RELAZIONE COMUNE DI MUGGIA. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE COMUNE DI MUGGIA. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia"

Transcript

1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Trieste COMUNE DI MUGGIA P.R.G.C. Variante Generale n 15 in seguito alla decadenza dei vincoli preordinati all esproprio, di cui all art. 36 della L.52/91 Aprile 2001 Elaborazione conseguente all approvazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Il Sindaco: Roberto Dipiazza L Assessore all Urbanistica: arch. Lorenzo Gasperini Il Capo Servizio Urbanistica: arch. Ave Furlan Il Segretario Generale: dott. Gaetano Reggio I progettisti: prof. arch. Bruno Dolcetta dott. arch. Massimo Tessari dott. arch. Norma Totaro RELAZIONE elaborato A

2 Hanno contribuito all elaborazione della presente Variante n 15 del P.R.G.C. del Comune di Muggia, il cui progetto è stato suddiviso in quattro fasi consecutive: Progettisti: prof. arch. Bruno Dolcetta ing. arch. Domenico Tamburini I fase II fase III fase dott. arch. Massimo Tessari dott. arch. Norma Totaro Consulente per lo studio naturalistico ambientale: dott. for. Michele Cassol Collaboratori: dott. ing. Raffaella Cadei IV fase ed elaborazione informatizzata finale stud. Arianna Della Marina III fase stud. Carlotta Navarra I fase II fase III fase IV fase dott. arch. Giovanni Andrea Panizzon I fase III fase dott. arch. Fabiana Pieri I fase II fase III fase IV fase dott. arch. Nicoletta Zennaro I fase II fase 2

3 La presente relazione è conseguente al completamento dell iter burocratico della Variante n 15 approvata con D.P.G.R. n 0115 del 20 aprile

4 INDICE 1.0 Premessa Il quadro territoriale di riferimento Risorse, opportunità, obiettivi e politiche Verifica ed approfondimento delle direttive impartite dal Consiglio Comunale con delibera del 31 maggio Profilo morfologico del territorio I fondamenti storici Il patrimonio archeologico Ambiti di valore testimoniale e degli insediamenti antichi Le risorse naturalistiche ed ambientali Le caratteristiche ambientali I valori ambientali Le dinamiche demografiche Il patrimonio edilizio Dati statistici Dimensionamento del Piano La capacità insediativa residenziale teorica massima Gli standards urbanistici Gli standards urbanistici per le attrezzature collettive Obiettivi della Variante n 15 al P.R.G.C Il Piano Struttura Gli obiettivi e le strategie del Piano Ambiti di tutela 68 Ambiti di interesse naturalistico e paesaggistico 68 Aree umide di elevato interesse naturalistico, ambientale, biologico 68 Aree complementari alla salvaguardia idrogeologica e paesaggistica 69 Aree di rimboschimento per la tutela ambientale a difesa dell'inquinamento 69 Aree archeologiche 70 Aree di valore storico e testimoniale 71 Edifici di particolare interesse storico, architettonico, ambientale ed etnico La ripartizione dei tre grandi sistemi del territorio muggesano 73 a Il sistema istriano 73 b Il sistema della Valle delle Noghere 78 c Il sistema Carsico Il complesso delle risorse ambientali esistenti Il complesso relazionale costituito dalla rete viaria e dai collegamenti intermodali 89 4

5 8.1.5 Il complesso degli insediamenti residenziali Il complesso degli insediamenti industriali, portuali ed artigianali Il complesso degli insediamenti a concentrazione commerciale e direzionale Il complesso degli insediamenti turistici Il complesso dei servizi e delle attrezzature collettive Flessibilità. Motivazioni ed ambiti di applicazione Gli ambiti soggetti a proposta progettuale Ampliamento del porto e riqualificazione area ex- Caliterna e aree comprese fra Piazza Repubblica e Piazzale Foschiatti Rio Ospo e Laghetti delle Noghere Valico di Rabuiese Risistemazione S.P. n 14; la viabilità, la balneazione, la sosta, gli attracchi per i traghetti Programma di attuazione 124 5

6 1.0 PREMESSA A seguito della decadenza dei vincoli preordinati all esproprio, di cui all art. 35 della L.R. 52/91 e successive modificazioni e integrazioni, la Regione ha disposto la redazione della Variante Generale al P.R.G. del comune di Muggia. Si deve rilevare, peraltro, che le previsioni del piano già apparivano, alla comunità muggesana, e per più di un aspetto, non più rispondenti ai propri obiettivi, cosicchè la prescrizione regionale di rivedere lo strumento urbanistico ha coinciso con la volontà della stessa comunità di riflettere a fondo sui temi di progettazione urbana e territoriale che investono Muggia. Nella predisposizione della presente Variante Generale si è tenuto conto, pertanto: del quadro di riferimento costituito dal P.U.R.G.del Friuli Venezia-Giulia; del quadro costituito dalla legislazione urbanistica regionale (L.R. 52/92 e successive modificazioni e integrazioni); delle direttive, per la redazione del P.R.G.C. elaborate dal Consiglio Comunale di Muggia con delibera del 31/05/95. 6

7 2.0 IL QUADRO TERRITORIALE DI RIFERIMENTO Muggia con i suoi abitanti, confina con la città di Trieste, che ne conta (censimento 1991). Se consideriamo che alla stessa data, gli altri Comuni minori (Duino Aurisina, Monrupino, San Dorligo della Valle e Sgonico) avevano in totale, abitanti, si noterà che nel Comune di Trieste risiede l 88% della popolazione dell intera provincia. Un peso ancor più rilevante della città capoluogo sul totale provinciale si registra con riferimento alle imprese, alle istituzioni, e agli addetti che fanno ad esse riferimento. A Trieste (C.I.C./1991) si concentra: il 90,2% del totale delle imprese ( su un totale di ); il 93,4% degli addetti ad essa corrispondenti ( su ); l 85,9% delle istituzioni (372 su 433) con ben il 96,8% degli addetti in questo comparto (17,097 su un totale provinciale di 17659); in sintesi l 89,7 % delle unità locali di imprese e istituzioni, con l 88,8 % degli addetti. Questi valori confermano la posizione assolutamente dominante di Trieste e rafforzano l ipotesi che si debba pensare al territorio provinciale (e non solo a questo) come ad un sistema metropolitano fortemente coeso e strettamente interdipendente. Ragionare intorno alle prospettive del territorio e della comunità di Muggia comporta, dunque, una continua attenzione alle relazioni strategiche con Trieste. Questo per comprendere gli intrecci ed i condizionamenti connessi: alla configurazione fisica del territorio giuliano, tutto teso nell arco collinare degradante verso il mare dominato dal Carso e dalle prime propaggini della penisola Istriana; alla comune base economica; alla realtà inter-istituzionale; alla struttura funzionale del sistema urbano ed alla dimensione di alcuni suoi indicatori, primo fra tutti gli intensi scambi quotidiani e gli stessi trasferimenti di popolazione residente che continuano a verificarsi tra le due entità amministrative. La domanda insediativa di aziende, servizi di livello territoriale e residenze che premono su Muggia e su ogni altra parte dello spazio metropolitano sono fortemente condizionati, oggi, e in assenza di un idea coerente ed esplicita di Piano esteso a tutto il sistema metropolitano, dalla continua ricerca di nuovi equilibri parziali ad esso collegati, molte scelte dovranno essere oggetto di intese per il futuro che impegnino le istituzioni, quali E.Z.I.T., Autorità Portuale, Provincia sui campi più significativi che attengono alle strategie di sviluppo dell intera area. 7

8 2.1 Risorse, opportunità, obiettivi e politiche L aver dichiarato la natura ed il rilievo attuali delle relazioni di Muggia con il sistema metropolitano e, soprattutto, con Trieste non comporta affatto un atteggiamento di attesa e, tanto meno un rinvio ad altri livelli istituzionali, riguardo alle decisioni in materia di pianificazione urbana e territoriale che competono al Comune. Comporta, invece, l impegno a individuare e rendere espliciti i procedimenti logici e metodologici attraverso i quali si procede alla individuazione e valutazione delle risorse ed opportunità di cui Muggia, qui intesa nella accezione più complessa di società civile e territorio, dispone e che propone per sé e all attenzione della struttura metropolitana, quale contributo alla formazione di quel quadro. La formazione della Variante del P.R.G.C. è l occasione e la sede per definire gli obiettivi che la comunità intende darsi, e le politiche che intende mettere in atto per perseguirli indicando fin d ora, ove possibile, le strategie e gli interlocutori e attori, pubblici e privati. E la sede, altresì, per indicare conflitti reali o potenziali in ordine all assetto ed uso di aree per le quali sono state indicate, in passato, prospettive anche solo in parte diverse e depositate, in alcuni casi, in documenti di pianificazione vigenti. 2.2 Verifica ed approfondimento delle direttive impartite dal Consiglio Comunale con delibera del 31 maggio 1995 Pare opportuno a questo punto riassumere le direttive impartite dal Consiglio Comunale comparandole con le risposte che la presente Variante intende proporre: a. recepire le indicazioni fornite dagli studi della situazione geologica, di cui il Comune si è preventivamente dotato, per rendere inedificabili le zone di forte o massima instabilità idrogeologica e comunque indirizzare gli interventi urbanistico-edilizi prevalentemente nelle zone con una situazione geostatica non compromessa. Nelle tavole di analisi sono stati ordinatamente riportati, componendo un quadro sinottico complessivo, i vincoli di varia natura che interessano parti del territorio di Muggia, inclusi i limiti alla edificazione derivanti dagli studi geologici a disposizione della Amministrazione Comunale precedenti all incarico della variante ed integrati dagli studi della Geokarst Engineering per la valutazione della situazione geostatica 8

9 ed idraulica a supporto della variante stessa. Da questi sono state individuate le aree nelle quali è escluso ogni tipo di edificazione. E chiaro che le eventuali zone di completamento per la edificazione residenziale e dei servizi, e ancor più, le previsioni del PRGC vigente per insediamenti da sottoporre a Piano Attuativo, dovranno escludere aree a medio o alto rischio idrogeologico ed, evidentemente, quelle dichiarate inedificabili. Nelle Norme si porrà, inoltre, particolare attenzione alla manutenzione di quegli insediamenti esistenti che insistono, in parte, su aree indiziate di rischio idrogeologico, quale la zona inedificabile definita BOA. b. confermare con previsioni di tutela attiva la protezione delle aree soggette a vincolo archeologico, bellezze naturali e interesse ambientale limitando comunque la potenzialità edificatoria nelle zone pregevoli dal punto di vista paesaggistico ed in tal senso: -valorizzare le aree archeologiche del Monte Castellier e del Monte San Michele; -confermare, salvo evidenti motivazioni in contrasto, il progetto generale riguardante la realizzazione di Parchi Urbani, inserendo tra questi l area boscata di Monte d Oro (ambi versanti); -valutare l opportunità di trasformare alcune delle aree attualmente destinate a parco urbano in ambito di tutela ambientale, tra questi si segnalano: -il Bosco in località Fortezza Punta Ronco (Olmi); -il Bosco S. Rocco; -il Bosco di S. Barbara (Bosco dei Corossez) - Farnei; -il Bosco di Vignano; -i laghetti delle Noghere. Il progetto preliminare recepirà le indicazioni di tutela sui Beni Culturali Storico, Archeologici, Architettonici e farà di quei siti, spazi, manufatti, riferimenti di eccellenza per una politica attiva di riqualificazione del territorio. Oltre a quelli richiamati al punto b delle Direttive, si terrà conto di altre testimonianze ed ogni altro edificio, anche minore, anche appartenente ad epoche relativamente recenti, che assuma tuttavia, carattere di testimonianza e/o documento di una epoca, prassi e gusto costruttivo non più in atto (come ad esempio gli edifici del villaggio originario ex Aquila o altri edifici testimoni della conformazione rurale del territorio). In questo senso non solo, ovviamente, il centro Storico di Muggia, ma anche i centri di S. Barbara, gli edifici rurali sparsi, il complesso del Lazzaretto, alcuni edifici della prima periferia storica del capoluogo, saranno tutelati e oggetto di una politica di conservazione e valorizzazione. 9

10 Sul tema dei beni paesaggistici, naturalistici ed ambientali, particolarmente scoperto nel PRGC vigente e per il quale gli studi disponibili, ancorché pregevoli in taluni casi, non offrivano documenti esaurienti e linee progettuali adeguate, in sede di studi per il Progetto Preliminare abbiamo ritenuto indispensabile avviare una prima rilevazione sistematica, per consentirci di assumere precise linee di progetto. Per la valutazione di queste risorse rinviamo allo specifico capitolo della Relazione Generale e all elaborato A3, tavola delle risorse naturalistico-ambientali che chiaramente definisce le aree di rilevante interesse naturalistico, gli ambiti di tutela naturalistica, quelli di tutela paesaggistica. Qui richiamiamo il fatto che si tratta sia di importanti episodi (zone umide boschi di varia natura, corsi d acqua), sia e soprattutto, di un intero ambiente collinare (la zona Istriana ), elaborato finemente da secolari pratiche agricole, che unisce testimonianze di civiltà rurale a ingenti valori paesaggistici. Tutto il territorio, per tanto, va inteso come un sistema da tutelare. Si prevede l estensione dei confini di tutela dei siti di maggior pregio, cenni alle politiche di valorizzazione (i laghetti delle Noghere nel circuito Bio-Italy...), percorsi da riscoprire o di nuovo tracciato per investire parti importanti del territorio con circuiti di interesse turistico e/o esplorativo-didattico, o forme molto controllate di funzione agrituristica. Riteniamo si debbano riservare a parchi urbani veri e propri quelle aree verdi di sufficienti dimensioni che saranno collegate anche da percorsi pedonali e che formeranno un sistema ecologico ambientale ad alto grado di fruibilità. Tali aree potranno essere: -il Bosco di san Rocco; -l area archeologica di Monte San Michele; -l area lasciata a monte della zona sportiva; -l area archeologica di Monte Castellier; -i laghetti delle Noghere. Fondamentale appare, sul piano concettuale e operativo, infine, il recupero della reale continuità ambientale al di là dei confini nazionali, in territorio sloveno. Le intese in corso con il Comune di Capodistria, oltre che su altri temi non meno importanti, hanno messo in luce la tutela e la valorizzazione delle risorse paesaggistiche, naturali e ambientali come uno degli argomenti centrali per collaborazioni ed intese. Nell ambito delle azioni di Piano, sembra perciò opportuno delineare un quadro di interventi utili a dotare il territorio comunale di una rete di percorsi che, sfruttando tracciati di sentieri e strade già esistenti, ne consenta una loro valorizzazione ad uso ricreativo, tanto per i residenti, quanto per i turisti. Allo stato attuale infatti la zona, pur caratterizzata da una fitta trama di itinerari non é facilmente percorribile nei suoi ambiti di maggiore interesse da parte di chi non conosca a fondo la geografia e la natura del territorio. 10

11 Ciò appare, in un certo senso, in contrasto con le peculiarità ambientali dell area, che sono senza dubbio notevoli, e con la vocazione anche turistica che il territorio possiede e che si intende promuovere ulteriormente. L obiettivo che ci si pone è quindi quello di: - dotare il territorio di una rete di percorsi a diversa valenza, ben individuabili sul terreno, in modo da offrire opportunità ricreative a residenti e turisti; - garantire la cura e manutenzione del territorio, anche nei suoi ambiti oggi meno conosciuti e/o frequentati. Il presupposto da cui si è partiti nel delineare le linee guida del programma di lavoro parte dalle valutazioni effettuate in sede di analisi che sono sintetizzate nella tavola delle risorse naturalistico-ambientali, che evidenzia con chiarezza la distribuzione delle aree boschive, di quelle di rilevante interesse naturalistico, gli ambiti di tutela naturalistica e quelli di tutela paesaggistica ed altre emergenze. c. dimensionare il piano ad una capacità insediativa che tenga conto dell andamento demografico, della popolazione già insediata, di quella teorica risultante dal volume complessivo realizzato o autorizzato e quella residua risultante dalla differenza tra quanto stabilito dagli standards regionali e quella di cui sopra, con l obiettivo di arrivare ad un dimensionamento inferiore a quello previsto dallo strumento urbanistico attualmente in vigore; Abbiamo ben chiarito nella Relazione Generale, che Muggia deve porre un severo limite, dal lato dell offerta di aree ed insediamenti, ad una domanda potenziale elevatissima che proviene dal sistema metropolitano e dalla città di Trieste in particolare. Abbiamo chiarito, altresì, che le strutture di supporto alla urbanizzazione sono insufficienti e che limiti sono stati posti in evidenza anche per i servizi di base ( acquedotto, fognatura, rete viaria minore...). Per quanto riguarda il calcolo della capacità insediativa teorica massima, si deve ricordare che mancano completamente dati dell ultimo censimento in quanto non è stato possibile ricostruire le zone censuarie del territorio comunale e che, pertanto, il calcolo proposto si discosta dal metodo individuato del DPGR 126/20 aprile Come si evince dagli articoli 8 e 9 del sopraccitato DPGR l azzonamento finale e la definizione dei volumi aggiuntivi residenziali previsti consentirà il dimensionamento esatto della nuova CIRTM, che risulta pari a abitanti, e dei servizi relativi; tale dimensionamento risulta supportato dal calcolo delle volumetrie realizzate, o in fase di realizzazione, eseguito dall Ufficio Tecnico Comunale. E così soddisfatta la richiesta di un dimensionamento inferiore a quello previsto dal piano vigente pari a abitanti. 11

12 d. favorire la riqualificazione del centro storico risolvendo i problemi che non possono trovare soluzione all interno della zona omogenea A nell ambito del relativo piano di recupero; Per la zona omogenea A esiste un Piano di recupero ben definito il quale non risolve però alcuni problemi fondamentali per la riqualificazione dello stesso: il reperimento di alcune aree di verde e di parcheggio per soddisfare gli standards minimi della zona, nonché la realizzazione di una viabilità che permetta al flusso automobilistico non diretto in centro di by-passarlo completamente. Si deve dire che i temi sono essenzialmente due : - le operazioni che hanno come obiettivo la tutela, restauro, valorizzazione della città antica; - la soluzione del by-pass che consenta a mezzi automobilistici di oltrepassarlo senza entrare dentro l organismo racchiuso nella cerchia muraria. Le due questioni sono interconnesse strettamente. Per il tessuto antico è già stato adottato il Piano Particolareggiato- si farà riferimento ad esso per tutte le norme che contiene, e che interessano la indicazione puntuale delle possibili azioni per ciascun edificio e gli interventi sugli spazi pubblici. Ma va posto in evidenza che si dovrà prevedere la pedonalizzazione permanente della città antica, e ciò comporta una proposta adeguata di spazi di sosta e parcheggio fuori le mura. Sono stati pertanto previsti nelle aree marginali ad est ed ovest, legate alla zona Ex Caliterna ed al nuovo by pass, due nuovi parcheggi scambiatori. A ciò si provvede contestualmente alla riprogettazione delle aree marginali ad est e ad ovest, legate alla zona della ex Caliterna e al nuovo by-pass, con la previsione di due nuovi parcheggi scambiatori. A questo punto la galleria esistente assume per la mobilità generale, un valore integrativo per le correnti di traffico dirette dalla litoranea ovest verso il cuore della espansione. Per quanto riguarda il reperimento di aree da destinare ad attrezzature per il verde, lo sport e gli spettacoli all aperto, l ampliamento della zona da destinare a tali servizi limitrofa allo stadio Zaccaria sarà sufficiente a soddisfare le aree centrali di Muggia. e. favorire al fine di limitare nuove zone di espansione: -il recupero del patrimonio edilizio esistente; -la riqualificazione di aree urbanisticamente degradate ed edificate in modo irrazionale anche attraverso un incremento dell indice di fabbricabilità e/o una deroga per gli ampliamenti per ragioni igienico-funzionali in percentuale sul volume esistente per gli edifici esterni alla zona omogenea A ed antecedenti all entrata in vigore del primo piano regolatore (febbraio 1972). 12

13 Si prevede di operare solo con completamento di aree o sottosistemi parzialmente edificati; Particolare attenzione è stata posta a tutte quelle aree che saranno oggetto di uno specifico piano di recupero. Poiché con il piano precedente si è andati a squilibrare la capacità insediativa, si prevede di concedere deroghe volumetriche solo per casi di provata necessità e di misure minime. f. indirizzare i nuovi interventi residenziali in zone già urbanizzate o che comunque verranno urbanizzate nel prossimo quinquennio, facendo riferimento quindi ai progetti di impianti di cui il Comune è dotato; Si sono privilegiati quei luoghi o sottosistemi insediativi in grado di sostenere parziali incrementi dovuti al completamento e/o integrazione (il riferimento é ad una particolare applicazione della teoria delle soglie ) con le infrastrutture esistenti o con programmi di integrazione delle stesse. Il ragionamento sulla congruità dei servizi esistenti e la loro integrazione rispetto agli standard regionali, ha consentito di chiudere con coerenza la questione del dimensionamento generale della Variante Generale PRGC. g. limitare le zone di espansione soggette a P.R.P.C. e prevedere in questi casi: -una superficie minima dei comparti sufficiente ad una razionale distribuzione delle opere di urbanizzazione; -una loro localizzazione in prossimità delle zone di completamento tenendo conto del rapporto costo-beneficio dell intervento, relativamente al costo delle opere di urbanizzazione, e quindi della realizzabilità delle previsioni. Le aree soggette a PRPC sono considerevolmente ridotte rispetto alla variante n 11, tenendo conto delle indicazioni delle direttive. h. prevedere di allacciare Muggia a possibili soluzioni di trasporto pubblico o di collegamento intermodale come per esempio la metropolitana leggera; I sistemi di trasporto alternativo, da e per Trieste sono stati, storicamente, due: - i traghetti via mare; - il trenino a scartamento ridotto per Parenzo. 13

14 Entrambi non sono più attivi da tempo ma se ne ha una fortissima nostalgia. Le linee di trasporto via mare potrebbero (se i costi lo consentissero) essere ripristinati tra Muggia e la sua costiera per la balneazione e i vari punti dell arco di Trieste. Anche l Amministrazione Comunale di Trieste ha accennato, nei suoi programmi a questa eventualità, con questa, quindi, bisognerà avviare trattative. Una nuova linea su ferro è in costruzione a cura dell EZIT ; corre lungo il rio Ospo attestandosi sul fronte mare, verso la foce, dove è in fase di ultimazione la stazione ferroviaria. Non è opprtuno prevedere oggi collegamenti con la metropolitana leggera in quanto l EZIT sta elaborando un piano infraregionale che probabilmente terrà conto di questa possibilità. i. confermare le scelte riguardanti la grande viabilità internazionale ed il relativo collegamento con il capoluogo nonché l esigenza di risolvere i problemi del traffico locale della zona di Aquilinia, legati all improcastinabile processo di risanamento delle aree ex Aquila; Muggia trova, nelle relazioni da e per Trieste, alcuni blocchi alla mobilità che si traducono in una forte viscosità del traffico soprattutto in corrispondenza della galleria che sottopassa Aquilinia, ed è profondamente limitata dalle correnti di traffico internazionale (anche dalla componente frontaliera di scala locale o a breve raggio) che interessano (merci e persone) il valico di Rabuiese. Per i traffici pendolari interni all area metropolitana ci si possono attendere, in futuro, alcuni vantaggi conseguenti: - integrazione della viabilità ad Aquilinia; - le prospettive di apertura dei confini sloveni nella ipotesi di un ingresso di questo stato nella Unione Europea nei prossimi anni; - la realizzazione - completamento della viabilità di livello territoriale (in sostanza il prolungamento della bretella autostradale, fino al valico di Rabuiese), con conseguente liberazione dalla rete di traffico di interesse locale da ogni interferenza delle correnti internazionali e frontaliere. E stato recepito il miglioramento della rete viaria che si integra al sistema già progettato della Grande Viabilità, con una sistemazione della zona di Rabuiese basata sui criteri di parsimonia e, al tempo stesso di efficienza. E inoltre necessario il risanamento delle aree ex Aquila per riqualificarle in funzione di nuovi insediamenti non pericolosi con la ferma volontà di evitare il polo energetico. 14

15 j. riconosciuti i limiti e l impatto della circonvallazione collinare, individuare soluzioni che siano atte a risolvere i problemi della viabilità dell area urbanizzata di Muggia, tenendo presenti: - l esigenza di eliminare il traffico veicolare dal mandracchio bypassando il centro storico in galleria a monte o a mare, - le iniziative di riqualificazione del centro storico, - i problemi legati alla gestione della sosta; Riconosciuta la scarsa attuabilità della circonvallazione collinare, visti gli alti costi non supportati da sufficienti benefici, legati anche al forte impatto ambientale dell opera si prevede che la soluzione del problema della viabilità di attraversamento del territorio comunale si potrà attuare attraverso nuove infrastrutture: - la nuova strada che dal cimitero metterà in collegamento la Via XXV aprile; - il by-pass del centro storico, già ampiamente descritto ai punti precedenti; - il miglioramento della viabilità esistente con possibili e limitati completamenti, allargamenti e rettifiche; - il by-pass di Aquilinia; - l individuazione di nuovi collegamenti nel territorio collinare. Strettamente connessa alla viabilità ed alla vivibilità del centro storico di Muggia, è il problema del mercato settimanale. Si prevede perciò in area Ex Caliterna un area di sufficiente ampiezza attrezzata e dotata delle urbanizzazioni necessarie. l. prevedere un piano della viabilità, suddiviso per fasi coordinate, che preveda prevalentemente il riutilizzo dei tracciati esistenti e che sia in grado di soddisfare autonomamente le esigenze più immediate anche in attesa della realizzazione dei grossi interventi che sono al di fuori delle possibilità comunali, il tutto valutando: - la portata veicolare di stretta pertinenza delle aree costiere e quella del territorio collinare, - il dimensionamento delle possibili scelte progettuali sia viabilistiche che di parcheggio, - i costi ed i benefici conseguenti le soluzioni ipotizzabili; m. prevedere e stabilire per la viabilità secondaria: - le linee di fabbrica per le nuove costruzioni e le recintazioni necessarie per adeguare la sezione stradale anche in relazione al loro uso come viabilità generale, - nuovi tracciati a servizio delle zone residenziali di completamento e di quelle d espansione, rendendo possibile la loro realizzazione, in questo secondo caso, da parte del privato attraverso l attuazione dei P.R.P.C. 15

16 Sono state già individuate alcune strade per le quali sarà necessaria una progettazione esecutiva, nella fattispecie alcuni tracciati nella zona di Aquilinia, nonché una risistemazione della viabilità nei pressi del valico di Rabuiese, in attesa della realizzazione della Grande viabilità e un collegamento che da Salita alle Mura si colleghi a via XXV aprile utilizzando in parte tracciati già esistenti. n. prevedere, per il lungomare tra San Rocco ed il porticciolo del Lazzaretto, un interramento necessario a valorizzare questo tratto di costa dimostratosi adatto alla balneazione e alle attività relative al tempo libero, garantendo: - l individuazione dei parcheggi, di percorsi pedonali e di piste ciclabili; - una definizione delle caratteristiche della viabilità; - la previsione di attrezzature e servizi finalizzate alla balneazione e al tempo libero. Un grande tema unitario per molti aspetti, ma articolato in più sottosistemi, che comportano azioni molto differenziate, è quello che possiamo chiamare del waterfront che comprende: - la strada costiera da Muggia fino a Lazzaretto interessata anche dai previsti insediamenti turistici; Un allargamento verso monte è per lunghi tratti improponibile per le difficoltà ed i costi opposti dalla morfologia del sito ed è sconsigliabile in ogni caso per il violento impatto ambientale che ne deriverebbe, si è optato perciò per l allargamento verso mare come del resto già previsto dalla variante precedente. Si propone uno progetto che prevede la sistemazione della strada risanando per quanto possibile, ogni situazione in condizioni precarie verso la scarpata a monte ed evitando comunque nuovi scavi. Nello spazio libero, ampliato mediante gli interramenti, la cui profondità media sarà di circa 25/30 ml., troveranno posto i parcheggi, delimitati da un aiuola per piante d alto fusto, una pista ciclabile che potrà continuare anche nel territorio sloveno, ed infine lo spazio per la balneazione da attrezzare. Inoltre, trovano ubicazione adeguati chioschi e servizi per il ristoro ed attrezzature igieniche e docce esterne. Volumetria, dimensioni e sono oggetto di una normativa specifica. Particolare attenzione richiede il porticciolo di Lazzaretto, per il quale sono stati proposti i seguenti interventi: - localizzazione e contenimento del campeggio solo a monte della strada statale; - formazione di un parcheggio per circa 100 posti auto; -destinazione dell area liberata dall uso del campeggio per servizi alla balneazione e alla sosta conseguente alla presenza del valico confinario. 16

17 Si è provveduto inoltre a classificare il porticciolo esistente come ZTO S per evitare la necessità di PRPC che sarebbe derivato dalla classificazione come zona portuale. o. sottolineare la vocazione nel settore della nautica da diporto; - confermando l approdo di interesse turistico a San Rocco, - verificando la possibilità di sviluppo di attività indotte all interno della zona industriale dell ex Cantiere Alto Adriatico tenuto conto delle realtà esistenti; Il Comune di Muggia, con delibera della Giunta Regionale, è stato classificato comune turistico e, inoltre, la posizione geografica del Comune di Muggia, che ne fa l ultima tappa italiana prima della Slovenia e della Croazia, conferisce grande importanza a tutte le attrezzature connesse alla nautica da diporto. Le richieste dalla Germania, dall Austria e dal resto d Italia sono molto forti. La stessa Trieste è carente di posti barca e di attrezzature di servizio. Si ritiene che la domanda sia ben lungi dall essere soddisfatta ed inoltre che la realizzazione delle marine private, in atto e di progetto, che come indotto produrranno una naturale concentrazione di artigiani specializzati, incentiverà ulteriormente l attuale domanda ricuperando anche manodopera locale specializzata. Pertanto la presente variante tende a recepire le iniziative in atto ed a proporne altre: Porto San Rocco e la zona Cantieri Alto Adriatico sono ormai una realtà concreta e si ritiene sorretto confermarne i metodi e gli obiettivi. Verranno riconfermate tutte quelle iniziative, anche se in attesa del perfezionamento dell iter burocratico, come ad esempio la nuova darsena prevista a sud di Punta Sottile. Il by-pass del centro storico consentirà l ampliamento dell attuale porto di Muggia. Sono state onoltre soddisfatte le esigenze del cannottaggio e della vela minore. p. rideterminare, sulla base delle analisi di settore più recenti, le altre previsioni in campo turistico a favore: - di una strumentazione urbanistica diversificata che ponga attenzione alla richiesta di spazi attrezzati per il tempo libero nel rispetto del patrimonio naturale e del paesaggio, - di una estensione e valorizzazione delle aree a vocazione agricola della zona E (agricola con colture specializzate) prevedendo uno sviluppo nel settore dell agriturismo e vincolando nel tempo la destinazione d uso delle strutture previste; Il settore turismo sarà senza dubbio il life motive che connoterà la Muggia del Nel territorio muggesano il turismo si articola in più settori. 17

18 Il turismo culturale e ludico trova nel centro antico la sua principale localizzazione, ma non si può dimenticare l esistenza dei castellieri, delle aree archeologiche e di Muggia Vecchia. Il carnevale muggesano, anche estivo, e le numerose manifestazioni in calendario, attirano più volte nel corso dell anno, grandi quantità di folla, anche se per tempi brevi. Quando esplode il carnevale, la percorribilità della cittadina diventa pressoché impossibile, ma i muggesani sono giustamente legati a questa loro tradizione che raggiunge oggi la sua quarantaseiesima edizione e sembrano subire allegramente i temporanei disagi, che questo provoca, in cambio di un aggregazione sociale che dura tutto l anno. L amenità del paesaggio circostante, fortunatamente non ancora del tutto annullata dalla selvaggia edificazione di case uni-bifamiliari, la splendida litoranea, i boschi, le zone umide dovranno essere ulteriormente potenziate e strettamente collegate al centro antico, che fungerà da baricentro del territorio. Saranno quindi previsti percorsi ciclabili, pedonali, punti fissi con parcheggi e servizi, zone per l agriturismo a potenziamento del patrimonio naturale e del paesaggio. Le aree sportive e ludiche esistenti sono per ora utilizzate dalla popolazione locale, ma dovranno in seguito, essere potenziate per rispondere anche alla richiesta che verrà dagli utenti dei nuovi insediamenti turistici legati alla balneazione ed alla nautica. Particolare attenzione sarà posta per riqualificare le aree comprese tra il Rio Ospo ed il cavalcavia di Santa Barbara, la foce dell Ospo, le aree ora occupate dal tiro a volo compresa l area archeologica, quelle lungo tutto il corso dell Ospo fino ai laghetti delle Noghere affinché vengano restituite alla loro naturale vocazione ricreativa. Il P.R.G.C. dovrà individuare e tutelare all interno delle zone E: - le aree agricole da tutelare; - i fondi rustici; - le aziende agricole vitali; - le case di abitazione della famiglia rurale favorendo il recupero del patrimonio edilizio rurale esistente; - gli annessi rustici, se di pregio; - eventuali insediamenti agro-industriali; - le serre fisse; - le zone a vocazione agrituristica. q. porre le premesse per l avvio di un piano infraregionale finalizzato al risanamento del comprensorio dell ex Raffineria Aquila che individui, attraverso il riutilizzo di tali aree, 18

19 - le soluzioni per riqualificare e ristrutturare l abitato di Aquilinia- Stramare da un punto di vista urbanistico e l ambiente circostante dal punto di vista paesaggistico; - una soluzione per la viabilità locale, - le attività e le attrezzature a servizio dell industria. La Variante Generale punta: - ad una riqualificazione dell insediamento residenziale, agendo sugli spazi pubblici e sul miglioramento della rete stradale locale (piccole integrazioni e completamento); - un progetto di esclusione del traffico per una parte dell attuale statale, nel tratto più prossimo a Trieste, in modo da costruire, in prospettiva, un centro di quartiere su cui concentrare la riqualificazione degli spazi pubblici; a tal fine si potrà sfruttare, meglio la deviazione del traffico verso la galleria, consentita dalla nuova bretella di imbocco alla galleria stessa. All interno delle aree industriali dovrà essere eliminata l industria petrolifera e tutte le attività inquinanti, data la vicinanza con i centri abitati. Inoltre si propone il potenziamento delle attività connesse con l alta tecnologia, la vendita dei prodotti, tali da richiedere un alto numero di addetti, anche locali, il tutto conformemente ed auspicabilmente con il piano infraregionale. Su Monte San Giovanni una vasta area da adibire a centro studi specializzati connessi alla produzione industriale. r. individuare un assetto urbanistico più articolato, comprendente anche strutture di servizio, relativamente alle aree lungo la Grande Viabilità in corrispondenza del Monte d Oro e della Valle del Rabuiese in prossimità del valico confinario il tutto coerentemente con le scelte in campo economico già oggetto di deliberazioni dell attuale consiglio comunale e tenendo conto degli sviluppi della situazione internazionale; s. riqualificare e ridimensionare la zona doganale del valico di Rabuiese tenendo conto degli eventuali sviluppi internazionali legati all entrata nell Unione Europea della Slovenia e dei rapporti con i Paesi dell Est; La zona interessata dal valico di Rabuiese, per la molteplicità dei problemi, è appofondita con una scheda progettuale a livello prescrittivo. In sintesi si prevedono: - fluidificazione in tempi brevi della viabilità con formazione di idonei parcheggi e bretelle che saranno compatibili con la realizzazione della Lacotisce/Rabuiese; - nuove aree commerciali per soddisfare la richiesta già in atto; 19

20 1) zone miste ( ZTO O) saranno riordinate attraverso idonea normativa ed incentivi volumetrici; 2) servizi necessari alle funzioni doganali troveranno collocazione in apposite aree. t. individuare le soluzioni urbanistiche atte a valorizzare le caratteristiche degli abitati minori ed avviare la soluzione dei problemi specifici quali: - la riqualificazione dell abitato di Aquilinia anche in previsione di una riduzione del traffico, - la verifica della zona omogenea A2 di Santa Barbara e previsioni legate ad una possibile monumentalizzazione delle strutture archeologiche del Monte Castellier, - soluzione dell inquinamento elettromagnetico di Chiampore conciliando le esigenze derivanti dai vincoli presenti sul territorio e l esigenza di confermare il nuovo punto individuato dal Comune in cui trasferire le postazioni; Si rimanda ai punti precenti per la riqualificazione dell abitato di Aquilinia. Per l abitato di S. Barbara, in seguito all entrata in vigore della legge 34/97, si ritiene opportuno riconfermare l intero abitato in zona A2, soggetta a PRPC. Per la soluzione dell inquinamento elettromagnetico della zona di Chiampore è stato individuato dal Ministero delle Poste e Telecomunicazioni un nuovo sito sul Monte San Michele. u. limitare le zone per attrezzature, servizi e reti infrastrutturali non vincolando aree già urbanizzate che potrebbero essere destinate a zone residenziali con l obiettivo di ridurre al minimo l impatto con la decadenza dei vincoli preordinati all esproprio pur rispettando le esigenze della popolazione e le prescrizioni riguardanti gli standards urbanistici; Nel corso della stesura definitiva del progetto di P.R.G.C. è stato tenuto conto di questa indicazione compatibilmente alla tutela paesaggistica del territorio stesso, tenendo conto delle specifiche problematiche di ogni singola zona, nel rispetto del DPGR 126/20 aprile v. chiarire le norme riguardanti gli interventi minori come i depositi attrezzi, le serre, le strutture stagionali, quelle precarie, quelle ambulanti, ecc. vincolando nel tempo la destinazione d uso e la tipologia. 20

21 Le NTA individuano i parametri formali e volumetrici per tutti gli edifici minori e per le strutture quali pastini o muretti. Particolare attenzione verrà posta nel reperire una nuova ubicazione per il mercato ambulante settimanale che offra allo stesso un area attrezzata e dotata di tutte le urbanizzazioni necessarie. A tal fine si indica la zona dell ex Caliterna, nell ambito del programma di restituzione di tale zona alla cittadinanza. Già la lettura puntuale del presente documento porta a trarre alcune considerazioni conclusive. Sono state diligentemente analizzate tutte le ipotesi d uso del territorio comunale come riportate dalle direttive del Consiglio Comunale. Le tavole di analisi, facenti parte della relazione, hanno portato alla descrizione ed interpretazione dello stato di fatto ed hanno così permesso una rilettura del territorio ed una presa di coscienza sulle possibilità di interventi facilmente attualizzabili. Per quanto possibile, si è cercato di attendere alle direttive del Consiglio Comunale, integrandole ed interpretandole per consentire un intervento armonico e complessivo sull intero comprensorio indicando in modo puntuale gli elementi strutturali del Piano. Si deve tener presente che tali direttive sono state deliberate in data 31 maggio 1995 e che pertanto potrebbero in parte essere superate nei loro contenuti, in relazione allo sviluppo di iniziative che l Amministrazione comunale ha già intrapreso e che in alcuni casi incidono sulle stesse. Abbiamo individuato alcuni punti cardine della pianificazione: 1. massima tutela e valorizzazione delle risorse naturali, paesaggistiche, ambientali, storiche ed archeologiche, come ampiamente e fermamente richiesto dagli attuali indirizzi nazionali e regionali; 2. tutela delle aree agricole (che saranno suddivise in sottozone con normativa specifica); 3. limitazione delle aree di espansione residenziale a quelle sole parti di territorio già dotate di infrastrutture; 4. potenziamento massimo della vocazione turistica di Muggia quale ultima porzione di territorio dell intera area triestina ed in collegamento con la vicina Slovenia atta alla realizzazione di strutture turistiche su vasta scala; 5. definizione puntuale delle aree industriali con l eliminazione delle attività inquinanti in prossimità dei centri abitati; 6. individuazione di aree di progettazione esecutiva che sarà ampliamente sviluppata. Si ritiene infatti che le soluzioni puntuali in dette aree contribuiranno a risolvere le molte esigenze dell intero territorio comunale. 21

22 2.3 Profilo morfologico del territorio I brevi riferimenti alla storia ci consentono di mettere in evidenza come Muggia abbia in sé, per configurazione del sito e per l interpretazione che di esso l opera dell uomo ha inteso dare, una forte individualità urbanistico-territoriale. Ancor più evidente se ci riferiamo a quella che ci restituiscono le antiche documentazioni cartografiche e, in generale, iconografiche, e la storia. La struttura del territorio comunale ci appare articolata in tre parti distinte, anche se strettamente interconnesse. Tale lettura ci è stata di grande utilità anche al fine di definire temi di progettazione a noi contemporanei. E' un comune "istriano" intendendo, con questa definizione, che gli insediamenti antichi si collocano nell'ultima propaggine di questo sistema morfologico, geografico, ambientale e storico. Se, superando gli attuali e recenti confini internazionali, si valuta, infatti, lo spazio oro-geografico di cui fa parte, la continuità con l'istria emerge in tutta la sua evidenza. Muggia, con il suo centro antico, posto in posizione assolutamente strategica lungo la costa che si apre all estremità orientale dell arco triestino è, infatti, il primo porto istriano e ben se ne comprende l importanza per Venezia, che sviluppa gli insediamenti, le fortificazioni e i suoi avamposti commerciali del suo stato da mar lungo tutto l arco adriatico orientale, nel mediterraneo meridionale e l Egeo, fino a Costantinopoli e oltre. Ad Est del promontorio si apre la valle delle Noghere e la piana percorsa dal rio Ospo, un tempo utilizzata per le saline, preziose sia per Trieste che per Muggia, e fonte di dispute e di non infrequenti conflitti. Oltre comincia il sistema del Carso, un avamposto del quale, il Monte d'oro, ricade nei confini amministrativi muggesani. Questa ripartizione geomorfologica connota la struttura dei problemi di Muggia, ne articola, in modo netto, i temi di progettazione e ne riconosce gli interlocutori. E' da questo punto di vista, cioè quello dell individuazione delle "unità tematiche di progettazione" che riteniamo utile procedere. 22

23 2.4 I fondamenti storici A Muggia la storia politica da un lato, ed il sito dall altro, hanno un rapporto esemplare di relazioni circolari che si rafforzano e spiegano a vicenda. La storia (cfr. Muggia, I. Stener e A. Bressanutti, ed. LINT, Trieste, 1986) prende l avvio dal castelliere preistorico e poi dall insediamento romano, posti sul colle dominante il mare, nel luogo detto Muggia Vecchia dove, fra tracce archeologiche cospicue, ancora si eleva la chiesa paleocristiana dedicata a S. Maria Assunta (VI - VII sec.). Il consolidamento e sviluppo del borgo a mare o Borgolauro, l attuale centro storico, con la funzione portuale, e l impianto delle saline, componenti essenziali entrambe dell economia e della speciale attenzione riservata al nuovo insediamento, va collocato nel periodo successivo al 931, quando Muggia entra a far parte dei territori del patriarcato di Aquileia. L 8 luglio 1420 il doge Tomaso Mocenigo sottoscrive, in palazzo Ducale, il patto di dedizione di Muggia a Venezia, dando l avvio ad una vicenda politica e culturale destinata a durare fino alla caduta della Serenissima Repubblica, nel 1797, ed a segnare, in modo ancor perfettamente percepibile, lo spazio, l immagine urbana, l architettura, la struttura culturale e molte delle vicende economiche e sociali della comunità muggesana. Dopo l annessione all Austria (con la parentesi francese tra Austerlitz ed il congresso di Vienna), la storia di Muggia si intreccia con l ascesa di Trieste e lo sviluppo degli interessi strategici, commerciali e industriali dell impero asburgico che ne privilegiano lo sviluppo. Ha inizio la storia cantieristica moderna, con lo squero dei cadetti, il cantiere Tonello e, soprattutto, il cantiere di S. Rocco (inaugurato nel 1857), attività che continuerà, con intensità e vicende diverse, fino ad anni recenti. Sarà, dunque, la vicenda industriale-cantieristica a segnare, la storia economica e sociale della popolazione muggesana nell arco degli ultimi centocinquanta anni. Nel 1921 l annessione all Italia. Infine, la dolorosa esperienza conseguente alla seconda guerra mondiale, che ha portato alla mutilazione di una parte rilevante del territorio amministrativo comunale, e pesanti condizionamenti territoriali imposti dall essere a presidio di un difficile confine nazionale. Le prospettive appaiono, ora, in rapida evoluzione per l avvio di un processo di cambiamenti politici radicali nel campo delle relazioni internazionali. L ipotesi di ingresso della Slovenia in Europa, con una conseguente modificazione della natura delle relazioni fra gli spazi e le popolazioni confinanti rimuoverà molti dei vincoli ereditati dal dopoguerra. 23

24 In questo quadro alcuni temi di progettazione che il Piano deve affrontare (le questioni legate ai valichi di confine, soprattutto) possono cambiare segno ed obiettivi. 2.5 Il patrimonio archeologico Le indagini e gli scavi iniziati nell 800 hanno rivelato come il territorio del Comune di Muggia sia ricco di segni lasciati dall uomo fin dalle epoche protostoriche. Il clima mite la morfologia dei luoghi che si presta ad insediamenti facilmente difendibili, la presenza di materiali litici adatti alle costruzioni e facilmente reperibili, hanno nei millenni, favorito la frequentazione e gli insediamenti umani. Nella presente variante vengono sottolineati solo i siti di maggiore rilevanza e già catalogati ai sensi della Legge 1089/39, questi sono: -il porto romano,in parte sommerso,nell area antistante le Noghere. -il Castelliere di S. Barbara -l area di Muggia Vecchia con le suuccessive stratificazioni, -monte S. Michele Si può ipotizzare che i perimetri,così come rappresentati,siano passibili di variazioni. C é, comunque la certezza della presenza di altre zone interessate da presenze archeologiche, in parte conosciute e descritte nella Carta Archeologica del Friuli- Venezia Giulia edita dal Dipartimento di Scienze dell Antichità dell Università di Trieste ed in parte ancora sconosciute. Tra questi siti si è ritenuto di porre particolare attenzione all area, a mare, di Punta Sottile. Su questa zona è prevista la costruzione di una Marina con i relativi servizi che, così come ora è prevista, oscurerà per sempre la testimonianza archeologica. Poiché, per altro, la localizzazione di questa non è precisa, viene ricordata in cartografia con un asterisco (tav.p9 e tav.p14). 2.6 Ambiti di valore testimoniale e degli insediamenti antichi La variante n 15 del P.R.G.C. individua quattro siti: 1) il centro storico di Muggia, 2) il centro storico minore di S. Barbara, 3) il nucleo di Muggia Vecchia, 4) la struttura, anche ora militare, del vecchio Lazzaretto. 24

25 Si approfondisce come segue la descrizione di questi siti di grande valore anche urbanistico poiché sono ancora abitati e funzionali alla vita del Comune. 1) Il centro storico primario di Muggia La città antica, chiusa entro le sue mura, sovrastata dal castello, stretta intorno al porto, generatrice ed ordinatrice di ogni successivo sviluppo racchiude i valori di posizione, di integrità urbanistica e un patrimonio storico-architettonico di eccellenza. La sensibilità alla tutela integrale ed alla valorizzazione della città antica sono patrimonio ormai ben consolidato della comunità muggesana, che ha provveduto, in questa prospettiva, a predisporre un Piano di Recupero già approvato. Resta, tuttavia, insoluto il problema del suo attraversamento da parte del traffico automobilistico, problema che ha trovato, in passato, un parziale ma insoddisfacente rimedio nella costruzione di una galleria, di sezione limitata ad un solo senso di marcia che, sottoppassando il monte sovrastante, collega il litorale a ovest con la via Roma. Ci piace riportare alcuni stralci dal bellissimo volume Istria Storia, Arte e Cultura con il gentile consenso dell autore sig.dario Alberi: Questa cittadina è l unico abitato istriano importante rimasto in territorio italiano dopo il trattato di Parigi del Probabilmente già in epoca romana, ma sicuramente nell Vlll secolo,qualche capanno di pescatori esisteva alla foce del torrente Fugnan. Dopo la pace romana, secoli di incertezza e di abbandono fecero si che la valletta si impaludasse ed appena dopo il Mille questa area venne recuperata. Da questo antico nucleo abitato ebbe origine la piccola città di Muggia. Per secoli la comunità fu composta da salinari e pescatori che, qualche volta, non disdegnavano la pirateria. Fu distrutta nel 568 dai Longobardi e nell 880 fu saccheggiata dai pirati narentani reduci da una scorreria ad Umago durante il XIX secolo, soppresse le saline, si incrementò l industria lapidaria. Muggia ebbe alternativamente amicizie ed inimicizie con i Veneziani, i Genovesi, i Triestini e i Capodistriani; fu occupata, mercanteggiata e permutata come un feudo ma restò sempre libero comune, con un suo consiglio e con una sua parlata nella quasi totalità del suo territorio, non si sentì parlare né tedesco né una lingua slava.. La città, pur non avendo origine romana, evidenzia una struttura da colonia militare 25

1. SINTESI DELLE OPERAZIONI SVOLTE Le direttive dell Amministrazione Comunale Lo schema di massima Il progetto definitivo 15

1. SINTESI DELLE OPERAZIONI SVOLTE Le direttive dell Amministrazione Comunale Lo schema di massima Il progetto definitivo 15 SOMMARIO Pag. 0. IL SENSO DEL PIANO, L APPROCCIO, IL METODO 1 0.1 Città e nuovo PRG 1 0.2 Verso una diversa natura del Piano Urbanistico 3 0.3 L approccio al Piano e il percorso metodologico e operativo

Dettagli

OGLIASTRA COMUNE DI TORTOLÌ PROVINCIA DELL OGLIASTRA BANDO PROGETTI DI QUALITÀ 2005/2006 MISURA 5.1 TORTOLÌ PORTA DELL OGLIASTRA

OGLIASTRA COMUNE DI TORTOLÌ PROVINCIA DELL OGLIASTRA BANDO PROGETTI DI QUALITÀ 2005/2006 MISURA 5.1 TORTOLÌ PORTA DELL OGLIASTRA COMUNE DI TORTOLÌ PROVINCIA DELL OGLIASTRA BANDO PROGETTI DI QUALITÀ 2005/2006 MISURA 5.1 OGLIASTRA QUADRO TERRITORIALE URBANO DI RIFERIMENTO CONTESTO URBANO E STRATEGICO DEL PROGETTO PLANIMETRIE GENERALI

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comune di San Giuliano Terme Provincia di Pisa Piano Regolatore Generale Regolamento Urbanistico ADEGUAMENTO AL 31 DICEMBRE 2009 - Piano Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell Ente Variante al Regolamento

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna Accordo Territoriale relativo agli assetti territoriali, urbanistici, infrastrutturali della Nuova Stazione Ferroviaria di Bologna ai sensi dell art. 15. L.R. 20/2000 Bologna, 18 Luglio 2006 Obiettivi

Dettagli

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE DI GENOVA

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE DI GENOVA ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA PERCORSI DEFINITI DAL VERDE SEQUENZA GIOCHI D ACQUA E RIQUALIFICAZIONE DEL PARCO DI PONENTE NUOVO SPAZIO PER RIVITALIZZAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO PER IL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA

NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO PER IL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA 1 NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO PER IL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA ADEGUATE ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELL ABRUZZO, N.122/2 IN DATA 30 DICEMBRE 2008, DI APPROVAZIONE DEL PIANO TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI OLBIA Provincia di Sassari RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI OLBIA Provincia di Sassari RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI OLBIA Provincia di Sassari RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 RELAZIONE A seguito delle recenti sentenze del TAR che hanno annullato il PDF approvato con decreto Regionale 1150/u del 17.7.87 e ogni altro

Dettagli

Capo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto

Capo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto Regolamento recante istruzioni tecniche per la redazione degli strumenti della pianificazione provinciale e comunale in materia di cave e torbiere, di recupero di cave dimesse o in abbandono e di riutilizzo

Dettagli

Valutazione Ambientale. Sanremo. Criticità ambientali e obiettivi. Arch. Andrea Cavaliere

Valutazione Ambientale. Sanremo. Criticità ambientali e obiettivi. Arch. Andrea Cavaliere Valutazione Ambientale preliminare del PUC di Sanremo Criticità ambientali e obiettivi Arch. Andrea Cavaliere Sanremo, Palafiori 2 marzo 2011 VAS VAS Procedura finalizzata a integrare le considerazioni

Dettagli

Consumo di suolo agricolo e degli spazi liberi

Consumo di suolo agricolo e degli spazi liberi Quadro d unione della Variante Generale al Piano regolatore di Palermo LE CONDIZIONI DI CONTESTO NEGLI ANNI NOVANTA Sub-urbanizzazione Sviluppo edilizio caotico e disorganico Consumo di suolo agricolo

Dettagli

FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI (art. 14. C.1. punto 2, L.R. 56/77) VAIE (TO)

FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI (art. 14. C.1. punto 2, L.R. 56/77) VAIE (TO) FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI (art. 14. C.1. punto 2, L.R. 56/77) COMUNE DI LOCALIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VAIE (TO) LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA provincia di

Dettagli

di pavimento residenziale (Slpr)

di pavimento residenziale (Slpr) Scheda n.4 «S. Andrea» SUB AMBITI 1. Descrizione L estensione complessiva dell ambito è di 51 ha, e interessa l area compresa tra le ultime abitazioni del quartiere Pescara, fin quasi al confine comunale

Dettagli

PERCORSI ED ITINERARI CICLOTURISTICI PERCORSI ED ITINERARI CICLOTURISTICI NELL'ASTER PROGETTO PRELIMINARE ASTER. Comuni dell'aster

PERCORSI ED ITINERARI CICLOTURISTICI PERCORSI ED ITINERARI CICLOTURISTICI NELL'ASTER PROGETTO PRELIMINARE ASTER. Comuni dell'aster PERCORSI ED ITINERARI CICLOTURISTICI NELL'ASTER 04 25.03.2013 emesso PB RDM AGA Comune: Provincia: Regione: Settore: ARCHITETTONICO Elaborato: Comuni dell'aster Committente: Livello di progettazione: Titolo:

Dettagli

Comune di Groscavallo

Comune di Groscavallo PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE Comune di Groscavallo Variante Strutturale Generale RIELABORAZIONE art.15 c.15 della L.R. 56/77 progetto preliminare Rapporto Ambientale: piano di monitoraggio ambientale

Dettagli

1 - ILLUSTRAZIONE DELLE RAGIONI DELLA SCELTA DEL SITO E DELLA SOLUZIONE PROGETTUALE PROPOSTA

1 - ILLUSTRAZIONE DELLE RAGIONI DELLA SCELTA DEL SITO E DELLA SOLUZIONE PROGETTUALE PROPOSTA La presente relazione illustra la proposta per la realizzazione di un Centro Residenziale di Cure Palliative Hospice di iniziativa privata, da localizzare nel territorio comunale di Campli, in località

Dettagli

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità»

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Le fasi di formazione della pianificazione comunale Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Piano regolatore del nucleo urbano esistente; piano regolatore di ampliamento; norme per l

Dettagli

TITOLO I - NORME GENERALI

TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO I - NORME GENERALI - CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 - Natura, scopi, contenuti e riferimenti del PRG pag. 1 Art. 2 - Modalità generali di attuazione, piani attuativi pag. 1 Art. 3 - Effetti e cogenza

Dettagli

ROSOLINA 2030 UN PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO SOSTENIBILE ATTRAVERSO LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI LOCALI

ROSOLINA 2030 UN PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO SOSTENIBILE ATTRAVERSO LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI LOCALI ROSOLINA 2030 UN PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO SOSTENIBILE ATTRAVERSO LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI LOCALI Responsabile scientifico: prof. Francesco Musco Coordinamento:

Dettagli

Comune di Cento FE PROGETTAZIONE PRELIMINARE - NUOVA PALESTRA SCOLASTICA A BEVILACQUA INDICE GENERALE

Comune di Cento FE PROGETTAZIONE PRELIMINARE - NUOVA PALESTRA SCOLASTICA A BEVILACQUA INDICE GENERALE INDICE GENERALE 1. PREMESSA...2 2. INDIVIDUAZIONE E LOCALIZZAZIONE DELL OPERA...2 3. RAGIONI DELLA SCELTA DEL SITO...4 4. VERIFICA COMPATIBILITÀ URBANISTICA E VINCOLI...6 5. NORME DI SETTORE...8 6. CONCLUSIONI...8

Dettagli

2010-2015. Piano Operativo Comunale POCRUE PSC. Comune di Ravenna Area Pianificazione Territoriale

2010-2015. Piano Operativo Comunale POCRUE PSC. Comune di Ravenna Area Pianificazione Territoriale Elaborato prescrittivo POC.4c 2010-2015 PRG 2003 PSC POC POCRUE POC.4c Città di nuovo impianto Integrazione alla Scheda M02 relativa all Avamporto di Porto Corsini per la realizzazione di servizi alla

Dettagli

Possibilità di adeguamento rete stradale di 1 e 2 livello Capillare infrastrutturazione viaria del territorio POTENZIALITA

Possibilità di adeguamento rete stradale di 1 e 2 livello Capillare infrastrutturazione viaria del territorio POTENZIALITA POTENZIALITA Possibilità di adeguamento rete stradale di 1 e 2 livello Capillare infrastrutturazione viaria del territorio Scarsa efficienza sistema interconnessioni (tra rete stradale locale e nodi grande

Dettagli

Questionario di Consultazione Cittadini Preliminare di Piano. Questionario cittadini Q.2

Questionario di Consultazione Cittadini Preliminare di Piano. Questionario cittadini Q.2 Questionario di Consultazione Cittadini Preliminare di Piano Questionario cittadini Q.2 PROVINCIA DI SALERNO CONSULTAZIONE PUBBLICA DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE L Amministrazione Comunale di Vibonati,

Dettagli

TITOLO I - NORME GENERALI

TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO I - NORME GENERALI - CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 - Natura, scopi, contenuti e riferimenti del PRG pag. 1 Art. 2 - Modalità generali di attuazione, piani attuativi pag. 1 Art. 3 - Effetti e cogenza

Dettagli

Relazione di conformità alle previsioni in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica

Relazione di conformità alle previsioni in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica Relazione di conformità alle previsioni in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica Pianificazione territoriale e di area vasta. La Regione Calabria si è dotata di un primo strumento di pianificazione

Dettagli

APPROCCIO ALLA REDAZIONE DEL PROGETTO STRADALE

APPROCCIO ALLA REDAZIONE DEL PROGETTO STRADALE APPROCCIO ALLA REDAZIONE DEL PROGETTO STRADALE Riepilogo Esistono normative alle quali fare riferimento durante lo sviluppo del progetto stradale; La progettazione stradale va considerata come un intervento

Dettagli

VARIANTE NON SOSTANZIALE AL P.R.G.

VARIANTE NON SOSTANZIALE AL P.R.G. ADOZIONE: deliberazione G.C. n. del APPROVAZIONE: deliberazione G.C. n. del Allegato A) VARIANTE NON SOSTANZIALE AL P.R.G. RELATIVA ALLA MODIFICA NORMATIVA DELLA SCHEDA PROGETTO 2 AREA VETRERIA DA ASSOGGETTARE

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI SPAZI APERTI

CENSIMENTO DEGLI SPAZI APERTI Riqualificazione paesistico ambientale della Cascina Cappuccina NOME SPAZIO APERTO Area A COMUNE AREA (ha) 8,44 PERIMETRO (metri) PROPRIETÀ DELL AREA DATA RILIEVO RILIEVO EFFETTUATO DA Melegnano 1606 Privata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E URBANISTICA

RELAZIONE TECNICA E URBANISTICA DIREZIONE SERVIZI TECNICI VARIANTE PARZIALE AL P.G.T. N. 7 MODIFICA DEL PIANO DEI SERVIZI E DEL PIANO DELLE REGOLE PER: INSERIMENTO DEL NUOVO TRACCIATO DELLA STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA DEL BOSCO E

Dettagli

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1 Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano Indice Aree di trasformazione di interesse pubblico...3 TRP Area per la localizzazione di servizi per l istruzione...4 TRP - Nuova area a servizi tecnologici

Dettagli

Relazione tecnica-illustrativa

Relazione tecnica-illustrativa Relazione tecnica-illustrativa Inquadramento territoriale: il PGT Vigente L attuale PGT Vigente prevede la realizzazione di un sistema di piste ciclopedonali facendo proprio lo studio BICIPLAN del Coordinamento

Dettagli

PROGETTO STRADALE PROGETTO PRELIMINARE PROGETTO DEFINITIVO PROGETTO ESECUTIVO

PROGETTO STRADALE PROGETTO PRELIMINARE PROGETTO DEFINITIVO PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO STRADALE PROGETTO PRELIMINARE PROGETTO DEFINITIVO PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO PRELIMINARE Deve consentire l individuazione a scala territoriale della più opportuna soluzione viaria in grado di

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROSITA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROSITA DEGLI INTERVENTI EDILIZI CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROTA DEGLI INTERVENTI EDILIZI La presente circolare vuole effettuare una sintesi delle norme vigenti, al fine di rendere più chiare le modalità per il calcolo del

Dettagli

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa Allegato G Regione Campania Programma Operativo FESR 20072013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa SCHEDA DI SINTESI INTERVENTI AUTORITÀ CITTADINA DI ERCOLANO Lavori di Riqualificazione

Dettagli

ALL Comune di SAN BIAGIO DI CALLALTA Provincia di Treviso. Codice. Elaborato. Progettazione TEPCO s.r.l. Amministrazione comunale

ALL Comune di SAN BIAGIO DI CALLALTA Provincia di Treviso. Codice. Elaborato. Progettazione TEPCO s.r.l. Amministrazione comunale Comune di SAN BIAGIO DI CALLALTA Provincia di Treviso ALL. 1 Elaborato - - - Codice Relazione Tecnico-Illustrativa Individuazione del "Centro Urbano" ai sensi dell'art. 3, comma 1, lett.m) della Legge

Dettagli

Lettura del territorio, uso del suolo e prospettive di sviluppo nel governo del territorio locale

Lettura del territorio, uso del suolo e prospettive di sviluppo nel governo del territorio locale Lettura del territorio, uso del suolo e prospettive di sviluppo nel governo del territorio locale Franco Sacchi, direttore Centro Studi PIM Presentazione del III report sul mercato degli immobili d impresa:

Dettagli

Classificazione acustica del Comune di Milano 23 Luglio 2013

Classificazione acustica del Comune di Milano 23 Luglio 2013 Classificazione acustica del Comune di Milano 23 Luglio 2013 Settore Politiche Ambientali Piano di Azzonamento Acustico Classifica il territorio in zone acustiche omogenee, assegnando ad ogni porzione

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli Realizzazione di una bretella autostradale in località Petacciato tra il Km 461+938 e il Km 463+576 (viadotti Cacchione

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po

PGT del Comune di Verrua Po SCHEDA SP_01_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT CLASSI DI SENSIBILITÀ PAESAGGISTICA INDICE 1. CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO IN RELAZIONE ALLA SENSIBILITÀ PAESISTICA.... 2 2. ARTICOLAZIONE

Dettagli

Numero localizzazione Via del Rio. Estratto della carta di Fattibilità Geologica:

Numero localizzazione Via del Rio. Estratto della carta di Fattibilità Geologica: Comune di ROÉ VOLCIANO provincia di Brescia VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA alla VAS della VARIANTE al Piano dei Servizi e al Piano delle Regole del PGT RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE Numero localizzazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale REGIONE TOSCANA Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE TERRITORIALI ED AMBIENTALI E PER LA MOBILITA Settore Pianificazione del territorio Oggetto: Comune di San Vincenzo (Li) - Adozione di

Dettagli

COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Città Metropolitana di Milano OSSERVAZIONI IN MERITO AGLI ELABORATI RELATIVI AL PROGETTO DEFINITIVO

COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Città Metropolitana di Milano OSSERVAZIONI IN MERITO AGLI ELABORATI RELATIVI AL PROGETTO DEFINITIVO COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Città Metropolitana di Milano OSSERVAZIONI IN MERITO AGLI ELABORATI RELATIVI AL PROGETTO DEFINITIVO DELL AMPLIAMENTO ALLA 4A CORSIA AUTOSTRADA A1, TRATTA MILANO SUD-LODI.

Dettagli

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Regione Piemonte S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Art. 14, 1 comma, lettera 2c, della Legge Regionale n.56/77 e s.m.i. COMUNE DI ALBA Localizzazione amministrativa Localizzazione

Dettagli

RELAZIONE e COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE di URBANIZZAZIONE

RELAZIONE e COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE di URBANIZZAZIONE COMUNE di LAGNASCO PROVINCIA di CUNEO PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO Via XXV Aprile f. 14 mappali 725, 726, 728, 729, 752, 753, 754, 755, 756, 757, 758 e 759 Area RES3 del P.R.G. vigente RELAZIONE e COMPUTO

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE DIREZIONE MUNICIPALITA LIDO PELLESTRINA Via S. Gallo 32/a 30126 Lido di Venezia tel. 041-2720511 fax 041-2720540 CODICE INTERVENTO 13065 C. I. 13065 MANUFATTI ADIBITI A STRUTTURE DI PERTINENZA ATTIVITA

Dettagli

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8 DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO Settore Pianificazione Urbanistica Attuativa e Strategica ATTO INTEGRATIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA, PROMOSSO DAL COMUNE DI MILANO, AI SENSI DELL ART. 34 D.LGS.

Dettagli

VARIANTE N. 8 Revisione dei vincoli

VARIANTE N. 8 Revisione dei vincoli REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CASTIONS DI STRADA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE N. 8 Revisione dei vincoli DOCUMENTO INTEGRATIVO Livio Comuzzi urbanista

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE Nucleo di edilizia ex abusiva da recuperare n. 13.8 Infernetto Via A. Lotti Area compresa fra: tenuta di Castel Porziano Via C. Colombo Via W. Ferrari - Via di Castel Porziano.

Dettagli

Pag. 1/5 Sessione 9 Febbraio 2000 * * * * * * * *

Pag. 1/5 Sessione 9 Febbraio 2000 * * * * * * * * Pag. 1/5 Sessione 9 Febbraio 2000 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE CLASSE 16/A: COSTRUZIONI, TECNOLOGIA DELLE COSTRUZIONI E DISEGNO TECNICO PROVA SCRITTO-GRAFICA Il candidato svolga, a scelta, uno dei seguenti

Dettagli

P. R. G. C. [ APPROVAZIONE D.G.R. 02/04/2007 N BUR 15/2007 ] VARIANTE STRUTTURALE N. 1 [ EX L.R. 1/2007 e s.m.i. ]

P. R. G. C. [ APPROVAZIONE D.G.R. 02/04/2007 N BUR 15/2007 ] VARIANTE STRUTTURALE N. 1 [ EX L.R. 1/2007 e s.m.i. ] COMUNE DI VEZZA D ALBA REGIONE PIEMONTE P. R. G. C. [ APPROVAZIONE D.G.R. 02/04/2007 N. 26-5621 BUR 15/2007 ] VARIANTE STRUTTURALE N. 1 [ EX L.R. 1/2007 e s.m.i. ] P R O G E T T O D E F I N I T I V O 1

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO. Provincia di Bergamo. Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola

COMUNE DI TREVIOLO. Provincia di Bergamo. Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola COMUNE DI TREVIOLO Provincia di Bergamo Oggetto: Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola RELAZIONE MOTIVATA AI FINI DELL'ESCLUSIONE DALLA PROCEDURA

Dettagli

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES maggio 2011 PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante octies al Piano di

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE DEL WATERFRONT DI ROMA

LA RIQUALIFICAZIONE DEL WATERFRONT DI ROMA LA RIQUALIFICAZIONE DEL WATERFRONT DI ROMA Intervento del Sindaco di Roma Capitale, Gianni Alemanno Ostia 15 Luglio 2011 LA NUOVA VISIONE DEL FUTURO DI OSTIA Il progetto del Waterfront di Roma segna un

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO ARCHITETTONICO EX CARCERE DI SANT AGATA EX CONVENTO DEL CARMINE

VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO ARCHITETTONICO EX CARCERE DI SANT AGATA EX CONVENTO DEL CARMINE VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO ARCHITETTONICO EX CARCERE DI SANT AGATA EX CONVENTO DEL CARMINE Documento di sintesi delle previsioni urbanistiche vigenti (allegato allo Schema di avviso pubblico per la chiamata

Dettagli

Piano della città pubblica

Piano della città pubblica La Legge Regionale n 12/2005 Legge per il governo del territorio. I temi e le esperienze Politecnico di Milano Polo Regionale di Mantova Aula Magna - Via Scarsellini, 15 Mantova 30 novembre 2006 Studi

Dettagli

COMUNE DI FLAIBANO. PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 15 - GENERALE

COMUNE DI FLAIBANO. PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 15 - GENERALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 1a Data: 27/10/2014 COMUNE DI FLAIBANO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 15 - GENERALE L.R.5/2007 e s.m.i. RICOGNIZIONE

Dettagli

Azzonamento del PRG CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA DEL PRG

Azzonamento del PRG CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA DEL PRG PTCP: Calcolo della superficie urbanizzabile Ciò si traduce in una facoltà massima di prevedere 6,09 HA di nuove aree di espansione (Superficie Ammissibile delle Espansioni). Azzonamento del PRG CALCOLO

Dettagli

AGGIORNAMENTO ALLEGATI CARTOGRAFICI

AGGIORNAMENTO ALLEGATI CARTOGRAFICI REGIONE SICILIANA COMUNE DI SAN MAURO CASTELVERDE STUDIO ECOLOGICO TERRITORIALE A SUPPORTO DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA AMBIENTALE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI SAN MAURO CASTELVERDE

Dettagli

La pianificazione urbanistica in Toscana: Il Piano di indirizzo territoriale PIT

La pianificazione urbanistica in Toscana: Il Piano di indirizzo territoriale PIT Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I La pianificazione urbanistica in Toscana: Il Piano di indirizzo

Dettagli

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA 10% utilizzo urbano di suolo (2.280 km 2 ) 23% dispersione urbanistica (Insediamenti situati al di fuori di contesti urbani) Previsti 250 km 2 di espansione urbanistica DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE

Dettagli

PIANO PEREQUATO N. 3 VIA ARIOSTO VIA BOIARDO

PIANO PEREQUATO N. 3 VIA ARIOSTO VIA BOIARDO PIANO PEREQUATO N. 3 VIA ARIOSTO VIA BOIARDO Via Ariosto PER 3 Via Boiardo Via Meucci Selvazzano che cresce La redazione del progetto La redazione di un progetto urbanistico comporta un attenta analisi

Dettagli

COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO PROVINCIA DI LATINA P.za Lanzuisi. - 04017 San Felice Circeo (LT) Tel. 0773/5221 - Fax 0773/546043 SCHEDA OSSERVAZIONI n. 33 Oggetto: IPOTESI DI ZONIZZAZIONE TEMATICA SVILUPPATA

Dettagli

COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI

COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Adottato con D.C. n 79 del 29-09-2003 - Approvato con D.C. n 30 del 31-03-2005 PIANO STRUTTURALE COMUNALE psc COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI Gombio Villaberza Felina CASTELNOVO

Dettagli

21) FLAVIO ANDO (chalet)

21) FLAVIO ANDO (chalet) 21) FLAVIO ANDO (chalet) QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7 Clima acustico

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

CITTA di MONZA PROGRAMMA INTEGRATO di INTERVENTO

CITTA di MONZA PROGRAMMA INTEGRATO di INTERVENTO CITTA di MONZA PROGRAMMA INTEGRATO di INTERVENTO Società S.A.I.O.M. S.r.l. Via Guerrazzi n. 21/ 25 - Monza Documento d'inquadramento Ambito di riqualificazione urbana N. 16 Relazione tecnica sul sistema

Dettagli

COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Prov. di Pordenone

COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Prov. di Pordenone Regione Friuli Venezia-Giulia COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Prov. di Pordenone VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 12 RELAZIONE MODIFICHE ZONIZZAZIONE PRGC VIGENTE ZONIZZAZIONE

Dettagli

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1 P T C P PROVINCIA DI FORLI'-CESENA VARIANTE SPECIFICA AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ai sensi dell'art27 bis LR20/2000 e ssmmii Approvato con delibera CP n68886/146 del 14/09/2006 Integrato

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI REGOLAMENTO URBANISTICO. SOTTOSISTEMA DELLA MOBILITÀ (relazione descrittiva)

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI REGOLAMENTO URBANISTICO. SOTTOSISTEMA DELLA MOBILITÀ (relazione descrittiva) COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI REGOLAMENTO URBANISTICO SOTTOSISTEMA DELLA MOBILITÀ (relazione descrittiva) 1 La continuità con il Piano Strutturale Il Regolamento Urbanistico, quale atto di governo mediante

Dettagli

Intervento Intervento Il Mulino Data Settembre Indirizzo Via Mulino Destinazione 1 Commerciale-Direzionale

Intervento Intervento Il Mulino Data Settembre Indirizzo Via Mulino Destinazione 1 Commerciale-Direzionale Intervento Intervento Il Mulino Data Settembre 2015 Indirizzo Via Mulino Destinazione 1 Commerciale-Direzionale Indirizzo 42013- Veggia-Casalgrande (RE) Italy Destinazione 2 Residenziale 1 Indice -Localizzazione

Dettagli

COMUNE DI RENDE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

COMUNE DI RENDE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI RENDE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Relazione Illustrativa Norme in deroga all art. 23 del nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D. Lgs.

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 1 ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI - LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Art.

Dettagli

4) Il progetto di ampliamento degli insediamenti presenti in tessuti urbani consolidati dovrà dimostrare:

4) Il progetto di ampliamento degli insediamenti presenti in tessuti urbani consolidati dovrà dimostrare: PRONTUARIO DI ATTENZIONE AMBIENTALE Art. 35 - NORME GENERALI PER IL DISEGNO URBANO Tale P.A.A. costituisce elemento di guida, ove non vi sia presenza di elementi caratterizzanti diversi, per un corretto

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI

COMUNE DI FORTE DEI MARMI COMUNE DI FORTE DEI MARMI DISCIPLINA DELLA ALLEGATO 10 Disciplina della Distribuzione e localizzazione delle Funzioni ILLUSTRATIVA (ai sensi art. 109 LR 65/2014) settembre 2015 PREMESSA: La presente disciplina,

Dettagli

Misura M07 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali (art.20)

Misura M07 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali (art.20) Misura M7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali (art.2) Sottomisura 7.6 - Sostegno per studi/investimenti relativi alla manutenzione, al restauro e alla riqualificazione del patrimonio

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI (Art.14, 1 comma, lettera 2c della Legge Regionale

Dettagli

10 AMBITO PROGETTUALE AEROPORTO. Lavorare in team. Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana:

10 AMBITO PROGETTUALE AEROPORTO. Lavorare in team. Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: 10 AMBITO PROGETTUALE AEROPORTO Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in team. Il team

Dettagli

GALLIPOLI. Problemi / Quesiti

GALLIPOLI. Problemi / Quesiti GALLIPOLI Tipo di piano urbanistico PRG Cartografia di riferimento Cartografia di riferimento: cartografia vettoriale georeferenziata fornita dall UT del Comune di Gallipoli Formato file.shp (shapefile)

Dettagli

UTOE 7 Cisanello Parco Centrale S.N. 7.5

UTOE 7 Cisanello Parco Centrale S.N. 7.5 UTOE 7 Cisanello Parco Centrale S.N. 7.5 QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione dell area... 2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e

Dettagli

I Piani della Ricostruzione

I Piani della Ricostruzione Servizio Pianificazione Urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio I Piani della Ricostruzione SAIE 2014 Bologna, 23/10/2014 ing. Barbara Nerozzi Le politiche per la ricostruzione In poco

Dettagli

Proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale

Proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale C I T T A D I C A M P O B A S S O N. 46 Proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale DA SOTTOPORRE ALL ESAME NELLA RIUNIONE del alle ore OGGETTO: Legge Regionale n 7 del 14/04/2015 art. 18 comma 3

Dettagli

Luglio Settore Urbanistica Servizio Governo del Territorio

Luglio Settore Urbanistica Servizio Governo del Territorio Luglio 2009 Settore Urbanistica Servizio Governo del Territorio PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DOCUMENTO DI PIANO ALLEGATO A Il contesto socio-economico e territoriale del nord Milano. Le indicazioni

Dettagli

Comune di Pisa Assessorato all Urbanistica Direzione Pianificazione Urbanistica d Area PIANO DI RIQUALIFICAZIONE DEL LUNGOMARE DI MARINA DI PISA

Comune di Pisa Assessorato all Urbanistica Direzione Pianificazione Urbanistica d Area PIANO DI RIQUALIFICAZIONE DEL LUNGOMARE DI MARINA DI PISA Comune di Pisa Assessorato all Urbanistica Direzione Pianificazione Urbanistica d Area PIANO DI RIQUALIFICAZIONE DEL LUNGOMARE DI MARINA DI PISA FIN DAL 2001 IL REGOLAMENTO URBANISTICO HA INDIVIDUATO IL

Dettagli

REM (Rete Ecologica Marche) Attuazione macroprogetto Parco del Conero_07 marzo arch. Roberta Caprodossi arch. Massimo Spigarelli

REM (Rete Ecologica Marche) Attuazione macroprogetto Parco del Conero_07 marzo arch. Roberta Caprodossi arch. Massimo Spigarelli REM (Rete Ecologica Marche) Attuazione macroprogetto Parco del Conero_07 marzo 2013 Visione guida alcune linee strategiche Rappresentazione ideogrammatica degli interventi strategici proposti in

Dettagli

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N 227 DEL 01/12/2009

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema (Casa Collettiva) Il

Dettagli

Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia. Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016

Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia. Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016 Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016 Una riforma amministrativa per le imprese In un epoca di rapidissimi cambiamenti che interessano la società,

Dettagli

VARIANTE AL PRIMO PIANO DEGLI INTERVENTI

VARIANTE AL PRIMO PIANO DEGLI INTERVENTI VARIANTE AL PRIMO PIANO DEGLI INTERVENTI Documento Programmatico Preliminare (LR 11/2004 artt. 17 e 18) PREMESSA 2 IL RUOLO DEI PRIVATI 2 LA VARIANTE AL PI 3 Gli obiettivi della Variante 3 Gli ambiti di

Dettagli

VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C ex art. 17bis comma 6 L.R. 56/77 s.m.i. e art. 19 d.p.r. 327/2001

VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C ex art. 17bis comma 6 L.R. 56/77 s.m.i. e art. 19 d.p.r. 327/2001 COMUNE DI BARDONECCHIA PROVINCIA DI TORINO PROGETTO DEFINITIVO REALIZZAZIONE PASSERELLA CICLO-PEDONALE SUL TORRENTE DORA IN CORRISPONDENZA DELLA FONTANA GIOLITTI VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C ex art. 17bis

Dettagli

Centralità locali. Municipio IV. IV.1 Settebagni. IV.2 Fidene. IV.3 Conca D Oro. IV.4 Talenti. IV.5 Castel Giubileo

Centralità locali. Municipio IV. IV.1 Settebagni. IV.2 Fidene. IV.3 Conca D Oro. IV.4 Talenti. IV.5 Castel Giubileo Centralità locali Municipio IV IV.1 Settebagni IV.2 Fidene IV.3 Conca D Oro IV.4 Talenti IV.5 Castel Giubileo Schemi di riferimento per le centralità locali IV/1 CENTRALITA LOCALE n IV-1: Settebagni Inquadramento

Dettagli

Piano di Governo del Territorio dei comuni di Sermide e Felonica. di Carlo Peraboni

Piano di Governo del Territorio dei comuni di Sermide e Felonica. di Carlo Peraboni L adeguamento del PTCP Piano di Governo del Territorio dei comuni di Sermide e Felonica di Carlo Peraboni 16 luglio 2009 2 L approvazione della Legge 12/05 ha rappresentato un importante momento di riflessione

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PROPOSTA DI NUOVO PIANO URBANISTICO ATTUATIVO CONFERMA DI PIANO URBANISTICO ATTUATIVO - GIÁ REGOLAMENTATO DAL REGOLAMENTO URBANISTICO - CONTRIBUTO TECNICO-NORMATIVO PROPOSTA NUOVA UTILIZZAZIONE IMMOBILE

Dettagli

Comune di GANDOSSO. Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio

Comune di GANDOSSO. Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio 1 Comune di GANDOSSO Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio 1 OBIETTIVI DELLA VARIANTE L Amministrazione Comunale di Gandosso, ha predisposto la presente Variante al PGT al fine di perseguire

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione B VARIANTE PARZIALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PARTE STRUTTURALE E OPERATIVA DEL COMUNE DI SAN GEMINI Norme Tecniche di Attuazione Progettisti: Ufficio Tecnico Comunale del Comune di San Gemini Arch.

Dettagli

PIANO ATTUATIVO A.T.R. n 4

PIANO ATTUATIVO A.T.R. n 4 COMUNE DI BONATE SOPRA - Provincia di BERGAMO PIANO ATTUATIVO A.T.R. n 4 Committente : AELLE S.R.L./PREVITALI GIUSEPPE Oggetto Allegato : Relazione Paesistica Marzo 2012 Allegato g PROGETTISTA : Dott.

Dettagli

PIANO D AREA DELL AEROPORTO G.D ANNUNZIO DI MONTICHIARI BS

PIANO D AREA DELL AEROPORTO G.D ANNUNZIO DI MONTICHIARI BS PIANO D AREA DELL AEROPORTO G.D ANNUNZIO DI MONTICHIARI BS La Provincia di Brescia si è dotata del proprio P.T.C.P. PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE approvato il 21/04/2004 con Delibera

Dettagli