premesse generali bandi per progetti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "premesse generali bandi per progetti"

Transcript

1 premesse generali bandi per progetti 1

2 Indice premesse generali formazione solidarieta locale ACQUISTO DI STRUMENTAZIONI ED ATTREZZATURE PROGETTI DI RETE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE SOSTEGNO ALLE PICCOLE ASSOCIAZIONI modalità di partecipazione 1. CHI PUO PRESENTARE I PROGETTI 2. CRITERI PER LA SELEZIONE 3. LE SCADENZE 4. FASE ISTRUTTORIA - COMMISSIONE DI VALUTAZIONE 5. RUOLO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO 6. MODALITA DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI 7. SPESE AMMESSE ED ESCLUSE 8. PREVENTIVO DEL PROGETTO 9. RENDICONTAZIONE FINALE 10. DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 11. PUBBLICIZZAZIONE DEI PROGETTI 12. Informazioni e materiali vari ISTANZA DI CONTRIBUTO FORMULARIO BANDI ANNO 2009 MODELLI PER IL BUDGET DEI PROGETTI

3 anno 2009 bandi per Premesse progetti Generali

4 Il Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Belluno (di seguito nominato Csv di Belluno ), nell ambito della gestione del Fondo Speciale Regionale per il Volontariato per il 2009, destina una parte delle risorse al finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale, ideati e realizzati dalle organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale ai sensi della L. 266/91. Nella consapevolezza della riduzione delle risorse che inevitabilmente toccherà anche i Csv del Veneto negli anni futuri, e considerando l attuale crisi economica e del lavoro, il Consiglio Direttivo del Csv di Belluno a partire dal 2009 intende privilegiare, nella selezione delle richieste di contributo, i percorsi progettuali che favoriscono una efficace rilevazione di bisogni primari e una reale e concreta risposta ad essi, auspicabilmente attraverso la creazione di nuove reti tra soggetti e il rafforzamento di quelle esistenti. Quanto sopra anche tenendo in debita considerazione quanto espresso dal Comitato di Gestione del Fondo Speciale Regionale per il Volontariato del Veneto nella comunicazione del 15 dicembre 2008, nella quale Il Comitato di Gestione ritiene che i CSV adottino nella gestione dell anno 2009 una particolare attenzione, parsimonia e oculatezza nell erogazione delle spese, comprese quelle di funzionamento, provvedendo ad accantonare prudenzialmente eventuali economie nell avanzo di amministrazione che può essere inteso ed utilizzato quale fondo di stabilizzazione. Con questa filosofia sono pubblicati i sei bandi per progetti a rilevanza territoriale locale che seguono: formazione solidarieta locale ACQUISTO DI STRUMENTAZIONI ED ATTREZZATURE PROGETTI DI RETE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE SOSTEGNO ALLE PICCOLE ASSOCIAZIONI NB: Un bando a parte è destinato alle organizzazioni di volontariato operanti nel settore della protezione civile e antincendio boschivo. 4

5 formazione Il Consiglio Direttivo del Csv di Belluno ritiene la formazione dei volontari un elemento di importanza strategica per la crescita e la qualificazione delle attività svolte dalle organizzazioni di volontariato. Il presente bando è finalizzato al sostegno delle iniziative di formazione realizzate direttamente dalle organizzazioni di volontariato, con il contributo del Csv di Belluno. Il contributo del Csv di Belluno per i progetti di formazione di ogni singola associazione non potrà superare l importo massimo di 4.500,00. Nel caso, invece, di progetti che vedono la partecipazione di più associazioni il contributo potrà arrivare ad 7.500,00. solidarieta locale Questo bando prevede il sostegno a progetti che potranno riguardare due diverse tipologie di iniziative: Promozione e sensibilizzazione ai temi del volontariato: per il sostegno delle attività, svolte dal volontariato nei più diversi contesti sociali e territoriali, con il coinvolgimento in particolare dei giovani e dei meno giovani, anche in una ottica di scambio generazionale, allo scopo di reclutare nuovi volontari, favorendo la promozione dell impegno civico, la cittadinanza attiva e la solidarietà. Qualificazione dei servizi esistenti: a favore di attività che integrano e qualificano servizi già erogati dalle stesse associazioni e/o altre istituzioni pubbliche e/o private, nonché lo sviluppo di attività innovative e di sperimentazione nel territorio. Il contributo del Csv di Belluno per i progetti di solidarietà locale di ogni singola associazione non potrà superare l importo massimo di ,00. Nel caso, invece, di progetti che vedono la partecipazione di più associazioni il contributo potrà arrivare ad ,00. L acquisto di attrezzatura è ammissibile purché sia necessario a qualificare la realizzazione delle iniziative progettuali previste dal bando di Solidarietà locale, nel limite massimo del 70% del contributo richiesto. Il mero acquisto di attrezzature andrà ricondotto all apposito bando per Acquisto di strumentazioni ed attrezzature. 5

6 ACQUISTO DI STRUMENTAZIONI ED ATTREZZATURE Con questo bando il Csv di Belluno sostiene l acquisto di strumentazioni e attrezzature per il completamento delle dotazioni di cui le organizzazioni di volontariato necessitano per espletare al meglio le proprie attività ordinarie. Tra i costi ammissibili anche quelli per l acquisto del softwear gestionale utilizzato dal CSV di Belluno (Banana). Il contributo del Csv di Belluno non potrà superare il limite del 60% del valore dei beni acquistati, e comunque non potrà essere superiore a ,00. PROGETTI DI RETE L iniziativa si pone l obiettivo di promuovere progetti di rete ed innovativi in aree specifiche di intervento e dovranno vedere coinvolte nella realizzazione più organizzazioni di volontariato operanti nello stesso settore.gli ambiti di seguito specificati sono individuati in base ad un analisi dei bisogni condotta dal Consiglio Direttivo del Csv di Belluno di concerto con le organizzazioni di volontariato e le istituzioni locali.con questo tipo di progettualità si intende favorire lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi modelli di servizio soprattutto in aree in cui i bisogni non trovano ancora risposte adeguate, in modo da contribuire, con l azione del volontariato, alla qualificazione dei servizi esistenti, venire incontro all emarginazione e rimuovere disuguaglianze, anche settoriali. Ogni progetto dovrà coinvolgere almeno tre OdV iscritte al registro regionale del Volontariato, e preferibilmente pubbliche amministrazioni (Comuni, Comunità montane, Ufficio Scolastico Provinciale, Scuole, Ulss ), soggetti del Terzo Settore, del privato sociale e del profit. Le Organizzazioni di volontariato potranno presentare progetti di rete su temi specifici; oppure presentare idee progettuali nei seguenti ambiti individuati dal Consiglio Direttivo del Csv di Belluno: Inclusione sociale: progetti volti a intervenire nell area delle nuove povertà con iniziative di coordinamento o di sviluppo delle attività esistenti, in raccordo con i programmi delle due Conferenze dei Sindaci delle Ulss provinciali, nonché con le singole amministrazioni comunali; Famiglia e minori: sostegno e accompagnamento alle famiglie in situazioni di difficoltà nella gestione dell infanzia e ai minori stessi, anche presso strutture esterne; Mobilità e accompagnamento di persone disabili ed anziani: coordinamento e messa in rete 6

7 a livello provinciale di esperienze di trasporto a chiamata promosse e realizzate dalle organizzazioni di volontariato locali; Percorsi di educazione all autonomia per disabili intellettivi: diffusione e coordinamento a livello territoriale e/o provinciale di iniziative di educazione alla vita autonoma e di vita indipendente; Immigrazione: coordinamento e messa in rete delle informazioni e delle iniziative svolte dai vari soggetti competenti; promozione di iniziative di aggregazione delle comunità straniere presenti nel territorio al fine di creare gruppi formali di rappresentanza delle singole comunità; Cultura e ambiente: promozione e valorizzazione del territorio, della cultura e delle tradizioni locali, nonché di iniziative di sensibilizzazione a nuovi stili di vita nel rispetto dell ambiente e della persona. PERCORSO PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI DI RETE Data Attività Referente Aprile - maggio a fase: raccolta dei fabbisogni sociali, sviluppo idea progettuale 29 maggio 2009 Presentazione Idea Progetto Rete. OdV 30 giugno 2009 Valutazione e selezione delle idee progettuali finanziabili. Comunicazione esito selezione alle OdV. Odv con supporto Csv di Belluno OdV di Belluno Luglio - settembre a fase: elaborazione progetto esecutivo. OdV con supporto Csv di Belluno 16 ottobre 2009 Presentazione Progetto Rete esecutivo OdV 13 novembre 2009 Approvazione progetti esecutivi e stanziamento contributo 1 dicembre 2009 Avvio dei progetti esecutivi OdV 30 novembre 2011 Chiusura dei progetti, rendicontazione inclusa OdV OdV di Belluno Il contributo del Csv di Belluno per i Progetti di rete non potrà superare l importo massimo di ,00. I progetti potranno avere uno sviluppo pluriennale (massimo 2 anni) e l avvio dovrà essere successivo all approvazione dei progetti esecutivi. 7

8 VOLONTARIATO INTERNAZIONALE Sostegno alle organizzazioni di volontariato impegnate nella realizzazione di progetti mirati in Paesi esteri con particolari necessità, anche nell ambito di progetti di scambio di esperienze con organizzazioni di volontariato operanti in analogo settore in Paesi esteri. Il Csv di Belluno potrà sostenere: spese di viaggio dei volontari da e per i Paesi presso i quali le organizzazioni di volontariato richiedenti operano, spese di vaccinazione, spese di eventuali visti e permessi, assicurazioni e di vitto e alloggio. Non sono ammesse spese di acquisto di materiale e medicinali. La rendicontazione dei costi sostenuti in valuta estera dovrà essere accompagnata da documentazione attestante il valore del cambio valuta nel momento della spesa. Il contributo del Csv di Belluno per i progetti di Volontariato Internazionale non potrà superare l importo massimo di 7.500,00. SOSTEGNO ALLE PICCOLE ASSOCIAZIONI Il Csv di Belluno sostiene azioni orientate all avvio e al supporto delle attività, adeguatamente motivate e documentate nelle richieste, svolte da associazioni di piccole dimensioni, anche non iscritte nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato, purché operanti nello spirito della legge n. 266 dell 11/08/1991 e nei settori di intervento di cui alla LR 40/1993 e ss.mm. Il contributo del Csv di Belluno per ogni singola richiesta non potrà superare l importo di 1.500,00. La graduatoria delle domande sarà stesa sulla base dei seguenti criteri: dimensioni associative (saranno privilegiate le richieste provenienti da associazioni di piccole dimensioni); dimensioni economiche (saranno privilegiate le richieste provenienti da associazioni con limitati volumi di entrate); entità dei contributi già ricevuti del Csv di Belluno (saranno privilegiate le richieste delle associazioni che non hanno ricevuto nel passato contributi dal Csv di Belluno). Non sono ammesse le spese relative a personale retribuito. 8

9 modalità di partecipazione 9

10 1. CHI PUO PRESENTARE I PROGETTI I progetti possono essere presentati esclusivamente da associazioni di volontariato operanti nella provincia di Belluno ed iscritte nell apposito registro regionale delle organizzazioni di volontariato del Veneto. Ogni progetto potrà essere ideato e realizzato da più organizzazioni/enti; nell apposita domanda dovranno risultare con precisione il nominativo dell organizzazione capofila del progetto e degli enti partner. L organizzazione capofila sarà quella con cui il Csv di Belluno manterrà tutti i rapporti di tipo amministrativo. Possono partecipare al bando per il Sostegno alle piccole associazioni anche organizzazioni di volontariato non iscritte ma iscrivibili nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato del Veneto. Non è possibile delegare la titolarità del progetto ad un agenzia esterna, ad una cooperativa sociale, ad una società, ad un ente pubblico, ad altra associazione iscritta o non iscritta al Registro Regionale. NB: Le associazioni richiedenti non dovranno essere titolari di progetti finanziati in data anteriore al 31/12/2007 e non ancora conclusi al momento di ogni singola scadenza. 10

11 2. CRITERI PER LA SELEZIONE Nella selezione delle richieste saranno attribuiti punteggi specifici ai seguenti elementi: Territorio Si terrà conto della dimensione territoriale che il progetto interesserà. I progetti potranno essere realizzati nel territorio corrispondente a quello del comune in cui ha sede l associazione, o a quello di più comuni, di una o più comunità montane, della Ulss di riferimento oppure dell intera provincia di Belluno. Innovatività Saranno privilegiati i progetti di carattere innovativo. Saranno tenute in considerazione, tuttavia, anche le iniziative svolte abitualmente dalle associazioni purché si tratti di iniziative rientranti in un percorso di rinnovamento delle modalità operative o dei destinatari della iniziativa. ATTENZIONE: Il bando Sostegno alle piccole associazioni mira a rafforzare e consolidare le attività di solidarietà ed i servizi delle associazioni di piccole dimensione. In questo specifico bando saranno finanziate anche azioni già in essere, purché adeguatamente motivate e documentate nelle richieste. Partenariato Particolare rilevanza verrà data a progetti che coinvolgeranno nella stesura e nella realizzazione più soggetti. I progetti potranno quindi prevedere la collaborazione fattiva di altre associazioni, enti non-profit (cooperative, fondazioni), enti pubblici (Comuni, Ulss, Provincia, Scuola, Regione), associazioni di categoria (sindacati, industriali, ecc.). Il rapporto di partnership dovrà essere effettivo. Saranno valutate esclusivamente le lettere d impegno indicanti la natura della collaborazione, il contributo organizzativo, le competenze, il referente ed il ruolo specifico dei partner nel progetto. Non saranno considerati i patrocini e le adesioni generiche prive di un apporto specifico al progetto. Coerenza con piani/programmazioni (esempio: Piani di Zona, Programmazione regionale, studi e ricerche, ecc) Saranno valutati con maggior favore i progetti che andranno a rispondere a bisogni rispetto ai quali si rileva effettivamente una particolare urgenza e dimostreranno un collegamento con i Piani di zona dei servizi alla persona dell Ulss di riferimento o con qualsiasi altra indagine/ricerca di settore che abbia definito i bisogni di un dato territorio e la scala delle priorità degli interventi. 11

12 Tale collegamento andrà debitamente documentato. Ruolo dei volontari I progetti dovranno prevedere azioni che coinvolgano principalmente volontari. Tanto maggiore sarà l apporto del volontariato rispetto a quella del personale retribuito, tanto più alta sarà la valutazione per questo criterio. Coerenza del bilancio preventivo rispetto alle azioni programmate Saranno valutati il rapporto costi/risultati attesi, la coerenza dei contenuti con il finanziamento richiesto e la complessità del progetto, l ampiezza territoriale, il bacino di utenti e le risorse raccolte dall Associazione. Sarà valutata l entità economica delle singole voci di spesa e la loro congruità (anche rispetto ai prezzi di mercato), l ottimizzazione delle risorse, la trasparenza ed il dettaglio di analisi del bilancio preventivo. Co-finanziamento Le associazioni richiedenti dovranno specificare le ulteriori risorse (cofinanziamento) su cui potranno contare in modo diretto (autofinanziamento) o indiretto (con il contributo dei partner del progetto) per la realizzazione del progetto. Il co-finanziamento potrà consistere in risorse finanziarie e costi figurativi dell ente promotore e degli enti partner; questi andranno comunque documentati. ATTENZIONE! Il co-finanziamento (sia diretto che indiretto), è condizione necessaria per l ammissibilità del progetto al contributo del Csv di Belluno. Le associazioni richiedenti dovranno prevedere un co-finanziamento NON INFERIORE AL 15% del costo complessivo. Percentuali superiori di co-finanziamento significheranno l attribuzione alla richiesta di contributo di un punteggio più elevato. IMPORTANTE: Nel corso del 2009 ogni associazione potrà presentare, in qualità di capofila, al massimo 2 progetti da realizzare tra bandi diversi, esclusi i progetti di rete. Quindi le organizzazioni di volontariato capofila di un progetto di rete potranno presentare, nel corso del 2009, altre due di richieste di contributo, purché in bandi diversi, in aggiunta al progetto di rete. Per le organizzazioni di volontariato operanti nel settore della protezione civile esiste un apposito bando. 12

13 3. LE SCADENZE I bandi per l anno 2009, con eccezione dei bandi per i Progetti di rete e Protezione Civile, avranno due scadenze: 1 a scadenza 29 maggio a scadenza 31 ottobre 2009 I progetti dovranno essere spediti, accompagnati dalla apposita istanza, entro le date indicate a mezzo posta raccomandata A.R. (farà fede il timbro postale) o consegnati direttamente presso le diverse sedi del Csv di Belluno negli orari di apertura al pubblico. E necessario utilizzare gli appositi formulari per il 2009 scaricabili dal sito Internet nella sezione Finanziamenti. La commissione di valutazione s impegna a completare la selezione dei progetti entro 40 giorni dalla scadenza scelta. Per tutte le richieste pervenute verranno verificati i requisiti di ammissibilità. Eventuali difformità verranno segnalate all Associazione capofila, in modo da rendere possibili le opportune, tempestive, modifiche. Il Consiglio Direttivo del Csv di Belluno, con proprio provvedimento deliberativo, approverà in via definitiva la lista dei progetti ammessi al co-finanziamento e l indicazione del contributo concesso. L elenco dei progetti approvati e le relative somme deliberate verranno inviati al Comitato di Gestione del Fondo Speciale Regionale del Veneto. Il risultato della valutazione sarà comunicato alle singole associazioni richiedenti; successivamente alla accettazione del contributo da parte delle associazioni assegnatarie, avverrà l erogazione dei contributi deliberati, secondo le modalità di cui al successivo punto 6. ATTENZIONE: I progetti potranno prendere l avvio solo successivamente alla data di scadenza del bando e dovranno realizzarsi entro un anno dall avvio, con eccezione per quanto previsto per i Progetti di rete. NB: Il Csv di Belluno non si assume responsabilità per i costi sostenuti successivamente alla chiusura del bando e prima della comunicazione dell eventuale accoglimento della richiesta. 13

14 Saranno possibili eventuali deroghe ai termini di realizzazione dei progetti, purché debitamente giustificate dall organizzazione capofila ed espressamente autorizzate dal Consiglio Direttivo del Csv di Belluno. 4. FASE ISTRUTTORIA COMMISSIONE DI VALUTAZIONE La fase istruttoria dei progetti sarà curata da una commissione nominata dal Consiglio Direttivo del Csv di Belluno. Le persone che, a qualsiasi titolo, facciano parte delle associazioni capofila del progetto e/o degli enti partner, non potranno partecipare alla valutazione del progetto stesso. Sono considerati requisiti essenziali per accedere al contributo: 1. iscrizione al registro regionale del Volontariato alla data di scadenza dei bandi; 2. compilazione e invio dei documenti indicati al successivo punto 9 ; 3. realizzazione di attività coerenti con gli scopi statutari dell associazione capofila; 4. partecipazione in qualità di capofila, da parte dell Associazione richiedente, a massimo n. 2 progetti rientranti nei bandi emanati dal Csv di Belluno, eccezione fatta per le organizzazioni di volontariato titolari di un Progetto di rete. Non sarà inoltre possibile presentare, in qualità di capofila, due progetti rientranti in uno stesso bando. 5. svolgimento del progetto nell ambito territoriale coincidente, al massimo, con quello della provincia di Belluno; 6. prevalenza, nelle attività progettuali, di personale volontario; 7. indicazione della durata. Ogni progetto non potrà avere durata superiore a un anno, salvo deroga del Consiglio Direttivo, su specifica e documentata richiesta dell Associazione capofila. I Progetti di rete potranno avere uno sviluppo pluriennale (massimo 2 anni) e l avvio dovrà essere successivo all approvazione dei progetti esecutivi. 14

15 Il Consiglio Direttivo del Csv di Belluno, successivamente alla ricezione delle richieste, si riserva di: chiedere supplementi informativi; chiedere la rimodulazione del progetto, qualora l associazione beneficiaria del contributo ritenga non realizzabile l intero progetto con il contributo assegnato; escludere dalla valutazione i progetti contenenti informazioni palesemente non veritiere. La comunicazione dell esito finale della valutazione avverrà entro le scadenze definite dal presente bando al precedente punto 3. Si asterranno da ogni giudizio i consiglieri e/o operatori del Csv di Belluno che, a qualsiasi titolo, siano coinvolti nelle associazioni proponenti il progetto, o nelle associazioni partner. I progetti approvati saranno finanziati fino a concorrenza dell importo previsto nel bilancio preventivo del Csv di Belluno per il sostegno ai progetti a valenza territoriale locale a cura delle associazioni per il RUOLO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Il Csv di Belluno: promuoverà degli incontri territoriali di illustrazione de I Bandi del Csv di Belluno, la partecipazione ai quali è motivo di priorità nella valutazione dei progetti; organizzerà un corso di formazione dal titolo Progettare con il Csv di Belluno. Alle associazioni presenti sarà garantita priorità nella valutazione dei progetti; si impegna a fornire il necessario supporto alle associazioni nella fase di elaborazione e stesura dei progetti. A ciascun progetto approvato il Csv di Belluno affiancherà un operatore nel ruolo di tutor che sarà a disposizione delle Organizzazioni di Volontariato impegnate nella realizzazione dei progetti, per monitorare gli stessi, nonché per qualsiasi tipo di necessità incontrata in questa fase. Il tutor potrà inoltre verificare il corretto andamento dei progetti in corso. 15

16 6. MODALITA DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI L erogazione dei contributi per il finanziamento dei singoli progetti avverrà secondo le seguenti modalità: 50% del contributo contestualmente all approvazione del progetto e alla sottoscrizione, da parte del responsabile dell Associazione, della dichiarazione di impegno; 30% del contributo durante la fase di realizzazione progettuale, su espressa e documentata richiesta da parte dell associazione proponente; 20% (o saldo del 50% qualora non vi siano stati ulteriori acconti) del contributo a conclusione della realizzazione del progetto previa presentazione della rendicontazione composta da: - relazione descrittiva finale; - relazione contabile del progetto e copia di regolari giustificativi di spesa (vedi punti 8 e 9 del presente bando). Contestualmente alla comunicazione relativa all importo assegnato, il Csv di Belluno indicherà la somma che l associazione proponente dovrà rendicontare. Qualora gli importi del progetto vengano rimodulati in seguito alla istruttoria, la singola associazione comunicherà al Csv di Belluno la disponibilità o meno a rivedere il progetto e a condurlo comunque in porto secondo le nuove cifre. In caso di mancata realizzazione dell intero progetto, l associazione dovrà provvedere alla restituzione delle somme ricevute dal Csv di Belluno a titolo di acconto. In caso di realizzazione parziale del progetto, il contributo del Csv di Belluno sarà ridotto in misura percentuale. L associazione dovrà provvedere alla restituzione dell ammontare degli acconti già ricevuti ma la cui utilizzazione non è documentata. 7. SPESE AMMESSE ED ESCLUSE Spese ammissibili Saranno ammesse alla rendicontazione solo le spese direttamente riconducibili all attività proposta e sostenute successivamente alla data scadenza del bando. 16

17 ATTENZIONE I compensi al personale retribuito impiegato nel progetto (collaboratori retribuiti, dipendenti e/o liberi professionisti con Partita Iva) dovranno essere regolati utilizzando le modalità fiscalmente più corrette, pena l escludibilità del rimborso da parte del Csv di Belluno; i giustificativi delle spese ammesse a contributo dovranno avere valenza fiscale. In particolare, saranno considerati validi, ai fini della rendicontazione delle spese sostenute, i documenti di seguito elencati, a titolo di esempio, da produrre in copia: fatture; ricevute fiscali; scontrini fiscali e/o parlanti; ricevute per prestazioni di lavoro occasionale, cedolini per compensi derivanti da contratti di lavoro a progetto, buste paga; schede per i rimborsi spese corredate da relativi documenti (es.: biglietti ferroviari, ricevute di pedaggio autostradale, schede prepagate per ricariche di telefoni cellulari, ). Tutti i giustificativi di spesa presentati a rendiconto dovranno essere intestati all Associazione capofila beneficiaria del finanziamento, e/o alle sole organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale e partner dichiarate nell apposito formulario; inoltre dovranno riportare nella descrizione il codice che sarà attribuito al progetto. Non saranno ammesse spese sostenute prima della data di approvazione del progetto. Eventuali scontrini fiscali o documenti equipollenti di entità modesta, dovranno essere riuniti, numerati, fotocopiati ed elencati su carta intestata dell associazione capofila, specificando per ognuno la tipologia della spesa. Tali fogli riepilogativi dovranno riportare la sottoscrizione del responsabile di progetto. I giustificativi di spesa presentati in difformità a quanto sopra non saranno presi in considerazione e dunque non validi ai fini della rendicontazione finale. IMPORTANTE In ogni caso non saranno ammesse richieste di contributo per l acquisto di attrezzature da donare 17

18 ad altre strutture pubbliche e/o private. I beni acquistati con il contributo del Csv di Belluno devono essere intestati all Associazione richiedente e rimanere di proprietà della stessa. Costi parzialmente ammissibili: Spese per il Personale retribuito La somma delle voci relative al personale retribuito non deve superare il 50% del costo complessivo del progetto. SOLO PER IL BANDO PER PROGETTI DI FORMAZIONE il limite è pari al 70% del costo complessivo del progetto. Costi relativi al personale retribuito non docente. La somma delle voci relative al personale non docente impiegato (direttore e/o coordinatore, segretario, tutor ed altri) non deve superare il 20% del costo complessivo del progetto. Il costo orario massimo ammissibile è di: - 35,00 Euro ora + IVA se dovuta per il Direttore/Coordinatore; - 25,00 Euro ora + IVA se dovuta per il Tutor e le altre figure impiegate; - 15,00 Euro ora + IVA se dovuta per il Segretario. Costi relativi ai formatori. I compensi orari relativi alle ore di intervento effettuate dai docenti/relatori dovranno rispettare (come tetto massimo ammissibile) i seguenti parametri: a. prima fascia docenti universitari, persone esperte del settore con almeno dieci anni di esperienza, altre persone altamente qualificate nella materia. Massimo 78,00 Euro/ora + IVA se dovuta. Per applicare il compenso massimo è necessario allegare curriculum dei docenti/relatori. b. seconda fascia laureati da almeno cinque anni o persone esperte del settore con almeno cinque anni di esperienza. Massimo 52,00 Euro/ora + IVA se dovuta. Per applicare il compenso massimo è necessario allegare curriculum dei docenti/relatori. c. terza fascia - altri. Massimo 37,00 Euro/ora + IVA se dovuta. Per quanto riguarda il personale, i costi si intendono lordi, vale a dire comprensivi di oneri fiscali, di IVA e di eventuali contributi previdenziali. 18

19 Spese per viaggi effettuati con mezzi privati Qualora la realizzazione del progetto preveda l utilizzo di mezzi privati, potrà essere riconosciuto all interessato un rimborso spese solo se esso risiede in un comune diverso da quello ove si svolge il progetto. L indennità riconosciuta è pari ad 0,30 (zero/30) per ogni chilometro di percorrenza, debitamente dettagliato su apposita richiesta di rimborso rivolta alla associazione capofila del progetto. Spese di telefonia mobile Non saranno riconosciuti importi eccedenti la somma complessiva di 150,00 (centocinquanta/00) da giustificarsi con documento di acquisto di tessera ricaricabile. Spese forfetarie Le spese non documentabili in modo dettagliato e univoco, quali: telefono, fax, luce, gas, acqua, riscaldamento, ecc., saranno ammesse nel limite massimo del 5% (cinque percento) dell importo complessivo del progetto. La loro quantificazione andrà espressa attraverso una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sottoscritta dal legale rappresentate dell Associazione capofila del progetto. Spese per organizzazione convegni Le spese per vitto e alloggio potranno essere ammesse nel limite massimo del 10% (dieci percento) dell importo complessivo del progetto. Costi non ammissibili: costi non direttamente riconducibili al progetto; spese per buffet, pranzi e cene sociali e generi alimentari; costi generali di funzionamento dell associazione; spese per l acquisto di beni immobili; oneri assicurativi resi obbligatori come previsto dalla Legge 266/91 (art. 4) per tutte le organizazioni di volontariato iscritte nel registro regionale; spese ritenute eccessive a insindacabile giudizio del Consiglio Direttivo del Csv di Belluno; spese non documentabili o documentabili in modo generico (con l esclusione delle spese forfetarie di cui sopra); spese relative ad attività commerciali e produttive marginali come individuate dal Decreto Ministeriale 25/05/1995; contributi o donazioni in denaro ad associazioni, enti o persone. Il contributo concesso non potrà, in nessun caso, originare profitto. 19

20 8. PREVENTIVO DEL PROGETTO Il preventivo di ogni progetto dovrà dettagliare in modo preciso le singole voci di spesa, che dovranno trovare riscontro nella rendicontazione finale. NOTA: Eventuali scostamenti superiori al 20% per ogni voce di spesa rispetto a quanto dichiarato in sede di preventivo necessitano dell autorizzazione preventiva del Consiglio Direttivo del Csv di Belluno. I moduli possono essere scaricati dal portale internet 9. RENDICONTAZIONE FINALE La rendicontazione finale del progetto dovrà contenere i seguenti documenti: relazione finale con specificazione del calendario delle attività svolte, dei luoghi e dei tempi di svolgimento delle azioni. Essa dovrà evidenziare i risultati prodotti, i benefici sui destinatari finali, le ricadute del progetto, i dati sul numero ed il ruolo dei volontari coinvolti e sugli utenti, i fogli presenze firmati (nel caso di corsi di formazione), ecc. una copia di tutto il materiale didattico e promozionale prodotto (es. depliant, manifesti, pubblicazioni, dispense, cd rom, DVD, foto, filmati, rassegna stampa). Tali informazioni, necessarie per il saldo del contributo concesso, saranno utilizzate per documentare, attraverso gli usuali strumenti di comunicazione del Csv di Belluno, l attività svolta dalle associazioni con il supporto del Csv di Belluno; rendiconto consuntivo del progetto (confrontabile con il preventivo) con allegato copia di tutte le fatture e le ricevute attinenti il progetto; dichiarazione di responsabilità sottoscritta dal legale rappresentante dell associazione capofila. 10. DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA Formulario relativo al bando debitamente compilato; ultimo bilancio consuntivo approvato; preventivi dettagliati riferiti alle voci di spesa relative al progetto. 20

21 Per le somme superiori a 500,00 i preventivi sono obbligatori. curricula del personale retribuito; lettere di adesione formale al progetto da parte di eventuali associazioni e/o enti partner, con cui vengono sanciti gli impegni di ognuno di essi nella realizzazione del progetto stesso; fotocopia del documento di identità del rappresentante legale che sottoscrive la domanda. eventuali integrazioni per meglio specificare le risposte alle singole domande; eventuale altra documentazione relativa al progetto. ATTENZIONE Le associazioni NON iscritte nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato, ma operanti comunque nello spirito della legge n. 266/1991, che intendano partecipare al bando per il sostegno delle associazioni di piccole dimensioni, dovranno allegare anche lo statuto sociale. 11. PUBBLICIZZAZIONE DEI PROGETTI Il progetto dovrà essere adeguatamente pubblicizzato ed in tutte le occasioni di comunicazione formale (rapporti con i media, enti, manifesti, volantini, attrezzatura, ecc.) dovrà comparire esplicitamente la dicitura con il contributo del Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Belluno. Laddove è possibile dovrà comparire il logo del Centro stesso che è reperibile sul sito oppure può essere richiesto presso le diverse sedi del Csv di Belluno. I preventivi dei singoli progetti potranno prevedere anche la spesa per l espletamento degli adempimenti di cui sopra. 12. Informazioni e materiali vari. Tutte le informazioni relative ai Bandi potranno essere chieste presso i seguenti recapiti: tel fax Bando e formulari sono scaricabili dal sito internet: 21

Bando del Csv di Belluno Progetti di Formazione e Protezione civile - ANNO 2015

Bando del Csv di Belluno Progetti di Formazione e Protezione civile - ANNO 2015 Bando del Csv di Belluno Progetti di Formazione e Protezione civile - ANNO 2015 Bando per progetti di Formazione e Protezione civile a valenza territoriale locale - Anno 2015 1/14 Bando per progetti -

Dettagli

Bando del Csv di Belluno Progetti di Solidarietà - ANNO 2015

Bando del Csv di Belluno Progetti di Solidarietà - ANNO 2015 Bando del Csv di Belluno Progetti di Solidarietà - ANNO 2015 Bando per progetti di Solidarietà a valenza territoriale locale - Anno 2015 1/15 Bando per progetti - ANNO 2015 PREMESSA Risorse Come già il

Dettagli

BANDO PER PROGETTI DI INNOVAZIONE, SOSTEGNO SERVIZI E FORMAZIONE

BANDO PER PROGETTI DI INNOVAZIONE, SOSTEGNO SERVIZI E FORMAZIONE BANDO PER PROGETTI DI INNOVAZIONE, SOSTEGNO SERVIZI E FORMAZIONE 1. MOTIVAZIONI E FINALITÀ A) Innovazione sociale Il bando privilegia attività innovative e di sperimentazione nel territorio. Si chiede

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE APRILE 2016 Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 SOMMARIO COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE 1. Ruolo della Non Profit Network - CSV

Dettagli

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO

BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO 1 PREMESSA Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (di seguito indicato con CSVSN) prosegue le iniziative a sostegno delle Organizzazioni di Volontariato

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo Art.1 Oggetto del bando Il Bando 2013 del CSV Napoli Programm Azioni Sociali è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito OdV, della provincia di Napoli.

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R.

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. 9/90) Annualità 2014 (anno scolastico 2015-2016) 1 Premessa Con deliberazione n. 86/2013

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA pro Bando per il sostegno di progetti a favore dei Centri Sociali per anziani della provincia di Milano (D.G.P. atti n. 283290 13.3\2008\405 /2008 del /12/2008) ART. 1. - OGGETTO La Provincia di Milano

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Il benessere della comunità:

Il benessere della comunità: Il benessere della comunità: Volontariato, Territorio e Relazioni! Linea di finanziamento per favorire la coesione sociale e il benessere delle comunità attraverso processi di progettazione partecipata.

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

Azioni di contrasto alle nuove povertà

Azioni di contrasto alle nuove povertà Azioni di contrasto alle nuove povertà UNISOLIDARIETA ONLUS Unisolidarietà Onlus & Volontariato in Rete Federazione Provinciale di Vicenza Ente Gestore CSV di VI Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO Premessa Nel rinnovare l accordo (19 luglio 2007) per il pagamento dei diritti d autore sulle fotocopie effettuate

Dettagli

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO 1. PREMESSA Con il presente avviso il CESV Centro Servizi per il Volontariato -, di seguito Centro,

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE

INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE PREMESSA La Regione Piemonte e la Città di Torino, al fine di promuovere nella produzione teatrale la qualità, l innovazione, la ricerca,

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BANDO N. 4 ANNO 2015 ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BUDGET COMPLESSIVO : Euro 110.000 messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo per il tramite della Fondazione

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Rete tante tinte I.C. VR 11 BORGO ROMA OVEST BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI DI STRANIERI ai sensi del: Programma Regionale di iniziative e interventi

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI 1. Campo di applicazione Il presente Regolamento ha per oggetto la gestione economica, anche in riferimento ai

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE I SOCI FONDATORI Comuni del bollatese, rhodense, sestese Bando 2010.3 Sport e solidarietà sociale 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione Comunitaria del

Dettagli

Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010

Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010 Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010 I riferimenti degli sportelli del CSV per richieste di chiarimento e per la consegna dei documenti sono i seguenti: Luogo Indirizzo

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI REALIZZATO NELL'AMBITO DEL PIANO LOCALE DELL IMMIGRAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RIVOLTI AI SETTORI SOCIO-OCCUPAZIONALE, INFORMATIVO E INTERCULTURALE

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Allegato n.1 di 3 pagine al Decreto n.50/2016 Anno Accademico 2015/2016 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA

Dettagli

BANDO 2014/6 OLTRE IL DOPOSCUOLA Una rete scuola/famiglia/comunità per i ragazzi da 11 a 14 anni. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2014/6 OLTRE IL DOPOSCUOLA Una rete scuola/famiglia/comunità per i ragazzi da 11 a 14 anni. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2014/6 OLTRE IL DOPOSCUOLA Una rete scuola/famiglia/comunità per i ragazzi da 11 a 14 anni 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00

Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00 Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00 Termine massimo di conclusione del progetto: 31 maggio 2016 Termine massimo di presentazione della rendicontazione

Dettagli

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia COMUNE DI BRESCIA Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana ed il Comune di Brescia intendono congiuntamente continuare

Dettagli

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE)

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) 1 BANDO N. 2 ANNO 2014 PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE EDUCAZIONE,

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata.

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata. Comune di Ornago Provincia di Milano Via Santuario 6 20060 ORNAGO c.f. 05827280156 p.iva 00806390969 tel. 039-628631 - fax 039-6011094 www.comuneornago.it Regolamento per la presentazione ed il finanziamento

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART

CRITERI E MODALITA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART CRITERI E MODALITA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE 241/90, NELL AMBITO DELLE ATTIVITA CULTURALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Bando Patrocini 2015

Bando Patrocini 2015 Scadenza: 16/07 Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che consentano di riconoscere e soddisfare

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

1 - Promotore e finalità del bando

1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2016/1 SOSTEGNO ALLA FRAGILITA 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus (di seguito Fondazione) promuove un

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus promuove un bando per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO ART. 1 OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è volto a sostenere le iniziative di promozione del volontariato organizzate

Dettagli