratore o dipendente a ciò delegato) Indiretta: la presenza del cliente è indifferente, anche se non è esclusa; l operatore si avvale di informazioni già acquisite o acquisibili da documentazione qualificata (atto pubblico, scritture private autenticate, firma digitale, dichiarazione di autorità consolare). 12 Modalità per l identificazione Documenti validi non scaduti di identificazione e di riconoscimento (cfr. D.P.R. n.445/2000) Per i soggetti extracomunitari: sono validi il passaporto ed il permesso di soggiorno Dis. N.99 del 21/09/2007 Manuale Censimento Anagrafico Persone Fisiche 13/01/ Manuale Indirizzi 13/01/2010 Articolo 20 (Approccio basato sul rischio) Gli obblighi di adeguata verifica della clientela sono assolti commisurandoli al rischio associato al tipo di cliente, di rapporto continuativo, prestazione professionale, operazione, prodotto o transazione di cui trattasi. Per la valutazione del rischio di riciclaggio o di finanziamento al terrorismo, occorre osservare i seguenti criteri generali : Con riferimento al cliente : natura giuridica del cliente prevalente attività svolta comportamento tenuto al momento del compimento dell operazione o dell instaurazione del rapporto continuativo o della prestazione professionale area geografica di residenza o sede del cliente o della controparte Con riferimento all operazione, rapporto continuativo, prestazione professionale : tipologia dell operazione, del rapporto continuativo o della prestazione professionale posti in essere modalità di svolgimento dell operazione, rapporto o prestazione professionale ammontare frequenza delle operazioni e durata del rapporto continuativo o della prestazione professionale ragionevolezza dell operazione, rapporto continuativo o prestazione professionale in rapporto all attività svolta dal cliente area di destinazione geografica del prodotto, oggetto dell operazione o del rapporto continuativo Obbligo di registrazione e conservazione delle informazioni (Art. 36) Qualora più clienti operino congiuntamente, gli obblighi vanno assolti nei confronti di ciascuno di essi; la registrazione va effettuata non oltre 30 gg. dal compimento dell identificazione o, se diverso, dell operazione ; la variazione dei dati va effettuata entro 30 gg. dal momento in cui si viene a conoscenza delle variazioni, conservando evidenza dell informazione precedente; dati da conservare per 10 anni dal compimento dell operazione. 13

9 Segnalazioni di operazioni sospette (Art. 41) Gli intermediari finanziari, gli operatori non finanziari e i professionisti devono inviare alla UIF una segnalazione quando sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. Il sospetto è desunto dalle caratteristiche, entità, natura dell operazione o da qualsivoglia altra circostanza conosciuta in ragione delle funzioni esercitate, tenuto conto anche della capacità economica o attività svolta dal soggetto. Appositi indicatori di anomalia, emanati e periodicamente aggiornati su proposta della UIF, agevolano l individuazione delle operazioni sospette. Le segnalazioni devono essere effettuate senza ritardo, ove possibile prima del compimento dell operazione oggetto della prestazione. La UIF può sospendere l esecuzione delle operazioni sospette per un massimo di cinque giorni lavorativi, sempre che ciò non pregiudichi il corso delle indagini. Le modalità di trasmissione sono diverse a seconda della categoria di soggetti obbligati. Le segnalazioni di operazioni sospette non costituiscono violazione di obblighi di segretezza e, se poste in essere in buona fede e per le finalità previste dalla normativa, non comportano responsabilità di alcun tipo (civile, penale o amministrativa). La UIF effettua approfondimenti sulle segnalazioni di operazioni sospette e le trasmette, arricchite dell analisi finanziaria, al Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza (NSPV) e alla Direzione investigativa antimafia (DIA). Qualora le segnalazioni siano ritenute infondate la UIF le archivia. Comunicazione Interna n. 236 del 10/06/2010 L art. 3 della Legge antiriciclaggio rappresenta indubbiamente l aspetto maggiormente innovativo della normativa in esame in quanto ha introdotto il principio della collaborazione attiva per cui gli intermediari, prima impegnati solo ad agevolare l accesso alle informazioni da parte dell Autorità, sono adesso chiamati a partecipare direttamente alla lotta contro il riciclaggio avendo il dovere di fornire, tempestivamente, alle Autorità competenti informazioni utili ai fini di giustizia. Esiste un Decalogo BANKIT del novembre 1994, anche questo aggiornato da un analogo provvedimento del 2001, che delinea tutti gli indici di anomalia delle operazioni sospette, dettagliato per categoria di servizi bancari. In questo senso la collaborazione con le Autorità diventa cultura e professionalità per gli operatori. Le operazioni devono essere, comunque, valutate sulla base degli elementi a disposizione, con l esclusione di qualsiasi attività investigativa che permane di esclusiva competenza degli organismi istituzionalmente incaricati. Ogni tipo di operazione di qualunque importo e comunque effettuata che induca a un sospetto sull origine illecita dei beni, valori o altre utilità che ne costituiscono l oggetto deve dare origine a una segnalazione. La Cassazione con sentenza n.23017/2009 stabilisce che basta un solo sospetto o la presenza di una minima anomalia per far scattare l obbligo di segnalazione dando corso alla sanzione per omessa segnalazione. Le operazioni da segnalare possono riguardare, inoltre, denaro e/o valori provenienti sia direttamente che in via indiretta dai reati di cui all art. 648 bis CP. La valutazione circa l effettuazione o meno della segnalazione, va fatta sulla base: degli elementi oggettivi delle operazioni stesse (caratteristiche, entità, natura), delle caratteristiche soggettive del cliente (capacità economica, attività svolta), di qualsiasi altra circostanza conosciuta. Essa è lasciata alla discrezionalità dell operatore che deve, peraltro, anche attenersi agli indici di anomalia di cui al Decalogo della Banca d Italia. Quindi gli operatori, sulla base della propria esperienza, possono integrare le fattispecie operative individuate dalla Banca d Italia. Infatti, va detto che la mancanza di specifici profili di anomalia di cui al Decalogo in questione, non è di per se sufficiente a escludere il sospetto che un operazione possa essere connessa con fatti di riciclaggio; il che comporta il coinvolgimento in termini di discrezionalità dell operatore il cui ruolo va pertanto riconsiderato coerentemente al principio della collaborazione attiva. Particolare attenzione va in ogni caso riservata agli utenti occasionali, con i quali l operatore deve assumere un atteggiamento più prudente e avvertito che può giungere fino a non accettare le operazioni richieste, quando queste risultino di importo superiore ad una determinata soglia o non rendano evidenti le motivazioni economiche sottostanti (informando ovviamente, in via preventiva il superiore gerarchico). La Banca d Italia ribadisce l importanza della completa e puntuale conoscenza del cliente, quale momento fondamentale del percorso logico che porta alla valutazione dell operazione ai fini dell antiriciclaggio. La procedura di segnalazione deve essere comunque attivata quando vi siano sospetti di irregolarità, anche qualora l operatore ritenga di non dar corso ad una determinata operazione. E da tener presente, infine, che la norma si applica a qualunque tipo di operazione e a tutti gli uffici e le dipendenze degli intermediari, anche a quelli che effettuano operazioni non per cassa. SEGNALATE, SEGNALATE, SEGNALATE!!! 14 15

10 Le Violazioni: un sistema sanzionatorio graduato fino al penale Violazione dell obbligo di identificazione (rif. Art. 55 comma 1 Dlgs nr. 231//2007) Violazione dell obbligo di fornire informazioni sullo scopo e sulla natura prevista dal rapporto continuativo (rif. Art. 55 comma 3 Dlgs nr 231/2007) Violazione dell obbligo di registrazione delle informazioni, ai sensi dell articolo 36 (rif. Art. 55 comma 4 Dlgs nr 231/2007) Omessa istituzione dell Archivio Unico, ai sensi dell articolo 37 (rif. Art. 57 comma 2 Dlgs nr 231/2007). Violazione dell obbligo di segnalazione di operazioni sospette, ai sensi dell articolo 41 ( rif. Art. 57 comma 4 Dlgs nr 231/2007) Violazione degli obblighi informativi nei confronti della UIF (Unità di Informazione Finanziaria) in sede di approfondi- mento della segnalazione di operazione sospetta (rif. Art. 57 comma 5 Dlgs nr. 231/2007) Le Disposizioni - Comunicazioni di Servizio Modulistica di Poste Italiane? Come consultare e dove reperire le disposizioni e le comunicazioni aziendali in materia di antiriciclaggio? Da P.G.O. accedere a ATTIVITA INTERNE, andare sulla fase XWCM: APPLICAZIONI WEB, quindi sulla fase XWBC : ALTRE APPLICAZIONI. Cliccare su DMS.doc (è la decima voce partendo dall alto) Alla successiva videata cliccare su ALBERO DI CLASSIFICAZIONE ( terza voce partendo dall alto), quindi su AREA TRASVERSALE NORMATIVA DI LEGGE (è la settima cartella partendo dall alto), infine su ANTIRICICLAGGIO (ottava cartella partendo dall alto Sono tutti scaricabili da Applicativo WEB (fase XWCM) - Altre Applicazioni (fase XWBC) DMS.doc Albero di Classificazione Area Riservata Normativa di legge - Antiriciclaggio ADEGUATA VERIFICA DEL CLIENTE (Antiriciclaggio in Poste Italiane) Al fine di incrementare la conoscenza della clientela Poste Italiane in linea con tutto il sistema bancario introduce a partire dal 26 Luglio 2010, quattro nuovi moduli di adeguata verifica allegati e disponibili sul DMS e sul CRM. - PERSONA FISICA- rapporto continuativo - PERSONA FISICA - operazione occasionale - PERSONA GIURIDICA- rapporto continuativo (anche ditta individuale) - PERSONA GIURIDICA - operazione occasionale (anche ditta individuale) 1. APPLICAZIONE DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA * APERTURA/VARIAZIONE DI UN RAPPORTO CONTINUATIVO: Conto BancoPosta Libretto di risparmio Carta prepagata nominativa Deposito titoli Sottoscrizione di polizze ramo vita (ad eccezione di polizza vita con premio annuo di importo non superiore a euro e polizza vita con premio unico di importo non superiore a euro 2.500) Apertura di rapporto fondi È necessario acquisire il modulo di adeguata verifica cartaceo che dovrà essere inviato congiuntamente alla documentazione necessaria per la richiesta del prodotto/servizio al TSC o alla società partner come indicato nella COI 229 della 3/06/2010 per i prodotti collocati da Poste Italiane per conto terzi: Prestiti personali Prestiti finalizzati Cessione del quinto Mutui Servizi di Acquiring fisico Carta BP Corporate Carta BP Corporate Gold * ESECUZIONE DI OPERAZIONI OCCASIONALI SINGOLARMENTE DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A EURO * ESECUZIONE DI OPERAZIONI OCCASIONALI DI RIMBORSO O DI RICARICA SU CARTE PREPAGATE ANONIME, qualora l importo ricaricato o rimborsato sia pari o superiore a euro. L adeguata verifica dovrà essere effettuata al momento del rilascio della 16 17

11 carta prepagata anonima solo se la contestuale prima ricarica sia pari o superiore a euro. Ad oggi tale operatività è limitata alla sola tipologia di carta prepagata PostePay New Gift. Sospetto di riciclaggio o di finanziamento al terrorismo, qualsiasi importo o dubbio sulla veridicità o adeguatezza dei dati ottenuti ai fini dell identificazione di un cliente I SOGGETTI interessati dalla registrazione e per l IDENTIFICAZIONE sono: IL PRESENTATORE: la persona fisica che effettua materialmente l operazione, per conto proprio o per conto altrui (si possono inserire a sportello anche più presentatori es. coeredi) IL TITOLARE EFFETTIVO DELL OPERAZIONE, il soggetto cui viene attribuita l operazione. Nei RAPPORTI INTESTATI A MINORI non è prevista la compilazione. Il modulo deve essere compilato dal cliente, se non ne è possibile la compilazione non si effettua l operazione ed è necessario valutare se segnalarla come sospetta. Il modulo compilato, datato e firmato dal cliente deve essere consegnato in copia allo stesso previa apposizione della data, timbro e sigla del direttore e della formula: copia tratta dall originale. Infine l Ufficio, sempre negli obblighi di adeguata verifica della clientela, deve svolgere un controllo costante sui rapporti continuativi per percepirne eventuali mutamenti in funzione di possibili attività di riciclaggio tramite anche una corretta archiviazione della modulistica. I moduli di adeguata verifica dovranno essere inviati : * MODULI RELATIVI ALLA RICHIESTA DI APERTURA CONTO BANCO POSTA: Al TSC di competenza giornalmente e contestualmente alla modulistica di richiesta di apertura conto * MODULI RELATIVI ALLA RICHIESTA DI APERTURA ALTRI RAPPORTI CONTINUA- TIVI: 1 copia al servizio operazioni di filiale al termine della settimana lavorativa tramite raccomandata di servizio al cui interno dovrà essere inserita la distinta riepilogativa. 1 copia originale inserita nel dossier del cliente. *MODULI RELATIVI ALLE OPERAZIONI OCCASIONALI DI IMPORTO PARI O SUPE- RIORE A EURO : 18 1 copia al servizio operazioni di filiale settimanalmente tramite raccomandata di servizio 1 copia originale archiviata in ordine cronologico in UP per i due mesi successivi a quello in cui viene effettuata l operazione e successivamente inviata all ARCHIVIO CENTRALE di AVEZZANO in base alle disposizioni vigenti ATTENZIONE: gli UP aperconto dovranno riportare sui singoli moduli di adeguata verifica il numero del rapporto ed inviarli congiuntamente al corrispondente CH7 al TSC di competenza che li caricherà. ATTENZIONE: i moduli di adeguata verifica relativi alle variazioni di rapporto non devono essere inviati in filiale, tali moduli devono essere archiviati nel dossier del cliente. Per variazione si intende: apertura deposito titoli richiesta in data successiva all apertura rapporto; variazione del rapporto firme; inserimento nuovo delegato o variazione dei delegati (il modello va compilato e firmato con il nominativo del delegato); variazione codice fiscale degli intestatari; nove richieste di servizio BPOL relative a conti correnti aperti antecedentemente al 24/01/2008. Particolare attenzione va posta su operazioni per conto di Money transmitters e per conto di enti caritatevoli. La figura del delegato ad operare su un rapporto continuativo ( conto bancoposta/libretto) non deve essere oggetto di rilevazione ai fini di compilazione del modulo di adeguata verifica Nel caso di FONDI: in caso di apertura rapporto fondi ( SGR) deve essere utilizzato il modulo relativo all apertura del rapporto continuativo e nella sezione 5 deve essere barrata la casella Fondi OICR. In caso sottoscrizione/rimborso di fondi SGR deve essere utilizzato il modulo relativo alle operazioni occasionali e nella sezione 5 deve essere barrata la casella sottoscrizione/rimborso fondi SGR Nel caso di COINTESTAZIONI: Far compilare a ciascun cointestatario un distinto modulo di adeguata verifica persona fisica rapporto continuativo Indicare sui singoli moduli l N.D.G. che identifica la cointestazione e il numero del rapporto. Inviare spillati al TSC/filiale i moduli relativi alle contestazioni. Nel caso di SOGGETTO APPARTENENTE CATEGORIA POLITICAMENTE ESPOSTA (PEP S) Esclusivamente in caso di apertura di rapporto continuativo qualora il cliente dichiari di appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte si deve: 19

12 Richiedere via Fax allegato copia della documentazione acquisita comprensiva del modulo di adeguata verifica al direttore di filiale l autorizzazione ad accettare la domanda di apertura rapporto, ottenuta l autorizzazione effettuare l operazione e trasmettere i moduli alla BBP/Antiriciclaggio. Controllare i dati con documento valido dal quale potrebbe anche emergere direttamente l appartenenza del soggetto alla categoria delle persone politicamente esposte a prescindere dall auto dichiarazione del cliente stesso. Guida alla compilazione dei moduli di adeguata verifica 1. Modulo adeguata verifica: Persona Fisica - Rapporto Continuativo II modulo deve essere compilato in caso sia di INSTAURAZONE sia di VARIAZIONE di RAPPORTO CONTINUATIVO intestato a persona Fisica. E suddiviso in piu sezioni: Sezione 1A PF - RC Indicare se si tratta di instaurazione o di variazione del rapporto (barrando la relativa casella) e riportare le seguenti informazioni relative al TITOLARE DEL RAPPORTO: cognome; nome; codice fiscale. Sezione 1B PF - RC: Dichiarazione di appartenenza/non appartenenza a categorie di soggetti politicamente esposti (PEP S) TITOLARE DEL RAPPORTO Deve essere compilata dal TITOLARE del rapporto quale dichiarazione di appartenenza o meno alla categoria dei PEP S, barrando: in caso di appartenenza. la casella Dichiaro di appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte : in tal caso e necessaria anche la compilazione della sotto-sezione Origine/Provenienza dei fondi ; barrando la casella corrispondente all origine/provenienza dei fondi e specificando l ammontare net campo Note. Ove Origine/Provenienza dei fondi non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificati nella casella individuata con il termine altro In caso di NON appartenenza. la casella Dichiaro di non appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte. La sezione NON deve essere compilata nel caso in cui in rapporto sia stato aperto/variato da un esecutore e non dal titolare. In tal caso infatti la dichiarazione PEP riguarderà unicamente l esecutore e sarà rilevata nella sezione 3 del modulo. Sezione 2 PF - RC: Dati identificativi dell eventuale ESECUTORE per conto del titolare Deve essere compilata esclusivamente nel caso in cui l apertura del rapporto continuativo richiesta da persona diverse dall effettivo titolare es: tutore, legale rappresentante, amministratore di sostegno - riportando i dati identificativi dell esecutore. Sezione 3 PF - RC: Dichiarazione di appartenenza/non appartenenza a categorie di soggetti politicamente esposti (PEP S) - ESECUTORE per conto del titolare. 20 La sezione deve essere compilata dall ESECUTORE per conto del titolare del rapporto continuativo. secondo le indicazioni fornite nella sezione 1 B. Sezione 4 PF- RC E finalizzata a raccogliere informazioni sulla PROFESSIONE e sull ATTIVITA PREVA- LENTE svolta dal TITOLARE del rapporto. In caso di modulo compilato dall esecutore per conto del titolare, le informazioni richieste devono comunque riferirsi al titolare. Ove la professione e/o l attività prevalente non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificate nelle caselle individuate rispettivamente con il termine Altro (specificare) e/o Altra attività. Inoltre: in caso di attività svolta all interno del territorio dello Stato Italiano indicare la Provincia sede dell attività economica: in caso di attività condotta al di fuori dei confini nazionali indicare la Nazione estera. Sezione 5 PF- RC: instaurazione del rapporto continuativo E finalizzata a rilevare la natura e lo scopo del rapporto richiesto. Ove natura e/o scopo non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificati nella casella individuata con 11 termine Altro. In caso di emissione della carta prepagata PostePay Junior dovrà essere selezionata l opzione Altro e dovrà essere riportata nell apposito spazio la seguente dicitura: Emissione carte prepagata PostePay Junior. Sezione 6 PF- RC: Note integrative La sezione e suddivisa in due sotto-sezioni: Eventuali Note integrative : la compilazione è a cura dell operatore per la rilevazione di eventuali informazioni aggiuntive acquisite. Firme : contiene i seguenti campi: Data: la data di compilazione del modulo; Firma del Titolare/Esecutore: la firma del titolare del rapporto continuativo o dell esecutore per conto del titolare. Firma dell operatore: la firma dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica; Matricola: la matricola dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica. Nota Bene: per i rapporti continuativi, diversi dal conto BancoPosta. aperti direttamente dall UP necessario riportare nella prima pagina del modulo in alto il NDG ed il numero rapporto cui modulo si riferisce. 2 Modulo adeguata verifica: Persona Fisica - Operazione Occasionale II modulo, suddiviso in più:, sezioni, deve essere compilato nei seguenti casi: richiesta di singola operazione occasionale di importo pari o superiore a ,00 ; operazioni di ricarica o rimborso effettuate su carte prepagate anonime (tipologia di carta prepagata PostePay New Gift) di importo pari o superiore a 1.000,00. 21

13 Sezione 1A PF- 00: ORDINANTE dell operazione occasionale Specificare (barrando la relativa casella) se si tratta di operazione occasionale di importo pari o superiore a ,00 o di operazioni di ricarica o rimborso effettuate su carte prepagate anonime di importo pari o superiore a 1.000,00. Rilevare i dati identificativi del titolare (ordinante) dell operazione occasionale e confrontarli con i dati presenti nel documento di identificazione esibito dal Cliente. Sezione 1B PF - 00: Dichiarazione di appartenenza/non appartenenza a categorie di soggetti politicamente esposti (PEP S) ORDINANTE dell operazione occasionale Deve essere compilata dal titolare dell operazione occasionale, quale dichiarazione di appartenenza o meno alla categoria dei PEP S, barrando: in caso di appartenenza: la casella Dichiaro di appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte : in tal caso e necessario anche compilare la sotto-sezione Origine/Provenienza dei fondi, barrando la casella corrispondente all origine/provenienza dei fondi e specificando l ammontare nel campo Note. Ove Origine/Provenienza dei fondi non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificati nella casella individuate con il termine Altro. in caso di NON appartenenza la casella Dichiaro di non appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte. La sezione NON deve essere compilata nel caso in cui I operazione occasionale è effettuata da un esecutore e non dal titolare. In tal caso infatti la dichiarazione PEP riguarderà unicamente l esecutore e sarà rilevata nella sezione 3 del modulo. Sezione 2 PF - 00: Dati identificativi dell ESECUTORE per conto del titolare Deve essere compilata esclusivamente nel caso in cui l operazione occasionale è richiesta da persona diverse dall effettivo titolare es:. tutore, legale rappresentante. amministratore di sostegno, delegato - riportando tutti i dati identificativi dell esecutore. A titolo esemplificativo, nel caso di bollettini di conto corrente di importo pari o superiore ad euro ,00. è necessario acquisire sempre i dati relativi al presentatore, non che quelli del soggetto indicato sul bollettino stesso alla voce eseguito da. Sezione 3 PF - 00: Dichiarazione di appartenenza/non appartenenza a categorie di soggetti politicamente esposti (PEP S) - ESECUTORE per conto dell ordinante dell operazione occasionale Deve essere compilata dall ESECUTORE per conto del titolare dell operazione occasionale, secondo le indicazioni fornite nella precedente sezione 1 B. Sezione 4 PF - 00 E finalizzata a raccogliere informazioni sulla PROFESSIONE e sull ATTIVITA PREVA- LENTE svolta dal TITOLARE dell operazione occasionale. In caso di modulo compilato dall esecutore, le informazioni richieste devono comunque riferirsi al titolare. Ove la professione e/o l attività prevalente non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificate nelle caselle individuate rispettivamente con il termine Altro (specificare) e/o Altra attività. 22 Inoltre: in caso di attività svolta all interno del territorio dello Stato Italiano indicare la Provincia sede dell attività economica: in caso di attività condotta al di fuori dei confini nazionali indicare la Nazione estera. Sezione 5 PF - 00: NATURA E SCOPO DELL OPERAZIONE OCCASIONALE E finalizzata a rilevare la natura e lo scopo dell operazione occasionale. Ove natura o scopo non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificati nella casella individuate con il termine Altro. Sezione 6 PF - 00: Note integrative E suddivisa in due sotto-sezioni: Eventuali Note integrative, la compilazione e a cura dell operatore per la rilevazione di eventuali informazioni aggiuntive. Firme : contiene i seguenti campi: Data: la data di compilazione del modulo; Firma dell Esecutore: la firma dell esecutore per conto del titolare; Firma dell operatore: la firma dell operatore che ha effettuato I adeguata verifica; Matricola: la matricola dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica. 3. Modulo adeguata verifica: Persona Giuridica - Rapporto Continuativo II modulo deve essere compilato in caso sia di INSTAURAZONE sia di VARIAZIONE di RAPPORTO CONTINUATIVO intestato a persona giuridica. E suddiviso in più sezioni: Sezione 1 PG - RC Specificare se si tratta di instaurazione o di variazione di rapporto (barrando la relativa casella) indicare le seguenti informazioni relative alla persona giuridica intestataria del rapporto: denominazione sociale; partita IVA; codice fiscale: sede Legale: provincia sede dell attività economica, in caso di attività economica svolta entro I confini del territorio dello State Italiano; nazione sede dell attività economica, in caso di attività economica svolta al di fuori del territorio dello Stato Italiano. Sezione 2 PG - RC: Dati identificativi dell ESECUTORE per conto del titolare Deve essere compilata dall esecutore the opera per conto della persona giuridica (es. legale rappresentante, procuratore) con i suoi dati identificativi. In caso di ditta individuale la sezione dovrà riportare i dati identificativi del titolare della ditta individuale. 23

14 Sezione 3 PG - RC: Dichiarazione di appartenenza/non appartenenza a categorie di soggetti politicamente esposti (PEP S)- ESECUTORE per canto del titolare Deve essere compilata dall esecutore per conto del titolare del rapporto continuativo quale dichiarazione di appartenenza o meno alla categoria dei PEP S, barrando: in caso di appartenenza. la casella Dichiaro di appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte : in questo caso e necessaria anche la compilazione della sottosezione Origine/Provenienza dei fondi, barrando la casella corrispondente all origine/provenienza dei fondi e specificando l ammontare nel relativo campo Note. Ove Origine/Provenienza dei fondi non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificati nella casella individuata con il termine Altro. in caso di NON appartenenza. la casella Dichiaro di non appartenere alla categoria delle persona politicamente esposte. Sezioni 4A/4B/4C PG - RC: SUSSISTENZA DEL TITOLARE EFFETTIVO Le sezioni devono essere compilate dall esecutore (es. legate rappresentante, procuratore) per conto del titolare del rapporto continuativo, quale dichiarazione di sussistenza o meno del titolare effettivo. In caso di sussistenza di uno o più titolari effettivi: barrare la casella sì fornire tutti i dati identificativi di ciascuno di essi (a tal fine si dovranno utilizzare le Sezioni 4A,48 e 4C). In caso di NON sussistenza del titolare effettivo: barrare la casella no fornire (barrando la relativa casella) le motivazioni della NON sussistenza: Sezione 5 PG- RC: instaurazione del rapporto continuativo E finalizzata a rilevare la natura e lo scopo del rapporto richiesto. Ove natura e/o scopo non rientrino in una delle ipotesi predefinite. dovranno essere specificati nella casella, individuata con il termine Altro. Sezione 6 PG - RC: Note integrative suddivisa in 2 sotto-sezioni: Eventuali Note integrative : la compilazione 6 a cura dell operatore per la rilevazione di eventuali informazioni aggiuntive. Firme : contiene i seguenti campi: Data: la data di compilazione del modulo; Legale Rappresentante. Procuratore: la firma dell esecutore per conto della persona giuridica titolare del rapporto; Firma dell operatore: la firma dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica; Matricola: la matricola dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica. 4. Modulo adeguata verifica: Persona Giuridica - Operazione Occasionale II modulo, suddiviso in più sezioni, deve essere compilato nel caso di singola operazione occasionale di importo pari o superiore a ,00 intestata a persona giuridica. 24 Sezione 1 PG - 00: ORDINANTE dell operazione Inserire i dati relativi alla persona giuridica ordinante e quindi titolare dell operazione occasionale di importo pari o superiore a : denominazione sociale; partite IVA; codice fiscale; sede Legale; provincia sede dell attività economica, in caso di attività economica svolta entro i confini del territorio dello Stato Italiano; nazione sede dell attività economica, in caso di attività economica condotta all estero. Sezione 2 PG - 00: dati identificativi dell ESECUTORE per canto dell ordinante dell operazione Deve essere compilata dal soggetto che opera per conto della persona giuridica (es. legale rappresentante, procuratore) con tutti i suoi dati identificativi. In caso di ditta individuale la sezione dovrà riportare i dati identificativi del titolare della ditta individuale. Sezione 3 PG - 00: Dichiarazione di appartenenza/non appartenenza a categorie di soggetti politicamente esposti (PEP S)- ESECUTORE per conto dell ordinante dell operazione Deve essere compilata dal soggetto esecutore per conto del titolare dell operazione occasionale, quale dichiarazione di appartenenza o meno alla categoria PEP S, barrando: In caso di appartenenza, la casella Dichiaro di appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte : in questo caso e necessaria anche la compilazione della sottosezione Origine/Provenienza dei fondi, barrando la casella corrispondente all origine/provenienza dei fondi e specificando l ammontare nel relativo campo Note. Ove Origine/Provenienza dei fondi non rientrino in una delle ipotesi predefinite, dovranno essere specificati nella casella individuate con il termine Altro. In caso di NON appartenenza la casella Dichiaro di non appartenere alla categoria delle persone politicamente esposte. Sezioni 4A /4B /4C PG - 00 Le sezioni devono essere compilate dall esecutore (es. legale rappresentante, procuratore, delegato) per conto del titolare dell operazione occasionale. quale dichiarazione di sussistenza o meno del titolare effettivo. In caso di sussistenza di uno o più titolari effettivi: Barrare la casella si ; fornire tutti i dati identificativi di ciascuno di essi utilizzando le Sezioni 4A.48 e 4C). In caso di NON sussistenza del titolare effettivo: Barrare la casella no ; fornire (barrando la relativa casella) le motivazioni della NON sussistenza. Sezione 5 PG - 00: NATURA, SCOPO dell operazione occasionale E finalizzata a rilevare la natura, lo scopo ed il beneficiario dell operazione occasionale e deve essere sempre compilata dall esecutore per conto del titolare. Prevede le seguenti sezioni: 25

15 Natura dell operazione occasionale: barrare la casella corrispondente alla natura dell operazione. Ove la natura non rientri in una delle ipotesi predefinite, dovrà essere specificata nella sezione individuata con il termine Altro ; Scopo operazione occasionale: indicare lo Scopo dell operazione occasionale; Beneficiario: indicare il cognome e il nome o la ragione sociale del beneficiario dell operazione; Importo: indicare l importo dell operazione, con il dettaglio della divisa. Sezione 6 PF - 00: Note integrative La sezione e suddivisa in 2 sotto-sezioni: Eventuali Note integrative : la compilazione è a cura dell operatore per la rilevazione di eventuali informazioni aggiuntive acquisite. Firme : contiene i seguenti campi: Data: la data di compilazione del modulo; Legale Rappresentante. Procuratore. Delegato: la firma dell esecutore per conto della persona giuridica titolare dell-operazione occasionale. Firma dell operatore: la firma dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica; Matricola: la matricola dell operatore che ha effettuato l adeguata verifica. Registrazioni di Sportello (Archivio Unico Informatico - AUI) Particolare attenzione va posta in caso di operazioni effettuate da intermediari finanziari ( Banche, Istituti di Moneta Elettronica es. Fineco Leasing, SGR) Controllare a fine giornata prima della chiusura contab. da server voce 29EOIF Elenco Op. Inter. Finanz. Se si effettuano errori: 3270 procedura GEMOAR prevede la digitazione dei modelli AN/M in caso di erronea digitazione dell opzione INTERMEDIARIO FINANZIARIO, inviare poi i modelli alla Filiale se non è possibile raccogliere i dati richiesti per la compilazione del modello bisogna comunicare la mancata registrazione dell operazione all Business Unit BancoPosta/Compliance/Antiriciclaggo In caso di erronea imputazione dell operazione a soggetti diversi dalle effettive parti si deve compilare il mod. AN/M, trasmetterlo alla Filiale e comunicare alla Business Unit BancoPosta/Compliance/Antiriciclaggio, per l annullo nell AUI, i dati dell operazione erroneamente registrata. Se l UP annulla in giornata l operazione erroneamente registrata la richiesta di annullo della registrazione AUI avviene in automatico. Controllare a fine giornata in retro sportello nella fase TRDA le 26 eventuali registrazioni giacenti nell archivio locale e chiederne la trasmissione all host centrale. Se durante la registrazione di un operazione i dati anagrafici risultano incompleti e si forza la procedura per proseguire la registrazione resta comunque in sospeso per completare: per l anagrafe settoriale dell antiriciclaggio (rapporti occasionali) procedura GEMOAR (MAOO) Completamento anagrafiche. Per l Anagrafe Generale (rapporti continuativi) se non abilitati all operatività inviare la documentazione alla Filiale Libretti al portatore Tutti i libretti al portatore devono essere portati ad un saldo inferiore a 4999,99 euro oppure estinti. Il saldo dei libretti di risparmio al portatore non può essere quindi pari o superiore a euro comprese le competenze annuali. In caso di trasferimento di libretti al portatore il cedente deve far pervenire all UP entro 30 giorni dal trasferimento stesso la dichiarazione di avvenuta cessione del libretto contenente i dati identificativi del cessionario (nome cognome o ragione sociale, codice fiscale, luogo e data di nascita, l indirizzo e gli estremi del documento) e la data del trasferimento. L UP inoltra la dichiarazione a Business Unit Bancoposta Operazioni - Servizio Risparmi. Per i libretti al portatore trasferiti prima del 30 aprile 2008 (entro il 29) il presentatore possessore del libretto, se diverso dal soggetto che ha aperto il libretto stesso in occasione della presentazione all incasso può rilasciare un autocertificazione (fac simile dis n /4/08) contenente la data del trasferimento e il nome ed il cognome o la ragione sociale del cedente. In assenza di autocertificazione da parte del presentatore del libretto deve pervenire da parte del cedente, entro i trenta giorni successivi alla presentazione all incasso, la dichiarazione di avvenuta cessione del libretto. In sua assenza Poste deve segnalare al Min. dell Economia e delle Fin.. Infine l UP inoltra la dichiarazione del cedente o l autocertificazione a Business Unit Bancoposta Operazioni Servizio Risparmi Se la comunicazione del cedente avviene prima della presentazione del libretto dovrà essere trasmessa ugualmente a Business. 27

16 Se non viene presentata autocertificazione o dichiarazione di cessione l UP dovrà darne comunicazione via faxa a Business Unit. La documentazione relativa all autocertificazione/dichiarazione di cessione dopo l invio a Business deve essere conservata per 10 anni agli atti dell UP presso il quale il libretto è stato presentato all incasso. (Le infrazione relative a mancato adeguamento del limite, mancata estinzione entro il 30/6/09 oppure mancata comunicazione/autocertificazione del trasferimento possono comportare sanzioni amministrative dal 10% al 20% del saldo del libretto al portatore). Anche in assenza di autocertificazione/dichiarazione di cessione l operazione dovrà comunque essere accettata (ma, ricordiamo, deve essere segnalata). Adempimenti operativi Libretti al portatore rientranti nella procedura conversione d ufficio: titolare uguale al presentatore - DiS n. 51 del 2/5/07 cambia solo l inoltro della documentazione da inviarsi a Business titolare censito in anagrafe generale e diverso dal presentatore si deve censire il nuovo presentatore ed effettuare il trasferimento della titolarità del rapporto poi inviare la documentazione a Business titolare non censito in anagrafe e diverso dal presentatore si deve censire il presentatore, collegare l NDG al rapporto e inviare la documentazione a Business Libretti al portatore on-line Presentatore persona fisica diversa dal titolare. si deve censire il presentatore ed effettuare il trasferimento di rapporto al nuovo NDG; inviare, se ricevuta, l autocertificazione o la comunicazione. Del cedente a BBP Operazioni Servizio Risparmi Presentatore persona giuridica diversa dal titolare operatività uguale al primo punto, nel caso il presentatore persona giuridica non sia censito si inviano anche i documenti per il censimento sempre a BBP. Per i nuovi censimenti consegnare l informativa e acquisire la manifestazione di consenso al trattamento dei dati personali. Trasferimento rapporti in Anagrafe Libretti al portatore Manuale utente anagrafe generale - trasferimento rapporti allegato alla DiS n. 72 del 29/4/ operatività in Si devono individuare i due ndg, primo ndg del titolare che cede il rapporto secondo ndg che 28 riceverà il rapporto a seguito della transazione. Funzione 20 in anagrafe generale si cerca il primo ndg, inserire nel campo servizio la sigla DR inserire il numero del libretto e premere invio. Funzione 20: Per verificare che il soggetto che riceverà il rapporto sia già presente in anagrafe e inserire il codice fiscale in estremi di ricerca comuni, se censito si ottiene l NDG. Verificare la congruenza dei dati, modificare quelli non più validi. Se il cliente non è censito occorre farlo. A questo punto ottenuti i due NDG sempre in anagrafe generale Funzione 30: operazioni particolari 03 trasferimento di un rapporto: Inserire l NDG del titolare del rapporto, il servizio DR, la filiale, la categoria e il numero del rapporto, poi premere invio, digitare nel campo NUOVO TITOLARE l NDG del nuovo titolare del rapporto, premere invio, confermare con F5. La transazione determina l estinzione del rapporto sul primo NDG e l accensione sul secondo NDG che risulterà essere il nuovo titolare. Attestazione di adeguata verifica di soggetto titolare di rapporto continuativo (per l identificazione a distanza) Art 30 D.L.231 Gli obblighi di adeguata verifica della clientela di cui all articolo 18, comma 1, lettere a), b) e c), si considerano comunque assolti, pur in assenza del cliente, quando è fornita idonea attestazione da parte di uno dei soggetti seguenti, con i quali i clienti abbiano rapporti continuativi ovvero ai quali abbiano conferito incarico a svolgere una prestazione professionale e in relazione ai quali siano stati già identificati di persona: a) intermediari di cui all articolo 11, comma 1; b) enti creditizi ed enti finanziari di Stati membri dell Unione europea, così come definiti nell articolo 3, paragrafi 1 e 2, lettere b), c), e d), della direttiva; c) banche aventi sede legale e amministrativa in Paesi non appartenenti all Unione europea purché aderenti al Gruppo di azione finanziaria internazionale (GAFI) e succursali in tali Paesi di banche italiane e di altri Stati aderenti al GAFI; d) professionisti di cui all articolo 12, comma 1, nei confronti di altri professionisti. L attestazione deve essere idonea a confermare l identità tra il soggetto che deve essere identificato e il soggetto titolare del conto o del rapporto instaurato presso l intermediario o il professionista attestante, nonche l esattezza delle informazioni comunicate a distanza. I clienti di poste italiane titolari di conti, depositi o altri rapporti continuativi possono richiedere agli uffici postali un attestazione di identificazione a distanza nel merito del 29

17 modulo contenente l adeguata verifica del cliente stesso sulla valutazione del suo livello di rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. L obbligo di adeguata verifica della clientela si considera assolto, pur in assenza del cliente, qualora l intermediario che deve identificare ottenga un attestazione da un altro intermediario presso il quale il cliente è già titolare di un rapporto continuativo e in relazione al quale sia già stato identificato di persona; consegnando questa dichiarazione il cliente può aprire un nuovo rapporto. Il modulo deve essere rilasciato dall UP in cui è radicato il rapporto, timbrato e firmato dall operatore che effettua l attestazione. Insieme dev essere consegnata al cliente anche una copia del "Modulo di adeguata verifica del cliente " con data, timbro, firma del Dir. Dell UP e la formula "copia tratta dall originale". COI n. 302 /2010 La richiesta può essere effettuata tramite il modulo allegato alla DiS /6/08 o con richiesta scritta del cliente la quale deve contenere: per le persone fisiche (nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo, c.f. - estremi del documento che deve essere lo stesso dell accensione, controllare in anagrafe e nel dossier - se il documento risultasse nel frattempo rubato o smarrito o scaduto - fare oracolo - fare la fotocopia del nuovo inserirla nel dossier e modificare in anagrafe la maschera di censimento) per le persone giuridiche (la denominazione, la sede legale ed il codice fiscale del soggetto non persona fisica titolare del rapporto, i dati anagrafici del legale rappresentante - vedi sopra). Le Filiali sono a disposizione per qualsiasi precisazione in materia, data la delicatezza e la molteplicità di casi possibili. Buon lavoro a tutti, sempre e comunque nel rispetto delle normative perché, COL ROSSO NON SI PASSA! Segreterie Territoriali SLP CISL Lombardia Bergamo Segretario Tancredi Gabriella Via Carnovali, Bergamo Tel /1 Brescia Segretario Punzi Giovanni Via Altopiano d Asiago, Brescia Tel Como Segretario Palmisano Leonardo Via Rezzonico, Como Tel Cremona Segretario Tassi Maurizio Viale Trento e Trieste, Cremona Tel Darfo Boario Segretario Garattini Monica Via Lorenzetti, Darfo Boario Tel Lecco Segretario Alessi Vincenzo Via Besonda, Lecco Tel Legnano/Magenta Segretario Celli Maurizio Via 4 Giugno, Magenta Tel Mantova Segretario Reana Franzoni Piazza Filippini, Mantova Tel Milano Segretario Raffaele Roscigno Via Tadino, Milano Tel Monza Segretario Colletti Pellegrino Via Dante, 17/a Monza Tel Pavia Segretario Dassù Maurizio Via Rolla, Pavia Tel Sondrio Segretario Monti Luciana Via Bonfandini, Sondrio Tel Lodi Segretario Martorana Giovanni Piazzale Forni, Lodi Tel Varese Segretario Santacroce Antonio Via Luini, Varese Tel

18 Segreteria Regionale SLP CISL Lombardia Viale E. Marelli, Sesto San Giovanni (MI) Tel. 02/ r.a. Fax 02/ Segretario Regionale: Giuseppe Marinaccio Segretario Aggiunto: Maurizio Cappello Segretario Organizzativo: Giusy Greco Responsabile Coordinamento Quadri: Vito Maffeo Responsabile Coordinamento Donne: Luisella Vezzulli Responsabile Coordinamento Giovani: Gaetano Urso Il Corriere delle Poste Giornale Regionale dell SLP CISL Lombardia Direttore Responsabile: Antonio Casablanca Direttore Esecutivo: Giuseppe Marinaccio Comitato di Redazione: Maurizio Cappello, Giuseppina Greco Direzione e Amministrazione: Viale E. Marelli, Sesto San Giovanni (MI) Registrazione presso la Cancelleria del Tribunale di Milano n. 580 del 22/09/2006 Stampa: La Terra Promessa - Via Fermi, 24 - NOVARA N. 5 - Ottobre Spedizione in A.P. semestrale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2 DCB Milano

Oltre alla forma LA SOSTANZA

Oltre alla forma LA SOSTANZA L ANTIRICICLAGGIO Oltre alla forma LA SOSTANZA AREZZO 30 MAGGIO 2012 1 1 Non e tollerabile che l obiettivo del profitto possa essere disgiunto dalla correttezza dei comportamenti È sempre in agguato il

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO Circolare n. 15/2011 TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO In questa Circolare 1. Limitazioni all'uso del contante 2. Assegni e libretti al portatore 3. Segnalazione

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO NUOVI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO: INNALZAMENTO DELLA SOGLIA PER L USO DEL CONTANTE CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI RMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 ART. 12 D.L.

Dettagli

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario 1 Definizione di riciclaggio di denaro Il riciclaggio di denaro è l'azione di re-immissione di profitti,

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE

IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE Il D.L. 138/2011 (c.d. Manovra di Ferragosto) interviene riducendo alla metà la soglia per la movimentazione del denaro contante, degli assegni e dei libretti al portatore,

Dettagli

ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO. Avv. LUCA ZITIELLO

ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO. Avv. LUCA ZITIELLO ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO Avv. LUCA ZITIELLO 1 LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 2 Definizioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo Costituiscono riciclaggio : a) la conversione

Dettagli

VADEMECUM ANTIRICICLAGGIO PER AVVOCATI

VADEMECUM ANTIRICICLAGGIO PER AVVOCATI VADEMECUM ANTIRICICLAGGIO PER AVVOCATI Di seguito un breve vademecum per avvocati riguardo ai casi soggetti alla disciplina antiriciclaggio. Il presente lavoro si divide in due capitoli: il primo dedicato

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

Rassegna stampa. 28 marzo 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)

Rassegna stampa. 28 marzo 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it) Ufficio stampa Rassegna stampa 28 marzo 2008 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it) 1 SOMMARIO Pag. 3 ELEZIONI: Professioni, Balducci, politica se ne occupi in vista voto

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo Convegno ASCOB Roma 18 Luglio 2012 Dott. Franco Fantozzi Direttore Sicurezza e Compliance CODERE ITALIA SpA RICICLAGGIO: LE DIMENSIONI DEL FENOMENO

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma Sul forum Odontoiatria fiscale nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani Odontoline.it, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all uso dei contanti, in

Dettagli

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI Riepilogo delle sanzioni penali e amministrative nella nuova normativa

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 285 16 DICEMBRE 2011 ANTIRICICLAGGIO LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 12, commi 1 e 11, DL n. 201/2011 Artt.

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali. Normativa. Il decreto legislativo 231 per i Professionisti. Finalità del decreto legislativo 231

Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali. Normativa. Il decreto legislativo 231 per i Professionisti. Finalità del decreto legislativo 231 Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali A cura di Michele D Agnolo Direttiva CEE 10 giugno 1991 n. 308 Direttiva CE 4 dicembre 2001 n. 97 Direttiva CE 26 ottobre 2005 n. 60 Normativa Decreto legge 3

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

ALTRE FAQ SU ANTIRICICLAGGIO

ALTRE FAQ SU ANTIRICICLAGGIO ALTRE FAQ SU ANTIRICICLAGGIO Che cosa deve fare un soggetto che intende trasferire ad altro soggetto denaro contante, libretti di risparmio al portatore, certificati di deposito al portatore o altri titoli

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO Numero circolare 8 Data 14/10/2011 Abstract: Rif.to normativo: LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO La legge di conversione della c.d. manovra di ferragosto ha in buona parte confermato le

Dettagli

1. Ai fini del presente decreto per professionisti si intendono:

1. Ai fini del presente decreto per professionisti si intendono: I NUOVI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO Il D.Lgs. n. 231 del 21 novembre 2007, nel recepire la III direttiva del Parlamento e del Consiglio n. 2005/60/Ce del 26 ottobre 2005, relativa alla prevenzione dell uso

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 44 25.11.2013 Adempimenti in materia di antiriciclaggio Adeguata verifica, registrazione e conservazione, formazione

Dettagli

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la CIRCOLARE N. 7/T Olbia, 30 Agosto 2010 Alla Spett.le Clientela Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. LA

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

La normativa antiriciclaggio e i professionisti

La normativa antiriciclaggio e i professionisti La normativa antiriciclaggio e i professionisti - Biella, 31 ottobre 2012 Luca Piovano dottore commercialista in Torino 2 Le fonti (nazionali) D.Lgs. 231/2007e s.m.i. Decreto del Ministero della Giustizia

Dettagli

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione POLICY Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (Estratto) Numero / Anno POL 01 / 2013 Versione 1.0 Stato Proponente Approvazione Emittente Approvato Antiriciclaggio Consiglio

Dettagli

Anche quest anno questo Studio predisporrà mensilmente la rubrica Normative Aziende.

Anche quest anno questo Studio predisporrà mensilmente la rubrica Normative Aziende. DI MASTROMATTEI LUIGI C.F. MSTLGU48M08F631R - P. 041834209699 REA 1731503 E-MAIL: GECOSRL@GECO.191.IT SITO WEB: WWW.STUDIOGECO.BIZ ELABORAZIONE DATI CONTABILI SEDE: VIALE MATTEOTTI, 8 20095 CUSANO MILANINO

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA Antiriciclaggio ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON DEVE AVER CONCORSO NEL REATO PRESUPPOSTO,

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI LUCIA STAROLA LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1, È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053

A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053 A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053 www.associazionelegaliitaliani.it C.F. 94108090542 L antiriciclaggio è prima

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali d Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali I principi fondamentali della norma Il primo punto di riferimento in relazione alle

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza

ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista - Revisore Legale in Vicenza L Antiriciclaggio Le fonti:

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 ODV e ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO Gruppo di lavoro «il modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001» ODCEC Torino Torino, 14 aprile 2014 SOMMARIO 1.

Dettagli

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI 3 C:\Users\Administrator\Desk... CIRCOLARE n. 11/2010 Spett.li Clienti Loro SEDI Pesaro, 07 settembre 2010 1. Ultime novità fiscali; 2. Ripristinato il limite di Euro 5.000 per i trasferimenti in contante

Dettagli

OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF

OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF INFORMATIVA N. 285 19 NOVEMBRE 2013 ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF D.Lgs. n. 231/2007 In risposta ad alcuni quesiti

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo n.

Dettagli

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO dott. Francesco Loppini LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOMMARIO Adempimenti del Professionista dott. Francesco Loppini Sommario 1. Introduzione 2. Limitazioni circolazione contanti

Dettagli

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI di Laura Macci QUALI PROFESSIONISTI? Ai sensi dell art. 12 del D.Lgs. 231/2007 per professionisti si intendono: a) i soggetti iscritti nell albo

Dettagli

TESTIMONIANZE MODALITA CORRETTE DI PAGAMENTO

TESTIMONIANZE MODALITA CORRETTE DI PAGAMENTO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA Economato e Amministrazione 8 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani Chianciano Terme (Si), 14-16 marzo 2011 TESTIMONIANZE MODALITA CORRETTE DI PAGAMENTO A cura di don

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio

Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO LEGGE 197 DEL 5 LUGLIO 1991 DECRETO LEGISLATIVO 56 DEL 20 FEBBRAIO 2004 NORMATIVA DECRETO MINISTRERIALE 141 DEL

Dettagli

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio Periodico informativo n. 100/2012 Le novità antiriciclaggio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che è entrato in vigore lo scorso

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO

PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO INDICE PARTE SPECIALE F Pag. F.1 LE TIPOLOGIE DEI REATI DI RICICLAGGIO (art. 25-octies del Decreto) 3 F.2 AREE A RISCHIO 7 F.3 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE - PRINCIPI

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Giacomo Pieraccini * LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Perché la normativa antiriciclaggio? Le consuetudini commerciali e sociali, che caratterizzano, la nostra area geografica come il frequente uso di denaro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n. 2012/89780 Modificazioni del modello di adesione alla disciplina di deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante approvato con provvedimento del 23 marzo 2012 e delle relative

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante: il nuovo modello di adesione

Deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante: il nuovo modello di adesione Deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante: il nuovo modello di adesione di Filippo Gagliardi LA NOVITA` I commercianti al minuto e le agenzie di viaggio che intendono avvalersi, in deroga

Dettagli

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino)

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino) Lucia Starola (Commercialista in Torino) Antiriciclaggio 1 Antiriciclaggio Figura criminosa di 2 grado Ha per oggetto proventi di altre figure criminose (reato presupposto) Attività volta a dissimulare

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Dott. Raffaele D Arienzo Centro Congressi Torino Incontra Torino. 23 novembre 2015

ANTIRICICLAGGIO Dott. Raffaele D Arienzo Centro Congressi Torino Incontra Torino. 23 novembre 2015 ANTIRICICLAGGIO Dott. Raffaele D Arienzo Centro Congressi Torino Incontra Torino 23 novembre 2015 Aspetto Sanzionatorio Il legislatore ha confermato il dualismo" del regime sanzionatorio: la violazione

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 1. Gli albori della lotta al riciclaggio: La disciplina dell antiriciclaggio nasce a fine anni 80 a seguito della costituzione a livello internazionale di un particolare

Dettagli

8. La normativa antiriciclaggio

8. La normativa antiriciclaggio 8. La normativa antiriciclaggio 8.1 La nuova normativa antiriciclaggio e gli obblighi di adeguata verifica 8.1.1 Le finalità della normativa fin dal 1991 Il riciclaggio, iniettando nel sistema economico

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 22 GIUGNO 2009 INDICE PARTE

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria Vista la Legge vaticana 30 dicembre 2010 n. CXXVII

Dettagli

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del.

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del. Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del Terrorismo (Direttiva 2005/60/CE, Direttiva 2006/70/CE, D.Lgs. 231/2007, D.Lgs.

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DI DENARO CONTANTE: CHIARIMENTI

LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DI DENARO CONTANTE: CHIARIMENTI Ravenna, 14 Dicembre 2012 Circolare n. 25/12 OGGETTO: Limitazioni all utilizzo di denaro contante ulteriori chiarimenti L art. 49 del D.Lgs. 21/11/2007, n.231, reca la disciplina delle limitazioni all

Dettagli

Circolare N.74 del 18 Maggio 2012

Circolare N.74 del 18 Maggio 2012 Circolare N.74 del 18 Maggio 2012 Movimenti transfrontalieri: le modifiche dell apparato sanzionatorio apportate dal DL semplificazioni fiscali Movimenti transfrontalieri: le modifiche all apparato sanzionatorio

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76 ANTIRICICLAGGIO: NUOVI OBBLIGHI PER GLI STUDI PROFESSIONALI, RESPONSABILITA, SEGNALAZIONI, OPERAZIONI OLTRE SOGLIA, ISPEZIONI E CONTROLLI ALLA LUCE DELLA RECENTE CIRCOLARE G.d.F.. n. 83607/2012 Dott.ssa

Dettagli

AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO]

AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO] www.canestrinilex.com [VADEMECUM ANTIRICICLAGGIO E LOTTA AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO] * liberamente tratto dal Vademecum a cura dell Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati relativo

Dettagli