Assistenza sanitaria cittadini comunitari e extracomunitari in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assistenza sanitaria cittadini comunitari e extracomunitari in Italia"

Transcript

1 Assistenza sanitaria cittadini comunitari e extracomunitari in Italia Lunedì 14 maggio ore Aula G Ospedale di Rimini Martedì 29 maggio ore Sala Riunioni IV Piano - Ospedale Ceccarini di Riccione 1

2 PREMESSA Alcune precisazioni sulla terminologia La legislazione italiana utilizza i termini: - stranieri per indicare le persone che hanno la cittadinanza di un Paese non appartenente all Unione Europea e apolidi; - cittadini comunitari per indicare i cittadini non italiani appartenenti all Unione Europea. 2

3 e sugli acronimi SSN: Servizio Sanitario Nazionale TEAM: Tessera Europea Assicurazione Malattia Pds: Permesso di soggiorno PSE: Permesso di Soggiorno Elettronico STP: Stranieri Temporaneamente Presenti ENI: Europei non Iscritti UE: Unione Europea AIRE: Anagrafe Italiani Residenti all estero 3

4 PROGRAMMA 1. Accesso all assistenza sanitaria cittadini della U.E. e Paesi convenzionati 2. Accesso all assistenza sanitaria cittadini stranieri regolarmente o irregolarmente presenti sul territorio nazionale 3. Straniero che desidera curarsi in Italia 4. Casi particolari 4

5 Paesisanitaria dell Unione 1. Accesso all assistenza SSNEuropea cittadini della U.E. e - Austria (AT) - Belgio(BE) - Bulgaria(BU) Paesi convenzionati I cittadini provenienti dai Cipro(CY) - Danimarca(DK) - Estonia(EE) Francia(FR) - - Germania(DE) - Lettonia(LV) - Finlandia(FI) - Grecia(EL) - Italia (IT) - Lituania(LT) Bassi(NL) - Lussemburgo(LU) - Malta(MT) - Polonia(PL) Ceca(CZ) - Portogallo(PT) - Regno Unito(UK) - Rep. Slovacca(SK) - Rep.D Irlanda(EIRE)- Romania(RO) Slovenia(SI) - Spagna(ES) - Svezia (SE) - Paesi - Rep. - - Ungheria(HU) dallo Spazio Economico Europeo (Islanda(IS), Liechtenstein(LI) e Norvegia(NO)) e dalla Svizzera(CH), in temporaneo soggiorno in Italia(es. turismo) possono accedere direttamente alle prestazioni sanitarie, che si rendessero necessarie durante il temporaneo soggiorno, presentando la 5 Tessera Europea di Assicurazione Malattia(TEAM)

6 6

7 1. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini della U.E. e Paesi con convenzionati I cittadini provenienti dai Paesi i quali vigono convenzioni bilaterali - Argentina (RA-1) - Australia (MEDICARE) - Brasile (IB-2) - Capo Verde (CV 111) - Città del Vaticano - Croazia (HR 111) - Serbia, Montenegro, Bosnia (ex Yugloslavia) Macedonia 7) - Principato di Monaco - San Marino - Tunisia (OBR (MIC 8) (ISMAR 8) (ITN11) possono accedere direttamente alle prestazioni sanitarie, che si rendessero necessarie durante il temporaneo soggiorno, presentando l attestato del diritto 7

8 Per prestazioni in forma diretta si intendono le cure sanitarie necessarie fornite a titolo gratuito fatto salvo il pagamento del ticket se dovuto La norma nel suo complesso esclude dalla erogabilità tutte le prestazioni sanitarie sia pure necessarie ma che costituiscono lo scopo stesso del viaggio in Italia; per fruire di tali prestazioni permane la esigenza di preventiva autorizzazione da parte dell Istituzione estera competente notificata alla ASL mediante presentazione del Mod. E112/S2 Un principio guida potrebbe essere quello di considerare non necessarie e quindi non erogabili tutte le prestazioni sanitarie normalmente rinviabili senza il minimo rischio per l assicurato fino al rientro in patria dal soggiorno temporaneo programmato in Italia per motivi non sanitari. 8

9 Le donne hanno diritto ai controlli in gravidanza, al parto qualora non programmato(urgente, prematuro). Per l evento parto programmato è da richiedere il Mod. E112/S2. L interruzione di gravidanza è da considerarsi a totale carico dell assistita a meno che medicalmente necessaria (Nota Ministero della salute 3/08/2007) Se il cittadino comunitario non possiede la tessera europea di assicurazione malattia l Azienda USL, acquisite le generalità dell assistito e copia del suo documento di riconoscimento, può richiederla d ufficio allo stato estero 9

10 In mancanza della TEAM o di altro attestato, il cittadino comunitario è tenuto al pagamento, PER INTERO, delle tariffe relative a tutte le prestazioni ricevute, secondo le tariffe riportate nei nomenclatori regionali vigenti sia per i ricoveri che per le prestazioni specialistiche Il cittadino comunitario, ai sensi dell art. 34 del Reg. 574/72, potrà richiedere il rimborso delle somme corrisposte alla propria istituzione competente Nel caso venga esibita una assicurazione privata, avvertire l assistito di mettersi subito personalmente, in contatto con l assicurazione che dovrà inviare una dichiarazione di copertura dei costi alla struttura ricevente. In ogni caso avvertire l assistito, che in mancanza di presa in carico dei costi da parte dell assicurazione riceverà una fattura al proprio domicilio 10

11 Ai cittadini comunitari presenti sul territorio nazionale e privi di copertura sanitaria in quanto non iscrivibili al SSN e non assistiti dagli stati di provenienza (non aventi diritto alla team) sono assicurate le prestazioni indifferibili e urgenti, fra queste rientrano le prestazioni sanitarie relative alla tutela della salute dei minori ed alla tutela della maternità, fatto salvo il pagamento per intero delle tariffe relative a tutte le prestazioni ricevute. 11

12 CONVENZIONE ITALIA - SAN MARINO FORM ISMAR8 TEMPORANEO SOGGIORNO ASSISTITO ISCRITTO I.S.S. SM VALIDITA MASSIMA FORM. 6 MESI ATTIVAZIONE FORM. PRESSO UFFICIO CONVENZIONI ESTERE DISTRETTUALI (ALLEGATO 5) L ATTESTATO NON DA DIRITTO ALLA SCELTA DEL MM.MM.GG. E PLS ASSISTITO ISCRITTO SSN VALIDITA MASSIMA FORM. 3 MESI ATTIVAZIONE FORM. PRESSO UFFICIO PRESTAZIONI I.S.S. L ATTESTATO NON DA DIRITTO ALLA SCELTA DEL MM.MM.GG. E PLS LE PRESTAZIONI EROGABILI CON ISMAR 8 SONO SOLO QUELLE AVENTI CARATTERE DI URGENZA E IMPREVEDIBILITA CHE SORGONO DURANTE IL TEMPORANEO SOGGIORNO IN CASO DI NECESSITA L ATTESTATO I.SMAR 8 PUO ESSERE UTILIZZATO ANCHE PER PRESTAZIONI DI PS E DI RICOVERO NON PROGRAMMATO 12

13 CONVENZIONE ITALIA - SAN MARINO FORM ISMAR8BIS TRASFERIMENTO PER CURE AVENTI DIRITTO SONO GLI ASSISTITI ISCRITTI ALL ISS DI SM CHE SONO AUTORIZZATI A TRASFERIRSI C/O STRUTTURE SANITARIE PER CURE MEDICHE PROGRAMMATE NON ESEGUIBILI C/O L OSPEDALE DI STATO DI SM LE CURE DEVONO ESSERE PREVENTIVAMENTE CONCORDATE CON IL REPARTO OSPEDALIERO AL QUALE L ASSISTITO DEVE CONSEGNARE L ATTESTATO I.SMAR 8bis GLI OPERATORI SANITARI DEVONO TRATTENERE IL FORMULARIO E SUCCESSIVAMENTE TRASMETTERLO ALL UFFICIO STRANIERI DIREZ SAN. OSP. RIMINI O UFF. INTERPRETI - RICCIONE AVENTI DIRITTO SONO I CITTADINI ISCRITTI AL SSN CHE SONO AUTORIZZATI DAI C.R.R. AL TRASFERIMENTO PER CURE A SAN MARINO IL RICHIAMATO ATTESTATO I.SMAR 8/bis SOLITAMENTE NON VIENE EMESSO AGLI ASSISTITI ISCRITTI AL SSN IN QUANTO LE PRESTAZIONI SANITARIE PREVISTE DAI LEA SONO GARANTITTE SUL TERRITORIO NAZIONALE 13

14 CONVENZIONE ITALIA - SAN MARINO FORM ISMAR8BIS TRASFERIMENTO PER CURE IL RILASCIO DEL FORM. ISMAR /bis PER CURE PROGRAMMATE NON PUO ESSERE RICHIESTO IN PERIODI SUCCESSIVI AL TRATTAMENTO SANITARIO IL MOD. I.SMAR 8bis CONSENTE ALL UFF. MOBILITA INTERNAZIONALE DI PROCEDERE ALLA FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI ALL ISS DI SM 14

15 2. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini U.E. e stranieri I cittadini U.E. e stranieri in possesso dei requisiti e dei presupposti previsti dalla legge sono iscritti obbligatoriamente di diritto - al Servizio Sanitario Nazionale. L iscrizione obbligatoria è garantita ai soggiornanti per motivo di lavoro e ricongiungimento familiare e, in linea di massima, a coloro che sono soggetti al prelievo fiscale nonché a coloro che appartengono a categorie oggetto di protezione sociale 15

16 2. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini U.E. per soggiorni superiori ai 3 mesi NORMATIVA NAZIONALE DI RIFERIMENTO D.Lgs. n. 30 del 6/02/2007 recante attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell Unione europea e loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri. D.Lgs. n. 32 del 28/02/2008 Modifiche e integrazioni al decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30 Circolare Ministero Sanità del 3/08/2007 Circolari esplicative Ministero dell Interno 16

17 2. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini U.E. per soggiorni superiori ai 3 mesi Il cittadino dell Unione Europea che soggiorna sul territorio nazionale per un periodo superiore a tre mesi sarà iscritto obbligatoriamente al SSN nei seguenti casi: è un lavoratore subordinato o autonomo dello Stato; è familiare, anche non cittadino dell Unione, di un lavoratore subordinato o autonomo nello Stato; è familiare di cittadino italiano; è in possesso di una Attestazione di soggiorno permanente maturato dopo almeno 5 anni di residenza in Italia; è un disoccupato, già lavoratore autonomo o subordinato sul territorio nazionale, iscritto nelle liste di collocamento o iscritto ad un corso di formazione professionale; è titolare di uno dei seguenti formulari comunitari: E120, E121(o E33), dal 01/01/2013 Form. S1 17

18 2. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini U.E. per soggiorni superiori ai 3 mesi Sono considerati familiari: il coniuge; i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e i discendenti del coniuge; gli ascendenti diretti del cittadino comunitario e del coniuge purchè a carico. La direttiva considera familiare anche il partner che abbia contratto con il cittadino comunitario un'unione registrata sulla base della legislazione di uno Stato membro, qualora la legislazione dello Stato membro ospitante equipari l'unione registrata al matrimonio e nel rispetto delle condizioni previste dalla legislazione dello Stato membro ospitante. 18 Ai sensi della legislazione vigente in Italia la persona

19 2. Accesso all assistenza sanitaria cittadini STRANIERI REGOLARMENTE presenti sul territorio nazionale NORMATIVA NAZIONALE DI RIFERIMENTO D.Lgs. 25/07/1998, n. 286 Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero D.P.R. 31/08/1999, n.394 Regolamento recante norme d attuazione del Testo Unico Circolare Ministero Sanità n.5 del 24/03/2000 Indicazioni applicative del Decreto Legislativo 25/07/1998, n

20 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN Hanno diritto all iscrizione obbligatoria SSN gli stranieri regolarmente soggiornanti o che abbiano chiesto il rinnovo del titolo di soggiorno, per : lavoro subordinato anche stagionale; lavoro autonomo; motivi familiari, ad eccezione del genitore ultra65 per il quale è prevista l iscrizione volontaria o la stipula di un assicurazione privata; 20

21 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN richiesta d asilo politico e umanitario; asilo politico; asilo umanitario; Attesa adozione (in questo caso dal 2007 al minore non è rilasciato alcun permesso di soggiorno) e affidamento; Permesso per cure mediche rilasciato alle donne in stato di gravidanza (6 mesi prima la data del parto presunto) e per i 6 mesi successivi alla nascita del figlio 21

22 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN Per l iscrizione al SSN occorre rivolgersi al Distretto competente dell Azienda USL nel cui territorio il cittadino straniero ha la residenza anagrafica o, in mancanza della residenza anagrafica, di effettiva dimora come risulta sul Pds, presentando al documentazione attestante il diritto. 22

23 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN Durata dell iscrizione SSN : 1. Fino alla scadenza o revoca del permesso di soggiorno 2. Per il periodo intercorrente tra la scadenza e l ottenimento del rinnovo 3. Fino ad annullamento del pds per espulsione 4. Fino alla modifica del pds da cui consegua il venir meno dell obbligo di iscrizione 5. Per tutta la durata dell attività lavorativa per il lavoratore stagionale 23

24 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN La tessera magnetica, che viene inviata al domicilio degli iscritti SSN, NON sostituisce la tessera sanitaria cartacea, che deve sempre essere conservata e presentata in quanto riporta il nominativo del medico di famiglia o pediatra di libera scelta e la corretta durata dell assistenza sanitaria SSN. Sulla tessera magnetica la data fine assistenza SSN può non essere corretta. 24

25 2. Iscrizione volontaria al SSN Gli stranieri regolarmente soggiornanti non obbligatoriamente iscritti al S.S.N. sono tenuti ad assicurarsi contro il rischio di malattia, infortunio e per la maternità mediante la stipula di apposita polizza assicurativa privata ovvero mediante iscrizione volontaria al S.S.N., estesa anche ai familiari a carico. L iscrizione volontaria SSN può essere effettuata dai cittadini stranieri titolari di permesso di soggiorno con validità superiore a tre mesi 25

26 2. Iscrizione volontaria al SSN Hanno diritto di iscriversi volontariamente al SSn : Studenti Le persone collocate alla pari (anche per periodi inferiori a 3 mesi) I titolari di permesso di soggiorno per motivi religiosi I titolari di permesso di soggiorno per residenza elettiva I genitori ultra65 ricongiunti dopo il 5/11/2008 Altre categorie escluse dall iscrizione obbligatoria 26

27 2. Iscrizione volontaria al SSN Il contributo per l iscrizione volontaria è valido per l anno solare, dal 1 gennaio al 31 dicembre, non è frazionabile e non ha decorrenza retroattiva Il contributo si calcola sul reddito dichiarato secondo quanto previsto dal D.M. 8/10/86, in ogni caso non può essere inferiore a.387,37 Per studenti privi di redditi diversi da borse di studio o sussidi e persone collocate alla pari è previsto il pagamento di un contributo forfetario ridotto che però non è valido per i familiari a carico 27

28 Gli stranieri che soggiornano per un periodo di breve durata (inferiore a 3 mesi), per esempio per affari o per turismo, devono avere un assicurazione privata, o altrimenti pagare per intero tutte le cure e prestazioni eventualmente ricevute. Le tariffe applicate sono quelle riportate nei nomenclatori regionali vigenti sia per i ricoveri che per le prestazioni specialistiche. Queste persone non possono iscriversi al SSN 28

29 2. Cittadini dei Paesi balcanici titolari di passaporto biometrico Area Schengen La decisione del Consiglio dei Ministri dell Unione Europea del 20/12/2010 ha sancito l abolizione dei visti d ingresso di breve periodo (fino a 90 giorni nel semestre, ripetibili nel semestre successivo) nell Area Schengen nei confronti dei cittadini dell Albania e della Bosnia Erzegovina (dopo analoga decisione adottata nel 2009 in favore dei cittadini della Macedonia, Montenegro e Serbia). Tale decisione ha comportato notevoli problemi di carattere assistenziale ed economico per le Aziende Sanitarie italiane : in seguito a tale provvedimento non è più necessario il visto e per l ingresso nei paesi dell area Schengen (compresa l Italia) è sufficiente il nuovo passaporto biometrico sul quale viene apposto un timbro d entrata dall autorità di frontiera del Paese d ingresso, che ne attesta il regolare soggiorno per un periodo di 90 giorni anche non consecutivi nel semestre. 29

30 2. Cittadini dei Paesi balcanici titolari di passaporto biometrico Area Schengen Questa innovazione nel regime degli ingressi non ha assolutamente modificato la tutela sanitaria riservata a questi cittadini dall ordinamento sanitario italiano (come confermato dal Ministero della Salute con del 22/02/2011).Essi sono a tutti gli effetti dei turisti, di norma titolari di una polizza assicurativa privata, e comunque soggetti in ogni caso al pagamento integrale delle prestazioni sanitarie, Non è comunque possibile l emissione di codice STP, ai sensi dell art. 35, comma 3 D.Lgs 286/1998, in quanto trattasi di soggetti regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale e le nostre Aziende si sono attenute a tale principio. 30

31 2. Accesso all assistenza sanitaria cittadini stranieri IRREGOLARMENTE presenti sul territorio nazionale Ai cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale, non in regola con le norme relative all ingresso e al soggiorno, sono garantite nelle strutture pubbliche e private accreditate del SSN, le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o comunque essenziali, ancorché continuative, per malattia ed infortunio e gli interventi di medicina preventiva. In particolare: La tutela della gravidanza e della maternità; La tutela della saluta del minore; Le vaccinazioni; gli interventi di profilassi internazionale; La profilassi, la diagnosi e la cura delle malattie infettive. 31

32 2. Accesso all assistenza sanitaria cittadini stranieri IRREGOLARMENTE presenti sul territorio nazionale Per tutte le prestazioni erogate lo straniero irregolare deve pagare le tariffe per intero previste dai nomenclatori regionali vigenti sia per i ricoveri che per le prestazioni specialistiche. 32

33 2. Accesso all assistenza sanitaria cittadini stranieri IRREGOLARMENTE presenti sul territorio nazionale L articolo 35 del T.U., pur affermando che di norma non esiste il principio di gratuità delle prestazioni erogate dal SSN ai cittadini non iscritti, prevede nel comma 4, che le prestazioni siano erogate senza oneri a carico degli stranieri irregolarmente presenti qualora privi di risorse economiche sufficienti, fatte salve le quote di partecipazione alla spesa a parità di condizioni con il cittadino italiano. In questo caso allo straniero irregolare indigente viene assegnato il codice/tessera STP con validità semestrale eventualmente rinnovabile e riconosciuto su tutto il territorio nazionale 33

34 3. Stranieri che entrano in Italia per cure mediche A chi viene in Italia per essere curato viene rilasciato un permesso di soggiorno per cure mediche. Per ottenere il visto d ingresso per cure mediche occorre presentare all Ambasciata italiana o al Consolato territorialmente competente nel Paese di provenienza i seguenti documenti: Una dichiarazione della struttura prescelta, pubblica o privata convenzionata, dove sia indicato il tipo di cura e la durata approssimativa della cura; Attestazione del versamento presso la stessa struttura prescelta di una somma a titolo cauzionale pari al 30% del costo complessivo presumibile della prestazione richiesta; 34

35 3. Stranieri che entrano in Italia per cure mediche Documentazione che provi la disponibilità di risorse sufficienti per il pagamento totale delle spese sanitarie rimaste, di quelle di vitto, alloggio fuori dalla struttura sanitaria e rimpatrio per sé e per l eventuale accompagnatore; Certificazione sanitaria attestante la patologia. La certificazione rilasciata all estero deve essere corredata di traduzione in lingua italiana. 35

36 3. Stranieri trasferiti in Italia nell ambito di programmi di intervento umanitario delle regioni Le regioni, nell ambito della quota del Fondo sanitario nazionale ad esse destinata, autorizzano, d intesa con il Ministero della sanità, le unità sanitarie locali e le aziende ospedaliere ad erogare prestazioni di alta specializzazione, che rientrino nei programmi assistenziali approvati dalle regioni, a favore di: Cittadini provenienti da Paesi extracomunitari nei quali non esistono o non sono facilmente accessibili competenze medico-specialistiche per il trattamento di specifiche gravi patologie e non sono in vigore accordi di reciprocità relativi all assistenza sanitaria; 36

37 3. Stranieri trasferiti in Italia nell ambito di programmi di intervento umanitario delle regioni Cittadini di Paesi la cui particolare situazione contingente non rende attuabili, per ragioni politiche, militari o di altra natura di accordi in vigore per l erogazione dell assistenza sanitaria da parte del Servizio sanitario nazionale. Non sono iscritti al SSN e la regione rimborsa le spese ospedaliere autorizzate e rendicontate dall azienda 37

38 4. Casi particolari - ENI ENI, Europeo non iscritto codice ENI, è il codice assegnato ai comunitari bulgari e rumeni, per l accesso alle prestazioni sanitarie; il codice ENI è costituito da 16 caratteri: 3 per la sigla ENI; 3 per l identificazione della Regione; 3 per l identificazione della struttura che lo rilascia; 7 per il numero progressivo attribuito alla persona; Attraverso l attestato ENI, viene certificato dall ASL di domicilio dell assistito il diritto all assistenza e allo stesso tempo vengono identificate le prestazioni per consentire la gestione delle procedure relative alla rendicontazione delle spese sostenute da addebitare alle Casse Mutue estere. 38

39 4. Casi particolari - ENI Aventi diritti all attestato ENI : I cittadini comunitari bulgari e rumeni domiciliati da almeno 3 mesi in Italia, non assistiti dagli Stati di provenienza e privi dei requisiti per l iscrizione al SSN e in condizioni di indigenza Prestazioni erogabili : Le prestazioni indifferibili e urgenti erogate presso i Presidi ospedalieri dell ASL, tra queste si intendono incluse anche le prestazioni riguardanti : 39

40 4. Casi particolari - ENI Tutela della salute dei minori Tutela della maternità e dell IVG a parità di condizione con le donne iscritte al SSN Le campagne di vaccinazione Screening oncologici assistenza farmaceutica e prestazioni mediche erogate c/o l ambulatorio Extra-CEE del DCP di Rimini Rimangono escluse le prestazione dei M.M.G. e PLS 40

41 4. Casi particolari Esenzioni ticket La Circolare regionale n.10/09 Linee guida sull applicazione delle condizioni di esenzione dalla compartecipazione alla spesa sanitaria detta le seguenti condizioni : Esenzioni per patologia I cittadini assistiti in Italia attraverso le Convenzioni Bilaterali e Convenzione UE in materia di sicurezza sociale, hanno diritto alle sole esenzioni per patologia (D.M. 329/89), qualora certificate da specialisti di Strutture sanitarie pubbliche, ovviamente non verrà emessa alcuna tessera di esenzione in quanto non iscritti al SSN, ma dovrà essere certificata sulla ricetta rossa dal medico prescrittore il Codice di esenzione. 41

42 4 Casi particolari Esenzioni ticket Esenzioni per Reddito I soggetti aventi diritto all esenzione per motivi di reddito sono esclusivamente i cittadini italiani o stranieri iscritti regolarmente al SSN, per i quali sia possibile verificare quanto dichiarato sulle autocertificazioni, pertanto tutti gli assistiti provenienti da Paesi in Convenzione ( UE o Extra UE) in possesso di attestati del diritto (TEAM o similare), sono da considerarsi afferenti alla fascia più alta. I cittadini stranieri in possesso del tesserino STP qualora autocertifichino la loro condizione di indigenza, sono da considerarsi ricompresi nella fascia di reddito RE1 (Circolare Reg. ER 14/bis del 15/09/2011) 42

43 4. Casi particolari Assistenza sanitaria cittadini AIRE A.I.R.E = Anagrafe Italiani Residenti all Estero I cittadini che trasferiscono (o hanno trasferito) la residenza in uno stato con il quale non è in vigore alcuna convenzione con l Italia perdono il diritto all assistenza sanitaria, sia in Italia che all estero, all atto della cancellazione dall anagrafe comunale e dell iscrizione all AIRE, fatta eccezione per i lavoratori di diritto italiano in distacco. L iscrizione all AIRE non apre un diritto all assistenza sanitaria in Italia 43

44 4. Casi particolari Assistenza sanitaria cittadini AIRE Tuttavia, ai sensi del DM 1 febbraio 1996 ai cittadini con lo stato di emigrato ed ai titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani che rientrino temporaneamente in Italia, sono riconosciute, a titolo gratuito, le prestazioni ospedaliere urgenti per un periodo massimo di 90 giorni nell anno solare, qualora gli stessi non abbiano una copertura assicurativa, pubblica o privata, per le suddette prestazioni sanitarie. Per ottenere le prestazioni l interessato richiede l attestato al Distretto dell AUSL di dimora temporanea presentando documentazione del consolato competente o sottoscrivendo una autocertificazione 44

45 Assistenza sanitaria cittadini comunitari e extracomunitari in Italia Lunedì 14 maggio ore Aula G Ospedale di Rimini Martedì 29 maggio ore Sala Riunioni IV Piano - Ospedale Ceccarini di Riccione 1

46 PREMESSA Alcune precisazioni sulla terminologia La legislazione italiana utilizza i termini: - stranieri per indicare le persone che hanno la cittadinanza di un Paese non appartenente all Unione Europea e apolidi; - cittadini comunitari per indicare i cittadini non italiani appartenenti all Unione Europea. 2

47 e sugli acronimi SSN: Servizio Sanitario Nazionale TEAM: Tessera Europea Assicurazione Malattia Pds: Permesso di soggiorno PSE: Permesso di Soggiorno Elettronico STP: Stranieri Temporaneamente Presenti ENI: Europei non Iscritti UE: Unione Europea AIRE: Anagrafe Italiani Residenti all estero 3

48 4

49 5

50 6

51 7

52 Per prestazioni in forma diretta si intendono le cure sanitarie necessarie fornite a titolo gratuito fatto salvo il pagamento del ticket se dovuto La norma nel suo complesso esclude dalla erogabilità tutte le prestazioni sanitarie sia pure necessarie ma che costituiscono lo scopo stesso del viaggio in Italia; per fruire di tali prestazioni permane la esigenza di preventiva autorizzazione da parte dell Istituzione estera competente notificata alla ASL mediante presentazione del Mod. E112/S2 Un principio guida potrebbe essere quello di considerare non necessarie e quindi non erogabili tutte le prestazioni sanitarie normalmente rinviabili senza il minimo rischio per l assicurato fino al rientro in patria dal soggiorno temporaneo programmato in Italia per motivi non sanitari. 8

53 Le donne hanno diritto ai controlli in gravidanza, al parto qualora non programmato(urgente, prematuro). Per l evento parto programmato è da richiedere il Mod. E112/S2. L interruzione di gravidanza è da considerarsi a totale carico dell assistita a meno che medicalmente necessaria (Nota Ministero della salute 3/08/2007) Se il cittadino comunitario non possiede la tessera europea di assicurazione malattia l Azienda USL, acquisite le generalità dell assistito e copia del suo documento di riconoscimento, può richiederla d ufficio allo stato estero 9

54 10

55 11

56 CONVENZIONE ITALIA - SAN MARINO FORM ISMAR8 TEMPORANEO SOGGIORNO ASSISTITO ISCRITTO I.S.S. SM VALIDITA MASSIMA FORM. 6 MESI ATTIVAZIONE FORM. PRESSO UFFICIO CONVENZIONI ESTERE DISTRETTUALI (ALLEGATO 5) L ATTESTATO NON DA DIRITTO ALLA SCELTA DEL MM.MM.GG. E PLS ASSISTITO ISCRITTO SSN VALIDITA MASSIMA FORM. 3 MESI ATTIVAZIONE FORM. PRESSO UFFICIO PRESTAZIONI I.S.S. L ATTESTATO NON DA DIRITTO ALLA SCELTA DEL MM.MM.GG. E PLS LE PRESTAZIONI EROGABILI CON ISMAR 8 SONO SOLO QUELLE AVENTI CARATTERE DI URGENZA E IMPREVEDIBILITA CHE SORGONO DURANTE IL TEMPORANEO SOGGIORNO IN CASO DI NECESSITA L ATTESTATO I.SMAR 8 PUO ESSERE UTILIZZATO ANCHE PER PRESTAZIONI DI PS E DI RICOVERO NON PROGRAMMATO 12

57 CONVENZIONE ITALIA - SAN MARINO FORM ISMAR8BIS TRASFERIMENTO PER CURE AVENTI DIRITTO SONO GLI ASSISTITI ISCRITTI ALL ISS DI SM CHE SONO AUTORIZZATI A TRASFERIRSI C/O STRUTTURE SANITARIE PER CURE MEDICHE PROGRAMMATE NON ESEGUIBILI C/O L OSPEDALE DI STATO DI SM LE CURE DEVONO ESSERE PREVENTIVAMENTE CONCORDATE CON IL REPARTO OSPEDALIERO AL QUALE L ASSISTITO DEVE CONSEGNARE L ATTESTATO I.SMAR 8bis GLI OPERATORI SANITARI DEVONO TRATTENERE IL FORMULARIO E SUCCESSIVAMENTE TRASMETTERLO ALL UFFICIO STRANIERI DIREZ SAN. OSP. RIMINI O UFF. INTERPRETI - RICCIONE AVENTI DIRITTO SONO I CITTADINI ISCRITTI AL SSN CHE SONO AUTORIZZATI DAI C.R.R. AL TRASFERIMENTO PER CURE A SAN MARINO IL RICHIAMATO ATTESTATO I.SMAR 8/bis SOLITAMENTE NON VIENE EMESSO AGLI ASSISTITI ISCRITTI AL SSN IN QUANTO LE PRESTAZIONI SANITARIE PREVISTE DAI LEA SONO GARANTITTE SUL TERRITORIO NAZIONALE 13

58 CONVENZIONE ITALIA - SAN MARINO FORM ISMAR8BIS TRASFERIMENTO PER CURE IL RILASCIO DEL FORM. ISMAR /bis PER CURE PROGRAMMATE NON PUO ESSERE RICHIESTO IN PERIODI SUCCESSIVI AL TRATTAMENTO SANITARIO IL MOD. I.SMAR 8bis CONSENTE ALL UFF. MOBILITA INTERNAZIONALE DI PROCEDERE ALLA FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI ALL ISS DI SM 14

59 2. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini U.E. e stranieri I cittadini U.E. e stranieri in possesso dei requisiti e dei presupposti previsti dalla legge sono iscritti obbligatoriamente di diritto - al Servizio Sanitario Nazionale. L iscrizione obbligatoria è garantita ai soggiornanti per motivo di lavoro e ricongiungimento familiare e, in linea di massima, a coloro che sono soggetti al prelievo fiscale nonché a coloro che appartengono a categorie oggetto di protezione sociale 15

60 2. Accesso all assistenza sanitaria SSN cittadini U.E. per soggiorni superiori ai 3 mesi NORMATIVA NAZIONALE DI RIFERIMENTO D.Lgs. n. 30 del 6/02/2007 recante attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell Unione europea e loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri. D.Lgs. n. 32 del 28/02/2008 Modifiche e integrazioni al decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30 Circolare Ministero Sanità del 3/08/2007 Circolari esplicative Ministero dell Interno 16

61 17

62 18

63 2. Accesso all assistenza sanitaria cittadini STRANIERI REGOLARMENTE presenti sul territorio nazionale NORMATIVA NAZIONALE DI RIFERIMENTO D.Lgs. 25/07/1998, n. 286 Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero D.P.R. 31/08/1999, n.394 Regolamento recante norme d attuazione del Testo Unico Circolare Ministero Sanità n.5 del 24/03/2000 Indicazioni applicative del Decreto Legislativo 25/07/1998, n

64 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN Hanno diritto all iscrizione obbligatoria SSN gli stranieri regolarmente soggiornanti o che abbiano chiesto il rinnovo del titolo di soggiorno, per : lavoro subordinato anche stagionale; lavoro autonomo; motivi familiari, ad eccezione del genitore ultra65 per il quale è prevista l iscrizione volontaria o la stipula di un assicurazione privata; 20

65 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN richiesta d asilo politico e umanitario; asilo politico; asilo umanitario; Attesa adozione (in questo caso dal 2007 al minore non è rilasciato alcun permesso di soggiorno) e affidamento; Permesso per cure mediche rilasciato alle donne in stato di gravidanza (6 mesi prima la data del parto presunto) e per i 6 mesi successivi alla nascita del figlio 21

66 2. Stranieri obbligatoriamente iscritti al SSN Per l iscrizione al SSN occorre rivolgersi al Distretto competente dell Azienda USL nel cui territorio il cittadino straniero ha la residenza anagrafica o, in mancanza della residenza anagrafica, di effettiva dimora come risulta sul Pds, presentando al documentazione attestante il diritto. 22

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI REGIONE ABRUZZO AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013/2014 ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI A cura di: S. Di Marco, M. Di Paolantonio, G. Salvio 1 INDICE Obiettivi

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA Allegato A) ASSESSORATO ALLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

L accesso alle cure della persona straniera: indicazioni operative

L accesso alle cure della persona straniera: indicazioni operative Istituto Superiore di Sanità Ministero della Salute L accesso alle cure della persona straniera: indicazioni operative a cura di Anna Maria Luzi, Gaetano Mario Pasqualino, Lucia Pugliese, Matteo Schwarz,

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri 2 Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri Il presente documento 1 è stato predisposto dal progetto La Mobilità Internazionale del Lavoro in collaborazione con il

Dettagli

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI COMUNE DI BOLOGNA SETTORE COORDINAMENTO SERVIZI SOCIALI SERVIZIO GENITORIALITÀ ED INFANZIA 40122 Bologna Viale Vicini 20 tel. 051/203770 fax 051/203768 Bologna, 26.09.2003 I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI 2012 Frequently Asked Questions 1. Quando si può presentare la domanda di emersione? La dichiarazione di emersione potrà essere

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

Curare (non) è permesso

Curare (non) è permesso Curare (non) è permesso Indagine sull accesso alle cure per i cittadini stranieri irregolari negli ospedali milanesi A cura di Naga Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE Presentazione Facilitare l accesso ai servizi ai cittadini, sia residenti in Italia che all estero, rappresenta uno degli obiettivi fondamentali dell Amministrazione Pubblica. Esso è ispirato al principio

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE

LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE 1 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli