Contributi Retribuzione imponibile Mance offerte ai croupiers Assoggettabilità a contribuzione previdenziale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contributi Retribuzione imponibile Mance offerte ai croupiers Assoggettabilità a contribuzione previdenziale."

Transcript

1 Contributi Retribuzione imponibile Mance offerte ai croupiers Assoggettabilità a contribuzione previdenziale. Tribunale di Como , n. 335/00 Dott. Fargnoli Casinò Municipale di Campione d Italia (Avv.ti Luciani, Persiani, Scognamiglio, Stanchi, Trifirò) INPS (Avv.ti Fonzo, Mogavero, Mostacchi). Ai sensi del Decreto Legislativo n. 314/97, modificativo dell art. 12 legge n. 153/69, in tema di individuazione della retribuzione imponibile, devono essere ricomprese in questa le mance offerte ai croupiers dai clienti delle case da gioco. FATTO. - Con ricorso presentato in data , il Casinò Municipale di Campione d'italia lamentava che l INPS esigesse il pagamento dei contributi previdenziali sulle mance offerte dai clienti vincenti ai "croupiers". Evidenziava come la mance non avevano natura retributiva e, pertanto, l INPS non poteva esigere i contributi previdenziali su quegli emolumenti. Affermava che il DPR 314 del 1997, in base al quale l'ente aveva disposto la contribuzione, era inapplicabile. Infatti, il Governo aveva ecceduto dalla delega avuta dal Parlamento ex legge n. 662 del Inoltre, l'art.3 dei DPR era incostituzionale, là dove qualificava come reddito da lavoro dipendente anche le erogazioni liberali. Affermava, dunque, l'incostituzionalità della norma, chiedendo la trasmissione degli atti alla Corte Costituzionale. In ogni caso, sosteneva la illegittimità della pretesa INPS al versamento contributivo sulle mance ex D. Lgs. 314/97. In subordine, sosteneva l'applicabilità del DPR 1420/71, che sanciva un contributo figurativo all ENPALS. Si costituiva l INPS e contestava le domande. L'evoluzione legislativa aveva disancorato il concetto di retribuzione da quello di sinallagma della locatio operarum". Il decreto legislativo n. 314/97 aveva considerato come, retribuzione anche le mance, le quali conseguentemente erano oggetto di trattenuta fiscale e di contributi previdenziali obbligatori. L'Ente applicava legittimamente il D.Lgs. n. 314/97, il quale si ben inquadrava nei limiti della delega concessa dal Parlamento al Governo. In ogni caso, le mance corrisposte dai giocatori vincenti ai "croupiers" avevano tutte le caratteristiche della retribuzione: continuità del flusso, omogeneità degli importi annuali ( 16 miliardi annui), partecipazione del casinò alla percezione delle mance, previsione contrattuale collettiva, calcolo delle mance nella quantificazione della paga dei "croupiers". Si opponeva alla eccezione di illegittimità costituzionale, in quanto nessuna delle disposizioni invocate (artt. 3, 36, 38 Cost.) era violata dal D.Lgs. n. 314/97. All'udienza del , espletata l'istruttoria dibattimentale i difensori concludevano come da verbale in atti. DIRITTO. - 1) Quadro giuridico. La mancia è una somma di danaro, che il lavoratore riceve da un cliente del proprio datore di lavoro. L'ammontare della mancia, di solito,

2 costituisce una frazione della cifra, pagata dal cliente al datore. Nel nastro Paese, essa è assolutamente libera sotto l'aspetto del diritto. Ciò significa che la mancata corresponsione della mancia non costituisce un inadempimento contrattuale. In diritto, la mancia costituisce una donazione modale affidata alla generosità del fruitore delle prestazioni, offerte dal lavoratore, ma pagate all'imprenditore, il quale, a sua volta, provvede a retribuire il dipendente. Il rapporto giuridico avente come oggetto la mancia è bilaterale. Concerne il cliente e il lavoratore. Il datore ne rimane estraneo. In altri Paesi, per esempio negli USA, la mancia è obbligatoria e viene richiesta insieme ai conto, il cui oggetto appartiene all'imprenditore. Spesso la prassi sociale esige la dazione della mancia, determinandone anche l'ammontare. Ma l'omesso versamento della mancia, là dove ne esiste l'uso, è biasimato solo sotto l'aspetto consuetudinario e psicologico. L'uso è diffuso soprattutto nel settore dei servizi. A differenza di tutti gli emolumenti connessi con la locatio operarum", la mancia non è sborsata da chi ha assunto il dipendente, ma da una terza persona, estranea al rapporto di lavoro subordinato. Essa è perciò esterna al sinallagma del contratto, sebbene venga corrisposta in occasione di prestazioni, relative ai rapporto. A causa della volontarietà, eventualità estraneità al rapporto di lavoro, secondo la Cassazione, gli introiti delle mance, solo quando costituiscono un uso consolidato, possono acquisire carattere di retribuzione ( Cass n. 7512; Cass n. 260). Il contratto collettivo aziendale del Casinò di Campione d'italia prevede addirittura la spartizione tra personale e azienda delle mance, offerte dai giocatori vincenti al tavolo verde. Inoltre, ivi, in caso dì spostamento dal settore giochi a quello amministrativo, norme specifiche assicurano ai dipendenti una voce retributiva, sostituita dalle mance, non più incassabili con l'abbandono delle prestazioni ai tavoli verdi. Diverse decisioni, concernenti il casinò di S. Remo e di Venezia Lido, hanno considerato le mance quale una forma di retribuzione. Hanno infatti motivato che in quell'azienda è possibile far conto su un "tronco mance" abituale (Cass n. 4266; App. Genova , Riv. giur. lav. 196; App. Venezia Giust. Civ. 1965, I, 2148). La natura normalmente non retributiva delle mance determina che la prescrizione relativa non è quella quinquennale. La quale si attaglia ai crediti retributivi da lavoro subordinato ex art n. 4 c.c.. La Suprema Corte (Cass n. 9702) ha affermato che il lavoratore, invalido temporaneamente per fatto illecito altrui, può chiedere il risarcimento del lucro cessante non solo per mancata remunerazione, ma anche per le somme presumibilmente percepite a titolo di mancia. In ciò, la Cassazione ha ritenuto la natura retributiva delle mance, quando siano continuative e predeterminate. 2) Natura delle mance. Delineata la natura ambivalente delle mance, sembrerebbe che tale emolumento tutto sommato, abbia carattere diverso della retribuzione. Infatti, proviene da un soggetto esterno al concetto eventuale nell attribuzione ed è incerta nel suo ammontare. In tal senso, la mancia non può "stricio sensu" concettualmente essere connessa al sinallagma contrattuale al rapporto di lavoro subordinato.

3 Per contro, il profilo teoretico della mancia non può far dimenticare una situazione storico fenomenica concreta. I giocatori vincenti nei casinò lasciano abitualmente una mancia ai "croupiers". Tale abitudine, sia che la si consideri come consuetudine (opinio iuris seu necessitatis), sia che la si ritenga una prassi (mera ripetitività materiale di atti) determina una situazione fattuale incontrovertibile. Gli introiti dei casinò comprendono un flusso di mance continuo nei decenni e analogo nell'ammontare annuale. Il problema delle mance è simile in tutte le Case da gioco. Per quello che concerne il nostro paese, i quattro casinò, Venezia Lido, San Remo, Saint Vincent e Casinò Municipale di Campione d'italia, si pongono da tempo il problema gestionale delle mance. Ed è proprio nei loro confronti che le sentenze della Cassazione citate nel precedente paragrafo hanno affermato lo natura retributiva delle mance costanti nel tempo e predeterminate nel loro ammontare. Il ricorrente delinea la sua difesa osservando che ciò che retribuzione non è, non può essere trattato come retribuzione. A parere del decidente, le due esigenze, qui contrastanti, non necessariamente debbano risolversi con una modifica ontologica di uno dei due istituti. Le istanze confliggenti sono le seguenti. Da una parte, emerge la natura prevalentemente non retributiva delle mance, in quanto provengono da un terzo esterno al rapporto e sono incerte sia nell "an" che nel "quantum". Trattasi di una esigenza giuridico - negoziale. L'altra istanza, di natura giuridico finanziaria, risiede in ciò. E' profondamente ingiusto che un flusso di denaro pari a 16 miliardi annui vada esente dalle abituali percussioni statuali. Tutti i redditi sono gravati dalle trattenute fiscali e contributive. E' dunque equo che anche questo congruo afflusso monetario sia colpito dalle medesime trattenute. L'evoluzione legislativa a riguardo sembra dare ragione proprio a tale argomentazione. Infatti, l'art. 12 oggi modificato in art. 6 della L. 153/69 recitava: "Per; la determinazione della base imponibile per il calcolo dei contributi di previdenza ed assistenza sociale, si considera retribuzione tutto ciò che il lavoratore riceve dal datore di lavoro in denaro o in natura, al lordo di qualsiasi ritenuta, indipendenza del rapporto di lavoro. Come si vede la norma faceva soprattutto riferimento al sinallagma della "locatio operarum" ed evidenziava la provenienza dei compenso da parte del datore. La disposizione, art. 6 citato, che ha sostituito (l'art. 3 DPR n. 314 del 97, ora stabilisce: "Il reddito da lavoro dipendente è costituito da tutte le somme ed i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo di imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro". Inoltre, l'art. 3 L n. 388, modificativo dell'art. 48 del TU n. 917 recita: "Le mance di cui all'art. 47, comma 1, lettera 1), costituiscono reddito imponibile nella misura del 75% dell'ammontare percepito nel periodo di imposta". E' evidente l'allargamento del concetto di reddito percuotibile dalla contribuzione INPS.

4 Sul punto, il ricorrente ha eccepito il debordamento da parte del Governo del limiti della legge delega, emessa dal Parlamento. L'obiezione non é fondata. Il titolo della legge - quadro del n. 682 recita: "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica". In tale cornice, si inserisce perfettamente la valutazione attuata dai Governo col decreto delegato. Spetta, infatti, ai Governo individuare i mezzi con cui conseguire le finalità di razionalizzazione, fissate dalla legge - delega. Questi strumenti sono stati trovati dal DPR nel gravare contributivamente anche le mance. 3) Eccezione di incostituzionalità. Tuttavia, il casinò replica che la norma che percuote contributivamente le mance è iniqua perché il datore di lavoro (casinò) deve versare i contributi previdenziali per somme di denaro date da terzi. La scelta legislativa, però, non collide con alcun principio costituzionale. Invero, nessuna norma vieta al legislatore di applicare un regime proprio alla retribuzione (trattenute fiscali e contributive) alle mance, che retribuzione non sono. Rientra nella scelta politica del Parlamento e del Governo di trattare somme corrisposte "benevolentiae cause", come remunerazione. La Costituzione non lo vieta. L'incostituzionalità prospettata concernerebbe l'infrazione dell'art. 3 della Costituzione (principio di uguaglianza); art. 36 Cost. (equa retribuzione); art. 38 Cost. (diritto all assistenza sociale). Pare al decidente che l'art. 3 cit. in nessun caso violi i tre principi costituzionali invocati. Invero, nessun di quelle tre regole fondamentali vieta allo Stato di percuotere con contributi somme date a titolo gratuito. "A contraris", si può dire che nessuna regola costituzionale assicura i percettori di donazioni pecuniarie modali l'esenzione dai contributi obbligatori. Anzi, il proprio principio di eguaglianza dell'art. 3 Cost. invocato, suggerisce che tutti gli introiti, compresi quelli a titolo gratuito, purché di fatto analoghi alla retribuzione, siano percossi da gravami a giovamento di tutta la collettività. Il principio dell'equa retribuzione avrebbe potuto essere sollevato caso mai dai lavoratori, non già dal datore. La regola dell'assistenza sociale, poi, appare estranea alla fattispecie. L'assicurazione sociale dei lavoratori è una finalità che sta a cuore alle maestranze, le quali saranno ben contente che la loro posizione assicurativa migliori grazie alle mance che essi ricevono, oltre che grazie alla paga mensile. L'assenza dal giudizio dei lavoratori comprova la loro carenza di interesse a riguardo. L'art. 38 Cost. è onorato, e non certamente leso della percezione contributiva dell INPS. 4) "Cuius commoda eius incommoda". L argomentazione logica che mostra maggiormente la fallacia delle istanze attrici risiede nella valutazione del comportamento del casinò di Campione. Il casinò si duole che l INPS gli chieda i contributi sulle mance date ai suoi dipendenti. Però é lo stesso casinò che intasca la metà di quelle mance. Insomma, la Casa da gioco fruisce delle mance in misura pari alle persone cui quelle somme sono state date.

5 In altri termini, il giocatore vincente dà la mancia al "croupier e di questa somma metà se la prende il casinò. Altrove ciò non avviene. Il ristoratore, l'albergatore, il barista, non si appropriano di certo della metà delle mance date, rispettivamente, al cameriere, al concierge al barman. Questa discrasia socio - economica evidenzia il vantaggio del casinò per l'introito delle mance date ai "croupiers", rispetto agli altri fornitori di servizi. Ma vi è di più, il casinò di Campione ha cristallizzato da decenni questa partizione delle mance. L'art. 36 del vigente contratto aziendale recita; " - Mance - Il personale di giuoco avrà diritto di partecipare al monte mance nella misura massima del 50% quale compenso proveniente direttamente dai clienti del casinò e per i seguenti titoli: 43,00 % quale compenso diretto ed immediato; 3,50% a titolo di gratifica natalizia; 3,50% a titolo di indennità di quiescenza. Gli importi corrispondenti alla gratifica natalizia ed alla indennità di anzianità:(3,50% più 3,50% di cui sopra) potranno essere corrisposti in via anticipata se richiesti e considerati a titolo di acconto sulle spettanze dei due cennati Istituti". Orbene, è evidente che il casinò di Campione aumenta il proprio introito grazie alle mance date dai clienti ai "croupiers. Ed è tale la considerazione retributiva che il casinò annette alle mance, che esso remunera di meno i "croupiers" e di più gli impiegati amministrativi (deposizione del capo del personale del casinò, dott. Desio (pag. 5-7 v.u.). Il casinò paga di meno i "croupiers" proprio sperando nelle mance. Trattasi di speranza nulle vesti di certezza, come dimostra il flusso costante di 16 miliardi di mance annue. L'omogeneità dei flussi è tale che l'aumento annuale corrisponde più o meno al tasso d'inflazione. Il brocardo che cade qui acconcio è "cuius commoda eius incommoda". Il casinò non può, costantemente, lucrare dalle mance pagando meno i propri "croupiers" e poi dolersi che la collettività esiga che quelle somme contribuiscano all'assicurazione sociale dei lavoratori, grazie ai quali arrivano le mance. Si osserva, poi, che le donazioni modali dei giocatori vincenti sono elargite grazie all'opera prestata dai lavoratori del casinò. Le mance non sono corrisposte dal datore, ma sono determinate dall'occasione di lavoro dei croupiers. 5) Conclusioni. In definitiva, é giusto che l INPS esiga i contributi obbligatori dal casinò per molteplici e concorrenti motivi. Il casinò lucra ampiamente sulle mance date ai "croupiers". È quindi equo che ne paghi a beneficio della comunità tutte le imposte e i contributi. In secondo luogo, secondo l'indirizzo consolidato dei Supremo Collegio la natura non retributiva delle mance qui è dubbia perché ricorrono i seguenti elementi; 1) il casinò calcola sul contratto aziendale quanto proverrà dalle mance; 2) intasca la metà di quegli introiti; 3) paga di meno una categoria di impiegati sapendo che il plafond sarà raggiunto con le mance. Le mance in questione, insomma, posseggono tutte quelle caratteristiche riportate al paragrafo 1. Si tratta di quei profili fattuali per cui il Supremo Collegio attribuisce alle mance natura retributiva: continuità

6 di percezione, coinvolgimento del datore, omogeneità del flusso, guadagno del datore. Infine, nessuno dei principi costituzionali invocati é leso dall'art. 3 DPR 314 del La Costituzione non proibisce la pretesa contributiva sulle mance. Per contro la disamina logico giuridica fin qui esposta fornisce un validissimo principio di equità giuridica e sociale alla stregua del quale le mance, a buon diritto, sono gravate dei contributi obbligatori. L'accolta decisione esime dal valutare le questioni proposte dall'attore relative ad altri Enti. In conclusione, la domanda principale deve essere rigettata e l'eccezione di incostituzionalità appare manifestamente infondata. (Omissis)

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M.

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Sentenza Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Cass. civ., sez. Lavoro, 02-11-2001, n. 13558 - Pres. Mileo V - Rel. Mercurio E - P.M. Abbritti P (conf.) - RAI SpA c.

Dettagli

Tribunale di Foggia - 8.11/29.12.2000, n. 2559/00 - Dott. Rossi - Valentino ed altri (Avv.ti Capacchione, Carpagnano) - INPS (Avv. Di Lecce).

Tribunale di Foggia - 8.11/29.12.2000, n. 2559/00 - Dott. Rossi - Valentino ed altri (Avv.ti Capacchione, Carpagnano) - INPS (Avv. Di Lecce). Prestazioni - Assicurazioni contro la disoccupazione - Indennità di mobilità - Computo delle giornate indennizzabili - Rinvio alla disciplina sulla assicurazione generale obbligatoria contro la disoccupazione

Dettagli

LESIONE DEL CREDITO DEL DATORE DI LAVORO ALLE PRESTAZIONI DEL LAVORATORE, INFORTUNATO PER FATTO ILLECITO DEL TERZO. DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO

LESIONE DEL CREDITO DEL DATORE DI LAVORO ALLE PRESTAZIONI DEL LAVORATORE, INFORTUNATO PER FATTO ILLECITO DEL TERZO. DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO LESIONE DEL CREDITO DEL DATORE DI LAVORO ALLE PRESTAZIONI DEL LAVORATORE, INFORTUNATO PER FATTO ILLECITO DEL TERZO. DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO Il datore di lavoro che, a seguito dell'invalidità

Dettagli

23.2.2004. 3569 - - - P.M. - - INPS

23.2.2004. 3569 - - - P.M. - - INPS Pensioni - Cumulabilità - Diritto alla pensione supplementare previsto dall'art. 5 legge 1338 del 1962 - Conseguibilità solo in capo ai pensionati da lavoro dipendente - Lavoratori autonomi - Utilizzabilità

Dettagli

LA SOLUZIONE I PRECEDENTI

LA SOLUZIONE I PRECEDENTI 26/03/2015 PREVIDENZA INTEGRATIVA Le Sezioni Unite tornano a pronunciarsi sulla natura dei contributi ai fondi di previdenza integrativa Paola Salazar - Avvocato Con la sentenza 12 marzo 2015, n. 4949

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI

In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sent.637/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio in sede monocratica Il Giudice Unico delle pensioni dott. Marcovalerio POZZATO

Dettagli

Alessandro Raffo. Avvocato

Alessandro Raffo. Avvocato Roma, 8 ottobre 2014 Spettabile UGL INTESA FUNZIONE PUBBLICA AREA DEL CONTENZIOSO Via Bartolomeo Eustachio, 22 00161 ROMA Alla c.a. della Responsabile, avv. Claudia Ratti OGGETTO: PARERE PRO VERITATE SULLA

Dettagli

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Circolare N.69 del 10 Maggio 2012 Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Veterinari e medici: trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Gentile cliente, con

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da Egr. Sig. Tommaso Bortolomiol, come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da diversi Tribunali Italiani in materia di ripetibilità di quanto addebitato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI nella persona del Consigliere Pina M. A. LA CAVA, ha pronunciato,

Dettagli

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Prot. 35081/2012 Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori Generali degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LORO SEDI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa di Stefano Stefani [*] Sommario La recente giurisprudenza si è espressa, in modo anche diversificato ma certamente negativo,

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore

Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore in pra ca LAVORO Renzo Pravisano La retribuzione del lavoratore I edizione Definizione e classificazione giuridica Elemen cos tu vi Determinazione, contabilizzazione e pagamento Prescrizione del diri o

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 25 giugno 16 ottobre 2014, n. 21928

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 25 giugno 16 ottobre 2014, n. 21928 Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 25 giugno 16 ottobre 2014, n. 21928 Presidente Vidiri Relatore Ghinoy Svolgimento del processo M.L. ed altri litisconsorti, tutti impiegati tecnici di gioco (croupiers

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

DIRITTO. 1. Con l'unico motivo di impugnazione l'istituto previdenziale deduce la violazione e falsa

DIRITTO. 1. Con l'unico motivo di impugnazione l'istituto previdenziale deduce la violazione e falsa Pensioni - Fondo integrativo ex INAM - Retribuzione pensionabile - Indennità di posizione - Qualifica di dirigente generale - Acquisizione in virtù di benefici per ex combattenti - Spettanza - Esclusione.

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335,

AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335, AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335, tramite INPS sede provinciale di BARI, Via N. Sauro n, 41 RICORSO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Le SSUU sui versamenti del datore ai fondi complementari, prima della riforma del 1993

Le SSUU sui versamenti del datore ai fondi complementari, prima della riforma del 1993 Le SSUU sui versamenti del datore ai fondi complementari, prima della riforma del 1993 Cass. civ., Sez. Un., sentenza 12 marzo 2015, n. 4949 (Pres. Roselli, rel. Di Cerbo) PERIODO PRECEDENTE LA RIFORMA

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti.

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 18 Novembre 2014 Collaboratori coordinati e continuativi e amministratori di Società residenti all estero: trattamento fiscale degli

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che viene omesso il puntuale svolgimento del processo alla luce

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SARDEGNA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SARDEGNA Sent. n.264/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SARDEGNA in composizione monocratica nella persona del Consigliere Marino Benussi,

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI

In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sent.640/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio in sede monocratica Il Giudice Unico delle pensioni dott. Marcovalerio POZZATO

Dettagli

Roma, 29/05/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 67

Roma, 29/05/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 67 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 29/05/2014 Circolare

Dettagli

Le transazioni nei rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato: aspetti fiscali e previdenziali

Le transazioni nei rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato: aspetti fiscali e previdenziali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Le transazioni nei rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato: aspetti fiscali e previdenziali avv. Alberto De Luca dott. Salvatore Vitiello Studio De Luca Avvocati

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

Le poste tra risarcimento e indennizzo

Le poste tra risarcimento e indennizzo Le poste tra risarcimento e indennizzo di Clarissa Cerri, cultore della materia di Diritto civile Nota Corte Costituzionale, 11 febbraio 2011, n. 46. SINTESI: È stato dichiarato costituzionalmente illegittimo

Dettagli

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR La Consulta dichiara non fondata la questione di illegittimità costituzionale in merito alla disparità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati in TFR e tra assunti post e ante 2001. La recente

Dettagli

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals**

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** SOMMARIO 1. Premessa 2. Concetto di retribuzione imponibile giornaliera 3. Lavoratori subordinati e autonomi nello spettacolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 99 Settembre 2014 Quando si lavora dopo la pensione "Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno"! A questa massima

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Entrate. Roma, 14/04/2011

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Entrate. Roma, 14/04/2011 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Entrate Roma, 14/04/2011 Circolare n. 67 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie

Dettagli

dall'inps; - di aver conseguentemente cessato di corrispondere all'inps il contributo previdenziale finalizzato all'erogazione dell'indennità

dall'inps; - di aver conseguentemente cessato di corrispondere all'inps il contributo previdenziale finalizzato all'erogazione dell'indennità Prestazioni - Indennità di malattia - Datore di lavoro obbligato, per contratto, all'erogazione dell'indennità - Permanenza della obbligazione contributiva. Tribunale di Genova - 11.5/7.8.2000, n. 2838/00

Dettagli

SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335

SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335 SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335 (TRAMITE INPS SEDE DI ROMA, PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE N. 32) Per il sottoscritto Avv.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

Indennità integrativa speciale e pensione di reversibilità A cura dello Studio Legale Parenti

Indennità integrativa speciale e pensione di reversibilità A cura dello Studio Legale Parenti Indennità integrativa speciale e pensione di reversibilità A cura dello Studio Legale Parenti Con la sentenza n. 8/QM del 2002, la Corte dei Conti, a Sezioni Riunite, si è definitivamente pronunciata sull

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO N. 2617/2014 Ruolo gen. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO II Giudice del Lavoro dott. Carlo Mancuso all'odierna udienza ha pronunciato la seguente

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale A seguito dell informativa data dall Amministrazione in sede di delegazione trattante del 23 luglio u.s., sulla modifica del Regolamento Regionale (DGR 361/2015),

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

I tagli alle pensioni sono in contrasto con la Costituzione

I tagli alle pensioni sono in contrasto con la Costituzione Legge di stabilità 2014 I tagli alle pensioni sono in contrasto con la Costituzione Giuseppe Farina 1. È una mostruosità la legge di stabilità 2014 licenziata dal Senato: comprende 531 commi. Ciò è indice

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO. Ricorso

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO. Ricorso TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Ricorso Il/La sig./sig.ra.., rappresentata e difesa per delega in calce al presente atto dall avv.. ed elettivamente domiciliata presso il suo studio in., via.. contro

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 12 marzo 2008 Sperimentazione per l'anno 2008 delle prestazioni occasionali di tipo accessorio nel settore delle vendemmie. (GU n. 102 del 2-5-2008

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA R. G. n. 2206/2011 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE LAVORO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE il Giudice del lavoro dr. Leonardo Pucci, pronunciando nella

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEL DISTACCO COMUNITARIO a cura di Dario Messineo e Laura Grasso 1

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEL DISTACCO COMUNITARIO a cura di Dario Messineo e Laura Grasso 1 LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEL DISTACCO COMUNITARIO a cura di Dario Messineo e Laura Grasso 1 Abstract Il presente scritto affronta il tema della responsabilità solidale nell ambito degli appalti di servizi

Dettagli

Pensioni ai cittadini ultrasessantacinquenni sprovvisti di reddito Articolo26.

Pensioni ai cittadini ultrasessantacinquenni sprovvisti di reddito Articolo26. Legge 30 aprile1969 n. 153 Revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza sociale. Disciplina del cumulo della pensione con la retribuzione (Stralcio) Articolo 20. [18]. Per

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

CIRCOLARE N. 49 CIRCOLARE 49/E. Roma, 11 luglio 2008

CIRCOLARE N. 49 CIRCOLARE 49/E. Roma, 11 luglio 2008 CIRCOLARE N. 49 CIRCOLARE 49/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 11 luglio 2008 OGGETTO: Disposizioni urgenti per salvaguardare

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MODENA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MODENA Impiego pubblico Trattamento economico - Benefici e economici e di carriera - Dipendente comunale Diritto al beneficio della progressione economica orizzontale Categoria D Criteri di attribuzione della

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro

Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro Effetti della revoca del concordato e dichiarazione di fallimento sui rapporti di lavoro Relatore Luisella Fontanella Dottore Commercialista Revisore Legale Esperta in Consulenza del Lavoro Milano, 28

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 SERVIZI ANAAO ASSOMED La sentenza 08.10.2012 n. 223 della Corte Costituzionale offre molteplici spunti di riflessione non solo sulle specifiche disposizione oggetto

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Comitato Olimpico Nazionale Italiano Comitato Olimpico Nazionale Italiano Il CONI, emanazione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), è autorità di disciplina regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. Il Comitato Olimpico

Dettagli

Oggetto : differenze indennità buonuscita - tfr * * * PREMESSO IN FATTO CHE 1- Il ricorrente ha lavorato ininterrottamente alle dipendenze delle

Oggetto : differenze indennità buonuscita - tfr * * * PREMESSO IN FATTO CHE 1- Il ricorrente ha lavorato ininterrottamente alle dipendenze delle Oggetto : differenze indennità buonuscita - tfr * * * PREMESSO IN FATTO CHE 1- Il ricorrente ha lavorato ininterrottamente alle dipendenze delle Poste Italiane s.p.a. Filiale di dal al..con inquadramento

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli