RAPPORTO DI RIESAME 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO DI RIESAME 2015"

Transcript

1 RAPPORTO DI RIESAME 2015 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Coordinatore del corso Prof. Carmelo Intrisano

2 Denominazione del Corso di Studio : ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Classe : LM-77 Sede : UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Gruppo di Riesame Prof. Carmelo Intrisano (Coordinatore del CdS) Responsabile del Riesame Prof. Raffaelle Trequattrini (Docente del Corso di Studio); Prof. Giuseppe Recinto (Docente del Corso di Studio); Dott.ssa Monica Fragnoli (Tecnico Amministrativo con funzione Operatore Manageriale della Didattica) Dott.ssa Martina Mignanelli (Rappresentante degli studenti in seno al Corso di Studio) La Commissione Didattica in data 7 gennaio 2015 ha deliberato la sostituzione del Prof. Giuseppe Russo con il Prof. Carmelo Intrisano, quale Responsabile del Riesame e della Dott.ssa Anna Maria Cesareo con la Dott.ssa Martina Mignaelli, quale rappresentante degli studenti Il Gruppo di riesame si è riunito in data 7 gennaio per la discussione degli argomenti riportati nei quadri delle sezioni del presente Rapporto di Riesame. Al termine della discussione il Gruppo ha proceduto alla stesura del Rapporto. La Commissione Didattica del CdS in data 15 gennaio ha approvato il presente Rapporto di Riesame

3 I - Rapporto di Riesame annuale sul Corso di Studio 1 - L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS Il Corso di Studio in Economia e Diritto d impresa è stato attivato nell a.a , per offrire un percorso formativo maggiormente rispondente alla domanda del mercato del lavoro. Segnatamente, la formazione del laureato magistrale in ECONOMIA E DIRITTO D'IMPRESA (EDI) è incentrata sull'approfondimento e studio di discipline caratterizzanti e specifiche dell'ambito economicoaziendale, matematico-statistico e giuridico d'impresa. Il percorso formativo è, inoltre, arricchito attraverso la previsione di materie affini che assicurano il completamento della formazione dei laureati in vista di un loro più agevole inserimento nel mondo del lavoro, con particolare riferimento al settore giuridico-aziendale. Il Corso di Studio presenta la sua maggiore criticità nel calo delle immatricolazioni. Di contro evidenzia un buon livello di soddisfazione da parte degli studenti e dei laureati in uscita. Relativamente a quanto suggerito nelle linee guida Anvur, si riportano di seguito i dati del CdS, opportunamente confrontati con i corrispondenti valori del CdS MANAGEMENT, in quanto Corso affine della classe LM a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI INGRESSO Obiettivo n. 1: Fronteggiare la leggera e costante flessione del numero degli iscritti Azioni intraprese: Riparametrazione offerta formativa Stato di avanzamento dell azione correttiva: La riparametrazione non ha raggiunto pienamente l obiettivo. Il numero degli iscritti ha infatti subito una contrazione (-7%) leggera ma comunque superiore a quella dell a.a. precedente (-3%). Ciò è da ascrivere anche alla flessione delle immatricolazioni registrata a livello nazionale. Considerato, tuttavia, l andamento delle iscrizioni in Management, quale Corso peer, il dato induce a presumere che l azione programmata (riparametrare l offerta formativa) non sia stata efficace, verosimilmente in quanto non adeguatamente condivisa con gli studenti. Obiettivo n. 2: Orientamento in ingresso Azioni intraprese: Interventi in merito all orientamento in ingresso Stato di avanzamento dell azione correttiva: Le azioni intraprese non hanno raggiunto l obiettivo in quanto gli interventi previsti (tavole rotonde con imprenditori, associazioni di categoria, società di lavoro interinali) risultano non pienamente coerenti con l obiettivo da raggiungere.

4 PERCORSO Obiettivo n. 1: Contenere il tasso di abbandono Azioni intraprese: Riparametrazione offerta formativa, attività di tutoraggio ed orientamento Stato di avanzamento dell azione correttiva: L analisi dei dati porta a dedurre che le azioni intraprese non hanno raggiunto l obiettivo. Anche in questo caso, inoltre, i motivi potrebbero essere ascritti ad un insufficiente condivisione delle azioni con gli studenti. USCITA Obiettivo n. 1: Migliorare la percentuale dei laureati in corso. Azioni intraprese: Riparametrazione offerta formativa, attività di tutoraggio ed orientamento Stato di avanzamento dell azione correttiva Per valutare l efficacia delle azioni intraprese, lo scrivente Gruppo di Riesame ritiene che l indicatore con maggiore capacità esplicativa a riguardo sia il rapporto tra il numero di laureati nel primo biennio ed il totale degli immatricolati al netto degli abbandoni. In questo modo si riesce ad isolare la velocità di carriera dal tasso di abbandono. Ne discende che le azioni programmate hanno consentito di mantenere la velocità nella carriera degli studenti in corso.

5 1-b ANALISI DELLA SITUAZIONE SULLA BASE DEI DATI Dati di andamento Corso di Studio Il Gruppo di Riesame ha analizzato i dati forniti dalla banca dati Gomp di Ateneo, dalla Relazione Paritetica, e dalle segnalazioni ricevute direttamente, da parte degli Studenti, al Coordinatore del Corso di Studi. L analisi dei dati, evidenziando un calo delle immatricolazioni del 27% tra l a.a 2010/2011 e l a.a. 2011/2012, del 3% e del 7% nei due anni successivi, porta a presumere una perdita di attrattività in entrata del CdS. EDI: Numerosità degli studenti in ingresso EDI Anno accademico Immatricolati Variazione % Immatricolati 2010/ / % 2012/ % 2013/ % Fonte: Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Per l esame del tasso di abbandono, alla data di redazione del presente rapporto le uniche coorti che rilevano per questo ambito di analisi sono quelle 2010/2011 e 2011/2012, considerato che il secondo anno accademico della coorte 2012/2013 ancora non è chiuso Si rileva, quindi, il peggioramento dell indice tra la coorte 2010/2011 e la coorte 2011/2012 aumentato dall 11% al 20%. In particolare il valore della coorte 2010/2011 risulta inferiore. EDI: Tasso di abbandono Anno accademico di immatricolazione Immatricolati Abbandoni I anno Tasso di abbandono I anno Abbandoni II anno Tasso di abbandono II anno 2010/ % 6 11% 2011/ % 7 20% Fonte: Università degli Studio di Cassino e del Lazio Meridionale Sotto il profilo della provenienza territoriale l analisi evidenzia che gli immatricolati provengono mediamente per circa l 80% dal Lazio. Scuole superiori di provenienza Anno accademico Regione scuola superiore Immatricolati Immatricolati EDI MANAGEMENT 2010/2011 Campania 11% 10% Lazio 81% 80% Molise 3% 2% 2011/2012 Campania 8% 3% Lazio 88% 93% Molise 3% 2012/2013 Campania 12% 9% Lazio 77% 84% Molise 8% 4% 2013/2014 Campania 18% 9% Lazio 73% 83% Molise 2% 5% Fonte: Università degli Studio di Cassino e del Lazio Meridionale

6 I dati relativi ai laureati denotano una buona percentuale di studenti che completano la carriera nei due anni. Per la coorte 2010/2011, l indice assume un valore del 72%, superiore al 54% risultante dall Anagrafe nazionale studenti del MIUR per Economia. D altra parte, come detto, lo scrivente Gruppo di Riesame ritiene che l indicatore con maggiore capacità esplicativa a riguardo sia il rapporto tra il numero di laureati nel primo biennio ed il totale degli immatricolati al netto degli abbandoni. Così considerata, la velocità degli studenti tende a stabilizzarsi su valori superiori al 70% nelle tre coorti prese in esame. EDI: Numero e % laureati Coorte immatricolazione Immatricolati Abbandoni Laureati % Laureati in corso (al lordo degli abbandoni) % Laureati in corso (al netto degli abbandoni) 2010/ % 72% 2011/ % 74% 2012/ % 73% 2013/ Fonte: Università degli Studio di Cassino e del Lazio Meridionale Peraltro la velocità degli studenti è migliorata, considerato che la percentuale di iscritti al secondo anno con il 60% dei crediti previsti sostenuti al primo anno è aumentata progressivamente fino a raggiungere il 67,92%. EDI: Crediti sostenuti Coorte immatricolazione % di iscritti al secondo anno con il 60% dei crediti previsti Media cfu per studente sostenuti al primo anno 2010/ ,85 44, / ,70 35, / ,92 43, / ,32 35,213 Fonte: Università degli Studio di Cassino e del Lazio Meridionale Gli studenti in EDI presentano una media di voti pari al 27%., Media dei voti Anno accademico EDI Management 2010/ ,73 27, / ,41 27, / ,63 27, / ,90 27, / ,95 28,00 Fonte: Università degli Studio di Cassino e del Lazio Meridionale La Commissione rileva che gli immatricolati ad EDI, provenienti per lo più dal Corso di laurea in Scienze dell'economia e della gestione aziendale e dal Corso di Laurea in Scienze economiche dello stesso Ateneo di Cassino. In conclusione, il Gruppo di riesame, dall analisi dei dati, rileva che il CdS deduce quale punti di debolezza la riduzione del numero di immatricolati e il discreto tasso di abbandono.

7 1-c INTERVENTI CORRETTIVI In conseguenza a quanto evidenziato, lo scrivente Gruppo di Riesame individua i seguenti obiettivi con le relative azioni correttive. INGRESSO Obiettivo n. 1: VALORIZZARE L ATTRATTIVITÀ DEL CORSO DI STUDIO Azioni da intraprendere: Incontri di orientamento con gli studenti Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità: Il Coordinatore del CdS porrà in essere le seguenti attività: - acquisizione all inizio dell a.a. della mailing list degli studenti iscritti all ultimo anno e fuori corso, che in base ai crediti acquisiti, possono laurearsi nell a.a. corrente; - invitare a colloquio gli studenti, così selezionati; - illustrare nel colloquio le potenzialità del CdS agli studenti. L azione dovrà essere completata entro la fine di luglio e sarà curata direttamente dal Coordinatore Obiettivo n. 2: MIGLIORARE L ATTRATTIVITÀ DEL CORSO DI STUDIO Azioni da intraprendere: Perfezionamento dell offerta formativa Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità: I tutor nominati in seno al CdS hanno la funzione di incontrare gli studenti iscritti onde mappare i punti di debolezza e condividere con gli stessi le relative azioni correttive. L azione dovrà essere completata entro la fine di marzo/aprile onde consentire di apportare modifiche all offerta formativa per l a.a. successivo. PERCORSO Obiettivo n. 1: CONTENERE IL TASSO DI ABBANDONO Azioni da intraprendere: Attività di tutoraggio Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità: I tutor nominati in seno al CdS dovranno migliorare il flusso informativo con gli studenti, onde potere intervenire prontamente sui casi potenzialmente destinati all abbandono e, laddove sia possibile, provvedere con soluzioni adeguate. I tutor, inoltre, raccoglieranno dagli studenti gli eventuali punti di debolezza all origine dell abbandono. Considerato l obiettivo, l azione non ha scadenza ed è continua

8 USCITA Obiettivo n. 1: VELOCIZZARE I TEMPI PER IL COMPLETAMENTO DEL PERCORSO DI STUDI Azioni da intraprendere: Attività di tutoraggio Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità: I tutor nominati in seno al CdS dovranno migliorare il flusso informativo con gli studenti onde consentire l individuazione degli elementi e condizioni che rallentano la carriera dello studente e, in tal modo, potere individuare gli interventi da implementare. I tutor procederanno contattando direttamente gli studenti e informandoli durante le lezioni. Considerato l obiettivo, l azione non ha scadenza ed è continua.

9 2 L ESPERIENZA DELLO STUDENTE 2-a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Lo scrivente Gruppo di Riesame sulla base di quanto contenuto nel precedente Rapporto rileva quanto segue Obiettivo n. 1: Mantenimento dei risultati raggiunti Azioni da intraprendere e indicate nell ultimo Rapporto di Riesame: E stato previsto un piano strutturato di monitoraggio delle esigenze degli studenti attraverso la somministrazione di questionari e l attivazione di 3 incontri annuali con tutti gli iscritti del corso di studio (ultimo venerdì del mese di gennaio, giugno e ottobre di ogni anno accademico) al fine di analizzare le criticità ed intraprendere un dialogo costante con gli iscritti; - predisposizione di un manuale di valutazione delle performance del corso con indicazione di un sistema di indicatori con monitoraggio annuale (es. numero medio di docenti di ruolo che appartengono a settori scientifico-disciplinari di base e caratterizzanti; Proporzione di studenti immatricolati al corso di laurea magistrale che hanno conseguito la laurea in un'altra Università; rapporto fra CFU effettivi e CFU teorici; Proporzione di iscritti che hanno svolto stage formativi esterni all'università di appartenenza durante il corso di studi; proporzione di iscritti che hanno partecipato a programmi di mobilità internazionale; proporzione di studenti stranieri iscritti a corsi di laurea magistrale, propensione di occupati, ecc). Stato di avanzamento dell azione correttiva Data l assenza di report e/o di altra documentazione utile non è possibile accertare lo stato di avanzamento e gli esiti delle azioni correttive individuate nell ultimo Rapporto di Riesame.

10 2-b ANALISI DELLA SITUAZIONE SULLA BASE DI DATI, SEGNALAZIONI E OSSERVAZIONI Il Gruppo di Riesame ha analizzato i dati risultanti dalla banca dati di Ateneo, dalla Commissione Paritetica, dalla banca dati di ALMA LAUREA, dalle segnalazioni ricevute direttamente dagli Studenti e dai questionari elaborati del Dipartimento. Sulla base delle valutazione degli iscritti alla LM Economia e Diritto d Impresa nell a.a. 2013/2014, relativamente alle caratteristiche degli insegnamenti, gli intervistati esprimono complessivamente giudizi positivi relativamente alle conoscenze preliminari possedute per la comprensione, alla proporzionalità dei crediti assegnati rispetto al carico di studio, alla adeguatezza del materiale didattico fornito e ed infine alla definizione delle modalità di esame. EDI: Studenti complessivamente soddisfatti del corso di laurea (%): Risposta Decisamente si Più si che no Fonte: Università degli Studio di Cassino e del Lazio Meridionale Sotto il profilo della valutazione del comportamento dei docenti, gli intervistati esprimono complessivamente giudizi positivi relativamente a puntualità, motivazione dell interesse verso la disciplina, chiarezza espositiva, delle attività didattiche integrative coerenza rispettivamente alle pagine web, reperibilità del docente. Per quanto riguarda la valutazione dell interesse verso la disciplina e alla soddisfazione generale per l andamento del corso gli iscritti esprimono complessivamente giudizio positivo relativamente all interesse verso gli argomenti trattati ed allo svolgimento del corso. Non si rileva, invece, altrettanta soddisfazione relativamente alle aule, attrezzature e servizi di supporto. La media del CdS, infatti, risulta inferiore alla media di Dipartimento, ad eccezione del servizio svolto dalla segreteria studenti.

11 2-c INTERVENTI CORRETTIVI In relazione a quanto evidenziato e con l obiettivo di mantenere e migliorare il livello di soddisfazione degli studenti il Gruppo di Riesame vengono individua le seguenti azioni Obiettivo n. 1: MIGLIORARE L ORARIO DELLE LEZIONI IN MODO DA CONSENTIRE FREQUENZA E STUDIO INDIVIDUALE Azioni da intraprendere: Il Coordinatore del CdS, con la Commissione didattica, provvederà a rimuovere dall orario delle lezioni i casi di sovrapposizione dei moduli che, in quanto tali, pregiudicano la frequenza. Inoltre, compatibilmente con questa priorità, si attiverà affinché l articolazione dell orario riserva spazi temporali da dedicare allo studio. In particolare, occorrerà articolare l orario in un intervallo di tempo che non sia superiore ai 4 gg. In ogni caso, il Coordinatore del CdS provvederà a comunicare l orario delle lezioni alla rappresentante degli studenti, in tempo utile e prima che lo stesso venga approvato e pubblicato. La rappresentante degli studenti verificherà e comunicherà al Coordinatore le eventuali anomalie riscontrate nell orario. Obiettivo 2: MIGLIORARE L ADEGUATEZZA DELLE AULE IN CUI SONO SVOLTE LE LEZIONI Azioni da intraprendere: All inizio delle lezioni del trimestre di riferimento il Coordinatore inviterà la rappresentante degli studenti e i singoli docenti a relazionare sulla condizione delle aule. Per eventuali problemi relativi alle attrezzature e agli impianti provvederà a darne pronta comunicazione agli uffici competenti. In ogni caso nell attribuzione delle aule si procederà affinché i posti disponibili siano superiori di almeno il 20% del numero degli studenti frequentanti, presunto sulla base degli iscritti dell a.a. precedente. Obiettivo 3: MIGLIORARE L ADEGUATEZZA DELLE AULE DI STUDIO Azioni da intraprendere: Il Coordinatore inviterà la rappresentante degli studenti a relazionare sulla disponibilità e condizione delle aule di studio. In ragione del fabbisogno così individuato si formalizzerà apposita richiesta al Dipartimento. Obiettivo 4: MIGLIORARE L ADEGUATEZZA DELLA BIBLIOTECA Azioni da intraprendere: Il Coordinatore inviterà la rappresentante degli studenti a relazionare sulla adeguatezza della Biblioteca. In ragione del fabbisogno così individuato si formalizzerà apposita richiesta al Responsabile della Biblioteca. Obiettivo 5: MIGLIORARE L ADEGUATEZZA DEI LABORATORI Azioni da intraprendere: Il Coordinatore inviterà i responsabili scientifici a relazionare sulla adeguatezza dei Laboratori, in ragione dei fabbisogni opportunamente e preventivamente individuati con gli studenti

12 3 L ACCOMPAGNAMENTO AL MONDO DEL LAVORO 3-a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Obiettivo n. 1: Miglioramento per l accompagnamento al mondo del lavoro Azioni correttive previste nel precedente Rapporto di Riesame: -maggiore coinvolgimento del mondo imprenditoriale pubblico e privato nelle attività didattiche e gestionali del Corso di Studio; -avvio di un piano di azioni di supporto all inserimento lavorativo dei laureati del Corso di Studio negli attuali contesti lavorativi ( borse di studio, convenzioni per stage e tirocini di inserimento lavorativo) -monitoraggio dell aggiornamento delle pagine web personali dei docenti. Stato di avanzamento dell azione correttiva: Il Gruppo di Riesame rileva che: a) l aggiornamento delle pagine web personali dei docenti non è ancora giunto a compimento, b) le azioni di supporto all inserimento lavorativo dei laureati sono state realizzate in massima parte con tirocini; c) la documentazione disponibile non consente di accertare il maggiore coinvolgimento del mondo imprenditoriale nelle attività didattiche e gestionali del CdS. 3-b ANALISI DELLA SITUAZIONE, COMMENTO AI DATI Il Gruppo di riesame ha analizzato i dati forniti dall indagine Condizione Occupazionale dei Laureati Almalaurea, deducendo che la percentuali degli occupati cresce dal 52% a un anno dalla laurea al 52% a tre anni dalla laurea. Caratteristiche dell attuale lavoro (Laureati EDI) Tipologia dell'attività lavorativa (%) Laureati 2012 (a 1 anno) Laureati 2010 (a 3 anni) Autonomo effettivo 15,8 14,3 Tempo indeterminato 36,8 42,9 Totale stabile 52,6 57,1 di cui part-time (%) 42,1 28,6 Fonte: Almalaurea Ovviamente il part time è più diffuso ad un anno dalla laurea (42%). Per quanto attiene alle caratteristiche dell azienda ad un anno dalla laurea il 15% è impiegato nel settore pubblico rispetto al 28% dei laureati a tre anni, mentre l 84% è occupato nel settore privato ad un anno dalla laurea contro il 57% dei laureati a tre anni. In ogni caso il settore dei Servizi rappresenta il settore con maggiore impiego di laureati EDI

13 Settore e ramo di attività economica (Laureati EDI) Settore di attività (%) Laureati 2012 (a 1 anno) Laureati 2010 (a 3 anni) Pubblico 15,8 28,6 Privato 84,2 57,1 Non profit - 14,3 Ramo di attività economica (%) Totale industria 5,3 14,3 Totale servizi 94,7 78,6 Fonte: Almalaurea 3-c INTERVENTI CORRETTIVI Obiettivo n1: MIGLIORARE LA FORMAZIONE DEGLI STUDENTI RISPETTO ALLA DOMANDA PROVENIENTE DAL MONDO IMPRENDITORIALE E PUBBLICO Il Gruppo di Riesame, considerata la situazione emergente dall analisi, individua le seguenti azioni. Azioni da intraprendere: 1) Acquisire informazioni più dettagliate in ordine ai deficit di preparazione degli studenti rispetto alle competenze e abilità richieste, implementando appositi questionari da sottoporre alle imprese nelle relazioni di fine tirocinio. Per tale azione provvederanno i tutor nominati nei tirocini. In quanto tale l azione è continua e non ha scadenza 2) Acquisire informazioni periodiche dai laureati del CdS già inseriti nel mondo del lavoro, nella prospettiva di creare una comunità di laureati EDI, in cui potranno incrociarsi le diverse esperienze professionali degli ex studenti. Per l azione sarà nominato un docente responsabile che verificherà la possibilità di creare un Annuario on line dei Laureati nella sezione del sito di Dipartimento riservato al Cds.

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI (SAFE) Denominazione del Corso di Studio : Scienze e Tecnologie Agrarie Classe : LM69 Sede : Potenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio : Economia Aziendale Classe : L-18 Sede : Università degli Studi della Basilicata, Dipartimento di Matematica Informatica ed Economia- DiMIE, sede di Potenza Primo anno

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %]

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %] Corso di Studio: Laurea in Ingegneria Edile-Architettura Classe: LM- Architettura e Ingegneria Edile-Architettura Sede: Pavia RAPPORTO DI RIESAME INIZIALE 21 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME -21 Tab. 1

Dettagli

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Bruno Moncharmont Bologna, 12 settembre 2014 Assicurazione della qualità nell istruzione superiore Dichiarazione di Bologna, 19 giugno 1999 Dichiarazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME

RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME Denominazione del Corso di Studio: Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Classe: LM54 Sede : MODENA Primo anno accademico di attivazione: 2008-2009 Gruppo di Riesame: - Responsabile

Dettagli

CORSO LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE

CORSO LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE CORSO LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE Tab. 1 Iscritti/ al 1 anno TIPOLOGIA ISCRIZIONE generici Iscritti A.A. 2011/12 134 142 147 A.A. 2012/13 107 114 114

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

Gruppo di Riesame (per i contenuti tra parentesi si utilizzino i nomi adottati dell Ateneo)

Gruppo di Riesame (per i contenuti tra parentesi si utilizzino i nomi adottati dell Ateneo) Denominazione del Corso di Studio : Ingegneria Informatica e delle Tecnologie dell Informazione Classe : LM-32 Ingegneria Informatica Sede : Scuola di Ingegneria dell Università degli Studi della Basilicata

Dettagli

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti;

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; Allegato n. 2 Linee Guida per la redazione della Relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti- Studenti Le Commissioni Didattiche Paritetiche, così come specificato nel Documento di Autovalutazione,

Dettagli

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6 Rapporto annuale di Riesame a.a. 2013/2014 Denominazione del Corso di Studio: CONSULENZA PROFESSIONALE ALLE AZIENDE Classe: LM-77 Sede: Dipartimento di Economia e Management via Ridolfi,10 Pisa Primo anno

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Denominazione del Corso di Studio: Corso di laurea in Fisioterapia Classe: L/SNT2 Professioni sanitarie della riabilitazione Sede: Cagliari Commissione di Riesame Prof.

Dettagli

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Assicurazione della qualità L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Presidio della Qualità Venezia, 14 aprile 2015 Il primo anno

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014 Denominazione del Corso di Studio: Science e Tecniche delle Attività Sportive Classe: LM-68 Sede: Palermo Dipartimento di riferimento: Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport Scuola: Scuola delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

VERBALE PRESIDIO DELLA QUALITA DEL 24.01.2014

VERBALE PRESIDIO DELLA QUALITA DEL 24.01.2014 VERBALE PRESIDIO DELLA QUALITA DEL 24.01.2014 Riunione Data: Orario Approvato il Sede: 24/01/2014 15.00 Seduta stante Area di Ingegneria Presente Assente Note Presidente Prof. Domenico FALCONE Componenti

Dettagli

Immatricolati 18 60 51 34 Iscritti al 1 anno 18 54 31 28

Immatricolati 18 60 51 34 Iscritti al 1 anno 18 54 31 28 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME CDLM COMPUTER ENGINEERING -2014 Tab. 1 Iscritti/Immatricolati al 1 anno TIPOLOGIA ISCRIZIONE 2010/11 2011/12 2013/14 Immatricolati 18 60 51 34 Iscritti al 1 anno 18 54

Dettagli

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) 2014 Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) Presidio di Qualità di Ateneo Università degli Studi della Tuscia Rev. 2 approvata (15 Dicembre 2014) 0 INDICE 1.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

QUESTIONARIO PER STUDENTI LAUREANDI

QUESTIONARIO PER STUDENTI LAUREANDI QUESTIONARIO PER STUDENTI LAUREANDI NB. La compilazione del questionario è obbligatoria per accedere alla discussione della tesi. Il questionario deve essere completamente anonimo, e deve perciò essere

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E GIURISPRUDENZA Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di Laurea in Economia Aziendale Sede didattica: Frosinone Dipartimento di Economia e Giurisprudenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Rapporto del Riesame iniziale 2013 Corso di Laurea Magistrale in Laurea Magistrale in Chimica Industriale Dipartimento di riferimento: Dipartimento di Chimica Classe: LM-71 Scienze e Tecnologie della Chimica

Dettagli

Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione

Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione Classe:L19 Sede: Bari Codice OFF: 1327504 Indicare chi ha svolto le operazioni di Riesame (gruppo di riesame, componenti e

Dettagli

APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME - 2015

APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME - 2015 Corso di Studio: Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Classe: L-7 Ingegneria Civile e Ambientale Sede: Pavia RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME - 2015 Tab. 1 Iscritti/Immatricolati

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Denominazione del Corso di Studio Classe Sede Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame 18 dicembre 2014, 8 gennaio 2015,

Denominazione del Corso di Studio Classe Sede Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame 18 dicembre 2014, 8 gennaio 2015, Denominazione del Corso di Studio: LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROPEE E AMERICANE Classe: LM-37 Sede: Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Dipartimento di Scienze Umane, Sociali

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile e Ambientale Classe: L-7 Ingegneria Civile e Ambientale Sede: Via Campo di Pile, 67100 L AQUILA Sito web: www.univaq.it Consiglio di Area Didattica

Dettagli

Dipartimento ICEM. Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica. 2 dicembre 2014

Dipartimento ICEM. Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica. 2 dicembre 2014 Dipartimento ICEM Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica 2 dicembre 2014 Documento generato automaticamente dal software statistico STATAR per L A TEX Fonte dati: GOMP - Anno Accademico 2013/14 Indice

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARI UNIVERSITAS MERCATORUM. Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARI UNIVERSITAS MERCATORUM. Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e l organizzazione dei Master nell Università Telematica Universitas Mercatorum. L Ateneo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 Denominazione del Corso di Laurea Magistrale: Lingue e Letterature Moderne Classe: (LM-37) Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane Sede: Università della Calabria Dipartimento

Dettagli

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Questo documento è diviso in due parti: nella prima parte si descrivono le linee generali per l Assicurazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Procedure di rilevamento dell opinione degli studenti A.A. 2013-2014 Testo aggiornato al

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Assegna funzioni e responsabilità differenziate Utilizza anche strumenti informatizzati Richiede la redazione di numerosi documenti coinvolge

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Per tutte le analisi che seguono le fonti sono state: 1) Scheda SUA 2014 2) RAR 2014 3) Valutazioni

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE Coordinatore del corso Prof. Raimondo Luciano Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile, Laurea Magistrale Classe: LM-23 Sede:

Dettagli

Corso di laurea magistrale. Lingue e letterature moderne europee e americane

Corso di laurea magistrale. Lingue e letterature moderne europee e americane Corso di laurea magistrale Lingue e letterature moderne europee e americane (LM-37) SEZIONE INFORMATIVA Denominazione corso Classe Facoltà o struttura didattica proponente Natura della proposta Rinnovo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Dipartimento di Comunicazione ed Economia Il presente documento descrive il sistema di gestione del Corso

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Giunio Luzzatto CARED-Università di Genova Università di Bari 9.11.2012 Assicurazione della Qualità di Ateneo Premessa Il sistema di Assicurazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Rapporto del Riesame iniziale 2013 Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia Dipartimento di riferimento: Scienze Mediche Classe: LM-41 Sede: Torino Scuola: Medicina Il gruppo del

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN.

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM- FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. 1.ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia Cellulare

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 1. Le caratteristiche degli studenti di Uninettuno... 3 2. Il questionario

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO CORSO DI STUDI:

AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO CORSO DI STUDI: AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO (versione sintetica, a carattere sperimentale) CORSO DI STUDI: Eseguito nel periodo: Aprile-Maggio 2014 GAV (Gruppo di Autovalutazione) del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-46 in di cui al D.M. 16 marzo

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti relativi alle Altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti relativi alle Altre attività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea in Lingue e comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Lingue moderne per la Comunicazione e la Cooperazione internazionale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Facoltà di Medicina e Chirurgia Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecniche dello Sport Classe: LM-68 Sede: Università degli

Dettagli