Dal Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere"

Transcript

1 Supplemento Dal Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere Nell allegato che segue si presenta uno stralcio del Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere (Capitolo II) contenente gli undici obiettivi generali e gli obiettivi specifici di riferimento, in cui rientrano politiche e azioni promosse e/o programmate dalle Direzioni generali. Si è ritenuta utile una tale impostazione, in quanto proprio questi undici obiettivi, che sono stati individuati e condivisi nell Area d integrazione, hanno rappresentato i binari in cui sono state inserite le azioni individuate dalle Direzioni generali.

2 98 Le Istituzioni del Federalismo OBIETTIVI GENERALI E OBIETTIVI SPECIFICI 1. Adottare una prospettiva di genere sostenibile nella programmazione regionale Gli obiettivi generali qui di seguito individuati fanno riferimento agli orientamenti europei ed internazionali, che evidenziano la necessità di adottare un approccio alla sostenibilità sociale dello sviluppo considerando gli impatti sulle cittadine e sui cittadini, nei diversi momenti dell attività di programmazione delle politiche pubbliche. La partecipazione attiva delle donne nel mercato del lavoro e l eliminazione dei divari di genere in tutti gli aspetti della vita rappresentano, infatti, condizioni fondamentali indicate dall Unione europea per il raggiungimento degli obiettivi previsti di piena occupazione, coesione sociale, crescita economica di lungo periodo e di uno sviluppo sostenibile nella società della conoscenza. Questa attenzione è per altro ribadita proprio dal contributo italiano al Rapporto europeo per lo sviluppo sostenibile del 2007, sulla scia della Strategia di Lisbona. Premesso che la visibilità e la valorizzazione dell apporto economico delle donne allo sviluppo sono due aspetti importanti nella programmazione delle politiche regionali, il miglioramento delle loro condizioni nella società va ben oltre le questioni del lavoro, per affrontare direttamente la sfera pubblica della politica e la questione della distribuzione delle risorse. Le politiche di genere chiamano in causa anche la sostenibilità sociale dello sviluppo nelle politiche di welfare. I livelli di applicazione operativa degli orientamenti assunti per le politiche di genere dalla Regione Emilia-Romagna possono trovare, inoltre, un nuovo impulso ed una sfida sia nell adozione di un approccio trasversale a tutte le politiche regionali che si affianca a politiche mirate (approccio duale);

3 Supplemento sia nell integrazione tra i diversi sistemi di finanziamento, previsti dalla nuova programmazione dei fondi comunitari. Più concretamente tali livelli operativi possono riguardare, in particolare: il sostegno al tessuto sociale, economico e produttivo locale (infrastrutture, avvio di nuova imprenditoria, miglioramento e diversificazione delle opportunità lavorative esistenti), con la finalità di mobilitare tutte le risorse umane (non solo materiali e produttive) per lo sviluppo delle aree locali; la capacità di mobilitazione degli attori e delle risorse di un territorio (ad esempio culturali, sociali, economiche, ecc.); la realizzazione di interventi funzionali alle diverse esigenze delle persone destinatarie degli interventi (rete dei servizi di supporto, quali ad esempio i servizi di conciliazione, l accessibilità ai servizi, ecc.); la predisposizione di strumenti di valutazione e di monitoraggio, capaci di rispondere alla complessità dei temi e delle politiche integrate che vi sovrintendono. 2. Descrizione degli obiettivi generali e degli obiettivi specifici La scelta degli obiettivi generali per lo sviluppo delle politiche regionali secondo una prospettiva di genere è stata realizzata partendo dalle specifiche caratteristiche del contesto regionale, in cui s inseriscono le politiche, gli interventi e le azioni, così come emergono: dalle indagini conoscitive e dai dati statistici disponibili nelle singole Direzioni generali, dal Quadro conoscitivo per la costruzione di un punto di vista di genere, che offre una prima immagine delle situazioni concrete che caratterizzano la vita delle donne della Regione. Il profilo sintetico dell analisi pone in evidenza l importanza dell occupazione femminile in un mercato del lavoro dinami-

4 100 Le Istituzioni del Federalismo co, con un progressivo miglioramento dei dati occupazionali, più equilibrati rispetto alla media nazionale. L andamento dei principali indicatori regionali mostra che la Regione Emilia- Romagna, rispetto all obiettivo occupazionale riferito alle donne, ha già superato quanto previsto dalla Strategia europea per l occupazione per il A fronte di una situazione complessivamente positiva sostenuta da dati quantitativi, emergono anche elementi di criticità quali la scarsa presenza di donne nelle posizioni chiave dei processi decisionali, le differenze retributive e le opportunità d accesso stabile al mercato del lavoro, ma soprattutto la conciliazione tra vita familiare e lavoro retribuito. L analisi fornisce, inoltre, l immagine dell Emilia-Romagna come una delle Regioni più vecchie d Italia, con un forte peso della componente anziana femminile. Le donne appaiono più longeve degli uomini, ma se si considera la speranza di vita in buona salute il vantaggio delle donne si annulla: le donne soffrono in misura maggiore e più precocemente di almeno una forma di disabilità e di malattie croniche. Un altro elemento di forte criticità si collega al tema della violenza di genere. È importante predisporre strumenti sempre più idonei e, più in generale, promuovere la diffusione di una cultura attenta al rispetto dell uguaglianza di genere per creare un contesto capace di incoraggiare e sostenere la volontà di denuncia. Qui di seguito si presenta la declinazione degli obiettivi generali in alcuni possibili obiettivi specifici, la cui traduzione in priorità d azione è più chiara ed immediata. L elenco di questi obiettivi specifici, validato da tutte le Direzioni generali della Regione, costituisce, quindi, l orizzonte operativo che la Regione si pone nei confronti delle politiche di pari opportunità nel breve e medio periodo e rappresenta il capitale di conoscenze amministrative che la Regione intende consolidare nel settore, anche attraverso l individuazione condivisa di indicatori.

5 Supplemento Favorire l equilibrio tra vita e lavoro RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 2.1. Orari di lavoro flessibili per donne e uomini 2.2. Aumentare i sevizi di custodia 2.3. Migliori politiche di conciliazione tra lavoro e vita familiare per donne e uomini Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale Art. 11. Il ruolo del datore di lavoro Art. 15. Assistenza e servizi sociali Art. 16. Assistenza all infanzia Art. 17. Cura dei familiari a carico DUP Ob. 6. Sostenere un percorso d innovazione qualificazione del welfare per migliorare la qualità della vita delle persone Il tema della conciliazione tra vita lavorativa e familiare, obiettivo qualificante del Piano Integrato, assume una particolare rilevanza, allo scopo di favorire: un maggiore, più stabile e qualificato accesso delle donne al mercato del lavoro e alle opportunità formative; l inclusione sociale attraverso la riduzione del rischio di povertà. L alto tasso d occupazione femminile in Emilia-Romagna non è riuscito a produrre quelle modificazioni sulla distribuzione del lavoro di cura e dei carichi familiari tra maschi e femmine, in grado di colmare lo squilibrio nell ambito della conciliazione. In questa situazione, in cui i tradizionali equilibri tra le generazioni si sono modificati, le reti dei servizi e d aiuto

6 102 Le Istituzioni del Federalismo informale, che pur mostrano una forte capacità d adattamento, hanno sempre più necessità di rispondere al crescere dei bisogni e diviene fondamentale il sostegno da parte delle politiche nazionali e locali. Risulta sempre più opportuno adottare quindi un approccio globale e integrato per favorire la realizzazione della conciliazione tra vita professionale e familiare, che preveda la promozione di orari di lavoro più flessibili per donne e uomini, l aumento di strutture educative e di cura per l infanzia, anch esse flessibili e più economiche, l incremento di servizi necessari all assistenza degli anziani e delle persone non autosufficienti. Il fatto che oggi sia gli uomini che le donne lavorino, rende urgente che i servizi e le strutture si adattino in maniera più rapida ai mutamenti sociali intervenuti. A questo proposito si evidenzia il fatto che anche congedi parentali e lavoro parttime sono utilizzati in misura assolutamente prevalente dalle donne, in quanto ancora considerate maggiormente responsabili dell assistenza ai figli e alle altre persone a carico. Nello stesso tempo è giusto sottolineare come la Regione Emilia-Romagna rappresenti, in questo ambito, un punto avanzato nel panorama nazionale relativamente alla messa a punto di un sistema di servizi di qualità, attenti ad offrire una pluralità di opzioni a sostegno dei bisogni delle donne e delle loro famiglie. Obiettivi specifici 1.1. Sviluppare una rete integrata di servizi socio-educativi ed educativi per l infanzia e servizi per persone non autosufficienti Favorire la condivisione del lavoro domestico e di cura Contrastare la rigidità nell organizzazione del lavoro e negli orari delle imprese (pubbliche e private) e dei servizi pubblici Favorire il raccordo tra politiche pubbliche e politiche organizzative interne alle imprese Favorire la diffusione di informazioni (in particolare verso soggetti svantaggiati, con bassa scolarità, anziane sole, persone in situazione di povertà, ecc.) sulle opportunità e sui servizi resi disponibili.

7 Supplemento Assicurare pari accesso all educazione e alla cultura, all istruzione e alla formazione lungo tutto l arco della vita, valorizzando le differenze di genere RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 3.3. Le donne nella scienza e nella tecnologia 5.1. Eliminare gli stereotipi di genere nell istruzione, nella formazione e nella cultura Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale Art. 13. Educazione e formazione continua Art. 18. Inclusione sociale Art. 20. Cultura, sport e tempo libero DUP Ob. 2. Potenziare l investimento sul capitale umano attraverso l innalzamento delle competenze accompagnando tutti i cittadini verso più alti livelli di formazione nella prospettiva dell apprendimento lungo tutto l arco della vita, al fine di sostenere uno sviluppo adeguato e una duratura proiezione internazionale del sistema produttivo Tali temi assumono una particolare rilevanza anche alla luce delle priorità per la nuova programmazione e per favorire il pieno affermarsi di un economia della conoscenza, in cui sia valorizzato appieno il diverso apporto di donne e uomini: la promozione dell innovazione deve integrarsi con la piena valorizzazione del capitale umano, attraverso il rafforzamento del livello qualitativo e quantitativo dell apprendimento lungo tutto l arco della vita, facendo dell investimento sulle risorse umane e sullo sviluppo delle competenze di donne e uomini la premessa indispensabile per facilitare la ricerca, l innovazione e il trasferimento tecnologico.

8 104 Le Istituzioni del Federalismo Si segnala la particolare importanza che assume la promozione e la diffusione di una cultura attenta al rispetto dell uguaglianza di genere ed al contrasto degli stereotipi sessisti nell educazione e nella cultura, nel mercato del lavoro e nella comunicazione. In questo ambito una particolare rilevanza può avere la programmazione di azioni, che favoriscano la politica di contrasto agli stereotipi di genere all interno dei percorsi formativi e scolastici, in quanto momenti specifici di formazione di quelle attitudini essenziali per la vita e per l attività professionale. Obiettivi specifici 2.1. Aumentare la presenza femminile nei percorsi formativi e professionali in particolare nei percorsi tecnico-scientifici Favorire la crescita e la valorizzazione delle donne nella ricerca e nell innovazione Contrastare la minor partecipazione femminile alla formazione continua e permanente Contrastare la persistente segregazione orizzontale e verticale nei percorsi formativi e professionali Contrastare gli stereotipi di genere Favorire l accessibilità e la fruizione dei servizi pubblici (culturali, sportivi, turistici, ecc.) nelle città, nelle zone rurali e montane Favorire l accesso e la fruizione culturale delle diverse offerte anche contrastando forme di digital divide alle ICT Contrastare la perdita dei saperi di natura etnica e delle tradizioni locali. 3. Realizzare una pari autonomia economica per donne e uomini RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 1.1. Conseguire gli obiettivi di Lisbona in tema di occupazione 1.2. Eliminare la disparità retributiva

9 Supplemento Le donne imprenditrici 3.2. Le donne nel processo decisionale economico 5.2. Eliminazione degli stereotipi di genere nel mercato del lavoro Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale Art. 11. Il ruolo del datore di lavoro Art. 12. Fornitura di beni e servizi Art. 18. Inclusione sociale Art. 27. Sviluppo economico DUP Ob. 1. Rafforzare l orientamento e l impegno del sistema regionale verso la ricerca e l innovazione, attraverso il sostegno ai processi di cambiamento in senso innovativo ed il rafforzamento della rete della ricerca e del trasferimento tecnologico Ob. 2. Potenziare l investimento sul capitale umano attraverso l innalzamento delle competenze accompagnando tutti i cittadini verso più alti livelli di formazione nella prospettiva dell apprendimento lungo tutto l arco della vita, al fine di sostenere uno sviluppo adeguato e una duratura proiezione internazionale del sistema produttivo I principali indicatori occupazionali e di gender gap nella partecipazione al mercato del lavoro evidenziano specifiche criticità riguardo alle opportunità di accesso e permanenza nel lavoro stabile, alla qualità del lavoro ed ai livelli di carriera e retributivi, alla c.d. segregazione orizzontale. In sintesi, anche in Emilia-Romagna, al fine di diminuire il gender gap, sarà opportuno continuare a presidiare gli obiettivi di equità di genere, diversificando ulteriormente la strategia (e, di riflesso, le tipologie di azioni), in funzione anche dell età e del grado di istruzione/formazione delle destinatarie: per quelle più giovani, o di età inferiore ai 30 anni, si tratta in misura crescente di facilitare l ingresso nel mercato del lavoro di donne con elevato capitale umano anche attraverso strumenti di incentivazione innovativi;

10 106 Le Istituzioni del Federalismo per quelle di età più elevata, si tratta di favorire sia la stabilizzazione della situazione occupazionale, migliorando i processi di conciliazione tra tempi di vita, tempi di lavoro e tempi di cura, nonché interventi per un invecchiamento attivo di contrasto al rischio di povertà delle donne anziane. Obiettivi specifici 3.1. Favorire la crescita e la valorizzazione delle donne nella ricerca ed innovazione Favorire la presenza di donne nello spin-off di imprese innovative Contrastare i rischi di presenza marginale e residuale nel mercato del lavoro Contrastare la persistente rigidità nei processi d inserimento lavorativo delle donne, soprattutto nelle imprese a forte vocazione innovativa tecnologica ed organizzativa Contrastare le persistenti difficoltà che incontrano le donne a fare carriera ed i differenziali retributivi tra i due generi Contrastare la minor partecipazione femminile alla formazione continua e permanente Contrastare la segregazione orizzontale e verticale nei percorsi formativi e professionali Contrastare la povertà femminile (donne sole con figli, immigrate, anziane, ecc.) Contrastare le discriminazioni multiple (donne immigrate, rom, ecc.). 4. Sviluppare la dimensione di genere nei trasporti e nella mobilità territoriale RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 2.3. Migliori politiche di conciliazione tra lavoro e vita familiare per donne e uomini

11 Supplemento Carta europea Art. 24. Sviluppo sostenibile Art. 25. Pianificazione urbana e locale Art. 26. Mobilità e trasporti Art. 28. L ambiente DUP Ob. 5. Rafforzare la rete infrastrutturale per una mobilità sostenibile in grado di assicurare ai cittadini e alle imprese la migliore accessibilità al territorio regionale La mobilità, oltre a rappresentare una variabile strategica per lo sviluppo economico complessivo del territorio, si configura come un aspetto rilevante dell autonomia personale. La mobilità, come sistema complesso ed integrato di trasferimento delle persone, è dunque un aspetto strutturale che può condizionare le scelte professionali e lavorative delle cittadine e dei cittadini, con le conseguenti ricadute sulla competitività complessiva dei sistema economico. Riferirsi al solo trasporto dei passeggeri consente dunque di mettere in evidenza l impatto di genere sulle diverse modalità di trasporto degli uomini e delle donne della Regione, sia in relazione alle tematiche della conciliazione tra vita lavorativa, vita familiare e vita personale, sia in relazione alle fasce anagrafiche. Da questo punto di vista la rete della viabilità e dei trasporti, tra le altre complessità strutturali, dovrebbe prendere in considerazione alcune variabili legate al genere, che condizionano l effettiva possibilità di utilizzare coerentemente alle proprie esigenze i sistemi di mobilità presenti in Regione e cioè principalmente: delle diverse necessità logistiche di donne e uomini; delle diverse organizzazioni temporali della giornata tra donne e uomini; delle diverse tipologie e organizzazioni dei percorsi di donne e uomini; delle politiche per la mobilità, sulle quali ricadono aspetti

12 108 Le Istituzioni del Federalismo non secondari connessi alle problematiche della conciliazione, che si traducono nella necessità di programmare politiche dei trasporti e della mobilità in genere, utilizzando modelli flessibili e modulari, integrati tra loro, che permettano di ottimizzare la varietà della domanda con i costi connessi alla gestione della rete dei servizi. Obiettivi specifici 4.1. Contrastare i rischi di isolamento dei soggetti più poveri (donne sole con figli, anziane, ecc.) Sviluppare l attenzione alle diverse esigenze (di genere, degli anziani, di persone con ridotta autosufficienza) nella mobilità territoriale e nell uso dei trasporti Favorire la copertura territoriale e la prevedibilità temporale dei servizi Favorire le condizioni di sicurezza e di accessibilità per tutti. 5. Sviluppare la dimensione di genere nelle strategie per uno sviluppo socialmente sostenibile del territorio e della qualità dell ambiente RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 2.3. Migliori politiche di conciliazione tra lavoro e vita familiare per donne e uomini 3. Promuovere la pari partecipazione delle donne e degli uomini al processo decisionale Carta europea Art. 19. Alloggio Art. 24. Sviluppo sostenibile Art. 25. Pianificazione urbana e locale Art. 26. Mobilità e trasporti Art. 27. Sviluppo economico

13 Supplemento Art. 28. L ambiente DUP Ob. 7. Sviluppare l infrastruttura ambientale di supporto alla biodiversità, rafforzare la prevenzione e gestione dei rischi naturali, la difesa del suolo e della costa Ob. 8. Valorizzare e promuovere il patrimonio ambientale e culturale, al fine di accrescere la competitività ed attrattività del territorio regionale Ob. 9. Consolidare il processo teso a ridurre i divari di sviluppo tra le aree regionali Ob. 10. Promuovere la competitività, la qualità e l attrattività della rete delle città e dei sistemi urbani della Regione Le donne e gli uomini forniscono alla società un contributo attivo quali individui, lavoratori e cittadini: questa consapevolezza costituisce uno dei pilastri su cui si basa la costruzione di un modello di sviluppo sostenibile, che permette cioè alle donne e agli uomini di diventare artefici del proprio destino e di cambiare i loro ruoli tradizionali, di correggere l ineguale accesso e controllo delle risorse nonché di agevolare la partecipazione ai processi decisionali. Si tratta, in particolare, di considerare lo sviluppo e la crescita non soltanto in termini economici, ma di tenere in considerazione l equità sociale degli interventi e la trasparenza delle decisioni nei confronti delle cittadine e dei cittadini utenti. La promozione dell uguaglianza di genere è indicata come una delle condizioni essenziali per la sostenibilità ambientale dello sviluppo sia negli orientamenti europei sia nei documenti finali e negli obiettivi previsti dalle diverse conferenze mondiali dell ONU. È pertanto opportuno promuovere un processo di sviluppo sostenibile del territorio, rivisitato anche con una prospettiva di genere, in relazione principalmente: alla stabilizzazione socioeconomica e occupazionale, in un rapporto di equità tra presenza maschile e femminile, alla valorizzazione conservativa delle risorse produttive e

14 110 Le Istituzioni del Federalismo ambientali esistenti, ad esempio contrastando il degrado delle aree montane (ecosistemi montani), favorendo l inclusione e le pari opportunità; all accoglienza e al sostegno dei nuclei familiari nell ecosistema territoriale anche nella prospettiva di acquisizione di un tenore di vita socialmente ed economicamente sostenibile per donne e uomini; alla predisposizione di piani regolatori e di piani dei servizi, nonché di progetti urbanistici coerenti con questi obiettivi; allo sviluppo dell educazione ambientale e dell educazione al consumo; allo sviluppo di processi di partecipazione di cittadini e cittadine ai progetti per la qualità e la salute ambientale negli ambienti urbani, la corretta gestione dei rifiuti urbani e del servizio idrico. Per l affermazione del punto di vista di genere nelle politiche ambientali e di governo dell economia, tuttavia, è allo stesso tempo necessario che le donne stesse partecipino attivamente ai progetti locali di sviluppo sostenibile (le Agenda 21 locali). Un punto di riferimento in questo settore può essere considerato il documento Agenda delle donne per il 21esimo secolo approvato dal Vertice di Rio, che ha elaborato un punto di vista di genere sullo sviluppo sostenibile contribuendo all elaborazione del documento finale del vertice stesso. Obiettivi specifici 5.1. Favorire le condizioni di vita per tutti nelle zone rurali e montane, contrastando i rischi causati dalla carenza di servizi ed infrastrutture ed i rischi di emarginazione e perdita dei saperi di natura etnica e delle tradizioni locali per entrambi i generi Favorire le condizioni di sicurezza e di accessibilità per tutti degli spazi nelle città e nelle zone rurali e montane Favorire l accessibilità e la fruizione dei servizi pubblici (sociosanitari, culturali, sportivi, turistici, commerciali, ecc.) nelle città, nelle zone rurali e montane Contrastare i rischi di isolamento dei soggetti più poveri (donne sole con figli, anziane, ecc.).

15 Supplemento Sviluppare l attenzione alle diverse esigenze (di genere, degli anziani, di persone con ridotta autosufficienza) nella pianificazione territoriale Valorizzare il ruolo e l apporto delle donne all economia regionale. 6. Sviluppare la dimensione di genere nel settore sanitario con particolare attenzione alla prevenzione e a cure mediche di qualità RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 1.5. Riconoscere la dimensione di genere nel settore sanitario Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale Art. 14. La salute Art. 15. Assistenza e servizi sociali Art. 16. Assistenza all infanzia Art. 28. L ambiente DUP Ob. 6. Sostenere il percorso d innovazione qualificazione del welfare per migliorare la qualità della vita delle persone Considerare la dimensione di genere nel settore sanitario, riconoscendo la specificità fondata sulle differenze biologiche e socioeconomiche fra donna e uomo, significa assumere la consapevolezza che il genere è un fattore determinante ed essenziale per la salute. L O MS considera la salute non soltanto come assenza di malattia o infermità, ma come uno stato di benessere fisico,

16 112 Le Istituzioni del Federalismo psichico e relazionale, determinato da fattori biologici, ma anche dal contesto sociale, economico, ambientale e dalle scelte politiche attuate in ogni ambito. Ancora oggi, quando si parla di salute femminile la si associa in modo riduttivo alle sole differenze biologiche scandite dal ciclo vitale: salute riproduttiva, fertilità, gravidanza e menopausa. Diventa quindi necessario analizzare e valutare, partendo dalle statistiche di genere, le connessioni che esistono tra politiche della salute per le donne e altri fattori condizionanti di tipo culturale e socio-economico, relativi a condizioni di lavoro, lavoro non retribuito-domestico, di assistenza e cura, salute di genere, situazioni di disagio, stili di vita. La Commissione europea ha posto il tema della salute delle donne come una priorità anche per la nuova programmazione dei fondi strutturali. Come precedentemente sottolineato si rileva che anche nella nostra Regione mentre la speranza di vita è superiore per le donne rispetto agli uomini, la speranza di vita in buone condizioni di salute è invece inferiore a quella degli uomini. Altro tema rilevante, in considerazione anche dei significativi flussi immigratori femminili nella nostra Regione, riguarda la necessità di coniugare le politiche della salute rispetto alle specifiche necessità di questa parte di popolazione, ed in particolare rispetto alle problematiche della maternità, della prevenzione, della cura del neonato e del bambino, e parallelamente di sviluppare azioni mirate di orientamento e promozione della parità di accesso ai servizi. Obiettivi specifici 6.1. Promuovere interventi mirati alla prevenzione ed al contrasto delle patologie multicroniche delle anziane e delle forme di disabilità, in particolare motorie con relativa e progressiva perdita di autonomia Favorire l accessibilità e la fruizione dei servizi pubblici socio-sanitari in particolare delle immigrate, delle anziane ed in generale delle donne a rischio di esclusione e marginalità sociale.

17 Supplemento Sviluppare informazioni e reti sul territorio Sviluppare l educazione alla sicurezza alimentare Sviluppare una specificità d interventi nei confronti delle donne immigrate, per assicurare educazione sessuale e riproduttiva, combattere l HIV/AIDS e le mutilazioni genitali femminili. 7. Contrastare i fenomeni di povertà e marginalità sociale di genere, favorendo l inclusione RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 1.4. Parità tra donne e uomini nella protezione sociale e lotta contro la povertà 1.6. Combattere la discriminazione multipla, in particolare nei confronti delle donne migranti e appartenenti a minoranze etniche Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale Art. 10. Discriminazioni molteplici o ostacoli Art. 15. Assistenza e servizi sociali Art. 18. Inclusione sociale Art. 19. Alloggio DUP Ob. 2. Potenziare l investimento sul capitale umano attraverso l innalzamento delle competenze accompagnando tutti i cittadini verso più alti livelli di formazione nella prospettiva dell apprendimento lungo tutto l arco della vita, al fine di sostenere uno sviluppo adeguato e una duratura proiezione internazionale del sistema produttivo Ob. 6. Sostenere il percorso d innovazione qualificazione del welfare per migliorare la qualità della vita delle persone

18 114 Le Istituzioni del Federalismo La gamma degli eventi che espongono le donne alla povertà ed alla marginalità sociale è molto ampia: essere donne sole con figli a carico; essere anziane sole, essere donne che lavorano come coadiuvanti in imprese a conduzione familiare, ad esempio nelle campagne; essere donne appartenenti a minoranza etniche e migranti, caratterizzata da forme di discriminazione doppia o multipla basata sia sul genere sia sull origine, subire violenza psicologica, maltrattamenti e violenza fisica in famiglia, vessazioni nel lavoro, essere obbligata a prostituirsi, ridotta in schiavitù, privata dei diritti fondamentali della persona. In riferimento a questo obiettivo generale, per programmare adeguate politiche pubbliche atte ad affrontare il problema con efficacia, occorre tenere presente anche il sommerso. Per affrontare i problemi relativi alla marginalità si possono prevedere diverse linee di intervento che si possono rafforzare quali ad esempio: il sostegno di progetti personalizzati, attraverso azioni mirate che tengano conto delle singole situazioni; favorire lo sviluppo di quelle reti sociali, che già esistono e che di fatto costituiscono modalità efficaci per rispondere alle situazioni di disagio. Obiettivi specifici 7.1. Contrastare le difficoltà femminili a fare carriera ed i differenziali retributivi tra i due generi Contrastare la povertà femminile (donne sole con figli, immigrate, anziane, ecc.) Sviluppare interventi mirati per l inserimento lavorativo Sviluppare interventi mirati ad un invecchiamento attivo Contrastare le discriminazioni multiple (donne immigrate, rom, ecc.) Favorire le condizioni di vita per tutti nelle zone rurali e montane, contrastando i rischi causati dalla povertà e dall isolamento, dalla carenza di servizi ed infrastrutture Contrastare i rischi di emarginazione e perdita dei saperi di natura etnica e delle tradizioni locali per entrambi i generi Contrastare i rischi di isolamento dei soggetti più poveri (donne sole con figli, anziane, ecc.).

19 Supplemento Implementare servizi di cura ed aiuti alle famiglie con basso reddito, di immigrati e dei soggetti a rischio di esclusione (ad es. rom, ecc). 8. Garantire la sicurezza, contrastando ogni forma di abuso e violenza RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 4.1. Eradicazione della violenza fondata sul genere 4.2. Eliminazione della tratta di esseri umani Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale Art. 21. Sicurezza e protezione Art. 22. Abusi sessuali Art. 23. Tratta degli esseri umani DUP Ob. 6. Sostenere il percorso d innovazione qualificazione del welfare per migliorare la qualità della vita delle persone Il contrasto ad ogni forma di abuso e violenza nei confronti delle donne è uno degli obiettivi qualificanti del Piano integrato. È importante segnalare che gran parte dei maltrattamenti e degli abusi perpetrati all interno della famiglia non viene denunciata alle autorità giudiziarie o piuttosto viene denunciata come incidente domestico. Il fenomeno della violenza sulle donne è complesso: non si può scindere la violenza fisica da quella psicologica, sessuale, culturale o economica, perché tutte le molteplici forme che può assumere la condotta violenta e prevaricatrice sulla donna concorrono nel loro insieme a produrre conseguenze fisiche psicologiche e sociali.

20 116 Le Istituzioni del Federalismo Tra le diverse misure ed azioni, si possono segnalare e sviluppare: la promozione ed implementazione di iniziative di informazione e di sensibilizzazione su queste tematiche in primo luogo, ma non solo, nei confronti della popolazione scolastica del nostro territorio; l attivazione e il consolidamento di strumenti di monitoraggio per una rilevazione periodica dell andamento del fenomeno della violenza sulle donne, in collaborazione con gli Enti locali territoriali, e le realtà istituzionali e non della comunità locale; lo sviluppo di interventi di prevenzione sociale e culturale rispetto alle violenze e in particolare a quelle domestiche. Obiettivi specifici 8.1. Migliorare le conoscenze per contrastare la dimensione nascosta del fenomeno Favorire e qualificare i servizi socio-assistenziali e socio-educativi Accrescere la capacità a livello istituzionale e socio-assistenziale di leggere ed interpretare i contesti di vita e le situazioni a rischio Sviluppare interventi di prevenzione culturale e sociale rispetto alle violenze ed in particolare domestiche Sviluppare la diffusione di informazioni sul fenomeno, i servizi e le reti sul territorio. 9. Lotta agli stereotipi di genere RIFERIMENTI: Road Map e Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale Road Map 5.1. Eliminare gli stereotipi di genere nell istruzione, nella formazione e nella cultura 5.2. Eliminazione degli stereotipi di genere nel mercato del lavoro 5.3. Eliminazione degli stereotipi di genere nei mezzi di comunicazione

21 Supplemento Carta europea Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 5. Lavorare con i partners per promuovere la parità Art. 6. Neutralizzare gli stereotipi Art. 8. Impegno generale La lotta agli stereotipi di genere, obiettivo prioritario del Piano Integrato, può essere intesa come l azione di avversamento contro ogni forma di pregiudizio presente nella società, che favorisca il non riconoscimento di pari condizione e pari diritti a donne e uomini. In questo senso può essere inteso come un tema che deve essere innanzitutto connesso a quello dell educazione (v. obiettivo generale n. 2), ma va anche al di là di questa specifica attenzione. La lotta contro gli stereotipi di genere è un azione trasversale che al tempo stesso necessita di interventi specifici e settoriali relativi principalmente: alla divisione dei ruoli nell ambito delle famiglie con le immediate ricadute sulle politiche che si possono mettere in campo relativamente alla conciliazione; alle diverse opportunità formative, occupazionali e di carriera professionale ed alle differenze retributive; allo sviluppo di un ambiente che offra parità di opportunità e condizioni alle imprese governate da imprenditrici e da imprenditori. La lotta agli stereotipi di genere può essere quindi fatta all interno di ogni politica, che la Regione potrebbe programmare, come suo asset specifico ad accompagnamento delle azioni programmate, utilizzando le diverse forme di comunicazione disponibili, dalle campagne di promozione tradizionali, all utilizzo del portale Ermes e degli altri canali di comunicazione, che possono essere utilizzati anche in forme e con modalità innovative.

22 118 Le Istituzioni del Federalismo Obiettivi specifici 9.1. Promuovere la paternità consapevole e la condivisione della cura fra i due generi Favorire la presenza femminile nei percorsi formativi e professionali tecnico-scientifici e nei luoghi decisionali Favorire la presenza maschile nei ruoli e settori tradizionalmente femminili Sviluppare campagne di comunicazione mirate Sviluppare interventi educativi nelle scuole Promuovere il mutamento e lo scambio dei ruoli sociali tra i due generi. 10. Promozione della parità di genere nelle attività di cooperazione internazionale RIFERIMENTI: Road Map e Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale Road Map 6.1. Applicazione della legislazione dell UE nei paesi in via di adesione, nei paesi candidati e potenzialmente candidati 6.2. Promozione della parità tra i generi nella politica europea di buon vicinato nonché nelle politiche esterne e di sviluppo Carta europea Art. 30. Gemellaggi e cooperazione internazionale Il Consiglio dell Unione europea sottolinea che il raggiungimento di risultati sostenibili in materia di riduzione della povertà e di sviluppo è strettamente legato all emancipazione delle donne sul piano economico, sociale ed anche politico. Il perseguimento della parità di genere viene indicato come uno degli elementi fondamentali nella programmazione, nell attuazione, nel controllo e nella valutazione delle politiche di sviluppo dell UE. La Road Map include tra gli ambiti prioritari a favore della parità tra donne e uomini la promozione della parità tra i generi nella politica di buon vicinato (PEV) e nelle politiche esterne e di sviluppo. La Carta europea per l ugua-

23 Supplemento glianza e la parità delle donne e degli uomini nella vita locale impegna i firmatari per quanto riguarda le attività di gemellaggio e cooperazione europea ed internazionale a coinvolgere in maniera equa donne e uomini, a utilizzare le relazioni di gemellaggio e partenariato come piattaforma di scambio di esperienze e conoscenze sulle tematiche di parità delle donne e degli uomini ed a integrare la dimensione della parità tra i sessi nelle azioni di cooperazione decentrata. I principi e le linee d azione indicate a livello europeo impegnano la nostra Regione alla promozione della parità di genere nell ambito della cooperazione decentrata e segnatamente alla messa in opera di progetti di sostegno all empowerment delle donne promuovendone i diritti, la salute, l istruzione e favorendo la partecipazione delle donne alla vita economica e politica. Obiettivi specifici Sviluppare azioni di prevenzione e contrasto alla tratta, agli abusi e violenze Sviluppare azioni di formazione di risorse umane adeguate e competenti Sviluppare reti di sostegno e cooperazione economico-sociale. 11. Promuovere la parità tra i generi nella partecipazione alla vita politico-sociale ed ai livelli decisionali RIFERIMENTI: Road Map , Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale e Documento di politica regionale unitaria (DUP) Road Map 3.2. Le donne nel processo decisionale economico 3.3. Le donne nella scienza e nella tecnologia Carta europea Art. 1. Responsabilità democratica Art. 2. Rappresentanza politica Art. 3. Partecipazione alla vita politica e civile

24 120 Le Istituzioni del Federalismo Art. 4. L impegno pubblico per la parità Art. 8. Impegno generale DUP Ob. 1. Rafforzare l orientamento e l impegno del sistema regionale verso la ricerca e l innovazione, attraverso il sostegno ai processi di cambiamento in senso innovativo ed il rafforzamento della rete Ob. 2. Potenziare l investimento sul capitale umano attraverso l innalzamento delle competenze accompagnando tutti i cittadini verso più alti livelli di formazione nella prospettiva dell apprendimento lungo tutto l arco della vita, al fine di sostenere uno sviluppo adeguato e una duratura proiezione internazionale del sistema produttivo Ob. 6. Sostenere il percorso d innovazione qualificazione del welfare per migliorare la qualità della vita delle persone La Road Map indica tra le proprie priorità la promozione della pari partecipazione delle donne e degli uomini al processo decisionale, obiettivo che è stato anche riaffermato nell ambito della Carta europea per l uguaglianza e le parità delle donne e degli uomini nella vita locale. Il deficit democratico costituito dalla persistente sottorappresentazione delle donne nel processo decisionale politico implica la necessità di incoraggiare con maggior forza la cittadinanza attiva e la partecipazione delle donne alla vita politica. Per contribuire al miglioramento dello sviluppo economico e alla creazione di una realtà più produttiva e innovativa è opportuno promuovere una partecipazione più equilibrata delle donne e degli uomini al processo decisionale economico valorizzando ed incoraggiando ulteriormente il ruolo e l apporto delle donne all economia regionale. Incoraggiare la partecipazione delle donne alla scienza e alla tecnologia e promuovere il loro ruolo direttivo nell ambito del settore pubblico della ricerca può contribuire all aumento di innovazione e qualità della ricerca scientifica. Può essere utile ricordare le riflessioni del premio nobel per l economia Amartya Sen, il quale nel sottolineare l importanza della valorizzazione del ruolo attivo delle donne per lo sviluppo

25 Supplemento afferma: oggi verosimilmente nell economia politica dello sviluppo niente ha un importanza pari a quella di un riconoscimento adeguato della partecipazione e della funzione direttiva politica economica e sociale della donne. Si tratta di un aspetto davvero cruciale dello sviluppo come libertà ( 1 ). Obiettivi specifici Aumentare la presenza femminile nei percorsi formativi e professionali tecnico-scientifici Favorire l accesso delle donne ai luoghi delle decisioni Valorizzare il ruolo e l apporto femminile all economia regionale. (1) A. SEN, Development as freedom, 2000; trad. it. Lo sviluppo è libertà, Milano, Mondadori, 2000.

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 Approvato con Deliberazione n. 2282 del 29 dicembre 2007 pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 19 del 1 Febbraio

Dettagli

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014 DOCUMENTO Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: insieme contro la violenza sul lavoro Consigliere di parità dalla parte delle donne e del lavoro 25 Novembre 2014 Promuovere il lavoro

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

La violenza nei confronti delle donne

La violenza nei confronti delle donne Palmanova, 07 aprile 2015 Le molteplici forme della violenza: disparità e discriminazioni in ambito lavorativo Intervento di Chiara Cristini Referente per la pari opportunità La violenza nei confronti

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO FILIPPIDE ASD Benemerita riconosciuta dal CIP

ASSOCIAZIONE PROGETTO FILIPPIDE ASD Benemerita riconosciuta dal CIP RILEVAZIONI ALLA PREMESSA DELLA PROPOSTA DI LEGGE CONCERNENTE SISTEMA INTEGRATO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE LAZIO Dopo la legge regionale del 9 settembre 1996 n. 38, che anticipava

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI CASTELFIORENTINO CIRCOLO DIDATTICO CASTELFIORENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BACCI-RIDOLFI CASTELFIORENTINO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. ENRIQUES

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli