Fondamenti della Tomosintesi della Mammella:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondamenti della Tomosintesi della Mammella:"

Transcript

1 Fondamenti della Tomosintesi della Mammella: Miglioramento delle prestazioni in mammografia Andrew Smith Ph.D. Introduzione La tomosintesi della mammella è una tecnologia di visualizzazione tridimensionale che comprende l acquisizione di immagini a differenti angolazioni con una scansione di breve durata di una mammella mantenuta ferma. Le singole immagini vengono ricostruite in una serie di sottili strati ad alta risoluzione che possono essere visualizzati singolarmente od in modo dinamico cine loop. La ricostruzione a strati della tomosintesi riduce od elimina i problemi causati dalla sovrapposizione dei tessuti e dal rumore della struttura nelle immagini mammografiche a singoli strati ed a due dimensioni. La tomosintesi digitale della mammella inoltre offre un numero di eccitanti opportunità inclusa la possibilità di ridurre la compressione della mammella, il miglioramento dell accuratezza in diagnostica e screening, riduzione dei richiami e localizzazione 3D delle lesioni. Hologic ha condotto uno studio clinico multicentrico con multi-lettura clinica per valutare le prestazioni cliniche della tomosintesi in un ambiente di screening. Questo documento illustra la teoria della Tomosintesi, i benefici clinici che ne derivano e presenta un sommario dei risultati del protocollo clinico. SELENIA Dimensions Sistema con Tomosintesi Teoria della Tomosintesi La mammografia convenzionale a raggi X è una modalità di acquisizione immagini a due dimensioni. Nella mammografia convenzionale le patologie di interesse sono spesso difficili da visualizzare a causa della confusione dei segnali da oggetti nella parte superiore od inferiore.questo perchè la rilevazione del segnale in una certa posizione sulla cassetta o sul detettore digitale dipende dall attenuazione totale di tutto il tessuto al di sopra della localizzazione della lesione. La Tomosintesi è un metodo di acquisizione immagini a tre dimensioni che può ridurre od eliminare l effetto di sovrapposizione dei tessuti. Mentre la mammella resta immobilizzata, vengono acquisite immagini a diverse angolazioni della sorgente di raggi X. Oggetti a differenti altezze nella mammella vengono visualizzati in modo differente nelle diverse proiezioni.. In figura 1 due oggetti (una lesione spiculata ed una ad ellisse) si sovrappongono quando proiettati a 0 ma nell acquisizione fuori asse gli oggetti si spostano uno rispetto all altro nelle immagini. Il passo finale nella procedura di tomosintesi è la ricostruzione dei dati per generare le immagini che ottimizzano la visualizzazione degli oggetti da una data altezza con l appropriato spostamento delle proiezioni l una relativamente all altra. Un esempio è mostrato in Figura 2 dove si ricostruisce uno strato cross-sezionale ad una specifica altezza. In questo esempio le immagini sono sommate, spostandone una rispetto all altra in un certo modo si ottiene di rinforzare l oggetto lesione spiculata e di ridurre il contrasto dell oggetto ellissoidale offuscandolo. Notare che non vengono richieste acquisizioni aggiuntive per ottimizzare la visibilità degli oggetti ad una data altezza - un gruppo di acquisizioni può venire riprocessato per generare l intero gruppo volumetrico 3D. Esecuzione dell Acquisizione La geometria della Tomosintesi è mostrata in Figura 3. La mammella viene compressa nel modo convenzionale. Mentre si mantiene la mammella bloccata, il tubo a raggi X viene ruotato all interno di un delimitato campo angolare. Vengono eseguite una serie di esposizioni a bassa dose, una ad ogni grado o simile, creando una serie di immagini digitali.. Tipicamente il tubo viene ruotato tra gradi e vengono eseguite esposizioni intervallate di 1 o simile con una durata totale della scansione pari a 5 secondi od inferiore. Le singole immagini sono proiezioni attraverso la mammella a differenti angoli e queste sono quelle che vengono ricostruite negli strati. 1

2 Figura 1 La Tomosintesi può ridurre od eliminare la sovrapposizione dei tessuti Figura 3: La testa porta tubo oscilla acquisendo in pochi secondi molteplici acquisizioni. Con la Tomosintesi immagini acquisite a differenti angolazioni separano le strutture a differenti altezze. La mammografia tradizionale acquisisce solo l immagine centrale. Figura 2: La Tomosintesi evidenzia oggetti ad una data altezza. Geometria di acquisizione con tomosintesi movimento della sorgente raggi X. che mostra il Spostando e sommando le proiezioni acquisite, la visualizzazione 3D aumenta la visibilità degli oggetti offuscando gli oggetti dalle altre altezze Normalmente la mammella dovrebbe essere posizionata nella vista MLO oppure CC, sebbene il sistema di tomosintesi debba supportare la possibilità di acquisire immagini con qualunque orientamento si desideri. Una considerazione particolare nel progetto del sistema con tomosintesi è rivolta al movimento della sorgente di raggi X durante l acquisizione. Il tubo raggi X può muoversi con continuità oppure con un movimento a singoli passi ed emissioni. Con il movimento continuo le esposizioni ai raggi X devono essere abbastanza brevi in modo da evitare l offuscamento dell immagine a causa del movimento della macchia focale. Se si utilizza il movimento a singoli passi ed emissioni il gantry deve fermarsi completamente in ogni posizione angolare prima di accendere i raggi X, altrimenti la vibrazione offuscherà l immagine. Il più importante criterio è che il tempo totale di scansione sia il più breve possibile per ridurre la possibilità che la paziente si muova, il ché degraderebbe la visibilità delle piccole microcalcificazioni e delle piccole lesioni spiculate. Il campo angolare ed il numero di esposizioni acquisite durante la scansione sono variabili aggiuntive che richiedono di essere ottimizzate. In generale, più esposizioni consentiranno una ricostruzione con meno artefatti. Questo deve essere bilanciato rispetto al fatto che per una data dose totale dell esame, più esposizioni significano un segnale minore per ciascuna delle singole emissioni. Per esposizioni sufficientemente modeste, il rumore del recettore digitale dominerà l immagine e degraderà l immagine ricostruita. L aumento del numero di esposizioni inoltre aumenta la dimensione dei dati grezzi ed i tempi di ricostruzione. Con riferimento al campo angolare, un più ampio campo angolare fornisce una superiore separazione degli strati, mentre un più piccolo campo angolare fornisce più strutture a fuoco in un dato strato. L aumento della separazione teoricamente può essere auspicabile per la risoluzione d immagine tra due strutture che giacciono accostate, ma potrebbe compromettere in modo significativo l apprezzabilità di un gruppo di microcalcificazioni, avendo le singole calcificazioni visualizzate in differenti strati, oppure la presenza di lesioni spiculate giacenti in più di un piano ristretto. Requisiti di un Sistema di Tomosintesi Efficienza del detettore e dose L acquisizione di immagini in Tomosintesi consiste di una serie di esposizioni a bassa dose, con ogni acquisizione pari a circa il 5-10% di una normale singola vista mammografica. Poiché ciascuna esposizione è a bassa dose, diventa essenziale avere un detettore ad alta efficienza quantica (DQE) e basso rumore. Poichè le immagini vengono acquisite in un rateo di diverse immagini per secondo, la rapida formazione dell immagine è un'altra delle necessità. 2

3 I recettori d immagine basati sul Selenio grazie alla loro elevata efficienza quantica (DQE - Detective Quantum Efficiency), assorbimento dei raggi X superiore al 95% nel campo delle energie di mammografia, ed alla rapida capacità di lettura dei dati (readout) rappresentano il detettore ideale per i sistemi con Tomosintesi. L utilizzo del detettore al selenio permette di eseguire gli esami con Tomosintesi con una dose totale di radiazione equivalente a quella di una mammografia convenzionale. Modi di Acquisizione Il sistema di tomosintesi deve essere in grado di eseguire tutti gli esami convenzionali di mammografia digitale 2D ed in aggiunta le acquisizioni in tomosintesi. Le immagini di Tomosintesi devono poter essere acquiisite in tutti gli orientamenti standard e non solo in CC ed MLO. Il sistema deve essere inoltre in grado di acquisire un normale mammogramma 2D e l esame di Tomosintesi nella stessa compressione. Per rendere questo più semplice si richiede che la griglia sia autoretrattile in modo che il sistema possa rapidamente ed automaticamente passare dal modo immagine 2D a quello 3D e viceversa. Ricostruzione d immagine In Figura 4 il processo di ricostruzione con tomosintesi consiste nella valutazione di immagini ad alta risoluzione i cui piani sono paralleli al piano di supporto della mammella Tipicamente queste immagini vengono ricostruite con separazione degli strati pari ad 1mm, perciò una mammella compressa di 5cm in uno studio con tomosintesi avrà una ricostruzione di 50 strati. Un tempo rapido di ricostruzione è essenziale, specialmente quando la tomosintesi venga considerata quale parte di uno studio interventistico e per questa ragione è importante mantenere il processamento di post-acquisizione entro i 10 secondi od inferiore. Metodologia di visualizzazione Gli strati di ricostruzione con tomosintesi possono essere visualizzati similarmente agli strati ricostruiti sulla TAC. L operatore può vedere le immagini una per volta o visualizzarle in sequenza dinamica (cine-loop). Le proiezioni originali sono identiche alle convenzionali proiezioni mammografiche anche se ciascuna è a veramente bassa dose e queste possono essere pure visualizzate, se desiderato. Se il sistema acquisisce mammogrammi a 2D e 3D nella stessa compressione, le immagini da queste due modalità vengono completamente co-registrate. La stazione interfaccia utente che consente un rapido passaggio tra questi due modi faciliterà il riesame delle immagini e permetterà una rapida identificazione delle lesioni in una modalità con la corrispondente lesione nell altra modalità. La Figura 5 mostra un esempio di selezione di strati di ricostruzione di tomosintesi in una mammella. Figura 4: La Tomosintesi acquisisce immagini della mammella a molteplici angolazioni e le ricostruisce in strati cross-sezionali Viste da differenti angolazioni del tubo Raggi X Strati a differenti altezze L immagine di sinistra mostra tre delle 15 proiezioni d immagine della mammella acquisite a differenti angolazioni.. L immagine di destra mostra tre degli strati da 1 mm con ricostruzione cross-sezionale. 3

4 Figura 5: Strati ricostruzione tomosintesi Strati ricostruzione di tomosintesi dal piano di appoggio della mammella fino alla piastra di compressione rivelano oggetti che giacciono a differenti altezze nella mammella quali cisti e calcificazioni mostrati dalle frecce. Figura 6:Possibilità di bassa dose Quando il fantoccio ACR viene posizionato sulla mammella di un cadavere e visualizzato (sinistra) la visibilità dei particolari a basso contrasto è ridotta. Con una dose pari a 4x la dose convenzionale il mammogramma digitale (nel mezzo) mostra una inferiore visibilità a basso contrasto rispetto ad un immagine di tomosintesi (destra) che utilizza ¼ della dose di un mammogramma digitale. 4

5 Figura 7: La tomosintesi offre la potenzialità di inferiore forza di compressione I tessuti che si sovrappongono nella mammografia convenzionale e nascondono le patologie (immagine di sinistra) hanno meno possibilità di essere oscurate se si utilizza la tomosintesi (immagine destra) solo la compressione necessaria a stendere il tessuto via dalla parete toracica e minimizzare la possibilità di movimento in modo adeguato. Quindi con la tomosintesi il dolore da compressione è minimizzato. Questa eccitante congettura di ridotta necessità di compressione è in fase di investigazione clinica. Se si utilizza una inferiore compressione della mammella è necessario aumentare l energia dei raggi X per poter meglio penetrare le mammelle più spesse. In questo caso è importante che il recettore d immagine mantenga il suo alto DQE alle più alte energie. Lo Ioduro di Cesio con il suo mediocre assorbimento ad alti valori di KV può non essere il materiale ottimale per il detettore. Il detettore al Selenio amorfo non presenta queste limitazioni poiché il suo k-edge è al di sotto del campo di energia mammografica. Una proiezione rispetto a due proiezioni 5

6 Nei primi sviluppi della tomosintesi venne suggerito che la Potenziali benefici clinici Riduzione dei richiami Inferiore numero di biopsie Miglioramento nella rilevazione di lesioni cancerogene La tomosintesi dovrebbe risolvere gran parte dei problemi di sovrapposizione dei tessuti che sono una delle maggiori cause di richiamo e di immagini aggiuntive negli esami mammografici a 2D. L incidenza di procedure di biopsia dovrebbe a sua volta diminuire grazie alla migliore visualizzazione delle zone sospette. Alcune patologie che nell immagine mammografica erano nascoste diventeranno individuabili grazie all eliminazione del rumore della struttura ed inoltre la tomosintesi può permettere un miglioramento nell individuazione dei tumori. Riduzione della dose La ridotta necessità di richiamo che deriva dall uso della tomosintesi porterà ad una riduzione della dose complessiva alla popolazione. Localizzazione tessuto Poiché con la tomosintesi la localizzazione di una lesione in uno strato determina completamente le sue vere coordinate 3D all interno della mammella, i metodi di biopsia con prelievo tissutale possono essere eseguiti utilizzando le coordinate generate dalla tomosintesi Minimo tempo di esame immagini Siccome le immagini vengono presentate con ridotta sovrapposizione di tessuto e rumore strutturale, gli oggetti vengono visualizzati con migliore chiarezza. Questo condurrà ad una analisi delle immagini più veloce ed ad una interpretazione più sicura. Ridotta forza di compressione La Figura 7 mostra la potenzialità di una ridotta forza di compressione per la tomosintesi 3D. Nella mammografia convenzionale la mammella viene molto compressa in modo da ridurre la sovrapposizione del tessuto. Per la tomosintesi invece non si richiede un alta forza di compressione e serve tomosintesi potesse richiedere solo le acquisizioni in MLO poiché la natura 3D delle immagini di tomosintesi consentiva di visualizzare la mammella da diverse angolazioni. Le attuali indicazioni sono che questo non è vero e che la tomosintesi richiede le viste sia CC che MLO.. Questo non è sorprendente poiché la tomosintesi differisce dalle altre modalità di acquisizione immagini in 3D quali la TAC poiché non può generare ricostruzioni multi-planari ortogonali quali le viste sagittali e coronali da un gruppo di immagini di tomosintesi trasversale. Patologie che siano allungate, planari od a forma non sferica possono essere meglio visualizzate quando rappresentate in un orientamento piuttosto che in un altro. Una recente presentazione scientifica ha dimostrato che il 9% delle lesioni cancerogene nel loro studio erano state visualizzate con vista di tomosintesi CC ma non erano visibili nella vista di tomosintesi MLO. Protocolli clinici di Tomosintesi Hologic ha completato un programma di ricerca multicentrico a multi-lettura sulle prestazioni della tomosintesi. Lo scopo di questo studio era di confrontare il tasso di individuazione radiologica del tumore ed il tasso di richiamo nello screening utilizzando la convenzionale mammografia digitale (2D) più la tomosintesi 3D della mammella rispetto al tasso di rilevamento del tumore ed il tasso di richiamo osservato utilizzando solo il 2D. Nello studio 1083 donne presso cinque differenti centri clinici sono state sottoposte all esame 2D e 3D di entrambe le mammelle. I casi sono stati raccolti da una popolazione di screening ed arricchiti con pazienti dalla diagnostica mammografica. Le immagini 2D e 3D sono consistite di viste di entrambe le mammelle da CC ed MLO. Le immagini 3D CC ed MLO sono state acquisite utilizzando il mammografo con funzionalità tomosintesi di Hologic mod. SELENIA. 316 gruppi di dati immagine sono stati scelti a caso per essere esaminati da 12 radiologi. Le immagini 2D sono state segnate per prime e poi i lettori hanno esaminato e segnato gli esami 2D e 3D insieme. Per tutti i 12 lettori, le prestazioni cliniche sono state superiori per le immagini 2D più 3D comparate con le sole 2D e misurate usando 6

7 Figura 8: La Tomosintesi migliora le prestazioni nei confronti della mammografia Curve ROC per le prestazioni 2D e 2D + 3D, mediate su 12 lettori mostrano un significativo miglioramento nelle prestazioni cliniche utilizzando la tomosintesi l area sotto la curva ROC. La Figura 8 mostra la curva ROC generata dalla media delle 12 curve ROC individuali. L area media sotto la curva ROC per i lettori aumenta da 0.83 a 0.90 utilizzando obbligatoriamente la valutazione BIRADS, mostrando un incremento di 0.07, un aumento altamente significativo con un valore p di Usando 2D più 3D rispetto al solo 2D la sensitività migliora dal 66% al 76% e la specificità aumenta dall 84% all 89% ed è stata osservata una riduzione media del 43% nel tasso di richiamo. In questo studio multicentrico con multi-lettura, le prestazioni dei radiologi migliorano in modo significativo quando si usano le immagini 2D combinate con il 3D comparato con l uso del solo 2D. Conclusioni La tomosintesi della mammella fornisce la capacità di visualizzazione di immagini 3D per ottenere una più accurata valutazione delle lesioni consentendo una migliore differenziazione tra tessuti che si sovrappongono. Un basso tasso di richiamo, un più alto valore di predittività di positività per raccomandare la procedura di biopsia,.un più alto tasso di rilevamento di tumore, meno richiami, meno biopsie, meno dose, meno dolore da compressione ed un più veloce esame sono i risultati che ci si aspetta dall uso di questa tecnologia. La tomosintesi della mammella presenta una validità sia nello screening mammografico che nella diagnostica mammografica.. Glossario 2D due dimensioni 3D tre dimensioni BIRADS Breast Imaging Reporting and Data System CC Cranio-Caudale Ioduro di Cesio Materiale di rilevamento radiazioni utilizzato nella conversione indiretta raggi X-recettore immagine TAC Tomografia assiale computerizzata DM Mammografia digitale DQE Efficienza quantica di rilevamento Una misura dell efficienza di dose di un detettore Forced BIRADS Valutazione BIRADS permette solo un valore da 1 a 5; cioè no richiami k-edge Energia a cui i raggi X hanno un improvviso aumento nella loro probabilità di essere assorbiti MLO ROC Selenio Tomosintesi Riconoscimenti Mediolaterale Obliquo Caratteristiche Operative del Ricevitore; il grafico presenta la frazione di veri positivi (sensitività) rispetto alla frazione di falsi positivi (specificità) per un sistema classificatore binario mentre la sua soglia di discriminazione è variata. Materiale di rilevamento della radiazione utilizzato nella conversione diretta raggi X recettore immagine La Tomosintesi associa la cattura dell immagine digitale ed il processamento con il semplice movimento tubo/detettore come utilizzato nella convenzionale radiografia tomografica. Sebbene vi siano alcune similitudini con la TAC, è una tecnica differente Referenze Esempi Clinici 7

8 Adenocarcinoma Tubulobulare non ben visibile nel mammogramma digitale convenzionale (immagine sinistra) e molto più visibile nello strato dal gruppo di immagini di tomosintesi (immagine destra) Aree sospette in un mammogramma digitale (immagine sinistra) possono essere evidenziate con la tomosintesi (immagine destra) Carcinoma lobulare infiltrante e multifocalità non ben visibili nel mammogramma digitale convenzionale (immagine sinistra) ben più dettagliati nello strato dal gruppo di immagini di tomosintesi (immagine destra) Lesione tumorale occulta (immagine sinistra) che è ben visibile con la tomosintesi (immagine destra) 8

9 9

Spostando e sommando le proiezioni acquisite, la visualizzazione 3D aumenta la visibilità degli oggetti offuscando gli oggetti dalle altre altezze

Spostando e sommando le proiezioni acquisite, la visualizzazione 3D aumenta la visibilità degli oggetti offuscando gli oggetti dalle altre altezze Il tumore del seno è il più frequente nel sesso femminile: ogni anno in Italia vengono diagnosticati 37.000 nuovi casi, 152 ogni 100.000 donne, circa 1 donna su 10. E il tumore più frequente e rappresenta

Dettagli

Frequenze fasce d eta (%)

Frequenze fasce d eta (%) 0-49anni (41%) >70anni (21%) Frequenze fasce d eta (%) 50-69anni (35%) Un tumore maligno su 3 è un tumore mammario (29%) Nord 123,4/100.000 donne. Centro 103,8/100.000 donne. Sud-isole 93,1/100.000 donne.

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

La Risonanza Magnetica della Mammella

La Risonanza Magnetica della Mammella La Risonanza Magnetica della Mammella - in 15 minuti - Dr Renzo Taschini Centro Oncologico Fiorentino RM Mammella : i requisiti 1- TECNOLOGIA Magnete ad elevato campo (1.5T o 3T) Elevata risoluzione spaziale

Dettagli

La Diagnostica Radiologica Emergente: Mammografia Digitale

La Diagnostica Radiologica Emergente: Mammografia Digitale Controversie e Innovazioni in Senologia Bari 23-25 Febbraio 2005 HOTEL AMBASCIATORI - BARI La Diagnostica Radiologica Emergente: Mammografia Digitale Marcello Viterbo Studio Radiologico Viterbo - Di Carlo

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

APPARECCHIO RADIOGENO

APPARECCHIO RADIOGENO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia APPARECCHIO RADIOGENO A.A. 2014 2015 Tecniche di Radiodiagnostica

Dettagli

scheda 01.06 Diagnostica per immagini Mammografia 3D con tomosintesi

scheda 01.06 Diagnostica per immagini Mammografia 3D con tomosintesi scheda 01.06 Diagnostica per immagini Mammografia 3D con tomosintesi Cos è La mammografia 3D con tomosintesi è una tecnica diagnostica digitale tridimensionale. Le immagini, acquisite da diverse angolature,

Dettagli

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 2

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 2 Strumentazione Biomedica 2 Tomografia computerizzata a raggi X - 2 Le quattro generazioni di tomografi I generazione II generazione III generazione IV generazione Acquisizione continua di dati (ricostruzioni

Dettagli

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Centratura

Dettagli

Gruppo di lavoro screening in mammografia. Dr.ssaR. Rosasco ASL 3 Genovese Fisica Sanitaria

Gruppo di lavoro screening in mammografia. Dr.ssaR. Rosasco ASL 3 Genovese Fisica Sanitaria Gruppo di lavoro screening in mammografia Dr.ssaR. Rosasco ASL 3 Genovese Fisica Sanitaria Screening mammografico L efficacia dello screening mammografico, nel ridurre la mortalitàper carcinoma mammario,

Dettagli

Dedicato alla mammografia

Dedicato alla mammografia ITALIANO Vera dedizione Anche se il numero di donne cui viene diagnosticato il cancro al seno aumenta ogni anno, un numero sempre maggiore di loro sopravvive al cancro ed è in grado di continuare a vivere

Dettagli

Rilevazione dei tumori al seno Lorad Valutazione dell osteoporosi Imaging IRM degli arti Imaging Fluoroscan con braccio a C

Rilevazione dei tumori al seno Lorad Valutazione dell osteoporosi Imaging IRM degli arti Imaging Fluoroscan con braccio a C La forza della Hologic è la forza dell innovazione chiara e con un solo obiettivo... sfidare i limiti della scienza e della tecnologia ogni giorno per innalzare lo standard della qualità dell immagine.

Dettagli

uno studio di radiologia odontoiatrica

uno studio di radiologia odontoiatrica IMMAGINI RADIODIAGNOSTICHE EVOLUTE TOMOGRAFIA VOLUMETRICA A FASCIO CONICO PER DARE PIÙ VALORE ALLA VOSTRA PROFESSIONALITÀ PER VIA DIGITALE NEL VOSTRO STUDIO RAYDENTAL MARKETING www.raydental-gruppomedico.it

Dettagli

RayDental CENTRO DI RADIOLOGIA ODONTOIATRICA

RayDental CENTRO DI RADIOLOGIA ODONTOIATRICA RayDental CENTRO DI RADIOLOGIA ODONTOIATRICA IMMAGINI RADIODIAGNOSTICHE EVOLUTE TOMOGRAFIA VOLUMETRICA A FASCIO CONICO PER DARE PIÙ VALORE ALLA VOSTRA PROFESSIONALITÀ PER VIA TELEMATICA NEL VOSTRO STUDIO

Dettagli

TOMOGRAFO COMPUTERIZZATO MULTISLICE DI ALTA GAMMA A 64 SLICE

TOMOGRAFO COMPUTERIZZATO MULTISLICE DI ALTA GAMMA A 64 SLICE Allegato H OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE DI ALCUNI LOCALI SITI AL PIANO SEMINTERRATO DELL OSPEDALE SAN CAMILLO DE LELLIS DI RIETI PER L ACQUISIZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA DIAGNOSTICA TAC A SERVIZIO DEL PRONTO

Dettagli

Franca Artuso Daniela Severi

Franca Artuso Daniela Severi ERGONOMIA E DIFFICOLTA TECNICHE DEI MAMMOGRAFI DIGITALI E DELLE APPARECCHIATURE PER LA DIAGNOSTICA SENOLOGICA Franca Artuso Daniela Severi Salerno 25 giugno 2014 Dip. Interaziendale per la Prevenzione

Dettagli

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 1

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 1 Strumentazione Biomedica 2 Tomografia computerizzata a raggi X - 1 Radiologia convenzionale Radiologia convenzionale Radiografia Convenzionale: Limitazioni La radiografia è una proiezione 2D di una struttura

Dettagli

QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO

QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO 1 GANTRY Diametro del tunnel Angoli inclinazione dello stativo (indicare se comandabile dalla consolle principale) Distanza fuoco-rivelatori in mm

Dettagli

A.O. Ospedale Niguarda Ca' Granda

A.O. Ospedale Niguarda Ca' Granda Compilare il questionario sottostante in tutte le sue parti (non è ammesso il rimando alle schede tecniche). Qualora non fosse possibile riportare le informazioni richieste nel questionario, il riferimento

Dettagli

Linea Dentale. Sistema Dentale Panoramico e 3D CBCT. radiology ahead

Linea Dentale. Sistema Dentale Panoramico e 3D CBCT. radiology ahead Linea Dentale Sistema Dentale Panoramico e 3D CBCT radiology ahead l innovazione nell imaging dentale Un sistema 3-in-1, dotato della tecnologia Cone Beam Sistema aggiornabile con braccio cefalometrico

Dettagli

DITTA PRODUTTRICE MODELLO DITTA DISTRIBUTRICE ANNO DI IMMISSIONE SUL MERCATO ULTIMA VERSIONE GENERAZIONE NUMERO DI REPERTORIO CND

DITTA PRODUTTRICE MODELLO DITTA DISTRIBUTRICE ANNO DI IMMISSIONE SUL MERCATO ULTIMA VERSIONE GENERAZIONE NUMERO DI REPERTORIO CND DITTA PRODUTTRICE MODELLO DITTA DISTRIBUTRICE ANNO DI IMMISSIONE SUL MERCATO ULTIMA VERSIONE GENERAZIONE NUMERO DI REPERTORIO CND GANTRY DIAMETRO DEL TUNNEL (cm) INCLINAZIONE MASSIMA DEL GANTRY (IN GRADI

Dettagli

Aspetti fisici e tecnici della nuova mammografia digitale

Aspetti fisici e tecnici della nuova mammografia digitale Aspetti fisici e tecnici della nuova mammografia digitale Valentina Ravaglia S.C. Fisica Sanitaria Azienda USL 2 Lucca Stato dell arte imaging mammografico Evoluzione da sistemi analogici a CR e DR Confronto

Dettagli

N. 1 TC MULTISLICE PER L OSPEDALE SAN CARLO DI VOLTRI CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI DEL SISTEMA

N. 1 TC MULTISLICE PER L OSPEDALE SAN CARLO DI VOLTRI CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI DEL SISTEMA ALLEGATO A) N. 1 TC MULTISLICE PER L OSPEDALE SAN CARLO DI VOLTRI CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI DEL SISTEMA E richiesta un unità tomografica computerizzata multistrato (TC Multislice) con scansione

Dettagli

TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE

TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI MINIME PENA L ESCLUSIONE SARANNO VALUTATI I SEGUENTI REQUISITI

Dettagli

Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip

Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip Laboratorio di Fisica Biomedica Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip L. Ramello Universita del Piemonte Orientale Argomenti trattati Fasci di raggi X Tecniche di rivelazione dei raggi X Qualita

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME

FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME ALLEGATO 3 FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME LOTTO APPARECCHIATURA SPESA COMPLESSIVA IVA ESCLUSA 1 FORNITURA DI N. 1 APPARECCHIATURA

Dettagli

uno studio di radiologia odontoiatrica

uno studio di radiologia odontoiatrica www.centromedicotiziano.it 01 uno studio di radiologia odontoiatrica Lo Studio di Radiologia Tiziano, da tempo specializzato in esami polispecialistici, ha ampliato la propria attività nell ambito specifico

Dettagli

Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D. Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D

Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D. Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D Il futuro è arrivato Tecnologia 3D disponibile subito La radiografia dentale si è evoluta; la tecnologia del futuro

Dettagli

CRANEX Excel CRANEX Excel Ceph CRANEX Basex. Panoramici Dentali Analogici. Famiglia di prodotti

CRANEX Excel CRANEX Excel Ceph CRANEX Basex. Panoramici Dentali Analogici. Famiglia di prodotti CRANEX Excel CRANEX Excel Ceph CRANEX Basex Panoramici Dentali Analogici Famiglia di prodotti CRANEX Excel Eccellenza nella panoramica CRANEX Excel è un panoramico dentale su pellicola dotato di opzioni

Dettagli

Il progetto Proteus Donna e altre iniziative di ricerca nell ambito dello screening mammografico regionale

Il progetto Proteus Donna e altre iniziative di ricerca nell ambito dello screening mammografico regionale Alfonso Frigerio Livia Giordano Antonio Ponti Nereo Segnan Il progetto Proteus Donna e altre iniziative di ricerca nell ambito dello screening mammografico regionale Centro di Riferimento Regionale per

Dettagli

Linea Dentale. Sistema Dentale Panoramico e 3D

Linea Dentale. Sistema Dentale Panoramico e 3D Linea Dentale Sistema Dentale Panoramico e 3D Villa Sistemi Medicali è orgogliosa di presentare il nuovo Rotograph Evo 3D, sistema di imaging dentale con funzionalità 3-in-1: Panoramica, Cefalometrica,

Dettagli

Risonanza magnetica nucleare. Sequenze di eccitazione

Risonanza magnetica nucleare. Sequenze di eccitazione Risonanza magnetica nucleare Sequenze di eccitazione Riepilogo RM Consideriamo degli atomi di idrogeno Applichiamo un campo magnetico statico B 0 Si genera un vettore di magnetizzazione M z I nuclei precedono

Dettagli

La TC. e il mezzo di. contrasto

La TC. e il mezzo di. contrasto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 La TC e il mezzo di contrasto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV AL6-0 03/10/2011 INDICE Che cosa è la TAC o meglio la TC? 4 Tutti possono essere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE INTRODUZIONE TC La TC è una metodica radiologica che sfruttando la rotazione del tubo radiogeno intorno ad un oggetto fornisce immagini tomografiche pressochè

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

2015-1. Impresa Indirizzo CAP / Città Esaminatore Numero di licenza UFSP

2015-1. Impresa Indirizzo CAP / Città Esaminatore Numero di licenza UFSP Rapporto d'ispezione - Controllo di stato / test di accettazione per la mammografia digitale Controllo effettuato secondo le istruzioni UFSP R-08-02 e le raccomandazioni europee per la garanzia della qualità

Dettagli

Controlli di Qualità in. Mammografia

Controlli di Qualità in. Mammografia Controlli di Qualità in Master: Mammografia Terza Parte Verifiche di Qualità in Radiodiagnostica, Medicina Nucleare e Radioterapia Lezioni n. 11 Dr. Rocco Romano (Dottore di Ricerca) Facoltà di Farmacia,

Dettagli

VistaPano immagini perfette a 360

VistaPano immagini perfette a 360 VistaPano immagini perfette a 360 Il nuovo radiografi co panoramico digitale dotato di tecnologia S-Pan ARIA COMPRESSA ASPIRAZIONE IMAGING CONSERVATIVA IGIENE VistaPano più rapido, più semplice, per risultati

Dettagli

codiagnostix 9 Informazioni di assistenza per scansioni (CB)TC

codiagnostix 9 Informazioni di assistenza per scansioni (CB)TC codiagnostix 9 Informazioni di assistenza per scansioni (CB)TC DEUTSCH INDICE 4 1.1 Scansioni TC 4 1.1.1 Preparazione 4 1.1.2 Posizionamento del paziente 5 1.1.3 Processo di scansione 6 1.1.4 Archiviazione

Dettagli

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza II^ Forum Risk Management in Sanità Applicazione delle tecnologie alla sicurezza del paziente Arezzo, Centro

Dettagli

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto L IMMAGINE ANGIOGRAFICA TC Firenze, 5-65 6 Dicembre 2008 GENERAZIONI DI TOMOGRAFI COMPUTERIZZATI I generazione Le tappe evolutive dei tomografi computerizzati dal 1973

Dettagli

ALLEGATO N 1 CARATTERISTICHE TECNICHE LOTTO N 1-

ALLEGATO N 1 CARATTERISTICHE TECNICHE LOTTO N 1- Fornitura e Posa in Opera di N 1 TAC multistrato con indice di acquisizione non inferiore a 16 (sedici) strati simultaneamente. L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di

Dettagli

Annunzio Chieti Corso di Laurea in TSRM

Annunzio Chieti Corso di Laurea in TSRM Università G. D AnnunzioD Annunzio Chieti Corso di Laurea in TSRM Apparecchiature di Radioterapia: IL SIMULATORE Dr. Domenico Genovesi Chieti, 14 Marzo 2006 Simulatore Apparecchio radiologico dotato di:

Dettagli

oggetto Tradizionale APPARECCHIATURE

oggetto Tradizionale APPARECCHIATURE Tubo a raggi X oggetto Schermi di rinforzo Scintillatori Radiologia Radioscopia Tradizionale APPARECCHIATURE Stativo a colonna E il più comune accessorio porta tubo radiogeno. E costituito da una struttura

Dettagli

SISTEMI CAD/CAM STRUMENTI SISTEMI DI IGIENE UNITÀ DI TRATTAMENTO SISTEMI RADIOLOGICI CONE BEAM PER TUTTI L'ORTHOPHOS XG 3D!

SISTEMI CAD/CAM STRUMENTI SISTEMI DI IGIENE UNITÀ DI TRATTAMENTO SISTEMI RADIOLOGICI CONE BEAM PER TUTTI L'ORTHOPHOS XG 3D! SISTEMI CAD/CAM STRUMENTI SISTEMI DI IGIENE UNITÀ DI TRATTAMENTO SISTEMI RADIOLOGICI CONE BEAM PER TUTTI L'ORTHOPHOS XG 3D! T h e D e n t a l C o m p a n y DIAGNOSI PIÙ PRECISA, MIGLIORE PIANIFICAZIONE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI APPROPIATEZZA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN ONCOLOGIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Alessandro Del Maschio Dipartimento di Radiologia Università Vita-Salute IRCCS San Raffaele Milano 1. NEOPLASIE POLMONARI Prof.

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING

IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING A. Cerniglia(1), T. Valente (2), A. Costa (3) (1) 01dB Italia Via Sanzio, 5 Cesano Boscone cerniglia@01db.it (2) Studio Ambiente e Sicurezza

Dettagli

Valutazioni radiografiche del complesso cranio-mandibolo-cervicale con TAC CONE BEAM. www.ap.pr.it anpelosi@tin.it

Valutazioni radiografiche del complesso cranio-mandibolo-cervicale con TAC CONE BEAM. www.ap.pr.it anpelosi@tin.it Valutazioni radiografiche del complesso cranio-mandibolo-cervicale con TAC CONE BEAM www.ap.pr.it anpelosi@tin.it 2 3 4 Situazione di equilibrio 5 Piano di Francoforte Parallelo al suolo in stazione eretta

Dettagli

Un importante risparmio di tempo, che l'operatore può dedicare a ciò che è veramente importante il paziente!

Un importante risparmio di tempo, che l'operatore può dedicare a ciò che è veramente importante il paziente! il sistema radiografico polivalente specificatamente progettato per ottimizzare l'utilizzo dei moderni detettori a stato solido il suo design innovativo supera le classiche limitazioni della meccanica

Dettagli

AREA SANITA E SOCIALE

AREA SANITA E SOCIALE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1114 del 01 luglio 2014 pag. 1/5 AREA SANITA E SOCIALE Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Erogatori privati accreditati esclusivamente ambulatoriali:

Dettagli

VELOCE - PRECISA - REGOLABILE Unità radiografica intraorale con portata ottimizzata

VELOCE - PRECISA - REGOLABILE Unità radiografica intraorale con portata ottimizzata VELOCE - PRECISA - REGOLABILE Unità radiografica intraorale con portata ottimizzata La forza si costruisce sull esperienza Tradizione aziendale di affidabilità Immagini di alta qualità Validità dei risultati

Dettagli

Corso di laurea in. Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia

Corso di laurea in. Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia Corso di laurea in Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia 1 Storia La Tomografia Assiale Computerizzata è il primo esempio di tecnica radiologica digitale che converte le informazioni

Dettagli

Nozioni di radioprotezione

Nozioni di radioprotezione Nozioni di radioprotezione Osvaldo Rampado S.C. Fisica Sanitaria 1 A.O.U. San Giovanni Battista di Torino Tommaso Mosso S.C. Radiodiagnostica 1 A.O.U. San Giovanni Battista di Torino RADIOPROTEZIONE.in

Dettagli

Migliore effetto di contrasto grazie all elaborazione MUSICA² per una qualità delle immagini costante ed indipendente dall esame

Migliore effetto di contrasto grazie all elaborazione MUSICA² per una qualità delle immagini costante ed indipendente dall esame SISTEMA DI RADIOGRAFIA DIRETTA DX-D 600 Sistema di radiografia generale a doppio detettore ad alta produttività Flessibilità nelle configurazioni, da sistema completamente autoposizionante a semiautomatico

Dettagli

Qualità. Facilità d uso. Flessibilità. Unità radiologica panoramica digitale

Qualità. Facilità d uso. Flessibilità. Unità radiologica panoramica digitale Qualità. Facilità d uso. Flessibilità. Unità radiologica panoramica digitale L imaging digitale diventa più semplice VANTAGGI PRINCIPALI QUALITÀ Qualità superiore delle immagini diagnostiche Esclusivo

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DISO. Il software DISO è una procedura che permette la ricostruzione della dose nel punto di

CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DISO. Il software DISO è una procedura che permette la ricostruzione della dose nel punto di CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DISO Il software DISO è una procedura che permette la ricostruzione della dose nel punto di isocentro del trattamento con fasci 3D-CRT statici di raggi x erogati dai linac

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

Evoluzione dei sistemi radiologici. Tecnologia dei sistemi digitali. CR: lettura dell immagine latente. CR: formazione dell immagine latente

Evoluzione dei sistemi radiologici. Tecnologia dei sistemi digitali. CR: lettura dell immagine latente. CR: formazione dell immagine latente Gruppo Interregionale Piemonte, Valle d Aosta, Liguria, Sardegna Corso Teorico - Pratico Controlli di qualità in Radiologia Digitale Torino, 10 dicembre 004 Sistemi Radiologici Digitali Aspetti Fisici

Dettagli

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica L evoluzione tecnologica ha reso disponibili numerose

Dettagli

Protocollo per la valutazione di Angiografi fissi e Archi a C mobili

Protocollo per la valutazione di Angiografi fissi e Archi a C mobili Protocollo per la valutazione di A cura del gruppo RAVGAT Referente : Annalisa Trianni Gruppo RAVGAT - AIFM pag. 1 di 6 1. Oggetto e scopo Il presente documento descrive le procedure di misura e le modalità

Dettagli

Gamma ortopantomografi

Gamma ortopantomografi Gamma ortopantomografi immagini professionali per un trattamento di successo PantOs DG xp Pratico, sicuro, efficace, economico: semplicemente digitale PantOs DG xp è un sistema radiografico panoramico

Dettagli

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services MISURE DI QUALITA DEI FASCI E DELLA DIMENSIONE DELLA MACCHIA FOCALE IN FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA PRODOTTI DA ACCELERATORI LINEARI PER RADIOGRAFIE INDUSTRIALI S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART

Dettagli

Breast CT. Progetto Breast CT. Sedi partecipanti: Napoli, Cagliari. Resp. Nazionale: Prof. Paolo Russo

Breast CT. Progetto Breast CT. Sedi partecipanti: Napoli, Cagliari. Resp. Nazionale: Prof. Paolo Russo Breast CT Sedi partecipanti: Napoli, Cagliari Resp. Nazionale: Prof. Paolo Russo Resp. Locale Napoli: Prof. Paolo Russo Resp. Locale Cagliari: Dott.ssa Viviana Fanti Durata: 2 anni Costo complessivo: 102.000

Dettagli

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali:

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: la sensibilità diagnostica o clinica, la specificità diagnostica o clinica, l incidenza

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

QUESTIONARIO TECNICO - MODELLO T

QUESTIONARIO TECNICO - MODELLO T QUESTIONARIO TECNICO - MODELLO T DITTA Offerta n. - N. 2 MAMMOGRAFI DIGITALI PER L AZIENDA USL DI VITERBO Il sottoscritto legale rappresentante della Ditta, sotto la propria responsabilità, dichiara: 1.

Dettagli

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Risultati del test e commenti Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Menu caratteristiche dei casi risultati del test criteri 2007 vs. 2005 commenti commenti commenti Dati richiesti all applicativo

Dettagli

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Riduzione dei costi e produzione di immagini ad alto contenuto

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

PACS. ( Sistemi di archiviazione e comunicazione dell immagine ) Nicola H. Strickland Pubblicato su Archives of Disease in Childhood 2000; 83:82-86

PACS. ( Sistemi di archiviazione e comunicazione dell immagine ) Nicola H. Strickland Pubblicato su Archives of Disease in Childhood 2000; 83:82-86 PACS ( Sistemi di archiviazione e comunicazione dell immagine ) Radiologia senza pellicola Nicola H. Strickland Pubblicato su Archives of Disease in Childhood 2000; 83:82-86 * Giugno 2000 * 1 Introduzione

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV -

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - La TC spirale multistrato consente di ottenere un volume di dati dell intero addome in una unica

Dettagli

Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici

Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici Stefania Maggi SOD Fisica Sanitaria AOU Ospedali Riuniti Ancona s.maggi@ospedaliriuniti.marche.it Digital Flat Panel Detector asi-csi X-ray Tube

Dettagli

Kodak 9500. Sistema Cone Beam 3D. 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito

Kodak 9500. Sistema Cone Beam 3D. 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito Kodak 9500 Sistema Cone Beam 3D 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito Ora l imaging tridimensionale è lo standard diagnostico per tutte le

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto La diagnostica per immagini del polmone e della pleura PLEURA LE MANIFESTAZIONI - PLACCHE POLMONE RADIOLOGICHE - ISPESSIMENTO DIFFUSO - VERSAMENTO - MESOTELIOMA

Dettagli

Due visioni, un eccellente trattamento

Due visioni, un eccellente trattamento Elios AC - Altis DC Due visioni, un eccellente trattamento Altis DC Un vantaggio evidente: l Alta Frequenza La tecnologia DC al servizio delle prestazioni nella radiologia odontoiatrica Altis DC è un sistema

Dettagli

Ai confini dell immaginazione

Ai confini dell immaginazione Ai confini dell immaginazione TSRM : Oscar BRAZZO - Filippo VESSIO USL BA/4 P.O. DI VENERE U.O. RADIOLOGIA Direttore : A.P. Garribba Le apparecchiature TC di ultima generazione con tecnologia multidetettore

Dettagli

Dr. med. dent. Viktoria Kalla, Dr. med. dent. Robert Kalla

Dr. med. dent. Viktoria Kalla, Dr. med. dent. Robert Kalla CS 9000 3D Vantaggi e benefici della radiologia 3D per i clinici e per i pazienti nella diagnosi, pianificazione e trattamento: Dr. med. dent. Viktoria Kalla, Dr. med. dent. Robert Kalla Introduzione:

Dettagli

Quad Speed Technology

Quad Speed Technology DenOptix QST Quad Speed Technology Digital Imaging DenOptix QST e sei nel digitale DenOptix QST Tutti i vantaggi del digitale con la facilità d uso del film radiografico. Massima produttività Flessibilità

Dettagli

CAPITOLATO SIMULATORE

CAPITOLATO SIMULATORE AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE - CIACCIO AREA ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Sede legale: Via V. Cortese, 10 88100Catanzaro Via V. Cortese, 25-88100 CATANZARO Tel. 0961.883582 Fax 0961.883505 P.IVA 01991520790

Dettagli

Descrizione CAD polmonare e interfaccia web per il sito MEGALAB della regione Lazio

Descrizione CAD polmonare e interfaccia web per il sito MEGALAB della regione Lazio Descrizione CAD polmonare e interfaccia web per il sito MEGALAB della regione Lazio Un applicazione in fase di sperimentazione nel progetto MEGALAB è un sistema computerizzato per il riconoscimento automatico

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Progetto di consolidamento dello screening del cercivocarcinoma La popolazione target del Veneto è di circa 1.350.000 donne e programmi di screening citologico sono attivi in tutte le 21 Aziende ULSS della

Dettagli

La radioprotezione del paziente: il punto di vista del Responsabile dell Impianto

La radioprotezione del paziente: il punto di vista del Responsabile dell Impianto La radioprotezione del paziente: il punto di vista del Responsabile dell Impianto Dott. Alessandro Falzone Direttore U.O.C. Radiologia P.O. S. Elia ASP 2 Caltanissetta D.Lgs. 187/00 Protezione nelle esposizioni

Dettagli

Diagnostica per Immagini

Diagnostica per Immagini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Anno accademico 2005-2006 Diagnostica per Immagini Argomento 2 Tecnica radiografica Arturo Brunetti Tel 0817463102 Fax

Dettagli

La concentrazione delle immagini nella diagnostica radiologica: opportunità per lo screening oncologico

La concentrazione delle immagini nella diagnostica radiologica: opportunità per lo screening oncologico La concentrazione delle immagini nella diagnostica radiologica: opportunità per lo screening oncologico Daniele Regge Fondazione del Piemonte per l Oncologia IRCCS Candiolo-Torino Agenda Il programma Proteus

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

Versatile. Intuitivo. Affidabile. Sistema di imaging dentale 3D

Versatile. Intuitivo. Affidabile. Sistema di imaging dentale 3D Versatile. Intuitivo. Affidabile. Sistema di imaging dentale 3D CRANEX 3D L'imaging digitale semplificata Panoramico +Cone Beam 3D +Ceph CRANEX 3D è un sistema di imaging dentale di alta qualità con programmi

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Dosimetria per la tomografia del seno a contrasto di fase con luce di sincrotrone

Università degli Studi di Napoli Federico II. Dosimetria per la tomografia del seno a contrasto di fase con luce di sincrotrone Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Area Didattica di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica Laurea Magistrale in Fisica TESI

Dettagli

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata.

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Georgios Papanikolaou va in soffitta? Sergio Schettini ONCOLOGICI Regione Basilicata Dipartimento Sicurezza e Solidarietà Sociale

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Mammografia digitale sottrattiva a doppia energia con mezzo di contrasto: dosi e immagini dal punto di vista fisico

Mammografia digitale sottrattiva a doppia energia con mezzo di contrasto: dosi e immagini dal punto di vista fisico Mammografia digitale sottrattiva a doppia energia con mezzo di contrasto: dosi e immagini dal punto di vista fisico Servizio di Fisica Medica Arcispedale S. Maria Nuova IRCCS, Reggio Emilia, Italy 25 settembre

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG)

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Applicazioni della Risonanza Magnetica dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Neurologia La risonanza magnetica (RM) è oggi l'esame d elezione per l imaging del sistema nervoso centrale e periferico. L alta

Dettagli

CORSO di LAUREA per TECNICI SANITARI di RADIOLOGIA MEDICA

CORSO di LAUREA per TECNICI SANITARI di RADIOLOGIA MEDICA CORSO di LAUREA per TECNICI SANITARI di RADIOLOGIA MEDICA TECNICA DI RADIOLOGIA SCHELETRICA CRANIO COLONNA VERTEBRALE SCHELETRO TORACICO ARTO SUPERIORE BACINO ARTO INFERIORE Il cammino nel tempo dei raggi

Dettagli

TC del Massiccio Facciale

TC del Massiccio Facciale TC del Massiccio Facciale Anatomicamente, il massiccio facciale è composto da strutture ossee che contengono e circoscrivono cavità aeree che, rivestite da mucose, formano i seni paranasali. Grazie a queste

Dettagli

Ruolo del radiologo Cristiana Vanoli. Ospedale di Circolo-Varese Servizio di Radiologia

Ruolo del radiologo Cristiana Vanoli. Ospedale di Circolo-Varese Servizio di Radiologia Ruolo del radiologo Cristiana Vanoli Ospedale di Circolo-Varese Servizio di Radiologia SCREENING CA MAMMARIO RUOLO DEL RADIOLOGO TEST DI I LIVELLO: Refertazione della Mx ACCERTAMENTI DI II LIVELLO: Proiezioni

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli