Le nuove dipendenze Prof. Giampiero Cognigni A.A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le nuove dipendenze Prof. Giampiero Cognigni A.A. 2012-2013"

Transcript

1 Le nuove dipendenze Prof. Giampiero Cognigni A.A

2 Le nuove dipendenze Bibliografia: CARETTI Vincenzo, LA BARBERA Daniela, (ed.), Le nuove dipendenze: diagnosi e clinica, Roma, Carocci Editore, 2009; CARETTI Vincenzo, LA BARBERA Daniela, (ed.), Le dipendenze patologiche. Clinica e psicopatologia, Milano, Raffaello Cortina Editore, (la maggior parte delle slides sono citazioni dirette prese da questo testo). LUCCHINI Alfio, CICERONE Paola Emilia, Oltre l eccesso. Quando internet, shopping, sesso, sport, lavoro, gioco diventano dipendenza, Milano, Franco Angeli, PANI Roberto, BIOLCATI Roberta, Le dipendenze senza droga, Torino, UTET Universitaria, 2006.

3 La dipendenza patologica La ricerca di sostanze di comportamenti capaci di rendere più efficaci le prestazioni sia intellettuali che fisiche nasconde, da sempre, il sogno umano di realizzare il superamento dei limiti e dell'angoscia sperimentata nel corso delle fasi evolutive durante l'intero ciclo della vita. Questa ricerca non costituisce di per sé la precondizione delle forme di dipendenza patologica, alcune persone diventano però dipendenti da questa ricerca fino al punto di perdere la capacità di badare a se stesse e di non avere più una normale interazione dinamica con la realtà; in altre parole alcune persone diventano dipendenti secondo modalità che hanno una rilevanza sul piano clinico e sociale.

4 La dipendenza patologica La dipendenza patologica è una forma morbosa determinata dall'uso distorto di una sostanza, di un oggetto o di un comportamento; una specifica esperienza caratterizzata da un sentimento di incoercibilità e dal bisogno coatto di essere ripetuta con modalità compulsive; ovvero una condizione invasiva in cui sono presenti i fenomeni del craving, dell'assuefazione e dell'astinenza in relazione a un'abitudine incontrollabile e irrefrenabile che il soggetto non può allontanare da sé.

5 La dipendenza patologica ASTINENZA: è una condizione patologica, con eventi fisiologici e cognitivi concomitanti, che si verifica quando la concentrazione di una sostanza nel sangue declina. ASSUEFAZIONE O TOLLERANZA: corrisponde al bisogno di quantità sempre più elevate della sostanza per raggiungere l intossicazione o ad un effetto desiderato. La tolleranza presenta una forte variabilità individuale. CRAVING: è un insieme di sintomi psicopatologici che determinano un attrazione così forte verso alcune sostanze o esperienze appetibili da comportare la perdita del controllo e una serie di azioni obbligatorie tese alla soddisfazione del desiderio, anche in presenza di forti ostacoli o pericoli.

6 La dipendenza patologica Sebbene le dipendenze principali e maggiormente conosciute siano quelle inerenti alle droghe e all'alcol, esiste un gruppo di dipendenze legate a oggetti o comportamenti presenti nella vita di tutti i giorni che non hanno nulla a che fare con l'abuso di sostanze. La dipendenza da cibo, sesso, televisione, Internet e videogiochi, shopping compulsivo, gioco d'azzardo, lavoro eccessivo, cosi come la ricerca continua e incessante di esperienze sentimentali e di stati di innamoramento costituiscono un insieme eterogeneo che, nel suo complesso, può essere definito tossicomania oggettuale.

7 La dipendenza patologica Le droghe e i comportamenti di dipendenza hanno la capacità di provocare stati soggettivi di piacere e in certi casi di euforia, cioè alterazioni nello stato di coscienza ordinario, le quali forniscono la motivazione principale che alimenta il comportamento di dipendenza. Pertanto la dipendenza può scaturire da qualsiasi potente esperienza la cui sensorialità ha lo scopo di alleviare il dolore, l'ansia o altri stati emotivi negativi attraverso una diminuzione della coscienza o un innalzamento della soglia di sensibilità e, pertanto, tutte le esperienze efficaci nell'alleviare il dolore potranno inevitabilmente essere fonte di dipendenza.

8 La dipendenza patologica ASPETTI EVOLUTIVI-RELAZIONALI Al di là dell oggetto della dipendenza, comportamenti additivi sembrano tutti rappresentare un tentativo disfunzionale di contrastare l emergere incontrollato di vissuti infantili traumatici. Trascuratezza emotiva, abuso psicologico, fisico e sessuale, sono spesso esperienze escluse dalla coscienza ordinaria, ma che tendono a riemergere, innescando tutta una serie di operazioni che il soggetto mette in atto al fine di contrastarle, ritirandosi in stati mentali dissociati dal resto della coscienza, per mezzo di un oggetto-droga.

9 La dipendenza patologica Nello sviluppo psichico, i primissimi anni di vita sono di fondamentale importanza, perché decidono l imprinting relazionale della futura persona adulta. La relazione madre-figlio assume un rilievo vitale nello sviluppo psico-sociale del soggetto, poiché quest ultimo organizza e definisce i suoi modelli operativi interni di stampo cognitivo-affettivo.

10 La dipendenza patologica Più semplicemente, i genitori capace di sintonizzarsi affettivamente con il proprio figlio (prestano attenzione e capiscono le sue manifestazioni emotive), favoriscono nel bambino un adeguato sviluppo affettivo e cognitivo, generando un mondo relazionale in cui egli può sperimentare sé stesso come un essere che sente, pensa e desidera. Viceversa, i genitori anaffettivi, assenti, violenti che non riescono a sintonizzarsi affettivamente, inibiscono la capacità di rappresentare gli stati mentali propri e altrui, favorendo nel bambino l insorgenza di disturbi dello sviluppo e, in età adulta, attraverso la comparsa di condizioni psicopatologiche caratterizzate da una dimensione interiore di vuoto affettivo e cognitivo. Ciò rende più probabile il ricorso a forme di dipendenza patologica, come regolatore di stati affettivi.

11 La dipendenza patologica DIPENDENZA E DISSOCIAZIONE Non sempre la ricerca di sostanze o esperienze appetibili è dettata da una ricerca di piacere o di superamento dei limiti; sin dai primi anni 80 alcuni ricercatori affermavano che tale ricerca fosse l espressione di una volontà di creare un esperienza dissociativa transitoria che permettesse al soggetto di uscire temporaneamente dalla sua realtà, al fine di risolvere una condizione disagio persistente e percepirsi così in maniera positiva.

12 La dipendenza patologica Ogni atto dissociativo, non può essere visto come patologico o come origine di una dipendenza, ma va valutato in relazione ai fenomeni micro-macro dissociativi, situati lungo un continuum che va da la normale al patologico. La dissociazione è un meccanismo di difesa che protegge la coscienza da un eccesso di stimoli che causerebbe un angoscia intollerabile. Tuttavia, se utilizzata eccessivamente fino al punto di costruire una forma di dipendenza, porterebbe ad uno stato dissociativo patologico, in cui la parte scissa della coscienza si comporterà come un identità mentale indipendente dalla personalità globale e incontrollabile dalla coscienza ordinaria.

13 La dipendenza patologica Due esempi di dissociazione Roberta, una paziente sofferente di un disturbo da attacchi di panico con episodi di angoscia ripetuti e protratti che la costringevano in una situazione di vita piuttosto invalidante, raccontava così la sua forma di "autoterapia": "Vede, dottore, io in casa ho molti quadri che rappresentano paesaggi; sono tutti paesaggi molto belli, pieni di tranquillità. Io, allora, ogni tanto, immagino di essere come Mary Poppins e salto dentro al quadro. Improvvisamente l'angoscia si placa e per un po' di tempo non penso più a niente".

14 La dipendenza patologica Giovanni viveva una realtà familiare caratterizzata dalla presenza di una madre invasiva e anaffettiva e da un padre spesso assente, silenzioso e incline a improvvise esplosioni d'ira. In particolare, uno dei motivi che, più frequentemente, davano luogo a crisi e scenate, era la difficoltà di Giovanni nell'avere quella brillante carriera universitaria che i suoi genitori avevano preventivato per lui. Di fronte alle continue critiche della madre, Giovanni chinava il capo e accettava il rimprovero. Avrebbe dovuto studiare di più e meglio, questo si riprometteva ogni volta. La mamma, in fondo, aveva ragione. Entrava nella sua stanza animato da queste buone intenzioni e, in maniera del tutto inconsapevole, accendeva il computer. Il più delle volte, dopo alcune ore, le urla della madre o del padre lo strappavano da un videogioco rompicapo in cui, a suo parere, era immerso solo da pochi minuti.

15 La dipendenza patologica IL PIACERE TOSSICO Un altra possibile causa di insorgenza di una dipendenza patologica va ricercata nell orizzonte motivazionale. Occorre distinguere il bisogno dal desiderio. Il bisogno rinvia, solitamente alle necessità biologiche e all urgenza del soddisfacimento e all intollerabilità dell attesa. Il desiderio, al contrario si alimenta di attese; i pensieri e le relazioni possono nascere, vivere e svilupparsi, nello spazio-tempo dell'assenza dell'oggetto. La differenza tra bisogno e desiderio attiene, dunque, al vissuto degli oggetti nello spazio-tempo della loro assenza. Il bisogno si propone come correlato a una "cultura" dell'oggetto avvertito come necessario a riempire un vuoto.

16 La dipendenza patologica IL PIACERE TOSSICO Tali tratti riteniamo che accomunino, nella nostra cultura, sia comportamenti presunti normali che comportamenti tossicomanicamente patologici, fino a farne sbiadire frequentemente i confini. Alcune delle caratteristiche che contrassegnano la "cultura del bisogno", le ritroviamo all'interno di quel che semanticamente collochiamo nel termine "narcisismo".

17 La dipendenza patologica Narcisismo Oggi siamo immersi in una cultura di esplicita natura narcisistica; l affermazione sociale risente fortemente del potere attribuito all apparire e alla capacità di conquistare l apprezzamento o il consenso attraverso l uso di strategie seduttive. A tal motivo le patologie legate al narcisismo rischiano mimetizzarsi in atteggiamenti che sempre più vengono considerati normali, in quanto appartenenti alla cultura dominante.

18 La dipendenza patologica Il narcisismo ha origine nelle prime relazioni del bambino col mondo. Il neonato necessita di gratificazioni ai suoi bisogni primari perché tali gratificazioni possano supportare quella temporanea e illusionale onnipotenza narcisistica di cui ha bisogno per proteggere la sua fragilità originaria. Tuttavia, se nelle primissime fasi dello sviluppo, nello stato di maggiore dipendenza dell'infante dalle cure materne, l'ambiente non sostiene a dovere i bisogni del bambino e non ne contiene le angosce connesse allo stato di carenza di base e alla precarietà identitaria, questi svilupperà precocemente sentimenti di delusione di sfiducia e di ambivalenza nei confronti di un ambiente da cui dipende.

19 La dipendenza patologica I sentimenti di sfiducia, l inaffidabilità ambientale e il bisogno di riconoscimento costringono il soggetto a una ricerca compulsiva di oggetti gratificanti, quantitativamente estesi ma privi di identità e qualità. Il possesso di questi oggetti non risulta nutriente e il sentimento di vuoto che si genera anima ulteriormente il bisogno tossicomanico di sempre nuovi contatti e affermazioni; anzi l illusorietà dell onnipotenza, che accompagna l acquisizione di nuovi oggetti, di nuove autoaffermazioni, conduce inevitabilmente a nuove delusioni e a nuovi fallimenti, alimentando un circolo vizioso, la dipendenza appunto.

20

21 Le dipendenze tecnologiche sono tutte quelle dipendenze legate ad un eccessiva interazione tra l uomo e la macchina. Nelle dipendenze da tecnologia vengono incluse una serie di attività, come guardare la TV, usare il computer, internet, giocare ai videogiochi, usare il cellulare.

22 I quadri diagnostici delle dipendenze tecnologiche risultano ancora controversi. L area dei fenomeni psicopatologici, delle condotte additive e disfunzionali e delle condizioni di abuso e dipendenza dalle nuove tecnologie è stata indicata con la denominazione di tech abuse.

23 Questi quadri si caratterizzano per un sovrainvestimento e/o un utilizzazione eccessiva e compulsiva di tecnologie mediatiche che comportano conseguenze negative nel funzionamento di vita quotidiana, come scadimento della performance lavorativa o scolastica, problemi familiari e relazionali, modificazioni disfunzionali dello stile di vita fino a situazioni di chiusura e isolamento pressocché totale dai rapporti esterni.

24 Alessandro è un ragazzino di 12 anni ricoverato nel reparto di pediatria di un ospedale cittadino per un quadro sintomatologico caratterizzato da nausea, vomito, cefalea; gli episodi sono insorti già dia diverse settimane. In presenza di un obiettività clinica negativa, gli viene programmata tutta una serie di indagini strumentali di tipo neurologico; ma una notte in reparto, verso le due, si alza per andare a chiedere agli infermieri di turno una pillola per dormire, affermando di aver visto la mamma di un bambino trasformarsi in un personaggio orrendo, e che esperienze simili gli si presentano frequentemente da diverse notti. Gli infermieri allarmati ne parlano con i medici. Ne emerge alla fine una storia di estrema di tech abuse. Dall età di 6 anni Alessandro dedica buona parte del suo tempo alla Play Station, fino a trascorvervi tutte le sue ore libere, contraendo in misura crescente l attività legata allo studio. Il sabato e la domenica il discorso non cambia, con la

25 differenza che in questi giorni anche il padre si dedica a tale attività. Anche il genitore sembra condividere lo stesso tipo di passione fanatica per i giochi elettronici. Il ragazzo da diversi mesi presenta un insonnia grave, la notte la madre gli prepara una camomilla e poi va a dormire, ma egli spesso la vomita, poi si alza dal letto e si connette di nuovo alla Play Station per un numero indefinito di ore. A scuola va male, egli stesso riferisce che durante le lezioni molto spesso si ritrova a fantasticare con i personaggi dei videogiochi e a cercare sistemi per passare ai livelli successivi dei giochi. La sua mente sembra completamente invasa dalle storie della Play Station e dalle strategie per migliorare sempre più le proprie performance.

26 Internet addiction disorder Ivan Goldberg - il primo a spiegare l internet addiction nel 1995 parlava di un modello maladattivo di uso della Rete che comportava tolleranza e astinenza e una serie di conseguenze negative dal punto di vista psicologico, familiare, sociale e lavorativo. Il soggetto internet-dipendente aumenterebbe progressivamente la quantità di tempo trascorso in Rete, con collegamenti sempre più frequenti e prolungati rispetto alle intenzioni, fino alla comparsa dei tre elementi che caratterizzano la dipendenza patologica.

27 Chi soffre della dipendenza da internet non frequenta la rete per necessità o per svago, ma risponde ad un impulso irrefrenabile e soprattutto incontenibile (craving) che lo spinge ad usare internet per il maggior tempo possibile, con l inevitabile compromissione dell adattamento sociale, lavorativo o scolastico. Una caratteristica fondamentale di questo tipo di dipendenza è la durata interminabile del collegamento, mentre le altre attività, nonché relazioni interpersonali e l investimento affettivo tendono a scomparire dal panorama quotidiano dell internet-dipendente.

28 I campanelli d allarme u u u u u La persona all inizio sente il bisogno di aumentare il tempo trascorso in rete; Vengono superate le 6/8 ore di collegamento giornaliero, limite critico per evitare lo sviluppo della sindrome; In seguito si registra la consapevolezza di non riuscire a sospendere o quanto meno ridurre l uso di Internet; Prosegue l utilizzo dello strumento internet anche a danno di attività programmate di vita sociale e familiare; Sviluppo, dopo la sospensione o diminuzione dell uso della rete, di agitazione psicomotoria, ansia, depressione, pensieri ossessivi su cosa accade on-line, sintomi di astinenza.

29 M., 22 anni, universitario, domiciliato a Latina, nel test ha ottenuto un punteggio di 122/125; dall anamnesi non sono emersi problemi psicopatologici rilevanti; M. più passava il tempo più aumentava progressivamente le ore passate on-line; diceva di essere ossessionato dai download; per accelerare tale processo, era dovuto ricorrere ad un cambio di abbonamento, passando da una normale linea 56K, ad una velocissima ADSL; tale passaggio comportava dei costi abbastanza proibitivi, che era riuscito a sostenere evitando l acquisto di libri di testo, fondamentali per proseguire nei suoi studi accademici; causa scatenante i suoi disturbi probabilmente è stata l annunciata chiusura del suo programma preferito per lo scambio di file multimediali. Marco è rimasto 36 ore senza mai staccare, per cercare di sfruttare al meglio il tempo rimasto fino alla chiusura del famigerato sito. Superate le 36 ore, si sono verificati nel soggetto in questione, tremori, sudorazione profusa, tachicardia, prosopoagnosia. Tali disturbi sono regrediti spontaneamente in un periodo di 48 ore. Oltre a questa sintomatologia eclatante, Marco riferiva alcuni deficit relazionali che

30 erano sempre facilmente riconducibili all uso del computer (era stato lasciato dalla ragazza, si sentiva ignorato da gran parte dei suoi amici e non comprendeva il perché). G. ha attualmente 23 anni, da sei ha abbandonato gli studi in conseguenza di un episodio psicotico che lo ha costretto ad un ricovero obbligatorio durato più di due settimane in rapporto ad alterazioni del corso del pensiero a carattere delirante e grave alterazione del proprio vissuto corporeo: sente di essere diventato fisicamente come sua madre alla quale ha sempre assomigliato di carattere. Dopo il ricovero M. viene da me seguito da uno psichiatra per la terapia farmacologica e da me per colloqui individuali associati a incontri di terapia familiare. Segue un nuovo peggioramento della sintomatologia clinica che lo porta a rimanere sempre più chiuso in casa; isolato anche dagli ultimi amici, inizia a collegarsi ad Internet. M. inizia a modificare tutti i suoi orari di vita, rimane alzato tutta la notte per rimanere connesso e va a dormire alle 6/7 del mattino quando gli altri famigliari si alzano.

31 Dipendenza da gioco d azzardo Il termine "giochi d'azzardo" indica tutti quei giochi il cui risultato finale è determinato dal caso. Possiamo anche distinguere tra giochi "dentro ai casinò" e "fuori dai casinò". Alla prima categoria appartengono la roulette, il baccarat, lo chemin de fer, ecc., alla seconda le scommesse sulle corse dei cavalli e dei cani, le scommesse sportive, il lotto, il totocalcio, il totogol, il superenalotto, tutti i tipi di lotteria incluse quelle istantanee (gratta e vinci), la tombola, i giochi di carte e di dadi.

32 Il gioco d'azzardo è un "rifugio della mente : un'occasione per costruire una realtà parallela e alternativa alla realtà quotidiana; un luogo mentale, ma anche un luogo dalle precise dimensioni spaziotemporali, cui si ricorre per sentirsi libero dai vincoli della vita quotidiana, dalle fatiche, dai principi di realtà, per convivere meglio, poi, con tutto questo. La scommessa è la possibilità di inventare il proprio futuro, lo spazio immaginario in cui poter creare il mondo che si desidera. Tuttavia, l'esperienza ludica è, a volte, talmente coinvolgente da no: avere nulla in comune con un'oasi di gioia: il gioco d'azzardo trova la propria metafora anche nel baratro in cui si precipita, perché da magico può diventare "demoniaco", con preoccupanti costi individuali e sociali.

33 Il gioco d azzardo patologico (GAP) nel DSM IV TR Nel DSM IV troviamo il GAP nel quadro diagnostico dei disturbi del comportamento ossessivo-compulsivi. Vengono indicati dieci sottocriteri comportamentali per la diagnosi del GAP, definito come "comportamento persistente, ricorrente e maladattivo tale da compromettere le attività personali, familiari o lavorative". 1. È eccessivamente coinvolto nel gioco d'azzardo (per esempio, il soggetto è continuamente intento a rivivere esperienze trascorse di gioco, a valutare o pianificare la prossima impresa di gioco, a escogitare i modi per procurarsi il denaro con cui giocare).

34 2. Ha bisogno di giocare somme di denaro sempre maggiori per raggiungere lo stato di eccitazione desiderato 3. Tenta ripetutamente e senza successo di controllare, ridurre o interrompere il gioco d'azzardo. 4. Nel tentativo di ridurre o interrompere il gioco d'azzardo, il soggetto risulta molto irrequieto o irritabile. 5. Il soggetto ricorre al gioco come fuga da problemi o come conforto all'umore disforico (per esempio, senso di disperazione, di colpa, ansia, depressione). 6. Quando perde, il soggetto ritorna spesso a giocare per rifarsi ("inseguimento" delle perdite).

35 7. Mente in famiglia e con gli altri per nascondere il grado di coinvolgimento nel gioco d'azzardo. 8. Commette azioni illegali come falsificazione, frode, furto, o appropriazione indebita per finanziare il gioco d'azzardo. 9. Mette a rischio o perde una relazione importante, un lavoro, un'opportunità di formazione o di carriera a causa del gioco. 10. Confida negli altri perché gli forniscano il denaro necessario a far fronte a una situazione economica disperata, causata dal gioco.

36 La storia di un giocatore patologico Enrico è un uomo di 45 anni, con due matrimoni falliti alle spalle, arrivato alla mia osservazione in condizioni psicologicamente compromesse con gravi disturbi di ansia e di depressione. Aveva iniziato a giocare d'azzardo fin da ragazzo, nel bar del paese. All'inizio giocava solo piccole somme, 0 addirittura con la classica formula del "ci giochiamo l'aperitivo o la pizza". Pian piano però dal pokerino con gli amici era passato a scommettere su molte altre cose, soprattutto scommesse sportive (cavalli, cani e, più recentemente, partite di calcio ecc.). All'inizio, come spesso succede ai giocatori che poi si ammaleranno, c'erano state delle vincite e, in particolare, una forte somma vinta all'enalotto. Questo aveva dato ad Enrico la sensazione che tutto fosse semplice, che la sua capacità di prevedere e gestire il gioco fosse dovuta ad un dono quasi sovrannaturale.

37 Le emozioni legate alla vincita gli creavano una sensazione di trionfo, di onnipotenza, di controllo su tutto e su tutti e gli davano l'impressione che la vita fosse come una tavola riccamente imbandita da cui si poteva prendere liberamente ciò che serviva. Era nella fase della "luna di miele" col gioco: tutto positivo, nessun problema. Anche i suoi amici e le ragazze che frequentava sostenevano questa sua visione, mostrandosi ammirati e sedotti dalla sua "fortuna". Si sentiva invincibile e padrone del mondo, ogni sua insicurezza e perfino quella sottile pigrizia e malinconia che aveva sempre avuto sembravano sciogliersi grazie alle forti emozioni che l'eccitazione del gioco gli procurava. Gradualmente però cominciarono a comparire le difficoltà. Sempre più spesso apparivano perdite che, soprattutto all'inizio, venivano vissute quasi con stupore, come una cosa strana ma transitoria che non avrebbe potuto scalfire troppo a lungo la sua immagine di "vincente perpetuo".

38 Invece le perdite, che si alternavano a qualche vincita, si ripetevano con regolarità. Paradossalmente, ma è la storia di ogni giocatore patologico, invece di interrompere il gioco, Enrico dopo una perdita al tavolo verde (aveva cominciato a frequentare casinò e bische clandestine) veniva preso da un folle accanimento che lo spingeva a giocare sempre di più e a scommettere somme sempre più alte. Questo vortice in cui era precipitato girava sempre più velocemente, travolgendolo nel bisogno continuo di denaro e portandolo a dedicare ogni sua energia al gioco. Ben presto i suoi risparmi andarono in fumo e altrettanto rapidamente si esaurirono quelli della moglie, usati "ufficialmente" per impiegarli in investimenti fruttuosi. Così cominciò a chiedere prestiti a familiari, amici e conoscenti. Quando anche queste fonti non furono più praticabili (visto che non era in grado di restituire le somme prese in prestito) utilizzò i fondi che raccoglieva nel suo lavoro di promotore finanziario. Le vincite (rare) e gli altri prestiti gli servivano per tamponare un debito o l'altro mentre la situazione si faceva sempre più grave.

39 Si rendeva conto che stava affondando ma non riusciva più a fermarsi. Giunse perfino a farsi prestare soldi da strozzini che lo soffocavano con interessi vertiginosi. Non riusciva più a dormire, mangiava poco e male, abusava di alcol, di fumo e qualche volta di cocaina per "tenersi su" nelle lunghe ore passate a giocare. Lo stress si accumulava e spesso andava soggetto a crisi di ansia e a depressione. Anche la vita affettiva ne aveva risentito e, come aveva fatto la prima moglie, anche la seconda lo aveva lasciato per la disperazione dovuta alle difficoltà economiche e al fatto di dover vivere con un marito irriconoscibile ed assente. I due figli avevano perso ogni fiducia nel padre e lo evitavano. Fu solo dopo questo lungo calvario che cominciò a farsi strada in Enrico l'idea di curarsi. L'occasione si presentò quando lesse su un giornale un servizio sul GAP e si riconobbe nell'esperienza raccontata da un giocatore che era passato attraverso le sue stesse difficoltà. Si rese così conto che non era l'unico ad avere questi problemi e che forse soffriva di una malattia che poteva essere curata.

40 Dopo due anni di terapia, Enrico sta decisamente meglio, ha un nuovo lavoro, una nuova compagna e sta faticosamente risalendo la china. Certo il cammino è ancora lungo, i debiti richiederanno ancora alcuni anni prima di essere estinti, ma la sua qualità della vita è ora decisamente migliorata. Sa che i vantaggi che ha ottenuto sono dovuti al fatto di non aver mai più giocato. La frequenza ad una terapia di gruppo con altri giocatori patologici gli ha insegnato che una ricaduta, anche piccola, rimetterebbe in moto la malattia facendogli perdere i vantaggi fin qui ottenuti e quelli che ancora lo aspettano.

41 Dipendenza da cyber relazioni La dipendenza si può manifestare con una forte spinta a stabilire relazioni di amicizia tramite e chat rooms a scapito delle relazioni reali. Le relazioni che nascono in rete sono spesso destinate a restare tali, in quanto si rifiuta l'idea di conoscersi realmente per mantenere un'immagine virtuale di sé idealizzata. Si tratta spesso di relazioni particolarmente investite da aspetti fantasmatici; in altre parole le aspettative e le proiezioni tendono a costruire un'immagine molto idealizzata dell'altro, che corrisponde più ai bisogni affettivi soggettivi che alla realtà della persona con la quale si entra in contatto.

42 Alcuni possibili segni clinici sono: bisogno di trascorrere molto tempo in rete per intraprendere relazioni amicali e/o sentimentali; perdita di interesse per interazioni al di là della rete; vari tentativi fallimentari di controllare, ridurre o interrompere il protrarsi del comportamento.

43 Si tratta sia della ricerca di materiale pornografico in rete (immagini, giochi e film), che a sua volta può essere collezionato o scambiato con altri, sia di relazioni erotiche tramite posta elettronica e chat room. La possibilità di utilizzare dei canali audio e video, tramite microfoni e webcam, ha ovviamente reso più realistica l'esperienza che avviene però sempre in una caratteristica condizione di "presenza/assenza" dell'altro. Sarebbe questa particolare situazione psicologica che renderebbe così appetibile a molti l'esperienza del sesso virtuale.

44 Per alcuni il cybersesso diventa gradualmente la principale fonte di gratificazione sessuale, al punto da ridurre l'interesse per il partner reale. Nonostante queste condotte tendano a determinare con una certa frequenza un sentimento di colpa, vergogna o inadeguatezza per questo uso della rete, sono parecchi i soggetti che continuano a ricercare attivamente materiale ed esperienze di cybersesso, definibili anche come esperienze sessuali tecno-mediate.

45 L individuo: trascorre gran parte del proprio tempo in chat rooms o in messaggerie private per trovare argomenti cyber sex; si preoccupa di trovare un partner sessuale; utilizza spesso la comunicazione anonima per esprimere le sue fantasie sessuali che non esprimerebbe in un contesto di vita reale; si aspetta di provare eccitazione e/o gratificazione sessuale dall attività;

46 si sposta frequentemente da materiale cyber sex a phone sex; nasconde la propria attività agli altri; prova sentimenti di vergogna per il proprio utilizzo della rete; inizialmente prova eccitazione trovandosi accidentalmente di fronte a materiale cyber sex e poi lo ricerca attivamente; si masturba nel corso delle chat erotiche; considera il cyber sex come la prima forma di gratificazione sessuale, riducendo l investimento sul partner reale.

47 C. è un uomo di 36 anni, sposato da cinque anni e padre di un figlio di tre anni. Lavora come web designer. I suoi problemi con Internet sono iniziati circa due anni fa. Dopo cena C. spesso andava nel seminterrato per andare avanti con il lavoro. A volte gli capitava di visitare qualche sito o di scaricare qualche filmato pornografico. Mentre faceva queste cose si masturbava ma, dato che era una cosa che avveniva raramente e in fondo "pensavo di non tradire mia moglie", ha proseguito così per circa un anno. Navigando in alcuni siti, C. si è avvicinato anche ad alcune chat, nelle quali ha iniziato a intessere delle relazioni sessuali virtuali con alcune donne, con le quali si scambiava anche delle foto. Ogni giorno controllava regolarmente, più volte, le sue chat preferite, controllando chi c'era, flirtando, in attesa dell'appuntamento serale. L'incontro con le chat è stato l'inizio di un rapido aumento dell'uso di Internet per scopi sessuali. Ogni sera spendeva almeno tre o quattro ore a masturbarsi mentre viveva delle relazioni sessuali on line o si scambiava foto con alcune donne. Nel tempo

48 anche le chat non sono bastate più e C. ha iniziato a frequentare alcuni siti nei quali è possibile, previo pagamento con carta di credito o tramite l'installazione di un apposito programma nel computer, vedere alcune "modelle" fare degli show erotici in base alle richieste dell'utente. Sebbene non avesse mai avuto intenzione di andare oltre in queste attività, a un certo punto si è sentito particolarmente attratto da una di queste donne. Nel giro di tre mesi, ha speso circa 3500 euro per vedere gli show di questa donna. Man mano si è sempre più isolato da sua moglie e dalla sua famiglia, trovando dei modi sempre più creativi per mentire riguardo alla destinazione di tutti quei soldi. Anche il lavoro ha finito per diventare secondario a queste relazioni sessuali. C. è arrivato a essere geloso di quella modella all'idea che potesse mostrarsi anche ad altri uomini. Quando C. si è rivolto a noi, non aveva ancora rivelato nulla alla moglie del suo problema, sebbene lei si fosse ormai da tempo accorta che qualcosa non andava, dato il progressivo isolamento e la crescente irritabilità di C, nonché a causa delle continue spese del marito.

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

L identità in Rete. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari. Usi e abusi di Internet

L identità in Rete. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari. Usi e abusi di Internet L identità in Rete Comunicazione e comunicazione di sés sul web, forme e patologie Usi e abusi di Internet Internet Addiction Disorder Disturbo da Dipendenza da Internet Uso patologico di Internet Lo scherzo

Dettagli

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO Pag. 1 di 5 IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO INDICE: Premessa Il Giocatore Patologico Il sistema relazionale del Giocatore Patologico I Giocatori d'azzardo Patologici sono recuperabili?

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi Il mondo dei NATIVI_DIGITALI in un universo digitale Dipendenza Dipendenza patologica

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine:

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine: 2. Definizioni In considerazione della grande variabilità di linguaggio, anche per la presenza delle diverse discipline coinvolte nella discussione scientifica sul gioco d azzardo patologico (GAP), prima

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO Gorizia, 13 novembre 2012 DISTURBI PSICOTICI Psicosi è un termine generale, che indica una grossolana compromissione nella verifica

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Profili psicologici e psicopatologici della cyberdipendenza Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Incontro di studio Uso dei social

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

L età del NON PIÙ e del NON ANCORA

L età del NON PIÙ e del NON ANCORA L età del NON PIÙ e del NON ANCORA PREADOLESCENZA non più e non ancora Pensiero: principio di realtà Intelligenza: pensiero operatorio astratto Mondo di riferimento: coetanei Relazione: collaborativa BAMBINO

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo L attacco di panico sembra essere per il malato una duplice condanna: da un lato i sintomi che imperversano, dall altro quasi la ferma certezza

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti Cambiamenti familiari Le reazioni emotive nei caregiver di pazienti dementi hanno espressioni diverse a seconda: della

Dettagli

IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE

IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE IL CONCETTO DI DIPENDENZA E COMPLESSO ED IMPLICA NON SOLO ASPETTI NEUROBIOLOGICI, MA ANCHE COMPORTAMENTALI, PSICHICI, SOCIALI, CULTURALI. LE NUOVE

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Lo shopping compulsivo

Lo shopping compulsivo Lo shopping compulsivo di Stefania Tedaldi Lo shopping compulsivo, come molti oggi sanno, non è il breve e piacevole momento che si vive quando compriamo qualcosa. La dipendenza dallo shopping è un comportamento

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo I Giorgi NS Bonfiglio Un equilibrio possibile? Evitare le emozioni, vivere le emozioni. (A. Ferro, 2007)...l evitamento delle emozioni è una

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura

ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura La cosa principale è il gioco medesimo, giuro che non è la brama di vincere del danaro, sebbene ne abbia

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

MALATTIE DEL WEB. Esistono molte forme di dipendenza da internet che provocano la progressiva perdita di contatto con la realtà. Le principali cure.

MALATTIE DEL WEB. Esistono molte forme di dipendenza da internet che provocano la progressiva perdita di contatto con la realtà. Le principali cure. MALATTIE DEL WEB Esistono molte forme di dipendenza da internet che provocano la progressiva perdita di contatto con la realtà. Le principali cure. L internet addiction o dipendenza da internet è una condizione

Dettagli

L esperienza clinica di un Ser.T.

L esperienza clinica di un Ser.T. L esperienza clinica di un Ser.T. Gioacchino Scelfo Con questo mio intervento vorrei tentare di offrirvi qualcosa che possa esservi utile nella vostra attività clinica. Vorrei provare a raccontare quanto

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER CONVEGNO La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Sabrina Spaggiari Centro Delegato Disturbi Cognitivi Distretto Sud/Est Lunedì, 24 settembre

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza Appunti della lezione dell 8 marzo 2010 Cap 1 adolescenza e compiti di sviluppo 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza L adolescenza è caratterizzata dal superamento

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Disturbi dell'umore. Depressione

Disturbi dell'umore. Depressione Disturbi dell'umore Depressione Probabilmente tutti nell'arco della propria hanno attraversato un periodo o anche un solo giorno in cui si sono "sentiti giù" e hanno pronunciato parole come: "Mi sento

Dettagli

http://www.psicoclinica.it

http://www.psicoclinica.it Correlati neurobiologici delle nuove dipendenze: Le New addiction (dipendenze da internet, gioco d azzardo, sesso, sport, shopping compulsivo) costituiscono un insieme eterogeneo di disturbi che condividono

Dettagli

Disturbo d ansia generalizzato

Disturbo d ansia generalizzato Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo d ansia generalizzato Che cos è il disturbo d'ansia generalizzato Il disturbo d ansia generalizzato è un disturbo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA 1930-40 1940-50 1950-60 1960-70 1970-80 1980-90 Anoressia nervosa e Bulimia:chi

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE

LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE Savona Aula Vigiola 10 novembre 2012 Dr.ssa Nicoletta Conio Dirigente Psicologo Area Dipendenze - Dipartimento di Salute Mentale Paziente maschio

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

1 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

1 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 1 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E esperienza comune trovarsi di fronte ad un pericolo o in situazioni, come per esempio fare un esame o un colloquio di lavoro, e

Dettagli

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE Dr.Franco Badii Responsabile Struttura Semplice Abuso e Dipendenza da sostanze illegali S.C.Area Dipendenze Ser.T.

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO 1 N el corso degli ultimi anni il gioco d azzardo ha assunto un volume di enormi proporzioni sociali ed economiche. Pur essendo una pratica antica, è

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI Sostegno 400 ore GRUPPO A modulo3 Mag-Giu 2009 Disturbi del comportamento (1) Disturbo da deficit dell attenzione Disturbo da iperattività Disturbo oppositivo-provocatorio

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

Che cos è la depressione. Il disturbo che comunemente viene chiamato depressione è scientificamente denominato. Come si manifesta la depressione

Che cos è la depressione. Il disturbo che comunemente viene chiamato depressione è scientificamente denominato. Come si manifesta la depressione Che cos è la depressione Il disturbo che comunemente viene chiamato depressione è scientificamente denominato depressione maggiore. Si tratta di un disturbo dell umore caratterizzato principalmente da:

Dettagli

DIPENDENZA DA INTERNET

DIPENDENZA DA INTERNET Ciclo di incontri Dipendenze...conoscerle per evitarle Venerdì 04 aprile 2014 DIPENDENZA DA INTERNET Gianluca Mantoani DIPENDENZE DA INTERNET l Negli anni '90 i primi studi l Termine coniato da Ivan Goldberg

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli