Guinizzelli praised and explained (da [O] caro padre meo al XXVI del Purgatorio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guinizzelli praised and explained (da [O] caro padre meo al XXVI del Purgatorio)"

Transcript

1 the italianist Guinizzelli praised and explained (da [O] caro padre meo al XXVI del Purgatorio) Roberto Rea 1 Dante non gode di buona fama come critico letterario. Negli ultimi decenni, ripercorrendo i giudizi di valore e storiografici espressi da Dante su colleghi e predecessori in modo più o meno esplicito, dalla Vita nova al De vulgari eloquentia alla Commedia, la critica ha più volte insistito sulla loro interessata faziosità, sul loro sistematico asservimento a personali, e mutevoli, esigenze ideologiche e letterarie. 1 Insomma, giudizi dettati da quelli che di volta in volta sono per citare un nota definizione di Marti gli umori del critico militante : rispondenti esclusivamente all intento di fondo di riscrivere la storia della lirica aulica a proprio vantaggio, ridefinendo ruoli e genealogie, riassegnando meriti e demeriti, denunciando e tacendo a seconda delle convenienze. Momento culminante e punto di approdo di questa capziosa strategia critica è l incontro ultraterreno con Guido Guinizzelli nel XXVI del Purgatorio. 2 Episodio davvero cruciale, che permette a Dante di chiudere definitivamente i conti non solo con i suoi predecessori, ma anche con il suo stesso passato di poeta amoroso, se, come pare fuor di dubbio, il fuoco di Purg. XXVI purifica la poesia d amore laica. 3 Tuttavia, il superamento di quell esperienza in nome di una diversa e più alta missione, implicante una superiore consacrazione del proprio ruolo di poeta, non trattiene Dante dal ribadire una volta per tutte, proprio al momento del definitivo congedo da quella stagione e da quei valori, nell ultima cornice del Purgatorio, i nomi di chi ha fondato il canone della migliore lirica volgare e quelli di chi da quel canone doveva rimanere per sempre escluso. Di qui il commosso riconoscimento di Guinizzelli come padre mio e de li altri miei miglior che mai rime d amore usar dolci e leggiadre (vv ), l investitura, per bocca dello stesso poeta bolognese, di Arnaut Daniel come miglior fabbro del parlar materno (v. 117), nonché, infine, l inevitabile condanna di Guittone, esaltato dal grido effimero degli stolti e finalmente vinto dall oggettivo manifestarsi dell eccellenza della

2 2 the italianist poesia stilnovista (vv Così fer molti antichi di Guittone, di grido in grido pur lui dando pregio, fin che l ha vinto il ver con più persone ). L istanza dantesca di revisione storiografica è parsa raggiungere in quest ultimo atto il suo massimo grado di disinvoltura, giacché non si limita a imporre il punto di vista dell autore, ma, come del resto già accaduto nell incontro con Bonagiunta del canto XXIV, ne delega i giudizi ad una delle personalità storiche coinvolte, qui addirittura il padre Guinizzelli. Gli studiosi non hanno avuto dubbi a ravvisare nell episodio una sorta di riduzione del Guinizzelli ad espediente e a pretesto amplificatorio delle idee e dei giudizi del medesimo Dante. Insomma, un padre di fatto plagiato dalla prepotente personalità del figlio. 4 Per quel che riguarda poi la specifica condanna di Guittone, la mistificazione dantesca è sembrata spingersi fino al ribaltamento dell effettiva realtà storica. Come riconobbe per primo Wilkins, 5 in un celebre intervento riconosciuto come a classic point of reference in the critical debate, 6 Dante sembra mettere in bocca al proprio padre un vero e proprio auto da fe, facendogli denigrare quel Guittone verso cui lo stesso poeta bolognese in vita aveva invece mostrato smaccata ammirazione con il deferentissimo sonetto [O] caro padre meo, nel quale riconosceva l aretino come maestro e gli chiedeva di correggere un suo componimento. Proprio all incipit di questo sonetto allude infatti l appellativo padre mio che Dante nell episodio purgatoriale riferisce allo stesso Guinizzelli. 7 Le dichiarazioni polemiche di quest ultimo in veste di spirito purgante costituirebbero quindi la necessaria palinodia dell incauta lode che da vivo aveva voluto tributare a Guittone. Quello dantesco sarebbe insomma un Guinizzelli, per usare l efficace formula di Wilkins, praised and corrected. 2 Questa interpretazione dell episodio purgatoriale, condivisa fino a pochi anni fa in modo pressoché unanime dalla critica, è stata revocata in dubbio da Luciano Rossi, che nella sua edizione commentata del poeta bolognese riconosce nel sonetto un contrafactum che si spinge fin quasi all irriverenza 8, quindi persuasivamente confutata dagli importanti studi di Paolo Borsa e Justin Steinberg. 9 I due studiosi, l uno indipendentemente dall altro e da diverse prospettive muovendo il primo da una reinterpretazione del sonetto [O] caro padre meo e dalla ridefinizione del ruolo culturale del poeta bolognese, il secondo da un attenta riconsiderazione della testimonianza dei Memoriali bolognesi nel relativo contesto storico-politico, hanno mostrato come il sonetto che Guinizzelli invia a Guittone sia da intendersi in senso antifrastico e quindi sarcasticamente polemico. Con la conseguenza che Dante nel Purgatorio non compierebbe alcun abuso nel momento in cui affida al medesimo Guinizzelli la condanna del poeta aretino.

3 Rea Guinizzelli praised and explained 3 Ha infatti ragione Borsa quando insiste sul fatto che l interpretazione tradizionale sia in realtà tutt altro che immune da dubbi e contraddizioni. Pur con tutta la diffidenza che possiamo nutrire verso i giudizi danteschi, riesce infatti difficile pensare che il poeta che fu il principale bersaglio polemico (Borsa, p. 14), non solo di Dante, ma anche di Cavalcanti, sarebbe stato venerato come maestro proprio da colui che quei medesimi poeti riconoscono, nei testi si badi bene ancor prima che nelle dichiarazioni di poetica, come costante modello e padre letterario. 10 Tanto più che l opposizione Guittone e Guido [Guinizzelli] non è solo frutto della sistemazione critica dantesca, se, come sembra più che probabile, il sonetto guittoniano S eo tale fosse ch io potesse stare intendeva assumere come bersaglio polemico soprattutto la poesia della lode guinizzelliana e se i due si trovarono su opposti fronti anche riguardo il cruciale dibattito cortese riguardante la questione del guiderdone amoroso. 11 Inoltre, rimane un dato di fatto la sostanziale diversità delle due maniere poetiche, 12 giacché neppure il Guinizzelli più arcaizzante è comunque accostabile all obscuritas artificiosa e formalistica dell aretino. 13 Lasciano infine perplessi gli stessi contenuti della supposta lode guinizzelliana, soprattutto se raffrontati con altri componimenti diretti a Guittone dai suoi stessi seguaci: per dirla in breve, è mai possibile che, se un guittoniano come Ubertino attacca il presunto saver di frate Guittone e la sua condizione di gaudente coniugato, Guido invece, che davvero guittoniano non appare mai, si sprofonda in una sperticata e poco opportuna lode? Ed è mai possibile che l elogio di un frate gaudente giunga proprio da un bolognese laico e per giunta ghibellino?. 14 In particolare, appare quantomeno incauta l enfatica lode guinizzelliana dei gaudii di cui Guittone gaude tra i gaudenti (vv. 7-8), argomento davvero assai inopportuno, 15 giacché gli appartenenti all Ordo militiae beatae Mariae Virginis gloriosae, detti comunemente frati Gaudenti, avevano, come dimostrano peraltro le autodifese in materia del medesimo Guittone, non pochi problemi a giustificare la disinvoltura con cui conciliavano abito talare e interessi mondani, disinvoltura che aveva guadagnato loro il significativo soprannome di capponi di Cristo. 16 Davvero si può pensare a Guinizzelli come a uno sprovveduto gaffeur? 17 Tali perplessità appaiono tanto più fondate se si colloca lo scambio di sonetti nel contesto socio-politico della Bologna degli anni Sessanta del Duecento, segnato dal conflitto fra la classe notarile e il potente ordine dei frati Gaudenti. 18 Di tale conflitto sarebbero espressione, secondo la persuasiva interpretazione di Steinberg, le stesse rime trascritte nei Memoriali bolognesi istituiti nel 1265 nell interesse dell oligarchia magnatizia per limitare il potere dei medesimi notai, 19 dai quali risultano sistematicamente assenti Guittone e seguaci, mentre sono presenti i Siciliani, Bonagiunta, Guinizzelli, Dante e gli stilnovisti. Ben lungi dal rispondere soltanto a contingenti esigenze giuridiche (riempire gli spazi bianchi dei registri), le poesie dei Memoriali testimonierebbero la resistenza opposta dai notai al governo oligarchico dei magnati controllato da Loderingo degli Andalò e Catalano dei

4 4 the italianist Catalani, fondatori dell ordine dei Gaudenti e amici del confratello, nonché ideologo del medesimo ordine, Guittone d Arezzo. 20 Alla luce di tale sociopolitical framework underlying the literary debate between Guittone and Guinizzelli (Steinberg, p. 43), assai difficilmente il sonetto che il giudice ghibellino bolognese Guido Guinizzelli invia al frate gaudente Guittone d Arezzo potrà essere stato ispirato da sincera e devota ammirazione. 21 Più verosimilmente, il componimento is poking fun at both the institution of the Jovial Friars and the poetic style of Guittone 22 e andrà quindi letto in senso ironico e provocatorio. 23 Così doveva intenderlo il medesimo Dante, il quale, molto probabilmente, aveva ben chiare e condivideva anche le implicazioni socio-politiche dell attacco guinizzelliano, se nel Purgatorio per decretare la riprovazione della poesia del gaudente Fra Guittone per bocca di Guinizzelli ricorre ai medesimi rimanti pregio : privilegio : collegio (Purg., XXVI ) che aveva adottato nell incontro infernale con i fondatori dello stesso ordine dei Gaudenti, i già citati Loderingo degli Andalò e Catalano dei Catalani, dannati fra gli ipocriti tristi (Inf., XXIII ) Dante dunque nell episodio purgatoriale, affidando a Guinizzelli la condanna di Guittone, non ribalta nessuna verità storica. Rende esplicito ciò che il sonetto guinizzelliano lasciava certo per un lettore moderno molto più ambiguamente di quanto non dovesse essere per un contemporaneo informato sui fatti implicito. Quello che ci si propone ora di dimostrare è che anche la pars construens del discorso del Guinizzelli dantesco, cioè l additamento di Arnaut Daniel come miglior fabbro, non sia un arbitraria forzatura di Dante, come da sempre unanimemente ritenuto, ma venga similmente autorizzata dallo stesso sonetto guinizzelliano [O] caro padre meo. Tra le pieghe dell abbondante esegesi che da sempre avvolge l episodio purgatoriale, c è un dato giudicato finora piuttosto marginale. Contini nel suo famoso intervento su Dante personaggio-poeta notò come un primo riferimento al sonetto guinizzelliano fosse inserito all interno del racconto purgatoriale mediante la ripresa dei rimanti rari (i)mbarchi : marchi di [O] caro padre meo (vv. 2 e 6) nelle battute iniziali pronunciate dall anima purgante di Guido (Purg., XXVI ): 25 Beato te, che de le nostre marche, ricominciò colei che pria m inchiese, per morir meglio, esperïenza imbarche! Ma ancora più rilevante risulta il fatto che tali rimanti fossero stati già adoperati da Arnaut Daniel in Si m fos Amors ( embarc e marc ; vv. 3 e 35). Questa coincidenza,

5 Rea Guinizzelli praised and explained 5 nei pochissimi casi in cui è stata notata, è stata valorizzata esclusivamente in prospettiva dantesca. In pratica, vi si è voluta ravvisare la volontà del medesimo Dante di insinuare comunque la predominanza della maestria arnaldiana sin dalle prime movenze dell incontro purgatoriale. 26 Non ci si è invece affatto interrogati sul significato della presenza di questi rimanti nel sonetto [O] caro padre meo. La questione non è di poco conto. Premesso che, come ormai largamente assodato in ambito di lirica romanza, l inserimento di una rima rara non è quasi mai stilisticamente (e ideologicamente) neutrale, 27 la scelta guinizzelliana di adottare rimanti arnaldiani nel sonetto rivolto contro Guittone potrebbe caricarsi, soprattutto alla luce delle dichiarazioni attribuite da Dante al personaggio Guinizzelli nel Purgatorio, di implicazioni tutt altro che marginali. Vale quindi la pena soffermarsi sui rimanti di [O] caro padre meo. Il loro esame puntuale rivela infatti che giocano un ruolo ben più decisivo di quanto non sia apparso finora. A partire dalla corrispondenza appena citata, che risulta in realtà più estesa di quanto segnalato, coinvolgendo tre rimanti su quattro della rima in archi delle quartine guinizzelliane: Arnaut, Si m fos Amors (BdT 29, 17 ; vv. 3, 11, 35): ja de mos jorns no m calgra far embarc don si belh dig mi tenon de joi larc que per vos son estrag caval e marc Guinizzelli, [O] caro padre meo (vv. 2, 6, 8): non bisogna ch alcun omo se mbarchi, che sembr à più via che Venezi à marchi; ch al me parer li gaudii àn sovralarchi. Si tratta di una coincidenza senz altro pregnante, poiché i rimanti in questione sono identificabili come arnaldiani non solo in ambito trobadorico, 28 ma anche in ambito italiano, dove l uso guinizzelliano della rima in archi non pare avere precedenti, ritrovandosi esclusivamente nell anonimo Cogli occhi, amor m archi (v. 1), marchi (v. 3), marchi (v. 5), marchi (v. 7) che dipende molto probabilmente dallo stesso sonetto di Guittone a Guido. 29 Anche l altra rima della quartine guinizzelliane, quella in aude, presenta tre rimanti su quattro sostanzialmente riconducibili ad Arnaut, 30 che li adotta nella canzone En breu brizara: 31 Arnaut, En breu brizara (BdT 29, 9 ; vv. 9, 17, 33): Amors es de pretz la claus Falhirs emendatz es laus Tan dopti que per non-aus Guinizzelli, [O] caro padre meo (vv. 1, 3, 5): [O] caro padre meo, de vostra laude ché n vostra mente intrar vizio non aude, a ciascun rëo sì la porta claude

6 6 the italianist Nella tradizione italiana tali rimanti risultano pure sufficientemente esclusivi, trovando in parte riscontro solo nel sonetto 192 (nell edizione Egidi) di Guittone (sonetto dedicato alla Temperanza): congaude (v. 9), laude (v. 11), aude (v. 13). Si tratta di una rima di estremo interesse, perché utilizzata da Guido anche nell ultima strofa di Al cor gentil, che sembra essere, anche sulla base di questo significativo legame, quella, fra le canzoni guinizzelliane, che presenta più carte in regola per poter essere allegata al sonetto in questione. 32 Ma decisivi per il riconoscimento della strategia guinizzelliana risultano i rimanti delle terzine cimi vimi limi, che scandiscono la provocatoria richiesta di correzione in cui culmina il sonetto, e che trovano puntuale riscontro nell arnaldiana Canso do ill mot: Arnaut, Canso do ill mot (BdT 29, 6; vv. 2-3, 12-14): fas pus era botono ill vim, e l aussor sim obri e lim motz de valor ab art d Amor Guinizzelli, [O] caro padre meo (vv. 10, 12, 14): al saver vostro, che l aguinchi e cimi, ch ell è congiunta certo a debel vimi: per vostra correzion lo vizio limi. Si tratta di una serie rimica che, com è noto, riveste un ruolo cruciale nella lirica di Arnaut, perché veicolata alla personale rivendicazione di una superiore maestria tecnica ispirata dal diretto magistero di Amore. 33 Un asserzione destinata a risuonare non solo nella celeberrima autodefinizione con cui Dante liquida la precedente tradizione lirica proprio in nome dell intimo insegnamento di Amore in Purgatorio, XXIV E io a lui: I mi son un che, quando Amor mi spira, noto, e a quel modo ch e ditta dentro vo significando ma anche nell orgogliosa dichiarazione con cui Cavalcanti chiude in modo perentorio la sua polemica con l Orlandi in Di vil matera, vv : Già non vi toccò lo sonetto primo Amore ha fabricato ciò ch io limo. 34 Nonostante che Arnaut derivi l uso della serie e le sue stesse dichiarazioni di poetica da Raimbaut d Aurenga, 35 e nonostante che altri trovatori dopo di lui abbiano adottato deliberatamente la medesima rima in ima in relazione al discorso metapoetico, ossia alle dichiarazioni del rimatore in merito al fare poesia, ai propri orientamenti stilistici e poetici (Santini, pp ), in area italiana tali rimanti, nonché la relativa rivendicazione di una superiore abilità tecnica affinata da Amore in persona, sono recepiti e riconosciuti come di matrice eminentemente arnaldiana. A testimoniarlo basta, credo, l unica altra attestazione della serie nella tradizione italiana che possiamo supporre grosso modo coeva a quella guinizzelliana. 36 Mi riferisco alla sua ripresa nella canzone Del meo voler di

7 Rea Guinizzelli praised and explained 7 Inghilfredi, segnata sin dall incipit da inequivocabili richiami alla celebre sestina di Arnaut. 37 In Del meo voler la rima in ima assume una funzione preminente proprio ai fini dell additamento del modello provenzale, essendo l unica ripetuta del componimento (stanza I: rima lima (vv. 2 e 5); stanza V percima dicima (vv. 51 e 54)), nonché quella su cui Inghilfredi impernia la rivendicazione del proprio trobar clus ( comenzo scura rima ; v. 2), arnaldianamente inteso come risultato di un supremo affinamento tecnico e intellettuale ( in lavoreo e lima ; v. 5). 38 Ad ulteriore dimostrazione della ricezione della serie come arnaldiana in ambito italiano si può, guardando alla sua successiva fortuna, chiamare in causa il sonetto denunciante i difetti della Commedia attribuito a Cino da Pistoia, dove i rimanti lima e cima precedono, nell ambito della critica rivolta a Dante circa la scelta dei poeti eletti a protagonisti dell episodio purgatoriale, l esplicita citazione del nome di Arnaut: 39 Infra gli altri diffetti del libello che mostra Dante signor d ogni rima, son duo sì grandi, ch a dritto si stima che n haggia l alma sua loco non bello. L un è che ragionando con Sordello et con molti altri della dotta lima, non fece motto a Honesto di ben cima, ch era presso ad Arnaldo Danïello Importa infine sottolineare che né Inghilfredi né Cino né nessun altro poeta italiano duecentesco recepisce il rimante arnaldiano vim, che trova quindi esclusiva corrispondenza nell occorrenza guinizzelliana del sostantivo vimi ([O] caro padre meo, v. 12), dato che assicura di per sé la diretta dipendenza di Guido da Arnaut. 4 Se quanto appena osservato è vero, non ci si può esimere dal domandarsi per quale ragione Guinizzelli in un sonetto in cui si prende gioco della conversione e della maniera poetica di Guittone adotti dei rimanti di chiara matrice arnaldiana o che comunque rinviano alle dichiarazioni di poetica dello stesso Arnaut. In altre parole, che significato può assumere nell ambito di un attacco polemico contro Guittone un allusione di tale portata al trobar car del maestro provenzale? Nella Toscana del terzo quarto del XIII secolo si può riscontrare un positivo interesse verso la lirica arnaldiana, che, benché non equiparabile alla celebrazione messa in atto da Dante dalle petrose al Purgatorio (e quindi ribadita da Petrarca

8 8 the italianist nei Trionfi), testimonia un apprezzamento della novità di quella poesia già prima dell operazione dantesca. Il primo prudente riconoscimento di Contini, formulato nella prefazione all edizione a cura di Toja della Rime del trovatore, di un Arnaut che aveva già lasciato il segno non solo, com è palese, nell Ighilfredi della già citata canzone Del meo voler, ma anche in Bonagiunta e Monte Andrea (ma in quest ultimo, secondo lo studioso, nello spirito più che nella lettera ), 40 andrà infatti corroborato e esteso alla luce delle recenti ricerche di Giovanna Santini sulla tradizione provenzale e italiana delle rime care di matrice arnaldiana (pp ). Dagli articolati percorsi ricostruiti da Santini emergono diversi nomi di poeti della seconda metà del secolo tra cui Pallamidesse Belindote, Tomaso da Faenza, Panuccio dal Bagno, di cui si veda in particolare la canzone Poi che mia voglia varcha, Chiaro Davanzati e, soprattutto, Monte Andrea, la cui canzone Tanto m abonda matera è un vero e proprio collettore di rime danieline (Santini, pp ) che attestano una buona ricezione in area toscana delle rimas caras del trovatore che Dante, qualche decennio più tardi, eleggerà a miglior fabbro (Santini, pp ). A questi nomi di poeti che riconobbero nella lirica di Arnaut un valido modello, bisogna aggiungere quello dello stesso Guinizzelli. 41 Con la precisazione però che Guido, al contrario dei suoi contemporanei, pare cogliere di Arnaut non tanto quello che, come appena osservato, è il tratto caratteristico più vistoso e quindi immediatamente imitato della sua lirica, ovvero l esibizione in rima di termini rari e foneticamente marcati, bensì la densità espressiva di alcune fulminanti metafore e immagini, anticipando così, anche per questa via, la ricezione dantesca. Penso, ad esempio, all immagine arnaldiana, senza riscontri a quanto pare nella lirica trobadorica, dell assalto di Amore in persona di Autet e bas (BdT 29, 5), per joi qu ai d els e del temps chan, mas Amors mi assauta (v. 8), ripresa nella sua icasticità in Lo vostro bel saluto, Amor m assale e già non ha reguardo s elli face peccato over merzede (vv. 3-4) e in Dolente, lasso, ché tu m assali, Amore, e mi combatti (v. 2), quindi riproposta, con la consueta prontezza che conferma la bontà dell intuizione guinizzelliana, da Dante, Spesse fiate, ch Amor m assale subitanamente (v. 5). Similmente, l uso guinizzelliano del verbo spogliare per esprimere la riduzione allo stremo dell amante di Fra l altre pene che pur lo stringe e di forza lo spoglia (v. 8) ricalca, anche nella figura sintattica, quello di Arnaut in Canson do ill mot (BdT 29, 6; v. 24): per tal trebalh que de joi lo despuelha ; in questo caso è Cavalcanti a dare seguito alla ripresa guinizzelliana, in Quando di morte e di vertù lo spoglia l afanno che m ha già quasi conquiso? (vv. 9-10) recuperando però dall originale danielino soggetto e enjambement. Direttamente ad Arnaut sembra pure doversi ricondurre l esteso paragone dell amante con la foglia caduta e secca di Sì sono angostïoso ( Disnaturato son come la foglia quand è caduta de la sua verdura, e tanto più che m è secca la scoglia ; vv. 5-7), che assorbe lessico e sintassi dal topos invernale dell esordio di

9 Rea Guinizzelli praised and explained 9 Quan chai (BdT 29, 16; vv. 1-4): Quan chai la fuelha dels aussors entressims e l freg s erguelha don seca l vais e l vims. Altro esordio danielino che sembra aver esercitato forti suggestioni su Guinizzelli è quello celebrante i molteplici colori della natura di Er vei vermeills (BdT 29, 4, vv. 1-2), Er vei vermeills, vertz, blaus, blancs, gruocs, vergiers, plais, plans, tertres e vaus, rifuso anch esso, con la sola variazione all interno della serie cromatica del bianco in oro, nella figura particolarmente cara a Guido della similitudine di Io voglio del ver: Verde river a lei rasembro e l âre, tutti color di fior, giano e vermiglio, oro ed azzurro e ricche gioi per dare (vv. 5-7). Così non può non lasciare traccia nella lirica di Guido anche il più famoso incipit della sestina, quasi un marchio di fabbrica arnaldiano: si confronti Lo ferm voler qu el cor m intra (Lo ferm voler, v. 1) con Guinizzelli Madonna mia: ch Amore e stella fermaron volere (v. 10). E se, come propone Brugnolo e come pare verosimile, il verbo pingere dell iterato adynaton di Donna, l amor mi sforza ( credo pinger l aire. A pinger l air son dato ; vv ) deve essere inteso nel senso di spingere (e non di dipingere, come vuole la maggior parte dei commentatori), 42 verrebbe ripresa da Guido anche l altrettanto celebre firma che Arnaut appone nel congedo Ab guai so (BdT 29, 10; v. 43): Ieu sui Arnautz q amas l aura. Chi invece sembra, almeno inizialmente, non aver affatto apprezzato le potenzialità della lirica arnaldiana, o di averlo comunque fatto solo in minima parte, è, sorprendentemente, proprio Guittone, nonostante si proponga esplicitamente come alfiere del trobar clus. 43 Di fronte alla vastità della produzione guittoniana e all apparente consonanza di maniera poetica con il trovatore diciamo, per ora, la condivisione dell opzione per una maniera riconducibile alle soluzioni formali del trobar clus, stupisce l esiguità dei riscontri arnaldiani nelle poesie dell aretino. Nel Guittone amoroso del canzoniere laurenziano gli unici casi di probabile imitazione di Arnaut sono rappresentati dalla rima in agra del sonetto De coralmente amar, forse direttamente prelevata da Arnaut, En breu brizara (BdT 29, 9), con cui condivide due rimanti, e dal sintagma ferm ò l volere del sonetto Poi pur di servo, che richiama il già citato incipit della sestina. 44 Per il resto, non pare esserci molto altro. Del Sal ha osservato che l imitazione del trovatore nel canzoniere dell aretino,, sembra piuttosto episodica; scarsa è anche l incidenza metrica e verbale della sestina, tradizionale vettore della fortuna metrica e verbale di Arnaut in Italia. 45 Pure dal già citato saggio di Santini sulla ricezione delle rime arnaldiane in Italia, sembra emergere, per quel che riguarda Guittone, un interesse tardo e almeno in parte mediato, giacché sono molto più frequenti le occorrenze di rime arnaldiane nei componimenti di Guittone scritti successivamente alla conversione (p. 173; n. 94). Insomma, trovano nella sostanza conferma quelle che erano state le conclusioni già di De Lollis, che nel suo saggio del 1922 dedicato proprio ad Arnaldo e Guittone, osservava che Guittone volle esser ad ogni

10 10 the italianist costo il campione del trobar clus in Italia. Ma non seguì come Dante, a un certo momento, le orme di Arnaldo. 46 A questo punto, però, soprattutto quando entrano in gioco i modelli provenzali, l etichetta di trobar clus, che convenzionalmente si applica alla maniera di Guittone in opposizione a una precedente tradizione, inaugurata dal Notaro e rilanciata in Toscana da Bonagiunta, assimilabile, per soluzioni stilistiche e retoriche, al modello del trobar leu rischia di rivelarsi insufficiente e richiede perciò ulteriori precisazioni. Nella lirica trobadorica la contrapposizione tra trobar leu e trobar clus, culminata nella famosa querelle fra Raimbaut d Aurenga e Giraut de Bornelh, viene infatti superata dall affermarsi di una nuova maniera preziosa, denominata trobar car o prim o ric. Tale ideale stilistico, promosso negli anni Sessanta del XII secolo dallo stesso Raimbaut, può essere inteso come un tentativo di superiore sintesi tra i due precedenti orientamenti: una poesia che, pur ereditando le soluzioni stilistiche del trobar clus, sublimate in un ricercato tessuto fonico, retorico e verbale (valorizzato soprattutto in sede rimica), esprime contenuti tuttavia limpidi e diretti, com era proprio del trobar leu. 47 Di tale differenziazione fra le diverse opzioni stilistiche del trobar doveva avere chiara coscienza lo stesso Guittone, il quale, nel famoso planh composto in occasione della morte del poeta Giacomo da Lèona, per celebrare l eccezionale maestria tecnica dell amico, opera, appunto, una distinzione fra una maniera piana, una sottil e una cara (Comune perta fa comun dolore, vv ): 48 Tu, frate mio, ver bon trovatore in piana e n sottile rima e n cara e in soavi e saggi e cari motti Questa tripartizione, che, come ha notato Rossi, si fonda sui testi originali dei trovatori e non è reperibile nella trattatistica all epoca accessibile, rispecchia fedelmente quella fra trobar leu (rima piana ), trobar clus (rima sottile ) e trobar car (rima cara ), 49 cui l aretino fa corrispondere, rispettivamente, soavi e saggi e cari motti (v. 18). In sintesi, si può quindi affermare che anche nel ristretto perimetro della poesia Toscana del Duecento non solo c era, com è stato notato, trobar clus e trobar clus (Giunta, p. 236), ma ci doveva pure essere, almeno presso i poeti più solidi e aggiornati, una buona consapevolezza del relativo dibattito teorico e delle diverse opzioni che avevano segnato l evoluzione dei modelli trobadorici. Naturalmente, quando si guarda alla prassi poetica, la distinzione tra trobar clus e trobar car non poteva essere netta né poteva imporre scelte inconciliabili, come del resto già presso le ultime generazioni di trovatori, tuttavia, almeno sul piano teorico e su quello dei grandi modelli di riferimento, doveva essere viva e operante. La ricezione delle rimas caras arnaldiane, non soggette alla mediazione del dominante

11 Rea Guinizzelli praised and explained 11 modello guittoniano, presso la seconda generazione di poeti italiani, i cosiddetti siculo-toscani, testimonia l interesse per quella specifica corrente lirica. 50 La scelta di Guittone è stata invece un altra. Le sue poesie tese all oscurità del dettato rimandano non al trobar car di Raimbaut e Arnaut, bensì al precedente ideale stilistico del trobar clus, da lui perseguito soprattutto mediante la frammentazione della sintassi, l artificiosità verbale, l ostentato ricorso all equivocatio, massimamente in rima. 51 In particolare, Guittone sembra ispirarsi direttamente al grande modello marcabruniano, se lo scuro detto che egli rivendica come personale cifra stilistica (Tuttor s eo veglio o dormo, vv ): Scuro saccio che par lo mio detto, ma che parlo a chi s entend ed ame rappresenta, come osservato da Leonardi, un allusione precisa alla paraul escura di Marcabru, ovvero all autore provenzale più motivato ideologicamente e a un programma poetico in cui la difficoltà è funzionale ad un ardua razo (come per la ragione che abbonderà a frate Guittone) (Leonardi, Canzoniere, pp. xix-xxi). Volendo fare ancora riferimento alla tripartizione fissata nel planh per Giacomo da Lèona, la scelta dell aretino è soprattutto per la sottile rima, che corrisponde, sul piano dei contenuti, ai saggi motti, vale a dire, nel suo caso, all espressione di un saver imperniato su una dottrina eticamente (e ideologicamente) inclinata. Insomma, Guittone, e poi con ancora maggiore convinzione Fra Guittone, tenta di imporre in Toscana, rivendicandolo orgogliosamente, un ideale stilistico che recupera i caratteri distintivi del trobar clus provenzale, a partire dall artificiosa obscuritas del dettato, rimanendo invece piuttosto freddo nei confronti del più attuale modello delle rimas caras arnaldiane, recepito da diversi suoi contemporanei. Tutto ciò non poteva sfuggire a Guinizzelli, che, peraltro, pur percorrendo a sua volta altre vie, più personali e innovative, senz altro conosceva e apprezzava, come abbiamo visto, il modello lirico danielino. Ecco allora che le allusioni al trobar car di Arnaut contenute in [O] caro padre meo potrebbero assumere un significato ben preciso. Al momento di mettere in atto un attacco su larga scala, che coinvolge non solo la maniera poetica, ma anche la personalità morale e politica dell avversario, Guido non si lascia sfuggire l opportunità di denunciare come ormai superata l obscuritas rigida e artificiosa del trobar clus guittoniano, additandogli la limpida e raffinata plasticità del trobar car arnaldiano. Questo pare potersi desumere non solo dalla scelta, comunque emblematica, dei rimanti, ma anche da un complessivo riesame stilistico-retorico del sonetto guinizzelliano e della relativa risposta guittoniana, che converrà a questo punto rileggere per intero: 52

12 12 the italianist Guinizzelli, [O] caro padre meo: O] caro padre meo, de vostra laude non bisogna ch alcun omo se mbarchi, ché n vostra mente intrar vizio non aude, che for de sé vostro saver non l archi: a ciascun rëo sì la porta claude, che sembr à più via che Venezi à marchi; entr a Gaudenti ben vostr alma gaude, ch al me parer li gaudii àn sovralarchi. Prendete la canzon, la qual io porgo al saver vostro, che l aguinchi e cimi, ch a voi ciò solo com a mastr accorgo, ch ell è congiunta certo a debel vimi: però mirate di lei ciacun borgo per vostra correzion lo vizio limi. Guittone, Figlio mio dilettoso: Figlio mio dilettoso, in faccia laude non con descrezïon, sembrame, m archi; lauda sua volonter non saggio l aude, se tutto laudator giusto ben marchi; per che laudar te te non cor me l aude, tutto che laude merti a laude marchi: laudando sparte bon de valor laude, legge orrando di saggi e non di marchi. Ma se che degno sia figlio m acorgo, no amo certo guaire a tte dicimi, ché volonteri a la tua lauda accorgo; la grazia tüa che padre dicimi, ché figli ò tale assai pago, corgo, purché vera sapienza a ppoder cimi. È evidente che Guido adotti per l occasione un registro stilisticamente molto marcato, che si distacca dalla sua maniera consueta. Ma siamo proprio certi che, come da più parti osservato, il suo proponimento di fondo sia quello di comporre un sonetto chiaramente mimetico della maniera dell aretino? 53 Il lessico tende per usare una efficace categoria continiana verso un raffinato, ma tutto sommato controllato, plurilinguismo: ci sono latinismi (la serie rimica laude, aude, claude, gaude ), provenzalismi ( sovralarchi ), costrutti gallicizzanti (la preposizione a con valore strumentale), termini dialettali ( aguinchi ), forme rare ( accorgo affido ). 54 Più notevole è l alta densità di traslati: dalla metafora nautica del v. 2 ( [i]mbarchi ) ai predicati riferiti al vizio dei vv. 3-5 ( [i]n vostra mente intrar vizio non aude ; archi ; la porta claude ), fino, passando per l iperbole del v. 6 ( che Venezi à marchi ), all estesa metafora agricola dei vv ( aguinchi e cimi vimi ; per chiudere su quella artigianale del v. 14 ( lo vizio limi ). Ma per quanto riguarda quelli che possono essere considerati i caratteri fondanti dello scuro detto di Guittone, cioè le rime equivoche di ardua decifrazione, gli artificiosi giochi retorico-verbali, le insistite figure etimologiche, si registra davvero poco o nulla. La rima l archi sopralarchi è più ricca che equivoca contraffatta e comunque risulta tutt altro che ambigua. L unico espediente guittoniano risulta significativamente essere la misurata adnominatio dei vv. 7-8 Gaudenti gaude gaudii che, ben lungi dall esaurirsi in un virtuosismo formale, rappresenta in realtà il fulcro dell attacco guinizzelliano, ironizzando sui poco spirituali gaudi di cui gioiscono i Gaudenti. Nel complesso si può quindi affermare che la ricchezza linguistico-retorica, valorizzata soprattutto in sede rimica, non compromette il dettato del sonetto, che, al di là del suo valore antifrastico di fondo, risulta chiaro dei suoi contenuti. Se volessimo applicare un etichetta stilistica al componimento, la più confacente sarebbe quella del trobar car.

13 Rea Guinizzelli praised and explained 13 La risposta di Guittone, invece, a ben guardare, va in un altra direzione, che presuppone una diversa opzione stilistica di fondo. Il sonetto risulta intessuto pressoché esclusivamente di rime equivoche ed equivoche contraffatte, operate come variazioni su quattro rimanti guinizzelliani, che rendono l interpretazione non solo ardua, ma come si sente in dovere di premettere lo stesso Contini inevitabilmente congetturale (Poeti del Duecento, II, 485). Anche per quel che riguarda i virtuosismi verbali, siamo su altri livelli, con l abnorme adnominatio: laude (v. 1); lauda (v. 3); laudator (v. 4); laudar e laude (v. 5); laude (v. 6; due volte); laudando e laude (v. 7); lauda (v. 11). A complicare il tutto interviene anche la disposizione franta e artificiosa delle parole, che rende difficilmente riconoscibili o intenzionalmente ambigue relazioni e funzioni sintattiche, come ad esempio nel caso dei vv. 3-4 letti da Rossi: lauda sua volonter-non, saggio, l aude se tutto, laudator giusto, ben marchi. 55 Non c è dubbio che tali esibiti virtuosismi linguistici e formali siano programmaticamente funzionali all oscurità del dettato. In questo caso l etichetta da applicare sarà senz altro quella del trobar clus. Insomma, un attenta rilettura linguistico-retorica dei due sonetti mostra, a mio avviso, che Guittone a Guinizzelli non dà, come comunemente ritenuto, une leçon technique, 56 bensì una lezione della sua tecnica, o meglio, dell ideale stilistico del suo personale trobar clus, rispondendo così alla provocazione di Guido, che nel suo sonetto gli aveva maliziosamente additato il più prezioso e aggiornato modello delle rimas caras arnaldiane. 5 Naturalmente, giova ripetere, l additamento della poesia di Arnaut è solo un aspetto dell attacco mosso a Guittone: integra e completa una polemica che mirava a destabilizzare il ruolo e la figura di una delle personalità culturali più influenti del suo tempo. Si tratta tuttavia di un aspetto non marginale, soprattutto in prospettiva dantesca. Giacché se ne deve dedurre che anche il riconoscimento della superiore maestria di Arnaut, come altre fondamentali conquiste della poesia di Dante, muove da un intuizione di Guinizzelli, che viene, al solito, acquisita e promossa ideologicamente. 57 Così, quando Dante affida alla voce di Guinizzelli la condanna della maniera di Guittone e la celebrazione della poesia di Arnaut, non mistifica affatto le opinioni e la funzione storica del poeta bolognese, bensì le ribadisce in modo inequivocabile. Riadattando la fortunata formula di Wilkins, potremmo dire che quello dantesco è un Guinizzelli praised and explained. Insomma, la storia della poesia aulica tracciata da Dante in Purgatorio, sarà pure interessata e faziosa e questo non dovrebbe comunque stupire, giacché, si sa, la storia la scrivono i

14 14 the italianist vincitori, ma risulta, almeno per quel che riguarda le posizioni e le scelte di quei medesimi vincitori, sostanzialmente veritiera. 58 Note 1 Si vedano, in particolare, Mario Marti, Con Dante tra i poeti del suo tempo (Lecce: Milella, 1966); Teodolinda Barolini, Dante s poets. Textuality and Truth in the Comedy (Princeton: Princeton University Press, 1984), traduzione italiana: Il miglior fabbro: Dante e i poeti della Commedia (Torino: Bollati Boringhieri, 1993); Claudio Giunta, La poesia italiana nell età di Dante: la linea Bonagiunta-Guinizzelli (Bologna: Il Mulino, 1998). 2 La bibliografia sul canto è, come si sa, amplissima; mi limito a ricordare i contributi di Aurelio Roncaglia, Il canto XXVI del Purgatorio (Roma: Signorelli, 1955); Angelo Monteverdi, Canto XXVI, in Lectura Dantis Scaligera: Purgatorio (Firenze: Le Monnier, 1965), pp ; Gianfranco Folena, Il canto di Guido Guinizzelli, Giornale Storico della Letteratura Italiana, CLIV (1977), ; Mario Marti, Il XXVI del Purgatorio come omaggio d arte: Guinizzelli e Daniello nel cammino poetico di Dante, in Studi su Dante (Galatina: Congedo, 1984), pp ; Luigi Blasucci, Autobiografia letteraria e costruzione narrativa nel XXVI del Purgatorio, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, 3.18 (1988), III, , cui si può aggiungere il più recente Francesco Sberlati, Maestri e amici nel XXVI del Purgatorio, Studi e problemi di critica testuale, 65 (2002), Così Giunta (p. 54), che rimanda a Blasucci: La condanna dantesca non è aneddotica ma ideologica; di qui la scelta non di due comprimari, ma di due maestri della lirica amorosa (p. 1053). 4 Le citazioni sono tratte da Marti, p. 166, e si veda pure più avanti: il giudizio su Guittone è anche qui giudizio dantesco (pur non ignorando che con Guittone il Guinizzelli ebbe a polemizzare), e anzi tipicamente dantesco, così come soltanto danteschi sono i giudizi su Arnaldo Daniello e su Girardo di Bornello. Direi che la sovrapposizione di Dante sulla figura del Guinizzelli in questi versi è piena e totale. 5 Si veda Ernest Hatch Wilkins, Guinizelli praised and corrected (1917), in The Invention of the Sonnet and Other Studies in Italian Literature (Roma: Edizioni di Storia e Letteratura, 1959), pp Si veda Prue Shaw, A note on Purgatory XXVI, 126, Modern Language Review 84.3 (1989), L allusione è parsa certa anche a Contini, secondo cui l episodio è assai meno una dichiarazione di guinizzellismo che, sotto forma di palinodia, una proclamazione antiguittoniana ; Gianfranco Contini, Dante come personaggio-poeta della Commedia (1958), in Un idea di Dante (Torino: Einaudi, 1976), pp (pp ). Si veda anche Poeti del Duecento, a cura di Gianfranco Contini, 2 voll. (Milano-Napoli: Ricciardi, 1960), II, Si veda Guido Guinizzelli, Rime, a cura di Luciano Rossi (Torino: Einaudi, 2002), pp. xxv-xxviii e Rossi riconosce dietro il sonetto guinizzelliano una volontà parodica di fondo. Si è espresso a favore di una lettura in senso ironico del sonetto anche Roberto Antonelli, Dal Notaro a Guinizzelli, in Da Guido Guinizzelli a Dante. Nuove prospettive sulla lirica del Duecento, Atti del Convegno di Studi (Padova-Monselice, maggio 2002), a cura di Furio Brugnolo e Gianfelice Peron (Padova: Il Poligrafo, 2004), pp (p. 144, n. 81). 9 Si vedano Paolo Borsa, La nuova poesia di Guido Guinizzelli (Fiesole: Cadmo, 2007) (il capitolo I del libro, che contiene l interpretazione che qui interessa, era stato pubblicato con il titolo La tenzone tra Guido Guinizzelli e frate Guittone D Arezzo, in Studi e problemi di critica testuale, LXV (2002), 47-88); J. Steinberg, Accounting for Dante. Urban Readers and Writers in Late Medieval Italy (Notre Dame: University of Notre Dame Press, 2007). 10 Sull ampio e costante magistero esercitato da Guinizzelli su Cavalcanti si vedano Lino Leonardi, Guinizzelli e Cavalcanti, in Brugnolo e Peron, pp ; Roberto Rea, Cavalcanti poeta. Uno studio sul lessico lirico (Roma: Nuova Cultura, 2008), pp Si veda Borsa, pp (con rinvio, per quel che riguarda la questione della ricompensa amorosa, a Antonelli, pp ). Inoltre non appare inverosimile

15 Rea Guinizzelli praised and explained 15 l ipotesi di Santangelo recentemente ripresa da Luciano Rossi di riconoscere nello stesso Guinizzelli, e non in Bernart de Ventadorn, come comunemente ritenuto, l obiettivo polemico del manifesto guittoniano Ora parrà s eo saverò cantare (Borsa, p. 183 e relativi rimandi). 12 Borsa, pp. 17 ss. La tradizionale interpretazione di un giovane Guinizzelli guittoniano pare inoltre difficilmente accettabile anche sulla base delle recenti scoperte di Armando Antonelli, Nuovi documenti sulla famiglia Guinizelli, in Brugnolo e Peron, pp , da cui si desume che Guinizzelli era molto probabilmente coetaneo, se non più anziano, di Guittone. 13 Anche la canzone Lo fin pregi avanzato, tradizionalmente considerata guittoniana, rappresenta piuttosto un esempio di trobar clus di chiara ispirazione occitanica, soprattutto nelle invenzioni lessicali e nelle scelte metriche (Rossi, Rime, p. 23). 14 Si veda Borsa, pp Sulle implicazioni politicosociali della polemica si veda più avanti. 15 Si veda a riguardo anche Rossi, Rime, p. xxv. 16 Come scrive Villani (Nuova cronica, VIII. 13), i Gaudenti seguiro al nome il fatto, cioè d intendere più a godere ch ad altro. 17 Parla esplicitamente di una gaffe Sanguineti, in Guido Guinizzelli, Poesie, a cura di Edoardo Sanguineti (Milano: Mondadori, 1986), p. x. 18 Si veda Steinberg, pp , da integrare con Borsa, pp Si veda Steinberg: the Memoriali bolognesi represented a more or less direct attack on the independence of the notarial guild by appropriating their legal authority and fides publica (p. 30), e anche Borsa, pp Si veda Steinberg: the transcription by the notaries can be read as an expression of autonomy against both the professional control formerly imposed upon them with the istitution of the Memoriali and the cultural repression carried out by Guittone and the Jovial Friar order (p. 44). 21 Il progetto della milizia gaudente non poteva, dunque, incontrare il favore di Guinizelli, il quale, coerentemente schierato su posizioni ghibelline, da un lato non avrebbe potuto tollerare che il tentativo di conciliazione delle parti e di moralizzazione della classe aristocratica fosse affidato a un istituzione patrocinata dall autorità ecclesiastica né, dall altro, avrebbe potuto concepire che la legittimazione del primato della declinante nobiltà militare cittadina passasse attraverso una sacralizzazione dei suoi attributi laici, secondo un preciso disegno politico pontificio di controllo e direzione dei ceti dirigenti comunali, evidente fin dalla fondazione dell ordine. Inoltre, poiché il principato aristocratico costituiva l autentico fondamento della milizia della Vergine, determinante per l elezione dei suoi membri, la posizione dei gaudenti sulla nobilitas, in particolare sullo scorcio degli anni Sessanta, era invece chiara, e verosimilmente incompatibile con la sapientia giuridica, oltre che con la ferma presa di posizione anti-guelfa, del giudice Guinizzelli (Borsa, pp e ). 22 Steinberg, p. 37. In questa direzione possono essere interpretati, in particolare, l attacco [O] caro padre meo, che mimics the language Fra Guittone uses in addressing his new devotional public, perhaps most importantly, Padre dei padri miei e mio messere, addressed to none other than Fra Loderingo degli Andalò, nonché il ricorso ai termini gaudio (vv. 5 e 6) e reo (v. 4), spesso adoperati da Fra Guittone nei suoi componimenti. 23 Secondo Borsa l istanza ironico-parodica si spinge fino a prevedere una voluta duplice significazione (p. 29), che fa leva sulla visual ambiguity dell antica forma manoscritta (p. 49): il testo è concepito da Guinizzelli in modo che siano consentite due diverse letture: sul recto, per così dire, la laude di frate Guittone (con annessa richiesta di correzione), il messaggio apparente; sul verso la critica del suo falso saver, il vero messaggio (p. 45). 24 Si veda Borsa, pp Si veda Contini, Dante come personaggio-poeta, pp e Poeti del Duecento, II, , quindi Monteverdi, p. 31 e Mauro Braccini, Paralipomeni al Personaggio-Poeta (Purg., XXVI ), in Testi e interpretazioni. Studi del Seminario di Filologia romanza dell Università di Firenze (Milano-Napoli: Ricciardi,1978), pp (p. 209, n. 1). 26 Così Braccini, p. 209 n. 1. Gli unici altri studiosi che hanno segnalato l origine danielina della rima sono stati Nievo Del Sal, Guittone (e i guittoniani) nella Commedia, Studi danteschi, 61 (1989), (p. 125 n. 46), e Borsa, p Così Giovanna Santini, Tradurre la rima. Sulle origini del lessico rimico nella lirica italiana del Duecento (Roma: Bagatto, 2007), p. 141.

16 16 the italianist Si veda ancora Santini, p. 143 (pure per la successiva fortuna di tali rimanti nella poesia trobadorica). 29 Si veda I Poeti della Scuola Siciliana, 3 voll., vol. III: Poeti siculo-toscani, a cura di Rosario Coluccia (Milano: Mondadori, 2008), pp Si noti inoltre che la canzone arnaldiana Si m fos Amors godrà di buona fortuna presso gli stilnovisti, venendo imitata nel movimento incipitario da Cavalcanti e citata da Dante nel De vulgari eloquentia (II. xiii. 2). Si veda Roberto Rea, Stilnovismo cavalcantiano e tradizione cortese (Roma: Bagatto, 2007), p In ambito trobadorico la serie si ritrova anche in Berenguer de Palol 8 (BdT 47, 11), claus (v. 5), suaus (v. 12), laus (v. 19), repaus (v. 26) n aus (v. 33), enclaus (v. 36) e Giraut de Borneil 65 (BdT 242, 67), laus (v. 7), repaus (v. 14), suaus (v. 21), naus (v. 28), paus (v. 35), bertaus (v. 42), claus (v. 49), aus (v. 53). 31 Si noti che anche questo componimento arnaldiano è stato probabilmente ripreso da Cavalcanti: si confrontino i vv e traga m ams los huoills crancs s a lieis vezer no ls estuich con Perché non fuoro, vv. 1-2 Perché non fuoro a me gli occhi dispenti o tolti, sì che de la lor veduta. Aggiungo questo tassello al quadro tracciato in Rea, Stilnovismo cavalcantiano, pp Si veda Borsa, pp (di cui si vedano pure le successive argomentazioni) e Steinberg, pp , con relativi rimandi bibliografici. 33 Un analoga dichiarazione contrassegna l altrettanto celebre esordio di Ab guai so (BdT 29, 10), dove si ritrovano due dei tre rimanti ripresi da Guido ( quan n aurai passat la lima e sieu so del pe tro qu al cima ; vv. 4 e 11). Si veda pure Quan chai la fuelha (BdT 29, 16), entressims, vims (vv. 2 e 4) ( refrims, prims ; vv. 5 e 7). 34 Si veda Rea, Stilnovismo cavalcantiano, pp Cavalcanti, assumendo lo stesso Amore come maestro e garante dell inarrivabile perfezione del proprio canto, dimostra di aver recepito e di condividere appieno la novità delle dichiarazioni di Arnaut. Soltanto per Arnaut infatti, a differenza di quanto accade con il suo diretto predecessore Raimbaut d Aurenga è Amore che indora le parole, è Amore che porta il poeta all utilizzo di quegli artifici criticati dal grande moralista [Marcabru]. L Amore che canta Arnaut Daniel è in grado di elevare e affinare l animo come le parole: Amore è la causa del perfezionamento sentimentale e retorico del poeta ; Paolo Canettieri, Il gioco delle forme nella lirica dei trovatori (Roma: Bagatto, 1996), p. 197; si veda anche Linda M. Paterson, Troubadours and Eloquence (Oxford: Clarendon Press, 1975), p Si veda Canettieri, pp , che rimanda in particolare a En aital rimeta prima (BdT 389, 26), nella quale è da riconoscere il nucleo generatore dell arnaldiana Canso do ill mot. Si noti comunque che i rimanti rambaldiani in questione si trovano distribuiti in due diverse serie: prim (v. 2), lim (v. 10), cim (v. 18), rim (v. 26), escrim (v. 34), grim (v. 42); cui si può aggiungere Aissi mou (BdT 389, 3), prim (v. 25), rim (v. 26), rim (v. 37), prim (v. 38), vim (v. 73), cim (v. 74), cim (v. 85), vim (v. 86). 36 Nella lirica successiva la serie di rimanti in im di Canso do ill mot trova comunque corrispondenti soltanto parziali (si veda Santini, p. 311). 37 Si vedano da ultimi Santini, pp e M. Berisso in I Poeti della Scuola Siciliana, III, La serie rimica è ripresa da Onesto da Bologna, S io non temesse: prima (v. 1), lima (v. 3), cima (v. 5), lima (v. 7). Guido Orlandi 3b, 14 chi prima vòl dorare e poi lo lima è invece da ricondurre a Peire d Alvernha[?], Abans qe il blanc (BdT 323, 1; v. 23) quan vol daurar e puois lima. 39 Cito il testo da Luca Carlo Rossi, Una ricomposta tenzone (autentica?) fra Cino da Pistoia e Bosone da Gubbio, Italia Medievale e Umanistica, XXXI (1988), 45-79, cui si rimanda anche per la questione della paternità ciniana del sonetto. 40 Si veda Gianfranco Contini, Prefazione, in Arnaut Daniel, Canzoni, a cura di Gianluigi Toja (Firenze: Sansoni, 1960), p. xi. 41 Per avere un idea chiara e completa in proposito sarebbe necessaria un indagine approfondita e specifica del tipo Arnaut in Guinizzelli, tuttavia, mi sembra che già da un primo sondaggio si possano trarre indicazioni importanti. Alcuni dei raffronti citati qui di seguito (precisamente il terzo, il quarto e il quinto) muovono da segnalazioni contenute nella tesi di laurea di Carlo Gugliotta, Le fonti di Guido Guinizzelli, Sapienza Università di Roma,

17 Rea Guinizzelli praised and explained Si veda Furio Brugnolo, Spunti per un nuovo commento a Guinizzelli, in Intorno a Guido Guinizzelli, a cura di Luciano Rossi e Sara Alloatti Boller (Alessandria: Edizioni dell Orso, 2002), pp (pp ). 43 Sulle dichiarazioni di poetica di Guittone si veda da ultimo Borsa, pp Si veda Guittone d Arezzo, Canzoniere. I sonetti d amore del codice Laurenziano, a cura di Lino Leonardi (Torino: Einaudi, 1994), pp e Si veda Del Sal, p. 125 n. 47. Luciano Rossi, Guittone, i trovatori e i trovieri, in Guittone d Arezzo nel settimo centenario della morte, Atti del Convegno internazionale di Arezzo, aprile 1994, a cura di Michelangelo Picone (Firenze: Cesati, 1995), pp , indica come unica ripresa arnaldiana il celeberrimo sonetto 78 (pp ). 46 Si veda Cesare De Lollis, Arnaldo e Guittone (1922), in Scrittori d Italia. Cesare De Lollis, a cura di Gianfranco Contini e Vittorio Santoli (Milano-Napoli: Ricciardi, 1968), pp (p. 13). 47 Si veda Canettieri, pp Tra gli studi precedenti si aggiunga almeno Aurelio Roncaglia, Trobar clus : discussione aperta, Cultura Neolatina, 29 (1969), pp. 5-51; Costanzo Di Girolamo, Trobar clus e trobar leu, Medioevo romanzo, VIII ( ), 11-35; Paterson; Ulrich Mölk, Trobadorlyrik. Eine Einführung (Monaco: Artemis, 1982), traduzione italiana, La lirica dei trovatori (Bologna: Il Mulino, 2000), pp Cito da Poeti del Duecento, I, Così Rossi, Guittone, i trovatori e i trovieri, p. 13. L interpretazione mi sembra preferibile a quella di Contini, che identifica nella sottile rima la poesia morale e nella cara il trobar clus, e a quella di Bruni, che registra soltanto l opposizione trobar leu vs trobar clus (si vedano osservazioni e rimandi del medesimo Rossi). 50 Si rinvia ancora a Santini, pp Sullo stile di Guittone, ispirato dagli ideali del trobar clus, si vedano almeno Alberto Del Monte, Guittone dell aridità ( ), in Studi sulla poesia ermetica medievale (Napoli: Giannini, 1953), pp ; Achille Tartaro, Il manifesto di Guittone e altri studi fra Due e Quattrocento (Roma: Bulzoni 1974), pp ; Leonardi, Canzoniere, pp. xix-xxiv. 52 Cito i due testi da Borsa, pp. 14 e 53-54, ma per il primo sonetto al v. 6 scrivo marchi con la minuscola: mi sembra infatti significativa anche in tal senso la corrispondenza con Arnaut, Si m fos Amors, v. 35 citato sopra, dove marc vale marchi, denari. 53 Così Borsa, p 26; ma si veda anche Rossi, Rime, p. xxvxxvi. 54 Si veda anche la puntuale analisi di Borsa, pp Si veda Guinizzelli, Rime, pp , nonché la stessa rilettura del sonetto proposta da Borsa, pp Così Claude Margueron, Recherches sur Guittone d Arezzo (Paris: Presses Universitaire de France, 1966), p Anche in questo caso, inoltre, ciò avviene non senza la decisiva mediazione di Cavalcanti, che a sua volta aveva individuato in Arnaut un modello fecondo (si veda Rea, Stilnovismo cavalcantiano, pp ). 58 Tale discorso si può estendere al ruolo assegnato a Bonagiunta nell altro celebre incontro purgatoriale (si veda Rea, Stilnovismo cavalcantiano, pp ). Roberto Rea, Università di Roma Tor Vergata, Italy Department of Italian Studies, University of Reading and Departments of Italian, University of Cambridge and University of Leeds / X

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone:

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone: LETTERATURA ITALIANA 1. Osserva le foto di queste persone: a) In quale momento storico li situi? b) Quale credi che fosse la loro professione? Perché? c) Che cosa di questi dipinti attira la tua attenzione?

Dettagli

Traduzione matematica della metrica dantesca presente nella Divina Commedia.

Traduzione matematica della metrica dantesca presente nella Divina Commedia. Traduzione matematica della metrica dantesca presente nella Divina Commedia. 1. «Dante, come ben si sa, è innovatore dal di dentro, di schemi metrici ereditati dalla tradizione anteriore». È opinione largamente

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

Il Dolce stilnovo, di Elisa Bianco

Il Dolce stilnovo, di Elisa Bianco Il Dolce stilnovo, di Elisa Bianco Tra la fine del 200 e i primi del 300 fiorisce, prima a Bologna e poi a Firenze, una nuova scuola poetica, il Dolce stilnovo, che riprende e porta a maturazione le tematiche

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO via dei Donoratico, Cagliari (CA) Anno scolastico: 2013/2014 Programma di ITALIANO - Classe: 3 a F (Ind. Scientifico) Docente: prof.ssa Manuela Nonnis (sostituta

Dettagli

IPSSEOA "ADRIANO PETROCCHI" PROGRAMMA DI ITALIANO 3 A

IPSSEOA ADRIANO PETROCCHI PROGRAMMA DI ITALIANO 3 A IPSSEOA "ADRIANO PETROCCHI" PALOMBARA SABINA PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE III ª A ENOGASTRONOMIA A.S. 2014-2015 MODULO 0 PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL MATERIALE RELATIVO AL PROGETTO "SABINA A TAVOLA...

Dettagli

Scuola poetica siciliana

Scuola poetica siciliana Scuola poetica siciliana La scuola poetica siciliana, sorta attorno al 1230 nella corta dell l'imperatore e re di Sicilia Federico II di Svevia, produsse la prima lirica in volgare italiano. L attività

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi.

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi. ISTITUTO TECNICO COMMLE E PER GEOMETRI E. FERMI, IGLESIAS ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGRAMMA DI ITALIANO Classe III A TURISMO Docente: Prof.ssa Maria Dolores Mancosu Il contesto storico : l Europa intorno

Dettagli

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015 Programma di ITALIANO classe VB a.s. 2014/2015 GRAMMATICA: La frase complessa o periodo La struttura del periodo:proposizioni principali, coordinate e subordinate La proposizione principale I vari tipi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Classe IIIA. Obiettivi specifici

Classe IIIA. Obiettivi specifici Liceo scientifico A. Gramsci - Ivrea Anno scolastico 2013-2014 Classe IIIA Materia: Lingua e letteratura italiana Docente: Francesca Abiuso Finalità educative e formative generali Sviluppo delle diverse

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova DANTE ALIGHIERI La vita Dante nacque a Firenze nel 1265, da una famiglia nobile di parte guelfa che però era in condizioni economiche difficili. Tuttavia Dante ricevette un ottima educazione. Il suo maestro

Dettagli

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Bachelor of Arts Italiano ambito principale (120 crediti ECTS) Piano di studi I. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

La situazione argomentativa

La situazione argomentativa La situazione argomentativa II Le argomentazioni: che cosa sono e dove trovarle 5 1 Che cos è un argomentazione Tutti i testi che abbiamo letto e scritto nella Parte precedente, dall annuncio pubblicitario

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA (L11-L12) a.a. 2014/2015

FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA (L11-L12) a.a. 2014/2015 FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA (L11-L12) a.a. 2014/2015 Prof. Aggregato Beatrice Fedi b.fedi@unich.it Presentazione del Corso OGGETTO DEL CORSO Linguistica romanza: elementi di storia delle lingue romanze

Dettagli

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti Parlando dei principali tratti del neostardard, abbiamo menzionato

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Ci racconti cos'è e come nasce The Global Hamlet?

Ci racconti cos'è e come nasce The Global Hamlet? C'è una vera novità nel campo editoriale. Un progetto rivoluzionario che nasce dalla creatività e dall'esperienza di Simone Barillari, noto editor e traduttore, molto apprezzato da editori e lettori. Stavolta

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

Dante nella selva oscura

Dante nella selva oscura Dante nella selva oscura Da La Divina Commedia Inferno, Canto 1 I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) classi 4 A-4 E a.s. 2012/2013 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, 3 ché

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009 Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense Anno accademico 2008/2009 Elaborato in occasione del corso di francescanesimo: L anima francescana.

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE: IRENE SOMÀ CLASSE III SEZ. SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 2.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Progressiva affermazione dei volgari in Italia nel XIII secolo atti notarili in volgare o parzialmente in volgare statuti

Dettagli

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione.

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione. Piano di lavoro annuale Secondo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO STATALE "Ettore Majorana" CALTAGIRONE PROGRAMMA DI ITALIANO Anno scolastico 2013/2014 CLASSE II SEZIONE C IL TESTO POETICO La differenza tra poesia e prosa. Cos è la poesia; il poeta.

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly

Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly 2007 / n. 1 / gennaio-marzo Laboratorio di Ricerca Sociale Dipartimento di Scienze Sociali, Università di Pisa Direttore: Massimo Ampola Comitato scientifico:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca 21 giugno 2008 Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Belotti Via Ginnasio 2 6710 Biasca PRIMA LETTURA Cantico dei Cantici 2, 8 10.14.16a;

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

da divenire inadeguato a causa di questo timore; quindi tratterò della sua gentilezza in modo superficiale rispetto al suo valore reale, con voi,

da divenire inadeguato a causa di questo timore; quindi tratterò della sua gentilezza in modo superficiale rispetto al suo valore reale, con voi, Canzone tra le più note e conosciute della Vita Nova per il rilievo delle tematiche che Dante sviluppa (la "lode" di Beatrice e il nesso strettissimo tra la donna amata e la funzione religioso-salvifica

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

LICEO LINGUISTICO STATALE

LICEO LINGUISTICO STATALE LICEO STATALE SCIENTIFICO - LINGUISTICO - CLASSICO GALILEO GALILEI - LEGNANO PdQ - 7.06 Ediz.: 1 Rev.: 0 Data 02/09/05 Alleg.: D01 PROG. M2 PROCEDURA della QUALITA' Programma Didattico Annuale Anno Scolastico

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Prima di affrontare questa storia molto concisa delle traduzioni italiane di letteratura danese va fatta una precisazione: per letteratura

Dettagli

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI I Promessi Sposi 1 TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI S - Interesse per la Storia A - Intervento dell Autore nella Narrazione I C - Impegno Civile D - Visuale religiosa del Manzoni P - Personaggi

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

ANTONELLA ROVERE. Processi documentari e istituzioni comunali in area ligure e provenzale

ANTONELLA ROVERE. Processi documentari e istituzioni comunali in area ligure e provenzale ANTONELLA ROVERE Processi documentari e istituzioni comunali in area ligure e provenzale Scrineum Rivista 6 (2009) ISSN 1128-5656 2009 Università di

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data 28/05/2016 Pag. di 5 PROGRAMMA SVOLTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data 28/05/2016 Pag. di 5 PROGRAMMA SVOLTO Materia: Lingua e letteratura italiana Docente : Cocchetti Almasio classe :3BLiceo Scientifico ATTIVITA CONTENUTI PERIODO / DURATA Letteratura Introduzione allo studio della letteratura: analisi e contestualizzazione

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto

Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto Kalima (Parola) si propone di stringere una serie di accordi

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Analisi della poesia Il testo e la parafrasi La prima strofa verso 1 Oltre la sfera che gira più larga Dante concepisce la Terra immobile al centro dell'universo.

Dettagli

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Bachelor of Arts Italiano ambito principale (0 crediti ECTS) Piano di studi I. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Liceo Leonardo da Vinci - Casalecchio di Reno (BO) a.s. 2014/15. Insegnante: Serena Linea. PROGRAMMA CONSUNTIVO di ITALIANO

Liceo Leonardo da Vinci - Casalecchio di Reno (BO) a.s. 2014/15. Insegnante: Serena Linea. PROGRAMMA CONSUNTIVO di ITALIANO Liceo Leonardo da Vinci - Casalecchio di Reno (BO) a.s. 2014/15 Insegnante: Serena Linea PROGRAMMA CONSUNTIVO di ITALIANO Classe III BL Liceo Linguistico Percorso storico culturale. I luoghi ed i modi

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli